Banche, Assicurazioni e Gestori di risparmio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banche, Assicurazioni e Gestori di risparmio"

Transcript

1 a cura di Marco Prosperetti e Alessandro Colavolpe LeSocietà Banche, Assicurazioni e Gestori di risparmio Corporate governance, vigilanza e controlli Aggiornato con il D.L. n. 155/2008, conv. nella L. n. 190/2008 e il D.L. n. 185/2008, conv. nella L. n. 2/2009

2 Prefazione Questo volume vuole rispondere alla esigenza di quanti si trovano di fronte ad un problema operativo che riguarda i protagonisti di quello che viene comunemente definito il mercato finanziario ma che dal punto di vista giuridico meglio è descritto con riferimento alla funzione di essi, che sono gestori di risparmio. Per tale ragione i riferimenti storici e di dottrina sono contenuti a quanto è necessario per una migliore comprensione delle tematiche illustrate e le opinioni, riferibili a ciascun autore, confidiamo sempre saldamente concrete. Anche per conseguire l obiettivo di un volume utilizzabile non soltanto dallo specialista, gli Autori sono tutti professionisti - molti dei quali con background accademico - che operano nei settori delle banche e delle assicurazioni. Questo ha consentito una impostazione generale, oltre che dei singoli contributi, non casuale ma, ci si augura, rispettosa di una visione di insieme coerente e consapevole salve le diversità dovute alla differente percezione delle esigenze informative propria di ciascun autore. Desideriamo ringraziare pubblicamente tutti gli Autori che con il loro impegno hanno reso possibile la pubblicazione di questo volume. Il nostro ringraziamento va anche agli enti, alle associazioni ed agli studi legali presso i quali gli autori prestano la loro attività. Tra questi, una menzione particolare merita Reconta-Ernst&Young per l interesse dimostrato per l iniziativa e per il contributo che ad essa ha dato curandone alcune parti. Marco Prosperetti, Alessandro Colavolpe V

3

4 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio AUTORI DOMENICO ANGARINI Responsabile Servizio sanzioni Isvap CHRISTIAN ARMBRÜSTER Professore di Diritto delle Assicurazioni nella Freie Univesität di Berlino, Magistrato d Appello LUCA BECCARINI Avvocato, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma DOMENICO BENINCASA Avvocato, Cultore nella Facoltà di Giurisprudenza Università La Sapienza Roma CLAUDIA BORTOLANI Avvocato, Partner dello Studio Macchi Di Cellere Gangemi, Dottore di Ricerca, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma GIUSEPPINA CAPALDO Avvocato, Professore ordinario, Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma GIUSEPPE LEONARDO CARRIERO Responsabile Direzione coordinamento giuridico Isvap STEFANO CATTANEO Revisore dei conti, Socio e responsabile del settore Asset Management di Reconta Ernst & Young S.p.a. ETTORE CERASA Avvocato, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma MARCO CIVELLI Dottore commercialista, revisore dei conti, presidente di Ergo Italia Direct Network ALESSANDRO COLAVOLPE Avvocato, Studio Legale Tributario in association with Ernst & Young, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma VII

5 Autori FRANCESCO COMPAGNA Avvocato, Dottore di Ricerca, Cultore nella Facoltà di Giurisprudenza Università La Sapienza Roma ALBERTO CUCCURU Avvocato, Cultore nella Facoltà di Giurisprudenza Università LUISS RENZO CUONZO Avvocato, Dottore di Ricerca, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma CARMINE D ANTONIO Dottore commercialista, revisore dei conti ANTONIO ROSARIO DE PASCALIS Responsabile Sezione Tutela assicurati Isvap, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma, già docente di Economia e Tecnica dell Assicurazione nell Università della Tuscia GUGLIELMO GEBBIA Dottore commercialista, revisore dei conti GIOVANNI LO FASO Divisione Legale SACE S.p.a. FRANCO MARRA Dottore di Ricerca in Diritto pubblico dell economia Università La Sapienza Roma UMBERTO MAURO Avvocato ROBERTO MAVIGLIA Avvocato, Docente del Master Intermediari, emittenti e mercati finanziari Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma MARCO MINORETTI Divisione Analisi e Mercati di SACE S.p.a. IDA PANETTA Dottore di Ricerca, Ricercatore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma VIII

6 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio ALESSANDRA PIETROLETTI Avvocato, Studio Legale Tributario in association with Ernst & Young MARCO PROSPERETTI Avvocato, Professore associato Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma ERNESTO PUCCI Avvocato, Partner dello Studio Macchi Di Cellere Gangemi, Cultore nella Facoltà di Economia Università La Sapienza Roma GIORGIO SANGIORGIO Presidente Ombudsman bancario ROBERTO TIEGHI Avvocato STEFANIA VERDUCHI Dottore di Ricerca AMBROGIO VIRGILIO Dottore commercialista, revisore dei conti, responsabile IFRS Desk di Reconta Ernst & Young Italia S.p.a., responsabile della Commissione Tecnica Generale Assirev IX

7

8 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio INDICE PREFAZIONE AUTORI V VII PARTE I ASPETTI GENERALI CAPITOLO I Linee di tendenza del mercato del risparmio 3 1. Caratteristiche del mercato del risparmio 3 2. Una guida di lettura 9 di Marco Prosperetti CAPITOLO II Il money laundering 13 di Alessandro Colavolpe CAPITOLO III La corporate governance nelle banche Premessa: il perimetro dell analisi Aspetti definitori: dalla corporate governance delle imprese alla bank governance Le fonti normative: le ragioni dell evoluzione e principali innovazioni La normativa e le banche: le regole supplementari del gioco Sintesi delle disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche (4 marzo 2008) 56 di Ida Panetta CAPITOLO IV La corporate governance nelle imprese assicurative italiane Profili introduttivi Il governo societario: la corporate governance Le disposizioni di vigilanza La struttura di governo societario e la relazione di corporate governance L assemblea dei soci Il consiglio di amministrazione Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Il collegio sindacale Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari La società di revisione 112 XI

9 Indice 11. Polizza di assicurazione D&O a fronte della responsabilità civile degli organi sociali Trattamento delle informazioni riservate e privilegiate Operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, con parti correlate, atipiche o inusuali Disciplina dell internal dealing Il modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 8 giugno 2001, n La vigilanza sulla corporate governance Le risultanze dell indagine sulla corporate governance delle imprese assicurative quotate in Italia al 1 settembre Le funzioni dei comitati fra amministratori delle imprese assicurative quotate in Italia al 1 settembre La corporate governance nell ottica dell antitrust Profili evolutivi 147 di Carmine D Antonio CAPITOLO V La compliance Premessa Evoluzione normativa Il rischio compliance Normativa di vigilanza in materia di «conformità alle norme (compliance)» Le nuove opportunità create dalla normativa La compliance nelle assicurazioni 164 di Alessandra Pietroletti CAPITOLO VI L informazione L informazione come bene giuridico Informazione e contratto: dal codice civile al nuovo diritto dei contratti Obblighi di informazione e tutela della concorrenza nel settore bancario e finanziario. Le operazioni bancarie L informazione nel mercato mobiliare L informazione nei contratti di assicurazione Il nuovo ruolo dell informazione tra regole di validità e regole di responsabilità Prospettive di evoluzione del sistema: la tendenza all armonizzazione europea dei doveri di informazione (la direttiva 2008/48/CE) 199 di Giuseppina Capaldo CAPITOLO VII L Ombudsman bancario Riferimenti storici e inquadramento generale Le vicende dell Ombudsman bancario Natura, struttura e funzionamento dell Ombudsman giurì bancario 212 XII

10 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio 4. La sezione speciale per i bonifici transfrontalieri Prospettive future 221 di Giorgio Sangiorgio e Giuseppe L. Carriero CAPITOLO VIII La gestione dei reclami Introduzione I contenuti del Regolamento reclami La gestione dei reclami presentati alle imprese di assicurazione Reclami riferibili a prodotti finanziari di ramo III e V I reclami sui sinistri a carico del Fondo di Garanzia per le vittime della strada La procedura di conciliazione nel ramo r.c. auto Conclusioni 239 di Antonio Rosario de Pascalis CAPITOLO IX La vigilanza su banche ed assicurazioni: è meglio avere un autorità o due? Introduzione Uno sguardo comparato ai principali sistemi di vigilanza La vigilanza del settore finanziario a livello internazionale Un caso pratico: il passaggio in Germania dal modello della divisione a quello dell integrazione Conclusioni 250 di Christian Armbrüster PARTE II - LE BANCHE La banca in generale 253 di Alessandro Colavolpe CAPITOLO I La fase costitutiva Le condizioni di accesso: considerazioni introduttive I presupposti per il rilascio dell autorizzazione La procedura per il rilascio dell autorizzazione L articolazione territoriale delle banche italiane, comunitarie ed extracomunitarie L albo delle banche e dei gruppi bancari 327 di Alessandro Colavolpe XIII

11 Indice CAPITOLO II Le forme giuridiche Premessa Le società per azioni bancarie Le banche cooperative 362 di Alessandro Colavolpe CAPITOLO III La vigilanza Il quadro normativo Le «Autorità Creditizie»: profili strutturali, organizzativi e funzionali Finalità e destinatari della vigilanza. Rapporti con il diritto comunitario La vigilanza sulle banche Segreto d ufficio e collaborazione tra autorità La vigilanza «supplementare» sui conglomerati finanziari 403 di Alessandro Colavolpe PARTE III - I GESTORI DI RISPARMIO NON BANCARI La funzione degli intermediari finanziari non bancari 409 di Marco Prosperetti e Alessandro Colavolpe SEZIONE I - LE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO CAPITOLO I Le società di gestione del risparmio (SGR) Le funzioni e le caratteristiche strutturali delle SGR Le diverse fattispecie di gestione collettiva del risparmio delle SGR Il mercato italiano del risparmio gestito Le condizioni di accesso La procedura per il rilascio dell autorizzazione La disciplina delle SGR estere Sistema organizzativo Impatto della direttiva Mifid sulle società di gestione del risparmio Prospetti contabili degli OICR 455 di Stefano Cattaneo CAPITOLO II La disciplina della vigilanza sulle SGR Aspetti generali di vigilanza sulle SGR Patrimonio di vigilanza e requisiti patrimoniali 461 XIV

12 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio 3. Situazione dei conti Vigilanza informativa Vigilanza ispettiva 471 di Stefano Cattaneo SEZIONE II LE SOCIETÀ DI INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE CAPITOLO I Cenni generali ed introduttivi Le funzioni e le caratteristiche strutturali delle SICAV La variabilità del capitale sociale L amministrazione La posizione dei soci L assemblea Gli assetti proprietari della SICAV 491 di Alberto Cuccuru CAPITOLO II L accesso all attività: condizioni, presupposti e procedura Le condizioni di accesso La procedura per il rilascio dell autorizzazione L albo delle SICAV La gestione della società e i rapporti verso i terzi Controllo interno e codice interno di comportamento Obblighi di attestazione, rendicontazione e registrazione Profili fiscali 513 di Alberto Cuccuru CAPITOLO III L attività di vigilanza La disciplina di vigilanza sulle SICAV Sospensione degli organi amministrativi e abuso di denominazione Gli interventi sulle SICAV 516 di Alberto Cuccuru XV

13 Indice SEZIONE III LE SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE, IMPRESE DI IN- VESTIMENTO COMUNITARIE, IMPRESE DI INVESTIMENTO EXTRACOMUNITA- RIE, SOCIETÀ FIDUCIARIE CAPITOLO I La fase costitutiva. L operatività Le condizioni di accesso all'esercizio dei servizi e delle attività di investimento da parte delle SIM: considerazioni introduttive I presupposti per il rilascio dell autorizzazione La procedura per il rilascio dell autorizzazione L articolazione territoriale delle SIM, delle imprese di investimento comunitarie e delle imprese di investimento extracomunitarie. Le fonti normative di rango primario. Le «definizioni» L operatività all estero delle SIM Le imprese di investimento comunitarie Le imprese di investimento extracomunitarie Le società fiduciarie-sim L albo delle imprese di investimento 562 di Alessandro Colavolpe CAPITOLO II La vigilanza La disciplina di vigilanza: il quadro normativo di riferimento La vigilanza regolamentare. La vigilanza informativa. La vigilanza ispettiva La revisione contabile La composizione del gruppo della SIM. La vigilanza consolidata 578 di Alessandro Colavolpe PARTE IV LE ASSICURAZIONI L assicurazione in generale 589 di Marco Prosperetti SEZIONE I - LE IMPRESE DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE CAPITOLO I L accesso all attività assicurativa e riassicurativa L attività assicurativa e riassicurativa in Italia La procedura per l accesso 613 XVI

14 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio 3. La disciplina dell attività in Italia di imprese di assicurazione e di riassicurazione estere (imprese aventi sede legale all estero) 647 di Ernesto Pucci CAPITOLO II I presidi alla solvibilità dell impresa di assicurazioni Il ruolo dell attuario nell impresa d assicurazione L attuario incaricato vita e le linee guida elaborate dall Ordine nazionale degli attuari L attuario incaricato che presta attività professionale nelle compagnie di assicurazione contro i danni La solvibilità dell impresa di assicurazione nelle sue diverse accezioni Le riserve tecniche Attivi ammessi a copertura delle riserve tecniche Il margine di solvibilità Gli elementi costitutivi del margine di solvibilità disponibile La determinazione del margine di solvibilità richiesto per i rami vita La determinazione del margine di solvibilità richiesto per i rami danni Gli interventi dell Autorità di vigilanza in caso di inadeguatezza del margine di solvibilità Le novità di Solvency I L impianto di vigilanza prudenziale: dalle direttive di terza generazione a Solvency II Le riserve tecniche in Solvency II Il global framework for insurer solvency assessment Il requisito di capitale richiesto in Solvency II La cultura del rischio in ambito aziendale 713 di Stefania Verduchi CAPITOLO III La forma giuridica delle imprese di assicurazione e di riassicurazione Introduzione La forma giuridica dell impresa di assicurazione Le partecipazioni societarie La forma giuridica delle imprese di riassicurazione 749 di Luca Beccarini CAPITOLO IV La sorveglianza La vigilanza sulle imprese di assicurazione e riassicurazione La vigilanza sulla gestione tecnica, finanziaria e patrimoniale delle imprese di assicurazione e riassicurazione 763 XVII

15 Indice 3. La vigilanza sulle operazioni straordinarie delle imprese di assicurazione e riassicurazione La vigilanza supplementare sulle imprese di assicurazione e riassicurazione La collaborazione tra Autorità 795 di Claudia Bortolani CAPITOLO V Il gruppo SACE Introduzione Il gruppo SACE La normativa di riferimento Statuto e governance del gruppo Il modello organizzativo Il «rischio Paese» Il perimetro assicurativo Conclusioni 822 di Giovanni Lo Faso e Marco Minoretti CAPITOLO VI La CONSAP e la COVIP La CONSAP La COVIP 833 di Domenico Benincasa SEZIONE II GLI INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE CAPITOLO I L attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa e gli intermediari Quadro introduttivo L attività di intermediazione assicurativa e l ambito di applicazione delle norme Il registro unico elettronico degli intermediari Intermediari assicurativi e riassicurativi con residenza o sede legale in Stati membri e Stati terzi La disciplina degli agenti La disciplina dei broker I promotori finanziari Le regole di comportamento 864 di Ernesto Pucci XVIII

16 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio CAPITOLO II I canali alternativi di distribuzione di prodotti assicurativi La bancassicurazione La distribuzione tramite telefono e internet 893 di Claudia Bortolani PARTE V - I BILANCI CAPITOLO I Bilanci bancari: principi contabili nazionali ed internazionali Le fonti normative di riferimento La normativa contabile comunitaria La normativa contabile italiana Adeguamento della normativa civilistica in tema di principi contabili La disciplina bancaria Bilancio e patrimonio di vigilanza Normativa sull adeguatezza patrimoniale Altra normativa rilevante per i bilanci delle banche Contenuto della relazione sulla gestione Principi generali e criteri di redazione Criteri generali di predisposizione del bilancio Considerazioni generali in merito allo IAS Struttura e contenuto del bilancio Circolare della Banca d Italia n. 262/ Principi contabili internazionali per le voci caratteristiche del bilancio bancario Classificazione Definizione di un derivato Riclassificazione Rilevazione iniziale degli strumenti finanziari Misurazione iniziale e successiva degli strumenti finanziari Profitti e perdite Costo ammortizzato Perdita di valore di attività finanziarie Eliminazione contabile di attività e passività finanziarie Strumenti finanziari derivati e coperture IFRS 7, l informativa Altri requisiti di informativa Informazioni di natura quantitativa 961 di Ambrogio Virgilio CAPITOLO II Il bilancio delle imprese di assicurazione e di riassicurazione Evoluzione storica La direttiva conti annuali delle imprese di assicurazione 972 XIX

17 Indice 3. Il d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 Codice delle assicurazioni private Il bilancio assicurativo La relazione semestrale Il bilancio consolidato delle imprese di assicurazione e di riassicurazione I registri assicurativi 1101 di Antonio Rosario de Pascalis PARTE VI - LE CONCENTRAZIONI E LA CONCORRENZA Cooperazione e concentrazione in generale 1125 di Marco Prosperetti CAPITOLO I Operazioni straordinarie in ambito bancario Le forme della cooperazione e della concentrazione bancaria Le fusioni, le trasformazioni e le scissioni: l intervento autorizzatorio della Banca d Italia La cessione di rapporti giuridici a banche La tutela della concorrenza 1139 di Roberto Maviglia CAPITOLO II Operazioni straordinarie di società finanziarie non bancarie Le operazioni di fusione tra SGR e tra SICAV La scissione di SGR e delle SICAV La procedura e i termini per rilascio dell autorizzazione Adempimenti successivi 1154 di Roberto Maviglia CAPITOLO III Operazioni straordinarie in ambito assicurativo Le forme della cooperazione e della concentrazione nel settore assicurativo Le fusioni, le trasformazioni e le scissioni delle imprese di assicurazione e delle imprese di riassicurazione: l intervento autorizzativo dell ISVAP La vigilanza sulle operazioni straordinarie delle imprese di assicurazione e di riassicurazione 1163 di Roberto Maviglia XX

18 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio CAPITOLO IV La tutela della concorrenza L Antitrust. Profili generali Le competenze dell Antitrust in materia di operatori finanziari La concorrenza nei processi di concentrazione del settore finanziario italiano La norma di legge per l intervento dell Antitrust sulle concentrazioni Il procedimento amministrativo sulle concentrazioni L avvio della procedura I profili sanzionatori La normativa comunitaria Il coordinamento dell Antitrust con le Autorità di vigilanza nazionali Le peculiarità delle operazioni nel settore assicurativo Il parere dell ISVAP nelle operazioni di concentrazione assicurativa Il provvedimento dell Antitrust sulle operazioni di concentrazione nel settore assicurativo e della previdenza complementare Il protocollo d intesa tra la Banca d Italia e l Antitrust Il provvedimento dell Antitrust sulle operazioni di concentrazione nel settore bancario Le istruttorie dell Antitrust nel 2008 sulle concentrazioni bancarie L indagine conoscitiva dell Antitrust sulla corporate governance di banche, assicurazioni e SGR Profili evolutivi 1210 di Carmine d Antonio PARTE VII LA DISCIPLINA DELLE CRISI SEZIONE I GLI INTERMEDIARI BANCARI E FINANZIARI CAPITOLO I La disciplina speciale delle crisi bancarie Normativa speciale e interesse pubblico Il sistema normativo 1216 di Renzo Cuonzo CAPITOLO II L amministrazione straordinaria Natura, finalità e ambito soggettivo di applicazione della procedura I presupposti oggettivi L adozione del provvedimento, gli organi della procedura ed il commissario provvisorio Le funzioni dei commissari straordinari, i poteri dei commissari straordinari e il funzionamento degli organi straordinari Gli adempimenti iniziali e finali della gestione straordinaria 1244 XXI

19 Indice 6. La gestione provvisoria Le succursali di banche extracomunitarie I provvedimenti straordinari 1250 di Renzo Cuonzo CAPITOLO III La liquidazione coatta amministrativa La natura e la finalità I presupposti ed il provvedimento Gli organi della procedura L accertamento giudiziale dello stato di insolvenza Gli effetti del provvedimento Gli adempimenti iniziali L accertamento del passivo e la liquidazione dell attivo La ripartizione dell attivo, la chiusura ed il concordato di liquidazione 1277 di Renzo Cuonzo CAPITOLO IV La crisi dei gruppi bancari La finalità della disciplina L amministrazione straordinaria e la liquidazione coatta della capogruppo L amministrazione straordinaria e la liquidazione coatta delle società del gruppo Disposizioni comuni: organi delle procedure, competenze giurisdizionali e gruppi di fatto 1289 di Renzo Cuonzo SEZIONE II LE IMPRESE DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE NELLA DISCIPLINA DELLE CRISI CAPITOLO I Le misure di salvaguardia, risanamento e liquidazione Premesse Le misure di salvaguardia Le misure di risanamento La liquidazione coatta amministrativa Il concordato di liquidazione La crisi del gruppo assicurativo 1311 di Luca Beccarini XXII

20 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio CAPITOLO II La liquidazione del danno Aspetti introduttivi e profili di novità Il risarcimento ordinario Il risarcimento diretto Profili applicativi e considerazioni conclusive Organismo di indennizzo italiano 1322 di Guglielmo Gebbia PARTE VIII LE SANZIONI CAPITOLO I Illeciti e responsabilità in materia bancaria, finanziaria ed assicurativa Finalità e rilevanza delle disposizioni sanzionatorie contenute nelle normative di settore Delitti, contravvenzioni ed illeciti amministrativi Responsabilità individuali e responsabilità degli enti 1335 di Francesco Compagna CAPITOLO II La tutela penale del risparmio e dei mercati finanziari L individuazione dei beni giuridici tutelati L abusivo esercizio di attività riservate L ostacolo alle funzioni di vigilanza e gli altri reati di falsità nelle relative comunicazioni Conflitti di interesse ed infedeltà patrimoniali La tutela della trasparenza informativa nei confronti delle banche e degli investitori L inquinamento della revisione contabile (artt. 174bis, 174ter, 177, 178 TUF) La tutela della parità di trattamento fra gli azionisti Gli abusi di mercato 1376 di Francesco Compagna CAPITOLO III Gli illeciti amministrativi previsti dal TUB Le sanzioni amministrative previste dal TUB Le sanzioni amministrative pecuniarie (art. 144) La procedura sanzionatoria 1393 di Umberto Mauro XXIII

21 Indice CAPITOLO IV Gli illeciti amministrativi previsti dal TUF Le sanzioni amministrative Le sanzioni in tema di intermediari e mercati Sanzioni in tema di emittenti L applicazione delle sanzioni Le sanzioni in materia di abusi di mercato 1415 di Umberto Mauro CAPITOLO V Gli illeciti previsti dal codice delle assicurazioni Il sistema sanzionatorio previgente al codice delle assicurazioni Il sistema sanzionatorio disciplinato dal codice delle assicurazioni e dalla legge 28 dicembre 2005, n I soggetti destinatari delle sanzioni amministrative pecuniarie Le tipologie di illecito soggette a sanzione amministrativa pecuniaria Il procedimento sanzionatorio I criteri di determinazione della sanzione Il pagamento della sanzione La tutela giurisdizionale 1451 di Domenico Angarini PARTE IX - IL TRATTAMENTO FISCALE CAPITOLO I Il trattamento fiscale delle banche e dei soggetti finanziari non bancari La fiscalità diretta delle banche (IRES, IRAP) 1457 di Roberto Tieghi CAPITOLO II Il trattamento fiscale delle compagnie di assicurazione Premessa Cenni sulla deducibilità delle riserve tecniche Valutazione dei titoli nelle imprese vita Variazione della riserva sinistri Deducibilità delle provvigioni poliennali Svalutazione dei crediti verso gli assicurati Imposta sulle riserve matematiche 1525 di Marco Civelli XXIV

22 Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio PARTE X LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA CAPITOLO I La liquidazione volontaria La liquidazione volontaria di banche, assicurazioni ed altre società La liquidazione conseguente a revoca dell autorizzazione all esercizio 1542 di Ettore M. Cerasa PARTE XI I RIMEDI CAPITOLO I Le autorità amministrative indipendenti nel settore finanziario. Cenni sulla tutela giurisdizionale Il problema Origine ed evoluzione delle autorità amministrative indipendenti del settore finanziario Natura giuridica delle autorità amministrative indipendenti e controllo giurisdizionale La giurisprudenza sulle autorità amministrative indipendenti 1578 di Franco Marra XXV

23

24 Parte I Banche, Assicurazioni e Gestori di Risparmio 1. PROFILI INTRODUTTIVI CAPITOLO IV LA CORPORATE GOVERNANCE NELLE IMPRESE ASSICURATIVE ITALIANE di Carmine d Antonio Le gravi crisi finanziarie di Enron, di Worldcom, di Parmalat e quelle bancarie legate alle perdite sui derivati e sui mutui subprime hanno accresciuto la sensibilità riguardo al tema delle regole del governo societario, quale fattore di primo piano per la competizione internazionale tra i potenziali allocatari di risorse finanziarie. Dalla capacità di darsi regole di governo societario efficienti ed efficaci, dipende la percezione di affidabilità di una impresa, la sua reputazione e quella del suo management nella comunità finanziaria. Inoltre, l attenzione al tema del governo societario risponde ad un esigenza largamente avvertita da tutti i partecipanti al mercato: gli investitori, le Autorità monetarie e di vigilanza di settore, le Società di rating, le Società di gestione dei mercati finanziari, le Associazioni a tutela dei consumatori, ecc. L evoluzione verso la best practice di mercato, dovuta anche alle crisi societarie, è collegata alla maggiore consapevolezza degli operatori del mercato, delle proprie responsabilità nei confronti degli investitori, del mercato, del sistema Paese e degli stakeholders nonché alle riforme della legislazione in materia di diritto societario e di tutela del risparmio. Il processo di aggiornamento delle regole di governo societario investe non solo le imprese di grandi dimensioni, che naturalmente sono portate a relazionarsi con il mercato, ma anche quelle di dimensioni medio-piccole, che devono adottare un sistema di governance capace di valorizzare e di proteggere l investimento dei propri azionisti e tutelare gli interessi degli stakeholders, compresi quelli degli assicurati. Il mercato chiede di poter comprendere a pieno il modello di governance applicato da ciascuna impresa e attraverso il principio del comply or explain, di conoscere la conformità ai Codici di Autodisciplina, soprattutto, con riguardo ai ruoli degli amministratori indipendenti e dei Comitati che il Consiglio di amministrazione istituisce al proprio interno, tenuto conto della dimensione dell impresa, della composizione della compagine azionaria, del settore economico di appartenenza, del mercato di quotazione, ecc. La trasparenza verso il mercato obbliga le società quotate a pubblicare almeno annualmente una Relazione in materia di governo societario nella quale vengono illustrati, fra l altro, il funzionamento, la composizione e la durata degli Organi sociali, l eventuale esistenza di patti parasociali, nonché l articolazione dell azionariato. Infatti, le decisioni degli investitori si basano oltre che sulla corretta valutazione delle strategie aziendali, dell andamento della gestione e della redditività attesa del capitale investito, anche sulla qualità delle regole del governo societario dell impresa. 67

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione

SOMMARIO. Introduzione SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII L assicurazione in generale Introduzione L assicurazione in generale di Marco Prosperetti e Alessandro Colavolpe 1. L assicurazione e la finanza... 3 2.

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

INDICE. Prefazione alla decima edizione... Abbreviazioni... INTRODUZIONE CAPITOLO I

INDICE. Prefazione alla decima edizione... Abbreviazioni... INTRODUZIONE CAPITOLO I INDICE Prefazione alla decima edizione.......................... Abbreviazioni.................................... V VII INTRODUZIONE CAPITOLO I A. L ASSICURAZIONE COME OPERAZIONE ECONOMICA...............

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO I

INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO I Prefazione alla nona edizione........................... Prefazione alla ottava edizione.......................... Prefazione alla settima edizione.......................... Prefazione alla sesta edizione...........................

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA INDICE SOMMARIO Capitolo I EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA I.1. Le origini: dalle suggestioni filo-germaniche alla legislazione del 1926......................... 1 I.2. Le crisi bancarie degli anni

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa... Notizie sugli autori... pag. XVII XXI Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI «COSTITUZIONALI», POTERI PUBBLICI E FONTI NORMATIVE IN TEMA DI MERCATI FINANZIARI

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni sede legale e direzione generale in Bolzano ABI 05856.0 codice fiscale, partita IVA e iscrizione al registro delle imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ 1. Il revisore legale contabile... 3 1.1. La riforma del diritto societario: premessa introduttiva... 5 1.2. Il registro dei revisori contabili... 14 1.3. Il registro

Dettagli

Indesit Company S.p.A.

Indesit Company S.p.A. Indesit Company S.p.A. Sede Legale in Viale Aristide Merloni n. 47, 60044 Fabriano (AN) Capitale Sociale 102.759.269,40 interamente versato Iscrizione al Registro delle Imprese del Tribunale di Ancona

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Mezzo secolo di Unipol. Una storia scritta guardando

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

Sezione Prima L IMPRESA NEL SETTORE DELLE ASSICURAZIONI

Sezione Prima L IMPRESA NEL SETTORE DELLE ASSICURAZIONI INDICE GENERALE L AUTORE... PRESENTAZIONE Ermanno Cappa... PREFAZIONE... ABBREVIAZIONI E ACRONIMI... XVII XIX XXI XXIII Parte Prima LA DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ ASSICURATIVA Sezione Prima L IMPRESA NEL

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 448.500.000 I.V. SEDE SOCIALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Gli Amministratori di società quotate

Gli Amministratori di società quotate CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE Gli Amministratori di società quotate Prof. Alberto Nobolo 1 Le fonti: - Codice civile 1942 modificato dal D. Lgs. n. 6/2003 Art. 2364, co. 1, nn. 2 e 3: nomina/revoca/attribuzione

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Indice corso Agenti e Broker

Indice corso Agenti e Broker Indice corso Agenti e Broker 1. L evoluzione storica e normativa delle assicurazioni - Premessa - Fonti del diritto di assicurazione: i connotati e i problemi peculiari della disciplina di settore - Il

Dettagli

Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020; deliberazioni relative.

Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020; deliberazioni relative. Assemblea ordinaria 20 aprile 2012 prima convocazione 21 aprile 2012 seconda convocazione Punto 4 dell ordine del giorno: Conferimento dell incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2012-2020;

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO 1.1. Le origini della normativa del Titolo V t.u. bancario sui «Soggetti operanti

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati

Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Poste Italiane S.p.A. ai sensi del Regolamento CONSOB adottato con delibera 17221/2010 (Operazioni con Parti Correlate)

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni - 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio - 1.1.1 I contrasti

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli