Tecniche di Protezione per la Rete WDM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di Protezione per la Rete WDM"

Transcript

1 Tecniche di Protezione per la Rete WDM Guido Maier, Achille Pattavina, Simone De Patre, Mario Martinelli* CoreCom, Via Ampere 30, Milano, Italy {maier, depatre, Abstract This paper is an introduction to survivability of WDM networks. All the main optical protection techniques proposed since now for the WDM layer are classified and reviewed. In particular, commonly adopted protection strategies for ring and mesh networks are explained and network planning with path protection is briefly introduced. 1 INTRODUZIONE Il problema della protezione delle connessioni ottiche oggi divenuto di importanza primaria nell ambito delle reti a multiplazione a divisione di lunghezza d onda (Wavelength Division Multiplexing, WDM). Ci dovuto all ovvia ragione che l interruzione di una connessione ottica operante a elevato bit-rate (10 Gbit/s o pi ), anche per pochi secondi, comporta un enorme perdita di informazione. Gli operatori delle reti di nuova generazione devono quindi rispondere a requisiti da parte dei loro clienti che sono divenuti estremamente stringenti per quanto concerne i tempi di fuori servizio. Nel passato gli eventi di guasto nella rete venivano gestiti manualmente reinstradando in modo temporaneo le connessioni colpite e inviando una squadra per effettuare le riparazioni in situ. Oggi le reti ottiche che richiedono l intervento di un operatore per reinstradare il traffico in seguito a un guasto si possono considerare non protette. Infatti in queste reti il tempo di fuori servizio inaccettabile, sebbene la possibilit di riconfigurare gli apparati di commutazione da una centrale operativa in remoto, introdotta con le reti telefoniche digitali (dal PDH in poi), sia chiaramente un vantaggio rispetto alle reti telefoniche pre-digitali. Attualmente nessun operatore di rete ottica disposto ad accettare infrastrutture non protette: la survivability deve quindi sempre essere garantita adottando opportuni meccanismi di recovery automatica dei guasti, ossia di reistradamento automatico delle connessioni interrotte [1]. Ci si propone qui di illustrare le strategie di base che sono state fino ad oggi proposte per realizzare la survivability nelle reti WDM. Anche con Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano, Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano, Italy,

2 2 CONCETTI FONDAMENTALI SULLE RETI WDM Le moderne reti ottiche sono sistemi complessi sviluppati in base ad un approccio stratificato. Gli strati superiori sono realizzati dagli apparati elettronici: varie combinazioni di protocolli sono possibili (IP su SDH, IP su ATM, ATM su Ethernet, IP su PPP, ATM su SDH, e cos via). In tutti i casi, secondo una nuova concezione ormai acquisita, lo strato ottico stato standardizzato come una piattaforma comune che realizza un supporto di trasporto multi-protocollo e orientato alla commutazione di circuito. La funzione fondamentale dello strato WDM quindi il provisioning della connettivit e della banda agli strati elettronici in un rapporto di tipo clientserver. Il servizio offerto consiste pi in particolare nel realizzare le connessioni punto-punto richieste, dette connessioni virtuali (o logiche secondo altri autori), istaurando dei circuiti ottici punto-punto. Tali circuiti sono detti lightpath e sono costituiti ciascuno da una sequenza di canali WDM che conduce dal nodo sorgente al nodo destinazione attraverso la rete ottica. Ciascun lightpath porta un flusso digitale ad elevato bit-rate inserito ed estratto dalle interfacce optoelettroniche tra lo strato WDM e gli strati elettronici superiori e viene commutato in modo trasparente dagli apparati di commutazione dello strato WDM (optical cross connect, OXC). Lo strato protocollare WDM a sua volta articolato in pi sottostrati in modo da consentire una pi agevole realizzazione delle sue funzioni principali che sono: controllo dei lightpath (instradamento e assegnamento delle lunghezze d onda), propagazione e mantenimento dei segnali ottici WDM, rivelazione dei guasti e protezione delle connessioni (fault recovery). Secondo quanto prescritto dalle norme ITU-T, lo strato WDM si suddivide in quattro sottostrati: optical channel sublayer (OChS), optical multiplex sublayer (OMS), optical transmission sublayer (OTS) e physical media sublayer. L optical channel sublayer provvede a tutte le funzioni di end-to-end networking, e pi precisamente le gi citate funzioni di routing e assegnamento della lunghezza d onda, di verifica delle connessioni e di fault recovery, di elaborazione dei segnali di controllo. La segnalazione avviene tramite un optical supervisory channel (OCh-OSC) che pu sessere realizzato in vari modi) [2]. L entit fondamentale controllata dal sublayer OChS il lightpath. Il sottostrato optical multiplex sublayer si occupa di gestire le risorse in modo locale relativamente a ciascun link. L entit gestita non pi il singolo ligthpath, ma l aggregato dei canali WDM che transitano su di una fibra, ciascuno ad una ben determinata lunghezza d onda; le funzioni svolte sono il monitoraggio dei multiplex di canali WDM per verificarne l integrit e la stabilit in lunghezza d onda, l elaborazione dei segnali di controllo (segnalazione mediante un optical supervisory channel OMS, normalmente trasmesso su una lunghezza d onda dedicata). Il sottostrato optical transmission sublayer presiede a tutte le funzionalit di controllo e supervisione degli apparati di trasmissione

3 (amplificatori, transponder, rigeneratori, ecc.). L entit gestita una mappatura 1 a 1 dell entit del OMS, e cio ancora l aggregato di canali WDM che transitano su di una fibra [3]. L OTS si occupa anche della gestione del OMS- OSC, che condivide con l OMS per trasmettere la propria segnalazione. 3 SURVIVABILITY NELLO STRATO OTTICO WDM Una distinzione preliminare tra tecniche di protezione WDM riguarda il sottolivello in cui esse vengo realizzate. Esistono due possibili scelte: Optical Channel Section o Optical Multiplex Section. Nel primo caso l entit protetta il lightpath, e per questo la protezione nel OChS viene indicata anche come path protection. Prevede che in caso di guasto ciascun lightpath interrotto venga reinstradato su un lightpath di protezione [4, 5]. La commutazione, cos come la rilevazione del disservizio, vengono attuate dagli apparati OChS di terminazione dei lightpath (end-to-end). Il lightpath protetto viene definito working, mentre quello che viene utilizzato dopo i guasto (che pu essere preallocato o venire creato all istante, come spiegheremo) detto protection. Nell OMS invece l entit protetta il multiplex di canali WDM trasmesso su di una fibra. La protezione diventa una funzione locale gestita dagli apparati OMS di terminazione delle fibre che costituiscono un singolo link (nome alternativo: link protection). Il meccanismo di protezione interviene a seguito di un guasto dirottando i multiplex WDM coinvolti su di un percorso alternativo che consenta di aggirarlo. Una differenza sostanziale rispetto alla path protection quindi il reinstradamento contemporaneo di tutti i lightpath colpiti contemporaneamente. Esistono due approcci per definire le strutture ordinarie e quelle di riserva, a seconda della modalit d utilizzo delle risorse trasmissive. I cavi trasmissivi a fibre ottiche che costituiscono un link di una rete WDM sono generalmente bidirezionali e simmetrici, composti da coppie di fibre ciascuna per la propagazione in un verso. Nella modalit di OMS protection detta a quattro fibre in ogni link per ogni coppia di fibre utilizzata per la trasmissione bidirezionale ordinaria viene riservata una seconda coppia (di backup) per ospitare i canali dirottati da un altro link in caso di guasto. In alternativa, nella modalit detta a due fibre sulla fibra di una coppia in una data direzione si utilizzano met canali WDM per la trasmissione ordinaria e l atra met per la protezione; sulla fibra in direzione opposta il ruolo dei canali WDM si inverte. Vedremo poi l applicazione di entrambe le modalit a casi semplici. Una classificazione generale delle tecniche di protezione di reti ottiche riportata in figura 1. Relativamente alla gestione dinamica delle risorse di protezione [5], sono possibili due soluzioni radicalmente differenti. La soluzione pi diffusa nelle applicazioni commerciali reali il preplanning: le risorse di protezione vengono preallocate all atto di setup di un lightpath oppure, se la rete supporta solo traffico statico, al momento di pianificare la

4 rete. In caso di guasto le operazioni che devono compiere gli apparati di rete per attuare la protezione sono molto limitate e semplici, in quanto la rete gi predisposta a reagire. Questo consente di ottenere un recovery velocissimo, ma al prezzo di destinare in modo rigido le risorse trasmissive o alla protezione o all utilizzo normale; sono al massimo possibili soluzioni che consentono di utilizzare le risorse di protezione in assenza di guasto per trasmettere traffico a bassa priorit (preemptive) che viene perduto in caso di guasto. L alernativa detta provisioning: la rete viene genericamente sovradimensionata rispetto alle esigenze del trasporto in assenza di guasto, ma nessuna capacit di protezione viene preallocata; in caso di guasto la rete provvede a rimpiazzare le connessioni cadute attivando dinamicamente delle nuove connessioni. Questa soluzione chiaramente pi lenta e complicata del preplanning, ma sembra sempre pi attuabile oggi, periodo in cui, soprattutto in seguito al fenomeno IP over WDM, si assiste all evoluzione del modello di controllo della rete WDM da statico a dinamico. Un secondo grande vantaggio del provisioning la possibilit di garantire la survivability anche in presenza di molti guasti contemporamei (es. un disastro ambientale che colpisce un intera regione), che il preplanning non consente (a meno di casi particolari in cui si riescono a recuperare due o tre failure simultanei) a causa dell associazione rigida tra le risorse di protezione e i lightpath di working. Nel seguito verranno descritte le pi diffuse tecniche di protezione per reti ad anello e a maglia nel solo caso di protezione di tipo preplanned. 4 PROTEZIONE NELLE RETI WDM AD ANELLO La topologia ad anello molto diffusa nelle reti WDM, soprattutto in area regionale e metropolitana: per la loro semplicit e facilit di integrazione con le strutture SDH, gli anelli WDM sono storicamente il primo stadio evolutivo delle reti ottiche e l ambito per cui per primo furono standardizzate le tecniche di protection. Per questo esistono ormai da tempo delle opzioni ben note e collaudate di semplici schemi di protezione. Per quanto concerne la path protection, stata definita la configurazione OChdedicated protection ring (OCh-DPring): viene applicata ad anelli a due fibre utilizzate in versi contropropaganti. La path protection viene attuata usando entambe le fibre per istaurare due lightpath contropropaganti verso la destinazione; la sorgente trasmette due copie identiche del segnale contemporaneamente sui due lightpath e il ricevitore seleziona il segnale di migliore qualit. Si definisce questa modalit di dedicated protection 1+1 e la struttura anche detta self-healing ring. In caso di guasto non si richiede alcun cambiamento di stato di apparati, se non del ricevitore, n alcun tipo di segnalazione; il recovery pu essere molto veloce; la protezione impegna

5 esattamente il 50% delle risorse fisiche (con la modalit 1+1 ovviamente non possibile alcuna condivisione di risorse). survivability provisioning preplanned protection mesh ring link protection path protection path protection link protection ring loopback generalized loopback shared dedicated OChS DPRING node cover ring cover p-cycles double cycle cover 1:1 1+1 OMS SPRING 2 fiber OMS SPRING 4 fiber dedicated shared Figure 1 Classificazione degli schemi di protezione per reti WDM Nel OMS sono stati definiti due schemi di link-protection per gli anelli detti shared protection ring (OMS-SPring) per anelli a due e a quattro fibre. La commutazione in entrambi i casi viene effettuata da switch ottici 2x2 a larga banda ottica in grado di commutare rapidamente (nel range dei microsecondi nel caso ad esempio di tecnologia optomeccanica) l intero multiplex di segnali WDM da una fibra ad un altra. Tali dispositivi (due e quattro per gli schemi rispettivamente a due e quattro fibre) sono in genere ospitati all interno degli add-drop multiplexer ottici (OADM). In caso di guasto di link, i due OADM adiacenti attuano la protezione richiudendo l anello e utilizzando le fibre o i canali di protection (operazione di loopback). L OMS- SPring consente anche la protezione da guasto in un nodo: in questo caso sono gli switch ottici all interno del nodo guasto stesso ad effettuare il loopback. Inoltre sono possibili meccanismi revertive (normalmente preferiti) o non revertive a seconda che dopo il guasto e il recovery il sistema ritorni o meno allo stato

6 originale; la protezione richiede il 50% delle risorse fisiche (bench il termine shared possa trarre in inganno); si richiede segnalazione per coordinare il loopback ai due estremi del link interrotto. 5 PROTEZIONE NELLE RETI WDM MAGLIATE Se le reti ad anello sono le pi utilizzate e conosciute, le reti a maglia stanno assumendo oggi sempre maggiore importanza, soprattutto grazie allo sviluppo e al perfezionamento dell OXC, l apparato di commutazione per il mesh. Garantire la survivability delle reti mesh un problema molto pi complesso rispetto al caso dell anello, soprattutto per l elevato numero di gradi di libert e di scelte progettuali che si debbono compiere [2, 6, 7]. Essendo inoltre il problema piuttosto nuovo non esistono ancora delle soluzioni standard definitive, ma piuttosto una serie di possibili soluzioni. Una via molto seguita la path protection a livello OChS. Nella versione dedicated ogni richiesta di connessione viene soddisfatta instaurando una coppia di protection lightpath e working lightpath. E possibile gestire la protezione in modalit 1+1 o 1:1, trasmettendo sul protection lightpath traffico a bassa priorit in assenza di guasto; in questo caso richiesta segnalazione che invece non era necessaria nel 1:1. Perch la protezione sia efficace necessario che la coppia working/protection sia instradata in diversit di percorso, ossia che i due lightpath non condividano nessun link (link disjoint) o nessun link e anche nessun nodo (node disjoint) se si vuole protezione anche da guasti sui nodi. La dedicated path protection piuttosto onerosa per le reti mesh soprattutto per i vincoli di diversit di percorso. La condivisione delle entit di protezione pu ridurre la quantit di risorse fisiche. La shared protection pu essere attuata end-to-end utilizzando un unico protection lightpath per N working lightpath con medesima origine e destinazione (modalit 1:N): ovviamente necessario avere a disposizione N+1 cammini link-disjoint tha i due nodi. Lo sharing pu essere inoltre realizzato condividendo dei canali WDM tra protection lightpath, purch relativi a working lightpath che siano mutuamente link disjoint [4, 6]: in questo caso si noti che, se da un lato la condivisione consente di risparmiare risorse, dall altro complica di molto l operazione di recovery. Nel caso dedicated e nel caso shared end-to-end al momento del guasto intervengono solo gli apparati terminali in quanto i protection lightpath sono gi presenti. Nel caso di shared generale invece per effettuare il recovery necessario riconfigurare al momento del guasto anche tutti gli OXC adiacenti ai canali condivisi, e quindi il recovery time limitato dal tempo di riconfigurazione degli OXC, oltre che dal tempo di propagazione delle segnalazioni. Inoltre l identificazione in tempo reale dei lightpath (problema di segnalazione associata al OCh) e del loro tracciato diventano fondamentali in quanto gli OXC devono riconfigurarsi ed

7 effettuare operazioni di instradamento che variano in base al working lightpath da recuperare. A livello OMS la link protection pu essere attuata sulle reti mesh in vari modi [8]. E a volte preferita rispetto alla path protection per una maggiore facilit di controllo e per il fatto che la link protection, essendo a recovery locale, si adatta meglio al controllo distribuito piuttosto che centralizzato. A parte la link protection basata su provisioning, di cui non parleremo, esistono due approcci alla preplanned: il primo prevede il loopback ad anello mentre il secondo, pi recente, utilizza il loopback generalizzato. Il principio che sta alla base del loopback ad anello consiste nel riuscire a definire una scomposizione della rete mesh in modo che si creino degli insiemi di link che possono essere gestiti come se fossero anelli. Una volta che sia stata effettuata la decomposizione, ciascun anello diventa un sistema protetto indipendente che reagisce ai guasti effettuando il loopback del traffico, esattamente come un OMS-SPring. Normalmente si fa in modo che gli anelli elementari siano a quattro fibre, in quanto il caso a due fibre, a causa dell interconnessione di pi anelli, richiederebbe convertitori di lunghezza d onda. Il problema principale posto dall approccio ring loopback per reti mesh come effettuare la decomposizione della topologia magliata [9] in modo da minimizzare le risorse di rete, consentire un controllo distribuito, garantire un veloce recovery, proteggere quanti pi link possibile e rendere la rete facilmente espandibile (scalabilit ). Per soddisfare a tutti questi requisiti, spesso in contrasto tra di loro, sono state proposte numerose tecniche. La prima tecnica detta node cover: l insieme degli anelli scelto in modo che ogni nodo appartenga ad uno o pi anelli e ogni link ad al massimo un anello. Un node cover non necessariamente ricopre tutti i link: i link non ricoperti restano senza protezione. Per evitare questo si pu ricorrere alla ring cover: tutti i link devono appartenere ad almeno un anello. La protezione completa ma la quantit di fibre di cui un dato link deve essere dotato pu crescere moltissimo in quanto proporzionale al numero degli anelli a cui appartiene. Si pu ridurre le risorse necessarie mediante sharing dei link di protezione tra pi anelli adiacenti, ma il dimensionamento del sistema diventa un problema NP hard e la soluzione non scalabile: se si vuole aggiungere un nuovo nodo alla rete bisogna riconfigurarla completamente. Recentemente stata proposta come alternativa la tecnica dei p- cicli, che si basa sul fatto che un anello pu proteggere, oltre ai propri link, anche eventuali link corrispondenti alle corde dell anello stesso (cio che collegano due nodi dell anello non adiacenti). I p-cicli consentono risparmi in termini di risorse di protezione, ma anche in questo caso il planning un problema NP-hard e non scalabile. Un ulteriore possibilit il double cycle cover: gli anelli sono scelti in modo che ogni link sia ricoperto esattamente da due anelli. Nel caso di topologia planare il planning pu essere risolto facilmente in tempi polinomiali.

8 La link protection per la rete magliata a loopback generalizzato radicalmente diversa rispetto al caso precedente. Supponendo per semplicit link a due fibre, il grafo che rappresenta la rete viene scomposto in due sottografi diretti coniugati, uno working e uno protection, in modo che ciascun link sia percorso da un arco di ciascun sottografo. In caso di guasto su un link il nodo a monte esegue il loopback deviando tutti i canali working nel sottografo di protection (normamente inutilizzato); i segnali si propagano nella rete mesh di protection mediante flooding: in questo modo vi la garanzia che almeno una copia del segnale originario giunga o prima o poi al nodo a valle del guasto che esegue il loopback inverso reimmettendo i segnali nel sottografo working e ripristinando cos la connettivit. Il loopback generalizzato efficiente in termini di risorse di rete, si presta bene al controllo distribuito e soprattutto scalabile, ossia consente espansioni della rete senza che sia necessario riconfigurare completamente i meccanismi di protezione. 6 PROGETTO DI RETI CON PATH PROTECTION Si consideri ora in particolare la path protection applicata alla rete a maglia WDM con traffico offerto statico. Come si detto, la protezione comporta una quantit aggiuntiva di risorse che l operatore deve istallare e non pu utilizzare oltre alle risorse di working. Per questo necessario effettuare il preplanning in modo da minimizzare la quantit di risorse. All aumentare delle dimensioni nelle reti e della loro compessit diventa sempre pi necessario effettuare anche il planning con procedure automatiche piuttosto che per ispezione come si faceva nelle prime istallazioni WDM. Il nostro contributo di ricerca nell ambito delle reti WDM consistito nella costruzione di un tool di progetto per reti mesh con traffico offerto statico con path protection, sia dedicated sia shared. Note le richieste di connessione e la topologia, il tool consente di stimare come devono essere instradati i lightpath di working e protection e come devono essere assegnate le loro lunghezze d onda, e inoltre come devono essere distribuite le fibre della rete suoi vari link (si considerano link multifibra) in modo ottimo, cio tale da minimizzare un parametro di costo della rete (ad esempio il numero di fibre totali o la lungezza totale di fibra). Il problema viene risolto con un approccio euristico, che cio non fornisce l ottimo assoluto ma una soluzione subottimale molto vicina. Il vantaggio di questo approccio la limitata complessit calcolo: a differenza della ricerca dell ottimo assoluto, problema NP completo che richiede tecniche di programmazione matematica lineare ad interi (integer linear programming, ILP) l approccio euristico pu essere applicato anche a reti di elevata complessit, senza che il tempo di calcolo esploda. Il metodo euristico anche piuttosto flessibile e consente di rappresentare varie condizioni di rete, come ad esempio la presenza o l assenza di convertitori di lunghezza d onda nei nodi.

9 7 CONCLUSIONI In questo lavoro si voluto fornire un introduzione alle metodologie e alle tecniche adottate nelle reti ottiche WDM per garantire la survivability. La rassegna qui presentata in sintesi verr sviluppata durante la presentazione. Si cercato di fornire un panorama completo ma anche di dare maggior rilievo alle soluzioni pi utilizzate e pi promettenti per il futuro. E stato incluso un accenno ad un argomento strattamente correlato, la pianificazione di rete, per offrire un esempio di come la ricerca pu contribuire attivamente all argomento. REFERENCES [1] O. Gerstel, R. Ramaswami, Optical layer survivability: a service perspective, IEEE Commun. Magazine, vol. 38, no. 3, pp , [2] Y. Miyao, H. Saito, Optimal design and evaluation of survivable WDM transport network, J. on Sel. Areas Comm., vol. 16, pp , [3] J. Armitage, O. Crochat, J.-Y. Le Boudec, Design of a survivable WDM photonics network, INFOCOM 97, vol. 1, pp , [4] S. Ramamurthy, B. Mukherjee, Survivable WDM mesh networks. Part I- Protection, INFOCOM 99, vol. 2, pp , [5] S. Ramamurthy, B. Mukherjee, Survivable WDM mesh networks. Part II- Restoration, ICC 99, vol. 3, pp , [6] R.J. Gibbens, S. Baroni, P. Bayvel, K. Korotky, Analysis and design of resilient multifiber wavelength-routed optical transport networks, IEEE Journal of L. Tech., vol. 17, pp , [7] V. Anand, C. Qiao, Static versus dynamic establishment paths in WDM networks. Part I, ICC 00, pp , [8] S.S. Lumetta, M. M dard, Toward a deeper understanding of link restoration algorithms for mesh netwoks, INFOCOM 01, vol. 1, pp , [9] G. Ellinas, A.G. Hailermariam, T.E. Stern, Protection cycles in mesh WDM networks, IEEE Journal on Selected Areas in Comm., vol. 18, no. 10, pp , 2000.

RETE DI TRASPORTO OTTICA

RETE DI TRASPORTO OTTICA RETE DI TRASPORTO OTTICA I sistemi di trasmissione WDM furono introdotti inizialmente per aumentare la capacità dei collegamenti punto-punto; con l introduzione di altri dispositivi come l Optical Add

Dettagli

RETI OTTICHE: APPARATI

RETI OTTICHE: APPARATI RETI OTTICHE: APPARATI Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Introduzione Reti ottiche WDM forniscono canali ottici end-to-end

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Standard nelle fibre ottiche

Standard nelle fibre ottiche Standard nelle fibre ottiche Il protocollo ethernet ottico Ethernet è una suite di protocolli originariamente sviluppati per realizzare LAN (Local Area Networks): Ethernet ha avuto molto successo ed è

Dettagli

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra Claudia Cantini 20 Luglio 2004 Ai miei genitori Prefazione La nostra vita di ogni giorno é sempre

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

WDM & Metro Optical Networking

WDM & Metro Optical Networking Il logo del Convegno WDM & Metro Optical Networking che si é tenuto a Cannes (Francia). WDM & Metro Optical Networking Cannes (Canada) 29 Giugno - 2 Luglio 2004 Gastone Bonaventura, Piergiorgio Pagnan.

Dettagli

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR Luca Rea, Cristiano Zema, Sergio Pompei, Francesco Matera Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italy lrea@fub.it Valerio Martini, Piero

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 1 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Definizioni- Le funzionalità delle reti di TLC 2 Definizioni Comunicazione: trasferimento

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Network Design È data una rete rappresentata su da un grafo G = (V, A) e un insieme di domande K, ciascuna

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione Commutazione 05.2 Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -05: Reti a di circuito Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna

Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna M.Nanni F.Tinarelli S.Tubertini Le VLAN dell Area di Ricerca di Bologna IRA 340/03 2 Introduzione La rete di trasmissione dati dell Area della Ricerca di Bologna e stata disegnata nei primi anni 90 partendo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 Reti di Trasporto Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08 1 Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 2 Reti dati per le aziende 2) 10.0.2.x 3) 10.0.3.x 4) 10.0.4.x 1) 10.0.1.x 5) 10.0.5.x 8) 10.0.8.x 6)

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Le Reti LAN: componenti attivi

Le Reti LAN: componenti attivi Le Reti LAN: componenti attivi Descrizione dei principali componenti attivi di rete: Livello1: Repeater, Hub Livello 2: Bridge, Switch Livello 3: Router Componenti di una rete Nelle reti informatiche alcuni

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati Interconnessione di LAN a livello 2 Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di

Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di Iquadernidi A cura di Alberto Mucci Le reti di telecomunicazioni diventano intelligenti Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di Telèma. Sta cambiando (e cambierà maggiormente nel prossimo

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser Fibre Ottiche Informazioni generali Descrizione sintetica Contesto Formativo Obiettivi formativi Titolo del corso: Fibre Ottiche Durata: 40 ore Data inizio: da definire in base al numero di partecipanti

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

RETE DI TRASPORTO OTTICA 2

RETE DI TRASPORTO OTTICA 2 RETE DI TRASPORTO OTTICA Architettura della rete di trasporto Strato di circuito connessioni da estremo a estremo instaurati e rilasciati per mezzo di comandi inviati a sistemi di commutazione Strato di

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Le Reti di Computer 2 Introduzione Una rete è un complesso insieme di sistemi di elaborazione

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

informatica distribuita

informatica distribuita Reti di computer Negli anni settanta, si è affermato il modello time-sharing multi-utente che prevede il collegamento di molti utenti ad un unico elaboratore potente attraverso terminali Gli anni ottanta

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA2006/07 - Blocco 5 1 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa 27 Marzo 2001 Auditorium Centro Studi Cassa di Risparmio

Dettagli