LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE ANTONIO GRAMSCI Via del Mezzetta, FIRENZE Tel. 055/ Fax 055/ Cod. Fisc sito internet ANNO SCOLASTICO 2013/14 Indirizzo 1 P.N.I. Classe 5 sez. B DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE FIRENZE, li 15/05/2014 f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Marco Paterni 1 Se l indirizzo è sperimentale specificarne la corrispondenza 1

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE LANINI MARGHERITA PAOLI DONATELLO PARASPORO LEONE ANTONIO PAPALE MARIA VINCENZA BALDINI ROSSELLA CATANI MARTA MORANDI STEFANO BECIA FABRIZIA GIULIANI MARIA LUCE KONIG MARTINVALDO MATERIA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA SCIENZE STORIA E FILOSOFIA LINGUA E LETTERATURA INGLESE LINGUA E LETTERATURA LATINA MATEMATICA E FISICA DISEGNO E STORIA DELL ARTE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE ALTERNATIVA 2

3 GLI ALUNNI - N - NOMINATIVO BALDI LORENZO BARONI GIULIA BIAGIONI DILETTA CAPEZZUOLI CLAUDIA CASARETTI ALESSANDRO CECCHI MICHELE CIAMPI DAVID CIAMPI GIOVANNI CINQUILLI COSIMO CUADRA FRANCESCO DI ROSA IRENE DIKU FITNET FANTECHI EDOARDO FARAHVACHI PARHAM GIOVACCHINI JACOPO GUERRINI LORENZO LISCIO MATTEO MANNELLI FOLCO MARUNTI ELIO MIGLIORINI GIULIANO MORIANI MATTEO PINI GALILEO ROSSI RUGGERO 3

4 DATI ANALITICI E ANDAMENTO DIDATTICO-DISCIPLINARE NEL TRIENNIO 1. Composizione della classe: la classe, composta all inizio del triennio da 26 alunni, attualmente è costituita da 23 alunni, secondo la seguente evoluzione: classe provenienti dalla classe precedente inseriti ritirati non promossi alla classe successiva promossi alla classe successiva Continuità del corpo docente nel triennio: La classe ha subito, nell arco dei tre anni, vari avvicendamenti di insegnanti: nella terza Fisica e Scienze, nella quarta Fisica e Matematica, nella quinta Fisica, Matematica, Latino e Italiano. Da rilevare che, nonostante si siano succeduti numerosissimi insegnanti di Matematica e Fisica nel corso di tutti e cinque gli anni, la classe ha raggiunto buoni livelli in tali discipline con punte di eccellenza. 3. Profilo didattico della classe e sua evoluzione nel triennio: La classe, grazie al dialogo educativo, che è sempre stato costante, nonostante l avvicendamento di alcuni insegnanti, ha seguito un iter educativo didattico che le ha permesso di raggiungere risultati positivi e che le ha assicurato un percorso di crescita in estensione e profondità dei contenuti delle singole discipline. La maggior parte degli studenti ha acquisito un metodo di lavoro efficace. All interno della classe si sono evidenziate personalità dotate di volontà e determinazione, finalizzate ad un lavoro serio e puntuale, rielaborato criticamente. Pochi sono coloro che si attestano solo sulla sufficienza. 4. Livelli di preparazione degli alunni: Tutti gli alunni hanno raggiunto una preparazione soddisfacente tranne un paio di casi più fragili. Da sottolineare il fatto che un congruo numero di studenti ha ottenuto risultati molto positivi in tutte le materie, in alcuni casi di eccellenza. 5. Livello di partecipazione alle attività e sua evoluzione e profilo della classe in base al comportamento: L atteggiamento della classe è stato sempre serio e motivato, ha partecipato con attenzione e interesse a tutte le attività proposte nel corso del triennio. 6. Recupero e tutoraggio svolti nel triennio: Si sono attivati corsi di recupero per la matematica sia in terza che in quarta e anche di latino in terza; tutoraggi in scienze e fisica al terzo e quarto anno e in matematica al quinto. 4

5 OBIETTIVI DEL TRIENNIO A) OBIETTIVI DIDATTICI : Acquisizione sistematica degli impianti disciplinari curriculare; Acquisizione delle abilità relative alla capacità di rielaborare e approfondire le tematiche culturali afferenti le varie discipline; Capacità di cogliere i nessi all interno della singola disciplina; Acquisizione dei linguaggi specifici. B) OBIETTIVI FORMATIVI: Acquisizione stabile di atteggiamenti mentali rispettosi della legalità, della convivenza pacifica, della tolleranza Capacità di saper promuovere e organizzare iniziative atte a migliorare la qualità della vita Acquisizione stabile della capacità di saper rispettare le regole del vivere civile e della vita scolastica Atteggiamento stabilmente democratico anche nella scelta dei canali più idonei al fine di tutelare i legittimi diritti ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE SVOLTE NEL TRIENNIO E RISULTATI OTTENUTI Viaggio d Istruzione sulla Costa Amalfitana Visita a Palazzo Strozzi nella mostra Denaro e Bellezza Progetto Lauree Scientifiche: attività di una settimana nel laboratorio di Fisica del Polo Scientifico Universitario di Firenze (per alcuni studenti) Progetto benessere: prevenzione al fumo in terza, pronto soccorso e primo intervento in quarta, il valore sociale del corpo e sensibilizzazione al volontariato in quinta Partecipazione al Progetto FAI: museo Marino Marini Scambio Italia- USA a Boston località Newton (nove studenti) Certificazioni linguistiche Visita alla Ducati ed al Laboratorio Didattico Viaggio d istruzione al Cern di Ginevra e visita della città, al Palazzo delle Nazioni Unite e al Museo della Croce Rossa Visita al Planetario Visita al Gabinetto di Fisica attività Dalla Pila al Telegrafo Corso di approfondimento di chimica organica rivolto alle classi quinte Partecipazione a Gare Sportive Studentesche Progetto Improvvisazione teatrale (alcuni studenti) 5

6 Gli studenti hanno partecipato con interesse e responsabilità a tutte le iniziative proposte dalla scuola. 6

7 VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI RISULTATI RAGGIUNTI NELLE VARIE MATERIE IN RELAZIONE AI PIANI DI LAVORO ANNUALI In tutte le discipline il piano di lavoro è stato sostanzialmente rispettato. USO DEL LABORATORIO DI FISICA Dimostrazioni descrittive Esercitazioni individuali Esercitazioni in gruppi Attività di ricerca guidata X X USO DEL LABORATORIO DI SCIENZE / CHIMICA Dimostrazioni ex-cathedra Esercitazioni individuali Esercitazioni in gruppi Attività di ricerca guidata X X X METODI UTILIZZATI PER LA VERIFICA DELL APPRENDIMENTO Interrogazioni orali Prove scritte. (temi,esercizi,questionari,problemi,comprensioni) Test a scelta multipla Test a risposta breve Relazioni individuali di laboratorio Analisi del testo Spesso Qualche volta Mai X X X X X X 7

8 SIMULAZIONI DI 3 A PROVA Sono state somministrate due simulazioni di terza prova: Data Tipologia Caratteristiche Discipline Durata (ore) 12/12/13 B 5 materie, 2 domande a Inglese, Latino, Fisica, materia Filosofia, Scienze 2 h 30 min 23/04/14 B 5 materie, 2 domande a Inglese, Storia dell Arte, materia Fisica, Storia, Scienze 2 h 30 min CRITERI VALUTAZIONE A) AMMISSIONE ALL ESAME L ammissione all esame sarà conforme alla normativa vigente. I criteri dell attribuzione del voto di comportamento sono indicati nel P.O.F. a.s. 2013/14. B) CRITERI VALUTAZIONE DEGLI ELABORATI : Pertinenza Correttezza Ordine logico Completezza Uso del linguaggio specifico 8

9 C) GRIGLIE DI VALUTAZIONE Le prove scritte e le simulazioni sono state corrette secondo la seguente griglia: CRITERI VALUTAZIONE GIUDIZIO Prove scritte Voto in decimi Simulazione terza prova voto in quindicesimi Eccellente Ottimo 9 14 Buono 8 13 Discreto 7 12 Più che sufficiente 6,5 11 Sufficiente 6 10 Non del tutto sufficiente 5,5 9 Insufficiente 5 8 Decisamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficienza gravissima 4, Caratteristiche descrizione Argomenti e/o risposte puntuali, sintetiche e ben articolate, proprietà di linguaggio; capacità di giudizi critici personali, collegamenti interdisciplinari Argomenti e/o risposte puntuali ed articolate, proprietà di linguaggio; capacità di elaborazione critica personale o collegamenti interdisciplinari (ove richiesto) Argomenti e/o risposte precise e complete; proprietà di linguaggio Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette; linguaggio appropriato. Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette; linguaggio semplice. Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette nel loro complesso; linguaggio semplice pur se con qualche errore non significativo Argomentazioni e/o risposte pertinenti e corrette nel loro complesso; linguaggio non sempre adeguato Argomentazioni e/o risposte pertinenti ma non complete o non precise; linguaggio poco adeguato Argomentazioni e/o risposte non sempre pertinenti e/o non complete e non precise; linguaggio poco adeguato Argomentazioni e/o risposte non pertinenti o incomplete Argomentazioni e/o risposte frammentarie e scorrette, incoerenza, numerosi errori nel linguaggio specifico Negativo 1 1 Mancanza di argomentazioni e/o risposte 9

10 D) CRITERI VALUTAZIONE PROVE ORALI: Conoscenza dell argomento Correttezza e fluidità espositiva Capacità di effettuare collegamenti Rielaborazione critica 10

11 RELAZIONE FINALE A.S Prof. MARGHERITA LANINI Docente di Italiano nella classe 5B OSSERVAZIONI SULLA CLASSE Conosco gli allievi di questa classe solo da questo anno, ma da subito è stato possibile raggiungere un buon livello di interazione reciproca. Gli studenti si sono dimostrati, sin dall inizio, attenti, interessati, volenterosi, desiderosi di superare le difficoltà conseguenti al cambiamento dell insegnante. Si è creato un buon rapporto improntato ad un confronto aperto ed al dialogo. Sotto il profilo valutativo, la classe si presenta variegata; accanto ad ottimi elementi che raggiungono una preparazione più che buona, vi sono altri allievi che si attestano su un livello buono e altri su un livello discreto. Tutti comunque hanno conseguito risultati di ampia sufficienza. 2 livelli di partenza La classe presentava una discreta padronanza delle nozioni essenziali relative ai periodi letterari precedenti, una discreta padronanza degli strumenti logici, linguistici ed espressivi ed erano capaci di produrre elaborati corretti dal punto di vista formale ed in particolar modo logico argomentativo. A) STRUMENTI UTILIZZATI PER RILEVARLI interrogazioni B) RISULTATI (in riferimento ai livelli di partenza) Gli allievi hanno mostrato progressi nelle capacità di confrontare e fare collegamenti fra gli autori più significativi studiati e di esporre in modo chiaro, corretto, ragionato ed adeguato alla situazione comunicativa. 11

12 OBIETTIVI FINALI Conoscenze: conoscere i tratti fondamentali delle tematiche e degli autori più significativi del periodo che va dalla prima metà dell Ottocento al Novecento. Competenze: essere in grado di produrre elaborati scritti (articolo di giornale, saggio breve, tema argomentativo di ordine generale, analisi del testo letterario e non) in forma corretta e consequenzialmente logica e argomentata. Saper esporre in modo chiaro, corretto, ragionato ed adeguato alla situazione comunicativa. Abilità: saper leggere, parafrasare e decodificare i testi proposti. Essere capace di effettuare una analisi del testo formale e contenutistica collegamenti sincronici e contesti di riferimento. al fine di enucleare le argomentazioni e operare diacronici fra la poetica degli autori e i Essere capace di leggere i testi suggeriti dal docente e trovare all interno di essi riscontri oggettivi delle tematiche in precedenza enucleate. Essere capace di ricercare in altri testi suggerimenti critici utili ad una rielaborazione che privilegi il dibattito e l ipotesi. METODOLOGIE Confermata e ribadita la centralità del testo come luogo che attiva le competenze e le rende consapevoli. MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica Libri di testo e fotocopie. VERIFICA STRUMENTI UTILIZZATI 12

13 Interrogazioni CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: Alla fine delle unità didattiche ATTIVITA DI RECUPERO svolte durante l anno scolastico Ogni qualvolta gli studenti hanno incontrato difficoltà, il programma si è interrotto per recuperare gli argomenti particolarmente ostici. RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) Tutti sono in grado di produrre elaborati scritti in forma corretta e consequenzialmente logica e argomentata e tutti sanno esporre in modo chiaro e ragionato. L insegnante Margherita LANINI 13

14 PROGRAMMA SVOLTO A.S / 2014 MATERIA: ITALIANO CLASSE: V DOCENTE: SEZIONE: B MARGHERITA LANINI CONTENUTI Definizione e caratteri del Romanticismo; i caratteri del Romanticismo italiano. La battaglia fra classici e Romantici in Italia: Mme. De Stael: Esortazioni e attacchi agli intellettuali italiani caratteri generali G. Berchet: La sola vera poesia è popolare, La lettera semiseria di Gristostomo a suo figlio ALESSANDRO MANZONI Vita, opere, pensiero e poetica. Analisi degli Inni sacri e lettura del testo La Pentecoste Analisi delle Odi civili e lettura del testo Il cinque maggio Analisi delle Tragedie : Adelchi coro dell atto III, coro dell atto IV. Dalla lettera a Chauvet: Il rapporto fra poesia e storia Dalla lettera a D Azeglio: L utile per iscopo, il vero per soggetto e l interessante per mezzo Dal Fermo e Lucia ai Promessi Sposi : struttura e ideologia del romanzo a confronto. Evoluzione dei personaggi tra i due romanzi: da Gertrude a Geltrude, dal Conte del Sagrato all Innominato e la morte di don Rodrigo nei due romanzi. GIACOMO LEOPARDI Vita, opere, pensiero e poetica. 14

15 Analisi dei Canti : Ultimo canto di Saffo, L infinito, La sera del dì di festa, Alla luna, A Silvia, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, A se stesso, La ginestra o il fiore del deserto. Analisi delle Operette Morali : Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggero. Il verismo italiano e il naturalismo francese: poetiche e contenuti. GIOVANNI VERGA Vita, opere, pensiero e tecniche narrative. Temi e struttura Ciclo dei Vinti : in particolare I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo. ( L'arrivo e l'addio di 'Ntoni e la morte di Gesualdo ) Analisi delle strutture e dei contenuti delle novelle della raccolta Vita nei campi e lettura e analisi dei testi: Rosso Malpelo, La lupa e Fantasticheria. Lettura e analisi dei testi tratti dalla raccolta Novelle rusticane : La roba e Libertà. La Scapigliatura E. Praga: Preludio I. Ugo Tarchetti: Fosca - L'attrazione e repulsione per Fosca GIOSUE CARDUCCI Vita, opere, pensiero e poetica. Temi e forme della produzione poetica di Odi barbare ; analisi della poesia Alla stazione in una mattina di autunno e Nevicata Temi e forme della produzione poetica di Rime nuove ; analisi delle poesie Pianto antico e Traversando la Maremma toscana. GABRIELE D ANNUNZIO Vita, opere, pensiero e poetica. 15

16 Introduzione generale di Le Laudi approfondimento sulla raccolta di Alcyone e analisi delle poesie: La sera fiesolana e La pioggia nel pineto. Introduzione generale de Il piacere ; lettura e analisi: Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli (dal Libro Primo, cap. II). GIOVANNI PASCOLI Vita,opere, poetica e pensiero. Analisi della raccolta poetica Myricae e delle poesie: Lavandare, Novembre, X Agosto, L assiuolo, Lampo, Temporale. Analisi della raccolta poetica Canti di Castelvecchio e delle poesie : Nebbia, Il gelsomino notturno e La mia sera. Analisi della raccolta poetica Primi poemetti e delle poesia: Digitale purpurea. I movimenti letterari del novecento: I Crepuscolari e L avanguardia futurista Filippo Tommaso Marinetti: il primo manifesto del futurismo Guido Gozzano : Totò Merumeni. LUIGI PIRANDELLO 2. Vita, opere e pensiero. 3. La differenza fra Umorismo e Comicità. 4. Il contrasto tra Persona e Personaggio. 5. Lettura dalla raccolta Le novelle per un anno dei testi: Il treno ha fischiato. 6. Caratteri generali di Così è (se vi pare). 7. Lettura dei testi tratti da Uno, nessuno e centomila : La vita non conclude e Il furto (dal Libro Quarto, cap. VI). 8. Analisi temi e struttura Il fu Mattia Pascal e lettura testi: L ultima pagina del romanzo: Pascal porta i fiori alla propria tomba (dal cap. 16

17 XVIII), Adriano Meis si aggira per Milano: le macchine e il canarino (dal cap. IX). ITALO SVEVO 7. La vita e le opere. 8. Caratteri dei romanzi sveviani e figura dell inetto attraverso i romanzi : 9. - Una vita (caratteri generali) 10.- Senilità (caratteri generali) 11.- La coscienza di Zeno (caratteri generali) 12.Lettura testi da La coscienza di Zeno : La proposta di matrimonio e L addio a Carla. GIUSEPPE UNGARETTI - Vita, opere, pensiero e poetica. - Analisi della raccolta poetica L allegria e delle poesie : In memoria, Il porto sepolto, Veglia, I fiumi, Commiato, Girovago Mattina e Soldati. - Analisi della raccolta poetica Sentimento del tempo e della poesia Di Luglio. - Analisi del Dolore e della poesia Non gridate più. EUGENIO MONTALE D)La vita e le opere. E)Analisi dei contenuti e delle strutture della raccolta Ossi di seppia e delle poesie : I limoni, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato e Meriggiare pallido e assorto, Cigola la carrucola del pozzo. F) Dalla raccolta Le occasioni analisi del testi: La casa dei doganieri, Ti libero la fronte dai ghiaccioli, Non recidere, forbice, quel volto. G)Dalla raccolta La bufera e altro analisi del testo: La primavera Hitleriana. 17

18 H) Da Satura analisi delle strutture e dei contenuti e lettura e analisi dei testi: Ho sceso dandoti il braccio almeno un milione di scale e L alluvione ha sommerso il pack dei mobili. Caratteri generali dell Ermetismo SALVATORE QUASIMODO Vita e opere. Analisi della raccolta Acque e terre e della poesia Ed è subito sera Analisi della raccolta Giorno dopo giorno e delle poesie: Alle fronde dei salici e Milano, agosto Analisi con parafrasi dei canti del Paradiso della Divina Commedia: Canti: I, VI, XI, XV, XXIV, XXXIII. TESTI ADOTTATI LETTERATURA STORIA IMMAGINARIO LUPERINI, CATALDI, MARCHIANI E MARCHESE ed. G.B. PALUMBO vol. 4, vol. 5, vol.6. LA DIVINA COMMEDIA PARADISO TESTO LA MENTE INNAMORATA GIANLUIGI TORNOTTI ed. BRUNO MONDADORI Firma del docente Firma Rappresentanti degli studenti 18

19 RELAZIONE FINALE A.S. 2013/14 Prof. Rossella Baldini Docente di LATINO nella classe 5B OSSERVAZIONI SULLA CLASSE Sono ragazzi corretti, disponibili e molto affiatati. Hanno generalmente partecipato attivamente allo svolgimento delle lezioni. Come rilevato nel Consiglio di classe e come ci si può aspettare in una sezione di PNI, tuttavia, l interesse per le materie scientifiche risulta preponderante (con qualche eccezione). A più riprese, le attività di orientamento per l Università, e soprattutto la preparazione per i test di ammissione, hanno causato ritardi nello svolgimento del programma. LIVELLI DI PARTENZA Per valutare il livello di conoscenza della lingua (cosa non facile, inserendomi io nell ultima classe), ho proposto traduzioni degli autori in programma, da svolgere in classe senza l appoggio del libro di testo (come tutti corredato di note e analisi puntuali), inizialmente senza voto. A) STRUMENTI UTILIZZATI PER RILEVARLI test oggettivi prove semistrutturate prove aperte interrogazioni X colloqui X lavori di gruppo B) RISULTATI (in riferimento ai livelli di partenza) Tenendo conto delle peculiarità dell esame di stato e in particolare della terza prova, si è ritenuto opportuno abbandonare la tradizionale versione dal latino di brani sconosciuti agli 19

20 alunni per utilizzare tipi di verifiche tendenti all accertamento delle conoscenze storicoletterarie e delle competenze a livello di comprensione e analisi contenutistica e stilistica di brani studiati nel corso dell anno scolastico. OBIETTIVI FINALI Tradurre correttamente brani latini, allontanandosi gradualmente dal senso letterale per approdare a un testo italiano fedele, espressivo e moderno. Data una traduzione d autore, essere in grado di risalire a quella letterale, dimostrando così di riconoscere con precisione le strutture morfosintattiche della lingua. Trovare le origini dell italiano (nel lessico, nella morfologia e nella sintassi) Riconoscimento degli autori latini come fonti delle opere di letteratura italiana (anche già studiate). Saper operare collegamenti fra un passato così remoto e gli insegnamenti o comunque le riflessioni che possono essere ancora oggi di stimolo. METODOLOGIE Se si escludono le esercitazioni, le lezioni sono state prevalentemente frontali. Ho sempre sollecitato i ragazzi ad anticipare la traduzione di fronte a passi sintatticamente non complessi, per continuare a esercitare le competenze fin qui acquisite. Vista la presenza di note assai particolareggiate e spesso della traduzione d autore, si è curata in modo particolare la comprensione strettamente letterale. Alcuni autori sono stati affrontati solo con testi in versione italiana. Particolare cura è stata rivolta alla riflessione linguistica, utile a una conoscenza più approfondita della lingua italiana, in particolare del suo lessico. Ho sempre teso a stimolare, quando fossero pertinenti, gli agganci con l attualità. Si è inoltre evidenziata la presenza di temi o generi che verranno ripresi da altri autori, anche della letteratura italiana. Una lezione al mese è stata dedicata alla lettura in classe delle Memorie di Adriano. MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica VERIFICA Libro di testo e materiale fotocopiato. STRUMENTI UTILIZZATI 20

21 test oggettivi prove semistrutturate X prove aperte X interrogazioni lavori di gruppo lavori di gruppo CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: mensile X alla fine delle unità didattiche ATTIVITA DI RECUPERO svolte durante l anno scolastico Per un alunno che ha fatto molte assenze stata proposta un attività di tutoraggio da parte di un compagno. RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) Gli alunni, a diversi livelli ma generalmente positivi, sono capaci di leggere e tradurre i testi, collegarli al genere letterario di appartenenza, analizzarli dal punto di vista contenutistico, tematico e stilistico. Particolare attenzione è stata rivolta a quegli autori che hanno influenzato in varia misura la letteratura italiana. L insegnante 21

22 PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2013/14 MATERIA: LATINO CLASSE: 5 SEZIONE: B DOCENTE: Rossella Baldini CONTENUTI Storia della letteratura latina da Seneca ad Apuleio (Libro di testo: P. Di Sacco, M. Serio, Odi et amo, Bruno Mondadori), con puntuali riferimenti al contesto storico. SENECA: La vita; Le opere; Il pensiero filosofico; Il progetto politico; Le tragedie De tranquillitate animi: testo 8 La scontentezza di sé De providentia 2,1-4 (testo 10 in italiano) La sofferenza tiene l anima in allenamento De brevitate vitae: testo 11 (in italiano), 12, 13 (in italiano), 14, 15. Epistulae ad Lucilium: testo 16, n e 15 (su fotocopia; il resto in italiano: testo 19) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: La filosofia; La satira (luciliana e menippea); L epistolografia LUCANO: L'antimito di Roma Bellum civile: Proemio 1-9, testo 26 (in italiano) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: L epica PETRONIO: La questione petroniana e la datazione del Satyricon; La complessa determinazione del genere letterario; Il Satyricon come contenitore di generi diversi; I piani narrativi e lo stile; Il realismo e l inquietudine Satyricon: testo 44 (in italiano), 45, 46, cap. 37 (su fotocopia), 48 FEDRO 22

23 Fabulae: La volpe e l uva (dettato), testo 30, 31 (in italiano), 32 Persio e Giovenale (in sintesi) MARZIALE Epigrammata: testo 39, 40, 41; altri 5 in fotocopia L allargamento del canone letterario La Storia naturale di Plinio il Vecchio Le Institutiones oratoriae di Quintiliano: Il progetto educativo; Il canone degli autori da imitare. Testo 60 (in italiano) Il buon maestro Ripasso dei generi nei secoli precedenti: L oratoria Il dibattito sulla decadenza dell eloquenza fra Petronio, Quintiliano e Tacito TACITO: La vita, Le opere giovanili, La difficile attribuzione del Dialogus de oratoribus, Le opere storiografiche maggiori, L ideologia del principato, Lo stile, Il tacitismo Agricola: testo 70 Il discorso di Calgaco Historiae: testo 81 Proemio Annales: testo 86, La fine di Messalina (in italiano), 87, I sicari di Nerone uccidono Agrippina (in italiano), 88, 89 e 90 (in italiano), Ritratto di Petronio (su fotocopia) Ripasso dei generi nei secoli precedenti: La storiografia Percorsi trasversali: La religione dei romani; La tradizione; La civitas e l individuo; Figure femminili nella letteratura e nella società; Il rapporto con le altre culture Lettura integrale di M. Yourcenar, Le memorie di Adriano Firma Rappresentanti degli studenti Firma del docente 23

24 RELAZIONE FINALE A.S. 2013/14 Prof. Parasporo Docente di Filosofia e storia nella classe VB OSSERVAZIONI SULLA CLASSE La classe, nella quale ho operato per tutto il triennio, ha partecipato con attenzione e interesse all attività didattica. L impegno nello studio è risultato complessivamente adeguato e sostenuto da un metodo via via più efficace e autonomo. SVOLGIMENTO DEI PROGRAMMI E RI- SULTATI Nello svolgimento del programma di storia le lezioni hanno generalmente seguito l impostazione del libro di testo (Feltri, Chiaroscuro, voll. II e III). Il periodo di tempo considerato va dagli ultimi decenni dell Ottocento alla fine della seconda guerra mondiale. Le prove di verifica hanno permesso di accertare che la maggior parte degli alunni possiede conoscenze e competenze conformi agli obiettivi didattici ed educativi definiti in sede di programmazione. Alcuni alunni, in particolare, hanno raggiunto livelli ottimi o di eccellenza, distinguendosi per la capacità di applicare correttamente, nella ricostruzione di singoli fatti o di sequenze di eventi, categorie generali di spiegazione e interpretazione. Nell'insegnamento della filosofia l intervento didattico si è orientato prevalentemente verso la lettura dei testi, che sono stati commentati analiticamente in classe, traendo da essi le informazioni e i concetti utili sia ad inquadrare la personalità filosofica degli autori presi in esame, sia a delineare alcune delle principali tematiche che hanno attraversato il pensiero moderno e contemporaneo (p. es. la questione della filosofia della storia, nell ambito della quale sono stati presentati filosofi come Hegel, Marx, Comte, Croce, Benjamin, Popper). Le verifiche effettuate attestano che il livello di preparazione generale è nel complesso soddisfacente, con alcune punte, anche qui, di eccellenza. Il lavoro è stato condotto sul manuale in adozione (Imbimbo e altri, Viaggio nella filosofia, vol. III), integrato su alcuni punti (in part. Nietzsche e Freud) da fotocopie di brani antologici. 24

25 OBIETTIVI FINALI Filosofia: 1) definire e comprendere termini e concetti propri del linguaggio specifico della disciplina; 2) riconoscere le idee centrali di un testo; 3) inquadrare storicamente le tematiche e gli autori studiati; 4) valutare la qualità di un'argomentazione sulla base della sua coerenza interna ; 5) confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi allo stesso problema. Storia: 1) usare correttamente termini e concetti propri del linguaggio storiografico; 2) distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso e le relazioni che intercorrono tra di essi; 3) mettere a confronto situazioni e fenomeni storici diversi, cogliendo differenze e analogie. METODOLOGIE lezione frontale; lezione multimediale (LIM); studio guidato; attività di ricerca (individuali e di gruppo). MATERIALI / STRUMENTI utilizzati nell attività didattica Manuali in adozione: Imbimbo e altri, Viaggio nella filosofia, vol. III, ed. Palumbo. Feltri, Chiaroscuro, voll. II e III. VERIFICA STRUMENTI UTILIZZATI test oggettivi prove semistrutturate prove aperte interrogazioni CADENZA TEMPORALE DELLE PROVE: alla fine delle unità didattiche 25

26 RISULTATI OTTENUTI in termini di competenze (relativamente agli obiettivi disciplinari) La maggior parte della classe è in grado di: Filosofia: definire e comprendere termini e concetti propri del linguaggio specifico della disciplina; riconoscere le idee centrali di un testo; inquadrare storicamente le tematiche e gli autori studiati: confrontare e contestualizzare le differenti risposte dei filosofi allo stesso problema. Storia: usare correttamente termini e concetti propri del linguaggio storiografico; distinguere i diversi aspetti di un evento storico complesso e le relazioni che intercorrono tra di essi. L insegnante 26

27 PROGRAMMA SVOLTO A.S MATERIA: Storia CLASSE: Quinta SEZIONE: B DOCENTE: Leone Parasporo CONTENUTI: L imperialismo La nascita della moderna società di massa. L imperialismo nelle sue diverse forme. Complessità dell imperialismo. La conquista inglese dell Egitto. Il razzismo dei boeri in Sud Africa. La guerra anglo-boera. L esplorazione dell Africa. Il saccheggio del Congo. Le origini del lager. L Italia giolittiana La politica coloniale e la crisi di fine secolo. La strategia politica di Giolitti. La collaborazione con i socialisti riformisti. La crescita industriale. Il sistema giolittiano. La guerra di Libia. La riforma elettorale e il patto Gentiloni. La prima guerra mondiale Tensioni e alleanze tra le potenze europee. L Italia si avvicina agli imperi centrali. Il sistema delle alleanze e il piano Schlieffen. La flotta da guerra tedesca. La politica di potenza tedesca. La polveriera balcanica. L attentato di Sarajevo. L invasione del Belgio. La fine della guerra di movimento. La guerra di trincea. Le battaglie di Verdun e della Somme. Una guerra di logoramento. La guerra totale. Il crollo della Russia e l intervento degli Stati Uniti. Significato storico dell intervento americano. La fine del conflitto. L Italia dal 1914 al 1918 La scelta della neutralità. I sostenitori della neutralità. Gli interventisti di sinistra. I nazionalisti. Gli intellettuali. Il patto di Londra. Il maggio radioso. Le operazioni militari. La 27

28 disfatta di Caporetto. L ultimo anno di guerra. Contadini soldati. L apparato repressivo delle autorità. Autolesionismo e follia. La rivoluzione russa L arretratezza della Russia. La rivoluzione del febbraio I soviet. Lenin e le Tesi di aprile. La rivoluzione d ottobre. La dittatura del partito. Lo scioglimento dell Assemblea Costituente. La guerra civile. Il comunismo di guerra. La nuova politica economica. Lo stalinismo. L industrializzazione della Russia. La liquidazione dei kulaki e la collettivizzazione delle campagne. Il grande terrore. Il fascismo in Italia Le delusioni della vittoria. D Annunzio e la vittoria mutilata. La situazione economica e sociale. Il Partito popolare italiano. L occupazione delle fabbriche. L ultimo governo Giolitti. Benito Mussolini. Il programma dei Fasci di combattimento. Il fascino del modello fiumano. Lo squadrismo agrario. Caratteristiche delle squadre d azione. La nascita del Partito nazionale fascista. La marcia su Roma. Il delitto Matteotti. La distruzione dello stato liberale. La nazione e lo stato. Mobilitazione delle masse e stato totalitario. Il Duce, lo stato e il partito. La costruzione dello stato totalitario. L uomo nuovo fascista e le leggi razziali. La negazione della lotta di classe. La politica economica del regime. Lo stato industriale e banchiere. Il nazismo in Germania La sconfitta militare. Il Trattato di Versailles. La repubblica di Weimar.. Adolf Hitler e la NSDAP. Mein Kampf. Il bolscevismo giudaico. Il razzismo di Hitler. Il fascino del nazionalsocialismo. La crisi di Wall street e il New deal. L ascesa del partito nazista. La presa del potere e l incendio del Reichstag. L assunzione dei pieni poteri. Il ruolo del Führer. Funzione razziale dello stato. Il potere delle SS. Il fronte del lavoro. Il problema della disoccupazione. La politica estera tedesca negli anni Il docente 28

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli