Distribuzione ed effetti di microinquinanti nell'area circostante il complesso industriale CHIMET basata sull'utilizzo di bioindicatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distribuzione ed effetti di microinquinanti nell'area circostante il complesso industriale CHIMET basata sull'utilizzo di bioindicatori"

Transcript

1 Università degli Studi di Siena DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI G. Sarfatti Via Mattioli, 4, Siena, Italy Tel Fax Distribuzione ed effetti di microinquinanti nell'area circostante il complesso industriale CHIMET basata sull'utilizzo di bioindicatori Convenzione sottoscritta dall'azienda USL 8 di Arezzo e l'università degli Studi di Siena, Dipartimento di Scienze Ambientali G.Sarfatti in data 21 febbraio 2011, per attività di ricerca nel settore del biomonitoraggio ambientale mediante organismi animali e vegetali (approvata rispettivamente dalla Direzione Generale con deliberazione n. 572 del 06/12/2010 e dal Consiglio di Amministrazione del 21/12/2010) Relazione Tecnico Scientifica Gruppo di Ricerca Dr. Nicola Bianchi Dr.ssa Stefania Ancora Dr. Tommaso Campani Dr.ssa Ilaria Caliani Dr.ssa Silvia Casini Responsabile Scientifico Prof. Claudio Leonzio

2 Indice generale PREMESSA...2 INTRODUZIONE...3 Obbiettivi del progetto...6 MATERIALI E METODI...7 Campionamento...7 Attività analitiche...8 Determinazione degli elementi in tracce...8 Attività etossiresorufina-o-deetilasi (EROD)...9 Determinazione delle porfirine...10 Comet assay...11 ENA (Erythrocytes nuclear abnormalities) assay...11 Determinazione della DIOSSINA e dei PCB-DIOSSINA-simili in Podarcis sicula 12 Elaborazione statistica e cartografia...12 RISULTATI...14 ELEMENTI IN TRACCE FOGLIE di Quercus pubescens...14 ELEMENTI IN TRACCE (Podarcis sicula)...24 BIOMARKER - Attività MFO...27 BIOMARKER - Porfirine...29 BIOMARKER di genotossicità...31 CARTOGRAFIA Elementi in tracce...32 DIOSSINE e PCB-DIOSSINA-simili nelle carcasse di Podarcis sicula...34 CONCLUSIONI...38 BIBLIOGRAFIA...41 ALLEGATI

3 PREMESSA L'azienda USL 8 di Arezzo e l'università degli Studi di Siena, Dipartimento di Scienze Ambientali G.Sarfatti, in data 21 febbraio 2011, hanno sottoscritto una convenzione per attività di ricerca nel settore del biomonitoraggio ambientale mediante organismi animali e vegetali (approvata rispettivamente dalla Direzione Generale con deliberazione n. 572 del 06/12/2010 e dal Consiglio di Amministrazione del 21/12/2010). La ricerca oggetto della convenzione, intitolata Distribuzione ed effetti di microinquinanti nell'area circostante il complesso industriale CHIMET basata sull'utilizzo di bioindicatori, si è articolata nelle differenti fasi previste dal progetto: mappatura degli elementi in tracce mediante bioindicatori vegetali biomonitoraggio sugli organismi animali elaborazione statistica dei risultati, definizione della distribuzione dei contaminanti, degli effetti e del pericolo potenziale sull'ambiente. L'accordo per lo svolgimento della ricerca è stato integrato con un ADDENDUM che prevedeva: analisi delle diossine ad alta risoluzione nei campioni di Podarcis sicula, presso un laboratorio provvisto di certificazione europea UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005; una ulteriore verifica dei principali dati ottenuti nell anno 2010 con l aggiunta di una stazione integrativa nell area di Tegoleto. Lo stato avanzamento delle ricerche è stato periodicamente presentato dal referente scientifico Prof. Claudio Leonzio nelle riunioni del Gruppo Tecnico per lo studio mirato su Civitella ed Arezzo presso il Dipartimento di Prevenzione, nonché negli incontri con gli Amministratori con i Comitati locali che si sono susseguiti. La presente relazione conclusiva delle attività svolte si riferisce alle ricerche complessivamente effettuate comprensive, quindi, anche di quanto indicato nell'addendum. La ricerca è stata realizzata in collaborazione con il gruppo di lavoro del Dipartimento di Scienze Ambientali: Dr Nicola Bianchi, Dr.ssa Stefania Ancora, Dr. Tommaso Campani, Dr.ssa Ilaria Caliani, Dr.ssa Silvia Casini. 2

4 INTRODUZIONE Effetti dei microinquinanti sulle comunità naturali: bioindicatori e biomarker I contaminanti ambientali (naturali e di sintesi, quali IPA, diossine, metalli pesanti, PCBs) si distribuiscono nei vari comparti ambientali in funzione delle loro caratteristiche chimicofisiche, causando modificazioni che si ripercuotono sulla componente biologica. Attraverso l utilizzo di organismi animali e vegetali è possibile ottenere indicazioni sul livello di contaminazione di un determinata area. Questi organismi prendono il nome di bioindicatori che vengono definiti come tutti gli organismi che mediante reazioni identificabili (biochimiche, fisiologiche, morfologiche ecc.) forniscono informazioni sulla qualità dell ambiente (o di una parte di esso) mentre vengono definiti bioaccumulatori: tutti quegli organismi che assimilano dal suolo, dall acqua o dall atmosfera quantità misurabili di elementi chimici e/o composti xenobiotici (Bargagli, 1998). Gli organismi bioindicatori e bioaccumulatori, per descrivere quantitativamente lo stress ambientale a cui sono sottoposti, vengono selezionati in base al loro ruolo ecologico e alle caratteristiche dei contaminanti. In presenza di una fonte di contaminazione puntiforme, come nel caso di questo progetto, vengono selezionate specie con un home range limitato (scarsa mobilità), facile identificazione sistematica ed ampia distribuzione nell area di studio. I modelli diffusionali, basandosi sullo studio delle caratteristiche chimico-fisiche delle molecole inquinanti, permettono una valutazione delle concentrazione teoriche delle sostanze e indicano quali comparti saranno interessati dal trasporto e dall accumulo dei contaminanti. La valutazione dei contaminanti bioaccumulati dagli organismi bioindicatori, permette una validazione in vivo dei modelli diffusionali mostrando che le previsioni teoriche si riferiscono effettivamente ad un fenomeno reale, oltre a permettere una valutazione degli effetti biologici che si manifestano sugli organismi. La moderna tossicologia ambientale, per affrontare queste problematiche, ha gradualmente affiancato alle indagini di "biomonitoring", basate sulla stima dei livelli di residui negli organismi "bioindicatori, un nuovo approccio metodologico basato sulla valutazione delle risposte che possono essere date da un organismo, una popolazione o una comunità naturale in seguito ad uno stress chimico ambientale. Ciascuna di queste risposte, comunemente definite come "biomarker", rappresenta un segnale integrato del 3

5 livello di contaminazione di una determinata area e, di conseguenza, costituisce un indicatore del livello di rischio tossicologico a cui una determinata popolazione naturale può essere sottoposta (Bayne et al., 1976; Payne et al., 1977; McCarthy et al., 1990). Depledge & Fossi (1994) hanno definito i biomarker come quella variazione biochimica, cellulare, fisiologica, o comportamentale, che può essere misurata in un tessuto, in un fluido biologico o a livello dell intero organismo (individuo o popolazione) che da evidenza di esposizione e/o effetto ad uno o più composti inquinanti e/o radiazioni. Quando un composto tossico penetra in un ecosistema, sia questo terrestre, marino o di acqua dolce, può provocare una serie di alterazioni o danni a diversi livelli strutturali che, seguendo la complessità dell'organizzazione gerarchica, vanno dal danno molecolare alle alterazioni a livello di popolazione e comunità. La tossicità primaria di un contaminante si esercita, in linea generale, a livello biochimico e molecolare (modificazioni di attività enzimatiche, alterazioni a livello del DNA), successivamente gli effetti si possono riscontrare, con un meccanismo a cascata, ai livelli successivi dell'organizzazione gerarchica: cellula, tessuto, organismo, popolazione. Le diverse risposte che l'organismo genera nei confronti dell'insulto chimico rappresentano quindi potenziali biomarker utilizzabili in indagini ecotossicologiche. L'obiettivo di tale metodologia è quindi quello di prevedere e, di conseguenza, evitare eventi inaccettabili a livello ecologico. Infatti l'utilizzo di biomarker, attraverso lo studio di risposte immediate (induzione sistemi detossificanti, inibizioni enzimatiche, danni al DNA), permette di prevedere il verificarsi di effetti negativi a lungo termine (cancerogenesi, alterazioni patologiche, diminuzione delle capacità riproduttive) (McCarthy et al., 1990). I vantaggi dell'utilizzo di tale approccio metodologico rispetto ai convenzionali metodi di biomonitoraggio vengono riportati di seguito: i biomarker forniscono una risposta "integrata" dell'esposizione complessiva della specie bioindicatrice, considerando la sommatoria sia delle diverse vie di assunzione che dell'esposizione nel tempo entro un determinato range spaziale; i biomarker forniscono una risposta "integrata" dell'insieme delle interazioni tossicologiche e farmacologiche della miscela di composti a cui e' sottoposto l'organismo "sentinella"; i biomarker forniscono una risposta immediata all'esposizione al tossico; questo dato permette di prevedere l'effetto negativo a lungo termine; 4

6 i biomarker possono potenzialmente indicare l'effetto ecologico a lungo termine di un contaminante a seconda che l'organismo risulti esposto oppure no. In sintesi un organismo bioindicatore: - permette di misurare i livelli dei contaminanti persistenti bioaccumulati negli organismi, fornendo un dato integrato in termini spazio-temporali dell input tossicologico dell area oggetto di studio. - fornisce, attraverso l applicazione di biomarker, dati relativi alle attività enzimatiche attivate o inibite da gruppi specifici di inquinanti, alla formazione di metaboliti, allo sviluppo di danni più o meno reversibili a livello di DNA, cellulare o istologico. Per questo studio pilota sullo stato di contaminazione dell area circostante il complesso industriale CHIMET, è stato scelto un set di biomarkers che investigasse i possibili effetti dal livello molecolare fino a livello cellulare: - per la valutazione della presenza e biotrasformazione di composti liposolubili (ad esempio IPA, TCDDs, PCB) è stata scelta l attività del CYP1A1, misurata tramite il test della etossiresorufina-o-deetilasi (EROD). - Le concentrazioni delle porfirine epatiche sono state utilizzate come biomarker di esposizione a diversi contaminanti ambientali come PCB (policlorobifenili), pesticidi organoclorurati e organofosforici, diossine, metalli pesanti e IPA. - i biomarker di genotossicità sono stati utilizzati (Comet assay ed ENA assay) per permettere la valutazione del danno al DNA a livello molecolare e/o cromosomico che può essere causato da IPA, PCB, diossine, metalli pesanti, dai ROS, dalle radiazioni UV provenienti dal sole e dai raggi X e gamma. In ogni comparto ambientale interessato da un fenomeno di contaminazione è quindi possibile reperire specie adatte alla bioindicazione e su di questi quantificare i livelli di contaminazione (bioaccumulo) e le risposte precoci (biomarker) ai vari livelli di complessità, da quello molecolare fino agli effetti sulle comunità. 5

7 Obbiettivi del progetto L area di studio di questo progetto è costituita dalla zona circostante il complesso industriale CHIMET situato nel comune di Civitella val di Chiana a meno di 1 km dalla frazione di Badia al Pino. La CHIMET realizza processi di recupero ed affinazione di metalli preziosi da materiale di risulta delle attività industriali, principalmente nel settore orafo, ma anche provenienti da altre attività (marmitte catalitiche, catalizzatori esausti, bagni galvanici, radiografie ecc.,). L impianto con le sue varie fasi di recupero, in particolare il processo pirometallurgico, rappresenta la fonte puntiforme potenziale di diffusione di gruppi di microinquinanti (diossine, idrocarburi clorurati, metalli pesanti). Obiettivo della ricerca è stato quindi la realizzazione in questa area di una serie di indagini preliminari, basate sull utilizzo di organismi bioindicatori, per verificare: la distribuzione dei contaminanti negli organismi scelti come bioindicatori (Podarcis sicula e Quercus pubescens) al fine valutare possibili fenomeni di accumulo ed individuare elementi traccianti della fonte potenziale di emissione; gli effetti degli stessi contaminanti in specie selezionate (Podarcis sicula) attraverso l utilizzo di biomarker di esposizione e di effetto; la magnitudine degli effetti in funzione della distanza dalla fonte potenziale di emissione ed eventualmente identificare altre origini degli effetti registrati (traffico veicolare, industrie limitrofe, centri abitati). 6

8 MATERIALI E METODI Campionamento Il campionamento dei lacertidi (Podarcis sicula) e delle foglie di quercia (Quercus pubescens) è stato effettuato nell area compresa da nord e sud tra Fusatone Molin Bianco e Monte San Savino e da est a ovest tra Civitella Val di Chiana e Cellaio, nei mesi di ottobre e novembre 2010; inoltre, a seguito di quanto stabilito nell'addendum, è stato realizzato un secondo campionamento nel 2011 (Figura 1). Figura - 1. Punti di campionamento della Qurcus pubescens e stazioni di campionamento della Podarcis sicula. Il 60% dei campioni di foglie di quercia (n=23) sono stati prelevati nell area limitrofa allo stabilimento CHIMET compresa tra i centri abitati di Badia al Pino, Tegoleto, Pieve al Toppo e Viciomaggio. La distribuzione delle stazioni dei campioni di foglie risulta descritta da una ellisse più esterna, ed un altra prossima all impianto ed orientata secondo i venti 7

9 dominanti. Gli altri punti più vicini allo stabilimento CHIMET sono gli stessi utilizzati precedentemente da ARPAT per le analisi del suolo. I lacertidi sono stati campionati in cinque stazioni, due in prossimità dello stabilimento nei pressi dei centri abitati di Badia al Pino e Tegoleto, gli altri 3 in diverse tipologie di aree (collina e pianura) a diverse distanze dallo stabilimento, presso Civitella Val di Chiana, Monte San Savino e Frassineto. Inoltre è stato effettuato un campionamento di lacertidi all interno della Montagnola senese (Eremo di Lecceto - Siena) utilizzati come individui di controllo. Le foglie venivano campionate mediante forbici per potatura ad asta telescopica ad una altezza di 4m dalla superficie del suolo, e conservate in buste di polietilene. Le lucertole venivano catturate vive mediante aste con cappio a lenza, trasferite in contenitori frigo ad una temperatura di 7-8 C e trasportate in laboratorio. Successivamente gli animali venivano anestetizzati con dietiletere, e, dopo aver rilevato i parametri morfometrici, venivano sacrificati tramite decapitazione. Due gocce di sangue venivano immediatamente raccolte in una provetta Eppendorf e mantenute a 4 C con eparina mentre una goccia veniva stesa su di un vetrino per la valutazione del test ENA. Dopo queste operazioni veniva effettuata la dissezione: immediatamente veniva asportato e pesato, siglato il fegato e posto in azoto liquido per la conservazione. La carcassa dell animale opportunamente siglata è stata posta in congelatore a -20 C per l analisi degli elementi in tracce e delle diossine. Attività analitiche Determinazione degli elementi in tracce Mineralizzazione del campione Metodo EPA 3052 (modificato) - Mineralizzazione in forno a microonde Aliquote di circa 0,4 g di campioni (carcasse di Podarcis sicula e foglie di Quercus pubescens) liofilizzati ed omogenizzati, vengono poste all interno di contenitori in teflon. In seguito si aggiungono 8 ml di acido nitrico (HNO 3 ) ed 2 ml di perossido di idrogeno (H 2 O 2 ) per la mineralizzazione, i contenitori con controllo della temperatura vengono poi caricati in appositi rotori in teflon e trasferiti in forno a microonde. Si ottengono così soluzioni limpide che vengono trasferite in Falcon (50ml) e portate ad un volume finale di 40 ml. Su 8

10 queste soluzioni si effettuavano le analisi di Oro, Argento, Mercurio, Rame, Cadmio, Piombo, Zinco, Palladio, Platino, Molibdeno, Cobalto, Nichel, Cromo, Vanadio, Alluminio, Ferro, e Manganese. In ogni serie di analisi veniva inserita una prova in bianco (blank) per poter verificare la purezza dei reagenti e sei prove di materiali standard di riferimento vegetali (Tomato, n. 1573, Apple, n e Peach n. 1547) e animali (Mussel TissueSRM 2976 e Bovine Liver SRM 1577b) con concentrazioni certificate dal Community Bureau of Reference per verificare il grado di accuratezza delle analisi. Per il calcolo delle concentrazioni dei metalli è stato utilizzato il metodo delle aggiunte interne: ad uguali aliquote dello stesso campione venivano aggiunte quantità crescenti di una soluzione contenente i metalli da analizzare in concentrazioni note. Strumenti utilizzati nell analisi degli elementi in tracce: fornetto di grafite (spettrofotometro ad assorbimento atomico Analytik Jena Contra 700) per oro, argento, cadmio, piombo, zinco, palladio, platino, molibdeno, cobalto, nichel, cromo e vanadio. tecnica del vapore freddo (spettrofotometro ad assorbimento atomico Perkin Elmer Fims 400) per il mercurio. spettrometro ad emissione (ICP-Plasma Perkin Elmer Plasma 5100DV) per rame, manganese, ferro e alluminio. Attività etossiresorufina-o-deetilasi (EROD) Per ogni campione di fegato è stata pesata un aliquota di 50 mg di tessuto a cui è stata aggiunta una quantità di tampone saccarosio 0,25 M (ph 7,5), corrispondente a 4 ml di tampone/g tessuto. Ciascuna aliquota, mantenuta in ghiaccio, è stata omogenata in Potter (10 passaggi a 440 giri/min). L omogenato ottenuto è stato quindi centrifugato per 20 minuti a 9000 giri a 4 C; il pellet ottenuto (frazione mitocondriale e nucleare) è stato eliminato, mentre il sovranatante (frazione S9) utilizzato per l EROD. La valutazione dell attività EROD è stata misurata nella frazione S9 (fegato di spigola o omogenato di gambusia), in accordo con la metodica elaborata da Lubet et al. (1985) che quantifica, tramite lettura fluorimetrica, la trasformazione dell etossiresorufina (substrato specifico) in resorufina. In cuvette di quarzo è stata posta la seguente miscela di incubazione: - 2,13 ml di tampone TRIS HCl 50 mm, MgCl 2 25 mm (ph 7,5) 9

11 - 10 µl etossiresorufina (0,1 mg/ml) - 40 µl S9. La cuvetta di quarzo, contenente la miscela, è stata alloggiata nella cella di lettura (mantenuta a temperatura costante di 30 C) del fluorimetro (Perkin Elmer LS 50B: eccitazione 522 nm; emissione 586 nm). Dopo un intervallo di tempo variabile fra i 20 e i 40 sec, alla miscela sono stati aggiunti 10 µl di NADPH 125 µm che, essendo un donatore di elettroni, funge da start per la reazione enzimatica. Lo strumento registra la cinetica di reazione per i successivi 240 sec, e successivamente, calcola il delta di fluorescenza/min. I campioni sono stati analizzati in doppio e l attività EROD è stata espressa come pmol substrato min -1 mg prot -1, in relazione ad una curva standard di resorufina. Determinazione delle porfirine Per l analisi fluorimetrica delle porfirine è stato utilizzato il metodo di Grandchamp et al. (1980), che consente di misurare le concentrazioni singole di coproporfirine uroporfirine, e protoporfirine. I campioni (30-40 mg di tessuto epatico) sono stati pesati in provette in plastica ed aggiunta acqua distillata nel rapporto 1:10 (p/v). I campioni così diluiti sono stati omogenati con un Ultra Turrax T25 per 1 minuto ciascuno, mantenendoli in ghiaccio. Dopo tale operazione, 200 µl di ciascun campione sono stati trasferiti in provette da centrifuga insieme con 1,6 ml di una soluzione metanolo/acido perclorico 1N 50:50 ed agitati in vortex per 4 passaggi di 10 secondi ciascuno. I campioni, così trattati, sono stati lasciati al buio per 10 minuti, quindi centrifugati ad un basso numero di giri e il sovranatante ottenuto dalla centrifugazione pronto per la lettura fluorimetrica. Metodo di lettura di Grandchamp Il metodo di lettura di Grandchamp è basato sull utilizzo delle tre diverse coppie di lunghezza d onda di eccitazione e di emissione specifiche per ogni porfirina (coproporfirina , uroporfirina , protoporfirina ). Misurando l emissione di fluorescenza del sovrananante, tramite elaborazione con un software specifico che contiene le curve di calibrazione delle tre porfirine alle tre coppie di valori, è possibile calcolare le concentrazioni di ogni porfirina nella miscela. Il sovranatante è stato posto in una microcuvetta e misurato fluorimetricamente (Perkin-Elmer LS 50B). Prima dell inizio di questa operazione, è stato letto il bianco e gli standard delle porfirine. Gli standard delle porfirine sono stati acquistati presso la Porphyrin Product Inc (Logan, Utah, USA). Dopo il calcolo finale, le concentrazioni delle porfirine vengono espresse in pmol g tessuto

12 Comet assay Il test è stato eseguito seguendo il protocollo messo a punto da Caliani et al. (2009). I campioni di sangue sono stati centrifugati a 1000 giri per 10 min e il pellet ottenuto risospeso in agarosio (0,5% low-melting point agarosio, LMA) e disposto fra altri due strati di agarosio, uno inferiore di normal-melting point agarosio all 1% (NMA), e uno superiore di low-melting point agarosio (LMA) allo 0,5% su un vetrino da microscopio. I vetrini così preparati sono stati immersi in una soluzione di lisi (NaCl 2,5 M, Tris 10 mm, EDTA 0,1 M, DMSO 10%, Triton X-100 1%) per 1 h a 4 C. Al termine della lisi, i vetrini sono stati posizionati in una vasca elettroforetica orizzontale e immersi nel buffer freddo per elettroforesi alcalina (NaOH 10 N, EDTA 200 mm ph>12,1). I vetrini sono stati inizialmente lasciati nella soluzione di corsa per 10 min per favorire lo svolgimento del DNA (processo di unwinding), e dopo effettuata una corsa elettroforetica per 10 min, a 25 V e 300 ma. Dopo la corsa, i vetrini sono stati lavati tre volte con una soluzione neutralizzante (Tris-HCl 0,4 M), fissati in metanolo freddo per 3 min e lasciati asciugare all aria. Al momento della lettura, i vetrini sono stati colorati con una soluzione di Syber safe diluito 1:10000 in tampone TE (10mM Tris HCl ph 7.5 e 1mM EDTA ph 8.0) ed esaminati al microscopio a fluorescenza (Olympus BX41). Sono stati preparati due vetrini per ogni campione e analizzate 100 cellule per campione a 40 ingrandimenti. Il danno al DNA, quantificato come % di DNA nella coda, è stato misurato tramite un sistema computerizzato di analisi dell immagine (Komet 6.0 software, Kinetic Imaging Ltd.). ENA (Erythrocytes nuclear abnormalities) assay Come previsto dal metodo elaborato da Pacheco & Santos (1997), i vetrini sono stati fissati in metanolo per 10 min, subito dopo lo striscio di sangue e lasciati asciugare all aria. Poi sono stati immersi per 30 min in una soluzione contenente il colorante Giemsa diluito al 5% in tampone Sorensen (Na 2 HPO 4 H 2 O; KH 2 PO 4 50:50), quindi lavati per tre volte con acqua deionizzata e lasciati asciugare all'aria, pronti per la lettura. Alla lettura al microscopio ottico ad immersione (Olympus BX41), sono stati considerati solo gli eritrociti maturi, ossia le cellule dai contorni ben definiti, non sovrapposte ad altre, e con citoplasma non granuloso e non frammentato. Inoltre, per il conteggio dei micronuclei, nucleo e micronucleo dovevano essere ben separati. Sono state contate 1000 cellule per campione. La frequenza totale di anomalie è data dalla somma delle 4 tipologie di anomalie (espressa come frequenza ). 11

13 Le 4 anomalie sono mostrate nella figura accanto: 1. Nucleo kidney (piccola depressione da una parte del nucleo) 2. nucleo lobato (nucleo a forma di ameba o di cuore) 3. nucleo segmentato (nucleo strizzato in due parti connesse) 4. micronucleo. Eritrociti maturi con micronuclei e anomalie nucleari: nuclei kidney-shaped (A e B), nuclei lobati (C e D), nuclei segmentati e micronuclei (E ed F). Determinazione della DIOSSINA e dei PCB-DIOSSINA-simili in Podarcis sicula L'indagine preliminare sulle diossine e sui policlorobifenili, come previsto nell'addendum, ha interessato un numero di 6 campioni di pool di lacertidi relativi ad ognuna delle 6 stazioni utilizzate nel presente studio. Le analisi sono state effettuate dal Laboratorio CHELAB (TV) accreditato in conformità alla Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005, che applica un sistema di gestione per la qualità secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008 e un sistema di gestione ambientale certificato UNI EN ISO 14001:2004. Per le determinazioni analitiche delle diossine e PCB-diossina-simili è stato utilizzato il metodo EPA 1668 C Per le dibenzodiossine/furani policlorurati (PCDD/PCDF) è stato utilizzato il metodo EPA 1613 B Elaborazione statistica e cartografia Per quanto riguarda queste attività sono stati inizialmente organizzati i dati in fogli elettronici e si è poi proceduto alla elaborazione grafica e di statistica descrittiva (grafici con valore medio e deviazione standard su barra di errore). L elaborazione complessiva dei dati è stata eseguita senza effettuare ipotesi a priori e basandosi sulle tecniche 12

14 statistiche esplorative (analisi chemiometrica) facendo particolare riferimento alla analisi multivariata (analisi delle componenti principali PCA). I dati ottenuti dall indagine esplorativa sono serviti per valutare le possibili associazioni tra i livelli degli elementi in tracce ed altre variabili mediante test di statistica inferenziale. L'elaborazione statistica inferenziale ha riguardato l'utilizzo della statistica non parametrica: Test U di Mann Whitney, analisi della varianza di Kruskal Wallis, correlazione per ranghi di Spearman e regressione lineare. Per quanto riguarda la cartografia si è proceduto inizialmente alla individuazione delle tipologie di informazione (geometriche, topologiche e informative), alla strutturazione del database relazionale ed inserimento dei dati prodotti. E' stato infine scelto l algoritmo per la creazione delle carte tematiche (metodo deterministico IDW) e si è proceduto alla produzione delle carte sulla distribuzione degli elementi di interesse nell'area di studio. Le elaborazioni statistiche sono state effettuate mediante i software Statistica 7 (StatSoft Inc.) e Graph Pad Prism 5 ( Software. Inc). Le elaborazioni cartografiche sono state realizzate mediante il software dedicato ArcGis versione 9.0 (ESRI) (Tipo licenza: ArcInfo ESRI Inc.) 13

15 RISULTATI ELEMENTI IN TRACCE FOGLIE di Quercus pubescens In Tabella 1 sono riportati per ciascun punto di campionamento i risultati relativi ai livelli degli elementi in tracce determinati nelle foglie di Quercus pubescens espressi in mg/kg di sostanza secca. Sono stati, in aggiunta, riportati i dati relativi alle distanze dei punti di campionamento dal camino dell impianto CHIMET, le quote (metri sul livello del mare) e le coordinate piane (UTM- Gaus Boaga). Nella suddetta Tabella non sono riportati i livelli di Mo, Au e Pt in quanto risultati al di sotto dei limiti di rilevabilità strumentale. Alcune considerazioni possono scaturire dal confronto tra i risultati ottenuti nelle foglie della roverella per il presente studio (Tabella 1) con i dati disponibili in letteratura. I livelli medi di Al, Cd, Cu, Fe, Ni, Pb, Zn, Cr e V concordano con quanto indicato nella stessa specie per un sito di controllo in Toscana non soggetto quindi a contaminazione da elementi in tracce (Bargagli et al., 2003). Questi livelli sono inoltre nello stesso range di quelli determinati nelle foglie di altre specie di quercia come il leccio (Q. cerris), la farnia (Q. robur), il rovere (Q. petrea), la quercia rossa (Q. rubra) e il leccio (Q. ilex) provenienti da aree scarsamente soggette a deposizione atmosferica da elementi in tracce (Bussotti et al. 1992; Kovàcs et al. 1994; Monaci e Bargagli 1997; Santamaria e Martin 1998; Monaci et al, 2000). I livelli di Mn (328 ± 224 mg/kg p.s.), sono molto variabili e, pur rimanendo nello stesso ordine di grandezza, risultano più elevati rispetto a quelli considerati come bakground nella roverella (260 ± 135 mg/kg p.s., Bargagli et al, 2003) e nella farnia (277 mg/kg p.s., Aboal et al, 2004). I livelli di Hg nelle stazioni di campionamento di Badia al Pino e Tegoleto sono circa 4 volte maggiori rispetto alle altre stazioni ed a quanto riportato in letteratura per la stessa specie come valori di background (Bargagli et al, 2003; Bussotti et al. 1992; Kovàcs et al. 1994; Monaci e Bargagli 1997; Santamaria e Martin 1998, Monaci et al 2000). Per quanto riguarda l'argento si può osservare un andamento simile a quello riscontrato per il mercurio, con i livelli più elevati nelle stazioni di Badia al Pino e Tegoleto. Per questo elemento non è stato possibile reperire dati di confronto per la roverella, ne per altre specie di quercia. I valori rilevati nelle suddette stazioni sono comunque particolarmente elevati se comparati con specie diverse dalla roverella come pino, frassino e betulla, riportate in alcuni lavori (Bargagli,1998; Reimann et al., 2007). 14

16 Tabella 1 - Livelli di litio, argento, cadmio, piombo, cromo, nichel, cobalto, vanadio, mercurio, zinco, alluminio, ferro, manganese e rame in mg/kg di sostanza secca in foglie di Quercus pubescens. Coordinate piane (UTM - Gaus Boaga), distanza del punto di campionamento dall impianto CHIMET e quote in metri. 15

17 La interpretazione dei dati, riportata di seguito, mira all individuazione delle possibili relazioni tra i livelli di elementi in tracce determinati nelle foglie e le fonti di emissione che coesistono nell area industriale della piana dell alta Val di Chiana, con particolare attenzione all impianto di recupero dei metalli preziosi CHIMET, un tipo di impianto industriale che prevede il trattamento e recupero di metalli preziosi oltre all'incenerimento di rifiuti provenienti da altre lavorazioni industriali. Nella interpretazione delle associazioni tra gli elementi in tracce in un area come questa, in cui coesistono zone agricole, industriali e urbane, il riferimento alle associazioni significative tra elementi e le varie fonti di inquinamento che si riscontrano in numerosi studi in letteratura, deve essere valutato con cautela. Molti elementi sono presenti in più sorgenti e, quindi, non tutti possono essere considerati traccianti univoci di una specifica fonte di inquinamento. Inoltre la concentrazione di alcuni elementi misurati nelle foglie non sono attribuibili esclusivamente ai fenomeni di deposizione atmosferica ma anche alla frazione dovuta al bioaccumulo della pianta nonché ai livelli degli elementi essenziali presenti nei tessuti vegetali. L esplorazione dell intera popolazione di dati mediante l analisi multivariata (analisi delle componenti principali PCA) ha evidenziato alcune associazioni tra gli elementi in esame (Figura 2). 16

18 A B C Figura 2 - Proiezione delle variabili (livelli degli elementi in tracce) sul piano dei fattori. Il gruppo delle componenti A è rappresentato da Zn, Ni, e Cr, elementi che generalmente in ambiente urbano derivano per lo più dal traffico veicolare. Il nichel ed il cromo vengono emessi soprattutto dai processi di combustione dei derivati del petrolio, mentre lo zinco deriva per la maggior parte dall abrasione degli pneumatici (Morawska and Zhang, 2002; Hjortenkrans et al., 2006). Il gruppo delle componenti del gruppo B (Fe, V, e Al), è formato da elementi caratteristici della litosfera e potrebbero derivare soprattutto dalle polveri che originano dal suolo. Il gruppo C è costituito dalle componenti del manganese, rame, cadmio, mercurio argento e piombo che mostrano una forte associazione (Figura 3). All interno di quest ultimo gruppo sono presenti elementi come il cadmio, il mercurio ed il rame che sono considerati traccianti dei processi di incenerimento dei rifiuti (Law e Gordon, 1979; Linak e Wendt, 1993; Morawska and Zhang, 2002; British Society for 17

19 Ecological Medicine, 2008). Per questo motivo su questo gruppo si sono effettuati approfondimenti per verificare l ipotesi di una origine da incenerimento. Figura 3 - Proiezione delle variabili (livelli degli elementi in tracce) sul piano dei fattori del gruppo C in Figura 2. La matrice di correlazione tra i livelli di questi elementi ha mostrato associazioni altamente significative che rafforzano l ipotesi di una origine comune (Tabella 2). Tabella 2 - Correlazioni significative (p<0.05) tra gli elementi appartenenti al gruppo C rappresentato in Figura 3. Spearman Rank Order Correlations N Spearman - R t(n-2) p-level Ag & Cd p<0.01 Ag & Pb p<0.01 Ag & Cu p<0.05 Cd & Pb p<0.01 Cd & Hg p<0.01 Pb & Hg p<0.01 Pb & Cu p<0.05 Hg & Ag p<

20 In particolare si è riscontrata una correlazione altamente significativa tra mercurio e argento (Correlazione di Spearman r=0.75; p<0.01). Considerando che tra i metalli preziosi l argento è quantitativamente più presente in natura e maggiormente utilizzato nelle varie applicazioni antropiche, si può ipotizzare che, nonostante i processi industriali di recupero dei metalli abbiano rendimenti molto elevati, esista comunque un fenomeno di emissione di questo elemento. Per verificare se effettivamente la sorgente emissiva sia l impianto CHIMET si è indagato sulla possibile esistenza di una relazione tra i livelli degli elementi indagati e la distanza dal punto di emissione dell impianto. Il risultato mostra correlazioni negative significative tra la distanza e i livelli di mercurio (Spearman Test r= -0.57; p<0.01), argento (Spearman Test r= ; p<0.01) e rame (Spearman Test r= -0.40; p<0.05). I test di regressione lineare multipla indicano associazioni significative tra la distanza e i livelli di argento (beta = -0.5; p<0.05) (Figura 4) e di mercurio (beta = -0.55; p<0.01) (Figura 5) ma non risultano significativi per quanto riguarda il rame. Figura 4 - Regressione multipla dei livelli di argento sulla distanza. Scatterplot-Polinomiale con limiti di confidenza al 95% 19

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Monitoraggio di popolazione nei Comuni di Civitella in Val di Chiana ed Arezzo in relazione all'esposizione a fattori di inquinamento ambientale

Monitoraggio di popolazione nei Comuni di Civitella in Val di Chiana ed Arezzo in relazione all'esposizione a fattori di inquinamento ambientale Monitoraggio di popolazione nei Comuni di Civitella in Val di Chiana ed Arezzo in relazione all'esposizione a fattori di inquinamento ambientale Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Regione Toscana Azienda

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE

UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE Università Politecnica delle Marche Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE S. Ruschioni, N. Isidoro,

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis)

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) NORMAL GEL AGAROSE (1%): - SOLUZIONI (Preparazione e Conservazione) - 1,071g in 100ml di PBS - - --> si fanno sciogliere in agitazione a 100-150 C.

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali R. M. Cenci BIOMONITORAGGIO DELL'ARIA: VERSO UNA PROPOSTA NORMATIVA Roma, 3 Marzo 2009 1 Attività

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

Osserviamo il presente, guardando al futuro

Osserviamo il presente, guardando al futuro Laboratori Hera Osserviamo il presente, guardando al futuro Hera Laboratori 2 company profile Un sistema di controlli per aziende ed enti pubblici Il sistema laboratori del Gruppo Hera rappresenta una

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN (ecanossa@arpa.emr.it) (mmengoni@arpa.emr.it)

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Bagni di cromatura. Voltammetria - marzo 16, 2005 Amel Electrochemistry - tutti i diritti riservati 1

Bagni di cromatura. Voltammetria - marzo 16, 2005 Amel Electrochemistry - tutti i diritti riservati 1 Bagni di cromatura I bagni galvanici di cromatura sono essenzialmente costituiti da una soluzione di circa 250 g/l di CrO 3 in H 2 SO 4 all 1-2%. Le impurezze di interesse analitico che si vanno via via

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Via Montello Periodo di indagine: 01 Settembre 03 Ottobre 2011 Realizzato a cura di A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing.

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

Monitoraggio su matrici organiche in territori vicini ad inceneritori e/o impianti di termovalorizzazione di rifiuti

Monitoraggio su matrici organiche in territori vicini ad inceneritori e/o impianti di termovalorizzazione di rifiuti Azienda U.S.L. n. 9 Dipartimento della Prevenzione Zona 1 Colline Metallifere Monitoraggio su matrici organiche in territori vicini ad inceneritori e/o impianti di termovalorizzazione di rifiuti Dipartimento

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO In vigore dal 21 aprile 2011 1 ANALISI QUALITATIVE-QUANTITATIVE SU CAMPIONI

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

,-*!./- 012"3*(#4# '*5.%#

,-*!./- 0123*(#4# '*5.%# !"#$%%&'()#*#+ ###+")## 2"3*(#4# '*5.%# L ASSETTO ORGANIZZATIVO chi siamo #'*#-."))*/.4#. 7#*)*"(#8 Articolato in: -Unità Operative a carattere professionale -Strutture organizzative funzionali (Settori-AFP-UF)

Dettagli

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi.

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi. Total Cost = 5,774,074 EC contribution=2,707,256 Coordinatore del progetto: Centro Interdipartimentale di ricerca Ambiente dell Università degli Studi di Napoli Federico II (CIRAM, project manager Massimo

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Newsletter medico-legale

Newsletter medico-legale Newsletter medico-legale Via G. Paisiello, 43 00198 Roma Tel. 06/855631 a cura di Marco Bottazzi e Gabriele Norcia della Consulenza medico-legale Inca Cgil Numero 1 /2010 IARC: valutazione di cancerogenicità

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008 Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali Comune di Levico Terme MAPPATURA AMBIENTALE DEL CONTENUTO IN METALLI DEL TERRENO AL FINE DELLA DEFINIZIONE

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata Depuratore dell aria (Filtro) Dispositivo destinato a trattenere gli inquinanti trasportati dal fluido. Ha lo scopo di abbattere i materiali trasportati dall aria aspirata sotto forma sia di particolato

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE Zona Aretina U.F. IGIENE E SANITA' PUBBLICA UO EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE OCCUPAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE Zona Aretina U.F. IGIENE E SANITA' PUBBLICA UO EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE OCCUPAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE Zona Aretina U.F. IGIENE E SANITA' PUBBLICA UO EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE OCCUPAZIONALE LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA AREA VASTA SUD-EST MONITORAGGIO BIOLOGICO UMANO PER LA

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Rendicontazione della riunione del 12.2.2013 del Comitato Tecnico Scientifico e Gruppo di Lavoro. Dott. Francesco Forastiere Prof. Benedetto Terracini

Rendicontazione della riunione del 12.2.2013 del Comitato Tecnico Scientifico e Gruppo di Lavoro. Dott. Francesco Forastiere Prof. Benedetto Terracini Piano di sorveglianza sanitaria e di conoscenza della variazione dello stato di salute della popolazione residente relativo all Impianto di termovalorizzazione dei rifiuti della Provincia di Torino. Rendicontazione

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE IMPIANTO DI INCENERIMENTO RIFIUTI IN COMUNE DI PADOVA- LINEA 3 proponente ACEGAS-APS

OSSERVAZIONI ALLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE IMPIANTO DI INCENERIMENTO RIFIUTI IN COMUNE DI PADOVA- LINEA 3 proponente ACEGAS-APS Alla c.a. RegioneVeneto Segreteria Regionale Ambiente e Territorio U.C. Valutazione Impatto Ambientale Calle Priuli, Canareggio 99 30121 Venezia e p.c. Acegas-APS Viale della Navigazione interna, 34 35100

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Giuseppe Mininni Cnr Istituto di Ricerca Sulle Acque Via Reno, 1 00198 Roma mininni@irsa.cnr.it Impianto di Amburgo Effluente trattato Schema

Dettagli

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007

Diapositiva 1. M1 Mary; 14/03/2007 LA CORROSIONE M1 1 Diapositiva 1 M1 Mary; 14/03/2007 Cos'è la corrosione? E' un fenomeno elettrochimico spontaneo ed irreversibile che comporta il graduale decadimento tecnologico del materiale metallico

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010 M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Qualità dell Aria Inventario delle emissioni Inventario delle

Dettagli

Purificazione e determinazione di proteine

Purificazione e determinazione di proteine Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Purificazione e determinazione di proteine O H N R O H N Cu 2+ N H O R N H O N N O- O O- O Acido bicinconico Lezione n.xxi-26.05.14 Estrazione

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Pagina 1 di 40 RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Nel periodo di luglio-ottobre 2001 sono state eseguite 2500 prove per verificare il funzionamento dello strumento FoodLab,

Dettagli

Il Nostro staff... la nostra forza

Il Nostro staff... la nostra forza CHI SIAMO... Il Centro Analisi Biochimiche grazie alla Sua pluriennale esperienza ed alla competenza del Suo Staff è riuscita a guadagnarsi negli anni una sempre crescente autorevolezza nei servizi analitici

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica

Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica REPORT APPLICATIVO ANALISI DI LABORATORIO & ANALISI DA PROCESSO ASSICURAZIONE QUALITA ANALITICA Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica Qualità garantita ed analisi costituiscono

Dettagli

Valutazione qualitativa biomassa combustibile derivata da rimozione di frutteto (pesco, Prunus persica L.)

Valutazione qualitativa biomassa combustibile derivata da rimozione di frutteto (pesco, Prunus persica L.) Valutazione qualitativa biomassa combustibile derivata da rimozione di frutteto (pesco, Prunus persica L.) Gianni Picchi CNR IVALSA Lo sviluppo della bioenergia in Europa stimola la ricerca di fonti di

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia?

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia? Cosa ricerca l ecotossicologia? L ECOTOSSICOLOGIA Che cosa è l ecotossicologia? L ecotossicologia valuta gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, riuniti in comunità all

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli