CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO"

Transcript

1 COMPETENZE DI CITTADINANZA Comunire Aquisire ed interpretre l informzione Agire in modo utonomo e responsile Collorre e prteipre Comunire Imprre d imprre Comunire Imprre d imprre Individure ollegmenti e relzioni CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA COMPETENZA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO 1. Il mino us l lingu itlin, rrihise e preis il proprio lessio, omprende prole e disorsi, f ipotesi sui signifiti. 2. Si vviin ll lingu sritt, esplor e speriment prime forme di omunizione ttrverso l srittur, inontrndo nhe le tenologie digitli e i nuovi medi. 1. L llievo prteip smi omunitivi (onverszione, disussione di lsse o di gruppo) on ompgni e insegnnti rispettndo il turno e formulndo messggi hiri e pertinenti, in un registro il più possiile deguto ll situzione. 2. Srive testi orretti nell ortogrfi, hiri e oerenti, legti ll esperienz e lle diverse osioni di srittur he l suol offre; rielor testi prfrsndoli, ompletndoli, trsformndoli. 3. Cpise e utilizz nell uso orle e sritto i vooli fondmentli e quelli di lto uso; pise e utilizz i più frequenti termini speifii legti lle disipline di studio. 1. L llievo intergise in modo effie in diverse situzioni omunitive, ttrverso modlità dilogihe sempre rispettose delle idee degli ltri; on iò mtur l onspevolezz he il dilogo, oltre essere uno strumento omunitivo, h nhe un grnde vlore ivile e lo utilizz per pprendere informzioni ed elorre opinioni su prolemi rigurdnti vri miti ulturli e soili 2. Srive orrettmente testi di tipo diverso (nrrtivo, desrittivo, espositivo, regoltivo, rgomenttivo) deguti situzione, rgomento, sopo, destintrio. 3. Comprende e us in modo pproprito le prole del voolrio di se (fondmentle; di lto uso; di lt disponiilità). Comunire Risolvere prolemi Aquisire ed interpretre l informzione Individure ollegmenti e relzioni Imprre d imprre Comunire Individure ollegmenti e relzioni 3. Rgion sull lingu, sopre l presenz di lingue diverse, rionose e speriment l plurlità dei linguggi, si misur on l retività e l fntsi. 4. Riflette sui testi propri e ltrui per ogliere regolrità morfosintttihe e rtteristihe del lessio; rionose he le diverse selte linguistihe sono orrelte ll vrietà di situzioni omunitive. 5. È onspevole he nell omunizione sono uste vrietà diverse di lingu e lingue differenti (plurilinguismo). 4. Pdroneggi e ppli in situzioni diverse le onosenze fondmentli reltive l lessio, ll morfologi, ll orgnizzzione logiosinttti dell frse semplie e ompless, i onnettivi testuli; utilizz le onosenze metlinguistihe per omprendere on mggior preisione i signifiti dei testi e per orreggere i propri sritti. 5. Rionose il rpporto tr vrietà linguistihe/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spzio geogrfio, soile e omunitivo.

2 Comunire 6. Rionose e us termini speilistii in se i mpi di disorso. Comunire Collorre e prteipre Progettre Risolvere prolemi 4. Riflette, si onfront, disute on gli dulti e on gli ltrimini e omini rionosere l reiproità di ttenzione tr hi prl e hi solt 6. Pdroneggi e ppli in situzioni diverse le onosenze fondmentli reltive ll orgnizzzione logiosinttti dell frse semplie, lle prti del disorso (o tegorie lessili) e i prinipli onnettivi. 7. Adtt opportunmente i registri informle e formle in se ll situzione omunitiv e gli interloutori, relizzndo selte lessili degute. Aquisire ed interpretre l informzione Individure ollegmenti e relzioni Comunire 5. Asolt e omprende nrrzioni, ront e invent storie, hiede e offre spiegzioni, us il linguggio per progettre ttività e per definirne regole. 7. Asolt e omprende testi orli "diretti" o "trsmessi" di medi ogliendone il senso, le informzioni prinipli e lo sopo. 8. Asolt e omprende testi di vrio tipo "diretti" e "trsmessi" di medi, rionosendone l fonte, il tem, le informzioni e l loro gerrhi, l intenzione dell emittente. Comunire Progettre Collorre e prteipre Aquisire ed interpretre l informzione Imprre d imprre 6. S esprimere e omunire gli ltri emozioni, sentimenti, rgomentzioni ttrverso il linguggio verle he utilizz in differenti situzioni omunitive. 8. Utilizz ilità funzionli llo studio: individu nei testi sritti informzioni utili per l pprendimento di un rgomento dto e le mette in relzione; le sintetizz, in funzione nhe dell esposizione orle; quisise un primo nuleo di terminologi speifi. 9. Us l omunizione orle per ollorre on gli ltri, d esempio nell relizzzione di giohi o prodotti, nell elorzione di progetti e nell formulzione di giudizi su prolemi rigurdnti vri miti ulturli e soili. Aquisire ed interpretre l informzione Imprre d imprre Individure ollegmenti e relzioni Agire in modo utonomo e responsile 9. Legge testi di vrio genere fenti prte dell lettertur per l infnzi, si voe lt si in lettur silenzios e utonom e formul su di essi giudizi personli. 10. Us mnuli delle disipline o testi divulgtivi (ontinui, non ontinui e misti) nelle ttività di studio personli e ollortive, per rierre, rogliere e rielorre dti, informzioni e onetti; ostruise sull se di qunto letto testi o presentzioni on l utilizzo di strumenti trdizionli e informtii.

3 Comunire Aquisire ed interpretre l informzione 11. Espone orlmente ll insegnnte e i ompgni rgomenti di studio e di rier, nhe vvlendosi di supporti speifii (shemi, mppe, presentzioni l omputer, e.). Imprre d imprre 12. Produe testi multimedili, utilizzndo in modo effie l ostmento dei linguggi Progettre verli on quelli ionii e sonori. Comunire Collorre e prteipre Individure ollegmenti e relzioni 7. Il mino gio in modo ostruttivo e retivo on gli ltri, s rgomentre, onfrontrsi, sostenere le proprie rgioni on dulti e mini. 8. Speriment rime, filstrohe, drmmtizzzioni; invent nuove prole, er somiglinze e nlogie tr i suoni e i signifiti. Individure ollegmenti e relzioni Imprre d imprre Aquisire ed interpretre l informzione 10. Legge e omprende testi di vrio tipo, ontinui e non ontinui, ne individu il senso glole e le informzioni prinipli, utilizzndo strtegie di lettur degute gli sopi. 13. Legge testi letterri di vrio tipo (nrrtivi, poetii, tetrli) e omini ostruirne un interpretzione, ollorndo on ompgni e insegnnti. Collorre e prteipre

4 CURRICOLO VERTICALE DI ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI D APPRENDIMENTO NUCLEI EPISTEMOLOGICI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA COMPETENZA Suol dell Infnzi ITALIANO 1. Il mino us l lingu itlin, rrihise e preis il proprio lessio, omprende prole e disorsi, f ipotesi sui signifiti. 2. Si vviin ll lingu sritt, esplor e speriment prime forme di omunizione ttrverso l srittur, inontrndo nhe le tenologie digitli e i nuovi medi. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA Usre il linguggio per esprimere i propri isogni, desideri e le proprie intenzioni per intergire on gli ltri. Conversre e nrrre eventi personli o piole storie utilizzndo un lessio pproprito e strutturndo in modo orretto l frse. Soprire un linguggio diverso dl proprio e sperimentrlo. Prteipre ed intervenire in modo pertinente lle onverszioni. Formulre prime ipotesi e mostrre interesse per il odie sritto elorndo ongetture NUCLEI EPISTEMOLOGICI FONDANTI (SAPERI ESSENZIALI) Suol dell Infnzi 5 ANNI Verlizzzione di esperienze vissute Converszioni Cirle time Brimstorming Srittur spontne ed emotiv 3. Rgion sull lingu, sopre l presenz di lingue diverse, rionose e speriment l plurlità dei linguggi, si misur on l retività e l fntsi. 4. Riflette, si onfront, disute on gli dulti e on gli ltrimini e omini rionosere l reiproità di ttenzione tr hi prl e hi solt. Sviluppre e potenzire le ompetenze fonologihe e metlinguistihe. Aquisire l onspevolezz dell lingu mtern e l pità di onfrontrl on ltre lingue. Esprimere l propri retività e fntsi ttrverso linguggi integrti. Sviluppre e potenzire ilità di pensiero e di omunizione l fine di sper utilizzre le informzioni per omprendere gli ltri e orientrsi nel mondo. Giohi metlinguistii Filstrohe Rime Linguggi non verli Converszioni liere e guidte

5 5. Asolt e omprende nrrzioni, ront e invent storie, hiede e offre spiegzioni, us il linguggio per progettre ttività e per definirne regole. Cogliere i nodi logii di un ronto e riostruirne l sequenz. Rontre, rielorre in modo retivo un stori. Usre il linguggio verle per pinifire ttività e giohi. Storie nrrte Lettur di immgini Giohi oopertivi Giohi di regole 6. S esprimere e omunire gli ltri emozioni, sentimenti, rgomentzioni ttrverso il linguggio verle he utilizz in differenti situzioni omunitive. Comunire e ondividere esperienze personli, emozioni, pensieri e omportmenti Aquistre fidui nelle proprie pità espressive e omunitive d utilizzre in diversi ontesti e situzioni Converszioni Condivisioni 7. Il mino gio in modo ostruttivo e retivo on gli ltri, s rgomentre, onfrontrsi, sostenere le proprie rgioni on dulti e mini. 8. Speriment rime, filstrohe, drmmtizzzioni; invent nuove prole, er somiglinze e nlogie tr i suoni e i signifiti. Assumere ruoli propositivi nelle situzioni di gioo e lvoro. Mostrre stim e fidui in se stesso e nelle proprie pità omunitive. Confrontre le proprie idee on quelle degli ltri rispettndo i diversi punti di vist. Memorizzre e reitre filstrohe e poesie di vri diffioltà. Giore on le prole, ostruire rime e filstrohe. Potenzire le ompetenze fonologihe e lessili. Letture di vri testi Amplimento ed rrihimento lessile Uso di nuovi vooli Poesie e Filstrohe Giohi fonologii AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI MINIMI SCUOLA DELL INFANZIA Usre il linguggio per esprimere i propri isogni, desideri e le proprie intenzioni per intergire on gli ltri. Formulre prime ipotesi e mostrre interesse per il odie sritto elorndo ongetture Conversre e nrrre eventi personli o piole storie utilizzndo un lessio pproprito e strutturndo in modo orretto l frse. Cogliere i nodi logii di un ronto e riostruirne l sequenz. Potenzire le ompetenze fonologihe e lessili Aquistre fidui nelle proprie pità espressive e omunitive d utilizzre in diversi ontesti e situzioni

6 TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA COMPETENZA Suol Primri ITALIANO 1. L llievo prteip smi omunitivi (onverszione, disussione di lsse o di gruppo) on ompgni e insegnnti rispettndo il turno e formulndo messggi hiri e pertinenti, in un registro il più possiile deguto ll situzione. 2. Srive testi orretti nell ortogrfi, hiri e oerenti, legti ll esperienz e lle diverse osioni di srittur he l suol offre; rielor testi prfrsndoli, ompletndoli, trsformndoli. 3. Cpise e utilizz nell uso orle e sritto i vooli fondmentli e quelli di lto uso; pise e utilizz i più frequenti termini speifii legti lle disipline di studio. SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA Cogliere in un disussione le posizioni espresse di ompgni ed esprimere l propri opinione su un rgomento in modo hiro e pertinente. Intergire in modo ollortivo in un onverszione, in un disussione, in un dilogo su rgomenti di esperienz dirett, formulndo domnde, dndo risposte e fornendo spiegzioni ed esempi. Leggere e onfrontre informzioni provenienti d testi diversi per frsi un ide di un rgomento, per trovre spunti prtire di quli prlre o srivere. Rielorre testi (d esempio: prfrsre o rissumere un testo, trsformrlo, ompletrlo) e redigerne di nuovi, nhe utilizzndo progrmmi di videosrittur. Produrre testi sostnzilmente orretti dl punto di vist ortogrfio, morfosintttio, lessile, rispettndo le funzioni sintttihe dei prinipli segni interpuntivi. Produrre testi orretti dl punto di vist ortogrfio e morfosintttio, on l uso di un lessio rio e pproprito, rispettndo l punteggitur. Rielorre testi (d esempio: prfrsre o rissumere un testo, trsformrlo, ompletrlo) e redigerne di nuovi, nhe utilizzndo progrmmi di videosrittur. Orgnizzre un semplie disorso orlee sritto su temtihe ffrontte e su rgomenti di studio. Comprendere ed utilizzre il lessio di se e i termini speifii legti lle disipline di studio. CLASSE PRIMA NUCLEI EPISTEMOLOGICI FONDANTI (SAPERI ESSENZIALI) Suol Primri Asolto e prlto Messggi di vrio tipo per ontesto e linguggio utilizzto (verle e non). Semplii testi orli di vrio tipo e genere: letture dell insegnnte (nrrzioni e ronti di storie, fie e fvole), esperienze vissute (riordi, sentimenti ed emozioni). Semplii regole per l nrrzione di eventi e per l prteipzione d un onverszione ollettiv. Lettur Le lettere dell lfeto. L teni di lettur. Brevi testi, frsi e semplii prole di uso quotidino, semplii filstrohe e poesie trtte dll lettertur per l infnzi Srittur Le lettere dell lfeto nei diversi rtteri (stmpto e/o orsivo). Prole e semplii testi reltivi l proprio vissuto (sotto detttur e in modo spontneo). Le prinipli onvenzioni di srittur. Ordine logio e ronologio di un semplie testo. Giohi linguistii e fonologii, smontggio e rimontggio di prole e frsi, ngrmmi e reus. Aquisizione ed espnsione del lessio riettivo e produttivo Arrihimento lessile. Elementi di grmmti espliit e riflessione sugli usi dell

7 4. Riflette sui testi propri e ltrui per ogliere regolrità morfosintttihe e rtteristihe del lessio; rionose he le diverse selte linguistihe sono orrelte ll vrietà di situzioni omunitive. 5. È onspevole he nell omunizione sono uste vrietà diverse di lingu e lingue differenti (plurilinguismo). 6. Pdroneggi e ppli in situzioni diverse le onosenze fondmentli reltive ll orgnizzzione logio-sinttti dell frse semplie, lle prti del disorso (o tegorie lessili) e i prinipli onnettivi. 7. Asolt e omprende testi orli "diretti" o "trsmessi" di medi ogliendone il senso, le informzioni prinipli e lo sopo. Reltivmente testi o in situzioni di esperienz dirett, rionosere l vriilità dell lingu nel tempo e nello spzio geogrfio, soile e omunitivo. Conosere le fondmentli onvenzioni ortogrfihe e servirsi di quest onosenz per rivedere l propri produzione sritt e orreggere eventuli errori. Rionosere l vriilità dell lingu nel tempo e nello spzio geogrfio, soile e omunitivo. Rionosere l struttur del nuleo dell frse semplie (l osiddett frse minim): predito, soggetto, ltri elementi rihiesti dl vero. Rionosere in un frse o in un testo le prti del disorso, o tegorie lessili, rionoserne i prinipli trtti grmmtili; rionosere le ongiunzioni di uso più frequente (ome e, m, inftti, perhé, qundo). Rogliere le idee, orgnizzrle per punti, pinifire l tri per un produzione sritt o per un esposizione orle riferit ll esperienz. Comprendere il tem e le informzioni essenzili di un esposizione (dirett o trsmess); omprendere lo sopo e l rgomento di messggi trsmessi di medi (nnuni, ollettini...). lingu Suoni e digrmmi. Le prinipli regole ortogrfihe e morfologihe I prinipli segni di punteggitur. CLASSE SECONDA Asolto e prlto Smi omunitivi (degutezz l ontesto e ll situzione, omprensione di informzioni, rispetto delle regole stilite). Testi orli (nrrtivi, desrittivi, poetii, espositivi, regoltivi ): senso generle; elementi essenzili (personggi, luoghi, tempi, ftti prinipli); sfumture di tono; suessione temporle (situzione inizile, svolgimento, onlusione); sintesi ttrverso le immgini; i dti sensorili; l reitzione. Lettur Testi di tipo diverso in pros e poesi (nrrtivi, desrittivi, espositivi, regoltivi): sopi funzionli; elementi e informzioni essenzili. Lettur espressiv nel rispetto dell punteggitur. Lettur strumentle, espressiv, silenzios. 8. Utilizz ilità funzionli llo studio: individu nei testi sritti informzioni utili per l pprendimento di un rgomento dto e le mette in relzione; le sintetizz, in funzione nhe dell esposizione orle; quisise un primo nuleo di terminologi speifi. Rierre informzioni in testi di divers ntur e provenienz (ompresi moduli, orri, grfii, mppe e.) per sopi prtii o onositivi, pplindo tenihe di supporto ll omprensione (quli, d esempio, sottolinere, nnotre informzioni, ostruire mppe e shemi e.). Cerre informzioni per sopi prtii e onositivi utilizzndo shemi funzionli llo sopo. Srittur Regole per l srittur di: testi reltivi d esperienze personli, legti situzioni quotidine e in funzione di un destintrio e di uno sopo (l letter,l rtolin, il dirio). semplii testi desrittivi di ose, persone, nimli, (i dti sensorili).

8 9. Legge testi di vrio genere fenti prte dell lettertur per l infnzi, si voe lt si in lettur silenzios e utonom e formul su di essi giudizi personli. 10. Legge e omprende testi di vrio tipo, ontinui e non ontinui, ne individu il senso glole e le informzioni prinipli, utilizzndo strtegie di lettur degute gli sopi. Leggere testi letterri nrrtivi, in lingu itlin ontemporne, e semplii testi poetii ogliendone il senso, le rtteristihe formli più evidenti, l intenzione omunitiv dell utore ed esprimendo un motivto prere personle. Impiegre tenihe di lettur silenziose ed espressive per rggiungere un pità riti sui ontenuti proposti Usre, nell lettur di vri tipi di testo, opportune strtegie per nlizzre il ontenuto; porsi domnde ll inizio e durnte l lettur del testo; ogliere indizi utili risolvere i nodi dell omprensione. Segliere nell lettur di vri tipi di testo opportune strtegieper l nlisi del ontenuto e omprensione. semplii testi nrrtivi. semplii testi poetii (verso, strofe, rime, similitudini). Aquisizione ed espnsione del lessio riettivo e produttivo Arrihimento lessile medinte individuzione di prole sonosiute e rier del loro signifito rivndolo dl ontesto. Sinonimi e ontrri. Relzioni lessili fr prole sull se dei ontesti. Elementi di grmmti espliit e riflessione sugli usi dell lingu Consolidmento dei suoni e dei digrmmi Le prinipli onvenzioni ortogrfihe e l uso dell h. Divisione in sille delle prole. Uso di e/è. fondmentli onnettivi,temporli e spzili. Clssifizione delle prole: nomi, rtioli, ggettivi, veri. Il onetto di tempo presente, pssto, futuro. Il rpporto fr l ordine delle prole in un frse e il suo signifito. L frse nulere e le espnsioni. I fondmentli segni di punteggitur. Il disorso diretto e indiretto CLASSE TERZA Asolto e prlto Smi omunitivi (degutezz l ontesto e ll situzione, omprensione di informzioni, rispetto delle regole ondivise). Testi orli di vrio genere (nrrtivi, desrittivi, poetii, espositivi, regoltivi ): senso generle; elementi essenzili (personggi, luoghi, tempi, ftti prinipli); sfumture di tono; suessione temporle (situzione inizile, svolgimento, onlusione).

9 Lettur Testi di tipo diverso (nrrtivi, desrittivi, espositivi, regoltivi) d fonti diverse (liro di testo, nrrtiv, ): sopi funzionli; elementi e informzioni espliite e/o impliite. Lettur espressiv d lt voe. Lettur strumentle silenzios finlizzt ll omprensione. Srittur Regole e strtegie degute ll srittur e/o ll mnipolzione di testi per omunire, rogliere informzioni, desrivere situzioni, esprimere emozioni e stti d nimo: testi reltivi d esperienze personli, legti situzioni quotidine e in funzione di un destintrio e di uno sopo (l letter, l rtolin, il dirio); testi desrittivi; testi nrrtivi; testi poetii. Aquisizione ed espnsione del lessio riettivo e produttivo Arrihimento lessile medinte individuzione di prole sonosiute e rier del loro signifito rivndolo dl ontesto. Elementi di grmmti espliit e riflessione sugli usi dell lingu Le diffioltà ortogrfihe. Divisione in sille delle prole. I segni: ento, postrofo (elisione e tronmento). Il nome, l rtiolo, l ggettivo, il vero. Le preposizioni. Il modo inditivo dei veri. L frse minim e le espnsioni (i sintgmi, il soggetto, predito ed espnsioni). I fondmentli segni di punteggitur. Il disorso diretto e indiretto

10 CLASSE QUARTA Asolto e prlto Smi omunitivi deguti per ontesto,rgomento e sopo: spiegzioni, esposizioni, relzioni su rgomenti di studio e/o esperienze solstihe ed extrsolstihe; espressione di pensieri, stti d'nimo, ffetti, nel rispetto dell'ordine usle e temporle; istruzioni; informzioni espliite e impliite; rispetto di regole ondivise. I registri linguistii. Lettur Testi di tipo diverso: ronhe o testi rgomenttivi reltivi prolemi di ittdinnz; testi regoltivi, espositivi, informtivi; testi nrrtivi (le sequenze nel testo nrrtivo, l ful, l'intreio, l'utore, il nrrtore, il ronto relistio, il ronto fntstio, il ronto di vventur, il ronto utoiogrfio / iogrfio); testi desrittivi (desrizione oggettiv/soggettiv; somiglinze e differenze;il punto di vist, l'ordine, ); testi poetii (rim e versi lieri; figure di suono e di signifito). Lettur espressiv d lt voe: l omponente sonor dei testi (timro, intonzione, intensità, entzione, puse); le figure di suono (rime, ssonnze, ritmo) nei testi espressivo/poetii. Lettur strumentle silenzios finlizzt ll omprensione: informzioni espliite e impliite; rtteristihe strutturli e di genere; funzione denottiv e onnottiv delle prole.

11 Srittur Regole e strtegie per l srittur e/o l mnipolzione (sintesi, ompletmento, prfrsi ) di testi per omunire, rogliere informzioni, desrivere situzioni, esprimere emozioni e stti d nimo in forme degute llo sopo e l destintrio: testi reltivi d esperienze personli e di ltri, legti situzioni quotidine (l letter, il dirio, l utoiogrfi, il ronto); testi desrittivi (mienti, persone, nimli, ); testi nrrtivi (ronti di vrio genere letterrio: relistio, fntstio, di vventur, utoiogrfio); testi poetii. Aquisizione ed espnsione del lessio riettivo e produttivo Arrihimento lessile medinte individuzione di prole sonosiute e rier del loro signifito rivndolo dl ontesto e/o on l uso del dizionrio. Il signifito delle prole: signifiti in sl; l prol giust ; più signifiti di un stess prol (polisemi); signifiti propri (omonimi, omofoni), il senso dell prol nel ontesto; sinonimi e ontrri; fmiglie di prole. Elementi di grmmti espliit e riflessione sugli usi dell lingu Anlisi grmmtile: nome, rtiolo, ggettivo, pronome, vero, vverio, preposizione, ongiunzione. Anlisi logi: frse minim, soggetto, predito, espnsioni, gruppo nominle e verle. L funzione demrtiv ed espressiv dell punteggitur. CLASSE QUINTA Asolto/Prlto Asolto ttivo e disussione sulle temtihe ffrontte in lsse desunte d testi o d esperienze

12 Esposizione e dittiti sulle proprie esperienze e sugli rgomenti trttti Rionosimento e riflessioni sui termini e sulle strutture linguistihe orrenti o pprtenenti l pssto e ulture diverse Lettur/Comprensione Lettur e rionosimento delle vrie tipologie testuli Animzione e interpretzione di letture proposte Produzione sritt e orle Proposte di rielorzione sui testi: prfrsi, sintesi, ompletmenti, trsformzioni in se l tempo, l nrrtore ed l punto di vist Produzione di testi di vrie tipologie on o senz tri oerenti e oesi Attività e srittur retiv Sintesi e selezione di informzioni medinte ppunti e shemi d rielorre Riflessione sull lingu proposte di shede e testi strutturti per l orrettezz ortogrfi, morfosinttti e lessile

13 PRIMA SECONDA TERZA QUARTA QUINTA CLASSE OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA S omunire per soilizzre S soltre semplii messggi orli e revi ronti S nrrre esperienze personli utilizzndo un linguggio semplie S leggere semplii prole S riopire in stmpto miusolo S srivere semplii prole in stmpto miusolo sotto detttur S prteipre ttivmente onverszioni guidte S ogliere il senso di un omunizione verle S esprimersi in modo omprensiile riferendo esperienze e vissuti personli S omprendere frsi lette in utonomi S srivere semplii frsi S soltre e omprendere semplii domnde, istruzioni e regole S omprendere le informzioni fondmentli presenti in un testo nrrtivo S esprimersi per rontre esperienze vissute e per dilogre on i ompgni e gli dulti S leggere e omprendere un reve testo nrrtivo S srivere frsi e semplii testi reltivi d esperienze vissute S rionosere lune prti del disorso (nome/artiolo(/vero) S riferire le proprie esperienze e iò he h soltto o letto S leggere testi di vrio tipo ogliendone le informzioni prinipli S srivere semplii testi reltivi ll propri esperienz personle S rionosere l struttur dell frse S rionosere lune prti del disorso: Artiolo/Nome/Vero/Aggettivo Qulifitivo S soltre e omprendere omunizioni di vrio tipo S ogliere in un onverszione o disussione i punti di vist diversi S rontre un esperienz e un rgomento di studio S srivere testi reltivi lle esperienze vissute S sintetizzre semplii testi nrrtivi utilizzndo prole proprie S onosere ed utilizzre i prinipli segni di punteggitur S individure l frse minim

14 TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA COMPETENZA Suol Seondri di Primo Grdo ITALIANO 1. L llievo intergise in modo effie in diverse situzioni omunitive, ttrverso modlità dilogihe sempre rispettose delle idee degli ltri; on iò mtur l onspevolezz he il dilogo, oltre essere uno strumento omunitivo, h nhe un grnde vlore ivile e lo utilizz per pprendere informzioni ed elorre opinioni su prolemi rigurdnti vri miti ulturli e soili 2. Srive orrettmente testi di tipo diverso (nrrtivo, desrittivo, espositivo, regoltivo, rgomenttivo) deguti situzione, rgomento, sopo, destintrio. 3. Comprende e us in modo pproprito le prole del voolrio di se (fondmentle; di lto uso; di lt disponiilità). SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Argomentre l propri tesi su un tem ffrontto nello studio e nel dilogo in lsse on dti pertinenti e motivzioni vlide. NUCLEI EPISTEMOLOGICI FONDANTI (SAPERI ESSENZIALI) Suol Seondri di Primo Grdo CLASSE PRIMA Trtti fondmentli he distinguono il prlto e lo sritto. Registri linguistii del prlto nrrtivo, desrittivo, dilogio. Elementi rtterizznti itesti: Il testo nrrtivo. Il testo desrittivo. Il testo poetio. L fi e l fvol. L leggend e il mito. L'epi lssi. I linguggi verli e nonverli. Il odie linguistio. Gli elementi essenzili dell omunizione. 4. Pdroneggi e ppli in situzioni diverse le onosenze fondmentli reltive l lessio, ll morfologi, ll orgnizzzione logio-sinttti dell frse semplie e ompless, i onnettivi testuli; utilizz le onosenze metlinguistihe per omprendere Rionosere le prinipli relzioni fr signifiti delle prole (sinonimi, opposizione, inlusione); onosere l orgnizzzione del lessio in mpi semntii e fmiglie lessili. Rionosere l orgnizzzione logio-sinttti dell frse sempliel struttur e l gerrhi logiosinttti dell frse ompless. Rionosere i onnettivi sintttii e testuli, i segni CLASSE SECONDA Asolto nlitio di testi espositivi, nrrtivi e desrittivi. Registri linguistii del prlto nrrtivo, desrittivo, dilogio. Crtteristihe dei testi prlti più omuni (telegiornle, tlk-show, puliità, e.) Elementi rtterizznti i testi:

15 on mggior preisione i signifiti dei testi e per orreggere i propri sritti. 5. Rionose il rpporto tr vrietà linguistihe/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spzio geogrfio, soile e omunitivo. 6. Rionose e us termini speilistii in se i mpi di disorso. 7. Adtt opportunmente i registri informle e formle in se ll situzione omunitiv e gli interloutori, relizzndo selte lessili degute. 8. Asolt e omprende testi di vrio tipo "diretti" e "trsmessi" di medi, rionosendone l fonte, il tem, le informzioni e l loro gerrhi, l intenzione dell emittente. interpuntivi e l loro funzione speifi. Riflettere sui propri errori tipii, segnlti dll insegnnte, llo sopo di imprre d utoorreggerli nell produzione sritt. Asoltre testi prodotti d ltri, nhe trsmessi di medi, rionosendone l fonte e individundo sopo, rgomento, informzioni prinipli e punto di vist dell emittente. Il testo nrrtivo (vventur, gillo, utoiogrfi ). Il testo desrittivo. Il testo poetio. L'epi medievle. L puliità. I mss medi. Menismi di ostituzione dei signifiti trslti (metonimi, metfor e ltre figure retorihe). Esperienze utorevoli di lettur ome fonte di piere e di rrihimento personle. Testi d softwre, d-rom, Internet. Proedure per isolre ed evidenzire negli ppunti onetti importnti. Crtteristihe testuli fondmentli dei testi d uso (informtivi, regoltivi, espressivi, epistolri, desrittivi). Risrittur e mnipolzione di testi nrrtivi, desrittivi, regoltivi, espositivi, poetii, e. Sintssi dell frse (soggetto, predito, espnsione dirett e indirett). Evoluzione stori dell lingu: primi testi in volgre, le lingue neoltine, nlogie e differenze tr itlino e ltino. I linguggi settorili. 9. Us l omunizione orle per ollorre on gli ltri, d esempio nell relizzzione di giohi o prodotti, nell elorzione di progetti e nell formulzione di giudizi su prolemi rigurdnti vri miti ulturli e soili. 10. Us mnuli delle disipline o testi divulgtivi (ontinui, non ontinui e misti) nelle ttività di studio personli e ollortive, per rierre, rogliere e rielorre dti, informzioni e onetti; ostruise sull se di qunto letto testi o presentzioni Intervenire in un onverszione o in un disussione di lsse o di gruppo o in un ttività on pertinenz e oerenz, fornendo un positivo ontriuto personle e proposte onrete. Intervenire in un onverszione o in un disussione, di lsse o di gruppo, on pertinenz e oerenz, rispettndo tempi e turni di prol e fornendo un positivo ontriuto personle. Rivre informzioni sfruttndo le vrie prti di un mnule di studio: indie, pitoli, titoli, sommri, testi, riqudri, immgini, didslie, pprti grfii. Confrontre, su uno stesso rgomento, informzioni rivili d più fonti, selezionndo quelle ritenute più signifitive. Rielorre le informzioni selezionte e riorgnizzrle in modo personle (mppe, telle, CLASSE TERZA Strtegie di utilizzo degli elementi predittivi di un testo orle (ontesto, titolo, ollozione...) Elementi he servono identifire nhe distnz di tempo gli ppunti (dt, situzione, rgomento, utore) e utilizzrli. Aluni film ome omunizione he utilizz vri linguggi e odii (linguistio, sonoro, visivo, e.). Elementi rtterizznti il testo letterrio nrrtivo (novell, ronto dell memori, monologo interiore, romnzo, e.) Elementi rtterizznti il testo poetio e l intenzione omunitiv dell utore, on elementi di metri. Prinipli rtteristihe testuli di quotidini, periodii, riviste

16 on l utilizzo di strumenti trdizionli e informtii. 11. Espone orlmente ll insegnnte e i ompgni rgomenti di studio e di rier, nhe vvlendosi di supporti speifii (shemi, mppe, presentzioni l omputer, e.). 12. Produe testi multimedili, utilizzndo in modo effie l ostmento dei linguggi verli on quelli ionii e sonori. 13. Legge testi letterri di vrio tipo (nrrtivi, poetii, tetrli) e omini ostruirne un interpretzione, ollorndo on ompgni e insegnnti. relzioni, e..). Riferire orlmente su un rgomento di studio espliitndo lo sopo e presentndolo in modo hiro, preisndo le fonti, nhe servendosi di mterile di supporto Confrontre, su uno stesso rgomento, informzioni rivili d più fonti, selezionndo quelle ritenute più signifitive ed ffidili. Riformulre in modo sintetio le informzioni selezionte e riorgnizzrle in modo personle (liste di rgomenti, rissunti shemtii, mppe, telle). Produrre forme diverse di srittur retiv, in pros e in versi Produe testi multimedili per illustrre e sintetizzre rgomenti di studio Utilizzre l videosrittur per i propri testi, urndone l impginzione; srivere testi digitli (d es. e-mil, post di log, presentzioni), nhe ome supporto ll esposizione orle. Leggere testi letterri di vrio tipo e form e formulre in ollorzione on i ompgni ipotesi interprettive fondte sul testo. Relizzre forme diverse di srittur retiv. speilizzte. Testi presenti su supporti digitli e multimedili. Eventule lettur di un'oper di nrrtiv. Movimenti, esponenti ed opere dell lettertur itlin dell'800 e 900. Riflessione guidt e disussione on onfronto di idee su temi di ttulità. Testi e doumenti reltivi l mondo dolesenzile, l mondo del lvoro, ll'orientmento solstio e professionle. I prolemi dell soietà nhe livello interdisiplinre. L struttur del testo rgomenttivo: gli elementi dell ornie (tem, riferimenti llo sopo, i destintri, informzioni sul ontesto, tempo, spzio, fonti) e gli elementi he fnno prte del nuleo rgomenttivo. L srittur imittiv, l risrittur, l mnipolzione di testi nrrtivi letterri. L'ipertesto. Approfondimenti su lssi di prole e loro modifizioni. Approfondimenti sull struttur logi e omunitiv dell frse semplie. Struttur logi e omunitiv dell frse ompless (oordinzione, suordinzione). Approfondimenti del lessio. Approfondimenti sulle prinipli tppe evolutive dell lingu itlin, vlorizzndo l origine ltin. Rpporto tr evoluzione dell lingu e ontesto storio-soile.

17 PRIMA SECONDA TERZA CLASSE OBIETTIVI MINIMI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Intervenire in modo pertinente Cogliere le informzioni prinipli del testo orle Leggere in modo orretto Rionosere il tipo di testo, individundone l struttur, gli elementi rtteristii e lo sopo Riferire orlmente esperienze ed rgomenti in modo hiro ed ordinto, utilizzndo slette e strumenti di supporto forniti dll insegnnte Individure ed utilizzre orrettmente gli elementi ortogrfii e morfologii di se Intervenire in modo pertinente ed ordinto, rispettndo il punto di vist ltrui Cogliere le informzioni prinipli e lune evidenti informzioni seondrie del testo orle Leggere in modo orretto Rionosere il tipo di testo, individundone l struttur, gli elementi rtteristii, lo sopo ed il registro Riferire orlmente esperienze, opinioni ed rgomenti di studio in modo hiro, ordinto e orretto Srivere in modo pertinente, hiro e orretto, predisponendo mppe e slette di supporto, nhe on l iuto dell insegnnte Rionosere gli elementi silri dell struttur dell frse semplie Intervenire in modo pertinente ed ordinto, rispettndo il punto di vist ltrui Cogliere le informzioni prinipli e lune evidenti informzioni seondrie del testo orle Leggere in modo orretto e possiilmente espressivo Rivre le informzioni prinipli d vrie tipologie testuli, nhe digitli Rionosere il tipo di testo, individundone l struttur, gli elementi rtteristii, lo sopo ed il registro Riferire orlmente esperienze, opinioni ed rgomenti di studio in modo hiro, ordinto e orretto, utilizzndo lessio e registro deguti Srivere in modo pertinente, hiro e orretto, predisponendo mppe e slette di supporto, nhe on l iuto dell insegnnte Rionosere gli elementi silri dell struttur dell frse semplie e ompless

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA Agire in modo utonomo e responsile CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA

Dettagli

Profilo di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde della scuola media

Profilo di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde della scuola media Profilo di ompetenze linguistihe speifihe per insegnnti di lingue seonde dell suol medi Responsili di progetto In ollorzione on PH St. Gllen, Institut Fhdidktik Sprhen Wilfrid Kuster (poprogetto), Mirjm

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE UNITÀ DI APPRENDIMENTO II QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI SECONDE UNITA DI APPRENDIMENTO Denominzione Compito-prodotto Competenze mirte Comuni/cittdinnz IL TEMPO PASSA IL MONDO GIRA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali Modulo L ttività nri I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno he si pprestno llo studio delle rtteristihe fondmentli dell ttività delle ziende di redito. Al fine di inqudrre il ontesto dell

Dettagli

CLASSE PRIMA. OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI al termine della classe 5 a

CLASSE PRIMA. OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI al termine della classe 5 a RTE E IMMGINE urricolo Verticale Scuola Primaria - Istituto omprensivo Statale Nicola Ronchi - ellamare (ari) LSSE PRIM TRGURDI per lo sviluppo delle competenze OIETTIVI di apprendimento ONTENUTI L LUNNO

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE a a a a a COMPETENZE DI CITTADINANZA Aquisire e interpretare l informazione Individuare ollegamenti e relazioni Agire in modo autonomo e responsaile Individuare ollegamenti e relazioni Aquisire e interpretare

Dettagli

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS S WEB SERVCES PRN E AFER PRN WEB SERVCES PRN E AFER PRN E l soluzione he integr i servizi per le ziende in un uni reltà. utti i professionisti di riferimento, un unio interloutore e un unio fornitore WEB

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Bisogni Educativi Speciali

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO STILO-BIVONGI Anno scolstico 2015 2016 Scuol sede P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per llievi con Bisogni Eductivi Specili Percorso A : ordinrio obiettivi comuni ll clsse con

Dettagli

Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnanti della scuola elementare

Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnanti della scuola elementare Profilo di competenze linguistiche specifiche per le lingue seconde per insegnnti dell scuol elementre Responsili di progetto In collorzione con PH St. Gllen, Institut Fchdidktik Sprchen Wilfrid Kuster

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZANICA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ERNESTINA BELUSSI COMUN NUOVO. Relazione

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZANICA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ERNESTINA BELUSSI COMUN NUOVO. Relazione Relzione Le lssi 1^ A e 1^ B dell Suol Seondri di primo grdo di Comun Nuovo, nell mito di un perorso nnule legto ll eologi (rifiuti e loro riilo), hnno rolto i dti reltivi llo stile di vit di un mpione

Dettagli

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA ŠIFRA DRŽAVNO TAKMIČENJE IX rzred UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA Test pregledl/pregledo...... Podgori,... 2010. godine ASCOLTO I Asolt un volt il testo. Leggi ttentmente l prov propost. Asolt di nuovo il

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO Il sottosritto rihiedente l ssegnzione dell lloggio: Cognome e nome Codie Fisle Stto di nsit Comune di nsit Dt di nsit Provini di residenz

Dettagli

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi www.scuolaazienda.it MRIO FLORES L OPERTORE 4 TURISTIO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi VERO O FLSO? MOULO 1 1 V, 2 V, 3 F, 4 F 1 V, 2 V, 3 V, 4 F 1 V, 2 F, 3 F, 4 V 1 F, 2 F,

Dettagli

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del Questo mterile è stto prodotto dl progetto Progrmm di informzione e omunizione sostegno degli oiettivi di Gudgnre Slute del Ministero dell Slute /CCM, in ollorzione ol Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui l rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Vi Boito, n 27 41053 Mrnello Tel. 0536/941110 - fx 0536/945162 Anno Scolstico 2014/2015 Scuole dell Infnzi Sorelle Agzzi e C.Cssini L Scuol dell Infnzi, sttle

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici di Alessndro Siviero doente di Eonomi, mrketing e omunizione Strumenti APRILE/MAGGIO 00 Verifi del modulo: Il mrketing dei prodotti turistii Metodi di verifi e l pproio dello studente Nell rtiolo Il mrketing

Dettagli

Rapporto Interpretativo

Rapporto Interpretativo Rpporto Interprettivo Ell Explorer 2 diemre 2 CONFIDENZIALE Rpporto Interprettivo Ell Explorer Introduzione 2 diemre 2 Introduzione Uso del rpporto Not Bene: il prendere deisioni usndo le informzioni del

Dettagli

PROVE DI CARICO SU SOLAIO

PROVE DI CARICO SU SOLAIO .5. PROVE DI CARICO SU SOAIO Pg. di PROVE DI CARICO SU SOAIO. Sopo prov intende testre le strutture orizzontli, in termini di resistenz e di rispost elsti, sottoponendole lle mssime solleitzioni possiili

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G IPSIA ore complessive di insegnmento 33 settimne X 3 ore = 99 ore Nome Ins. Tecn. Prtico Testo in dozione

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015 PROGRMM SOCIO EDUCTIVO DI NIMZIONE 2014/2015 PRESENTZIONE DELLE TTIVIT' EDUCTIVE INTEGRTE ORDINRIE MENSILI - SETTIMNLI ED EXTR ORDINRIE DI NIMZIONE. Relazione e comunicazione : interventi educativi individuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica Convenzione del Consiglio d Europ sull ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Mos, 28/X/2011 1 Premess Gli Stti memri del Consiglio d Europ e gli ltri firmtri

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro PGT Pino di Governo del Territorio 212 4.5 Il Pro dello Sport del Lmbro e il PLIS dell Medi Vlle del Lmbro Tngenile Est Nuovo pro Cresengo pro Vill Fini Nviglio dell Mrtesn pro Prdisi Lmbro pro dell Mrtesn

Dettagli

Piano di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia

Piano di formazione per l ordinanza sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia BiPl Titolo definitivo i Pino di formzione per l ordinnz sull formzione professionle di bse Specist in fotogrfi dell 8 dicembre 2004 Prte A - ompetenze Prte B - Grig delle lezioni Prte - Procedur di quficzione

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

Mappa delle attività e dei contenuti (indicazioni nodali) Rappresentazioni grafico-pittoruche di esperienze e soggetti a tema (AI)

Mappa delle attività e dei contenuti (indicazioni nodali) Rappresentazioni grafico-pittoruche di esperienze e soggetti a tema (AI) Prim Obietti vi ppren ment o ipotizz ti Disci pline Obiettivi ppren mento* IT 1 2 3 4 5 7 ING 3 MU 1 AI 1 CMS 1 5 ST 1 GEO 3 MAT 1 2 4 7 12 SC 3 TE 2 Mpp delle ttività e dei contenuti (inczioni nodli)

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario Modulo Il merto dei pitli e l Bors vlori I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno; essi, dopo ver ppreso quli differenti forme giuridihe un impres può ssumere e, on riferimento lle soietà

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI RELIGIONE

CURRICOLO VERTICALE DI RELIGIONE COMPETENZE DI CITTADINANZA Aquisire e interpretre l informzione Collorre e prteipre Individure ollegmenti e relzioni Collorre e prteipre 1. Sopre nei ronti del Vngelo l person e l insegnmento di Gesù,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

LICEO STATALE MARSICONUOVO (PZ)

LICEO STATALE MARSICONUOVO (PZ) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. PEANO C/d Fontnelle 85052 MARSICONUOVO (PZ) Tel.0975342102 - Fx 0975344109 C. F. 80006310769 - C. M. PZIS01900C www.liceomrsico.gov.it- E-Mil: PZIS01900C@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO SUOL SEONDRI di PRIMO GRDO OIETTIVI SPEIFII DI PPRENDIMENTO E STNDRD MINIMI DI OMPETENZE DISIPLINRI ITLINO LSSE PRIM 1. omprendere e identificare vari tipi di testo e individuarne lo scopo 2. Riferire

Dettagli

COMPETENZE della UDA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO. Saper spiegare il principio di funzionamento e la struttura dei principali dispositivi hardware

COMPETENZE della UDA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO. Saper spiegare il principio di funzionamento e la struttura dei principali dispositivi hardware ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ITI "E. MEDI" PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Scienze e Tecnologie Applicte: indirizzo INFORMATICA PIANO DELLE UDA 2 G prof. Cludi Crimi UDA COMPETENZE dell UDA ABILITA UDA

Dettagli

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali Lezione Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A od.menogrfio VATD08000G odie fisle 94000170129 Vi Ahille Grndi, 4-21047 SARONNO (V) - Tel. 02/960.31.66 - Fx 02/967.01.431 e-mil: itzpp@itzpp.it sito internet: www.itzpp.it Sistem Qulità UNI EN ISO 9001

Dettagli

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde

Anno 2. Triangoli rettangoli e teorema delle corde Anno Tringoli rettngoli e teorem delle orde 1 Introduzione In quest lezione impreri d pplire i teoremi di Eulide e di Pitgor e sopriri quli prtiolrità nsondono i tringoli rettngoli on ngoli prtiolri. Infine,

Dettagli

Modello di Test 1 I TA L I A NO. www.telc.net

Modello di Test 1 I TA L I A NO. www.telc.net Modello di Test 1 I TA L I A NO B2 www.tel.net Indi e Informzioni per i ndidti 3 Struttur dell esme 4 Esme sritto 5 Esme orle 30 Punteggio 37 Informzioni per i doenti 39 Vlutzione e punteggio 41 Criteri

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali Cavo di alimentazione

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali Cavo di alimentazione Guid di instllzione rpid Inizio DCP-J140W Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 12/10/2015 Pgin 1 di 19 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Clssi reltive l Titolo A: Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Cod. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Fsioli del personle di ruolo e non di ruolo dell mministrzione

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Troccoli SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione dell Università e dell Ricerc Vi Felicizz n. 22-870 Frz. Luropoli di CASSANO ALL

Dettagli

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets Lezione 1 Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM Guid di instllzione rpid Inizio ADS-2100 Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

13. Caratterizzazione sperimentale

13. Caratterizzazione sperimentale B. Zurello rogettzione meni on mterili non onvenzionli 13.1. Generlità 13. Crtterizzzione sperimentle Nell progettzione on mterili ompositi è prssi piuttosto onsolidt vlutre le rtteristihe dell singol

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Mancanze disciplinari Sanzioni disciplinari Organi competenti

Mancanze disciplinari Sanzioni disciplinari Organi competenti Allegto 1 - REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PER LA SCUOLA PRIMARIA Prte integrnte dello stesso Regolmento Mncnze disciplinri Snzioni disciplinri Orgni competenti Il presente llegto costituisce un elenco esemplifictivo,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

CONDUTTANZA ELETTRICA DI UN ELETTROLITA IN SOLUZIONE (TEORIA)

CONDUTTANZA ELETTRICA DI UN ELETTROLITA IN SOLUZIONE (TEORIA) CONDUTTANZA ELETTICA DI UN ELETTOLITA IN SOLUZIONE (TEOIA) Se si ppli un differenz di potenzile elettrio fr due elettrodi iersi in un soluzione ioni, si verifi un igrzione risultnte di ioni in direzione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo Sttle FABIO FILZI Sede Amministrtiv: Vi Rvenn 15 20139 MILANO Tel 025397050 Fx 02 7303040 e-mil: rvendir@tin.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA L nostr scuol come luogo d incontro, di

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006 Millenium 3 Interfi i omunizione M3MOD Gui ll'uso ell Diretory opertiv 04/2006 160633105 Pnormi AGui ll'uso ell Diretory opertiv Introuzione L Diretory opertiv è un file i testo generto l softwre i progrmmzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Santa Croce sull Arno. Italiano. Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado. a.

Istituto Comprensivo Statale Santa Croce sull Arno. Italiano. Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado. a. Istituto Comprensivo Statale Santa Croce sull Arno Italiano Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado a.s 2012/2013 PARTE 1ª Scuola dell Infanzia I discorsi e le parole anni

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 50 0 70 0 0 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle 5 lterntive. n Confront le tue risposte on le soluzioni. n Color, prtendo d

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 05/11/2015 Pgin 1 i 11 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Clssi reltive l Titolo A: Co. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Rpporti on l Provini Utilizzzione Plestr e loli solstii

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEI DIPARTIMENTI A.S. 2013-2014

GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEI DIPARTIMENTI A.S. 2013-2014 GRIGLIE DI VLUTZIONE DEI DIPRTIMENTI.S. 2013-2014 Per le immagini del P.O.F. si ringraziano la prof.ssa. lario, il prof. F. moruso, il prof L. La Ragione, la prof.ssa S. Salerni e tutti gli allievi del

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Soluzioni 1. Alla prova! ITALIANO. Copia gratuita allegata al volume Alla prova! ITALIANO 1. Carla Tondelli. Prima Classe Scuola Secondaria di I Grado

Soluzioni 1. Alla prova! ITALIANO. Copia gratuita allegata al volume Alla prova! ITALIANO 1. Carla Tondelli. Prima Classe Scuola Secondaria di I Grado arla Tondelli lla prova! ITLINO Soluzioni 1 opia gratuita allegata al volume lla prova! ITLINO 1 Prima lasse Scuola Secondaria di I Grado mista Testo conforme alla legge 30.10.2008 n. 133, art. 5 in materia

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto comprensivo Albano. Plesso: a.s. Alunno/a DSA (certificato): Classe: Coordinatore di classe:

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto comprensivo Albano. Plesso: a.s. Alunno/a DSA (certificato): Classe: Coordinatore di classe: P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Istituto comprensivo Albno Plesso:.s. Alunno/ DSA (certificto): Clsse: Coordintore di clsse: Referente DSA/BES: Descrizione delle bilità e dei comportmenti DIAGNOSI

Dettagli

4. L argomento oggetto indiretto 4.1. La funzione oggetto indiretto

4. L argomento oggetto indiretto 4.1. La funzione oggetto indiretto 4. L rgomento oggetto indiretto 4.1. L funzione oggetto indiretto Dopo ver visto i due rgomenti diretti soggetto e oggetto diretto, in quest unità ci occuperemo dell rgomento indiretto più frequente, l

Dettagli

Comunica con ichat... 10 Sottotitoli aperti e chiusi... 10 Avvisi e audio... 11 Registrazione con QuickTime... 11 Audio mono... 11

Comunica con ichat... 10 Sottotitoli aperti e chiusi... 10 Avvisi e audio... 11 Registrazione con QuickTime... 11 Audio mono... 11 -LeguidediArhimede AessibilitàX Indie L impegno di Apple per l essibilità... 1 Vist... 4 Voiever... 4 Brille... 5 Applizioni... 5 Ingrndimento dello shermo... 5 Ingrndimento del ursore... 6 Contrsto elevto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli