Preparati per il compito in classe Modulo 5

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preparati per il compito in classe Modulo 5"

Transcript

1 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Hai i dati relativi a una serie di N (con N < 20) cinema, per ogni cinema si conoscono il nome e l incasso. Scrivi un programma che, presi in input tali dati, stampi i nomi dei cinema il cui incasso è superiore a una data cifra fornita in input. 2 Dati N numeri (con N < 50) stampa la media dei numeri maggiori di una data cifra fornita in input e quanti sono i numeri negativi. 3 Per ciascuno dei concorrenti di una squadra sono forniti il nome e i tempi registrati in 0 gare; stampa il nome e la media dei tempi di ciascun concorrente e il totale dei tempi di tutta la squadra (i tempi sono espressi in secondi). Esercizio Analisi. Dopo aver preso in input il numero dei cinematografi (n) controllan che non siano maggiori di 20 e la soglia dell incasso (soglia) che determina i cinematografi da visualizzare, facciamo un ciclo che va fino a n, all interno del ciclo leggiamo il nome del cinema (nome) e il suo incasso (inc), se tale incasso è maggiore della soglia salviamo il nome del cinema in una stinga (listacinema); quindi incrementiamo il contatore (i) del ciclo. Ad ogni ciclo, se l incasso è maggiore della soglia, viene appeso alla lista il nome del nuovo cinema selezionato. All uscita del ciclo visualizziamo la stringa che contiene i nomi dei cinema con incasso maggiore della soglia. variabili n tipo utilizzo descrizione n intero input numero cinematografi soglia intero input soglia di incasso per selezionare i cinema nome stringa input nome cinema inc intero input incasso cinema i intero lavoro contatore del ciclo sui cinema listacinema stringa output nomi cinema con incasso > soglia Algoritmo INIZIO N Soglia I = 0 Nome Incasso Incasso > soglia ListaCinema = ListaCinema + Nome I = I + I = N ListaCinema INE

2 Codifica in C++ #include <iostream> #include <string> using namespace std; int main () string nome; string listacinema; int n; int inc; int soglia; int i; i= 00; cout<< Inserire il numero dei cinematografi\t ; cin>>n; while (n > 20); i = 0; cout<< Inserire la soglia di incasso\t ; cin>>soglia; cout<< inserire il nome del cinematografo\t ; cin>>nome; cout<< inserire l incasso del cinematografo\t ; cin>>inc; if (inc > soglia) listacinema = listacinema + nome +, ; i++; while(i < n); cout<< Cinema con incasso maggiore della soglia <<listacinema<<endl; system ( pause ); Codifica in B.NET Interfaccia TxtNome TxtIncasso TxtRis btnins Public Class frmcinema Dim n As Integer Dim nome As String Dim inc As Integer Dim soglia As Integer Dim i As Integer Numero di cinema Nome Cinema Incasso cinema Soglia incasso Contatore del ciclo Private Sub orm_load(byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles MyBase.Load n = 0 Do Until n <= 20 And n > 0

3 n = InputBox( Inserire il numero dei cinematografi ) Loop soglia = InputBox( Inserire la soglia di incasso ) i = 0 TxtNome.ocus() Private Sub BtnIns_Click(Byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles BtnIns.Click nome = TxtNome.Text inc = TxtIncasso.Text If inc > soglia Then TxtRis.AppendText(nome & Chr(3) & Chr(0)) i = i + TxtNome.Clear() TxtIncasso.Clear() TxtNome.ocus() If (i >= n) Then BtnIns.Enabled = alse TxtNome.Enabled = alse TxtIncasso.Enabled = alse TxtRis.isible = True End Class Esercizio 2 Analisi. Innanzitutto si legge in input il numero dei valori da considerare (num) controllan che non siano maggiori di 50 e si legge in input il valore che determina il calcolo della media (media). Si esegue un ciclo che va fino a num, all interno del ciclo leggiamo il valore (valore), se è negativo si incrementa un contatore di numeri negativi (contneg). Se il valore letto è maggiore della cifra che determina il calcolo della media, allora si somma il valore a un accumulatore (media) e si incrementa un contatore con cui, al termine del ciclo, calcolare la media (contmed); quindi incrementiamo il contatore (i) del ciclo. All uscita del ciclo calcoliamo la media e visualizziamo i numeri negativi letti e il valore calcolato della media. variabili N tipo utilizzo descrizione num intero input numero cifre cifra intero input numero che determina i valori da considerare per il calcolo della media valore intero input valore contneg intero output contatore numeri negativi contmed intero lavoro contatore numeri per calcolare la media i intero lavoro contatore del ciclo media reale output valore finale della media calcolata

4 Algoritmo INIZIO Num Cifra I = 0; contneg = 0, ContMed = 0, media = 0 Num Num < 0 contneg ++ Num > cifra contmed ++ media = media + num I = I + I = N media = media/contmed media, contneg INE Codifica in C++ #include <iostream> using namespace std; int main () string nome; string listacinema; int num; int contneg; int contmed; int valore; int cifra; float media; int i; i= 00;

5 cout<< Inserire il numero di valori da considerare\t ; cin>>num; while (num > 50); i = 0; contneg = 0; contmed = 0; media=0; cout<< Inserire il valore al di sopra del quale calcolare la media\t ; cin>>cifra; cout<< inserire il valore\t ; cin>>valore; if (valore <0) contneg ++; if (valore >cifra) media = media + valore; contmed++; i++; while(i < num); media = media/contmed; cout<< alore finale media: <<media<<endl; cout<< Totale numeri negativi: <<contneg<<endl; system ( pause ); Codifica in B.NET Interfaccia txtal txtmedia txtnegativi btnmedia Public Class frmmedia Dim num As Integer Dim valore As Integer Dim media As Single Dim numneg As Integer Dim cifra As Integer Dim contneg As Integer Dim contmed As Integer Dim i As Integer Numero di valori input alore di ogni numero input Media Totale numeri nagativi Cifra input che determina il calcolo della media Contatore numeri negativi Contatore numeri oltre il valore per calcolare la media Contatore del ciclo Private Sub frmmedia_load(byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles MyBase.Load num = 0 Do Until num <= 50 And num > 0 num = InputBox( Inserire il numero di valori da considerare ) Loop

6 cifra = InputBox( Inserire il valore al disopra del quale calcolare la media ) i = 0 contneg = 0 contmed = 0 txtal.ocus() Private Sub btnmedia_click(byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles btnmedia.click valore = al(txtal.text) If valore < 0 Then contneg = contneg + i = i + If valore > cifra Then media = media + valore contmed = contmed + txtal.clear() txtal.ocus() If (i = num) Then btnmedia.enabled = alse txtal.enabled = alse media = media / contmed txtmedia.text = media txtnegativi.text = contneg Label2.isible = True Label3.isible = True txtmedia.isible = True txtnegativi.isible = True End Class Esercizio 3 Analisi. Leggo in input il numero di concorrenti della squadra (num). accio un primo ciclo esterno sul numero dei concorrenti, a ogni ciclo inserisco il nome del concorrente (nome) e uno più interno per inserire i tempi (tempo) delle 0 gare. Dopo ogni tempo inserito accumulo la media (media) dei tempi di ogni gara e il totale squadra (totsquadra). Al termine dell inserimento dei tempi delle gare calcolo la media del concorrente (media/0) e visualizzo il nome del concorrente e la media calcolata. Al termine del ciclo più esterno, sul numero dei concorrenti, visualizzo il tempo totale della squadra. variabili N tipo utilizzo descrizione num intero input numero concorrenti nome stringa input nome del concorrente tempo intero input tempo in secondi di ogni gara media reale output media tempi gara di ogni concorrente totsquadra intero output totale tempi squadra i intero lavoro contatore del ciclo sui 0 tempi gara conc intero lavoro contatore del ciclo sul numero concorrenti

7 Algoritmo INIZIO Num Nome media = 0 Tempo media = media + tempo totsquadra = totsquadra + tempo I = I + I > = 0 media = media/0 nome, media conc = conc+ conc > = num totsquadra INE Codifica in C++ #include <iostream> using namespace std; int main () string nome; int num; int conc; int tempo; int TotSquadra; float media; int i; cout<< Inserire il numero di concorrenti\t ; cin>>num; conc = 0; TotSquadra = 0; i = 0; cout<< inserire il nome del concorrente\t ;

8 cin>>nome; media = 0; cout<< inserire il tempo( <<i+<< )\t ; cin>>tempo; media = media + tempo; TotSquadra= TotSquadra + tempo; i++; while(i < 0); media = media/0; conc++; cout<< Concorrente: <<nome<<endl; cout<< Media tempi: <<media<<endl; while(conc < num); cout<< Totale tempi squadra: <<TotSquadra<<endl; system ( pause ); Codifica in B.NET Interfaccia txtnome txttempi txtnomic txtmediac btncalcola txtsquadra Public Class orm Dim Media As Single Dim Nome As String Dim i As Integer Dim num As Integer Dim conc As Integer Dim TotSquadra As Integer Private Sub orm_load(byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles MyBase.Load i = 0 conc = 0 TotSquadra = 0 num = InputBox( Inserire il numero di concorrenti ) txtnome.ocus() Private Sub btncalcola_click(byal sender As System.Object, Byal e As System.EventArgs) Handles btncalcola.click Media = 0 or i = 0 To 9 Media = Media + al((txttempi.lines(i))) TotSquadra = TotSquadra + al((txttempi.lines(i))) Next Media = Media / 0 txtnomic.appendtext(txtnome.text & Chr(3) & Chr(0)) txtmediac.appendtext(media & Chr(3) & Chr(0)) conc = conc +

9 txtnome.clear() txttempi.clear() If conc = num Then btncalcola.enabled = alse txtnome.enabled = alse txttempi.enabled = alse txtsquadra.text = TotSquadra End Class

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

La ricerca dicotomica

La ricerca dicotomica La ricerca dicotomica Se l array è ordinato, la ricerca di un elemento può essere realizzata in modo più efficiente rispetto alla ricerca sequenziale, utilizzando la ricerca dicotomica. Si usa il termine

Dettagli

Applicazioni grafiche

Applicazioni grafiche Applicazioni grafiche I grafici all interno di un form sono realizzati attraverso gli oggetti del namespace System.Drawing. Graphics. Il namespace è incluso automaticamente nel progetto, quindi non è necessaria

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Algoritmo per l ordinamento di un array

Algoritmo per l ordinamento di un array Algoritmo per l ordinamento di un array Spesso si ha la necessità di lavorare con vettori ordinati, cioè si devono mettere gli elementi in ordine alfabetico se sono stringhe o in in ordine di grandezza

Dettagli

Gestione degli archivi e stampe

Gestione degli archivi e stampe Gestione degli archivi e stampe Utilizzando il linguaggio Visual Basic, con la gestione tradizionale degli archivi, sono consentiti tre tipi di accesso ai file: sequenziale, per la lettura e scrittura

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Reti di Calcolatori

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Reti di Calcolatori Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Reti di Calcolatori Architettura del calcolatore Elementi di Programmazione Esempi di algoritmi e programmi Conversione

Dettagli

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Robot Tartaruga. I componenti da acquistare sono i seguenti:

Robot Tartaruga. I componenti da acquistare sono i seguenti: Robot Tartaruga Questo piccolo veicolo che ho chiamato Tartaruga si muove per effetto dei comandi inviati tramite l interfaccia seriale ad una controller che pilota due motori in CC. La connessione con

Dettagli

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL La struttura di ripetizione o iterativa o ciclo Essa, in generale, consente di ripetere l esecuzione di una porzione di algoritmo più volte,

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S.

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. 1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. Molinari 4: Il programma gestisce gli articoli di un negozio

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

TOP DOWN. Preparati per il compito in classe Modulo 5

TOP DOWN. Preparati per il compito in classe Modulo 5 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Un grande magazzino utilizza un database per gestire le vendite dei prodotti. La tabella PRO- DOTTI contiene le informazioni relative ai prodotti in vendita

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database

Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database Il blog di Emanuele Mattei in ambito Database Programmazione database, ado.net e database mobile Come visualizzare ed inserire le immagini in un database Microsoft Access tramite Ado.Net Riporto l'articolo

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali M.U.T. Modulo Unico Telematico Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali Data Redazione Documento 28/02/2011 Data Pubblicazione Documento Versione 2.1.0 Responsabile CNCE Giuseppe

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia)

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) Scrivere una funzione per definire se un numero è primo e un programma principale minimale che ne testa la funzionalità. #include

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Realizzazione di Liste Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Domenico Redavid redavid@di.uniba.it Materiale di base gentilmente concesso dal dott. Nicola Di Mauro Ricercatore presso l'univ. di Bari

Dettagli

SARA DHANA. RELAZIONE NEGOZIO A.BASSI a.s.2013/2014

SARA DHANA. RELAZIONE NEGOZIO A.BASSI a.s.2013/2014 SARA DHANA RELAZIONE NEGOZIO A.BASSI a.s.2013/2014 Indice Traccia del programma pag 1 Analisi di massima pag 1 Tabella variabili php pag 1 Tabella variabili c++ pag 2 Sorgente pagina html pag 3 Sorgente

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE NOME: COGNOME: ============================================================== Esercizio 1 ci sono tante "righe"; non è detto servano tutte...

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Cesare Rota. Programmare con C++ EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

Cesare Rota. Programmare con C++ EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Cesare Rota Programmare con C++ EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2009 via Hoepli 5, 20121 Milano (Italy) tel. +39 02 864871 fax +39 02 8052886 e-mail hoepli@hoepli.it

Dettagli

Algoritmo per l individuazione dei punti di svolta basato su previsioni effettuate con un modello di lisciamento esponenziale.

Algoritmo per l individuazione dei punti di svolta basato su previsioni effettuate con un modello di lisciamento esponenziale. Algoritmo per l individuazione dei punti di svolta basato su previsioni effettuate con un modello di lisciamento esponenziale. Di seguito è riportata una breve trattazione riguardante l obiettivo dell

Dettagli

20. Appunti sulle liste (gestione in linguaggio C#) 16/04/2015 Arraylist

20. Appunti sulle liste (gestione in linguaggio C#) 16/04/2015 Arraylist 20. Appunti sulle liste (gestione in linguaggio C#) 16/04/2015 Arraylist Esamina il codice seguente, eseguilo passo passo (F11) e rispondi ai quesiti: using System; using System.Collections; class Program

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

1238 1*8 2 +2*8 1 +3*8 0

1238 1*8 2 +2*8 1 +3*8 0 COGNOME E NOME: Università degli Studi di Brescia ELEMENTI DI INORMATICA E PROGRAMMAZIONE ALLIEVI Ingegneria GESTIONALE PARTE A.1 - ELEMENTI 00/00/0000 NUM. MATRICOLA PER RITIRARSI SCRIVERE QUI "RITIRATO"

Dettagli

per le decisioni economiche e

per le decisioni economiche e Elaborazione automatica dei dati per le decisioni economiche e finanziarie VBA-MODULO 2 L ambiente VBA e la programmazione Università di Foggia Facoltà di Economia Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

ASP 3.0 Il Sito Dinamico

ASP 3.0 Il Sito Dinamico www.idstudio.it ASP 3.0 Il Sito Dinamico di Lorenzo Garassino Introduzione e scopo del libro 1. Scenario 1.1. Il panorama 1.2. Sito Statico o Dinamico? 1.3. Prospettive 2. Cos è ASP 2.1. Descrizione 2.2.

Dettagli

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel:

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Impostazioni di Excel IMPOSTAZIONI DI EXCEL Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Excel Options / Popular oppure Excel Options / Customize ribbon selezionare:

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Modulo 5 La programazione Unità 4 Selezione

Modulo 5 La programazione Unità 4 Selezione Modulo 5 La programazione Unità 4 Selezione Prof. Antonio Scanu 1 Quando si utilizza Il costrutto selezione Questo costrutto permette di effettuare una scelta fra due possibili alternative. Per effettuare

Dettagli

void funzioneprova() { int x=2; cout<<"dentro la funzione x="<<x<<endl; }

void funzioneprova() { int x=2; cout<<dentro la funzione x=<<x<<endl; } FUNZIONI 57. Cosa servono le funzioni? A spezzare il programma in diverse parti relativamente indipendenti fra loro, ovvero interagenti sono attraverso i parametri di input ed IL VALORE di uscita. In questo

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Appello dell 8 Febbraio 2005 Esercizio 1 (ASD) 1. Dire quale delle seguenti affermazioni è vera giustificando la risposta. (a) lg

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6 Pag. 1/6 Quello che vogliamo ottenere con questo database è un semplice programma che permetta di fare mailing tramite posta elettronica. 1 Dopo aver creato il database con Access 97 o 2000 è necessario

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Traccia. Analisi di massima

Traccia. Analisi di massima Es1. Cirruto Fabio Traccia Richiedere in input la quantità Q e l importo unitario I di una merce venduta; lo sconto S1 da applicare (percentuale) se la quantità venduta supera le 100 unità; lo sconto S2

Dettagli

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore.

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore. 1 Esercizio 1 1. Immaginate di avere una calcolatore che invece che poter rappresentare i classici due valori per ogni bit (0/1) possa rappresentare 7 valori per ogni bit. (a) Quanti bit gli occorreranno

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: RIPASSO E APPROFONDIMENTO DEGLI ARGOMENTI PRECEDENTI 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze 4 Esercizi Prima Parte 4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze Esercizio 4 1 Rispondere alle seguenti domande: 1. Come misuriamo l efficienza di un algoritmo?. Quali sono gli algoritmi più

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno UD 3.1b: Costrutti di un Algoritmo Dispense 1.2 I Costrutti di base 13 apr 2010

Dettagli

$qb reale output Litri di benzina consumati pa.php

$qb reale output Litri di benzina consumati pa.php ES. 5 Pini Domenico Traccia Un rappresentante può scegliere di essere pagato nei seguenti modi: a) euro 0,75 al kilometro; b) 500 euro fissi più il rimborso della benzina. Conoscendo i Kilometri percorsi

Dettagli

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dall Algoritmo al Programma. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dall Algoritmo al Programma Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni IL PROGRAMMA Gli algoritmi sono modelli di descrizione astratti e per controllarne il funzionamento devono essere

Dettagli

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015 Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016 Esercizi proposti il 09-12-2015 ESERCIZI GUIDATI Gli esercizi saranno svolti in aula dal docente di laboratorio per illustrare alcuni

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Algoritmi su array / 2

Algoritmi su array / 2 Corso di Informatica Algoritmi su array / Anno Accademico / Francesco Tortorella Algoritmi su array Operazioni tipiche sugli array: inizializzazione lettura stampa ricerca del minimo e del massimo ricerca

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Introduzione alla programmazione in C++ 1 Un introduzione Che cosa è il C++? La programmazione procedurale La programmazione orientata agli oggetti La programmazione

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie a Visual Basic Lezione 2 Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Perché i cicli? Un esempio concreto Finora abbiamo visto

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Algoritmi su array / 2

Corso di Fondamenti di Informatica Algoritmi su array / 2 Corso di Fondamenti di Informatica Algoritmi su array / Anno Accademico 00/009 Francesco Tortorella Algoritmi su array Operazioni tipiche sugli array: inizializzazione lettura stampa ricerca del minimo

Dettagli

Ammortamento di un debito

Ammortamento di un debito Algoritmi e dintorni: Ammortamento di un debito: Ricerca del tasso Prof. Ettore Limoli Ammortamento di un debito In questa nostra trattazione non ci addentreremo in problemi di matematica finanziaria o

Dettagli

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA A tutti i soggetti che intraprendono un attività rilevante ai fini Iva (impresa, arte, professione), al momento della presentazione della dichiarazione

Dettagli

Relazione del sito della palestra

Relazione del sito della palestra Elisa Erialti IV D sia, ITCG A. Bassi Relazione del sito della palestra A.S. 2013/2014 Relazione di Elisa Erialti Pag. 1 Indice: Pag 3 Traccia del problema Pag 4 Analisi analitica Pag 5 Tabella delle variabili

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application Excel & VBA Excel e Visual Basic for Application Automazione Excel con VBA incorpora la tecnologia dell automazione (OLE automation) Excel dialoga con VBA attraverso un insieme di comandi detto libreria

Dettagli

ITIS E. BARSANTI POMIGLIANO D ARCO CORSO DI SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI Prof. Paolo Bisconti

ITIS E. BARSANTI POMIGLIANO D ARCO CORSO DI SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI Prof. Paolo Bisconti ITIS E. BARSANTI POMIGLIANO D ARCO CORSO DI SISTEMI ELETTRONICI AUTOMATICI Prof. Paolo Bisconti SIMULAZIONE DI UN AUTOMA A STATI FINITI CON VISUAL BASIC 1. Introduzione L automa preso in considerazione

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

Userform : Come crearle

Userform : Come crearle Ads by GoogleFree Excel Tutorial A Dedicated Website To Free Excel Tutorial Your-Tutorial.infoOffice Open XML Work With XML Data Saved in Office 2007 Documents. Try Free! www.altova.com/officeopenxml Finora

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Esercizio. Pseudocodice

Esercizio. Pseudocodice Esercizio Trovare quoziente e resto di una divisione intera per differenze successive (supponendo cioè di non disporre dell operatore di divisione) Dati di Input: D, D1 (supponiamo D1>0) Dati di Output:

Dettagli

Le stringhe. Le stringhe

Le stringhe. Le stringhe Informatica: C++ Gerboni Roberta Stringhe di caratteri (esempi di utilizzo dei vettori) Nel linguaggio C++ una stringa è semplicemente un vettore di caratteri Vettori di caratteri La stringa "hello" è

Dettagli

PYTHON CHEAT SHEET. Rapido documentazione di consultazione per istruzioni, funzioni e tipi in Python. #stampa le variabili x e y

PYTHON CHEAT SHEET. Rapido documentazione di consultazione per istruzioni, funzioni e tipi in Python. #stampa le variabili x e y PYTHON CHEAT SHEET Rapido documentazione di consultazione per istruzioni, funzioni e tipi in Python OUTPUT print Ciao print x,y #stampa una stringa #stampa le variabili x e y print %s... %s %(x,y) #stampa

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard)

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard) Capitolo 6 Input/output su file BOZZA 6.1 Stream e file L input/output in C ++, in particolare quello su file, avviene tramite stream. stream. Uno stream è un astrazione di un canale di comunicazione,

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

If a cascata, switch, boolean

If a cascata, switch, boolean If a cascata, switch, boolean If a cascata Switch Il tipo boolean Operatori logici, valutazione pigra 1 If a cascata Consideriamo una semplice classe che deve descrivere con una stringa gli effetti di

Dettagli

L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala

L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala L algoritmo di ricerca binaria Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala L algoritmo di ricerca binaria (o dicotomica) In informatica,, la ricerca dicotomica

Dettagli

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application

Excel & VBA. Excel e Visual Basic for Application Excel & VBA Excel e Visual Basic for Application Automazione Excel con VBA incorpora la tecnologia dell automazione (OLE automation) Excel dialoga con VBA attraverso un insieme di comandi detto libreria

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Trattamento delle STRINGHE in C(++)

Trattamento delle STRINGHE in C(++) Trattamento delle STRINGHE in C(++) Le cose che qui vengono dette valgono sia per il linguaggio C che per il C++. Nel linguaggio C non esiste, a differenza di quel che avviene per altri linguaggi di programmazione

Dettagli