Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani- IRCCS Via Portuense, ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani- IRCCS Via Portuense, 292-00149 ROMA"

Transcript

1 Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani- IRCCS Via Portuense, ROMA CRONOLOGIA DELLE ATTIVITA SVOLTE DALL ISTITUTO NAZIONALE PER LE MALATTIE INFETTIVE LAZZARO SPALLANZANI (INMI) CONTRO L EBOLA Anno 1995 Il Ministero della Sanità identifica l INMI quale Centro di riferimento nazionale per Ebola o altri virus emorragici Anno 2001 Il Ministero della Sanità identifica l INMI quale Centro di riferimento nazionale per la cura, assistenza e diagnosi di patologie derivanti da possibili attacchi bioterroristici Anno 2002 Attivazione del primo Laboratorio di Biocontenimento BSL4 del Paese, che insieme agli altri laboratori BSL3 già presenti, ha permesso l incremento di attività di diagnostica avanzata e di ricerca su agenti di Gruppo di Rischio 3 e 4 (febbri emorragiche). -Inserimento, da parte dell Unione Europea e della rete del G7 + Mexico (GHSAGLN), tra le strutture per la diagnostica di virus ad alta pericolosità. Anno 2003 L INMI è membro del Global Outbreak Alert and Response Network (GOARN) coordinato dall'organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La Direzione generale per la salute e i consumatori (DG SANCO) promuove e finanzia la rete europea dei laboratori di biosicurezza (BSL-4) di livello 4, affidandone il coordinamento all INMI. Anno L OMS nomina l INMI Collaborating Center per la cura, la diagnosi, la formazione sulle malattie altamente infettive La DG SANCO incarica l INMI di effettuare uno studio sulla fattibilità della realizzazione di un programma per Laboratorio europeo mobile BLS4 nell africa sub sahariana. Anno Inserimento da parte della Commissione Europea tra le Infrastrutture di Ricerca di interesse Pan-europeo nell ambito dell ESFRI (European Strategy Forum on Research Infrastructures). Marzo 2014 subito dopo l identificazione del primo focolaio di ebola dispiega i laboratori mobili di alto biocontenimento (BSL4) finanziati dalla Commissione Europea (DEVCO) nel abito dell Europiean Mibile Lab Project (EMLab). Il primo è stato allestito in Guinea Conacry, seguono poi la Nigeria e la Liberia e per finire la Sierra Leone. Finora l INMI ha contribuito con 10 team. Agosto 2014 su richiesta dell Organizzazione Mondiale di Sanità l INMI ha inviato un clinico esperto in Nigeria per fornire competenze cliniche e supporto tecnico alla gestione delle unità di isolamento speciale per Ebola a Lagos.

2 Settembre L INMI ha avuto un importante ruolo nella formazione a vari livelli del personale sanitario della Regione Lazio organizzando corsi per: -medici dei servizi di Pronto Soccorso; -infettivologi; -triagisti. Ottobre Il Ministero degli Esteri Italiano Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (DGCS) incarica l INMI del Coordinamento tecnico scientifico dell intervento italiano di cooperazione in Sierra Leone. 10 Novembre 2014 L attività formativa dell Ente culmina con un webinar che ha coinvolto medici da tutta Italia in diretta, ed in differita. Tutti i materiali dei corsi e le procedure sono stati pubblicati sul sito web INMI. 25 Novembre un paziente con il virus Ebola viene trasportato dalla Sierra Leone in Italia in modo sicuro, grazie al team di isolamento di medicina aerea dell'aeronautica Militare Italiana. Una risposta rapida di un team in grado di provvedere in qualsiasi area del mondo al trasporto e a fornire assistenza medica con isolatori per un massimo di 2 pazienti infetti per volo. Il paziente è un medico, specialista in malattie infettive in servizio volontario presso un centro di assistenza per Ebola in Sierra Leone. Il paziente è stato trasferito all'unità di alto isolamento dell'istituto Nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Dicembre L INMI attiva un nuovo laboratorio mobile in Sierra Leone e mette a disposizione il personale (in aggiunta a quelli che operano per il consorzio del laboratori mobili europei) grazie al finanziamento della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri italiano. Il laboratorio realizzato e gestito con il contributo economico, logistico e il sostegno dalla ONG italiana Emergency è ubicato nel centro di trattamento di Goderich, vicino Freetown, aperto a dicembre A giugno 2014 un totale di 23 turni sono stati coperti Dicembre 2014 INMI e aziende italiane (STMicroelectronics, Clonit, Hamilton), hanno sviluppato e validato un prototipo di test portatile basato su tecnica di biologia molecolare: Real-Time Polymerase Chain Reaction (RT-PCR), con l obiettivo è individuare il virus dell Ebola nel sangue di un potenziale paziente in modo rapido e in una fase molto precoce dell'infezione per minimizzare i rischi di contagio. 2 Gennaio 2015 Il paziente zero italiano, Fabrizio Pulvirenti, viene dimesso. L'unità di emergenza che lo ha avuto in cura è composta da infettivologi e specialisti di terapia intensiva con il supporto di una squadra di virologi e microbiologi. Il personale è addestrato ad eseguire procedure rigorose e specifiche pratiche di controllo per prevenire la diffusione di agenti potenzialmente trasmissibili come l'ebola. Gennaio Coordinamento tecnico scientifico degli interventi di controllo delle infezioni per la messa in sicurezza e la riapertura dell ospedale di Lunsar (Sierra Leone). finanziamento della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri italiano 13 Maggio 2015 Viene ricoverato il secondo paziente affetto da Ebola. Il paziente è un operatore sanitario, che ha sviluppato la malattia dopo il rientro in Italia e dopo aver lavorato in

3 un centro di trattamento di Ebola in Sierra Leone. Ha sviluppato i sintomi il 10 maggio (72 ore dopo l'ultima tappa del viaggio di ritorno), si è subito auto-isolato ed è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive dell'ospedale di Sassari, Sardegna. Campioni clinici sono stati testati il 12 maggio dall INMI, confermando l infezione EVD. Il paziente è stato poi immediatamente trasferito in modo sicuro dalla Sardegna a Roma presso l INMI grazie all Aereonautica Militare Italiana. Giugno 2015 avvio in Senegal del programma di formazione su epidemiologia e controllo delle infezioni per paesi a rischio (finanziato dalla DG ricerca dell'ue) PROGETTI EUROPEI SU EBOLA: 5 progetti europei approvati nel 2014 e finanziati dalla Commissione Europea. La lista dei progetti coordinati dall INMI o ai quali l INMI partecipa è riportata in allegato. PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE: 19 le pubblicazioni su Ebola prodotte dall INMI nel : 7 nel 2014, 12 nel 2015 cui si aggiungono 5 lavori accettati ed in corso di stampa SEQUENZE E ISOLAMENTI VIRALI: 3 sequenze virali dei campioni identificati dall INMI e dal ceppo isolato sono state depositate al National Center for Biotechnology Information del National Institute of Health degli USA: 1. Zaire ebolavirus isolate Ebola virus/h.sapiens-tc/sle/2014/makona-italy-inmi1, complete genome 18,795 bp linear crna : 2. Zaire ebolavirus isolate Ebola virus/h.sapiens-wt/sle/2014/makona-inmi-1 NP gene, partial cds 579 bp linear crna : 3. Zaire ebolavirus isolate Ebola virus/h.sapiens-wt/sle/2014/makona-inmi-1 polymerase (L) gene, partial cds 259 bp linear crna : PROSPETTIVE FUTURE: Nuovo Centro di Alto Isolamento Un nuovo edificio dedicato solo alle malattie altamente infettive sarà a breve disponibile. Contiene 10 camere ad alto contenimento per la cura del paziente, ciascuna con accesso indipendente, ambulanza, laboratori di massimo contenimento, tra cui BSL -3 e BSL-4, e le stanze per gli operatori sanitari. Kit portatile RT-PCR Il passo successivo nello sviluppo del Test portatile (RT-PCR) è la realizzazione di point-of-care Ebola-detection sia per una diffusione del test su larga scala, sia per la riduzione del rischio di infezione durante la manipolazione del campione biologico. Programmi di ricerca (oltre a quelli previsti dai progretti europei finanziati) Continuazione degli studi e dei programmi di preparedness e controllo delle infezioni emergenti, Mantenimento delle capacità diagnostiche e dei programmi di controllo di qualità, Collaborazione con altri progetti europei per lo sviluppo di terapie immunologiche,

4 Validazione sul campo di sistemi diagnostici innovativi su materiali residui dalle attività diagnostiche, Sviluppo di modelli di assistenza per ridurre l esposizione degli operatori, Monitoraggio dei costi di assistenza per patologie altamente contagiose, Piani per la definizione di meccanismi patogenetici dell infezione da virus Ebola, Prosecuzione dei programmi congiunti di formazione ed addestramento con l Aeronautica Militare, Studio dell immunità nei sopravvissuti in Guinea, Coordinamento dello Studio EMLab/EVIDENT per l identificazione virale nel liquido seminale o vaginale dei convalescenti in Guinea nell ambito del Trial di fase 3 dell OMS di vaccinazione dei contatti sessuali dei sopravvissuti, Studi virologici ed immunologici sui pazienti colpiti da Ebola ed assistiti a Roma Rafforzamento delle capacità per la preparazione e la risposta a Ebola e altre infezioni emergenti nei paesi africani non colpiti da Ebola: -Senegal: Epidemiologia e controllo delle infezioni (finanziato dalla DG ricerca dell'ue) -Tanzania: indagini su eventi epidemici e capacità di risposta alle infezioni emergenti, biosicurezza in laboratori BSL3 (finanziati dal Ministero italiano degli Affari Esteri, Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo)

5 Allegato 1 Coordinamento di Progetti e Reti di Ricerca Europee, finanziati dalla Commissione Europea in tema di patogeni emergenti European Network of Infectious Diseases (EUNID) European Network of P4 Laboratories (EURONET P4) European Training for Infectious Disease Emergencies (ETIDE) European Network for Highly Infectious Diseases (EuroNHID) European Network of P4 Laboratories (ENP4Lab) Biological risks in the European Support to Biosafety and Biosecurity (ESFC) Establishment of Mobile Laboratories for Pathogens up to Risk Group 4 in Sub-Saharan Africa (ML4CB) Harmonizing European Initiatives of high-level Biocontainment Laboratories (HEIBL) Quality Assurance Exercises and Networking on the Detection of Highly Infectious Pathogens QUANDHIP (Co-leadership with Robert Koch Institut) ongoing Efficient response to highly dangerous and emerging pathogens at EU level (EMERGE) (Co-leadership with Robert Koch Institut) Partecipazione a Progetti e Reti di Ricerca Europee, finanziati dalla Commissione Europea Europea in tema di patogeni emergenti Prevention of future SARS epidemics through the control of animal and human infection (EPISARS) Improving the diagnostic and monitoring of encephalitis viruses in Europe with the support of the European network for diagnostics of imported viral diseases (ENIVD) Genomic inventory, forensic markers, and assessment of potential therapeutic and vaccine targets for viruses relevant in biological crime an terrorism (RiViGene) Episouth+: a network for the control of public health threats and other bio-security risks in the mediterranean region and balkans (EPISOUTH plus) Establishment of Mobile Laboratories for Pathogens up to Risk Group 4 in Sub-Saharan Africa (ML4CB) European Mobile Laboratory for BSL4 agents (EMLab) -DEVCO European Research Infrastructure on Highly Pathogenic Agent (ERINHA) Prediction and Prevention of Emerging Zoonotic Viruses with Pandemic Potential using Multidisciplinary Approaches (PREDEMICS) Ebola Virus Disease - correlates of protection, determinants of outcome, and clinical management (EVIDENT) H Control of the Ebola Oubreak by both innovative Ultrasensitive Detection of EBOV and therapy (IF-EBOlA) H Mobile Filovirus Nucleic Acid Test (MOFINA) IMI- H Ultra-Fast Molecular Filovirus Diagnostics (FILODIAG) IMI- H Ebola Virus: Modern Approaches for developing bedside Rapid Diagnostics (EbolaMoDRAD) IMI- H Advancing novel and promising TB vaccine candidates from discovery to preclinical and early clinical development (TBVAC2020)- H European Virus Archive goes global (EVAg) - H2020-INFRAIA

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Università degli studi Roma Tre

Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Università degli studi Roma Tre C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Parracino Mario Pasquale Indirizzo Via Portuense 292 00149, Roma, Italia Telefono +39 06 55170927 Fax +39 065582825 E-mail mario.parracino@inmi.it

Dettagli

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155 Finanziato dalla Unione Europea Contratto No. FP6-RII3-026155 Visione d insieme della struttura di FP6 2 Finanziato dalla Unione Europea EUPRIM-NET European Primate Network: Infrastrutture Specializzate

Dettagli

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la cura delle infezioni da HIV nel Lazio Obiettivi e Strumenti Enrico Girardi per il gruppo tecnico HIV LaziozioSanità -ASP UOC Epidemiologia

Dettagli

Il virus e la diagnosi di laboratorio

Il virus e la diagnosi di laboratorio Il virus e la diagnosi di laboratorio Maria Rosaria Capobianchi Antonino Di Caro Concetta Castilletti Laboratorio di Virologia WHO Collaborating Center for clinical care, diagnosis, response and training

Dettagli

L. Bertinato (ULSS 22 Verona) - D. Di Blasio (Aeroporto Militare Villafranca di Verona) Firenze, 26 27 marzo 2015

L. Bertinato (ULSS 22 Verona) - D. Di Blasio (Aeroporto Militare Villafranca di Verona) Firenze, 26 27 marzo 2015 R.S.I. e risposta di sanità pubblica a livello di Azienda Sanitaria locale ad un emergenza infettiva: l esperienza nel territorio dell Aeroporto di Villafranca di Verona. L. Bertinato (ULSS 22 Verona)

Dettagli

Giuseppe Ippolito. 06-5594223 (ufficio) Cellulare: 328-3705118. 06-5594224 (ufficio) giuseppe.ippolito@inmi.it. 13 Ottobre 1954 Sant Arsenio (SA)

Giuseppe Ippolito. 06-5594223 (ufficio) Cellulare: 328-3705118. 06-5594224 (ufficio) giuseppe.ippolito@inmi.it. 13 Ottobre 1954 Sant Arsenio (SA) Europas Curriculum Vitae Informazioni Personali Indirizzi Giuseppe Ippolito Ufficio: Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Via Portuense, 292, 00149 Roma Telefoni Fax E-mail

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

XX CONVEGNO DI MEDICINA AERONAUTICA E SPAZIALE. Passeggero con patologia infettiva: L attività dell INMI L. Spallanzani

XX CONVEGNO DI MEDICINA AERONAUTICA E SPAZIALE. Passeggero con patologia infettiva: L attività dell INMI L. Spallanzani XX CONVEGNO DI MEDICINA AERONAUTICA E SPAZIALE Passeggero con patologia infettiva: L attività dell INMI L. Spallanzani Dott.ssa Silvia Castorina Firenze 4 7 Settembre 2007 INMI L. Spallanzani - IRCCS L

Dettagli

PIANO PANDEMICO AZIENDALE (P.P.A.) I parte - GENERALE versione aggiornata al 12 agosto 2009

PIANO PANDEMICO AZIENDALE (P.P.A.) I parte - GENERALE versione aggiornata al 12 agosto 2009 PIANO PANDEMICO AZIENDALE (P.P.A.) I parte - GENERALE versione aggiornata al 12 agosto 2009 Il Piano Pandemico Aziendale (P.P.A.) è elaborato sulla base delle indicazioni della DGR Lazio 302/08 del 24

Dettagli

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM)

Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) II Corso Nazionale Teorico Pratico Emergenze in Infettivologia Ferrara, 30 Settembre 2009 Il supporto del Laboratorio Regionale nelle Emergenze Microbiologiche (CRREM) Vittorio Sambri Laboratorio CRREM

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Rubrica Primo Piano 41 Il Messaggero - Cronaca di Roma 11/06/2015 "MI HANNO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Annapaola Callegaro Incarico Responsabile dell USSD Banca Biologica dell Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII

Dettagli

Ricerca Corrente anno finanziario 2007

Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Gestione del rischio biologico nell allevamento equino: elaborazione di linee guida per la prevenzione ed il controllo delle infezioni diffusive Responsabile Scientifico:

Dettagli

Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola

Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola Raccomandazioni regionali per la gestione dei casi sospetti di Malattia da Virus Ebola 22 agosto 2014 1 Considerazioni Generali Il virus Ebola e l epidemia in Africa occidentale Identificato a seguito

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0026708-06/10/2014-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE A ASSESSORATI ALLA

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

FASI DEL PERCORSO ASSISTENZIALE E MISURE DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI...

FASI DEL PERCORSO ASSISTENZIALE E MISURE DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI... INDICAZIONI REGIONALI SU MALATTIA DA VIRUS EBOLA: IMPLEMENTAZIONE DELLA SORVEGLIANZA, CASE MANAGEMENT E PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DELLA INFEZIONE DA EBOLA IN AMBITO ASSISTENZIALE PREMESSA... 3 La

Dettagli

Epidemia da virus Ebola in Africa Occidentale: indicazioni per la sorveglianza e il controllo. Protocollo regionale

Epidemia da virus Ebola in Africa Occidentale: indicazioni per la sorveglianza e il controllo. Protocollo regionale Epidemia da virus Ebola in Africa Occidentale: indicazioni per la sorveglianza e il controllo Protocollo regionale 1 Sommario 1. Premessa 2. Valutazione iniziale e gestione di casi S/P/C di MVE 2.1 Criteri

Dettagli

LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE

LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE LA DIAGNOSTICA MOLECOLARE E I TUMORI DEL SANGUE UNA NUOVA FRONTIERA NELLA DIAGNOSI DI ALCUNI TUMORI La diagnostica molecolare ha l obiettivo di accertare un ampia varietà di patologie (infettive, oncologiche

Dettagli

Giovanni Putoto, MD, DTM&H, MAHMPP, responsabile della programmazione

Giovanni Putoto, MD, DTM&H, MAHMPP, responsabile della programmazione Risk-assessement aggiornato: le misure di contenimento, l utilizzo dei D.P.I. e le linee guida da seguire per la protezione degli operatori e dei pazienti nell esperienza di Medici con l Africa CUAMM.

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Malattia da Virus Ebola Implementazione di sorveglianza e case management

Malattia da Virus Ebola Implementazione di sorveglianza e case management Aggiornato al 20 ottobre 2014 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Sanità Pubblica, Fasce Deboli Sicurezza Alimentare e Sanità Animale Malattia da Virus Ebola Implementazione

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA 1. PREMESSA 1.1. European Advanced Translational Research

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER PORRE FINE ALL EPIDEMIA DI AIDS NELLO STATO DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER PORRE FINE ALL EPIDEMIA DI AIDS NELLO STATO DI NEW YORK Per la diffusione immediata: 30/11/2015 IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE CUOMO ANNUNCIA LA NUOVA FASE DEL PIANO STATALE PER

Dettagli

Gli agenti biologici come armi di distruzione di massa

Gli agenti biologici come armi di distruzione di massa Gli agenti biologici come armi di distruzione di massa Dott.ssa Lina Di Giamberardino Biologa esperta in armi chimiche e biologiche L 11 settembre 2001 ha segnato tragicamente la fine di un periodo di

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli

Piano di Formazione USMAF 2015

Piano di Formazione USMAF 2015 Piano di Formazione USMAF 2015 Corso di Sanità Marittima ed Aerea e Attività di polizia sanitaria Comunicazione rapide e reti di allerta Dr.ssa Loredana Vellucci MINISTERO DELLA SALUTE Direzione Generale

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Marzo 2006 Attestato di Formazione Manageriale per Dirigente Sanitario di Struttura Complessa I.re.F. Scuola di Direzione in Sanità Regione Lombardia

Marzo 2006 Attestato di Formazione Manageriale per Dirigente Sanitario di Struttura Complessa I.re.F. Scuola di Direzione in Sanità Regione Lombardia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alberto Matteelli E-mail matteelli@med.unibs.it Nazionalità italiana Data di nascita 30 Luglio 1960 ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1979 Diploma di Maturità Scientifica con la votazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

Via E. Ruzzi 19/B 63064 Cupramarittima (AP) Italy 0734 6252306 370 3349224 f.mecozzi@libero.it

Via E. Ruzzi 19/B 63064 Cupramarittima (AP) Italy 0734 6252306 370 3349224 f.mecozzi@libero.it INFORMAZIONI PERSONALI Fiorella Mecozzi Via E. Ruzzi 19/B 63064 Cupramarittima (AP) Italy 0734 6252306 370 3349224 f.mecozzi@libero.it Sesso F Data di nascita 30/09/1964 Nazionalità Italiana POSIZIONE

Dettagli

www.cineca.it CINECA 2013 Statistics Jobs Enrico Aiello 11/11/2013

www.cineca.it CINECA 2013 Statistics Jobs Enrico Aiello 11/11/2013 1 Statistics Jobs Enrico Aiello 11/11/2013 2 La mia carriera accademica Università di Bologna: Laurea in scienze statistiche demografiche e sociali; Tesi in statistica per la ricerca sperimentale; Università

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA

XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA XVI CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MEDICINA TROPICALE E COOPERAZIONE SANITARIA Clinica Malattie Infettive Università degli Studi di Centro di Riferimento Regionale per lo Studio e la Cura delle Malattie Tropicali

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Incarico attuale Incarico di studio - U.O.C. Infezioni Emergenti e Riemergenti - CRAIDS Numero telefonico dell ufficio

Incarico attuale Incarico di studio - U.O.C. Infezioni Emergenti e Riemergenti - CRAIDS Numero telefonico dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ruscitti Luca Enrico Data di nascita 12/11/1962 Qualifica Amministrazione collaboratore a contratto I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI Incarico attuale Incarico di studio - U.O.C. Infezioni

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: "Ottimizzazione della tecnica

CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: Ottimizzazione della tecnica CURRICULUM FORMATIVO A. A. 1998-1999 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Siena, 21/04/1999 con la Tesi: "Ottimizzazione della tecnica RT-PCR (Reverse Transcription Polymerase Chain Reaction)

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014

Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495. Roma, 12 Novembre 2014 Audizione Commissione Igiene e Sanità Esame disegni di Legge n.1092 e 1495 Roma, 12 Novembre 2014 Dott. Don Dante Carraro, Direttore Dott. Giovanni Putoto, Responsabile Programmazione Medici con l Africa

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 10 aprile 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 10 aprile 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Venerdì 10 aprile 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 8 Prime Pagine 12 Rassegna associativa

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Dipartimento di Epidemiologia e Ricerca Preclinica

Dirigente ASL I fascia - Dipartimento di Epidemiologia e Ricerca Preclinica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Goletti Delia Data di nascita 18/05/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia I.R.C.C.S. L. SPALLANZANI Dirigente ASL I fascia

Dettagli

La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento

La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento Antonella Munna Research & Technology Transfer Division HEALTH AMM Unit Bologna, 18 dicembre 2014 Sommario Il progetto MED EU HORIZON2020:

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

5. Istruzione operativa. IOP 21 Utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 4 del 10.10.2014 Pagina 2 di 8

5. Istruzione operativa. IOP 21 Utenti a possibile contatto con virus Ebola Rev. 4 del 10.10.2014 Pagina 2 di 8 COEU = Centrale Operativa Emergenza Urgenza DPI = Dispositivo di Protezione Individuale HEPA = High Efficiency Particulate Air MSA/B/I = Mezzo di Soccorso Avanzato/di Base/Intermedio MVE = Malattia da

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE MVE MALATTIA DA VIRUS EBOLA

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE MVE MALATTIA DA VIRUS EBOLA ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE MVE MALATTIA DA VIRUS EBOLA Protocollo Operativo Regionale Gruppo di lavoro per

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALBERTO PERRA Via Vernio 45, Roma Telefono 3478466123 E-mail nonnoal54@gmail.com Nazionalità Italiana

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0771505618

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0771505618 INFORMAZIONI PERSONALI Nome IACUELE SERGIO Data di nascita 01/03/1951 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI LATINA Dirigente ASL I fascia - AUSL 0771505614

Dettagli

AIDS: investire per il futuro

AIDS: investire per il futuro AIDS: investire per il futuro Giuseppe Ippolito Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L. Spallanzani, Roma, Italia giuseppe.ippolito@inmi.it WHO Collaborating Center for clinical care, diagnosis,

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica

Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica Il Farmacista Ospedaliero tra la Gestione dei Farmaci e la Clinica Massimo Medaglia Dipartimento Farmaceutico AO Sacco Milano Farmaci Anti HIV e Anti HCV: dalla ricerca farmacologica all accesso alla clinica

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E

C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E C U R R I C U L U M F O R M A T I V O E P R O F E S S I O N A L E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome * Zucchiatti Marco Data di nascita * 29.01.1960 Qualifica * Sede di lavoro * Tecnico di Laboratorio

Dettagli

Il virus e la diagnosi di laboratorio

Il virus e la diagnosi di laboratorio Il virus e la diagnosi di laboratorio Maria Rosaria Capobianchi Laboratorio di Virologia WHO Collaborating Center for clinical care, diagnosis, response and training on Highly Infectious Diseases The virus

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Procedure operative per la gestione di casi sospetti, probabili o confermati e contatti di malattia da virus Ebola (MVE) IRCCS, Roma

Procedure operative per la gestione di casi sospetti, probabili o confermati e contatti di malattia da virus Ebola (MVE) IRCCS, Roma Ebola () Pagina 1 di 75 probabili o confermati e Ebola () Istituto Nazionale per le, /2014 del Il presente documento di Procedure Operative (Revisione n.4), sostituisce tutte le disposizioni in precedenza

Dettagli

Fondazione Mantovani

Fondazione Mantovani Fondazione Mantovani Onlus Promuove Prevenzione e Cura della Demenza di Alzheimer: la sfida del Center on Aging dell Università di Miami - USA 16 OTTOBRE 2015 ORE 9:30-13:30 COLLEGIO OBLATI MISSIONARI

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Lista Caratteristiche Tecniche Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" I.R.C.C.S. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Allegato B FORNITURA CHIAVI IN MANO DI UN SISTEMA

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

4. Definizioni e abbreviazioni

4. Definizioni e abbreviazioni 4. Definizioni e abbreviazioni AAT = Articolazione Aziendale Territoriale AO = Azienda Ospedaliera AREU = Azienda Regionale Emergenza Urgenza ASL = Azienda Sanitaria Locale COEU = Centrale Operativa Emergenza

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI

LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI LA TECNOLOGIA SANGER SEQUENCING RICERCATORE TEAM LEADER: DOTT.SSA VELCA BOTTI 1953: scoperta del DNA (Watson e Crick) CENNI STORICI 1977: metodo di Sanger per il sequenziamento del DNA (pubblicazione della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Petrini Stefano Data di nascita 22/11/1974 Qualifica Amministrazione Dirigente Veterinario con incarico professionale ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELL'UMBRIA E DELLE

Dettagli

ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA

ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA PIANO FORMATIVO ANNO 2009. Il piano formativo aziendale dell

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI INQUADRAMENTO NORMATIVO AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 dott. Davide Ferrari Titolo X D.Lgs. 81/08 Protezione da agenti biologici Campo di applicazione Tutte le

Dettagli

La Prevenzione delle Malattie Trasmesse con gli Alimenti

La Prevenzione delle Malattie Trasmesse con gli Alimenti Sub Commissari per l attuazione del Piano di Rientro (delibera Consiglio dei Ministri 04.08.2010) Task Force per le Attività Veterinarie La Prevenzione delle Malattie Trasmesse con gli Alimenti Il ruolo

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787

LMDMRA57S03H501Y. Di Frosinone: 2787 curriculum vitae Formato europeo Informazioni personali Nome MARIO LIMODIO Indirizzo via della cisterna, 28 Fiuggi (FR) 03014 Telefono 3492611454 Fax 0775549142 E-mail mariolimodio@libero.it Luogo e Data

Dettagli

Struttura del Centro. Reparto di degenza

Struttura del Centro. Reparto di degenza Reparto di degenza Il reparto di degenza dispone di 10 stanze singole e di moderne apparecchiature diagnostiche, riabilitative e terapeutiche. Ogni stanza è dotata di un sistema di climatizzazione, poltrona

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LABORATORI E DELLE STRUTTURE CENTRALIZZATE DI RICERCA E DIAGNOSTICA AVANZATA

DESCRIZIONE DEI LABORATORI E DELLE STRUTTURE CENTRALIZZATE DI RICERCA E DIAGNOSTICA AVANZATA DESCRIZIONE DEI LABORATORI E DELLE STRUTTURE CENTRALIZZATE DI RICERCA E DIAGNOSTICA AVANZATA 1-Laboratori di Biocontenimento. Il primo laboratorio di biocontenimento (BSL3) è stato istituito presso l INMI

Dettagli

Strategie per il supporto alle attività di internazionalizzazione Ministero Salute

Strategie per il supporto alle attività di internazionalizzazione Ministero Salute Strategie per il supporto alle attività di internazionalizzazione Ministero Salute Alfredo Cesario, MD Advisor Direzione Generale Ricerca Ministero della Salute Vice-Direttore Scientifico, IRCCS San Raffaele

Dettagli

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità

Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti. Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità Variabilità dei ceppi di HIV nelle comunità di migranti Stefano Buttò Istituto Superiore di Sanità XIII Convegno dell NFP: «Salute e migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali» Istituto Superiore

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Porretto Simone Lazzaro Data di nascita 20/03/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Direttore di Struttura Complessa ASL AL ALESSANDRIA Direttore

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Curriculum scientifico sintetico della Prof.ssa Adriana Calderaro. A. Dati personali. Nata a Cosenza il 19 Febbraio 1967. Nazionalità Italiana.

Curriculum scientifico sintetico della Prof.ssa Adriana Calderaro. A. Dati personali. Nata a Cosenza il 19 Febbraio 1967. Nazionalità Italiana. Curriculum scientifico sintetico della Prof.ssa Adriana Calderaro A. Dati personali. Nata a Cosenza il 19 Febbraio 1967. Nazionalità Italiana. B. Studi e diplomi conseguiti. - Ha conseguito il Diploma

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Marco Rizzi. Indirizzo

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Marco Rizzi. Indirizzo F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Marco Rizzi Fax (+39)035.26.74.967 Telefono (+39)035.26.73.682 E-mail mrizzi@hpg23.it Nazionalità Data di nascita Italiana

Dettagli

Un ulteriore argomento che merita uno specifico approfondimento è quello della resistenza agli antimicrobici, che è sempre più allarmante.

Un ulteriore argomento che merita uno specifico approfondimento è quello della resistenza agli antimicrobici, che è sempre più allarmante. da luglio il semestre UE a guida italiana. l agenda per la sanità. D... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=22370 Page 1 of 3 30/06/2014 quotidianosanità.it

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B Diagnosi e tipizzazione di IPD in biologia molecolare direttamente da campione clinico in pazienti con terapia antibiotica in atto Cristina Massai Clinica Pediatrica II Ospedale Meyer Università di Firenze

Dettagli

Introduzione alla diagnostica biologica o competenze del biologo nell ambito della biologia clinica

Introduzione alla diagnostica biologica o competenze del biologo nell ambito della biologia clinica Introduzione alla diagnostica biologica o competenze del biologo nell ambito della biologia clinica Maria R. Capobianchi Laboratorio di Virologia Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L. Spallanzani

Dettagli

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009 L EPATITE C Infezione da HCV e fattori di rischio L Epatite C è un infiammazione del fegato causata da un virus della famiglia Flaviviridae appartenente al genere hepacavirus (HCV) che attacca l organo,

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli