Noi e gli altri...ospiti, non stranieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noi e gli altri...ospiti, non stranieri"

Transcript

1 Mensile redatto dagli studenti del Liceo Classico Leoniano Anno IV Numero 8 - Ottobre 2010 FONDATO DA MARCO CECILI E FRANCESCO CARLETTI NUOVO SITO! Direttore Gabriele Russo Russo Vicedirettore Danilo Bucciarelli Caporedattore Daniele Rodolico Una riflessione sul rapporto che la cultura e la tecnologia impongono con lo xenos Noi e gli altri...ospiti, non stranieri L importanza delle iniziative, come quella dei gemellaggi, per la crescita di tutti noi Prof.ssa Claudia Fantini Quando abbiamo scritto i progetti per i Partenariati Bilaterali Comenius non eravamo certi di riuscire ad ottenerli, anzi tutt altro. Dicevamo fra noi che probabilmente quest anno non ci sarebbero stati soldi da investire sui giovani, visto il periodo di crisi economica che tutta la Comunità Europea sta attraversando. Grande è stata, quindi, la sorpresa quando ce ne siamo visti approvare non uno solo ma due: con la Repubblica Ceca e con la Grecia. Mi sono chiesta, allora, come mai tanti sforzi venissero fatti per favorire la mobilità dei giovani. Mi dicevo, infatti, che oggi i giovani si possono muovere molto di più di anni fa. Che grandi distanze con i nuovi mezzi di trasporto si possono coprire in poche ore. Inoltre i nuovi media ci hanno messo in contatto con il mondo. Possiamo chattare con persone che vivono all altro capo del mondo, possiamo vedere con Google Map qualsiasi luogo del mondo. E attraverso il satellitare possiamo vedere precisamente come è ubicata una casa o una scuola, ad esempio, in Australia. Perché allora tanti sforzi per promuovere i viaggi dei giovani e la loro conoscenza dell Europa. La risposta è venuta proprio all interno della scuola. La paura per l altro, del diverso da noi, è più forte che mai. Lo xenos, lo straniero, crea disagio, anche se, nel primo incontro sul gemellaggio con la Grecia, ci facevano notare che il termine xenos, in greco (sia antico che moderno), vuol dire anche ospite. Quindi straniero che, in quanto tale, è ospite. Riflettevo allora sul fatto che tanti anni sono passati senza che grandi passi avanti siano stati fatti. La vicinanza virtuale che ci regalano Google Maps, Skype, Facebook, i blog e i siti internet... (...) Segue a pagina 3 Via Rotabile S. Francesco Anagni (FR) Via Aldo Moro, Frosinone Quando un assassino ti siede accanto Viviana Astazi Perché? È questa la domanda ricorrente nelle ultime settimane con la soluzione (probabilmente non definitiva) del caso Scazzi; è questo il quesito che si pongono magistrati, Carabinieri, conoscenti: cos è che spinge un uomo ad agire come lo zio di Sarah? E gli interrogativi non finiscono qui. Qualcuno sapeva? Si cercherà di chiarire ciò in tribunale. (...) Segue a pag. 6 Polemiche sui Premi Nobel A PAGINA 7 Discussioni dopo l assegnazione del Nobel per la Pace a un dissidente politico cinese e quello per la Medicina a Edwards, padre della fecondazione artificiale. Formula Uno: a un passo dal titolo A PAGINA 14 Fernando Alonso, vincitore in Corea, in testa alla classifica nel Mondiale di Formula Uno, quando mancano solamente due Gran Premi al termine della stagione.

2 2 Scuola Ottobre 2010 I l 1 3 o t t o b r e i l I l i c e o h a s e g u i t o a R o m a u n a l e z i o n e - s p e t t a c o l o I m p a r a r e S h a k e s p e a r e d a l v i v o I n s c e n a a l G l o b e T h e a t r e u n a v e r s i o n e r i v i s i t a t a d e L a B i s b e t i c a D o m a t a Enrico Valeri La mattina del 13 Ottobre scorso la classe I liceo, accompagnata dal professor Tommasi e dalla professoressa Fantini è partita alla volta di Roma per assistere alla rappresentazione teatrale della Bisbetica Domata di Shakespeare. Alle ore 07,39 l'allegra brigata degli studenti si è riunita nella stazione ferroviaria di Anagni-Fiuggi per prendere il treno diretto a Roma-Termini. Il convoglio era stracarico di viaggiatori pendolari provenienti da tutta la Ciociaria e dalle periferie della provincia romana. Nei vagoni si è subito saturata l'aria ed era impossibile muoversi a causa dei passeggeri che affollavano stazionando in piedi corridoi e passaggi. Dopo un viaggio così scomodo gli studenti sono giunti finalmente alla Stazione Termini e, subito, sono stati ingoiati dai sottopassaggi della metropolitana. Arrivati a Flaminio con grande eccitazione e curiosità si sono diretti al Globe Theatre, l'autentica ricostruzione dell'omonimo Stage all AgustaWestland Giulia Geraci Venerdì 1 Ottobre 2010 le classi I e II liceo hanno partecipato alla visita dell azienda italo-britannica AgustaWestland di Anagni. Durante la visita non abbiamo solamente assistito alla realizzazione dei singoli componenti di un elicottero e visitato i reparti di produzione, ma l ingegnere che ci faceva da guida e che ci spiegava il funzionamento dei macchinari e le fasi di produzione ci ha mostrato anche come funziona la parte logistica dell azienda stessa. L Agusta è una Società per Azioni che viene fondata nel 1907 da Giovanni Agusta e che nel 2000 si è fusa con la Westland Helicopters, azienda aeronautica britannica ; da allora fino ad oggi è attiva, tanto che nel 2008 l azienda è arrivata massima produzione e tutt ora, sul mercato è uno dei principali fornitori di elicotteri sia per un utilizzo civile che per un utilizzo militare. Ha sedi sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti ed anche il Pentagono ha richiesto a questa società, la creazione di teatro inglese costruito nel 1599 e luogo privilegiato per la rappresentazione dei capolavori teatrali di William Shakespeare. Al Globe si rappresentava The Taming of the Shrew (La Bisbetica D o m a t a ), una commedia in cui si narra la storia di Catharina la figlia più grande di Battista Minola, ritenuta da tutti bisbetica a tal punto che per la sua fama nessuno la chiedeva in moglie. Un giorno arriva Petruchio, galantuomo di Verona, che la chiede in sposa al padre, convinto di poterla rendere più amabile e gentile della sorella Bianca, ambita da tutti perché gentile, amabile ed educata. La rappresentazione è stata formidabile in quanto una particolare scelta della regia è stata dividere la commedia in due parti che hanno reso l'opera ancora più bella: la prima parte fedele al testo e l'ultima riadattata in un contesto storico moderno. un elicottero militare per il Presidente. La cura del dettaglio è stata la cosa che più ci ha colpito, infatti ci è stato spiegato come anche il più piccolo errore, in fase di volo, potrebbe causare un disastro e, proprio per evitare ciò, ogni pezzo deve superare accurati e innumerevoli controlli, da radiografie, alle prove di peso, ed infine prove di volo. Perché tutto questo possa essere svolto, l Agusta- Westland si compone di molti reparti dove le parti di un elicottero vengono create, assemblate, modificate, controllate ma anche progettate, poiché questa è una fase importantissima che assicura molte volte il primato all azienda in campo aeronautico. Proprio perché in questa azienda ci sono fasi di progettazione degli elicotteri non ci è stato Particolare scalpore tra le ragazze ha fatto l'attore che interpretava Petruchio che, a detta di qualche ragazza non solo era dotato di una bellezza singolare, ma anche di un'ottima voce. Usciti dal teatro gli studenti si sono recati presso la Galleria d'arte Moderna nella quale hanno potuto ammirare delle bellissime opere d'arte di pittori e scultori come Canova ( ), Fontana ( ), Balla ( ). Successivamente la classe è andata in Piazza di Spagna dove tutti hanno potuto pranzare chi al sacco chi presso il McDonald's e si sono separati per ammirare le fantastiche vetrine di via Condotti e via del Babuino e per fare shopping. Alle 3e45 minuti gli studenti un po' dispiaciuti si sono ritrovati vicino alla Barcaccia in Piazza di Spagna e si sono diretti alla Stazione Termini per prendere il treno delle ore 4e20 diretto a Frosinone. Così si è conclusa la giornata a Roma del I liceo: bellissima e indimenticabile questo il giudizio unanime di tutti i partecipanti. permesso portare con noi ne fotocamere ne telefoni per ovvi motivi. Avendo il nostro liceo un indirizzo economico-giuridico, non potevano mancare attività come questa per capire come funziona un azienda in tutte le sue parti. È semplice capire a questo punto l importanza e la valenza di quest azienda e ritengo che attività come questa, la visita dell Avio a Colleferro o anche la visita alla Sanofi Aventis siano fondamentali per il nostro liceo che si pone come obiettivo anche una formazione a livello economico per i suoi studenti.

3 Anno IV Numero 8 Scuola 3 Il III Liceo ad una mostra che ripercorre oltre un secolo di storia italiana attraverso documenti originali Dispaccio da Fiuggi: un tuffo nel passato Un ritorno alle vicende che hanno cambiato il destino del Paese, raccontate sui giornali di quel periodo Giorgio Astrei Bandi, avvisi, grida, dispacci, proclami, autorizzazioni, giornali, prime edizioni, tutti pezzi originali esposti nella mostra I fiori del sapere tenutasi a Fiuggi, partendo dalla fine del '700 percorrendo più di un secolo e mezzo di storia italiana. Noi del III liceo accompagnati dal prof. Fruscella e dalla prof.ssa Fantini abbiamo potuto visitare l'esposizione in orario extrascolastico martedì 12 ottobre. Pubblicazioni affisse sulle mura cittadine appartenenti a quel periodo della nostra storia che purtroppo è nascosta e poco vista sui i banchi di scuola e sui libri di testo poiché "occultata" da più importanti avvenimenti europei, quali la "Rivoluzione francese", seguita dall' l'ascesa di Napoleone e del suo impero, per poi terminare con la Restaurazione e col Congresso di Vienna. C'è anche da dire che non si poteva ancora parlare di Italia a quel tempo, essendo la penisola ancora suddivisa in ducati, granducati e regni. A scuola si parla lo stesso però delle tre guerre di indipendenza, di Mazzini, Cavour, Garibaldi e Vittorio Emanuele II re d'italia "per grazia di Dio Xenos = straniero, ospite Prof.ssa Claudia Fantini (Segue dalla prima pagina)...non ci avvicinano realmente ma forse, al contrario, ci allontanano ulteriormente. Ci danno una sensazione di grande apertura e onnipotenza, e ci rinchiudono nelle nostre stanzette, ci legano alle nostre scrivanie illuminate da cerchi di luce unidirezionali e ci danno l illusione di viaggiare, di comunicare, di essere in contatto con il mondo. La verità è molto diversa. Ben vengano allora le iniziative della scuola che ci spinge ad uscire dalle sue mura per andare a vedere un quadro da vicino, un opera teatrale, un monumento. Ci invita a conoscere le lingue con gli esami, i viaggi, i corsi fuori dalle ore scolastiche. Favorisce la conoscenza dell altro, dello xenos. Senza mandare nessuno allo sbaraglio, ma accompagnando, tenendo per mano, ciascuno dei suoi alunni. Perché solo uscendo fuori da noi stessi riusciamo a conoscere noi stessi e gli altri. e volontà della nazione". Tutti i documenti presenti a Fiuggi, nel vecchio deposito locomotive, appartenevano proprio a questo periodo storico. C'erano ordini di leva militare; bandi per acquistare dei pezzi di terra; dispacci della corona; autorizzazioni simili al nostro porto d'armi; i primi manifesti di protesta, ad esempio quello che invogliava lo sciopero del fumo per danneggiare le casse austriache; concludendo con il manifesto che proclamava l'unità d'italia e Vittorio Emanuele II re. Sul muro opposto c'erano invece appesi i primi giornali usciti nel nostro paese. Naturalmente avevano una tiratura locale ed erano per lo più settimanali. Spesso un giornale non durava più di un mese, per mancanze economiche o per la scarsa distribuzione. Inoltre le stampe erano private e andavano avanti solo se erano vantaggiose a livello politico. Il dott. Luca Fusco, curatore e guida della mostra, soffermatosi davanti ad un quotidiano ha sottolineato il fatto che fosse il primo numero edito. Allora, chiedendomi cosa mai si scrive sul primo numero di un giornale, ho iniziato a leggere la prima pagina. "Salvatore Rosa", nome della rivista. Sotto la testata c'è un riquadro contenente i titoli con i rispettivi autori degli articoli presenti nel giornale. Ben tredici pezzi distribuiti su otto facciate. La prima pagina interamente occupata dall'"introduzione", firmata Achille de Luzèris e Leopoldo Tarantini. L'articolo è una sorta di presentazione del giornale. I due autori definiscono la rivista "[...] un album di sentimenti franchi, sinceri, legali - infiorato dal genio della fantasia e dei più bell'ingegni della bellissima Italia e propagatore delle arti [...] Artisti! artisti! Voi che vivete in un mondo a parte, tutto ispirazione e poesia, voi che guardate gli oggetti sotto il prisma della più soave, più cara, più seducente illusione, - che respirate l'arte, la gloria e l'amore, voi cui eterna invidiabile giovinezza sorride, - accogliete questo foglio che sotto i vostri auspici potrebbe divenir volume...il volume della vostra storia, della storia delle arti [...]". Un giornale di "critica" che invogliava gli artisti a fare gruppo e a confrontarsi insieme. Peccato non ce ne siano ancora. Continuando abbiamo potuto osservare altri quotidiani italiani: "La Vespa"; "Lo Scacciapensieri"; "Il corriere di Roma"; "La scienza per tutti"; "Giornale illustrato dei viaggi"; " Il corriere di Napoli"; "Il Mattino"; "L' Avvenire". Giornali diversi, alcuni che parlavano di scienza; altri raccontavano viaggi e presentavano animali mai visti, o posti sconosciuti; altri satirici; infine i normali quotidiani che narravano la vita socio-politica italiana. Un brivido davanti la prima pagina de "Il corriere di Napoli" stampato per il lunedì 10 giugno 1940: "L'Italia dichiara guerra alla Francia e all'inghilterra. La parola d'ordine del Duce al popolo italiano: VINCERE.". Oppure l'8 maggio 1938 "Il Mattino" titolava: Il Fuhrer in Italia!". Cosa pensava un cittadino che durante la colazione leggeva un titolo del genere? Come reagiva? Erano veramente convinti di "vincere", oppure la paura c'era? Queste domande mi ponevo mentre continuavo a visitare la mostra. Poi E se una mattina durante la colazione capitasse a me di leggere un titolo del genere?

4 4 Scuola Ottobre 2010 I l 2 8 s e t t e m b r e g l i a l u n n i h a n n o p a r t e c i p a t o a l t r a d i z i o n a l e a p p u n t a m e n t o Benvenuti nella nostra grande famiglia La Giornata dell Accoglienza : un occasione per divertirsi insieme e conoscersi Foto a pag. 15 Sara Ciaralli Anche quest anno, come tutti i precedenti, si è svolta, martedì 28 settembre, presso il Campo di Segni, la Giornata dell Accoglienza, gentilmente organizzata e offerta da S.E. Mons. Lorenzo Loppa. Tuttavia quest anno la gita è stata un po diversa Per prima cosa i ragazzi hanno dovuto affrontare tutti i 6 km di passeggiata che portano al Campo di Segni, un terreno campestre situato in montagna, nella parte più alta della città. I ragazzi hanno avuto quindi anche una visione della fauna e della flora del luogo, tra cui cavalli selvatici e maestosi tori. Tra risate, scherzi e gare si è finalmente riusciti ad arrivare al campo. La piazzola, però, era già occupata da qualche macchina che aveva trasportato alcuni professori e anche alcuni studenti che non volevano camminare. I furboni, però, non sapevano di essersi persi la bellissima esperienza che tutti noi avevamo fatto salendo verso il campo. Una volta lì, i ragazzi hanno avuto il tempo di fare una piccola merenda, per poi dare subito inizio ai giochi e alle gare, consistenti in una caccia al tesoro completa di indovinelli, corse con i sacchi e, naturalmente, divertimento a non finire. La squadra vincitrice è risultata quella capitanata dal professor Romano. Prima della gara, però, i ragazzi avevano ricevuto dalla Preside, Maria Pia Ippoliti, una brutta notizia, che però non aveva scalfito la voglia di vincere nella caccia al tesoro: a causa del tempo incerto bisognava rifare tutta la strada dell andata fino ai pullman, per poi andare in città dove una parrocchia li avrebbe ospitati per il pranzo. La notizia è stata accolta da un sospiro da parte di tutti gli studenti, ma come dice il proverbio prima il dovere e poi il piacere del pranzo!. Così è iniziata la lunga e lenta discesa verso Segni. Le cose, però, non sono andate male come all andata: alla sottoscritta, per esempio, è stato offerto - beh, diciamo che ci siamo buttati in macchina - un passaggio dalla signora Olga. Così in nove dentro una macchina e dietro allo sguardo sconvolto della povera si- Si torna a teatro! gnora siamo riusciti a raggiungere il traguardo: i pullman. Una volta arrivati a Segni, si è dovuto aspettare un pochino, ma le attese sono state ricompensate: per pranzo abbiamo potuto gustare una genuina pasta al pomodoro e l immancabile panino con la salsiccia (o porchetta). Dopo essersi rifocillati, i ragazzi hanno bruciato un po di calorie e si sono sfogati giocando a pallavolo o a calcio; oppure ne hanno accumulate altre mangiando le ciambelline al vino offerte da don Luca. Verso le quattro e mezza, dopo l adunata per i saluti, i ragazzi sono stati riaccompagnati a casa, stanchi ma contenti, come me, di aver trascorso una giornata originale e divertente che solo la nostra scuola sa offrire. Anche quest anno sono in programma per gli studenti della nostra scuola delle uscite pomeridiane per assitere a degli spettacoli tetrali. L iniziativa, che negli ultimi anni ha sempre riscosso grande successo e ha fatto apprezzare a molti di noi per la prima volta l emozione di uno spettacolo teatrale, viene riproposta con quattro eventi già selezionati: il 24 novembre presso il Teatro Quirino assiteremo a Le bugie con le gambe lunghe di Eduardo De Filippo; il 22 dicembre invece saremo al Teatro Eliseo per assistere a Le allegre comari di Windsor di William Shakespeare; a febbraio, in una data da definire, assisteremo a Sogno di una notte di mezz estate, ugualmente di Shakespeare, presso il Teatro Ghione; infine il 30 marzo torneremo al Teatro Eliseo per la rappresentazione di Se non ci sono altre domande di Paolo Virzì.

5 Anno IV Numero 8 Scuola 5 La lettera scritta dal nostro Vicedirettore alla Prof.ssa Maria Elena Tagliaboschi Un a b br accio che viene dal cuor e Un pensiero, da parte di tutto il III Liceo, per la nostra grande insegnante di Diritto Danilo Bucciarelli Carissima Professoressa Tagliaboschi, La vita spesso ci pone davanti a situazioni complesse difficili da comprendere e da spiegare..tuttavia proprio in questi frangenti riflettiamo ci poniamo una serie di domande alle quali per non scoppiare spesso rimandiamo ad altri momenti le risposte Spettava a me il compito di mettere insieme due parole come introduzione ai bellissimi e sinceri pensieri che ognuno di noi (i ragazzi del III liceo, ndr) le ha rivolto, e le confesso con franchezza che ho fatto non poca difficoltà a farlo, non potendo trattenere le lacrime Nel fare questo ho cercato di ripercorrere tutto il Cammino fatto insieme ed è proprio così che mi sono reso conto che tra risate, pianti, crisi di nervi, urla, momenti felici e momenti tristi..i Piccolini della quinta ginnasiale che tanto la avevano fatta penare, sono cresciuti e sono cresciuti proprio insieme a lei che per noi è stata una Mamma, un paradigma di vita con lei abbiamo sperimentato quel bene disinteressato che non chiede nulla in cambio, quella sincerità, quella semplicità che forse, presi dagli avvenimenti della vita non abbiamo mai dimostrato di aver notato in Lei.. spesso nei momenti più difficili si chiedeva ma faccio tanto per loro eppure è vero spesso per un motivo o per l altro siamo stati un po incoscienti e non ci siamo resi conto che lei ci stava dando tutta se stessa per farci crescere e preparaci ad un mondo che, lo sappiamo, non è tutto rose e fiori, e di questo le chiediamo scusa.. Tutta la Redazione di Athenaeum condivide le belle parole del Vicedirettore e saluta con affetto la prof.ssa Maria Elena Tagliaboschi, augurandole che questo periodo molto importante Le porti tanta felicità. Nello stesso tempo, diamo il benvenuto, anzi il ben tornato, alla Prof.ssa Paola Perna e al Prof. Giuliano Risi, i nuovi docenti di Diritto e Cultura d Impresa per quest anno. Da tutti noi l augurio di un buon lavoro! Tuttavia non può negare che insieme siamo stati benissimo e che lasciarci ora addolora molto entrambi Però può andare tranquilla a casa a testa alta, consapevole di averci lasciato cresciuti e r e s p o n s a - bili..in grado di pronunciarci con obiettività in ogni questione e con la capacità e virtù di mettere il bene degli altri davanti a tutto questo è stato il suo esempio questo il centro del suo insegnamento e sappia che di questo faremo tesoro nella vita e che non poche volte il nostro pensiero tornerà a Lei e ai suoi consigli dettati sempre da quel sorriso del cuore che ti dice : E bello vivere! Non stancarti mai di lottare! Personalmente capivo meglio questo concetto quando qualcuno mi faceva notare che parlo di lei come di Maria Elena e questo non perché voglia mancarle di rispetto, se lo avesse inteso in tal senso me ne scuso, ma perché la vedo prima come Amica e poi come Professoressa è facile insegnare il diritto e l economia quando si possiedono i concetti ma è difficile insegnare a vivere..lei lo ha fatto ci è riuscita e di questo è giusto che si prenda il merito qualcuno pensa che sia meglio crearsi una posizione di rilievo nella società oppure una solidità economica; qualcun altro pensa che nella vita conta volere bene ed essere voluti bene lei ha scelto la seconda e se lo faccia dire ha un vero talento non è da tutti! Sembra la descrizione di una santa ma è la realtà infondo stavo solo parlando di una Professoressa di una donna di una mamma di un amica vera! Le chiediamo un solo ultimo favore ci prometta che se si dovesse trovare in momenti difficili, duri, dove la forza non si sa dove prenderla pensi a quel gruppo di scalmanati della Terza liceo e senta tutto l abbraccio che viene dal cuore di sedici alunni che le vogliono un bene dell anima e le sussurra: Avanti, coraggio, sei grande prof.ssa Tagliaboschi!. Riunione di Redazione Il giorno 11 ottobre si è tenuta la prima riunione di redazione dell anno scolastico. Si è discusso su proposte e idee che favoriscano la crescita e la diffusione del giornale. Alcune novità sono già presenti su questo numero., come ad esempio la nuova rubrica di letteraria Per voce sola, per la quale speriamo che molti contribuiranno con un proprio racconto! Puntiamo sul nostro sito web per un informazione maggiormente costante e permettervi di interagire più spesso con il Vostro giornale. Per questo Vi invitiamo tutti a scrivere articoli (anche poche rgihe) per il nostro sito e a inviarceli! Tempo di elezioni Sabato 23 ottobre si sono svolte le elezioni dei nuovi Rappresentanti degli Studenti al Consiglio di Istituto e dei Rappresentanti di Classe. Inoltre, Saverio Piacenti è stato scelto per occupare il posto vacante presso la Consulta Provinciale. Al Consiglio di Istituto la lista formata da Danilo Bucciarelli (III), Gabriele Russo Russo (III) e Ilaria Cultrera (IV) si è imposta su quella composta da Daniele Rodolico (I), Giulia Geraci (I) e Carlo Cittadini (V). Auguriamo alla lista vincente un buon lavoro per quest anno scolastico! Per quanto riguarda i rappresentanti di classe, sono stati eletti: - in IV Ginnasio Simone Tasca e Giacomo Polce; - in V Ginnasio Irene Erculei e Maria Vittoria Bigliardo; - in I Liceo Viviana Astazi e Giulia Geraci; - in II Liceo Federico Piacenti e Stefano Passetti; - in III Liceo Stefania Galiani e Veronica Pellegrini. Martedì 26 ottobre è stata eletta la nuova Rappresentanza di Istituto. La lista formata da Gabriele Russo Russo (III), Saverio Piacenti (II) e Marco Fantini (V) ha battuto la lista di Daniele Rodolico (I), Giulia Geraci (I) e Carlo Cittadini (V) per 34 voti a 31. Maggiori approfondimenti saranno presenti sul numero di Novembre.

6 6 Attualità Ottobre 2010 S v o l t a d e c i s i v a n e l c a s o d i S a r a h S c a z z i, s c o m p a r s a l o s c o r s o a g o s t o Quando un assassino ti siede accanto Oltre allo zio, che ha confessato l omicidio, arrestata anche la cugina di Sarah Viviana Astazi (Segue dalla prima pagina)...intanto vengono ripercorse le tappe fondamentali che hanno portato alla soluzione del giallo. Tutto ha inizio nel primo pomeriggio di giovedì 26 agosto, quando la ragazza, dopo aver preparato l occorrente per un bagno in spiaggia, esce di casa e si incammina verso la residenza degli zii, distanti poco più di mezzo chilometro dalla sua abitazione. Sono le 14.30: Sarah non raggiungerà mai la meta. Sembra essere scomparsa nel nulla. La madre, avvisata dalla cognata, allarma i Carabinieri che subito iniziano ad indagare. Prima ipotesi è quella della fuga: la ragazza aveva più volte espresso il desiderio di andarsene da Avetrana, sua città natale, abitata da circa 7000 persone; non essendo rintracciata nell arco di 48 ore, i Carabinieri prendono in considerazione il rapimento, cercando di ricavare dal diario della giovane tracce utili. I sospetti si concentrano sul gruppo di amici che Sarah frequentava: ragazzi più grandi di lei e conoscenti della cugina Sabrina, di 22 anni. Quest ultima è quindi interrogata dai magistrati, ma non contribuisce alla soluzione del mistero. Allo stesso modo sono interpellati anche i parenti della quindicenne, dalla madre allo zio: nessuno immagina niente, nessuno ha visto o sentito niente. Le ricerche procedono: campagne setacciate, casolari abbandonati ispezionati Di Sarah non c è traccia. Ennesimo attentato agli Italiani in Afghanistan Grazia Caciolo Il 9 ottobre quattro militari italiani, Alpini, sono morti alle 9.45 (ora locale) in Afghanistan, mentre uno è rimasto gravemente ferito, a causa di un ordigno esplosivo rudimentale. I militari si trovavano a bordo di un veicolo blindato e dopo l'esplosione c'è stato uno scontro a fuoco durante il quale gli Italiani avrebbero messo in fuga gli aggressori. I quattro uomini erano impegnati nella missione internazionale per la pace e la stabilità in Afghanistan. Hanno perso la vita il primo caporal maggiore Gianmarco Manca, il primo caporal maggiore Francesco Vannozzi, il primo caporal maggiore Sebastiano Ville e il caporal maggiore Marco Pedone, tutti e quattro giovanissimi. L'attentato è avvenuto nel A circa quaranta giorni dalla scomparsa, lo zio Michele Misseri si presenta in Questura per consegnare il cellulare della nipote ritrovato tra sterpaglie bruciate in un campo dove aveva lavorato la sera prima; il telefonino, bruciato anch esso ed apparentemente sprovvisto di Sim, è quindi portato in Laboratorio per accertamenti. La coincidenza appare troppo strana ai Magistrati, che sottopongono nuovamente ad interrogatorio il Misseri: egli, sotto pressione, confessa di aver ucciso la nipote strangolandola. Inoltre rivela di averne abusato dopo il decesso; successivamente avrebbe gettato il cadavere in un pozzo all interno di un casolare diroccato. Nelle ultime settimane, secondo due nuove ipotesi, Sabrina, l amatissima e fidatissima cugina, avrebbe aiutato il padre mostro ad uccidere l inerme ragazza. O forse si sarebbe limitata a coprirlo durante l occultamento del cadavere. Rivelazioni che lo stesso Misseri, per il quale è stata richiesta la perizia psichiatrica, ha ammesso in un altro faccia a faccia con gli inquirenti. Sabrina è stata quindi fermata, interrogata e portata in carcere. La famiglia Scazzi subisce ancora una volta un duro colpo. E pensare che la madre di Sarah, la signora Concetta Spagnolo, aveva scagionato immediatamente da tutte le accuse sia cognata sia nipote. Si scatena quindi l ira dei parenti, la notizia sconvolge noi tutti attraverso i media; è difficile descrivere quanta indignazione si possa provare all ascoltare simili storie. Ho seguito con particolare attenzione la terribile ricostruzione del delitto. E questo perché mi ha colpito non sola la crudeltà e l accanimento operato dall assassino, ma anche il suo inusuale atteggiamento. Chi avrebbe sospettato di una persona così vicina alla ragazza? Chi sarebbe riuscito ad individuare, nelle lacrime di Michele Misseri, segni di pentimento e non di preoccupazione? Io stessa, ascoltando un intervista tre settimane fa, avrei scommesso sulla sua innocenza. Eppure ha imbrogliato tutti; ci ha fatto credere di essere un normale zio in ansia per le sorti incerte della nipote scomparsa. E di questa realtà mi spaventa il fatto che un assassino abbia il coraggio di sedersi al fianco delle persone a cui ha strappato una figlia innocente, di abbracciare una sua figlia che, in un altra realtà, sarebbe potuta essere vittima dello stesso orrendo sopruso. Soprattutto, poi, se si viene a conoscenza, come negli ultimi giorni, che quest uomo aveva più volte molestato la ragazza comprandone il silenzio attraverso piccoli, inspiegabili regali. E che la giovane, lamentandosi con madre e cugina, non sia stata né creduta né protetta. Un assassinio che si poteva evitare, quindi? Io credo di sì; le responsabilità vanno ricercate innanzitutto nel nucleo familiare: Sarah viveva con una madre completamente assente, così come il padre. Cercava rifugio ed affetto tra amici più grandi, che la facevano sentire davvero al sicuro. Sognava una vita felice, quella che ora non avrà la possibilità di vivere. E mentre i compaesani chiedono la condanna capitale per l orco assassino attraverso striscioni, Sarah viene salutata per l ultima volta nella sua parrocchia, alla presenza di amici e conoscenti. Proprio in quest ultimo scenario è presente un ulteriore elemento che mi sconvolge: la madre non entra in chiesa; è una Testimone di Geova. distretto di Gulistan, a circa 200 chilometri a est di Farah, al confine con l'helmand. Si tratta di uno dei tre distretti di cui solo di recente è stata affidata la responsabilità ai militari Italiani. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari dei caduti, rendendolo noto con un comunicato del Quirinale. Schifani ha detto 'L Italia onora il sacrificio di questi nostri soldati coraggiosi, l'ennesimo pesante tributo di sangue che il nostro Paese paga in quelle terre lontane in una missione che difende la democrazia e la pace nel mondo. Ma alcuni politici hanno espresso il loro dissenso sulle missioni in Afghanistan: Di Pietro ha affermato che ormai la missione non ha più senso e Zaia, presidente della regione Veneto ha detto di portare i nostri ragazzi a casa. Il rientro delle salme è avvenuto nella mattinata di lunedì 11 ottobre, all aeroporto militare di Ciampino a Roma. I funerali si sono svolti il 12 ottobre. Anche noi ragazzi abbiamo partecipato al lutto nazionale ricordando i quattro Alpini con un minuto di silenzio.

7 Anno IV Numero 8 Attualità 7 Riconoscimento per la Medicina a Robert Edwards, padre della fecondazione artificiale Premi Nobel: due scelte fanno discutere Per la Cina un oscenità l assegnazione del Nobel per la Pace al dissidente Liu Xiaobo Anna Lucia Russo Russo Il 7 ottobre di quest anno, la commissione che ogni anno attribuisce il premio Nobel agli uomini e alle donne che si sono distinte per l impegno mostrato a favore del progresso dell umanità, ha annunciato le cinque persone giudicate più meritevoli. Non c è sorpresa nell apprendere che la scelta fatta dalle commissioni svedesi e norvegesi ha suscitato numerose critiche, visto che il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al dissidente cinese Liu Xiaobo e il Nobel per la Medicina al biologo inglese Robert Geoffrey Edwards, artefice del metodo della fecondazione assistita. Il primo ha messo in agitazione il governo cinese, che ha immediatamente interrotto le trasmissioni appena è stato annunciato il nome dello scrittore. Nessun telegiornale e nessun quotidiano ha ovviamente parlato della notizia e il governo ha fatto di tutto perché in giro non circolassero le voci bloccando tutti i siti web contenenti parole chiave come Liu Xiaobo e premio Nobel, perché non conformi alle leggi, al regolamento e alle politiche. Il governo comunista, sentendosi provocato dalla commissione norvegese, ha inoltre definito la faccenda un oscenità. L inarrestabile censura cinese, però, non ha retto il confronto con la realtà dei social network: passata un ora dall annuncio, erano già 4200 i messaggi su Twitter sull argomento. E grande la gioia di Liu Xia, moglie di Liu Xiaobo, e tra i dissidenti cinesi, che vedono in questo premio Nobel l occasione per una grande svolta. Arrivano inoltre le richieste di scarcerazione di Liu Xiaobo da parte del Dalai Lama e del presidente degli Stati Uniti, Obama. Per Robert Edwards, invece, le critiche sono arrivate dalla Chiesa che lo accusa di aver superato un livello etico e di sprecare, con il suo metodo, molte vite. Infatti, se grazie ad Edwards è stato risolto il problema dell infertilità e sono nati circa 3 milioni di bambini, è anche vero che l 80% degli embrioni prodotti viene distrutto e che sarebbe possibile, attraverso le adozioni, salvare altri 3 milioni di bambini che muoiono nei Paesi più poveri. D altra parte c è anche chi non è del tutto contrario, come Mons. Carrasco, il quale non ritiene la scelta del comitato fuori luogo perché Edwards ha dato apporti non sottovalutabili alla riproduzione umana. Credo che far ricadere la scelta su Liu Xiaobo sia stata un ottima idea. Dico questo innanzitutto perché non si deve dimenticare che la Cina non è ancora un Paese democratico e i suoi cittadini non sono del tutto liberi, ma anche perché Liu si è sempre mostrato un dissidente moderato aperto nei confronti dello Stato e critico nei confronti degli oppositori più estremisti e radicali e penso che sia questo che ci si aspetta da un Nobel per la Pace. La classe III liceale ha preso parte alla manifestazione contro la chiusura dell ospedale locale N o! A i t a g l i, S ì! A l l a s a l u t e S i t r a t t a d i u n c e n t r o i m p o r t a n t i s s i m o p e r i l t e r r i t o r i o e c o n u n a m p i a u t e n z a Danilo Bucciarelli Lo scorso mese la classe terza liceo, come delegazione del nostro Istituto ha preso parte ad una pubblica manifestazione di protesta contro la chiusura del Nosocomio locale. E sembrato doveroso e giusto da parte di tutti noi alunni come del corpo docente rendere nota la nostra presenza, la presenza della gioventù (infatti il nostro Istituto era l unica scuola presente) in una manifestazione così importante, volta a salvaguardare un diritto costituzionalmente garantito: LA SALUTE! Dopo aver preso parte al corteo che dall Ospedale si è recato al Palazzo Comunale abbiamo assistito ad una serie di interventi da parte di tutte le associazioni presenti e dopo aver parlato anche noi a sostegno di questa nobile causa abbiamo assistito a parte delle seduta comunale. Molto interessante è stata la prolusione introduttiva del Sindaco Dott. Carlo Noto; che ha presentato chiaramente le caratteristiche dell ospedale e l importanza che esso ricopre non solo per la Città di Anagni ma anche per gran parte dei paesi limitrofi (l ospedale ha un bacino di utenza di abitanti). Al termine la classe terza è tornata in Sede per riprendere regolarmente l attività didattica. Ognuno di noi però si è sentito soddisfatto e felice di essere stato presente, perché specialmente in occasioni come queste, dove si scende in piazza non per una squadra o una festa, ma per un diritto fondamentale, quello alla salute assume un significato diverso. Speriamo che la mobilitazione dei cittadini porti ai risultati sperati, cosicché possiamo dire in futuro: IO C ERO!

8 8 Attualità Ottobre 2010 P r e o c c u p a n o l e t a n t e n o t i z i e d i v i o l e n z a c h e d o m i n a n o l e p r i m e p a g i n e Attualità, uno show da bollino rosso B i s o g n a r i f l e t t e r e s u l v a l o r e d e l l a c r o n a c a, a l l a l u c e d e g l i u l t i m i a v v e n i m e n t i Gabriele Russo Russo Negli ultimi tempi, purtroppo, nel nostro Paese cronaca è diventato sinonimo di violenza. Non serve comprare ogni giorno un quotidiano o seguire sempre il telegiornale per rendersene conto. E non mi riferisco solo alla triste vicenda di Sarah Scazzi. Carta stampata, radio, televisione, web sono invasi da notizie tutt altro che rassicuranti, di rapine, risse, scontri con le forze dell ordine omicidi. Non fa eccezione neanche lo sport, che dovrebbe farsi portatore di valori positivi e non di esempi vergognosi come quelli forniti dagli episodi di Genova, con la partita Italia-Serbia durata solo pochi minuti e poi sospesa per il comportamento dei tifosi serbi. La foto di Ivan il Terribile (come è stato soprannominato dai media) che strappa la rete divisoria fra tribuna e campo rappresenta in modo inequivocabile quanto accaduto. Gli esempi a cui fare riferimento, soffermandomi solo sulla cronaca delle ultime settimane, sarebbero molti, a cominciare dall omicidio di Avetrana. Mi hanno fatto riflettere però anche altri due casi, quello del tassista aggredito a Milano per aver involontariamente investito un cane e attualmente in coma, e quello della La zanzara Marco Cecili La violenza di martedì 11 ottobre scorso allo stadio Marassi di Genova non c entra nulla con il calcio. Ma la cosa che più mi ha fatto indignare è il comportamento del mondo istituzionale e calcistico serbo. Le alte cariche slave hanno voluto gettare fango e incolpare l Italia per l intemperanza dei suoi tifosi. Ora la colpa è dell Italia, che non ha fatto nulla per impedire quel che è accaduto. Loro non possono vietare l espatrio a quei soggetti (non sono di certo tifosi)? Le forze dell ordine sono state fin troppo clementi a non attaccare quei criminali, la volontà di non scontrarsi e di non coinvolgere persone innocenti ha giustamente prevalso, ma ora la Serbia non ci incolpi. Perda la partita a tavolino e lotti (sul campo) per arrivare tra due anni agli Europei. donna rumena morta per un pugno ricevuto in seguito ad una banale lite per una fila non rispettata. In particolare, mi ha sconcertato il comportamento di alcuni cittadini romani che, presenti all arresto dell uomo che aveva colpito la donna, hanno addirittura dedicato dei cori al ragazzo: una prova di razzismo e indifferenza verso i diritti fondamentali di tutti gli uomini, che ci riportano al passato e ci lasciano preoccupati guardando al futuro del Paese. E anche tutta l attenzione mediatica ricevuta dal caso Scazzi mi pone di fronte due interrogativi. Innanzitutto mi chiedo se il vivo interesse degli italiani per la vicenda non sia semplicemente una prova del (finto) moralismo di gran parte dei nostri concittadini. La solidarietà verso la famiglia della vittima e il dolore per la morte della ragazza non si dimostrano certo andando a visitare i luoghi della Al voto negli Stati Uniti Il prossimo 2 novembre negli Stati Uniti si voterà per le elezioni di metà mandato, in inglese midterm, che cadono esattamente a metà del mandato presidenziale. Si rinnoveranno tutti i 435 membri della Camera dei Rappresentanti, e un terzo di quelli del Senato (quindi 33 o 34, più quelli rimasti vacanti o occupati da membri provvisori : quest anno saranno 37). In più si vota anche per eleggere i governatori di 39 Stati. Obama e i democratici potranno considerare una vittoria l aver conservato la maggioranza sia alla Camera che al Senato. Vale l opposto per i repubblicani: vincono se strappano ai democratici sia la Camera che il Senato. In questo momento i giochi sono aperti: che i repubblicani conquistino la maggioranza al congresso è certamente possibile, così come è possibile che questa rimanga in mano ai de- tragedia (come molti hanno fatto) o indossando i panni del detective per stabilire finalmente chi sia il mostro. Quest ultima tendenza è stata senza dubbio favorita dallo spazio che i media hanno dedicato alla vicenda, con interviste esclusive a tutte le persone coinvolte nel caso (fra cui Sabrina, prima ospite in TV, poi indagata di fronte agli inquirenti), la diffusione dell audio della confessione di Michele Misseri (in cui vengono descritti tutti i raccapriccianti dettagli dell omicidio), ma soprattutto con l annuncio della morte di Sarah in diretta televisiva alla madre della ragazza. Perciò la seconda questione su cui rifletto e su cui invito tutti voi a riflettere è fino a che punto il diritto all informazione e alla cronaca giustifichi (almeno moralmente) intromissioni così pesanti in vicende tanto delicate e riservate. Il rischio è di trasformare l intera attualità in reality show, con milioni di spettatori pronti a giudicare tutto e tutti. Ma del resto il reality show si sa fa ascolti e allora perché cambiare? mocratici. Lo scenario per cui i repubblicani conquistino la maggioranza in uno solo dei due rami del congresso potrebbe essere considerato un pareggio. Come da tradizione, quindi, i democratici sono in sofferenza: hanno patito alcune brutte sconfitte nelle elezioni suppletive degli ultimi mesi, prima fra tutte quella che in Massachusetts ha consegnato ai Repubblicani il seggio di Ted Kennedy, e soffrono il declino della popolarità di Obama, da mesi impantanata al di sotto del 50%. Molti osservatori hanno riscontrato nell elettorato statunitense l enfatizzarsi di quel sentimento anti establishment che aveva avuto un suo ruolo nel portare lo stesso Obama alla Casa Bianca: ora che Obama e i democratici sono l establishment, gli schiaffi toccano a loro. I repubblicani hanno soffiato sul fuoco, giudicando e dipingendo come il Male Assoluto l agenda di Obama e le sue riforme. In questo hanno giocato un ruolo significativo i tea party, movimenti liberisti e ultra conservatori il cui impatto sulle elezioni è tutt ora piuttosto incerto: da una parte porteranno a favore dei repubblicani un entusiasmo che i democratici hanno perso, dall altra parte la loro influenza ha portato alla promozione e alla candidatura di alcuni politici indigesti agli elettori indipendenti. Per questo paradossalmente in alcuni Stati potrebbero rendere i giochi più semplici per i democratici.

9 Anno IV Numero 8 Cultura 9 I l 9 o t t o b r e i l f a m o s o c a n t a n t e a v r e b b e c o m p i u t o s e t t a n t a a n n i : I 70 anni di John Lennon U n a v i t a d e d i c a t a a l l a m u s i c a, p e r r e a l i z z a r e i s o g n i d i u n a g e n e r a z i o n e Matteo Tasca Il giorno nove ottobre si celebra il compleanno di John Lennon; infatti la star inglese avrebbe compiuto 70 anni, se non fosse stato assassinato l 8 dicembre di 30 anni fa da Mark David Chapman, mentre rientrava nella sua abitazione di New York. Egli è stato cantante e mente geniale di quello che probabilmente è il gruppo musicale più influente nella storia della musica: i Beatles. Straordinaria era infatti la sua capacità di inventare testi e motivi che, pur essendo estremamente intensi e coinvolgenti, fossero allo stesso tempo orecchiabili e facili da ricordare, così che i messaggi che racchiudeva in ogni sua canzone potessero arrivare anche alle frange di persone più diversificate, soprattutto in un epoca storica in cui il diverso era ancora visto di malocchio. In modo che sia ricchi sia poveri, sia liberali sia progressisti, sia bianchi sia neri, sia americani che giapponesi potessero essere indissolubilmente collegati da un filo di melodiosa e libera musica, sgorgato anche dalla mente di questa geniale personalità. La sua canzone più celebre è certamente Imagine, uno degli inni alla pace più celebri della storia, (insieme ad altri testi come blowing in the wind di Bob Dylan), nella quale è espresso il sogno, purtroppo ancora utopistico, di un mondo unito, senza divisioni o guerre, in cui gli uomini abbiano solo un grande, azzurro cielo sopra di loro e nessuna fede o nazione o patto per il quale dover gettare la propria vita. Uno dei suoi atti più celebri fu quello di manifestare la sua contrarietà alla guerra in Vietnam, organizzando il viaggio di nozze con Yoko Ono ad Amstedam, durante il quale rimasero una settimana chiusi in camera ripresi dai giornalisti Imagine Imagine there's no heaven It's easy if you try No hell below us Above us only sky Imagine all the people Living for today... Imagine there's no countries It isn't hard to do Nothing to kill or die for And no religion too Imagine all the people Living life in peace... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will be as one Imagine no possessions I wonder if you can No need for greed or hunger A brotherhood of man Imagine all the people mentre stavano sdraiati sul letto in pigiama e rilasciavano dichiarazioni contro la guerra. Con questo atto, forse non eclatante, John Lennon ci ha dato la testimonianza che il male e l odio non sempre si combattono con grandi proteste o rivoluzioni, ma spesso basta il semplice e quotidiano impegno di ogni uomo e di ogni donna, anche nelle proprie case affinché gli interessi economici e la cattiveria non dominino il mondo. Dunque la semplicità e l umiltà di cui quest uomo era capace dovrebbero essere di esempio per la vita di ognuno di noi e insegnarci che l unico modo per raggiungere veramente i propri sogni è combattere per quello che si crede con costanza e dedizione, senza rari gesti eroici, ma con impegno quotidiano. Sharing all the world... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will live as one TRADUZIONE Immagina non ci sia il Paradiso/prova, è facile/nessun inferno sotto i piedi/sopra di noi solo il Cielo/Immagina che la gente/viva per il presente... Immagina non ci siano paesi/non è difficile/niente per cui uccidere e morire/e nessuna religione/immagina che tutti/vivano la loro vita in pace.. Puoi dire che sono un sognatore/ma non sono il solo/spero che ti unirai anche tu un giorno/e che il mondo diventi uno... Immagina un mondo senza possessi/mi chiedo se ci riesci/senza necessità di avidità o rabbia/la fratellanza tra gli uomini/immagina tutta le gente/ condividere il mondo intero...

10 10 Cultura Ottobre 2010 I l 1 8 o t t o b r e i l C a l e n d a r i o d e l l a C h i e s a f e s t e g g i a i l f a m o s o s a n t o C r o n a c h e d i u n s a n t o : S a n L u c a Il nostro amico seminarista ed ex-alunno ci parla della storia di questo evangelista Luigi Crescenzi San Luca proviene da una famiglia pagana e possiede una buona cultura; lo si vede dal suo greco fluente ed elegante, dalla sua ottima conoscenza della Bibbia scritta in greco, detta "dei Settanta". Il suo Vangelo, scritto probabilmente tra il d.c., è dedicato a un certo Teòfilo (probabilmente un eminente cristiano), secondo l uso degli scrittori classici, che appunto erano soliti dedicare le proprie opere a personaggi illustri. Altra ipotesi è che egli intendesse dedicare il proprio vangelo a chi ama Dio. San Luca sente parlare per la prima volta di Gesù nel 37 d.c., quindi non lo conobbe personalmente, ma tramite i racconti degli apostoli e di altri testimoni: tra questi ultimi dovette esserci Maria di Nazareth poiché le informazioni sull'infanzia di Gesù che egli ci riporta sono troppo specifiche e quasi riservate per poterle considerare acquisite da terze persone. E The chapel that brought Thomas Becket to Anagni Daniele Rodolico In 1172, Alexander III, staying in Anagni, committed a chapel in honour of Thomas Becket, Archbishop of Canterbury, murdered in 1170 due to the clash with Henri II of England. About 1800 km. Anagni is far 1800 km ca. from Canterbury. However, this distance is nullified by a little chapel in the majestic Anagni Cathedral, where two opposite worlds meet each other and bring the past back. Thomas Becket was appointed Archbishop of Canterbury in 1162, also thanks to his friendship with Henri II. The king thought he could control Becket, but the Archbishop, after he had been nominated, took care only Church interests. In 1164 he refused to approve the Constitutions of Clarendon due to the presence of some articles that imposed on priests and bishop to be processed also by a civil court and established ecclesiastic offices had to be approved by the King. He was forced to exile himself in France, where he hoped to meet the pope Alexander III. He kept on fighting against the endorsement of Constitutions. When he came back England, he was murdered in 1170 in the Canterbury Cathedral. l'unico evangelista non ebreo. Il suo emblema era il bue. Morì all'età di 84 anni e sarebbe stato sepolto a Tebe, capitale della Beozia. Secondo quanto riportato da San Girolamo (De viri ill. VI, I), le sue ossa furono trasportate a Costantinopoli nella famosa Basilica dei Santi Apostoli. Le sue spoglie giunsero poi a Padova, dove tuttora si trovano nella basilica di santa Giustina; solo la testa è invece conservata a Praga. Un'antica tradizione cristiana dice che San Luca fu il primo iconografo a dipingere quadri sulla Madonna, San Pietro e San Paolo. Tra queste immagini ci sono la Madonna Costantinopolitana che si trova nella Basilica di Santa Giustina a Padova, gelosamente custodita, perché molto rovinata, e una antica immagine della Vergine, detta Salus populi romani, conservata nella Basilica di Santa Maria Maggiore, nella Cappella Paolina. San Luca probabilmente è tra gli evangelisti quello più accurato nelle descrizioni In February 1173, Alexander III canonized Thomas Becket as saint in Segni. In the Museum of the Treasure in Anagni we have a little old case with enamels of Limoges that was supposed to contain some relicts of the saint, too. The oratory of Thomas Becket in the Cathedral of Anagni was built on a pree x i s t e n t pagan mitreo, where people used to make blood sacrifice (floor inclination confirms this theory). This chapel was restored only in 1999 but wall paintings are not in good conditions. For this reason, it is not possible to admire clearly Becket martyrdom images near the altar with Christ one. Moreover, on the dei personaggi sacri, finendo col colmare diverse lacune degli altri "sinottici". San Luca stesso ha premura di ricordare, nel prologo del proprio Vangelo, di essere stato molto scrupoloso nel raccogliere informazioni da "testimoni oculari" (1,1-4). Fu, di fatto, l'unico a inserire nel racconto notizie accurate sulla Vergine e sull'infanzia di Gesù. D'altra parte, il suo ruolo di medico suggeriva una familiarità con la pittura, che nella tradizione tardo-antica era ritenuta imprescindibile strumento per la riproduzione, in repertori illustrati, di piante officinali. Agli stessi artisti è stata sempre necessaria una certa competenza in ambito botanico per la confezione dei colori. Risulta interessante la testimonianza di Simeone Metafraste ( ), che nel suo Menologio (raccolta di vite di santi ordinate secondo il calendario liturgico), oltre ad attribuire a San Luca raffinati studi in Ellade ed Egitto, sottolineava come l'evangelista, per le sue opere, si era avvalso di "cera e colori" (la cosiddetta pittura ad encausto, la più diffusa in età antica e in epoca proto-bizantina, prima di essere sostituita dai più versatili colori a tempera). San Luca viene festeggiato dalla Chiesa cattolica Romana il 18 ottobre; a proposito del Santo Evangelista, San Tommaso d Aquino sostenne che i fedeli dovevano essere infervorati devozionalmente attraverso delle immagini sacre, di cui San Luca è patrono. walls, there are some epical or mythological figures. Currently, the chapel is closed to the public for his reduced size, that cannot let people stay there avoiding to cause damage to the pictures by the high air concentration. Those were hard years. Nowadays, we can easily get everywhere: at that time, reaching a place was very difficult, not only geographically, but also mentally. Firstly, those were cultural distances. It s truly amazing to see how the clash between Church and English Kingdom arrived in Anagni by a chapel of which subject, like peregrines along the famous Via Franchigena (from Canterbury to Rome), went through unknown places to celebrate Becket faith, coherence and courage. It s truly amazing to note that this chapel can do the same still now and this let us understand something of the main importance about us: where we come from and what we were... What we are.

11 Anno IV Numero 8 Cultura 11 P o t r e b b e e s s e r e s t a t o s c o p e r t o i l p r i m o p i a n e t a a b i t a b i l e o l t r e a l l a Te r r a Il gemello della Ter r a: Gliese 581 g Osservato da un astronomo dell Università della California, si trova a 20 a.l. da noi Andrea Paris Le nostre scoperte portano all attenzione un candidato molto forte per essere il primo pianeta abitabile scoperto. Il fatto che siamo riusciti a rilevare questo pianeta cosi velocemente e cosi vicino a noi ci indica che pianeti simili dovrebbero essere davvero comuni. Queste le parole del noto astronomo Steven Vogt dell Università della California a Santa Cruz. Egli si riferisce alla scoperta del pianeta Gliese 581 g che fa parte del sistema della stella Gliese 581, una nana rossa, che a sua volta si trova nella costellazione della Bilancia a soli 20,5 a.l. da noi. L'astronomo sopra citato e il suo team avrebbe effettuato questa scoperta successivamente all uso dello spettrometro HIRES montato sul telescopio Keck I, posto alle Hawaii; le notizie dello spettrometro poi sarebbero Hard Rock Café Virginia Quattrocchi e Ilaria Cultrera state incrementate da quelle ricevute dallo spettrografo europeo HARPS che si trova in Cile. Si tratta di un passo in avanti molto importante per la ricerca di nuovi pianeti adatti ad ospitare la vita, senza escludere il fatto che essi possano già ospitarla. E Gliese sembrerebbe avere tutte le condizioni necessarie allo sviluppo della vita. Infatti il gemello della Terra si trova ad una distanza standard dalla propria stella e ciò comporta che la temperatura sia tiepida e inoltre le condizioni ambientali sono tali da presuppore che su Gliese si possa trovare acqua allo stato liquido, e come sappiamo l acqua è fondamentale per lo sviluppo e l esistenza delle forme di vita in un corpo celeste. La scoperta del pianeta ha fatto scatenare varie opinioni nel mondo scientifico. L astornomo Ragbir Bhathal, scienziato della University of Western Sydney, dice di aver rilevato due anni fa dalla stessa regione di Gliese 581 dei segnali molto particolari. Ha risposto il dr. Frank Drake (fondatore del SETI e autore della famosissima Il telescopio Keck I equazione di Drake), il quale si è mostrato molto sospettoso a riguardo, in quanto Bhathal non ha condiviso i dati con nessuno, e si rifiuta di farlo. Probabilmente uscita la notizia, ha solo voluto solcare l onda del successo. Secondo invece l italiano Francesco Pepe non si può dare per certa l esistenza di Gliese 581 g in quanto, secondo lo scienziato, questo sistema è già studiato da 6 anni e si sa che sia ricco di pianeti sebbene, sempre secondo lui, si può provare l esistenza solo di Gliese b,c,d,e. Le discussioni sull esistenza di Gliese 581 g sono solo all inizio e chissà cosa si potrà venire a sapere nei prossimi anni. Certo l esistenza del pianeta spianerebbe la strada in un futuro molto lontano a tentare esplorazioni spaziali al di fuori del nostro sistema solare. Durante l estate passata, gli studenti che hanno partecipato alla vacanza studio a Leicester, Inghilterra, sono andati a Londra a visitare l Hard Rock Café per eccellenza. Secondo voi perché hanno insistito tanto, provocando quasi l irritazione di qualche accompagnatore? Oltre che per comprare le celeberrime magliette-ricordo, anche per ammirare i numerosi cimeli delle rock star e soprattutto... per mangiare!!! Gli Hard Rock sono nati per trasmettere la cultura della musica e del cibo americani in tutto il mondo. All inizio erano luoghi frequentati quasi esclusivamente dagli amanti della musica rock, negli ultimi tempi, sono diventati un fenomeno di turismo più commerciale. Quanti di noi non hanno mai chiesto ad un amico o a un parente in partenza per un viaggio in una capitale estera: Mi porti la maglia dell Hard Rock?. Il collezionismo delle magliette con il logo Hard Rock è diventato molto diffuso tra i giovani e non solo! In Europa, gli Hard Rock più gettonati sono, oltre a quello di Londra, quello di Parigi, di Barcellona e di Berlino, guarda caso proprio le città in cui le attrattive di tipo musicale (concerti, happening...) sono più vivaci. Ed ora un po di storia... Nel 1970 Peter Morton, proprietario del primo bar di Londra allestito con souvenir americani, incontra un suo connazionale, Isaac Tigrett, con il quale proprio in questa città, inaugura il ristorante Don t Let Your Meatloaf Restaurant al fine di far conoscere ai cittadini inglesi la cultura e la cucina statunitense. Il nome del ristorante potrebbe derivare dal locale raffigurato sulla copertina dell album dei Doors, la mitica rock-band degli anni 70 capitanata da Jim Morrison, intitolato Morrison Hotel. Il ristorante diventa il più frequentato dalle celebrità che, nel tempo, vi hanno lasciato alcuni oggetti (strumenti musicali, capi di abbigliamento, spartiti) con i quali si è costituita la più grande collezione rock and roll mai esistita. Ben presto, però, i due soci hanno delle divergenze sull ampliamento della catena Hard Rock Café negli U.S.A. Per questo solo nel 1983 fissano un accordo con il quale si stabiliva che a Tigrett spettavano gli Stati ad est del fiume Mississipi, mentre a Morton quelli ad ovest. Da questo momento in poi la catena Hard Rock Café si espande sempre più fino ad arrivare alla cifra odierna di circa 150 locali nel mondo. Nel 2006 questa catena commerciale viene acquistata dalla tribù dei Seminole, nativi americani.

12 12 Rubriche Ottobre 2010 Amica Luna E se la Luna potesse parlare? Cara Amica Luna, qualche anno fa mi sono innamorato di una ragazza per alcuni anni, ma non mi sono dichiarato perché pensavo di non piacerle (o forse non mi piacevo molto io), ero timido, avevo paura del giudizio altrui ecc. Con lei eravamo molto amici. Con il tempo poi l'ho messa un po' da parte, fantasticando talvolta su come sarebbe stato stare insieme. Il fatto è che io, in seguito, non mi sono più innamorato veramente come era successo con lei. Sono stato fidanzato con altre ragazze, ma non le amavo come amavo lei e in molti casi era solo attrazione fisica. Per caso abbiamo ripreso a sentirci e io credo di amarla ancor più di prima, ma non so se è cambiata. Sono molto confuso, ma credo che forse è proprio la ragazza della mia vita. Tu che dici? Cosa dovrei fare? Non credi ci sia - ormai - troppo vuoto tra le nostre vite? Sono passati sei anni... Grazie anticipatamente... C. Caro C., qualche giorno fa mi è capitato di leggere il testo di una canzone di Pino Daniele che sinceramente non ho mai ascoltato, ma le cui parole mi hanno subito colpito. Mi riferisco in particolare alla parte in cui si dice Il ricordo di un amore viaggia nella testa, e non c è una ragione quando cerchiamo quel che resta, è come un vento di passione o una rosa rossa, il ricordo di un amore ci cambia e non ci lascia E un po quello che è capitato anche a te: sono passati sei anni e pensa quante ore, minuti, secondi hai vissuto insieme a questo ricordo che viaggiava nella tua testa e che in fondo non ti ha mai abbandonato quante volte avrai sognato di stringerla tra le braccia, guardandola magari attraverso una porta socchiusa mentre non trovavi il coraggio di dirle quanto ci tenevi a lei quante volte ti sarai guardato allo specchio chiedendoti cosa sarebbe successo se anche se lei si fosse innamorata di te, se tu, così come sei, avresti potuto piacerle un giorno sicuramente tante Io posso darti un consiglio che ho ricevuto dalla vita stessa, è lei che mi ha insegnato a non arrendermi mai e soprattutto mi ha fatto capire che bisogna essere se stessi, sempre mentre studiamo, mentre mangiamo, mentre ci divertiamo non dobbiamo mai dimenticare chi siamo e soprattutto non dobbiamo avere paura del giudizio altrui. Il fatto di innamorarsi di una persona in fondo è una cosa bellissima perché significa trovare qualcuno che ti piace con i suoi pregi e con i suoi difetti, qualcuno a cui non aggiungeresti e non toglieresti niente perché lo ritieni perfetto così com è qualcuno che ha un sorriso che ti sembra di conoscere da sempre, un sorriso che riesce a riempire anche i vuoti che sembravano ormai troppo grandi. Io ti sto dando un consiglio, ma la vita ti sta dando una seconda possibilità non sprecarla! La tua amica Luna Cara Amica Luna, l'anno scolastico è iniziato ed ho incontrato vecchi e nuovi amici. Ma la cosa più importante è stata rivedere lui. Quanto mi è mancato! Adesso non posso entrare in classe senza sorriso sulle labbra, sapendo che ci sarà. Quando lo vedo, di prima mattina, è indescrivibile la gioia che provo. Ma lui non lo saprà mai. Che cosa faresti se ti trovassi nella mia situazione? Spero tu mi risponda. Inoltre complimenti per la rubrica, sei davvero brava :)! Amor 31 Caro Amor31, voglio risponderti con una domanda: «Ti è mai capitato di guardare il cielo e di pensare Quante stelle ci saranno??! Un miliardo, due miliardi, tre» Beh, a me capita tutte le sere e tutte le sere la mia attenzione si sofferma su di lei, la stella più luminosa di tutte. E strano che in mezzo a tanto immenso, in mezzo a un cielo così grande, in mezzo a tante stelle, i miei occhi guardino soltanto quella piccina, minuscola luce dorata che si perde lontano eppure è così! E quante volte ho sognato di prenderla, anche solo per un attimo, ma lei è rimasta lì, in un cielo troppo lontano per me Eppure ogni notte torno a guardarla e non mi stanco di riempirmene gli occhi, non mi stanco di sorridere, sognare, e torno ad alzare lo sguardo a quel cielo. Sono triste, ma felice mi basta sapere che c è chissà quante altre persone, come me, la staranno guardando in quel momento e lei rimane lì! Penso che quando ci si innamora succede un po la stessa cosa tu sei contenta di andare in classe, sorridi perché sai che c è, c è la tua piccola stella seduta tra i banchi di scuola lo guardi, e improvvisamente tutto il mondo intorno a te scompare è lui che riempie i tuoi occhi, le tue giornate, il tuo cuore è lui la stella del tuo cielo... e io non posso dirti di andare da lui per spiegargli quello che senti, come non posso dirti di non farlo queste sono decisioni che non spettano a me, ma al tuo cuore solo lui ti farà capire se e quando sarà il momento giusto per dire tutto chissà, forse tu riuscirai a prendere quella stella che tanti sognano ma anche se non succederà ricordati quanto bella guardarla anche da lontano e poi il cielo è così grande che nasconde una stella per ciascuno di noi e io ti auguro di trovare presto anche la tua La tua amica Luna Athenaeum consiglia......il libro del mese Titolo Le Vie dei Canti Autore Bruce Chatwin Editore Adelphi, 1995 Collana Gli Adelphi Pagine 390 Prezzo 12,00 Ambientato in Australia, il libro racconta delle indagini svolte da Chatwin sulla tradizione aborigena dei canti rituali, tramandati di generazione in generazione come conoscenza iniziatica e segreta. Il libro sviluppa la tesi secondo cui i canti aborigeni sono contemporaneamente rappresentazione di miti della creazione e mappe del territorio. Chatwin arriva a trattare anche i temi ricorrenti della sua opera, in particolare la tesi del nomadismo come condizione originaria dell'umanità.

13 Anno IV Numero 8 Rubriche 13 Per voce sola... Il palazzo della redazione Daniele Rodolico Sale le scale. Il piano maledetto. Attraversa il corridoio. Urta un uomo. Un altro lo evita. Corre. Cadono i giornali. Cadono le foto. Corre ancor di più. Dove diamine sei? Si trovò, colmo di livore, dinnanzi all uscio del passato. La stanza in cui non poteva, non doveva entrare. E ora capiva il perché. Sua madre aveva lavorato in quella redazione per tutta la vita: persino quando ebbe l infarto stava lavorando. Correggeva una bozza del direttore. Troppe sigarette le avevano detto i medici, ma niente. Continuava. Dopo la maturità classica, se ne era andata di casa e si era trasferita in città. Lì trovò lavoro al giornale. Dopo poco rimase incinta. E visse così, sola, appena ventenne e con un figlio, cui avrebbe trasmesso la passione per la scrittura. Lui l aspettava sempre sveglio fino a notte inoltrata. Le voleva bene: aveva solo lei. E lei aveva solo lui. I giornalisti lavoravano fino a tardi. Lui si avvicinava alla finestra e osservava il palazzo della redazione, proprio di fronte. Le luci accese, gli uffici avvolti nella nebbia di fumo dei redattori, giornalisti che corrono, giornalisti al telefono, giornalisti che urlano. Giornalisti. Quando cambiava punto di vista, scrutava il riflesso del suo volto sul vetro. I giorni passavano e si faceva sempre più uomo. Anni dopo, nottetempo, lasciò la penombra del monolocale e attraversò il portone della redazione. Marciò dritto verso Ho visto un posto che mi piace... a cura di Emanuele Rossi State leggendo il secondo articolo della rubrica musicale di Athenaeum, Ho visto un posto che mi piace. Nella vita siamo chiamati ad affrontare tante esperienze, tante emozioni, uniche ed indimenticabili, come la scuola, l amore o anche la vita stessa, e spesso non riusciamo ad esprimerle. È stato proprio questo il problema che mi ha fatto scoprire lo straordinario mondo della musica. All inizio mi bastava sentire una canzone, una melodia che rappresentava in pieno il mio stato d animo per sentirmi meglio. Ma è arrivato poi il giorno in cui ho capito che non mi bastava più ascoltare e che avevo bisogno di un mezzo più grande, concreto. È così che decisi di comprare una chitarra. La mia chitarra. E ho iniziato a seguire le prime lezioni e poi ad imparare i primi accordi e le prime canzoni, fino a diventare quasi autonomo. Con la chitarra la mia vita è cambiata totalmente, a lei e con lei racconto le mie emozioni e penso, rifletto, sorrido, piango e mi sento migliore. Non mi importa quale canzone sto suonando, il genere, il cantante, mi basta una canzone che mi rappresenti. Ovviamente ho le mie canzoni preferite, come La canzone del sole. Questa per me non è la facile canzone che tutti sanno suonare, il semplice giro di accordi La-Mi-Re-Mi o i banali tre tocchi in giù. È stata la prima canzone che ho imparato e, anche se sono passati un bel po di anni, ancora mi rappresenta. A lei ho associato e ancora associo molti episodi, che ogni volta che la canto mi rivengono in mente e che non scorderò mai. Ma la canzone che mi emoziona al solo pensiero è La vita non è un film degli Articolo 31. Penso che sia la canzone più reale del mondo: i sotterranei. Verso l archivio. Si fece strada tra la puzza di chiuso e di carta invecchiata, tra gli alti scaffali con i giornali degli ultimi anni. La torcia in mano e un senso di orientamento istintivo, guidato dal caso, dall ansia e dalla paura. Ottobre 1987 : estrasse dal faldone il numero dell edizione domenicale del 18. Gli si fermò il fiato in gola e si sentì tremare le gambe. Lo stomaco chiuso e la mente che non riusciva a realizzarla, la conferma di quel subitaneo sospetto, tra l intuizione e la fortuna, un istinto purtroppo fondato. Una sera sua madre non era tornata a casa nemmeno quando si era spenta in redazione l ultima luce. Prese il giubbino e le chiavi. Si avviò verso l edificio di fronte. Appoggiò le mani alla maniglia del portone, ma era chiuso. Dov era? Il giorno successivo, di mattina presto, un uomo alto, vestito di scuro, gli avrebbe detto che era morta e avrebbe dovuto seguirlo: un assistente sociale. Qualche anno dopo fu contattato dal caporedattore del giornale dove lavorava sua madre e di cui era stato molto amico. Gli propose di lavorare in redazione: scriveva bene e aveva un fiuto speciale per le notizie. Ma c era un mistero che continuava ad affliggerlo? Come un vuoto interiore. Come se fosse stato privato di una parte di sé, una parte del suo cuore. L ufficio di sua madre non era stato riutilizzato, stranamente, dopo la sua morte. Un giorno vi entrò di nascosto. Tutte le carte sulla scrivania non erano state toccate. Per terra un foglio appallottolato. Lo aprì. NUOVA RUBRICA dedicata alla Narrativa e alla Poesia Amore mio, non ce la faccio più a tacertelo, ma non ho il coraggio di dirtelo di persona. Te l ho sempre celata, per paura di farti soffrire: l identità di tuo padre. Il 18 ottobre dell 87 La lettera si interrompeva lì. Non ci capiva più niente. Che significava quella data? Ma soprattutto, riaffiorò in lui quel dubbio straziante, costretto ai meandri del suo cuore. Chi era suo padre? Il numero di carta ingiallita tra le mani. Il suo sguardo, dritto ai caratteri sbiaditi in cui leggeva dell assunzione dei nuovi redattori. Circa nove mesi dopo, il 29 luglio dell anno seguente, sarebbe nato lui Rimise il quotidiano nel faldone, ma all improvviso da un estremità dei fogli cadde una foto, riposta disordinatamente troppo in fretta. Ritraeva i praticanti del 1987: sua madre era abbracciata ad un uomo che riuscì a riconoscere. Assomigliava a lui in modo impressionante. E dietro la foto, proprio la grafia di sua madre, che aveva annotato ti somiglia troppo. Tutto inesorabilmente chiaro. Non esitò un attimo. Spinse la maniglia. Guardò il direttore del giornale fumarsi una sigaretta, mentre a lui rivoli di sudore percorrevano la schiena e ansimava per il fiatone. Quel perfetto sconosciuto era suo padre. tutti infatti cerchiamo sempre una vita migliore come quella della televisione, ma alla fine ci ritroviamo sempre davanti a problemi insormontabili, che non possono essere risolti usando il telecomando la vita non è un film. Poi mi piace cantarla di continuo e ogni volta che prendo la chitarra in mano sento il bisogno di suonarla. Insomma la musica ha migliorato la mia vita e con lei riesco veramente a stare bene. Mi immedesimo nelle canzoni che canto e non mi importa come le interpreto, perché so di essere stonato, e a tutti quelli che mi prendono in giro dico sempre che non canto con la bocca, ma con il cuore, perché solo così non devo stare attento alle giuste tonalità, ma riesco ad entrare in quel posto che tanto mi piace e che si chiama mondo.

14 14 Sport Ottobre 2010 Lo spagnolo della Ferrari vince il Gran Premio di Corea e supera Webber in classifica Formula Uno: Alonso leader del Mondiale In una gara condizionata dalla pioggia il ferrarista ha preceduto Hamilton e Massa Niccolò Polidori Fernando Alonso si è aggiudicato la prima edizione del Gran Premio della Corea, disputatosi domenica 24 ottobre, terzultima prova del campionato mondale di Formula Uno Lo spagnolo, grazie alla vittoria ottenuta e al ritiro di entrambe le Red Bull (Mark Webber per incidente, Sebastian Vettel per problemi al motore), si è portato in testa alla classifica, a sole due gare dal termine. La gara è stata fortemente condizionata dalle avverse condizioni meteo. A causa della pioggia la gara è iniziata in regime di safety car, per poi essere sospesa dopo pochi giri vista la scarsa visibilità in pista. La corsa è ripresa dopo quasi un ora, quando le condizioni meteorologiche sono leggermente migliorate. Nelle prime fasi di gara a causa di un errore (come ha sportivamente ammesso al termine del Gran Premio) è uscito dai giochi Mark Webber, allora leader della classifica piloti. Alonso è riuscito quindi a guadagnare la seconda posizione alle spalle di Sebastian Vettel. Quest ultimo è stato costretto a ritirarsi in seguito ad un guasto al motore nella seconda parte di gara, cedendo al campione spagnolo la testa della corsa, mantenuta fino al traguardo. Alle spalle della Ferrari di Alonso è giunto Lewis Hamilton con la McLaren, mentre sul terzo gradino del podio è salito l altro ferrarista Felipe Massa, a completare la festa della Scuderia di Maranello. Quarto posto invece per Michael Schumacher, risalito dalla nona posizione grazie a diversi sorpassi nelle prime fasi di gara. Quinto classificato il polacco Robert Kubica con la Renault. Il prossimo appuntamento con la Formula Uno è per domenica 7 novembre, quando si disputerò il Gran Premio del Brasile. Per Alonso sarà fondamentale non commettere errori, per mantenere il vantaggio in classifica fino all ultima gara, quella di Abu Dabhi. Nella classifica costruttori, invece, la Red Bull resta comunque la favorita per la vittoria finale, ma la Ferrari proverà sicuramente ad insidiare la scuderia austriaca. Si sono tenuti in Italia dal 24 settembre al 10 ottobre i mondiali di pallavolo maschile L Italia ai mondiali di pallavolo maschile S u c c e s s o i t a l i a n o : i g i o c a t o r i a z z u r r i c o n q u i s t a n o i l q u a r t o p o s t o Marco Fantini Il XVII campionato mondiale di pallavolo maschile si è svolto in Italia dal 24 settembre al 10 ottobre Alla competizione hanno partecipato 24 squadre. Alle qualificazioni hanno partecipato 109 nazionali di pallavolo, un record assoluto. Grazie alle qualificazioni si sono aggiudicate un posto per la fase finale del torneo 22 squadre, mentre altre due, l'italia, paese ospitante, e il Brasile, campione del mondo in carica, si sono qualificate di diritto. La distribuzione delle squadre, nei vari gironi di qualificazione, è avvenuta sia in base al ranking mondiale al 5 gennaio 2008, sia in base al numero di federazioni registrate in ogni continente: hanno partecipato quindi alle fase finale 8 squadre europee (9 se si conta l'italia), 4 squadre nordamericane, 5 asiatiche-oceaniche, 2 squadre sudamericane (3 se si conta il Brasile) e 3 squadre africane. Le città prescelte per ospitare la manifestazione sono state 10: Ancona, Catania, Firenze, Milano, Modena, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trieste, Verona. La nazionale italiana ha giocato la prima fase del torneo a Milano. Le finali si sono svolte a Roma. L Italia, Paese organizzatore, nella prima fase è passata come prima riu- Classifica piloti 1 Fernando Alonso Mark Webber Lewis Hamilton Sebastian Vettel Jenson Button Felipe Massa Robert Kubica Nico Rosberg Michael Schumacher Rubens Barrichello 47 scendo a battere Egitto e Giappone per tre a zero e l Iran per 3 a 2 con un pò più di difficoltà. Poi nella seconda fase ha vinto il derby europeo contro la Germania per tre a zero ed ha battutto la Costa Rica con lo stesso risultato. Ha continuato il suo cammino fino alla terza fase dove ha battuto il nemico di sempre in tutte le competizioni sportive, la Francia, per tre a uno. Stesso risultato della partita con gli Stati Uniti. L Italia ha però concluso il suo glorioso cammino verso la vittoria in semifinale dove ha incontrato il Brasile che dopo aver battuto la nostra nazionale ha vinto il torneo battendo Cuba per tre a zero. La nostra nazionale alla fine si è aggiudicata il quarto posto perché non è riuscita a battere la Serbia nella finale per il terzo gradino del podio.

15 Anno IV Numero 8 Foto 15 Giornata dell Accoglienza Articolo a pag. 4

16 Perla di saggezza La giovinezza non consiste nel cambiare continuamente opinioni e nella mutevolezza dei sentimenti, ma nel provare quotidianamente, a contatto con la vita, la forza e la tenacia di quelle idee e di quei sentimenti. Jean-Paul Sartre ( ) Redazione DIRETTORE Gabriele Russo Russo VICEDIRETTORE CAPOREDATTORE Danilo Bucciarelli Daniele Rodolico FONDATORI E DIRETTORI ONORARI Marco Cecili, Francesco Carletti COLLABORATORI DI REDAZIONE Sara Ciaralli, Ilaria Cultrera, Virginia Quattrocchi, Anna Lucia Russo Russo Grazia Caciolo, Marco Fantini, Viviana Astazi, Matteo Tasca, Giorgio Astrei, Andrea Paris, Emanuele Rossi, Prof.ssa Claudia Fantini. Giornale chiuso in Redazione il 26/10/ /11 Damiano Vespa 15 11/11 Lorenzo Cellitti 16 Giorgio Astrei 18 15/11 Daniele Cernicchi 14 Miguel Terrinoni 17 29/11 Giulia Rossi 18 Emanuele Rossi 18 Cruciverba ORIZZONTALI: 1. Provocante, sfrontata 7. Il vero cognome del Balilla 13. Con molta pena 16. La fine del parsec 18. Segno matematico 19. Importunare, infastidire 21. Si usa per radersi 23. La Repubblica di Riga 24. Dischiuse, spalancate 25. E meglio mantenerle con certe persone 26. E difficile ammettere il proprio 27. Concorso a premi 28. Serve per i versamenti all Ufficio Postale (due parole) 31. Antichi castelli 32. Le ultime della serie 33. Recipiente pastorale 35. Pagamenti parziali 36. Un club ambrosiano 29. I rudimenti della grammatica 40. Un parente stretto 41. Degno di compassione 42. La fine del torneo VERTICALI: 1. Dignitario ecclesiastico 2. L inizio dell Odissea 3. Sinonimo di pneumatico 4. Parti mobili dell aeroplano 5. Un ambiente regale 6. Articolo romanesco 7. Comune in provincia di Roma 8. Mandar fuori, emanare 9. Lo stesso che rimanere 10. L imperatore romano detto Pio 11. Un piccolo locale 12. Le curano i collezionisti 14. Iniziali della Muti 15. Consueto, ordinario 17. Impartisce disposizioni 20. Una mezza idea 22. Luogo di contrattazioni 25. Mite, arrendevole 27. Nome d uomo 29. Argomenti di conversazione 30. Si usano per infusi 31. Avverbio di tempo 34. Rimanda la voce 35. Terza e quarta in terza 37. Arezzo 38. Corpo Diplomatico

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di

Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di scuola diversa, ha arricchito la nostra capacità di

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

Vedi all interno (gli articoli sono in ordine alfabetico)

Vedi all interno (gli articoli sono in ordine alfabetico) Vedi all interno (gli articoli sono in ordine alfabetico) 1 Prossimamente nella scuola Jacopo Zannoni, (per precisione il 22 dicembre), ci sarà la festa di Natale. Il prof. Campanini ha già organizzato

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Al Papa il 10 maggio ho portato la mia gratitudine per i 35 anni di insegnamento all Istituto San Giuseppe Andare dal Papa

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli