La Rete italiana dell Universita e della Ricerca GARR e le reti della Ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Rete italiana dell Universita e della Ricerca GARR e le reti della Ricerca"

Transcript

1 La Rete italiana dell Universita e della Ricerca GARR e le reti della Ricerca Tavola Rotonda su Reti e Sistemi in fibra ottica: Realizzazioni in Italia e nel mondo Tecnologie ottiche per l'accesso di nuova generazione

2 sommario GARR: la Rete dell Universita e della Ricerca Il rapporto Caio al MISE e la strategia GARR La nuova generazione di Rete GARR-X La nuova generazione di Internet Le reti Metropolitane (MAN) e Regionali (RAN) 2

3 La rete GARR-B ( ) Tutte le sedi Universitarie e enti soci collegate Architettura di rete magliata solo su 4 POP 16 POP di concentrazione Limitata copertura del territorio nazionale Backbone basato su circuiti ATM a 155M e a 34M sulla periferia Supporto IPv4 Collegamento a 155M alla rete TEN-155 GÉANT Modalità di accesso da 2M 34M (ATM) Rete mono Operatore (incumbent) con PoP presso centrali Telecom Italia Con il Progetto GARR-B inizia lo sviluppo delle reti Metropolitane (MAN) Bari, Insubria, Napoli, Pisa, 3 Trieste,...

4 La rete GARR-G oggi 43 PoP (oltre 90% ospitati da Università e enti di ricerca) Capacità aggregata IP del backbone ~ 110Gbps N. link di backbone: 62 Capacità aggregata IP link di accesso ~ 70Gbps Accessi da 2Mbps 10Gbps N. link di accesso: oltre operatori TLC nazionali TI, Infracom, Fastweb, Atlanet Interoute,Wind,BT- Italia,COLT Diversi operatori TLC locali Municipalizzate, ecc To Telia MIX Ge Ss GX Mi2 Ca1 Mi3 Pv GEANT2 Mi1 Pi Tn Bo1 Fi1 Pd1 Rm1 Namex Fe Pg Fra Level3 Ve An Rm2 Ct1 Aq Na Pa Ts1 Ts Cb Sa 10 Gbps 2.5 Gbps 1 Gbps 622 Mbps 155 Mbps 100 Mbps 34 Mps Fibra Ottica Me Pz Cs Rc EUMED2 Mt Cz Ba1 Le 4 Br

5 120,0 La ca pa cit à de lla re te da G A R R- B a og gi GARR-G oggi 100,0 80,0 Gbps 60,0 Dorsale Accesso Peering di ricerca General Internet NAP 40,0 20,0 inizia GARR-G 0,0 GARR-B dic-2001 dic-2003 dic

6 Da GARR-G a GARR-X L attuale Backbone di GARR-G ha un aggregato di circa 110Gbit/sec e un aggregato di accessi di circa 70Gbit/sec GARR-X èilprogettodingn che guiderà l evoluzione della rete dell università e della ricerca italiana per i prossimi 7 anni ( ) La rete GARR-X sarà operativa a partire dalla seconda metà del 2009 (GARR-X Fase0) e la migrazione avverra in continuità di servizio con l attuale rete GARR-G 6

7 Dal rapporto Caio al MISE (12 Marzo 2009) 1/3 Opzione 1: Copertura di almeno 100 citta, arrivando nel 50% delle case degli italiani con la fibra ottica; Opzione 2: per stare al passo con l Europa : rete di nuova generazione che raggiunga in fibra almeno il 25% delle abitazioni ; Opzione 3: Cablaggio di circa citta grazie alla creazione di reti locali in fibra, da realizzare in partnership coi privati. 7

8 Dal rapporto Caio al MISE (12 Marzo 2009) 2/3 CAVEAT: Il Governo dovra prima capire quale servizio offrire ai propri cittadini nei prossimi anni; La scelta di rendere operativo un network piuttosto che un altro potrebbe condizionare gli ulteriori sviluppi tecnologici del Paese; Il rischio e di accorgersi troppo tardi che l infrastruttura non e sufficiente a fronteggiare la domanda. 8

9 Dal rapporto Caio al MISE (12 Marzo 2009) 3/3 In una situazione critica come quella attuale, prendere una decisione al risparmio potrebbe produrre costi ben maggiori delle economie realizzabili oggi 9

10 Come e fatto GARR-X Backbone in fibra ottica con PoP Accessi tipo: FTTH (Home = Research site) P2P (a livello nazionale e/o internazionale), non GPON Hybrid Network (IP, v4 e v6, e2e, VPN) Integrazione con LAN,MAN,RAN Internet per di utilizzatori Evoluzione continua implementando i risultati dei progetti Europei di R&D su NGN, NGI e FI (es. FP7- FEDERICA e FP7-GN3) 10

11 Motivazioni per l evoluzione a GARR-X Aumentare la flessibilità e l efficienza del modello economico e tecnico della rete; Stare al passo con le richieste degli utilizzatori; Offrire gli stessi servizi su tutto il territorio nazionale, indipendentemente dalla loro collocazione geografica; Permettere flessibilita di incremento della Rete, sia del Backbone che degli Accessi. VPN, end-to-end, vconf etc. sia a livello nazionale che internazionale, in collaborazione con le Reti della Ricerca Mondiali. 11

12 Fattori abilitanti all evoluzione Acquisizione di fibra ottica (dorsale e accesso) ad uso esclusivo GARR Acquisizione ed installazione di apparati di nuova generazione (router e apparati fotonici) Elevato grado di riconfigurazione e diversi canali ad altissima capacità sulla stessa fibra ottica (10 Gbit/s, 40 Gbit/s e migrazione a 100 Gbit/s dal 2011) Gestione e controllo totale (oggi soprattutto a solo livello IP) dell infrastruttura di rete 12

13 Caratteristiche della rete GARR-X Evoluzione dell infrastruttura a costi incrementali ridotti Flessibilità nella risposta alle richieste (attuali e future) degli utilizzatori Possibilità di ritagliare su GARR-X reti dedicate a sedi o gruppi di utilizzatori remoti per il supporto di servizi/applicazioni specifiche Integrazione con reti di Campus, reti Metropolitane e reti Regionali Accesso a basso costo e banda garantita FastEthernet, 1Gigabit e 10Gigabit Ethernet in fibra (soluzione preferita 1Gbit/s) circuito diretto (<1Gbit/s) aggregazione di circuiti tramite reti di operatori (<100Mbit/s) 13

14 Vantaggi per gli utilizzatori (1/2) Maggiore capacità di accesso aggregata della rete 50% in più rispetto ad oggi dal primo anno e circa quattro volte in 6 anni Migliori prestazioni Ritardo e jitter ridotti per applicazioni Real-time Riduzione dei tempi di individuazione e risoluzione dei guasti Nuovi servizi Circuito dedicato end-to-end Banda a richiesta su circuito, ma anche su IP (Bandwidth ondemand) Reti Private Virtuali (Optical VPN, L2/L3 MPLS VPN) Storage e Local Area Network Extension, per esempio per applicazioni di Disaster Recovery estesi anche al di fuori del territorio nazionale (multidominio) 14

15 Vantaggi per gli utilizzatori (2/2) Migliorare il supporto e le prestazioni delle applicazioni Tutte le applicazioni beneficeranno della nuova infrastruttura di rete GARR-X, tra queste: Grid Computing Telemedicina Apprendimento a Distanza Diffusione di contenuti multimediali (Musei, Biblioteche, Conservatori, Archivi) Voice over IP (VoIP) 15

16 GARR-X Fase0: la rete IP Telia GE1 MIX Geant GX PV TN SS CA1 PI1 TO1 MI3 TS1 PD1 VE FI1 MI2 MI1 BO1 FE SA NA1 BO3 PA1 BA1 BR LE ME CS CT1 RM2 RM2 RM1 RM1 PZ MT PG AN 10Gbps 2.5G Gbps AQ1 FRA Namex Level3 EUMED 16

17 Lambda e sub-lambda switching I nuovi apparati di trasporto integrano funzioni di switching elettrico e fotonico Lambda e sub-lambda multiplexing e switching λ1 λ2 10G λ2 Gigabit Ethernet Internet Internet VoIP VoIP SDH/SONET 2.5G SDH/SONET 2.5G Vlan 1 Vlan 2 Vlan 3 17

18 Architettura collegamenti Progetti CRESCo-SCOPE e ENEA-Frascati Dark Fiber (TI) 2 x GbE WDM WDM Portici n x GbE n x GbE RU.ENEA RT.NA1 1 x GbE ADM ADM 1Gbps SDH (TI) 1 x GbE GARR Legenda (1 lambda GE) CRESCO - SCOPE (1 lambda GE) CRESCO - GARR Frascati WDM Dark Fiber (TI) WDM (1 lambda GE) ENEA Portici EFDA- GARR (1 lambda GE) ENEA Frascati - GARR RT.RM2 18

19 Infrastruttura in fibra di dorsale di GARR-X TO GE MI PV CO PI TN PD FE BO FI VE UD TS AN Alcune cifre di sintesi 45 PoP GARR principali in 35 citta (inizialmente), estendibili in 3 anni a 55 citta. 99% co-locati con sedi utente SS CA Olbia Civit. RM PG AQ NA CB SA CS PZ MT TA BA BR LE 60 apparati trasmissivi 150 nodi di amplificazione (uno ogni 70 km di fibra) km fibre di dorsale km fibre di accesso (non presenti in figura) PA ME CZ Mazar. CT RC 19

20 Le reti Metropolitane (MAN) e Regionali (RAN) Le MAN e le RAN, viste come una estensione dell infrastruttura di rete nazionale, ovvero collettori delle connessioni e del traffico verso i PoP GARR modello di accesso più razionale ed efficiente, senza inutili duplicazioni di infrastruttura e contenenimento dei costi particolare attenzione alle iniziative locali per la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica GARR considera strategica la sinergia con le reti Regionali (RAN) e Metropolitane (MAN) per sfruttare una rete più capillare, flessibile ed efficiente GARR coopera con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni locali per favorire le iniziative di sviluppo di queste infrastrutture regionali e metropolitane a beneficio della comunità GARR la mappa mostra le MAN e RAN italiane che già collaborano nel fornire accesso alla rete GARR alle realtà locali o con cui si Enzo stanno definendo Valente, accordi 29 diaprile cooperazione

21 Sviluppo della Rete GARR-X (cross connect) Fase 1 ( , cl 95%) 45 PoP su 35 citta interconnessi con fibra ottica; 70% dei siti connessi in fibra ottica al backbone a 1-10Gbps Backbone a n*10-40gbps Fase 2 ( , cl 80%) 60 PoP su 50 citta interconnessi con fibra ottica 80% dei siti connessi in fibra ottica a n*1-n*10gbps Backbone a n*10-40 [100]Gbps Fase 3 ( , cl 65%) 75 PoP su 65 citta interconnessi con fibra ottica 90% dei siti connessi in fibra ottica a n*1-n*10 [40]Gbps Backbone a n*10 [n*]40-100gbps Fase 4 ( , cl 100% ) Quello che dice la sfera di cristallo 21

22 X-WIN: la rete della NREN tedesca DFN (2006- ) 22

23 Renater5: la rete della NREN francese ( ) 23

24 Collegamenti in fibra con le altre reti della ricerca Svizzera GEANT TO Francia GE MI PV TO GE General TN Internet CO CO MI PV PI FI TN FE BO FI PI PD PD UD GEANT TS VE PG UD TS VE FE BO AN AN Slovenia Collegamenti internazionali in fibra già esistenti Collegamenti internazionali in fibra previsti nel corso di GARR-X Civit. Civit. PG AQ AQ SS SS CA Olbia Olbia RM RM General Internet CB NA SA NA CB SA CS PZ MT BA BR LE TA PZ MT TA BA BR LE CA Mazara PA PA ME CT RC ME CS CZ CZ Grecia Tunisia Mazara RC EUMEDCONNECT2 CT Malta 24

25 La rete pan-europea delle Università e della Ricerca: GEANT2 [ottimizzazione dei servizi e dei costi per l interconnessione a livello Europeo] Progetto GN2 cofinanziato al 50% dalla CE buona parte della rete GEANT2 è basata su fibra ottica ad uso esclusivo a lungo termine (linee nere) 20 NREN connesse in fibra ottica tra cui la rete GARR 15 NREN connesse via circuiti su lambda o SDH forniti da operatori TLC GARR è partner del progetto GN2 GARR è socio di DANTE, l org. che gestisce la rete GEANT 25

26 Seven Generations of European R&E Networks Services Underlying Technology IXI ( ) EuropaNET ( ) EuropaNET 2 ( ) TEN-34 ( ) TEN-155 ( ) GEANT ( ) GEANT 2 ( ) Link Speed Mbps Datagram & IPv4 IPv4 & ATM IP4,6 only Hybrid PDH circuits ATM over SDH Waves Fibre 26

27 Map of GN3 Consortium Partners 27

28 NREN Policy Committee 1. Austria (ACOnet) 2. Belgium (BELNET) 3. Bulgaria (BREN) 4. Croatia (CARNet) 5. Czech Republic (CESNET) 6. Cyprus (CYNET) 7. Germany (DFN) 8. Estonia (EENet) 9. France (RENATER) 10. Greece (GRNET) 11. Hungary (HUNGARNET) 12. Ireland (HEANet) 13. Israel (IUCC) 14. Italy (GARR) 15. Latvia (LATNET) 16. Lithuania (SigmaNet) 17. Luxembourg (RESTENA) 18. Malta (UoM) 19. Netherlands (SURFNET) 20. Nordic Countries Denmark, Finland, Iceland, Norway, Sweden (NORDUnet) 21. Poland (PSNC) 22. Portugal (FCCN) 23. Romania (RoEduNet) 24. Russia (JSCC) 25. Slovakia (SANET) 26. Slovenia (ARNES) 27. Spain (RedIRIS) 28. Switzerland (SWITCH) 29. Turkey (ULAKBIM) 30. United Kingdom (JANET) PLUS NON-VOTING MEMBERS: Delivery of Advanced Network Technologies to Europe Ltd. (DANTE) Trans-European Research & Education Networking Association (TERENA) PERMANENT OBSERVERS: CERN, AMRES, MARNET 28

29 GÉANT2 Topology 15+ NRENs interconnected within the Dark Fibre (DF) cloud The other NRENs, via leased wavelengths and SDH circuits. Circuits are 10Gbps SDH and 10Gbps Ethernet WAN 29

30 Wavelengths on GÉANT2 - February 2008 (based on presentation by Hans Döbbeling DANTE G.M.) 30

31 GÉANT2: a Hybrid infrastructure Primary IP Peering 10 Gbps To NREN n 10 Gbps Backup IP Peering GN2 e2e Peering GÉANT2 POP A IP Router DWDM and SDH Switch GÉANT2 POP B n lambda to neighbouring POP n lambda to neighbouring POP To NREN 31

32 GÉANT2 IP and Transport Equipment Alcatel 1678 MCC (SDH Metro & Core Connect) Alcatel 1626 LM (DWDM Light Manager) Juniper T640 (IP Router) 32

33 FEDERICA Project Infrastructure NORDU NET SUN ET KT H SE HEAnet IE DFN DE PSNC PL SWITCH CH FCCN PT i2cat ES GARR IT Red.es ES CESNET CZ GRNET GR Hungarnet HU Each new PoP will be equipped with a smaller switch/router (Juniper EX family) and one (or two) V-Nodes 1 Gbps Ethernet 33

34 LHC TIER0 TIER1 Optical Private Network (Scenario based on work by Roberto Sabatino,, DANTE) BNL CERN T0 FNAL CH NORDUGrid DK UK RAL TRIUMF NL ASCC SARA GÉANT2 DE FR ES IT GRIDKa IN2P3 PIC CNAF 34

35 35

36 GEANT2: La rete pan-europea al centro del sistema mondiale delle reti della Ricerca 36

37 The NAP of the Arab States Traffic exchange between arab states happens in Europe or USA NAPs initiative taken by Regional ITU in the Arab states in 2006 Western Arab NAP in Morocco with Algeria, Mauritania, Libya, Tunisia and Morocco. Morocco chosen for the proximity of Europe. Middle East NAP in Egypt, with Sudan, Somalia, Djibouti and Comoros. GCC NAP in Dubai with Kuwait, Saudi Arabia, Qatar, Oman, Bahrain, UAE and Yemen. Cham NAP in Jordan with Syria,Iraq, Palestine and Lebanon. No internet uplink landing in Italy? 37

38 UbuntuNet Ubuntu or Obuntu: - I am because we are "The UbuntuNet Alliance : Kenya, Malawi, Rwanda, Mozambique, South Africa, Sudan, DRC, Tanzania, Zambia are Members Ethiopia, Somalia, Zimbabwe, Botswana, Burundi, Namibia, Lesotho, Swaziland are coming The goal is to develop a regional backbone network Connect to the rest of the World via submarine cables 38

39 African undersea cables 33 African countries are unconnected to the global optical backbones Only one large-scale international fibre link in Africa (SAT-3/WASC/SAFE). Operating as a cartel of monopoly. Other 5 undersea cables planned All of them should complete by 2010 World Cup in SA!!! 39

40 The MED-BELT project a fibre network across the Mediterranean An effort to build a regional network Consortium agreement between NRENs (CAMREN) Based on fiber on power lines Cooperate and complement EUMEDConnect2 No landing point in Italy foreseen? 40

41 NGN/NGI e le attività di R&D del GARR Le attività sono svolte soprattutto in ambito internazionale attraverso progetti europei co-finanziati, con lo scopo di: Fornire supporto allo sviluppo dei sistemi di griglia (progetto EGEE-3) Sviluppare per un utilizzo immediato le tecnologie ed i servizi per le reti della ricerca (per esempio il progetto GN3 per la rete GEANT3) Fornire supporto avanzato ai ricercatori nel campo delle reti e dei servizi e studiare modelli di evoluzione della rete (progetto FEDERICA) 41

42 R&D su NGI: Progetto europeo EGEE-3 EGEE-III è un progetto biennale del 7^ Programma Quadro, iniziato a Aprile 2008, che ha lo scopo di estendere ed ottimizzare l infrastruttura di griglia a livello europeo. GARR è coinvolto nelle Joint Research Activity e Service Activity che si occupano di aspetti legati alla interconessione attraverso la rete dei siti di griglia al monitoring end to end del traffico agli aspetti di compatibilità con il protocollo IPv6 dei codici di gestione del sistema di griglia 42

43 R&D su NGI: Progetto europeo FEDERICA Progetto del 7^ Programma Quadro di 30 mesi con inizio gennaio 2008 con 20 partner. GARR è il coordinatore del progetto Il progetto ha lo scopo di creare un infrastruttura composta da apparecchiature di rete, circuiti e nodi di calcolo capaci di virtualizzazione, per accogliere attività sperimentali su architetture e nuovi protocolli per l Internet del futuro L infrastruttura è agnostica nelle tecnologie utilizzate, ed estesa a livello europeo. È composta da circuiti Gigabit Ethernet forniti da GÉANT 43

44 R&E Networking Model in Europe A 3-tier Federal Architecture, partially subsidized by National and EU Research & Education funds: The Campus Network (LAN/MAN) > 3,500 Institutions, >30 M Users The 34 NREN s (MAN/WAN) The Pan-European Interconnection: TEN34 TEN155 GÉANT (GN1 in FP5) GÉANT2 (GN2 in FP6): Hybrid Optical Backbone (+ Cross Border Fibers) GÉANT3 ( GN3? in FP7) Total GN2 Cost: 40 M /year (co-funded by the EC and NREN s) GN2 EC Subsidy < 10% of total European R&E Networking Cost GÉANT Governance: NREN Policy Committee Project Management: Exec, DANTE 44

45 e-infrastructures consequences -being hybrid and the optical footprint its key to reliability and flexibility -The IP service is the most important one, others need to be considered (e.g. circuit based services) - The NREN networks have to be tightly coupled to the GEANT3 network to create a seamless infrastructure (topology and services), Accent on federating. - The global infrastructure should have a faster response time of the order of weeks, rather than months (more automated services, information flow, security) - Capacity to manage and interconnect other (logical and physical) infrastructures created from of the combined NREN/GÉANT ones (e.g. LHCOPN, FEDERICA) - Be transparent and neutral to the application type 45

46 Requests from EC See consolidate e-infrastructures as persistent research platforms to ensure research continuity. The focus is on the delivery of production-quality services 24 hours a day, 7 days a week, and on the long-term sustainability of e-infrastructures, which requires the coordination of efforts at national and EU level and the adoption of adequate governance models. The transfer of expertise to areas beyond science (e.g. e-health, e- Government, e-learning) and the use of e-infrastructures as costefficient platforms for large-scale technological experimentation (e.g. Future Internet, massively parallel software, Living Labs) are different dimensions to be explored. 46

47 Requests from EC (continued) GÉANT (and the NRENs my addition) is explicitly required to: - provide oustanding performance (in connectivity) to meet the exa-scale - Contribute to the design of Future Internet The EC also suggests that research communities support and use GÉANT as an experimental platform leading towards the Internet of the Future. The EC confirms its support to GÉANT 47

48 The move to e-infrastructurese The requirements from Users and the technological adavances have modified the classic IP network in a e-infrastructure. The term is used to identify an ICT platform (an asset) which assists the "emerging distributed forms of research activity (named e-science) based on research networks like GÉANT and research GRIDS" This is underlined and requested by the European Commission since few years and underlined 5th March 2009 by the communication "ICT INFRASTRUCTURES FOR e-science" (http://cordis.europa.eu/fp7/ict/e-infrastructure/home_en.html) 48

49 (inizio dettagli FEDERICA) 49

50 Requirements / Main areas (known) - Lower cost - Topology analysis for both circuits (facilities) and IP (computing/data centres) - Traffic wells and sources - Resiliency and protection (dual PoP/country) at all layers - Traffic pattern - International positioning - Maintain overprovisioning and traffic burstiness - Consider capacity as the basic service (made out of IP and circuit provisioning, e.g. GARR has now 13 Gb IP and 36 Gbps of ptp circuits including CBFs) - CBFs - How to include existing, expand, manage, cost sharing 50

51 Requirements / Main areas (known) - Network equipment flexibility and cost - In depth analysis of optical equipment to allow -Ease of management and monitoring - Additional functionalities (not just lambdas) - Upgrade complexity/ maintenance cost - Services to be deployed (GN2+, IP BE, Circuit on demand) mapping to architecture - Distinguish between provisioning a new resource and instantiate (almost real time) a circuit using existing resources (which were lying idle) - Meshing and Higher capacity (100 Gb/s, but be aware of the cost of hardware) 51

52 Other considerations - Infrastructure - We are using not just a network, but an infrastructure - The infrastructure has to be considered a network factory to satisfy users reuirements like LHCOPN, Radiotelescopes, and international connectivity. It also can be seen as a step to more flexible environment. - Future Internet - The infrastructure should be able to support activities like future Internet research, connecting also national testbeds and participating to research 52

53 FEDERICA e-infrastructure 53

54 Pictorial of creation of a Slice The user requests an Infrastructure made of L2 circuits, un-configured virtual nodes, to test a new BGP version. 1. Create user credentials and authentication, create entity Slice 2. Create Virtual Gateway (in red) to bridge the user from outside into the slice 3. Create resources and connect them as specified by the user NRENs and Global Internet FEDERICA substrate 54

55 Other considerations - Higher integration and collaboration at the operational layer (interdomain sw communication) with NRENs networks - also systems are needed as part of the architecture - International architecture - Consider the various models from the political and technical aspect. Goal is to facilitate the access to GN3 for non-european NRENs / Facilities - Wireless (radio) challenge - Can we ignore it as consortium and infrastructure 55

56 Other considerations - Consider virtualization of functionalities - Routing - Capacity - Strive for simplicity - favour a simple control, management plane - Simplify services in hardware boxes - Enhance the monitoring (and the schema to contain information and account for relation between entities) as much as possible, with a stronger integration with NRENs 56

57 (fine dettagli FEDERICA) 57

58 R&D su NGN e NGI: Progetto europeo GN3 GÉANT3 Progetto quadriennale del 7^ Programma Quadro ( ) per la progettazione e Realizzazione della rete della ricerca pan-europea GEANT3 a cui partecipano tutte le NREN Europee. Le attività di ricerca e sviluppo più significative sono tutte in ambiente multidominio esono: Sistema di Monitoring (PerfSONAR) per il controllo dei circuiti end-to-end (da quelli fisici lightpath a quelli logici basati su MPLS e IP) Procedure di gestione degli incidenti di Sicurezza tra le diverse NREN, con sviluppo di strumenti di monitoring "attivo" per identificare minacce di sicurezza in tempi brevi (es. DDoS) Servizio di Bandwidth on demand, (AutoBAHN) per l erogazione (semi)- automatica di circuiti (1 e 10Gbps) end to end Sviluppo delle fibre transfrontaliere (Cross Border Fiber) a complemento della infrastruttura GEANT2 cnis: database topologico multidominio per l erogazione dei servizi end-to-end I-Share: procedure operative per il set up, il rilascio e la gestione dei circuiti end-to-end (GARR è leader dell attività) Performance Enhancement Response Team (PERT), un NOC federato a livello europeo (NREN), per l assistenza agli utenti su problemi di prestazioni delle applicazioni 58

59 GARR e le reti Metropolitane (MAN) e Regionali (RAN) Le MAN e le RAN, viste come una estensione dell infrastruttura di rete nazionale, ovvero collettori delle connessioni e del traffico verso i PoP GARR modello di accesso più razionale ed efficiente, senza inutili duplicazioni di infrastruttura e contenenimento dei costi particolare attenzione alle iniziative locali per la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica GARR considera strategica la sinergia con le reti Regionali (RAN) e Metropolitane (MAN) per sfruttare una rete più capillare, flessibile ed efficiente GARR coopera con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni locali per favorire le iniziative di sviluppo di queste infrastrutture regionali e metropolitane a beneficio della comunità GARR la mappa mostra le MAN e RAN italiane che già collaborano nel fornire accesso alla rete GARR alle realtà locali o con cui si Enzo stanno definendo Valente, accordi 29 diaprile cooperazione

60 Reti in Fibra: MAN UniCasNet e la provincia di Frosinone 60

61 Reti in fibra: la MAN di Uni-Napoli Federico II INFN-NA CNR-NA Uni-Parthenope PoP GARR-X Napoli Monte S. Angelo IRCCS Pascale MAN MPLS Uni-Orientale Stazione Zoologica A. Dohrn Unina2 Sede di Napoli La MAN di Napoli nasce su impulso dell Università di Napoli Federico II Partecipano al progetto gli altri atenei statali di Napoli ed altre istituzioni di ricerca della città Costituita da un infrastruttura IP/MPLS gestita direttamente da UniNa su fibra ottica metropolitana Alcune entità sono connesse direttamente in fibra La sede di Napoli della SUN è interconnessa al PoP di Napoli attraverso la MAN MPLS Glientiafferentibeneficiano di collegamenti a larghissima banda e ad alta affidabilità 61

62 GARR-X in Campania RM NA CE BN SA Fibra ottica Circuiti a noleggio CT BA Le tratte di dorsale in fibra interconnettono i PoP Le sedi utente nella prima fase del progetto vengono raggiunte con collegamenti a noleggio ad alta capacità Eventuali ulteriori collegamenti in fibra possono essere facilmente integrati Sono possibili interazioni con gli enti locali per l espansione della rete 62

63 La rete di GRISU (ex L.Merola) Realizzazione di un anello di fibre che interconnetta i siti relativi ai progetti finanziati dal PON utilizzando WDM (Multiplazione a Divisione di Lunghezza d onda) con la implementazione di collegamenti IP dedicati in tecnologia 10 Gib/s (e oltre) e la remotizzazione di collegamenti fra le strutture di Storage in tecnologia FC o SCSI. Acquisizione fibre dedicate (dark fiber) in IRU (Indefeasible Right of Use): diritto di utilizzazione pluriennale di una infrastruttura in Fibra ottica già esistente 63

64 Fine ma con un paio di domande: Come pensa AGCOM di regolare l unbundling e favorire il cambiamento di operatore col modello GPON? Quali e quanti sono i grandi progetti europei coordinati da entita (universita, enti di ricerca, operatori di TLC, industria) italiane nel campo della fotonica e, in generale, del networking? 64

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE

PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE PRUDENZA NEGLI INVESTIMENTI E NECESSITA DI INNOVARE Milano, 12 maggio 2009 Paolo Daperno Direttore Sistemi Informativi e Organizzazione Processi illycaffè illy nel mondo la nostra offerta la mission la

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti,

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, Data Center ELMEC Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, alimentazione e condizionamento. Con il nuovo

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent.

Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Company Profile Data centre d eccellenza. Competenze di cui fidarsi. Il maggior provider europeo di data centre carrier-independent. Immagine copertina Verifica routing Questa pagina Visualizzazione spazio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Garantire continuità operativa, performance ed efficienza attraverso infrastrutture e servizi in the Cloud intrinsecamente sicuri

Garantire continuità operativa, performance ed efficienza attraverso infrastrutture e servizi in the Cloud intrinsecamente sicuri Garantire continuità operativa, performance ed efficienza attraverso infrastrutture e servizi in the Cloud intrinsecamente sicuri Enrico Campagna Marketing Director BT Italia 1 BT Group & Strategy BT Italia

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015 Portfolio Prodotti Gennaio 2015 L azienda Symbolic Fondata nel 1994, Symbolic è presente da vent'anni sul mercato italiano come Distributore a Valore Aggiunto (VAD) di soluzioni di Data & Network Security.

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli