Attività in Gruppo 1. Marcello Maggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività in Gruppo 1. Marcello Maggi"

Transcript

1 Attività in Gruppo 1 Marcello Maggi 1

2 Due Novità Importanti nel ) SuperB apre la sigla a Bari 2) LHC è par4to alla Ecm di 7 TeV 2

3 SuperB Resp. locale N. MazzioCa

4 Programma di R&D computing Persistence and data handling models and databases: Define the event data persistence and handling problem accurately and quan4ta4vely. Iden4fy the areas of primary concern where technological development or choices must be made early in the experiment. Define the performance requirements for these areas in par4cular, and for the overall system. Performance end efficiency of large data store: Review the common modern architectures for large data stores which are in use today or that will be used in the scien4fic communi4es.

5 Attività di Bari sul DIRC di SuperB Detector of Internally Reflected Cherenkov light (DIRC) è previsto come PID nel barrel di SuperB Rivelatore Cherenkov con barre di quarzo Le bar boxes di BABAR verranno ri u4lizzate con owca focusing (Focusing DIRC, o FDIRC) Il SOB sarà cos4tuito da un blocco di quarzo con specchio cilindrico (Focusing Block, o FBLOCK) In BABAR il SOB (StandOff Box) era riempito di acqua Uso di MaPMT come rivelatori owci (48 per FBLOCK) Volume ridoco a circa un decimo rispeco al DIRC di BaBar FBLOCK

6 Attività di Bari sul PID-Barrel L awvità di Bari nella fase di finalizzazione del TDR sarà: CaraCerizzazione dei MaPMT: Realizzazione di un test stand per lo studio di risposta al singolo foto elecrone, 4ming, cross talk, uniformità di guadagno, stabilità su lungo periodo, effew di temperatura, ecc. Studio delle performance e debug della elecronica di read out accoppiata al MaPMT Partecipazione alla definizione e realizzazione della meccanica di supporto della camera box Padova ha preso l'impegno di finalizzare il disegno del proto4po della camera box Partecipazione alla realizzazione del set up per il test con raggi cosmici di un proto4po completo del FDIRC Partecipazione alla presa da4 ed analisi (ricostruzione di immagine, correzione dell aberrazione croma4ca, ecc.)

7 alsgmbh Pilas Test stand set-up MaPMT H8500 Amplifier and V2718 V792 V775 Discriminator Analog to ADC Digital to TDC PMT XP2020 Reference Newport ILS150 Newport ILS100 LabView (Windows) or C++ (Linux) Newport XPS C4

8 PCB AMPL+DISC Rf Discriminator TO TDC 16 HIGH BW AMPLIFIER BUFFER/DRIVER 16 Coaxial Cable 50 Ohm TO ADC Caen A992 Adapter

9 Richieste Servizi 3 m.u. ProgeCazione elecronica realizzazione di PCB (16 canali AMPL+DISC) Supporto per progecazione e disegno CAD 3 m.u. Tecnico elecronico Realizzazione e Supporto in laboratorio per la stazione di test 3 m.u. ProgeCazione (CAD) meccanico Realizzazione e Supporto in laboratorio per la stazione di test Supporto per il disegno della meccanica del SOB 3 m.u. Officina meccanica Realizzazione meccanica per la stazione di test Realizzazione proto4pi meccanica SOB 3 m.u. Tecnico meccanico Supporto montaggio acrezzatura in laboratorio per la stazione di test Supporto montaggio meccanica del SOB 1 m.u. Camera pulita Metrologia meccanica Studio owca FBLOCK Nota: alcune di queste awvità potrebbero cominciare autunno 2010

10 Anagrafica Bari Nome Contra=o Qualifica FTE Fabio Gargano Dip. a tempo indeterminato Ricercatore 0.30 Francesco Giordano Associato Ricercatore 0.30 Francesco Loparco Associato Ricercatore 0.30 M. Nicola Mazzio=a Dip. a tempo indeterminato Ricercatore 0.30 AnMmo Palano Associato Prof. Straordinario 0.20 Numero 5 Ricercatori 1.4 Domenico Diacono Dip. a tempo indeterminato Tecnologo 0.20 Giacinto Donvito Dip. a tempo determinato Collaboratore 0.20 Vincenco Spinoso Dip. a tempo determinato Tecnologo 0.20 Numero 3 Tecnologi 0.6 CompuMng

11 Richieste attività PID Bari 2011 Missioni Interne: 4kE contaw meccanica DIRC 3 ke awvità compu4ng Missioni estere: 25 ke contaw DIRC e supporto CRT a SLAC 4 ke awvità compu4ng Consumo: 27.5 ke stazione di test MaPMTs (2 MaPMTs, 2 PiLaser, fibre owche, PCB, meccanica) Inventario: 22 ke moduli VME, scheda DAQ NI, controller PiLaser, stage lineare motorizzato

12 Conclusioni (CSN ) Suppor4amo la richiesta di con4nuazione dell awvita di R&D Preoccupazione per la situazione generale del progeco Ci auguriamo che vi sia un quadro più chiaro per la discussione dei finanziamen4 per il Luglio 2010 Referee SuperB 12 12

13 Conclusioni (CSN ) Per con4nuare in maniera proficua l awvità di R&D riteniamo ragionevole la richiesta di 84.5 keuro (siamo perciò favorevoli allo sblocco del sj rimanente 59 keuro ed ad un reperimento aggiun4vo di 25.5 keuro) Preoccupazione per la situazione generale del progeco Ci auguriamo che vi sia un quadro più chiaro di tuce le risorse disponibili per la discussione dei finanziamen4 per il Giugno 2009 CSN

14 Attività a LHC 14

15 CMS Multi Jet Event at 7 TeV Resp. locale D. Creanza 15

16 Presa Dati CMS sta registrando dati da collisioni p-p a 7 TeV In media più del 99% dei canali di elettronica dei sottorivelatori sono operativi. Ci sono chiare indicazioni che: i dati possono essere analizzati rapidamente tutta la catena funziona bene le prestazioni sono quelle attese (molte distribuzioni in ottimo accordo con le simulazioni a livello fine) CMS sta iniziando a produrre risultati (inizialmente quelli associati alla fisica di minimum bias)

17 Tracker Performance (see talks from L. DeMaria. V. Radicci. A. Bonato) pixel cluster charge signal/noise de/dx p T spectrum η distribution φ distribution

18 RPC Barrel: Efficiency distribution Each RPC chamber is divided in 2 or 3 partitions called Rolls. Efficiency distribution is given per roll 93.3% of the system Included in this analysis 3.7% excluded due to low integrated statistics 3% excluded due to hardware failures during data taking

19 and plenty of new results coming daily

20 Responsabilità di Bari in CMS L. Silvestris: Offline Coordinator (L1) G. Iaselli: PM RPC (L1) A. Colaleo: Deputy PM RPC (L2) M. de Palma: TK Upgrade Coord. (L2) G. Pugliese: RPC Run Coordinator (L2) M. Maggi: PVT, CondDB (L3) M. Abbrescia, V. Spinoso: MC produc4on (L3) N. De Filippis: Coord. gruppo H ZZ 4l (L3)

21 MC CNAF Region Dal 17 secembre 2009 tuca l awvità di produzione MC per CMS sulla regione CNAF (Bari, Legnaro, Roma, Pisa, Vienna Budapest) è pilotata dagli operatori baresi (Vincenzo Spinoso e Marcello Abbrescia) Contributo determinante: Debugging di un grave problema del servizio WMS di Grid Monitoraggio più direco dei 4 T2 italiani, contaca4 e aggiorna4 in tempo reale invece che acraverso il sistema di 4cke4ng

22 Large scale production start PISA LEGNARO ROME BARI 22

23 Interessi di Fisica Interesse generale nella ricostruzione ed iden4ficazione di leptoni per: SUSY in mul4 jet leptoni ed energia mancante Z ττ µ + τ jet + [3ν] Z ττ µ + e + [3ν] H ZZ 2e2µ Studi sulla performance di ricostruzione di muoni: contributo al MUON POG

24 I primi plot pubblici di performance di ricostruzione dei muoni in CMS (approvati il 9 giugno) sono stati prodotti dai ricercatori baresi coinvolti nelle attivita del Muon-POG. Si tratta di un confronto dati-mc per alcune distribuzioni cinematiche di base dei muoni ricostruiti negli eventi di minimum bias a 7TeV raccolti questa primavera. L accordo e buono. La distribuzione MC e corredata dalle varie categorie di muoni individuate sfruttando l informazione della verita MC. Due 4pi di candida4 muoni: Tracker muons: tracker tracks matched to least one segment in the muon system. Global muons: combined fit of all tracker and muon hits (higher p T cutoff). Tracker Muons ( tracks) Decays in flight (84%) Heavy flavors (9%) Global Muons ( tracks) Decays in flight (73%) Heavy flavors (25%)

25 Tracker Muons Global Muons Mostly low p T muons from decays of light hadrons (MC predic4on shown in red). Good agreement with MC predic4on including heavy flavor (b and c quark) decays (cyan), hadron punch through (black), and mistags due to accidental matches of non muon tracks with segments in the muon chambers produced by muons (green).

26 Attività su Z ττ Z ττ µ + τ jet + MET, Z ττ µ + e + MET Sviluppo ed ottimizzazione della selezione basata su isolamento ed identificazione di elettroni, muoni. Stima del background dai dati. primo evento Z ττ osservato pochi giorni fa Obiettivi 2011: misura della sezione d urto Attività SUSY Primi studi di Particle Flow usato per l isolamento dei leptoni in analisi SUSY Obiettivi 2011: Misura dei fondi QCD in eventi con energia mancante con i primi dati

27 Attività H ZZ Analisi finalizzate per H ZZ 4l e ZZ 4l. Proiezione per 7 TeV e luminosità di 1 fb -1 prodotta. Confronto con MC, primi studi con i dati di single-lepton, di-leptoni, trileptoni and 4-leptoni. Obiettivi 2011: studio di stati finali con 2l2tau 2l2nu, 2l2jet; combinazione con stati finali a 4l e H WW per migliorare il limite di esclusione osservazione di eventi ZZ e Zbb events and first trial of cross section measurement

28 Attività sui sensori (Camera pulita) Goal: Identify (or confirm) technology baseline for the CMS Tracker Upgrade Phase II Siamo tra i promotori del programma di upgrade del Tracker di CMS. La campagna di misure si propone di valutare diverse scelte tecnologiche: P-in-n, n-in-p, (FZ, MCz, EPI) Strutture Multi-Geometrie Contributi capacitivi Radiation Hardness Routing innovativi ecc, ecc

29 Le strutture di test sono state realizzate da Hamamatsu. Abbiamo appena conluso la fase di inter-calibrazione tra i vari laboratori che partecipano al programma di misure. Nel 2011 si prevede un intensa attività di misure in Camera Pulita.

30 CMS UPSCOPE(GRADE) CMS/Bari sta valutando l ingresso su l upgrade del tracciatore di CMS (come discusso CdS di Giugno) CMS/Bari/RPC collabora con i progew lega4 all endcap acraverso le responsabilità nel progeco e agli item generali di cui è responsabile. FEE, supporto, TDR coordina4on. Inizierà una fase di test su cui si sta valutando una partecipazione 30

31 Ingressi- Uscite Arrivano: 2 nuovi docorandi indiani 1 nuovo docorando (già associato) 1 nuovo assegnista di ricerca Escono: Fedele (DoC), Trentadue (AR), Dimitrov (borsista INFN), Natali (PO), Tempesta (Tecnologo) Chiumarulo (Tecnico) 24 FTE Ricercatori 1.6 FTE Tecnologi 1.5 FTE Collaboratori Tecnici

32 Servizi di Sezione Camera pulita: il lavoro di test sensori si intensificherà l anno prossimo perchè siamo entra4 nel progeco CMS di studio, prima e dopo l irraggiamento, di proto4pi e strucure di test espressamente disegna4 e prodow da Hamamatsu. Si chiedono 8 mu. Officina meccanica: 2 mu per piccole lavorazioni di supporto al test sensori, assemblaggio di proto4pi, test al CERN.

33 TOTEM Resp. locale G. Catanesi

34 T2 Alignment: Improvement of Vertex ReconstrucMon Before RMS=1.4cm RMS=1.7cm RMS=3.1m AXer RMS=0.8cm RMS=1.0cm RMS=2.3m Punto di interazione a ~ 14 metri. 34

35 T2: Preliminary Pseudorapidity DistribuMon (with detector efficiency) ScaCering in Beam Pipe fixa4on element 35

36 Le attività del gruppo locale numerosi i talks a conferenze di membri del gruppo V. Berardi ; The Totem experiment at LHC :Wire Chambers Conf. Vienna 2010 M. Quinto: The TOTEM GEM Telescope (T2) at the LHC :IPRD10 Siena E. Radicioni : First results from TOTEM : ISVECHRI, Fermilab 2010 F. Cafagna: Status of the TOTEM Experiment :ICHEP 2010 Paris E.Radicioni; TOTEM DAQ ; ICAPTT09: Como

37 Sostanzialmente nel 2011 si completera' il commissioning e l installazione dell apparato (T1+RP147m) e in parallelo si prenderanno dati con i detectors gia ' disponibili dalla fine del 2009 (RP220m+T2). Inoltre continuera l R&D per lo sviluppo di grandi piani di GEMs per l upgrade del Telescopio T1 Le richieste riflettono questa situazione. Forte coinvolgimento del gruppo nelle attivita al CERN (in particolare responsabilita del DAQ (E.Radicioni), del firmware (F.Cafagna), presa dati e test delle camere con readout a piani di GEM. In sede completamento e potenziamento del laboratorio di R&D per le GEM di grandi dimensioni (in sinergia con le attivita di RD51) (Catanesi/Berardi) Responsabilita Editorial/Speaker Bureau (M.G. Catanesi)

38

39 La situaziona per quanto riguarda gli FTE e rispetto all anno scorso immutata. Abbiamo inoltre 2 laureandi fisici e 1 ingegniere che si laureano entro l anno. Se come ci auguriamo almeno un paio fra loro rimarranno come borsisti o dottorandi nel corso del 2011 il gruppo crescera significatamente

40 Totale 190 Ke

41 LHCb & BaBar Resp. locale A. Palano

42 Esperimenti BaBar-SLAC e LHCb-CERN (A. Palano, M. Pappagallo, M. Martinelli) BaBar: Periodo di analisi intensiva dei dati. Lavori prodotti dal gruppo di Bari o in collaborazione. 1) Ricerca di violazione di CP mediante T-odd correlations nel Decadimento (M. Martinelli e A. Palano). Phys.Rev.D81(RC), (2010). Si misura per la prima volta l'asimmetria in T con alta precisione. 2) Studio del Dalitz plot del (M. Pappagallo e A. Palano) (ICHEP2010). Analisi con alta statistica. Misura dettagliata delle ampiezze e delle fasi. Analisi in onde parziali e misura dell onda-s ->K + K -.

43 Esperimento BaBar-SLAC 3) Misura della sezione d'urto mediante Initial State Radiation (A. Palano e J. Izen(Dallas)) (ICHEP2010). Ricerca di nuovi stati di charmonio. 4) Spettroscopia del charm (A. Palano e J. Benitez(SLAC)). Osservazione di quattro nuovi mesoni charmati: D(2550),D*(2600), D(2750),D*(2760) in D! e D*!. (ICHEP2010).

44 Esperimento BaBar-SLAC 5) Spettroscopia del charmonio (P. Biassoni (Milano) e A. Palano). Prime osservazioni di nuovi decadimenti dell' e in Esperimento LHCb-CERN 6) Primi studi sulla spettroscopia del charm. Ricerca/conferma di nuovi stati in D + K 0 s e D *+ K 0 s. (M. Pappagallo, A. Palano). Segnali di D + e K 0 s. Entries ]) 2 Events / (2.50 [MeV/c D 2 χ / ndf / 95 Prob 4.543e-05 a ± 25.9 a ± Area ± 10.7 Mean 1868 ± 0.2 sigma 8.4 ± m(k π π ) MeV/c

45 Anagrafica A. Palano 30% BaBari 50% LHCb M. Pappagallo 100% LHCb M. Mar4nelli 100% BaBar D.A. Milanes Carreno 100% LHCb LHCb raggiunge 2.5 FTE e diventa sigla indipendente 45

46 KLOE Resp. locale A. Ranieri

47 La camera cilindrica a tripla GEM per KLOE2 Lo sviluppo dei disegni meccanici del rivelatore, è responsabilità di Bari 47

48 La camera cilindrica a tripla GEM per KLOE2 Il progetto di tutti i supporti meccanici dell IT, è responsabilità di Bari 48

49 La camera cilindrica a tripla GEM per KLOE2 I circuiti stampati dei piani anodici, delle segmentazioni HV dei catodi e delle GEM e il FEE basato sul nuovo chip GASTONE64, sono responsabilità di Bari 49

50 Programma di lavoro 2011 Ordini del materiale necessario alla costruzione dei layer 3 e 4 dell IT: Produzione dei cilindri in fibra di carbonio per gli Anodi embedded Produzione degli anelli di supporto Produzione dei piani anodici Produzione e montaggio elecronica del FE (GASTONE64 + VFEB) Ordine cavi di collegamento FEE DAQ Costruzione apparato: Turni di lavoro a LNF per l assemblaggio dei layer 2, 3 e 4 dell IT Test intera produzione prima dell installazione dell elecronica (Bari) Integrazione con l apparato KLOE Assemblaggio cavi sull apparato Partecipazione ai turni per la prima metà dell anno 50

51 Partecipanti Antonio Ranieri (Resp.) (50%) Onofrio Erriquez (100%) Giampiero Fanizzi (DoC.) (100%) Giuseppe De Rober4s (40%) Flavio Loddo (40%) Richiesta Servizi di Sezione 1. Camera Pulita (misure con Mitutoyo) 1 m.u. 2. Servizio Elettronica (PCB, Installazione e test) 4 m.u. 3. Servizio Progettazione Meccanica (Integrazione) 3 m.u. 4. Servizio Officina Meccanica (Costruzione & Installazione) 6 m.u. 51

52 Sintesi in Gruppo 1 52

53 Anagrafica Esperimento Ricercatori 2010 (Xe) Ricercatori 2009 (Xe) Tecnologi 2010 (Xe) Tecnologi 2009 (Xe) BaBar CMS KLOE LHCb SuperB TOTEM TOTALE 37.2/ /38 3.6/6 2.8/4 V. Spinoso 7/2010 iniziato Assegno d Ricerca G. Donvito 4/2011 scade contratto LIBI 53

54 Richieste Finanziarie Manca CMS.. (ed anche DOT1..) Richieste in linea con l anno precedente Due Novità 1) 400 keuro per Tier2/CMS (incontro con ref. posi4vo) 2) SuperB 116.5kEuro, ma awvità che può par4re già nel

55 Servizi di Sezione Esperimento Camera Pulita Ele=ronica Officina Meccanica Proge=azione Meccanica BaBar CMS 8(4) (4) 2(8) KLOE 1(1) 4(7) 6(6) 3(6) LHCb SuperB TOTEM(RD51) 3(1) 3(1) 3(2) TOTALE 13/28 13/39 17/46.5 6/6 Servizio Calcolo: contributo essenziale al successo degli Esperimen4. Finanziamen4 dell Ente incominciano ad essere importan4 55

Z+b production at LHC with ATLAS

Z+b production at LHC with ATLAS Z+b production at LHC with ATLAS G. Chiodini, N. Orlando, S. Spagnolo test per pqcd e potenziale sensitivita alla pdf del b; misura di un background importante alla ricerca di Higgs in ZZ* con b nello

Dettagli

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE III Workshop Fisica di Atlas e CMS Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE G. Cerminara (Universita' ed INFN Torino) M. Della Pietra (Universita' ed INFN

Dettagli

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 The Large Hadron Collider The LHC is the largest machine in the world. It took thousands of scientists, engineers and technicians decades to plan and build,

Dettagli

Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013

Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013 Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013 1 Agenda 2 Highligths di Fisica Gia' visti a EPS-2103 e presentati in Sezione a Ottobre : http://w w w.pd.infn.it/segreterie/segred/trasparenze/2013/c

Dettagli

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ;

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; Curriculum di Barbara Sciascia 1 Curriculum formativo di Barbara Sciascia ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; gennaio 2002: dottorato di ricerca

Dettagli

Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM

Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM Giornata di Dipartimento Siena, 20-21 Dicembre 2012 Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente Sede di Fisica 1 International

Dettagli

LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale

LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale LHCB G. Martellotti CSN1 24-09 - 2003 DRAFT *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale G. Martellotti 30 m *Stato del rivelatore MU - Camere (proto/test/produz.) C. Forti 30 m - Elettronica

Dettagli

The Compact Muon Solenoid Experiment. Conference Report. Mailing address: CMS CERN, CH-1211 GENEVA 23, Switzerland

The Compact Muon Solenoid Experiment. Conference Report. Mailing address: CMS CERN, CH-1211 GENEVA 23, Switzerland Available on CMS information server CMS CR -011/18 The Compact Muon Solenoid Experiment Conference Report Mailing address: CMS CERN, CH-111 GENEVA 3, Switzerland 19 September 011 Studio del processo Z-

Dettagli

PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt. At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries

PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt. At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries Puzzling questions Quale è l origine del confinamento dei quark? Cosa

Dettagli

TOTEM Relazione e proposte finanziarie

TOTEM Relazione e proposte finanziarie CSN1 - Assisi 24/09/2004 TOTEM Relazione e proposte finanziarie Referee: G: Chiefari, M. Curatolo, M. de Palma 24 Sett. 04 Totem -Relazione dei referee 1 Totem Eventi ed attività 2004 E stato pubblicato

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO Dati anagrafici Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it Curriculum degli studi -1996 Laurea in Fisica presso l Università

Dettagli

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 Alcune defnizioni RIVELATORE E un dispositivo che conta, traccia o identifica le particelle prodotte dai decadimenti radioattivi, dalle radiazioni cosmiche o

Dettagli

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il Proposte di Tesi di Laurea presso il il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Carlo Dionisi Dipartimento di Fisica Univ. di Roma La Sapienza INFN Sezione di Roma Dove si trova Fermilab? Cosa e' Fermilab?

Dettagli

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS W e Z a LHC M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS Incontri sulla Fisica delle Alte Energie IFAE 2009 Bari, 15 17 Aprile 2009 Introduzione LHC è una W/Z factory Process s n.

Dettagli

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 NA62 TDAQ status report M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 TDAQ in generale Distribuzione clock/trigger: progetto completato, nuovi moduli TTCex CERN non funzionanti (OK per 2012, nuovo

Dettagli

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r Studio del decadimento B s φφ e misura del suo branching ratio acdfii Relatore Correlatore dott.ssa Anna Maria Zanetti dott. Marco Rescigno Giovedì, 18 Dicembre (pag 1) Scopo dell analisi Lo scopo dell

Dettagli

Studi di produzione delle J/psi in CMS

Studi di produzione delle J/psi in CMS Studi di produzione delle J/psi in CMS (work in progress!) Aafke Kraan Introduzione/motivazione Mechanismi di produzione J/psi allʼlhc Osservabili Selezione e ricostruzione dei J/psi Studi di fondo J/psi

Dettagli

MILESTONES stato a meta 2003

MILESTONES stato a meta 2003 MILESTONES stato a meta 2003 ATLAS 28/02/2003 RPC: 45% dei volumi di gas prodotti 90 100% raggiunto il 31/03/2003 31/01/2003 RPC: Risultati preliminari test GIF 100 e' stato deciso di proseguire l'irraggiamento

Dettagli

L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara

L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara Massimiliano Fiorini per il Gruppo LHCb Ferrara Lavori in Corso a Fisica Ferrara, 4 Febbraio 2014 Il Modello Standard 12 particelle elementari,

Dettagli

Software. Computing. Fisica

Software. Computing. Fisica Software Computing Fisica Motivazioni 1) DAQ TDR: sta per essere publica to (dead-line: next week). Grande lavoro di sviluppo di software (simulazione, ricostruzione ) per ottimizzare il trigger-rate massimo

Dettagli

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Tesi Laurea Magistrale in Fisica Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Dettagli

Fermi Gamma Ray Space Telescope - INFN Padova - short version

Fermi Gamma Ray Space Telescope - INFN Padova - short version Fermi Gamma Ray Space Telescope - INFN Padova - short version Padova - 4 luglio 2011 1 Cataloghi Dataset di 28M fotoni nuova analisi eventi nuovo modello diffuso 12 sorgenti estese (SNR,*MC) Spettri (non

Dettagli

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita STATO ESPERIMENTO! COMPASS è sul floor e sta prendendo buoni dati! Eccellente lavoro specialmente della componente italiana Complimenti! Tracciamento spettrometro è OK (MWPC, Straw Tubes, Micromega, GEM,

Dettagli

Work flow Elettronica di acquisizione

Work flow Elettronica di acquisizione Work flow Elettronica di acquisizione USB INTERFACE rej DAQ rej DAQ y in y in 1b 4b 2b 3b rej y in DAQ rej y in DAQ 9 vs 9 moduli di rivelazione FPGA COINCIDENCE UNIT TTL I/O rej DAQ y in 1a 2a rej y in

Dettagli

Ferrara, Agosto 2013. 1 Dati Generali 2. 7 Esperienze lavorative post-dottorato 4. 9 Attività didattica 6

Ferrara, Agosto 2013. 1 Dati Generali 2. 7 Esperienze lavorative post-dottorato 4. 9 Attività didattica 6 CURRICULUM VITAE DI MIRCO ANDREOTTI Ferrara, Agosto 2013 Indice 1 Dati Generali 2 2 Curriculum degli studi 2 3 Altri titoli di studio 2 4 Esperienze scientifiche pre-laurea 2 5 Incarichi scientifici post-laurea

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Ricercatore responsabile locale: Antonio ZOCCOLI Rappresentante Nazionale: di appartenenza: Posizione nell'i.n.f.n.: Inc. Ric. Antonio ZOCCOLI INFORMAZIONI GENERALI Linea di ricerca Misura della violazione

Dettagli

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014 Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli Aprile 2014 Nome: Antonio Zoccoli Età: nato a Bologna il 16 Agosto 1961. Curriculum Accademico: 1980 Maturità classica press oil liceo L. Galvani di Bologna 1980-1985

Dettagli

G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B.

G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B. Frasca& Prototype G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B. Ponzio, 1 Guide lines Good &me to finalize all the

Dettagli

Si è quindi iscritto al Corso di Laurea in Fisica (indirizzo generale) presso l Università degli Studi di Pisa nell Anno Accademico 1985-1986.

Si è quindi iscritto al Corso di Laurea in Fisica (indirizzo generale) presso l Università degli Studi di Pisa nell Anno Accademico 1985-1986. CURRICULUM VITAE di PAOLO CAMARRI Nato a Piombino (LI) il 28/02/1967 Ha frequentato la scuola dell obbligo e il Liceo Scientifico nella città natale, conseguendo il diploma di maturità scientifica nell

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ferrara, 18 Giugno 2014

CURRICULUM VITAE. Ferrara, 18 Giugno 2014 Ferrara, 18 Giugno 2014 CURRICULUM VITAE Angelo Cotta Ramusino Dirigente Tecnologo presso INFN, sezione di Ferara con incarico di coordinatore del servizio elettronico e-mail: cotta@fe.infn.it Titoli di

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

TDAQ in generale Dry run: 1 mese (Giu-Lug 2012) Il TDAQ rimane sul critical path (manpower)

TDAQ in generale Dry run: 1 mese (Giu-Lug 2012) Il TDAQ rimane sul critical path (manpower) TDAQ in generale Distribuzione clock/trigger: progetto definito, moduli finali in arrivo (?), installazione prevista inizio 2012 Piano veloce di muon veto (D/RU): in costruzione Qualche simulazione di

Dettagli

Compact Muon Solenoid

Compact Muon Solenoid Compact Muon Solenoid M. Diemoz - INFN Roma Villa Gualino 10/11-05-2011 M. Diemoz - INFN Roma 1 Preparare e capire i rivelatori Calibrazioni & Allineamenti ma non solo La comprensione del rivelatore Villa

Dettagli

Fisica pp a LHC A Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector

Fisica pp a LHC A Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector Fisica pp a LHC A. Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector Trigger and DAQ - High Level Trigger (HLT) Test Standard Model - Misure di W- e top-quark mass Ricerca del Bosone

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Ricercatore responsabile locale: Enrico Iacopini Rappresentante Nazionale: di appartenenza: F. COSTANTINI Pisa Posizione nell'i.n.f.n.: Incar. di Ric. INFORMAZIONI GENERALI Linea di ricerca Violazioni

Dettagli

Monitoring online. - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti

Monitoring online. - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti Monitoring online - dove monitoriamo, - su quali e quanti eventi (Callot ) - con quali strumenti -cosavogliamo monitorare (timing, efficienza, allineamenti ) - su quali oggetti monitoriamo (tutti gli hit,

Dettagli

Stato risorse di calcolo CDF in Italia

Stato risorse di calcolo CDF in Italia Stato risorse di calcolo CDF in Italia - August 31, 2011 S. Amerio (INFN Padova) Stato risorse a Fermilab Portale CDFGRID per accedere alle risorse di calcolo locali a Fermilab. Job in corso 5k CDFGRID

Dettagli

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9.

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9. 103 GIACOMO DI STASO Entra nel vivo il Progetto Extreme Energy Events ideato dal prof. Antonino Zichichi. L Istituto Scipione Staffa di Trinitapoli è diventato scuola pilota nella seconda fase di questo

Dettagli

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 LHC : rivelatori Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 I rivelatori di LHC (1) - sommario nota storica : ATLAS e CMS [anche ALICE, LHC-b, TOTEM] ; CMS : cenni (2) ; ATLAS : rivelatore centrale; calorimetro

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI

Dettagli

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri CLAUDIO BORTOLIN Università di Udine / INFN PD / CERN Sistemi di raffreddamento per esperimenti di fisica delle particelle prospettive

Dettagli

Curriculum scientifico e didattico di Andrea Rizzi

Curriculum scientifico e didattico di Andrea Rizzi Curriculum scientifico e didattico di Andrea Rizzi Dati anagrafici: Andrea Rizzi, nato a Figline Valdarno (FI), il 30 Settembre 1979. Attuale indirizzo: Andrea Rizzi Via Edison - Gello - 14 56017 San Giuliano

Dettagli

P-Mu2e Relazione dei Referee

P-Mu2e Relazione dei Referee P-Mu2e Relazione dei Referee CSN1 Bologna 17 Settembre 2013 Marco Meschini Stefano Passaggio Paolo Pierini Alessia Tricomi 1 Stato dell esperimento Dopo l approvazione del CD-1 (Luglio 2012) e la preparazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI TOSI SILVANO

CURRICULUM VITAE DI TOSI SILVANO CURRICULUM VITAE DI TOSI SILVANO Dati anagrafici COGNOME TOSI NOME SILVANO NATO A SESTRI LEVANTE PROV. GENOVA IL 27/06/1976 SESSO MASCHILE EMAIL silvano.tosi@ge.infn.it percorso accademico e scientifico

Dettagli

Docente esperto per il corso Matematica che passione. Docente esperto per il corso Studio assistito Docente esperto per il corso Studio assistito 2

Docente esperto per il corso Matematica che passione. Docente esperto per il corso Studio assistito Docente esperto per il corso Studio assistito 2 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FRANCESCO NOTO Indirizzo VIA DEL TRITONE 12 CATANIA Telefono 00393200586676 Fax 00390953785230 E-mail francesco.noto@ct.infn.it

Dettagli

HiLumi LHC FP7 High Luminosity Large Hadron Collider Design Study

HiLumi LHC FP7 High Luminosity Large Hadron Collider Design Study CERN-ACC-SLIDE-2013-021 HiLumi LHC FP7 High Luminosity Large Hadron Collider Design Study Presentation QUANDO L AVVENTURA DELLA CONOSCENZA DIVENTA UNA GRANDE IMPRESA SCIENTIFICA IL LARGE HADRON COLLIDER

Dettagli

P R O G R A M M A D I R I C E R C A

P R O G R A M M A D I R I C E R C A Preventivo per l'anno 001 Nuovo Esperimento Rappresentante Nazionale: Vittorio Palladino Ricercatore responsabile locale: NAPOLI Vittorio Palladino di appartenenza: Posizione nell'i.n.f.n.: Napoli Associato

Dettagli

Dario Barberis Curriculum Vitae

Dario Barberis Curriculum Vitae Dario Barberis Curriculum Vitae Nato il 26/11/1956 a Milano (Italia). Cittadino italiano. Educazione: 1970 1975: Liceo scientifico "Vittorio Veneto", Milano. Maturità scientifica con voto 60/60. 1975 1980:

Dettagli

3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi

3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi Chapter 3 La Visualizzazione 3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi 3.1.1 L Event Display Gli esperimenti di fisica delle alte energie investigano le reazioni tra le particelle elementari

Dettagli

Piani per il Commissioning della Fisica di Atlas e CMS

Piani per il Commissioning della Fisica di Atlas e CMS Bari, 22 Ottobre 2005 Piani per il Commissioning della Fisica di Atlas e CMS Fabiola Gianotti Roberto Tenchini Terzoworkshop sullafisicadiatlas e CMS Prepararci alla Fisica! Pre-Commissioning : i Test

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Babar Computing. Tina Cartaro. BABAR Italia Meeting Capri, Aprile 2010

Babar Computing. Tina Cartaro. BABAR Italia Meeting Capri, Aprile 2010 Babar Computing Tina Cartaro SLAC BABAR Italia Meeting Capri, Aprile 2010 Sommario Dati Datasets Produzione Migrazione LTDA Project Futuro BaBar Italia Meeting - Capri, Aprile 2010 C. Cartaro 2 Dati Run1

Dettagli

piano delle ricerche 2002

piano delle ricerche 2002 Attività 2000-2001 piano delle ricerche 2002 e Dipartimento Interateneo di Fisica Università degli Studi di Bari e Politecnico di Bari Dipartimento Interateneo di Fisica Università di Bari - Politecnico

Dettagli

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC 1 Introduzione Il Large Hadron Collider (LHC) non è solo uno strumento per cercare nuove particelle, ma anche una fabbrica di particelle

Dettagli

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 1 Introduzione Dal punto di vista del computing, il DAQ di CMS consiste in un grande ambiente di calcolo distribuito,

Dettagli

GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari

GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari Roberto Ferrari Parma GLUG GNU/Linux Day 2011 22 ottobre 2011 ACRONIMI: INFN: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare CERN: European

Dettagli

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS i Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS Il testo si propone di spiegare gli aspetti più importanti degli studi di fisica

Dettagli

RD50 Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione

RD50 Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione Anna Macchiolo Università degli Studi di Firenze e INFN Firenze in rappresentanza della Collaborazione RD50 (http://rd50.web.cern.ch/rd50/)

Dettagli

Gruppo I. Outline: Programmi scientifici e preventivi 2014. Coordinatore: Anna Maria Zanetti 11 Luglio 2013

Gruppo I. Outline: Programmi scientifici e preventivi 2014. Coordinatore: Anna Maria Zanetti 11 Luglio 2013 Programmi scientifici e preventivi 2014 Outline: Compass Atlas CMS CDF Babar P-MU2E Nuove iniziative: Belle g-2 Gruppo I Coordinatore: Anna Maria Zanetti 11 Luglio 2013 Vi rimando ai talk specifici Tabelle

Dettagli

Curriculum Vitae et Studiorum

Curriculum Vitae et Studiorum Curriculum Vitae et Studiorum Dati anagrafici Nome: Andrea Parenti Data di Nascita: 7 Novembre 1973 Luogo di Nascita: Firenze, Italia Cittadinanza: Italiana Occupazione attuale: Ricercatore allo European

Dettagli

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Tesi di Laurea Relatori:

Dettagli

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale Alla ricerca di particelle strane in ALICE 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni

Dettagli

Camere a deriva di silicio per ALICE

Camere a deriva di silicio per ALICE Camere a deriva di silicio per ALICE Alexander Rashevsky INFN, Sezione di Trieste, Via A. Valerio 2, I-34127 Trieste, Italy Due strati cilindrici dell ITS sono equipaggiati con le camere a deriva Silicon

Dettagli

STATO DEL TIER 1 & FARM di Sezione

STATO DEL TIER 1 & FARM di Sezione STATO DEL TIER 1 & FARM di Sezione per M. D Amato, N. De Filippis, L. Silvestris, S. Costa, A. Tricomi, V. Ciulli, N. Magini, C. Marchettini, L. Servoli, L. Fanò, S. Gennai Sezione di BARI Risorse HW:

Dettagli

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com)

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) A CACCIA DI PARTICELLE Una breve introduzione alla fisica delle particelle Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) Liceo Donatelli Pascal - 30 Maggio 2013 SOMMARIO Cosa sono le particelle? Il Bosone più famoso

Dettagli

Curriculum Vitae Antonio Marrone (Ricercatore Universitario)

Curriculum Vitae Antonio Marrone (Ricercatore Universitario) Curriculum Vitae Antonio Marrone (Ricercatore Universitario) Titoli di Studio e Professionali: 1996: Dottore in Fisica (U. di Bari) 2000: Dottore di Ricerca in Fisica 2000: Borsista post doc (SISSA, Trieste)

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Corso di Dottorato in Fisica. Fisica subnucleare (High Energy Physics) Dipartimento di Fisica dell Università degli Studi di Firenze

Corso di Dottorato in Fisica. Fisica subnucleare (High Energy Physics) Dipartimento di Fisica dell Università degli Studi di Firenze Informazioni personali Nome Simone Frosali Data di nascita 20 Maggio 1979 Cittadinanza Indirizzo email Sito internet Italiana sfrosali.blog@gmail.com www.sfrosali.wordpress.com Titoli di studio Dottorato

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum di Luca Lista

Curriculum vitae et studiorum di Luca Lista Nascita: Napoli, 20 ottobre 1969 Curriculum vitae et studiorum di Luca Lista Studi: Premi: gen. 1993 ott. 1996: Dottorato di ricerca in Fisica presso l Università degli Studi di Napoli Federico II, tesi

Dettagli

Aggiornamento dispositivo di firma digitale

Aggiornamento dispositivo di firma digitale Aggiornamento dispositivo di firma digitale Updating digital signature device Questo documento ha il compito di descrivere, passo per passo, il processo di aggiornamento manuale del dispositivo di firma

Dettagli

Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni

Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni L. Merola x, V. Boccia *, G. Russo x on behalf of ReCaS collabora8on X Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

Rivelatori per ioni pesanti ad energie attorno l energia di Fermi ( il caso del rivelatore CHIMERA)

Rivelatori per ioni pesanti ad energie attorno l energia di Fermi ( il caso del rivelatore CHIMERA) Rivelatori per ioni pesanti ad energie attorno l energia di Fermi ( il caso del rivelatore CHIMERA) Sistema di rivelazione 4p I rivelatori Sistema di trigger/readout Problemi di background e pulizia dei

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein MasterClass 2014 - Bologna Angelo Carbone Misura della vita media del D 0 ad LHCb Ma Einstein aveva ragione? Oggi voi

Dettagli

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac.

BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge Tel. 057/33 48 36 Fax 057/33 61 27 info@pomac.be internet: www.pomac. BVBA POMAC-LUB-SERVICES SPRLKorte Bruggestraat 28 B-8970 Poperinge UNITA LUBETOOL MC-EL-3P-4P-5P-6P-7P, MC-EL-3M-4M-5M-6M-7M, MC-EL-2P E MC- EL-2M Sono forniti completi di scatola di protezione metallica

Dettagli

L Esperimento Atlas al Large Hadron Collider (LHC) e il contributo dell INFN

L Esperimento Atlas al Large Hadron Collider (LHC) e il contributo dell INFN L Esperimento Atlas al Large Hadron Collider (LHC) e il contributo dell INFN 1 Seleziona il contributo cliccando la bandiera Rivelatori di posizione per muoni: Camere MDT Barrel Camere MDT in avanti Trigger/DAQ

Dettagli

Preparazione RRB di Aprile

Preparazione RRB di Aprile Preparazione RRB di Aprile Addendum al MoU per HLT/DAQ (CERN-RRB 2004-017)* Consuntivi 2003 M&O (CERN-RRB 2004-023 Part 1)* Previsione 2005 M&O (CERN-RRB 2004-023 Part 2) Consuntivi 2003 CORE + CC (CERN-RRB

Dettagli

RigExpert AA-230 RigExpert AA-230PRO RigExpert AA-520 MANUALE DEL SOFTWARE. Indice dei contenuti

RigExpert AA-230 RigExpert AA-230PRO RigExpert AA-520 MANUALE DEL SOFTWARE. Indice dei contenuti RigExpert AA-230 RigExpert AA-230PRO RigExpert AA-520 MANUALE DEL SOFTWARE Indice dei contenuti 1. CONNESSIONE DEGLI ANALIZZATORI RIGEXPERT AL PERSONAL COMPUTER...2 2. AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE...3 3.

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1 Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare 50 anni di ricerca in fisica 05 Novembre 2003 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra attenzione alla creazione di questo nuovo ente internazionale,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007

VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007 VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007 Presenti: F. FERRONI - Presidente U. DOSSELLI - Giunta Esecutiva M. MAGGI - Coord. Sez. di Bari

Dettagli

Sezioni di Firenze, Perugia e Bari(Dota V)

Sezioni di Firenze, Perugia e Bari(Dota V) Proposta scientifica triennale: 3D_SOD (3 Dimensional Silicon On Diamond Devices) (2014-2016) Sezioni di Firenze, Perugia e Bari(Dota V) Firenze: S. Sciortino (resp. locale) S. Lagomarsino, G. Parrini,

Dettagli

Alcuni miei ricordi con Rinaldo, da Adone ad Atlas

Alcuni miei ricordi con Rinaldo, da Adone ad Atlas Alcuni miei ricordi con Rinaldo, da Adone ad Atlas Quando eravamo giovani Gli anni nella Commissione Scientifica Nazionale dell INFN La strada verso LHC Filippo Ceradini Dipartimento di Matematica e Fisica

Dettagli

Anno di studio all estero

Anno di studio all estero Anno di studio all estero Premessa Durante il periodo di studio all estero l alunno è regolarmente iscritto alla scuola di appartenenza e, quindi, la scuola deve mettere in atto una serie di misure di

Dettagli

Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica. Giovanni Ambrosi INFN Perugia

Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica. Giovanni Ambrosi INFN Perugia Qualifica spaziale di componenti e strumentazione scientifica Giovanni Ambrosi INFN Perugia LNGS, 5 Maggio 2005 Goal (ambizioso ) Individuare cosa e' necessario per trasformare uno strumento di fisica

Dettagli

Programma di ricerca e sviluppo tecnologico volto alla produzione di strumentazione scientifica, attinente al settore "Strumentazione Scientifica"

Programma di ricerca e sviluppo tecnologico volto alla produzione di strumentazione scientifica, attinente al settore Strumentazione Scientifica Programma di ricerca e sviluppo tecnologico volto alla produzione di strumentazione scientifica, attinente al settore "Strumentazione Scientifica" Consuntivo scientifico del terzo anno di attività e del

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS.

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS. Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in Fisica Anno Accademico 2002-2003 Tesi di Laurea Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici

Dettagli

ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO

ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO ESPERIMENTO XDXL-PD. TAVOLA SINOTTICA PARTECIPANTI, SEZIONE DI PADOVA, GRUPPO PADOVA-LEGNARO Paolo Rossi (Coord. Loc.) Sez. di Padova 100% Gisella Gennaro - Sez. Di Padova 100% Giuliano Moschini - LNL

Dettagli

GIOVANNI MARIA PIACENTINO. 1976-80 collabora alla cattedra di Fisica II, Istituto di Informatica, Università di Pisa

GIOVANNI MARIA PIACENTINO. 1976-80 collabora alla cattedra di Fisica II, Istituto di Informatica, Università di Pisa GIOVANNI MARIA PIACENTINO Qualifica Ente di appartenenza Dipartimento di appartenenza Professore Associato FIS/01 Università degli Studi Guglielmo Marconi Fisica Nucleare, Subnucleare e delle Radiazioni

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Specifici in Alluminio - Linea Race Nuova linea di portatarga Race, nuovo design che sostituirà

Specifici in Alluminio - Linea Race Nuova linea di portatarga Race, nuovo design che sostituirà Specifici in Alluminio - Linea Race Nuova linea di portatarga Race, nuovo design che sostituirà quello Street. Tutta la gamma è regolabile con l ormai famoso snodo mediante due viti, ed in aggiunta rispetto

Dettagli

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Stefano Covino! INAF / Osservatorio Astronomico di Brera! UTL Vimercate - 2011! 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra

Dettagli

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Fisica Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un

Dettagli

4. COMPLETAMENTO DELLO SPETTROMETRO

4. COMPLETAMENTO DELLO SPETTROMETRO 1. STATO GENERALE DI COMPASS 2. STATO DELL ANALISI 3. ATTIVITA HARDWARE 4. COMPLETAMENTO DELLO SPETTROMETRO Stato generale di COMPASS Workshop on Future Physics @ COMPASS CERN, 26-27 settembre 2002 Presentazione

Dettagli