Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML"

Transcript

1 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML SAP BusinessObjects XI 3.1 Service Pack 4

2 Copyright 2011 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge, ByDesign, SAP Business ByDesign e altri prodotti e servizi SAP qui menzionati, come anche i relativi logo, sono marchi o marchi depositati di SAP AG in Germania e in altri paesi. Business Objects e il logo Business Objects, BusinessObjects, Crystal Reports, Crystal Decisions, Web Intelligence, Xcelsius e altri prodotti e servizi Business Objects menzionati nel presente documento nonché i rispettivi logo sono marchi o marchi registrati di Business Objects S.A. negli Stati Uniti e in altri paesi. Business Objects è una società SAP. Tutti gli altri nomi di prodotti e servizi qui menzionati sono marchi di proprietà dei rispettivi titolari. Questo documento ha finalità prettamente informative. Le specifiche nazionali dei prodotti possono variare di caso in caso. SAP si riserva il diritto di modificare tutti i materiali senza preavviso. I materiali sono forniti da SAP AG e dalle affiliate ( Gruppo SAP ) a solo scopo informativo, senza alcun fine illustrativo o di garanzia di qualsiasi natura; il Gruppo SAP si astiene da una qualsiasi responsabilità conseguente ad eventuali errori od omissioni riscontrati nei materiali. Le uniche garanzie applicabili ai prodotti e ai servizi del Gruppo SAP sono quelle espressamente menzionate nelle apposite garanzie rilasciate per i singoli prodotti o servizi. Nessuna parte della presente nota scritta è da interpretarsi quale garanzia accessoria

3 Sommario Capitolo 1 Informazioni su Web Intelligence 7 Modalità di esecuzione di business intelligence sul Web con Web Intelligence...8 Esecuzione offline di business intelligence da parte di Web Intelligence...8 Interazione con i report di Web Intelligence...8 Visualizzazione e stampa dei report di Web Intelligence...9 Drill sui report di Web Intelligence...9 Esecuzione di analisi sui report...9 Creazione e modifica di documenti di Web Intelligence...10 Web Intelligence Query - HTML...10 Pannello dei report Java di Web Intelligence...11 Web Intelligence Rich Client...11 Pannello dei report HTML di Web Intelligence...12 Capitolo 2 Accesso a Web Intelligence da InfoView 13 Connessione a InfoView...14 Disconnessione da InfoView...15 Opzioni di Web Intelligence InfoView...15 Opzioni di creazione e visualizzazione dei documenti di Web Intelligence...15 Impostazione delle opzioni di drill di Web Intelligence...21 Opzioni relative alle impostazioni internazionali di Web Intelligence...23 Capitolo 3 Restituzione di dati mediante query 29 Creazione, modifica e salvataggio dei documenti...30 Salvataggio di un documento...30 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 3

4 Sommario Creazione e utilizzo delle query...30 Creazione ed esecuzione di una query...30 Ridenominazione di una query...33 Interruzione di una query...33 Rimozione di una query...33 Query multiple...34 Aggiunta di una query...35 Duplicazione di una query...35 Visualizzazione dell'sql generato da una query...36 Impostazione del livello dell analisi...37 Livello dell analisi...37 Livelli di analisi...38 Impostazione dei livelli di analisi...39 Contesti della query...39 Definizione di query ambigua...39 Definizione di contesto...39 Scelta di un contesto per l'esecuzione di una query...40 Proprietà delle query di Web Intelligence...40 Proprietà Consenti ad altri utenti di modificare tutte le query...40 Proprietà di query Durata max recupero...41 Proprietà di query N. max di righe recuperate...41 Ordine dei prompt delle query...42 Proprietà di query Recupera righe duplicate...42 Eliminazione di query...42 Proprietà di query Reimposta i contesti all'aggiornamento...44 Proprietà di query Cancella contesti...44 Proprietà di query Set di risultati campione...44 Capitolo 4 Filtraggio dei dati utilizzando i filtri di query 47 Definizione di filtri di query...48 Confronto tra filtri di query e filtri di report Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

5 Sommario Tipi di filtri di query...49 Filtri di query predefiniti...50 Filtri di query personalizzati...50 Queryoperatori filtro di e prompt...54 Combinazione di filtri di query...58 Filtro di query con la variabile della data principale...61 Impostazione di una data principale per una singola query nel Pannello delle query...62 Impostazione di una data principale per query multiple nel pannello delle query...62 Capitolo 5 Filtraggio dei dati utilizzando i prompt 63 Definizione di un prompt...64 Prompt uniti...65 Prompt sovrapposti...65 Elenchi gerarchici di valori...66 Queryoperatori filtro di e prompt...66 Operatore Uguale A...66 Operatore Diverso da...66 Operatore Diverso da...67 Operatore Maggiore di...67 Operatore Maggiore o uguale a...67 Operatore Minore di...67 Operatore Minore o uguale a...68 Operatore Tra...68 Operatore Non tra...68 Operatore InElenco...68 Operatore Non in elenco...69 Operatore Corrisponde ai criteri di ricerca...69 Operatore Non corrisponde ai criteri di ricerca...69 Operatore Entrambi...69 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 5

6 Sommario Operatore Tranne...70 Creazione di un prompt in Query - HTML...70 Definizione della visualizzazione dei prompt...71 Rimozione di un prompt...72 Combinazione di prompt...72 Combinazione di prompt con i filtri di query...73 Modifica dell'ordine dei prompt in Query - HTML...73 Appendice A Ulteriori informazioni 75 Indice 79 6 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

7 Informazioni su Web Intelligence 1

8 Informazioni su Web Intelligence 1 Modalità di esecuzione di business intelligence sul Web con Web Intelligence Modalità di esecuzione di business intelligence sul Web con Web Intelligence Web Intelligence fornisce agli utenti aziendali un'interfaccia utente semplice da utilizzare, interattiva e flessibile per la creazione e l'analisi di report relativi ai dati aziendali sul Web, nonché su intranet ed extranet protette. Il software di Web Intelligence viene installato dall amministratore su un server Web della rete aziendale. Per utilizzare Web Intelligence da un computer locale, accedere al portale InfoView di Business Intelligence tramite il browser Web. Quindi, a seconda del profilo di protezione utilizzato, è possibile interagire con i report dei documenti dell'azienda oppure modificare o creare documenti mediante un pannello dei report o delle query di Web Intelligence. Esecuzione offline di business intelligence da parte di Web Intelligence È possibile utilizzare offline Web Intelligence come Web Intelligence Rich Client, un'applicazione autonoma Microsoft Windows equivalente al Pannello dei report Java installabile nel computer. Web Intelligence Rich Client consente di utilizzare i documenti Web Intelligence (WID) anche se non si è in grado di connettersi a CMS, quando si desidera eseguire calcoli localmente anziché nel server e quando si desidera utilizzare documenti Web Intelligence senza installare un CMS o un server applicazioni. Web Intelligence Rich Client può anche essere utilizzato quando si è connessi a CMS. Interazione con i report di Web Intelligence A seconda del profilo di protezione e delle modalità di distribuzione aziendale di Web Intelligence, è possibile visualizzare, analizzare, migliorare e modificare i dati visualizzati nei report. 8 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

9 Informazioni su Web Intelligence Interazione con i report di Web Intelligence 1 Visualizzazione e stampa dei report di Web Intelligence Una volta connessi al portale Business Intelligence di InfoView, è possibile accedere ai documenti Web Intelligence e visualizzare i report. Lo spostamento sullo schermo è facilitato da appositi pulsanti di spostamento pagina per pagina e da una mappa del documento che consente di passare da una sezione all'altra o da un report all'altro. Lo stesso documento può fornire informazioni adatte a tutti gli utenti, grazie a prompt che richiedono a ogni utente che apre il documento di specificare i dati da restituire nei report. Quando si stampano i report, Web Intelligence genera automaticamente una copia dei report in formato PDF (Portable Document Format) per una qualità di stampa ottimale. È possibile stampare report direttamente dal pannello dei report Java di Web Intelligence o da Web Intelligence Rich Client senza esportarli in un file PDF. Drill sui report di Web Intelligence Il drill sui report Web Intelligence consente di analizzare i dati in dettaglio oltre ai risultati visualizzati. È possibile trasformare il report visualizzato in un report di drill o eseguire il drill su una copia del report originale per conservare una versione dei risultati prima dell'analisi drill. Dopo aver individuato le informazioni desiderate, è possibile salvare una snapshot del report su cui si è eseguito il drill per condividere i risultati dell'analisi con altri utenti di Web Intelligence, oppure salvare il documento in formato Excel o PDF (Portable Document Format) per stamparlo o inviarlo tramite posta elettronica ad altri contatti commerciali. Esecuzione di analisi sui report La visualizzazione dei report Web Intelligence nel formato Interattivo consente di ottimizzare i report e adattare i dati in essi contenuti per evidenziare, su richiesta, le informazioni di maggiore interesse per l'utente. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 9

10 Informazioni su Web Intelligence 1 Creazione e modifica di documenti di Web Intelligence L'analisi sui report è progettata per: gli utenti che hanno la necessità di creare query e desiderano creare report gli utenti di report che hanno la necessità di utilizzare report creati da altri utenti L'analisi sui report consente di effettuare le seguenti operazioni: visualizzare i metadati del documento per comprendere i dati contenuti nei report, la loro struttura e i filtri applicati filtrare e ordinare i risultati aggiungere nuove tabelle e grafici aggiungere formule e creare variabili formattare e modificare il layout di grafici e tabelle eseguire l'analisi "slice-and-dice" sui risultati, aggiungendo altri dati ai grafici e alle tabelle Nota: le analisi sui report di Web Intelligence con il formato di visualizzazione Interattivo sono disponibile solo se l'amministratore ha distribuito Web Intelligence in modalità JSP. Creazione e modifica di documenti di Web Intelligence È possibile creare o modificare documenti di Web Intelligence mediante il pannello dei report HTML di Web Intelligence, Web Intelligence Query - HTML, Web Intelligence in modalità interattiva, il pannello dei report Java di Web Intelligence e Web Intelligence Rich Client. Web Intelligence Query - HTML Progettato per utenti che richiedono un ambiente HTML puro per la creazione di query, query di Web Intelligence, HTML offre la possibilità di definire il contenuto dei dati di documenti su più origini di dati. È possibile utilizzare Query - HTML per creare da zero documenti nuovi, oppure modificare le query nei documenti creati utilizzando un altro degli strumenti di Web Intelligence. 10 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

11 Informazioni su Web Intelligence Creazione e modifica di documenti di Web Intelligence 1 Utilizzato insieme alle analisi sui report, Query - HTML fornisce una soluzione completa per la creazione di query e la progettazione di report ottimizzati in un ambiente HTML puro. Una volta eseguite le query per generare un report standard, è possibile utilizzare le funzioni di On-Report Analysis di Web Intelligence per formattare più report, aggiungere formule e creare variabili. Nota: Query di Web Intelligence le analisi HTML e sui report con il formato di visualizzazione Interattivo sono disponibili solo se l'amministratore ha distribuito Web Intelligence in modalità JSP. Pannello dei report Java di Web Intelligence Il Pannello dei report Java è progettato per utenti che richiedono più flessibilità nella progettazione di layout di report e nella definizione di formule e variabili. Un Editor delle formule grafico consente di creare rapidamente le formule mediante la funzione di trascinamento e rilascio. Nota: il pannello dei report Java di Web Intelligence è disponibile se l'amministratore ha distribuito Web Intelligence in modalità ASP e Web Intelligence in modalità JSP. Web Intelligence Rich Client Web Intelligence Rich Client è un'applicazione Microsoft Windows installata localmente che consente di utilizzare documenti Web Intelligence (WID) archiviati localmente o in CMS. Se si lavora senza una connessione CMS, è possibile lavorare sul computer locale e utilizzare documenti protetti in CMS o non protetti. Web Intelligence Rich Client è basato sul Pannello dei report Java Web Intelligence e fornisce funzionalità equivalenti di creazione, modifica, formattazione, stampa e salvataggio di documenti. Molti sono i motivi per utilizzare Web Intelligence Rich Client per lavorare con i documenti WID: Si desidera utilizzare documenti Web Intelligence ma non si è in grado di connettersi a CMS, ad esempio in viaggio. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 11

12 Informazioni su Web Intelligence 1 Creazione e modifica di documenti di Web Intelligence Si desidera migliorare le prestazioni di calcolo: Web Intelligence Rich Client esegue calcoli localmente, anziché sul server, con prestazioni notevolmente migliorate. Si desidera utilizzare documenti Web Intelligence senza installare CMS o un server applicazioni. Pannello dei report HTML di Web Intelligence Progettato per utenti che devono creare report di base, il Pannello dei report HTML fornisce funzionalità di query e report in una semplice interfaccia simile a una procedura guidata. Ogni documento si basa su un'unica origine dati e può contenere più report, visualizzando diversi sottoinsiemi di informazioni. Il pannello dei report HTML, inoltre, è conforme all'articolo 508 e può essere personalizzato per distribuzioni speciali. Nota: Il pannello Report HTML di Web Intelligence è disponibile solo se l'amministratore ha distribuito Web Intelligence in modalità JSP. 12 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

13 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2

14 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Connessione a InfoView Per accedere ai report di Web Intelligence e impostare le opzioni globali di Web Intelligence è necessario accedere a InfoView, il portale aziendale di business intelligence. Connessione a InfoView Prima di utilizzare InfoView e Web Intelligence, occorre disporre delle seguenti informazioni: un URL al server InfoView il nome e il numero di porta del server InfoView l'identificazione utente e la password l'autenticazione utente, che controlla le risorse InfoView disponibili Contattare l'amministratore se non si conoscono tali informazioni. Nota: Per impostazione predefinita, il nome del server InfoView e il metodo di autenticazione non vengono visualizzati nella pagina di accesso a InfoView. È necessario fornire queste informazioni solo se l'amministratore ha impostato queste opzioni come visibili. L'accesso a Web Intelligence avviene mediante il browser Web connettendosi a InfoView, il portale aziendale di business intelligence. Dopo aver effettuato l'accesso a InfoView, è possibile analizzare e ottimizzare i report Web Intelligence. 1. Avviare il browser Web. 2. Nel browser, accedere al segnalibro o all'url di InfoView. Viene visualizzata la pagina di accesso di InfoView. 3. Se la casella Sistema è vuota, digitare il nome del server InfoView seguito da due punti (:), quindi il numero di porta. 4. Nella casella Nome utente, digitare il nome dell'utente. 5. Nella casella Password, digitare la password. 6. Nella casella Autenticazione, selezionare l'autenticazione fornita dall'amministratore all'utente. 7. Fare clic su Accedi. Viene visualizzata la home page di InfoView. 14 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

15 Accesso a Web Intelligence da InfoView Disconnessione da InfoView 2 Disconnessione da InfoView Dopo avere utilizzato InfoView o Web Intelligence è necessario disconnettersi anziché chiudere semplicemente il browser. Disconnettersi da InfoView affinché qualsiasi preferenza modificata durante la sessione InfoView venga salvata. Consente all'amministratore di verificare quanti utenti sono connessi al sistema in un dato momento per permettere l'ottimizzazione delle prestazioni di InfoView e Web Intelligence. Fare clic su Disconnessione. Viene visualizzata la pagina di accesso. L'utente è disconnesso da InfoView. Opzioni di Web Intelligence InfoView Opzioni di creazione e visualizzazione dei documenti di Web Intelligence È possibile impostare le opzioni di Web Intelligence per determinare il modo in cui creare, visualizzare e interagire con i documenti utilizzando Web Intelligence. È possibile creare i documenti utilizzando un editor di query per definire una query con la quale recuperare i dati dei documenti. Una volta che la query restituisce i dati al documento, è possibile visualizzare e interagire con i dati. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 15

16 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Opzione di creazione dei documenti Descrizione È possibile creare i documenti utilizzando il Pannello report Java, un applet Java che viene avviata nel browser Web. Avanzate Il Pannello report Java è un ambiente che include funzioni di creazione query, modifica report e analisi dei dati. Se si sceglie l'opzione Avanzate come opzione di creazione dei documenti, si utilizza anche il Pannello report Java per lavorare con i dati restituiti dalla query. L'opzione Selezionare un formato di visualizzazione predefinito non viene presa in considerazione. Il Pannello report Java rappresenta l'insieme di funzioni più completo per gli ambienti di creazione query, modifica report e analisi dei dati di Web Intelligence. Interattivo È possibile creare le query utilizzando Query - HTML, un editor di query basato sul linguaggio HTML. Desktop È possibile creare le query, modificare i report e analizzare i dati utilizzando Web Intelligence Rich Client, una versione autonoma del Pannello report Java eseguita all'esterno del browser Web. 16 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

17 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 Opzione di creazione dei documenti Accessibilità al Web Descrizione È possibile creare report mediante il pannello dei report HTML, un ambiente di sviluppo query e report conforme a 508. È possibile utilizzare i formati di visualizzazione seguenti per esaminare e interagire con i documenti Web Intelligence esistenti o con i documenti creati con un editor di query: Formato di visualizzazione Descrizione Web Utilizzare il formato Web (HTML) per aprire i report, rispondere ai prompt, accedere ai report e/o eseguire le analisi drill. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 17

18 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Formato di visualizzazione Descrizione Utilizzare il formato Interattivo quando si desidera applicare filtri, eseguire ordinamenti e calcoli, modificare il formato e la visualizzazione dei dati nelle tabelle e nei grafici e/o eseguire le analisi drill. Utilizzare il formato Interattivo se si utilizza il metodo Query HTML per definire le query e si desidera formattare i report in base a tali query e aggiungere formule e variabili. Interattivo Il formato Interattivo insieme al metodo Query - HTML corrispondono, approssimativamente, al pannello dei report Java o a Web Intelligence Rich Client in ambiente HTML. È inoltre possibile utilizzare il formato Interattivo per visualizzare e lavorare con report generati dal pannello dei report HTML. A differenza di Query - HTML, che rappresenta esclusivamente un ambiente di sviluppo query, il pannello dei report HTML consente inoltre di definire report. Dopo aver eseguito la query, è possibile continuare a lavorare con il report utilizzando il formato Interattivo oppure tornando al pannello dei report HTML. Il formato di visualizzazione Interattivo è disponibile solo se l'amministratore ha distribuito Web Intelligence in modalità JSP. 18 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

19 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 Formato di visualizzazione PDF Descrizione Utilizzare la modalità PDF per visualizzare i report statici. Selezione dell'editor di query di Web Intelligence 1. Fare clic sul pulsante Preferenze sulla barra degli strumenti di InfoView. 2. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 3. Selezionare l'editor di query sotto all'opzione Selezionare uno strumento di creazione/modifica predefinito. 4. Fare clic su OK. Selezione del formato di visualizzazione di Web Intelligence Per i documenti Web Intelligence è possibile selezionare diversi formati di visualizzazione in base al tipo di interazione desiderato con le informazioni visualizzate nei report. Le opzioni di visualizzazione di Web Intelligence vengono selezionate in InfoView. Quando si modificano le opzioni di visualizzazione, le nuove impostazioni vengono implementate alla successiva apertura di un documento Web Intelligence. 1. Fare clic sul pulsante Preferenze sulla barra degli strumenti di InfoView. 2. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 3. Nella sezione Seleziona un formato di visualizzazione, selezionare il formato di visualizzazione desiderato. Selezione di un universo predefinito per nuovi documenti 1. Fare clic su Preferenze nella barra degli strumenti di InfoView. 2. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 3. Fare clic su Sfoglia sotto all'opzione Selezionare un universo predefinito e accedere all'universo da selezionare come predefinito. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 19

20 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Opzione di aggiornamento in Infoview Con l'aggiornamento SAP BusinessObjects XI 3.1 SP3 di Web Intelligence i documenti creati da origini dati personalizzate come testo, file Excel e plug-in di fornitori di dati personalizzati sono supportati in Infoview. Nota: l'opzione di aggiornamento è disponibile solo per sistemi operativi Windows. Per aggiornare un testo o un file Excel, impostare la chiave di registro Re freshonserver sui seguenti valori: RefreshOnServer = NO o Disable sul server. per disabilitare l'aggiornamento RefreshOnServer = YES o ENABLE per abilitare l'aggiornamento sul server. L'impostazione predefinita è YES o Enable. RefreshOnServer = ALLOW_USE_WINDOWS_SHARE l'aggiornamento solo su server Windows. per abilitare Il percorso della chiave di registro è: HKEY_LOCAL_MACHINE > SOFTWARE > Business Objects > Suite 12.0 > Default > Web Intelligence > Calculator > PDP. Prima di aggiornare un documento da Infoview, assicurarsi di verificare quanto segue: 1. Il fornitore di dati personalizzato deve trovarsi sul server BOE; se il server è in cluster, ogni cluster deve essere aggiornato con la stessa copia del fornitore di dati personalizzato. 2. Se si verifica un blocco e non è possibile accedere al file dalla posizione originale, il file deve essere spostato nella posizione predefinita per ogni server. Il percorso server predefinito è <DirInstallaz>Business Objects\PersonalDPFilessymantec. È possibile modificare questo percorso cambiando il valore della chiave di registro Server_Path. 3. Server Intelligence Agent (SIA) deve essere gestito tramite un'autenticazione utente valida nel dominio di rete. Generalmente SIA viene gestito utilizzando l'account di sistema locale; ciò non è consigliato quando si distribuisce un provider di dati personalizzato in un server. 20 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

21 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 4. Per l'aggiornamento di un documento basato su WS generico, aggiornare il file net.properties in <Dirinstall>\javasdk\jre\lib con le seguenti righe: http.proxyhost=bluecoat-proxy http.proxyport=8080 http.nonproxyhosts=localhost dove proxyhost è il nome del server proxy (ad esempio, proxy.mydomain.com), proxyport è il numero della porta da utilizzare (il valore predefinito è 80), nonproxyhosts è un elenco separato da ' ' di nomi host a cui accedere direttamente, ignorando il server proxy (il valore predefinito è localhost & ) Nota: i file.pac non sono supportati, pertanto è necessario configurare esplicitamente il server proxy nelle impostazioni proxy per l'url. Impostazione delle opzioni di drill di Web Intelligence Il drill consente all'utente di avere una visione più approfondita dei dati e ottenere informazioni dettagliate su un risultato di riepilogo positivo o negativo visualizzato in una tabella, un grafico o una sezione. Prima di avviare una sessione di drill, impostare in InfoView le opzioni corrispondenti per definire il tipo di cambiamento che avviene sui report ogni volta che si esegue un drill. 1. Fare clic su Preferenze nella barra degli strumenti di InfoView. 2. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 3. Selezionare le opzioni di drill in Opzioni di drill e Avviare la sessione di drill. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 21

22 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Opzione per nascondere la barra degli strumenti di drill Quando si esegue il drill su un valore di un report, viene visualizzata la barra degli strumenti Drill con il valore su cui è stato eseguito il drill. Il valore visualizzato sulla barra degli strumenti filtra i risultati mostrati nel report analizzato. Ad esempio, se si esegue il drill sull'anno 2001, i risultati visualizzati nella tabella di drill sono T1, T2, T3 e T4 dell'anno I valori relativi ai trimestri sui quali è stato effettuato il drill vengono filtrati per Nota: Se il report analizzato include dimensioni da più query, viene visualizzato un suggerimento quando si sposta il cursore sul valore visualizzato nel filtro. che indica il nome della query e la dimensione relativa al valore. La barra degli strumenti di drill consente di selezionare valori alternativi sullo stesso livello per filtrare i risultati in modo diverso. Ad esempio, se si utilizza la barra degli strumenti Drill mostrata sopra per selezionare "2002", la tabella di drill mostra i risultati T1, T2, T3 e T4 per l'anno È possibile scegliere di non visualizzare la barra degli strumenti di drill all'attivazione della modalità Drill. La barra degli strumenti di drill è utile solo se si desidera applicare i filtri durante la sessione di drill. Opzione Visualizza un prompt se il drill richiede dati supplementari Quando si esegue il drill sui risultati visualizzati in un report Web Intelligence, è possibile passare a un livello di informazioni più sintetiche o più dettagliate che non sono comprese nell'ambito di analisi del documento. In tal caso, è necessario eseguire una nuova query in Web Intelligence per recuperare i dati aggiuntivi dall'origine dati. Poiché le query su vaste selezioni di dati possono richiedere molto tempo, è possibile scegliere di essere avvisati con un messaggio ogni volta che è necessaria una nuova query. Il messaggio del prompt invita l'utente a scegliere se si desidera eseguire un'altra query. Inoltre, il prompt consente di applicare filtri alle dimensioni supplementari incluse nella nuova query. Questo significa che è possibile limitare le dimensioni della query ai soli dati necessari per l'analisi. 22 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

23 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 per eseguire il drill al di fuori del livello dell analisi durante una sessione di drill, occorre l autorizzazione dell amministratore. Opzione Sincronizza il drill sui blocchi del report Quando si seleziona l'opzione Sincronizza drill su blocchi di report, la visualizzazione di tutti i blocchi cambia in base alle azioni di drill. Ad esempio, se si esegue il drill down su un blocco da Anno a Trimestre e il report contiene anche un grafico che mostra i dati per anno, anche il grafico cambia per mostrare i dati per trimestre. Se non si seleziona questa opzione, cambia solo il blocco su cui vengono eseguite operazioni di drill. Opzione Avviare la sessione di drill L'opzione Avviare la sessione di drill controlla il comportamento di Web Intelligence quando viene avviata la modalità drill. Opzione Avvia drill su report esistente Quando si seleziona l'opzione Avvia drill su report esistente, all'avvio della modalità drill è possibile eseguire il drill sul report corrente. Quando si conclude la modalità drill, il report visualizza i valori analizzati. Opzione Avvia drill su un report duplicato Quando si seleziona l'opzione Avvia drill su un report duplicato, Web Intelligence crea un duplicato del report corrente all'avvio della modalità drill sul quale è possibile eseguire il drill. Ciò consente di mettere a confronto i risultati del report originale con quelli rilevati durante l'analisi drill. Opzioni relative alle impostazioni internazionali di Web Intelligence Le impostazioni internazionali determinano il modo in cui Web Intelligence visualizza l'interfaccia (ad esempio, voci di menu e testo di pulsanti) e dati (ad esempio, formattazione di date e numeri). Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 23

24 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Web Intelligence dispone di tre impostazioni internazionali: Impostazioni internazionali Impostazioni internazionali del prodotto Impostazioni internazionali del documento Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite Descrizione Le impostazioni internazionali in cui è visualizzata l'interfaccia di Web Intelligence Le impostazioni internazionali dei dati contenuti nel documento Le impostazioni internazionali preferite dall'utente per la visualizzazione dei dati del documento Le impostazioni InfoView determinano la modalità di interazione delle impostazioni internazionali del documento e di visualizzazione preferite per visualizzare i dati dei documenti. Argomenti correlati Associazione permanente delle impostazioni internazionali a un documento Impostazioni locali del prodotto Le impostazioni internazionali del prodotto sono utilizzate per visualizzare l'interfaccia Web Intelligence (ad esempio, voci di menu e testo di pulsanti). Nota: La funzione OttieniLocale restituisce le impostazioni internazionali del prodotto. Configurazione delle impostazioni internazionali del prodotto 1. Fare clic su Preferenze sulla barra degli strumenti principale di InfoView. 2. Fare clic su Generale per visualizzare le opzioni generali. 3. Selezionare le impostazioni dall'elenco Impostazioni locali del prodotto. 24 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

25 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 Impostazioni internazionali del documento Le impostazioni internazionali del documento formattano i dati in un documento. Ad esempio, le impostazioni internazionali del documento determinano il modo in cui Web Intelligence visualizza dati e numeri. Se le impostazioni Web Intelligence in InfoView danno priorità alle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite dall'utente mediante l'impostazione Utilizza le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite per formattare i dati, Web Intelligence configura le impostazioni internazionali del documento sulle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite quando l'utente apre un documento. Quando l'utente salva il documento, Web Intelligence salva anche le relative impostazioni internazionali. Se le impostazioni Web Intelligence non danno priorità alle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite dall'utente, Web Intelligence formatta i dati in base alle impostazioni internazionali salvate con il documento. Quando un utente crea un documento, Web Intelligence assegna sempre le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite dall'utente come impostazioni internazionali iniziali per il documento, indipendentemente dal fatto che le impostazioni Web Intelligence in InfoView abbiamo assegnato la priorità alle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite. Un utente può associare in modo permanente le impostazioni internazionali del documento correnti a un documento salvandolo con l'opzione Formattazione regionale permanente selezionata. Dopo aver salvato un documento con l'opzione selezionata, Web Intelligence ignora le impostazioni InfoView e formatta sempre i dati del documento mediante le impostazioni internazionali salvate. Si applica a tutti gli utenti, non solo all'utente che ha selezionato l'opzione Formattazione regionale permanente. Nota: La funzione ImpostazioniInternContenuto restituisce le impostazioni internazionali del documento. Argomenti correlati Associazione permanente delle impostazioni internazionali a un documento Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 25

26 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView Configurazione delle impostazioni internazionali del documento 1. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 2. Fare clic su Usa le impostazioni internazionali dell'utente per formattare i dati sotto a Alla visualizzazione di un documento. Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite Le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite sono le impostazioni internazionali preferite dall'utente per la visualizzazione dei dati dei documenti. Le impostazioni internazionali del documento divengono le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite dall'utente quando le impostazioni InfoView attribuiscono la priorità a Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite. Nota: La funzione OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazio nepreferite restituisce le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite. Anche la funzione OttieniLocalizzato utilizza le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite per visualizzare stringhe tradotte. Configurazione delle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite 1. Fare clic su Preferenze sulla barra degli strumenti principale di InfoView. 2. Fare clic su Generale per visualizzare le opzioni generali. 3. Selezionare le impostazioni dall'elenco Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite. 4. Fare clic su Preferenze Web Intelligence per visualizzare le opzioni di Web Intelligence. 5. Se si desidera che i dati vengano formattati utilizzando le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite, fare clic su Utilizza le impostazioni internazionali di visualizzazione preferite per formattare i dati sotto a Alla visualizzazione di un documento. 26 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

27 Accesso a Web Intelligence da InfoView Opzioni di Web Intelligence InfoView 2 Associazione permanente delle impostazioni internazionali a un documento 1. In Web Intelligence Interactive selezionare Documento > Proprietà nel menu per visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà del documento", quindi selezionare Formattazione regionale permanente. 2. Nel pannello dei report Java di Web Intelligence o in Web Intelligence Rich Client fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota del report, scegliere Proprietà del documento per visualizzare il riquadro Proprietà del documento, quindi Formattazione regionale permanente nella sezione Opzioni del documento del riquadro. 3. Salvare il documento. Le impostazioni internazionali correnti del documento sono associate in modo permanente al documento. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 27

28 Accesso a Web Intelligence da InfoView 2 Opzioni di Web Intelligence InfoView 28 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

29 Restituzione di dati mediante query 3

30 Restituzione di dati mediante query 3 Creazione, modifica e salvataggio dei documenti Creazione, modifica e salvataggio dei documenti I documenti Web Intelligence vengono creati innanzitutto selezionando un universo di InfoView. Ogni universo è mappato a un database contenente le informazioni aziendali. Quando si accede a un universo, Web Intelligence automaticamente avvia l'editor di documenti selezionato nella pagina Preferenze documenti di Web Intelligence in InfoView. Dopo aver selezionato un universo, utilizzare gli oggetti nell'universo per generare una query che restituisca i dati dal database al documento Web Intelligence. Dopo aver creato un documento, è possibile salvarlo nel repository InfoView. Salvataggio di un documento 1. Fare clic sulla freccia alla destra del pulsante Salva documento che si trova alla sinistra della barra degli strumenti Query - HTML. 2. Fare clic su Salva (per salvare nuovamente il documento se è già stato salvato) oppure su Salva con nome (per salvare il documento con un nuovo nome) dall'elenco a discesa visualizzato. Se si fa clic su Salva con nome oppure se si salva il documento per la prima volta, viene visualizzata la finestra di dialogo "Salva con nome". 3. Utilizzare la finestra di dialogo "Salva con nome" per salvare il documento nel repository InfoView. Creazione e utilizzo delle query Creazione ed esecuzione di una query I documenti Web Intelligence vengono creati innanzitutto selezionando un universo di InfoView. Ogni universo è mappato a un database contenente le informazioni aziendali. Quando ci si connette a un universo, Web Intelligence avvia automaticamente l'editor di query selezionato in InfoView. 30 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

31 Restituzione di dati mediante query Creazione e utilizzo delle query 3 Per aprire Query - HTML, è necessario aver selezionato Interattivo come opzione per la creazione dei documenti. 1. Fare clic su Elenco documenti, quindi su Nuovo > Documento Web Intelligence in InfoView. 2. Fare clic sull'universo in cui si desidera creare la query. Verrà aperto Web Intelligence Query - HTML. 3. Selezionare un oggetto nel riquadro Universo e trascinarlo nel riquadro Oggetti risultato per aggiungere un oggetto alla query. Per aggiungere tutti gli oggetti di una classe alla query, trascinare la cartella della classe nel riquadro Oggetti risultato. Per eliminare un oggetto dalla query, trascinarlo dal riquadro Oggetti risultato e riportarlo nel riquadro Universo. Per rimuovere tutti gli oggetti dalla query, fare clic su Rimuovi tutto alla destra del riquadro Oggetti risultato. 4. Per cambiare la posizione di un oggetto nella query, selezionare un oggetto nel riquadro Oggetti risultato e trascinarlo nel riquadro di destra o di sinistra oppure fare clic su Sposta a sinistra/sposta a destra alla destra del riquadro Oggetti risultato. 5. Impostare l'ambito di analisi. 6. Definire i filtri di query. 7. Impostare le proprietà della query. 8. Fare clic su Esegui. Abbinamento tra gli oggetti dell'universo e i dati Classi e sottoclassi Gli oggetti vengono raggruppati in cartelle denominate classi. Ogni classe può inoltre contenere una o più sottoclassi. Le sottoclassi contengono oggetti che rappresentano un ulteriore sottocategoria degli oggetti presenti nel livello superiore della classe. Il ruolo delle classi è quello di organizzare gli oggetti all interno di gruppo logici. Al momento della creazione di query sull universo, le classi consentono di individuare gli oggetti che rappresentano le informazioni da utilizzare in una query. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 31

32 Restituzione di dati mediante query 3 Creazione e utilizzo delle query Oggetto dimensione Un oggetto dimensione rappresenta i dati che forniscono la base dell'analisi in un report. Gli oggetti dimensione recuperano di solito dati di tipo alfanumerico, come nomi di clienti, nomi di località di soggiorno o date. Nel pannello delle query di Web Intelligence gli oggetti dimensione vengono riportati nel modo seguente: Oggetto dettaglio Un oggetto dettaglio fornisce dati descrittivi su una dimensione. Un dettaglio è sempre collegato alla dimensione per la quale fornisce informazioni supplementari. Ad esempio, alla dimensione [Cliente] è associato l'oggetto dettaglio [Età]. Nel pannello delle query di Web Intelligence gli oggetti dettaglio vengono riportati nel modo seguente: Oggetto indicatore L'oggetto indicatore recupera i dati numerici risultanti dai calcoli eseguiti sui dati del database. L'oggetto [Fatturato], ad esempio, è il calcolo derivato dalla moltiplicazione tra il numero di articoli venduti e il prezzo di ciascun articolo. Gli oggetti Indicatore sono spesso posizionati nella classe Misure. Nel pannello delle query di Web Intelligence gli oggetti indicatore vengono riportati nel modo seguente: Esistono due tipi di indicatori: indicatori classici, calcolati da Web Intelligence indicatori intelligenti, calcolati dal database su cui si basa l'universo In alcune situazioni, gli indicatori intelligenti influiscono sul modo in cui Web Intelligence visualizza i calcoli. Per ulteriori informazioni sugli indicatori 32 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

33 Restituzione di dati mediante query Creazione e utilizzo delle query 3 intelligenti, consultare il manuale Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in SAP BusinessObjects Web Intelligence. Ridenominazione di una query 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda che riporta il nome della query da rinominare. 2. Fare clic su Rinomina nel menu. 3. Digitare il nuovo nome, quindi premere Invio. Il nome della query non può superare 50 caratteri. Il nome della query non può contenere il carattere seguente: [ Due query non possono avere lo stesso nome. Il nuovo nome viene visualizzato sulla scheda della query. Interruzione di una query Quando si interrompe una query, al documento vengono restituiti solo dati parziali. I valori visualizzati nel documento non riflettono in modo accurato la definizione della query. 1. Nella finestra di dialogo "In attesa - Aggiorna dati", fare clic su Annulla. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Interrompi il recupero dei dati". 2. Fare clic su OK. Rimozione di una query 1. Selezionare la query da rimuovere facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda Query appropriata. 2. Fare clic su Rimuovi. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 33

34 Restituzione di dati mediante query 3 Creazione e utilizzo delle query Query multiple In un unico documento Web Intelligence, è possibile inserire una o più query. Quando si inseriscono diverse query, queste possono basarsi su un solo universo o su più universi disponibili in InfoView. Ad esempio, è possibile inserire i dati delle vendite e i dati dei clienti nello stesso documento. In questo caso, i dati aziendali relativi alla linea di prodotti sono disponibili in un universo, mentre i dati dei clienti si trovano in un altro universo. Si desidera presentare i risultati delle vendite per la linea di prodotti e le informazioni sulle fasce di età dei clienti nello stesso report. A questo scopo, è necessario creare un unico documento che includa due query: una in ciascun universo. È possibile includere e formattare i risultati di entrambe le query sullo stesso report. La definizione di query multiple in un unico documento è necessaria quando i dati da inserire in un documento sono disponibili in diversi universi o quando si desidera creare diverse query concentrate su argomenti diversi nello stesso universo. Tale definizione può essere effettuata nel momento in cui si crea un nuovo documento o si aggiungono altre query a un documento esistente. È possibile presentare le informazioni di tutte le query in un unico report oppure su diversi report nello stesso documento. Query multiple, query combinate e query sincronizzate a confronto È possibile mettere in relazione query multiple in un documento Web Intelligence in diversi modi. Le query multiple di livello più semplice estraggono dati non correlati da origini diverse. Le query sincronizzate mettono in relazione i dati di query diverse su una dimensione che contiene dati comuni a entrambe le query. Questo tipo di dimensioni vengono definite dimensioni di unione. Le dimensioni vengono unite nell'interfaccia di reporting di Web Intelligence dopo che le query multiple sono state create ed eseguite. Le query combinate sono un tipo speciale di query create nell'interfaccia di query di Web Intelligence. Le query combinate generano SQL 34 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

35 Restituzione di dati mediante query Creazione e utilizzo delle query 3 contenenti gli operatori UNION, INTERSECT e MINUS (se supportati dal database) o simulano l'effetto di tali operatori. Le query combinate consentono di rispondere a domande aziendali complesse, difficili da formulare mediante le query convenzionali. Non è possibile creare query combinate in Query - HTML. Aggiunta di una query 1. Fare clic su Aggiungi query. Viene visualizzata la finestra Aggiungi query. 2. Selezionare l'universo da utilizzare per creare la query. È possibile creare una nuova query su un universo già utilizzato nel documento o selezionare un altro universo. Per impostazione predefinita, viene visualizzato per primo l'universo utilizzato nel documento corrente. 3. Fare clic su OK. 4. Definire gli oggetti, i filtri, l'ambito di analisi e le proprietà desiderate per la query. Il contenuto dei dati, l'ambito di analisi e i filtri qui definiti verranno applicati solo alla query selezionata. Le proprietà di query definite si applicano solo alla query selezionata. Duplicazione di una query Se si desidera creare una query diversa su un universo già in uso nel documento, è possibile copiare la query esistente su quell universo e, quindi, modificarla, invece di crearla da zero. 1. Selezionare la query da duplicare facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda Query appropriata nella parte inferiore del pannello dei report. 2. Selezionare Duplica. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 35

36 Restituzione di dati mediante query 3 Creazione e utilizzo delle query Visualizzazione dell'sql generato da una query Quando si genera una query in Web Intelligence, viene generato codice SQL da eseguire nel database e ottenere i risultati della query. Il codice SQL (Structured Query Language) è il linguaggio di query supportato da tutti i database relazionali. È possibile visualizzare e modificare il codice SQL generato da Web Intelligence. Nota: Non è possibile visualizzare il linguaggio SQL delle query che chiamano le stored procedure del database. Visualizzazione e modifica del codice SQL generato Nota: Non è possibile modificare il codice SQL della query quando la query contiene prompt facoltativi. Modificare la query per rimuovere i prompt facoltativi prima di tentare di modificare il codice SQL. 1. Fare clic su SQL sulla barra degli strumenti della query per visualizzare la finestra di dialogo "Visualizzatore SQL". Quando il codice SQL non è modificabile, i valori forniti in risposta ai prompt vengono riportati direttamente nella query. Ad esempio, se "UK" è stato fornito in risposta a un prompt in [Paese], una riga simile a Resort_country.country In ('UK') viene visualizzata nella query. Se per il prompt non è ancora stato specificato alcun valore, nella query viene visualizzata la sintassi di Web Intelligence per i prompt (descritta di seguito). 2. Fare clic su Usa SQL personalizzato per rendere modificabile il codice SQL generato. Quando si rende modificabile il codice SQL, la sintassi di Web Intelligence per i prompt viene visualizzata nella query. 36 Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML

37 Restituzione di dati mediante query Impostazione del livello dell analisi 3 Ad esempio, una riga simile a Resort_Country.country Coun try:','a','resort\country', Mono,Free,Persistent,,User:0) viene visualizzata nella query. 3. Fare clic su Convalida dopo aver modificato il codice SQL per controllare la validità delle modifiche apportate. 4. Fare clic su Copia (solo pannello report Java e Web Intelligence Rich Client) per copiare il codice SQL negli Appunti. 5. Fare clic su Stampa (solo Query - HTML) per stampare il codice SQL. Impostazione del livello dell analisi Livello dell analisi Per ambito di analisi di una query, si intendono i dati supplementari che è possibile recuperare dal database per ottenere maggiori dettagli sui risultati restituiti da ogni oggetto incluso in una query. Tali dati supplementari non vengono visualizzati nel primo report dei risultati, tuttavia rimangono disponibili nel cubo di dati da cui è possibile importarli nel report per accedere ai dettagli in qualsiasi momento. Il processo che consente di ottenere dati più precisi a livelli inferiori di dettaglio è denominato drill down su un oggetto. Nell'universo, l'ambito di analisi corrisponde ai livelli gerarchici al di sotto dell'oggetto selezionato per una query. Ad esempio, il livello dell analisi di un livello inferiore rispetto all oggetto Anno può includere l oggetto Trimestre, che viene visualizzato subito sotto ad Anno. È possibile impostare tale livello al momento della creazione di una query per consentire agli oggetti in basso nella gerarchia di essere inclusi nella query, senza la necessità che vengano visualizzati nel riquadro Oggetti risultato. Le gerarchie di un universo consentono di selezionare il livello dell analisi e il corrispondente livello di drill disponibile. Nel Pannello report Java e in Web Intelligence Rich Client, è possibile anche creare un ambito personalizzato dell'analisi selezionando dimensioni specifiche nel riquadro Ambito di analisi. Creazione di query con SAP BusinessObjects Web Intelligence Query - HTML 37

Esecuzione di analisi sui report con SAP BusinessObjects Web Intelligence

Esecuzione di analisi sui report con SAP BusinessObjects Web Intelligence Esecuzione di analisi sui report con SAP BusinessObjects Web Intelligence SAP BusinessObjects XI 3.1 Service Pack 4 Copyright 2011 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge,

Dettagli

Manuale dell'utente di Web Intelligence Rich Client

Manuale dell'utente di Web Intelligence Rich Client Manuale dell'utente di Web Intelligence Rich Client BusinessObjects XI 3.1 Service Pack 2 Copyright 2009 SAP BusinessObjects. Tutti i diritti riservati. SAP BusinessObjects e i relativi loghi, BusinessObjects,

Dettagli

Creazione di report con il pannello dei report Java

Creazione di report con il pannello dei report Java Creazione di report con il pannello dei report Java Web Intelligence XI 3.1 Copyright 2008 Business Objects, società del gruppo SAP. Tutti i diritti riservati. Business Objects è titolare dei seguenti

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Enterprise InfoView

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Enterprise InfoView Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Enterprise InfoView SAP BusinessObjects Enterprise XI 3.1 Service Pack 3 Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge,

Dettagli

Guida introduttiva di Business Objects BI Server

Guida introduttiva di Business Objects BI Server Guida introduttiva di Business Objects BI Server Business Objects BI Server Brevetti Marchi Copyright Contributi di terze parti Business Objects possiede i seguenti brevetti negli Stati Uniti, che possono

Dettagli

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com Web Intelligence Argomenti Cap.1 Introduzione Cap.2 Creazione/Modifica di QUERY (semplici,custom,unioni) Cap.3 Uso dei Filtri e delle Condizioni Slide 2 - Copyright 2007 Business Objects SA - All Rights

Dettagli

Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01

Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01 Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01 Copyright 2011 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3,

Dettagli

Utilizzo del Portale

Utilizzo del Portale abaroni@yahoo.com Utilizzo del Portale InfoView Adolfo Baroni Argomenti h Cap.1 Introduzione h Cap.2 impostazione delle Preferenze h Cap.3 uso degli Oggetti h Cap.4 utilizzo dei Pannelli di Controllo h

Dettagli

Problemi risolti in Xcelsius 2008 Service Pack 3

Problemi risolti in Xcelsius 2008 Service Pack 3 Problemi risolti in Xcelsius 2008 Service Pack 3 Copyright 2009 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge, ByDesign, SAP Business ByDesign e altri prodotti e servizi

Dettagli

Corso BusinessObjects SUPERVISOR

Corso BusinessObjects SUPERVISOR Corso BusinessObjects SUPERVISOR Il modulo SUPERVISOR permette di: impostare e gestire un ambiente protetto per prodotti Business Objects distribuire le informazioni che tutti gli utenti dovranno condividere

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

Manuale dell'utente di Business Intelligence Launch Pad

Manuale dell'utente di Business Intelligence Launch Pad Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 6 2015-06-11 Manuale dell'utente di Business Intelligence Launch Pad Sommario 1 Cronologia del documento....

Dettagli

Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser

Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Sommario Guida per l'utente alla pianificazione OrgPublisher per tutti i browser Sommario Accesso alla pianificazione per tutti i

Dettagli

Informazioni sulla numerazione delle versioni

Informazioni sulla numerazione delle versioni Copyright 2009 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge, ByDesign, SAP Business ByDesign e altri prodotti e servizi SAP qui menzionati, come anche i relativi logo, sono

Dettagli

Note sull utilizzo del portale InfoView

Note sull utilizzo del portale InfoView Note sull utilizzo del portale InfoView (DataWareHouse FSE) Contatti Eunics: Sabrina Paoletti email sabrina.paoletti@eunics.it Ultimo Aggiornamento: 02-05-2007 Materiale proprietario della Eunics S.p.A.

Dettagli

Manuale dello Strumento di conversione dei report SAP BusinessObjects Business Intelligence (BI) platform 4.1, Support Package 1

Manuale dello Strumento di conversione dei report SAP BusinessObjects Business Intelligence (BI) platform 4.1, Support Package 1 Manuale dello Strumento di conversione dei report SAP BusinessObjects Business Intelligence (BI) platform 4.1, Support Package 1 Copyright 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.non

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Stampa unione I: utilizzare la stampa unione per spedizioni di massa

Stampa unione I: utilizzare la stampa unione per spedizioni di massa Stampa unione I: utilizzare la stampa unione per spedizioni di massa Funzionamento La stampa unione è costituita da tre elementi diversi. La stampa unione prevede l'utilizzo di tre elementi diversi: Il

Dettagli

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a: Lab 3.1 Preferiti & Cronologia LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA In questa lezione imparerete a: Aprire l'elenco Preferiti, Espandere e comprimere le cartelle dell'elenco Preferiti, Aggiungere una pagina

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack

Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack Guida introduttiva a BusinessObjects XI Release 2 Service Pack 2/Productivity Pack Informazioni sul manuale Informazioni sul manuale In questo manuale sono contenute informazioni introduttive sull'utilizzo

Dettagli

Informazioni generali sul corso

Informazioni generali sul corso abaroni@yahoo.com Informazioni generali sul corso Introduzione a BusinessObjects Enterprise XI - Release 2 Chi sono. Io? Adolfo Baroni E-mail: abaroni@yahoo.com 2 Pagina 1 Obiettivi del corso hamministrazione

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente

Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente Retrospect 10 per Mac Appendice alla Guida per l'utente 2 Appendice alla Guida per l'utente di Retrospect 10 www.retrospect.com 2012 Retrospect Inc. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Progetto Monitoraggio

Progetto Monitoraggio MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA Progetto Monitoraggio Sistema Gestione Progetti Query (SGPQ) Manuale Utente Report Operativi Contenuti 1. Premessa...

Dettagli

Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva

Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva Versione: 6.6.x Scritto da: Product Documentation, R&D Data: ottobre 2011 ImageNow e CaptureNow sono marchi registrati di Perceptive Software. Tutti gli altri

Dettagli

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata)

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata) Tabellina Pitagorica Per costruire il foglio elettronico per la simulazione delle tabelline occorre: 1. Aprire Microsoft Excel 2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Manuale dello Strumento di conversione dei report di BusinessObjects XI 3.1

Manuale dello Strumento di conversione dei report di BusinessObjects XI 3.1 Manuale dello Strumento di conversione dei report di BusinessObjects XI 3.1 BusinessObjects Enterprise XI 3.1 windows Copyright 2008 Business Objects, società del gruppo SAP. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Qlik Sense Cloud. Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Qlik Sense Cloud. Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik Sense Cloud Qlik Sense 2.0.2 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech, Qlik

Dettagli

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com Web Intelligence Argomenti Cap.4 Utilizzo dei Prompt gerarchici Cap.5 Formattazioni Cap.6 i Template Cap.7 le Tabelle e le Cross Table Cap.8 Modalità di Visualizzazione (Html,Pdf,altro) Cap.9 Creare Formule

Dettagli

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net Your Detecting Connection Manuale utente support@xchange2.net 4901-0133-4 ii Sommario Sommario Installazione... 4 Termini e condizioni dell applicazione XChange 2...4 Configurazione delle Preferenze utente...

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso BLACKBERRY INTERNET SERVICE

Dettagli

Laplink FileMover Guida introduttiva

Laplink FileMover Guida introduttiva Laplink FileMover Guida introduttiva MN-FileMover-QSG-IT-01 (REV.01/07) Recapiti di Laplink Software, Inc. Per sottoporre domande o problemi di carattere tecnico, visitare il sito: www.laplink.com/it/support/individual.asp

Dettagli

Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects

Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects Business Objects Manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects Il presente documento costituisce il manuale a supporto dell utilizzo di Business Objects per l interrogazione e l analisi dei dati

Dettagli

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati.

Rilevazione e analisi. Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Rilevazione e analisi Qlik Sense 1.0.3 Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Copyright 1993-2015 QlikTech International AB. Tutti i diritti riservati. Qlik, QlikTech,

Dettagli

Manuale di Nero ControlCenter

Manuale di Nero ControlCenter Manuale di Nero ControlCenter Nero AG Informazioni sul copyright e sui marchi Il manuale di Nero ControlCenter e il contenuto dello stesso sono protetti da copyright e sono di proprietà di Nero AG. Tutti

Dettagli

TeamViewer 9 Manuale Manager

TeamViewer 9 Manuale Manager TeamViewer 9 Manuale Manager Rev 9.1-03/2014 TeamViewer GmbH Jahnstraße 30 D-73037 Göppingen teamviewer.com Panoramica Indice Indice... 2 1 Panoramica... 4 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 4 1.2

Dettagli

DeeControl Manuale dell'utente

DeeControl Manuale dell'utente Impostazione, manutenzione e funzionalità del software di taglio DeeControl DeeControl Manuale dell'utente Versione 1.1 - 2 - Contenuto Introduzione... - 4 - Requisiti minimi... - 4 - Installazione...

Dettagli

unità di misura usata in informatica

unità di misura usata in informatica APPUNTI PER UTILIZZARE WINDOWS SENZA PROBLEMI a cura del direttore amm.vo dott. Nicola Basile glossario minimo : terminologia significato Bit unità di misura usata in informatica byte Otto bit Kilobyte

Dettagli

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP)

CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) CONFIGURAZIONE DELLA CONNESSIONE DI RETE WIRELESS IULM_WEB (XP) Di seguito le procedure per la configurazione con Windows XP SP2 e Internet Explorer 6. Le schermate potrebbero leggermente differire in

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access Scopo: Familiarizzare con le funzionalità principali del DBMS (Database Management System) Microsoft

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni

UltraSMS. Introduzione. 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni UltraSMS Introduzione 1. Primo Avvio 1.1 Installazione 1.2 Impostazioni 2. Gestire Contatti 2.1 Inserire/modificare/cancellare un contatto 2.2 Importare i contatti da Outlook 2.3 Creare una lista di numeri

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite

Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite Guida rapida dell'utente di Polycom RealPresence Content Sharing Suite Versione 1.2 3725-69878-001 Rev. A Novembre 2013 In questa guida, vengono fornite le istruzioni per condividere e visualizzare il

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

EMC Documentum WebTop

EMC Documentum WebTop EMC Documentum WebTop Versione 6.8 Guida dell utente EMC Corporation Sede centrale: Hopkinton, MA 01748-9103 1-508-435-1000 www.emc.com Nota legale Copyright 2002-2014 EMC Corporation. All Rights Reserved.

Dettagli

CA Business Service Insight

CA Business Service Insight CA Business Service Insight Guida alla Visualizzazione delle relazioni di business 8.2 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

1. Il Client Skype for Business

1. Il Client Skype for Business 1. Il Client Skype for Business 2. Configurare una Periferica Audio 3. Personalizzare una Periferica Audio 4. Gestire gli Stati di Presenza 5. Tabella Stati di Presenza 6. Iniziare una Chiamata 7. Iniziare

Dettagli

Novità di Crystal Reports XI

Novità di Crystal Reports XI Introduzione Introduzione Questa sezione offre una panoramica di dettagliata dei componenti, delle funzioni e dei vantaggi forniti dalla versione più recente di Crystal Reports. Alcuni tra i più importanti

Dettagli

Manuale dell'utente del servizio IM and Presence su Cisco Unified Communications Manager versione 9.0(1)

Manuale dell'utente del servizio IM and Presence su Cisco Unified Communications Manager versione 9.0(1) Manuale dell'utente del servizio IM and Presence su Cisco Unified Communications Manager versione 9.0(1) Prima pubblicazione: May 25, 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Manuale dell utente di WebIntelligence

Manuale dell utente di WebIntelligence Manuale dell utente di WebIntelligence Versione 2.7 WEBINTELLIGENCE Versione 2.7 Manuale dell'utente di WebIntelligence La riproduzione e la trasmissione, anche solo parziale, del software o del presente

Dettagli

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento:

Introduzione a Word. Prima di iniziare. Competenze che saranno acquisite. Requisiti. Tempo stimato per il completamento: Introduzione a Word Word è una potente applicazione di elaborazione testi e layout, ma per utilizzarla nel modo più efficace è necessario comprenderne gli elementi di base. Questa esercitazione illustra

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

bla bla Documents Manuale utente

bla bla Documents Manuale utente bla bla Documents Manuale utente Documents Documents: Manuale utente Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 7.8.0 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI DOCUSOFT integra una procedura software per la creazione e l'archiviazione guidata di documenti in formato elettronico (documenti Microsoft Word,

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente Numero riferimento: 20120101 Edizione: marzo 2012 2 Avvisi legali Copyright 2012 Hewlett-Packard Development Company,

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Gestione della posta elettronica con Round Cube webmail e Outlook Express utilizzando il protocollo IMAP

Gestione della posta elettronica con Round Cube webmail e Outlook Express utilizzando il protocollo IMAP CADMO Infor ultimo aggiornamento: marzo 2013 Gestione della posta elettronica con Round Cube webmail e Outlook Express utilizzando il protocollo IMAP Problema: come avere sempre sotto controllo la propria

Dettagli

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 11 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine Guida Utente V.0 Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti 7 Risorse 0 Presentazioni Procedura d ordine Cos è aworkbook Prodotti Risorse Presentazione Assortimento aworkbook presenta al

Dettagli

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI

Manuale dell'utente di Crystal Reports. Installazione di Crystal Reports XI Manuale dell'utente di Crystal Reports Installazione di Crystal Reports XI Installazione di Crystal Reports XI Installazione di Crystal Reports XI L Installazione guidata di Crystal Reports funziona in

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 13 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati MANUALE UTENTE Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati INDICE ACCESSO AL SERVIZIO... 3 GESTIONE DESTINATARI... 4 Aggiungere destinatari singoli... 5 Importazione utenti...

Dettagli

Guida introduttiva. Ottenere assistenza Fare clic sul punto interrogativo per accedere al contenuto della Guida.

Guida introduttiva. Ottenere assistenza Fare clic sul punto interrogativo per accedere al contenuto della Guida. Guida introduttiva Microsoft Access 2013 ha un aspetto diverso dalle versioni precedenti. Per questo abbiamo creato questa guida per facilitare l'apprendimento. Cambiare le dimensioni dello schermo o chiudere

Dettagli

Introduzione a Outlook

Introduzione a Outlook Introduzione a Outlook Outlook è uno strumento potente per la gestione della posta elettronica, dei contatti, del calendario e delle attività. Per utilizzarlo nel modo più efficace, è necessario innanzitutto

Dettagli

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo.

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft PowerPoint 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli