DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom SOMMARIO INHALTSVERZEICHNIS ANNO 2006 JAHR 2006 PARTE PRIMA DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI ERSTER TEIL BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN COMUNE DI TORCEGNO [BO P025 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 27 novembre 2006, n. 42 Rettifica del PRG per correzione errore materiale in località Molini... pag. 7 ANNO 2007 JAHR 2007 PARTE PRIMA LEGGI E DECRETI ERSTER TEIL GESETZE UND DEKRETE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO C052 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 24 ottobre 2007, n. 134 Esecutività dei nuovi rilievi topografici nel Comune catastale di Pergine I ai fini della formazione del nuovo catasto geometrico numerico... pag. 8 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE [BO R060 ] LEGGE PROVINCIALE Pubblicazione della legge provinciale 26 maggio 2006, n. 4 «La gestione dei rifiuti e la tutela del suolo» in lingua ladina (gardenese)... pag. 9 [BO R050 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 20 settembre 2007, n. 49 Regolamento sulla gestione dei documenti amministrativi e sulle procedure di protocollo... pag. 52 [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 16 ottobre 2007, n. 896/29.6 Deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi di rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non - Centro di riciclaggio del Comune di Lasa, Lasa... pag. 62 [AM R060 ] LANDESGESETZ AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Veröffentlichung des Landesgesetzes vom 26. Mai 2006, Nr. 4 «Abfallbewirtschaftung und Bodenschutz» in ladinischer Sprache (Grödnerisch)...Seite 9 [AM R050 ] DEKRET DES LANDESHAUPTMANNS vom 20. September 2007, Nr. 49 Verordnung zur Schriftgutverwaltung und Protokollierung...Seite 52 [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 16. Oktober 2007, Nr. 896/29.6 Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte von Hausmüll, gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - Recyclinghof der Gemeinde Laas, Laas...Seite 62

2 2 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom [BO Z020 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI SERVIZIO 22 ottobre 2007, n Profilassi della Artrite-Encefalite dei Caprini (CAEV) e della Pseudotubercolosi dei caprini... pag. 71 [AM Z020 ] DEKRET DES DIREKTORS DES DIENSTES vom 22. Oktober 2007, Nr Vorbeugung gegen die Caprine Arthritis Encephalitis (CAE) und die Pseudotuberkulose der Ziegen...Seite 71 DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO L015 S096 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 settembre 2007, n Integrazione della deliberazione n di data 14 settembre 2007 concernente «Premio lavoro in sicurezza» - edizione , conferimento incarico e approvazione del bando... pag. 79 [BO B020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 12 ottobre 2007, n Variazioni al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2007 e bilancio pluriennale e al corrispondente documento tecnico di accompagnamento e di specificazione, ai sensi dell articolo 27, commi 1 e 2, della legge provinciale 14 settembre 1979, n pag. 79 [BO C210 E020 C190 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 19 ottobre 2007, n Modifica delle deliberazioni della Giunta provinciale n. 493 di data 17 marzo 2006, concernente «LP 29 dicembre 2005, n. 20, art. 58: «Disposizione in materia di edilizia abitativa agevolata» - piano straordinario degli interventi in materia di edilizia abitativa per gli anni » e n di data 1 settembre 2006 «Termini e documentazione tecnica per la concessione dei contributi relativi alle domande per gli interventi di acquisto, nuova costruzione, risanamento e acquisto risanamento presentate dai singoli, dalle cooperative edilizie e dai richiedenti il risanamento a fini locativi, sul piano straordinario degli interventi in materia di edilizia abitativa per gli anni , in deroga a quanto disposto dagli articoli 18, 35 e 48 all allegato B) delle disposizioni attuative della legge provinciale 13 novembre 1992, n. 21 e s.m. e i.»... pag. 84 [BO V015 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 19 ottobre 2007, n LP 29 agosto 1988, n. 28 e s.m. - progetto esecutivo «Piano di coltivazione della cava di inerti Val Coalba» nel Comune di Villa Agnedo, proposto dal Comune di Villa Agnedo - valutazione favorevole con prescrizioni... pag. 85

3 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom [BO S040 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 19 ottobre 2007, n LP 29 agosto 1988, n. 28 e s.m. - progetto di «Ampliamento e prolungamento pista Nuvola Rossa» nel Comune di Fai della Paganella, proposto dalla società Paganella valutazione favorevole con prescrizioni... pag. 87 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n LP 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. - Comune di Folgaria: variante al piano regolatore generale intercomunale dei Comuni di Folgaria, Lavarone e Luserna per opere pubbliche - modifiche alla viabilità della frazione di Fondo Grande - approvazione... pag. 89 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n LP 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. - Comune di Condino: variante al piano regolatore generale - approvazione con modifiche... pag. 90 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n LP 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. (Ordinamento urbanistico e tutela del territorio) - Comuni di Pelugo e Spiazzo: piano regolatore generale intercomunale - approvazione con modifiche... pag. 95 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n LP 7 agosto 2003, n. 7 - LP 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. - Comune di Bondo: variante al piano regolatore generale per l adeguamento ai principi e criteri stabiliti dalla LP 8 maggio 2000, n. 4 (Disciplina dell attività commerciale in provincia di Trento) e per il censimento del patrimonio edilizio montano ai sensi dell articolo 24 bis della LP 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. - approvazione... pag.116 [BO I100 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n Decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351, art. 7 - decreto del Presidente della Provincia 13 maggio 2002, n. 9-99/Leg. e s.m., art. 2 - adozione del piano d azione per il contenimento degli inquinanti atmosferici (periodi novembre 2007-marzo 2008 e novembre 2008-marzo 2009)... pag.126 [BO V015 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 ottobre 2007, n Legge provinciale 29 agosto 1988, n. 28 e s.m. - articolo 9 - proroga dell efficacia della valutazione positiva di impatto ambientale del progetto «Impianto di depurazione a servizio dei Comuni di Bleggio Inferiore, Bleggio Superiore, Fiavè, Lomaso e Steni-

4 4 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom co in località Ponte dei Servi nel CC di Villa Banale (TN)», nel Comune di Stenico, disposta con deliberazione di Giunta provinciale n del 18 ottobre pag.133 [BO S110 ] DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 24 settembre 2007, n. 26 Approvazione delle modifiche apportate allo Statuto dell Associazione denominata «Amici Trentini» ora con sede in Trento (TN), via Esterle 26, dalla sua Assemblea straordinaria in data 6 maggio pag.134 [BO V015 ] DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI AGENZIA 22 ottobre 2007, n. 19/2007 Procedura di verifica di cui all art. 3 del DPGP 22 novembre 1989, n /Leg. e s.m.: valutazione tecnica preliminare della significatività dell impatto ambientale del progetto «Costruzione di un nuovo capannone industriale sulle pp.ff. 1031/4 e 1031/13 site in CC Gardolo» - Screening n. 16/2007S - non sottoposizione alla procedura di valutazione dell impatto ambientale pag.135 COMUNE DI SMARANO [BO P025 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 24 settembre 2007, n. 23 Approvazione rettifica alle norme di attuazione al piano regolatore generale del Comune di Smarano... pag.136 COMUNE DI TRENTO [BO E020 ] COMUNE DI TRENTO - COMMISS.NE PER ASSEGNAZIONE ALLOGGI EDILIZIA ABITATIVA Graduatorie definitive delle domande presentate dal 1 luglio 2006 al 31 dicembre 2006 dai richiedenti di cui all articolo 2 della LP n generalità dei richiedenti ed immigrati extracomunitari... pag.138 SUPPLEMENTO N. 1 BEIBLATT NR. 1 ANNO 2007 JAHR 2007 DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL [S P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 8 ottobre 2007, n Comune di Merano: approvazione di modifiche al piano urbanistico con modifiche d ufficio [B P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 8. Oktober 2007, Nr Gemeinde Meran: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan mit Abänderungen von Amts wegen

5 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom [S S090 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Approvazione del bilancio di previsione dell Azienda speciale per i servizi antincendi e per la protezione civile per l esercizio finanziario 2008 [S P033 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Approvazione della 2ª variazione del bilancio di previsione dell Azienda speciale per i servizi antincendi e per la protezione civile per l esercizio finanziario 2007 [S P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Comune di Cornedo all Isarco: approvazione di una modifica al piano urbanistico [S P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Comune di Trodena: approvazione di modifiche al piano urbanistico con correzioni d ufficio [S P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Comune di Rifiano: approvazione di modifiche al piano urbanistico [S T050 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n Approvazione del piano paesaggistico del Comune di Postal [B S090 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Genehmigung des Haushaltsvoranschlages des Sonderbetriebes für die Feuerwehr- und Zivilschutzdienste für das Finanzjahr 2008 [B P033 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Genehmigung der 2. Haushaltsänderung des Sonderbetriebes für die Feuerwehrund Zivilschutzdienste für das Finanzjahr 2007 [B P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Gemeinde Karneid: Genehmigung einer Abänderung zum Bauleitplan [B P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Gemeinde Truden: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan mit Korrekturen des Amtes [B P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Gemeinde Riffian: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan [B T050 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr Genehmigung des Landschaftsplanes der Gemeinde Burgstall [S P010 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 ottobre 2007, n «Parco Naturale Fanes-Senes-Braies»: integrazione dell articolo 4 «Edificazione» del vincolo paesaggistico del Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, approvato con DPGP del 4 marzo 1980, n. 72/V//LS e successive modifiche [B P010 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 15. Oktober 2007, Nr «Natutrpark Fanes-Sennes-Prags»: Ergänzung des Artikels 4 «Bautätigkei», des Unterschutzstellungsdekretes für den Naturpark Fanes-Sennes-Prags - DLH vom 4. März 1980, Nr. 72/V/LS in geltender Fassung [S T050 A020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 ottobre 2007, n WSG - aggiornamento dell elenco dei fitofarmaci che possono essere usati nelle a- ree di tutela dell acqua potabile - sostituzione della propria deliberazione del , n [B T050 A020 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 22. Oktober 2007, Nr WSG - Anpassung der Liste der Pflanzenschutzmittel, die in den Trinkwasserschutzgebieten angewendet werden können - Ersetzung des eigenen Beschlusses vom , Nr. 3956

6 6 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom [S P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 ottobre 2007, n Modifica dei criteri e approvazione del testo unico per la concessione di contributi ai sensi dell articolo 1, comma 3 della legge provinciale del 19 febbraio 1993, n. 4 per interventi di risparmio energetico e di utilizzo di fonti rinnovabili di energia [B P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 22. Oktober 2007, Nr Abänderung der Kriterien und Genehmigung des Einheitstextes für die Gewährung von Beiträgen gemäß Artikel 1, Absatz 3 des Landesgesetzes vom 19. Februar 1993, Nr. 4 für Maßnahmen der Energieeinsparung und Nutzung regenerationsfähiger Energiequellen COMUNE DI PARCINES [S S110 C110 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 2 ottobre 2007, n. 32 Modifica dello Statuto del Comune di Parcines GEMEINDE PARTSCHINS [B S110 C110 ] GEMEINDERATSBESCHLUSS vom 2. Oktober 2007, Nr. 32 Änderung der Satzung der Gemeinde Partschins

7 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom ANNO 2006 JAHR 2006 PARTE PRIMA ERSTER TEIL DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN COMUNE DI TORCEGNO [BO P025 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 27 novembre 2006, n. 42 Rettifica del PRG per correzione errore materiale in località Molini IL CONSIGLIO COMUNALE Esaminata la documentazione tecnica a firma del responsabile dei servizi tecnici del Comprensorio Ing. Mariano Tomasini concernente una rettifica al PRG per correzione di errore materiale che riguarda essenzialmente l errata destinazione d uso di una modesta superficie in loc. Molini di fatto utilizzata come area produttiva di interesse comprensoriale e locale ed erroneamente classificata dal vigente PRG come area a verde privato. Considerato che, per i motivi dettagliatamente esposti nella relazione predetta, l omissione rilevata risulta dovuta a mero errore materiale riscontrato ed accertato nella cartografia del PRG attualmente in vigore grazie alla segnalazione prodotta dall attuale proprietario, e relativa all errata perimetrazione del fabbricato esistente e delle aree di pertinenza, contraddistinte dal mappale 724, sito in loc. Molini. Ritenuto di procedere alla rettifica secondo il procedimento previsto dall art. 42 bis lett. A) della LP 22/1991 e s.m che per gli errori materiali non richiede la procedura di variante al piano regolatore generale. Evidenziato che tavolarmente la correzione riguarda nel dettaglio la rettifica proposta consiste nella modifica della cartografia della tavola 4/5 - sistema insediativo, produttivo infrastrutturale, in quanto nella stesura del PRG variante 2001 è stata indicata in maniera errata. Ritenuto pertanto di procedere alla correzione dovuta per motivi di regolarità tecnico - amministrativa. Visto i pareri di regolarità tecnica - amministrativa e contabile del segretario comunale espressi in relazione alle sue competenze sulla proposta di deliberazione, considerato che il Comune non ha funzionari responsabili dei servizi ai sensi dell art. 81 del DPReg. 1 febbraio 2005, n. 3/L. Visto il citato art. 42 Bis della LP 5 settembre 1991 n. 22 e s.m.. Con voti favorevoli n. 8, contrari n. zero, astenuti n. zero, espressi in forma palese ai sensi di legge; delibera 1) di rettificare come indicato in premessa gli errori materiali nel PRG del Comune di Torcegno relativi alla cartografia della località Molini, come da documentazione a firma dell Ing. Mariano Tomasini in premessa citata, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 2) di trasmettere la documentazione prevista dall art. 42 bis comma 3 della LP n. 22/1991 e s.m. alla Giunta provinciale; 3) Di precisare che avverso la presente deliberazione sono ammessi i seguenti ricorsi: - Opposizione ex art. 97 punto 13 del Testo Coordinato delle Disposizioni sull Ordinamento dei Comuni contenute nel DPGR , n. 4/L e nella LR , n. 10; - Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale di Trento, entro 60 giorni, ai sensi della legge n. 1034; - Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 giorni, ai sensi dell art. 8 del DPR , n IL SINDACO P. FURLAN IL SEGRETARIO COMUNALE A. MARTINELLI

8 8 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom ANNO 2007 JAHR 2007 PARTE PRIMA ERSTER TEIL LEGGI E DECRETI GESETZE UND DEKRETE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO C052 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 24 ottobre 2007, n. 134 Esecutività dei nuovi rilievi topografici nel Comune catastale di Pergine I ai fini della formazione del nuovo catasto geometrico numerico Visto l art. 4 della LR 19 dicembre 1980, n. 12, che prevede l effettuazione nel territorio regionale del nuovo rilievo topografico al fine di realizzare il nuovo catasto geometrico numerico; Vista la LR 8 marzo 1990, n. 6, Norme di coordinamento fra catasto fondiario e libro fondiario in applicazione dell articolo 3 della legge regionale 19 dicembre 1980, n. 12 ; Constatata l avvenuta verifica, per quanto riguarda il Comune catastale di Pergine I, della compatibilità delle risultanze del nuovo rilievo con le iscrizioni delle singole partite del libro maestro ai sensi dell art. 3 della LR 8 marzo 1990, n. 6; Visto il decreto del Presidente della Provincia di data 28 ottobre 2005, n. 74 concernente la pubblicazione degli elaborati dei nuovi rilievi topografici nel Comune catastale di Pergine I presso l Ufficio del catasto di Pergine Valsugana ed il relativo editto, secondo quanto disposto dall art. 4, commi 1 e 2 della LR 8 marzo 1990, n. 6; Constatata inoltre l avvenuta comunicazione, ai singoli proprietari tavolari da parte dell Ufficio del libro fondiario competente, della conclusione dei lavori del rilevamento topografico; Accertato che i ricorsi amministrativi presentati ai sensi dell art. 5 della LR 8 marzo 1990, n. 6 sono stati definiti dall Ufficio del catasto competente; Vista la legge regionale 17 aprile 2003, n. 3 con la quale sono state delegate alla Provincia Autonoma di Trento le funzioni amministrative della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige in materia di impianto e tenuta dei libri fondiari; con la medesima legge, inoltre, sono state attribuite alla Provincia autonoma di Trento le deleghe delle funzioni statali in materia di catasto fondiario e urbano; decreta - in conformità a quanto previsto dall art. 6 della LR 8 marzo 1990, n. 6 è disposta l esecutività - ai fini previsti dall art. 1 della LR 8/90 sopra citata - dei nuovi rilievi topografici nel Comune catastale di Pergine I nel distretto tavolare e catastale di Pergine Valsugana. Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Trento, 24 ottobre 2007 IL PRESIDENTE L. DELLAI

9 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL [BO R060 ] LEGGE PROVINCIALE Pubblicazione della legge provinciale 26 maggio 2006, n. 4 «La gestione dei rifiuti e la tutela del suolo» in lingua ladina (gardenese) [AM R060 ] LANDESGESETZ Veröffentlichung des Landesgesetzes vom 26. Mai 2006, Nr. 4 «Abfallbewirtschaftung und Bodenschutz» in ladinischer Sprache (Grödnerisch) Avviso Questa norma giuridica viene pubblicata in lingua ladina ai sensi del comma 3 dell articolo 32 del DPR del 15 luglio 1988, n. 574, e successive modifiche. La relativa versione in lingua italiana e tedesca è già stata pubblicata nel Supplemento n. 2 al Bollettino della Regione n. 24 del 13 giugno Hinweis Diese Rechtsvorschrift wird im Sinne von Artikel 32 Absatz 3 des DPR vom 15. Juli 1988, Nr. 574 in geltender Fassung auf Ladinisch veröffentlicht. Die deutsche und italienische Fassung wurde bereits im Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt Nr. 24 vom 13. Juni 2006 veröffentlicht. LEGE PROVINZIELA DI 26 DE MEI 2006, NR. 4 1) Gestion dl refudam y defendura dl terac 2006 Avertimënt Chësta norma giuridica vën publicheda tla rujeneda ladina aldò dl art. 32, coma 3 dl Decret dl Presidënt dla Republica nr. 574/1988. La verscions taliana y tudëscia ie bele unides publichedes tl Supl. Ord. nr. 2 dl Buletin Ufiziel dla Region dl 13 de juni 2006, nr. 24. I. TITUL GESTION DL REFUDAM 1. Sezion Prinzips generei 1. (Ciamp d aplicazion) (1) Chësta lege regulea la gestion dl refudam, dl mpacamënt y dl refudam de mpacamënt tla fases defrëntes dl abineda, dl trasport, dla recupereda y dl smaltimënt dl refudam coche dla sëuraverdia de chisc pruzesc, y oradechël nce l ressanamënt de teraces mpaziei y la scunanza dl terac. 2. (Fins) (1) La gestion dl refudam muessa unì fata aldò dl prinzip de prevenzion y dla sustenibltà tres l adurvanza de formes adatedes de produzion, de tratamënt, de laurazion y de destribuzion, tres l svilup de sortes y formes adatedes de prudoc y l cumpurtamënt dl consumadëur che se proa a limité l refudam, acioche n ruve a n smendrimënt dla cuantiteies y dl mpaziamënt dl refudam y a na defendura dla ressurses. Oradechël muessa l refudam unì recuperà o smendrì zënza pericul per la sanità dla persona y zënza se nuzé de pruzesc o formes che pudëssa vester de dann per l ambient.

10 10 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (Definizions) (1) Te chësta lege ntënden per a) refudam: duta la sustanzes y duc i ogec che toma ite tla categories dates dant tla njonta A y che l detenient tol y tres, o che l uel o muessa tò y tres; b) materia prima segondera; sustanza o materia cun la carateristiches stabilides tl articul 5; c) sotprudot: i prudoc dl atività dla firma che ne ie nia l oget dl atività prinzipiela dla firma, ma che vën ora dl pruzes ndustriel dla firma y che vën efetivamënter destinei a na adurvanza o al cunsum. Nia sometui ala despusizions de chësta lege ne ie i sotprudoc che vën adurvei diretamënter dala firma che i produj o che vën cumerzialisei diretamënter per l consum o por l adurvanza zënza che i muessa unì tramudei per n pruzes produtif suzessif. La destinazion dl sotprudot a n adurvanza efetiva muessa unì atesteda sun la basa di standarc dl marcià, de despusizions tecniches, de despusizions de segurëza y de setor tres na detlarazion dl produtëur o dl detenient, contrasotscrita dal patron dl mplant ulache l adurvanza efetiva se porta pro. L adurvanza dl sotprudot ne daussa nia cumpurté per l ambient y la sanità cundizions pieces de chëles dl atività de produzion normala; d) refudam de nridlamënt problematich: l refudam de nridlamënt che cuntën sustanzes problematiches per l ambient; e) produtëur: la persona che à dejëut n atività da chela che l se à purtà pro na produzion de refudam (prim produtëur dl refudam) o che à fat operazions de tratamënt danora, de mescedoz o d autri tratamënc che gauja n mudamënt dla natura o dla cumposizion dl refudam; f) detenient: l produtëur dl refudam o la persona fisica o giuridica che à l refudam; g) gestion; abiné adum, traspurté, rezitlé y tò y tres l refudam, coche nce cuntrolé chësta operazions y cuntrolé la desćëries y i mplanc de smaltimënt do che i ie unic stluc; h) abineda: tlupé su, neté la stredes, mëter adum y cërder l refudam per l trasport; i) abineda deferenzieda: abiné adum te na maniera adateda a spartì l refudam de nridlamënt te frazions de marcanzia omogenees per l fin de si recupereda o smaltimënt; j) tratamënt dl refudam: la pruzedures de recupereda o de smaltimënt aldò di pustoms k) y l); k) recupereda: la pruzedures che se nuza de refudam per crië materies primes segonderes, combustibli o prudoc tres tratamënc mecanics, termics, chimics o biologics, y la cerduda y dantaldut la pruzedures ududes danora tla njonta C; l) smaltimënt: uni pruzedura per tò y tres definitivamënter na sustanza, n material o n oget dal zirtl economich o de abineda, y, dantaldut, la pruzedures cuntenides tla njonta B. L smaltimënt dl refudam ie la ultima fasa dla gestion dl refudam, do che l ie unit cuntrolà la pusciblteies tecniches y economiches per dejëujer na pruzedura de recupereda y tulan n cunscidrazion chësta prescrizions: 1) la realisazion y la gestion de brujadoies de refudam possa mé unì autorisedes sce la pruzedura de brujeda garantësc la recupereda dl energia cun na cuota minima de trasfurmazion dla putënza de sciadaumënt dl refudam te energia de utl; 2) la esportazion y la mpurtazion de refudam nia periculëus per l smaltimënt ie pruibides, ora che tl cajo de acurdanzes regiuneles o nternaziuneles te situazions particuleres y limitedes tl tëmp; m) luegia de produzion dl refudam: una o de plu frabiches o stabilimënc o sperses de nfrastrutura cunliedes la una cun l autra sun n areal delimità, ulache l vën fat l ativiteies da chëles che l refudam se porta pro; n) desćëria: n mplant per l smaltimënt dl refudam coche definì tl articul 2, coma 1, pustom a) dl decret dl Presidënt dla Provinzia di 26 de setëmber 2005, nr. 45; o) deponia provisora: la fasa de smaltimënt de refudam che stluj ite l ativiteies de deposit de refudam aldò dl pont D15 dla njonta B; p) amudlamënt: la fasa de recupereda dl refudam che stluj ite l ativiteies de deposit de materiai aldò dl pont R13 dla njonta C; q) deponia temporera: l amudlamënt de refudam fat dan l abineda tla luegia ulache l vën prodot tenian ite la despusizions tecniches stabilides dala Jonta provinziela. L refudam, che se porta pro da ativiteies de manutenzion o da chi che fej lëures artejanei o de sostituzion de bëns pra terzi o da ativiteies de assistënza sanitera, vën ratà refudam prodot tla sënta o tl domizil dla porsona che à dejëut l atività; r) ressanamënt: duc i pruvedimënc per eliminé la funtanes de mpaziamënt y la sustanzes ajientes o i ntervënc per smendrì la cunzentrazion dla sustanzes ajientes prejëntes tl terac, sota tiera, tl eghes sëura tiera o tl eghes sota tiera nchin a n livel valif ai - o plu bas di - valores de cunzentrazion lim azetabli; s) autosmaltimënt: l ativiteies de smaltimënt de refudam dejëutes tla luegia de si produzion cun l ezezion dl ativiteies nunziedes pra i ponc D2, D8, D9, D13, D14 y D15 dla njonta B;

11 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom t) combustibl da refudam (CDR): l combustibl tlassificabl aldò dla normes tecniches UNI 9903 coche RDF (Refuse Derived Fuel) de cualità normala, che vën recuperà, tl respet dla gerarchia di tratamënc puscibli, dal refudam de nridlamënt y dal refudam speziel nia periculëus tres tratamënc per l eliminazion dla sustanzes periculëuses per la combustion y per garantì na putënza de sciaudamënt adateda; u) combustibl da refudam de cualità auta: combustibl tlassificà aldò dla normes tecniches UNI coche RDF (Refuse Derived Fuel) de cualità auta; v) cumpost de cualità: prudot che vën davanià dal cumposté la pert organica dl refudam de nridlamënt, dl refudam dl agricultura y dl agrondustria tl respet dla despusizions tecniches che stabilësc la sustanzes de cuntenut y si adurvanza cumpatibla cun l ambient y cun la sanità, y n particuler, i gradi de cualità; w) materia prima segondera per la ndustria dl mitel y dl acel: 1) materiai de fier y nia de fier che vën dala recupereda y che curespuend ai criteres CECA, AISI, CAEF, UNI, EURO y a d autri criteres naziunei y nternaziunei; 2) resć de mitel che vën da ativiteies dla ndustria y dl artejanat o dl zirtl de produzion o de cunsum, stluta ora l abineda deferenzieda, che à dal scumenciamënt inant la medema carateristiches di criteres scric dant pra l numer 1. I furnidëures y i produzënc dla materies primes segonderes per la ndustria dl acel y dl mitel de paejesc europeics y nia europeics ie scric ite te na sezion speziela dl register naziunel dl aziendes de gestion dl refudam; x) uele adurvà: uelesc ndustriei y uelesc unghënc, a basa minerela o sintetica, che ne possa nia plu unì nuzei per cie che i fova destinei, dantaldut uelesc adurvei de motores a combustion y dai sistems de trasmiscion, coche nce uelesc minerei per mascinns, turbines o cumanc idraulics y uelesc cuntenii ti filtri adurvei. 4. (Tlassificazion dl refudam) (1) L refudam vën tlassificà, aldò dla pruvenienza, te refudam de nridlamënt y te refudam speziel, y, aldò dla carateristiches dl pericul, te refudam periculëus y refudam nia periculëus. (2) L refudam de nridlamënt ie: a) l refudam de cësa, nce l refudam grove, che vën da locai y lueges destinedes a n adurvanza d abitazion zevila; b) l refudam nia periculëus che vën da locai y lueges nuzedes per adurvanzes defrëntes da chëles nunziedes pra l pustom a), tratà unfat coche l refudam de nridlamënt per cualità y cuantità dal chemun sun la basa di criteres fissei dala Jonta provinziela; c) l refudam che se porta pro dal netamënt dla stredes; d) l refudam de uni sort o pruvenienza, che ie sun la stredes y sperses publiches o sun la stredes y sperses privates azessibles al publich o sun spiages de lec y rives de ruves azessibles te na maniera liedia; e) l refudam vegetel pruvenient da sperses vërdes sciche parcs, verzons y curtines; f) l refudam pruvenient da esumazions y auter refudam che vën da ativiteies de curtina, che ne toma nia sot ai pustoms b), c) y e). (3) L refudam speziel ie: a) l refudam che vën dal agricultura y dal agroindustria; b) l refudam che vën dal ativiteies de demolizion y costruzion, y l refudam che vën dal ativiteies de giaveda y che superea i valores lim stabilii dala Jonta provinziela; c) l refudam che vën dala laurazion ndustriela; d) l refudam che vën dala laurazion artejanela; e) l refudam che vën da ativiteies cumerzieles; f) l refudam che vën da ativiteies de servisc; g) l refudam che vën dal atività de recupereda y de smaltimënt dl refudam, la lutreies prodotes dala potabilisazion y da d autri tratamënc dl eghes y dala depurazion dl eghes de desćëria y dai mplanc de netamënt di fums; h) l refudam che vën dala ativiteies de selezion mecanica dl refudam de nridlamënt solid; i) l refudam che vën da ativiteies saniteres; j) la mascinns y i njins danejei y vedli; k) i veicui a motor, i remorcs y simileres che ne va nia plu, ma nce pertes de chisc; l) l combustibl da refudam. (4) Periculëus ie l refudam che ne vën nia da abitazions zeviles, dat sëura avisa tla njonta A y senià cun n asterisch "*", coche stabilì tla dezijion 2000/532/CE dla Cumiscion dl 3 de mei 2000.

12 12 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (Recupereda dl refudam) (1) La Jonta provinziela stabilësc: a) l refudam y la metodes de recupereda adurvedes per fé dainora materia prima segondera, combustibli y prudoc; la despusizions sun l refudam vën aplichedes nchin che la operazions de recupereda autorisedes aldò dl articul 26 ie cumpletedes; chësc ie l cajo canche l ne ie nia de bujën de de plu tratamënc, ajache la sustanzes, i materiai y i ogec davaniei dainora possa unì adurvei te n pruzes ndustriel o cumerzialisei coche materia prima segondera, combustibl o coche prudot; chësc a cundizion che l detenient ne i tòle nia y tres y sce l ne à nia la ntenzion o l duvier de i tò y tres; b) i materiai, la sustanzes y i ogec, che, zënza che l ie de bujën de na pruzedura de tramudeda, à bele la carateristiches dla materies primes segonderes, di combustibli o di prudoc, coche i ie determinei pra l pustom a); pra chisc materiai, chësta sustanzes y chisc ogec ne vëniel nia aplicà la despusizions sun l refudam, a cundizion che l detenient ne i tòle nia y tres y sce l ne à nia l duvier de i tò y tres. (2) Te caji particuleres stabilësc l Agenzia provinziela per l ambient, da tlo inant denumineda Agenzia provinziela, cun l autorisazions nunziedes ti articuli 24 y 25 l refudam y la metodes de recupereda dl refudam adurvedes per davanië dainora materia prima segondera, combustibli y prudoc; la despusizions sun l refudam vën aplichedes nchin che la operazions de recupereda autorisedes aldò di articuli 24 y 25 ie cumpletedes; chësc ie l cajo canche l ne ie nia de bujën de de plu tratamënc, ajache la sustanzes, i materiai y i ogec resultei dainora possa unì adurvei te n pruzes ndustriel o cumerzialisei coche materia prima segondera, combustibl o coche prudot; chësc a cundizion che l detenient ne i tòle nia y tres y sce l ne à nia la ntenzion o l duvier de i tò y tres. 6. (Autosmaltimënt dl refudam) (1) Cun regulamënt d esecuzion vëniel fissà la sortes, la cualiteies y la carateristiches dl refudam, la sortes y la carateristiches di mplanc de smaltimënt y la cundizions n basa a chëles che l ativiteies de amaltimënt de refudam possa unì fates dai produtëures tla lueges de produzion nstësses. 7. (Ezezions) (1) L aplicazion de chësta lege ne stluj nia ite: a) la sustanzes gasëuses lascedes ora tl aria liedia; b) la tieres y i sasc da giavedes y i resć dla laurazion de sasc, che ne ie nia cuntaminei, destinei a unì giavei ite y a unì adurvei per mplenimënc, coche sofonz y a unì majenei; 2) c) l miani y d autri materiai vegetei nia cuntaminei te na mesura che sëurapassa i lims de azetabltà stabilii dala Jonta provinziela aldò dl articul 40, coma 4, pustom a), pruvenienc da roies de desćeria y aghiei de irigazion, che possa unì adurvei coche prudot nsci coche i ie; d) l refudam radioatif; e) l refudam che resultea dala giaveda, dala estrazion, dal tratamënt, dal amudlé de ressurses minereles o dal sfrutamënt dla caves; f) i corps de tieres o prudoc segonderes da tieres che ie destinei ala nuzedes aldò dl regulamënt 1774/2002/EG dl Parlamënt europée y dl Cunsëi dl 3 de utober 2002; g) chetum y lamboscia y d autra sustanzes natureles nia periculëuses, che vën adurvedes tl agricultura, te na maniera particulera, materiai sassëusc y vegetei, che vën adurvei tl agricultura y tla cultivazion di ciamps, y tiera da ciamp che se porta pro dal netamënt di prudoc vegetei; h) l eghes de desćëria aldò dla lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr. 8, ora che l refudam luter; i) i combustibli aldò dl articul 8 dla lege provinziela dl 16 de merz 2000, nr. 8; per i combustibli aldò dl articul 8, coma 9 dla lege provinziela dl 16 de mei 2000, nr. 8, iel debejën dl cunsëns dl ufize gestion dl refudam; j) i materiai esplojifs che ne ie nia plu da adurvé; k) i resć che vën dala preparazion de uni sort de spëisa nia lutra, cueta y cruva ora de cësadafuecs de uni sort, che ne ie nia ruveda tl cërtl de distribuzion dl maië y che ie destineda ala strutures de sistemazion per tieres de cësa; l) l cokes da petruele adurvà coche combustibl per mplanc de produzion; m) l material sassëus, che vën tëut ora da aghiei, ciadins idrics y liec de ruves pervia de lëures de manutenzion cumandei dala autoriteies cumpetëntes.

13 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom II Pert La spartizion de cumpetënzes 8. (Cumpetënzes dla Provinzia) (1) L ti spieta ala Provinzia: a) njinië, adoté y ajurné l plann provinziel per la gestion dl refudam aldò di articuli 10 y 11 dl plann provinziel dla lueges mpaziedes aldò dl articul 40, coma 5; b) lauré ora la normes tecniches y aministratives per la gestion dl refudam; c) apurvé i proiec di mplanc per l tratamënt dl refudam aldò dl articul 23; d) autorisé i lëures de recupereda y de smaltimënt dl refudam aldò di articuli 24, 25 y 26; e) dejëujer l ativiteies liedes ala spedizions sëura i cunfins ora dl refudam aldò dl regulamënt 259/93/CEE dl Cunsëi dl 1 de fauré 1993; f) determiné i criteres cualitatifs y cuantitatifs per l assimilazion dl refudam speziel nia periculëus al refudam de nridlamënt nunzià tl articul 4, coma 2, pustom b); g) ndividué i sogec y i ënc - Provinzia, chemuns, cumenanzes raioneles o si cunsorc, ënghe coatifs, o sozieteies de capital a partezipazion publica - che sëurantòl la costruzion de mplanc de recupereda o de smaltimënt dl refudam de nridlamënt; h) scrì adum y mandé uni ann al Ministere dl ambient i dac revardënc la lutrées damandei aldò dl decret legislatif dl 27 de jené 1992, nr. 99; i) lauré ora y mandé ala Sezion naziunela dl Cataster i dac revardënc la denunzia anuela dl refudam aldò dla lege dl 25 de jené 1994, nr. 70; j) mandé al Agenzia naziunela per la defendura dl ambient y per i servijes tecnics (APAT) i dac revardënc i aparac che cuntën PCB (nventar) aldò dl decret legislatif dl 22 de mei 1999, nr 209; k) verifiché y cuntrolé regulermënter duta l ativiteies de gestion dl refudam; l) ndividué i miëur raions teritoriei per la gestion dl refudam de nridlamënt y determiné la formes y la manieres de cunlauré danter i ënc locai, che toma te chisc miëur raions teritoriei. (2) Sce i ënc ndividuei aldò dl coma 1, pustom g) ne realisea nia i ntervënc de si cumpetënza coche udù danora tl plann per la gestion dl refudam y sce chësta tralascedes possa gaujé n desvantaje grief per l atuazion dl plann nstës, nviëia l assessëur provinziel cumpetënt tla materia de defendura dl ambient l autoriteies che ne ademplësc nia a si duvieres a se cruzië dl fé tl lim de tëmp de 90 dis. Canche chësc tëmp ie passà via, possa l assessëur provinziel tò, mpede ëi, duc i pruvedimënc che ie de bujën per l atuazion di ntervënc cuntenii tl plann, aldò dl articul 67 dla lege provinziela dl 11 agost 1997, nr (Cumpetënzes di chemuns) (1) I chemuns à la cumpetënza estlujiva per l abineda y l trasport dl refudam de nridlamënt destinà ala recupereda y al smaltiment; i dejëuj chësta cumpetënza aldò dl test unich dla leges regiuneles sun l urdinamënt di chemuns. (2) I chemuns regulea la gestion dl refudam de nridlamënt cun regulamënc aposta che vëij danora n particuler: a) la despusizions per seguré la defendura igenich-sanitera te duta la fases dla gestion dl refudam de nridlamënt; b) la modaliteies dl servisc d abineda y de trasport dl refudam de nridlamënt; c) la modaliteies dl dé jù, dl abineda deferenzieda y dl trasport dl refudam de nridlamënt per seguré na gestion deferenzieda dla sortes de refudam defrëntes, per sustenì la prevenzion y l smendrimënt dla produzion, ma nce la recupereda dl refudam, y chësc nce tres la chëutes sun l refudam; d) la despusizions che ie de bujën per miuré la formes dl dé ju, dl abineda y dl trasport dl refudam de mpacamënt primer y segonder adum cun d autra frazions de marcanzia determinan i standarc minims da respeté; e) la determinazion dl refudam speziel nia periculëus, che ie da junté aldò dla cualità y dla cuantità al refudam de nridlamënt, n basa ai criteres udui danora da pert dla Jonta provinziela tl articul 8, coma 1, pustom f). (3) I chemuns y i ënc o la strutures da chisc deleghei o nciariei possa nce mëter a jì servijes de njonta per la gestion dl refudam speziel.

14 14 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom Pert III Plann provinziel per la gestion dl refudam y raions teritoriei 10. (Funtana y apurvazion) (1) L plann provinziel per la gestion dl refudam, che possa unì partì su tl plann per l refudam de nridlamënt y tl plann per l refudam speziel, costituesc l plann de setor aldò dl pont IV dl plann provinziel de svilup y de coordinamënt teritoriel apurvà cun lege provinziela dl 18 de jené 1995, nr. 3. L plann provinziel per la gestion dl refudam vën apurvà aldò dla modaliteies descrites ti articuli 11 y suzessifs dla lege provinziela dl 11 d agost 1997, nr. 13. L destoma do 10 ani. (2) L Agenzia provinziela possa, do avëi audì la minonga di sogec nteressei y di ënc teritorialmënter cumpetënc, fé la mudazions y ntegrazions che ne muda nia la sustanza dl plann y les fissé tl plann nstës, n derogazion ala pruzedura nunzieda tl articul 12 dla lege provinziela dl 11 d agost 1997, nr. 13, a cundizion dl apurvazion da pert dla jonta. 11. (Cuntenut) (1) L plann provinziel per la gestion dl refudam stabilësc i obietifs dla gestion dl refudam y muessa cuntenì: a) na descrizion dla situazion dla gestion dl refudam de nridlamënt y dl refudam speziel; b) la scumenciadives fates per limité la cuantità y l pericul dl refudam de nridlamënt y dl refudam speziel; c) la metodes de tratamënt y de recupereda n cont dla sortes y dla cualità dl refudam de nridlamënt y dl refudam speziel y oradechël n capitul spezifich: 1) per la gestion de categories particuleres dl refudam de nridlamënt y dl refudam speziel; 2) per la gestion dl mpacamënt y dl refudam de mpacamënt; 3) per la gestion di aparac che cuntën PCB aldò dl decret legislatif dl 22 de mei 1999, nr. 209; d) la lueges y i mplanc de smaltimënt dl refudam; e) i raions de nuzeda di mplanc de tratamënt dl refudam; f) l orden de priorità di pruvedimënc; g) la sciazeda dla spëises finanzieles; h) la reprejentazions grafiches te na scala adateda a mustré su i cuntenuc dl plann. 12. Pruvedimënc dl aministrazion provinziela (1) Al fin de alesiré na gestion raziunela dl refudam ie la Jonta prrovinziela autoriseda a se cruzië: a) che l vënie proietà y realisà mplanc per la gestion dl refudam; tlo vën nce ratedes la mesures da tò n cont dla sperses curespundëntes y la purtenienzes che toca leprò; b) che l vënie cumprà y njinià sperses destinedes ala urganisazion di servijes; c) che l vënie cumprà i mesuns mecanics, i veicui y duc i njins y la massaria che ie de bujën per la gestion dl refudam. (2) I pruvedimënc aldò dl coma 1 possa unì dejëuc: a) dal aministrazion provinziela; b) dai chemuns, da si cunsorc y dala cumenanzes raioneles, tres n cuntribut n cont capital nchin al 100 percënt dla spëisa recunesciuda amiscibla; c) tres aziendes spezieles y sozieteies de capital cun partezipazion a maiuranza publica, tres n cuntribut n cont capital. (3) I pruvedimënc aldò di comes 1 y 2 vën atuei aldò de n prugram anuel apurvà dala Jonta provinziela. 13. (Coordinamënt cun la previjions urbanistiches) (1) L apurvazion dl plann provinziel per la gestion dl refudam y di proiec de nteres provinziel curespundënc cumporta l mudamënt di strumënc urbanistics n forza y curespuend ala detlarazion de utl publich, de mpuscibltà de unì sburdlà y de prëscia di pruvedumënc udui danora. (2) Cun l nluegiamënt di mplanc muessel nce unì delimità la grandëza dla spersa de respet curespundënta. Tl raion de chësta sperses de respet muessa l nridlamënt de frabiches nueves de sort residenziela te uni cajo unì pruibì; chësta despusizion vën aplicheda ënghe pra i mplanc che ie bele.

15 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom Pert IV Ublianzes di produtëures, di detenienc, di traspurtadëures, di marcadënc, di ntermedieres, di recuperadëures y smaltidëures de refudam 14. (Ublianzes di produtëures y di detenienc) (1) La spëises liedes al atività de recupereda y de smaltimënt ie a cëria dl patron che dà ju l refudam a na mpreja de abineda autoriseda o a n soget che dejeuj la operazions ududes danora tla njontes B y C, di detenienc da dant o dl produtëur dl refudam; (2) L produtëur dl refudam speziel ademplësc si ublianzes nsci: a) l smaltësc l refudam nstës tl respet dla despusizions n forza; b) l ti sëurandà l refudam a terzi autorisei; c) l ti sëurandà l refudam ai sogec che mët a jì l servisc publich d abineda dl refudam de nridlamënt, cun chëi che l ie unit fat na cunvenzion aposta; d) l esporta l refudam ti caji lascei pro dala lege y cun la pruzedura ududa danora dal regulamënt 259/93/CEE dl Cunsëi dl prim de fauré 1993, y mudazions suzessives. (3) L detenient ne ie nia respunsabl dla drëta recupereda o dl drë smaltimënt dl refudam: a) tl cajo che l refudam vën dat ju al servisc de abineda publich; b) tl cajo che l refudam vën dat ju a sogec autorisei al ativiteies de recupereda o de smaltimënt, a cundizion che l detenient ebe giapà dal traspurtadëur l formuler de identificazion dl refudam aldò dl articul 19, contrasotscrit y datà dal destinater ala ntreda, tl tëmp de trëi mënsc dala data che l refudam ie unit sëurandat al traspurtadëur o sce l se à, dan la destumeda de chësc tiermul, cruzià de ti dé comunicazion al ufize gestion dl refudam, che l ne à nia giapà l formuler de identificazion dl refudam. Per la spedizions de refudam sëura i cunfins statei ora vën chësc tiermul slungià de sies mënsc. La Jonta provinziela determinea i caji, te chëi che l produtëur muessa oradechël giapé l zertificat che l refudam ie unit smaltì. 15. (Pruibizion de mescedé sortes defrëntes de refudam periculëus (1) L ie pruibì mescedé sortes defrëntes de refudam periculëus aldò dla njonta D o mescedé refudam periculëus y refudam nia periculëus; stluc ora ie chëi caji, te chëi che l ie unit dat n autorisazion aposta. (2) Chi che ne respetea nia la pruibizion nunzieda pra l coma 1 ie ublià a spartì l refudam mescedà a si spëises, sce chësc ie puscibl tecnicamënter y economicamënter. 16. (Pruibizion d arbanduné y de brujé refudam) (1) L ie pruibì arbanduné refudam l scirman o l depusitan zënza autorisazion aposta: a) tl eghes publiches y privates; b) sun teraces publics y privac; c) tla rë dla canalisazion. (2) L ie pruibì brujé l refudam zënza autorisazion. 17. (Register dl refudam) (1) La ublinaza de tenì y scrì ora n register dl refudam aldò dla manieres fissedes dala Jonta provinziela à: a) chi che dejëuj a titul prufescionel lëures de recupereda o de smaltimënt dl refudam; b) chi che fej a titul prufescionel ativiteies d abineda y de trasport de refudam; c) i cumerzianc y i ntermediatëures de refudam, cun o zënza detenzion dl refudam; d) i produtëures y i detenienc de refudam periculëus. (2) Nia ubliei a tenì n register dl refudam ie chi che ie abilità al ativiteies de abineda y de trasport de refudam fates tla forma ambulanta, tl lim dl refudam che ie oget de si cumerz. (3) I registri ntegrei cun formuleres de identificazion dl refudam vën tenii su per cin ani dala data dla ultima registrazion, ora che i registri dla desćëries che muessa unì tenii su a tëmp ndetermina y dac ju pra l ufize gestion dl refudam ala fin dl atività.

16 16 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (Cataster y denunzia anuela dl refudam) (1) La ublianza de ti comuniché uni ann ala Camera de cumerz cun la modaliteies ududes danora dala lege dl 25 de jené 1994, nr. 70 la cuantiteies y la carateristiches cualitatives dl refudam à: a) chi che dejëuj a titul prufescionel lëures de recupereda o smaltimënt de refudam; b) chi che fej a titul prufescionel n atività d abineda y de trasport de refudam; c) i cumerzianc y i ntermedieres dl refudam, cun o zënza la detenzion dl refudam; d) l aziendes y i ënc che produj refudam periculëus. (2) Nia ubliei ala denunzia anuela ne ie chi che ie abilitei al ativiteies d abineda y de trasport dl refudam fates tla forma ambulanta, tl lim dl refudam che ie oget de si cumerz. (3) I chemuns, si cunsorc y la cumenanzes raioneles o l aziendes spezieles cun la finalità dla gestion dl refudam de nridlamënt ti comunichea uni ann, aldò dla modaliteies ududes danora dala lege dl 25 de jené 1994, nr. 70, chësta nfurmazions n cont dl ann dant: a) la cualità dl refudam de nridlamënt abinà adum sun l teritore de si cumpetënza; b) i sogec che se à cruzià dla gestion dl refudam, dajan sëura avisa l ativiteies dejëutes, la sortes y la cuantità dl refudam gestì da uni un de chisc sogec; c) i custimënc de gestion y de amurtamënt tecnich y finanzier di nvestimënc per l ativiteies de gestion dl refudam, coche nce la ntredes dala tarifes nunziedes tl articul 33; d) i dac liei al abineda deferenzieda. (4) L aziendes da paur che produj nchin 300 chilograms de refudam speziel al ann ne à nia drë de fé la comunicazion al cataster. 19. (Formuler d identificazion dl refudam) (1) Ntan l trasport fat da ënc o mprejes à l refudam da vester acumpanià da n formuler de identificazion dl refudam che muessa vester scrit y tenì aldò dla despusizions fissedes dala Jonta provinziela. (2) Per la spedizions dl refudam sëura i cunfins ora ie l formuler d identificazion dl refudam sustituì dal documënt de acumpaniamënt udù danora dal regulamënt 259/93/CEE dl Cunsëi dl prim de fauré 1993, y mudazions suzessives. (3) La despusizions nunziedes pra l coma 1 ne vën nia aplichedes: a) pra l trasport de refudam de nridlamënt fat dal soget che mëina l servisc publich; b) pra i trasporc, fac dal produtëur dl refudam speziel nstës, de refudam speziel che ne va nia sëura i 30 chilograms o i 30 litri al di ora. Te chësc cajo muessa l gestëur dl mplant de tratamënt dé ora n zertificat, aldò dla manieres fissedes dala Jonta provinziela. 3) 20. (Iscrizion tl Register naziunel di gestëures ambientei) (1) Per l ativiteies d abineda y de trasport de refudam, per l atività de ressanamënt de teraces cuntaminei, per l ressanamënt de bëns cuntenënc aspest, per l cumerz y la ntermediazion de refudam zënza la detenzion de chësc, per la gestion de mplanc de smaltimënt y de recupereda coche nce per la gestion de mplanc de smaltimënt y de recupereda mubii iel de bujën dla iscrizion tl Register naziunel di gestëures ambientei, da tlo inant tlamà register naziunel, aldò dl articul 212 dl decret legislatif dl 3 d auril 2006, nr (2) Tl respet dla ublianza y dla modaliteies d iscrizion tl Register naziunel, possa la Jonta provinziela dé ora aldò dl articul 32, normes n derogazion per lascé pro l iscrizion cun pruzedures scemplifichedes o la delideda dala ublianza d iscrizion. 4) 21. (Despusizions particuleres per i organns de judamënt) (1) I servijes publics de basa y la urganisazions de judamënt ie stluc ora dala despusizions che reverda l autorisazions per la depusitazion temporera de refudam, dal tenì n register dl refudam y dala denunzia anuela dl refudam per l refudam che vën produjà tl atività de judamënt y, sce chësc vën traspurtà da ëi nstësc, ne muessi ënghedeno avëi l formuler d identificazion y l autorisazion de trasport dl refudam. (2) La despusizions aldò di articuli 17, 18, 19 y 20 ne vën nia aplichedes al ativieteies d abineda y de trasport dl refudam fates dai marcadënc ambulanc, tl lim dl refudam che ie oget de si cumerz.

17 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (Spedizions de refudam sëura i cunfins ora) (1) La spedizions de refudam sëura i cunfins ora ie disciplinedes dal regulamënt 259/93/CEE dl Cunsëi dl prim de fauré 1993, y mudazions suzessives. Pert V Pruzedures d apurvazion y d autorisazion 23. (Apurvazion di proiec di mplanc de recupereda y de smaltimënt dl refudam) (1) Duc i mplanc de smaltimënt o de recupereda dl refudam vën apurvei, do che l chemun ie unit audì, dal Agenzia provinziela; la despusizions dla lege provinziela dl 24 de lugio 1998, nr. 7 y mudazions suzessives resta mpe. (2) Contra l apurvazion dl agenzia provinziela iel puscibl fé recurs tl tëmp de 30 dis dala nutificazion dl pruvedimënt ala cumiscion VFA aldò dl articul 12 dla lege provinziela dl 24 de lugio 1998, nr. 7, y mudazions suzessives. 24. (Culaudazion y autorisazion di mplanc de recupereda y de smaltimënt dl refudam) (1) Almanco 15 dis dan che l mplant vënie metù n droa, prejentea l nteressà al Agenzia provinziela la dumanda de culaudazion y d autorisazion dl mplant. Cun la prejentazion dla dumanda d autorisazion vën l mplant ratà autorisà provisormënter a pië via dala data dl ativazion ndicheda tla nrescida nstëssa. (2) Tl tëmp de 90 dis dala tëuta n droa dl mplant cuntrolea l Agenzia provinziela la regularità dl mplant y la dà l autorisazion curespundënta; te chësta autorisazion vëniel fissà la cundizions y la prescrizions che ie de bujën per realisé i prinzips de chësta lege, ma nce la garanzies finanzieres che ie de bujën, la periodizità y la sort di cuntroi nterns. La prescrizions cuntenides tl autorisazion possa unì mudedes tenian cont dl svilup tecnologich y dla mudazions dla situazion ambientela. (3) Sce l vën, ntan l eserzize provisore, azertà iregulariteies o emiscions plu autes di lims, scrij l Agenzia provinziela dant la mesures che ie da adoté te n tëmp de al plu 90 dis. Te caji griefs muessa l eserzize dl mplant unì fermà debota y resté fërm nchin che la mesures ududes danora ie unides adotedes. (4) Tl cajo d azertamënc particulermënter cumplichei possel unì cunzedù n slungiamënt di tëmps udui danora. (5) L autorisazion muessa unì renuveda uni cin ani y a uni moda tl cajo de mudazions sustanzieles dl ativiteies. L autorisazion per mplanc registrei aldò dl regulamënt EMAS o dla norma ISO vel 8 ani alalongia. (6) La mudazion dl autorisazion, per chëla che l ne ie nia udù danora l aplicazion dl articul 23, muessa unì damandeda al Agenzia provinziela, che fej al savëi si minonga tl tëmp de 60 dis. (7) Contra l pruvedimënt dl Agenzia provinziela iel puscibl fé recurs tl tëmp de 30 dis dala nutificazion ala cumiscion VFA nunzieda tl articul 12 dla lege provinziela dl 24 de lugio 1998, nr. 7, y mudazions suzessives. (8) Coche derogazion dal articul 23 vën i mplanc de smaltimënt y de recupereda, ora che la sëula reduzion dl volum, autorisei dal Agenzia provinziela, sce l nteressà à la sënta leghela o la sozietà fulestiera proprietera dl mplant à la sënta de reprejentanza tl raion dla provinzia de Bulsan. Per dejëujer l ativiteies singules sun l teritore provinziel muessa l nteressà, che à tla man l autorisazion relasceda nce da d autra regions, ti comuniché almanco 15 dis dan la nstalazion dl mplant al Agenzia provinziela i detai spezifics n cont dl ativietes, njuntan l autorisazion y la iscrizion tl Register naziunel nunzià tl articul 212 dl decret legislatif dl 3 d auril 2006, nr. 152, coche nce duta l autra documentazion damandeda per documenté che la normes ambienteles ie unides tenides ite. Sce chësc tëmp ie passà via o n cajo dla prejënza dl nulla osta dl Agenzia provinziela possen scumencé cun l atività. L Agenzia provinziela possa scrì dant prescrizions ntegratives o la possa pruibì l atività cun n pruvedimënt mutivà, sce l dejëujer de chëla atività tla luegia spezifica ne ie nia cumpatibl cun l ambient. (9) Restan mpe l aplicazion dla straufonghes nunziedes tl articul 43, sce do cuntroi fac do la tëuta n droa dl mplant, ne resultea chisc nia cunforms al autorisazion aldò de chësc articul, passen, aldò dla grievëza dla nfrazion, a: a) l amunimënt, dajan dant n tëmp te chël che la iregulariteies muessa unì scunjaredes; b) l amunimënt y ala suspension cuntestuela dl autorisazion per n tëmp determinà; c) ala revucheda dl autorisazion tl cajo che l ne sibe degun adatamënt a cie che ie scrit dant y tl cajo che la nfrazions vënie dant deplù iedesc.

18 18 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (Autorisazion a dejëujer lëures de smaltimënt y recupereda) (1) Fé i lëures de smaltimënt y de recupereda dl refudam, ora che chëi udui danora dai articuli 23 y 24, ie autorisà dal Agenzia provinziela tl respet dla despusizions dla lege provinziela dl 24 de lugio 1998, nr. 7 y mudazions suzessives. (2) Contra l autorisazion dl Agenzia provinziela iel lascià pro fé recurs tl tëmp de 30 dis dala nutificazion dl pruvedimënt, pra la cumiscion VFA nunzieda tl articul 12 dla lege provinziela dl 24 de lugio 1998, nr. 7 y mudazions suzessives. 26. (Pruzedures scemplifichedes per la culaudazion y l autorisazion di mplanc de recupereda y la readurvanza y l autosmaltimënt dl refudam) (1) A cundizion che l vënie respetà la normes tecniches y la prescrizions spezifiches adotedes aldò dl articul 5, coma 1, y dl articul 6, vën l ativiteies d autosmaltimënt y de recupereda dl refudam autorisedes dal Agenzia provinziela. L autorisazion muessa unì renuveda uni cin ani y a uni moda tl cajo dla mudazion sustanziela dl ativiteies de autosmaltimënt y de recupereda dl refudam. (2) Sce l Agenzia provinziela azertea che la normes tecniches ne ie nia unides respetedes y che la cundizions nunziedes pra l coma 1 ne ie nia unides tenides ite, cumandela la pruibizion de jì inant cun l ativiteies, ora che sce l nteressà se cruzia de cunformé si ativiteies ala normativa valëivla tl tëmp fissà dal Agenzia provinziela. (3) Contra l autorisazion dl Agenzia provinziela vëniel lascià pro de fé recurs tl tëmp de 30 dis dala nutificazion dl pruvedimënt ala cumiscion VFA nunzieda tl articul 12 dla lege provinziela dl 24 lugio 1998, nr. 7, y mudazions suzessives. 27. (Pitli mplanc de cumpostaje) (1) I pitli mplanc de cumpostaje coche i ie definei tl plann provinziel per la gestion dl refudam ne muessa nia unì autorisei aldò di articuli 23, 24, 25 y 26. L gestëur muessa ti fé al savëi al ufize gestion dl refudam, 60 dis dan la tëuta n droa dl mplant, ciuna che ie la cuantità y la sort de refudam organich y vërt da traté. L atività possa unì dejëuta ënghe tl vërt agricul y l ne muessa nia unì fat la comunicazion al cataster, oradechël ne iel ënghe de no de bujën de tenì n register dl refudam. 28. (Tratamënt dl refudam tla sereneres dl eghes de desćëria de cësa) (1) La sereneres dl eghes de desćëria de cësa che trata l refudam cumpedà su tl articul 42, coma 2 dla lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr. 8, ie autorisedes, n deviazion di articuli 23, 24, 25 y 26 de chësta lege, aldò dl articul 39 dla lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr. 8; per l tratamënt dl refudam aldò dl articul 42, coma 2, pustoms b), e) y f) dla lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr. 8 iel de bujën che l ufize gestion dl refudam sibe a una. 29. (Desćëria de refudam luter) (1) La desćëria de refudam luter possa unì autoriseda dal ufize defendura dl eghes a una cun l ufize gestion dl refudam, aldò dla lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr. 8. (2) Do avëi giatà l autorisazion nunzieda tl articul 40 y a una cun l ufize defendura dl eghes, daussa l eghes de sofonz ciucedes ora tl cheder di ntervënc de bonificazion unì desćiariedes tl respet di valores lim per l eghes de desćëria fissei dala lege provinziela dl 18 de juni 2002, nr (Nuzeda dla lutreies dla sereneres tl agricultura) (1) Cun regulamënt d esecuzion vëniel fissà la despusizions per l adurvanza dla lutreies de dla sereneres tl agricultura n atuazion dla diretiva 86/278/CEE dl Cunsëi dl 12 de juni L adurvanza dla lutreies dla sereneres tl agricultura ie autoriseda dal ufize gestion dl refudam y la vel cin ani ala longia.

19 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom Pert VI Normes tecniches y aministratives y gestion de categories particuleres de refudam 31. (Acurdanzes de program) (1) Tl respet di prinzips de chësta lege possa la Jonta provinziela stipulé acurdanzes de program aposta cun ënc, firmes y asssoziazions de categoria, cun l fin de atué planns spezifics de setor per l smendrimënt, la recupereda y l otimisazion dla lutreies de desćëria de refudam. A chësc fin possa l acurdanzes de program udëi danora alesiramënc che stabilësc la sortes y la cuantiteies de refudam y la cundizions aldò de chëles che l atività de recupereda dl refudam ie delideda dal autorisazion. L acurdanzes fissa oradechël nce la modaliteies y i ademplimënc aministratifs per l abineda, per l amudlamënt y per l trasport dl refudam, per si cumerzialisazion, per i cuntroi dla carateristiches y la metodes de proa curespundëntes, per la carateristiches dla materies primes y segonderes, di combustibli o di prudoc davaniei dainora, coche nce la modaliteies per seguré te uni cajo che chen posse ti jì ala fusties de si derivazion nchin pra la ntreda tl mplant dl adurvanza efetiva. 32. (Normes tecniches y aministratives) (1) N cont dla gestion dl refudam y n particuler per cie che reverda la gestion de grupes de refudam spezieles possa la jonta provinziela dé ora despusizions tecniches y aministratives. Pert VII Normes finanzieres per la gestion dl refudam 33. (Tarifa per la gestion dl refudam de nridlamënt) (1) I custimënc per i servijes liei ala gestion dl refudam de nridlamënt ie curii dai chemuns tres l istituzion de na tarifa. L abineda deferenzieda dl refudam de mpacamënt resta a cëria di produtëures y di cunsumadëures. (2) La tarifa ie da apliché pra duc chëi che ocupea o mëina locai o sperses nia curides che ne costituësc nia njonta o purtenienza di locai nstësc, unfat per cie che i vënie adurvei, ejistënc ti raions dl teritore cumenel. (3) La tarifa ie metuda adum da na cuota determineda n relazion ala pertes essenzieles dl custimënt dl servisc, cun referimënt particuler ai nvestimënc per i mplanc y a si amortamënc, y da na cuota rapurteda al amudlé de refudam purtà adalerch, al servisc fat y al autëza di cosć de gestion, a na maniera che l vënie segurà la curida d almanco l 90% dla spëises d amortamënt y d eserzize. La tarifa ie partida su te fasces d adurvanza; per la categoria abitazions vëniel te uni cajo aplicà na cërta tarifa minima n raport ala cuantità de refudam jagheda. (4) La tarifa vën determineda y scudida dai chemuns nce tenian cont dl plann finanzier per i ntervënc liei al servisc. 34. (Cuntribut ambientel per chemuns de sënta de mplanc de tratamënt de refudam) (1) I sogec che gestësc mplanc de smaltimënt o de recupereda de refudam publics y sëuracumenei muessa paië n cuntribut ambientel ai chemuns te chëi che i mplanc ie nluegei y ai chemuns che ie tuchei dala fazions de chisc mplanc. L cuntribut ambientel muessa unì adurvà dai chemuns che l giapa per fins ambientei. La sortes di mplanc, per la gestion de chëi che l vën paià l cuntribut, y la mesura de chësc cuntribut vën determinenedes cun n regulamënt d esecuzion. 35. (Cuntribut spëises a cëria di chemuns) (1) I chemuns y i autri sogec, che aldò dl articul 8, coma 1, pustom g) ndividuei, y i gestores di mplanc d abineda y de smaltimënt ti paia uni ann ala Provinzia de Bulsan na soma per curì n pert la spëises dla Provinzia per realisé mplanc de recupereda y de smaltimënt dl refudam de nridlamënt. La basa de calcul per la determinazion de chësta soma ie la spëisa abuda ti ultimi 15 ani per la realisazion di mplanc. Per i chemuns che ne respetea nia i obietifs fissei tl plann provinziel per la gestion dl refudam, vën chësta soma avaneda a na moda da curì nce na cuota che curespuende al custimënt mesan dla gestion di mplanc n droa.

20 20 Bollettino Ufficiale n. 45/I-II del Amtsblatt Nr. 45/I-II vom (2) I criteres y la modaliteies per l calcul y l paiamënt dla soma nunzieda pra l coma 1 vën determinei dala Jonta provinziela aldò dl amudlé dl refudam n l ann dant y aldò dla cumpatibltà ambientela di mplanc defrënc y tl respet dla mires ududes danora tl plann provinziel per la gestion dl refudam. (3) La soma che ie da paië da uni chemun vën fissá uni ann dal Jonta provinziela n basa ai criteres y ala modaliteies nunziei pra l coma 2. (4) La somes paiedes ite dai chemuns y dai gestores di mplanc ie destinedes al finanziamënt di ntervënc udui danora dal plann provinziel per la gestion dl refudam. (5) Sce n chemun ne se cruzia nia de paië ite la soma che l ie debit tl tëmp udù danora, ti vën chësta soma trata jù l ann do dala terza rata dla somes atribuides al chemun aldò dl articul 4 dla lege provinziela dl 14 de fauré 1992, nr Chëuta provinziela per la depusitazion de refudam tla desćëria (1) La chëuta provinziela per la depusitazion de refudam te desćëries ie reguleda dala lege provinziela dl 13 de fauré 1997, nr. y mudazions suzessives. II. TITUL GESTION DI MPACAMËNC 37. (Mpacamënc y refudam de mpacamënt) (1) Tl ciamp di mpacamënc y dl refudam de mpacamënt vëniel aplicà la normes nunziedes tl titul II dla cuarta pert dl decret legislatif dl 3 d auril 2006, nr. 152, restan mpe la facultà dla Jonta provinziela de dé ora normes n derogazion aldò dl articul 32, do che chëstes ti ie unides mandedes ala Cumiscion aldò dl articul 16 dla diretiva 94/62/CE dl Parlamënt europeich y dl Cunsëi dl 20 de dezëmber 1994 sun i mpacamënc y l refudam de mpacamënt. III. TITUL DEFENDURA DL TERAC, BONIFICAZION, RECOSTITUZION AMBIENTELA 38. (Defendura dl terac) (1) La defendura dl terac mira a n raport sustenibl cun duta la sortes de terac per l mantenimënt y l avanamënt de duta la funzions y dla ressurses dl terac, tl arpejon naturela y culturela per la generazions da śën y chëles dl daunì, coche nce la nuzeda sozialmënter respusabla di fonc y di teraces. (2) L ativiteies de bonificazion muessa for dé preferënza ala recostituzion ambientela dla cundizions de fat per la reparazion dl dann. 39. (Pruvedimënc per la recostituzion ambientela) (1) Chi che gauja, nce zënza ulëi, la cuntaminazion efetiva o putenziela de na spersa o che gauja n pericul cuncret y atuel de cuntaminazion, muessa se cruzië sun si spëises di ntervënc de segurazion, de bonificazion y de recostituzion dla sperses mpaziedes y di mplanc che gauja l pericul de mpaziamënt. A chësc fin: a) ti muessel unì comunicà tl tëmp de 48 ëura al Agenzia provinziela y al chemun teritorialmënter cumpetënt coche ie la situazion de mpaziamënt y ciun che ie l pericul cuncret y atuel de mpaziamënt dla spersa; b) ti muessel unì comunicà, tl tëmp de 48 ëura do la nutificazion nunzieda pra l pustom a), ala medema autoriteies destinateres ënghe nunziedes pra l pustom a) ciuni che ie i pruvedimënc de segurazion adotei per schivé che la situazion de mpaziamënt o l pericul de mpaziamënt devënte pieces, per limité la fazions dl dann y smendrì l risch ambientel. c) muessel unì prejentà, tl tëmp de 30 dis dala ntraunida che à gaujà l mpaziamënt, o da canche n se à ntendù dla situazion de pericul, l proiet de bonificazion dla sperses mpaziedes aldò dl articul 40.

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale OGGETTO: Prima variazione del bilancio di previsione del 2015 del bilancio pluriennale 2015-2017 e della Relazione previsionale e programmatica 2015-2017. SE TRATA: Pruma mudazion del bilanz de previjion

Dettagli

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Sistema Statistico Nazionale Istituto nazionale di Statistica RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

RELAZIONE AL 1 PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2012 E PLURIENNALE 2012-2014

RELAZIONE AL 1 PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2012 E PLURIENNALE 2012-2014 ORIGINALE / ORIGINÈL COPIA / COPIA COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINCIA DI TRENTO Strada di Pré de Gejia, 2 38036 POZZA DI FASSA COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINZIA DE TRENT Strada di Pré de gejia, 2 38036

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli