ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea in Scienze Statistiche ed Economiche Corso in ECONOMIA DELLE ASSICURAZIONI Professoressa Chiara Parrini

2 Considerazioni generali sulle imprese di assicurazione (1/2) L art del Codice Civile definisce il contratto di assicurazione come il contratto con il quale l assicuratore, l verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana. Assicurazioni contro i danni Assicurazioni sulla vita

3 Considerazioni generali sulle imprese di assicurazione (2/2) Assicurazioni contro i danni Assicurazioni sulla vita - Le prestazioni sono prevalentemente a carattere risarcitorio - Le prestazioni sono importi prefissati (o comunque determinabili in modo prefissato) - Breve durata contrattuale (in genere un anno) - Medio/lunga durata contrattuale (ad esempio alcune fanno riferimento all intera durata residua della vita umana) - Ripetibilità dell evento dannoso - Non ripetibilità dell evento

4 Le assicurazioni contro i danni (1/2) CLASSIFICAZIONE Con riferimento alle coperture che prevedono una prestazione avente carattere di risarcimento assicurazioni di danni a beni di proprietà (ad esempio rischio credito, furto, incendio e trasporti ) assicurazioni di responsabilità civile (ad esempio l assicurazione di responsabilità civile autoveicoli)

5 Le assicurazioni contro i danni (2/2) CLASSIFICAZIONE Nelle assicurazioni contro i danni si collocano inoltre alcune coperture riguardanti i danni alla persona Rischio infurtunio Rischio malattia Le assicurazioni contro i danni alla persona possono non avere carattere di risarcimento e prevedere, analogamente alle assicurazioni sulla vita, una prestazione di importo prefissato in conseguenza di un infortunio o di una malattia.

6 Rami Danni in Italia (decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 175) (1) infortuni (compresi infortuni sul lavoro e malattie professionali); (2) malattia; (3) corpi di veicoli terrestri (esclusi quelli ferroviari); (4) corpi di veicoli ferroviari; (5) corpi di veicoli aerei; (6) corpi di veicoli marittimi, lacustri e fluviali; (7) merci trasportate (compresi merci, bagagli ed ogni altro bene); (8) incendio ed elementi naturali (in particolare, i danni causati da un incendio, da un esplosione e da una tempesta); (9) altri danni ai beni (in particolare, i danni causati dalla grandine, dal gelo e dal furto); (10) responsabilità civile autoveicoli terrestri; (11) responsabilità civile aeromobili; (12) responsabilità civile veicoli marittimi, lacustri e fluviali; (13) responsabilità civile generale; (14) credito (compresi credito all esportazione, vendite a rate, credito agricolo e perdite patrimoniali derivanti da insolvenze); (15) cauzione (diretta o indiretta); (16) perdite pecuniarie di vario genere (in particolare, i rischi relativi all occupazione e la perdita di fitti o di redditi); (17) tutela giudiziaria; (18) assistenza.

7 Le assicurazioni sulla durata vita Contratto mediante il quale l assicurato versa, anticipatamente, uno o più premi, affinché la Compagnia di Assicurazione si impegni a pagare uno o più capitali, al verificarsi di eventi legati alla sopravvivenza o alla premorienza di un individuo o gruppo di individui. Nella polizza si individuano: Assicuratore: impresa (autorizzata) che si impegna ad erogare il capitale assicurato al verificarsi dell evento/i considerati, Contraente: soggetto che stipula il contratto e paga il premio, Assicurato/i: testa/e a cui si riferiscono gli eventi assicurati, Beneficiario: soggetto a cui verranno pagate le somme assicurate.

8 Le assicurazioni sulla durata vita CLASSIFICAZIONE DEI CONTRATTI Una prima classificazione di base è prevista dal decreto legislativo 174 del 1995 il quale classifica i contratti in 6 rami: I - Le assicurazioni sulla durata della vita umana. II - Le assicurazioni di nuzialità, le assicurazioni di natalità. III - Le assicurazioni di cui ai punti I e II connesse con fondi di investimento. IV - L'assicurazione malattia di cui all'art. 1, numero 1, lettera d), della direttiva CEE n. 79/267 del 5 marzo V - Le operazioni di capitalizzazione di cui all'art. 40 del presente decreto. VI - Le operazioni di gestione di fondi collettivi costituiti per l'erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell'attività lavorativa.

9 Le assicurazioni sulla durata vita I TIPI DI POLIZZA Polizze TRADIZIONALI: Prestazioni e premi monetariamente predeterminati (livelli costanti o variabili in modo prefissato) alla stipulazione del contratto. Polizze FLESSIBILI: non c è predeterminazione monetaria degli importi assicurati, si fissano delle regole di determinazione degli stessi.

10 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE TRADIZIONALI Assicurazione di capitale in caso di vita: Capitale differito Rendite in caso di vita: Rendita vitalizia: Anticipata/posticipata Temporanea Differita Frazionata Con rate in progressione aritmetica Assicurazioni di capitale in caso di morte: Assicurazione a vita intera Assicurazione temporanea e differita Assicurazione di annualità Assicurazioni miste: Mista semplice Mista doppia Mista a capitale raddoppiato Semi-mista

11 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (1/3) Tipi di flessibilità nelle prestazioni Connessione ad indicatori economico-finanziari interni o esterni alla Compagnia: Rendimento delle investimenti collegati alle riserve matematiche, Inflazione, Indici di borsa. Opportunità fornita al contraente di variare le condizioni contrattuali: Livello dei premi, Sospensione del pagamento dei premi, Eventuali prelevamenti di quote della riserva matematica.

12 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (2/3) MOTIVAZIONI Inflazione Rendimento investimenti/tasso tecnico Partecipazione degli assicurati all utile della Compagnia Concorrenza sul mercato finanziario ALCUNI ESEMPI Assicurazioni indicizzate: Assicurazioni rivalutabili: Garantisce la protezione totale del potere d acquisto delle somme assicurate Viene retrocesso agli assicurati parte dell utile finanziario della Compagnia dietro adeguamento del premio

13 Le assicurazioni sulla durata vita LE POLIZZE FLESSIBILI (3/3) UNIT e INDEX LINKED Forme assicurative caratterizzate da una diretta dipendenza dalle prestazioni al valore di un fondo o di un indice azionario o altro valore di riferimento. POLIZZA UNIT-LINKED POLIZZA INDEX-LINKED

14 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (1/4) Assicurazioni di danni a beni di proprietà V: massimo danno possibile, distribuzione totale del bene. V : valore del bene all epoca di stipulazione del contratto. > V = V < L: massimo danno probabile ( maximum( probable loss ) estremo superiore degli importi ai quali viene soggettivamente attribuita una probabilità positiva di verificarsi. L V

15 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (2/4) Assicurazioni di danni a beni di proprietà Copertura totale l assicurato decide di assicurare il bene per l intero valore, V la scelta è fatta dall assicurato in base allo stato di informazione a sua disposizione all epoca di stipulazione del contratto Copertura parziale l assicurato decide di assicurare il bene per un valore, V', inferiore all intero valore Sottoassicurazione ad esempio il massimo danno probabile

16 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (3/4) Assicurazioni di responsabilità civile Non essendo specificato un bene di riferimento, non risulta individuabile un valore in grado di rappresentare il massimo danno possibile 1) assicurazione a garanzia illimitata risarcimento del danno senza alcuna limitazione Copertura totale del rischio 2) assicurazione con massimale di garanzia risarcimento del danno stabilito nei limiti di un importo, M, prefissato, denominato massimale di garanzia Copertura parziale del rischio

17 Le assicurazioni contro i danni Condizioni Contrattuali di Copertura (4/4) Assicurazioni di responsabilità civile L introduzione del massimale di garanzia (eventualmente posto eguale al massimo danno probabile) si prefigge di contenere, entro un limite ragionevole, l esposizione monetaria al rischio dell assicuratore. Obiettivo importante per il rapporto assicurativo, in assenza di un valore rappresentativo del massimo danno possibile.

18 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura FRANCHIGIA (1/2) Clausola frequentemente utilizzata sia nelle assicurazioni di danni a beni di proprietà che nelle assicurazioni di responsabilità civile Franchigia di valore di importo f i danni di importo non superiore a f non vengano risarciti, mentre i danni di importo superiore a f, vengano risarciti: Parzialmente, per l eccedenza rispetto ad f, FRANCHIGIA ASSOLUTA Integralmente, FRANCHIGIA RELATIVA

19 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura FRANCHIGIA (2/2) Franchigia di valore Nell assicurazione di danni a beni di proprietà, risulta frequente esprimere la franchigia in percentuale del valore del bene assicurato (soprattutto nelle assicurazioni contro il rischio di incendio e nelle assicurazioni delle merci trasportate). Franchigia temporale generalmente espressa in numero di giorni Una franchigia di durata t (giorni) indica il fissato numero di giorni, a partire dalla data di accadimento del sinistro, durante i quali la garanzia non è operante. (assicurazioni contro il rischio di incendio, assicurazioni dei danni indiretti da guasti alle macchine, assicurazioni sulla salute)

20 Clausola utilizzata soprattutto nelle coperture contro il rischio di insolvenza dei crediti commerciali OSSERVAZIONE: Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura SCOPERTO Viene fissata un aliquota ξ (0 < ξ < 1) del rischio (quindi del risarcimento relativo ad un sinistro) posta a carico dell assicurato In un assicurazione di danni a beni di proprietà, la clausola di scoperto corrisponde formalmente ad una copertura assicurativa a valore parziale. In questo caso, però, la situazione di sottoassicurazione deriva da una decisione dell assicuratore e non da una scelta dell assicurato

21 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura OBIETTIVI 1. L obiettivo prioritario è ridurre il valore atteso dei risarcimenti 2. La franchigia, eliminando i piccoli sinistri ( small claims ), generalmente numerosi, è in grado di realizzare una riduzione delle spese di gestione connesse alla liquidazione dei sinistri Sostanzialmente le clausole contrattuali producono una (talvolta rilevante) diminuzione del prezzo della copertura assicurativa

22 Le assicurazioni contro i danni Clausole Contrattuali di Copertura EFFETTO PSICOLOGICO Le clausole contrattuali corresponsabilizzano l assicurato sollecitandolo ad adottare tutte le precauzioni possibili ai fini della prevenzione dei sinistri riducono il Fenomeno del Moral Hazard rischio, per l assicuratore, di un aumento della sinistrosità derivante da un imprudente comportamento dell assicurato.

23 Le assicurazioni contro i danni ULTERIORI CLAUSOLE CONTRATTUALI Assicurazioni sulla salute: rischio infortunio e rischio malattia a) Periodo di carenza iniziale ( waiting period ) arco di tempo, susseguente la stipula del contratto, che esclude dalla copertura assicurativa le malattie che in esso si manifestano Contiene i costi e contrasta, almeno parzialmente, gli effetti del fenomeno di antiselezione b) Periodo di qualificazione (in genere breve: qualche settimana) arco di tempo, a partire dal verificarsi della malattia o dall insorgere dell incapacità lavorativa, necessario affinché l assicurato sia titolato a percepire il beneficio Tale periodo opera come franchigia relativa. Può essere incluso nel periodo di franchigia (rendite o diarie)

24 LE ASSICURAZIONI CONTRO I DANNI La base tecnica del rischio

25 Sinistri, danni e risarcimenti (1/2) Nel periodo di copertura, in genere un anno, il contratto di assicurazione è colpito da un numero aleatorio, N, di sinistri. Ciascun sinistro determina un danno di importo aleatorio. Sia Z i il danno derivante dall i-esimo (i=1,2, ) sinistro in ordine cronologico. N: variabile aleatoria che rappresenta il numero di sinistri, le cui possibili determinazioni sono i numeri naturali Z i : variabile aleatoria che rappresenta il danno relativo all i-esimo sinistro, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali

26 Sinistri, danni e risarcimenti (2/2) In corrispondenza del danno Z i l assicuratore effettua, a beneficio dell assicurato, il pagamento dell importo aleatorio Y, i denominato risarcimento. Relazione tra il Danno ed il Risarcimento Y i = ϕ ( Z i ) Funzione di risarcimento: rappresentativa delle condizioni contrattuali di copertura (ovviamente 0 Y i Z i )

27 Funzione di risarcimento (1/6) ESEMPIO (1/6) Y = Z Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che garantisce il risarcimento dell intero importo del danno determinato da un sinistro copertura a valore intero, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura a garanzia illimitata, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile

28 Funzione di risarcimento (2/6) ESEMPIO (2/6) Y Z = M se se Z M Z > M Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che garantisce il risarcimento del danno nei limiti di un importo prefissato M o, equivalente mente Y = min (Z, M), copertura a primo rischio assoluto, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura con massimale di garanzia, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile

29 Funzione di risarcimento (3/6) ESEMPIO (3/6) Y 0 = Z f se se Z Z > f f o, anche Y = max (0, Z f ), Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con franchigia assoluta (di importo f).

30 Funzione di risarcimento (4/6) ESEMPIO (4/6) Y = 0 Z se se Z Z > f f Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con franchigia relativa (di importo f).

31 Funzione di risarcimento (5/6) ESEMPIO (5/6) 0 se Z f Y = Z f se f < Z M o, Y = min[ max (0, Z f ), M f ], M f se Z > M Funzione di risarcimento rappresentativa di una copertura che, in presenza di una franchigia assoluta (di importo f), garantisce il risarcimento del danno nei limiti di un importo prefissato M copertura a primo rischio assoluto con franchigia assoluta, nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà copertura con massimale di garanzia e franchigia assoluta, nel caso di un assicurazione di responsabilità civile.

32 Funzione di risarcimento (6/6) ESEMPIO (6/6) Y = (1 ξ) Z, con 0 < ξ < 1 Funzione di risarcimento rappresentativa, sia nel caso di un assicurazione di danni a beni di proprietà sia nel caso di un assicurazione di responsabilità civile, di una copertura con scoperto (di aliquota ξ).

33 Il risarcimento globale X = Y 1 + Y Y N se se N N = 0 1 o, anche, X N i= 0 = Y, dove Y 0 è l importo certo nullo. i X: variabile aleatoria che rappresenta il risarcimento globale, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali non negativi. NOTA: Si evidenzia che è trascurata la componente finanziaria relativa alla diversa collocazione temporale dei sinistri e dei conseguenti risarcimenti posti a carico dell assicuratore. Ciò si giustifica con l usuale brevità del periodo di copertura.

34 La Base Tecnica del Rischio (1/7) IPOTESI (1/3) Si consideri un portafoglio di contratti di assicurazione riferiti ad un medesimo tipo di rischio IPOTESI: 1. I contratti siano tutti contemporaneamente stipulati 2. I contratti siano contraddistinti da un eguale periodo di copertura 3. Il portafoglio sia composto da rischi analoghi, con riferimento: 1) alle caratteristiche del rischio adeguatamente valutabili, all epoca di stipulazione del contratto, da parte dell assicuratore; 2) alle condizioni contrattuali di copertura 3) ai valori monetari di esposizione al rischio (ad esempio i valori dei beni assicurati o i massimali di garanzia)

35 La Base Tecnica del Rischio (2/7) IPOTESI (2/3) In tali ipotesi i rischi del portafoglio sono tra loro : -qualitativamente e quantitativamente omogenei rispetto ai suddetti elementi ; -eterogenei rispetto ad eventuali caratteristiche non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto (ad esempio, nell assicurazione di responsabilità civile autoveicoli: il comportamento alla guida, la conoscenza del codice, i chilometri annui percorsi,..)

36 La Base Tecnica del Rischio (3/7) IPOTESI (3/3) Si scelga a caso un rischio nel portafoglio e sia X = N i= 0 il risarcimento globale a carico dell'assicuratore, con Y i = φ(z i ). ULTERIORI IPOTESI (semplificatrici della realtà): 1. il numero di sinistri, N, e il danno Z i (e quindi, il risarcimento Y i ) relativo all i-esimo (i=0,1, ; ; Z 0 0) sinistro, in ordine cronologico, siano tra loro indipendenti; 2. per ogni determinazione k (k (k 0) (e quindi, i risarcimenti Y,Y 1 2,,Y k identicamente distribuiti Y i, 0) della v.a. N, i danni Z 1, Z 2,, Z k ) siano tra loro indipendenti ed

37 La Base Tecnica del Rischio (4/7) FUNZIONE DI RIPARTIZIONE DEL Indicato con: RISARCIMENTO GLOBALE -F Z (rispettivamente, F Y ) la funzione di ripartizione del danno Z (rispettivamente, del risarcimento Y) -F N la funzione di ripartizione del numero di sinistri N funzione di ripartizione del risarcimento globale F X ( x) = + k= 0 p k F k* Y ( x), per ogni x 0 p k k = Pr{N = k} k* FY ( x) = Pr Yi x i= 0

38 La Base Tecnica del Rischio (5/7) CONVOLUZIONE Convoluzione k-esima di F Y F k* Y ( x) k = Pr i= 0 Y i x, con F Y 0* = 1 per ogni x 0 èla funzione di ripartizione della somma di k importi aleatori non negativi, indipendenti e identicamente distribuiti

39 La Base Tecnica del Rischio (6/7) La Base Tecnica del Rischio èla distribuzione di probabilità del risarcimento globale X Le distribuzioni di probabilità del numero di sinistri N e del danno Z costituiscono la base tecnica del rischio.

40 La Base Tecnica del Rischio (7/7) FUNZIONE DI RIPARTIZIONE DEL RISARCIMENTO In forza della relazione esistente tra danno e risarcimento, la funzione di ripartizione F (quindi, Y la F Y k* per k 1) è costruita a partire: dalla funzione di ripartizione del danno, F Z dalla funzione di risarcimento, φ

41 LE ASSICURAZIONI CONTRO I DANNI I modelli probabilistici per le variabili aleatorie

42 La distribuzione di probabilità del numero di sinistri N: variabile aleatoria che rappresenta il numero di sinistri, le cui possibili determinazioni sono i numeri naturali Individuare i modelli probabilistici più adeguati per descrivere la distribuzione di probabilità del numero di sinistri N N è rappresentata da una distribuzione di probabilità discreta {k, p ; k = 0,1,2, } k possibili determinazioni probabilità

43 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Modelli più frequentemente adottati (1) distribuzione di Poisson; (2) distribuzione di Poisson doppia; (3) distribuzione mistura finita di Poisson; (4) distribuzione binomiale negativa; (5) distribuzione mistura di Poisson: a) modello Poisson-gamma b) modello Poisson-gaussiana inversa

44 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione di Poisson di parametro positivo λ p k = e λ k λ k! Propensione al sinistro: numero atteso di sinistri che colpiscono il rischio nel periodo di copertura PROPRIETÀ della distribuzione di Poisson la distribuzione di Poisson soddisfa la formula ricorrente p k λ = pk 1, k = 1,2,... k, con p 0 = e -λ

45 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI INCONVENIENTE della distribuzione di Poisson E(N) = var(n) = λ Mentre le usuali evidenze empiriche mostrano varianza più elevata del valor medio DISTRIBUZIONE DI POISSON DOPPIA

46 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione di Poisson doppia di parametri positivi ε, λ 1 e λ 2, con 0 < ε < 1 p k = ε e λ 1 k 1 λ k! (1 ) + ε e λ PROPRIETÀ: Valore atteso e Varianza E(N) = ε λ 1 + (1-ε) λ 2 2 k λ 2 k! Combinazione lineare di 2 variabili di Poisson var(n) = ελ 1 + (1-ε) λ 2 + ε (1-ε) ) (λ( 1 + λ 2 ) 2. E(N) Componente positiva che fa risultare la varianza superiore alla media

47 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI La distribuzione di Poisson doppia è adatta a rappresentare il numero di sinistri nell ipotesi che il portafoglio sia costituito da rischi caratterizzati da 2 diverse propensione al sinistro ESEMPIO Portafoglio costituito: - da una percentuale ε di rischi buoni (vale a dire, con propensione al sinistro λ 1 ) - da una percentuale 1-ε di rischi cattivi (con propensione al sinistro λ 2, essendo λ 2 > λ 1 ). Dove la differenza tra i primi ed i secondi è dovuta ad alcune caratteristiche del rischio non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione dei contratti.

48 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura finita di Poisson di parametri positivi ε j e λ j (j=1,2,,m),,m), con ε. j j =1 Generalizziamo il ragionamento precedente considerando una mistura di m distribuzioni poissoniane, con m numero intero non inferiore a due = m j= 1 p k = ε1 e λ 1 k λ1 k! ε E (N) ε λ ; var(n) ε λ + ε λ. j j m e λ m λ k m k! MEDIA E VARIANZA m m m = j j j j= 1 j= 1 j= 1 j 2 Componente aggiuntiva

49 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione Binomiale Negativa di parametri positivi r e q, con 0 < q < 1 dove è r + k 1 = k p (r) k! k k, r + k 1 = q k r (1 q) k con (r) = r(r+1) (r+k k (r+k-1) e, in particolare, (r) = 1 0, PROPRIETÀ della distribuzione di Poisson la distribuzione Binomiale Negativa soddisfa la formula ricorrente (1 q)(r + k 1) k = pk, k = k p 1 1, 2,..., con p 0 = q r

50 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione Binomiale Negativa MEDIA E VARIANZA E(N) r(1 q) r(1 q) =, var(n) =. 2 q q var(n) > E(N) (Ricordiamo che 0 < q < 1)

51 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson di parametro aleatorio positivo Λ p k = + 0 p k ( λ) dfλ ( λ), p k ( λ) = Pr λ k! λ { N = k Λ = λ} = e, k Funzione peso (della mistura) funzione di ripartizione F Λ del parametro Λ,, con F (0) = 0 Λ Λ : variabile aleatoria che rappresenta la diversa propensione dei rischi presenti nel portafoglio assicurativo F Λ si prefigge di descrivere l eterogeneitl eterogeneità dei rischi del portafoglio attribuibile ad alcune caratteristiche non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto

52 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson OSSERVAZIONE: rappresenta l estensione, al caso continuo, della mistura finita di Poisson. MEDIA E VARIANZA E(N) = E[E(N Λ)] = E(Λ) var(n) = E(Λ) ) + var(λ) var(n) > E(N) e la differenza è data da var(λ), aspetto positivo per il modello

53 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson Scelta delle Funzione Peso: MODELLO POISSON-GAMMA Se il parametro Λ è rappresentato da una distribuzione gamma di parametri positivi α e β, con densità (per λ > 0): f Λ ( λ) = α β Γ( α) λ α 1 βλ e, Funzione gamma Γ + u 1 x ( u) = x e dx 0 integrale finito per u > 0

54 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAMMA p k = α β Γ( α) k! + 0 λ α + k 1 = k α+ k 1 β β + e 1 ( β+ 1) λ α dλ 1 β + 1 k. equivale ad assumere che il numero di sinistri, N, abbia distribuzione binomiale negativa β di parametri r e q, con r = α e q = β + 1

55 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAMMA OSSERVAZIONE Differenza tra il Modello Poisson-gamma e la distribuzione Binomiale Negativa: nel modello Poisson-gamma il numero dei sinistri (aleatorio) è rappresentato da un parametro aleatorio in grado di dare maggiore flessibilità (possibilità di scelta dei parametri della funzione peso) MEDIA E VARIANZA α α ( β + 1) E ( N ) =, var( N ) =. 2 β β

56 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI Distribuzione mistura di Poisson Scelta delle Funzione Peso: MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA Se il parametro Λ è rappresentato da una distribuzione gaussiana inversa di parametri positivi ν e ς, con densità (per λ > 0): f Λ ( λ) = ν 2πζλ 3 e ( λ ν) 2ζλ 2.

57 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA k k 1 ν (k 1+ j)! ζ p p (1 2 ) 2 k = 0 + ζ k! (k 1 j)! j! 2ν j= 0 per k=1,2, j k+ j, con p 0 = e ν (1 1+ 2ζ ) ζ.

58 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA PROPRIETÀ La distribuzione Poisson-gaussiana inversa soddisfa (per k = 2,3, ) ) la formula ricorrente ς(2k 3) ν pk = pk 1 + pk 2 (1 + 2ς)(k 1) (1 + 2ς)k(k 1) 2, con p1 = p0 1 ν + 2ς

59 La distribuzione del numero di sinistri MODELLI PROBABILISTICI MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA MEDIA E VARIANZA E(N) = ν var(n) = ν (1+ς). var(n) > E(N)

60 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE DELLE DISTRIBUZIONI Coefficiente di asimmetria γ ( N ) = E[( N E( N )) 3/ 2 [var( N )] 3 ] Le distribuzioni del numero di sinistri osservate in pratica, seppur con differenze non trascurabili tra i vari rami danni, sono tipicamente caratterizzate da asimmetria positiva. I modelli presi in considerazione per descrivere la distribuzione del numero di sinistri presentano un coefficiente di asimmetria positivo per qualunque valore possa essere assunto dai parametri del modello

61 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Coefficienti di asimmetria a confronto 1 γ(n) = distribuzione di Poisson λ 2 q γ ( N ) = distribuzione Binomiale negativa r(1 q) γ(n) = ψ ( σ μ) σ μ + σ μ, distribuzione Mistura di Poisson - con μ = E(N), σ = [var(n)] ½ ; - mentre la costante reale ψ dipende dalla distribuzione del parametro Λ

62 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Coefficienti di asimmetria a confronto γ(n) = ψ ( σ μ) 3 2, 3 σ μ + σ μ con μ = E(N), σ = [var(n)] ½ e distribuzione Mistura di Poisson ψ = 2 MODELLO POISSON-GAMMA ψ = 3 MODELLO POISSON-GAUSSIANA INVERSA

63 La distribuzione del numero di sinistri ASIMMETRIE A CONFRONTO Il modello Poisson-gaussiana inversa presenta (a parità di valore atteso e di varianza) una maggiore asimmetria (positiva) rispetto al modello Poisson-gamma. Il modello Poisson-gaussiana inversa realizza frequentemente un migliore adattamento ai dati osservati

64 La distribuzione di probabilità del danno Z i : variabile aleatoria che rappresenta il danno relativo all i-esimo sinistro, le cui possibili determinazioni sono i numeri reali Individuare i modelli probabilistici più adeguati per descrivere la distribuzione di probabilità del danno Z IPOTESI: Z è rappresentata da una distribuzione di probabilità continua e dotata di densità f Z (x) continua per ogni x > 0

65 La distribuzione del danno MODELLI PROBABILISTICI Modelli più frequentemente adottati (1) distribuzione Esponenziale; (2) distribuzione di Weibull; (3) distribuzione Gamma; (4) distribuzione Lognormale; (5) distribuzione di Pareto: (6) distribuzione mistura di Esponenziali a) modello Esponenziale-gamma

66 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE di parametro positivo v f Z ( x) = v e vx Reciproco del danno atteso relativo a un sinistro che colpisce il contratto nel periodo di copertura MEDIA E VARIANZA 1 E( Z) = var( Z ) = 2 v v 1

67 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE PROPRIETÀ della distribuzione Esponenziale Proprietà di mancanza di memoria: se Z ha distribuzione esponenziale di parametro v anche (Z c) Z > c ha distribuzione esponenziale di parametro v OSSERVAZIONE: La proprietà di mancanza di memoria risulta utile in coperture assicurative caratterizzate dalla presenza di una franchigia assoluta

68 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE DI WEIBULL di parametri positivi v e δ f Z ( x) = v δ x δ 1 e vx δ OSS: Posto δ = 1 si ha la distribuzione esponenziale di parametro v MEDIA E VARIANZA E( Z) = var( Z) = 1 v 1 v 1/ δ 1/ δ 1 Γ 1 + δ 2 Γ 1 + δ Γ δ 2

69 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE GAMMA di parametri positivi α e v f Z ( x) = α v Γ( α) OSS: Posto α = 1 si ha la distribuzione esponenziale di parametro v MEDIA E VARIANZA x α E( Z) = v α var( Z) = 2 v α 1 e vx

70 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE LOGNORMALE di parametri μ e σ,, con σ > 0 f Z (log x μ ) 1 2 2σ ( x) = e 2π σ x 2 MEDIA E VARIANZA 2 σ ( )( ) μ μ+ σ σ 1 E ( Z) = e var( Z) = e e

71 La distribuzione del danno LA DISTRIBUZIONE LOGNORMALE OSSERVAZIONE In base al teorema centrale del limite, la distribuzione lognormale è adatta a rappresentare il danno nell ipotesiipotesi (poco realistica) che esso sia generato da un numero sufficientemente grande di caratteristiche del rischio: - indipendenti, - identicamente distribuite - operanti in senso moltiplicativo

72 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE DI PARETO di parametri positivi η e θ ηθ ( θ + x) η f ( ) = Z x η + 1 MEDIA E VARIANZA θ E( Z) =, se η > η var( ) = ηθ Z, se > 2 ( η 1) ( η 2) η 2

73 La distribuzione del danno LA DISTRIBUZIONE DI PARETO PROPRIETÀ della distribuzione di Pareto se Z ha distribuzione di Pareto di parametri η e θ (Z c) Z > c ha distribuzione di Pareto di parametri η e θ + c OSSERVAZIONE: Ancora una volta (analogamente al caso della distribuzione Esponenziale), è evidente l utilità di tale proprietà in coperture assicurative caratterizzate dalla presenza di una franchigia assoluta

74 La distribuzione del danno DISTRIBUZIONE MISTURA DI ESPONENZIALI di parametro aleatorio positivo V f Z + 0 ( x) = f ( x v) df ( v Z V V ) f Z V ( x v) = v e vx Funzione peso (della mistura) funzione di ripartizione F V del parametro V, con F (0) = 0 V

75 La distribuzione del danno MISTURA DI ESPONENZIALI (1/5) V : variabile aleatoria che rappresenta il reciproco del danno atteso relativo a un sinistro che colpisce il contratto nel periodo di copertura (funzione peso) si prefigge di descrivere l eterogeneitl eterogeneità dei rischi del portafoglio relativa all importo dei sinistri ed attribuibile ad alcune caratteristiche del rischio non adeguatamente valutabili all epoca di stipulazione del contratto F V

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La polizza Capital 5 con Bonus

La polizza Capital 5 con Bonus Risparmio & Sicurezza La polizza Capital 5 con Bonus Codice F001001 - Edizione dicembre 2014 Contratto di assicurazione sulla vita a capitale differito, con premio annuo costante e capitale rivalutabile

Dettagli

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Linea Investimento Garantito PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Assicurazione in caso di morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa, Condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Fascicolo Informativo

Fascicolo Informativo Contratto di Assicurazione di Rendita Vitalizia in parte immediata e in parte differita Rend & Cap Tasso Tecnico 0% Fascicolo Informativo Il presente Fascicolo Informativo contenente: a) la Scheda Sintetica

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

LOMBARDA VITA FONDO SICURO PIU COUPON

LOMBARDA VITA FONDO SICURO PIU COUPON Lombarda Vita S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MISTA A PREMIO UNICO CON PRESTAZIONI PROGRAMMATE PREDEFINITE, PRESTAZIONE RIVALUTABILE A SCADENZA E PRESTAZIONE ADDIZIONALE

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE Società appartenente al Gruppo Allianz SE Offerta al pubblico di Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked La Scheda Sintetica del Prospetto d offerta deve essere consegnata all Investitore-Contraente,

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Pag 1 di 92 Francesco Sardo ELEMENTI DI STATISTICA PER VALUTATORI DI SISTEMI QUALITA AMBIENTE - SICUREZZA REV. 11 16/08/2009 Pag 2 di 92 Pag 3 di 92 0 Introduzione PARTE I 1 Statistica descrittiva 1.1

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

GRANDE AVVENIRE CON LODE

GRANDE AVVENIRE CON LODE GRANDE AVVENIRE CON LODE Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica Nota Informativa Condizioni di Assicurazione, comprensive del Regolamento della Gestione separata RISPAV Glossario

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

QUADRIFOGLIO DIAPASON

QUADRIFOGLIO DIAPASON QUADRIFOGLIO DIAPASON POLIZZA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA Premessa A) Disciplina del contratto Il contratto è disciplinato dalle: CONDIZIONI GENERALI di assicurazione sulla vita; CONDIZIONI SPECIALI, relative

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02

CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02 CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02 ALTER EGO (data dell ultimo aggiornamento: 31.12.2012) IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTIENE: -

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Profilo Rendimento Garantito

Profilo Rendimento Garantito Profilo Rendimento Garantito Contratto di Assicurazione sulla vita in caso di morte a vita intera a premio unico e capitale rivalutabile annualmente Tariffa IUP498 Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli