Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art c.c.?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?"

Transcript

1 Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della Comunità Europea Di fronte alle diverse posizioni assunte da dottrina e giurisprudenza circa i rapporti tra articolo 1751 e accordi economici collettivi, la Corte di Cassazione ha investito la Corte di Giustizia della Comunità Europea (CGCE) della questione pregiudiziale relativa all interpretazione degli articoli 17 e 19 della direttiva 653 del 18 dicembre La CGCE, pronunciatasi con la sentenza C-465/04 del , ha interpretato gli artt. 17 e 19 della direttiva così affermando: l indennità di cessazione del rapporto che risulta dall applicazione dell art. 17, n. 2, della direttiva non può essere sostituita, in applicazione di un accordo collettivo, da un indennità determinata secondo criteri diversi da quelli fissati da quest ultima disposizione a meno che non sia provato che l applicazione di tale accordo garantisce, in ogni caso, all agente commerciale un indennità pari o superiore a quella che risulterebbe dall applicazione della detta disposizione ed ha chiarito che la natura sfavorevole o meno della deroga alle disposizioni dell art. 17, consentita dall art. 19 prima della scadenza del contratto, dev essere valutata al momento in cui le parti la prevedono. Queste ultime non possono convenire una deroga di cui esse ignorano se essa si rivelerà, alla cessazione del contratto, a favore ovvero a scapito dell agente commerciale. La Corte ha precisato che la deroga sarebbe ammissibile nell ipotesi in cui l applicazione di un accordo collettivo non fosse mai sfavorevole all agente commerciale. Quindi, in pratica, mai almeno nei casi di contratto a tempo indeterminato in cui il metodo di

2 calcolo per accumulo annuale previsto dagli accordi economici collettivi in teoria non ha limiti. La sentenza CGCE del n C-465/04 ha infatti testualmente stabilito che gli accordi collettivi potrebbero derogare al sistema di cui all articolo 1751 cod. civ. solo se in grado di garantire in ogni caso all agente un indennità superiore o almeno pari a quella che risulterebbe dall applicazione dell art. 17 della direttiva Secondo parte della dottrina, la sentenza della Corte di Giustizia del avrebbe sancito la nullità della disciplina prevista dagli accordi economici collettivi perché questi non garantiscono sempre e comunque la corresponsione agli agenti di un indennità in misura superiore a quella derivante dall applicazione dall articolo 1751 cod. civ.. Non è così per la giurisprudenza italiana. 1.2 L attuale posizione della Corte di Cassazione Contrariamente alla tesi di coloro che sostenevano la loro nullità, la Corte di Cassazione affermava la piena legittimità della contrattazione collettiva, stabilendo addirittura che le indennità da essa previste rappresentavano per l agente un trattamento minimo garantito. Per prima la Sezione Lavoro, con sentenza n del 3 ottobre 2006, prendendo posizione se dovessero prevalere le norme del codice civile o quelle degli accordi economici collettivi, stabiliva la prevalenza della disciplina che, al momento della cessazione del rapporto, risultava in concreto più favorevole per l agente. Di analogo orientamento sarebbero state anche le successive sentenze della Suprema Corte, come ad esempio: - Sezione Lavoro Civile n. 687 del , secondo cui il comma 6 dell'articolo 1751 del cod. civ. si interpreta nel senso che il giudice deve sempre applicare la normativa che assicuri all'agente, alla luce delle vicende del rapporto concluso, il risultato migliore, siccome la prevista inderogabilità a svantaggio dell'agente comporta che l'importo determinato dal giudice ai sensi della normativa legale deve prevalere su quello, inferiore, spettante in applicazione di regole pattizie, individuali o collettive, e 2

3 - Sezione Lavoro n del , che, stabilendo che la quantificazione dell'indennità calcolata sulla base dei criteri posti dagli accordi economici collettivi può essere integrata dal giudice fino al massimo previsto dall articolo 1751 cod. civ., ha confermato che quanto previsto dalla contrattazione collettiva rappresenta un trattamento minimo garantito. Da ultimo la Corte di Cassazione, con le sentenze n. 4202/14, 7567/14 e 11369/14, si è ripetutamente espressa per ritenere applicabili gli accordi economici collettivi solo se, ad una valutazione in concreto ed ex post, essi risultino assicurare all agente cessato un trattamento per le indennità di cessazione migliore rispetto a quanto ottenibile ai sensi dell art c.c.. Anche negli anni precedenti tale indirizzo è stato maggioritario (Cass. 8295/2012). 2. Metodo di calcolo da applicare ai sensi dell art c.c. Stabilito che, se gli accordi economici collettivi sono applicabili e cioè a) se sono richiamati nel contratto individuale di agenzia o b) se sia il preponente che l agente sono iscritti ai sindacati che li hanno sottoscritti, per calcolare l indennità ex art c.c., dei criteri esaustivi sono contenuti nella Relazione della Commissione Europea sull applicazione dell art. 17 della Direttiva 86/653/CE da cui l art c.c. trae origine normativa. I criteri sono i seguenti: i) accertamento del numero di nuovi clienti e dello sviluppo degli affari con i clienti esistenti; ii) i clienti esistenti che non sono stati sviluppati non devono essere presi in considerazione; iii) calcolo della relativa provvigione lorda per gli ultimi 12 mesi del contratto d agenzia con riferimento ai soli clienti nuovi o sensibilmente sviluppati; iv) stima (calcolata in termini di anni) della probabile durata futura dei vantaggi che derivano al preponente dagli affari con i nuovi clienti e con i clienti sviluppati; v) aggiustamento della cifra per motivi di equità sulla base di diversi fattori; 3

4 vi) raffronto dell importo calcolato con il massimo previsto dall art. 17, par. 2, lett. b) della Direttiva (1 annualità di provvigioni). Ecco un esempio di applicazione. Il conteggio avviene in tre fasi. FASE 1 Provvigioni maturate nell ultimo anno: La media provvigionale degli ultimi 5 anni è invece di clienti di cui 30 clienti nuovi e 20 clienti sviluppati. Su questi 30 nuovi e 20 sviluppati (cioè sulla differenza fra quota di affari finale e quella iniziale riveniente da questi sviluppati ) le provvigioni maturate sono A questo punto bisogna pronosticare a) per quanto il preponente godrà di tali affari da clienti nuovi o sviluppati, considerando la situazione del mercato e del settore al momento della risoluzione del rapporto di agenzia e a quale tasso di migrazione, cioè il fenomeno per cui una certa parte di clientela si allontana fisiologicamente o viene perduta. Tale tasso è calcolato in percentuale della provvigione annua e in base alla statistica dell agente (ricordiamoci che l onere della prova è a suo carico). Così se questi può verificare che nel corso del rapporto (o anche di rapporti precedenti) egli perde poniamo - il 20% del fatturato per tale migrazione e i benefici per il preponente durano 3 anni ad un tasso di migrazione del 20%, avremo (20%) = (20%) = (20%) = TOTALE = Che sono quindi le prevedibili provvigioni perse dall agente su tali clienti. L importo deve essere attualizzato ai tassi di interesse correnti e quindi poniamo ridotto del 10%. Quindi abbiamo l importo di ( ). FASE 2 In questa fase viene fatto un aggiustamento equitativo. Così si tiene conto del fatto che l agente abbia altri incarichi, se c è una qualche sua colpa, se il preponente è in crisi, se c è una clausola di non concorrenza. Tale passaggio ha un riflesso contenuto e nel caso di 4

5 esempio può portare ad una riduzione di circa (è una mera ipotesi) il 15%/20% ad esempio perché l agente è plurimandatario o non ha rispettato la clausola di esclusiva o il preponente è in uno stato di crisi documentabile. FASE 3 Si raffronta l importo così ottenuto, , con quello massimo pari alle provvigioni medie annue. Nel caso immaginato sopra, l importo è inferiore e quindi sarà quello riconosciuto all agente. Se dovesse essere superiore, all agente andrà una somma pari alla media annua di sopra indicata, così come previsto nell art c.c. 2.1 Metodo di calcolo applicato dalla giurisprudenza di merito Trib. Bari sent. del : condivide il metodo ma nel concreto non ha proceduto al calcolo per carenze di allegazione della parte onerata ossia dell agente. Trib. Reggio Emilia sent. del : ha proceduto con una CTU da cui però non sono stati resi chiari i particolari del calcolo. Trib. di Napoli, sent. n del : il giudice - contestando le risultanze della CTU nella quale si calcolava l'indennità di fine rapporto sulla base degli AEC, liquida l'indennità di fine rapporto sulla base dell'art (senza specificare se sulla base di un giudizio ex ante o ex post). Per la liquidazione dell'indennità fa riferimento alla media dell'importo delle provvigioni maturate nell'ultimo quinquennio (media ) ma, tenendo conto delle circostanze del caso concreto, tra cui il comportamento processuale dell'agente e il lasso di tempo nel quale si è protratto il rapporto, riduce la somma a Trib. Milano, sent. n del : il giudice effettua il confronto tra disciplina codicistica e gli AEC ex post e riconosce il diritto all'indennità ex art c.c., correggendo le risultanze della CTU che aveva calcolato solo le provvigioni percepite e non anche quelle percipiende. Il conteggio viene effettuato su tre anni e all'agente viene riconosciuto l'importo massimo in considerazione del forte incremento di clienti dallo stesso portati e del fatto che, trascorsi cinque anni dalla cessazione del rapporto, i clienti sono rimasti alla preponente Trib. Milano, sent. n del : ribadisce il principio secondo il quale il confronto tra il calcolo dell'indennità ex art e AEC debba essere effettuato ex post, ma nel caso di specie rigetta la domanda dell'agente di attribuzione delle indennità ai sensi dell'art per carenze assertive e probatorie, non avendo lo stesso fornito la 5

6 prova dei clienti procurati e di quelli esistenti dei quali avesse sviluppato il fatturato e, pertanto, l'indennità di fine rapporto viene calcolata sulla base degli AEC. Trib. Milano, sent. n del : anche in questo caso il giudice ha ribadito il principio secondo il quale sia tenuto a verificare ex post se l'agente possa ricevere un miglior trattamento di fine rapporto dalla norma codicistica o pattizia, applicando la disciplina allo stesso più favorevole. E stata effettuata una CTU che ha quantificato l'indennità nella misura del 57% dell'indennità massima, in considerazione del fatto che il volume degli affari procurato dall'agente è stato confermato anche nell'anno successivo alla cessazione del rapporto. Trib. Bologna, sent. n del : non è chiaro se il confronto sia stato effettuato sulla base di una valutazione ex ante o ex post, ma dal confronto emerge che l'agente otterrebbe un trattamento migliore con l'applicazione dei criteri di cui all'art Ai fini dell'individuazione dell'indennità considerata "equa", il tribunale applica, a grandi linee, il criterio indicato nella Relazione della Commissione Europea. 6

La cessazione del contratto di agenzia. Avv. Attilio Pavone Partner Toffoletto De Luca Tamajo e soci

La cessazione del contratto di agenzia. Avv. Attilio Pavone Partner Toffoletto De Luca Tamajo e soci La cessazione del contratto di agenzia Avv. Attilio Pavone Partner Toffoletto De Luca Tamajo e soci Ipotesi di cessazione del rapporto di agenzia Recesso ordinario con preavviso (art. 1750 c.c.) Recesso

Dettagli

Loro sedi. OGGETTO: Indennità di fine rapporto nel contratto di agenzia.

Loro sedi. OGGETTO: Indennità di fine rapporto nel contratto di agenzia. STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO Corso della Carboneria, 15-70123 BARI (ITALIA) - Tel. +390805722880 Fax +390805759312 E-mail: segreteria@studioloconte.it Avv. Stefano Loconte Professore a c. di diritto tributario

Dettagli

Milano, 20 ottobre 2015 Avv. Carlo Tabellini

Milano, 20 ottobre 2015 Avv. Carlo Tabellini Milano, 20 ottobre 2015 Avv. Carlo Tabellini Indennità di cessazione: obblighi europei Direttiva 86/653/CEE: - Gli Stati devono prevedere misure per garantire all agente un indennità di cessazione - Coesistenza

Dettagli

Avv. Daniele Marra. (Membro dell'esecutivo del Movimento Forense di Roma)

Avv. Daniele Marra. (Membro dell'esecutivo del Movimento Forense di Roma) IL SUBAGENTE ASSICURATIVO, L AGENTE ASSICURATIVO ED IL PREPONENTE: UN PERDURANTE VUOTO NORMATIVO IN TEMA DI TUTELA DEL SUBAGENTE IN CASO DI FINE MANDATO. Avv. Daniele Marra (Membro dell'esecutivo del Movimento

Dettagli

ASPETTI GENERALI DEL CONTRATTO DI AGENZIA

ASPETTI GENERALI DEL CONTRATTO DI AGENZIA ASPETTI GENERALI DEL CONTRATTO DI AGENZIA 1. DEFINIZIONE - 2. ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONRTATTO DI AGENZIA - 3. MONOMANDATO E PLURIMANDATO - 4. L'ESCLUSIVA - 5. IL DIRITTO AL PAGAMENTO DELLA PROVVIGIONE

Dettagli

I DIVERSI SISTEMI DI CALCOLO DELLE INDENNITA DI FINE MANDATO DELL'AGENTE O RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO 2 SONO I SISTEMI DI CALCOLO

I DIVERSI SISTEMI DI CALCOLO DELLE INDENNITA DI FINE MANDATO DELL'AGENTE O RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO 2 SONO I SISTEMI DI CALCOLO I DIVERSI SISTEMI DI CALCOLO DELLE INDENNITA DI FINE MANDATO DELL'AGENTE O RAPPRESENTANTE DI COMMERCIO 2 SONO I SISTEMI DI CALCOLO 1)ART. 1751 CODICE CIVILE (in recepimento della Direttiva CEE 86/653)

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Contratto di agenzia per il settore industria: le novità introdotte dal Nuovo Accordo Economico Collettivo

Contratto di agenzia per il settore industria: le novità introdotte dal Nuovo Accordo Economico Collettivo Contratto di agenzia per il settore industria: le novità introdotte dal Nuovo Accordo Economico Collettivo Dopo una lunga trattativa, durata più di otto anni, in data 30 luglio 2014 le associazioni di

Dettagli

CODICE CIVILE Titolo III Capo X Del contratto di agenzia

CODICE CIVILE Titolo III Capo X Del contratto di agenzia CODICE CIVILE Titolo III Capo X Del contratto di agenzia Art. 1742 Nozione Col contratto di agenzia una parte assume stabilmente l'incarico di promuovere, per conto dell'altra, verso retribuzione, la conclusione

Dettagli

Il contratto di agenzia: le novità normative e le indennità di fine rapporto

Il contratto di agenzia: le novità normative e le indennità di fine rapporto Il contratto di agenzia: le novità normative e le indennità di fine rapporto 1 I. LE NOVITA NORMATIVE 2 1.- Estensione disciplina AEC (dichiarazione a verbale) Disciplina AEC per qualunque forma contrattuale

Dettagli

LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA

LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA LA NUOVA INDENNITÀ MERITOCRATICA INTRODOTTA DALL'ACCORDO ECNOMICO COLLETTIVO DEL 30 LUGLIO 2014 PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE NEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

La disciplina del contratto di agenzia

La disciplina del contratto di agenzia La disciplina del contratto di agenzia 1 Disciplina contratto agenzia Articoli da 1742 a 1752 codice civile Direttiva Cee n. 653/1986 - Adeguamento: D.Lgs. 10.9.1991, n. 303 (dal 5.10.1991) D.Lgs. 15.2.1999,

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA Il nuovo Accordo Economico Collettivo Settore Industria del 30.07.2014

IL CONTRATTO DI AGENZIA Il nuovo Accordo Economico Collettivo Settore Industria del 30.07.2014 IL CONTRATTO DI AGENZIA Il nuovo Accordo Economico Collettivo Settore Industria del 30.07.2014 Avv. Andrea Leoni Via Fernanda Wittgens 3 Milano Tel. 0258313639 - Fax 0258313564 andrea.leoni@studioleoni.com

Dettagli

B. ARTICOLO 2 - VARIAZIONI DI ZONA, TERRITORIO, CLIENTELA E PRODOTTI

B. ARTICOLO 2 - VARIAZIONI DI ZONA, TERRITORIO, CLIENTELA E PRODOTTI LE NOVITA' INTRODOTTE DALL'ACCORDO ECNOMICO COLLETTIVO DEL 30 LUGLIO 2014 PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE NEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE INDICE: A.

Dettagli

CODICE CIVILE PER L AGENTE DI COMMERCIO aggiornato al 01 GIUGNO 2001

CODICE CIVILE PER L AGENTE DI COMMERCIO aggiornato al 01 GIUGNO 2001 Art. 1742 nozione. CODICE CIVILE PER L AGENTE DI COMMERCIO aggiornato al 01 GIUGNO 2001 Col contratto di agenzia una parte assume stabilmente l'incarico di promuovere, per conto dell'altra, verso retribuzione,

Dettagli

RV595575. Riferimenti normativi. Codice civile art. 1362. Codice civile art. 1369. Giurisprudenza correlata

RV595575. Riferimenti normativi. Codice civile art. 1362. Codice civile art. 1369. Giurisprudenza correlata Cass. civ., sez. Lavoro 12-03-2007, n. 5690 - Pres. SCIARELLI Guglielmo - Est. LAMORGESE Antonio - P.M. FUZIO Riccardo - D.P.C. c. ROBERT BOSCH S.P.A. (massima 1) RV595575 LAVORO - LAVORO SUBORDINATO -

Dettagli

L INDENNITA IN CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: L ARTICOLO 1751 C.C. E LA DISCIPLINA DEGLI ACCORDI ECONOMICI

L INDENNITA IN CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: L ARTICOLO 1751 C.C. E LA DISCIPLINA DEGLI ACCORDI ECONOMICI L INDENNITA IN CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: L ARTICOLO 1751 C.C. E LA DISCIPLINA DEGLI ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI DI SETTORE. di MATTEO BARIZZA SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I presupposti

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IL CONTRATTO DI AGENZIA Matteo Bignami 11/05/2010 Fonti del rapporto di agenzia In ambito europeo: direttiva CEE 86/653/CEE. In ambiti nazionale: Codice civile, D.lgs 1991 n.303, D.lgs 15 febbraio 1999

Dettagli

L INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: QUALE LA NORMATIVA PIU FAVOREVOLE PER L AGENTE?

L INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: QUALE LA NORMATIVA PIU FAVOREVOLE PER L AGENTE? L INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA: QUALE LA NORMATIVA PIU FAVOREVOLE PER L AGENTE? (breve excursus normativo e giurisprudenziale) Avv. Giuseppe A. D Onofrio 1 INDICE 1. BREVE EXCURSUS NORMATIVO

Dettagli

1. Premessa. INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO NEL CONTRATTO DI AGENZIA, SPUNTI DI ANALISI E SUGGERIMENTI

1. Premessa. INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO NEL CONTRATTO DI AGENZIA, SPUNTI DI ANALISI E SUGGERIMENTI INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO NEL CONTRATTO DI AGENZIA, SPUNTI DI ANALISI E SUGGERIMENTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLE PIÙ RECENTI PRONUNCE DI MERITO E DI LEGITTIMITÀ E oramai prassi consolidata, anche a causa

Dettagli

Avv. Alberto Venezia

Avv. Alberto Venezia Avv. Alberto Venezia www.albertovenezia.it Verona, Vinitaly 13 Aprile 2002 Seminario di aggiornamento U.G.I.V.I. IL CONTRATTO DI AGENZIA GLI ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI DI RINNOVO 2002 1. I nuovi aec

Dettagli

L indennità di scioglimento del contratto di agenzia: una querelle senza fine

L indennità di scioglimento del contratto di agenzia: una querelle senza fine L indennità di scioglimento del contratto di agenzia: una querelle senza fine Nicolò Maggiora 06/09/2010 Sommario: 1. Introduzione - 2. La direttiva europea - 3. Le modifiche al sistema legale e collettivo

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 38 Del 10 Maggio 2016 Oggetto: IL CONTRATTO DI AGENZIA Gli articoli 1748 e seguenti del codice civile regolano il contratto di agenzia. In linea generale possiamo definire l agente

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze. Dipartimento della Ragioneria dello Stato - Ispettorato. Comune, ha recentemente ammesso che:

Il Ministero dell Economia e delle Finanze. Dipartimento della Ragioneria dello Stato - Ispettorato. Comune, ha recentemente ammesso che: Ancora sulla maggiorazione della retribuzione di posizione e clausola di galleggiamento. Ragioneria Generale dello Stato meno intransigente. di Carmelo Carlino e Vito Continella Il Ministero dell Economia

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

LE INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO E LA CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA FIARC CONFESERCENTI

LE INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO E LA CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA FIARC CONFESERCENTI LE INDENNITA DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO E LA CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA FIARC CONFESERCENTI AUDITORIUM CONFESERCENTI FIRENZE 4 APRILE 2008 Avv. FRANCESCO CINTELLI - Studio Legale Associato Manetti 1

Dettagli

AEC Industria. Le novità dell Accordo Economico Collettivo per la Rappresentanza Commerciale - Settore Industria

AEC Industria. Le novità dell Accordo Economico Collettivo per la Rappresentanza Commerciale - Settore Industria Le novità dell Accordo Economico Collettivo per la Rappresentanza Commerciale - Settore Industria VECCHIO ACCORDO Decorrenza 20 marzo 2002 Scadenza 31 marzo 2005 NUOVO ACCORDO Decorrenza 1 settembre 2014

Dettagli

CONTRATTO DI AGENZIA. Tra

CONTRATTO DI AGENZIA. Tra CONTRATTO DI AGENZIA Tra La Società (C.F. , P.Iva ), corrente in

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio Roma, 10/01/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

AEC 30 LUGLIO 2014 PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE DEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE

AEC 30 LUGLIO 2014 PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE DEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE 26 SETTEMBRE CENTRO CONGRESSI LE TERRAZZE AEC 30 LUGLIO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI AGENZIA E RAPPRESENTANZA COMMERCIALE DEI SETTORI INDUSTRIALI E DELLA COOPERAZIONE LE NOVITÀ USARCI TREVISO Avv.

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA * * * * * * * * Fra. La, con sede in () via, n., P.IVA, in persona del legale rappresentante protempore

SCRITTURA PRIVATA * * * * * * * * Fra. La, con sede in () via, n., P.IVA, in persona del legale rappresentante protempore SCRITTURA PRIVATA * * * * * * * * Fra La, con sede in () via, n., P.IVA, in persona del legale rappresentante protempore sig...(di seguito denominata PREPONENTE ) e Il Sig., residente in () P.IVA (o CF),

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

CONTRATTO DI AGENZIA CON ESCLUSIVA

CONTRATTO DI AGENZIA CON ESCLUSIVA CONTRATTO DI AGENZIA CON ESCLUSIVA L anno e questo giorno del mese di in con la presente scrittura da valere e tenere nella forma di legge tra BT and Sons Limited con sede in 27, Old Gloucester Street

Dettagli

STUDIO LEGALE PADOVAN

STUDIO LEGALE PADOVAN Milano Roma Treviso New Delhi Istanbul Abu Dhabi Dubai Madrid Vigo Lisbona Contratti di Distribuzione e di Agenzia Avv. Marco Padovan ARTIGIANA 2010 OPPURTUNITA DI BUSINESS DAL MONDO Bergamo, 20 maggio

Dettagli

Agenti e Rappresentanti - Accordo Economico 30/06/1938 RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO. Disciplina del rapporto di agenzia e rappresentanza commerciale

Agenti e Rappresentanti - Accordo Economico 30/06/1938 RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO. Disciplina del rapporto di agenzia e rappresentanza commerciale Agenti e Rappresentanti - Accordo Economico 30/06/1938 RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Disciplina del rapporto di agenzia e rappresentanza commerciale Accordo economico collettivo per la disciplina del rapporto

Dettagli

Riccardo Riva - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Contratto di agenzia: scioglimento del rapporto

Riccardo Riva - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Contratto di agenzia: scioglimento del rapporto Questioni interpretative Contratto di agenzia: scioglimento del rapporto Antonella Lopopolo e Marcella Sorrentino - Avvocati Dopo avere trattato nel primo approfondimento di questo Percorso i principi

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA CESSAZIONE DEL MANDATO DI AGENZIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA CESSAZIONE DEL MANDATO DI AGENZIA IL CONTRATTO DI AGENZIA CESSAZIONE DEL MANDATO DI AGENZIA CONFINDUSTRIA UDINE 30 maggio 2012 Avv. Giorgio Damiani www.studiofinpro.com giorgio.damiani@finpronet.com DEFINIZIONI: AGENTE E CONTRATTO DI AGENZIA

Dettagli

IRPEF: cessione immobili da demolire

IRPEF: cessione immobili da demolire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 74 12.03.2014 IRPEF: cessione immobili da demolire Per la Cassazione, la cessione di un fabbricato da demolire non può essere riqualificata in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Le alternative nei contratti di vendita

Le alternative nei contratti di vendita Le alternative nei contratti di vendita Un esame comparato fra le possibili alternative per organizzare le vendite: distribuzione, agenzia e procacciamento d affari Milano, 13 Marzo 2014 Raffronto fra

Dettagli

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Profili civilistici Art. 1751 C.C. comma 1 Testo in vigore fino

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Informazione di risoluzione di contrasto Rel. n. 7 Roma, 20 gennaio 2012 Oggetto: TRIBUTI ERARIALI DIRETTI - IN GENERE (TRIBUTI POSTERIORI

Dettagli

La distribuzione del vino in Germania

La distribuzione del vino in Germania La distribuzione del vino in Germania Principali problematiche e soluzioni percorribili con spunti comparatistici con l Italia Verona 22 marzo 2015 Dr. Robert Budde Colonia Distribuzione di vino in Germania

Dettagli

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio L AVVOCATURA ECCLESIASTICA IN ITALIA Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio Giornata di studio Roma 23 maggio 2014 ore 10,00 14,00 Palazzo della Cancelleria Sala dei Cento Giorni 1

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali

ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali 17 novembre 2010 ATTIVITA AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Aspetti del diritto del lavoro e contributi sociali SOMMARIO A. Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio 1. Ruolo degli Agenti e Rappresentanti

Dettagli

Star del credere - si o no? Qual'è il termine di iscrizione per un agente all'enasarco? Chi deve essere iscritto all'enasarco?

Star del credere - si o no? Qual'è il termine di iscrizione per un agente all'enasarco? Chi deve essere iscritto all'enasarco? Star del credere - si o no? Si tratta di vera e propria rivoluzione nei rapporti tra agente e casa mandante. L'art.28 della Legge Comunitaria 1999 è stato approvato in data 16 dicembre 1999. Nell'art.

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 9 GIUGNO 2009 Informativa n. 41 Scomputo delle ritenute

Dettagli

Contratto internazionale di Agenzia

Contratto internazionale di Agenzia Contratto internazionale di Agenzia Tra:.... con sede in (in seguito denominato "il Fabbricante") e: con sede in (in seguito denominato "l'agente") SI CONVIENE QUANTO SEGUE: Art. 1: Territorio e Prodotti

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

LA FASE POST CONTRATTUALE

LA FASE POST CONTRATTUALE LA FASE POST CONTRATTUALE E LE RELATIVE OBBLIGAZIONI Avv. Davide Boffi Milano, 21 ottobre 2014 1 TRE TEMI: 1. le provvigioni maturate successivamente alla cessazione del rapporto e le trattative in essere

Dettagli

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della moderna figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale - Suo inserimento nel diritto positivo

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio. Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte. Indice

Avv. Maurizio Iorio. Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte. Indice Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte 1 Indice (1) Contratto di agenzia: gli errori più ricorrenti commessi dalle aziende nel calcolo dell'indennità di mancato preavviso. Pag. 3 (2) Registrazione di

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA E DI DISTRIBUZIONE IN PORTOGALLO

IL CONTRATTO DI AGENZIA E DI DISTRIBUZIONE IN PORTOGALLO IL CONTRATTO DI AGENZIA E DI DISTRIBUZIONE IN PORTOGALLO 1 Introduzione L'internazionalizzazione è il cammino che ogni azienda prima o poi deve affrontare per poter espandere il proprio mercato, e far

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Circolare N. 32 Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale 27 aprile 2010 ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Come noto, i soggetti che svolgono attività di agenzia e rappresentanza

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI SOMMARIO: 1. Il valore probatorio delle dichiarazioni del minore in ambito civile e, in particolare, nei procedimenti di separazione e divorzio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

[CIRCOLARE MENSILE ] PICCOLA MOBILITA. [Dicembre 2013] (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013)

[CIRCOLARE MENSILE ] PICCOLA MOBILITA. [Dicembre 2013] (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013) [CIRCOLARE MENSILE ] [Dicembre 2013] PICCOLA MOBILITA (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013) Ad integrazione delle indicazioni già fornite con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013 (vedasi precedente

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice dott.ssa Erminia Agostini all esito di discussione orale svoltasi

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri... Presidente - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte... membro designato

Dettagli

Il Contratto di agenzia internazionale: le differenze nelle legislazioni. Forma, esclusiva, preavviso, risoluzione del contratto e indennità

Il Contratto di agenzia internazionale: le differenze nelle legislazioni. Forma, esclusiva, preavviso, risoluzione del contratto e indennità Il Contratto di agenzia internazionale: le differenze nelle legislazioni. Forma, esclusiva, preavviso, risoluzione del contratto e indennità Andrea Leoni 10 dicembre 2013 L'Agente di commercio nell Unione

Dettagli

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016

È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA CAN di ANGELO GINEX. 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016 È NULLA LA CARTELLA DI PAGAMENTO NOTIFICATA SENZA "CAN" di ANGELO GINEX SOMMARIO: 1. La pronuncia della CTP di Campobasso n. 68/2016. - 2. La giurisprudenza di legittimità in tema di notifica della cartella

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

Studio Legale Robazza & Associati

Studio Legale Robazza & Associati Studio Legale Robazza & Associati IL CONTRATTO DI AGENZIA art 1742 Con il contratto di agenzia una parte assume stabilmente l'incarico di promuovere, per conto dell'altra, verso retribuzione, la conclusione

Dettagli