15 Stima dei lavori Premessa Determinazione dei costi parametrici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15 Stima dei lavori. 15.1 Premessa. 15.2 Determinazione dei costi parametrici"

Transcript

1 15 Stima dei lavori 15.1 Premessa Allo scopo di valutare con una maggiore approssimazione i costi di investimento relativi all ipotesi Passante Nord è stata condotta l analisi riportata nel presente capitolo, in cui sono state considerate separatamente le diverse componenti che concorrono alla formazione degli stessi. In primo luogo sono state analizzate le sezioni autostradali correnti come riportate nella Tav. 10.3A, per diverse altezze di rilievo o scavo. Per le altre tipologie (viadotto, galleria artificiale, cavalcavia, etc.) si è fatto riferimento allo studio effettuato agli studi eseguiti nell ambito del progetto del Potenziamento strategico del sistema tangenziale autostradale di Bologna, a sua volta compreso nel PTCP della Provincia di Bologna, ed ai costi riscontrati in recenti progettazioni di infrastrutture stradali ed autostradali. Quindi si è proceduto ad un computo delle varie tipologie previste nello studio di fattibilità tecnica, con l approssimazione consentita da questo livello di approfondimento; alle quantità così determinate sono stati applicati i prezzi parametrici precedentemente stabiliti, ottenendo così l importo stimato dei lavori di costruzione. A tale importo è stato aggiunto poi il costo degli interventi di carattere ambientale e urbanistico: sono stati considerati gli oneri per interventi di mitigazione fisica, quelli per sistemazioni ambientali-paesaggistiche, quelli per le compensazioni ambientali che presumibilmente saranno stabilite in sede di progettazione definitiva/esecutiva, e quelli per le espropriazioni che sarà necessario effettuare in caso di edifici interferenti o eccessivamente prossimi al nastro stradale in progetto. Infine, al totale dell importo dei lavori e dei costi ambientali-urbanistici sono stati aggiunti dei maggiori costi, da mettere in conto sia per tenere conto del livello di approfondimento (normalmente, passando dal livello di studio di fattibilità progetto preliminare a quello esecutivo, si ha un incremento dei costi), sia per le spese di progettazione, D.L. e gestione di progettazione e appalto dei lavori Determinazione dei costi parametrici Corpo autostradale in rilevato e in scavo Per la determinazione del costo chilometrico del corpo stradale in scavo ed in rilevato è stata condotta apposita analisi, riportata nelle allegate tabelle 15/1 15/5. Sono state esaminate tre differenti altezze di rilevato (2, 4, 6 m) e due di scavo (2, 4 m); per altezza si intende il dislivello tra la quota di progetto e quella del terreno naturale. Per determinare il costo chilometrico medio da applicare ai tratti in rilevato o scavo è stato poi suddiviso il tracciato in tratti omogenei (WBS): rilevato scavo viadotto galleria artificiale, ciascuno individuato da una coppia di progressive (iniziale e finale). Per ciascun tratto in rilevato o in scavo è stata quindi calcolata la lunghezza e l altezza media; per altezze medie inferiori a 2 m è stato considerato il costo parametrico corrispondente ad h= 2,00 m, per altezze superiori si è interpolato linearmente tra i valori corrispondenti alle altezze tipo immediatamente inferiore e superiore. Il costo complessivo così calcolato, diviso per lo sviluppo totale dei tratti in rilevato/scavo, fornisce il costo unitario applicato riportato nella Tabella riepilogativa 15/

2 15-2

3 15-3

4 15-4

5 15-5

6 15-6

7 Corpo autostradale in corrispondenza d opere (viadotti e gallerie) Per la determinazione del costo parametrico dei tratti in viadotto si è fatto riferimanto al costo riscontrato per opere similari recentemente progettate, in ambito autostradale o per infrastrutture stradali ordinarie, tenendo conto anche delle risultanze delle analisi condotte in passato all interno degli studi per la formulazione del PTCP. Il campo dei valori di costo di tali opere è piuttosto ampio, dipendendo dalla tipologia prescelta per l impalcato, dall onerosità delle fondazioni (dipendente a sua volta anche dalle caratteristiche del terreno), dall altezza dal suolo, e da altri fattori funzionali (p.es. interasse delle pile) ed estetici. Escludendo opere eccezionali, caratterizzate per es. da grandi luci, pile molto alte, condizioni geotecniche e geo-morfologiche estremamente sfavorevoli, il costo medio dei viadotti può variare (all incirca) tra 750 /mq e /mq. L analisi condotta negli studi relativi al PTCP indicava un costo di 1.187,77 /mq, ed era relativa ad un ipotesi di impalcati con luci di 40 m e con struttura composta acciaio-cls. In considerazione del fatto che l altezza dei viadotti sarà sempre modesta, e che quindi si rende conveniente adottare un interasse tra le pile di m (anche allo scopo di limitare lo spessore degli impalcati), tenendo conto della tipologia che si prevede di adottare in prevalenza (solettone forato in c.c.a.p. con cavi post-tesi), e vista la mancanza di complessità realizzativa (opere in pianura, in zone non edificate, assenza quasi ovunque di interferenza con il traffico), è stato ritenuto congruo un costo medio di /mq, che per la larghezza complessiva di impalcato fornisce un costo unitario di /ml. Le gallerie previste (v. Tav. 10.3F) sono tutte di tipo artificiale, ovvero per la costruzione è previsto uno sbancamento a cielo aperto, con realizzazione della struttura all interno dello scavo e successiva ricopertura. Lo scavo potrà avvenire per lo più senza che siano necessarie opere provvisionali di protezione di edifici o infrastrutture esistenti; per sottopassare linee ferroviarie (2 casi) è prevedibile l utilizzo della tecnica del tubo spinto. Il costo chilometrico di opere in sotterraneo così concepite è paragonabile a quello dei viadotti (la maggiore superficie planimetrica è compensata da un minore onere per le fondazioni); vanno però aggiunti una serie di oneri specifici relativi alle opere in sotterraneo (vista anche la lunghezza delle canne), che comprendono la particolarità della sistemazione idraulica, gli impianti S.O.S., semaforico, di rilevamento incendio, di illuminazione, ventilazione e telecontrollo, le compartimentazioni tagliafuoco, la segnaletica verticale di emergenza e i pannelli a messaggio variabile. Tali costi, sulla base di quanto riscontrato nella progettazione di opere analoghe, sono stati quantificati in /ml per ciascuna canna; il costo unitario complessivo risultante è quindi di /ml Cavalcavia La tipologia prevista per i cavalcavia su autostrada è riportata nella Tav. 10.3F: consistono in ponti a tre campate, con impalcato in struttura mista acciaio-cls, spalle passanti, fondazioni indirette. Per tali opere, che pure non presentano particolari difficoltà esecutive, visto il contesto localizzativo, è stato considerato un costo superiore a quello dei viadotti, tenendo conto delle dimensioni limitate, e del tipo di impalcato (più oneroso), pari a /mq Corpo stradale viabilità ordinaria e complanare Per quanto riguarda la costruzione di nuova viabilità ordinaria e complanare è stato ipotizzato un costo parametrico al mq, che tenesse conto della varietà della casistica presente: rampe di accesso ai cavalcavia, nuove strade o varianti planimetriche, rampe di svincolo. Considerando il fatto che la superficie relativa a rampe (h media circa 4,00 m) è pressoché uguale a quella dei tratti a raso, è stato ipotizzato come costo unitario quello corrispondente al costo chilometrico medio dell autostrada in rilevato (circa 2,00 m di altezza), pari a 135 /mq. 15-7

8 Nel caso di ristrutturazione di viabilità esistente (a raso, con recupero o utilizzo diretto del pacchetto di pavimentazione attuale) è stato considerato un costo parametrico di 50 /mq. Per strade secondarie locali di accesso ai fondi, è stato considerato un costo di 75 /mq Altri lavori Per la determinazione dei costi parametrici, unitari o a corpo, delle altre lavorazioni, sono stati utilizzati i prezzi riscontrati in progettazioni di opere analoghe, o sono stati combinati i prezzi relativi al corpo stradale ed alle opere precedentemente indicati Costi ambientali e urbanistici Le mitigazioni ambientali considerate consistono in opere di mitigazione del rumore, costituite da pannelli acustici e da rilevati acustici ; il costo complessivo indicato dagli esperti di settore è di circa 900 /ml di tracciato, calcolato su 40 km di tracciato interessato. La risistemazione ambientale consiste nella creazione, a fini paesaggistici e di ricomposizione degli ecosistemi, di fasce boscate adiacenti al tracciato autostradale; il costo di tale intervento è stato quantificato dagli esperti di settore in /mq, a seconda che si renda necessario o no l esproprio totale del sedime relativo: in questa sede si è ipotizzato l esproprio del 50% delle aree interessate, e quindi un onere di circa /mq, da applicare a 40 km di tracciato. Riguardo alle espropriazioni di edifici, in mancanza della caratterizzazione degli stessi che sarà effettuata in sede di progettazione preliminare, è stato considerato un onere di /cadauno, rappresentativo di una media tra edifici di scarso valore e bassa potenzialità edificatoria ( ) e costruzioni di maggior pregio o con alta potenzialità edificatoria ( ) Quadro Economico Riepilogativo Nella Tab. 15/6 sono riportati i costi di investimento risultanti dal computo sommario delle opere, applicando i costi unitari precedentemente illustrati. Le lunghezze dei tratti in rilevato, scavo, viadotto, galleria artificiale, sono desumibili dalle Tavole 10.2A 10.2F. Come lavori puntuali autostradali vanno considerati: - La demolizione dello svincolo esistente per l Interporto; - La costruzione di quattro nuovi svincoli del tipo a trombetta con relativa stazione di esazione: S. Giovanni in Persiceto, Bologna Interporto, Granarolo, Budrio; - La costruzione della nuova barriera di esazione Bologna Nord; - La demolizione di 2 cavalcavia; - La costruzione di 29 nuovi cavalcavia, per una superficie complessiva, valutata in base alla lunghezza ed alla tipologia della strada interessata, di mq; - La costruzione di 15 nuovi sottopassi; - La realizzazione di svincoli di allacciamento tra il Passante Nord e la A1 (Lavinio), la A13, la A14 (Ozzano) - La ristrutturazione dello svincolo esistente tra la A1 e la A14, con modifica di una rampa esistente e la realizzazione delle due nuove rampe da e per Firenze, con relative opere in viadotto. Per la determinazione del costo degli svincoli è stata considerata la superficie pavimentata, a cui è stato applicato il prezzo di 135 /mq, e quella delle opere, per le quali è stato considerato il prezzo delle opere in viadotto di /mq. Per i tratti di viabilità ordinaria da ristrutturare, e le strade che occorrerà prevedere per l accesso ai fondi, la cui individuazione è rimandata alle successive fasi di progettazione, sono state stimate dalle superfici rispettivamente di mq e , corrispondenti a 5 km circa di entrambe le tipologie. 15-8

9 La superficie di nuove strade e di viabilità complanare è stata stimata in riferimento agli interventi riportati nelle Tavv. 10.2A 10.2F, considerando la lunghezza degli interventi e le dimensioni della sezione stradale che si ritiene verrà adottata. Come già detto, in base all importo complessivo dei lavori e dei costi ambientali e urbanistici così ottenuto, sono stati considerati delle maggiorazioni di costo, dovute in primo luogo a voci oggi non suscettibili di immediata valutazione, che inevitabilmente dovranno essere introdotte in fase di progettazione definitiva/esecutiva (10%, pari a ), e infine alle spese generali di gestione, comprendenti sia le spese di progettazione in generale (onorari per progetto, D.L., adempimenti L. 494/96, S.I.A., studi specialistici, etc.), sia le campagne di indagine (geognostica, idrologica, etc.), sia le spese per la gestione del progetto e dell appalto dei lavori (9%, pari a ). Il costo totale di investimento calcolato assomma a , di cui per lavori ed espropriazioni, e per i maggiori costi suddetti; tutte le voci si intendono al netto dell IVA di legge. 15-9

10 TAB. 15/6 - COSTI DI INVESTIMENTO REALIZZAZIONE PASSANTE NORD DESCRIZIONE UNITÀ DI MISURA QUANTITÀ COSTO UNITARIO COSTO TOTALE (euro/1000) (euro/1000) CORPO AUTOSTRADALE km 40,2 in rilevato km 29, in scavo km 3, in galleria artificiale km 3, in viadotto km 3, Demolizione svincoli esistenti N Costruzione nuovi svincoli per casello N Costruzione stazione esazione N Costruzione barriera esazione N Demolizione cavalcavia N Costruzione cavalcavia mq , Sottovia N Svincolo Lavino a corpo Svincolo A13 a corpo Svincolo Ozzano (A14) a corpo Ristrutturazione Svincolo A1 a corpo Costi di mitigazione e risistemazione ambientale km 40, Compensazioni ambientali a corpo Espropriazioni di edifici N ) TOTALE CORPO AUTOSTRADALE VIABILITA' ORDINARIA E COMPLANARE Ristrutturazione mq ,0 0, Nuova costruzione mq ,0 0, Strade di accesso ai fondi mq ,0 0, Ponti e viadotti mq 7.316,0 1, Sottovia N Rotatorie N ) TOTALE VIABILITA' ORDINARIA ) TOTALE 1) + 2) MAGGIORI COSTI livello di approfondimento 10% spese generali 9% ) TOTALE MAGGIORI COSTI ) TOTALE 3) + 4)

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria SCHEDA TECNICA Autostrada A3 SalernoReggio Calabria Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ammodernamento ed adeguamento al tipo1/a delle norme CNR/80Macrolotto 3 Parte 3 dal Km 173+900 al

Dettagli

Cod.: S10011-SF-CM01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-CM01-0 Data: 15/06/2010 1 METODOLOGIA DI CALCOLO La stima sommaria del costo di costruzione per le varie alternative progettuali è stata valutata prendendo a riferimento l elenco prezzi unitari del Compartimento ANAS per la Viabilità

Dettagli

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO ADEGUAMENTO A 4 CORSIE NEL TRATTO GROSSETO SIENA (S.S. 223 DI PAGANICO ) DAL KM 30+040 AL KM 41+600 LOTTI 5, 6, 7, 8 IL TRACCIATO DELLA

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Sede Compartimentale: V.le dei Mille,36-50131 Firenze - Tel. 055.56401 - Fax. 055.573497

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE . AUTOSTRADA A14: BOLOGNABARITARANTO Ampliamento alla terza corsia del tratto Rimini NordPedaso Tratto CattolicaFano Opere compensative Comune di Fano Progetto definitivo Codice elaborato STP 001 Elenco

Dettagli

TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE

TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE TRASPORTI - PASSANTE DI MESTRE DETTAGLI DEL PROGETTO: Lunghezza del percorso: 33 km Tipo di strada: 3 corsie da 3,75 m ciascuna e corsia di emergenza di 3 m Numero caselli e barriere: 6 Rilevati: 14 tratti

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 13 Prot. 3731/2014 adottata nella seduta del 5 febbraio 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Il Responsabile d Area

Il Responsabile d Area Il Responsabile d Area Visto il Piano Regionale Integrato dei Trasporti (P.R.I.T.) della Regione Emilia Romagna approvato con delibera del Consiglio Regionale n. 1322 del 22/12/99, che per quanto riguarda

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

elaborato di progetto Allegato E scala

elaborato di progetto Allegato E scala elaborato di progetto Allegato E scala SCHEDA FINAZIARIA PER GLI AMBITI NEI QUALI SI APPLICA LA DIFFERIBILITA DEGLI STANDARD (sub ambiti B3.1, B3.2, B3.3 ed APU3/C2) Premessa Il PRG per gli interventi

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA

CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA...3 Premessa...3 Definizione del metodo...3 Determinazione del costo dei lavori inerenti il parcheggio a raso...3 Determinazione del costo dei

Dettagli

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO

QUADRO ECONOMICO 53.927,88 112.412,73 A.II TOTALE ONERI SICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO QUADRO ECONOMICO A-LAVORI A.I TOTALE IMPORTO LAVORI + SICUREZZA 4.825.078,93 Di cui oneri diretti della sicurezza (All. al computo sommario della spesa) Di cui oneri speciali della sicurezza (All. al computo

Dettagli

18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE

18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE 18 NUOVE IPOTESI ALTERNATIVE DI INTERVENTO IL POTENZIAMENTO IN SEDE AUTOSTRADALE E TANGENZIALE 18-1 18.1 Fattibilità tecnica del Potenziamento in sede di A14 e tangenziale 18.1.1 Premessa metodologica

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE WORKSHOP Metodologie di gestione e politiche di investimento per il patrimonio stradale nazionale esistente: attuale insostenibilità, ipotesi di nuovi scenari e linee di intervento GLI INVESTIMENTI SULLA

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 3. STATO DI PROGETTO... 2 3.1 VIABILITA AUTORIMESSA MARCO POLO...3 3.2 VIABILITA PARCHEGGIO SPEEDY PARK...4 3.3 VIABILITA ZONA DARSENA...5 3.4 SEZIONI TIPO

Dettagli

PROVINCIA DELL'OGLIASTRA

PROVINCIA DELL'OGLIASTRA PROVINCIA DELL'OGLIASTRA Dott. Ing. Francesco Piras Dott. ing. Mauro Loi - Dott. Geol. Andrea Puddu INDICE 1. STIMA INTERVENTI...1 2. QUADRO ECONOMICO...6 1 Dott. Ing. Francesco Piras Dott. Geol. Andrea

Dettagli

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PROVINCIALE RAVENNA GREEN ENERGY PROGETTO PRELIMINARE VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI (2) ENERGIA DAI TETTI DI EDIFICI PUBBLICI Il responsabile per

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 Titolo elaborato: STIMA TECNICO ECONOMICA DEGLI INTERVENTI PIANIFICATI Scala: Committente: AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO

Dettagli

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada La manutenzione programmata delle infrastrutture Ing. Roberto Mastrangelo Direzione Centrale Esercizio e Coordinamento del Territorio PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORGANIZZARE UN PRECISO PIANO PER

Dettagli

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano

PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano PROGETTAZIONE ESECUTIVA Passante autostradale variante di Robegano Committente: Passante di Mestre S.C.p.A./Gruppo Adige Bitumi Impresa Esecutrice Lavori: Gruppo Adige Bitumi Periodo Progettazione Esecutiva:

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN SOTTOPASSAGGIO FERROVIARIO AL Km. 294 + 943 DELLA LINEA BOLOGNA - LECCE PROGETTO ESECUTIVO DICEMBRE 2010 ELENCO DEGLI ELABORATI N. NOME DESCRIZIONE ELABORATO 00 ELENCO ELABORATI

Dettagli

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA Le opere oggetto della presente 1 a Perizia di Variante e Suppletiva comportano delle variazioni dell importo contrattuale in aumento, ammesse

Dettagli

INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i.

INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE URBANISTICA VIA MEUCCI, 4 INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i. Progettazione e Costruzione fabbricato per il potenziamento

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto n. 14 MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE COMUNALI Sistemazione strade varie (Variante SUAP Bianchi) Importo quadro economico:. 2.500.000,00 Fonte di finanziamento:

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Opere Stradali e Ferroviarie Opera n. 429 COLLEGAMENTO TRA LA S.S. 47 ED IL PONTE DELLE PALANCHE SUL TORRENTE MASO Telve, 28 novembre 2012 SP 110 SP 31 SP 41 SP 109

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

Collegamento stradale A2-A13 Le varianti adottate dal Consiglio di Stato

Collegamento stradale A2-A13 Le varianti adottate dal Consiglio di Stato Collegamento stradale A2-A13 Le varianti adottate dal Consiglio di Stato Bellinzona, 1 Procedura e partecipazione 1. Costituzione DPP (fautori e avversari V 95) 2. Accordo su obiettivi politici e comprensorio

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA

CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA CALCOLO COMPETENZE DA PORRE A BASE DI GARA QUADRO ECONOMICO opera complessiva A1) Importo presunto lavori A CORPO posti a base d'asta 4 980 000,00 di cui per oneri sulla sicurezza non soggetti a ribasso

Dettagli

Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio

Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 02 aprile 2015 Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 05/2015 Chiedente la revoca della risoluzione del Consiglio comunale dell 8 luglio 2013 con la

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI CANICATTINI BAGNI-PROVINCIA DI SIRACUSA UFFICIO TECNICO COMUNALE OGGETTO: COSTRUZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASSERVITI AD IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE LOCAZIONE FINANZIARIA. PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

11. Implicazioni economiche del Masterplan

11. Implicazioni economiche del Masterplan 11. Implicazioni economiche del Masterplan Il presente capitolo, a conclusione di quanto fin qui esposto si propone di esporre quali sono le implicazioni economiche che il Masterplan, con le indicazioni

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE FABBRICATO DA DESTINARSI A SEDE E MAGAZZINO DISTRETTUALE PER LE ATTIVITA' DI EMERGENZA E PROTEZIONE CIVILE

LAVORI DI REALIZZAZIONE FABBRICATO DA DESTINARSI A SEDE E MAGAZZINO DISTRETTUALE PER LE ATTIVITA' DI EMERGENZA E PROTEZIONE CIVILE REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA CITTA' DI LEGNAGO LAVORI DI REALIZZAZIONE FABBRICATO DA DESTINARSI A SEDE E MAGAZZINO DISTRETTUALE PER LE ATTIVITA' DI EMERGENZA E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice 1 Introduzione... 2 2 Analisi di sicurezza della Galleria Poseidon Ligea... 4 2.1 Individuazione

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice.

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice. RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice Premessa Contenuti del QTE Modalità di stima dei costi Premessa

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 332 ORIGINALE DATA 17/12/2014 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI N 5 PANNELLI INFORMATIVI A MESSAGGIO VARIABILE SUL TERRITORIO COMUNALE DI PONSACCO. REDAZIONE

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica

Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica Facoltà di Architettura L. Quaroni Corso di Valutazione e Sicurezza del progetto Norme e tecnologie della sicurezza a.a. 2009/2010 PARTE 4 Prof. Arch. Armando Bueno Pernica BOZZA DI LAVORO Le slidesseguenti

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 160 Prot. 26446/2011 adottata nella seduta del 19 ottobre 2011 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta: QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta: sinteticità QUESITO n. 3 Quesito n. 3 Risposta: QUESITO n. 4 Quesito n.

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta: QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta: sinteticità QUESITO n. 3 Quesito n. 3 Risposta: QUESITO n. 4 Quesito n. Risposta ai quesiti pervenuti, in merito alla richiesta di chiarimento di carattere tecnicoamministrativo, alla Stazione Appaltante in ordine alla Gara n. 06/2012 - procedura ristretta, ai sensi dell'art.

Dettagli

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE CODICE COMMESSA N 2 LIVELLO PROGETTAZIONE D D.P.R. 554/99 a PROGRESSIVO ELABORATO 4 CATEGORIA OPERA I T NUMERO OPERA REVISIONE R SCALA //// POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA SEREGNO COLLEGAMENTO

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Nodo di Bologna: situazione attuale Traffico attuale 780 treni/g 80.000 passeggeri/g 2 Nodo di Bologna: situazione a fine lavori (dicembre 2013) Traffico

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Treviso

Regione Veneto Provincia di Treviso Regione Veneto Provincia di Treviso Comune di Trevignano DISCARICA PER RIFIUTI INERTI DENOMINATA "POSTUMIA 2" AMPLIAMENTO PROGETTO DEFINITIVO A7 Committente Data: marzo 2010 Cod.: 1423/1 Progetto e Studio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014 Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione Venezia, 8 maggio 2014 La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del costo di costruzione di un opera

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

P R O V I N C I A D I B A R I

P R O V I N C I A D I B A R I P R O V I N C I A D I B A R I SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E TERRITORIO VIA CASTROMEDIANO, 130-70125 - BARI TEL. 080 5412841 - FAX 080 5412872 COLLEGAMENTO DELLE SS.PP. 27 E 201 ALLA S.S. 96 NEI PRESSI DELL

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 SETTORE MOBILITA INDIVIDUAZIONE DELL OPERA SULLA RETE PROVINCIALE

Dettagli

C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico. Allegato 2

C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico. Allegato 2 C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico Allegato 2 PROGETTO PRELIMINARE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA SEDE DI P.LE ACCURSIO, 7 - PALAZZINA A OPERE DI STRAODINARIA MANUTENZIONE,

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Complemento del corridoio autostradale 5 e dei Valichi confinari Tangenziale Sud Brescia: Raccordo autostradale casello di Ospitaletto (A4), di Poncarale e l'areoporto di Montichiari

Dettagli

LINEA ALTA VELOCITA VENEZIA-TRIESTE ANALISI DI CONTESTO

LINEA ALTA VELOCITA VENEZIA-TRIESTE ANALISI DI CONTESTO LINEA ALTA VELOCITA VENEZIA-TRIESTE ANALISI DI CONTESTO Sin dai primi anni 90 la Comunità Europea ha individuato nell aumento della mobilità in ambito continentale una delle principali strategie per il

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Contratto d Area/Patto Territoriale: Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: 1. Nome identificativo dell

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI ANTINTRUSIONE E DI ILLUMINAZIONE ARTISTICA E DI SERVIZIO DEL SACRO MONTE DI CREA

REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI ANTINTRUSIONE E DI ILLUMINAZIONE ARTISTICA E DI SERVIZIO DEL SACRO MONTE DI CREA Regione Piemonte Parco naturale e Area attrezzata del Sacro Monte di Crea (Ente di diritto pubblico - Legge Regionale 28.01.80, n. 5) 15020 Ponzano Monferrato REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI ANTINTRUSIONE

Dettagli

Ne consegue per l intero intervento: - opere di sistemazione esterna:. 2.500.000,00 circa - edifici. 8.000.000,00 circa sommano. 10.500.

Ne consegue per l intero intervento: - opere di sistemazione esterna:. 2.500.000,00 circa - edifici. 8.000.000,00 circa sommano. 10.500. Il calcolo sommario della spesa è stato effettuato a termini dell art. 23 del D.P.R. 554/99 come segue: a) per quanto concerne le opere o i lavori, applicando parametri desunti da interventi similari realizzati;

Dettagli

LAGS LABORATORIO PER IL GOVERNO DELLA SICUREZZA STRADALE

LAGS LABORATORIO PER IL GOVERNO DELLA SICUREZZA STRADALE INDICAZIONI PARAMETRICHE SUI COSTI DELLE ROTATORIE ED ANALISI COSTI-BENEFICI Torino, 14 dicembre 2009 ALBERTO ing. Dario TORINO, 14/12/2009 1 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI SUI COSTI DELLE ROTATORIE VARIABILITA

Dettagli

Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano. I primi Km nel «BIM»

Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano. I primi Km nel «BIM» Ativa Engineering Ing. Vitantonio Palmisano I primi Km nel «BIM» A5 TORINO - QUINCINETTO LA RETE ATIVA Autostrada Torino Ivrea Valle d Aosta S.p.A.ATIVA 305 DIPENDENTI A4/A5 IVREA - SANTHIA MILANO ATIVA

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE parte integrante dell'elaborato grafico allegato al presente Elaborato

Dettagli

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in:

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in: Premessa Il presente studio interessa la Variante V2R0 - maggio 2010 del progetto preliminare delle tratte di completamento nel territorio della Provincia di Trento, inserite nel progetto di potenziamento

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81B03000120001 Rete stradale ANAS

Dettagli

SCHEDA N. 92 CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE H61B0100018000. Rete stradale

SCHEDA N. 92 CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE H61B0100018000. Rete stradale SISTEMI URBANI Accessibilità stradale Fiera Milano - Raccordo autostradale di collegamento della SP 46 "Rho-Pero" e della SS 33 del Sempione - Realizzazione di un asse principale di collegamento congiuntamente

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento Tracciato e impatti sul territorio www.notavbrennero.info 3.12.2014 Il quadro progettuale complessivo 2003-2014 Tracciatototale circa 218-219 km

Dettagli

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Progetto esecutivo N. di progetto: MI14/012 Progettazioni Codice: 5 ESE N. Elaborato rev. 2 D T G 0 1 0 4 3 1 REV. Data Oggetto Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Contratto quadro per lavori

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli