La trasparenza del dato archeologico 3D: stato dell arte su software e formati aperti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La trasparenza del dato archeologico 3D: stato dell arte su software e formati aperti"

Transcript

1 La trasparenza del dato archeologico 3D: stato dell arte su software e formati aperti E. Demetrescu CNR ITABC

2 Il lavoro sul campo dell archeologo e dell architetto (nel campo del digitale): Restituzione (reality based models) Acquisizione, post-processing, visualizzazione Ricostruzione (non reality based models) Studio, modellazione, visualizzazione

3 L asset digitale (restituzione e ricostruzione) Dovrebbe conservare le informazioni utili a rileggere la storia della sua produzione Dovrebbe poter essere condiviso e riutilizzato, anche in vista di una sua conservazione futura

4 La trasparenza del dato visivo I principi del London Charter hanno sottolineato da tempo il problema senza indicare soluzioni di tipo applicativo I Principi d Siviglia si sono mossi verso questa direzione senza raggiungere ancora un risultato condiviso

5 La trasparenza da un punto di vista del software e del formato Metadati associati agli asset Formato dell asset digitale

6 Metadati I metadati applicati ai beni culturali Dublin Core (vocabolario di proprietà tipo ), punto di riferimento semantico per il web dalla metà degli anni 90, nasce dall OCLC (grande rete americana di servizi per le biblioteche).

7 Metadati Principali paradigmi concettuali CIDOC-CRM (standard ISO dal 2006) è accettato come punto di partenza per le definizioni e la struttura formale dei metadati. NB: Un paradigma concettuale non è ancora un metadata schema.

8 Metadati Metadata Schema: creati nell ambito del CIDOC-CRM -> Polis XML sviluppati all interno di progetti europei come LIDO e CARARE Tra questi solo CARARE pone un accento particolare sul tipo di media digitale (oggetto 3D, filmato, etc..) eletti a strumenti a carattere nazionale come MIDAS in Inghilterra

9 Metadati Interoperabilità fra metadata schema: Strumenti per mappare ed integrare dati eterogenei tool Mint (LIDO) RDFa è un formato W3C compliant (per aggiungere metadati complessi a pagine web) XML, linguaggio di MarkUp

10 Metadati Difficoltà all adozione dei metadati: Necessità di personale qualificato La complessità è strettamente connessa con il tipo di asset coinvolto

11 Metadati Complessità e tipo di asset: Metadati per modelli restitutivi (reality based) Naturale evoluzione del libretto di campagna Metadati per modelli ricostruttivi (non reality based) Maggiore articolazione dei metadati

12 Metadati Un esempio: il grado di affidabilità/precisione Scansione laser -> tolleranza di errore (basato su letture strumentali e valori discreti) Ricostruzione -> deriva da una serie di fattori eterogenei di difficile discretizzazione (basato su fenomeni storici affrontati con metodo analitico comparativo)

13 Metadati Scarsa adozione dei metadati nell utilizzo sul campo Dati dell intervista ai partner V-MUST Necessità di un sistema per completare il data ingestion durante la produzione

14 Formati 3D Importanza del contenitore o formato 3D Accessibilità del dato 3D, storage a medio e lungo termine. Formati open / closed, questione aperta grazie alla sensibilizzazione operata da iniziative come l ArcheoFOSS. Formati standard (o accettati come tali) / formati poco diffusi. Il caso del formato PDF.

15 Formati 3D Mancanza di un formato 3D di scambio e storage? Obj e 3DS non hanno ottenuto il successo sperato anche a causa di lacune tecniche insite nei formati stessi. FBX è il formato più utilizzato ma costretto nel circuito di accordi commerciali, inadatto allo storage definitivo di una documentazione archeologica. Collada negli ultimi mesi sembra aver fatto il salto di qualità.

16 Formati 3D Collada come formato preferenziale per molte società di settore (2012) Apple si basa su collada come formato di default per la sua piattaforma di contenuti editoriali ibook In luglio diventa ISO (ISO/PAS 17506:2012) Unity 3D, basato fin dall inizio su FBX, estende la compatibilità a Collada (plug-in). La maggior parte dei pacchetti 3D migliorano la loro compatibilità a Collada.

17 Formati 3D Quanto è importante l adozione da parte di grandi società al successo di un formato? Il caso di Open EXR (http://www.openexr.com) E' un formato di immagine HDR per l'utilizzo in applicazioni di computer imaging. Creato da ILM (Industrial Light & Magic, una divisione di Lucasfilm Ltd) Formato Open rilasciato con licenza BSD E' ormai uno standard nel settore ed è ampiamente usato.

18 Formati 3D Volontà delle grandi società di arrivare a degli standard L attuale ruolo di ILM (Industrial Light & Magic, divisione di Lucas Ltd) OpenEXR -> standard riconosciuto Ventaglio di formati:alembic, OpenColorIO, OSL Fra questi non c è un formato 3d di scambio a fare da concorrente a Collada e non è un caso in quanto Sony finanzia sia Kronos Group (collada) che ILM.

19 Caso di studio della Villa di Livia (CNR-ITABC e Fraunhofer) Metadati Modelli 3D Esempio di riutilizzo di asset creati alcuni anni prima e reimpiegati in una nuova applicazione 3d.

20 Museo Virtuale della Via Flaminia Antica: 2008 Dal Museo Nazionale Romano (Terme di Diocleziano) Progetto di realtà virtuale multiutenza (4 utenti) Esplorazione interattiva di 2 siti (Villa di Livia e Malborghetto) e filmica di altri 2 (Grottarossa, Ponte Milvio) sulla Flaminia video from min. 3:40

21 Museo Virtuale della Via Flaminia Antica: 2008 Dati acquisiti con tecniche range based e image based Modellazione 3d software closed (3d Studio Max) modelli ricostruttivi (creazione della villa di I sec d.c.) modelli restitutivi (ottimizzazione meshes) modellazione characters -> filmati software Virtools dev licenze runtime (1 server e 4 clients) Proiettore stereo attivo

22 Museo Virtuale della Via Flaminia Antica: 2011 > chiusura della sala: giugno problemi di manutenzione (personale dei musei non è pronto a gestire giornalmente in piena autonomia un'installazione tecnologica). spegnimento / accensione. mancanza di condizionamento > schede grafiche. licenze run time!! (> 1 mese di chiusura della sala! Dassault Systemes)

23 Lo scopo del progetto è portare gli ambienti della Villa di Livia in un'applicazione online, renderli esplorabili in maniera interattiva, e consentendo agli utenti di accedere ai metadati cliccando sugli oggetti, partendo dai 7 ambienti principali. Obbiettivo realizzabile con un server LAMP + X3Dom.

24 Behind Livia's Villa: Riutilizzo degli asset digitali della villa di Livia (il sito più importante) Accesso on line dei Dati Multimediali Focus sull'accesso alle informazioni connesse ai dati (metadati) comprese quelle relative al processo di interpretazione e ricostruzione (informazioni non accessibili nell'applicazione al museo) Test di sistema non a plug-in: webgl / X3Dom

25 Gli asset della Villa di Livia Modelli 3d della villa allo stato attuale (.max) meshes ottenute da scanner laser meshes decimate per l'applicazione in realtime textures ottenute da battuta fotografica sul campo Modelli 3d della villa ricostruita (.max) modellati direttamente nel software di modellazione a partire dai dati disponibili e secondo un'ipotesi ricostruttiva textures preparate a partire da uno studio filologico

26 Come passare da 3DStudio Max a Blender? file originali in formato.max esportazione da 3DStudioMax in diversi formati "intermedi" per cercare la pipeline più agevole: o 3DS: Il formato viene letto correttamente da Blender ma non supporta nomi più lunghi di 8 caratteri o dae collada: Il formato al momento della conversione non era correttamente interpretato da Blender. Nella prima parte del 2012 la Blender Foundation era sul punto di rinunciare completamente a questo formato a causa dello scarso supportoforito dalla comunità di OpenCollada. In pochi mesi collada ha decisamente invertito la rotta. o Obj: il formato è correttamente interpretato per quanto concerne le geometrie e, con alcuni accorgimenti, permette di importare correttamente i modelli in Blender o Esiste un tool di passaggio da Max a Blender basato su obj: Export/3DS_MAX_Scene_Interchange

27 Da 3DStudio Max a Blender tramite Obj Problemi riscontrati i nomi degli oggetti: gli oggetti hanno assunto solo una numerazione incrementale. i nomi delle meshes sono corretti. attraverso uno script è possibile ripristinare i nomi: meshes -> oggetti trasparenze nei materiali tramite script è possibile modificare tutti i materiali insieme

28

29 Conclusioni, questioni aperte La conversione (senza perdere informazioni) da formati chiusi a formati aperti è una questione aperta e necessita' di linee guide ed esempi disponibili per la comunità: o necessita comunque un'installazione del software proprietario di partenza L'ottimizzazione dei modelli 3d (già realizzati) fra applicazioni on-site e applicazioni on-line comporta delle scelte ed un aggravio di lavoro per la produzione dei livelli di dettaglio Lo storage dei modelli e dei metadati ed il loro riutilizzo finalizzato alla visualizzazione interattiva on line comporta delle scelte di infrastruttura del lavoro ancora in discussione questioni relative alla scelta del Propriety Right nel settore Beni Culturali nel caso di applicazioni 3d on line connesse a repository e sistemi di storage accessibili all utente

30 Aspettative Il progetto della Villa di Livia è on going e sarà concluso presumibilmente entro fine anno. Qual'è il risultato aspettato? A conclusione del lavoro dovrebbe essere possibile: - rendere nuovamente disponibili on line, per una fruzione anche domestica da parte del pubblico, gli assets 3d, connessi ai metadati, mantenendo qualità e contenuto informativo, senza introdurre particolari oneri economici, aprendo la strada ad ulteriori sperimentazioni future. - mettere a disposizione anche la documentazione relativa alle conversioni dei dati e alla costruzione dell'applicazione on line step-by-step (al momento stiamo utilizzando Trac (in HPC-FORGE))

Museo virtuale dell'antica Via Flaminia Behind Livia's Villa

Museo virtuale dell'antica Via Flaminia Behind Livia's Villa Museo virtuale dell'antica Via Flaminia Behind Livia's Villa un progetto di ricerca sulla trasparenza del dato in ambiente 3d Web S. Pescarin*, E. Demetrescu*, D. Ferdani*, G. Lucci Baldassari* T. Drevensek**

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE è l insieme di servizi, strumenti e tecniche che rendono un sito web accessibile e ottimizzato per assicurare che venga rinvenuto nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Dettagli

V-MUST ITALIAN VIRTUAL HERITAGE SCHOOL CNR-ISTI PISA, 1-12 LUGLIO 2013

V-MUST ITALIAN VIRTUAL HERITAGE SCHOOL CNR-ISTI PISA, 1-12 LUGLIO 2013 V-MUST ITALIAN VIRTUAL HERITAGE SCHOOL CNR-ISTI PISA, 1-12 LUGLIO 2013 Soluzioni virtuali per la contestualizzazione dei reperti ceramici in esposizioni museali Eliana CAPIATO, Daniele LICARI, Ilaria MANZINI,

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

ReMuNa: un esperienza di Information Grid

ReMuNa: un esperienza di Information Grid ReMuNa: un esperienza di Information Grid Mario Mango Furnari Istituto di Cibernetica E. Caianiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Pozzuoli 1 Obiettivi del progetto Nel rispetto delle reciproche differenze,

Dettagli

Sommario DEL BUON USO DEGLI STRUMENTI 10 2 UNA PIPELINE PER L'ACQUISIZIONE DI DATI 3D 38 3 IL PROGETTO DEL RILIEVO 64~ 1 INTRODUZIONE 16~

Sommario DEL BUON USO DEGLI STRUMENTI 10 2 UNA PIPELINE PER L'ACQUISIZIONE DI DATI 3D 38 3 IL PROGETTO DEL RILIEVO 64~ 1 INTRODUZIONE 16~ Sommario DEL BUON USO DEGLI STRUMENTI 10 Pier Giovanni Guzzo 1 INTRODUZIONE 16~ Benedetto Benedetti, Marco Galani, Fabio Remondino 1.1 II contesto 20_ 1.2 Un framework per la ceazione e l'utilizzo di modelli

Dettagli

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Smart City Exhibition 2013 Dall informazione pubblica alla crescita economica: gli open data come veicolo di sviluppo

Dettagli

Spettabile. Termine attività PREMESSA

Spettabile. Termine attività PREMESSA Spettabile Ogetto: Regione Lazio - Bando per l educazione permanente degli adulti. Misura 1.a di Sistema. Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 - (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

II BIT: In..formati sui file

II BIT: In..formati sui file II BIT: In..formati sui file 10 Giugno 2015 Ma quanto liberi? 10 Giugno 2015 1 / 46 Argomenti 1 Introduzione 2 Formati proprietari, aperti o liberi? 3 I file 4 Immagini, musica e video 5 Compatibilità

Dettagli

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi 1. Android App Android App Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi Adriano Mancini mancini@dii.univpm.it Si deve sviluppare

Dettagli

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE CulturaItalia Presentazione del Portale della Cultura italiana 2 CulturaItalia CulturaItalia è il primo portale in Italia ad offrire un punto

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

OpenSceneGraph & OSG4Web

OpenSceneGraph & OSG4Web OpenSceneGraph & OSG4Web Parte 1 OpenSceneGraph Introduzione alla creazione di una Applicazione 3D e OpenGL Basi di OpenSceneGraph Demo e prove pratiche Parte 2 Navigazione e Virtual Worlds su larga scala

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio Allegato K Formati Informatici Premessa In generale tutti i formati che rispondono alle seguenti caratteristiche possono essere

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali

La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali Cristina Ferrus, Giulia Scarcia GdP Digitalizzazione, SBA Università di Torino Paola Laguzzi Direzione

Dettagli

ComunWeb. verso l Agenda Digitale. locale, nazionale, europea. pratiche e tecnologie per la gestione del territorio

ComunWeb. verso l Agenda Digitale. locale, nazionale, europea. pratiche e tecnologie per la gestione del territorio verso l Agenda Digitale locale, nazionale, europea ComunWeb pratiche e tecnologie per la gestione del territorio! multi-canalità e nuovi servizi per Cittadini ed Enti Locali contesto: chi è coinvolto Comunità

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. ALLEGATO 2 al Bando Progetti innovativi di Creatività Digitale ideati

Dettagli

Manuale Utente Vincoli In Rete

Manuale Utente Vincoli In Rete Ministero per i Beni e le Attività Culturali Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro Manuale Utente Vincoli In Rete Sommario 1 Scopo... 3 2 Introduzione... 3 3 Funzionalità Utente... 3 3.1

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

MEDIA LIBRARY Biblioteca Digitale di pubblica lettura Progetto di cooperazione tra realtà bibliotecarie

MEDIA LIBRARY Biblioteca Digitale di pubblica lettura Progetto di cooperazione tra realtà bibliotecarie Seriate, 23 maggio 2008 seminario "Nuove tecnologie e nuovi servizi in una biblioteca di pubblica lettura" MEDIA LIBRARY Biblioteca Digitale di pubblica lettura Progetto di cooperazione tra realtà bibliotecarie

Dettagli

Stampa di dati variabili (VDP)

Stampa di dati variabili (VDP) 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 9 giugno 2014 Indice 3 Indice

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834 corso GRATUITO: CHIEDI IL VOUCHER DI FORMAZIONE REGIONALE! Corso di specializzazione della durata di 450 ore: si svolgerà con una frequenza di 3/4 volte a settimana, in orario pomeridiano/serale (presumibilmente

Dettagli

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti dei corsi Il corso denominato G1 non compare in quanto le iscrizioni all incontro col prof. Tagliagambe sono stati diversamente contemplati. Il codice del corso, indicato sulla destra nella casella dei

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

Business Intelligence. strumento per gli Open Data

Business Intelligence. strumento per gli Open Data Business Intelligence strumento per gli Open Data Progetti di innovazione Progetti di innovazione negli Enti Locali Perchè? Forte cultura dell'adempimento Minore sensibilità per la verifica dei servizi

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Premessa: Considerato che: 1. le attuali funzionalità e requisiti connessi alle piattaforme web della Pubblica

Dettagli

3D e Realtà Virtuale

3D e Realtà Virtuale 3D e Realtà Virtuale Modello 3D La costruzione di un modello 3D, così come la realizzazione di un plastico tradizionale, necessita di grande precisione e attenzione conoscitiva. Tale modello convoglia

Dettagli

9. Architetture di Dominio

9. Architetture di Dominio 9. Architetture di Dominio imparare dall esperienza comune Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 9. Architetture di Dominio 1 / 20 Sommario 1 Architetture

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Progetto Cluster REGOLAMENTO. Soggetto Attuatore UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA

Progetto Cluster REGOLAMENTO. Soggetto Attuatore UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E NEL TERRITORIO Progetto Cluster Archiviazione e distribuzione

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti.

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti. Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Tecnologia Sviluppo Sostenibilità

A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Tecnologia Sviluppo Sostenibilità A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Sviluppo Sostenibilità Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di primo grado Materia La proposta culturale e didattica Il progetto del libro Un percorso

Dettagli

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a.

Soggetti promotori: Comune di Teramo. Regione Abruzzo. Arcus s.p.a. Soggetti promotori: Comune di Teramo Regione Abruzzo Arcus s.p.a. Partners scientifici: Virtual Heritage Lab, Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali School of Social Sciences, Humanities

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento

LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento Un progetto di innovazione didattica dell Istituto Comprensivo Statale "Galileo Galilei" - Pieve a Nievole Lezione 3 LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento a cura di Carlo Mariani

Dettagli

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh www.terrelogiche.com Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh >>ROMA >>07-08-09 ottobre 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale. Sapienza Università di Roma, Via Eudossiana,

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software

AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software AVIPA 1. Presentazione generale dell'ambiente software Viterbo, 10 Dicembre 2008 Presentazione a cura di Slide n.1 AVIPA: l'ambiente software Queste slides rappresentano le prime indicazioni sul lavoro

Dettagli

Ist. Di ricerca: Istituto per le Tecnologie Applicate ai BB.CC. (CNR) : CHI SIAMO

Ist. Di ricerca: Istituto per le Tecnologie Applicate ai BB.CC. (CNR) : CHI SIAMO L'ITABC opera con competenze in archeologia, architettura, chimica, fisica, geofisica, geologia, ingegneria ed informatica, indispensabili per lo studio del Patrimonio Culturale. Queste diverse competenze

Dettagli

LOWE PIRELLA CORTINA, 21 GENNAIO 2005

LOWE PIRELLA CORTINA, 21 GENNAIO 2005 LOWE PIRELLA CORTINA, 21 GENNAIO 2005 In collaborazione con Hyphen Italia, è stato realizzato un database (Chalco Image Data Bank) versatile e user friendly per la gestione di: flussi di informazioni e

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Cataloghi per i dati aperti Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica, organismo

Dettagli

Rossella Caffo Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane. Roma, EAGLE Conference 16 maggio2014

Rossella Caffo Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane. Roma, EAGLE Conference 16 maggio2014 Rossella Caffo Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane Roma, EAGLE Conference 16 maggio2014 AthenaPlus AthenaPlus è una Best Practice Network collegata all ecosistema di Europeana

Dettagli

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org Creare un portale europeo multilingue che dà accesso integrato al patrimonio culturale europeo attraverso le collezioni

Dettagli

I significati del nostro impegno a favore del. software libero aperto gratuito nella scuola. E in particolar modo. a favore dei Bisogni Speciali

I significati del nostro impegno a favore del. software libero aperto gratuito nella scuola. E in particolar modo. a favore dei Bisogni Speciali LIBERTÀ DIGITALE cominciamo dalla SCUOLA I significati del nostro impegno a favore del software libero aperto gratuito nella scuola E in particolar modo a favore dei Bisogni Speciali e delle opportunità

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

"TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "

TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto " TileStudio-Web Cos'è TileStudio-Web? TileStudio Web è la risposta più completa a tutte le esigenze del settore ceramico. Un potentissimo strumento

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design

Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design Dipartimento INDACO Facoltà del Design - III Facoltà d Architettura Politecnico di Milano Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design

Dettagli

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva DidActive Box Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva Laboratorio aperto Ogni classe, un laboratorio: questa prospettiva è possibile con DidActive Box, che unisce l ultima versione

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli

PADS Professional 3.1 by Net Display Systems. Principali Caratteristiche

PADS Professional 3.1 by Net Display Systems. Principali Caratteristiche PADS Professional 3.1 by Net Display Systems Principali Caratteristiche Flash (SWF) interattivo oppure EXE (plugin) Slideshow di Grafiche (JPG, BMP, GIF, PNG, ecc) o Video (qualunque Codec) con transizioni,

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2011/12 Modulo 5 editoria digitale e ebooks editoria elettronica e cultura del libro l editoria elettronica non è solo web o

Dettagli

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 STRUMENTI PER LA VISUALIZZAZIONE E LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO E GESTIONE DEI CENTRI

Dettagli

Nuove Tecnologie Open Source per una Scuola che integra

Nuove Tecnologie Open Source per una Scuola che integra Presentazione e guida introduttiva all'uso della Distribuzione :: Cos' e' :: Cos' e' SoDiLinux :: Perché una nuova versione SoDiLinux :: L'idea :: La collaborazione con ITD CNR :: Criteri di scelta del

Dettagli

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Rossella Caffo Direttore Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane Milano, 14

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 09/2013 - Procedura comparativa per il conferimento di due incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo di Specialista nella progettazione, sviluppo e integrazione di

Dettagli

1 di 5 18/10/2012 01:36

1 di 5 18/10/2012 01:36 Server: localhost Database: corsi_parole_poli Tabella: orientamento Mostra Struttura SQL Cerca Inserisci Esporta Importa Operazioni Svuota Elimina Visualizzazione record 0-158 (159 Totali, La query ha

Dettagli

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

BANDO FARE IMPRESA DIGITALE Nuove tecnologie digitali per le Piccole e Medie Imprese

BANDO FARE IMPRESA DIGITALE Nuove tecnologie digitali per le Piccole e Medie Imprese BANDO FARE IMPRESA DIGITALE Nuove tecnologie digitali per le Piccole e Medie Imprese MISURA A 1: SUPPORTO A PROGETTI PER L ADOZIONE DI NUOVE TECNOLOGIE DIGITALI PER LE START- UP MISURA A2: SUPPORTO A PROGETTI

Dettagli

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali TRAME :: web 2.0 e archivi digitali Gianni Corino - Andrea Bottino Politecnico di Torino Trame Tecnologie e ambienti di rete per la memoria culturale del XXI secolo Progetto PRIN biennale (2005-2007) cofinanziato

Dettagli

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.1 3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.2 VLE: un Un ambiente VLE è un integrato ambiente integrato L idea di ambiente include la nozione di integrazione di funzioni e contenuti

Dettagli

Installazione di Solid Edge ST 4

Installazione di Solid Edge ST 4 Installazione di Solid Edge ST 4 Quella che segue è la possibilità correntemente attiva per consentirvi di esercitarvi a casa. Tale possibilità è riservata esclusivamente agli studenti del Politecnico

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

2. La visita virtuale sul Sito www.musint.it

2. La visita virtuale sul Sito www.musint.it 2. La visita virtuale sul Sito www.musint.it Daniela Cini Laboratorio di Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali Università degli Studi di Firenze info@geomaticaeconservazione.it

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto)

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto) Universitá degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea in Informatica Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione

Dettagli

Il progetto partecipa a

Il progetto partecipa a Il progetto partecipa a Fondazione Masaccio Con il patrocinio di 3D ArcheoLab La cultura non è proprietà di persone, di classi, di singoli paesi; è di tutti. Giulio Carlo Argan, 1986 Il progetto intende

Dettagli

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali CIG: 6261506635 Specifiche tecniche Pagina 1 Sommario 1. Oggetto del servizio... 3 1.1 Contesto

Dettagli

Luca La Fauci Scienza degli alimenti

Luca La Fauci Scienza degli alimenti Luca La Fauci Scienza degli alimenti Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di secondo grado Istituti Professionali Settore Servizi, Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità

Dettagli

Prot. n. 2018/2014/A Verona, li 03.11.2014. Corso di aggiornamento professionale

Prot. n. 2018/2014/A Verona, li 03.11.2014. Corso di aggiornamento professionale Prot. n. 2018/2014/A Verona, li 03.11.2014 A TUTTI I GEOMETRI ISCRITTI ALL ALBO - LORO SEDI Corso di aggiornamento professionale RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D E GESTIONE DELLE MESH Principali metodologie

Dettagli

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Rossella Caffo Ministero per i Beni e le Attività Culturali Le iniziative del MiBAC La rete MINERVA MICHAEL Il

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

SiStema dam e Stampa. automatizzata

SiStema dam e Stampa. automatizzata 0100101010010 0100101010 010101111101010101010010 1001010101010100100001010 111010 01001010100 10101 111101010101010010100101 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 1 0 1 0 1 1 1 0 1 0 010010101001010 1111101010101

Dettagli

Digital Museum Expo @ Rome

Digital Museum Expo @ Rome Digital Museum Expo @ Rome Taberne dei Mercati di Traiano 24 28 Settembre 2014 PROGRAMMA / PROGRAMME La mostra è ospitata all'interno delle tabernae dei Mercati di Traiano. Il percorso di visita esplora

Dettagli

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA AVVISO SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA Il Comune di Firenze, per favorire la trasparenza, il dialogo e la partecipazione dei cittadini intende sperimentare nuove forme di contatto

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY Giugno 2010 Teleskill Learning Community Teleskill Learning Community è un portale on-line che consente al cliente di gestire

Dettagli

creazione di oggetti

creazione di oggetti La stampa 3D (conosciuta nel mondo anche nella versione inglese del termine come 3D printing) è una nuova tecnologia sviluppata a negli ultimi anni che costituisce una vera e propria evoluzione della stampa

Dettagli

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia Portali EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia L ESIGENZA Nel quadro delle politiche di e-government e per migliorare i servizi ai cittadini, molte amministrazioni locali hanno

Dettagli

Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015

Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015 Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015 una risorsa Open-Source per costruire didattica inclusiva CTS Venezia Maggio 2015 Prof.Francesco Fusillo C.T.S. - U.S.T.

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CALABRIA SERVIZIO GENERALE BILANCIO E PROGRAMMAZIONE

DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CALABRIA SERVIZIO GENERALE BILANCIO E PROGRAMMAZIONE Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CALABRIA SERVIZIO GENERALE BILANCIO E PROGRAMMAZIONE SETTORE II GARE E CONTRATTI (POR CALABRIA

Dettagli

PHP ), con l'introduzione di un middleware quale Zend Framework a

PHP ), con l'introduzione di un middleware quale Zend Framework a Quella che segue è la rappresentazione ad alto livello dell'architettura proposta per il sistema in corso di realizzazione. In questa fase non vengono ancora affrontate le tematiche di sicurezza, load

Dettagli

GUIDA AL BILANCIO. Sommario

GUIDA AL BILANCIO. Sommario GUIDA AL BILANCIO Sommario Premessa...2 Elementi fondamentali...2 Parametri azienda...3 Schema di Riclassificazione...4 Piano dei Conti...7 Periodi...9 Gestione Chiusura Bilanci...13 Società con contabilità

Dettagli

Microsoft DCCN. Digital Commerce & Campaign Network. Guida operativa per i Partner

Microsoft DCCN. Digital Commerce & Campaign Network. Guida operativa per i Partner Microsoft DCCN Digital Commerce & Campaign Network Guida operativa per i Partner Edizione Marzo 2012 Introduzione La straordinaria evoluzione dei comportamenti dei consumatori nell era digitale ha senza

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli