REGOLAMENTO INTERMEDIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERMEDIARI"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ART. 25-BIS DEL TUF INTRODOTTO DALLA LEGGE N. 262/2005 IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DA BANCHE E DA IMPRESE DI ASSICURAZIONI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 23 febbraio 2007 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 16 marzo 2007 al seguente indirizzo: C O N S O B Divisione Intermediari Via Broletto, MILANO oppure all'indirizzo di posta elettronica: 1. PREMESSA La legge n. 262 del 28 dicembre 2005 ( Legge sul risparmio ) ha introdotto nel decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 (Tuf) l art. 25-bis, rubricato Prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione, che è stato poi successivamente modificato con il decreto legislativo n. 303 del 29 dicembre Si riporta di seguito il testo dell art. 25-bis: Prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione 1. Gli articoli 21 e 23 si applicano alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione. 2. In relazione ai prodotti di cui al comma 1 e nel perseguimento delle finalità di cui all'articolo 5, comma 3, la Consob esercita sui soggetti abilitati e sulle imprese di assicurazione i poteri di vigilanza regolamentare, informativa e ispettiva di cui all'articolo 6, comma 2, all'articolo 8, commi 1 e 2, e all'articolo 10, comma 1, nonché i poteri di cui all'articolo 7, comma Il collegio sindacale, il consiglio di sorveglianza o il comitato per il controllo sulla gestione delle imprese di assicurazione informa senza indugio la Consob di tutti gli atti o i fatti, di cui venga a conoscenza nell'esercizio dei propri compiti, che possano costituire una violazione delle norme di cui al presente capo ovvero delle disposizioni generali o particolari emanate dalla Consob ai sensi del comma Le società incaricate della revisione contabile delle imprese di assicurazione comunicano senza indugio alla Consob gli atti o i fatti, rilevati nello svolgimento dell'incarico, che possano costituire una grave violazione delle norme di cui al presente capo ovvero delle disposizioni generali o particolari emanate dalla Consob ai sensi del comma 2.5. I commi 3 e 4 si applicano anche all'organo che svolge funzioni di controllo e alle società incaricate della revisione contabile presso le società che controllano l'impresa di assicurazione o che sono da queste controllate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile. 6. L'Isvap e la Consob si comunicano reciprocamente le ispezioni ciascuna disposte sulle imprese di assicurazione. Ciascuna autorità può chiedere all'altra di svolgere accertamenti su aspetti di propria competenza. 1

2 Per quanto in questa sede maggiormente rileva, la riferita norma primaria dispone l applicazione degli articoli 21 e 23 del Tuf (che dettano, rispettivamente, criteri generali di condotta e norme in tema di contratti) all area costituita da: 1) distribuzione, da parte delle banche, in fase di emissione, di propri prodotti finanziari; 2) distribuzione di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione, ad opera di soggetti abilitati e di imprese di assicurazione. Si tratta di aree che in precedenza erano sottratte dal campo di applicazione dei citati articoli 21 e 23 del Tuf i quali avevano come originario ambito di operatività esclusivamente la prestazione di servizi di investimento ed accessori. Ciò in quanto sia l attività sub 1) sia quella sub 2) erano (e sono) non comprese entro la nozione di servizio di investimento o di servizio accessorio recata dal Tuf. Infatti, la distribuzione, effettuata dalle banche, di propri prodotti finanziari (ad es. obbligazioni), in sede di emissione, era, di norma, ricondotta entro l area dell attività di raccolta del risparmio, ai sensi dell art. 11 del d. lgs. n. 385/1993 (Tub) 2. Rientrava, tuttavia, nell area dei servizi d investimento l attività svolta sul mercato primario da un intermediario diverso dalla banca emittente nonché quella condotta su tali titoli sul mercato secondario. La distribuzione di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione, poi, non integrava (e non integra), neppure quando svolta da intermediari, la prestazione di un servizio di investimento, posto che ha ad oggetto prodotti non riconducibili al novero degli strumenti finanziari, assunti dalla disciplina (art. 1, comma 5, del Tuf) come oggetto necessario del servizio di investimento 3. Ora la legge sul risparmio, ferma restando la non riconducibilità delle menzionate attività entro il novero dei servizi di investimento, considera applicabili alle stesse le norme di cui agli articoli 21 e 23 del Tuf. Tale scelta, che si giustifica anche con il progressivo superamento, specie dal lato dei prodotti offerti e della conseguente percezione dell investitore, della tradizionale, rigida, tripartizione del mercato finanziario nei settori bancario, assicurativo e mobiliare, ha come corollario quello di aver affidato alla vigilanza regolamentare della Consob il compito di disciplinare, con regole di dettaglio, l attività distributiva avente ad oggetto prodotti finanziari emessi dalle banche e da imprese di assicurazione. 2 Così, la Comunicazione Consob n. DAL/RM/ dell 11 dicembre 1996, aveva precisato che il classamento [da parte di una banca] in sede di emissione presso le proprie sedi di proprie obbligazioni non rientra nell ambito del servizio di collocamento. 3 Così, con Comunicazione Consob n. DI/ del 13 agosto 1999, si è riconosciuto che prodotti finanziari assicurativi, pur collegati a fondi interni all impresa di assicurazione, investiti in strumenti finanziari, dal cui valore dipendono le prestazioni in favore dell assicurato, non rientravano (e non rientrano) nella definizione di strumenti finanziari, fornita dal Tuf (art. 1, comma 2). In quella occasione, peraltro, non si era mancato di notare come il confine tra prodotti assicurativi direttamente o indirettamente indicizzati a strumenti finanziari, da un lato, e gli strumenti finanziari con analoghe caratteristiche di indicizzazione, dall altro, risulta, in concreto, assai labile. Da parte del sottoscrittore potrebbe essere ravvisato, infatti, tra tali prodotti, un rapporto di sostanziale fungibilità, che aveva fatto considerare auspicabile l adozione di cautele e regole di comportamento comparabili a quelle previste nel settore dei servizi di investimento. 2

3 Tale opzione legislativa è risultata in connessione con la generale sottoposizione (derivante dall abrogazione della previgente lett. f), del comma 1, dell art. 100, del Tuf, disposta dallo stesso art. 11 della l. n. 262/2005) alla disciplina Consob del prospetto delle offerte al pubblico aventi ad oggetto prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione. Su tale ultimo aspetto, verrà condotta una parallela e connessa, iniziativa di Consultazione del mercato, sulle necessarie integrazioni al regolamento n /1999. * * * I tempi, anche dell attuazione regolamentare, hanno dovuto tener conto del fatto che la disciplina primaria è tornata sulla materia, apportando, in sede di esercizio della delega di cui all art. 43 della stessa legge sul risparmio 4, alcuni ulteriori correttivi al Tuf, aventi la valenza di presupposto logico-giuridico rispetto alla disciplina secondaria. Così il recente decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 303, ha previsto, per quello che in argomento più rileva: l inserimento, all art. 1, comma 1, del Tuf, di una definizione (lett. w-bis) di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione, ai sensi della quale sono tali le polizze e le operazioni di cui ai rami vita III e V di cui all art. 2, comma 1, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, con esclusione delle forme pensionistiche individuali di cui all art. 13, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n ; la soppressione delle parole nonché in quanto compatibili al comma 1, dell art. 25-bis, del Tuf; una riformulazione dell art. 30, comma 9, del Tuf, che risulta ridisegnato come segue 6 : 9. Il presente articolo si applica anche ai prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari e dai prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione, fermo restando l'obbligo di consegna del prospetto informativo e, limitatamente ai soggetti abilitati, ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione.. 4 Art. 43, della l. n. 262/2005: Il Governo è delegato ad adottare, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge [12 gennaio 2007] uno o più decreti legislativi per l adeguamento del testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni,, alle disposizioni della presente legge, apportando le modifiche necessarie per il coordinamento delle disposizioni stesse. 5 Il ramo III vita è definito dal Codice delle Assicurazioni (d. lgs. n. 209/2005) come comprendente le assicurazioni di cui ai rami I e II [rispettivamente assicurazioni sulla durata della vita umana e assicurazioni di nuzialità e natalità ] le cui prestazioni principali sono direttamente collegate al valore di quote di organismi di investimento collettivo del risparmio o di fondi interni ovvero a indici o ad altri valori di riferimento : si tratta delle cc.dd. polizze index o unit linked. Il ramo V vita comprende, invece, le operazioni di capitalizzazione. La capitalizzazione è definita dal Codice delle Assicurazioni (art. 179, comma 1) come il contratto mediante il quale l impresa di assicurazione si impegna, senza convenzione relativa alla durata della vita umana, a pagare somme determinate al decorso di un termine prestabilito in corrispettivo di premi, unici o periodici, che sono effettuati in denaro o mediante altre attività. 6 Vengono evidenziati graficamente (in barrato le parti eliminate ed in grassetto quelle aggiunte) gli interventi recati dal decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 303 rispetto al testo che era risultato dall intervento della l. n. 262/

4 * * * Le scelte di regolamentazione che con il presente documento si presentano alle osservazioni del mercato si collocano entro un area che, oltre alla cornice di riferimento costituita dal Tuf, registra, specie con riguardo alla distribuzione di prodotti assicurativi, la presenza di articolate fonti comunitarie e nazionali di cui occorre tener conto. Così, se in ambito nazionale, la l. 262/2005 ha in parte superato le scelte che il legislatore aveva effettuato con il precedente d.lgs. n. 209/2005 ( Codice delle Assicurazioni ), disegnando una disciplina, anche di vigilanza, speciale, con riferimento ai prodotti assicurativi finanziari 7, la normativa comunitaria di riferimento, ed in particolare la direttiva n. 2002/92/CE sull intermediazione assicurativa, costituisce un vincolo di cui è necessario garantire il rispetto anche per quanto attiene all intermediazione assicurativa posta in essere, sui prodotti assicurativi dei rami vita III e V (escluse le forme pensionistiche individuali di cui all art. 13, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252), da imprese di investimento, banche e da altri soggetti abilitati, rimessa alla vigilanza regolamentare della CONSOB. * * * Facendo seguito, anche sul piano della tecnica normativa regolamentare, alla filosofia sottesa alla scelta del legislatore di estendere alla distribuzione, da parte dell emittente, di prodotti finanziari bancari o assicurativi, ovvero di prodotti finanziari assicurativi da parte di intermediari, le regole di condotta già disciplinanti la prestazione dei servizi di investimento, le integrazioni al regolamento Consob n /1998 che con il presente Documento di consultazione si sottopongono sono in generale condotte attraverso l estensione dell area di applicazione delle vigenti disposizioni alle nuove aree (ed ai nuovi soggetti) individuati dalla l. n. 262/2005. Si è proceduto quindi, per quanto possibile, per rinvii alle disposizioni del vigente regolamento n /1998. L obiettivo è quello, in linea con la ratio perseguita dal legislatore, di contribuire alla creazione di un level playing field per attività e prodotti ritenuti (dallo stesso legislatore) fra loro fungibili nella prospettiva dell investitore. Anche per questo, le scelte sotto evidenziate sono in larga parte e per quanto possibile, ispirate a modelli già noti alla logica del Regolamento Intermediari della Consob. Così, la distribuzione di prodotti assicurativi finanziari ad opera di soggetti abilitati all intermediazione assicurativa è in generale disegnata sul modello degli intermediari che collocano, in particolare, quote di OICR. 7 Aspetto di cui tiene conto anche il recente Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006 il cui Titolo II dedicato alle Regole di presentazione e comportamento nei confronti delle clientela chiarisce il proprio ambito di applicazione riconoscendo che è fatto salvo quanto previsto dalla legge 28 dicembre 2005, n. 262 (art. 45). Allo stato della disciplina vigente, quindi, le regole dell attività distributiva di prodotti assicurativi sono articolati fra Codice delle Assicurazioni e regolamentazione ISVAP da un lato, e TUF e regolamentazione CONSOB dall altro a seconda delle caratteristiche, rispettivamente, non finanziarie o finanziarie del prodotto assicurativo, fermo restando che la disciplina soggettiva (anche) degli intermediari assicurativi (con obbligo, in particolare di iscrizione nel relativo registro ), trova fonte diretta nello stesso Codice delle Assicurazioni e nella disciplina di attuazione. 4

5 La distribuzione, da parte della stessa banca o dell impresa di assicurazione emittente, dei propri prodotti finanziari, è disegnata sul modello della commercializzazione diretta ad opera delle SGR, delle proprie quote di OICR. * * * Si è detto che, in armonia con la filosofia sottesa alla stessa legge sul risparmio, gran parte della disciplina concernente la distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazioni, viene disegnata per rinvio alle pertinenti disposizioni del vigente regolamento n /1998 riguardante la prestazione dei servizi di investimento. Occorre, tuttavia, tener presente che a breve (tenuto conto anche dei relativi progressi della disciplina primaria in argomento) il mercato verrà interessato da un Documento di consultazione concernente una generale rivisitazione del Regolamento n /1998, al fine di trasporre nello stesso quanto di competenza della fonte nazionale secondaria, per recepire la direttiva n. 2004/39/CE, c.d. MiFID 8, e le relative misure di esecuzione (direttiva della Commissione UE n. 2006/73/CE), in tema di servizi (e attività) di investimento. Si tratta di modifiche assai rilevanti che, secondo le stesse fonti comunitarie di riferimento, una volta trasposte negli ordinamenti degli Stati membri troveranno applicazione solo dal 1 novembre Fino al 1 novembre 2007 manterrebbe vigore, pertanto, l attuale regolamento n /1998. Pertanto, al fine di garantire al mercato un set di norme, relative alla distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche ed imprese di assicurazione, in grado di entrare in vigore prima del 1 novembre 2007, si fornisce il quadro delle sotto indicate integrazioni al testo dell attuale regolamento n /1998 (evidenziando in grassetto le parti aggiunte rispetto al testo del vigente regolamento). Nella consultazione, prevista per i prossimi mesi, sulla riforma al Regolamento Intermediari necessaria per recepire le profonde innovazioni (applicabili solo dal 1 novembre 2007) indotte dalla nuova, ed analitica, disciplina (in tema di servizi e attività di investimento) recata dalla MiFID e dalle relative misure di esecuzione comunitarie, si provvederà ad interessare il mercato con le proposte concernenti l estensione, per quanto possibile, di tali (nuove) regole all area della distribuzione, ad opera dello stesso emittente, di prodotti finanziari bancari o assicurativi, e all area della distribuzione, ad opera di soggetti abilitati all intermediazione assicurativa, di prodotti assicurativi finanziari. * * * 8 Markets in Financial Instruments Directive. 5

6 2. MODIFICHE AL REGOLAMENTO N /1999 (c.d. Regolamento Intermediari) Le proposte di modica regolamentare di seguito illustrate riguardano: - l introduzione nel Libro III, Parte II, Titolo I, Capo II del Regolamento Intermediari di una nuova Sezione III-bis, dedicata alle norme in materia di distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e di prodotti finanziari assicurativi, che la Consob è tenuta ad emanare ai sensi dell art. 25-bis del Tuf; - la modifica dell art. 1, comma 1 in materia di fonti normative; - l inserimento nell art. 25 delle definizioni strumentali alla lettura delle norme attuative in commento. * * * Modifiche all art. 1 LIBRO I Fonti normative e definizioni Art. 1 (Fonti normative) 1. Il presente regolamento è adottato ai sensi degli articoli 6, comma 2, 19, comma 3, 23, comma 1, 25-bis, comma 2, 27, commi 3 e 4, 28, comma 3, 30, commi 2 e 5, 31, comma 6, lettere d), f), g) e h), 32, comma 2, e 201, comma 8, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. COMMENTO Il riferimento all articolo 25-bis, comma 2, del Tuf, è volto a chiarire che il regolamento n /1998 viene integrato mediante l esercizio dei poteri di vigilanza regolamentare, concernenti l area della distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazioni, attribuiti alla Consob appunto dall articolo 25-bis, comma 2, del Tuf, mediante il richiamo, anche per queste aree, delle attribuzioni dell Istituto di cui all art. 6, comma 2, del Tuf medesimo. * * * 6

7 Modifiche all art. 25 LIBRO III Prestazione dei servizi di investimento e del servizio di gestione collettiva 1. Nel presente Libro si intendono per: omissis PARTE I Disposizioni preliminari Art. 25 (Definizioni) b-bis) prodotti finanziari assicurativi : le polizze e le operazioni di cui ai rami vita III e V di cui all articolo 2, comma 1 del decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005, con esclusione delle forme pensionistiche individuali di cui all articolo 13, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 ; omissis d-bis) soggetti abilitati all intermediazione assicurativa : le sim e le imprese di investimento comunitarie, le banche italiane e comunitarie, gli intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall articolo 107 del decreto legislativo n. 385 del 1 settembre 1993 e la società Poste Italiane Divisione Servizi di Banco Posta, autorizzata ai sensi dell articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica n. 144 del 14 marzo 2001, anche quando operano per il tramite di promotori finanziari, dipendenti, collaboratori o altri incaricati. omissis COMMENTO Lettera b-bis La Legge sul risparmio (legge n. 262/2005) non chiariva quali fossero i prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione ai quali trovano applicazione le regole di cui agli artt. 21 e 23 Tuf e che, conseguentemente, sono assoggettati alla vigilanza della Consob. L incertezza interpretativa è stata risolta dal recente decreto legislativo 29 dicembre 2006, n. 303, che introduce una nuova lettera w-bis) all art. 1, comma 1, del Tuf, ove viene chiarito che per prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione devono intendersi le polizze e le operazioni di cui ai rami vita III [polizze unit e index linked], e V [capitalizzazioni] di cui all art. 2, comma 1 del decreto legislativo 1 settembre 2005, n. 209, con esclusione delle forme pensionistiche individuali di cui all art. 13, comma 1, lett. b), del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n

8 La definizione di cui alla lett. b-bis) del presente articolo recepisce, pertanto, la nozione di prodotti finanziari assicurativi quale emerge dal testo del menzionato art. 3, comma 1, lett. c) del decreto legislativo n. 303/2006. Lettera d-bis) I. La Legge sul Risparmio ha stabilito che gli articoli 21 e 23 si applicano alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione prevedendo che in relazione ai prodotti di cui al comma 1. la CONSOB esercita sui soggetti abilitati i poteri di vigilanza regolamentare, informativa e ispettiva di cui al d.lgs. n. 58/1998. L art. 1, comma 1, lett. r), del Tuf precisa che per soggetti abilitati devono intendersi le imprese di investimento, le Sgr, le società di gestione armonizzate, le Sicav nonché gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'articolo 107 del T.U. bancario e le banche autorizzate all'esercizio dei servizi di investimento (cui deve aggiungersi Poste Italiane Divisione Servizi Bancoposta, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 144/2001). La norma in esame deve, tuttavia, essere raccordata con il Codice delle Assicurazioni (d. lgs. n. 209/2005) che riserva l attività di distribuzione di prodotti assicurativi (compresi quelli finanziari ) agli intermediari iscritti nel registro di cui all art. 109 dello stesso Codice delle Assicurazioni (si tratta degli intermediari aventi sede legale in Italia) nonché a quelli comunitari operanti nel nostro Paese in regime di libertà di stabilimento ovvero di libera prestazione di servizi. Dalla lettura congiunta dell art. 1, comma 1, lett. r) del Tuf e delle pertinenti disposizioni del Codice delle Assicurazioni risulta, quindi, che l attività di distribuzione di prodotti assicurativi: - è riservata agli intermediari italiani e comunitari; - è preclusa alle SGR e alle Sicav, che non figurano tra i soggetti che possono iscriversi nel menzionato registro degli intermediari assicurativi. I poteri di vigilanza regolamentare ora attribuiti alla Consob dalla legge sul risparmio in relazione alla distribuzione di prodotti assicurativi finanziari risultano, per l effetto, circoscritti alle sim, alle imprese di investimento comunitarie, alle banche italiane e comunitarie, agli intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall art. 107 del d.lgs. n. 385/1993 e alla società Poste Italiane Divisione Servizi di Banco Posta, sinteticamente (ri)definiti quali soggetti abilitati all intermediazione assicurativa. II. Si segnala che, stante la formulazione dell art. 109, comma 2, del Codice delle Assicurazioni - secondo cui possono iscriversi alla sezione d) del registro degli intermediari assicurativi, le banche autorizzate ai sensi dell articolo 14 del testo unico bancario, gli intermediari finanziari inseriti nell elenco speciale di cui all articolo 107 del testo unico bancario, l attività di distribuzione di prodotti assicurativi (inclusi quelli finanziari ) risulta consentita, allo stato, dalla disciplina di rango primario, agli intermediari ivi menzionati quand anche non siano autorizzati alla prestazione di servizi d investimento. III. Quanto alla ulteriore precisazione secondo cui le sim, le imprese di investimento comunitarie, le banche italiane e comunitarie, gli intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall articolo 107 del d.lgs. n. 385/1993 e la società Poste Italiane sono soggetti abilitati all intermediazione assicurativa anche quando operano per il tramite di promotori finanziari, si evidenzia che tale specificazione: - da un lato, tiene conto delle modifiche apportate al testo dell art. 30, comma 9, Tuf per opera del decreto legislativo n. 303/2006, che rende obbligatorio per tali soggetti l utilizzo di 8

9 promotori finanziari per procedere alla vendita fuori sede di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione 9 ; - dall altro lato, intende ribadire che l attività dei promotori finanziari non ha autonoma rilevanza ma è, naturalmente, direttamente imputabile all intermediario preponente. IV. Si fa, infine, presente che il riferimento operato dalla Legge sul risparmio ai soggetti abilitati e alle imprese di assicurazione non sembra in grado di attrarre sotto la vigilanza della Consob anche la distribuzione di prodotti finanziari assicurativi realizzata, sotto il profilo soggettivo, da agenti e da broker di assicurazione (nonché, autonomamente, da produttori e altri distributori). In tal senso depone sia il rilievo che gli agenti titolari di agenzie a gestione libera sono imprenditori autonomi estranei all azienda assicurativa, sicché dettare una norma per l impresa assicuratrice non comporta ex se che la norma sia applicabile anche agli agenti 10 (e, quindi, men che meno, ai broker) sia, soprattutto, la circostanza che le attribuzioni di vigilanza conferite alla Consob dalla Legge sul risparmio risultano connesse all esercizio di poteri invasivi (ispezioni) e, soprattutto, sanzionatori, ciò che - in ossequio al principio di legalità e tassatività dell illecito amministrativo - impone un interpretazione letterale delle disposizioni de quibus. * * * Introduzione della Sezione III-bis: PARTE II Disciplina della prestazione dei servizi d investimento e del servizio di gestione collettiva TITOLO I Servizi d investimento e accessori CAPO II Norme per la prestazione dei singoli servizi SEZIONE III-bis Distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche e di prodotti finanziari assicurativi 9 L art. 3, comma 5, del decreto legislativo n. 303/2006 stabilisce infatti che: Al comma 9 dell articolo 30 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 le parole: e dai prodotti finanziari emessi dalle imprese assicurazione, fermo restando l obbligo di consegna del prospetto informativo sono sostituite dalle seguenti: e, limitatamente ai soggetti abilitati, ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione. L art. 30, comma 9, del TUF risulta, per l effetto, riformulato come segue: 9. Il presente articolo si applica anche ai prodotti finanziari diversi dagli strumenti finanziari e, limitatamente ai soggetti abilitati, ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione. 10 ROSSETTI, Intermediari: le nuove regole del gioco, Assicurazioni, 2005, n. 2,

10 Art. 36-bis (Distribuzione di prodotti finanziari emessi da banche) 1. Le banche rispettano le disposizioni di cui agli articoli 26, 27 28, comma 1, lettera a), e commi 2 e 5, 29, 31, 36, 56, commi 1, 2, 3, 6, 7, 57, 58, 59, 60, 61, comma 3, 63 e 69 del presente regolamento, anche quando procedono alla vendita, in fase di emissione, di propri prodotti finanziari. 2. Il comma 1 si applica anche alle vendite effettuate con tecniche di comunicazione a distanza. Art. 36-ter (Soggetti abilitati all intermediazione assicurativa) 1. Nella distribuzione di prodotti finanziari assicurativi, anche mediante tecniche di comunicazione a distanza, i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa rispettano le disposizioni di cui agli articoli 26, 27, 28, comma 1, lettera a), e commi 2 e 5, 29, 31, 36, 56, commi 1, 2, 3, 6, 7, 57, 58, 59, 60, 61, comma 3, 63 e 69 del presente regolamento. 2. I soggetti abilitati all intermediazione assicurativa, fermo restando quanto previsto al precedente comma, forniscono altresì al contraente, prima della sottoscrizione della proposta o del documento contrattuale, le seguenti informazioni: a) la loro denominazione, la loro sede legale e i loro recapiti; b) il riferimento al registro degli intermediari assicurativi di cui all articolo 109 del d.lgs. n. 209/2005, in cui sono iscritti e l indicazione circa i mezzi esperibili per verificare che siano effettivamente registrati; c) le procedure che consentono al contraente di presentare reclamo al soggetto abilitato all intermediazione assicurativa o all impresa di assicurazione, ovvero ricorsi ad organi di risoluzione stragiudiziale delle controversie; d) ogni eventuale partecipazione, diretta o indiretta, superiore al 10% del capitale sociale o dei diritti di voto in imprese di assicurazione; e) ogni eventuale partecipazione, diretta o indiretta, superiore al 10% del capitale sociale o dei diritti di voto del soggetto abilitato all intermediazione assicurativa detenuta da imprese di assicurazione; f) con riguardo al prodotto finanziario assicurativo proposto: 1) se forniscono consulenze basate su un analisi imparziale. In tale circostanza i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa sono tenuti a fondare le proprie valutazioni su un numero sufficientemente ampio di contratti disponibili sul mercato al fine di consigliare un prodotto idoneo a soddisfare le richieste del contraente; 10

11 2) se, in virtù di un obbligo contrattuale, siano tenuti a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione, dovendo in tal caso specificare la denominazione di tali imprese; 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate sull obbligo, di cui al precedente punto 1), di fornire un analisi imparziale. In tal caso comunicano, su richiesta del contraente, la denominazione delle imprese di assicurazione con le quali hanno o potrebbero avere rapporti d affari, fermo restando l obbligo di avvisare il contraente del diritto di richiedere tali informazioni. Previamente alla conclusione di qualsiasi contratto avente ad oggetto prodotti finanziari assicurativi, i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa devono, basandosi in particolare sulle informazioni fornite dal contraente, quanto meno precisare le richieste e le esigenze di tale contraente e le ragioni su cui si fonda qualsiasi consulenza fornita su un determinato prodotto della specie. Tali precisazioni si articolano secondo la complessità del contratto assicurativo proposto. 3. I soggetti abilitati all intermediazione assicurativa rispettano le istruzioni impartite dalle imprese di assicurazione per le quali operano. Art. 36-quater (Modalità dell informativa) 1. L informativa da fornire ai contraenti a norma dell articolo 36-ter deve essere comunicata: a) in modo corretto, esauriente e facilmente comprensibile; b) in lingua italiana o in altra lingua concordata dalle parti. 2. L informativa da fornire ai contraenti a norma dell articolo 36-ter, comma 2, deve essere trasmessa su supporto cartaceo o altro supporto duraturo disponibile ed accessibile per il contraente. Detta informativa può, tuttavia, essere anticipata verbalmente ove sia necessaria una copertura immediata del rischio o qualora lo richieda il contraente. In tali casi i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa provvedono a fornire l informativa su supporto cartaceo o altro supporto duraturo subito dopo la conclusione del contratto e comunque non oltre i due giorni lavorativi successivi. Art. 36-quinquies (Imprese di assicurazione) 1. Alla distribuzione di prodotti finanziari assicurativi, anche mediante tecniche di comunicazione a distanza, effettuata dalle imprese di assicurazione si applicano le disposizioni di cui agli articoli 26, 27, 28, comma 1, lettera a), e commi 2 e 5, 29, 31, 56, commi 1, 2, 6, 7, 57, 58, 59, 60, 61, comma 4, 63, comma 5, lettera a), e 69 del presente regolamento. 11

12 2. L informativa da fornire ai contraenti ai sensi del comma precedente deve essere comunicata: a) in modo corretto, esauriente e facilmente comprensibile; b) in lingua italiana o in altra lingua concordata dalle parti; c) su supporto cartaceo o altro supporto duraturo disponibile ed accessibile per il contraente. Detta informativa può, tuttavia, essere anticipata verbalmente ove sia necessaria una copertura immediata del rischio o qualora lo richieda il contraente. In tali casi le imprese di assicurazione provvedono a fornire l informativa su supporto cartaceo o altro supporto duraturo subito dopo la conclusione del contratto e comunque non oltre i due giorni lavorativi successivi. 3. Le imprese di assicurazione si dotano di idonee procedure per garantire l adeguata formazione, l aggiornamento professionale e il rispetto delle regole di comportamento di cui al comma 1, anche quando operano per il tramite di reti distributive, e ne verificano in concreto l osservanza.. COMMENTO Introduzione dell art. 36-bis Il nuovo art. 36-bis dà seguito alla previsione della legge sul risparmio (l. n. 262/2005) secondo la quale (art. 25-bis), da un lato, gli artt. 21 e 23 del Tuf si applicano anche alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da banche, e, dall altro, sono attribuiti, in materia, alla Consob i poteri di vigilanza regolamentare di cui all art. 6, comma 2, dello stesso Tuf. La norma regolamentare mira, quindi, a chiarire che il nucleo centrale delle regole di condotta e delle relative procedure, anche di controllo interno, da predisporre ad opera degli intermediari che, nel previgente quadro di riferimento, trovavano applicazione solo in caso di prestazione di servizi di investimento ed accessori, si applicheranno anche nel caso di vendita, effettuata dalle banche in fase di emissione, di propri prodotti finanziari. Così, se per una banca distribuire, ad esempio, proprie obbligazioni in fase di emissione non integra, in senso tecnico-giuridico, l esercizio di un servizio di investimento, ma, piuttosto, un momento della raccolta del risparmio in cui si articola la propria tipica attività bancaria, volontà della legge, in primis, è stata di sottoporre anche questa attività alle regole di condotta ed alle relative procedure, anche di controllo interno, già disegnate dall ordinamento con riguardo all esercizio delle attività di intermediazione mobiliare. Era e continua ad essere servizio di investimento l attività di intermediazione avente ad oggetto strumenti finanziari emessi da banche, posta in essere sul mercato secondario, od anche in sede di mercato primario quando svolta da un soggetto diverso dall emittente. Per scelta del legislatore, non è, infine, sottoposta alle regole di cui all art. 21 e all art. 23 del Tuf, né alla disciplina regolamentare qui in commento, l apertura, da parte del risparmiatore, di depositi bancari che nella logica dell ordinamento non costituiscono prodotti finanziari o comunque prodotti di investimento. 12

13 Introduzione dell art. 36-ter Comma 1 La norma contiene il rinvio alle singole disposizioni del regolamento n /1998, come attualmente vigenti, che i soggetti abilitati devono osservare (anche) quando procedono alla distribuzione di prodotti finanziari assicurativi. Tali disposizioni sono state selezionate da un lato tenendo conto dell assenza di contrarie previsioni delle direttive comunitarie assicurative (in specie della direttiva 2002/92/CE sugli intermediari assicurativi) e, dall altro lato, valorizzando la circostanza che, in molti casi, disposizioni di analogo o similare tenore si rinvengono già nel Codice delle Assicurazioni e nella normativa Isvap di attuazione, che, dunque, ne hanno assunto la conformità rispetto alla disciplina UE di riferimento. Peraltro, la stessa legge sul risparmio (l. n. 262/2005) nel momento in cui (nuovo art. 25-bis del Tuf) ha esteso alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazioni le regole di cui all art. 21 del Tuf medesimo ha assunto direttamente di applicare anche a tale attività i principi di: a) idonea informativa dal cliente ed al cliente; b) valutazione di adeguatezza degli investimenti 11 ; c) contenimento e trasparenza dei conflitti di interesse; d) predisposizione di procedure, anche di controllo interno, per consentire un consapevole e strutturato rispetto delle menzionate regole di condotta. Resta fermo l obbligo per i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa di consegnare al contraente il prospetto informativo e la documentazione di offerta che sarà precisata, quanto a contenuto e a modalità di consegna, nelle parallele iniziative di integrazione del regolamento Consob n /1999. Comma 2 Nel comma 1 si sono selezionate le norme del regolamento n /1998 che i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa sono tenuti, per rinvio, ad osservare quando procedono alla distribuzione di prodotti finanziari assicurativi. Il comma 2 individua quegli (ulteriori) adempimenti cui deve attenersi la commercializzazione dei prodotti assicurativi finanziari ai sensi dell ordinamento comunitario assicurativo. La norma costituisce, in particolare, la trasposizione del dettato di cui all art. 12, commi 1, 2, e 3 della direttiva 2002/92/CE sugli intermediari assicurativi. Si segnala, peraltro, che il testo comunitario in esame individua nel consumatore il destinatario degli obblighi informativi in parola di cui sono gravati i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa ai sensi del menzionato art La legge sul risparmio oltre ad introdurre il menzionato art. 25-bis del TUF aveva anche provveduto ad integrare l art. 21 del TUF prevedendo che «all'articolo 21, comma 1, lettera a), è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "I soggetti abilitati classificano, sulla base di criteri generali minimi definiti con regolamento dalla CONSOB, che a tale fine può avvalersi della collaborazione delle associazioni maggiormente rappresentative dei soggetti abilitati e del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, di cui alla legge 30 luglio 1998, n. 281, il grado di rischiosità dei prodotti finanziari e delle gestioni di portafogli d'investimento e rispettano il principio dell'adeguatezza fra le operazioni consigliate agli investitori, o effettuate per conto di essi, e il profilo di ciascun cliente, determinato sulla base della sua esperienza in materia di investimenti in prodotti finanziari, della sua situazione finanziaria, dei suoi obiettivi d'investimento e della sua propensione al rischio, salve le diverse disposizioni espressamente impartite dall'investitore medesimo in forma scritta, ovvero anche mediante comunicazione telefonica o con l'uso di strumenti telematici, purchè siano adottate procedure che assicurino l'accertamento della provenienza e la conservazione della documentazione dell'ordine"». Ora tale integrazione all art. 21 è stata abrogata, a livello di legislazione primaria, in considerazione della sua (parziale) incompatibilità con la disciplina MIFID all orizzonte. 13

14 Al riguardo si fa, tuttavia, presente che si è ritenuto opportuno non discostarsi dalla formulazione della norma adottata sul punto dal Codice delle Assicurazioni e dal regolamento Isvap n. 5/2006, che fanno riferimento alla figura del contraente. Comma 3 La norma in parte mutuata dall art. 47, comma 1, lett. b), del regolamento Isvap n. 5/2006 esplicita un principio di carattere generale nel rapporto fra produttore e distributore di prodotti o servizi. La disposizione va letta in correlazione con quanto previsto all art. 36- quinquies del presente regolamento che fa obbligo alle imprese di assicurazione di dotarsi di idonee procedure per garantire l adeguata formazione, l aggiornamento professionale e il rispetto delle regole di comportamento del presente regolamento anche quando operano per il tramite di reti distributive. Introduzione dell art. 36-quater Comma 1 Pur se già implicita nei principi generali di cui all art. 21 del Tuf secondo cui i soggetti abilitati all intermediazione assicurativa devono comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti dei contraenti, la norma intende riaffermare, anche alla luce delle corrispondenti previsioni della direttiva 2002/92/CE, l importanza di una corretta veicolazione dell informativa alla clientela. Comma 2 La norma costituisce trasposizione del dettato dell art. 13, comma 2, della direttiva 2002/92/CE, ai sensi della quale, l informazione può essere fornita verbalmente a richiesta del consumatore o qualora sia necessaria una copertura immediata del rischio. In tali casi, l informazione è fornita al consumatore subito dopo la conclusione del contratto di assicurazione. La precisazione secondo cui l informativa in discorso deve essere resa comunque non oltre i due giorni lavorativi successivi - aggiuntiva rispetto al testo comunitario - riprende il disposto dell art. 51, comma 2, del regolamento Isvap n. 5/2006. Introduzione dell art. 36-quinquies Comma 1 La norma contiene il rinvio alle singole disposizioni del regolamento n /1998, come attualmente vigenti, che le imprese di assicurazione devono osservare quando procedono alla vendita diretta di prodotti finanziari assicurativi. Tali disposizioni sono state selezionate da un lato tenendo conto dell assenza di contrarie previsioni delle direttive comunitarie del settore assicurativo e, dall altro lato, cercando di garantire uniformità di condizioni rispetto alle società di gestione del risparmio e alle sicav che, ai sensi dell art. 55 del presente regolamento, procedano al collocamento diretto di quote di fondi comuni di investimento di propria istituzione o di oicr per i quali svolgano la gestione. Comma 2 Pur se già implicita nei principi generali di cui all art. 21 del Tuf secondo cui le imprese di assicurazione devono comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti dei contraenti, la norma intende riaffermare l importanza di una corretta veicolazione dell informativa alla clientela. 14

15 Comma 3 La norma che riprende il disposto dell art. 40 del regolamento Isvap n. 5/2006 secondo cui le imprese di assicurazione verificano l adeguatezza della formazione e dell aggiornamento professionale effettuati dalle reti distributive di cui si avvalgono, nonché l osservanza delle regole generali di comportamento di cui all articolo. Le verifiche svolte devono risultare da un rapporto annuale, redatto dall unità organizzativa a ciò delegata e da inviare all ISVAP entro sessanta giorni dalla fine dell anno solare, dopo essere stato sottoposto, con eventuali osservazioni di merito, dal responsabile dell internal auditing agli organi amministrativi della società evidenzia come le imprese di assicurazione debbano dotarsi di idonee procedure di controllo delle loro reti di vendita. In tale direzione si esprime anche l art. 21, comma 1, lett. d), del Tuf, richiamato dall art. 25-bis dello stesso Tuf, secondo cui le imprese di assicurazione devono disporre di risorse e procedure, anche di controllo interno, idonee ad assicurare l efficiente svolgimento dei servizi : per tale via le stesse potranno essere chiamate a rispondere laddove le cautele adottate per la vigilanza sulla propria rete di vendita si dovessero rivelare carenti o deficitarie. 15

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DA BANCHE E DA IMPRESE DI ASSICURAZIONE (ART. 25-BIS DEL TUF)

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DA BANCHE E DA IMPRESE DI ASSICURAZIONE (ART. 25-BIS DEL TUF) REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DA BANCHE E DA IMPRESE DI ASSICURAZIONE (ART. 25-BIS DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 23 febbraio 2007 la Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010 REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 11 ottobre 2010 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Modifiche al Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Consob e dalla Banca d Italia

Dettagli

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte.

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte. OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE ADESIONI ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI In via preliminare, si esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINA DELLA REVISIONE CONTABILE (PARTE IV, TITOLO III, SEZIONE VI, DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE.

REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINA DELLA REVISIONE CONTABILE (PARTE IV, TITOLO III, SEZIONE VI, DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINA DELLA REVISIONE CONTABILE (PARTE IV, TITOLO III, SEZIONE VI, DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 7 febbraio 2007 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 OGGETTO: Decreti legislativi nn. 180 e 181 del 16 novembre 2015 di recepimento della direttiva 2014/59/UE. Prestazione dei servizi e delle attività di investimento,

Dettagli

Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013

Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013 Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013 Modifiche al provvedimento 22 febbraio 2008, recante «Disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE PROVVEDIMENTO DEL 22 FEBBRAIO 2008 ATTUAZIONE DEL D.

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

TESTI GIURIDICI. Legge n. 262-28 dicembre 2005 Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari

TESTI GIURIDICI. Legge n. 262-28 dicembre 2005 Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari TESTI GIURIDICI Legge n. 262-28 dicembre 2005 Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari Sez. I Codice delle Assicurazioni (Decreto Legislativo n. 209 7 settembre 2006)

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE ALLEGATO 7B INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO PREMESSO che ai sensi della vigente normativa, l intermediario assicurativo

Dettagli

INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA. ISVAP pag. 2. CHE COS E IL RUI. pag. 3. FORMAZIONE PRIMARIA pag. 4. AGGIORNAMENTO. pag. 4

INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA. ISVAP pag. 2. CHE COS E IL RUI. pag. 3. FORMAZIONE PRIMARIA pag. 4. AGGIORNAMENTO. pag. 4 INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA Indice: ISVAP pag. 2 CHE COS E IL RUI. pag. 3 LE FIGURE CHE OPERANO IN AGENZIA. pag. 4 FORMAZIONE PRIMARIA pag. 4 AGGIORNAMENTO. pag. 4 I PERCORSI FORMATIVI DI INTERATTIVA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Eventuali osservazioni, commenti e proposte dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2008 ai seguenti indirizzi:

Eventuali osservazioni, commenti e proposte dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2008 ai seguenti indirizzi: Il presente documento, concernente la distribuzione dei c.d. prodotti multiramo, caratterizzati dalla combinazione di coperture assicurative di ramo I e di prodotti finanziari di ramo III, è sottoposto

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Relatori: Fausto Fasciani

Relatori: Fausto Fasciani Relatori: Fausto Fasciani GLI ALBORI DELLA PROMOZIONE E DELLA CONSULENZA FINANZIARIA Alla fine degli anni 60 nascono i cosiddetti fondi atipici ed i Lussemburghesi storici Attività svolta da consulenti

Dettagli

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa ***

05/12/13 *** NORMATTIVA - Stampa *** DECRETO LEGISLATIVO 24 febbraio 1998, n. 58 Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52. Vigente al: 5-12-2013

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Codice di Autodisciplina RELAZIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA 1. Il presente si compone di quattro parti. La prima concerne i comportamenti degli esponenti aziendali, dei

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE MODIFICA DELL ART. 34 TER COMMA 4 DEL REGOLAMENTO EMITTENTI E DELL ALLEGATO 1M AL REGOLAMENTO EMITTENTI DISCIPLINANTE LA STRUTTURA DEL PROSPETTO SEMPLIFICATO RELATIVO ALL OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Pagina 1 di 30 IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDITO E IL

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli

ESITO DELLE CONSULTAZIONI

ESITO DELLE CONSULTAZIONI ESITO DELLE CONSULTAZIONI Modifica del Regolamento n. 11971/1999 ai fini dell'introduzione nella Parte II, Titolo I di un nuovo Capo II-bis, dedicato alle disposizioni regolamentari in materia di sollecitazione

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PARTE SECONDA SEZIONE II MODIFICHE AI REGOLAMENTI DI COMPETENZA DELLA CONSOB

PARTE SECONDA SEZIONE II MODIFICHE AI REGOLAMENTI DI COMPETENZA DELLA CONSOB PARTE SECONDA SEZIONE II MODIFICHE AI REGOLAMENTI DI COMPETENZA DELLA CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE AL REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERMEDIARI (adottato con delibera Consob n. 16190 del 29 ottobre

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

Nuova segnalazione sugli organi sociali (Or.So.). Istruzioni per gli intermediari.

Nuova segnalazione sugli organi sociali (Or.So.). Istruzioni per gli intermediari. SEDE DI MILANO (135) DIVISIONE SUPERVISIONE BANCHE Rifer. a nota n. del Banche accentrate e decentrate della Sede Classificazione VII 5 6 Oggetto Nuova segnalazione sugli organi sociali (Or.So.). Istruzioni

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Approvata dal CdA nella seduta

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 16 aprile 2012, n. 45 Attuazione della direttiva 2009/110/CE, concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale dell attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO DELLE

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP.

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP. PROPOSTA DI ADESIONE AL SERVIZIO FUNDSTORE DI BANCA IFIGEST S.p.A a cura della BANCA NON COMPILARE DATA:. TIMBRO E FIRMA PER ACCETTAZIONE Generalità del Cliente INTESTATARIO Residente a.. ( ), in (via,

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006

Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006 Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006 Recepite le direttive euroepee 2006/48 e 2006/49 in prossima scadenza, in materia di

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Il Regolamento disciplina: a) la proposizione e la gestione dei reclami presentati all ISVAP dalle persone fisiche e giuridiche dalle associazioni

Dettagli

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Le ragioni della regolamentazione Nell'ambito del retail funding, le obbligazioni bancarie costituiscono lo strumento di raccolta

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 SCHEMA DI DISPOSIZIONE REGOLAMENTARE IN TEMA DI CONFLITTO DI INTERESSI DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI (MODIFICA AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006, CONCERNENTE

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sommario Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni... 2 Art. 127-quinquies (Maggiorazione del voto)... 2 Regolamento di attuazione del decreto legislativo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli