ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea in Scienze Statistiche ed Economiche Corso in ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI Professoressa Chiara Parrini

2 Considerazioni generali sulle imprese di assicurazione (1/2) L art del Codice Civile definisce il contratto di assicurazione come il contratto con il quale l assicuratore, l verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Assicurazioni contro i danni Assicurazioni sulla vita

3 Considerazioni generali sulle imprese di assicurazione (2/2) Assicurazioni contro i danni Assicurazioni sulla vita - Le prestazioni sono prevalentemente a carattere risarcitorio - Le prestazioni sono importi prefissati (o comunque determinabili in modo prefissato) - Breve durata contrattuale (in genere un anno) - Medio/lunga durata contrattuale (ad esempio alcune fanno riferimento all intera durata residua della vita umana) - Ripetibilità dell evento dannoso - Non ripetibilità dell evento

4 Le assicurazioni contro i danni (1/2) CLASSIFICAZIONE Con riferimento alle coperture che prevedono una prestazione avente carattere di risarcimento assicurazioni di danni a beni di proprietà (ad esempio rischio credito, furto, incendio e trasporti ) assicurazioni di responsabilità civile (ad esempio l assicurazione di responsabilità civile autoveicoli)

5 Le assicurazioni contro i danni (2/2) CLASSIFICAZIONE Nelle assicurazioni contro i danni si collocano inoltre alcune coperture riguardanti i danni alla persona Rischio infurtunio Rischio malattia Le assicurazioni contro i danni alla persona possono non avere carattere di risarcimento e prevedere, analogamente alle assicurazioni sulla vita, una prestazione di importo prefissato in conseguenza di un infortunio o di una malattia.

6 Rami Danni in Italia (decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 175) (1) infortuni (compresi infortuni sul lavoro e malattie professionali); (2) malattia; (3) corpi di veicoli terrestri (esclusi quelli ferroviari); (4) corpi di veicoli ferroviari; (5) corpi di veicoli aerei; (6) corpi di veicoli marittimi, lacustri e fluviali; (7) merci trasportate (compresi merci, bagagli ed ogni altro bene); (8) incendio ed elementi naturali (in particolare, i danni causati da un incendio, da un esplosione e da una tempesta); (9) altri danni ai beni (in particolare, i danni causati dalla grandine, dal gelo e dal furto); (10) responsabilità civile autoveicoli terrestri; (11) responsabilità civile aeromobili; (12) responsabilità civile veicoli marittimi, lacustri e fluviali; (13) responsabilità civile generale; (14) credito (compresi credito all esportazione, vendite a rate, credito agricolo e perdite patrimoniali derivanti da insolvenze); (15) cauzione (diretta o indiretta); (16) perdite pecuniarie di vario genere (in particolare, i rischi relativi all occupazione e la perdita di fitti o di redditi); (17) tutela giudiziaria; (18) assistenza.

7 Le assicurazioni sulla durata vita Contratto mediante il quale l assicurato versa, anticipatamente, uno o più premi, affinché la Compagnia di Assicurazione si impegni a pagare uno o più capitali, al verificarsi di eventi legati alla sopravvivenza o alla premorienza di un individuo o gruppo di individui. Nella polizza si individuano: Assicuratore: impresa (autorizzata) che si impegna ad erogare il capitale assicurato al verificarsi dell evento/i considerati, Contraente: soggetto che stipula il contratto e paga il premio, Assicurato/i: testa/e a cui si riferiscono gli eventi assicurati, Beneficiario: soggetto a cui verranno pagate le somme assicurate.

8 Le assicurazioni sulla durata vita CLASSIFICAZIONE DEI CONTRATTI Una prima classificazione di base è prevista dal decreto legislativo 174 del 1995 il quale classifica i contratti in 6 rami: I - Le assicurazioni sulla durata della vita umana. II - Le assicurazioni di nuzialità, le assicurazioni di natalità. III - Le assicurazioni di cui ai punti I e II connesse con fondi di investimento. IV - L'assicurazione malattia di cui all'art. 1, numero 1, lettera d), della direttiva CEE n. 79/267 del 5 marzo V - Le operazioni di capitalizzazione di cui all'art. 40 del presente decreto. VI - Le operazioni di gestione di fondi collettivi costituiti per l'erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell'attività lavorativa.

9 Le assicurazioni sulla durata vita I TIPI DI POLIZZA Polizze TRADIZIONALI: Prestazioni e premi monetariamente predeterminati (livelli costanti o variabili in modo prefissato) alla stipulazione del contratto. Polizze FLESSIBILI: non c è predeterminazione monetaria degli importi assicurati, si fissano delle regole di determinazione degli stessi.

10 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE TRADIZIONALI Assicurazione di capitale in caso di vita: Capitale differito Rendite in caso di vita: Rendita vitalizia: Anticipata/posticipata Temporanea Differita Frazionata Con rate in progressione aritmetica Assicurazioni di capitale in caso di morte: Assicurazione a vita intera Assicurazione temporanea e differita Assicurazione di annualità Assicurazioni miste: Mista semplice Mista doppia Mista a capitale raddoppiato Semi-mista

11 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (1/3) Tipi di flessibilità nelle prestazioni Connessione ad indicatori economico-finanziari interni o esterni alla Compagnia: Rendimento delle investimenti collegati alle riserve matematiche, Inflazione, Indici di borsa. Opportunità fornita al contraente di variare le condizioni contrattuali: Livello dei premi, Sospensione del pagamento dei premi, Eventuali prelevamenti di quote della riserva matematica.

12 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (2/3) MOTIVAZIONI Inflazione Rendimento investimenti/tasso tecnico Partecipazione degli assicurati all utile della Compagnia Concorrenza sul mercato finanziario ALCUNI ESEMPI Assicurazioni indicizzate: Assicurazioni rivalutabili: Garantisce la protezione totale del potere d acquisto delle somme assicurate Viene retrocesso agli assicurati parte dell utile finanziario della Compagnia dietro adeguamento del premio

13 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (3/3) UNIT e INDEX LINKED Forme assicurative caratterizzate da una diretta dipendenza dalle prestazioni al valore di un fondo o di un indice azionario o altro valore di riferimento. POLIZZA UNIT-LINKED POLIZZA INDEX-LINKED

14 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (1/4) Assicurazioni di danni a beni di proprietà V: massimo danno possibile, distribuzione totale del bene. V : valore del bene all epoca di stipulazione del contratto. > V = V < L: massimo danno probabile ( maximum( probable loss ) estremo superiore degli importi ai quali viene soggettivamente attribuita una probabilità positiva di verificarsi. L V

15 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (2/4) Assicurazioni di danni a beni di proprietà Copertura totale l assicurato decide di assicurare il bene per l intero valore, V la scelta è fatta dall assicurato in base allo stato di informazione a sua disposizione all epoca di stipulazione del contratto Copertura parziale l assicurato decide di assicurare il bene per un valore, V', inferiore all intero valore Sottoassicurazione ad esempio il massimo danno probabile

16 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (3/4) Assicurazioni di responsabilità civile Non essendo specificato un bene di riferimento, non risulta individuabile un valore in grado di rappresentare il massimo danno possibile 1) assicurazione a garanzia illimitata risarcimento del danno senza alcuna limitazione Copertura totale del rischio 2) assicurazione con massimale di garanzia risarcimento del danno stabilito nei limiti di un importo, M, prefissato, denominato massimale di garanzia Copertura parziale del rischio

17 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (4/4) Assicurazioni di responsabilità civile L introduzione del massimale di garanzia (eventualmente posto eguale al massimo danno probabile) si prefigge di contenere, entro un limite ragionevole, l esposizione monetaria al rischio dell assicuratore. Obiettivo importante per il rapporto assicurativo, in assenza di un valore rappresentativo del massimo danno possibile.

18 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura FRANCHIGIA (1/2) Clausola frequentemente utilizzata sia nelle assicurazioni di danni a beni di proprietà che nelle assicurazioni di responsabilità civile Franchigia di valore di importo f i danni di importo non superiore a f non vengano risarciti, mentre i danni di importo superiore a f, vengano risarciti: Parzialmente, per l eccedenza rispetto ad f, FRANCHIGIA ASSOLUTA Integralmente, FRANCHIGIA RELATIVA

19 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura FRANCHIGIA (2/2) Franchigia di valore Nell assicurazione di danni a beni di proprietà, risulta frequente esprimere la franchigia in percentuale del valore del bene assicurato (soprattutto nelle assicurazioni contro il rischio di incendio e nelle assicurazioni delle merci trasportate). Franchigia temporale generalmente espressa in numero di giorni Una franchigia di durata t (giorni) indica il fissato numero di giorni, a partire dalla data di accadimento del sinistro, durante i quali la garanzia non è operante. (assicurazioni contro il rischio di incendio, assicurazioni dei danni indiretti da guasti alle macchine, assicurazioni sulla salute)

20 Clausola utilizzata soprattutto nelle coperture contro il rischio di insolvenza dei crediti commerciali OSSERVAZIONE: Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura SCOPERTO Viene fissata un aliquota ξ (0 < ξ < 1) del rischio (quindi del risarcimento relativo ad un sinistro) posta a carico dell assicurato In un assicurazione di danni a beni di proprietà, la clausola di scoperto corrisponde formalmente ad una copertura assicurativa a valore parziale. In questo caso, però, la situazione di sottoassicurazione deriva da una decisione dell assicuratore e non da una scelta dell assicurato

21 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura OBIETTIVI 1. L obiettivo prioritario è ridurre il valore atteso dei risarcimenti 2. La franchigia, eliminando i piccoli sinistri ( small claims ), generalmente numerosi, è in grado di realizzare una riduzione delle spese di gestione connesse alla liquidazione dei sinistri Sostanzialmente le clausole contrattuali producono una (talvolta rilevante) diminuzione del prezzo della copertura assicurativa

22 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura EFFETTO PSICOLOGICO Le clausole contrattuali corresponsabilizzano l assicurato sollecitandolo ad adottare tutte le precauzioni possibili ai fini della prevenzione dei sinistri riducono il Fenomeno del Moral Hazard rischio, per l assicuratore, di un aumento della sinistrosità derivante da un imprudente comportamento dell assicurato.

23 Le assicurazioni contro i danni ULTERIORI CLAUSOLE CONTRATTUALI Assicurazioni sulla salute: rischio infortunio e rischio malattia a) Periodo di carenza iniziale ( waiting period ) arco di tempo, susseguente la stipula del contratto, che esclude dalla copertura assicurativa le malattie che in esso si manifestano Contiene i costi e contrasta, almeno parzialmente, gli effetti del fenomeno di antiselezione b) Periodo di qualificazione (in genere breve: qualche settimana) arco di tempo, a partire dal verificarsi della malattia o dall insorgere dell incapacità lavorativa, necessario affinché l assicurato sia titolato a percepire il beneficio Tale periodo opera come franchigia relativa. Può essere incluso nel periodo di franchigia (rendite o diarie)

24 LE ASSICURAZIONI CONTRO I DANNI La base tecnica del rischio

25 Sinistri, danni e risarcimenti (1/2) Nel periodo di copertura, in genere un anno, il contratto di assicurazione è colpito da un numero aleatorio, N, di sinistri. Ciascun sinistro determina un danno di importo aleatorio. Sia Z i il danno derivante dall i-esimo (i=1,2, ) sinistro in ordine cronologico. N: variabile aleatoria che rappresenta il numero di sinistri, le cui possibili determinazioni sono i numeri naturali Z i : variabile aleatoria che rappresenta il danno relativo all i-esimo sinistro, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali

26 Sinistri, danni e risarcimenti (2/2) In corrispondenza del danno Z i l assicuratore effettua, a beneficio dell assicurato, il pagamento dell importo aleatorio Y, i denominato risarcimento. Relazione tra il Danno ed il Risarcimento Y i = ϕ ( Z i ) Funzione di risarcimento: rappresentativa delle condizioni contrattuali di copertura (ovviamente 0 Y i Z i )

27 Funzione di risarcimento (1/6) ESEMPIO (1/6) Y = Z Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che garantisce il risarcimento dell intero importo del danno determinato da un sinistro copertura a valore intero, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura a garanzia illimitata, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile

28 Funzione di risarcimento (2/6) ESEMPIO (2/6) Y Z = M se se Z M Z > M Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che garantisce il risarcimento del danno nei limiti di un importo prefissato M o, equivalente mente Y = min (Z, M), copertura a primo rischio assoluto, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura con massimale di garanzia, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile

29 Funzione di risarcimento (3/6) ESEMPIO (3/6) Y 0 = Z f se se Z Z > f f o, anche Y = max (0, Z f ), Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con franchigia assoluta (di importo f).

30 Funzione di risarcimento (4/6) ESEMPIO (4/6) Y = 0 Z se se Z Z > f f Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con franchigia relativa (di importo f).

31 Funzione di risarcimento (5/6) ESEMPIO (5/6) 0 se Z f Y = Z f se f < Z M o, Y = min[ max (0, Z f ), M f ], M f se Z > M Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che, in presenza di una franchigia assoluta (di importo f), garantisce il risarcimento del danno nei limiti di un importo prefissato M copertura a primo rischio assoluto con franchigia assoluta, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura con massimale di garanzia e franchigia assoluta, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile.

32 Funzione di risarcimento (6/6) ESEMPIO (6/6) Y = (1 ξ) Z, con 0 < ξ < 1 Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con scoperto (di aliquota ξ).

33 Il risarcimento globale X = Y 1 + Y Y N se se N N = 0 1 o, anche, X N i= 0 = Y, dove Y 0 è l importo certo nullo. i X: variabile aleatoria che rappresenta il risarcimento globale, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali non negativi. NOTA: Si evidenzia che è trascurata la componente finanziaria relativa alla diversa collocazione temporale dei sinistri e dei conseguenti risarcimenti posti a carico dell assicuratore. Ciò si giustifica con l usuale brevità del periodo di copertura.

34 La Base Tecnica del Rischio (1/7) IPOTESI (1/3) Si consideri un portafoglio di contratti di assicurazione riferiti ad un medesimo tipo di rischio IPOTESI: 1. I contratti siano tutti contemporaneamente stipulati 2. I contratti siano contraddistinti da un eguale periodo di copertura 3. Il portafoglio sia composto da rischi analoghi, con riferimento: 1) alle caratteristiche del rischio adeguatamente valutabili, all epoca di stipulazione del contratto, da parte dell assicuratore; 2) alle condizioni contrattuali di copertura 3) ai valori monetari di esposizione al rischio (ad esempio i valori dei beni assicurati o i massimali di garanzia)

35 La Base Tecnica del Rischio (2/7) IPOTESI (2/3) In tali ipotesi i rischi del portafoglio sono tra loro : -qualitativamente e quantitativamente omogenei rispetto ai suddetti elementi ; -eterogenei rispetto ad eventuali caratteristiche non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto (ad esempio, nell assicurazione di responsabilità civile autoveicoli: il comportamento alla guida, la conoscenza del codice, i chilometri annui percorsi,..)

36 La Base Tecnica del Rischio (3/7) IPOTESI (3/3) Si scelga a caso un rischio nel portafoglio e sia X = N i= 0 il risarcimento globale a carico dell'assicuratore, con Y i = φ(z i ). ULTERIORI IPOTESI (semplificatrici della realtà): 1. il numero di sinistri, N, e il danno Z i (e quindi, il risarcimento Y i ) relativo all i-esimo (i=0,1, ; ; Z 0 0) sinistro, in ordine cronologico, siano tra loro indipendenti; 2. per ogni determinazione k (k (k 0) (e quindi, i risarcimenti Y,Y 1 2,,Y k identicamente distribuiti Y i, 0) della v.a. N, i danni Z 1, Z 2,, Z k ) siano tra loro indipendenti ed

37 La Base Tecnica del Rischio (4/7) FUNZIONE DI RIPARTIZIONE DEL Indicato con: RISARCIMENTO GLOBALE -F Z (rispettivamente, F Y ) la funzione di ripartizione del danno Z (rispettivamente, del risarcimento Y) -F N la funzione di ripartizione del numero di sinistri N funzione di ripartizione del risarcimento globale F X ( x) = + k= 0 p k F k* Y ( x), per ogni x 0 p k k = Pr{N = k} k* FY ( x) = Pr Yi x i= 0

38 La Base Tecnica del Rischio (5/7) CONVOLUZIONE Convoluzione k-esima di F Y F k* Y ( x) k = Pr i= 0 Y i x, con F Y 0* = 1 per ogni x 0 èla funzione di ripartizione della somma di k importi aleatori non negativi, indipendenti e identicamente distribuiti

39 La Base Tecnica del Rischio (6/7) La Base Tecnica del Rischio èla distribuzione di probabilità del risarcimento globale X Le distribuzioni di probabilità del numero di sinistri N e del danno Z costituiscono la base tecnica del rischio.

40 La Base Tecnica del Rischio (7/7) FUNZIONE DI RIPARTIZIONE DEL RISARCIMENTO In forza della relazione esistente tra danno e risarcimento, la funzione di ripartizione F (quindi, Y la F Y k* per k 1) è costruita a partire: dalla funzione di ripartizione del danno, F Z dalla funzione di risarcimento, φ

41 LE ASSICURAZIONI CONTRO I DANNI I modelli probabilistici per le variabili aleatorie

42 La distribuzione di probabilità del numero di sinistri N: variabile aleatoria che rappresenta il numero di sinistri, le cui possibili determinazioni sono i numeri naturali Individuare i modelli probabilistici più adeguati per descrivere la distribuzione di probabilità del numero di sinistri N N è rappresentata da una distribuzione di probabilità discreta {k, p ; k = 0,1,2, } k possibili determinazioni probabilità

43 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Modelli più frequentemente adottati (1) distribuzione di Poisson; (2) distribuzione di Poisson doppia; (3) distribuzione mistura finita di Poisson; (4) distribuzione binomiale negativa; (5) distribuzione mistura di Poisson: a) modello Poisson-gamma b) modello Poisson-gaussiana inversa

44 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione di Poisson di parametro positivo λ p k = e λ k λ k! Propensione al sinistro: numero atteso di sinistri che colpiscono il rischio nel periodo di copertura PROPRIETÀ della distribuzione di Poisson la distribuzione di Poisson soddisfa la formula ricorrente p k λ = pk 1, k = 1,2,... k, con p 0 = e -λ

45 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI INCONVENIENTE della distribuzione di Poisson E(N) = var(n) = λ Mentre le usuali evidenze empiriche mostrano varianza più elevata del valor medio DISTRIBUZIONE DI POISSON DOPPIA

46 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione di Poisson doppia di parametri positivi ε, λ 1 e λ 2, con 0 < ε < 1 p k = ε e λ 1 k 1 λ k! (1 ) + ε e λ PROPRIETÀ: Valore atteso e Varianza E(N) = ε λ 1 + (1-ε) λ 2 2 k λ 2 k! Combinazione lineare di 2 variabili di Poisson var(n) = ελ 1 + (1-ε) λ 2 + ε (1-ε) ) (λ( 1 + λ 2 ) 2. E(N) Componente positiva che fa risultare la varianza superiore alla media

47 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI La distribuzione di Poisson doppia è adatta a rappresentare il numero di sinistri nell ipotesi che il portafoglio sia costituito da rischi caratterizzati da 2 diverse propensione al sinistro ESEMPIO Portafoglio costituito: - da una percentuale ε di rischi buoni (vale a dire, con propensione al sinistro λ 1 ) - da una percentuale 1-ε di rischi cattivi (con propensione al sinistro λ 2, essendo λ 2 > λ 1 ). Dove la differenza tra i primi ed i secondi è dovuta ad alcune caratteristiche del rischio non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione dei contratti.

48 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura finita di Poisson di parametri positivi ε j e λ j (j=1,2,,m),,m), con ε. j j =1 Generalizziamo il ragionamento precedente considerando una mistura di m distribuzioni poissoniane, con m numero intero non inferiore a due = m j= 1 p k = ε1 e λ 1 k λ1 k! ε E (N) ε λ ; var(n) ε λ + ε λ. j j m e λ m λ k m k! MEDIA E VARIANZA m m m = j j j j= 1 j= 1 j= 1 j 2 Componente aggiuntiva

49 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione Binomiale Negativa di parametri positivi r e q, con 0 < q < 1 dove è r + k 1 = k p (r) k! k k, r + k 1 = q k r (1 q) k con (r) = r(r+1) (r+k k (r+k-1) e, in particolare, (r) = 1 0, PROPRIETÀ della distribuzione di Poisson la distribuzione Binomiale Negativa soddisfa la formula ricorrente (1 q)(r + k 1) k = pk, k = k p 1 1, 2,..., con p 0 = q r

50 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione Binomiale Negativa MEDIA E VARIANZA E(N) r(1 q) r(1 q) =, var(n) =. 2 q q var(n) > E(N) (Ricordiamo che 0 < q < 1)

51 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson di parametro aleatorio positivo Λ p k = + 0 p k ( λ) dfλ ( λ), p k ( λ) = Pr λ k! λ { N = k Λ = λ} = e, k Funzione peso (della mistura) funzione di ripartizione F Λ del parametro Λ,, con F (0) = 0 Λ Λ : variabile aleatoria che rappresenta la diversa propensione dei rischi presenti nel portafoglio assicurativo F Λ si prefigge di descrivere l eterogeneitl eterogeneità dei rischi del portafoglio attribuibile ad alcune caratteristiche non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto

52 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson OSSERVAZIONE: rappresenta l estensione, al caso continuo, della mistura finita di Poisson. MEDIA E VARIANZA E(N) = E[E(N Λ)] = E(Λ) var(n) = E(Λ) ) + var(λ) var(n) > E(N) e la differenza è data da var(λ), aspetto positivo per il modello

53 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson Scelta delle Funzione Peso: MODELLO POISSON-GAMMA Se il parametro Λ è rappresentato da una distribuzione gamma di parametri positivi α e β, con densità (per λ > 0): f Λ ( λ) = α β Γ( α) λ α 1 βλ e, Funzione gamma Γ + u 1 x ( u) = x e dx 0 integrale finito per u > 0

54 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAMMA p k = α β Γ( α) k! + 0 λ α + k 1 = k α+ k 1 β β + e 1 ( β+ 1) λ α dλ 1 β + 1 k. equivale ad assumere che il numero di sinistri, N, abbia distribuzione binomiale negativa β di parametri r e q, con r = α e q = β + 1

55 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAMMA OSSERVAZIONE Differenza tra il Modello Poisson-gamma e la distribuzione Binomiale Negativa: nel modello Poisson-gamma il numero dei sinistri (aleatorio) è rappresentato da un parametro aleatorio in grado di dare maggiore flessibilità (possibilità di scelta dei parametri della funzione peso) MEDIA E VARIANZA α α ( β + 1) E ( N ) =, var( N ) =. 2 β β

56 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson Scelta delle Funzione Peso: MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA Se il parametro Λ è rappresentato da una distribuzione gaussiana inversa di parametri positivi ν e ς, con densità (per λ > 0): f Λ ( λ) = ν 2πζλ 3 e ( λ ν) 2ζλ 2.

57 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA k k 1 ν (k 1+ j)! ζ p p (1 2 ) 2 k = 0 + ζ k! (k 1 j)! j! 2ν j= 0 per k=1,2, j k+ j, con p 0 = e ν (1 1+ 2ζ ) ζ.

58 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA PROPRIETÀ La distribuzione Poisson-gaussiana inversa soddisfa (per k = 2,3, ) ) la formula ricorrente ς(2k 3) ν pk = pk 1 + pk 2 (1 + 2ς)(k 1) (1 + 2ς)k(k 1) 2, con p1 = p0 1 ν + 2ς

59 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA MEDIA E VARIANZA E(N) = ν var(n) = ν (1+ς). var(n) > E(N)

60 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE DELLE DISTRIBUZIONI Coefficiente di asimmetria γ ( N ) = E[( N E( N )) 3/ 2 [var( N )] 3 ] Le distribuzioni del numero di sinistri osservate in pratica, seppur con differenze non trascurabili tra i vari rami danni, sono tipicamente caratterizzate da asimmetria positiva. I modelli presi in considerazione per descrivere la distribuzione del numero di sinistri presentano un coefficiente di asimmetria positivo per qualunque valore possa essere assunto dai parametri del modello

61 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Coefficienti di asimmetria a confronto 1 γ(n) = distribuzione di Poisson λ 2 q γ ( N ) = distribuzione Binomiale negativa r(1 q) γ(n) = ψ ( σ μ) σ μ + σ μ, distribuzione Mistura di Poisson - con μ = E(N), σ = [var(n)] ½ ; - mentre la costante reale ψ dipende dalla distribuzione del parametro Λ

62 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Coefficienti di asimmetria a confronto γ(n) = ψ ( σ μ) 3 2, 3 σ μ + σ μ con μ = E(N), σ = [var(n)] ½ e distribuzione Mistura di Poisson ψ = 2 MODELLO POISSON-GAMMA ψ = 3 MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA

63 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Il modello Poisson-gaussiana inversa presenta (a parità di valore atteso e di varianza) una maggiore asimmetria (positiva) rispetto al modello Poisson-gamma. Il modello Poisson-gaussiana inversa realizza frequentemente un migliore adattamento ai dati osservati

64 La distribuzione di probabilità del danno Z i : variabile aleatoria che rappresenta il danno relativo all i-esimo sinistro, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali Individuare i modelli probabilistici più adeguati per descrivere la distribuzione di probabilità del danno Z IPOTESI: Z è rappresentata da una distribuzione di probabilità continua e dotata di densità f Z (x) continua per ogni x > 0

65 La distribuzione del danno MODELLI PROBABILISTICI Modelli più frequentemente adottati (1) distribuzione Esponenziale; (2) distribuzione di Weibull; (3) distribuzione Gamma; (4) distribuzione Lognormale; (5) distribuzione di Pareto: (6) distribuzione mistura di Esponenziali a) modello Esponenziale-gamma

66 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE di parametro positivo v f Z ( x) = v e vx Reciproco del danno atteso relativo a un sinistro che colpisce il contratto nel periodo di copertura MEDIA E VARIANZA 1 E( Z) = var( Z ) = 2 v v 1

67 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE PROPRIETÀ della distribuzione Esponenziale Proprietà di mancanza di memoria: se Z ha distribuzione esponenziale di parametro v anche (Z c) Z > c ha distribuzione esponenziale di parametro v OSSERVAZIONE: La proprietà di mancanza di memoria risulta utile in coperture assicurative caratterizzate dalla presenza di una franchigia assoluta

68 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE DI WEIBULL di parametri positivi v e δ f Z ( x) = v δ x δ 1 e vx δ OSS: Posto δ = 1 si ha la distribuzione esponenziale di parametro v MEDIA E VARIANZA E( Z) = var( Z) = 1 v 1 v 1/ δ 1/ δ 1 Γ 1 + δ 2 Γ 1 + δ Γ δ 2

69 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE GAMMA di parametri positivi α e v f Z ( x) = α v Γ( α) OSS: Posto α = 1 si ha la distribuzione esponenziale di parametro v MEDIA E VARIANZA x α E( Z) = v α var( Z) = 2 v α 1 e vx

70 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE LOGNORMALE di parametri μ e σ,, con σ > 0 f Z (log x μ ) 1 2 2σ ( x) = e 2π σ x 2 MEDIA E VARIANZA 2 σ ( )( ) μ μ+ σ σ 1 E ( Z) = e var( Z) = e e

71 La distribuzione del danno LA DISTRIBUZIONE LOGNORMALE OSSERVAZIONE In base al teorema centrale del limite, la distribuzione lognormale è adatta a rappresentare il danno nell ipotesiipotesi (poco realistica) che esso sia generato da un numero sufficientemente grande di caratteristiche del rischio: - indipendenti, - identicamente distribuite - operanti in senso moltiplicativo

72 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE DI PARETO di parametri positivi η e θ ηθ ( θ + x) η f ( ) = Z x η + 1 MEDIA E VARIANZA θ E( Z) =, se η > η var( ) = ηθ Z, se > 2 ( η 1) ( η 2) η 2

73 La distribuzione del danno LA DISTRIBUZIONE DI PARETO PROPRIETÀ della distribuzione di Pareto se Z ha distribuzione di Pareto di parametri η e θ (Z c) Z > c ha distribuzione di Pareto di parametri η e θ + c OSSERVAZIONE: Ancora una volta (analogamente al caso della distribuzione Esponenziale), è evidente l utilità di tale proprietà in coperture assicurative caratterizzate dalla presenza di una franchigia assoluta

74 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE MISTURA DI ESPONENZIALI di parametro aleatorio positivo V f Z + 0 ( x) = f ( x v) df ( v Z V V ) f Z V ( x v) = v e vx Funzione peso (della mistura) funzione di ripartizione F V del parametro V, con F (0) = 0 V

75 La distribuzione del danno MISTURA DI ESPONENZIALI (1/5) V : variabile aleatoria che rappresenta il reciproco del danno atteso relativo a un sinistro che colpisce il contratto nel periodo di copertura (funzione peso) si prefigge di descrivere l eterogeneitl eterogeneità dei rischi del portafoglio relativa all importo dei sinistri ed attribuibile ad alcune caratteristiche del rischio non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto F V

ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI ATTUARIO ANNO 2013 II SESSIONE PROVA PRATICA BUSTA N. 1

ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI ATTUARIO ANNO 2013 II SESSIONE PROVA PRATICA BUSTA N. 1 ANNO 2013 II SESSIONE BUSTA N. 1 TECNICA ATTUARIALE DELL ASSICURAZIONE SULLA VITA Il candidato predisponga la Relazione Tecnica sulla Tariffa (Nota Tecnica), in base all allegato riportato nel regolamento

Dettagli

Matematica Attuariale

Matematica Attuariale Matematica Attuariale Insieme di modelli matematici relativi all attività assicurativa. Attività assicurativa: attività economica consistente nella gestione dei rischi trasferiti ad un assicuratore da

Dettagli

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 LE ASSICURAZIONI Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 I RISCHI SPECULATIVI o FINANZIARI; variabilità dei risultati attesi, in senso favorevole o sfavorevole per chi vi è

Dettagli

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 L assicurazione vita Contratto Assicurativo Assicurazioni Vita: Gestione professionale dei rischi In un contratto di assicurazione

Dettagli

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI Si nota un trend complessivo di crescita dei prodotti Vita con un rallentamento nel 2011. I prodotti vita tradizionali rappresentano oltre 80% dei premi

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata INA ASSITALIA PRIMO Piano pensionistico

Dettagli

Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Economia. I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative

Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Economia. I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative 1 Le passività della compagnia di assicurazione La

Dettagli

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol Il pricing dei prodotti assicurativi Convegno ADEIMF, Ancona 18 gennaio 2008 assicurazioni danni: il premio L origine della parola premio è legata al trasporto

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ATTUARIO ANNO 2012 II SESSIONE PROVA PRATICA. BUSTA N.

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ATTUARIO ANNO 2012 II SESSIONE PROVA PRATICA. BUSTA N. ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ATTUARIO ANNO 2012 II SESSIONE PROVA PRATICA BUSTA N. 1 (estratta) Il candidato predisponga un elaborato in merito ad uno dei seguenti

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ISTRUZIONI APPLICATIVE SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI ALL INTERNO DEI RAMI DI ASSICURAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

le peculiarità di Wiener Oggi per Domani

le peculiarità di Wiener Oggi per Domani Oggi per Domani 2 le peculiarità di Wiener Oggi per Domani Contratto di assicurazione di rendita vitalizia differita con controassicurazione, rivalutabile per mezzo di partecipazione agli utili e Bonus

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked

Schema di Scheda sintetica dei contratti index linked ELENCO ALLEGATI Allegato 1 Schema di Scheda sintetica dei contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con partecipazione agli utili Allegato 2 Schema di Scheda sintetica dei contratti unit

Dettagli

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE.

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE. Il Ramo Vita 1 Puro rischio TCM 2 Puro Rischio TCM Garantiscono al Beneficiario un capitale in caso di decesso dell Assicurato entro un dato periodo di tempo. Il premio è calcolato in base: al sesso dell

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA?

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Crenca & Associati CORPORATE CONSULTING SERVICES RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Ufficio Studi Milano, 3 aprile 2008 Introduzione al Risk Management

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE

DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE DOCUMENTO RELATIVO ALLE RENDITE (ALLEGATO ALLA NOTA INFORMATIVA) Il presente documento disciplina, nei confronti dell aderente, l erogazione delle prestazioni pensionistiche in forma di rendita del Fondo

Dettagli

Martedì 2 dicembre. Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella

Martedì 2 dicembre. Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella Martedì 2 dicembre Assicurazioni ed altri strumenti Roberto Castella Cosa sono e perché esistono le assicurazioni? Le assicurazioni consentono all assicurato di «cedere un rischio» poco probabile, ma potenzialmente

Dettagli

COVERSIONE DEL CAPITALE IN UNA RENDITA VITALIZIA RITARDATA A cura di Luca Buratto

COVERSIONE DEL CAPITALE IN UNA RENDITA VITALIZIA RITARDATA A cura di Luca Buratto Introduzione COVERSIONE DEL CAPITALE IN UNA RENDITA VITALIZIA RITARDATA A cura di Luca Buratto L art. 1882 del Codice Civile stabilisce che «L assicurazione è il contratto con il quale l assicuratore,

Dettagli

Le operazioni di assicurazione

Le operazioni di assicurazione Le operazioni di assicurazione Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Lezione 1: Le operazioni di assicurazione Condizione di indifferenza Condizione di equità 2 Premio equo, premio

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI Allegato 1 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Le polizze vita. Trento, Giovedì 19 Novembre 2009

Le polizze vita. Trento, Giovedì 19 Novembre 2009 Le polizze vita Trento, Giovedì 19 Novembre 2009 Chi siamo Dott. Marco Picetti Dott. Matteo Picetti Studio di analisi e consulenza finanziaria indipendente Ifa Nordest. Consulenza finanziaria senza conflitti

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni UDB UDB Il ramo vita Definizioni che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. La legge 47/2000 la riforma del regime fiscale per le polizze vita: detrazione d imposta dei

Dettagli

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 1. Descrizione delle caratteristiche delle rendite da erogare stabilite dal Fondo a. Tipologia di Rendita:

Dettagli

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37 Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati cittadini e compagnie assicurative che obbligano queste ultime a liquidare un beneficiario con una somma oppure sotto forma di una rendita qualora

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

Le imprese di assicurazione e i fondi pensione

Le imprese di assicurazione e i fondi pensione Le imprese di assicurazione e i fondi pensione 3 giugno 2009 I rischi puri rischio puro eventualità negativa che può arrecare esclusivamente uno svantaggio al soggetto interessato Modalità per fronteggiare

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato GIAMPAOLO CRENCA Presidente Consiglio Nazionale Attuari Principal Actuary Crenca &

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) 961.711 dell 8 settembre 1993 (Stato 8 maggio 2001) Il Consiglio federale

Dettagli

FONDO PENSIONE QUADRI E CAPI FIAT DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

FONDO PENSIONE QUADRI E CAPI FIAT DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE FONDO PENSIONE QUADRI E CAPI FIAT DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Premessa Il Fondo Pensione Quadri e Capi Fiat ha stipulato in data 15/11/2005 con la società GENERALI VITA S.p.A. (di seguito indicata

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 Per l erogazione della rendita COMETA ha stipulato, al termine della selezione prevista dalla normativa, una convenzione assicurativa, in vigore fino al

Dettagli

Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione

Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione GLOSSARIO DEI TERMINI ASSICURATIVI Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione Aspettativa periodo di tempo che intercorre tra la data di stipulazione della

Dettagli

SCHEDA TECNICA SETTE MASSIMA CLIENT LUGLIO 2013

SCHEDA TECNICA SETTE MASSIMA CLIENT LUGLIO 2013 TARIFFA 7S09C - Assicurazione di capitale differito con controassicurazione a premio annuo rivalutabile con facoltà di versare premi unici aggiuntivi, con rivalutazione annua del capitale collegate alla

Dettagli

HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni. Roma, 20 maggio 2015

HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni. Roma, 20 maggio 2015 HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni Roma, 20 maggio 2015 Alcuni riferimenti giuridici - L assicurazione è un contratto con il quale l assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a rivalere

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED Allegato 2 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO UNIT LINKED Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA INFORMATIVA PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO. La presente Scheda

Dettagli

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali

L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative e proposte di soluzione: aspetti attuariali Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare LA SOLVIBILITÀ DEI FONDI PENSIONE: NORMATIVA ITALIANA E SITUAZIONE IN AMBITO UE L analisi del d. m. n. 259/2012: criticità interpretative

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità ***

La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** La compagnia di assicurazione: il tempo e la probabilità *** 1 - Premessa: La società come fattore di rischio L estensione dei tipi di contratti assicurativi ai rischi più disparati, ha trasformato la

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

A copertura dei mutui o dei finanziamenti erogati da una banca o da una finanziaria è possibile sottoscrivere specifiche polizze di assicurazione in grado di tutelare il rischio di eventi imprevisti che

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE BYBLOS - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE ED AFFINI E DELLE AZIENDE EDITORIALI DOCUMENTO SULL

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI POLIZZA 9.021.307 PER L EROGAZIONE DELLA RENDITA (PARZIALE O TOTALE)

SCHEDA DI SINTESI POLIZZA 9.021.307 PER L EROGAZIONE DELLA RENDITA (PARZIALE O TOTALE) SCHEDA DI SINTESI POLIZZA 9.021.307 PER L EROGAZIONE DELLA RENDITA (PARZIALE O TOTALE) Per l erogazione della rendita Fondo Pensioni del GRUPPO SANPAOLO IMI ha stipulato, al termine della selezione prevista

Dettagli

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE

SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE Allegato 4 SCHEMA DI SCHEDA SINTETICA CONTRATTO CON PARTECIPAZIONE AGLI UTILI DESTINATO AD ATTUARE UNA FORMA PENSIONISTICA INDIVIDUALE Inserire la seguente avvertenza: ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE

Dettagli

scheda sintetica contratto di rendita vitalizia differita rivalutabile

scheda sintetica contratto di rendita vitalizia differita rivalutabile scheda sintetica contratto di rendita vitalizia differita rivalutabile ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA INFORMATIVA PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL CONTRATTO. La presente Scheda sintetica non sostituisce

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Data ultimo aggiornamento: 07/2014

Data ultimo aggiornamento: 07/2014 TECNICA DESCRIZIONE POLIZZA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI E PERIODI DI CDARENZA ESCLUSIONI Assicurazione a termine fisso a capitale rivalutabile a premio annuo costante. È un prodotto rivolto ad una clientela

Dettagli

Prestazioni di rendita vitalizia

Prestazioni di rendita vitalizia Prestazioni di rendita vitalizia Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Rendita vitalizia in generale 2 3 4 5 Rendita vitalizia Una rendita vitalizia è una prestazione che prevede

Dettagli

1/12. 3 Il FONDO PENSIONE intende stipulare la convenzione di cui all art. 6, comma 2, del Decreto. Convengono e stipulano la seguente:

1/12. 3 Il FONDO PENSIONE intende stipulare la convenzione di cui all art. 6, comma 2, del Decreto. Convengono e stipulano la seguente: 1/12 ALLEGATO N. 3 al regolamento del fondo pensione aperto PREVIGEST FUND MEDIOLANUM condizioni e modalità di erogazione delle rendite Si riporta il testo integrale della convenzione per l assicurazione

Dettagli

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni SOCIETÀ PER AZIONI SEDE VIA IGNAZIO GARDELLA, 2-2149 MILANO - ITALIA CAPITALE SOCIALE EURO 67.378.924 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE E NUMERO D'ISCRIZIONE DEL REGISTRO IMPRESE DI MILANO 132951158 -

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Allegato alle Condizioni generali di contratto di Valore Pensione ed. 07/07 DOCUMENTO SULL EROGAZIONE

Dettagli

Prova scritta di. Matematica delle operazioni finanziarie. del 10.03.2007

Prova scritta di. Matematica delle operazioni finanziarie. del 10.03.2007 Prova scritta di Matematica delle operazioni finanziarie del 10.03.2007 Test a risposta multipla 15 domande 1 a domanda Una operazione finanziaria elementare certa è definita se si conoscono: a) i due

Dettagli

IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA INCONTRO PARTI SOCIALI 23/7/2015

IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA INCONTRO PARTI SOCIALI 23/7/2015 IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA INCONTRO PARTI SOCIALI 23/7/2015 PREMESSA IL FONDO PENSIONE E ARTICOLATO NELLA GESTIONE ORDINARIA E NELLA GESTIONE INTEGRATIVA CARATTERIZZATE DA NORME DIVERSE PER QUANTO

Dettagli

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack Ed. 09.2014 Key features Scenario economico Caratteristiche principali

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

OGGI PER DOMANI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE

OGGI PER DOMANI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE OGGI PER DOMANI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE SCHEDA PRODOTTO A) Assicurazione principale: OGGI PER DOMANI Assicurazione di rendita vitalizia differita con controassicurazione, rivalutabile per mezzo di partecipazione

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

16 Lezione CONTRATTO DI ASSICURAZIONE

16 Lezione CONTRATTO DI ASSICURAZIONE L'assicurazione è il contratto con il quale l'assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro ovvero

Dettagli

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack

BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack BG Stile Libero Polizza multiramo a premio unico Per investire sui mercati azionari con i plus del prodotto assicurativo Product Pack Key features Scenario economico Caratteristiche principali e tecniche

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP

Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP Appendice Richiesta dall Organo di Controllo-ISVAP IMPERUM Nota informativa B AVVERTENZE PER IL CONTRAENTE Questa polizza rientra nella categoria di polizze collegate a fondi di investimento denominate

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO

SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE SEZIONI DI INVESTIMENTO DURATA CONTRATTUALE LIMITI ASSUNTIVI QUESTIONARI PRESTAZIONE IN CASO DI VITA DELL ASSICURATO (capitale a scadenza) PRESTAZIONE IN CASO DI DECESSO DELL

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Avvertenza: questo documento ha lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Fascicolo Informativo Ed. 12/2010

Fascicolo Informativo Ed. 12/2010 Fascicolo Informativo Ed. 12/2010 Contratto di Assicurazione contro gli Infortuni Il presente Fascicolo informativo, contenente: 1. Nota Informativa al Contraente comprensiva del Glossario; 2. Condizioni

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO FONDO PENSIONE

CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea in Economia e Finanza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispondenti a 48 ore di lezione frontale e 24 ore di esercitazione) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 39 Introduzione Come si è detto,

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

Le polizze tradizionali non rivalutabili

Le polizze tradizionali non rivalutabili Capitolo 3 Le polizze tradizionali non rivalutabili 3.1 La legge di equivalenza intertemporale finanziario-attuariale Nell approccio attuariale tradizionale italiano si considera una legge di equivalenza

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

RICHIESTA DI DIFFERIMENTO DELLA SCADENZA CONTRATTUALE

RICHIESTA DI DIFFERIMENTO DELLA SCADENZA CONTRATTUALE RICHIESTA DI DIFFERIMENTO DELLA SCADENZA CONTRATTUALE CON LE 5 AREE DI GARANZIA LA TRANQUILLITÀ È ASSICURATA! RICHIESTA DI DIFFERIMENTO DELLA SCADENZA CONTRATTUALE Mod. 793/2013 Agenzia: / Data Polizza

Dettagli

Appendice. Classe Articolazione di un fondo/oicr in relazione alla politica commissionale adottata e ad ulteriori caratteristiche distintive.

Appendice. Classe Articolazione di un fondo/oicr in relazione alla politica commissionale adottata e ad ulteriori caratteristiche distintive. Appendice GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA Data di deposito in Consob del Glossario: 10/11/2011 Data di validità del Glossario: dal 14/11/2011 Appendice Documento che forma

Dettagli

CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA

CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA CONVENZIONE PER L ASSICURAZIONE DELLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA Il Fondo Pensioni Dirigenti del Gruppo Enel - Fondenel (di seguito definito FONDENEL), con sede

Dettagli

Prestazioni di capitale caso morte

Prestazioni di capitale caso morte Prestazioni di capitale caso morte Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline Assicurazione elementare caso morte 1 Assicurazione elementare caso morte 2 3 4 5 6 Assicurazione elementare

Dettagli

Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica

Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica Il nuovo sistema integrato di informazione giuridica Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Regolamento del 16 marzo 2009, n. 29 Regolamento concernente le istruzioni

Dettagli

catalogo prodotti vita

catalogo prodotti vita EDIZIONE MARZO 2011 catalogo prodotti vita investimento risparmio previdenza protezione indice (cliccare sulla sezione desiderata) Matrice prodotti Schede tecniche e argomentari di vendita AREA INVESTIMENTO

Dettagli

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010)

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010) Allegato 5 Società... PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010) Esercizio... (valori in migliaia di euro) Rami

Dettagli

e, p.c. 1. Abbreviazione dei termini per la trasmissione dei dati statistici all Autorità.

e, p.c. 1. Abbreviazione dei termini per la trasmissione dei dati statistici all Autorità. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 25 marzo 2010 Prot. n. All.ti n. 36-10-000014 vari Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI

Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZI DI VIGILANZA I E II Roma 29 aprile 2011 Prot. n. 19-11-001801 All.ti n. vari Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese di assicurazione

Dettagli

TUTELA PIU FORTE. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

TUTELA PIU FORTE. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. Generali Italia S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Fondi Complementari FondoSanità

Fondi Complementari FondoSanità Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Fondi Complementari FondoSanità Dott. Ugo Tamborini Segretario Provinciale SNAMI-Milano La previdenza in Italia Il sistema previdenziale italiano si basa

Dettagli

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione

I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della prestazione Aspetti interpretativi I sistemi di gestione finanziaria e di calcolo della Giovanni Di Nella Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Cassino, 8 Maggio 2015 Agenda Aspetti interpretativi

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

Pensione Concreta Private Edition ed ed 09/10 per far fruttare al al meglio il il risparmio previdenziale. Product pack

Pensione Concreta Private Edition ed ed 09/10 per far fruttare al al meglio il il risparmio previdenziale. Product pack Pensione Concreta Private Edition ed ed 09/10 per far fruttare al al meglio il il risparmio previdenziale Product pack Key features Caratteristiche principali Caratteristiche tecniche Opzioni finanziarie

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Corso Industriale di 1 Automazione Industriale 1 Capitolo 4 Analisi delle prestazioni tramite l approccio simulativo Aspetti statistici della simulazione: generazione

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it BREVE GUIDA ALLE TARIFFE DELL ASSICURAZIONE R.C.AUTO A cura dell ANIA - Il premio di assicurazione - Inversione del ciclo produttivo - Le

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli