CARTA DEI SERVIZI. DISTRETTO SOCIO SANITARIO UOC CURE PRIMARIE UOS Coordinamento Strutture Residenziali Intermedie Hospice Casa Tua 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI. DISTRETTO SOCIO SANITARIO UOC CURE PRIMARIE UOS Coordinamento Strutture Residenziali Intermedie Hospice Casa Tua 2"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UOC CURE PRIMARIE UOS Coordinamento Strutture Residenziali Intermedie Hospice Casa Tua 2 Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Dipartimento Distretto Socio Sanitario Unità operativa complessa U.O.C Cure Primarie Unità operativa U.O.S. Coordinamento Strutture Residenziali Intermedie Servizio Hospice Casa Tua 2 Dirigente dr.ssa Giusi Da Pra Documento emesso il Rev. 8 Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione Gruppo lavoro Giusi Da Pra Stefano Pariset Giuseppe Zanne Silvia Funes Nova URP Patrizia Milani Direttore Distretto Socio Sanitario Sandro De Col Direttore UOC Cure Primarie Giampaolo Ben Fac simile realizzato da ufficio qualità/urp - rev. 7 del 14/07/2015

2 INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 Di cosa ci occupiamo Pag. 3 Missione e principi Pag. 3 Obiettivi Pag. 4 Le caratteristiche della Struttura Pag. 5 Modalità di accesso Pag. 5 La dimissione Pag. 6 L equipe Pag. 6 Comfort Pag. 7 Operatori Pag. 7 Tutela dell ambiente Pag. 8 Sicurezza antincendio Pag. 8 Come contattarci Pag. 8 Come arrivare alla struttura Pag. 9 Segnalazioni Pag. 10 Riservatezza Pag. 10 Aggiornamenti e revisioni Pag. 10 Diritti e doveri dei pazienti Pag. 11 Sintesi delle modifiche Pag. 11 Indicatori della Qualità Pag. 11 Pagina 2 di 11

3 PREMESSA La presente carta dei servizi, redatta in coerenza con i principi e i contenuti definiti nella Carta dei Servizi dell Azienda ULSS n. 1 (si veda è rivolta agli utenti allo scopo di fornire loro indicazioni relativamente a servizi erogati, modalità di accesso alle prestazioni, riferimenti logistici, personale dell'unità Operativa, modalità per la segnalazione di eventuali reclami e/o suggerimenti ed altro. PRESENTAZIONE L Hospice Casa Tua Due di Belluno, è il Centro Residenziale per le Cure Palliative dell ULSS n.1 di Belluno dedicato ad accogliere pazienti con malattia in fase avanzata e progressiva che, per complessità clinica e/o per mancanza anche solo temporanea di adeguato supporto familiare o sociale, non possono essere assistiti a domicilio. Si tratta di una struttura sanitaria extraospedaliera, afferente al Distretto Socio-sanitario dell ULSS 1 Belluno, ideata e realizzata in coerenza con la DGRV 2989/2000, quale atto d indirizzo regionale alle Aziende Sanitarie per l assistenza al malato affetto da malattia inguaribile in fase avanzata e lo sviluppo delle Cure Palliative. Il servizio è ad alto contenuto umanitario e finalizzato, prioritariamente, alla tutela della qualità della vita dei suoi ospiti. L Hospice è posto a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale; il paziente e la sua famiglia non sono i soggetti ad alcun onere finanziario per il periodo di permanenza. DI COSA CI OCCUPIAMO le Cure Palliative Le Cure Palliative sono cure attive e complete dei pazienti, in un momento in cui la malattia non risponde più ai trattamenti di cura e quando il controllo del dolore o di altri sintomi e dei problemi di carattere psicologico, sociale e spirituale è fondamentale. Complessivamente lo scopo delle Cure Palliative è dare al paziente ed ai suoi familiari una migliore qualità di vita. Le Cure Palliative affermano la vita e considerano la morte come un processo normale. Le Cure Palliative danno importanza al sollievo dal dolore e da altri sintomi, integrano gli aspetti fisici, psicologici e spirituali della cura del paziente, offrono un sistema di assistenza al malato perché possa vivere in modo attivo fino alla morte, e un sistema di sostegno alle famiglie per aiutarle ad affrontare la malattia e il lutto. (WHO Organizzazione Mondiale della Sanità). Le Cure Palliative specialistiche si caratterizzano per: la valorizzazione delle risorse del paziente e della sua famiglia; la molteplicità delle figure coinvolte nel piano di cura; il pieno rispetto dell autonomia e dei valori della persona malata; l inserimento efficace nella rete dei servizi sanitari e sociali; l intensità e la complessità assistenziale; la continuità della cura. MISSIONE E PRINCIPI - La nostra MISSIONE: fornire i servizi di assistenza e cura propri delle Cure Palliative; Pagina 3 di 11

4 promuovere il benessere dei malati nella libertà dal dolore; offrire al paziente e alla sua famiglia un assistenza ad elevato contenuto di umanità; rispettare l autonomia del paziente e della sua famiglia nel compiere in libertà le scelte rispetto ai bisogni sanitari presenti e futuri; identificare ed affrontare i problemi fisici, emotivi, spirituali, familiari e sociali che possono ripercuotersi sul nucleo familiare; preparare il nucleo familiare, sostenendolo sul piano fisico, psicologico e spirituale a riconoscere la morte come parte normale della vita; offrire ai familiari un sostegno al lutto, continuato nel tempo secondo necessità. - I nostri PRINCIPI: CENTRALITÀ DEL MALATO Ogni paziente riceve in Hospice le cure necessarie secondo un piano di intervento personalizzato, centrato su ciò che maggiormente lo disturba e comprensivo di tutto quanto può essere effettuato per offrirgli la qualità di vita più accettabile possibile, tenuto conto dei suoi desideri ed abitudini. CONSENSO INFORMATO Una informazione chiara e corretta sullo stato clinico e sulle terapie proposte consente al paziente di decidere consapevolmente e collaborare attivamente alla cura. La modalità seguita è quella del consenso informato e si riferisce sia alla volontà della persona di accedere all Hospice, sia alla condivisione degli obiettivi delle cure. UNITÀ DI CURA MALATO-FAMIGLIA Il piano di cura e l ambiente stesso dell Hospice sono pensati per favorire la presenza dei familiari e l intimità, con il massimo comfort possibile per chi assiste la persona malata. Lo staff infermieristico offre ai familiari presenti e disponibili una costante consulenza per la gestione dei principali presidi sanitari e sulle modalità più utili di affrontare i principali bisogni della persona malata. GLOBALITÀ DELLA PERSONA E DEI SUOI BISOGNI (psicologici, sociali, spirituali) Il piano di intervento mira a migliorare la qualità di vita da un punto di vista fisico e sintomatologico, ed anche a sostenere la persona e la sua famiglia in tutti gli aspetti della vita quotidiana sia pratici (organizzativi, socio-assistenziali, accesso a possibili benefici, ecc.), sia emotivi: dubbi, paure, ansia derivanti dalla malattia e dai suoi esiti. OBIETTIVI L Hospice si propone di : Realizzare un programma personalizzato di Cure Palliative orientato a migliorare la qualità di vita del paziente affetto da una malattia inguaribile. Proporre al paziente una valida alternativa al proprio domicilio quando questo non sia temporaneamente o definitivamente adeguato ad accoglierlo. Costituire una pronta offerta assistenziale che permetta di evitare il ricorso ai ricoveri ospedalieri impropri. Offrire un luogo temporaneo di degenza come supporto alle famiglie esauste per alleviarle dalla cura del proprio congiunto. Approntare un piano di cure che consenta la successiva gestione del malato al domicilio. Accompagnare alla morte, preparare e sostenere i familiari nel lutto. Proporre e realizzare iniziative di formazione professionale allo scopo di diffondere la sensibilità e le competenze degli operatori sanitari rispetto alle cure palliative e di fine vita. Pagina 4 di 11

5 LE CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA L Hospice è una struttura autonoma, priva di barriere architettoniche, collocata nell area verde dell Ospedale San Martino di Belluno. Comprende 8 mini-alloggi dotati ciascuno di due letti (per il paziente e per un familiare), un bagno attrezzato e una cucinetta. Ogni alloggio ha un accesso indipendente al giardino, dispone di televisore, radio-riproduttore CD, telefono e climatizzazione. La struttura si compone, inoltre, di un ufficio-accettazione, un infermeria, due studi, un ambulatorio medico, un soggiorno centrale con libreria, un salottino e una piccola cappella. MODALITÀ DI ACCESSO All Hospice si accede previa valutazione di un équipe multidisciplinare composta da: direttore del Distretto Socio Sanitario o dirigente medico delegato con funzione di responsabile della UVMD (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale); medico curante; medico responsabile della UOCP (Unità Operativa di Cure Palliative); medico responsabile dell Hospice; assistente sociale dell Hospice; psicologa dell Hospice; infermiere coordinatore dell Hospice. La proposta di accoglienza in Hospice può essere formulata da chiunque ne rilevi la necessità: - medico di medicina generale; - medico ospedaliero; - familiare; - ammalato stesso; - assistente sociale. È sufficiente la compilazione di un apposito modulo con una sintetica descrizione clinica, che deve essere trasmesso alla COT (Centrale Operativa Territoriale) tramite: fax: È importante che la richiesta sia sottoscritta dal malato, se questi è in grado di firmare. Tale firma non impegna il paziente ad accedere alla struttura, ma esprime soltanto il consenso alla valutazione multidimensionale. I criteri previsti per l accoglienza in Hospice sono i seguenti: malattia in fase avanzata, con limitata aspettativa di vita residua (inferiore ai 6 mesi); indice di Karnofsky uguale o inferiore a 50 (è un punteggio che si riferisce al grado di compromissione dell autonomia personale); esaurimento di ogni intervento con finalità terapeutiche, medico o chirurgico; impossibilità di controllo adeguato dei sintomi a domicilio; impossibilità di trattamento domiciliare per inadeguatezza della casa o mancanza di supporto familiare. Rappresentano criteri di priorità per l ammissione le seguenti situazioni: Pagina 5 di 11

6 paziente non in fase agonica; comparsa di un quadro sintomatologico non controllabile a domicilio; mancanza improvvisa e/o contingente di riferimento familiare; inadeguatezza strutturale del domicilio; necessità per i familiari di un periodo di sollievo ; residenza nell ambito territoriale dell ULSS 1. N.B. A parità di gravità e bisogni, è data la precedenza agli ammalati che al momento sono assistiti a domicilio. Le persone residenti in altra ULSS, che presentano i criteri previsti, possono essere accolte previa l autorizzazione da parte del direttore del Distretto Socio Sanitario territorialmente competente. LA DIMISSIONE L équipe multiprofessionale (UVMD) che decide le ammissioni e formula le liste d attesa, programma altresì le dimissioni, quando possibili, valutando i bisogni del paziente-famiglia e attivando un piano di assistenza infermieristica e/o medica compatibile con la gestione domiciliare. L EQUIPE L équipe dell Hospice è composta da: un medico palliativista con incarico di coordinamento del personale; un medico responsabile clinico; un gruppo di medici consulenti per le cure palliative; un coordinatore del personale infermieristico; un gruppo di infermieri ed operatori socio-sanitari addetti all assistenza una psicologa; un assistente sociale; una fisioterapista; un assistente spirituale; volontari della Associazione Francesco Cucchini (Onlus). Il paziente può richiedere di contattare, direttamente o mediante il medico dell Hospice, eventuali curanti di sua fiducia per consulenze. La psicologa, presente il martedì e giovedì pomeriggio, nonché il mercoledì e venerdì mattina, è a disposizione di malati e familiari per offrire il suo sostegno sia in forma diretta, sia attraverso la consulenza al personale sanitario. L assistente sociale è presente il martedì e giovedì pomeriggio con funzioni di: valutazione delle richieste di accoglienza in Hospice; sostegno al malato e ai familiari; consulenza ed orientamento sulle risorse attivabili sia istituzionali che informali; raccordo con i servizi sociali del territorio di competenza del malato; tutela dei membri deboli del nucleo familiare. Sia con la psicologa che con l assistente sociale è possibile effettuare colloqui in orari diversi da quelli di presenza in struttura, concordandoli direttamente o facendone richiesta al personale presente. Pagina 6 di 11

7 L assistente spirituale si prende cura della dimensione spirituale degli ospiti e dei familiari, cioè dell insieme di esigenze che portano a cercare una risposta alle domande radicali della vita umana. Con l ascolto, il colloquio e la preghiera egli è in grado di fare emergere queste domande e di aiutare a cercare risposte adeguate. Su richiesta dei malati è prevista la presenza in hospice di pastori o di figure spirituali di altre confessioni/ religioni. Un gruppo di volontari selezionati e preparati attraverso appositi corsi (della Associazione F. Cucchini ) collabora quotidianamente con gli operatori nell assistenza ai malati, effettua per loro eventuali piccole commissioni e, se l ammalato lo gradisce, offre un po di compagnia. L organizzazione prevede riunioni settimanali del gruppo direttivo con lo staff distrettuale, in cui vengono valutate le richieste di accoglienza ed eventuali dimissioni (UVMD). L équipe si riunisce settimanalmente in forma ristretta e quindicinalmente in forma estesa per discutere le problematiche di ciascun paziente e formulare o modificare i piani di intervento, nonché gli aspetti organizzativi e relazionali relativi alla gestione della struttura. I COMFORT Gli ambienti sono tali da consentire la riservatezza degli spazi, sono privi di barriere architettoniche e gli arredi sono di tipo domestico e non ospedaliero. È possibile personalizzare l alloggio con oggetti (fotografie, quadri, immagini religiose ). L ospite può inoltre tenere con sé piccoli animali di particolare significato e valore affettivo, purché non negli spazi di uso comune. Sono disponibili TV, videoregistratore, impianto stereo. Compatibilmente con le indicazioni mediche gli ospiti possono, nell ambito del menù giornaliero, scegliere i pasti che vengono preparati dalla cucina dell ospedale. Anche il familiare presente può usufruire del servizio ristorazione previo acquisto dei buoni-pasto presso la cassa centrale dell Ospedale. Il costo è di Euro 6,50 per ciascun pasto. Al di fuori degli orari dei pasti è eventualmente possibile riscaldare le vivande (forno a microonde). Nella cucinetta del singolo alloggio è a disposizione quanto necessario (stoviglie, pentolame) per la eventuale preparazione di pasti. Possono inoltre essere richiesti spuntini fuori orario. Le visite agli ospiti sono consentite senza limitazioni di orario, nel rispetto dei desideri del malato e dei diritti degli altri ospiti. È possibile richiedere i servizi (a proprie spese) di barbiere, parrucchiera e podologo, tramite il personale. Per tutte le informazioni di tipo sanitario è necessario rivolgersi ai medici, concordando i relativi colloqui con il personale. OPERATORI Nominativo Stefano Pariset Giuseppe Zanne Lorenzo Bernardi Dagmar Dannhäuser Olga Lotto Funzione Medico palliativista con incarico di coordinamento del personale Medico Responsabile Clinico Medico Medico Coordinatore infermieristico Pagina 7 di 11

8 Leonardo Stiz Silvia Funes Nova Elena Rocchi don Alessio Strapazzon Psicologo Assistente Sociale Fisioterapista Assistente spirituale TUTELA DELL AMBIENTE L Hospice pone molta attenzione al riciclo e allo smaltimento differenziato dei rifiuti, sia ordinari che speciali, in osservanza alle norme nazionali ed europee. SICUREZZA ANTINCENDIO L Hospice Casa tua due è dotato di un sistema di sicurezza antincendio in base al quale: è operativo un sistema di rilevazione di fumo e antincendio; idranti ed estintori sono indicati da appositi cartelli e nelle planimetrie esposte; le uscite di sicurezza sono individuate da luci di emergenza e segnalate nei percorsi di fuga; le uscite più vicine sono identificabili con facilità osservando le planimetrie esposte nei locali; il piano di emergenza e di evacuazione prevede l intervento del personale preposto, per assistere e guidare gli ospiti, i visitatori ed il personale. COME CONTATTARCI tutte le informazioni possono essere richieste contattando direttamente il personale dell Hospice: tel fax Per eventuali donazioni a favore di Casa Tua Due: CODICE IBAN : IT 37 F Pagina 8 di 11

9 COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Ospedale "San Martino di Belluno Sede: viale Europa n Belluno In automobile Dal Cadore SS 51 Alemagna. Dall Agordino SR Dal Feltrino SS 50. Da Venezia Autostrada A27 uscita a Pian di Vedoia. Posteggi Auto fronte Ospedale e all interno dell area ospedaliera. In autobus La linea R urbana collega la locale stazione ferroviaria all'azienda Ospedaliera. Fermata all interno dell area ospedaliera, vicina all ingresso principale. In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Belluno, a circa 2 km con mezzi di locomozione e poche centinaia di metri a piedi tramite un sottopasso, con collegamenti continui di corriere e autobus. Posteggio taxi di fronte all'ingresso principale della stazione - telefono taxi: / Fermata/capolinea Autobus vicino all'ingresso principale della stazione. Pagina 9 di 11

10 SEGNALAZIONI L'Unità Operativa (o il Servizio) garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità di presentare osservazioni, opposizioni e reclami (segnalazioni) che rilevano situazioni di disservizio e atti o comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilità delle prestazioni, anche rispetto a quanto contenuto nella presente Guida ai servizi. Il cittadino che intenda inoltrare una segnalazione (compresi i suggerimenti, le proposte e gli apprezzamenti) può procedere nei seguenti modi: Segnalazione scritta È possibile compilare l'apposita scheda (disponibile presso tutte le Unità Operative e i Servizi) oppure scrivere una lettera. La scheda o la lettera possono essere spedite per posta: Al Direttore Generale dell'ulss 1 - via Feltre, Belluno", oppure consegnate direttamente al personale dell'unità Operativa (o del Servizio), che provvederà all inoltro alla Direzione Generale. Le segnalazioni possono anche essere inviate via fax allo o via all indirizzo: È anche possibile recarsi di persona all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) per compilare, con l assistenza di un operatore, la scheda di segnalazione. L'URP provvederà a gestire la procedura di reclamo e a darne riscontro all'interessato. Segnalazione orale È possibile contattare l'urp telefonando al numero verde oppure allo /98. Regolamentazione La procedura e le modalità di presentazione delle segnalazioni sono definiti dal Regolamento di Pubblica Tutela, disponibile presso l'ufficio Relazioni con il Pubblico e contenuto nella Carta dei Servizi dell'ulss 1 Belluno consultabile all'indirizzo Internet RISERVATEZZA Tutela dei dati personali Ai sensi D.Lgs. 196/2003 il Direttore di questa Unità Operativa è il responsabile del trattamento dei dati personali su delega del titolare; garantisce di rispettare e far rispettare le regole di segretezza e riservatezza dei dati sensibili relativi ai destinatari della prestazione e dei servizi erogati. Per ulteriori informazioni relativamente alle modalità di trattamento dei dati personali è possibile rivolgersi al Servizio Convenzioni della ULSS n. 1 di Belluno (via Feltre, Belluno - tel / Fax ). AGGIORNAMENTI E REVISIONI La versione più aggiornata di questa Carta dei Servizi è disponibile sul sito Internet aziendale: Pagina 10 di 11

11 DIRITTI E DOVERI DEI PAZIENTI La Carta dei diritti e dei doveri dei pazienti e dei loro congiunti è disponibile a questo indirizzo: SINTESI DELLE MODIFICHE Revisione Data Descrizione modifiche 0 Prima Emissione Indicatori di qualità, modifiche al documento, registro di trasmissione tutela dei dati personali, tutela ambiente, sicurezza antincendio nominativi operatori, ruolo dell assistente spirituale, revisione testo come arrivare alla struttura giorni di presenza psicologa ed assistente sociale inserimento dei punti: Introduzione e Cure palliative correzione indice, revisione grafica, formale e di aderenza al format aziendale Revisione livelli gerarchici organizzativi della Struttura, nominativi operatori e ruoli, revisione format aziendale INDICATORI DELLA QUALITÀ INDICATORE* NOSTRE PRESTAZIONI Tempo medio di attesa fra la segnalazione del caso e l'accoglienza 2-3 giorni Tasso di utilizzo dei posti letto in hospice 85% Numero posti letto in hospice / popolazione potenziale 8/ ab. Durata media della permanenza in hospice 22 giorni Percentuale di pazienti accolti con Karnofsky Performance Status <= 40 90% Utilizzo di protocolli di valutazione multidimensionale 100% Disponibilità medica 24 ore su 24, 365 giorni l'anno presente Percentuale di famiglie contattate ad 1 mese di distanza dal decesso del 95% congiunto Utilizzo sistematico di questionari di soddisfazione per il 100% delle dimissioni n di operatori che hanno partecipato a corsi di fo rmazione specifica nell'anno 16/18 / n operatori impiegati nella struttura Percentuale di operatori con formazione specifica in cure palliative 90% *come da elenco indicatori per le Cure Palliative elaborato dalla commissione Stato-Regioni e SICP Pagina 11 di 11

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore

Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Salute della donna e del bambino Direttore CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Ospedale San Martino - Belluno Unità operativa/servizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE

CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ser.D Servizio Dipendenze - Belluno dr.ssa Amalia Manzan Dipartimento delle Dipendenze

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ser.D Servizio Dipendenze - Belluno dr.ssa Amalia Manzan Dipartimento delle Dipendenze CARTA DEI SERVIZI Ser.D - Servizio Dipendenze Belluno Struttura Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Unità operativa/servizio Responsabile Dipartimento Direttore Documento emesso il Redazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. U.O.C. NEFROLOGIA E DIALISI U.O.S. TERAPIA DIALITICA EXTRACORPOREA Ospedale Giovanni Paolo II di Pieve di Cadore

CARTA DEI SERVIZI. U.O.C. NEFROLOGIA E DIALISI U.O.S. TERAPIA DIALITICA EXTRACORPOREA Ospedale Giovanni Paolo II di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI U.O.C. NEFROLOGIA E DIALISI U.O.S. TERAPIA DIALITICA EXTRACORPOREA Ospedale Giovanni Paolo II di Pieve di Cadore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura Ospedale

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi

Dettagli

PREMESSA PRESENTAZIONE DI COSA CI OCCUPIAMO Vigilanza: Attività sanitarie: Attività amministrative - autorizzative:

PREMESSA PRESENTAZIONE DI COSA CI OCCUPIAMO Vigilanza: Attività sanitarie: Attività amministrative - autorizzative: INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 Di cosa ci occupiamo Pag. 4 Le caratteristiche del Servizio Pag. 3 Come contattarci Pag. 4 Operatori Pag. 5 Come arrivare alla struttura Pag. 5 Segnalazioni

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino - Belluno Terapia Antalgica e Cure palliative nto

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino - Belluno Terapia Antalgica e Cure palliative nto CARTA DEI SERVIZI UNITA' OPERATIVA DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE... Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino - Belluno Terapia

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. CENTRO SANITARIO POLIFUNZIONALE DI AURONZO DI CADORE U. O. S. Strutture Residenziali Intermedie Ospedale di Comunità

CARTA DEI SERVIZI. CENTRO SANITARIO POLIFUNZIONALE DI AURONZO DI CADORE U. O. S. Strutture Residenziali Intermedie Ospedale di Comunità CARTA DEI SERVIZI CENTRO SANITARIO POLIFUNZIONALE DI AURONZO DI CADORE U. O. S. Strutture Residenziali Intermedie Ospedale di Comunità Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Direttore Sistema

Dettagli

INDICE. Pagina 2 di 12

INDICE. Pagina 2 di 12 INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 Di cosa ci occupiamo Pag. 3 Il lavoro della Centrale Operativa sul territorio Pag. 4 Prestazioni offerte Pag. 6 Erogazione dei Servizi Pag. 9 Come contattarci

Dettagli

Struttura Unità operativa Servizio Responsabile Documento emesso il 01.10.2014 Rev. 1 Iter d approvazione Redazione Verifica Approvazione

Struttura Unità operativa Servizio Responsabile Documento emesso il 01.10.2014 Rev. 1 Iter d approvazione Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA INFANZIA ADOLESCENZA FAMIGLIA CONSULTORIO FAMILIARE PIEVE DI CADORE Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Distretto Socio-Sanitario

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Centro Sanitario Polifunzionale di Auronzo di Cadore Ospedale di Comunità dottor Sandro De Col

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Centro Sanitario Polifunzionale di Auronzo di Cadore Ospedale di Comunità dottor Sandro De Col CARTA DEI SERVIZI CENTRO SANITARIO POLIFUNZIONALE DI AURONZO DI CADORE U. O. Ospedale di Comunità Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Centro Sanitario

Dettagli

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ed ATTIVITA DISTRETTUALI I quadri sono stati eseguiti dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari e donati all

Dettagli

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa gestito da parte di Casa Albergo per Anziani per conto dell Az. Ulss 18 di Rovigo Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera CARTA DEI SERVIZI U.O.C. DIREZIONE DI OSPEDALE Ospedale del Cadore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera Ospedale del Cadore Dipartimento Struttura Unità operativa

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. DIPARTIMENTO INERAZIENDALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI MEDICINA TRASFUSIONALE Ospedale di Belluno

CARTA DEI SERVIZI. DIPARTIMENTO INERAZIENDALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI MEDICINA TRASFUSIONALE Ospedale di Belluno CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO INERAZIENDALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI MEDICINA TRASFUSIONALE Ospedale di Belluno Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Direttore

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino di Belluno Dipartimento di Medicina Specialistica UOC di Pneumologia

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino di Belluno Dipartimento di Medicina Specialistica UOC di Pneumologia CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI PNEUMOLOGIA Ospedale San Martino di Belluno Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Direttore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Ospedale Unità Operativa Pronto Soccorso Dipartimento Emergenza/urgenza Direttore

Ospedale Unità Operativa Pronto Soccorso Dipartimento Emergenza/urgenza Direttore CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO Ospedale San Martino di Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura Ospedale Unità Operativa Pronto Soccorso Dipartimento

Dettagli

organizzarci nel modo più chiaro ed efficace, evitando inutili complicazioni

organizzarci nel modo più chiaro ed efficace, evitando inutili complicazioni La Carta dei Servizi Con questa carta dei servizi ci impegniamo a : dare il massimo delle nostre capacità professionali, della nostra umanità, della nostra attenzione, del nostro ascolto organizzarci nel

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DIOCULISTICA Ospedale di Belluno

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DIOCULISTICA Ospedale di Belluno CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DIOCULISTICA Ospedale di Belluno Struttura Unità operativa/servizio Dipartimento Direttore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino di

Dettagli

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA )

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA ) IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 La tabella riporta gli impegni (o obiettivi di qualità) che l Azienda vuole garantire nella erogazione dei servizi e delle prestazioni.

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14

Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 HOSPICE VIA DELLE STELLE REGGIO CALABRIA Mod. CDS Rev. 2 Data 01.08.11 Pagina 1 di 14 La carta dei servizi è il documento che la legge italiana ha voluto realizzare nel processo di innovazione dei rapporti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica.

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. IRCCS AOU San Martino IST Genova Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. Valtournenche, Aosta Il ricovero in hospice può essere permanente e si attua

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI STRUTTURA TRASFUSIONALE E DIPARTIMENTO TRASFUSIONALE PROVINCIALE Ospedale di Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Unità Operativa Direttore f.f. Ospedale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. UNITA' OPERATIVA DI Servizio Veterinario di sanità animale e igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche.

CARTA DEI SERVIZI. UNITA' OPERATIVA DI Servizio Veterinario di sanità animale e igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche. CARTA DEI SERVIZI UNITA' OPERATIVA DI Servizio Veterinario di sanità animale e igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche.(area A/C) Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione

Dettagli

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO CURE PALLIATIVE Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO Aderente alla Federazione Cure Palliative Onlus

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Semiresidenza psichiatrica il Sole

Semiresidenza psichiatrica il Sole Semiresidenza psichiatrica il Sole Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Un contributo di A. Zaro (Direttore Generale), E. Maccianti (Direttore Sanitario), T.Bernacchi (Psicologo) e M. Mainini (Assistente Sociale),

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

HOSPICE CASA GEROSA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA EQUIPE E SEDE

HOSPICE CASA GEROSA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA EQUIPE E SEDE HOSPICE CASA GEROSA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L Hospice è una struttura di degenza che accoglie pazienti oncologici, in fase avanzata di malattia che, per intensità di sintomi o per impossibilità,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Bisogni del paziente in cure palliative

Bisogni del paziente in cure palliative Bisogni del paziente in cure palliative Amore Sicurezza Comprensione Accettazione Autostima Fiducia Problemi del malato PAURA: di morire; che il dolori diventi incontrollabile, di perdere l autocontrollo,

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 01 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 01 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO Il

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Dal curare al prendersi cura

Dal curare al prendersi cura Dal curare al prendersi cura Etica delle cure palliative in oncologia 1 Le cure palliative Le cure palliative iniziano nel momento in cui si comprende che ogni malato ha la sua storia personale, specifiche

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino di Belluno. Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino di Belluno. Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI UNITA' OPERATIVA DI PEDIATRIA Ospedale San Martino di Belluno Struttura Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Ospedale San Martino di Belluno Unità operativa/servizio Pediatria

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 1 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L Unità organizzativa Residenzialità Territoriale garantisce agli utenti ed ai suoi famigliari un servizio sul percorso per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 1 / 8 Carta Serv. CSC 02 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 2 / 8 Carta Serv. CSC 02 REV 0 del 26/11/2015 Chi siamo Il Consorzio

Dettagli

Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA)

Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA) Carta dei Servizi Consorzio Privatassistenza Cooperativa LA LUCE Via Roma 49, 21053 Castellanza (VA) PAGINA 2 CARTA DEI SERVIZI Indice 2 Premesse 2 Principi della Carta dei Servizi 3 Obiettivi dei Servizi

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc.

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. www.associazioneconnoi.it Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. 94050740540 Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli