Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea"

Transcript

1 Regione Lombardia Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Unione Europea

2 BIOLOGIA COME È FATTO Il gambero d acqua dolce protagonista del nostro progetto ha un nome scientifico abbastanza complesso: Austropotamobius pallipes, ma comunemente è chiamato gambero di fiume. È un crostaceo appartenente alla famiglia degli Astacidi e come tutti i crostacei ha il corpo rivestito da uno schelettro esterno - esoschelettro costituito in gran parte da una proteina membranosa - la chitina - e di consistenza cornea (come le nostre unghie) più o meno impregnato di sali di calcio. La rigidità dell'esoschelettro non si adatta alla crescita del gambero che è quindi costretto a mutare, ovvero a sostituire la vecchia corazza con una nuova. La muta è il periodo più delicato per i gamberi, che si nascondono in rifugi, perché il nuovo rivestimento ha bisogno di tempo per indurirsi. A.Pallipes è un gambero dall aspetto piuttosto robusto ma raramente supera i 12 cm di lunghezza totale ed i 90 g di peso. È di colore bruno-verdastro sul dorso e sui fianchi, mentre ventre e arti sono biancastri. Il corpo appare diviso in due parti: il cefalotorace (testa più torace) e l addome. Sulla testa ci sono due lunghe antenne e due grosse chele e dal torace si staccano quattro paia di zampe. Sull addome hanno diverse appendici; nel maschio il primo paio è trasformato in organi sessuali che, all'atto dell'accoppiamento, si uniscono a formare un unico organo copulatore. Femmina di A.pallipes con le uova, solitamente da 30 a 100. Logo del progetto Life Natura per la conservazione del gambero d acqua dolce nel Parco della Valle del Lambro e nel Parco delle Valle del Ticino. Maschio e femmina di A.pallipes. Nel maschio a destra si vedono bene le prime due appendici dell'addome modificate in gonopodi, assenti nella femmina. Nella femmina le appendici dell'addome sono invece tutte uguali e servono per trattenere le uova fecondate e i piccoli non ancora indipendenti. I maschi sono inoltre più grandi delle femmine e, a parità di dimensioni corporee, hanno le chele più sviluppate e l'addome più stretto. In entrambi l ultimo paia di appendici addominali costituisce la tipica coda a paletta, detta telson, la cui funzione è quella di aumentare la spinta propulsiva all indietro prodotta dalla muscolatura addominale. Le femmine la utilizzano anche per proteggere le uova ripiegandolo sotto l addome. 1

3 BIOLOGIA DOVE VIVE Il gambero di fiume è presente in diverse zone d'europa. Riguardo alla sua distribuzione in Italia non esistono dati aggiornati e precisi. Roggia con rive ombreggiate ricche di rifugi per i gamberi. Vive nei piccoli corsi d acqua di pianura e collinari fino a circa 800 metri di quota. A volte si può trovare anche fino a 1200 m. Predilige luoghi in cui ci siano rifugi come tronchi e ceppi sommersi, banchi di macrofite, lettiere di foglie e rami, anfratti rocciosi, ecc. Quando è possibile scava tane lungo le rive del corpo idrico. Predilige acque correnti di portata non troppo elevata. La vegetazione delle rive ha anche la funzione di ombreggiare il corso d acqua e di mantenere la temperatura dell acqua in valori accettabili (massimo 20 C nel periodo estivo, minimo 10 C durante il periodo riproduttivo). È anche alquanto esigente riguardo al contenuto in ossigeno, che deve essere piuttosto elevato. Per la buona crescita dei gamberi è importante che l acqua abbia una concentrazione di calcio disciolto sufficiente per consentire l indurimento della corazza dopo ogni muta. 2

4 BIOLOGIA COME VIVE La dieta del gambero di fiume è praticamente onnivora e comprende sia invertebrati quali lombrichi, molluschi, larve di insetti che vertebrati come piccoli pesci. Si nutre anche di animali morti e non disdegna i vegetali (radici, vegetazione acquatica, detriti di vegetazione terrestre caduti in acqua, addirittura frutti) che in estate possono costituire fino al 60-80% della sua dieta. È un animale solitario e territoriale (soprattutto i maschi nel periodo riproduttivo) ed è particolarmente attivo di notte mentre trascorre la maggior parte del giorno nascosto nei suoi rifugi. Canale d irrigazione, tipico ambiente in cui vive il gambero. Per questo motivo è una specie molto difficile da osservare e da studiare. La fase più delicata nella vita di questo animale è rappresentata dalla muta durante la quale cambia completamente la sua corazza esterna (esoscheletro) subendo nel contempo un accrescimento corporeo. Una volta persa la vecchia corazza, il gambero rimane pressochè immobile in un rifugio per alcuni giorni, durante i quali aumenta di dimensioni; nel frattempo la nuova corazza si consolida. Al di fuori dei periodi di muta, gli adulti non conoscono molti nemici naturali, salvo ratti, arvicole acquatiche e aironi, che sono in grado di romperne il robusto carapace. I giovani e gli adulti in muta sono invece preda di Salmonidi e anguille. Giovane gambero nel primo periodo di vita indipendente 3

5 BIOLOGIA LA RIPRODUZIONE Normalmente la maturità sessuale viene raggiunta al terzo o quarto anno di vita. L accoppiamento avviene nei mesi di ottobre e novembre probabilmente stimolato dall'abbassamento delle temperature. I maschi corteggiano le femmine in modo piuttosto violento; durante l'accoppiamento il maschio depone sull'addome della femmina dei "sacchetti" gelatinosi contenenti gli spermatozoi (spermatofore) che serviranno a fecondare le uova. Dopo 2-3 giorni la femmina depone le uova (in media un ottantina di 2 mm di diametro e dal colore bruno cupo) che, fecondate, aderiscono alle appendici addominali (i pleopodi) della madre, che le proteggerà fino alla schiusa durante la primavera successiva. Durante questo periodo resta rintanata il più possibile, continuando a ventilarle e pulirle da eventuali detriti. Dopo circa 5-6 mesi, nascono delle larve in avanzato stadio di sviluppo che con le proprie zampe si attaccano al ventre materno per ancora una settimana, fino al completo sviluppo. A questo punto i giovani gamberi, già molto simili agli adulti nell'aspetto, danno inizio alla loro vita libera sul fondo dei corsi d'acqua, mantenendosi comunque, per i primi giorni, a pochi centimetri dalla madre, per poter correre al riparo del suo addome in caso di pericolo. I primi mesi di vita sono i più rischiosi e fanno registrare i tassi di mortalità più elevati. Nel primo anno di vita il giovane gambero, continua ad aumentare in dimensioni, compiendo 5-6 mute. Se riesce a superare questa prima fase critica e le successive minacce, un gambero può raggiungere l età di 10/15 anni. 4

6 PROGETTO DI CONSERVAZIONE Una roggia nel Parco Ticino Austropotamobius pallipes (il gambero di fiume autoctono) COMPETIZIONE CON SPECIE ESOTICHE Una delle minacce che incombe su molte popolazioni di Austropotamobius pallipes al punto da rendere incerto il futuro di questa specie è rappresentato dalla competizione con specie esotiche. In molte aree della Pianura Padana sono attualmente presenti almeno due specie di gambero esotico: Procambarus clarkii (Gambero Rosso delle paludi della Louisiana) e Orconectes limosus (gambero americano). Queste specie sono più robuste rispetto al gambero nostrano, in particolare riguardo alla scarsità d acqua. Le secche dei corsi d acqua in cui vive Austrapotamobius pallipes sono letali per questa specie, mentre non lo sono per quelle esotiche che possono sopravvivere interrate nel fango. Sono inoltre resistenti alla peste del gambero e sono molto più fertili. Orconectes limosus (gambero americano) Procambarus clarkii (gambero rosso delle paludi della Louisiana) 5

7 PROGETTO DI CONSERVAZIONE MINACCE Le popolazioni di gambero di fiume sono a rischio in tutta Europa per molteplici cause, che hanno portato sia ad una riduzione numerica delle diverse popolazioni sia ad una notevole frammentarietà delle stesse. Diverse malattie minacciano le popolazioni di gamberi, soprattutto se già stressate da altri fattori. La più pericolosa è la cosiddetta "peste del gambero", causata da un fungo (Aphanomyces astaci) di origine americana, che fin dal suo ingresso in Europa più di 100 anni fa, probabilmente attraverso l'accidentale importazione di gamberi infetti, ha provocato numerose epidemia e una vera e propria decimazione delle popolazioni dell'autoctono A. pallipes. Canale d irrigazione, tipico ambiente in cui vive il gambero. I gamberi di fiume sono particolarmente sensibili ad alcuni inquinanti ed in particolare ad alcuni ioni metallici di rame, zinco e cromo. Sono anche particolarmente vulnerabili all azione di molecole a base di piretro utilizzate comunemente come antiparassitari in agricoltura. Anche l'inquinamento di tipo organico può provocare alterazioni nelle comunità di invertebrati che vivono sul fondo dei corsi d'acqua e impoverire l'acqua di ossigeno. I gamberi in pianura, vivono spesso nei canali di irrigazione. La meccanizzazione dell'agricoltura ha portato alla scomparsa di molti habitat idonei, perché canali di irrigazione puliti con macchine presentano profili regolari, senza vegetazione e quindi senza rifugi in cui si possano riparare. 6

8 PROGETTO LIFE NATURA OBIETTIVI L Unione Europea per facilitare l'esecuzione di progetti finalizzati alla conservazione della Natura ha ideato uno strumento finanziario, chiamato LIFE Natura. Chi ha progetti che hanno questo fine possono partecipare al bando in base al quale vengono concessi i finanziamenti. Due sono i requisiti che l'unione Europea richiede in partenza: devono svolgersi all interno di un SITO DI INTERESSE COMUNITARIO (SIC) e riguardare specie o habitat ritenuti importanti per l Europa. I Siti di Interesse Comunitario sono porzioni di territorio più o meno vaste ritenute particolarmente importanti per la conservazione di habitat o di specie a rischio. L'insieme dei SIC costituisce, nelle intenzioni della legislazione europea, una rete ecologica (denomincata Natura 2000) che se adeguatamente conservata e protetta consentirà il mantenimento in buono stato di conservazione delle peculiarità naturalistiche europee. Un esemplare di A. pallipes marcato dopo la reintroduzione Regione Lombardia Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino Il nostro progetto si svolge in due SIC (la Valle del Rio Pegorino per il Parco Valle Lambro e il SIC Basso corso e sponde del Ticino per il Parco Regionale della Valle del Ticino) e riguarda una specie ritenuta a rischio in Europa il gambero di fiume Austropotamobius pallipes. Il grosso del finanziamento è ripartito tra l Unione Europea (per il 44,5%) e la Regione Lombardia (per il 48%). Il 5,1% proviene invece dal Parco Valle Lambro e il rimanente 2,4% dal Parco del Ticino. Obiettivo principale del progetto è la conservazione del gambero di fiume Austropotamobius pallipes mediante la ricostituzione di diverse popolazioni stabili attraverso interventi di reintroduzione di riproduttori in più siti all interno dei due SIC. Particolarità del progetto è la realizzazione di un allevamento di gamberi in condizioni seminaturali, in una grossa vasca messa a disposizione dal Parco Ticino. Questo allevamento costituirà, anche al termine del progetto una preziosa scorta di gamberi di fiume per successivi interventi di conservazione. Unione Europea Nazione: Italia Regione: Lombardia Sito del progetto: Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino

9 PROGETTO LIFE NATURA LE PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO 1. Cattura dei gamberi: questo intervento comprende diverse azioni: dalla scelta delle popolazioni in cui effettuare i prelievi, ai controlli sanitari degli esemplari catturati, alle catture vere e proprie. Vasca di allevamento dei gamberi nel ParcoTicino 2. Allevamento: parte dei gamberi catturati sono stati reintrodotti in una vasca del Parco Ticino alimentata da acque di risorgiva. L allevamento di gamberi in queste vasche è finalizzato alla costituzione di una popolazione da utilizzare per successivi interventi di reintroduzione, sia nell ambito del progetto che in tempi successivi. 3. Individuazione dei siti in cui reintrodurre i gamberi e controllo della qualità delle acque nei siti scelti. Manutenzione della vasca nel Parco Ticino Determinazione del sesso controllo della marcatura prima della reintroduzione 8

10 PROGETTO LIFE NATURA FASI DEL PROGETTO 4. Reintroduzione dei gamberi nei siti individuati: nei siti prescelti sono stati reintrodotti un numero di individui calibrato al sito. 5. Monitoraggio delle popolazioni reintrodotte: per verificare l'esito delle reintroduzioni le nuove popolazioni vengono costantemente monitorate. 6. Controlli sanitari e analisi genetiche: tutte le fasi di cattura, allevamento, reintroduzione sono accompagnate da controlli sanitari. Vengono poi effettuate analisi genetiche sulle popolazioni d'origine dei gamberi e sulle nuove generazioni nate nei nuovi siti. 7. Attività divulgative: una parte consistente del progetto è dedicata, su indicazione dell Unione Europea, ad attività divulgative quali l organizzazione di incontri, la stampa di manifesti o volantini illustrativi, la realizzazione di un sito web. Rientra nelle attività divulgative anche l educazione ambientale per le scuole. Vasche per il trasporto dei gamberi Uno dei siti di reintroduzione nel Rio Pegorino Scelta di un sito 9

11 I DUE SIC LA VALLE DEL RIO PEGORINO Il SIC Valle del Rio Pegorino, è costituito da una valle laterale del fiume Lambro, lungo la quale scorre il Rio Pegorino. È un sito piuttosto piccolo con un estensione di soli 120 ha. I versanti della valle sono piuttosto ripidi e coperti da boschi cedui e, a tratti, da fustaie di latifoglie. I boschi sono piuttosto vari nella loro composizione; accanto alla robinia, si notano carpini, ontani e farnie che rappresentano ciò che resta dei boschi che originariamente ricoprivano la zona. Nonostante le piccole dimensioni riveste notevole importanza in quanto, pur immerso in un contesto fortemente antropizzato, costituisce un relitto di ambienti un tempo molto più estesi e ricchi. IL BASSO CORSO E SPONDE DEL TICINO Il SIC Basso Corso e Sponde del Ticino è un sito di grosse dimensioni, con una superificie totale di ha di cui 300 ha interessati dal progetto. La sua caratteristica peculiare è la presenza dell alveo attivo del Ticino, che lo attraversa da nord a sud, e delle relative aree golenali. Il sito è movimentato da una serie infinita di dossi, scarpate, docce che, nonostante le minime differenze di quota, creano una gamma di micro-ambienti con caratteristiche ben differenziate. Di particolare rilevanza per il progetto sono i vecchi percorsi dell alveo, che presentano un elevato grado di umidità e gli alvei abbandonati più recentemente che possono essere alimentati da acque sorgive nella fascia dei fontanili o da acque diffluenti dall alveo principale. Il fondo del solco vallivo ospita consistenti nuclei di foresta il cui valore naturalistico e culturale è decisamente elevato. La zona interessata dal progetto riguarda una porzione di sito limitrofo al fiume Ticino che in questo tratto presenta un andamento pluricorsuale e meandriforme, articolato in una moltitudine di corsi d'acqua naturali e seminaturali. Parco Valle Lambro Parco Valle Ticino 10

12 Il gruppo di lavoro del progetto è composto da: Dipartimento di Biologia Animale dell Università di Pavia per tutto ciò che riguarda la cattura, l allevamento, il rilascio dei gamberi il monitoraggio delle popolazioni reintrodotte e il controllo della qualità delle acque. L Istituto di Patologia Generale Veterinaria dell Università di Milano, che segue i controlli sanitari. Il Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale dell Università degli Studi dell Insubria per le analisi genetiche. Chi fosse interessato a ricevere questo opuscolo può contattare: Parco Regionale della Valle del Lambro Via Vittorio Veneto, Triuggio - Mi T F

CARTA ITTICA ALLEGATO C. della provincia di lodi. Schede dei Crostacei Decapodi Censiti. Provincia di Lodi

CARTA ITTICA ALLEGATO C. della provincia di lodi. Schede dei Crostacei Decapodi Censiti. Provincia di Lodi Provincia di Lodi CARTA ITTICA della provincia di lodi ALLEGATO C Schede dei Crostacei Decapodi Censiti A cura di: Simone Rossi, Andrea Modesti, Sara Filippini 2009 Provincia di Lodi Coordinamento: Settore

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL

MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI REINTRODUZIONE DEL GAMBERO D ACQUA DOLCE (Austropotamobius pallipes) NELL IDROGRAFIA DEL PARCO AGRICOLO SUD MILANO RELAZIONE 2005 Dipartimento di Biologia Animale Università

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA

GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA NUOVA MINACCIA PER LA BIODIVERSITÀ IN FVG tiziano scovacricchi VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ NELLE ACQUE INTERNE DEL FRIULI

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Monitoraggio e catture: tecniche e operatività in RARITY

Monitoraggio e catture: tecniche e operatività in RARITY Laura Aquiloni Dipartimento di Biologia evoluzionistica, Università di Firenze (UNIFI) laura.aquiloni@unifi.it Monitoraggio e catture: tecniche e operatività in RARITY Descrizione del protocollo di monitoraggio

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

0.923.221. Regolamento d applicazione

0.923.221. Regolamento d applicazione Traduzione 1 Regolamento d applicazione dell Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica francese concernente l esercizio della pesca e la protezione dell ambiente acquatico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente CITTÀ di GRUGLIASCO Assessorato all Ambiente Redazione: Settore Sviluppo Compatibile. Area Tutela e Valorizzazione dell Ambiente. In collaborazione con il Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo della

Dettagli

I GAMBERI D ACQUA DOLCE NOTE DI SISTEMATICA, MORFOLOGIA E DISTRIBUZIONE

I GAMBERI D ACQUA DOLCE NOTE DI SISTEMATICA, MORFOLOGIA E DISTRIBUZIONE I GAMBERI D ACQUA DOLCE NOTE DI SISTEMATICA, MORFOLOGIA E DISTRIBUZIONE I GAMBERI D ACQUA DOLCE Note di sistematica, morfologia e distribuzione a cura di Carlo Lombardi I "gamberi d'acqua dolce" sono compresi

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti Il mio Parco 4 Il Mio Parco 4 è un progetto di educazione ambientale finalizzato a stimolare gli alunni dell Istituto Comprensivo di Villasimius alla conoscenza del proprio territorio e alla sua corretta

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo 2 Convegno Italiano sulla Riqualificazione Fluviale Bolzano, 5 8 novembre 2012 Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto

Dettagli

Biologia dei crostacei e ricerca scientifica nel contrasto alla diffusione di specie aliene.

Biologia dei crostacei e ricerca scientifica nel contrasto alla diffusione di specie aliene. Biologia dei crostacei e ricerca scientifica nel contrasto alla diffusione di specie aliene. i Crostacei 50.000 sp. Dimensioni variabili: da 0,1 mm (parassiti) a 4 m (granchi giapponesi) Probabilmente

Dettagli

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite

23. Panzarolo. Knipowitschia punctatissima. 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite 23. Panzarolo Knipowitschia punctatissima 90 Allegato B - Schede delle Specie Ittiche Censite Il panzarolo (o ghiozzetto punteggiato), specie endemica del distretto padano, è attualmente considerato in

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Il gambero di fiume. Austropotamobius pallipes una specie in pericolo

Il gambero di fiume. Austropotamobius pallipes una specie in pericolo Il gambero di fiume Austropotamobius pallipes una specie in pericolo Il gambero di fiume Austropotamobius pallipes una specie in pericolo LIFE08 NAT/IT/000352 Conservation and Recovery of Austropotamobius

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

La lotta biologica alle zanzare

La lotta biologica alle zanzare Ente Parco Naturale Laghi di Avigliana 1 Workshop di progettazione partecipata verso il Contratto di Lago del bacino dei laghi di Avigliana La lotta biologica alle zanzare Premessa La lotta biologica integrata

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI I PRINCIPALI NEMICI DELLE NOSTRE PIANTE ACARI CLASSIFICAZIONE Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI Gli Acari sono degli artropodi (dal greco "artros =

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

Orso polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch

Orso polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Orso polare Dossier di presentazione Michel Terrettaz / WWF-Canon Scheda Dimensioni:

Dettagli

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca Piano ISS Insegnare Scienze Sperimentali L.S.S. Caccioppoli di Napoli Via Nuova Del Campo, 22/R Tel 081-7805620 fax. 081-7511988 E-mail: naps07000r@istruzione.it DIARIO DI BORDO Tutor: Margherita Pacca

Dettagli

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello.

AVERLA PICCOLA. L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. AVERLA PICCOLA L averla piccola è un comune passeraceo detto anche falconcello. DESCRIZIONE: È lungo circa 18 cm, e pesa 35 grammi in media, ha il corpo rossobruno nella parte superiore e bianco-rosato

Dettagli

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Attività presso il Centro Accoglienza Visitatori Riserva Naturale Torbiere

Dettagli

La popolazione. Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO

La popolazione. Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO 1 La popolazione Oggetti di studio dell Ecologia LIVELLI DI ORGANIZZA ZIONE DELLA MATERIA ECOSISTEMA COMUNITA POPOLAZIONE INDIVIDUO ORGANO TESSUTO CELLULA 2 Popolazione Insieme degli individui di una stessa

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Il gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii): controllo e gestione di una specie invasiva.

Il gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii): controllo e gestione di una specie invasiva. Riserva Naturale - Ripa Bianca di Jesi Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale Università di Perugia Il gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii): controllo e gestione di una specie invasiva.

Dettagli

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane

COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica. Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane COMMISSIONE CONSERVAZIONE Societas Herpetologica Italica Documento sulle Aree di Rilevanza Erpetologica (ARE) italiane a cura di A.Gentilli, V.Ferri, L.Di Tizio, C.Scoccianti, G.Stagni e P.Ventrella, Giugno

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Parco della Murgia Materana

Parco della Murgia Materana Parco della Murgia Materana Progetti di conservazione della BIODIVERSITA Dr. Vito Santarcangelo G. Gambetta, P. Medagli 923 specie descritte 400 immagini Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-forestale

Dettagli

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni SALOGNI CRISTIAN SEZ. DIAGNOSTICA DI BRESCIA LABORATORIO DI ITTIOPATOLOGIA Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE Scopriamo come difendere l ambiente dalle specie introdotte. E capiamo perché farlo è un ottima idea Lo scoiattolo

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA

CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA CERVUS NIPPON HORTULORUM IL CERVO SIKA DYBOWSKI CECO:JELEN SIKA DYBOWSKÉHO EN: SIKA DEER DYBOWSKI DIFFUSIONE IN REPUBBLICA CECA Il cervo sika dybowski é originario di Manciuria e Corea, nei tempi d oggi

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

Il recupero dello storione cobice in Italia

Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI PIACENZA Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI CREMONA PROVINCIA DI VENEZIA PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 PROVINCIA DI FERRARA Conservation

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Provincia di Vicenza Settore Agricoltura Università degli Studi di Padova Dipartimento Dafnae Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Da qualche anno le esplosioni demografiche di cavallette

Dettagli

FORMICA ROSSA (Formica rufa)

FORMICA ROSSA (Formica rufa) GLI INVERTEBRATI L Arca della Biodiversità del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e dell Appennino Romagnolo è un progetto finanziato dal Gal L Altra Romagna con la Misura 412 Az. 6 - Asse 4 Leader

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Un Opera editoriale per tutta la famiglia Colleziona gli invertebrati provenienti da tutto il pianeta ed esaminali da ogni angolazione grazie a

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Protocollo di attività per gli interventi di reintroduzione Umberto Bressan Protocolli di attività per gli

Dettagli

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA SEZIONE DI ASTI SETTORE EDUCAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA Provincia di Alessandria Provincia di Asti Comune di Asti UNA PENNA PER AMICO Ormai da diversi anni la

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

organismi e classificazione

organismi e classificazione Biologia marina organismi e classificazione Artropodid Echinodermi d i TERZA LEZIONE A CURA DELLA PROF.SSA ROSA DOMESTICO I.I.S NINO BIXIO PIANO DI SORRENTO ARTROPODI Artropodi Phylum di animali a simmetria

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9

ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE E ELMETTI Treviso, 11 Marzo 2015 ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 www.ulss.tv.it INTRODUZIONE Per prima cosa è necessario valutare se sia possibile eliminare

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese Comune di Villar Perosa WWF Sezione pinerolese con il patrocinio di Comunità montana Valli Chisone e Germanasca Istituto comprensivo F. Marro Villar Perosa in collaborazione con Comune di San Germano Chisone

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Toxocara canis. Un passeggero clandestino

Toxocara canis. Un passeggero clandestino Dipartimento di Scienze veterinarie Dipartimento di Biologia molecolare, cellulare, animale Dipartimento Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Veterinaria, Igiene, Sicurezza e Qualità Nutrizionale

Dettagli

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi San Vittore di Genga 17 settembre 2010 Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi Gabriele Angeletti ** Romina Angeli**

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO P.S.R. 2007-2013 MISURA 124 Dgr n. 745 del 15/03/2010 PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare e

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014

Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Mosorrofa Primaria A.S. 2013/2014 Alla Scoperta delle tartarughe marine Classi IV - V Le caratteristiche fisiche Tutto il corpo è protetto da una corazza e lo scudo dorsale, leggermente a forma di cuore,

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI Riccardo Scipioni Generalmente, con il termine crescita di una popolazione si intende l aumento, nel tempo, del numero di individui appartenenti ad una stessa popolazione.

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014

Indagini idrobiologiche decimo rapporto tecnico Luglio 2014 Centro Studi Biologia e Ambiente di Antonella M. Anzani ed Alessandro Marieni s.n.c. Cod. Fisc. / P.IVA n.02754920136 R.E.A. n.277385 Corso XXV Aprile, 87 Tel./ fax 031.610.630 22036 Erba (Co) e-mail csba.erba@tvirgilio.it

Dettagli

Anfibi. Pesci VERTEBRATI. Rettili. Mammiferi. Uccelli

Anfibi. Pesci VERTEBRATI. Rettili. Mammiferi. Uccelli Pesci Anfibi VERTEBRATI Mammiferi Rettili Uccelli Cordati Primi vertebrati sono apparsi 450 milioni di anni fa. Pikaia: è un cordato, l antenato dei vertebrati Cordati Cordati: animali un organo di sostegno

Dettagli

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

Traduzione di Cecilia Frasca

Traduzione di Cecilia Frasca Riportiamo qui di seguito il testo tradotto dell articolo Les cartouches sans plomb, tratto dal sito www. http://www.oncfs.gouv.fr dell Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage, datato 2004.

Dettagli