Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione"

Transcript

1 Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Sviluppo sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione e gestione degli eventi avversi Gestione della relazione e della comunicazione interna e con il cittadino e/o per gli eventi avversi Azienda Razionale La comunicazione degli eventi avversi, è una comunicazione difficile per definizione in quanto si tratta di gestire la relazione con persone che hanno subito un danno alla salute provocato da chi avrebbe dovuto favorirne la guarigione. La letteratura internazionale e gli indirizzi di politica sanitaria nazionale evidenziano la possibilità e la necessità di definire politiche di gestione del rischio clinico che promuovono la trasparenza e l apertura ai cittadini, ritenute le strategie migliori da un punto di vista etico e funzionale per la riduzione dei rischi e del contenzioso (National Patient Safety Agency UK, Harvard Hospitals USA). Elemento fondamentale di queste politiche è la definizione di modalità di gestione della comunicazione degli eventi avversi sia per quanto riguarda la comunicazione interna all organizzazione sanitaria che quella esterna con il cittadino e l opinione pubblica. In coerenza con la letteratura internazionale e nazionale, la Regione Toscana con la Delibera GRT 225/2006 azioni di coordinamento e sviluppo delle attività GRC e il DGR n. 704 del 08/10/2007 gestione eventi sentinella ha fornito alle aziende indicazioni su come gestire eventi che hanno dato luogo alla denuncia o al reclamo per capire se si tratta o meno di eventi avversi, e su come gestire gli eventi avversi anche più gravi quali gli eventi sentinella. Tali atti prevedono inoltre che le aziende si attivino per comunicare tempestivamente con i pazienti ed i. L obiettivo della buona pratica è quello di definire, in coerenza con gli atti sopra citati, gli elementi base di una buona pratica per la gestione della comunicazione interna all azienda ed esterna degli eventi avversi. La buona pratica si ispira ad alcuni principi di fondo: l empatia, il tempismo, l approccio non colpevolizzante e non difensivo, la trasparenza, l alleanza con il cittadino, la fiducia, l impegno per il miglioramento, la collaborazione e il coinvolgimento. Requisiti minimi I percorsi di gestione della comunicazione di un evento avverso possono essere differenziati in relazione ai tempi di identificazione dell evento: in alcuni casi è possibile che gli operatori si rendano immediatamente conto che qualcosa è andato male e che si attivino per porvi rimedio e limitarne le conseguenze, in altri casi l evento può essere identificato solo a posteriori a seguito della segnalazione spontanea da parte degli operatori, oppure a seguito di denuncia o reclamo. Anche i tempi della comunicazione dell evento avverso sono pertanto differenziati a seconda delle capacità e delle fonti d identificazione del problema. I requisiti della buona pratica vanno quindi strutturati sulle diverse casistiche che possono presentarsi e che sono identificabili in: SCENARIO 1: Evento senza danno (durante le prestazioni). Requisiti: Definizione di modalità di coordinamento interno e di gestione della comunicazione coerenti con le indicazioni fornite nell Allegato 1 - Schemi di descrizione del funzionamento organizzativo aziendale. SCENARIO 2: Evento sentinella (durante le prestazioni). Requisiti: Definizione di modalità di coordinamento interno e di gestione della comunicazione coerenti con le indicazioni fornite nell Allegato 1 - Schemi di descrizione del funzionamento organizzativo aziendale. SCENARIO 3: Reclami (post dimissione). Requisiti: Definizione di modalità di coordinamento interno e di gestione della comunicazione coerenti con le indicazioni fornite nell Allegato 1 - Schemi di descrizione del funzionamento organizzativo aziendale. SCENARIO 4: Denunce per lesioni personali, decessi e lesioni di diritti (post dimissione). Requisiti: Definizione di modalità di coordinamento interno e di gestione della comunicazione coerenti con le indicazioni fornite nell Allegato 1 - Schemi di descrizione del funzionamento organizzativo aziendale. Formazione finalizzata alla messa in atto degli scenari proposti. Livello di prestazione 1. Deliberazione Recepimento della buona pratica con atto aziendale. 2. Attuazione Applicazione dei requisiti minimi.

2 3. Valutazione Indicatori di processo 1) Presenza di una procedura organizzativa aziendale formale e condivisa fra tutti gli operatori interessati relativa alla gestione della relazione e della comunicazione interna e con il cittadino e/o per gli eventi avversi. 2) Personale formato alla comunicazione difficile sul totale del personale. 3) Numero di segnalazioni relative ad eventi senza danno in seguito alle quali si è attivata una comunicazione come da procedura (differenziando fra quelli che sono stati comunicati anche al cittadino e quelli che sono rimasti interni) su numero di segnalazioni totale nell anno. 4) Numero di ES in seguito ai quali si è attivata una comunicazione come da procedura su numero di ES segnalati nell anno. 5) Numero di reclami di tipo tecnico professionale per i quali si è attivata una comunicazione come da procedura (differenziando fra quelli gestiti con colloqui e quelli gestiti con comunicazione scritta) su numero totale di reclami tecnico professionali ricevuti nell anno. 6) Numero di denunce per le quali si è attivata una comunicazione come da procedura (per entrambi gli aspetti medicolegale e GRC) su numero totale denunce per lesioni personali, decessi e lesioni di diritti ricevuti nell anno. Indicatori di esito Da monitorare periodicamente: 1) Numero di ES in seguito ai quali viene effettuata una denuncia per lesioni personali, decessi e lesioni di diritti (nel breve periodo: monitoraggio nel trend rispetto all anno precedente nel medio/lungo periodo: riduzione del trend rispetto all anno precedente). 2) Numero di reclami tecnico-professionali che si trasformano in denunce (nel breve periodo: monitoraggio nel trend rispetto all anno precedente nel medio/lungo periodo: riduzione del trend rispetto all anno precedente). 3) Numero di segnalazioni di eventi senza danno che esitano in un reclamo tecnico-professionale o in una denuncia per lesioni personali, decessi e lesioni di diritti (nel breve periodo: monitoraggio nel trend rispetto all anno precedente nel medio/ lungo periodo: riduzione del trend rispetto all anno precedente). Atti, normativa e bibliografia di riferimento 1. Regione Toscana - DGRT n. 225/ Azioni di coordinamento e sviluppo delle attività GRC. 2. Regione Toscana - DGRT n. 704/ Gestione eventi sentinella. 3. Regione Toscana - DGRT n. 1203/ Gestione diretta del rischio per responsabilità civile nel Servizio Sanitario Toscano - Linee di indirizzo. 4. Ministero della Salute - Il coinvolgimento del paziente nella valutazione della qualità delle cure e nella prevenzione e gestione del rischio clinico (http://www.ministerosalute.it/speciali/pispecialinuova.jsp?id=83). 5. NPSA - Being open - communicating patient safety incidents with patients and their carers (http://www.npsa.nhs.uk/ nrls/improvingpatientsafety/patient-safety-tools-and-guidance/beingopen). 6. AHRQ - Tips for consumers and patients (http://www.ahrq.gov/qual/errorsix.htm). 7. IHI - When Things Go Wrong: Responding to Adverse Events (http://www.ihi.org/ihi/topics/patientsafety/safetygeneral/ Literature/WhenThingsGoWrongRespondingtoAdverseEvents.htm).

3 La buona pratica per la gestione della relazione e comunicazione interna e con il cittadino e quando avviene un evento avverso. Schemi di descrizione del funzionamento organizzativo aziendale SCENARIO 1 Evento senza danno (durante degenza sharp end) (azioni insicure, quasi incidenti, incidenti che non hanno provocato danno al paziente) Comunicazione con il cittadino interessato e/o Comunicazione fra operatori/strutture funzionali E possibile distinguere due diverse situazioni: Chi (attori coinvolti) Finalità/ Motivazione Modalità Strutture funzionali coinvolte Reparto coinvolto, Rischio Clinico Ufficio Reclami Ruoli coinvolti Direttore di struttura e coordinatore infermieristico, il Facilitatore e/o il medico tutor del paziente, gli operatori coinvolti, il CRM. Chi coordina la comunicazione/collaborazione Il Facilitatore con il supporto del CRM Chi è il leader del processo Facilitatore (o CRM) in accordo con il Direttore di struttura Competenze del leader di processo Formazione sulla comunicazione difficile e la gestione del rischio clinico Analizzare il quasi evento con l apporto di tutte le figure coinvolte per fornire, se possibile, una risposta immediata al cittadino coinvolto (in caso se ne sia accorto). Realizzare l analisi e contestualizzarla nell ambito della gestione del rischio clinico a scopo preventivo per chiarire cosa è accaduto ed evitare il ripetersi dell evento. La segnalazione è presa in carico dal facilitatore (o CRM) integra quanto riportato dal cittadino con quanto riportato dall operatore (se presente una segnalazione interna). Il facilitatore svolge la pre-analisi, organizza poi un audit o una M&M in accordo con il Direttore di struttura e il coordinatore infermieristico e coinvolgendo gli operatori. Il report dell analisi è trasmesso al CRM. 1) quasi evento nel quale il cittadino ha consapevolezza di quanto avvenuto. In questo caso la comunicazione dovrebbe essere obbligatoria, prevedendo i seguenti passaggi: a) il medico referente oppure il Facilitatore raccolgono l esperienza del cittadino e la integrano con la segnalazione fatta dall operatore (se presente) nella scheda per l incident reporting. In quest occasione si realizza una prima comunicazione con il paziente finalizzata ad esprimere rammarico per quanto avvenuto; b) la segnalazione è analizzata e discussa attraverso audit clinico o M&M; c) il medico che ha in carico il cittadino e i suoi insieme al facilitatore (valutare nei singoli casi se è opportuna la presenza di uno o più operatori) comunica al cittadino, se possibile, i risultati dell analisi, le motivazioni di quanto è accaduto ed i provvedimenti intrapresi per evitare il ripetersi dell evento oppure, se l analisi richiede tempi più lunghi, mette al corrente il cittadino circa i passaggi successivi di approfondimento dell evento segnalato e fornisce il recapito di un operatore che anche dopo la dimissione potrà dare informazioni in merito. 2) quasi evento nel quale il cittadino non ha consapevolezza di il quanto avvenuto. Nella situazione 2) l opportunità di comunicare al paziente dovrebbe essere valutata di volta in volta poiché potrebbe concretizzarsi in un allarme inutile se non deleterio sul piano psicologico. Intervenire tempestivamente, sul campo, per garantire trasparenza, fornire risposte agli interrogativi, cercare di ristabilire il rapporto di fiducia e quindi prevenire una possibile fonte di insoddisfazione e successivi ulteriori azioni di rivalsa da parte del cittadino. La prima comunicazione è realizzata dal medico che ha in cura il cittadino insieme al facilitatore per esprimere rammarico e raccogliere la storia del paziente. La seconda comunicazione avviene dopo l approfondimento realizzato con l audit e il medico referente comunica con il cittadino e fornisce le spiegazioni del caso. L approccio deve essere empatico, personalizzato, basato sull ascolto attivo (formazione ad hoc).

4 Quando (tempi) Dove (luogo) L attivazione della collaborazione deve avvenire nell immediatezza dell evento L incontro di approfondimento va realizzato in un luogo dove si possa discutere in modo riservato La prima comunicazione deve avvenire immediatamente La seconda possibilmente prima della dimissione o fissare una data alla dimissione La comunicazione con il cittadino deve avvenire in ambiente idoneo, nel rispetto della riservatezza. SCENARIO 2 Chi (attori coinvolti) Finalità/ Motivazione Evento sentinella (durante la degenza, sharp end) Comunicazione fra operatori/strutture funzionali Il Responsabile di struttura coinvolta avvisa il Direttore sanitario che diventa il leader dell unità di crisi, questi a sua volta avvisa il CRM il quale diventa il coordinatore dell unità di crisi Il Leader del processo di gestione dell evento sentinella è il Direttore Sanitario Aziendale. Il coordinamento e la gestione operativa del processo è affidata al Clinical Risk Manager con il supporto del facilitatore della struttura coinvolta. Il CRM sa documentarsi su procedure e normative, sa impostare e finalizzare in tempi brevi l analisi dell evento (FMEA, RCA) Condivisione degli accadimenti. Individuazione di una linea di comportamento omogenea. Individuazione delle criticità. Questa azione è necessaria per poter attivare le misure di supporto al cittadino, ai ed agli operatori coinvolti nell evento e predisporre alcuni primi interventi preventivi. Successivamente si definisce un piano di miglioramento dettagliato, individuando tempi, responsabilità e risorse necessarie per l attuazione e valutazione di ciascuna azione di controllo/riduzione del rischio. Comunicazione con il cittadino interessato e/o Il primo contatto è sempre e comunque del responsabile di struttura funzionale con gli operatori coinvolti. Dal secondo contatto in poi, valutare lo sviluppo della vicenda ed eventualmente coinvolgere: psicologo, clinical risk manager, URP o persona di riferimento del settore comunicazione per la presa in carico dei per il percorso risarcitorio o di mediazione. Competenze: capacità di mediazione e di ascolto, espositiva e di linguaggio, empatia, conoscenze dei processi interni 1. Pervenire ad un messaggio chiaro ed univoco. 2. Creare un rapporto ed una comunicazione efficaci. 3. Esprimere vicinanza (cioè interessamento alla vicenda e rammarico per quanto accaduto) e trasparenza (cioè evitare di dare l impressione di voler nascondere qualcosa). 4. Informare e rassicurare sulle azioni di miglioramento che verranno intraprese. 5. Mantenere un contatto duraturo nel tempo. 6. Assicurare il massimo sostegno anche mediante l attivazione di misure di supporto.

5 Modalità Quando (tempi) Dove (luogo) 1. Il facilitatore e il Direttore di UO condividono i fatti con gli operatori coinvolti e definiscono una visione più unitaria possibile di quanto avvenuto. 2. Il Direttore o il Facilitatore contatta direttamente il Direttore Sanitario. 3. Il Direttore Sanitario attiva telefonicamente il Clinical Risk Manager. 4. Il Direttore Sanitario costituisce l Unità di Crisi mediante comunicazione verbale e successivamente scritta. 5. L Unità di Crisi provvede all acquisizione della documentazione clinica. 6. L Unità di Crisi segnala l evento al centro GRC della Regione Toscana mediante apposita modulistica. 7. L Unità di Crisi organizza un primo incontro con gli operatori coinvolti nell evento, mediante comunicazione verbale e successivamente scritta, per ricostruire quanto accaduto ed individuare eventuali gravi criticità a cui porre immediato rimedio. 8. Il Clinical Risk Manager organizza un audit clinico GRC con il Direttore, il facilitatore e gli operatori dell Unità Operativa coinvolta nell evento, oltre ad eventuali esperti esterni, mediante comunicazione verbale e successivamente scritta. 9. Il Clinical Risk Manager diffonde i risultati dell analisi tramite Alert Report ed RCA all Unità di Crisi, agli operatori coinvolti nell evento ed al centro GRC della Regione Toscana. Punto 1: immediatamente Punto 2: entro 12 ore Punto 3: immediatamente Punto 4: entro 48 ore Punto 5: entro 48 ore Punto 6: entro 72 ore Punto 7: entro 72 ore Punto 8: entro 15 giorni Punto 9: entro 45 giorni Primo momento: stanza del direttore della struttura. Successivamente stanza protetta possibilmente nell edificio luogo di lavoro degli operatori coinvolti o se esiste nella sala unità di crisi del presidio. Idealmente in ogni presidio ospedaliero dovrebbe esserci la stanza del rischio clinico, adatta ad ospitare audit ed incontri di questo tipo; dovrebbe avere caratteristiche di accoglienza (tavolo tondo!), comfort riservatezza, e possibilmente essere situata fuori dalla direzione sanitaria vvvla comunicazione deve basarsi su un approccio empatico, di ascolto e comprensione, evitare tecnicismi. L unità di crisi si impegna, tramite un rappresentante individuato e comunicato, a mantenere i informati ed a fornire sostegno nel tempo. La prima immediata comunicazione di quanto accaduto deve avvenire prima possibile. Poi deve seguire un primo incontro più circostanziato in tempi molto ravvicinati rispetto all evento (se possibile entro le 24 ore) e comunque dopo aver raccolto dati certi, comprensivo della programmazione di incontri successivi. All interno dei locali dell Unità Operativa, in una stanza riservata e dedicata al colloquio con i (1 comunicazione). All interno del Presidio Ospedaliero, in una stanza riservata alla Direzione Aziendale ed adeguatamente predisposta a favorire gli aspetti della comunicazione dove il paziente e/o possano sentirsi a proprio agio e reagire alle tristi notizie e sia possibile rispondere adeguatamente (successive comunicazioni).

6 SCENARIO 3 Chi (attori coinvolti) Finalità/ Motivazione Reclami di tipo tecnico-professionale (ex post, blunt end) Comunicazione con il cittadino interessato e/o Comunicazione fra operatori/strutture funzionali Strutture funzionali coinvolte e ruoli Gestione rischio clinico CRM Ufficio URP responsabile tutela Osservatorio medico-legale responsabile Ufficio affari legali - responsabile Struttura in cui è avvenuto l evento facilitatore, operatore coinvolto, figura di coordinamento o medica o infermieristica Chi coordina la comunicazione/collaborazione Responsabile tutela URP Chi è il leader del processo Responsabile tutela URP Competenze leader del processo Formazione sulla comunicazione difficile e sulla gestione del rischio clinico e su aspetti giuridici Analizzare il reclamo per fornire, se possibile, una risposta tempestiva ed esaustiva al cittadino; Realizzare l analisi dell evento e contestualizzarla nell ambito della gestione del rischio clinico a scopo preventivo per chiarire cosa è accaduto ed evitare il ripetersi dell evento. Condividere in maniera cautelativa con l osservatorio medico-legale e ufficio affari legali quanto accaduto. Strutture funzionali coinvolte URP, struttura coinvolta, gestione rischio clinico, osservatorio medico-legale In particolare quali ruoli Responsabile tutela, responsabile struttura e operatore coinvolto, facilitare e/o CRM (dove opportuno anche figure specialistiche quali psicologi) Chi coordina la comunicazione Responsabile tutela dell URP Competenze del coordinatore della comunicazione Formazione sulla comunicazione difficile e sulla gestione del rischio clinico Dare risposta tempestivamente alla richiesta di un cittadino per garantire trasparenza, fornire risposte ai suoi dubbi e perplessità, cercare di ristabilire il rapporto di fiducia e quindi evitare ulteriori azioni di rivalsa.

7 Modalità Quando (tempi) Dove (luogo) Il responsabile tutela dell URP analizza il reclamo ne realizza una prima valutazione sulla base di alcuni elementi: gravità, complessità e frequenza, impatto sul cittadino, potenziale rischio per la sicurezza del paziente e violazione dei diritti. In relazione a questa prima valutazione possono emergere due tipologie di situazioni: 1) Casi considerati maggiormente gravi a)il Responsabile URP contatta il cittadino esprimendo rammarico per quanto accaduto e informandolo che il caso è stato preso in carico. Verifica la sua disponibilità ad avere un incontro per discutere l evento. b)il Responsabile URP ascolta gli operatori coinvolti e svolge un incontro con tutte le figure interessate per realizzare un approfondimento con la duplice finalità di prevenire il rischio e di definire le strategie di comunicazione e relazione con il cittadino (gestito in collaborazione con CRM). c)il Responsabile URP propone al cittadino una data per un incontro in cui discutere dell evento in maniera diretta e al quale può seguire un report scritto in cui si evidenziano le azioni di miglioramento previste ed il piano per attuarle d)si realizza l incontro con il cittadino al quale partecipa anche il medico referente del cittadino o comunque anche un clinico e)il Responsabile URP avvia un rapporto con il cittadino che si mantenga nel tempo e con il quale, attraverso un referente specifico, lo si informi della messa in atto delle azioni definite in seguito all evento 2) Casi ordinari a)il Responsabile URP contatta la struttura coinvolta per acquisire informazioni e ricostruire l evento b)il responsabile URP trasmettere periodicamente le informazioni relative al reclamo al CRM e all Ufficio Affari Legali e all osservatorio medicolegale che le utilizzano per le finalità coerenti al loro mandato aziendale e regionale c)il Responsabile URP, in collaborazione con il medico legale, formula una risposta scritta con un linguaggio orientato alla comprensione da parte del cittadino di quanto sia accaduto. d)fornisce, se necessario, al cittadino nel tempo informazioni relative all analisi dell evento e alla sua gestione. La collaborazione fra le diverse strutture interne va attivata entro una settimana dal ricevimento del reclamo. Se necessario un incontro questo va realizzato entro due settimane dal ricevimento del reclamo. Se necessario un incontro faccia a faccia questo va realizzato in uno spazio che garantisca la confidenzialità, il confronto fra pari con un approccio non colpevolizzante Due strategie che seguono le due diverse tipologie di casistiche: 1.Nei casi valutati come maggiormente gravi si prevede una comunicazione verbale da realizzarsi in un incontro ad hoc, la comunicazione scritta non è obbligatoria ma può essere utilizzata dove si ritiene utile. L approccio deve essere empatico, personalizzato, basato sull ascolto attivo (formazione ad hoc). La comunicazione deve essere tempestiva. 2.Nei casi ordinari la comunicazione avviene in forma scritta ma deve essere comunque tempestiva e formulata in modo da essere comprensibile per il cittadino. La prima comunicazione al cittadino va fornita immediatamente e comunque entro una settimana, la comunicazione relativa alla data dell incontro va comunicata entro due settimane dal ricevimento del reclamo. Se necessario un incontro questo va realizzato entro 30 giorni dal ricevimento del reclamo. Se necessario un incontro faccia a faccia questo va realizzato in uno spazio che garantisca la confidenzialità, il confronto fra pari con un approccio non colpevolizzante

8 La funzione della comunicazione deve svolgersi possibilmente in maniera preventiva rispetto alla possibile denuncia, nei tempi più vicini possibile all accedere dell evento in questione. Se questo però non avviene, in quanto non c è una segnalazione tempestiva da parte degli operatori o dei cittadini, è necessario comunque curare la gestione di una denuncia anche dal punto di vista del coordinamento interno fra i vari soggetti che ne possono essere interessati e la comunicazione al cittadino che si costituisce parte lesa. Inoltre, è possibile sviluppare forme di conciliazione che favoriscano la chiusura del contenzioso in via extragiudiziale, a proposito di questo è in corso nella nostra regione una sperimentazione (nella AOU Careggi e nell ASL di Livorno) alla fine della quale sarà possibile integrare alcuni dei risultati nella buona pratica relativa alla gestione della comunicazione. Per questo nel presente schema non si prende in esame questo aspetto, ma ci si concentra soprattutto sulle relazioni e collaborazioni interne e sulla comunicazione con il cittadino. SCENARIO 4 Chi (attori coinvolti) Finalità/ Motivazione Modalità Quando (tempi) Dove (luogo) Denunce Comunicazione fra operatori/strutture funzionali UO Affari Legali Responsabile Osservatorio Medico Legale Responsabile Struttura coinvolta Direttore, Coordinatore infermieristico, soggetti direttamente coinvolti Direzione Sanitaria DS o suo delegato Funzione Gestione Rischio Clinico Clinical Risk Manager L Ufficio Affari Legali coordina le attività per quanto riguarda gli aspetti medico-legali e attiva la collaborazione con le altre unità interessate per un analisi del caso a 360 Le finalità immediate sono: - Condivisione degli accadimenti - Individuazione di una linea di comportamento omogenea - Individuazione delle criticità Successivamente si definisce un piano di miglioramento dettagliato, individuando tempi, responsabilità e risorse necessarie per l attuazione e valutazione di ciascuna azione di controllo/riduzione del rischio L Ufficio Affari Legali riceve la denuncia e si attiva per coordinare le attività relative: a) agli aspetti medico-legali contattando la direzione ospedaliera e la struttura coinvolta per avere la documentazione clinica e svolgere una valutazione in area vasta del caso. La Direzione ospedaliera invia anche all Osservatorio e/o UO medico-legale tutta la documentazione al fine di una valutazione del danno e l elaborazione di una relazione finale. b) alla gestione dell evento finalizzata al miglioramento: l osservatorio e/o struttura medico-legale condivide con la struttura coinvolta e il clinical risk manager le informazioni sul caso e sulla base di questo il clinical risk manager, in base alla specificità dell evento, svolge gli approfondimenti con le modalità previste dalla gestione del rischio clinico. I due flussi vanno attivati prima possibile e comunque entro due settimane dall arrivo della denuncia. Se necessario un incontro svolgerlo in uno spazio adeguato che garantisca la confidenzialità. Comunicazione con il cittadino interessato e/o - Medico legale per quanto riguarda la visita della persona interessata per le valutazione tipicamente medico-legali - Direzione Sanitaria, Clinical Risk Manager e rappresentanti struttura coinvolta per eventuale colloquio con il cittadino e/o i suoi al fine di ristabilire un rapporto di fiducia (per questa parte la leadership è del clinical risk manager in stretta collaborazione con gli altri soggetti coinvolti) Esistono due finalità differenti della comunicazione con il cittadino interessato e/o : - Curare gli aspetti medico-legali - Ristabilire un rapporto di fiducia fra la struttura e costruire un alleanza per lavorare sulla prevenzione di eventi simili. Mantenere un contatto duraturo nel tempo Per la cura degli aspetti medico-legali il cittadino e/o i sono contattati per effettuare le perizie previste dalla legge. Per quanto riguarda invece la necessità di mantenere un rapporto di fiducia con il cittadino e/o i suoi un rappresentante dell azienda designato da Direzione Sanitaria in collaborazione con CRM e struttura coinvolta organizza, dove opportuno, un incontro con il cittadino e/o per spiegare cosa è successo e mantenere i informati nel tempo. La comunicazione deve basarsi su un approccio empatico, di ascolto e comprensione, evitare tecnicismi. (esplicitare bene al cittadino la differenza di finalità di queste due comunicazioni) I due flussi vanno attivati prima possibile e comunque entro due settimane dall arrivo della denuncia. All interno del Presidio Ospedaliero, in una stanza riservata alla Direzione Aziendale ed adeguatamente predisposta a favorire gli aspetti della comunicazione dove il paziente e/o possano sentirsi a proprio agio.

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI

Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI Allegato B) PROCEDURA PER LA GESTIONE AZIENDALE DEI CASI DI EVENTI SENTINELLA 1. PREMESSA E INDICAZIONI GENERALI In base alla delibera della Giunta Regionale N 225 del 3/4/2006, la direzione sanitaria

Dettagli

Il sistema di gestione del rischio clinico

Il sistema di gestione del rischio clinico Il sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione dei rischi Riprogettazione organizzativa Valutazione e feedback Analisi dei rischi Audit M&M review RCA Identificazione dei rischi Incident reporting

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento, segnalazione, analisi e controllo degli incidenti

Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento, segnalazione, analisi e controllo degli incidenti Allegato A Percorso di gestione del rischio clinico Allertamento,, analisi e controllo degli incidenti Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Diagramma di flusso percorso di

Dettagli

Allegato A. Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale

Allegato A. Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Percorso di gestione del rischio clinico all interno dei servizi sanitari delle carceri toscane Allertamento,, analisi e controllo degli incidenti Allegato A Direzione Generale Diritti di Cittadinanza

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

705 57,65% 853 62,13% 331 27,06% 336 24,47% 187 15,29% 184 13,40%

705 57,65% 853 62,13% 331 27,06% 336 24,47% 187 15,29% 184 13,40% I dati sui sinistri 2003 2004 2005 Totale aperto 705 57,65% 853 62,13% 1127 78,43% 2685 66,58% liquidato 331 27,06% 336 24,47% 206 14,34% 873 21,65% senza seguito 187 15,29% 184 13,40% 104 7,24% 475 11,78%

Dettagli

SEGNALAZIONE EVENTI SENTINELLA (ALIMENTAZIONE FLUSSO SIMES) UU.OO. AZIENDALI. A cura di: Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico

SEGNALAZIONE EVENTI SENTINELLA (ALIMENTAZIONE FLUSSO SIMES) UU.OO. AZIENDALI. A cura di: Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico PRO 2 del 3 3 211 1 di 6 A cura di: Dott. Tommaso Mannone Responsabile Funzione Aziendale Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE Gli eventi avversi sono eventi inattesi correlati al processo assistenziale

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Segnalazione e gestione degli eventi sentinella AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Unità di Gestione Rischio Clinico E-mail: Approvata da: Revisione: 00 Unità di Gestione Rischio Clinico Presidente Unità di Gestione

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting

Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting Strumenti operativi di gestione del rischio clinico: l incident reporting Sara Albolino Centro regionale Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente Regione Toscana rischio.clinico@regione.toscana.

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO

P001/S501. DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management DOCUMENTO DI PROPRIETA DELLA ASL DELLA PROVINCIA DI LECCO DIREZIONE GENERALE Distretti Socio Sanitari Risk Management SISTEMA INCIDENT REPORT ING P001/S501 rev data note 0 01/12/12 Prima emissione 1 11/9/2015 Adeguamento a format aziendale REDAZIONE VERIFICA

Dettagli

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Allegato A SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Il contesto Per emovigilanza si intende il sistema delle procedure volte alla rilevazione e monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate dei

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009 SIMES Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità Potenza 22 aprile 2009 Dott.ssa Maria Pia Randazzo Direzione Generale Sistema Informativo Ufficio NSIS Simes - obiettivi Monitoraggio Imparare dall

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Carta del Malato. Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli

Carta del Malato. Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli Carta del Malato Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli La "CARTA EUROPEA PER I DIRITTI DEL MALATO": cos'è e perché nasce Il diritto alla salute come prerogativa internazionale,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Gennaio 2007 Pagina 1 di 7 RESPONSABILE SCIENTIFICO Dottor Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro COORDINATORE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario

Direzione Generale. Gruppo di Coordinamento Aziendale Rischio Clinico. Sommario Pag.1 di 12 Sommario 1 Abbreviazioni utilizzate... 2 2 Introduzione... 3 2.1 Introduzione al clinical risk management... 4 3 Il sistema aziendale di Risk Management... 4 3.1 Modello organizzativo... 4

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I Art. 1 Finalità della Pubblica Tutela L Azienda per i Servizi Sanitari n 5 Bassa Friulana si impegna

Dettagli

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Sara Albolino sara.albolino@regione.toscana.it Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana Organismi nazionali Commissione-gruppo

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6

1.0 Scopo e campo di applicazione 2. 2.0 Riferimenti 2. 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3. 4.0 Responsabilità 4. 5.0 Modalità operative 6 Pagina 1 di 11 INDICE 1.0 Scopo e campo di applicazione 2 2.0 Riferimenti 2 3.0 Terminologia e abbreviazioni 3 4.0 Responsabilità 4 5.0 Modalità operative 6 5.1 Generalità 6 5.2 Gestione dei reclami, suggerimenti

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO)

3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) 3. Utilizzo di dati amministrativi (SDO) Flussi informativi correnti SDO, prestazioni ambulatoriali, movimento degenti, flussi informativi ministeriali, certificati di assistenza al parto, interruzioni

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico Aldo Armisi Consulente I.T. autore autore Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica e sistemi di gestione in ambito sanitario Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A.

CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. CRITERI E MODALITA PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE NEL GME S.p.A. Il processo di selezione del personale applicato dal Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. si svolge nel rispetto delle disposizioni normative

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 1. Aspetti generali 2. Aspetti specifici 3. Ascolto e lettura della domanda 4. Le competenze professionali

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

Regolamento reclami presso il C.S.A.

Regolamento reclami presso il C.S.A. Pagina di 1/6 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 4. Diagrammi di flusso... 2 4.1. Diagramma di flusso Reclamo semplice... 2 4.2. Diagramma di flusso Reclamo complesso...

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia»

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia» La formazione per garantire l effettività dei modelli Il ruolo di Éupolis Lombardia nell accompagnamento all attuazione del decreto 231/2001 in ambito sanitario Lecco, 10 ottobre 2012 Convegno «DECRETO

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE CRISI RELATIVE AL MERCATO IN AMBITO FEDERBIO Premessa La certificazione nel settore del biologico è un punto di forza che trasmette al pubblico finale un valore aggiunto elevato e lo guida nelle scelte di acquisto. L esito di questa attività può

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

I Codici etico-comportamentali: le esperienze delle Aziende Sanitarie Pubbliche BOLOGNA, 31.10. 2008

I Codici etico-comportamentali: le esperienze delle Aziende Sanitarie Pubbliche BOLOGNA, 31.10. 2008 Audit and advisory services I Codici etico-comportamentali: BOLOGNA, 31.10. 2008 1 29 febbraio 2008 La sperimentazione (DGR 11 giugno 2004 n. VII/17864) Nel 2004 la Regione Lombardia, prima regione in

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia PREMESSA Lo scopo di questo documento è di definire a livello regionale un percorso comune sulla sicurezza degli interventi chirurgici. Le linee

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona

Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona Disciplinare sulla gestione dei reclami, suggerimenti e segnalazioni dei cittadini nei confronti dell Amministrazione Comunale di Ancona Approvato con Delibera di Giunta n 372 del 9 ottobre 2012 Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli