Programma di sostegno alla Cooperazione Regionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di sostegno alla Cooperazione Regionale"

Transcript

1 Programma di sostegno alla Cooperazione Regionale APQ Paesi della sponda sud del Mediterraneo SVILUPPO DELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA IN ALGERIA LINEA 2.1 SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO 10 febbraio

2 Indice PREMESSA... 3 SEZIONE I INFORMAZIONI GENERALI... 4 I.1 Anagrafica 4 I.2 Piano finanziario PI 5 I.3 Coordinatore del progetto 6 I.4 Referente locale (Paese/i partner) 6 SEZIONE II DESCRIZIONE DEI PARTNER ISTITUZIONALI... 7 SEZIONE III IL PROGETTO INTEGRATO III.1 Descrizione sintetica del progetto integrato 10 III.2 Motivazioni della proposta 11 III.3 Obiettivi generali 14 III.4.Beneficiari 14 III.5 Aderenza della proposta ai criteri specifici previsti nell APQ 15 III.6 Metodologia 18 III.7 Sostenibilità di lungo periodo ed effetti moltiplicatori 23 III.8 Sistema di monitoraggio e valutazione interna SEZIONE IV I SUB-PROGETTI IV.1 Sub-progetto 1 27 IV.1.1 Anagrafica del sub-progetto 27 IV.1.2 Coordinatore del sub-progetto 27 IV.1.3 Referenti regionali 28 IV.1.4 Descrizione dei soggetti realizzatori 28 IV.1.5 Referenti locali 28 IV.1.6 Quadro logico 33 IV.1.7 Obiettivo specifico 41 IV.1.8 Risultati attesi 41 IV.1.9 Ricadute regionali 42 IV.1.10 Descrizione dettagliata delle attività 43 IV.1.11 Sostenibilità di lungo periodo ed effetti moltiplicatori 49 IV.1.12 Condizioni esterne 51 IV.1.13 Piano operativo sub progetto 52 IV.1.14 Cronogramma sub progetto 60 IV.1.15 Cofinanziamento regionale 64 IV.1.15 A Piano finanziario sub progetto 64 2

3 PREMESSA Questo documento rappresenta la struttura di riferimento per la presentazione dei progetti esecutivi da parte delle Regioni a valere sulle 5 linee di intervento definite negli Accordi di Programma Quadro. La struttura è stata elaborata sulla base dei modelli utilizzati dalla Commissione Europea e dal Ministero degli Affari Esteri per la presentazione dei progetti. 3

4 SEZIONE I INFORMAZIONI GENERALI I.1 Anagrafica APQ Linea/e di intervento Accordo di Programma Quadro Programmazione di Sostegno alla Cooperazione Regionale (Paesi Area Mediterraneo). 2.1 Algeria Titolo del progetto integrato Sviluppo della Filiera Lattiero-casearia in Algeria 2.1 ALGERIA Localizzazione Paese Algeria Comune/Regione Tizi Ouzou, de Ghardaïa, d Oum El Bouaghi et de Sé Regione coordinatrice (italiana) Sardegna Regioni partner (italiane) Sardegna, Piemonte, Sicilia, Basilicata Partner locali 1 Istituzionali Ministero dell Agricoltura e dello sviluppo rurale, Ministero Affari Esteri Tecnici Institut Technique des Elevages (ITELV) Altri partner (OO.II., ONG o altri Enti) Durata (in anni) 2 Costo totale in ,60 (di cui di finanziamento CIPE) 2 Status al 11/10/ Indicare anche quale soggetto istituzionale e/o tecnico locale svolge il ruolo di riferente principale del Progetto integrato. 2 La cifra comprende i co-finanziamenti in natura pari a ,29. 4

5 I.2 Piano finanziario progetto integrato REGIONI Regione 1 Regione 2 Regione 3 Regione 4 Totale allocazioni Quota FAS Cofinanziamento regionale Altri finanziamenti , , , , , , , ,28 B2 Sub progetto 1 Totale sub progetto , , , , ,28 Sub progetto 2 Totale sub progetto 2 D Sub progetto 3 Totale sub progetto3 Totale costi diretti , , , ,30 Voce di costo non attivabile sul sub-progetto Costi di Gestione del Progetto integrato OICS Totale Costi di Gestione Progetto integrato (L) Totale generale (M) , , , , ,28 M=A+B1+B2 E H 5

6 I.3 Coordinatore del progetto Nome Dr Maria Francesca Scintu Istituzione Agris-Sardegna. Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Indirizzo SS Sassari-Fertilia Km 18,600 Loc Bonassai Olmedo Telefono Fax I.4 Referente locale: Algeria Denominazione istituzione INSTITUT TECHNIQUE DES ELEVAGES (ITELV) (ITELV) Ruolo nell ambito del progetto Coordinatore di Progetto Persona Contatto M. BOUDJENAH Ahmed ITELV) M. ABBACHE Noureddine di Indirizzo Telefono F a x M. FERRAH Ali mail.com yahoo.fr Si rimanda alla sezione dedicata ai singoli sub-progetti. 6

7 SEZIONE II DESCRIZIONE DEI PARTNER ISTITUZIONALI Riprodurre la tabella seguente per ciascun partner istituzionale. Acronimo Sub-progetto di SVILUPPO della FILIERA LATTIERO - CASEARIA IN ALGERIA riferimento Ente Regione Autonoma della Sardegna Servizio affari comunitari ed internazionali Nazionalità ITALIA Indirizzo ufficiale Viale Trento, Cagliari Persona di contatto Marco Sechi Numero di telefono Numero di Fax Esperienza in azioni analoghe rispetto al ruolo Il Servizio affari comunitari ed internazionali si occupa di curare il ricoperto nella presente coordinamento degli interventi regionali in materia di proposta internazionalizzazione delle imprese produttive in Sardegna, Titolo del progetto l attuazione progetti speciali in raccordo con organismi regionali, Paese interregionali e nazionali; seguire la cooperazione internazionale allo Settore sviluppo della regione Sardegna; i rapporti con il Ministero degli affari Partner esteri per gli affari di competenza; la programmazione comunitaria; i rapporti con lo Stato e con gli uffici della Commissione europea in Donatori materia di aiuti di Stato e di rispetto delle regole di concorrenza. Durata Ruolo svolto nell attuazione del progetto

8 Acronimo SIC Progetto esecutivo Sub-progetto di SVILUPPO della FILIERA LATTIERO - CASEARIA IN ALGERIA riferimento Ente Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento interventi strutturali Area III Programmazione e coordinamento degli interventi nel settore agricolo, agroalimentare e rurale U.O. n. 13 _ programmazione transnazionale e programmazione negoziata Nazionalità ITALIA Indirizzo ufficiale Viale Regione Siciliana, Palermo Persona di contatto Dr. Antonio Piceno Numero di telefono , Numero di Fax Esperienza in azioni La Sicilia ha partecipato a diversi progetti di sviluppo socio economico, in analoghe rispetto al ruolo particolare nel settore agro-alimentare. ricoperto nella presente In particolare si segnalano i seguenti progetti finanziati con fondi propri nelle regioni della riva sud del Mediterraneo: proposta Sviluppo dell' apicoltura nella Provincia di Tetouan - Nord del Marocco Titolo del progetto Divulgazione agricola e credito informale per donne rurali delle regioni Paese di Siliana e Kasserine - centro-sud della Tunisia Settore Sviluppo della filiera vitivinicola nel Bacino del Mediterraneo Partner Progetto Pilota per la creazione di un Osservatorio sull'innovazione nelle Piccole e Medie Imprese Agro-Alimentari del Mediterraneo Donatori Durata Ruolo svolto nell attuazione del progetto Acronimo Sub-progetto di SVILUPPO della FILIERA LATTIERO - CASEARIA IN ALGERIA riferimento Ente Regione Basilicata-Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale Economia Montana- Ufficio Risorse Naturali in Agricoltura Nazionalità ITALIA Indirizzo ufficiale Viale della Regione Basilicata, Potenza Persona di contatto Dr. Francesco Pesce Numero di telefono Numero di Fax Esperienza in azioni analoghe rispetto al ruolo L Ufficio cura l attuazione delle iniziative comunitarie tese allo sviluppo ricoperto nella presente delle risorse naturali dell agricoltura e dei suoi prodotti. Rappresenta proposta nell ambito delle iniziative comunitarie nazionali e regionali il Titolo del progetto dipartimento agricoltura nelle fasi attuative di ricerca e sperimentazione, Paese cura l attuazione delle misure del quadro comunitario di sostegno Settore nell ambito delle risorse forestali e delle infrastrutture rurali Partner Donatori Durata Ruolo svolto nell attuazione del progetto Linea 2.1 Algeria 8 27 Novembre 2006

9 Acronimo Progetto esecutivo Sub-progetto di SVILUPPO della FILIERA LATTIERO - CASEARIA IN ALGERIA riferimento Ente Regione Piemonte - Settore Affari Internazionali e Comunitari Nazionalità ITALIANA Indirizzo ufficiale P.za Castello, 165 Torino Persona di contatto DR. GIORGIO GARELLI Numero di telefono 011/ Numero di Fax Esperienza in azioni L'attività nel campo della cooperazione internazionale della analoghe rispetto al Regione Piemonte è particolarmente intensa. La Regione ha ruolo ricoperto nella operato in questi anni su tre versanti principali: intervenendo presente proposta direttamente nell'attività di cooperazione volta al Titolo del progetto rafforzamento istituzionale; sostenendo e accompagnando in Paese azioni di cooperazione quei soggetti interessati ad operare in Settore tale campo ma privi delle necessarie competenze e Partner strumenti; valorizzando l'esperienza degli attori che Donatori tradizionalmente operano nel campo della cooperazione allo Durata Ruolo svolto nell attuazione sviluppo (associazioni, ONG, etc..). Le leggi regionali di del progetto riferimento in materia di cooperazione internazionale allo sviluppo sono tre: L.R. 67/95 "Interventi regionali per la promozione di una cultura ed educazione di pace, per la cooperazione e la solidarietà internazionale"; L.R. 50/94 "Iniziative per l'attuazione di accordi di collaborazione fra la Regione ed entita' istituzionali di Paesi esteri"; L.R. 4/82 "Istituzione del Comitato Regionale di solidarieta' e partecipazione della Regione a Comitati di soccorso". Per quanto concerne specificamente la L.R. 67/95, l'attività è soggetta ad una programmazione triennale realizzata tramite le Direttive di carattere programmatico, approvate dal Consiglio Regionale, e ad una programmazione annuale. Linea 2.1 Algeria 9 27 Novembre 2006

10 SEZIONE III IL PROGETTO INTEGRATO III.1 Descrizione sintetica del progetto integrato La finalità del progetto è quella di promuovere azioni di cooperazione economica e sociale finalizzate, in particolare, all accompagnamento dello sviluppo della filiera lattiero casearia in Algeria e alla realizzazione di distretti del latte. Le attività di progetto si avvarranno dell esperienza acquisita dalle Regioni italiane nel settore dell impresa, della cooperazione e della ricerca. Allo stesso tempo il coinvolgimento diretto delle istituzioni, impegnate nel progetto in azioni comuni e/o complementari, permetterà di accrescere le competenze e le capacità organizzative e di cooperazione istituzionali tra le regioni italiane, gli enti e gli operatori partecipanti al progetto. Il progetto sarà realizzato in partenariato con istituzioni e associazioni algerine che operano sopratutto nel campo della produzione agricola e zootecnica con compiti di ricerca a sostegno delle stesse produzioni. Saranno inoltre coinvolti operatori economici interessati a favorire i processi di sviluppo. Tra le attività di tipo economico che in alcune zone dell Algeria possono trovare possibilità di sviluppo vi è la creazione di distretti del latte. L Algeria consuma latte alimentare che generalmente è importato sotto forma di polvere. La ricostituzione del latte avviene in stabilimenti ubicati generalmente in prossimità dei centri urbani. Solo in misura molto marginale viene commercializzato latte vaccino UHT con seri problemi di trasporto e distribuzione. In alcune zone recentemente è stato attivato presso alcune aziende di singoli produttori l allevamento di vacche da latte. Questi ultimi fatti contribuiscono ad incrementare l attenzione verso un latte alimentare di qualità superiore sia dal punto di vista nutrizionale sia sensoriale rispetto al latte ricostituito. La produzione di latte ovino e caprino è invece limitata, l allevamento dei piccoli ruminanti, in particolare degli ovini ha come obiettivo principale la produzione della carne, mentre il latte viene scarsamente valorizzato e i prodotti ottenuti sono prevalentemente latte acidificato e burro da utilizzare per il cuscus. Con il progetto di cooperazione si intende valorizzare le risorse locali al fine di favorire la nascita di distretti di produzione di latte e di prodotti da esso derivati. Per favorire la commercializzazione dei prodotti è inoltre importante affrontare il problema della sicurezza alimentare, e della certificazione dei prodotti in conformità alla normativa europea. Si intende anche favorire processi di cooperazione tra produttori locali al fine di accrescerne la competitività. I destinatari del progetto sono: -le istituzioni algerine (allo stato Ministero Agricoltura e dello Sviluppo Rurale), -le comunità dei distretti che potranno beneficiare della disponibilità di latte di qualità -le regioni italiane, che attraverso il lavoro di cooperazione e l intensa attività di ricerca e/o operativa accresceranno le loro competenze specifiche e contribuiranno ad incrementare i rapporti di collaborazione economica e scientifica tra gli operatori italiani e quelli algerini. La cooperazione tra istituzioni di ricerca, specializzate nel settore lattiero caseario, favorirà la creazione di una rete di ricerca che possa condividere metodologie di studio delle risorse locali e trovare soluzioni comuni per la valorizzazione delle produzioni e alla certificazione delle stesse. È pertanto necessario studiare i processi di produzione tradizionali e facilitare piccole produzioni associando i produttori e garantendo produzioni di qualità che possano raggiungere i mercati. L orientamento delle attività di trasformazione del latte determina l indirizzo del miglioramento genetico degli animali e le scelte che dovranno effettuarsi per garantire sufficienti risorse foraggiere. Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

11 III.2 Motivazioni della proposta Max 2 pagine a) Coerenza del progetto rispetto agli indirizzi della nuova programmazione comunitaria e nazionale verso i Paesi del Mediterraneo / dei Balcani L iniziativa che le Regioni Italiane in partenariato con le Autorità Algerine intendono promuovere si colloca nella prospettiva di attuazione dell'area di libero scambio tra l'unione Europea ed i Paesi della sponda sud del Mediterraneo. Questo approccio vuole rappresentare anche un contributo attivo al rafforzamento della cooperazione tra più Regioni in termini di erogazione di servizi, trasferimento di competenze e conoscenze ed alla individuazione di efficaci strategie di internazionalizzazione delle imprese, in particolare quelle operanti nella filiera agro-industriale. In questo contesto si inserisce il progetto sviluppo della filiera lattiero-caseara in Algeria che intende promuovere un azione di cooperazione economica e sociale volta in particolare all accompagnamento nello sviluppo della filiera lattiero-casearia in Algeria, mutuando le positive esperienze di impresa e di cooperazione realizzate dalle Regioni italiane nel settore. Il progetto è coerente con la priorità tematica 9. del QCS Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse secondo cui per affrontare con più forza la competizione esterna e riposizionare il sistema produttivo nazionale nel contesto mondiale sono decisivi il rapido progresso del processo di internazionalizzazione delle imprese e dei sistemi territoriali, specie nel Mezzogiorno e l estensione di questo processo anche al sistema delle pubbliche amministrazioni e la politica regionale può dare un contributo rilevante in questa direzione. Il QCS indica che la strategia di apertura internazionale dovrà attuarsi, in un ambito di massima cooperazione istituzionale e secondo un approccio unitario e di sistema, attraverso il miglioramento della capacità delle istituzioni pubbliche e dei sistemi produttivi locali di dialogare e competere sul piano internazionale. Il progetto sviluppo della filiera lattierocasearia in Algeria offre alle istituzioni pubbliche ed ai sistemi produttivi regonali delle regioni coinvolte la possibilità di confrontarsi ed innestare sinergie positive proprio nel quadro delle finalità del QCS. Il regolamento del nuovo strumento ENPI stabilisce i settori di cooperazione nell ambito dei quali deve operare l assistenza comunitaria. Tra questi figurano: - il consolidamento delle istituzioni e degli organismi nazionali preposti all'elaborazione e all'attuazione effettiva delle politiche nei settori coperti dagli accordi di associazione, di partenariato e di cooperazione, nonché da altri accordi multilaterali di cui la Comunità e/o i suoi Stati membri e i paesi partner siano parti, finalizzati al raggiungimento degli obiettivi definiti nel presente articolo; - l incentivazione dello sviluppo dell'economia di mercato, comprese le misure volte a sostenere il settore privato e lo sviluppo delle piccole e medie imprese, ad incoraggiare gli investimenti e a promuovere gli scambi mondiali; - il sostegno ad azioni mirate ad una maggiore sicurezza alimentare per i cittadini, segnatamente nel settore sanitario e fitosanitario. Il progetto sviluppo della filiera lattiero-casearia in Algeria, per le sue finalità ed i risultati che produrrà sul territorio algerino e sulla competitività del settore nelle regioni italiane coinvolte si sviluppa in una cornice di cooperazione delimitata da questi ambiti. Il regolamento (CE) N. 1083/2006 del Consiglio dell'11 luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione al CAPO II Obiettivi e missioni, Articolo 3 Obiettivi stabilisce che L'azione condotta Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

12 dalla Comunità è volta a rafforzare la coesione economica e sociale dell'unione europea allargata per promuovere lo sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile della Comunità. Essa intende ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali emerse in particolare nei paesi e nelle regioni in ritardo di sviluppo e in relazione alla ristrutturazione economica e sociale e all'invecchiamento della popolazione. L'azione condotta nell'ambito dei Fondi integra, a livello nazionale e regionale, le priorità comunitarie a favore dello sviluppo sostenibile rafforzando la crescita, la competitività, l'occupazione e l'inclusione sociale e tutelando e migliorando la qualità dell'ambiente. A tal fine il FESR, il FSE, il Fondo di coesione, la BEI e gli altri strumenti finanziari comunitari esistenti contribuiscono, ciascuno in maniera appropriata, alla realizzazione di diversi obiettivi, tra cui l'obiettivo c) «Cooperazione territoriale europea», che è inteso a rafforzare la cooperazione transfrontaliera mediante iniziative congiunte locali e regionali, a rafforzare la cooperazione transnazionale mediante azioni volte allo sviluppo territoriale integrato connesse alle priorità comunitarie e a rafforzare la cooperazione interregionale e lo scambio di esperienze al livello territoriale adeguato. In questo contesto programmatico il presente progetto si colloca proprio nell ambito del sostegno alla competitività ed alla cooperazione transfrontaliera. Il regolamento (CE) N. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1783/1999 al CAPO I Disposizioni Generali, Articolo 2 Finalità stabilisce che il FESR contribuisce al finanziamento di interventi destinati a rafforzare la coesione economica e sociale eliminando le principali disparità regionali attraverso il sostegno allo sviluppo e all'adeguamento strutturale delle economie regionali, inclusa la riconversione delle regioni industriali in declino e delle regioni in ritardo di sviluppo, e sostenendo la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale. All articolo 3 esplicita il Campo di applicazione dell'intervento chiarendo che il FESR contribuisce al finanziamento di (tra gli altri): sviluppo di potenziale endogeno attraverso misure che sostengono lo sviluppo regionale e locale. Tali attività includono il sostegno e i servizi alle imprese, in particolare alle PMI, la creazione e lo sviluppo di strumenti finanziari quali il capitale di rischio, i fondi per mutui e fondi di garanzia, i fondi di sviluppo locale, gli abbuoni di interesse, la messa in rete, la cooperazione e gli scambi di esperienze tra regioni, città e operatori sociali, economici e ambientali interessati. All articolo 5 il Regolamento definisce le priorità nell'ambito dell'obiettivo «Competitività regionale e occupazione», l'intervento del FESR nel quadro delle strategie di sviluppo sostenibile, nel promuovere l'occupazione, si concentra principalmente su tre priorità, tra cui: l innovazione e l economia della conoscenza, ivi compreso con la creazione e il rafforzamento di efficaci sistemi economici regionali dell'innovazione, di relazioni sistemiche tra i settori pubblico e privato, le università e i centri tecnologici, che tengano conto delle esigenze locali, e in particolare: il rafforzamento delle capacità regionali di R&ST e innovazione direttamente legate agli obiettivi regionali di sviluppo economico tramite il sostegno a centri di competenza industriali od operanti su specifiche tecnologie; tramite la promozione della R&ST nell'industria, delle PMI e del trasferimento di tecnologie; tramite lo sviluppo della previsione tecnologica e della valutazione comparativa internazionale delle politiche volte a promuovere l'innovazione; tramite il sostegno alla collaborazione tra le imprese e alle politiche congiunte in materia di R&ST e innovazione. Il presente progetto contribuisce a creare e rafforzare efficaci sistemi economici regionali dell'innovazione e relazioni sistemiche tra i settori pubblico e privato. b) Origine dell iniziativa 3 3 Descrivere le ragioni della proposta e la collaborazione tra i partner regionali e locali nella preparazione dell iniziativa e nella costruzione del partenariato; in particolare, menzionare eventuali accordi e/o protocolli di intesa, pre-esistenti o formulati ad hoc, con le parti. Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

13 La Regione Sardegna, capofila del progetto ha, attraverso Enti regionali, attivato partenariati con la Regione di Alger (costa settentrionale dell Algeria) nell ambito di EuromedsysII (Prodotti agro-alimentari mediterranei di eccellenza) e con l Università di Algeri nell ambito di RuralmedII (Sviluppo Rurale Mediterraneo), inoltre altre iniziative anche di tipo commerciale hanno permesso l identificazione di un idea progettuale fondata su un partenariato per lo sviluppo socio-economico in alcune regioni dell Algeria dove vi è interesse a far crescere la filiera lattiero-casearia. Un primo incontro promosso dall Assessorato all Agricoltura della Regione Sardegna ha permesso un confronto tra Enti ed istituzioni operanti in Sardegna nella filiera lattiero casearia bovina ed ovina e funzionari di Camera Nazionale dell'agricoltura, Centro Nazionale per l'inseminazione Artificiale ed il Miglioramento Genetico Istituto Nazionale per la Ricerca Agronomica in Algeria Ministero dell'agricoltura e Sviluppo Rurale e di alcune Circoscrizioni localizzate nelle zone est, sud e ovest dell Algeria. In tal modo è stato possibile individuare gli obiettivi generali da realizzare nell ambito del progetto. Durante i tavoli tecnici le Regioni avevano discusso le componenti progettuali da inserire sulla base delle quali il RTE ha formulato una bozza di progetto. Durante la missione preparatoria di progetto, svoltasi nel mese di Luglio 2006, la delegazione italiana ha incontrato i dirigenti del Ministero dell Agricoltura, compresa la Direttrice, e della Camera Nazionale dell Agricoltura, incluso il Presidente, ed ha discusso i bisogni della filiera e l opportunità di alcune componenti del progetto. La bozza di progetto è stata revisionata in seguito agli esiti della missione, in accordo tra le Regioni italiane partner e con un costante feedback dall Algeria tramite il referente di contatto: la vice Direttrice della cooperazione internazionale al Ministero dell Agricoltura. Si prevede di stipulare un protocollo d intesa con il Ministero dell'agricoltura e dello Sviluppo Rurale algerino ed ulteriori protocolli tra i soggetti che aderiranno alla rete creata nell ambito del progetto. c) Bisogni identificati su cui si intende intervenire. I contatti avviati con le istituzioni algerine e con alcuni allevatori hanno evidenziato l interesse ad accrescere la capacità di produrre la materia prima latte, in particolare quello destinato all alimentazione diretta. Questo presuppone il miglioramento qualitativo e quantitativo delle risorse locali in termini di: risorse foraggiere: scelta di foraggiere e razionalizzazione dell utilizzazione delle stesse; risorse animali: azioni di miglioramento genetico delle razze bovine ovine e caprine locali, miglioramento dell efficienza riproduttiva e organizzazione di sistemi di fecondazione artificiale del bestiame; conoscenza e innovazione di prodotti derivati dalla filiera dell allevamento del bestiame da latte in particolare di prodotti freschi e acidificati che più di altri si avvicinano ai prodotti caseari che tradizionalmente sono consumati in Algeria; formazione di tecnici algerini interessati ad approfondire aspetti specifici affrontati nelle componenti progettuali; avvio e condivisione di attività di ricerca mirate alla realizzazione degli obiettivi su riportati. Nell ambito del sistema Italia si è cercato di rispondere alle esigenze di rafforzamento del partenariato tra le Regioni italiane, così come di maggior coinvolgimento dei soggetti tecnici attivi sui territori regionali con il fine di migliorare la competitività del sistema. d) Condizioni esterne limitative nelle aree geografiche di intervento. Il governo algerino ha indicato due regioni geografiche che contengono i siti ottimali all interno dei quali sviluppare il progetto di cooperazione, ed in particolare gli specifici interventi sui comparti caprino e bovino. Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

14 Le condizioni geopolitiche dell area portano comunque a considerare tra le condizioni esterne limitative alla piena realizzazione di alcune attività un eventuale inasprimento delle tensioni interne. III.3 Obiettivi generali Max 1 pagina Obiettivi generali Obiettivo generale 1 Sostenere il sistema regionale italiano per mettere a frutto in maniera integrata le sue migliori competenze e capacità affinché il Sistema Italia aumenti la propria competitività attraverso: - il rafforzamento del partenariato fra le Regioni italiane, del partenariato con le autorità centrali e territoriali delle due aree di riferimento in vista della promozione di una collaborazione di lungo periodo; - la maggiore animazione e il maggior coinvolgimento dei soggetti tecnici attivi sui territori regionali. Obiettivo generale 2 Contribuire allo sviluppo della filiera lattiero-casearia in Algeria ed aumentare il livello di cooperazione con le imprese italiane del settore. Obiettivo generale 3 Contribuire a creare le condizioni per lo sviluppo economico di aree a vocazione agro-alimentari e promuovere l'interesse di nuovi investitori. Obiettivo generale 4 Sviluppo dell innovazione e della ricerca nei settori della filiera lattiero-casearia. NOTA : Per la descrizione degli obiettivi specifici, dei risultati e delle attività si rimanda alla sezione dedicata ai singoli sub-progetti. III.4 Beneficiari Max 1/2 pagina a) Identificazione dei gruppi beneficiari diretti ed indiretti nei paesi partner e nelle regioni italiane coinvolte e motivi che ne hanno determinato la scelta b) Pertinenza del progetto integrato rispetto ai gruppi beneficiari I destinatari del progetto sono: -le istituzioni algerine (Ministero dell Agricoltura e Sviluppo Rurale), -le comunità dei distretti che potranno beneficiare della disponibilità di latte di qualità. -le regioni italiane, che attraverso il lavoro di cooperazione e l intensa attività di ricerca e/o operativa accresceranno le loro competenze specifiche e contribuiranno ad incrementare i rapporti di collaborazione economica e scientifica tra gli operatori italiani e quelli algerini. Il progetto favorirà così l accrescimento delle competenze, delle capacità organizzative e gestionali e delle capacità di cooperazione istituzionale delle Regioni nell ambito dei processi di cooperazione decentrata, con riferimento e in coerenza con i nuovi strumenti europei per la promozione della cooperazione di prossimità e decentrata nel Mediterraneo e nei Balcani. In particolare per quanto riguarda le comunità locali, si possono individuare più in dettaglio i singoli gruppi di beneficiari come segue: Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

15 - gli allevatori: essi beneficeranno della rinnovata produzione di foraggio, primo passo nella direzione di una riforma fondiaria che stimoli lo sviluppo delle aree rurali; - le donne: saranno coinvolte nel processo di trasformazione del latte prodotto all interno della rete di progetto 4 ; - le comunità rurali per la disponibilità di latte fresco e prodotti di trasformazione( al momento le popolazioni locali hanno infatti per lo più accesso esclusivamente a latte rigenerato da latte in polvere d importazione) e le popolazioni delle aree urbane circostanti potrebbero beneficiare dei risultati del progetto se questo potrà progredire in coordinamento con la linea 2.2 logistica e trasporti. Un miglioramento della logistica assicurerebbe il ciclo del freddo a quei prodotti che risentono fortemente di una non adeguata conservazione durante i trasporti. III.5 Aderenza della proposta ai criteri specifici previsti nell APQ Descrivere come la proposta incontra i criteri specifici per la formulazione dei progetti integrati delineati e inclusi nella relazione tecnica allegata all APQ. a) Multiregionalità. Il progetto mette a valere l esperienza delle diverse Regioni coinvolte (Sardegna, Piemonte, Sicilia, Basilicata) nei campi della formazione, della ricerca e dell esperienza in imprese cooperative. Le Regioni partner hanno infatti ognuna una vocazione specifica nell ambito della filiera lattiero-casearia che hanno dichiarato di voler mettere a sistema, coerentemente con le expertise delle altre, allo scopo di raggiungere l obiettivo specifico ed i risultati attesi. b) Capacità di creare meccanismi di sistema tra le Regioni, il MAE e le Autonomie locali dei paesi partner idonei ad avviare processi stabili di partenariato e di reciproco beneficio tra i partner. La proposta progettuale intende mettere a sistema il processo di mutua collaborazione e reciproco beneficio attraverso la strategia di rete insita nel progetto. Il progetto viene gestito a livello di progetto integrato dal Comitato di Pilotaggio, per quanto riguarda la parte del partenariato italiano l organismo che supervisionerà il progresso dei lavori sarà il Comitato Esecutivo tra le Regioni partecipanti. Nel paragrafo della metodologia lo schema di gestione dei progetti. c) Esistenza di rapporti di partenariato già avviati e/o in corso tra alcune Regioni italiane ed i Paesi partner. «Rural Med», terminato nel 2002, e «Rural Med II», in chiusura programmata per il giugno 2006, sono due progetti per la realizzazione di un Forum permanente e reti di centri per lo sviluppo rurale nel Mediterraneo, una rete di scambio di esperienze e di coordinamento di iniziative in materia di sviluppo rurale alle quali partecipano le Regioni delle rive Nord e Sud del Mediterraneo. La rete creata mira ad ottimizzare e promuovere il processo di sviluppo rurale partecipativo nel Mediterraneo Occidentale attraverso lo scambio di esperienze, la diffusione di buone pratiche, l'attivazione di programmi di formazione e di diffusione congiunti e l'esecuzione di progetti comuni. Il progetto si sviluppa attraverso attività di studio e azioni pilota in cinque linee tematiche: Prospettive di genere, Turismo Rurale, Paesaggio Rurale, Linea - Sviluppo Partecipativo, Innovazione tecnologica in agricoltura. In questi due progetti, cui ha partecipato il Centre de Recherche en Economie Appliquée pour le Développement - 4 la promozione delle donne in ambito rurale è particolarmente sostenibile dato il tradizionale ruolo della donna nella trasformazione del latte Linea 2.1 Algeria Novembre 2006

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO MA_R_TE + TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE MARE, RURALITÀ E TERRA: POTENZIARE L UNITARIETÀ STRATEGICA Favorire

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto La rete internazionale degli show rooms nelle aree rurali

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto La rete internazionale degli show rooms nelle aree rurali LEADER + REGIONE PUGLIA G.A.L. Luoghi del Mito UNIONE EUROPEA Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + ASSE II: Sostegno alla cooperazione tra territori rurali Misura II. Cooperazione trans-nazionale

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università degli Studi di Roma

Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università degli Studi di Roma Universitas Mercatorum Università telematica delle Camere di Commercio Italiane Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. CE n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007, pubblicato nella GUCE 20 luglio 2007, che detta gli obiettivi ed i principi della produzione biologica nonché le norme di produzione, di etichettatura

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2014-2019 STRATEGIA 5.8 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL'ACQUISIZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

2020.. Strategia 1 "Investire sulle Persone" - Priorità Scuola e Università.

2020.. Strategia 1 Investire sulle Persone - Priorità Scuola e Università. Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020 2020.. Strategia 1 "Investire sulle Persone" - Priorità Scuola e Università. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli