PIANO REGIONALE PER L ATTRATTIVITÁ REGIONAL ATTRACTION PLAN

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO REGIONALE PER L ATTRATTIVITÁ REGIONAL ATTRACTION PLAN"

Transcript

1 PON ATAS Ob.1 - Misura II.2 - Azione 5.5 PIANO REGIONALE PER L ATTRATTIVITÁ REGIONAL ATTRACTION PLAN Regione Sicilia Region of Sicily ITALIANO - ENGLISH Sistema Formativo per gli Investimenti Diretti Esteri Training System for Foreign Direct Investment

2

3 PON ATAS Ob.1 - Misura II.2 - Azione 5.5 PIANO REGIONALE PER L ATTRATTIVITÁ Regione Sicilia Sistema Formativo per gli Investimenti Diretti Esteri

4 Sistema Formativo per gli Investimenti Diretti Esteri Progetto per lo sviluppo delle competenze della pubblica amministrazione locale nelle Regioni ex. Ob. 1 e nel Molise, per l attrazione degli Investimenti Diretti Esteri Progetto finanziato nell ambito dell'azione di Sistema 5.5: Azioni di affiancamento e azioni di internazionalizzazione dell economia e della cultura delle Regioni dell Obiettivo 1 prevista dalla Misura II.2 del Programma Operativo Nazionale Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Ob.1 (PON ATAS) FSE IT 161 PO 001

5 INDICE Prima parte: il quadro di riferimento del Piano Strategico per l Attrazione nella Regione di Investimenti Diretti Esteri (IDE) La struttura generale del Piano Strategico per l Attrazione (PRA) degli IDE nella Regione Il contesto nell ambito del quale è maturato il Piano Strategico per l Attrazione Missione e funzioni strategiche L ambito di intervento del PRA Effetti attesi dall adozione del PRA nella Regione I nodi critici dell attrazione degli IDE nella Regione La posizione dell Italia nelle dinamiche internazionali degli IDE Il rafforzamento della capacità del territorio di attrarre e mantenere gli IDE L approccio di Marketing territoriale Attrazione degli IDE e sviluppo economico sostenibile della Regione Il sistema di offerta territoriale nella prospettiva di attrazione degli IDE attraverso una analisi di benchmarking regionale Le criticità positive e negative per l attrazione degli IDE nella Regione Siciliana Il raccordo della strategia per l attrazione degli IDE nella Regione con le altre politiche...54 Seconda parte: la dinamica degli Investimenti Diretti Esteri... 1 L andamento a livello aggregato degli IDE nel mondo Le tendenze in atto a livello globale Analisi dei trend per aree geografiche I trend attesi La posizione dell Italia Gli andamenti degli IDE nelle regioni italiane...71 Terza parte: la posizione competitiva della Regione... 1 L economia regionale: produzione, istituzioni, cultura, ambiente e collegamento con l estero La specializzazione produttiva siciliana Le istituzioni Cultura ed ambiente La dotazione infrastrutturale I collegamento con l estero L attrattività della Regione Siciliana Il confronto provinciale Alcune conclusioni di sintesi...95 Quarta parte: la strategia... 1 Condizioni di fondo, criticità e sfide chiave per l attrazione degli IDE nella Regione Le criticità positive e negative Vision ed obiettivi strategici Gli obiettivi strategici La strategia competitiva della Regione Siciliana Gli Assi strategici Gli indicatori per la misurazione dei risultati Quinta parte: le attività operative La predisposizione delle attività operative

6 2 Le attività della catena del valore I progetti speciali Sesta parte: il modello organizzativo Il sistema di governo della strategia di attrazione degli IDE

7 Prima parte: il quadro di riferimento del Piano Strategico per l Attrazione nella Regione di Investimenti Diretti Esteri (IDE) 1. La struttura generale del Piano Strategico per l Attrazione (PRA) degli IDE nella Regione 1.1 Il contesto nell ambito del quale è maturato il Piano Strategico per l Attrazione La definizione del quadro conoscitivo rispetto al grado di attrattività degli IDE (Investimenti Diretti Esteri) nella Regione e l impostazione di un PS per lo sviluppo ed il consolidamento degli IDE verso il territorio regionale nasce nell ambito del progetto S.F.I.D.E. (Sistema Formativo per gli Investimenti Diretti Esteri). S.F.I.D.E. è il programma attraverso il quale il Ministero per gli Affari Esteri ha inteso consegnare alle Regioni ex Obiettivo 1 ed al Molise uno strumento di affiancamento e formazione dei funzionari pubblici rivolto al trasferimento di competenze per la governance dei processi che sottendono all attrazione ed al mantenimento sui territori regionali di IDE. La definizione del Piano Strategico per l Attrazione degli IDE è quindi il momento conclusivo di un esteso ed inteso programma di confronto tra i responsabili apicali delle Amministrazioni regionali coinvolte nel Programma, gli esperti di S.F.I.D.E., le istituzioni del Governo nazionale e di livello sopranazionale. Esso corrisponde alla fase attraverso la quale ci si è proposti di porre a sintesi operativa le conoscenze trasferite attraverso l affiancamento alle Regioni e costruire uno strumento operativo per la governance dei fattori di attrattività degli IDE. Attraverso il PRA quindi, si intende mettere a sistema le funzioni strategiche che ciascuna Amministrazione Regionale ha a disposizione per governare i processi di internazionalizzazione dei territori da ascrivere ai flussi di investimenti esteri ed in via particolare a quelli in uscita. Per assolvere a tale compito il PRA sarà strutturato in sei parti, attraverso le quali verranno affrontati i temi teorici ed operativi che i policy maker e gli attori pubblici principali dell attuazione delle politiche di sviluppo ed attrattività degli investimenti si troveranno a vagliare nell implementazione delle politiche e dei programmi attuativi delle stesse. Nella prima parte verranno affrontati i temi teorici, relativi alle variabili macro e micro economiche che sottendono alla scelta di localizzazione degli investimenti. Ovvero quali sono le variabili influenzabili e di governance sulle quali le policy pubbliche possono agire per attrarre e sviluppare gli investimenti privati e specificatamente gli investimenti privati esteri. Si passeranno in rassegna le teorie economiche relative agli impatti che gli IDE possono determinare sul territorio ospitante. In tale contesto verrà, quindi, dato rilievo alle variabili di attrattività territoriale governabili direttamente dalle Regioni nonchè le policy e gli strumenti messi in atto dalla Regione Siciliana correlate e/o correlabili direttamente o trasversalmente al PRA. 7

8 La seconda parte approfondirà il tema della dinamica degli Investimenti Diretti Esteri. Sarà misurato l andamento a livello aggregato degli IDE nel mondo. Verrà quindi osservata la posizione dell Italia nel contesto mondiale e quello delle singole regioni italiane, soffermandosi sul raffronto specifico tra la Regione Siciliana e le altre Regioni destinatarie di S.F.I.D.E. Nella terza parte, acquisiti gli strumenti teorici ed effettuate le verifiche empiriche dei fenomeni in atto, verrà dato spazio alla definizione della posizione competitiva della Regione Siciliana nell ambito del contesto di attrattività degli Investimenti Esteri. Sarà oggetto di analisi la struttura economica e produttiva della Regione, fino alla selezione degli asset (punti di vantaggio competitivo) del territorio regionale ed alla definizione del posizionamento della Regione Siciliana rispetto ai fattori di attrattività considerati strategici dagli investitori. Nella quarta parte del PRA si avrà modo di definire la strategia regionale di attrattività. Verranno messe a sistema le condizioni di fondo, le criticità e le sfide chiave per l attrazione degli IDE nella Regione. Si rileveranno la visione e gli obiettivi strategici attesi dall implementazione della stessa e gli assi strategici preferenziali di intervento. Dal punto di vista operativo ciò significa individuare limitati obiettivi chiari e definiti nonché misurabili in progressione nel tempo. A questi associare, quindi, specifiche policy ed assi di intervento, quindi differenziare gli stessi per ambiti territoriali (provinciali e/o sovraprovinciali) di intervento. La quinta parte, di natura più propriamente operativa, affronterà le questioni relative alla traduzione degli assi strategici di intervento in azioni specifiche da implementare. Sarà pertanto oggetto di definizione l insieme delle attività che costituiscono il Piano e che sono rivolte alla scelta di: progetti/interventi strategici da proporre ai potenziali investitori modalità e definizione della programmazione temporale delle attività target di investitori da intercettare modalità di intercettazione degli investitori contenuti e modalità delle attività di comunicazione da attivare servizi di assistenza/informazione ai potenziali investitori servizi after care agli investitori. L ultima parte del Piano si pone l obiettivo di definire il modello organizzativo, ovvero il sistema di governo della strategia di attrazione degli IDE nella Regione Siciliana. Da questo punto di vista il progetto SFIDE consegna alle Regioni coinvolte e, quindi, anche alla Regione Siciliana, un sistema di conoscenze e relazioni che possono essere proficuamente utilizzate al fine di ottimizzare l operatività e l impatto atteso dall implementazione del PRA. Ciascuna delle Regioni coinvolte ha difatti avuto modo di costituire, anche se informalmente, un gruppo (task force) di funzionari apicali i quali hanno potuto confrontarsi e approfondire direttamente i diversi step che conducono alla implementazione di una politica di attrattività e quelle che, in tale contesto, sono le fasi e le funzioni critiche. Allo stesso tempo il programma SFIDE ha sicuramente contribuito a tessere una rete di relazioni tra le stesse regioni coinvolte che 8

9 fungono da base e sono di grande utilità per intraprendere in cammino comune nella direzione della specializzazione/collaborazione al fine di raggiungere più proficue economie di scopo. Sempre in questa ultima parte della redazione di avrà modo di esplicitare le modalità e gli strumenti per la governance delle relazioni interistituzionali con gli organismi nazionali ed internazionali, nonché tra le Regioni S.F.I.D.E Missione e funzioni strategiche Gli Investimenti Diretti Esteri (IDE) hanno il potenziale di generare occupazione, crescita della produttività, trasferimenti di conoscenze, competenze e di tecnologia, aumentare le esportazioni e contribuire allo sviluppo di economico di lungo termine delle economie mondiali 1. Dal punto di vista macro economico, gli investimenti diretti rappresentano una delle contropartite finanziarie del saldo di parte corrente di un paese, e quindi contribuiscono alla copertura finanziaria di eventuali squilibri tra risparmi e investimenti nazionali. Una seconda chiave di lettura del fenomeno richiede di valutare gli impatti degli IDE dal lato delle transazioni reali finanziate da questi flussi, e dei loro effetti sugli investimenti fissi lordi e sull occupazione dell economia recettrice. Da tale punto di vista, in primo luogo occorre notare come molti paesi avanzati non solo quelli emergenti perseguano politiche di attrazione di investimenti produttivi dall estero, volte a sussidiare le iniziative pubbliche per lo sviluppo delle aree arretrate interne (per una rassegna UNCTAD, 2002). Inoltre, nel presupposto che le IMN detengano vantaggi proprietari superiori a quelli delle imprese locali, gli investimenti diretti sono considerati un importante veicolo per il trasferimento internazionale di conoscenze tecnologiche, organizzative e gestionali. In particolare, questi spillover tecnologici avverrebbero attraverso tre canali: la competizione tra le partecipate estere delle IMN e le imprese locali, che spingerebbe queste ultime a sviluppare tecnologie migliori o a imitare quelle utilizzate dalle prime; la creazione di forza lavoro più qualificata, parte della quale sarebbe successivamente disponibile per le imprese locali; i rapporti delle IMN con i fornitori locali, ossia attraverso i cosiddetti backward linkages di Hirschman (1959); anche UNCTAD (2001). Gli elementi fino a qui evidenziati, supportati dagli esiti delle ricerche empiriche condotte a livello internazionale, evidenziano come la capacità di attrarre gli IDE può determinare importanti effetti impattanti sul territorio ospite. Da qui l importanza strategica del Piano che si propone come strumento di governance dello sviluppo di un Paese, ma anche di una macroarea territoriale (nel nostro caso una Regione), alla quale è sottesa una vision comune di medio-lungo termine. 1.3 L ambito di intervento del PRA Nel definire l ambito entro cui il PRA si muove ed attiva risorse è opportuno sottolineare la distinzione tra le azioni rivolte a rafforzare la competitività ovvero 1 United Nations Conference on Trade and Developement (UNCTAD),

10 l attrattività del territorio (interventi sugli assi strategici prioritari per come emersi da analisi di benchmarking) e quelle per favorire l attrazione sul territorio di determinate tipologie di investitori (target marketing, scouting, politiche after care). Nell ambito delle due linee di azione sopramenzionate il PRA non vuole essere un programma generale per il rafforzamento della competitività della Regione Siciliana che prescrive gli interventi che devono essere attuati sul territorio per migliorarne le condizioni di attrattività. Esso, invece, si pone l obiettivo, una volta definita la vision dell azione pubblica, di definire le policy e le attività operative di target marketing, scouting e politiche after care. In questo senso, il PRA non contiene indicazioni vincolanti per le amministrazioni pubbliche, per le istituzioni e per gli altri attori circa le iniziative che devono essere prese nei diversi ambiti che influenzano il grado di attrattività del territorio. Nel definire un orientamento strategico il Piano, tuttavia, individua e richiama gli elementi materiali e immateriali su cui è essenziale intervenire per aumentare l attrattività dell offerta territoriale della Regione per le tipologie di domanda cui essa è rivolta. Per precisare definitivamente lo spettro di azione del PRA, è necessario chiarire cosa si vuole intendere con l espressione strategia di attrazione degli investimenti diretti esteri (o più genericamente esogeni). Il riferimento alla strategia sottolinea innanzitutto che i ragionamenti del PRA sono sviluppati in una prospettiva di medio lungo termine, flessibile nel tempo, finalizzata allo sviluppo sostenibile. Al termine attrazione va dato un significato esteso che comprende, oltre al favorire l insediamento sul territorio di nuovi investimenti produttivi, ovvero far affluire nuovi capitali esogeni per rafforzare (le M&A) le imprese già presenti, anche il mantenimento nel tempo di tali attività, oltre al loro continuo sviluppo grazie al progressivo radicamento nel sistema territoriale ospitante. Il termine esteri o più genericamente esogeni descrive l insieme di investimenti che hanno origine al di fuori della Regione Siciliana. In altri termini, il target cui fa riferimento il PSA è costituito principalmente dagli investitori internazionali, ma anche dagli investitori italiani extra regione, potenzialmente in grado di produrre nuovi investimenti produttivi nella Regione Siciliana. Il Piano predispone un complesso di attività rivolte alla domanda, costituita dagli investitori internazionali e all offerta, costituita dai sistemi territoriali della Regione Siciliana. Per quanto riguarda la domanda: segmentazione e scelta dei target prioritari; attivazione di politiche ed attività di comunicazione, target marketing e scouting; attivazione di una serie di servizi per l investitore potenziale o attuale anche di natura after care. Per quanto riguarda l offerta: definizione di una vision integrata strategica dell offerta territoriale, segmentata per aree territoriali omogenee; 10

11 azioni per il rafforzamento dell attrattività del territorio; coinvolgimento degli attori locali nelle azioni di Marketing territoriale. 1.4 Effetti attesi dall adozione del PRA nella Regione La costruzione del PRA che è stata proposta nelle pagine precedenti porta con sè la definizione di due differenti linee di effetti attesi dall adozione del Piano: effetti diretti ed effetti trasversali o di secondo livello. L adozione del Piano agisce antitutto sulla struttura delle funzioni strategiche Regionali. Nel caso della Regione Siciliana, la quale ha già assegnato nella propria programmazione una visione strategica all internazionalizzazione ed all attrazione di investimenti esteri, l adozione del Piano rafforza presso le Istituzioni e presso i vertici delle Amministrazioni la scelta già intrapresa. In particolare funge da strumento operativo di medio-lungo termine per impostare le politiche di attrattività oggetto del PRA in quanto rileva: il sistema delle eccellenze ed i programmi da presentare ai potenziali investitori i target da intercettare le politiche di target marketing le azioni di scouting le attività di assistenza agli investitori esteri, comprese le attività after care il sistema di governance e di gestione delle politiche di attrazione degli IDE Un secondo gruppo di effetti attesi, di natura trasversale, si riferisce agli impatti che l adozione del Piano determina sull economia del territorio ospitante. In tal senso si attendono e potranno essere misurati effetti di impatto positivo: sull ammontare degli IDE ingoing in valore assoluto e come percentuale sul PIL regionale; sul numero di occupati complessivi e sulla quota percentuale di occupati in aziende siciliane destinatarie di IDE (sia greenfield che M&A) sulla crescita di aziende innovative (ovvero che introducono innovazioni di prodotto e/o innovazioni di processo) sulla crescita dell occupazione a più elevato livello di specializzazione sulla crescita degli scambi commerciali con l estero sulla costituzione di reti di cooperazione (accordi internazionali) tra la Sicilia e Paesi esteri. 11

12 2. I nodi critici dell attrazione degli IDE nella Regione 2.1 La posizione dell Italia nelle dinamiche internazionali degli IDE I flussi finanziari internazionali si sono molto accresciuti negli anni novanta e nei primi anni del decennio in corso ben oltre i livelli corrispondenti al mero finanziamento degli squilibri globali di parte corrente. Il grado di apertura finanziaria di tutti i maggiori paesi è anch esso notevolmente aumentato, come indicato dalla contemporanea crescita delle loro attività e passività finanziarie sull estero in rapporto al PIL. Gli investimenti diretti (greenfield) e quelli di portafoglio (M&A) hanno rappresentato le componenti più dinamiche di questo processo. Il peso delle corrispondenti transazioni sul PIL mondiale è salito, rispettivamente, dall 1,5 al 5,2 per cento e dal 2,3 al 7,5 per cento; quasi due terzi dei movimenti di capitale mondiali sono oggi imputabili a investimenti diretti e di portafoglio (negli anni ottanta questa stessa quota era rappresentata da flussi finanziari di altro tipo: prestiti e depositi bancari, crediti commerciali, prestiti ufficiali, ecc.). Per entrambe le categorie di investimenti, i paesi industriali hanno predominato dal lato sia dell attivo sia del passivo. Secondo stime dell UNCTAD, alla fine del 2001 quasi il 90 per cento delle attività finanziarie mondiali per investimenti diretti era detenuto da residenti di paesi avanzati; per gli investimenti di portafoglio, la quota dei paesi avanzati era ancora maggiore. Agli stessi paesi era altresì imputabile, rispettivamente, il 66 e il 91 per cento delle passività mondiali per investimenti diretti e di portafoglio. Dopo la definitiva rimozione dei controlli valutari, avvenuta nel 1988, l Italia si è rapidamente integrata con i mercati finanziari internazionali; il turnover finanziario con l estero è cresciuto a ritmi impetuosi, salendo a circa 100 volte il PIL nel triennio L apertura finanziaria del Paese, misurata dalla somma degli stock di attività e passività estere in rapporto al PIL, si è anch essa fortemente accresciuta, mantenendosi in linea con la media dei paesi del G-7, ma rimanendo al di sotto di quella di altri paesi europei. Il lieve arretramento nei confronti degli altri paesi europei è imputabile alla minor crescita relativa delle nostre passività estere. L andamento delle passività complessive sull estero nasconde in realtà differenze significative tra le varie componenti. Mentre gli investimenti di portafoglio esteri in Italia sono risultati sostanzialmente in linea con quelli in altri paesi industriali, l espansione degli investimenti diretti esteri in Italia è stata assai debole. All inizio dello scorso decennio lo stock di questi investimenti era pari al 6 per cento del PIL, valore superiore a quello registrato da Germania e Giappone (due paesi tradizionalmente chiusi agli investimenti diretti esteri) e solo di poco inferiore a quello di altri maggiori paesi industriali. Negli anni successivi il divario con i paesi europei si è ampliato nettamente. Il differenziale positivo con la Germania si è invertito di segno. Pur raddoppiate rispetto al livello iniziale, alla fine del 2001 le nostre passività per investimenti diretti esteri risultavano inferiori non solo a quelle di tutti i paesi industriali a eccezione del Giappone, ma anche a quelle di molti paesi in via di sviluppo. 12

13 La debolezza degli investimenti diretti esteri in Italia è documentata anche dai dati di flusso: ancora in rapporto al PIL, dal 1995 gli afflussi di investimenti esteri sono risultati sistematicamente inferiori a quelli registrati in media dai paesi della UE e dagli altri paesi industriali escluso il Giappone; il rapporto investimenti/pil a prezzi e cambi costanti è rimasto sostanzialmente invariato, in contrasto con quanto osservato per la maggioranza degli altri paesi. Un disallineamento dell Italia rispetto agli altri maggiori paesi è visibile anche nei dati relativi alle fusioni e acquisizioni cross border (mergers and acquisitions, M&A) e alla cosiddetta produzione internazionale (ossia quella che le imprese multinazionali, o IMN, realizzano al di fuori del paese in cui è insediata la propria casa madre): due fenomeni in diverso grado correlati con gli investimenti diretti. In primo luogo, conformemente alle indicazioni offerte dai flussi di investimenti diretti, le M&A estere in Italia sono risultate sistematicamente più basse, se rapportate al PIL, di quelle nei paesi del G-7 e negli altri maggiori paesi europei ed extra-europei. In secondo luogo, anche se la dimensione media delle imprese manifatturiere italiane partecipate da IMN estere è risultata approssimativamente in linea con quella di analoghe imprese localizzate negli altri maggiori paesi industriali, l incidenza dei lavoratori occupati da queste imprese sul totale nazionale risulta assai più bassa, così come quella del valore della produzione da esse realizzata. In un contesto come quello descritto è utile evidenziare quelli che sono i fattori che determinano, presso gli investitori internazionali, le scelte di investimento all estero, tenendo in evidenza che il contesto nell ambito del quale si muovono le singole regioni italiane è comunque debole in termini di attrattività generale del Paese. Di seguito viene riportata una tabella di sintesi elaborata dalla Banca d Italia nell ambito della quale vengono riportati i segni attesi della relazione tra ciascun fattore strategico e la capacità di attirare investimenti diretti esteri. Fattori che influenzano la capacità di attirare investimenti diretti esteri Fattori Strategie di investimento diretto (1) orizzontali verticali regionali Dimensione e dinamica del mercato domestico Positivo (2) positivo (2) o nullo positivo (2) Costo del lavoro negativo o nullo negativo negativo o nullo Distanza geografica rispetto al Paese Positivo (3) negativo (4) irrilevante investitore Qualità e dimensione delle infrastrutture per il trasporto e la distribuzione commerciale Positivo (5) positivo (5) positivo (5) dei prodotti e per le comunicazioni Tasso di Volatilità negativo o nullo negativo o nullo negativo o nullo cambio Deprezzamento temporaneo negativo positivo incerto Incentivi fiscali positivo o nullo positivo positivo o nullo 13

14 Barriere ambientali (6) negativo negativo negativo Barriere tariffarie e non tariffarie all importazione di beni e servizi prodotti Positivo (7) incerto positivo (7) dal paese investitore Restrizioni valutarie alle rimesse di profitti negativo negativo negativo Restrizioni al diritto di stabilimento di imprese negativo negativo negativo estere Assetti proprietari e modelli di controllo societario ostili alle M&A Negativo (10) negativo (10) negativo (10) di imprese estere Dimensione delle imprese locali positivo (10) positivo (10) positivo (10) Fonte: Indagine Banca d Italia (2004) (1)Per le definizioni delle tre diverse strategie di investimento diretto si rimanda alle pagine precedenti. (2) Solo in presenza di ostacoli tali da precludere l opzione di esportare o renderla più onerosa relativamente agli investimenti diretti. (3) Questa relazione viene indebolita dal progresso tecnico nel settore dei trasporti, ossia dalla riduzione nei costi per tonnellata/chilometro. (4) Il progresso tecnico nei trasporti rafforza questa relazione. (5) La relazione non è lineare. (6) Inefficienza della macchina burocratica, inadeguatezza degli assetti regolamentari e normativi dei mercati, bassa qualità del diritto societario e fallimentare e scarsa ampiezza e inefficienza del mercato del credito, condizioni critiche di sicurezza sotto il profilo della criminalità e del conflitto sociale, forti diversità linguistiche e culturali. (7) L effetto è più forte quando questo fattore si associa ad un mercato interno o regionale ampio e in forte espansione (rispettivamente per gli investimenti orizzontali e regionali). Per definire una linea di azione quanto più proficua del PRA è stato ritenuto opportuno dedicare alcune riflessioni sul perché gli investimenti esteri in Italia siano così bassi, iniziando con l esaminare i principali fattori di attrazione individuati dalla letteratura teorica ed empirica, e proseguendo nella discussione della posizione dell Italia con riferimento a tali fattori. Tale procedimento viene in aiuto in quanto, una volta acquisiti i fattori strategici dell attrattività, il PSA potrà essere impostato come uno strumento che, in via sussidiaria e per quanto direttamente compete a livello di governance locale, possa definire gli ambiti diretti di azione. Nel tradizionale contesto marginalista, gli investimenti diretti venivano ricondotti, alla stregua di qualsiasi altro tipo di movimenti di capitale, ai differenziali internazionali nei saggi di rendimento sul capitale investito corretti per il rischio politico (ovvero ai differenziali salariali corretti per il grado di skill dei lavoratori). Questa visione si è notevolmente affinata nel corso del tempo, alla luce di nuovi sviluppi nel campo teorico ed empirico. Si è infatti avvertita, da un lato, l esigenza di spiegare perché i movimenti di capitale internazionali assumessero la forma di investimenti diretti anziché quella di prestiti o di investimenti di portafoglio; dall altro, quella di conciliare la teoria 14

15 con i fatti evidenziati dalla ricerca empirica. Queste esigenze sono alla base dello sviluppo di nuove teorie volte a spiegare i comportamenti delle imprese multinazionali e i flussi di commercio e produzione internazionali da esse attivati. Secondo l approccio moderno, gli investimenti diretti rappresentano una delle possibili modalità di espansione all estero delle imprese; per questo motivo le loro determinanti sono analizzate in rapporto a quelle di altre forme di internazionalizzazione, principalmente le esportazioni. In questa ottica è utile distinguere anzitutto tre diverse strategie di investimento produttivo internazionale: a) gli investimenti orientati a servire i mercati esteri (investimenti diretti orizzontali ); b) quelli orientati a ridurre i costi di produzione mediante la localizzazione delle fasi produttive più labor intensive nei paesi a basso costo del lavoro (investimenti diretti verticali ); c) gli investimenti diretti regionali, che consistono nel trasferimento di tutte le fasi del processo produttivo in un paese estero, scelto in ragione di vantaggi localizzativi di tipo orizzontale o verticale, dal quale successivamente servire i mercati di un intera regione. Sotto il profilo settoriale è altresì utile distinguere gli investimenti diretti industriali da quelli nel comparto dei servizi. Una distinzione ulteriore è quella tra investimenti volti a costituire nuove unità produttive (i cosiddetti investimenti green field) e quelli volti ad acquisire il controllo di imprese estere già esistenti (le M&A). Il dibattito teorico ha infatti evidenziato come queste tipologie di investimento reagiscano a stimoli in parte diversi, e che pertanto l influenza di specifici fattori sugli investimenti diretti complessivi risulti a priori incerta. Le evidenze empiriche raccolte e che hanno maggiormente contribuito all analisi teorica degli investimenti diretti hanno rilevato alcuni macro ambiti che sono in grado di determinare la scelta dell investitore estero e che sono stati ricondotti dagli economisti, nei seguenti punti: dimensione e crescita dei mercati di destinazione distanze geografiche, tecnologie di trasporto ed infrastrutture distanze psicologiche, barriere ambientali ed altri fattori strutturali costo del lavoro, produttività e tasso di cambio. A tali macro aree (sistemi) l analisi teorica ed empirica ha aggiunto nel tempo altre più specifiche considerazioni, quali i risultati di alcune recenti indagini econometriche che hanno evidenziato, per gli investimenti diretti esteri in Italia, la presenza di una costante country-specific negativa, quantitativamente rilevante e significativa dal punto di vista statistico. Secondo i risultati di studi condotti (De Santis e Vicarelli 2001), questo risultato evidenzierebbe gli effetti delle esternalità negative causate dalla bassa dotazione infrastrutturale, dalla presenza della criminalità organizzata, dall inefficienza del sistema amministrativo e giudiziario italiano. Fattori, questi, non esplicitamente considerati per mancanza di indicatori adeguati a livello internazionale. Tra gli altri fattori strutturali che le analisi empiriche hanno rilevato come differenzianti l Italia rispetto al contesto internazionale e che avrebbero potuto influire negativamente sull ammontare degli investimenti diretti esteri, vi è la questione dimensionale (Traù, 1999). 15

16 Tale variabile risulta essere particolarmente sensibile per le M&A in quanto, come è stato dimostrato empiricamente, la preferenza degli investitori internazionali per M&A è rivolta ad imprese di dimensioni medio-grandi, mentre nel contesto italiano almeno il 30% del PIL è attribuibile ad imprese con meno di 20 addetti. Un autorevole studio della Banca d Italia (Temi di discussione: Investire in Italia? Risultati di una recente indagine empirica, 2004) avanzano due diverse congetture (di segno opposto) rispetto alle motivazioni che avrebbero determinato l estrema debolezza del sistema di attrazione degli IDE in Italia. Da un lato, le imprese estere potrebbero avere manifestato una certa inerzia nel prendere atto degli effettivi miglioramenti che l offerta sistema italiano ha conseguito negli ultimi anni. Miglioramenti che secondo valutazioni 2 della Economist Intelligence Unit EIUevidenziano per l Italia un generale miglioramento negli ultimi anni. Ed in alcuni casi il miglioramento sarebbe stato tale da riportare l Italia in linea con gli altri Paesi europei (ad esempio, in relazione alla stabilità economica, all apertura commerciale ed alla qualità complessiva del regime fiscale). In altri, l Italia avrebbe continuato a mantenersi al di sotto della media, pur riducendo il divario nei confronti degli altri Paesi avanzati. I profili sotto i quali si continuano a registrare i divari più consistenti con gli altri Paesi riguardano gli assetti istituzionali (la qualità della burocrazia, il livello di corruzione dei funzionari pubblici, la trasparenza e l equità del sistema legale) e, in misura minore, le politiche verso l imprenditoria privata ( la protezione dei diritti di proprietà, il lobbyng di gruppi di interesse, gli schemi di protezione degli investimenti esteri) Se così fosse, ovvero, se la persistente debolezza fosse riconducibile alla mancata percezione dei miglioramenti strutturali, allora il corso di azione implicherebbe rendere più incisive le iniziative volte a promuovere l immagine dell Italia all estero e rafforzare gli aspetti nei quali l Italia ha accumulato i più ingenti ritardi nei confronti degli altri Paesi avanzati. Secondo una diversa interpretazione, meno ottimistica, il basso livello degli investimenti diretti esteri in Italia sarebbe riconducibile anche ad alcune importanti peculiarità del modello produttivo nazionale, in particolare alla già evidenziata prevalenza di imprese industriali di piccola dimensione ed alla diffusione, in parte connessa, di assetti proprietari e modelli di controllo societario ostili alle M&A estere. 2.2 Il rafforzamento della capacità del territorio di attrarre e mantenere gli IDE Nell anno 2003 l OECD 3, nell ambito delle iniziative programmate della Commissione per gli Investimenti, lancia un importante ed ambizioso programma 2 Le valutazioni condotte dalla EIU si estrinsecano in indicatori quantitativi (punteggi) riguardanti un ampio ventaglio di aspetti ambientali e di vincoli regolamentari imposti dai governi: la stabilità macroeconomica, l apertura con l estero e la qualità del sistema finanziario, la qualità degli assetti politici e istituzionali, le politiche governative volte al settore privato. 3 L OECD è un forum nell ambito del quale i Governi di 30 Paesi lavorano assieme per esaminare e governare gli effetti economici, sociali e di sostenibilità ambientale della globalizzazione. I membri OECD sono: Australia, Austria, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Giappone, Korea, Lussemburgo, Messico, Olanda, Nuove Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Repubblica Slovacca, Spagna, Svezia, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti. Prende parte ai lavori dell OECD anche la Commissione dell Unione Europea. 16

17 rivolto a produrre un documento il Policy Framework for Investment che avrebbe avuto il compito di approfondire e discutere i dieci temi fondamentali che erano stati indicati nella United Nation Monterrey Consensun on Financing for Developement, tenutasi nel 2002, come i punti critici per migliorare la qualità dell ambiente dei paesi per l aumento degli investimenti. Il Framework è il frutto di una intensa discussione tra circa 60 Paesi (i 30 paesi OECD più altri 30 paesi che rappresentano l America meridionale, l Asia, l Europa settentrionale ed i principali paesi Africani) dell economia mondiale, discussione che ha coinvolto anche istituti come la Banca Mondiale, la Business and Industri Advisory Commitee, la Trade Unione Advisory Commitee). Una task force che continua a lavorare assieme sui temi affrontati dal Framework e sul suo effettivo utilizzo e aggiornamento. Il Framework, data la sua natura ed i processi che lo hanno definito, rappresenta una vera e propria pietra miliare in termini di individuazione ed analisi di quelli che sono i fattori critici che determinano lo sviluppo degli investimenti privati (sia interni che diretti esteri) ed è questo il motivo per il quale di seguito vengono date alcune indicazioni rispetto al contenuto dello stesso. Il Framework indica tre principi importanti che devono sostenere le politiche di sviluppo degli investimenti. Il primo è che venga adottata una politica coerente, vale a dire che i diversi ambiti di regolamentazione (diritto di proprietà, tassazione, barriere all entrata, ecc.) devono essere tali da non generare effetti distorsivi per i quali gli effetti di una politica possano essere annullati dagli effetti di un altra. Il secondo è che venga assegnata importanza all utilizzo di un approccio trasparente nella formulazione ed implementazione delle politiche che si intendono adottare. La trasparenza riduce l incertezza ed i rischi per gli investitori così come riduce i costi di transazione associati alla realizzazione degli investimenti, oltre a facilitare il dialogo pubblico/privato. Il terzo principio applicato nel Framework si riferisce alla implementazione di un processo continuativo di valutazione degli impatti delle politiche relative allo sviluppo degli investimenti già esistenti e di quelle di prima applicazione. I principi guida appena elencati devono, secondo gli studi condotti, permeare tutte le funzioni strategiche che vanno a determinare le scelte di investimento e, se correttamente stimolate, conducono alla loro crescita e sviluppo. I temi riconosciuti come strategici per le politiche pubbliche di sviluppo e crescita degli investimenti (sia interni che diretti esteri) vengono indicati nei seguenti: politiche di investimento promozione degli investimenti e forme di aiuto alla realizzazione politiche per il commercio politiche di tutela della concorrenza politiche fiscali il sistema di governance politiche per la promozione di condotte imprenditoriali responsabili sviluppo delle risorse umane 17

18 sviluppo delle infrastrutture e del settore finanziario public govenrnance. Le politiche di investimento Informazioni trasparenti su come i policy maker implementano e cambiamo le norme e la regolamentazione correlata direttamente ed indirettamente al settore è una determinante critica della decisione dell investitore. La trasparenza e la prevedibilità sono particolarmente importanti per le imprese di media e piccola dimensione, le quali fanno particolare fatica ad entrare nell economia formale. Questo è, altresì, un elemento di particolare importanza per l investitore estero, il quale deve confrontarsi con un sistema di regole culturali ed amministrative differente da quello che conosce nel suo paese di provenienza. In via generale le indicazioni che possono essere date si riferiscono al fatto che i policy maker che si pongono l obiettivo di far promuovere gli investimenti privati dovrebbero: consultarsi con le parti interessate, semplificare e codificare la legislazione, usare un linguaggio di estensione delle regole comprensibile, applicare protocolli della normativa esistente e di quella proposta, aumentare ed estendere l uso delle tecnologie informatiche per diffondere i documenti della regolamentazione e l utilizzo di pubblicazioni tematiche attraverso le quali informare rispetto alle novità normative. La tutela della proprietà (reale ed intellettuale) è un ulteriore elemento sensibile da governare attraverso le politiche per gli investimenti. In particolare la tutela della proprietà intellettuale funge da incentivo ai privati ad investire in ricerca e sviluppo, elemento, questo, che è strettamente correlato alla realizzazione di investimenti rivolti all introduzione di innovazioni di processo e di prodotto. Innovazioni di successo, d altra parte, diffondendosi nei sistemi economici interessati, portano con sè aumenti di produttività e stimolano la crescita. La tutela dei diritti di proprietà intellettuale è uno strumento utilizzato dai policy maker al fine di stimolare gli investimenti in ricerca e sviluppo, ivi inclusi i brevetti, i copyright, i quali consentono ai possessori di sfruttare in termini di rientri di reddito, per un tempo determinato, le innovazioni generate. I diritti di proprietà intellettuale, contrariamente a quanto si possa pensare, non sono una problematica che interessa le grandi imprese e le multinazionali, le quali definiscono programmi di R&S significativi, bensì sono significative anche per le piccole-medio imprese. La promozione degli investimenti e le forme di aiuto Le misure specificatamente dedicate alla promozione e gli strumenti di aiuto agli investimenti possono essere determinanti solo se vengono attuate in aggiunta e non in sostituzione alle politiche volte allo sviluppo degli investimenti di cui si è già detto al punto precedente e si dirà nei punti che seguono. Le azioni di promozione degli investimenti e misure di aiuto possono raggiungere i propri obiettivi solo se usate prevalentemente in mercati di piccola dimensione e nelle aree svantaggiate, in quanto deboli dal punto di vista della struttura economica e degli investimenti privati. La promozione degli investimenti e la definizione di strumenti di aiuto, in tal senso, è utile anche per rendere 18

19 maggiormente competitivi gli investimenti in specifiche aree territoriali più deboli e meno sviluppate, consentendo agli investitori esteri di individuare partner locali e facendo crescere l immagine positiva dell economia del territorio ospitante. Un ruolo importante nella promozione è ascrivibile alle Agenzie di Promozione degli Investimenti, la cui presenza è cresciuta consistentemente sia nei paesi sviluppati che in quelli più deboli. In tal senso la centralizzazione, o quanto meno il coordinamento della attività di promozione degli investimenti esteri ( o esterni), risulta essere più efficace e produce risultati più significativi. La promozione degli investimenti esteri e le azioni di aiuto agli stessi, così come le attività di divulgazione delle opportunità di investimento, risultano essere, senza dubbio, più efficaci e più efficienti se diretti attraverso una sola agenzia (o quanto meno un numero limitato di più agenzie coordinate). Le esperienze valutate suggeriscono che fino a quando le agenzie lavorano esclusivamente e vengono finanziate internamente dai governi, esse riescono a svolgere con minore efficacia il proprio ruolo, ovvero attraggono meno investimenti esteri. Per essere più incisive hanno bisogno di essere impostate in maniera tale da riuscire ad organizzare e mantenere al proprio interno uno staff qualificato e molto motivato, impostato sulle linee del settore privato. Le agenzie, inoltre, raccolgono migliori risultati quando le stesse si coordinano con il governo centrale e con le rappresentanze del settore privato, in maniera tale da avere ampia visibilità e credibilità nei loro contatti diretti ed indiretti con gli investitori esteri (o esterni). Le agenzie di promozione degli investimenti possono giocare un ruolo importante nel facilitare la comunicazione e l incontro tra gli investitori ed i policy maker, in quanto fungono da vero e proprio tramite tra di loro. Uno degli ostacoli all insediamento di nuovi investimenti che bisogna considerare è quello dei costi connessi alle procedure per insediare il nuovo investimento. Molti governi, in tal senso, hanno introdotto riforme per velocizzare e semplificare il processo di avvio di una nuova attività di impresa. Un approccio comune a tale problematica è la previsione di un insediamento one-stop shops. Questo consente all investitore di avere facile accesso alle informazioni sui diversi step per far partire, ovvero, per ampliare la propria attività di impresa e di avere a disposizione dei servizi per accelerare i tempi di rilascio dei relativi permessi e licenze. Lo one-stop shops prevede anche un facile accesso a tutte le altre informazioni utili relative agli aiuti disponibili per l apertura e/o l ampliamento di un attività di impresa, sia agli investitori interni che a quelli esteri, per esempio sulle questioni regolamentari, le opportunità finanziarie, le scelte localizzative. Tale sistema rende più facile per il governo centrale rendere omogenei gli standard dei servizi offerti, consentendo agli investitori di risparmiare sui tempi e sui costi relativi alla decisione di investimento, cosa che facilita, senza dubbio, nuovi investimenti. Lo strumento degli aiuti finanziari e degli altri incentivi per attrarre investitori esteri possono avere effetti interessanti se non sono usati in sostituzione alle politiche che consentono di creare un ambiente positivo per l imprenditorialità. In assenza di una solida politica di sviluppo degli investimenti, la competizione tra i paesi per attrarre IDE non necessariamente potrebbe portare ad una crescita globale dell economia, anzi, potrebbe essere la causa di distrazione delle risorse dal loro utilizzo più produttivo. Determinando, di fatti, una allocazione delle risorse economiche non ottimale. 19

20 In tale contesto, gli incentivi dovrebbero essere usati solo come parziale adeguamento di alcuni svantaggi di mercato che non possono essere corretti altrimenti, ovvero con politiche generali di sviluppo degli investimenti. Infine è buona norma che i risultati e gli impatti delle policy in discussione vengano monitorati e valutati periodicamente. Una ulteriore indicazione importante è che l investitore deve avere fiducia nella integrità del mercato cui si rivolge. Questo richiede che come pilastro centrale di un sistema economico, vi sia un sistema di regole capace di assicurare il rispetto dei contratti, la tutela del diritto di proprietà e la possibilità di definire efficacemente tutte le eventuali dispute tra le parti. In molti casi fare ricorso al sistema giudiziario è costoso e, soprattutto, richiede tempi lunghi, fatto che agisce, sicuramente come elemento di scoraggiamento del potenziale investitore. L immagine di un mercato integro può in tal caso essere favorita attraverso lo sviluppo di procedure alternative di definizione delle controversie, quali l arbitrato, la mediazione e la conciliazione. Le politiche di genere devono inoltre rispettare il principio della non discriminazione tra investitore interno ed investitore estero. Il concetto del national treatment stabilisce che un governo debba considerare, nella medesima situazione, le imprese controllate da soggetti non nazionali alla stregua di quelle nazionali. Eventuali politiche che comportano un trattamento di favore per le imprese nazionali (per esempio le politiche che derogano l applicazione di trattamenti nazionali alle imprese controllate da soggetti esteri) vengono viste come costo aggiuntivo per l investitore estero. Deve inoltre essere aggiunto che per una impresa che opera ed investe in un paese estero, la possibilità di trasferire i ricavi derivanti dagli investimenti è importante. Un ultimo aspetto determinate per le politiche di investimento è da correlare alla relazione positiva tra il livello degli investimenti esteri e le convenzioni e gli accordi internazionali stipulati. Gli accordi internazionali possono contribuire a promuovere gli investimenti attraverso le limitazioni di un considerevole numero di investimenti, rendendo il sistema di regolamentazione più prevedibile, riducendo i rischi politici ai quali sono sottoposti gli investitori. Molti accordi internazionali contengono le previsioni attraverso le quali i governi regolamentano e si affidano ad arbitrati internazionali. Questo consente di poter ricorrere ad organismi super partes nella definizione di eventuali controversie che possono insorgere. Le politiche per il commercio Le ultimi teorie oggi riscontrate evidenziano come gli investimenti internazionali risultano essere maggiormente attratti dalle opportunità di crescita della produttività e meno attratti all accesso ai mercati locali ed alle risorse naturali presenti sul territorio di destinazione. In tali circostanze, le politiche di settore e le procedure che non sono conformi agli standard internazionali riconosciuti agiscono come un una barriera all attrazione degli IDE e rappresentano un costo aggiuntivo sulla decisione di investimento. Le procedure commerciali, molto spesso, possono essere semplificate attraverso regole armonizzate e accordi di cooperazione tra i paesi con benefici per lo sviluppo generale degli investimenti. Come veniva già sottolineato in precedenza, la trasparenza e prevedibilità delle politiche commerciali intraprese da un paese sono elemento essenziale per ridurre 20

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

"OSSERVATORIO SUL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI TUTELATI NEL SETTORE ELETTRICO E DEL GAS"

OSSERVATORIO SUL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI TUTELATI NEL SETTORE ELETTRICO E DEL GAS "OSSERVATORIO SUL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI TUTELATI NEL SETTORE ELETTRICO E DEL GAS" 4 a Indagine: il mercato domestico APPROFONDIMENTI SUGLI ESITI DELLA RICERCA Daniela Vazio (RIE) Gian Paolo Repetto

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Investimenti esteri nelle regioni italiane: perché così pochi? Breve nota sul Piemonte

Investimenti esteri nelle regioni italiane: perché così pochi? Breve nota sul Piemonte Osservatorio sull internazionalizzazione delle imprese 1 Coordinato da Giorgio Barba Navaretti e Alessandro Sembenelli Investimenti esteri nelle regioni italiane: perché così pochi? Breve nota sul onte

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Modelli vincenti e sfide future

Modelli vincenti e sfide future Modelli vincenti e sfide future Milano, 30 Settembre 2004 Cariplo Mi -30 Sett 2004 Slide# : 1 Il contesto esterno: punti chiave La competizione globale è ormai un fatto irreversibile La conoscenza (e non

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo CORSO ABC DEL BUSINESS PLAN - VENEZIA La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo a cura di Stefano Micelli Aprile 2005 Business Plan Che cos è il BP? Il BP può

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE Valutazione economica brevetti e marchi Dott.ssa Elisa Barlocco TEL. 019 8485622 E-mail mail@karaghiosoff.com Copyright 2009-2013 Studio Karaghiosoff e Frizzi srl All rights

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli