REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

2 INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure per la trasformazione del rapporto di lavoro 3 CAPO IV - Norme in tema di incompatibilità riferite al personale con rapporto di lavoro a tempo parziale non superiore al 50% 4 CAPO V - Norme in tema di incompatibilità riferite al personale con rapporto di lavoro a tempo parziale superiore al 50% ed al personale con rapporto di lavoro a tempo pieno 4 CAPO VI - Sanzioni 5 CAPO I - Disposizioni generali Art Presso l'università degli Studi di Trento il rapporto di lavoro a tempo parziale previsto dalla Legge n. 554, dal D.P.C.M n. 117, nonché dal contratto collettivo nazionale del comparto Università, dalla legge n. 662/96 e dalla legge n. 140/97, è disciplinato dal presente regolamento. 2. Per quanto non diversamente previsto, al rapporto di lavoro a tempo parziale è applicabile la normativa che regola il rapporto a tempo pieno, tenendo conto della ridotta durata della prestazione e della peculiarità del suo svolgimento. Art La disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale non si applica al personale con qualifica dirigenziale. Art I posti in organico, da destinare per ciascuna qualifica funzionale al lavoro a tempo parziale, sono determinati annualmente, con delibera della Giunta Esecutiva sulla base della dotazione organica complessiva rilevata al 31 dicembre di ogni anno, nella misura del 25 % della suddetta dotazione. 2. Tale contingente è reso noto a tutto il personale amministrativo e tecnico in servizio entro il 31 gennaio di ciascun anno. 3. La copertura dei posti del suddetto contingente, è riservata al personale di ruolo a tempo pieno che chiede la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale. CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa Art Le prestazioni di lavoro a tempo parziale possono essere articolate sulla base delle seguenti tipologie: - con articolazione della prestazione di servizio in misura ridotta in tutti i giorni lavorativi (tempo parziale orizzontale); - con articolazione della prestazione su alcuni giorni della settimana, del mese o di determinati periodi dell'anno (tempo parziale verticale); 2. Al fine di una puntuale erogazione dei servizi amministrativi e tecnici, la prestazione di lavoro a tempo parziale può essere realizzata anche nelle fasce orarie pomeridiane. 3. Le tipologie di part-time possono costituirsi di norma con durata della prestazione lavorativa pari a 1/3, 1/2, 2/3 e 5/6 dell orario normale (corrispondenti, su base settimanale, a 12, 18, 24 e 30 ore settimanali). Richieste di articolazioni di orario diverse saranno valutate discrezionalmente ed insindacabilmente dall Amministrazione, fermo restando che la durata della prestazione a tempo parziale e non può essere comunque inferiore al 30% di quella a tempo pieno, tenendo conto prioritariamente della compatibilità con le esigenze organizzative e delle finalità di efficienza ed economicità perseguite dall Amministrazione stessa. Art Il personale con rapporto di lavoro a tempo parziale non può fruire dei benefici che comportano, a qualsiasi titolo, riduzioni dell'orario di servizio, salvo quelle previste obbligatoriamente da disposizioni di legge, ne' effettuare prestazioni di lavoro straordinario. 2. Esclusivamente nei casi di rapporto a tempo parziale verticale sono ammesse, ove eccezionalmente necessarie, prestazioni di lavoro straordinario in eccedenza al normale orario di lavoro. 2

3 Art Il trattamento economico del personale con rapporto di lavoro a tempo parziale, è proporzionale alla prestazione lavorativa. 2. I dipendenti che effettuano l'orario di lavoro a tempo parziale orizzontale (orario ridotto in tutti i giorni lavorativi) usufruiscono di un numero di giorni di congedo ordinario pari a quello stabilito per i lavoratori a tempo pieno. Coloro che effettuano invece l'orario a tempo parziale verticale, hanno diritto ad un numero di giorni di congedo ordinario in proporzione alle giornate di lavoro prestate nell'anno. 3. Il trattamento di quiescenza e previdenza del rapporto di lavoro a tempo parziale è disciplinato dalle disposizioni dell'art. 8 della legge 554/88 e successive modificazioni ed integrazioni. CAPO III - Procedure per la trasformazione del rapporto di lavoro Art I dipendenti di ruolo con rapporto di lavoro a tempo pieno possono chiedere la trasformazione del rapporto a tempo parziale. Analogamente i dipendenti di ruolo con rapporto di lavoro a tempo parziale 30%, 50% e 70% possono chiedere la trasformazione del rapporto secondo una diversa percentuale di impegno orario in riduzione sempre a tempo parziale. Per le trasformazioni del rapporto da tempo parziale a tempo pieno si applicano le disposizioni di cui al successivo art. 8 del presente regolamento. 2. La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, o da tempo parziale a tempo parziale in riduzione con differente percentuale di impegno orario, avviene automaticamente entro sessanta giorni dalla domanda. 3. Nel caso in cui la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale comporti, in relazione alle mansioni e alla posizione organizzativa ricoperta dal dipendente, grave pregiudizio alla funzionalità della struttura, cui il dipendente afferisce, l'amministrazione può, con provvedimento motivato, differire la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale per un periodo non superiore a sei mesi. L Amministrazione può altresì, in relazione a specifiche situazioni ed esigenze organizzative, concordare, anche attraverso la stipulazione con il dipendente di apposito accordo, le modalità di svolgimento del rapporto a tempo parziale. 4. Ove il termine dei sessanta giorni, sopra indicato, decorra in assenza di espliciti atti dell Amministrazione, la trasformazione si produce automaticamente secondo le modalità che lo stesso dipendente aveva indicato nella propria domanda di trasformazione del rapporto. 5. Qualora l Amministrazione ritenga, ai sensi del precedente comma terzo, necessario differire la trasformazione del rapporto di impiego, ovvero in caso di superamento del limite di cui all art. 3, comma primo, del presente regolamento, è data, sempre compatibilmente con le esigenze organizzative, la precedenza ai familiari che assistono persone portatrici di handicap non inferiore al 70 per cento, malati di mente, anziani non autosufficienti nonché ai genitori di figli minori in relazione al loro numero. 6. L ordine di precedenza è stabilito secondo il seguente punteggio attribuito a ciascuna delle posizioni sopra richiamate: a) familiari che assistono persone portatrici di handicap non inferiore al 70 per cento, malati di mente, anziani non autosufficienti: PUNTI 10; b) per ogni figlio convivente in età prescolare e rispettivamente per due, tre o più figli: PUNTI ; Il punteggio viene raddoppiato nelle ipotesi di nucleo familiare in cui sia presente un solo genitore. c) per ogni figlio convivente frequentante la scuola dell'obbligo: PUNTI 3; In subordine, l Amministrazione potrà, altresì, tener conto dei sottoelencati criteri sulla base del punteggio assegnato a ciascuno dei seguenti titoli: d) dipendenti invalidi o portatori di handicap (secondo le norme sulle assunzioni obbligatorie) o soggetti a grave debilitazione psico-fisica: PUNTI 5; e) dipendenti che abbiano superato i 50 anni di età: f) dipendenti che abbiano compiuto 25 anni di servizio effettivo: g) dipendenti frequentanti l Università: h) dipendenti frequentanti la scuola secondaria superiore: 3

4 i) dipendenti che prestano attività di volontariato sociale: PUNTI La documentazione idonea a comprovare i titoli di cui sopra, deve essere presentata contestualmente alla domanda di trasformazione del rapporto di lavoro. 8. A parità di punteggio hanno preferenza i richiedenti con maggiore anzianità di servizio e a parità, con maggiore età. 9. Il Direttore Amministrativo comunica per iscritto, entro sessanta giorni dalla data di ricezione della domanda, le proprie determinazioni. Decorso detto termine la domanda si intende accolta. Art I dipendenti di ruolo con rapporto di lavoro a tempo parziale possono chiedere la trasformazione a tempo pieno del rapporto di lavoro dopo che siano trascorsi almeno due anni dalla precedente trasformazione. E fatta salva la diversa scadenza che dovesse essere prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro. 1 bis Per casi particolari di svantaggio personale e familiare, in deroga al periodo minimo di cui al comma precedente, il dipendente può chiedere la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno dopo che sia trascorso almeno un anno dalla precedente trasformazione. 2. La trasformazione del rapporto a tempo pieno avviene anche in sovrannumero, riassorbibile con le successive vacanze. CAPO IV - Norme in tema di incompatibilità riferite al personale con rapporto di lavoro a tempo parziale non superiore al 50% Art Le disposizioni di legge e di regolamento che vietano l'iscrizione in albi professionali, o l esercizio di una seconda attività lavorativa autonoma o di lavoro dipendente, non si applicano ai dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale, con prestazione lavorativa non superiore al 50 per cento di quella a tempo pieno. (le eccezioni sono elencate nel successivo art. 10, commi 1 e 2, del presente regolamento) Art La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale non consente al dipendente di svolgere un attività lavorativa di lavoro subordinato presso un'altra amministrazione pubblica. 2. La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale non consente al dipendente di svolgere un attività lavorativa di lavoro autonomo o subordinato che comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio svolta dallo stesso. 3. Il Direttore Amministrativo, entro 60 giorni dall inoltro a cura del dipendente della richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale accompagnata dall indicazione dell attività che lo stesso intende svolgere, comunica per iscritto le proprie determinazioni circa l eventuale conflitto di interessi tra questa e l attività di servizio svolta. 4. Qualora sussista conflitto di interessi il dipendente, pur conservando il diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale, non potrà esercitare l attività incompatibile e di ciò sarà fatta menzione, nella comunicazione di cui al precedente comma, affinché egli possa rinunciare alla richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro. 5. L eventuale rinuncia dovrà essere comunicata, dal dipendente all Amministrazione, entro i quindici giorni successivi alla comunicazione con la quale l Amministrazione segnala l incompatibilità. 6. Il dipendente che già presta servizio a tempo parziale è tenuto a comunicare all'amministrazione, con 15 giorni di anticipo rispetto all evento, l inizio o la variazione di un eventuale attività lavorativa autonoma o alle dipendenze di terzi. 7. Se nei 15 giorni dalla comunicazione l Amministrazione non solleva, attraverso una comunicazione per iscritto del Direttore Amministrativo, eccezioni circa l incompatibilità con la specifica attività di servizio del dipendente, questi è autorizzato ad intraprendere l attività indicata nella propria domanda. CAPO V - Norme in tema di incompatibilità riferite al personale con rapporto di lavoro a tempo parziale superiore al 50% ed al personale con rapporto di lavoro a tempo pieno Art I dipendenti con rapporto di lavoro a tempo pieno, ovvero a tempo parziale con prestazione lavorativa superiore al 50% di quella a tempo pieno, possono chiedere di svolgere un altra attività di lavoro, anche a titolo remunerativo, in base alle disposizioni stabilite dal presente articolo. 4

5 2. I dipendenti di cui al precedente comma, chiamati da altra amministrazione pubblica all espletamento di incarichi previsti dalla legge o, comunque, affidatari di incarichi da parte di amministrazioni pubbliche e di società od imprese controllate direttamente o indirettamente da enti pubblici (ad esempio: commissioni tributarie, consulenze tecniche, consigli di amministrazione, collegi sindacali, comitati di vigilanza, ecc.), sono autorizzati ad accettare, ovvero a continuare l incarico, con provvedimento del Direttore Amministrativo - ovvero del Rettore per quanto riguarda la persona del Direttore Amministrativo -, sentito il parere del Responsabile della Struttura di appartenenza, fermo restando, in ogni caso, l integrale assolvimento dei doveri d ufficio, con particolare riferimento al rispetto dell orario di servizio. Si applicano i commi 123 e 124 dell art. 1 L. 662/ I dipendenti di cui al primo comma che intendono svolgere, ovvero continuare a svolgere, attività a titolo anche oneroso che siano espressione di diritti della personalità costituzionalmente garantiti, quali la libertà di associazione e la manifestazione del pensiero (partecipazione ad associazioni, comitati, o altri organismi non aventi scopo di lucro che perseguano finalità culturali, educative, formative, sportive, religiose e politiche, convegni, pubblicistica, collaborazioni giornalistiche ecc.), sono autorizzati dal Direttore Amministrativo - ovvero dal Rettore per quanto riguarda la persona del Direttore Amministrativo, fermo restando, in ogni caso, l integrale assolvimento dei doveri d ufficio, con particolare riferimento al rispetto dell orario di servizio. Si prescinde dall autorizzazione, salvi gli obblighi di cui sopra, se tali attività sono svolte a titolo gratuito. 4. I dipendenti di cui al primo comma che intendono svolgere un attività diversa da quanto previsto ai precedenti commi, del presente articolo, a qualsiasi titolo remunerata e, comunque, non intercorrente con un amministrazione pubblica, sono autorizzati all espletamento dell attività medesima dal Direttore Amministrativo - ovvero dal Rettore per quanto riguarda la persona del Direttore Amministrativo - fermo restando, in ogni caso, l integrale assolvimento dei doveri d ufficio, con particolare riferimento al rispetto dell orario di servizio, esclusivamente a condizione che l attività venga svolta nel rispetto di tutte le prescrizioni di seguito indicate: a) non comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio svolta dal dipendente; b) non rechi, in relazione alle mansioni ed alla posizione organizzativa ricoperta dal dipendente, alcun pregiudizio alla funzionalità dell amministrazione universitaria; c) sia saltuaria ed occasionale o comporti un limitato impegno in termini temporali; d) non riguardi, fatte salve le deroghe consentite dalla legge, l esercizio di libere professioni; e) non riguardi l esercizio del commercio, dell industria e, in caso di attività agricola non rientri nelle ipotesi di cui agli artt. 12 L. 153/75 e 77, comma 1, L. Provincia Autonoma di Trento n. 39/76 che disciplinano l esercizio dell attività agricola a titolo principale; f) non si tratti comunque di attività di lavoro subordinato. 5. Le richieste di autorizzazione, specificanti il tipo di attività, la decorrenza di inizio e termine, il soggetto pubblico o privato a favore del quale si esplica l attività, la sede presso la quale l attività viene esercitata, le modalità di svolgimento della prestazione ed il corrispettivo percepito, inoltrate dal dipendente alla Ripartizione del personale, si intendono accolte qualora entro trenta giorni dalla presentazione non venga adottato un motivato provvedimento di diniego in considerazione della non rispondenza dell attività dichiarata alle prescrizioni di cui ai precedenti commi. 6. I dipendenti di cui al primo comma che intendono svolgere, ovvero continuare a svolgere, un attività di lavoro subordinato o autonomo, comportante prestazioni rese a titolo gratuito presso associazioni di volontariato o cooperative a carattere socio - assistenziale senza scopo di lucro, possono espletare tale attività senza bisogno di preventiva autorizzazione, fermo restando, in ogni caso, l integrale assolvimento dei doveri d ufficio, con particolare riferimento al rispetto dell orario di servizio. Vengono considerate a titolo gratuito le predette attività anche in presenza di eventuali compensi corrisposti a titolo di rimborso spese. CAPO VI - Sanzioni Art Costituiscono giusta causa di recesso del rapporto di lavoro le sotto elencate tipologie: a) lo svolgimento, da parte del personale a tempo pieno o con rapporto di lavoro a tempo parziale superiore al 50%, di attività di lavoro subordinato o autonomo - comprese le prestazioni occasionali di lavoro autonomo - incompatibili, nonché l iscrizione ad albi professionali quando questa non sia normativamente consentita. b) la mancata comunicazione, a cura del dipendente con rapporto di lavoro a tempo parziale - con prestazione lavorativa inferiore al 50% - nei confronti dell'amministrazione entro i quindici giorni precedenti l evento, dell'eventuale inizio o della variazione di un eventuale attività lavorativa autonoma o alle dipendenze di terzi; sono fatte salve le fattispecie, di cui all ultimo comma dell articolo 10 del presente regolamento, rispetto alle quali non sussiste obbligo alcuno di comunicazione. 5

6 c) le comunicazioni risultate non veritiere anche a seguito di accertamenti ispettivi disposti dall'amministrazione. 2. Le procedure per l'accertamento delle cause di recesso si svolgono in contraddittorio fra le parti. 3. Si applicano, per quanto compatibili, le norme che regolano il procedimento relativo al licenziamento con preavviso. 4. Rimangono ferme, comunque, le conseguenze, sul piano disciplinare, legate al mancato assolvimento dei doveri d ufficio, con particolare riferimento al rispetto dell orario di servizio. Art E istituito, presso l Università degli Studi di Trento, il Servizio Ispettivo per l assolvimento degli adempimenti di cui al comma 62 dell art.1 della citata legge 662/96. Con provvedimento del Direttore Amministrativo l affidamento dell incarico di Responsabile del Servizio verrà attribuito ad un dipendente con qualifica non inferiore all VIII. 6

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABA SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS PIAZZA PADRE G. VIALE 4 18012 BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME 1. OGGETTO Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI

DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI 26 DISCIPLINA CONCERNENTE LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI BERGAMO ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA EXTRA ISTITUZIONALI APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 534/I0038040 P.G. NELLA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE

C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI BACOLI (Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità

Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Regolamento per lo svolgimento di incarichi extraistituzionali e sulla disciplina delle incompatibilità Art. 1 - Oggetto ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni del presente regolamento disciplinano,

Dettagli

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO Regolamento part-time personale Comparto AUSL VT/2012 1/7 INDICE PREMESSA ART. 1 DEFINIZIONI ART. 2 TIPOLOGIE DI RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo

Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo Regolamento per il conferimento di incarichi retribuiti al personale tecnico ed amministrativo (Emanato con D.R. n. 1079 del 22 luglio 2004 pubblicato nel B.U. n. 52) Sommario Art. 1 - Finalità e ambito

Dettagli

1) ATTIVITA' OGGETTO DI DIVIETO ASSOLUTO

1) ATTIVITA' OGGETTO DI DIVIETO ASSOLUTO Regime delle incompatibilità e criteri per il rilascio delle autorizzazioni allo svolgimento di attività estranee al rapporto di lavoro (allegato alla delibera n. 145/1998). In virtù delle norme introdotte

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce REGOLAMENTO IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI A FAVORE DI ALTRI SOGGETTI Approvato con deliberazione

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ EXTRA-ISTITUZIONALI SENATO ACCADEMICO 25 gennaio 2016 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 29 gennaio 2016 DECRETO RETTORALE

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (D.R. N. 302 DEL 29.7.2015) CAPO I AMBITO

Dettagli

Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E D E C R E T A :

Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E D E C R E T A : Reg. 80 Bis n 460 I L R E T T O R E RICHIAMATO lo Statuto ed il Regolamento di Ateneo; RICHIAMATA la delibera n 491/29121 assunta dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 20.07.2011 con la quale

Dettagli

PART TIME A.S. 2010-2011

PART TIME A.S. 2010-2011 PART TIME A.S. 2010-2011 Part-time 2 Marzo 2010 Il rapporto di lavoro a tempo parziale La domanda Il 15 marzo 2010 scade il termine per la presentazione della domanda di trasformazione del rapporto di

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Pagina 1 di 15 REGOLAMENTO DEI RAPPORTI DI LAVORO PART-TIME Art. 1 Definizione 1. Per rapporto di lavoro a tempo parziale

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009

REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009 REGOLAMENTO SUL REGIME DELLE INCOMPATIBILITA DEL PERSONALE DIPENDENTE Deliberazione n. 582 del 21.12.2009 PREMESSA 1. L'art. 53 decreto legislativo n. 165/2001 e succ. mod. ed int., nel richiamare il disposto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 3529,1&,$',3$'29$ 1250( 3(5/2692/*,0(172 ',,1&$5,&+, (;75$,67,78=,21$/, '$3$57('(,',3(1'(17, '(//$3529,1&,$ $SSURYDWRFRQ'*3LQGDWDQUHJHPRGLILFDWRFRQ'*3GHO QUHJ , 1 ', &

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI Sommario 1. Finalità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL'8 GIUGNO 2000 DELL'AREA DELLA DIRIGENZA DEI RUOLI SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DEL SSN A seguito del parere favorevole

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860. CIRCOLARE INTERNA N. P010 (Docenti)

ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860. CIRCOLARE INTERNA N. P010 (Docenti) ISTITUTO TECNICO STATALE P. CUPPARI - JESI fondato nel 1860 SETTORE ECONOMICO: AMMINISTRAZIONE, FINANZA, MARKETING TURISMO SETTORE TECNOLOGICO: COSTRUZIONI, AMBIENTE, TERRITORIO CIRCOLARE INTERNA N. P010

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE GLI INCARICHI ESTERNI ALL ATENEO PER I PROFESSORI E I RICERCATORI (emanato con D.R. n. 815 del 3/12/2013) INDICE CAPO I FINALITA E DISPOSIZIONI COMUNI Art. 1 - Finalità e ambito

Dettagli

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE \ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA Programma Speciale Organizzazione e Sviluppo Risorsa Umana U.O. Relazioni Sindacali AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO Nuovo regime delle incompatibilità dei professori e dei ricercatori universitari a tempo pieno e limiti all esercizio dell attività libero

Dettagli

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO Art. 1 OGGETTO DELLE SEGUENTI DISPOSIZIONI Negli articoli seguenti vengono disciplinate le modalità

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER PERIODI DI LAVORO ALL ESTERO QUESITO (posto in data 14 agosto 2013 ) Sono un medico specialista in chirurgia con un rapporto a tempo indeterminato. Sarei interessato ad andare

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Articolo 4 Attività compatibili e non soggette ad autorizzazione

Articolo 4 Attività compatibili e non soggette ad autorizzazione REGOLAMENTO Regime delle incompatibilità dei professori e dei ricercatori universitari a tempo pieno e limiti all esercizio delle attività libero professionali per i professori e i ricercatori a tempo

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DIVISIONE PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA POSSIBILITA DI SVOLGERE ATTIVITA RETRIBUITE NON COMPRESE NEI COMPITI E DOVERI DI UFFICIO PER IL PROPRIO PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME COMUNE DI OSTUNI (Provincia di Brindisi) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME approvato con deliberazione di G.C. n. 347 del 20.l 0.2003 come modificato con le deliberazioni di G.C. n. 61del28.10.2004

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PRESTAZIONI RETRIBUITE DA AZIENDE FARMACEUTICHE QUESITO (posto in data 15 dicembre 2014) Un medico in intramoenia che esegue prestazioni di risposta a quiz sottoposti da case farmaceutiche che

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER LIBERA PROFESSIONE IN STRUTTURA ACCREDITATA QUESITI (posti in data 23 giugno 2014) Sono un medico ospedaliero con più di 25 anni di servizio. Vorrei presentare domanda di aspettativa

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG

OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER UNA COLLABORAZIONE CON UNA ONG QUESITO (posto in data 9 luglio 2013) Sono medico ospedaliero, assunta a tempo indeterminato dal 2004 presso una ASL toscana.. Sarei interessata

Dettagli

ALLEGATO 1 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012

ALLEGATO 1 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012 alla delibera di Giunta n. 191 del 16.10.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI DA PARTE DEI DIPENDENTI DELLA CCIAA DI TREVISO INDICE Art. 1 Finalità pag. 2 Art. 2 - Incarichi

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE INCARICHI RETRIBUITI AL PERSONALE DIRIGENTE E TECNICO-AMMINISTRATIVO DEL POLITECNICO DI MILANO

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE INCARICHI RETRIBUITI AL PERSONALE DIRIGENTE E TECNICO-AMMINISTRATIVO DEL POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 1025 Prot. n. 9190 Data 28 marzo 2014 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.P.R. 10.01.1957, n. 3 Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO

CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO CITTA DI ALESSANDRIA Segreteria Generale REGOLAMENTO SULLE INCOMPATIBILITA E SERVIZIO ISPETTIVO Approvato con deliberazione G.C. n. 64 del 6 Marzo 2014 1 INDICE TITOLO I Disciplina delle incompatibilità

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI

COMUNE DI ROVIGO DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI COMUNE DI ROVIGO DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRA - UFFICIO. (Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 20 del 21 gennaio

Dettagli

r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1)

r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1) LGBZ Current Ed. NORMATIVA PROVINCIALE XXIII - Uffici provinciali e personale E - Contratti collettivi p. 1/6 r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1) Contratto collettivo intercompartimentale per

Dettagli

Oggetto: Rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale della scuola a.s. 2015/2016.

Oggetto: Rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale della scuola a.s. 2015/2016. LICEO STATALE A.PIGAFETTA Classico, Linguistico e Musicale Via P. Cordenons, 1 36100 VICENZA - Tel. 0444/543884 Fax 0444/326027 Cod. Fiscale 80015090246 e-mail: vipc010004@istruzione.it - sito: www.liceopigafetta.it

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011

Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 CONSERVATORIO DI MUSICA NICCOLO PICCINNI Prot. 4002 Bari, 14 marzo 2011 Ai Sigg. Docenti Albo Sede Oggetto: Attività artistica esterna e incarichi presso altre Istituzioni pubbliche e/o soggetti privati.

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E DEGLI ALLOGGI DI SERVIZIO Articolo 1 (Definizioni) 1. Si definisce Custode il dipendente nominato con provvedimento del Dirigente del Personale e incaricato di prestare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE. Regolamento delle incompatibilità, cumulo di impieghi ed incarichi al personale dipendente

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE. Regolamento delle incompatibilità, cumulo di impieghi ed incarichi al personale dipendente COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE Regolamento delle incompatibilità, cumulo di impieghi ed incarichi al personale dipendente Ai sensi dell art. 53, comma 3bis, del D.Lgs. 165/2001 Approvato con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE

PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROTOCOLLO DISCIPLINARE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO COMUNALE 1 COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROTOCOLLO PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZIO CIVICO

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso Allegato C alla Delib.G.R. n. 34/30 del 18.10.2010 SCHEDA SOCIALE (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile;

Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile; Regolamento per l'assunzione di personale a tempo determinato e per l attivazione di collaborazioni coordinate e continuative e di prestazioni professionali nell ambito del Progetto coordinato Catania

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO INDICE Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi e Criteri

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE AL COMUNE DI POMEZIA SETTORE X POLITICHE SOCIALI P.ZA SAN BENEDETTO DA NORCIA, 25 00040 - POMEZIA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO EDUCATIVO 2016-2017 ( Da presentare entro e non oltre

Dettagli

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente Regolamento ha come oggetto l istituzione, nel territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI AL PERSONALE DIPENDENTE E DIRIGENTE E SEGRETARIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI AL PERSONALE DIPENDENTE E DIRIGENTE E SEGRETARIO COMUNALE COMUNE DI GIOIOSA JONICA 89042 - Provincia di Reggio Calabria - Partita IVA 00288960800 - (0964) 51536 - Fax (0964) 410520 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI INCARICHI ESTERNI AL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

Comunicato n. 253 Montecchio Maggiore, 20.02.2015 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E ATA A TEMPO INDETERMINATO

Comunicato n. 253 Montecchio Maggiore, 20.02.2015 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E ATA A TEMPO INDETERMINATO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO MONTECCHIO MAGGIORE - VICENZA Tel. 0444/694721 - Fax 0444/1830935 C.F. 90009240244 Cod. Mecc. VIIS007002 www.iismontecchio.it - e-mail info@iismontecchio.it

Dettagli

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2).

Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato (2). L. 15-7-2002 n. 145 Disposizioni per il riordino della dirigenza statale e per favorire lo scambio di esperienze e l'interazione tra pubblico e privato. Pubblicata nella Gazz. Uff. 24 luglio 2002, n. 172.

Dettagli

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ED IL CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE DI INCARICHI NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ED IL CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE DI INCARICHI NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ED IL CONFERIMENTO AL PERSONALE DIPENDENTE DI INCARICHI NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO Art. 1 Principi generali Ai sensi dell art. 53 del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO AL DSGA AL SITO WEB DELL'ISTITUTO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO AL DSGA AL SITO WEB DELL'ISTITUTO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E PER I SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA CESARE MUSATTI 30031 Dolo (VE) Via Rinascita, 3 tel 041410900 fax 041412863 verh03000v@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI E ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI E ISTITUZIONALI ao_re Delibera 2014/0000017 del 30/01/2014 Pagina 62 di 137 ao_re Delibera 2014/0000015 del 29/01/2014 Pagina 4 di 11 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda

Comune di Desenzano del Garda Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ DI BENI IMMOBILI AD ENTI, ASSOCIAZIONI OD ALTRI ORGANISMI PRIVATI Approvato con

Dettagli

CIRCOLARE N. 31 DEL 19/11/2015

CIRCOLARE N. 31 DEL 19/11/2015 CIRCOLARE N. 31 DEL 19/11/2015 A tutto il personale docente A tutto il personale ATA Al DSGA sedi Oggetto: incompatibilità e libera professione Si ricorda al personale dipendente iscritto ad albi professionali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli