TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE"

Transcript

1 TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE TEN-T Financial Engineering Workshop PPP Procurement for Transport Infrastructures From Investment Programme to Project Implementation 27 Novembre 2013 Commissione Europea, Charlemagne Building, Rue de la Loi Bruxelles DG MOVE e TEN-T Executive Agency RELAZIONE Il programma TEN-T della Commissione europea dedica un sostegno finanziario alla realizzazione di importanti progetti riguardanti le infrastrutture per il trasporto. L Agenzia esecutiva TEN-T monitora, in particolare, l'attuazione tecnica e finanziaria di tutti i progetti TEN-T, i quali rappresentano tutte le modalità di trasporto (aereo, ferroviario, stradale e marittimo); la logistica e il sistema di trasporto intelligente. L obiettivo di questo workshop sulla progettazione finanziaria è stato di esplorare lo sviluppo degli appalti dei PPP per i progetti TEN-T al fine di ottenere finanziamenti dal settore privato. Si parla in particolare di 9 corridoi geografici, per ognuno dei quali si vuole eseguire un piano di attuazione: Baltico-Adriatico, Mare del Nord-Baltico, Mediterraneo, Oriente-Est Mediterraneo, Scandinavo-Mediterraneo, Reno-Alpino, Atlantico, Mare del Nord-Mediterraneo, Reno-Danubio. È stato presentato, innanzitutto, un caso di studio non europeo: David Livingstone, examministratore delegato dell agenzia Infrastructures Ontario (IO), ha raccontato come il Canada ha raggiunto il successo nell'uso di PPP in materia di appalti e di obbligazioni-progetto (project bond). Il Ministero delle Infrastrutture è stato creato, in Canada, nel 2003; l anno successivo è stato pubblicato il documento programmatico di costruzione dal titolo Better Tomorrow ed è stata annunciata la politica dell AFP (Association of Financial Professionals). Nel 2005 è stata creata la IO, ovvero un agenzia del governo dell Ontario focalizzata sulla modernizzazione e sul finanziamento del rinnovo delle infrastrutture pubbliche, massimizzando il valore del patrimonio immobiliare pubblico e la gestione di strutture governamentali; mentre nel 2006 è stato avviato un investimento senza precedenti in materia di infrastrutture. La IO è stata creata fondamentalmente per proteggere il governo da sé stesso, per la necessità di un intermediario credibile, per avere una finestra sul mercato e sulla capacità di mercato da rendere esecutiva. È importante che venga sottolineato il fatto che questo ente appartiene al 100% alla Provincia dell Ontario, ma che allo stesso tempo è separato e distinto dal governo; che si posiziona come una società privata che fa un servizio pubblico e che ha potere decisionale. Tra i servizi che quest agenzia offre, vi sono l accettazione, la decisione e la pubblicizzazione delle pianificazioni dei progetti assegnati, la convalida dei budget, la nomina del miglior proponente, la direzione della costruzione e possibilmente della manutenzione del progetto e il pagamento per contratto. Stéphane Ouaki, Capo Unità B4 Strategie d investimento per le Infrastrutture della DG MOVE, ha esposto le funzioni dello strumento Connecting Europe Facility (CEF): si tratta, appunto, di un solo strumento che include i tre settori del trasporto, dell energia e delle telecomunicazioni. Il nuovo quadro di finanziamento della CEF prevede una forte concentrazione del sostegno finanziario dei progetti UE con un valore aggiunto, lo sfruttamento di sinergie intersettoriali, una maggiore enfasi sull'utilizzo di strumenti finanziari innovativi, la revisione di medio termine degli importi tra i tre settori in base alle prestazioni e

2 all'assorbimento dei fondi (flessibilità), e complementarietà (e non duplicazione) con gli altri strumenti dell'ue (ESIF e Horizon 2020). Il budget totale corrisponde a 32,2 miliardi a prezzi correnti, così suddivisi: 26,250 miliardi per i trasporti (compresi 11,3 miliardi dal Fondo di coesione); 1,141 miliardi ( 1,138 milioni per i servizi pubblici paneuropei e 164 milioni per la banda larga); 5,850 miliardi per le infrastrutture energetiche; con il 10% (o fino al 20% in determinate condizioni) disponibile per gli strumenti finanziari. Per quanto riguarda il settore dei trasporti, le priorità sono le seguenti: lo strumento CEF finanzia solo i progetti TEN-T riguardanti gli orientamenti standard TEN-T; borse di studio per la rete principale e per le priorità orizzontali (SESAR, ERTMS, ecc); borse di studio solo per il trasporto ferroviario e fluviale, fatta eccezione per la strada quando si tratta di sistemi di gestione transfrontalieri o traffico; priorità sulle zone transfrontaliere e sulle strozzature dei 9 corridoi, sull'interoperabilità e le infrastrutture per la decarbonizzazione dei trasporti; gli strumenti finanziari disponibili per tutti i progetti TEN-T, per tutti i modi di trasporto, per la rete di base (Core Network) e la rete globale (Comprehensive Network), per le attrezzature a terra e quelle a bordo. A proposito di questi strumenti finanziari, vi sono diverse tipologie possibili: Strumenti azionari: capitale di rischio, come ad esempio il Marguerite Fund (investire nel patrimonio netto riduce la necessità di debito e riduce il livello dei rischi). Gli strumenti di debito: garanzie e strumenti di condivisione del rischio, ad esempio LGTT (di sostegno al credito bancario) e i Project Bond (realizzati per sostenere gli investimenti da parte degli investitori del mercato dei capitali, quali i fondi pensione, le compagnie di assicurazione, ecc); CEF può contribuire a RSFF (Risk-Sharing Finance Facility, il quale può fornire prestiti o garanzie per progetti d innovazione, di ricerca o rischi tecnologici, fino al 50% dei costi ammissibili). Nell ambito di CEF, due degli attori principali sono l Unione Europea e la Banca europea degli Investimenti (BEI): mentre la Commissione determina i criteri d idoneità generali, in collaborazione con la BEI aiuta a sviluppare la pianificazione di progetti, dove opportuno; la BEI seleziona i progetti specifici che utilizzano i criteri di ammissibilità standard e le politiche di rischio di credito e ne seleziona il tipo di supporto; l UE e la BEI condividono i rischi, ma il rischio dell UE è limitato al contributo di bilancio, non alle passività potenziali; entrambe costruiscono la capacità istituzionale per i PPP. In conclusione, Ouaki ha riferito che il finanziamento pubblico comunitario è troppo limitato perché fornisca borse di studio per tutti i progetti TEN-T e che quindi l'utilizzo di strumenti finanziari è una condizione imprescindibile, ed è l unica soluzione per alcuni settori (aeroporti, autostrade non transfrontaliere, apparecchiature di bordo per il rifornimento alternativo); inoltre, gli strumenti a livello UE sono disponibili e Capital Markets e le banche sono in grado di rispondere; la liquidità è disponibile ma i progetti idonei sono carenti; vi è infine la necessità di una forte assistenza tecnica per aiutare lo sviluppo della capacità amministrativa e l aumento del numero di progetti che utilizzano gli strumenti finanziari di CEF. Nella prima sessione della conferenza è stato presentato il primo case study: Rob De Jong, senior advisor e controllore di progetti per Rijkswaterstaat, ha parlato di Lock, un programma da 2,2 miliardi suddiviso in 5 progetti (le chiuse Beatrix, Limmel, Eefde, IJmond sea; Gent-Terneuzen sea). Il programma d investimento è risultato una novità per il mercato e per Rijkswaterstaat: la prevedibilità, ovvero una valutazione a lungo termine, è apprezzata; è necessario partire con progetti piccoli e semplici, e utilizzare una curva di apprendimento piuttosto che una ad hoc. In generale, il programma Lock non è un nuovo dipartimento, bensì una cooperazione temporanea nella forma di una matrice; i team di progetto delle 5 chiuse ricevono il sostegno dal programma in fase di appalto; vi è un coordinamento centrale da parte del Direttore del programma, il quale deve tener conto che ciò che il mercato apprezza maggiormente sono l'uniformità e la prevedibilità di un programma.

3 Chris Blades, Capo dell European PPP Expertise Centre (EPEC), ha spiegato come l ente di cui è a capo sia un iniziativa unica che vede la cooperazione di BEI, Commissione europea, Paesi candidati e degli Stati membri, a cui inizialmente avevano aderito 20 membri e che ora ne conta 39. Si tratta di un team internazionale di 18 professionisti la cui missione è aiutare il settore pubblico a fornire PPP migliori. Tra le sue attività rientrano il lavoro collaborativo (quindi la condivisione delle informazioni attraverso gruppi di lavoro tematici), il rafforzamento istituzionale (politiche e programmi di sostegno attraverso il lavoro bilaterale con gli organismi aderenti) e un helpdesk (servizio offerto ai membri che fornisce risposte rapide alle domande immediate). Alcuni esempi di casi studio sostenuti da EPEC sono i tempi e i costi di approvvigionamento e l innovazione dell illuminazione stradale nel Regno Unito, il rapporto qualità/prezzo e la producibilità di nuove costruzioni per i centri sportivi in Belgio, il trasferimento del rischio effettivo e lezioni per il settore pubblico dalle prigioni francesi, la gestione attiva della pianificazione e la standardizzazione tecnologica nel settore dei rifiuti del Regno Unito. In seguito è intervenuto Alberto Croce, membro del segretariato tecnico di Ferrovienord, il quale ha presentato il case study del collegamento ferroviario con Malpensa, l aeroporto internazionale di Milano. Oltre a Ferrovienord, sono altri due gli attori che hanno partecipato a questo progetto: Regione Lombardia e SEA (gestore dell aeroporto di Milano). Una parte importante è stata la realizzazione del collegamento dei terminal T1 e T2 come primo passo per colmare il divario di rete e chiudere l anello ferroviario (Progetto Going North!); sono stati costruiti 3,6 km di collegamento, per i quali sono stati utilizzati 115 milioni (escluse alcune strutture). Gli obiettivi dello studio di fattibilità dei PPP sono: analizzare la domanda in profondità, insieme con i flussi finanziari da parte di tutti gli attori; ottimizzare il modello di funzionamento come chiave di opportunità commerciale per aumentare i ricavi e i benefici economici; analizzare e definire un piano finanziario innovativo che consente la realizzazione del nuovo collegamento ferroviario sulla base del principio del pagamento in base all utilizzo ; verificare se è possibile ridurre il contributo dei fondi pubblici; analizzare e verificare la possibilità di coinvolgimento di capitale privato per finanziare l'estensione ferroviaria; definire un'analisi economica e una struttura di finanziamento degli investimenti, al fine di analizzare e valutare i vantaggi e gli svantaggi connessi; fornire un modello di business che consente di valutare in dettaglio gli aspetti economici e finanziari, nonché di soddisfare i criteri di ammissibilità bancari. Ciò che si vuole raggiungere è un nuovo modello di servizio per cui sia assicurato e garantito un funzionamento flessibile e in cui venga allargato, tramite aumento del numero di punti di accesso, il bacino di utenza. Remy Cohen, consigliere finanziario del Certet/SDA della Bocconi, ha proseguito la presentazione dello studio di fattibilità dei PPP mostrando uno scenario piuttosto travagliato, dato dalle crisi degli ultimi due anni della politica regionale in Lombardia e della TRENORD, e dalla decisione di Regione Lombardia di portare avanti l opzione progettazione parsimoniosa del febbraio Confermando che il Progetto collegamento T1-T2 è strategico, il governo italiano si è impegnato a fornire il rimanente importo di denaro su basi tradizionali di finanziamento, in aggiunta ai fondi già disponibili provenienti da Regione Lombardia, SEA e dal programma TEN-T. I risultati dello studio hanno dimostrato che la finalizzazione di un regime di Project Finance richiede troppo tempo per completare i lavori nel 2015, e che pertanto una società veicolo non è necessaria. L'attuazione del progetto seguirà lo schema coordinato di 2 beneficiari, già sperimentato con successo per la fase di progettazione: SEA per la stazione T2 Aeroporto (sezione 1) e FERROVIENORD per la linea e le attrezzature ferroviarie (sezione 2).

4 Se si può parlare di lezioni apprese, da questo progetto è risultato che quello delle ferrovie rimane un "settore freddo", nonostante la maggiore disponibilità a pagare tra i passeggeri del trasporto aereo rispetto a quelli che utilizzando i servizi ferroviari; che la domanda non è così elastica come si pensava, ma che anzi il settore degli autobus è un forte concorrente; che il settore ferroviario non è ancora maturo per i soggetti privati nell assumersi rischi significativi; che il quadro giuridico è molto difficile per un partenariato pubblico-privato, che gli schemi PPP richiedono tempo, ma che vale sempre la pena di considerare l opzione dei PPP (che presto diventeranno forse una scelta obbligata ). Il terzo e ultimo case study é stato introdotto da Heather Douglas, partner nell ufficio di Toronto della della Borden Ladner Gervais LLP. Il progetto canadese Ottawa Light Rail (LRT) riguardava il sistema di luci del transito ferroviario di Ottawa. Il costo totale ha raggiunto i $2,1 miliardi, e ha supportato la conversione dei 12,5 chilometri esistenti del corridoio Bus Rapid Transit (BRT) in un sistema LRT, gli aggiornamenti di 10 stazioni esistenti, la costruzione di 3 nuove stazioni sotterranee, di un tunnel che attraversa il cuore della città (2,5 km) e di un nuovo impianto di manutenzione e conservazione, l'approvvigionamento di flotte di veicoli su rotaia iniziale, l'ampliamento e la riabilitazione di circa 4 chilometri dell'autostrada 417. Come parte del sistema di transito esistente di Ottawa che assiste parte della Provincia del Quebec, LRT costituisce un progetto interprovinciale; l'autorità di regolazione ferroviaria federale è stata delegata a Ottawa e contrattualmente assunta dal settore privato, previa approvazione della città e adozione. Parlando di settore pubblico, la Douglas ha reso noto che ha sostenuto la costruzione del Canada Fund (con circa $8,8 miliardi), che i candidati ammissibili al finanziamento sono province, territori, comuni e il settore privato; che i costi ammissibili includono i costi di precostruzione e di costruzione; che il finanziamento è disponibile per progetti di rilevanza nazionale, regionale e locale; e che i progetti comunali sono a compartecipazione finanziaria. Al contrario, gli obiettivi dei finanziamenti provenienti dal settore privato sono la massimizzazione delle risorse pubbliche, la supervisione e un'appropriata ripartizione dei rischi e possibili benefici contabili. Anna Panagopoulou, Capo Unità della TEN-T Executive Agency, ha concluso la giornata con una ricapitolazione generale dei tre diversi case study. I primi due hanno illustrato come il programma TEN-T è stato utilizzato con successo per preparare progetti di appalto PPP: il programma delle chiuse nei Paesi Bassi, il quale ha delineato la ristrutturazione del modello standard stradale per i progetti delle vie navigabili interne e ha discusso i vantaggi della creazione di una riserva di progetti; il collegamento ferroviario con l'aeroporto di Malpensa in Italia, che ha invece presentato i risultati di uno studio di fattibilità dei PPP e sottolineato l'importanza di considerare diverse opzioni di finanziamento. Il terzo case study apparteneva ad uno Stato non membro dell'ue, e la Douglas ne ha condiviso le migliori pratiche internazionali nella strutturazione di un appalto PPP e ha offerto un approccio strutturato per combinare finanziamento bancario e obbligazionario. I messaggi comuni che è stato possibile ricavare dai tre progetti sono i seguenti: i settori pubblico e privato possono beneficiare di un'interazione precoce e di un sostegno da parte delle istituzioni pubbliche in termini di qualità del progetto; un coordinamento centrale facilita l'accumulo di una memoria istituzionale e consente il trasferimento di competenze tra i progetti; una chiara comprensione del ciclo di vita del progetto contribuisce a facilitare il passaggio da una fase all'altra; tra i vantaggi dell'approccio PPP si possono enumerare la consegna accelerata degli investimenti per il trasporto necessari, potenziali risparmi dalle innovazioni del settore privato, una maggiore trasparenza grazie alle consultazioni con il mercato.

5 Dai programmi d investimento PPP si è inoltre appreso che lo sviluppo di progetti simili come un programma è interessante sia per i partner pubblici sia per quelli privati: l'utilizzo di progetti più piccoli come piloti crea una curva di apprendimento che riduce i rischi per i grandi progetti; la standardizzazione porta più velocemente ad esecuzione il progetto; il settore privato è disposto ad investire in risorse specializzate per migliorare la posizione competitiva, e la concorrenza spinge i costi di transazione a ridursi. Gli studi di fattibilità hanno insegnato che preparare PPP richiede una pianificazione dettagliata per colmare il gap informativo tra il settore pubblico e privato, in quanto occorre valutare accuratamente i rischi principali e le misure di mitigazione e mettere un prezzo di mercato equo sui rischi; che gli studi forniscono un quadro di riferimento per il processo decisionale in materia di modelli di finanziamento; e che il modello PPP non soddisfa tutti i progetti, ma anzi può essere troppo costoso per quelli piccoli e può diventare troppo complesso per i grandi. Nel combinare i finanziamenti bancari e obbligazionari, il caso canadese ha dimostrato che un appalto PPP può creare un "allineamento di interessi" che avvantaggia il settore pubblico; che usando i PPP le sovvenzioni possono essere combinate con un finanziamento del settore privato; che una serie di predeterminate pietre miliari può facilitare la transizione dal breve termine per il finanziamento al lungo termine e che un finanziamento bancario a breve termine può servire come ponte per quello a lungo termine fornito dai mercati del capitale; infine, che l'utilizzo di procedure di appalto standardizzate e di documenti possono facilitare l'interazione tra i settori pubblico e privato. In conclusione, nel corso del workshop si è rilevato che il quadro programmatico (CEF) contiene molti elementi positivi per gli appalti PPP, in particolare strumenti finanziari, e che questo offrirà opportunità e motivazione per sviluppare soluzioni alternative di finanziamento. Il successo internazionale mostra, per di più, che gli obiettivi di CEF sono realizzabili e che i mercati dei capitali sono ricettivi; certo la preparazione dei progetti e degli appalti PPP è difficile, ma il supporto c'è e le soluzioni esistono. LINK events/events/financial_engineering_workshop_- _27_november_2013.htm. Eseguito da: Camilla Paruolo UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B-1040 Bruxelles Tel Fax

LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA

LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA LE RETI EUROPEE DI TRASPORTO: CONNETTERE L EUROPA PER RILANCIARE L ITALIA Andrea Tinagli BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI 10 Febbraio 2014 LA BEI ED I SUOI AZIONISTI La BEI - Banca europea per gli investimenti

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue

Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue MEMO/11/706 Bruxelles, 19 ottobre 2011 Collegare l'europa: La nuova rete centrale di trasporti dell'ue Oggi la Commissione ha adottato una proposta per trasformare l'attuale groviglio europeo di strade,

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Fonti di informazione on-line

Fonti di informazione on-line PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete.

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 07.03.2005 COM(2005) 75 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Iniziativa europea per la crescita Relazione di fattibilità

Dettagli

L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti

L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti ` Ç áàxüé wxääx\çyütáàüâàâàüx x wx gütáñéüà Direzione Generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione ed i progetti internazionali

Dettagli

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Hotel Bedford, Rue du Midi 135-137, 1000 Brussels 9-10 Settembre 2013 EFIN-European Financial Inclusion

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna LE OPPORTUNITÀ DEI FINANZIAMENTI EUROPEI Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna 26Settembre 2013 I temi Le principali i lifonti idi finanziamento i a livello

Dettagli

Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività

Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività Riccardo Gabriele Di Meglio 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione Servizi finanziari innovativi Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile

Dettagli

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014 Il fund raising per la sostenibilità Belluno forum energia 20 giugno 2014 La Commissione Europea Common Strategic Framework 2014-2020 raccomanda un approccio metodologico all impiego degli Strumenti finanziari

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

MARCO POLO II OLTRE IL TRASPORTO SU STRADA Logistica e ricerca per una nuova intermodalità: quali opportunità per il Veneto dai fondi comunitari

MARCO POLO II OLTRE IL TRASPORTO SU STRADA Logistica e ricerca per una nuova intermodalità: quali opportunità per il Veneto dai fondi comunitari MARCO POLO II OLTRE IL TRASPORTO SU STRADA Logistica e ricerca per una nuova intermodalità: quali opportunità per il Veneto dai fondi comunitari Venezia, 13 Dicembre 2006 Venezia Terminal Passeggeri Sala

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala

Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala Ancona, 02 Luglio 2015 1 RAM Rete Autostrade Mediterranee Rete Autostrade Mediterranee

Dettagli

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE DG CONNECT RELAZIONE La giornata informativa

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Gli strumenti BEI per sostenere la crescita delle imprese innovative Marguerite Mc Mahon Roma, 27.11.2014 La banca dell UE Partner finanziario naturale

Dettagli

L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 TITOLO. 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles LUOGO E DATA

L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 TITOLO. 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles LUOGO E DATA TITOLO LUOGO E DATA L internazionalizzazione nella programmazione 2014-2020 23 Ottobre 2014 Sede Unioncamere Italia Avenue Marnix 30 - Bruxelles ORGANIZZATORE Unioncamere Italia Relazione L evento oggetto

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Settimana della Bioarchitettura e della Domotica Modena, 14 novembre 2012 Paola Laiolo Intesa Sanpaolo Eurodesk Sprl

Dettagli

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Logiche di intervento nella programmazione regionale e nazionale dei Fondi Strutturali e d'investimento Europei 2014-2020

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI)

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Piano di Investimenti per l Europa Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Dario Scannapieco Vicepresidente Banca europea per gli investimenti Presidente

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

(CODICE TER13022/001) CAPITOLATO TECNICO CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO CIG N. 5254565C33 PREMESSA

(CODICE TER13022/001) CAPITOLATO TECNICO CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO CIG N. 5254565C33 PREMESSA Servizio di consulenza specialistica e studio delle possibili forme di finanziamento innovative del collegamento ferroviario tra il Terminal 1 e il Terminal 2 dell Aeroporto Intercontinentale di Malpensa,

Dettagli

IL PROGETTO 3L NELLE PROVINCIE DI PADOVA E ROVIGO

IL PROGETTO 3L NELLE PROVINCIE DI PADOVA E ROVIGO IL PROGETTO 3L NELLE PROVINCIE DI PADOVA E ROVIGO Dott. Cristina Boaretto Responsabile team Energia, Sinloc S.p.A. Rubano, 29 ottobre 2013 1 Presentazione di Sinloc Sinloc è una società di riferimento

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore di Franco Bassanini Prefazione al volume di Chiara Sumiraschi, Ripensare il finanziamento delle infrastrutture:

Dettagli

Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego

Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020: opzioni, condizionalità e prospettive di impiego Bruxelles, 25 settembre 2013 Pasquale D'Alessandro DG Regionale e Urbana Presentazione Brevi

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

I mobilità: Livorno 22-24 Aprile 2013 22 APRILE 2013

I mobilità: Livorno 22-24 Aprile 2013 22 APRILE 2013 Progetto PER MARE, AZIONI INNOVATIVE PER ORIENTARE AI MESTIERI DEL MARE - Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programma «Aldilà del Mare» I mobilità: Livorno 22-24

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

INDICE. 1. La politica Ue per le PMI. 1.1 Piano d azione verde per le PMI. 2 I fondi per le PMI. 2.1 Il programma Cosme. 2.2 Accordo Cosme FEI

INDICE. 1. La politica Ue per le PMI. 1.1 Piano d azione verde per le PMI. 2 I fondi per le PMI. 2.1 Il programma Cosme. 2.2 Accordo Cosme FEI INDICE 1. La politica Ue per le PMI 1.1 Piano d azione verde per le PMI 2 I fondi per le PMI 2.1 Il programma Cosme 2.2 Accordo Cosme FEI 2.3 Horizon 2020: lo strumento PMI 2.4 Opportunità in collaborazione

Dettagli

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale 1 Dati Tecnici TITOLO: Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni

Dettagli

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare

TITOLO. L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare TITOLO L energia del deserto per alimentare il Mediterraneo: è tempo di iniziare LUOGO E DATA 25 giugno 2013 Charlemagne Building Rue de la Loi, 1049 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Europea RELAZIONE

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

I FINANZIAMENTI EUROPEI UN ORIENTAMENTO ALLE LINEE PRINCIPALI (1)

I FINANZIAMENTI EUROPEI UN ORIENTAMENTO ALLE LINEE PRINCIPALI (1) I FINANZIAMENTI EUROPEI UN ORIENTAMENTO ALLE LINEE PRINCIPALI (1) ------------------------------------------------------------------------------------------ FINANZIAMENTI DIRETTI TRAMITE I PROGRAMMI COMUNITARI

Dettagli

Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità

Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità Alberto Eichholzer Presentazione dell iniziativa Jessica 10 ottobre 2012 1 Il ruolo di Equiter Chi è? Equiter, società del Gruppo Intesa Sanpaolo, investe

Dettagli

Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile. Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti

Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile. Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti Opportunità finanziarie per la mobilità sostenibile Rimini, 6 novembre 2014 Mauro Conti Chi è BIT? Società di servizi tecnico-finanziari per le BCC nelle Tre A Al fianco delle BCC e dei loro clienti per

Dettagli

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011 Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto Milano 7 Febbraio 2011 Per realizzare le infrastrutture strategiche - al minor costo possibile - nel minor tempo possibile -

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Questo mese parliamo di:

Questo mese parliamo di: Questo mese parliamo di: Horizon: le nuove regole per partecipare FOCUS ON: I finanziamenti per il settore energetico Facts and Figures Energia: scadenze e budget per il 2014-2015 1 1 2 5 Link utili 6

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Attuazione del Piano di Efficienza Energetica del Porto di Venezia Linea d azione 3, Task 3.1.d Workshop 2 - Tecnologie per l efficienza energetica COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Martedì 16 Dicembre 2014 Agenda

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

FONDI UE PER IL PERIODO 2014-2020

FONDI UE PER IL PERIODO 2014-2020 Ambasciata d'italia Malta FONDI UE PER IL PERIODO 2014-2020 A) Introduzione Nell ambito della Programmazione Finanziaria Pluriennale (QFP) 2014-2020 Malta riceverà fondi comunitari per 1,128 miliardi di

Dettagli

European Energy Efficiency Fund - FAQ

European Energy Efficiency Fund - FAQ European Energy Efficiency Fund - FAQ Informazioni generali Che cos'è il Fondo Europeo per l'efficienza Energetica (EEEF o Fondo)? L obiettivo del Fondo EEEF è quello di fornire un finanziamento basato

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

A relazione dell'assessore Balocco:

A relazione dell'assessore Balocco: REGIONE PIEMONTE BU47 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 24-511 Adesione al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale GECT (EGTC) previsto nell'ambito del progetto CODE24

Dettagli

Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica

Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica 20 febbraio 2012 Numero 2 Partenariato pubblico-privato (PPP) La galleria autostradale del Gottardo deve essere risanata.

Dettagli

HORIZON 2020. 17 settembre 2013

HORIZON 2020. 17 settembre 2013 HORIZON 2020 17 settembre 2013 I Contenuti La situazione in EUROPA FP7 Politiche industriali e EUROPA 2020 HORIZON 2020 Strategia Smart Specialization Cluster Trasporti 2020 Innovazione: la situazione

Dettagli

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 15.06.2011 1 INDICE Introduzione Energia e lotta

Dettagli

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano Allegato A GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano 0. Premessa Il

Dettagli

ManagEnergy Workshop

ManagEnergy Workshop ManagEnergy Workshop Alberto Eichholzer Il Programma Jessica a supporto della programmazione integrata 10 maggio 2013 1 Il ruolo di Equiter Chi è? Equiter, società del Gruppo Intesa Sanpaolo, investe capitali

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti Gruppo BEI: PMI per occupazione e crescita Convegno ABI «Credito al Credito» Marguerite Mc Mahon Roma, 28 novembre 2013 Gruppo BEI cifre principali Gruppo BEI risposta

Dettagli

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto

La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento per finanziare la rete europea di trasporto EUROPEAN COMMISSION COMMISSION EUROPEENNE EUROPÄISCHE KOMMISSION BEI/08/5 Bruxelles-Lussemburgo, 11 gennaio 2008 La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti lanciano un nuovo strumento

Dettagli

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 REGIONE TOSCANA Consiglio regionale Commissione Istituzionale per le Politiche dell Unione europea e gli Affari Internazionali Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 In questa edizione: Aiuti di Stato:

Dettagli

La politica europea dei trasporti e le Dogane

La politica europea dei trasporti e le Dogane Interventi Aprile 2010 Marco De Andreis La politica europea dei trasporti e le Dogane Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 La politica europea dei trasporti e le Dogane di Marco

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

HORIZON 2020 PER LE PMI

HORIZON 2020 PER LE PMI HORIZON 2020 PER LE PMI Gli strumenti e le modalità di partecipazione ROAD SHOW Perugia, 21 Febbraio 2014 MISURE DI SUPPORTO ALLE PMI IN HORIZON IL PARTICIPANT PORTAL ASPETTI DI TECNICA PROGETTUALE MISURE

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.)

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.) Promozione di pratiche di gestione dell energia nell industria tessile in Grecia, Portogallo, Spagna e Bulgaria EMS Textile SIGMA Consultants Ltd - Grecia Descrizione Il progetto EMS-Textile mirava a promuovere

Dettagli

L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro

L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro L innovazione tecnologica dell industria italiana verso la visione europea del prossimo futuro Mercoledì 2 Aprile 2014 Cristina Piai, Intesa Sanpaolo S.p.A. Strumenti finanziari nell ambito di Horizon

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

Guida al finanziamento dei progetti delle Piattaforme tecnologiche europee

Guida al finanziamento dei progetti delle Piattaforme tecnologiche europee Guida al finanziamento dei progetti delle Piattaforme tecnologiche europee Strumenti di finanziamento della Commissione europea e della Banca europea per gli investimenti Iniziativa Innovazione 2010 Guida

Dettagli

L Europa in linea. Per ricevere gli altri numeri della Newsletter iscriviti qui: www.civica.cc/ iscrizione. [Sommario] [Editoriale] [Nuovi Bandi]

L Europa in linea. Per ricevere gli altri numeri della Newsletter iscriviti qui: www.civica.cc/ iscrizione. [Sommario] [Editoriale] [Nuovi Bandi] L Europa in linea Anno I - Num. 0 Newsletter d informazione sui programmi di finanziamento europeo per il settore pubblico e no profit [Editoriale] L Europa in Linea - Newsletter d informazione sui programmi

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

L agenda Digitale e le Smart Cities per lo sviluppo del Paese: il ruolo della Banca europea per gli investimenti

L agenda Digitale e le Smart Cities per lo sviluppo del Paese: il ruolo della Banca europea per gli investimenti L agenda Digitale e le Smart Cities per lo sviluppo del Paese: il ruolo della Banca europea per gli investimenti Marguerite Mc Mahon / Alessandro Izzo 16 luglio 2013 La Banca per i finanziamenti a lungo

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

La Banca europea per gli Investimenti

La Banca europea per gli Investimenti La Banca europea per gli Investimenti 1 1. Aspetti istituzionali 2 La Banca europea per gli investimenti (BEI) La Banca per i finanziamenti a lungo termine a sostegno dei progetti di interesse europeo

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE La BEI per le Piccole e Medie Imprese Anna Fusari 25 novembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine

Dettagli

MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO

MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO Master EMMPF I a EDIZIONE DICEMBRE 2014 - LUGLIO 2016 EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO MASTER EMMPF Negli ultimi anni,

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S. L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S. L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 2 ottobre/novembre 2013 S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Infodays bandi Horizon 2020 F O C U S D E L M E S E Horizon 2020 e COSME N E W

Dettagli

Politica di coesione 2014-2020

Politica di coesione 2014-2020 Unione europea Politica di coesione Politica di coesione 2014-2020 Investire nella crescita e nell occupazione http://ec.europa.eu/inforegio Sommario 1 Proposte legislative per la politica di coesione

Dettagli

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca La Commissione Europea oggi ha trovato un accordo sul principio e sui contenuti del pacchetto di misure d emergenza per contrastare

Dettagli

La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti

La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti La politica dei trasporti dell Unione europea Trasporti e viaggi più agevoli, più sicuri e più puliti IT Il Gruppo PPE è impegnato a creare condizioni che favoriscano l introduzione di sistemi di trasporto

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Andrea Kirschen Infrastrutture, Energia ed Enti Locali Italia e Malta Bologna 16 Luglio 2013 Prestiti (stipule) nel 2012: 52,2 miliardi

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Intervento SACE nelle infrastrutture strategiche: l approccio L approccio di SACE Coinvolgimento sin dalla

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli