I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA"

Transcript

1 I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA Programma svolto del corso di Chimica Analitica e Strumentale Classe 3^C a.s Docenti: Giorgia Messori, Claudia Tacconi Il libro di testo utilizzato è stato: Rubino, Venzaghi, Cozzi_ Le Basi della Chimica Analitica_ Volume di Teoria e di Laboratorio Dispense di laboratorio: Laboratorio di chimica analitica_luisa Capitani Sono state svolti i seguenti capitoli con esercizi : cap.3, 4, 6(cenni a fine a/s, 10, 11, 12, 13, 14, 15 Sono state svolti i seguenti capitoli a completamento delle dispense e con esercizi: 16, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27 Chimica Analitica e Strumentale: I risultati dell'apprendimento hanno portato gli allievi a: acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni di un fenomeno attraverso grandezze fondamentali e derivate individuare e gestire le informazioni per organizzare le attività sperimentali utilizzare i concetti, i principi e i modelli della chimica fisica per interpretare la struttura dei sistemi e le loro trasformazioni essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie, nel contesto culturale e sociale in cui sono applicate intervenire nella pianificazione di attività e controllo della qualità del lavoro nei processi chimici e biotecnologici elaborare progetti chimici e biotecnologici e gestire attività di laboratorio controllare progetti e attività, applicando le normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali PARTE TEORICA e APPLICAZIONI IN LABORATORIO: Modulo 0: Sicurezza e salute nel luogo di lavoro Formazione generale e specifica. Norme di comportamento in laboratorio. Norme per l'uso di apparecchiature ed attrezzature. Classificazione dei prodotti chimici. Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose. Schede di sicurezza. 1. Concetti e linguaggio della chimica di base : nomenclatura chimica (ossidi, idrossidi,acidi, sali, idracidi, idruri, perossidi); dissociazione ionica e ionizzazione di un composto molecolare; reazioni di precipitazione, acido- base (in forma molecolare e in forma ionica).bilanciamento e rapporti ponderali. 2. Soluzioni : Definizione di soluzione e caratteristiche dei solventi; momento di dipolo e costante dielettrica; solubilità ed influenza della temperatura; caratteristiche chimico-fisiche dell acqua ed interazioni soluto-solvente; elettoliti e non elettroliti; espressioni della concentrazione (molarità. normalità, %m/m, %m/v, %V/V, ppm, frazione molare) e calcoli per la preparazione di soluzioni. 3. Ossidoriduzioni : definizione e calcolo del numero di ossidazione (composti inorganici ed organici); definizione di ossidazione, riduzione, ossidante, riducente; reazioni di ossidoriduzione e loro bilanciamento (metodo delle semireazioni complete in forma ionica e metodo del numero di ossidazione); reazioni di dismutazione.uso qualitativo dei potenziali di riduzione standard. Calcoli stechiometrici: coefficienti stechiometrici, calcolo delle quantità di reagenti e di prodotti a reazione completa, calcolo del reagente limitante, calcolo della resa di una reazione. 4. Analisi qualitativa : elettroliti forti e deboli; precipitazione e solubilità di composti ionici; riconoscimento di anioni e cationi per via secca e umida con saggi specifici; cenni sulla ricerca sistematica dei cationi. 5. Equilibri ionici in soluzione : sali acidi e basici; idrolisi di anioni di acidi deboli, di cationi di basi deboli e contemporanea (anioni e cationi); grado di idrolisi. Soluzioni tampone: coppie coniugate acido-base. Preparazione di una miscela tampone, potere tampone, capacità tampone, campo di attività di un tampone: ph limite, scelta del tampone. Esempi ed esercizi applicativi. costruzione teorica di curve di titolazione acido-base(forti e deboli, mono e poliprotici); curva di titolazione in funzione del ph; criteri di titolabilità; indicatori acido-base: caratteristiche relative soprattutto agli equilibri acido-base, scelta in funzione del sistema analizzato; 6. Il lavoro con i dati sperimentali : Concetto di misura; Portata e sensibilità di uno strumento; Misura della massa e del volume; Incertezza delle misure. Il metodo analitico: dal campione al risultato. 7. Equilibri di solubilità : solubilità e prodotto di solubilità; la precipitazione; fattori che influenzano la solubilità: effetto dello ione comune, effetto sale, temperatura, solvente, formazione di complessi, interazione fra composti poco solubili; ph. Precipitazione frazionata. Inizio e fine precipitazione di un sale. Esempi ed esercizi applicativi. 8. Analisi quantitativa Analisi gravimetrica: generalità; apparecchiature e tecniche operative; formazione del precipitato; filtrazione e lavaggio; essiccamento e calcinazione; Esempi ed esercizi applicativi. Analisi volumetrica: fasi operative, preparazione e standardizzazione delle soluzioni; curve di titolazione e calcolo teorico per punti (a) Acidimetria e alcalimetria curve di titolazione di acidi forti e basi forti; di acidi e basi forti con acidi e basi deboli mono e poliprotici. Esempi ed esercizi applicativi. (b) Argentometria costante di equilibrio e prodotto di solubilità, fattori che influenzano l equilibrio di precipitazione, precipitazione frazionata, curva di titolazione, metodo di Mohr, metodo di Volhard diretto e indiretto. Esempi ed esercizi applicativi. (d) Complessometria reazioni di complessazione, composti di coordinazione e loro impieghi analitici, nomenclatura, costante di formazione; equilibri di complessazione; tipi di leganti e loro stabilità, acido etilendiamminotetraacetico (EDTA), influenza di equilibri multipli nella formazione del complesso Me-EDTA, curva di titolazione, indicatori metallocromici e loro principali caratteristiche; durezza delle acque e parametri ad essa collegati. Esempi ed esercizi applicativi. (e) Ossidimetria (permanganatometria) definizione di potenziali elettrodici, elettrodo standard a idrogeno, forza ossidante e forza riducente, costruzione ed utilizzo della serie elettrochimica, Ossidanti, Riducenti e loro applicazione pratica: reazioni caratteristiche del permanganato di potassio in diversi ambienti, reazioni parallele e di degradazione. Reazioni implicate nella standardizzazione. Esempi ed esercizi applicativi.

2 1. OPERAZIONI DI BASE E STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA 2. ANALISI CHIMICA QUALITATIVA ESPERIENZE SVOLTE IN LABORATORIO con calcoli ESPERIENZA 1 Determinazione della solubilità dei composti ionici in acqua preparazione di una soluzione di un catione a concentrazione nota; reazioni di uno o due cationi per alunno con le soluzioni degli anioni; raccolta dei risultati sperimentali di tutta la classe; passaggio dalla tabella delle osservazioni macroscopiche (miscugli omogenei ed eterogenei) alla tabella delle solubilità dei composti ionici in acqua; scrittura delle reazioni chimiche coinvolte in forma ionica; regole di solubilità in acqua che si desumono dalla tabella. ESPERIENZA 2 Determinazione della solubilità dei composti ionici poco solubili in acqua in acido forte Reazioni di alcuni composti poco solubili in acqua con acido nitrico; raccolta dei risultati sperimentali di tutta la classe; scrittura delle reazioni chimiche coinvolte in forma ionica; regole di solubilità in acido forte che si desumono dalla tabella. ESPERIENZA 3 Identificazione di un catione Applicazione dei risultati sperimentali ottenuti nelle Esp. 1 e 2 per l identificazione di un catione incognito in soluzione acquosa. ESPERIENZA 4 Identificazione e separazione di una miscela (quattro) di cationi Applicazione dei risultati sperimentali ottenuti nelle Esp. 1 e 2 per l identificazione di una terna di cationi in soluzione acquosa e successiva loro separazione. Saggi di riconoscimento di cationi sulla sostanza solida iniziale Saggi alla fiamma per i cationi: litio, calcio, stronzio, bario, rame, sodio potassio. Saggio per lo ione ammonio con idrossido di sodio. Spiegazione teorica della determinazione dello ione cromico e manganoso con PbO2: bilanciamento redox Saggi di riconoscimento di anioni sulla sostanza solida iniziale Saggi per lo ione carbonato: a) con acido cloridrico concentrato; b) con acido cloridrico diluito e idrossido di bario. Saggio per lo ione acetato con solfato acido di potassio. Saggi per lo ione solfuro: a) con solfato acido di potassio; b) con acetato piomboso e acido cloridrico. Saggio per lo ione nitrato con Lega di Devarda e idrossido di sodio, sia in assenza che in presenza dello ione ammonio nella sostanza iniziale. Saggi di riconoscimento di anioni sulla soluzione alcalina Quando è necessario preparare la soluzione alcalina e perché. Modalità di preparazione della soluzione alcalina e reazioni che avvengono. Saggio per gli ioni cloruro, bromuro e ioduro con acido nitrico e argento nitrato. Saggio per gli ioni bromuro e ioduro con acido acetico, acqua di cloro e cicloesano. Saggio per lo ione solfato con acido nitrico e di cloruro di bario. Saggio per lo ione ossalato con acido acetico e di cloruro di calcio e prova di conferma con acido solforico e permanganato di potassio. Saggio per lo ione fosfato con acido nitrico, ammonio nitrato e molibdato di ammonio. ESPERIENZA 5 Identificazione di un composto Applicazione dei risultati sperimentali ottenuti nelle Esp. 1 e 2 e dei saggi dei cationi e degli anioni sulla sostanza iniziale per l identificazione del catione e dell anione presenti in un composto solido incognito. ESPERIENZA 6 (analisi fiscale) Identificazione di un miscuglio formato da più composti Applicazione dei risultati sperimentali ottenuti nelle Esp. 1 e 2 e dei saggi dei cationi e degli anioni sulla sostanza iniziale e sulla soluzione alcalina per l identificazione dei catione e degli anioni presenti in un miscuglio di più composti solidi incogniti. 3. STRUMENTAZIONE DI BASE PER L ANALISI CHIMICA QUANTITATIVA Bilancia analitica: caratteristiche e modalità d uso di una bilancia analitica di tipo elettronico. Essiccatore: funzione, modalità d uso, pulizia e manutenzione. Vetreria tarata e graduata: caratteristiche, modalità d uso e manutenzione Stufa e forno a muffola: funzione e modalità d uso. 4. ANALISI CHIMICA QUANTITATIVA GRAVIMETRICA Principio generale di un analisi gravimetrica. Classificazione: analisi per volatilizzazione, analisi per precipitazione. Tecnica operativa generale di un analisi chimica quantitativa gravimetrica: taratura a massa costante del recipiente vuoto, procedimento analitico, taratura a massa costante del recipiente pieno, calcoli finali. ESPERIENZA 7 Determinazione dell acqua di cristallizzazione di un composto idrato Applicazione di un metodo di analisi quantitativa gravimetrica per volatilizzazione. Risultato espresso come: % m/m di acqua nel composto idrato. ESPERIENZA 7a Determinazione dei solfati come solfato di bario Applicazione di un metodo di analisi quantitativa gravimetrica per precipitazione, con filtrazione su carta e successivo incenerimento e calcinazione in crogiolo. Risultato espresso come: massa (g) di ione solfato nel volume totale di soluzione in esame (250 ml). 5. ANALISI CHIMICA QUANTITATIVA VOLUMETRICA

3 Principio generale di un analisi volumetrica; definizione di: titolazione, soluzione titolante, soluzione titolata. Classificazione in base al tipo di reazione: acidimetria, alcalimetria, argentometria, complessometria, permanganometria, iodometria. Requisiti che deve possedere una reazione chimica per essere utilizzata in analisi volumetrica. Tecnica operativa generale di un analisi chimica quantitativa volumetrica: preparazione della soluzione titolante, preparazione della soluzione del campione (soluzione titolata) scelta di un indicatore che segnala la fine della titolazione, esecuzione della titolazione, calcoli finali. Modalità di preparazione delle soluzioni titolanti: soluzioni a titolo approssimato da standardizzare successivamente, soluzioni cosiddette Normex preparate con fiale già predosate, soluzioni a titolo esattamente noto o soluzioni di standard primari. Requisiti che deve possedere una sostanza chimica per essere classificata come standard primario o sostanza madre. Come si eseguono i calcoli per determinare la massa di standard primario da pesare per eseguire la standardizzazione di una soluzione a titolo approssimato: esempio con standard primario carbonato di sodio per la standardizzazione di una soluzione di acido cloridrico circa 0,1 M. Come si eseguono i calcoli per determinare la Molarità accurata e il fattore di correzione di una soluzione in base ai dati sperimentali di una titolazione: esempio della standardizzazione di una soluzione di acido cloridrico 0,1 M con standard primario carbonato di sodio. Come si redige una relazione tecnica di un esperienza di analisi volumetrica. 6. TITOLAZIONI ACIDO - BASE Costruzione sperimentale di una curva di titolazione: modalità d uso di un ph-metro con elettrodo a vetro, operazione di taratura con soluzioni tampone a ph noto, operazione di aggiunta del titolante in base alla variazione di ph. Utilizzo del foglio elettronico Excel per la costruzione di una curva di titolazione da misure sperimentali. Come si determina graficamente sulla curva di titolazione il volume di titolante e il ph al punto equivalente. Costruzione sperimentale di alcune curve di titolazione per via potenziometrica. Come si effettua la scelta dell indicatore acido-base sulla curva di titolazione. ESPERIENZA 8 Titolazione di una soluzione di acido cloridrico circa 0,1 M con NaOH normex M Titolazione potenziometrica e costruzione della curva di titolazione ESPERIENZA 9 Preparazione e standardizzazione di una soluzione di idrossido di sodio circa 0,1 M Standard primario: ftalato acido di potassio solido. Scelta dell indicatore acido-base effettuata analizzando la curva di titolazione fornita in fotocopia dall insegnante; indicatore utilizzato: timolftaleina. Risultato espresso come: Molarità accurata (mol/l) e fattore di correzione della soluzione di idrossido di sodio. ESPERIENZA 10 Determinazione dell acido solforico Campione in esame: soluzione di acido solforico circa 0,05 M. Soluzione titolante: idrossido di sodio 0,1 M a titolo noto (Esp. 11). Scelta dell indicatore acido-base effettuata analizzando la curva di titolazione costruita sperimentalmente da alcuni alunni; indicatore utilizzato: metilarancio o verde di bromocresolo o rosso metile o fenolftaleina o timolftaleina. Risultato espresso come: massa (g) di ione acido solforico nel volume totale di soluzione in esame (250 ml). ESPERIENZA 11 Preparazione e standardizzazione di una soluzione di acido cloridrico circa 0,1 M Standard primario: carbonato di sodio solido. Scelta dell indicatore acido-base effettuata analizzando la curva di titolazione riportata sul libro di testo a pag. 235; indicatore utilizzato: verde di bromocresolo. Risultato espresso come: Molarità accurata (mol/l) e fattore di correzione della soluzione di acido cloridrico. ESPERIENZA 12 Determinazione di una sostanza basica (idrossimetilamminometano) Campione in esame: ogni alunno ha ricevuto una sostanza nota di massa incognita con le seguenti caratteristiche: sostanza a carattere basico monofunzionale con diversi criteri di titolabilità. Soluzione titolante: acido cloridrico 0,1 M a titolo noto (Esp. 13) Scelta dell indicatore acido-base effettuata costruendo sperimentalmente la curva di titolazione con un ph-metro; indicatore utilizzato: diversi indicatori acido-base. Risultato espresso come: massa (g) di sostanza in esame nel volume totale di soluzione in esame (250 ml). ESPERIENZA 13 Determinazione di acidi incogniti in prodotti commerciali (acido citrico, acido lattico, acido tartarico, acido acetico) Campione in esame: prodotti commerciali Soluzione titolante: idrossido di sodio 0,1 M a titolo noto Scelta dell indicatore acido-base effettuata analizzando la curva di titolazione Risultato espresso come: massa (g) di acido in 250 ml, %m/v ESPERIENZA 14 _AREA DI PROGETTO_(a) Determinazione del grado di acidità, indice di rifrazione, densità dell aceto balsamico; (a) Campioni in esame: aceto balsamico, aceto di vino. Soluzione titolante: idrossido di sodio 0,1 M a titolo noto Scelta dell indicatore acido-base effettuata in base all acido principale presente nel prodotto in esame; indicatore utilizzato: fenolftaleina. Risultato espresso come: aceto: grado di acidità (massa (g) di acido acetico in 100 ml di aceto) Utilizzo del rifrattometro: IDR in valore assoluto (b) Campioni in esame: aceto di vino. Soluzione titolante: iodio 0,1 N a titolo noto Risultato espresso come: aceto: massa di anidride solforosa nel campione (mg/l)

4 7. TITOLAZIONI ARGENTOMETRICHE Principio generale di un analisi argentometrica. Determinazione del punto finale di una titolazione argentometrica: metodo di Mohr, metodo di Volhard diretto e indiretto. ESPERIENZA 15 Preparazione e standardizzazione di una soluzione di argento nitrato circa 0,05 M Metodo di Mohr diretto Standard primario: cloruro di sodio solido. Risultato espresso come: Molarità accurata (mol/l) e fattore di correzione della soluzione di argento nitrato. ESPERIENZA 16 Determinazione dei tiocianati Metodo di Volhard diretto Standard secondario: soluzione di argento nitrato 0,05 M a titolo noto. Indicatore utilizzato: allume ferrico, in ambiente acido per acido nitrico. Risultato espresso come: Molarità accurata (mol/l) e fattore di correzione della soluzione di tiocianato di potassio. ESPERIENZA 17 Determinazione dei bromuri Metodo di Mohr diretto Campione in esame: massa nota di un miscuglio contenente bromuri. Soluzione titolante: argento nitrato 0,05 M a titolo noto. Risultato espresso come: grammi di ione nel campione in esame. ESPERIENZA 18 Determinazione dei cloruri Metodo di Volhard indiretto Campione in esame: massa nota di un miscuglio contenente HCl. Soluzioni titolanti: argento nitrato 0,05 M a titolo noto e tiocianato di potassio 0,05 M a titolo noto. Indicatore utilizzato: allume ferrico, in ambiente acido per acido nitrico ed in presenza di etere etilico. Risultato espresso come: %in massa di ione cloruri nel volume totale di soluzione in esame. ESPERIENZA 18B Determinazione dei cloruri nel dado granulare Campione in esame: prodotto commerciale massa nota di un miscuglio contenente cloruro di sodio. Soluzione titolante: argento nitrato 0,05 M a titolo noto. Risultato espresso come: grammi di ione cloruro nel campione in esame. 8. TITOLAZIONI COMPLESSOMETRICHE CON EDTA Principio generale di un analisi complessometrica con EDTA. Determinazione del punto finale di una titolazione complessometrica: indicatori metallocromici. ESPERIENZA 19 Preparazione e standardizzazione di una soluzione di EDTA circa 0.02M Standard primario: zinco metallico solido. Indicatore utilizzato: Nero Eriocromo T (NET), in ambiente tamponato a ph 10. Risultato espresso come: Molarità accurata (mol/l) e fattore di correzione della soluzione di EDTA. ESPERIENZA 20 Determinazione dello ione rameico diretta Campione in esame: soluzione di ione rameico. Soluzione titolante: EDTA 0,02 M a titolo noto (Esp. 15). Indicatore utilizzato: Pan in ambiente acido Risultato espresso come: massa (g) di ione nel volume totale di soluzione in esame (250 ml). ESPERIENZA 21 Determinazione della durezza di un acqua Durezza totale Campioni in esame: acque minerali in bottiglia e acqua dell acquedotto di Modena. Soluzione titolante: EDTA 0,02 M a titolo noto (Esp.15). Indicatore utilizzato: Nero Eriocromo T (NET) oppure compresse indicatore-tampone Merck (NET+rosso metile+ammonio cloruro), in ambiente tamponato a ph 10. Durezza permanente Campione in esame: acque minerali in bottiglia e acqua dell acquedotto di Modena. Soluzione titolante: EDTA 0,02 M a titolo noto Indicatore utilizzato: Nero Eriocromo T (NET) oppure compresse indicatore-tampone Merck (NET+rosso metile+ammonio cloruro), in ambiente tamponato a ph 10. Durezza temporanea Campione in esame: acque minerali in bottiglia e acqua dell acquedotto di Modena. Determinata sottraendo dal valore di durezza totale il valore della durezza permanente. ESPERIENZA 22 Determinazione del Manganese con metodo della retrotitolazione Campioni in esame: soluzione di Mn 2+ (da diluire in modo opportuno) Soluzione titolante: EDTA 0,02 M a titolo noto e ione Zinco a titolo noto. Indicatore utilizzato: Nero Eriocromo T (NET), in ambiente tamponato a ph 10. Risultato espresso come: massa (g) di ione manganoso nel volume totale di soluzione.

5 9. TITOLAZIONI PERMANGANOMETRICHE Principio generale di un analisi ossidimetrica. Analisi volumetrica con permanganato di potassio (permanganometria): equilibri redox del permanganato di potassio in ambiente fortemente acido, fortemente basico, neutro o debolmente acido o basico; titolazioni in ambiente fortemente acido: rilevazione del punto di fine titolazione (sistema autoindicante), reagente acido utilizzato. Modalità di preparazione di una soluzione acquosa di permanganato di potassio. Classificazione delle altre titolazioni ossidimetriche: iodimetria, iodometria, dicromatometria, cerimetria, bromatometria ESPERIENZA 23 Preparazione e standardizzazione di una soluzione di permanganato di potassio circa 0,1 N Standard primario: ossalato di sodio solido. Indicatore utilizzato: permanganato di potassio autoindicante, in ambiente nettamente acido per acido solforico. Risultato espresso come: Normalità accurata (eq/l) e fattore di correzione della soluzione di permanganato di potassio. ESPERIENZA 24 Determinazione del ferro Campione in esame: massa incognita di ferro(ii) ammonio solfato esaidrato Soluzione titolante: permanganato di potassio 0,1 N a titolo noto (Esp. 23). Indicatore utilizzato: permanganato di potassio autoindicante, in ambiente nettamente acido per acido solforico 2M e acido fosforico. Risultato espresso come: massa (g) di ione ferroso nel volume totale di soluzione in esame (250 ml). PROGETTI PER L ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA: Si riportano di seguito le attività svolte: Area di progetto: ACETO BALSAMICO (interclasse sulle terze): prevede l acquisizione della metodologia analitica, sia teorica sia pratica, per l analisi dell aceto balsamico Gli obiettivi di questa esperienza sono stati: organizzazione del laboratorio per la gestione dell'elevato numero di campioni (raccolta dati, gestione calcoli, rintracciabilità, ricerca bibliografica mirata); ottimizzazione del metodo analitico e del lavoro di gruppo; approfondimento e discussione delle difficoltà riscontrate; presentazione dei risultati. Attività di approfondimento Corso di formazione parte generale e specifica ai sensi dell'accordo Stato Regioni del 21/12/2011 previsto dall'art.37 comma 2 del TU 81/08 le insegnanti del corso: i rappresentanti di classe: Giorgia Messori Claudia Tacconi Modena il

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense Pagina 1 di 5 Nome docenti BENEDETTO LUIGINA Materia insegnata Analisi Chimica e laboratorio Classe III E sezione tecnica CHIMICI Nome Ins. Tecn. Pratico Romagnollo Lidia Rubino,Venzaghi,Cozzi Le basi

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml

2) Calcolare la molarità di una soluzione di acido solforico al 17%,d = 1.12 g/ml Bari,11 gennaio 1999 Compito di analisi dei farmaci I 1) 1 ml di H 2 O 2 viene titolato con KMnO 4. Sono necessari 18.1 ml. La soluzione di KMnO 4 è 0.1023 N e la densità dell acqua ossigenata è 1.01 g/ml.

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze. a.s. 2014/2015 IV E chimici

ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze. a.s. 2014/2015 IV E chimici ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze a.s. 2014/2015 IV E chimici I libri di testo non devono essere venduti in quanto si lavorerà ancora su di esso nel corso del prossimo anno scolastico Rubino, Venzaghi,

Dettagli

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA Programma svolto del corso di Analisi Chimica, Elab. Dati e Laboratorio Classe 3^C a.s. 2011-12 Docenti: Giorgia Messori, Claudia Tacconi I l libro di testo utilizzato è stato

Dettagli

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA Programma svolto del corso di Chimica Analitica e Strumentale Classe 3^C a.s. 2015-16 Docenti: Giorgia Messori, Claudia Tacconi Il libro di testo utilizzato è stato: Chimica

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere MISURE DI VOLUME Unità di volume: LITRO (L) (IUPAC: dm 3 ) ml : 10-3 L = cm 3 = cc ml : 10-6 L Il volume dipende dalla TEMPERATURA. I contenitori in vetro hanno coefficienti di espansione molto piccoli;

Dettagli

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione.

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione. La concentrazione delle soluzioni Le soluzioni sono costituite da quantità molto variabili dei loro componenti: se vogliamo fornire una indicazione precisa circa la loro composizione, è importante conoscere

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s.

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. 2015-2016 Mondovi 05/11/2015 Prof. Giancarlo Cardone PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO A.S. 2011/2012

LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO A.S. 2011/2012 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 1^ C Di seguito vengono elencate le attività teoriche e pratiche effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA IISS A. De Pace Lecce A.S. 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA PIANI DI STUDIO DELLE DISCIPLINE SECONDO ANNO Piano di studi della disciplina DESCRIZIONE Lo

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

Conducibilità (IRSA 2030)

Conducibilità (IRSA 2030) Conducibilità (IRSA 2030) Principio Si definisce conducibilità elettrica (o conduttanza) di un mezzo omogeneo il reciproco della sua resistenza (espressa in ohm). Per conducibilità elettrica specifica

Dettagli

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale

Analisi di Controllo di un Acqua Minerale Naturale Analisi di Controllo di un Acqua Minerale aturale ITODUZIOE Le acque potabili possono essere in diverse tipologie: si definiscono acque destinate al consumo umano, quelle acque rese potabili dopo aver

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto

Esperienza n 6: Determinazione della DUREZZA dell acqua di rubinetto Obiettivo: Determinare la durezza dell acqua di rubinetto tramite titolazione complessometrica con EDTA. Durezza dell acqua: Quantità di ioni polivalenti disciolti nell acqua (principalmente Ca e Mg, ma

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2014/2015 Materia SCIENZE INTEGRATE:

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z)

Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Analisi Chimico-Farmaceutica e Tossicologica I (M-Z) Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Facoltà di Farmacia e Medicina Anno Accademico 2013/2014 Dott. Giuseppe La Regina Tu,

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

Metodo VIII.1. Estrazione del calcio totale, del magnesio totale, del sodio totale e dello zolfo totale presente sotto forma di solfato

Metodo VIII.1. Estrazione del calcio totale, del magnesio totale, del sodio totale e dello zolfo totale presente sotto forma di solfato METODI VIII METODI DI DETERMINAZIONE DEGLI ELEMENTI NUTRITIVI SECONDARI Metodo VIII.1 Estrazione del calcio totale, del magnesio totale, del sodio totale e dello zolfo totale presente sotto forma di solfato

Dettagli

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. I complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo carica

Dettagli

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I Prof. Gianluca Sbardella : 089 962650 : gsbardella@unisa.it NORME GENERALI SUL COMPORTAMENTO IN LABORATORIO Ordine e concentrazione Conoscenza del procedimento analitico Uso corretto dell attrezzatura

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari.

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. Chimica generale Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. PARTE 5-2 1 ACIDI E BASI 2 1-Definizioni di acido e di base 1-1 Teoria

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA. Materia: CHIMICA

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA. Materia: CHIMICA Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA Materia: CHIMICA Situazione della classe Accordi con la classe Accordi con le altre discipline Correlazione con i progetti proposti alla classe

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari

Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Progetto Lauree Scientifiche Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Sassari Estrazione ed impiego di indicatori acido-base vegetali ACIDI E BASI NELLA VITA QUTIDIANA Acidi Sono di sapore aspro

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

Conoscere gli acidi e le basi

Conoscere gli acidi e le basi Conoscere gli acidi e le basi 1 1) Determinazione dell acidità totale del latte 2) Determinazione dell acidità totale del vino INTRODUZIONE: Gli acidi sono sostanze che possiedono alcune proprietà chimiche

Dettagli

LISTINO CARLO ERBA REAGENTS CHEMICALS/LABCHEM & BULKCHEM 2014/15 Validità 01/11/2014

LISTINO CARLO ERBA REAGENTS CHEMICALS/LABCHEM & BULKCHEM 2014/15 Validità 01/11/2014 LabChem 300101 Assorbente per liquidi versati-re-puro 1 kg 48,00 LabChem 300102 Assorbente per liquidi versati-re-puro 5 kg 83,00 LabChem 300857 p-acetilfenetidina-re-puro 1 kg 466,00 LabChem 301251 Acetofenone-RE-Puro

Dettagli

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale

Metodo IV.1. Determinazione dell azoto ammoniacale METODI IV METODI DI DETERMINAZIONE DELL AZOTO Metodo IV.1 Determinazione dell azoto ammoniacale 1. Oggetto Il presente documento stabilisce il procedimento da seguire per dosare l azoto ammoniacale. 2.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Docente : Macaluso Maria Annunziata Classe : 2^ sez.a B - C Indirizzo AM Materia di insegnamento : Scienze Integrate (CHIMICA) Libro di testo

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29

INDICE GENERALE. CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 INDICE GENERALE INDICE GENERALE CAPITOLO 1 PARAMETRI CHIMICO-FISICI... pag. 7 CAPITOLO 2 COSTITUENTI INORGANICI NON METALLICI... 29 CAPITOLO 3 PARAMETRI CHIMICI-METALLI... 57 CAPITOLO 4 PARAMETRI ORGANICI...

Dettagli

L ANALISI DELLE ACQUE [PARTE TEORICA]

L ANALISI DELLE ACQUE [PARTE TEORICA] L ANALISI DELLE ACQUE [PARTE TEORICA] 1.0 IL CICLO DELL ACQUA IN NATURA E LE ALTERAZIONI PROVOCATE DALL UOMO Il ciclo fisico dell acqua in natura avviene nel seguente modo. L acqua del mare, grazie all

Dettagli

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare

Appunti di Chimica Le reazioni chimiche reattività reazione chimica equazione chimica bilanciare Appunti di Chimica Le reazioni chimiche Premesse... 1 Tipi di reazioni chimiche... 2 Reazioni di ossido-riduzione... 2 Reazioni di formazione... 2 Numero di ossidazione nei composti binari di tipo salino...

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea Chimica Industriale Bologna Faenza Rimini BOLOGNA La Chimica nella vita di tutti i giorni è scienza per il futuro Dr. ELENA STROCCHI elena.strocchi@unibo.it Tel. 051 2093645 FAENZA La Chimica e i Materiali:

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa Premessa Le nozioni di acido e di base non sono concetti assoluti ma sono relativi al mezzo in cui tale sostanze sono sciolte. L acqua è il solvente per eccellenza, scelto per studiare le caratteristiche

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione (redox)

Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Reazioni nelle quali si ha variazione del numero di ossidazione ( n. o. ) di ioni o atomi. La specie chimica che si ossida(funge da riducente) cede elettroni ed aumenta

Dettagli

ENTE REGIONALE PER I SERVIZI ALL AGRICOLTURA E ALLE FORESTE. Sistema di Monitoraggio della Qualità dei Suoli di Lombardia.

ENTE REGIONALE PER I SERVIZI ALL AGRICOLTURA E ALLE FORESTE. Sistema di Monitoraggio della Qualità dei Suoli di Lombardia. ENTE REGIONALE PER I SERVIZI ALL AGRICOLTURA E ALLE FORESTE SOILQUALIMON Sistema di Monitoraggio della Qualità dei Suoli di Lombardia Allegato2 Metodi Analitici prima campagna di monitoraggio SOILQUALIMON

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

1.1.1 Classificazione dei metodi analitici. 1.1 La Chimica analitica

1.1.1 Classificazione dei metodi analitici. 1.1 La Chimica analitica Capitolo n 1 1.1 La Chimica analitica La Chimica analitica è la disciplina scientifica che sviluppa e applica metodi, strumenti e strategie per ottenere informazioni sulla composizione e sulla natura chimica

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE

LABORATORIO CHIMICO AGROALIMENTARE LABORATORIO CHIMICO PROVE DI LABORATORIO SU CAMPIONI DI OLIO VEGETALE ( ) acidità totale ( ) analisi spettrofotometrica UV (DK) ( ) numero perossidi analisi degli esteri metilici degli acidi grassi idrocarburi

Dettagli

Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno)

Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno) Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno) Argomenti Obiettivi Metodi Verifiche 1) Norme di sicurezza Conoscere il luogo di lavoro ( laboratorio di chimica) Conoscere e applicare

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I Cilindretti per chiusura fori Tipo A L Adatto Imballo per standard/minimo guarnizione (mm) (mm) TGM38 36A3M1623 3 8 5.000/100 TGM48 36A3M1624 + 36A3M2034 + 36A3M2554 4 8 5.000/100 TGM58 36A3M2025 5 8 5.000/100

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Tariffario Riccalab : settore vini - prezzi singoli parametri

Tariffario Riccalab : settore vini - prezzi singoli parametri Tariffario Riccalab : settore vini - prezzi singoli parametri Analisi accr. Principio metodo Riferimento legislativo unità mis. c. decimali tariffa tariffa soci V 1 Massa volumica a 20 C * bilancia idrostatica

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate

ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate ACQUA componente più abbondante dell organismo fabbisogno più abbondante riserve più limitate L ORGANISMO ANIMALE NON SOPRAVVIVE ALLA PERDITA DEL 10% DI ACQUA Permette la vita, che può essere considerata

Dettagli

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi.

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. Indice 1) L acqua.. 1 a. Richiami di chimica: sali, ioni, ph & Co... 1 b. Non solo H 2 O... 2 c. Effetti sugli impianti delle sostanze contenute

Dettagli

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità ACIDI E BASI DEFINIZIONI Il nome acido viene dal latino acidum che significa aspro, pungente. Il nome alcali viene dall arabo al-qalì che sta ad indicare la potassa contenuta nella cenere di legna, le

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Indirizzo: Chimica, Materiali e Biotecnologie Articolazione: Chimica e Materiali Programmazione Disciplinare: Chimica Analitica e Strumentale Classe

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli