LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI Via del Mezzetta, FIRENZE Tel. 055/ Fax 055/ Cod. Fisc sito internet ANNO SCOLASTICO 2013/14 Indirizzo 1 P.N.I. Classe 5 sez. B DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE FIRENZE, li 15/05/2014 f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Marco Paterni 1 Se l indirizzo è sperimentale specificarne la corrispondenza 1

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE LANINI MARGHERITA PAOLI DONATELLO PARASPORO LEONE ANTONIO PAPALE MARIA VINCENZA BALDINI ROSSELLA CATANI MARTA MORANDI STEFANO BECIA FABRIZIA GIULIANI MARIA LUCE KONIG MARTINVALDO MATERIA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA SCIENZE STORIA E FILOSOFIA LINGUA E LETTERATURA INGLESE LINGUA E LETTERATURA LATINA MATEMATICA E FISICA DISEGNO E STORIA DELL ARTE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE ALTERNATIVA 2

3 GLI ALUNNI - N - NOMINATIVO BALDI LORENZO BARONI GIULIA BIAGIONI DILETTA CAPEZZUOLI CLAUDIA CASARETTI ALESSANDRO CECCHI MICHELE CIAMPI DAVID CIAMPI GIOVANNI CINQUILLI COSIMO CUADRA FRANCESCO DI ROSA IRENE DIKU FITNET FANTECHI EDOARDO FARAHVACHI PARHAM GIOVACCHINI JACOPO GUERRINI LORENZO LISCIO MATTEO MANNELLI FOLCO MARUNTI ELIO MIGLIORINI GIULIANO MORIANI MATTEO PINI GALILEO ROSSI RUGGERO 3

4 DATI ANALITICI E ANDAMENTO DIDATTICO-DISCIPLINARE NEL TRIENNIO 1. Composizione della classe: la classe, composta all inizio del triennio da 26 alunni, attualmente è costituita da 23 alunni, secondo la seguente evoluzione: classe provenienti dalla classe precedente inseriti ritirati non promossi alla classe successiva promossi alla classe successiva Continuità del corpo docente nel triennio: La classe ha subito, nell arco dei tre anni, vari avvicendamenti di insegnanti: nella terza Fisica e Scienze, nella quarta Fisica e Matematica, nella quinta Fisica, Matematica, Latino e Italiano. Da rilevare che, nonostante si siano succeduti numerosissimi insegnanti di Matematica e Fisica nel corso di tutti e cinque gli anni, la classe ha raggiunto buoni livelli in tali discipline con punte di eccellenza. 3. Profilo didattico della classe e sua evoluzione nel triennio: La classe, grazie al dialogo educativo, che è sempre stato costante, nonostante l avvicendamento di alcuni insegnanti, ha seguito un iter educativo didattico che le ha permesso di raggiungere risultati positivi e che le ha assicurato un percorso di crescita in estensione e profondità dei contenuti delle singole discipline. La maggior parte degli studenti ha acquisito un metodo di lavoro efficace. All interno della classe si sono evidenziate personalità dotate di volontà e determinazione, finalizzate ad un lavoro serio e puntuale, rielaborato criticamente. Pochi sono coloro che si attestano solo sulla sufficienza. 4. Livelli di preparazione degli alunni: Tutti gli alunni hanno raggiunto una preparazione soddisfacente tranne un paio di casi più fragili. Da sottolineare il fatto che un congruo numero di studenti ha ottenuto risultati molto positivi in tutte le materie, in alcuni casi di eccellenza. 5. Livello di partecipazione alle attività e sua evoluzione e profilo della classe in base al comportamento: L atteggiamento della classe è stato sempre serio e motivato, ha partecipato con attenzione e interesse a tutte le attività proposte nel corso del triennio. 6. Recupero e tutoraggio svolti nel triennio: Si sono attivati corsi di recupero per la matematica sia in terza che in quarta e anche di latino in terza; tutoraggi in scienze e fisica al terzo e quarto anno e in matematica al quinto. 4

5 OBIETTIVI DEL TRIENNIO A) OBIETTIVI DIDATTICI : Acquisizione sistematica degli impianti disciplinari curriculare; Acquisizione delle abilità relative alla capacità di rielaborare e approfondire le tematiche culturali afferenti le varie discipline; Capacità di cogliere i nessi all interno della singola disciplina; Acquisizione dei linguaggi specifici. B) OBIETTIVI FORMATIVI: Acquisizione stabile di atteggiamenti mentali rispettosi della legalità, della convivenza pacifica, della tolleranza Capacità di saper promuovere e organizzare iniziative atte a migliorare la qualità della vita Acquisizione stabile della capacità di saper rispettare le regole del vivere civile e della vita scolastica Atteggiamento stabilmente democratico anche nella scelta dei canali più idonei al fine di tutelare i legittimi diritti ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE SVOLTE NEL TRIENNIO E RISULTATI OTTENUTI Viaggio d Istruzione sulla Costa Amalfitana Visita a Palazzo Strozzi nella mostra Denaro e Bellezza Progetto Lauree Scientifiche: attività di una settimana nel laboratorio di Fisica del Polo Scientifico Universitario di Firenze (per alcuni studenti) Progetto benessere: prevenzione al fumo in terza, pronto soccorso e primo intervento in quarta, il valore sociale del corpo e sensibilizzazione al volontariato in quinta Partecipazione al Progetto FAI: museo Marino Marini Scambio Italia- USA a Boston località Newton (nove studenti) Certificazioni linguistiche Visita alla Ducati ed al Laboratorio Didattico Viaggio d istruzione al Cern di Ginevra e visita della città, al Palazzo delle Nazioni Unite e al Museo della Croce Rossa Visita al Planetario Visita al Gabinetto di Fisica attività Dalla Pila al Telegrafo Corso di approfondimento di chimica organica rivolto alle classi quinte Partecipazione a Gare Sportive Studentesche Progetto Improvvisazione teatrale (alcuni studenti) 5

6 Gli studenti hanno partecipato con interesse e responsabilità a tutte le iniziative proposte dalla scuola. 6

7 VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI RISULTATI RAGGIUNTI NELLE VARIE MATERIE IN RELAZIONE AI PIANI DI LAVORO ANNUALI In tutte le discipline il piano di lavoro è stato sostanzialmente rispettato. USO DEL LABORATORIO DI FISICA Dimostrazioni descrittive Esercitazioni individuali Esercitazioni in gruppi Attività di ricerca guidata X X USO DEL LABORATORIO DI SCIENZE / CHIMICA Dimostrazioni ex-cathedra Esercitazioni individuali Esercitazioni in gruppi Attività di ricerca guidata X X X METODI UTILIZZATI PER LA VERIFICA DELL APPRENDIMENTO Interrogazioni orali Prove scritte. (temi,esercizi,questionari,problemi,comprensioni) Test a scelta multipla Test a risposta breve Relazioni individuali di laboratorio Analisi del testo Spesso Qualche volta Mai X X X X X X 7

8 SIMULAZIONI DI 3 A PROVA Sono state somministrate due simulazioni di terza prova: Data Tipologia Caratteristiche Discipline Durata (ore) 12/12/13 B 5 materie, 2 domande a Inglese, Latino, Fisica, materia Filosofia, Scienze 2 h 30 min 23/04/14 B 5 materie, 2 domande a Inglese, Storia dell Arte, materia Fisica, Storia, Scienze 2 h 30 min CRITERI VALUTAZIONE A) AMMISSIONE ALL ESAME L ammissione all esame sarà conforme alla normativa vigente. I criteri dell attribuzione del voto di comportamento sono indicati nel P.O.F. a.s. 2013/14. B) CRITERI VALUTAZIONE DEGLI ELABORATI : Pertinenza Correttezza Ordine logico Completezza Uso del linguaggio specifico 8

9 C) GRIGLIE DI VALUTAZIONE Le prove scritte e le simulazioni sono state corrette secondo la seguente griglia: CRITERI VALUTAZIONE GIUDIZIO Prove scritte Voto in decimi Simulazione terza prova voto in quindicesimi Eccellente Ottimo 9 14 Buono 8 13 Discreto 7 12 Più che sufficiente 6,5 11 Sufficiente 6 10 Non del tutto sufficiente 5,5 9 Insufficiente 5 8 Decisamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficienza gravissima 4, Caratteristiche descrizione Argomenti e/o risposte puntuali, sintetiche e ben articolate, proprietà di linguaggio; capacità di giudizi critici personali, collegamenti interdisciplinari Argomenti e/o risposte puntuali ed articolate, proprietà di linguaggio; capacità di elaborazione critica personale o collegamenti interdisciplinari (ove richiesto) Argomenti e/o risposte precise e complete; proprietà di linguaggio Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette; linguaggio appropriato. Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette; linguaggio semplice. Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette nel loro complesso; linguaggio semplice pur se con qualche errore non significativo Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette nel loro complesso; linguaggio non sempre adeguato Argomentazioni e/o risposte pertinenti ma non complete o non precise; linguaggio poco adeguato Argomentazioni e/o risposte non sempre pertinenti e/o non complete e non precise; linguaggio poco adeguato Argomentazioni e/o risposte non pertinenti o incomplete Argomentazioni e/o risposte frammentarie e scorrette, incoerenza, numerosi errori nel linguaggio specifico Negativo 1 1 Mancanza di argomentazioni e/o risposte 9

10 D) CRITERI VALUTAZIONE PROVE ORALI: Conoscenza dell argomento Correttezza e fluidità espositiva Capacità di effettuare collegamenti Rielaborazione critica 10

11 RELAZIONE FINALE A.S Prof. MARGHERITA LANINI Docente di Italiano nella classe 5B OSSERVAZIONI SULLA CLASSE Conosco gli allievi di questa classe solo da questo anno, ma da subito è stato possibile raggiungere un buon livello di interazione reciproca. Gli studenti si sono dimostrati, sin dall inizio, attenti, interessati, volenterosi, desiderosi di superare le difficoltà conseguenti al cambiamento dell insegnante. Si è creato un buon rapporto improntato ad un confronto aperto ed al dialogo. Sotto il profilo valutativo, la classe si presenta variegata; accanto ad ottimi elementi che raggiungono una preparazione più che buona, vi sono altri allievi che si attestano su un livello buono e altri su un livello discreto. Tutti comunque hanno conseguito risultati di ampia sufficienza. 2 livelli di partenza La classe presentava una discreta padronanza delle nozioni essenziali relative ai periodi letterari precedenti, una discreta padronanza degli strumenti logici, linguistici ed espressivi ed erano capaci di produrre elaborati corretti dal punto di vista formale ed in particolar modo logico argomentativo. A) STRUMENTI UTILIZZATI PER RILEVARLI interrogazioni B) RISULTATI (in riferimento ai livelli di partenza) Gli allievi hanno mostrato progressi nelle capacità di confrontare e fare collegamenti fra gli autori più significativi studiati e di esporre in modo chiaro, corretto, ragionato ed adeguato alla situazione comunicativa. 11

12 OBIETTIVI FINALI Conoscenze: conoscere i tratti fondamentali delle tematiche e degli autori più significativi del periodo che va dalla prima metà dell Ottocento al Novecento. Competenze: essere in grado di produrre elaborati scritti (articolo di giornale, saggio breve, tema argomentativo di ordine generale, analisi del testo letterario e non) in forma corretta e consequenzialmente logica e argomentata. Saper esporre in modo chiaro, corretto, ragionato ed adeguato alla situazione comunicativa. Abilità: saper leggere, parafrasare e decodificare i testi proposti. Essere capace di effettuare una analisi del testo formale e contenutistica collegamenti sincronici e contesti di riferimento. al fine di enucleare le argomentazioni e operare diacronici fra la poetica degli autori e i Essere capace di leggere i testi suggeriti dal docente e trovare all interno di essi riscontri oggettivi delle tematiche in precedenza enucleate. Essere capace di ricercare in altri testi suggerimenti critici utili ad una rielaborazione che privilegi il dibattito e l ipotesi. METODOLOGIE Confermata e ribadita la centralità del testo come luogo che attiva le competenze e le rende consapevoli. MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica Libri di testo e fotocopie. VERIFICA STRUMENTI UTILIZZATI 12

13 Interrogazioni CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: Alla fine delle unità didattiche ATTIVITA DI RECUPERO svolte durante l anno scolastico Ogni qualvolta gli studenti hanno incontrato difficoltà, il programma si è interrotto per recuperare gli argomenti particolarmente ostici. RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) Tutti sono in grado di produrre elaborati scritti in forma corretta e consequenzialmente logica e argomentata e tutti sanno esporre in modo chiaro e ragionato. L insegnante Margherita LANINI 13

14 PROGRAMMA SVOLTO A.S / 2014 MATERIA: ITALIANO CLASSE: V DOCENTE: SEZIONE: B MARGHERITA LANINI CONTENUTI Definizione e caratteri del Romanticismo; i caratteri del Romanticismo italiano. La battaglia fra classici e Romantici in Italia: Mme. De Stael: Esortazioni e attacchi agli intellettuali italiani caratteri generali G. Berchet: La sola vera poesia è popolare, La lettera semiseria di Gristostomo a suo figlio ALESSANDRO MANZONI Vita, opere, pensiero e poetica. Analisi degli Inni sacri e lettura del testo La Pentecoste Analisi delle Odi civili e lettura del testo Il cinque maggio Analisi delle Tragedie : Adelchi coro dell atto III, coro dell atto IV. Dalla lettera a Chauvet: Il rapporto fra poesia e storia Dalla lettera a D Azeglio: L utile per iscopo, il vero per soggetto e l interessante per mezzo Dal Fermo e Lucia ai Promessi Sposi : struttura e ideologia del romanzo a confronto. Evoluzione dei personaggi tra i due romanzi: da Gertrude a Geltrude, dal Conte del Sagrato all Innominato e la morte di don Rodrigo nei due romanzi. GIACOMO LEOPARDI Vita, opere, pensiero e poetica. 14

15 Analisi dei Canti : Ultimo canto di Saffo, L infinito, La sera del dì di festa, Alla luna, A Silvia, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, A se stesso, La ginestra o il fiore del deserto. Analisi delle Operette Morali : Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggero. Il verismo italiano e il naturalismo francese: poetiche e contenuti. GIOVANNI VERGA Vita, opere, pensiero e tecniche narrative. Temi e struttura Ciclo dei Vinti : in particolare I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo. ( L'arrivo e l'addio di 'Ntoni e la morte di Gesualdo ) Analisi delle strutture e dei contenuti delle novelle della raccolta Vita nei campi e lettura e analisi dei testi: Rosso Malpelo, La lupa e Fantasticheria. Lettura e analisi dei testi tratti dalla raccolta Novelle rusticane : La roba e Libertà. La Scapigliatura E. Praga: Preludio I. Ugo Tarchetti: Fosca - L'attrazione e repulsione per Fosca GIOSUE CARDUCCI Vita, opere, pensiero e poetica. Temi e forme della produzione poetica di Odi barbare ; analisi della poesia Alla stazione in una mattina di autunno e Nevicata Temi e forme della produzione poetica di Rime nuove ; analisi delle poesie Pianto antico e Traversando la Maremma toscana. GABRIELE D ANNUNZIO Vita, opere, pensiero e poetica. 15

16 Introduzione generale di Le Laudi approfondimento sulla raccolta di Alcyone e analisi delle poesie: La sera fiesolana e La pioggia nel pineto. Introduzione generale de Il piacere ; lettura e analisi: Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli (dal Libro Primo, cap. II). GIOVANNI PASCOLI Vita,opere, poetica e pensiero. Analisi della raccolta poetica Myricae e delle poesie: Lavandare, Novembre, X Agosto, L assiuolo, Lampo, Temporale. Analisi della raccolta poetica Canti di Castelvecchio e delle poesie : Nebbia, Il gelsomino notturno e La mia sera. Analisi della raccolta poetica Primi poemetti e delle poesia: Digitale purpurea. I movimenti letterari del novecento: I Crepuscolari e L avanguardia futurista Filippo Tommaso Marinetti: il primo manifesto del futurismo Guido Gozzano : Totò Merumeni. LUIGI PIRANDELLO 2. Vita, opere e pensiero. 3. La differenza fra Umorismo e Comicità. 4. Il contrasto tra Persona e Personaggio. 5. Lettura dalla raccolta Le novelle per un anno dei testi: Il treno ha fischiato. 6. Caratteri generali di Così è (se vi pare). 7. Lettura dei testi tratti da Uno, nessuno e centomila : La vita non conclude e Il furto (dal Libro Quarto, cap. VI). 8. Analisi temi e struttura Il fu Mattia Pascal e lettura testi: L ultima pagina del romanzo: Pascal porta i fiori alla propria tomba (dal cap. 16

17 XVIII), Adriano Meis si aggira per Milano: le macchine e il canarino (dal cap. IX). ITALO SVEVO 7. La vita e le opere. 8. Caratteri dei romanzi sveviani e figura dell inetto attraverso i romanzi : 9. - Una vita (caratteri generali) 10.- Senilità (caratteri generali) 11.- La coscienza di Zeno (caratteri generali) 12.Lettura testi da La coscienza di Zeno : La proposta di matrimonio e L addio a Carla. GIUSEPPE UNGARETTI - Vita, opere, pensiero e poetica. - Analisi della raccolta poetica L allegria e delle poesie : In memoria, Il porto sepolto, Veglia, I fiumi, Commiato, Girovago Mattina e Soldati. - Analisi della raccolta poetica Sentimento del tempo e della poesia Di Luglio. - Analisi del Dolore e della poesia Non gridate più. EUGENIO MONTALE D)La vita e le opere. E)Analisi dei contenuti e delle strutture della raccolta Ossi di seppia e delle poesie : I limoni, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato e Meriggiare pallido e assorto, Cigola la carrucola del pozzo. F) Dalla raccolta Le occasioni analisi del testi: La casa dei doganieri, Ti libero la fronte dai ghiaccioli, Non recidere, forbice, quel volto. G)Dalla raccolta La bufera e altro analisi del testo: La primavera Hitleriana. 17

18 H) Da Satura analisi delle strutture e dei contenuti e lettura e analisi dei testi: Ho sceso dandoti il braccio almeno un milione di scale e L alluvione ha sommerso il pack dei mobili. Caratteri generali dell Ermetismo SALVATORE QUASIMODO Vita e opere. Analisi della raccolta Acque e terre e della poesia Ed è subito sera Analisi della raccolta Giorno dopo giorno e delle poesie: Alle fronde dei salici e Milano, agosto Analisi con parafrasi dei canti del Paradiso della Divina Commedia: Canti: I, VI, XI, XV, XXIV, XXXIII. TESTI ADOTTATI LETTERATURA STORIA IMMAGINARIO LUPERINI, CATALDI, MARCHIANI E MARCHESE ed. G.B. PALUMBO vol. 4, vol. 5, vol.6. LA DIVINA COMMEDIA PARADISO TESTO LA MENTE INNAMORATA GIANLUIGI TORNOTTI ed. BRUNO MONDADORI Firma del docente Firma Rappresentanti degli studenti 18

19 RELAZIONE FINALE A.S. 2013/14 Prof. Rossella Baldini Docente di LATINO nella classe 5B OSSERVAZIONI SULLA CLASSE Sono ragazzi corretti, disponibili e molto affiatati. Hanno generalmente partecipato attivamente allo svolgimento delle lezioni. Come rilevato nel Consiglio di classe e come ci si può aspettare in una sezione di PNI, tuttavia, l interesse per le materie scientifiche risulta preponderante (con qualche eccezione). A più riprese, le attività di orientamento per l Università, e soprattutto la preparazione per i test di ammissione, hanno causato ritardi nello svolgimento del programma. LIVELLI DI PARTENZA Per valutare il livello di conoscenza della lingua (cosa non facile, inserendomi io nell ultima classe), ho proposto traduzioni degli autori in programma, da svolgere in classe senza l appoggio del libro di testo (come tutti corredato di note e analisi puntuali), inizialmente senza voto. A) STRUMENTI UTILIZZATI PER RILEVARLI test oggettivi prove semistrutturate prove aperte interrogazioni X colloqui X lavori di gruppo B) RISULTATI (in riferimento ai livelli di partenza) Tenendo conto delle peculiarità dell esame di stato e in particolare della terza prova, si è ritenuto opportuno abbandonare la tradizionale versione dal latino di brani sconosciuti agli 19

20 alunni per utilizzare tipi di verifiche tendenti all accertamento delle conoscenze storicoletterarie e delle competenze a livello di comprensione e analisi contenutistica e stilistica di brani studiati nel corso dell anno scolastico. OBIETTIVI FINALI Tradurre correttamente brani latini, allontanandosi gradualmente dal senso letterale per approdare a un testo italiano fedele, espressivo e moderno. Data una traduzione d autore, essere in grado di risalire a quella letterale, dimostrando così di riconoscere con precisione le strutture morfosintattiche della lingua. Trovare le origini dell italiano (nel lessico, nella morfologia e nella sintassi) Riconoscimento degli autori latini come fonti delle opere di letteratura italiana (anche già studiate). Saper operare collegamenti fra un passato così remoto e gli insegnamenti o comunque le riflessioni che possono essere ancora oggi di stimolo. METODOLOGIE Se si escludono le esercitazioni, le lezioni sono state prevalentemente frontali. Ho sempre sollecitato i ragazzi ad anticipare la traduzione di fronte a passi sintatticamente non complessi, per continuare a esercitare le competenze fin qui acquisite. Vista la presenza di note assai particolareggiate e spesso della traduzione d autore, si è curata in modo particolare la comprensione strettamente letterale. Alcuni autori sono stati affrontati solo con testi in versione italiana. Particolare cura è stata rivolta alla riflessione linguistica, utile a una conoscenza più approfondita della lingua italiana, in particolare del suo lessico. Ho sempre teso a stimolare, quando fossero pertinenti, gli agganci con l attualità. Si è inoltre evidenziata la presenza di temi o generi che verranno ripresi da altri autori, anche della letteratura italiana. Una lezione al mese è stata dedicata alla lettura in classe delle Memorie di Adriano. MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica VERIFICA Libro di testo e materiale fotocopiato. STRUMENTI UTILIZZATI 20

21 test oggettivi prove semistrutturate X prove aperte X interrogazioni lavori di gruppo lavori di gruppo CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: mensile X alla fine delle unità didattiche ATTIVITA DI RECUPERO svolte durante l anno scolastico Per un alunno che ha fatto molte assenze stata proposta un attività di tutoraggio da parte di un compagno. RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) Gli alunni, a diversi livelli ma generalmente positivi, sono capaci di leggere e tradurre i testi, collegarli al genere letterario di appartenenza, analizzarli dal punto di vista contenutistico, tematico e stilistico. Particolare attenzione è stata rivolta a quegli autori che hanno influenzato in varia misura la letteratura italiana. L insegnante 21

22 PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/14 MATERIA: LATINO CLASSE: 5 SEZIONE: B DOCENTE: Rossella Baldini CONTENUTI Storia della letteratura latina da Seneca ad Apuleio (Libro di testo: P. Di Sacco, M. Serio, Odi et amo, Bruno Mondadori), con puntuali riferimenti al contesto storico. SENECA: La vita; Le opere; Il pensiero filosofico; Il progetto politico; Le tragedie De tranquillitate animi: testo 8 La scontentezza di sé De providentia 2,1-4 (testo 10 in italiano) La sofferenza tiene l anima in allenamento De brevitate vitae: testo 11 (in italiano), 12, 13 (in italiano), 14, 15. Epistulae ad Lucilium: testo 16, n e 15 (su fotocopia; il resto in italiano: testo 19) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: La filosofia; La satira (luciliana e menippea); L epistolografia LUCANO: L'antimito di Roma Bellum civile: Proemio 1-9, testo 26 (in italiano) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: L epica PETRONIO: La questione petroniana e la datazione del Satyricon; La complessa determinazione del genere letterario; Il Satyricon come contenitore di generi diversi; I piani narrativi e lo stile; Il realismo e l inquietudine Satyricon: testo 44 (in italiano), 45, 46, cap. 37 (su fotocopia), 48 FEDRO 22

23 Fabulae: La volpe e l uva (dettato), testo 30, 31 (in italiano), 32 Persio e Giovenale (in sintesi) MARZIALE Epigrammata: testo 39, 40, 41; altri 5 in fotocopia L allargamento del canone letterario La Storia naturale di Plinio il Vecchio Le Institutiones oratoriae di Quintiliano: Il progetto educativo; Il canone degli autori da imitare. Testo 60 (in italiano) Il buon maestro Ripasso dei generi nei secoli precedenti: L oratoria Il dibattito sulla decadenza dell eloquenza fra Petronio, Quintiliano e Tacito TACITO: La vita, Le opere giovanili, La difficile attribuzione del Dialogus de oratoribus, Le opere storiografiche maggiori, L ideologia del principato, Lo stile, Il tacitismo Agricola: testo 70 Il discorso di Calgaco Historiae: testo 81 Proemio Annales: testo 86, La fine di Messalina (in italiano), 87, I sicari di Nerone uccidono Agrippina (in italiano), 88, 89 e 90 (in italiano), Ritratto di Petronio (su fotocopia) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: La storiografia Percorsi trasversali: La religione dei romani; La tradizione; La civitas e l individuo; Figure femminili nella letteratura e nella società; Il rapporto con le altre culture Lettura integrale di M. Yourcenar, Le memorie di Adriano Firma Rappresentanti degli studenti Firma del docente 23

24 RELAZIONE FINALE A.S. 2013/14 Prof. Parasporo Docente di Filosofia e storia nella classe VB OSSERVAZIONI SULLA CLASSE La classe, nella quale ho operato per tutto il triennio, ha partecipato con attenzione e interesse all attività didattica. L impegno nello studio è risultato complessivamente adeguato e sostenuto da un metodo via via più efficace e autonomo. SVOLGIMENTO DEI PROGRAMMI E RI- SULTATI Nello svolgimento del programma di storia le lezioni hanno generalmente seguito l impostazione del libro di testo (Feltri, Chiaroscuro, voll. II e III). Il periodo di tempo considerato va dagli ultimi decenni dell Ottocento alla fine della seconda guerra mondiale. Le prove di verifica hanno permesso di accertare che la maggior parte degli alunni possiede conoscenze e competenze conformi agli obiettivi didattici ed educativi definiti in sede di programmazione. Alcuni alunni, in particolare, hanno raggiunto livelli ottimi o di eccellenza, distinguendosi per la capacità di applicare correttamente, nella ricostruzione di singoli fatti o di sequenze di eventi, categorie generali di spiegazione e interpretazione. Nell'insegnamento della filosofia l intervento didattico si è orientato prevalentemente verso la lettura dei testi, che sono stati commentati analiticamente in classe, traendo da essi le informazioni e i concetti utili sia ad inquadrare la personalità filosofica degli autori presi in esame, sia a delineare alcune delle principali tematiche che hanno attraversato il pensiero moderno e contemporaneo (p. es. la questione della filosofia della storia, nell ambito della quale sono stati presentati filosofi come Hegel, Marx, Comte, Croce, Benjamin, Popper). Le verifiche effettuate attestano che il livello di preparazione generale è nel complesso soddisfacente, con alcune punte, anche qui, di eccellenza. Il lavoro è stato condotto sul manuale in adozione (Imbimbo e altri, Viaggio nella filosofia, vol. III), integrato su alcuni punti (in part. Nietzsche e Freud) da fotocopie di brani antologici. 24

25 OBIETTIVI FINALI Filosofia: 1) definire e comprendere termini e concetti propri del linguaggio specifico della disciplina; 2) riconoscere le idee centrali di un testo; 3) inquadrare storicamente le tematiche e gli autori studiati; 4) valutare la qualità di un'argomentazione sulla base della sua coerenza interna ; 5) confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi allo stesso problema. Storia: 1) usare correttamente termini e concetti propri del linguaggio storiografico; 2) distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso e le relazioni che intercorrono tra di essi; 3) mettere a confronto situazioni e fenomeni storici diversi, cogliendo differenze e analogie. METODOLOGIE lezione frontale; lezione multimediale (LIM); studio guidato; attività di ricerca (individuali e di gruppo). MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica Manuali in adozione: Imbimbo e altri, Viaggio nella filosofia, vol. III, ed. Palumbo. Feltri, Chiaroscuro, voll. II e III. VERIFICA STRUMENTI UTILIZZATI test oggettivi prove semistrutturate prove aperte interrogazioni CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: alla fine delle unità didattiche 25

26 RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) La maggior parte della classe è in grado di: Filosofia: definire e comprendere termini e concetti propri del linguaggio specifico della disciplina; riconoscere le idee centrali di un testo; inquadrare storicamente le tematiche e gli autori studiati: confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi allo stesso problema. Storia: usare correttamente termini e concetti propri del linguaggio storiografico; distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso e le relazioni che intercorrono tra di essi. L insegnante 26

27 PROGRAMMA SVOLTO A.S MATERIA: Storia CLASSE: Quinta SEZIONE: B DOCENTE: Leone Parasporo CONTENUTI: L imperialismo La nascita della moderna società di massa. L imperialismo nelle sue diverse forme. Complessità dell imperialismo. La conquista inglese dell Egitto. Il razzismo dei boeri in Sud Africa. La guerra anglo-boera. L esplorazione dell Africa. Il saccheggio del Congo. Le origini del lager. L Italia giolittiana La politica coloniale e la crisi di fine secolo. La strategia politica di Giolitti. La collaborazione con i socialisti riformisti. La crescita industriale. Il sistema giolittiano. La guerra di Libia. La riforma elettorale e il patto Gentiloni. La prima guerra mondiale Tensioni e alleanze tra le potenze europee. L Italia si avvicina agli imperi centrali. Il sistema delle alleanze e il piano Schlieffen. La flotta da guerra tedesca. La politica di potenza tedesca. La polveriera balcanica. L attentato di Sarajevo. L invasione del Belgio. La fine della guerra di movimento. La guerra di trincea. Le battaglie di Verdun e della Somme. Una guerra di logoramento. La guerra totale. Il crollo della Russia e l intervento degli Stati Uniti. Significato storico dell intervento americano. La fine del conflitto. L Italia dal 1914 al 1918 La scelta della neutralità. I sostenitori della neutralità. Gli interventisti di sinistra. I nazionalisti. Gli intellettuali. Il patto di Londra. Il maggio radioso. Le operazioni militari. La 27

28 disfatta di Caporetto. L ultimo anno di guerra. Contadini soldati. L apparato repressivo delle autorità. Autolesionismo e follia. La rivoluzione russa L arretratezza della Russia. La rivoluzione del febbraio I soviet. Lenin e le Tesi di aprile. La rivoluzione d ottobre. La dittatura del partito. Lo scioglimento dell Assemblea Costituente. La guerra civile. Il comunismo di guerra. La nuova politica economica. Lo stalinismo. L industrializzazione della Russia. La liquidazione dei kulaki e la collettivizzazione delle campagne. Il grande terrore. Il fascismo in Italia Le delusioni della vittoria. D Annunzio e la vittoria mutilata. La situazione economica e sociale. Il Partito popolare italiano. L occupazione delle fabbriche. L ultimo governo Giolitti. Benito Mussolini. Il programma dei Fasci di combattimento. Il fascino del modello fiumano. Lo squadrismo agrario. Caratteristiche delle squadre d azione. La nascita del Partito nazionale fascista. La marcia su Roma. Il delitto Matteotti. La distruzione dello stato liberale. La nazione e lo stato. Mobilitazione delle masse e stato totalitario. Il Duce, lo stato e il partito. La costruzione dello stato totalitario. L uomo nuovo fascista e le leggi razziali. La negazione della lotta di classe. La politica economica del regime. Lo stato industriale e banchiere. Il nazismo in Germania La sconfitta militare. Il Trattato di Versailles. La repubblica di Weimar.. Adolf Hitler e la NSDAP. Mein Kampf. Il bolscevismo giudaico. Il razzismo di Hitler. Il fascino del nazionalsocialismo. La crisi di Wall street e il New deal. L ascesa del partito nazista. La presa del potere e l incendio del Reichstag. L assunzione dei pieni poteri. Il ruolo del Führer. Funzione razziale dello stato. Il potere delle SS. Il fronte del lavoro. Il problema della disoccupazione. La politica estera tedesca negli anni Il docente 28

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Sezioni Associate: Liceo Scientifico, Linguistico, I.G.E.A. Ragionieri, Geometri, Scuola ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto STORIA del NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio

Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1. Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio Prof. G. Gozzi classe 1 linguistico sez. F - matematica ordinamento 1 Liceo Classico, Scientifico e Linguistico A.Aprosio PROGRAMMAZIONE INIZIALE DI MATEMATICA Classe 1 sez. F - anno scolastico 2013-2014

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI FISICA Anno Scolastico:2014-15 CLASSI TUTTE III, IV E V LICEO DOCENTE : _ Rinaldi.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE 5C LICEO SCIENTIFICO 2015-16 Anno scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Docente: Offidani Rodolfo Materia: Filosofia Classe : 5 C Indirizzo Scientifico STRATEGIE DIDATTICHE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli