PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da"

Transcript

1 PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione Vincenzo Stanco Vincenzo Stanco Approvato da AU Ovidio Morgantini Ovidio Morgantini DESCRIZIONE AGGIORNAMENTI Prima edizione Modificato

2 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 2 di 13 INDICE 0 INTRODUZIONE 0.1 Scopo 0.2 Applicabilità 0.3 Riferimenti 0.4 Responsabilità 0.5 Flow-chart 1 GENERALITÀ 2 PIANIFICAZIONE DELLA PROGETTAZIONE 3 ANALISI INIZIALE DEI REQUISITI DEL SOFTWARE 4 PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE 5 SVILUPPO DEL SOFTWARE 6 VERIFICA DELLA PROGETTAZIONE 7 RIESAME DELLA PROGETTAZIONE 8 INTEGRAZIONE DELLE UNITÀ DI SOFTWARE 9 INTEGRAZIONE HW/SW 10 COLLAUDO INTERNO 11 INSTALLAZIONE, COLLAUDO E ACCETTAZIONE (VALIDAZIONE DEL PROGETTO) 12 CONSEGNA 13 MODIFICHE ALLA PROGETTAZIONE 14 GESTIONE DELLA CONFIGURAZIONE 15 MANUTENZIONE

3 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 3 di INTRODUZIONE 0.1 Scopo Questa procedura ha la finalità di determinare le modalità operative per lo svolgimento delle attività di progettazione di software sviluppate dalla nostra Organizzazione. 0.2 Applicabilità La presente procedura si applica a tutte le attività di progettazione di software sviluppate dalla nostra Organizzazione. 0.3 Riferimenti - MdQ 7.2 Processi relativi al cliente - MdQ 7.3 Progettazione e sviluppo - PR.08/02 Controllo del prodotto non conforme - MP Scheda commessa - MP Verbale di riunione - MP Rapporto Test - MP Verbale di consegna - MP Rapporto di intervento - Registro di configurazione - All.05 MdQ Mappa delle Registrazioni della Qualità

4 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 4 di Responsabilità Matrice delle responsabilità relativa a Progettazione e sviluppo software FUNZIONI ATTIVITA AU Rappresentante della Direzione RAQ DT Team di progettazione Capo progetto Emissione e revisione della presente procedura A V R Assegnazione risorse al progetto R C Pianificazione della progettazione software R Sviluppo della progettazione software E R Verifica della progettazione software E R Riesame della progettazione software R C R Validazione della progettazione software R R = Responsabile; C = Collabora; V = Verifica; A = Approva; E = Esegue. (*) ciascuno per le proprie competenze

5 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 5 di Flow-chart Processi relativi al cliente Modifiche alla Progettazione Pianificazione Progettazione Scheda Commessa Analisi dati e requisiti di base Specifiche funzionali Progettazione SW Specifiche tecniche, Piano dei test, PdQ Sviluppo SW File, Configurazione Verifiche della Progettazione Rapporto di Test KO Esito OK Riesame della Progettazione Verbali KO Esito OK Integrazione unità SW Integrazione SW e HW Collaudo interno Rapporto test KO Esito OK Installazione Collaudo Rapporto di test KO Esito OK Validazione Progettazione Rapporto di test Verbale di consegna

6 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 6 di GENERALITÀ La nostra Organizzazione, per lo sviluppo software prevede le seguenti tipologie di progetto: Sviluppo (prevede la realizzazione completa di un software); Manutenzione (basato su un software già realizzato e installato dal cliente), e si diversifica in: Evolutiva (nuove funzioni aggiuntive al software richieste dal cliente); Correttiva(modifiche al software esistente) a sua volta distinta in: 2.0 PIANIFICAZIONE DELLA PROGETTAZIONE All avvio della commessa DT deve procedere alla nomina del Capo Progetto. Il Capo progetto, analizzati e discussi tutti gli elementi e requisiti con DT, deve procedere alla pianificazione dello sviluppo. A tal fine, DT in collaborazione con il Capo di progetto deve procedere alla assegnazione delle risorse necessarie (team di progetto e risorse materiali) predisponendo la Scheda Commessa MP La scheda Commessa deve essere approvata da AU. 3.0 ANALISI INIZIALE DEI REQUISITI DEL SOFTWARE Al fine di procedere allo sviluppo di un prodotto, in linea con le esigenze del cliente, devono essere identificati in maniera chiara ed univoca i requisiti che deve soddisfare il prodotto oggetto di fornitura contrattuale. In particolare, ogni requisito identificato: deve essere completamente definito (completezza); non deve essere in contraddizione con altri requisiti (consistenza); deve essere verificabile (verificabilità); deve essere espresso in modo tale da permetterne la rintracciabilità dalla sua origine lungo tutte le fasi del ciclo di vita (tracciabilità). I requisiti identificati possono essere articolati sulla base delle tipologie seguenti: Requisiti funzionali: descrizione delle funzioni che il prodotto deve svolgere; Requisiti di interfaccia: descrizione delle caratteristiche dell'interfacciamento del prodotto con altri sistemi HW/SW; Requisiti dell'interfaccia uomo-macchina: descrizione delle caratteristiche dell'interfacciamento del prodotto con l operatore; Requisiti prestazionali: definizione quantitativa dei valori delle caratteristiche operative del prodotto come dimensioni, numero utenti, espandibilità, capacità di interfaccia, velocità, ecc.; Requisiti ambientali e di installabilità: descrizione delle caratteristiche e dei vincoli necessari per effettuare le operazioni di caricamento, configurazione e corretto esercizio del prodotto; Requisiti di integrità: descrizione delle caratteristiche che il prodotto deve avere per contrastare eventi come perdita accidentale dei dati, uso non autorizzato del software, ecc.; Requisiti di sicurezza: descrizione delle caratteristiche del prodotto necessarie per minimizzare i danni derivanti da eventuali errori.

7 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 7 di 13 Requisiti multimediali: descrizione degli elementi di grafica, audio-video e di testo relativi ai prodotti multimediali e delle modalità di integrazione con gli elementi costruttivi del prodotto software. I requisiti di base del prodotto da realizzare possono essere individuati: da DT in fase di definizione dell offerta, e, pertanto, formalizzati sulla proposta tecnica allegata all offerta; oppure da DT, in collaborazione con il Capo Progetto, dopo la formalizzazione della documentazione contrattuale, a seguito di una serie di incontri con il Cliente finalizzati alla individuazione delle informazioni preliminari e di dettaglio per definire le specifiche del prodotto da realizzare. I risultati di tali incontri sono registrati su un Verbale di riunione MP e forniscono l input per la definizione del documento Specifiche funzionali 3.1 Riesame dei requisiti Il riesame dei requisiti è un momento formale che deve essere effettuato al termine della fase di definizione dei requisiti ed ha l obiettivo di assicurare che i requisiti identificati siano stati adeguatamente e correttamente definiti. Il riesame ha per oggetto il documento di Specifiche Funzionali e, eventualmente, i documenti collegati. Il riesame viene condotto dal Capo Progetto (di concerto con le funzioni che hanno collaborato alla stesura dei documenti). In particolare, deve essere verificato che: siano stati definiti tutti i requisiti (funzionali, di interfaccia, dell interfaccia uomo-macchina, prestazionali, ambientali e di installabilità, di integrità, di sicurezza, grafica, ecc.); i requisiti definiti coprono tutti gli aspetti connessi con il completo sviluppo del prodotto (in caso di esito negativo si andrà ad indicare quali aspetti devono essere chiariti e a fornire una stima dei tempi necessari per il loro chiarimento e conseguente riesame); i requisiti siano stati definiti e descritti in maniera chiara ed univoca, così da consentirne la rintracciabilità lungo tutte le fasi del ciclo di vita (tracciabilità); i requisiti risultino non suscettibili di interpretazioni errate, né in contraddizione tra loro; i requisiti siano verificabili; i requisiti siano coerenti con le esigenze del cliente espresse in altri eventuali documenti, contrattuali e non; i requisiti siano correttamente implementabili. Il riesame si conclude con l approvazione del documento di specifiche funzionali e con l apposizione di un visto di riesame a cura del Capo Progetto. L esito positivo del riesame autorizza il passaggio alla fase di progettazione Nel caso di esito negativo del riesame, il Capo Progetto, eventualmente con il supporto di DT deve definire le azioni necessarie al superamento delle incongruenze riscontrate; deve quindi essere effettuato un successivo riesame che approvi la nuova revisione del documento verificandone la risoluzione dei problemi precedentemente riscontrati.

8 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 8 di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Lo scopo delle presente fase è quello di fornire una rappresentazione completa del software in termini di architettura del sistema e di procedure da realizzare. DATI E REQUISITI IN INGRESSO Specifiche funzionali Specifiche tecniche Piano dei test Piano della Qualità RISULTATI IN USCITA La Progettazione del software si divide nelle seguenti sottofasi: Definizione componenti e progettazione architettura del software: scopo della fase è quello di definire l architettura del prodotto da sviluppare, identificando i componenti funzionali del prodotto software e descrivendone le funzionalità e le interazioni che devono esistere tra essi, con gli ambienti esterni e con gli elementi multimediali; Progettazione di dettaglio del software: scopo della fase è quello di progettare dettagliatamente ogni componente funzionale del prodotto software; Pianificazione e preparazione dei test: scopo della fase è la pianificazione e descrizione dei test previsti per assicurare la rispondenza del prodotto ai requisiti specificati; Tutte le informazioni prodotte in tale fase devono essere descritte nei documenti Specifiche tecniche e Piano dei test. In particolare il documento Piano dei test deve riportare: - la descrizione dell ambiente di test sia dal punto di vista software sia dal punto di vista hardware; - la descrizione degli eventuali simulatori e/o emulatori di ambiente; - la descrizione dei casi di prova che deve comprendere; - le procedure di esecuzione; - i risultati attesi; - le eventuali differenze di esecuzione tra i diversi ambienti (simulato e reale, diversi sistemi operativi, ecc.); - i criteri di accettabilità delle prove. Completati tali documenti, questi devono essere riesaminati dal Capo progetto (attività formalizzata con l apposizione della sigla).

9 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 9 di Piano della Qualità (PdQ) Il Piano della Qualità deve contenere le informazioni necessarie ad identificare: Le fasi della progettazione e dello sviluppo I momenti di riesame formali previsti in corrispondenza di ciascuna fase (riesame, verifica e validazione) I tempi e le responsabilità per ciascuna delle fasi previste, nonché le interfacce di riferimento verso l esterno. In tale piano, pertanto, devono essere indicati i seguenti elementi: la scomposizione del progetto in attività ed eventualmente sottoattività; il piano temporale di svolgimento delle attività (GANTT); gli obiettivi da raggiungere; i rischi connessi al progetto; modalità di gestione della configurazione (i criteri e metodi per il controllo dell archiviazione dei componenti, sia durante la fase di sviluppo che dopo il loro congelamento formale); la struttura organizzativa impegnata nello svolgimento del progetto, individuando responsabilità e interfacce; le risorse tecniche (umane e strumentali) che devono essere impiegate; gli standard e le procedure software che devono essere impiegati; le eventuali moduli software e/o applicativi già sviluppati e da riusare. pianificazione delle attività di riesame e verifica da effettuarsi sul progetto per la validazione delle fasi del progetto, individuando le relative responsabilità; Il Piano di Qualità deve essere sottoscritto, per approvazione, dal Capo progetto. 5.0 SVILUPPO DEL SOFTWARE La Realizzazione ha come scopo la produzione dei singoli componenti del software in rispondenza ai requisiti stabiliti nelle precedenti fasi. DATI E REQUISITI IN INGRESSO Specifiche tecniche Piano della Qualità RISULTATI IN USCITA Software realizzato Configurazione SW Documentazione dei test La Realizzazione del software si divide nelle seguenti sottofasi: Realizzazione del codice (eventualmente previsto per il software);

10 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 10 di 13 Esecuzione dei test per unità di software previsti nel Piano dei test ed eventuale ripetizione; Per unità di software si intende l elemento minimo compilabile separatamente (o eseguibile ). La configurazione del SW, gestita informaticamente, permette di avere l evidenza della registrazione gli elementi che nel corso della progettazione vengono prodotti e/o aggiornati e cioè di tutti i file di software prodotti. 6.0 VERIFICA DELLA PROGETTAZIONE Tale attività ha l obiettivo di verificare che ogni componente identificato nella fase di progettazione sia stato effettivamente implementato durante lo sviluppo e che la sua progettazione sia tale da soddisfare i requisiti ad esso applicabili. La progettazione si intende verificata solo dopo l esito positivo delle prove previste dal documento Piano dei Test eseguite in ambiente reale. Le verifiche si considerano superate se l esito dei test rispettano i limiti di accettabilità descritti nel Piano Test. L esito delle verifiche viene formalizzato sul documento Rapporto di test MP Il rapporto deve essere sottoscritto dal capo progetto; nel caso di esito negativo della verifica egli deve definire, sullo stesso documento le azioni necessarie al superamento delle incongruenze riscontrate. Deve quindi essere pianificata una successiva verifica che accerti la risoluzione dei problemi precedentemente riscontrati. La registrazione dei test può avvenire anche su appositi formati elettronici. 7.0 RIESAME DELLA PROGETTAZIONE La nostra organizzazione pianifica (utilizzando il Gantt ) ed effettua i seguenti riesami: riesame iniziale dei dati e requisiti di base; uno o più riesami intermedi, in cui possono essere previsti anche ulteriori incontri con il Cliente, volti a valutare sia il rispetto dei dati e requisiti di base sia lo stato di avanzamento della commessa; un riesame finale, al termine della progettazione, in cui i risultati di ciascuna fase devono essere verificati al fine di valutare se questi soddisfano i dati e requisiti di base. A tali riesami partecipano DT, il Capo progetto ed i tecnici che hanno partecipato alla fase da riesaminare. Tali riesami devono essere formalizzati mediante la redazione di verbali (MP Verbale di riunione ) che devono essere siglati da tutti i partecipanti. 8.0 INTEGRAZIONE DELLE UNITÀ DI SOFTWARE L integrazione delle unità di software ha come scopo l assemblaggio delle singole unità di software realizzate e testate nella fasi precedenti. L Integrazione delle unità di software si divide nelle seguenti sottofasi: Integrazione delle unità di software; Esecuzione dei test di integrazione delle unità di software ed eventuale ripetizione; Esecuzione dei test di controllo finale sul software completo; Tale fase può prevede la preparazione della documentazione di utilizzo per il prodotto realizzato dalla nostra Organizzazione. La documentazione da realizzare consiste in:

11 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 11 di 13 manuali d installazione (contenenti informazioni tecnico/funzionali sul prodotto realizzato); manuali utente (contenenti istruzioni specifiche per l utente). 9.0 INTEGRAZIONE HW/SW Tale fase, se prevista nella documentazione contrattuale, consiste nell integrare il software realizzato con l hardware acquisito o fornito dal Cliente. Essa può svolgersi presso la nostra Organizzazione o presso il Cliente contestualmente all installazione (se prevista) del pacchetto software. L Integrazione HW/SW (se prevista) si divide nelle seguenti sottofasi: Aggiornamento dei test di integrazione HW/SW; Integrazione HW/SW; Esecuzione test di integrazione HW/SW; Esecuzione modifiche e ripetizione dei test; Analisi dei test di integrazione HW/SW e registrazione dei risultati; Tale fase può prevedere (nel caso specifico di software) la preparazione della documentazione di utilizzo per il prodotto realizzato dalla nostra Organizzazione. La documentazione da realizzare consiste in: manuali d installazione (contenenti informazioni tecnico/funzionali sul prodotto realizzato); manuali utente (contenenti istruzioni specifiche per l utente) COLLAUDO INTERNO Tale fase consiste nel collaudo finale del pacchetto software completo (eseguibile) e se previsto, delle unità hardware, effettuato presso la nostra Organizzazione, simulando il più possibile l ambiente di installazione presso il cliente. La registrazione del collaudo risulta dalla documentazione dei test effettuati sul MP Rapporto Test o su appositi formati elettronici. Se l esito del collaudo è negativo il Capo progetto deve aprire un Rapporto di non conformità, secondo quanto descritto nella PR.08/02, e indicare nella documentazione dei test il numero del rapporto (RNC n ) INSTALLAZIONE, COLLAUDO E ACCETTAZIONE (VALIDAZIONE DEL PROGETTO) Tale fase, se prevista nella fase contrattuale, consiste nell installazione del pacchetto software completo (eseguibile) presso il cliente e se previsto, delle unità hardware. Possono essere previste delle attività correlate per la predisposizione del sistema del cliente (conversione Data-Base, installazione software applicativi complementari, migrazione di dati, etc), necessarie per il corretto funzionamento del software realizzato. Devono essere predisposte le installazioni dell eseguibile per ogni macchina come previsto dalla documentazione contrattuale. L eseguibile deve essere consegnato al cliente nel numero di copie stabilite, insieme alla licenza d uso (se prevista) e ai manuali d utilizzo ed ai manuali utente (se previsti). Terminate le operazioni di installazione dell eseguibile e delle attività correlate, viene eseguito il collaudo finale alla presenza del cliente e del Capo Progetto, al fine di verificarne la rispondenza ai requisiti specificati dallo stesso.

12 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 12 di 13 Se il collaudo finale presso il Cliente ha esito positivo il progetto si considera validato e viene formalizzato mediante l apposizione della firma del Capo Progetto sulla documentazione di registrazione dei test effettuati (Rapporto di Test registrazione test su supporto informatico). Se l esito del collaudo è negativo il Capo Progetto deve aprire un Rapporto di non conformità, secondo quanto descritto nella PR.08/02, e indicare nella documentazione dei test il numero del rapporto (RNC n ). L esito positivo della validazione della progettazione autorizza il passaggio alla successiva fase di consegna. Qualora la fase di installazione non è prevista contrattualmente la validazione del progetto avviene internamente alla 12.0 CONSEGNA La consegna viene formalizzata al termine della sessione di validazione ed è costituita dalla versione del prodotto definitivamente accettata dal Cliente, dal supporto fisico e dalla edizione allineata del manuale utente (quando previsto). Una copia di quanto consegnato è archiviata in Organizzazione per costituire la piattaforma di riferimento per le eventuali successive attività di manutenzione. La consegna viene formalizzata con il modulo Verbale di consegna MP nel quale il Capo progetto deve indicare: la descrizione del prodotto; il supporto fisico ed il numero di copie consegnate. L accettazione dal Cliente avviene secondo le possibili seguenti modalità: sottoscrizione del Verbale di consegna; rilascio di una copia di verbale di collaudo redatto dal cliente; altre forma di comunicazione scritta MODIFICHE ALLA PROGETTAZIONE Le esigenze di modifica della progettazione possono emergere sia durante la stessa attività di progettazione e sviluppo (a seguito dei riesami e delle verifiche della progettazione) sia dopo la conclusione dell attività di sviluppo (a seguito delle segnalazioni di anomalie da parte del cliente in o in funzione delle richieste di varianti o nuove implementazioni). In particolare, se l esigenza di una modifica alla progettazione emerge durante l attività di sviluppo, l approvazione della stessa è garantita attraverso gli stessi controlli previsti nel processo di sviluppo (riesame e verifica della progettazione); qualora invece la necessità di apportare una modifica al prodotto sia generata da una richiesta del Cliente o da un ente interno attraverso la segnalazione di un anomalia o mediante una richiesta di varianti alle funzionalità previste, allora il Capo Progetto, di concerto con DT, dopo aver analizzato le richieste di correzioni o di nuove implementazioni e la relativa analisi della problematica, è tenuto a darne o meno una esplicita approvazione, indicando anche tempi e modi per la realizzazione della modifica e specificando eventualmente la necessità di apportare modifiche alla documentazione di progetto GESTIONE DELLA CONFIGURAZIONE Nel corso della progettazione si deve identificare, controllare e tenere traccia delle versioni di tutti i componenti del software e dei documenti di progetto prodotti.

13 E1R1 22/12/2003 Progettazione e sviluppo software PR.07/03 13 di 13 Tale attività viene garantita sia attraverso la registrazione dello stato della configurazione (gestito informaticamente) sia da una corretta archiviazione dei file e dei documenti di progetto, tale da garantire la tracciabilità di tutte le correzioni/variazioni apportate al progetto MANUTENZIONE Manutenzione Evolutiva La manutenzione evolutiva consiste nel progettare evoluzioni funzionali a software. Il ciclo di lavoro per tale tipo di manutenzione prevede, per quanto applicabili, la ripetizione di tutte le fasi esposte per un progetto di tipo sviluppo (vedere paragrafi 2.0 e seguenti). Si tratta quindi di un vero e proprio progetto che parte dalla base preesistente del vecchio progetto da incrementare, al quale devono essere aggiunte le nuove funzionalità derivanti dai nuovi requisiti da introdurre. Qualora per la tipologia di manutenzione è richiesto un impegno di tempo non superiore ai 20 gg./uomo il Capo progetto o la risorsa delegata deve limitarsi a: - registrare l intervento sul modulo MP Rapporto d intervento ; - riemettere con aggiornamento della versione tutti i documenti e gli elementi software che richiedono variazioni. Manutenzione Correttiva Tale tipo di manutenzione può derivare da richieste del cliente relativamente a interventi richiesti per anomalie riscontrate nel software e consistenti nella esecuzione di interventi correttivi con lo scopo di sanare i comportamenti indesiderati delle funzionalità realizzate. Tale tipo di manutenzione consiste nella revisione di un progetto esistente. Nel ripercorrere (aggiornando) tutte le fasi del progetto di partenza, tutti i documenti ed i file che richiedono variazioni devono essere riemessi con aggiornamento della versione. Tale tipo di progetto comporta l aggiornamento della configurazione del SW e del numero di versione. Le richieste di manutenzione correttiva devono essere registrate sul modulo Rapporto di intervento MP Al ricevimento della richiesta del Cliente il Capo progetto deve eseguire un analisi tecnica per valutare la fattibilità operativa e le azioni da intraprendere. Le modifiche apportate devono essere verificate, a cura del Capo Progetto; i risultati devono essere registrati sul modulo Rapporto di intervento.

PRISMA S.r.l. PROCEDURA PR.07/04. Fornitura di consulenza informatica. PR. 07/04.doc STATO DI REVISIONE REVISIONE. Emesso da DT

PRISMA S.r.l. PROCEDURA PR.07/04. Fornitura di consulenza informatica. PR. 07/04.doc STATO DI REVISIONE REVISIONE. Emesso da DT PROCEDURA PR.07/04 Fornitura di consulenza informatica STATO DI REVISIONE REVISIONE NUMERO DATA 0 15/07/03 Emesso da DT FABIO MATTEUCCI Verificato da Rappresentante della Direzione VINCENZO STANCO Approvato

Dettagli

PRISMA S.r.l. PROCEDURA PR.08/03. Azioni correttive e preventive STATO DI REVISIONE REVISIONE. Emesso da. Verificato da.

PRISMA S.r.l. PROCEDURA PR.08/03. Azioni correttive e preventive STATO DI REVISIONE REVISIONE. Emesso da. Verificato da. PRISMA S.r.l. PROCEDURA PR.08/03 Azioni correttive e preventive STATO DI REVISIONE REVISIONE NUMERO DATA 0 15/07/03 Emesso da RAQ FABIO MATTEUCCI Verificato da Rappresentante della direzione VINCENZO STANCO

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Cofinanziamento Fondi CIPE Progetto CST CUP J59H05000040001 Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Convenzione per la costituzione di un Centro Servizi Territoriale tra la Regione Calabria

Dettagli

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Redatto dalla Commissione per l elettronica, l informatica e la telematica

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 16 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 3.1) Specifica dei Requisiti Utente Funzionalità di associazione di più Richiedenti ad un procedimento Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

PROCEDURA PR. 07/03. Progettazione ed erogazione corsi di formazione. Duofin Art S.r.l. STATO DI REVISIONE

PROCEDURA PR. 07/03. Progettazione ed erogazione corsi di formazione. Duofin Art S.r.l. STATO DI REVISIONE PROCEDURA PR. 07/03 STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da Direttore Didattico Verificato da RD Approvato da AU DESCRIZIONE AGGIORNAMENTI 0 31/03/2004 Prima Edizione 1 11/04/05 Modificato paragrafo

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T Proc. 23 Pag. 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE BM-33T 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme e leggi di riferimento... 2 3.2.

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Dettaglio Fasi Progettuali

Dettaglio Fasi Progettuali Procedura volta alla realizzazione di un nuovo sistema informatico, denominato G.U.S.-N., finalizzato all automazione dei processi di raccolta, condivisione ed elaborazione dei dati nazionali concernenti

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI Unione Industriale 35 di 94 4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI 4.5.1 Generalità La documentazione, per una filatura conto terzi che opera nell ambito di un Sistema qualità, rappresenta l evidenza oggettiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione Rev. 3 Pag. 1 di 11 n. revisione 0 1 2 3 3 Data Emissione Redatto 04.04.05 06.02.06 10.12.07 27.08.09 27.08.09 Firma Resp. REVISIONI Descrizione Prima emissione Introdotte indicazioni per la ripetizione

Dettagli

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI

GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ E RECLAMI Pagina 1 di 6 Procedura Rev. Data Descrizione modifica Approvazione 3 27.04.2003 Revisione generale (unificate NC e Reclami) C.V. 4 03.09.2007 Specificazione NC a carattere ambientale C.V. 5 07.03.2008

Dettagli

Allegato 2 Modello offerta tecnica

Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Pagina 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Architettura del nuovo sistema (Paragrafo 5 del capitolato)... 3 2.1 Requisiti generali della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Specifica METODO STR VISION CPM

Specifica METODO STR VISION CPM Pag. 1 di 7 Oggetto Specifica METODO STR VISION CPM 0 05.05.2015 EMISSIONE TASA DT PRS Rev. Data Descrizione Modifica Redatto Approvato Autorizzato Pag. 2 di 7 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO... 2 2. REGISTRAZIONE

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Allegato 4 Manuale di Progetto

Allegato 4 Manuale di Progetto Telematica per la gestione integrata delle chiamate di emergenza Progetto Pilota Elemento di rilascio D1.1 Allegato 4 Manuale di Progetto Confidenzialità : Interna Partecipanti : TTS-Italia Autori : O.

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 5 Indice 1 SCOPO 2 CAMPO APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Progetti di miglioramento 4.2 Azioni correttive e preventive Rev. Natura modifica 0 1 2 Prima

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Consegna immobili. Procedura Qualità Consegna immobili. Visto Responsabile Operativo Qualità. Codice Doc. PQ 7.5.2 Data 09/06/2008 Revisione 01

Consegna immobili. Procedura Qualità Consegna immobili. Visto Responsabile Operativo Qualità. Codice Doc. PQ 7.5.2 Data 09/06/2008 Revisione 01 DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 09/06/2008 2^ REVISIONE 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Ispettore di Cantiere AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo Qualità Pag. 1 di 1 0. TABELLA

Dettagli

Em. 00 10.01.2010 Nuova Emissione Documento Redatto RQ Verificato Approvato PD DISTRIBUZIONE: INTERNA; PR1 - Em. 00 del 10.01.2010 Pagina 1 di 6 Sommario 1 Scopo e Campo di Applicazione... 3 2 Definizioni...

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato ha per

Dettagli

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema Allegato 13 Nomina Amministratore di Sistema Il presente documento rappresenta un contratto che la struttura Titolare del Trattamento stipula con un soggetto esterno (nominato Amministratore di Sistema)

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

Procedura AUDIT INTERNI

Procedura AUDIT INTERNI Pag. 1 di 1 SOMMARIO 1. Scopo e campo di applicazione... 2 2. Termini e definizioni... 2 3. Riferimenti... 2 4. Premessa... 2 5. Attività... 3 6. Documentazione... 5 7. Indicatori... 6 REVISIONI N REV.

Dettagli

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. RESPONSABILITÀ 6. IDENTIFICAZIONE 7. REDAZIONE, CONTROLLO, APPROVAZIONE ED EMISSIONE 8. DISTRIBUZIONE 9. ARCHIVIAZIONE 10. MODIFICHE

Dettagli

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI

GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Pag 1/7 PROCEDURA PG. A 5.4 TITOLO GESTIONE RECLAMI E SEGNALAZIONI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1 Gestione dei reclami, suggerimenti/proposte,

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale)

Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale) 1 di 9 Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale) Codice PQ 011 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...2 5 PROCEDURA...2

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...2 5 PROCEDURA...2 PR03 Rev. 5 del 13/11/12 Pagina 1 di 7 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...2 5 PROCEDURA...2 5.1 Premessa... 2 5.2 Gestione delle

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi Acquisizione Beni e Servizi Indice dei contenuti 1. SCHEDA SERVIZIO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI...3 1.1. TIPOLOGIA... 3 1.2. SPECIFICHE DEL SERVIZIO... 3 1.2.1 Descrizione del servizio... 3 1.2.2 Obblighi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato 17 Check list quality review

Allegato 17 Check list quality review Allegato 17 Check list quality review Descrizione del lavoro di verifica svolto Si/No/Commenti I- Pianificazione I risultati dell attività di audit pianificata/preliminare sono stati riportati nella Strategia

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE

Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pag. 1 di 6 Oggetto Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE 2 20.05.2013 REVISIONE PER RIORGANIZZAZIONE INTERNA RGQ DT PRS 1 23.03.2007 MODIFICHE A SEGUITO V.I.R. E.MINELLI M. TRAVERSINI

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI...

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI... Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Premessa...3 5.2 Gestione dei documenti...3 5.3 Revisione dei

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA CERSA S.r.l. a socio unico Organismo di Certificazione Via G. De Castillia, 10 20124 Milano tel. 02.86.57.30 02.86.57.37 fax 02.72.09.63.80 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10

SPT - CENT - 340 Rev. 0 18.03.10 PROCEDURA PER LE VERIFICHE INERENTI LA QUALIFICA DI COSTRUTTORI E FORNITORI DI SISTEMI DI AUTOMAZIONE A CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) PER LE CENTRALI DI SNAM RETE GAS 0 18-03-10 Emissione TECESER Castagnoli

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Come prepararsi all Audit

Come prepararsi all Audit Come prepararsi all Audit Il rapporto con l Audit Servizio Pianificazione, Controllo di Gestione e Agenda L Audit nella gestione ordinaria L attività progettuale Il processo di miglioramento 2 La gestione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento Titolo Sigla Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento IO-09-02-DT Revisione 02 Riservatezza 1 Data 2014-12-15 Redazione Approvazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati PROCEDURA SGQ PRO-DOD Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...2

Dettagli

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 - SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 Ragione sociale: C.F./P.I.: Indirizzo: C.A.P.: Città: Prov.: Tel.: Fax.: e-mail: Capitale sociale: : Fatturato degli ultimi 3 anni:

Dettagli

Regolamento RG04 ISPEZIONI

Regolamento RG04 ISPEZIONI www.sferacert.it S e de: Vi a T r i t o n e 4 / A 9 0 1 4 7 P A L E RM O / 0 9 1 6 9 1 0 9 6 0 Regolamento RG04 ISPEZIONI Regolamento per la erogazione dei servizi di ispezione impianti ai sensi del D.P.R.

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Implementazione ed Attuazione di Progetti per il Miglioramento del Servizi Sanitari ANCONA 19 E 20 OTTOBRE 2012 Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Consiste nel destrutturare

Dettagli