del Sulcis Iglesiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "del Sulcis Iglesiente"

Transcript

1 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 29/05/ Pagina 2 AUTOFFICINA CARBONIA di Diana Donatello Via Roma P.zza Matteotti CARBONIA del Sulcis Iglesiente + chilometri - salati InstallazIone ImpIantI Gpl a partire Da 800 su tutte le auto loc. sirai - Carbonia - tel Cell mail: Anno XIX - N 270 Q u i n d i c i n a l e d i I n f o r m a z i o n e P o l i t i c a, E c o n o m i c a e S o c i a l e 30 Maggio 2014 Iscrizione Registro Stampa Tribunale di Cagliari n 32/95 del 7/11/95 Direttore Responsabile: Giampaolo Cirronis Distribuzione gratuita Nel giorno del trionfo di Matteo Renzi che ha portato il PD a sfondare il muro del 40%, la Sardegna ha raggiunto un traguardo storico Per la 1ª volta tre sardi in Europa Renato Soru è stato eletto come il più votato del PD, Giulia Moi e Salvatore Cicu con il secondo seggio spettante a M5S e Forza Italia. Per la prima volta saranno tre gli europarlamentari sardi a Strasburgo: Renato Soru (PD), Giulia Moi (M5S) e Salvatore Cicu (FI). Un risultato assolutamente inatteso e storico. Dopo le tante polemiche della vigilia, caratterizzate da durissimi scontri sulla legge elettorale che, con il collegio unico Sardegna-Sicilia, sulla carta sembrava favorire ancora una volta la Sicilia, con un bacino elettorale molto più ampio, i risultati sconvolgono ogni previsione. Nei prossimi cinque anni rappresenteranno la Sardegna in Europa l ex governatore Renato Soru, 56 anni, risultato nettamente il candidato più votato nella lista del Partito Democratico della circoscrizione Isole, con preferenze; Giulia Moi, 43 anni, la seconda più votata nella lista del Movimento 5 Stelle, con preferenze; Salvatore Cicu, 56 anni, da 20 anni parlamentare di Forza Italia, ex sottosegretario, secondo più votato nella lista forzista, con preferenze. Il voto europeo del 25 maggio 2014 entrerà nella storia italiana come il trionfo di Matteo Renzi, il segretario del Partito Democratico arrivato alla guida del Governo senza il passaggio elettorale. Nel momento più grave della crisi economica, quando molti paventavano il rischio di andare incontro ad una ancora più preoccupante fase di instabilità, gli italiani hanno individuato nell ex sindaco di Firenze l uomo della nuova speranza, la scialuppa alla quale aggrapparsi per evitare di affondare definitivamente nella miseria e nella disperazione. Le elezioni Europee hanno consegnato agli italiani un presidente del Consiglio più forte che in questo momento sembra davvero un uomo solo al comando. Matteo Renzi con le elezioni primarie si è preso il partito, dilaniato dal fallimento dell esperienza di Pierluigi Bersani, poi ha forzato la mano prendendosi anche il Governo senza passare per le elezioni, sostituendosi senza badare alla forma, al compagno di partito Enrico Letta. Il presidente del Consiglio ha fatto una campagna elettorale solitaria, come solitaria è stata la campagna elettorale del suo principale avversario, Beppe Grillo, e quella dello stesso Silvio Berlusconi, e i numeri emersi dalle urne dicono che non solo ha vinto, ma ha addirittura stravinto! Molti, soprattutto all interno del Partito Democratico, tra coloro che Matteo Renzi ha messo da parte (nessuno parla più di rottamazione ma la rottamazione è sotto gli occhi di tutti!), aspettavano al varco il nuovo leader, pronti a scaricargli addosso le responsabilità della sconfitta se Beppe Grillo avesse preso un voto in più, ed ora i risultati dicono chiaramente che lo storico 40,8%, prima che una grande vittoria del Partito Democratico, è un vero e proprio trionfo di Matteo Renzi! Come è stato possibile un trionfo di tale portata? è questo il principale tema di riflessione del dopo voto. Quando, alcuni mesi fa, venne ipotizzato l inserimento del nome di Matteo Renzi nel simbolo del Partito Democratico, molti si sono scandalizzati, Antonio Vigo sindaco per altri cinque anni Pagina 3 Tre giorni di confronto tra le identità rurali ALL INTERNO Sant Antioco, una devozione lunga 655 anni Pagina 6 La Monteponi è ritornata in Promozione Dal 30 maggio al 2 giugno a Carloforte ritorna la grande rassegna del Girotonno Dal 30 maggio al 2 giugno, ritorna il Girotonno - Uomini, storie e sapori sulle rotte del tonno. La kermesse internazionale, giunta alla dodicesima edizione, coinvolge gastronomi, chef di fama nazionale e internazionale, esperti di cucina di tonno, giornalisti e cultori della gastronomia mediterranea, trasformando Carloforte in una Capitale del tonno di qualità, ossia il tonno da corsa che viene pescato nella tonnara di San Pietro in maniera sostenibile nel rispetto delle norme di protezione dell ambiente e della fauna marina. Saranno quattro giorni di appuntamenti, incontri unici legati alle tradizioni culturali, artistiche ed enogastronomiche, musica, sport e spettacolo, convegni e dibattiti, per celebrare la antica tradizione e la cultura del tonno, storicamente legata al territorio. La manifestazione, incentrata su una gara gastronomica internazionale a base di tonno, accoglie nella terra antica del Sulcis Iglesiente, golosi ed estimatori per promuovere l antica tradizione delle tonnare che tuttora si pratica e si tramanda oralmente da rais a rais, da tonnarotto a tonnarotto. Durante la rassegna, organizzata dal comune di Carloforte in continua a pagina 2 continua a pagina 7 Pagina 12 Pagina 15 CONCESSIONARIA E SERVICE Via Nazionale - Zona PIP CARBONIA - Tel Via Roma, CARBONIA - Tel PANETTERIA - SALUMERIA - FORMAGGI - DOLCI Via Nuoro, 32 - CARBONIA NOSTRA PRODUZIONE Altri punti vendita: Via Sardegna, 7 - Via Santa Caterina, 153 Via della Vittoria, Mercato Civico Box n 62

2 IL NUMERO :IL NUMERO 181 2/11 29/05/ Pagina 1 2 Anno XIX N Maggio 2014 Il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, ha delegato l ex presidente della Provincia al coordinamento regionale Tore Cherchi alla regia del Piano Sulcis Le attività del nuovo coordinatore, svolte a titolo gratuito, avranno come obiettivo essenziale la realizzazione dei progetti. P reso atto che la fiscalità di vantaggio ha visto la luce nei tempi previsti ma che gli altri interventi del Piano Sulcis non decollano, il presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru, la scorsa settimana ha rotto gli indugi e, per cercare di sbloccare una situazione stagnante, ha firmato il decreto di nomina del suo delegato a presiedere il coordinamento regionale, individuato in Tore Cherchi, ex presidente della Provincia di Carbonia Iglesias, per 18 anni parlamentare e per 10 anni sindaco di Carbonia. Il coordinamento interno tra la Regione e gli Enti pubblici territoriali, si avvale di un gruppo ristretto delegato a fare da punto di riferimento e di raccordo con le strutture del Governo nazionale individuate per l attuazione degli interventi previsti dal Piano Sulcis. Tore Cherchi, delegato da Francesco Pigliaru, presiederà il coordinamento interno regionale ed il gruppo ristretto, li convocherà e ne coordinerà i lavori, integrandone la composizione, laddove necessario e come previsto dalla delibera della Giunta regionale n. 50/62 del Le attività di Tore Cherchi nella veste di delegato del presidente Pigliaru, avranno come obiettivo essenziale l attuazione del Piano Sulcis e saranno svolte a titolo gratuito, fatto salvo il solo rimborso delle spese effettiva- tuazione. Gli interventi e le risorse presenti nel Piano Sulcis sono significativi ed il territorio richiede tempi celeri e risposte adeguate per porre un freno alla crisi ed avviare la rinascita. Saranno sufficienti poche setti- Tore Cherchi. Francesco Pigliaru. mente sostenute e rendicontate, secondo le modalità previste per i dirigenti dell Amministrazione regionale. «C è tanto da fare - ha commentato Tore Cherchi - e cercherò di dare il mio contributo per sbloccare la si- mane per capire se ci sono realmente le condizioni per avviare l attuazione del Piano Sulcis, per il quale abbiamo tanto lavorato in una fase molto difficile che vede vasti strati della popolazione in grave sofferenza.» Per la 1ª volta tre sardi in Europa dalla prima pagina affrettandosi a dire che non si sentiva proprio il bisogno, dopo l esperienza di Silvio Berlusconi e di tutti gli altri leader di partito che avevano fatto altrettanto anche a sinistra (Antonio Di Pietro, Nichi Vendola), e il suo nome nel simbolo non è stato inserito, ma per gli italiani il 25 maggio è stato come se, insieme al nome, su quel simbolo ci fosse anche la sua faccia! Matteo Renzi ci ha messo la faccia, prima con i provvedimenti del suo Governo, su tutti quegli 80 euro promessi a tutti in busta paga e I nuovi europarlamentari sardi: Renato Soru, Giulia Moi e Salvatore Cicu. che in questo momento, questa speranza è soltanto lui! Beppe Grillo e il M5S, pur restando una consistente forza politica con oltre il 20% dei consensi, hanno fatto un consistente rio Monti e Pierferdinando Casini alle ultime Politiche, si è ridotto a cifre da prefisso telefonico. Appare evidente che i voti dei moderati abbiano cambiato casa, contri- passo indietro e dovranno riflettere sul loro ruolo nel breve e medio termine. Anche Forza Italia ha fatto un passo indietro ed è arrivato il momento di pensare al dopo-berlusconi. Agli altri è rimasto poco ma c'è un area politica che è praticamente sparita, il Centro, cancellato dalla scena politica dopo i tanti errori commessi. Il 10% messo insieme da Ma- buendo a rendere così trionfale il successo di Matteo Renzi che ora potrà continuare la sua esperienza governativa con la forza della straordinaria legittimazione ricevuta ed è chiamato a trasformare la speranza che ha saputo incarnare e le tante promesse fatte agli italiani, in fatti concreti. Giampaolo Cirronis Un Teatro Centrale gremito per la prima del film documentario Lost Citizens, la crisi del lavoro nel territorio U na sala del Cine Teatro di Carbonia gremita in ogni ordine di posti, ha assistito venerdì 23 maggio alla prima visione assoluta del documentario Lost Citizens, organizzata dalla società Umanitaria e dal comune di Carbonia e patrocinata dalle categorie dei chimici di Cgil e Cisl. Al centro del film la crisi del lavoro nel Sulcis Iglesiente raccontata da padri e figli impegnati ogni giorno nella faticosa tutela dell occupazione o nella ricerca di un posto che permetta loro un esistenza dignitosa e normale. Ma il patto generazionale sembra lacerarsi, mentre una politica industriale miope fatica a trovare soluzioni a breve termine. Lost Citizens nasce da un idea di Sebastiana Etzo, sarda trapiantata a Londra, animata dalla volontà di capire e raccontare quello che accade nel Sulcis Iglesiente: con il suo passato minerario questo territorio rappresenta la culla della più antica working class isolana, oggi considerato una delle province più povere d Italia ma anche emblema dei cambiamenti del mercato del lavoro, della precarizzazione, delle conseguenze della delocalizzazione che generano un incertezza lavorativa ed il progressivo indebolimento dello stato sociale. Del progetto fanno parte anche la giornalista Carla Etzo, co-regista, e il cineoperatore Vincenzo Rodi. I lavori e le riprese del film sono iniziati nella seconda metà del 2012 con interviste a coppie di genitori e figli (operai, cassaintegrati, pensionati, giovani alla ricerca di occupazione). I principali protagonisti sono Antonello e Alessandro Pirotto; Silvestro e Gian Marco Mocci; Carlo e Michela Martinelli con Enea Concu; Enzo e Tiziana Pisu; Lilli Pruna. Matteo Renzi. poi anche a quanti la busta paga non ce l hanno e ai pensionati, poi nell accesissima campagna elettorale, e gli elettori lo hanno premiato! L Italia che non ne può più del vecchio sistema che l ha portata ad una condizione socio-economica drammatica, ha bisogno di ritrovare una speranza e Matteo Renzi, risultati delle Europee alla mano, ha dimostrato

3 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 29/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio A Calasetta, la sfida tra il sindaco uscente (Calasetta domani) e Gian Luca Boy (Calasetta cambia), non ha avuto praticamente storia Antonio Vigo sindaco per altri cinque anni La lista vincente ha eletto otto consiglieri, quella perdente farà opposizione con quattro consiglieri (candidato sindaco compreso). Antonio Vigo è stato confermato sindaco di Calasetta. Fin dalle prime battute dello spoglio è emerso un ampio margine tra le due liste, mai in discussione e poi confermato dai risultati definitivi che hanno visto la lista Calasetta domani imporsi con voti (64,15%) sulla lista Calasetta cambia, guidata dal candidato sindaco Gianluca Boy, arrivata a quota 311 voti (35,84%). La lista Calasetta domani ha eletto 8 consiglieri: Alessandro Murru, Marilisa Granara, Remigio Scopelliti (ex sindaco), Cristiano Mercenaro, Gianni Barabino, Roberto Lusci, Salvatore Altadonna e Sergio Porseo; la lista Calasetta cambia ha eletto 4 consiglieri: Gianluca Boy (candidato sindaco non eletto), Sandro Dessì, Maria Immacolata Argiolu e Giovanni Battista Cipollina. La campagna elettorale si è sviluppata in un clima sereno e di sostanziale fair play, completamente diverso rispetto a quello vissuto cinque anni fa. I due candidati alla carica di sindaco si sono anche confrontati in un incontro pubblico organizzato al Centro velico dal gruppo Calasetta che vorrei, mediato dal giornalista Giampaolo Cirronis, editore e direttore responsabile di questo giornale. Un ora e mezza di confronto sui problemi di Calasetta e del territorio e sulle proposte dei due candidati per la loro soluzione a medio e lungo termine. I cittadini che hanno gremito il saloncino del Centro velico, hanno seguito il dibattito con grande attenzione, dall inizio alla fine, a conferma della grande partecipazione della popolazione di Calasetta in queste occasioni, salvo poi allentare la stessa nel corso della consiliatura, al punto, come ha sottolineato Antonio Vigo, di assistere a riunioni consiliari scarsamente partecipate persino dagli stessi consiglieri eletti. Lista Calasetta domani Candidato sindaco eletto Antonio Vigo Voti di lista: (64,15%) Candidati consiglieri: Alessandro Murru* 182 Marilisa Granara* 144 Remigio Scopelliti* 122 Cristiano Mercenaro* 100 Gianni Barabino* 97 Roberto Lusci* 81 Salvatore Altadonna* 73 Sergio Porseo* 70 Cancedda Martina 57 Cristina Fadda 51 Antonello Casula 41 Denis Bedinelli 32 Antonio Vigo, 63 anni, ingegnere libero professionista, è alla sua seconda consiliatura da sindaco ma in passato è stato consigliere comunale per 12 anni, assessore per 5 anni e consigliere della provincia di Carbonia Iglesias per 8 anni. Lista Calasetta cambia Candidato sindaco Gian Luca Boy* Voti di lista: 662 (35,84%) Candidati consiglieri: Sandro Dessì* 123 M. Immacolata Argiolu* 95 G. Battista Cipollina* 71 Toni Porseo 62 Vincenzo Frenda 57 Maurizio D Antonio 48 Roberto Sinzu 46 Simone Carboni 34 Cesare Biggio 12 * I consiglieri eletti Gianluca Boy, 50 anni, laureato in Economia e commercio, funzionario dell assessorato regionale del Lavoro, ex giocatore e coach di volley, è alla seconda candidatura a sindaco e quindi alla seconda esperienza da consigliere. La Giunta Pigliaru ha autorizzato la Sfirs a lasciare la società La Sardegna dà l addio al Galsi Pe la metanizzazione dell Isola verranno seguite nuove strade. Galsi, addio! La Giunta regionale ha approvato una delibera con cui autorizza la Sfirs ad esercitare il diritto di uscita da Galsi, la società che gestisce il progetto del gasdotto che avrebbe dovuto portare il metano algerino in Sardegna e poi in Toscana. Le difficoltà burocratiche incontrate da Galsi ed una situazione economica difficile hanno convinto la Regione che l investimento nel gasdotto non sia remunerativo, come dimostrano altri progetti in fase di stallo. Tutto ciò ha portato a un congelamento del progetto che non è chiaro se e quando potrà essere sbloccato. La Sfirs ha fatto presente questa situazione di stallo del progetto Galsi già alla precedente amministrazione con una relazione e con la deliberazione da parte del consiglio di amministrazione, riunito 16 dicembre 2013, «di procedere all uscita dalla compagine sociale di Galsi Spa». La risposta arriva ora dalla nuova Giunta con la delibera presentata dal presidente Francesco Pigliaru d intesa con gli assessori Raffaele Paci (Programmazione) e Maria Grazia Piras (Industria), che riconosce la correttezza di quelle valutazioni e di quella scelta e procede al via libera all uscita da Galsi. Una uscita che, fatta in questo momento, permette di recuperare tutti gli 11 milioni investiti da Sfirs nel progetto. Antioco Gregu è il commisario liquidatore di Igea. è stato nominato due settimane fa dalla Giunta regionale, su proposta dall assessore dell Industria Maria Grazia Piras. Al liquidatore è stato dato il mandato di «compiere con la massima urgenza ogni necessario accertamento sullo stato patrimoniale ed organizzativo della società Igea e di valutare l opportunità di formulare un piano industriale che individui una concreta prospettiva di risanamento della società, assicurandone l equilibrio gestionale nel medio e lungo periodo. Il liquidatore avrà intanto il mandato di proseguire nell esercizio provvisorio al fine di non interrompere le attività di mantenimento in sicurezza dei siti minerari, cui Igea è obbligata, e per non disperdere le risorse disponibili». Sono stati confermati, nel collegio sindacale, i sindaci già designati in precedenza. Il capogruppo del Partito Democratico, Pietro Cocco, esprime soddisfazione per la nomina effettuata dalla Giunta regionale. «Igea è una società nata con l importante e fondamentale compito di eseguire i lavori di sicurezza, ripristino ambientale, bonifica e riqualificazione delle miniere dopo la chiusura definitiva delle stesse La delibera sul metano è anche e, soprattutto, una delibera di indirizzo. «L uscita da Galsi - ha precisato il presidente Francesco Pigliaru - non può in alcun modo interrompere il processo di metanizzazione già avviato con la realizzazione, attualmente in corso, delle reti urbane di distribuzione del gas, il cui completamento richiede la costruzione di una dorsale di trasporto e delle relative reti intermedie di collegamento. Anzi, usciamo da Galsi proprio per rilanciare la metanizzazione della Sardegna. Non possiamo continuare a stare fermi su un tema strategico per lo sviluppo della nostra regione.» Svolta nella grave crisi della società in house della Regione Antioco Gregu è il liquidatore di Igea scrive in una nota Pietro Cocco -. Invece, quello che avrebbe dovuto essere lo strumento di programmazione di quel progetto e che avrebbe dovuto avere importanti ricadute anche in termini di opportunità di sviluppo e di lavoro nel martoriato territorio del Sulcis, si è rivelato uno strumento debole gestito con approssimazione e confusione.» «Il mandato assegnato all ing. Gregu, di accertare lo stato patrimoniale ed organizzativo della società e di individuare una prospettiva di risanamento - conclude Pietro Cocco - sarà di sicura rottura con le logiche fumose che hanno ispirato alcuni amministratori del passato.» Il governatore ha incontrato prima i sindaci, poi il Governo Accordo Regione-Governo sul Patto Si è tenuto il 29 maggio a palazzo Chigi, il primo incontro del tavolo politico sulle questioni relative alla situazione finanziaria della regione Sardegna, con particolare riferimento ai limiti imposti dal Patto di stabilità. Presenti il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, il ministro dell Economia, Pietro Carlo Padoan, il ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta, e il presidente della regione Sardegna, Francesco Pigliaru. «Il Governo e la regione Sardegna - si legge nella nota stampa diffusa da Palazzo Chigi -, hanno concordato di: avviare un percorso per superare l attuale impianto di regole che consenta di giungere già nel 2015 al sistema di pareggio di bilancio, che rappresenta la soluzione strutturale al problema della regione Sardegna, all interno di un progetto più ampio che riguardi tutte le regioni a statuto speciale; accordare in ragione della specificità della regione Sardegna, così come definito dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 118 del 2012, e nelle more della transizione verso il nuovo regime di pareggio di bilancio un adeguato ampliamento dello spazio finanziario per il 2014 che verrà definito, in armonia con gli obiettivi di finanza pubblica, entro 10 giorni.» Al termine della riunione, il presidente Francesco Pigliaru ha commentato: «Il risultato importante dell incontro di oggi è l impegno che il Governo ha preso nei confronti della regione Sardegna di cancellare definitivamente, a partire dal 2015, l assurdo vincolo del patto di stabilità che ha sinora impedito di utilizzare tutte le nostre entrate. Dal 2015, infatti, tutte le nostre entrate potranno essere totalmente usate per finanziare le politiche di sviluppo dei nostri territori. L adozione della regola del pareggio di bilancio definisce finalmente un quadro di buon senso che ci attribuisce piena responsabilità nella gestione efficiente delle nostre risorse - ha concluso il presidente Pigliaru - e che ci incentiva ad L incontro con i sindaci in Consiglio regionale. utilizzarle con la massima attenzione». Il giorno prima, il presidente della Regione Francesco Pigliaru, aveva ribadito nell incontro con i sindaci della Sardegna che si è tenuto in Consiglio regionale, al termine della manifestazione dei sindaci organizzata per denunciare i problemi derivanti dai continui tagli dei trasferimenti e dai pesantissimi vincoli posti dal Patto di stabilità, che «la Regione farà di tutto per ottenere dal Governo l allentamento dei vincoli del Patto di stabilità». All appuntamento si sono presentati 120 primi cittadini in fascia tricolore, molti dei quali sono rimasti delusi dall esito dell incontro, al punto che il 29 mattina, all audizione in commissione Autonomia, si è presentato il Cal, il Consiglio delle Autonomie locali guidato dal sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti, ma non i rappresentanti di Anci, Asel e Aiccre. Giuseppe Casti, nel suo intervento, ha segnalato alla Commissione la drammatica situazione in cui versano gli enti locali alle prese con un Patto di stabilità che, di fatto, sta paralizzando l azione amministrativa. «I crediti dei comuni nei confronti della Regione continuano a crescere - ha aggiunto Casti - i pagamenti sono bloccati, serve una soluzione rapida altrimenti si rischia lo sfascio». L ex parlamentare ha ricevuto l incarico per altri quattro anni Fondazione, confermato Antonello Cabras Il 23 maggio è stato approvato il bilancio consuntivo della Fondazione Banco di Sardegna chiuso il 31 dicembre Il documento pone in evidenza un avanzo di esercizio di euro (euro nel 2012) ed erogazioni deliberate nei settori di intervento pari a euro (euro nel 2012). Nello stesso giorno si è insediato il nuovo Comitato di Indirizzo e Antonello Cabras è stato confermato all unanimità presidente della Fondazione Banco di Sardegna. Antonello Cabras, nato il 22 ottobre 1949 a Sant Antioco, ingegnere, ha alle spalle una lunga e prestigiosa carriera da amministratore e politico, iniziata proprio L assessore Massimo Deiana ha proposto un disegno di legge Continuità territoriale per le isole minori Lo scorso 6 maggio la Giunta regionale, su proposta dell assessore dei Trasporti, Massimo Deiana, ha presentato un disegno di legge (n 25) per la copertura degli oneri della continuità territoriale per le isole minori. Il disegno di legge si prefigge l obiettivo di allineare l autorizzazione di spesa per l anno 2014 in euro , al fine di garantire la continuità del servizio di collegamento marittimo con le isole minori di San Pietro e La Maddalena e nella tratta Santa Teresa di Gallura - Bonifacio. Antonello Cabras. nella sua città, della quale è stato sindaco. è stato assessore regionale della Programmazione e per Un traghetto della Saremar. Tecnicamente il disegno di legge dell assessore Deiana si compone di soli 2 articoli: due volte presidente della Regione Sardegna. è stato eletto successivamente senatore, per due volte sottosegretario al Commercio estero, deputato, poi ancora senatore fino alla scorsa legislatura. Ha ricoperto prestigiosi incarichi politici, tra i quali quello di segretario regionale del partito socialista. è stato poi fondatore e presidente di Federazione Democratica e segretario regionale dei Democratici di Sinistra, nonché dirigente nazionale del Partito Democratico. E ancora quello di presidente del Comitato per la gassificazione del carbone Sulcis, progetto del quale negli anni 90 era uno dei principali sostenitori (poi non realizzato). G.P.C. Articolo 1, comma 1. Dispone la rideterminazione dell autorizzazione di spesa di cui all articolo 5, comma 32 della legge regionale 21 gennaio 2014, n. 7, ai valori di euro Articolo 1, comma 2. Reca la conseguente copertura finanziaria dei relativi oneri aggiuntivi, valutati per l anno 2014 in euro , mediante imputazione degli stessi in conto della UPB S (trasporto pubblico locale). Articolo 2. Specifica i termini dell entrata in vigore della legge.

4 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 29/05/ Pagina 1 4 Anno XIX N Maggio 2014 Cresce l interesse di gruppi imprenditoriali italiani e stranieri per la realizzazione di investimenti nell area del Sulcis Iglesiente Una nuova scommessa sul turismo Mentre il Gruppo Deriu attende risposte della Giunta regionale sul progetto del Centro termale, i russi stringono amicizia con i sindaci. Sant Antioco e il Sulcis Iglesiente puntano ad un nuovo sviluppo nel campo del turismo. Mentre il Gruppo Deriu attende risposte dalla Giunta regionale sulla fattibilità del progetto per la realizzazione del Centro termale a Coquaddus, alcuni gruppi imprenditoriali russi sono interessati ad investire nel campo del turismo nel Sud Sardegna e proprio nell Isola di Sant Antioco potrebbero incontrarsi i due interessi nel breve e medio termine. è emersa questa prospettiva nel corso della conferenza stampa convocata dal sindaco di Sant Antioco, Mario Corongiu, alla presenza di una delegazione russa, guidata da Danis Bashirov, terzo segretario dell Ambasciatore russo in Italia, invitato ufficialmente a partecipare alla 655ª edizione della Sagra di Sant Antioco Martire. «Per noi questo invito è stato una bella sorpresa - ha esordito Danis Bashirov -, la città di Sant Antioco si trova all incrocio dei nostri interessi strategici in Sardegna, prima di tutto per il grande patrimonio culturale, storico e spirituale, ma soprattutto perché, se si guarda all indietro, si vede che i nostri investimenti più grandi sono stati effettuati proprio nel Sud dell Isola, parlo prima di tutto di Eurallumina e poi di Sarroch. Oltre all interesse dei nostri operatori economici nel settore industriale - ha aggiunto Danis Bashirov - vediamo un grande potenziale per lo sviluppo del turismo. Oggi il turismo russo sta cambiando, si sta passando dal settore del turismo di alto livello a quello della classe media che è molto interessata a fare conoscenza con tutta l Italia ma anche con la Sardegna, molto famosa per il suo clima, per le sue spiagge, il suo mare e il suo grande patrimonio storico e culturale. Spero che questo invito possa costituire solo il primo passo di un percorso di amicizia per giungere a ottimi risultati e quindi all arrivo di tanti turisti russi nel Sud Sardegna e in particolare a Sant Antioco.» Otto giorni dopo l incontro con il vice Ambasciatore russo Danis Bashirov, i sindaci di Sant Antioco, Mario Corongiu, Calasetta, Antonio Vigo e San Giovanni Suergiu, Federico Palmas, hanno sottoscritto un protocollo d amicizia con l Abkhcazia, una piccola repubblica che confina con la Federazione russa e si affaccia sul Mar Nero, con capitale Sukhumi ed una popolazione di abitanti. All incontro, svoltosi nella sala consiliare del comune di Sant Antioco, erano presenti il sindaco della capitale, Sukhumi ed il collega di Pitsunda, ma l accordo coinvolge anche il comune di Novyy Afon. Il protocollo d amicizia prevede l attivazione di una serie di contatti tra le due regioni che potrebbero portare ad interessanti sviluppi in campo turistico, considerato che la Sardegna e in particolare il Sud dell Isola, stanno entrando nella sfera di interesse dei tour operator russi e delle repubbliche dell Est europeo. Sul Centro termale di Coquaddus, Ninetto Deriu, l imprenditore sardo che sta investendo maggiormente nel suo territorio in questa fase economica di estrema difficoltà, con alcune imprese operanti nel polo industriale di Portovesme, attende risposte dalla Regione. Il calcolo della pensione è sbagliato? Per correggere gli errori c è tempo solo fino al 6 luglio. Chi non ricorre entro quella data, infatti, rischia di non vedersi riconosciuta l esatta somma. Gli ex lavoratori più a rischio sono quelli con periodi di mobilità negli ultimi anni: in Sardegna se ne contano a migliaia e oltre 4 milioni in tutta Italia. «Ci sono tempi stretti per avviare azioni giudiziarie e intervenire sulle prestazioni previdenziali liquidate parzialmente o in modo erroneo - L assessore regionale dell Urbanistica, Cristiano Erriu, il 17 aprile, come si ricorderà, ha fatto una significativa apertura al progetto, nel corso del convegno svoltosi nella sala conferenze della Grande Miniera di Serbariu. «L impressione immediata, la risposta immediata che mi sento di dire all imprenditore Deriu e a tutti voi - aveva detto tra l altro Cristiano Erriu nel corso del suo intervento -, è che all assessorato dell Urbanistica troverà risposte, orecchie disponibili ad ascoltare, tempo da dedicare per affrontare i nodi che devono essere sciolti, problemi che devono essere approfonditi, risposte che possono essere date, facendoci carico anche del lavoro di regia e di coinvolgimento di altre autorità, quelle ambientali in primo luogo, ma anche le varie soprintendenze, per cercare di costruire le condizioni perché su questo progetto, magari modificato, aggiornato e rivisto ma in linea con le aspettative di un L incontro tra il vice Ambasciatore Danis Bashirov e il sindaco Mario Corongiu. afferma l ANAP Sardegna, l associazione dei pensionati di Confartigianato Sardegna - quindi se il pensionato ritiene errato il calcolo, ma fa richiesta di rettifica all Inps dopo 3 anni dalla prima liquidazione, non ha più diritto ai soldi.» Lo ha stabilito il legislatore che è intervenuto in maniera pesante sul regime della decadenza in materia di prestazioni previdenziali liquidate parzialmente, fissando in soli 3 anni il termine entro il quale è possibile attivare il sistema giudiziario, con L incontro con la delegazione dell Abkhcazia nella sala consiliare di Sant Antioco. territorio che mi pare di capire su questo progetto crede molto, è nostro dovere occuparcene con serietà e tentare di dare risposte.» Le parole dell ex sindaco di Santadi hanno provocato una nuova presa di posizione di Graziano Bullegas, presidente di Italia Nostra Sardegna, contrario alla realizzazione del progetto nel sito di Coquaddus, che ha scritto Il convegno per la presentazione del Centro termale svoltosi a Carbonia. una lettera aperta all assessore regionale dell Urbanistica. Graziano Bullegas nella sua lettera ribadisce le motivazioni della contrarietà al progetto e chiede un incontro all assessore Erriu. L ANAP Sardegna, associazione dei pensionati di Confartigianato Sardegna, ricorda un importante scadenza ormai prossima Il calcolo della pensione è sbagliato? Per correggere gli errori c è tempo fino al 6 luglio evidenti ricadute negative sul diritto di una pensione esatta. L allarme è scattato pochi giorni fa in tutta Italia, e al centro del problema c è il ricalcolo delle pensioni aggiornato alle stime Istat, che spesso viene effettuato in modo errato o non effettuato affatto. Con la conseguenza che l assegno risulta più basso (o più alto) di quanto dovrebbe. Il limite massimo per la contestazione di ciò che si riceve è luglio 2014, ma in pochi sanno cosa devono fare. L assessore degli Enti locali ha riferito in 4ª commissione Erriu: «Nuovo governo del territorio» L assessore regionale dell Urbanistica e degli Enti locali, Cristiano Erriu, ha riferito davanti alla 4ª Commissione (Governo del territorio), presieduta dall on. Antonio Solinas (Pd), sulle problematiche generali del settore. Nella sua esposizione, l assessore Erriu ha dichiarato in apertura che «l impegno dell assessorato è concentrato da un lato sulla definizione delle linee-guida in materia di governo del territorio compreso l aggiornamento del Ppr e, dall altro, sul riordino del sistema delle autonomie locali. Si tratta di infrastrutture immateriali di grandissima importanza per la Sardegna sulle quali intendiamo sviluppare un confronto serrato sia con la Commissione che con il Consiglio regionale, sia con tutti i portatori di interesse, ai vari livelli». L assessore Erriu ha ricordato la recente delibera della Giunta che ha annullato il provvedimento di adozione definitiva del Ppr emanato nella precedente legislatura, mentre restano in vigore sia il repertorio dei beni paesaggistici e culturali che le norme di salvaguardia. «Sul piano operativo - ha rimarcato Erriu - è stato avviato un tavolo di lavoro con il ministero per la copianificazione di circa 130 nuovi beni, di concerto con l assessorato dell Ambiente per il necessario Giuseppe Casti è il nuovo presidente del Cal, il Consiglio delle autonomie locali della Sardegna. Subentra a Gianfranco Ganau, eletto quand era sindaco di Sassari e dimessosi dopo la sua elezione alla presidenza del Consiglio regionale. Giuseppe Casti, sindaco di Carbonia dal 15 maggio 2011, quando è stato eletto con voti (62,36%), raggiunge il prestigioso incarico, al quale è stato eletto il 15 maggio all unanimità dall assemblea riunita a Cagliari, all età di 49 anni (è nato a Carbonia il 18 luglio 1964). Come Gianfranco Ganau è un esponente di spicco del Partito Democratico ed all attuale presidente del Consiglio regionale è legato anche dall appartenenza alla stessa area politica all interno del partito, quella di formazione socialista che ha come leader Antonello Cabras, attuale presidente della Fondazione del Banco di Sardegna. Il Consiglio delle autonomie locali è organo di partecipazione degli Enti locali ai procedimenti legislativi ed amministrativi di loro interesse. «Ringrazio tutti i consiglieri per Per pensione definitiva, si intende proprio l importo, calcolato dall Inps, dell assegno aggiornato secondo le più recenti stime Istat (su inflazione e costo della vita, ad esempio). Quella che il neo pensionato percepisce nei primi mesi di addio al lavoro, infatti, è una pensione temporanea, il cui valore viene calcolato secondo una stima di massima effettuata dall Istituto. Essendo temporanea, questa pensione dovrebbe poi essere ricalcolata ed adeguata a quella che è la realtà del momento, stabilendo l importo coordinamento normativo. Contiamo di concludere in tempi brevi anche questo lavoro, con una nuova adozione del Piano da parte della Giunta e la pubblicazione sul Buras. Cio consentirà, fra l altro, anche di sbloccare la situazione di 30 Piani urbanistici in altrettanti comuni del territorio regionale, nonostante alcune criticità nei centri L assessore Cristiano Erriu. costieri». L assessore dell Urbanistica ha quindi sintetizzato i contenuti della nuova legge urbanistica: armonizzazione delle diverse norme settoriali, regole chiare e semplici, equilibrio fra i valori del paesaggio e della proprietà, coordinamento fra la pianificazione strategica della Regione e quelle delle autonomie locali (dove occorrerà tener la votazione all unanimità - ha detto il neo presidente - è per me un onore rappresentare il Consiglio delle autonomie locali. Dopo l esperienza di quasi tre anni come consigliere delle autonomie locali e sindaco della città di Carbonia, da presidente porterò avanti, con maggior forza, le battaglie che ho condotto sin dall inizio del mio mandato di sindaco: aumento del Fondo Unico per i comuni, riforma degli enti locali ed alleggerimento del patto di stabilità. Senza questi interventi che, per legge, spetta al pensionato. Anche questa fase non è esente da errori, così molti si ritrovano in accredito una cifra diversa da quella che dovrebbero percepire. In negativo ma anche in positivo. Il fatto è che davvero pochi sono in grado di capire se c è stato un errore, o perché non conoscono le regole che guidano il calcolo della pensione o perché non hanno il tempo (o la voglia) di ricostruire tutta la propria carriera previdenziale per scoprire se e dove si trova l inghippo. conto della scomparsa delle Province e, in prospettiva, della nuova Area metropolitana di Cagliari e delle politiche di Area vasta che interesseranno altre zone dell Isola come il Sassarese e la Gallura) nell ambito di una visione comune e condivisa ispirata allo sviluppo sostenibile. Nel dettaglio, Cristiano Erriu ha spiegato i criteri ispiratori e le finalità della nuova legislazione: risparmio del suolo, nuove politiche abitative per la fasce meno abbienti della società, adeguamento dei servizi e revisione del criterio numerico degli standard, tutela degli insediamenti agricoli, sostegno per chi decide di vivere in campagna presidiando il territorio, ricucitura fra zone costiere ed aree interne, risparmio ed efficienza energetica. L assessore, infine, ha assicurato che rispetto a questi problemi «non c è un approccio ideologico ma la precisa volontà di definire regole, strumenti e procedure che possano garantire alla Sardegna di oggi e di domani non solo un migliore governo del territorio ma una migliore qualità dell ambiente e delle sue trasformazioni. Terremo conto di esperienze significative e buone pratiche di altre Regioni, ma puntiamo ad una buona legge fatta su misura per la Sardegna con le sue tante specificità, che potrà generare valore». Il sindaco di Carbonia ha rilevato il testimone da Gianfranco Ganau Giuseppe Casti è il nuovo presidente del Cal Giuseppe Casti. prioritari, come ripeto da tempo alla Regione, i nostri comuni e le nostre province dal prossimo mese si troveranno ad avere un blocco nell attività amministrativa - ha aggiunto Giuseppe Casti -. Ringrazio Carbonia, la mia città, e tutti i miei concittadini, perché è grazie alla loro fiducia che, come sindaco, ho potuto far parte del Consiglio delle autonomie locali, arricchendo le mie conoscenze amministrative attraverso il confronto e lo scambio di informazioni con i colleghi. Il nuovo incarico avrà un effetto positivo sul mio impegno come sindaco, poiché le stesse lotte, condotte come Amministratore di Carbonia, saranno rafforzate e promosse nell interesse di tutti i comuni sardi. Da oggi - ha concluso il sindaco di Carbonia - continuerò a presentare le stesse richieste, ma con maggior forza perché lo farò a nome di tutte le autonomie locali della Sardegna, nella consapevolezza che queste nostre rivendicazioni rappresentino l unico strumento possibile per ridare la giusta dignità amministrativa e la necessaria forza di intervento sociale alle amministrazioni locali dell Isola.» La legge italiana prevede che i controlli previdenziali vengano effettuati solo su esplicita richiesta del pensionato interessato, il che significa che se non è lui ad accorgersi del problema nessuno lo farà mai al suo posto. Quali sono gli elementi che possono portare a un errore nel calcolo? Ad essere a rischio sono soprattutto coloro che, nel corso della loro vita professionale, hanno avuto a che fare con periodi anomali. Il che può significare congedo parentale ma anche periodi di mobilità.

5 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio Si è svolta a Cagliari una nuova conferenza di servizi sull allarme ambientale determinato dall eccessiva presenza di piombo e diossine Portoscuso, l emergenza non è ancora rientrata Le ordinanze che impongono agli allevatori il divieto di commercializzare il latte e le carni ovine, caprine e bovine, sono ancora in vigore. Nonostante un leggero miglioramento della situazione che ha consentito a due delle dieci aziende interessate di riprendere la produzione e la commercializzazione dei suoi prodotti, restano in vigore per le altre otto aziende, a Portoscuso, le ordinanze del sindaco, Giorgio Alimonda, che impongono il divieto di commercializzazione del latte caprino e delle carni ovine, caprine e bovine, per l eccessiva presenza di piombo e diossine. Le ultime novità sono emerse il 29 maggio a Cagliari, nel corso della conferenza di servizi convocata dal sindaco di Portoscuso, con tutti gli assessorati (era assente il solo assessorato della Agricoltura), la Asl e l Arpas, per l esame dei provvedimenti da adottare sia nel breve e medio termine, sia nel lungo periodo. «Per quel che riguarda la diossina, due allevamenti su dieci sono stati già liberati dai vincoli - spiega Giorgio Alimonda - mentre per altri quattro le ultime analisi hanno accertato casi al limite. Abbiamo chiesto alla Regione di starci vicino in questa fase tanto difficile, anche dal punto di vista economico, perché ad oggi il nostro Comune continua a farsi carico anche dei costi derivanti dagli interventi necessari ad affrontare l emergenza. Proseguono le analisi anche per quel che riguarda l eccessiva presenza di piombo.» L emergenza, come si ricorderà, è scattata oltre un mese fa, con la scoperta della presenza di un eccessiva quantità di diossine nel latte caprino. Il sindaco Giorgio Alimonda, dopo aver ricevuto la nota del Dipartimento di Prevenzione della Asl 7 di Carbonia, con la quale si comunicava che l Istituto Zooprofilattico Sperimentale aveva trasmesso il rapporto di prova che evidenziava superamenti dei limiti delle norme di legge per quanto riguarda la presenza di diossine, furani e PCB e diossina-simile nel latte prodotto nell allevamento caprino di un azienda sita nelle campagne di Portoscuso, in località Terra Noa, ha imposto con apposita ordinanza alla stessa, la distruzione e lo smaltimento del latte prodotto. La situazione è apparsa subito estremamente delicata, anche perché l ordinanza del sindaco di Portoscuso si è aggiunta alle precedenti emesse recentemente per disporre la distruzione e lo smaltimento del latte ovino in cui è stata accertata la presenza di una quantità di piombo superiore ai limiti delle norme di legge. L Amministrazione comunale si è mossa tempestivamente, concordando una strategia con la Coldiretti, con la quale ha chiesto alla Regione un intervento a sostegno delle aziende coinvolte che rischiano ancora una volta, come già accaduto in passato, un autentico tracollo, con conseguenze disastrose anche sui livelli occupativi. Ma la situazione si è aggravata una decina di giorni più tardi, quando il La presenza della diossina ha messo in ginocchio le aziende di Portoscuso. Dipartimento di prevenzione della Asl 7, sulla base delle risultanze preliminari delle indagini in corso comprendenti il rilievo di superamenti dei limiti di contaminazione per metalli pesanti nel latte ovicaprino e di superamenti dei valori di attenzione e/o dei valori limite per diossine e PCB diossinosimili nel latte ovicaprino, il 7 maggio ha portato il sindaco a firmare una nuova ordinanza contingibile ed urgente in materia sanitaria, con la quale, a titolo precauzionale, «vieta, sino al completamento delle indagini in corso per ricerca di diossine e PCB diossinosimili, la movimentazione per vita, commercializzazione, macellazione o distribuzione a qualunque titolo dei capi ovinocaprini e bovini e dei relativi prodotti zootecnici» di 12 allevamenti operanti nel territorio del comune di Portoscuso. Per il lungo periodo, Portoscuso rivendica l assegnazione dei fondi previsti per le aree SIN (Siti Bonifica di Interesse Nazionale), che finora in Sardegna sono stati riconosciuti solo all area di Porto Torres. Caev, Coldiretti sollecita la RAS lo scorso 26 settembre 2013, la «Nonostante Giunta regionale abbia deliberato interventi a favore delle aziende colpite dalla Caev (l artrite encefalite virale delle capre), prevedendo un piano di risanamento e misure a sostegno degli allevamenti caprini e nonostante siano state trasferite le risorse all Argea Sardegna, ancora ad oggi non è stato adottato alcun provvedimento concreto per arginare il virus della Caev, la malattia che sta mettendo a serio rischio il patrimonio caprino isolano.» Lo denuncia Efisio Perra, presidente di Coldiretti Cagliari. Se n è discusso lunedì 19 maggio ad Iglesias, nel corso di un incontro di formazione di dirigenti territoriali dell organizzazione Coldiretti del Sulcis Iglesiente che denunciano la mancata attuazione di un serio piano d interventi. «Chiediamo - sostengono il presidente Efisio Perra e il direttore Vito Tizzano - l immediata pubblicazione del bando in modo da garantire il ristoro alle aziende colpite del virus. La Caev non costituisce un pericolo per l uomo, infatti, la principale via di trasmissione della malattia consiste nel contagio dei capretti neonati tramite il colostro o il latte contenente l agente patogeno, tuttavia senza un piano di interventi sono a rischio gli allevamenti caprini.» Nuovo CAP a Cortoghiana e Bacu Abis ècambiato il Codice di Avviamento Postale di Bacu Abis e Cortoghiana. Il nuovo codice è che sostituisce lo Ne dà comunicazione la Direzione di Poste Italiane. Per consentire ai cittadini di apportare le conseguenti variazioni, il CAP oggi in uso resterà comunque in vigore per i prossimi sei mesi. I cambiamenti dei CAP sono finalizzati al miglioramento del trattamento automatico della corrispondenza nella fase di smistamento e di recapito. Arriva anche negli uffici postali del Sulcis Iglesiente, inoltre, il semaforo dinamico, strumento informativo dove sono riportate per ogni ufficio le previsioni dei flussi mensili di clientela sia per singolo giorno sia nelle diverse fasce orarie. Il semaforo dinamico è stato introdotto negli uffici postali di Carbonia, piazza Rinascita e via Dalmazia, Iglesias, in corso Colombo e vico Mercato Vecchio, Domusnovas, Gonnesa, Portoscuso e Sant Antioco. Il verde indica giorni e fasce orarie con pochi clienti e con attesa minima; il giallo specifica un numero di clienti ed un attesa appena superiori alla media; il rosso, infine, prevede picchi di affluenza di un certo rilievo e relativi tempi di attesa prolungati. Vincenzo Panio lascia l UDC Vincenzo Panio. ACarbonia il consigliere comunale Vincenzo Panio ha lasciato il gruppo UDC e si è iscritto al gruppo Misto. La decisione è maturata nei giorni scorsi ed è stata ufficializzata all'inizio della seduta del Consiglio comunale svoltasi mercoledì 30 aprile. «Nei giorni scorsi - ha detto Vincenzo Panio - ho comunicato al capogruppo Antonello Mereu il mio intendimento di distaccarmi dal gruppo dell UDC e di chiedere l iscrizione al gruppo Misto, al quale intendo aderire seduta stante.» «Questa decisione - ha aggiunto Panio - scaturisce da motivi profondi che mi hanno indotto a superare i precedenti vincoli di appartenenza per mettermi ancora di più a disposizione della comunità in piena libertà ma nel rispetto e nell esercizio pieno della funzione di consigliere.» Un interessante segnalazione da esperti di tutto il mondo Camminare nel verde contribuisce a rinforzare il sistema immunitario Ibenefici derivanti dal trascorrere del tempo all aria aperta, sono da sempre sostenuti da studiosi di tutto il mondo. Una bella passeggiata in un parco o nel bosco, fa sì che il sistema immunitario vinca contro virus e batteri. Quel che si guadagna è sicuramente tanto, sia per il corpo sia per la mente. Secondo i ricercatori statunitensi dell University of Illinois, frequentare ambienti naturali migliora le funzioni cognitive, combatte l ansia ed aiuta a controllare gli impulsi; al contrario, non frequentare ambienti ricchi di alberi e piante, porta a più alti tassi di depressione ed ansia, ma anche a deficit di attenzione ed iperattività. Anche ricercatori dell ateneo di Rochester negli Stati Uniti, hanno dimostrato, con i loro studi, che la natura è un vero e proprio antidoto alla depressione in favore di buonumore e vitalità. Per cambiare il corso di una brutta giornata e guadagnare un po di energia positiva, basterebbe passeggiare 20 minuti in mezzo al verde. Per la mente quindi camminare immersi nella natura compie dei veri e propri miracoli. Alcuni ricercatori dell università del Michigan hanno voluto testare l azione che il paesaggio ha sulla funzione cognitiva. I partecipanti al test, dovevano svolgere un compito mentalmente impegnativo, seguito da una passeggiata: un gruppo presso un arboreto e l altro nelle vicinanze di una strada trafficata della città. Al loro rientro, entrambi i gruppi hanno ripetuto il test di memoria ed i risultati hanno mostrato che le prestazioni di chi aveva passeggiato nel verde erano migliorate del 20% rispetto a chi aveva passeggiato in città. In un secondo test, i partecipanti, sempre divisi in due gruppi venivano invitati, uno a guardare scenari naturali, l altro ad osservare ambienti di città. Ancora una volta, miglioravano le prestazioni di memoria da parte degli osservatori di campi e piante, piuttosto che di case e strade. Quindicinale di informazione politica, economica e sociale Secondo gli studiosi giapponesi della Nippol Medical School di Tokyo, ciò che rende benefiche le passeggiate sono i fitoncidi, sostanze che le piante producono sotto forma di olii, per difendersi da funghi e batteri e che si diffondono nell aria dei boschi e dei parchi. Quando queste sostanze vengono respirate, esercitano sull uomo un azione benefica. Secondo gli scienziati dell università di Passo Fundo, in Brasile, le donne prima e dopo la menopausa, per star bene in salute dovrebbero fare ogni giorno almeno seimila passi. Conferme di esperti da più parti del mondo, riguardo l importanza delle passeggiate immersi nel verde, non possono che convincerci del tutto a proposito dell azione benefica che si può trarre dal camminare all aria aperta. Ben venga quindi la bella stagione che stimolerà ancor più la voglia di natura. Nadia Pische Iscrizione Registro Stampa Tribunale di Cagliari n 32/95 del 7/11/95 N di iscrizione al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione): 9294 Direttore Responsabile: Giampaolo Cirronis Loc. Medadeddu, Carbonia - Tel. e Fax Cell Pubblicità: Stampa: Cooperativa Tipografica Editoriale - Loc. Sa Stoia - Z.I. Iglesias - Tel Cantina Santadi Via Su Pranu, 12 - Santadi - Tel Tel. e Fax LATINIA Vino dolce da vendemmia tardiva di uve Nasco dei vigneti ad alberello - antica vigna Latina - del Basso Sulcis della Sardegna. Vino mediterraneo, caldo, solare che, servito a C, esalta il dessert e partecipa a tutti i momenti di incontro e di festa. Ha ricevuto il Premio speciale miglior vino dolce dell anno 2002 e i 3 bicchieri del Gambero Rosso Miglior vino da dessert al Vinexpò 2001 di Bordeaux.

6 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 30/05/ Pagina 1 6 Anno XIX N Maggio 2014 La festa si è rinnovata nella prima settimana di maggio, con la pubblicazione degli Annali di storia ed archeologia Sant Antioco, una devozione lunga 655 anni I resti del corpo mortale di Antioco, martire sulcitano, vennero trovati, all interno di un sarcofago/altare, il 18 marzo del Nei primi giorni di maggio di quest anno, il quattordicesimo del terzo millennio, due settimane dopo la Pasqua di Resurrezione, si è tenuta, nell isola omonima, la festa di Sant Antioco, festa che ormai si ripete, sempre alla stessa data, da oltre seicento anni, a ricordare Antioco, il martire sulcitano che qui, in una grotta divenuta tomba, secondo la tradizione cristiana trovò la morte, poco prima che i soldati romani lo arrestassero per martirizzarlo. La data della festa, riportata sui manifesti che la pubblicizzavano, risale fino al 1360, ed è la più antica menzione certa che, al momento si ha della sagra. Il documento che la riporta è stato pubblicato, a cura di Marco Massa, nel volume: S. Antioco - da primo evangelizzatore di Sulci a protomartire - Patrono della Sardegna, edito nel 2012 a cura di Roberto Lai e Marco Massa. è, dunque, da tempi immemorabili che è vivo il culto per il Santo, che fu riconosciuto da tutte le genti di Sardegna che accorrevano numerose nella Sua isola in occasione della festa, quale patrono della Sardegna, molto tempo prima che si diffondesse la devozione per un altro grande Santo sardo, Sant Efisio. La ricerca della Sua sepoltura ebbe inizio quando, probabilmente a seguito della controversia tra le diocesi di Sassari e di Cagliari, il cui arcivescovo già da tempo si fregiava del titolo di Primate di Sardegna e Corsica, si scatenò la ricerca ai Corpi Santi, nella convinzione che la presenza delle sepolture dei primi martiri cristiani fosse indispensabile per fornire il crisma di santità e venerabilità, tale da comprovare ed accrescere l importanza di questa o quella comunità cristiana, così da giustificare una sorta di primato sulle altre diocesi, per la maggiore antichità e per il superiore numero di martiri presente nel territorio della diocesi. Fu così che l arcivescovo di Sassari, Gavino Manca Cedrelles, diede il via ad una ricerca, coordinata da lui stesso, che portò alla scoperta, nella basilica dedicata a San Gavino ai piedi dell altar maggiore, dei resti di tre corpi, subito attribuiti ai martiri turritani. Alla notizia che in quel di Porto Torres erano stati ritrovati i resti, a lungo cercati, dei martiri Gavino, Proto e Jaunuario, il presule di Cagliari, Francesco Desquivel, diede inizio ad una campagna di scavi, condotta soprattutto presso l antica basilica di san Saturnino, fuori le mura di Cagliari. Un primo ritrovamento fu quasi immediato: le ossa ritrovate, da cui esalava un profumo più di cielo che di terra, furono subito attribuite, dai fedeli presenti che supplirono con la fede alla mancanza di prove scientifiche, ad una presunta Santa Olimpia, Vergine e Martire. Alla Santa, fino ad allora affatto sconosciuta, venne anche attribuito un miracolo e questo bastò a sollecitare la fantasia dei fedeli che avvertirono un segno inequivocabile del cielo. Non ci voleva altro per dare impulso agli scavi che misero alla luce i resti di centinaia di persone insieme ad un frammento marmoreo che portava scritto: S. Innu, interpretato subito e con certezza come: Santi innumerabiles. Fu tale l entusiasmo per i ritrovamenti che venivano fatti che, l arcivescovo Desquivel estese le ricerche a diverse chiese e cripte della zona e anche all isola di Sant Antioco. Tralasciamo ora di raccontare il resoconto dello scavo, diciamo solo che il giorno 18 marzo del 1615 vennero trovati, all interno di un sarcofago/altare, sul quale era appoggiata la celebre pietra con l epigrafe Aula Micat, i resti del corpo mortale di Antioco, Martire Sulcitano. Le ossa con il cranio del Santo furono trasportate subito ad Iglesias, per metterle al riparo da incursioni dei pirati musulmani, con l impegno «che se un giorno l isola si fosse ripopolata, le reliquie dovevano essere restituite, perché quello era il loro luogo antico». Vita, martirio e miracoli di Sant Antioco Martire Sulcitano. Le ossa con il cranio furono, da allora, custodite nella cattedrale di Santa Chiara ad Iglesias, nella cappella della sacrestia poi, a partire dal 1656, nel nuovo, sontuoso altare barocco, dedicato al Santo, tutto scolpito in legno di ginepro dorato. A partire dall anno del ritrovamento, in occasione della festa post pasquale, le reliquie, con il cranio racchiuso in un prezioso reliquiario di argento, venivano riportate, processionalmente, nella chiesa martyrium in cui erano state rivenute, insieme alla statua del Santo, rivestita di abiti sfarzosi, secondo l uso spagnolesco del tempo e ornata di ricchi gioielli. Tra ali di popolo festante, il corteo usciva dalla città di Iglesias dalla porta di San Sebastiano, la pisana porta Maestra, per imboccare la via delle reliquie, l attuale via Crocifisso. Partiva il giovedì, accompagnata da un canonico, delegato dal Capitolo e a piedi, passando accanto a Santa Barbara di Genneluas e Santa Maria di Barega, giungeva a Barbusi, dove sostava per la notte: I fedeli, numerosissimi, si spargevano per la contrada, adattandosi a dormire, alla luce delle stelle o in stalle e fienili dei furriadroxius della zona. Ma, la maggior parte di essi trascorreva la notte in balli e canti intorno ai fuochi dei bivacchi mentre, per i più pii, la notte passava in meditazione e preghiera. La mattina del venerdì, la processione riprendeva il percorso verso la chiesa del Santo; percorreva la strada dell istmo, oltrepassando i tre ponti, che a quel tempo superavano i canali che univano i due golfi, dove veniva accolta dalla moltitudine di pellegrini colà giunti da ogni parte della Sardegna. Dalle antiche cronache sappiamo che spesso presiedeva la ricorrenza l arcivescovo, talvolta accompagnato dal Viceré con, al seguito, nobili e dignitari, e la scorta di archibugieri e miliziani armati, poiché era sempre alto il pericolo di improvvise incursioni di pirati tunisini o algerini, attirati dal possibile, ricco bottino. Numerosissimi erano anche i sacerdoti destinati all assistenza spirituale dei fedeli. Le giornate trascorrevano tra funzioni religiose, che ininterrottamente venivano celebrate nella chiesa e omeriche abbuffate tra le innumerevoli bancarelle, e tettoie improvvisate che esponevano ogni sorta di prodotti alimentari e di uso comune. Il lunedì successivo arrivava il Capitolo Iglesiente, guidato dall Arciprete e Vicario Capitolare che, in assenza del vescovo, amministrava la diocesi, e si dava inizio alle celebrazioni religiose più solenni che culminavano il martedì pomeriggio con la grande processione. Subito dopo cominciava il grande rientro. Parte dei pellegrini, presumibilmente quelli delle ville più vicine, rientravano alle loro abitazioni; la gran parte però partiva per il viaggio, più o meno lungo che fosse, alle prime luci dell alba del dì successivo, insieme o subito dopo che i canonici del capitolo lasciassero l isola portando seco le reliquie, la statua e i gioielli del Santo. Nel giro di pochi giorni la solitudine e il silenzio tornavano su quelle terre. Nei decenni successivi, però, cominciò un lento ma continuo ripopolamento dell isola che cento anni dopo contava circa 500 residenti più o meno stabili e un cappellano, nominato dal capitolo che offriva l assistenza religiosa e iniziò a consolidarsi l idea che i resti mortali di Sant Antioco dovessero tornare nella tomba originaria nella quale avevano riposato per anni. Nell Ottocento questa esigenza divenne sempre più sentita e cominciò a serpeggiare nella popolazione antiochense il sospetto che i canonici iglesienti avessero un interesse personale agli oboli che venivano raccolti durante le feste e che il tesoro del Santo, costituito dai preziosi, donati come ex voto, non dovesse essere affidato al Capitolo, ma dovesse essere custodito nella chiesa stessa del Santo. E come spesso accade quando si mischia il sacro al profano, gli interessi con la religione e la fede, tutto sfociò in un gran pasticcio. Nell anno 1851, la Pasqua cadeva, proprio come nel presente anno, il 20 di aprile, e di conseguenza, le festività del Santo, nel 1851 e nel 2014, nei giorni di venerdì 2, sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 maggio. Si è, insomma, verificata dopo 399 anni dall invenzione delle reliquie, una coincidenza di date. Poco meno di due mesi prima avevo trovato, tra i fascicoli delle cause criminali, parte del fondo della Reale Udienza, una cartelletta che aveva per titolo: sommossa a Sant Antioco, Maggio imputati: ignoti. Il fascicoletto che vi era contenuto era costituito dai rapporti di polizia e successive testimonianze relative al tumulto popolare che si era verificato a Sant Antioco in concomitanza della festa del Patrono, per la pretesa che gli abitanti del borgo, da qualche tempo avanzavano, rivendicando la custodia delle reliquie del Santo. Era una documentazione rimasta sconosciuta fino ad oggi, in quanto nessuno avrebbe mai pensato che potesse annidarsi tra carte di processi e sentenze di crimini. La maggior parte degli appartenenti alle nuove generazioni, ignora che proprio da ben 161 anni, gli iglesienti e gli antiochensi si scambiano, vicendevolmente l epiteto di fura Santus, e, quandanche lo si sappia, nessuno sa bene come siano andate esattamente le cose in quel lontano Nella trentina di paginette del fascicolo era racchiusa la verità ufficiale dei fatti. A quel tempo il paese di Sant Antioco era comune capoluogo di mandamento, parte della provincia di Iglesias, e aveva l onere e il privilegio di mantenere due compagnie della Guardia Nazionale, con capitano, sergenti e tamburino. Ad Iglesias, capoluogo di provincia, aveva sede l intendente di polizia, il questore diremmo oggi, ed un reparto di cavalleggeri di Sardegna, i precursori degli attuali carabinieri. Fu l intendente Murgia che, ricevuto il dispaccio dal sindaco Campus, che lo informava dei tumulti che si verificavano nel paese durante lo svolgimento della festa, partì alla volta dell isola scortato da un reparto di cavalleggeri guidato dal luogotenente comandante. Arrivato a Sant Antioco trovò il popolo tutto, in fermento con le donne, più esagitate degli uomini che strillavano come ossesse, chiedendo a gran voce che le reliquie, il simulacro e i gioielli restassero nel paese e, per dimostrare che si faceva sul serio, i militi della guardia nazionale, tutti antiochensi, montavano la guardia al reliquiario ed alla statua in chiesa, affinché i canonici non azzardassero ad avvicinarsi per riportare, statua, argenti e reliquie, ad Iglesias. Si era verificata una vera e propria ribellione che l intendente tentò invano di sedare pacificamene, dato che non aveva le risorse militari che potessero sedarla con la forza. In conclusione, intendente, canonici del Capitolo e cavalleggeri, crediamo, fecero mestamente ritorno da dove erano venuti, mentre reliquie e statua rimasero a Sant Antioco. Ci volle l intervento successivo di alcuni consistenti reparti di soldati armati per ristabilire la legalità e far sì che il maltolto venisse restituito a chi legittimamente lo custodiva, ovvero alla cattedrale di Iglesias e al suo Capitolo. Iniziò a questo punto una lunga vertenza tra la comunità antiochense, che rivendicava la custodia delle reliquie e i canonici del Capitolo, sostenuto dal consiglio e dai giurati della città di Iglesias che ritenevano di poter vantare dei diritti, in quanto avevano speso una notevole quantità di danaro pubblico per costruire il reliquiario d argento che conteneva il cranio del Martire. La vicenda ebbe allora una certa risonanza, tanto che lo stesso generale Alberto della Marmora ne scrive nel suo celebre libro Itinerario dell Isola di Sardegna e il canonico Spano che ne curò l edizione italiana, scisse in nota: «è curioso che queste reliquie principiarono con una lite e con una lite terminarono, perché l arcivescovo di Sassari promosse una lite che durò molti anni» Negli anni compresi tra il 1851 e il 1853, a quei tempi, parrebbe, che il corso della giustizia fosse più celere, ci furono vari gradi di giudizio, fino a che una sentenza definitiva, emessa da un tribunale civile, riconobbe le buone ragioni degli Antiocheni e assegnò alla comunità di Sant Antioco la custodia delle reliquie. Le reliquie di Sant Antioco Martire in processione. A questo punto, il vescovo della diocesi, monsignor Montixi che, fino ad allora aveva creduto opportuno non intervenire con un procedimento giudiziario in corso, fortemente contrariato che un tribunale laico mettesse becco su questioni ritenute di esclusivo ambito religioso, tentò una mediazione tra le due comunità e propose una divisione equa delle reliquie: il cranio ad Iglesias e tibie o scapole a Sant Antioco. La proposta fu rifiutata e fu gioco forza che, con la festa del 1853, le ossa del Santo restassero a Sant Antioco. Per non subire questa umiliazione, il vescovo lasciò la sua sede e si ritirò in meditazione in un convento a Cagliari, lasciando l incombenza della restituzione forzosa al suo Vicario Generale. Fu in quegli anni che nacque l attributo di ladri di Santi che fu scambiato con velenosa acredine tra gli abitanti delle due città. Il resoconto completo di questi fatti è stato pubblicato nell ultimo volume degli Annali, con la descrizione puntuale di fatti e circostanze che, tutti ci auguriamo ponga fine definitivamente ad ogni sorta di antagonismo campanilistico che nel XXI secolo non ha alcuna ragione, razionale, di esistere. Il prossimo anno, il 2015, sarà il quattrocentesimo anniversario della invenzione delle reliquie e l occasione irrinunciabile per una commemorazione comune delle due comunità, da sempre unite da comuni radici storiche e culturali. Giuseppe Mura

7 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio è stato inaugurato il 16 maggio a Iglesias il Master promosso dal Consorzio AUSI e sponsorizzato da Sardegna Ricerche 22 esperti in bioediliza ed efficienza energetica Il progetto si propone di formare progettisti in grado di rispondere alle direttive e agli obiettivi comunitari in campo energetico. Da sinistra Antonello Sanna, Ketty Corona ed Emilio Gariazzo. èstato inaugurato il 16 maggio, nell Aula Magna della Sede Universitaria del Consorzio di Promozione delle Attività Universitarie del Sulcis Iglesiente (AUSI), nei locali del Palazzo Bellavista, a Monteponi, il Master in bioedilizia ed efficienza energetica, coordinato sotto il profilo didattico e scientifico dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura dell Università di Cagliari, e che vede come copromotori e sponsor il Consorzio AUSI e Sardegna Ricerche, l ente pubblico per la promozione dello sviluppo regionale della Sardegna. Hanno partecipato alla cerimonia d inaugurazione il presidente del Consorzio AUSI, Emilio Gariazzo, il presidente di Sardegna Ricerche, Ketty Corona ed il direttore scientifico del Master, Antonello Sanna. Il sindaco, Emilio Gariazzo, ha espresso la soddisfazione dell Amministrazione comunale per la realizzazione a Iglesias di un progetto di così alta valenza scientifica. Particolarmente significativa ed apprezzata la partnership con l Agenzia Casaclima di Bolzano e con l Istituto nazionale di bioarchitettura, che cureranno due importanti sezioni del Master. Il Master - come ha sottolineato nel suo intervento il direttore scientifico, Antonello Sanna - ha suscitato un diffuso e straordinario interesse, con oltre 120 domande di partecipazione ed una platea di iscritti che ha dovuto selezionare 22 partecipanti tra più di 90 ingegneri ed architetti che hanno preso parte alle selezioni. L attivazione di un Master in bioedilizia ed efficienza energetica deriva dalla necessità di formare progettisti altamente qualificati, in grado di rispondere efficacemente alle direttive ed agli obiettivi comunitari in campo energetico. Il nostro Paese, in particolare, si dovrà immediatamente attrezzare per affrontare la riqualificazione energetica del suo immenso patrimonio di edilizia recente. Inoltre, in base alle ultime modifiche alla direttiva europea sul rendimento energetico in edilizia, le costruzioni realizzate dopo il 31/12/2018 dovranno coprire autonomamente (con uso di fonti rinnovabili) il proprio fabbisogno energetico. Il Master ha come obiettivo la qualificazione professionale di progettisti e tecnici dell edilizia per affrontare, con competenza specialistica, i temi della pianificazione e della progettazione sostenibile, dalla scala più generale dell inserimento ambientale e territoriale a quella del dettaglio esecutivo, capaci di ideare e coordinare i vari aspetti della progettazione a basso consumo energetico, sia a scala urbana che a scala edilizia, con particolare attenzione al contenimento dei consumi di edifici nuovi o esistenti. La presidente di Sardegna Ricerche, Ketty Corona, ha sottolineato il ruolo di Sardegna Ricerche quale «trait d union tra il mondo accademico e il sistema imprenditoriale della Sardegna». «Le nostre imprese - ha sottolineato la presidente Corona - non possono sostenere la competitività del mercato globale senza operare significativi investimenti in innovazione. In questo contesto un capitale umano altamente preparato per affrontare le nuove sfide e le nuove frontiere sul mercato della bioedilizia e dell efficienza energetica, è condizione indispensabile soprattutto in un territorio come quello del Sulcis Iglesiente che necessita di una importante riconversione del proprio sistema economico. Per questo abbiamo ritenuto doveroso investire sulla formazione Oltre 90 tra ingegneri ed architetti hanno partecipato alle selezioni. di eccellenza che sia l Università di Cagliari che l Agenzia CasaClima e l Istituto Nazionale di Bioarchitettura possono garantire all intero percorso didattico del Master che formerà progettisti in grado di rispondere efficacemente agli obiettivi strategici, posti sia a livello europeo che regionale, per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio.» «Il sostegno che Sardegna Ricerche garantisce a questo Master - ha proseguito Ketty Corona - rientra in un nostro progetto più ampio denominato Cluster Materiali che comprende una serie di iniziative rivolte proprio alla promozione della ricerca e dell innovazione nel campo dei materiali tradizionali ed innovativi, della bioedilizia e dell edilizia sostenibile. Questo progetto ha consentito al momento di finanziare tre progetti, sviluppati in collaborazione tra organismi di ricerca e cluster di imprese regionali, come quello di progettazione e realizzazione di murature in laterizio (cotto e crudo) - Capofila: Università di Cagliari; quello sull utilizzo sostenibile del patrimonio forestale sardo - Capofila: Università di Cagliari e Sassari, ed il recupero e conservazione di materiali, tecnologie e valori architettonici - Capofila: Università di Cagliari.» «Ulteriori progetti e iniziative sono in cantiere - ha concluso Ketty Corona - in coerenza con i contenuti e le linee di indirizzo del Piano d Azione dell Efficienza energetica regionale (il cosiddetto PAEER), approvato a ottobre 2013 dalla Giunta ed elaborato con il contributo della Piattaforma Energie rinnovabili di Sardegna Ricerche.» Giampaolo Cirronis Il sindaco di Carbonia rivendica i risultati della sua Giunta Casti: «Il nostro bilancio è sano» «Il comune di Carbonia ha un bilancio sano, non ha problemi di cassa ma paga pesantemente i vincoli imposti dal patto di stabilità che gli impediscono di poter spendere le risorse a sua disposizione e di realizzare i progetti programmati per dare risposte ai suoi cittadini.» Giuseppe Casti, sindaco di Carbonia da tre anni, ha presentato così il conto consuntivo del bilancio Nel 2013 il comune di Carbonia ha incassato 39 milioni e mezzo di euro, tra trasferimenti nazionali, regionali, del Fondo unico ed imposte pagate dai cittadini, ed ha speso circa 37 milioni di euro. L avanzo di amministrazione è così cresciuto da 5 a 7,5 milioni di euro. Giuseppe Casti ha spiegato che i vincoli del patto di stabilità, fino a ieri pagati solo dai comuni più grandi, ora vengono denunciati da tutti gli enti locali. «Ho spiegato più volte in tutte le sedi, regionali e nazionali - ha sottolineato Casti - che gli enti locali non possono continuare ad essere schiacciati dal patto di stabilità. Il Giuseppe Casti. comune di Carbonia ha risorse per oltre 45 milioni di euro (cifra che a breve dovrebbe raggiungere i 55 milioni di euro) che non può spendere, almeno per la metà per i vincoli del Patto. Si parla tanto di Piano Sulcis e delle somme messe a disposizione - la cui disponibilità alla spesa, peraltro, rischia di essere seriamente condizionata dallo stesso patto di stabilità - ma non si tiene nella giusta considerazione il fatto che tra le risorse bloccate nei soli comuni di Carbonia e Iglesias e nella provincia di Carbonia Iglesias, si arriva a circa la metà di quanto previsto nel Piano Sulcis. Se i vincoli del patto venissero allentati, il comune di Carbonia potrebbe sbloccare e portare a termine tanti appalti, dando così risposte sia in termini di occupazione sia di servizi alla città.» Giuseppe Casti ha spiegato inoltre che il comune di Carbonia è uno dei pochissimi comuni sardi che vantano crediti nei confronti di Abbanoa, per circa due milioni e mezzo di euro, derivanti dai lavori realizzati e pagati con fondi del proprio bilancio per il completamento della rete idrica che, sulla base di un preciso accordo raggiunto con la Regione e la stessa Abbanoa, devono essere pagati da quest ultima. Alla conferenza stampa ha partecipato l assessore ai servizi sociali e vicesindaco Maria Marongiu, che ha spiegato come anche nel suo settore i vincoli condizionano gli interventi e costringono il comune di Carbonia ad anticipare le risorse per assicurare la continuità dei servizi con altri fondi del bilancio. Il 9 maggio si è tenuto il primo corso BLS-D al Baudi di Vesme La mia scuola è cardioprotetta La mia scuola è cardioprotetta è il titolo del progetto portato avanti dall associazione I Colori del Cuore Onlus in collaborazione con gli istituti scolastici cittadini. L associazione si è fatta promotrice di una campagna volta all acquisto e alla messa in uso di due defibrillatori semi-automatici (DAE) sul territorio. Valore aggiunto dell iniziativa è stata la possibilità data a studenti e ai docenti di seguire i corsi per essere abilitati all utilizzo dello strumento. In questi due anni di attività, la associazione I Colori del Cuore Onlus si è impegnata con propri interventi economici a sostenere le famiglie disagiate con bambini cardiopatici e ad acquistare beni strumentali per il reparto di Cardiologia Pediatrica del Brotzu, apportando un significativo miglioramento in termini di qualità della vita delle persone. Il progetto La mia scuola è cardioprotetta prevede la collocazione di un primo defibrillatore semi-automatico presso l Istituto Magistrale Baudi di Vesme e il secondo defibrillatore ad uso adultopediatrico presso l Istituto Comprensivo Costantino Nivola, che raggruppa più di 740 alunni. Venerdi 9 maggio si è tenuto, presso la Palestra dell Istituto Magistrale Baudi di Vesme, il primo Emilio Gariazzo. corso BLS-D destinato agli studenti maggiorenni dell Istituto Baudi Di Vesme, la 4 AES, e ai docenti dell Istituto Comprensivo Costantino Nivola (Infanzia, Elementari, Medie). La consegna dei due defibrillatori si è svolta sabato 17 maggio, presso la Sala Lepori, in presenza dei dirigenti scolastici e dell Amministrazione comunale. «L associazione I Colori del Cuore Onlus - commenta la presidente Lydie Martine Licheri - intende condividere con i cittadini l impegno per costruire un identità su valori e comportamenti improntati alla responsabilità sociale. I fondi raccolti con la vendita del libro I Colori del Cuore - Storie d' amore per la vita a cura di Sabrina Montis e Roberto Tumbarello, Aipsa Edizioni, ci hanno consentito l avvio del progetto La mia scuola è cardioprotetta, con l acquisto di ciò che consideriamo un investimento sociale: due defibrillatori semi-automatici.» «Esprimo massimo apprezzamento - commenta il sindaco, Emilio Gariazzo - nei confronti dell associazione I Colori del Cuore Onlus, per aver raggiunto l obiettivo dell acquisto dei defibrillatori ma soprattutto per aver formato una rete di persone in grado di saperli utilizzare.» Il comune di Sant Antioco cerca soggetti interessati alla gestione Cercasi gestore per l ostello della gioventù Il comune di Sant Antioco ha pubblico l avviso pubblico per l acquisizione di manifestazioni di interesse per la concessione della gestione dell ostello della gioventù. L immobile, ubicato nel Lungomare Caduti di Nassirya, di proprietà comunale, sorge in posizione di massimo pregio, prospiciente la laguna di Sant Antioco ed il porticciolo turistico. Si trova sulla via naturale di percorrenza verso Calasetta. La struttura è stata oggetto negli ultimi anni di significativi interventi di recupero e ristrutturazione. Attualmente risultano interamente ristrutturati il piano terra, primo e secondo dell edificio. Il primi due piani dell edificio necessitano di alcuni marginali interventi di completamento. L immobile è parzialmente arredato, con mobili nuovi. Non è stato oggetto di interventi di ristrutturazione e recupero l ultimo piano dell edificio che rappresenta, probabilmente, la parte di maggior pregio dello stabile e che è, comunque, oggetto della concessione nello stato in cui si trova. L Amministrazione comunale guidata da Mario Corongiu, intenderebbe utilizzare tale struttura come ostello della gioventù, tuttavia la precedente gara per l affidamento in concessione è andata deserta. I problemi principali pare risiedano nella durata della concessione e nella destinazione d uso prospettata dall Amministrazione. L Amministrazione comunale invita gli operatori economici interessati all affidamento della concessione della struttura a manifestare il proprio interesse mediante la presentazione di un idea progettuale nella quale dovranno essere indicati i seguenti elementi: 1) obiettivi del progetto e destinazione d uso dell immobile; 2) natura e quantificazione degli investimenti eventualmente effettuati dal proponente; 3) ricaduta occupazionale dell investimento e dell attività proposta; 4) durata della concessione quantificata in rapporto alla natura dell attività proposta e degli investimenti realizzati; 5) canone annuale di concessione offerto dal proponente; 6) altra eventuale utilità assicurata all amministrazione dall affidamento della concessione; 7) eventuale proposta di acquisizione in proprietà dell immobile e corrispettivo offerto. Per partecipare validamente alla manifestazione d interesse, i proponenti devono far pervenire le loro offerte al comune di Sant Antioco entro il termine perentorio delle ore 12,00 del prossimo 16 giugno. Dal 30 maggio al 2 giugno a Carloforte ritorna il Girotonno - Uomini, storie e sapori sulla rotta del tonno dalla prima pagina collaborazione con l agenzia di comunicazione Feedback di Palermo, e con il patrocinio di Sardegna Turismo, della Regione Sardegna, della gestione commissariale dell ex Provincia di Carbonia Iglesias e del Consorzio turistico del comune di Carloforte, si rinnova l antico rito della pesca del Tonno rosso - bluefin (Thonnus Thynnus). La manifestazione è incentrata su una gara gastronomica internazionale, la Tuna Competition alla quale partecipano chef provenienti da 6 paesi che preparano specialità a base di tonno cotto e crudo. A confrontarsi a Carloforte ci saranno: Brasile (Mauricio Zillo e Nicola Pepe Christian), Italia (Roberto Serra e Clelia Bandini), Francia (Sylvain Sendra e Anne Legrand) Giappone (Haruo Ichikawa e Lorenzo Lavezzari) Spagna (Alba Ruiz e Maria Giulia Magario), Usa (Timothy Magee e Nicola Fabrizio). A giudicare i piatti ci saranno due giurie, una tecnica e una popolare. La giuria tecnica, presieduta da Paolo Marchi, ideatore di Identità golose, il primo congresso italiano di cucina d autore, è composta da giornalisti di settore. Con Paolo Marchi nel panel tecnico ci sono Giorgia Cannarella di finedinin glovers.com, Lorenza Fumelli di Agrodolce.it, Tom Kington corrispondente in Italia per il Los Angeles Times, Chiara Maci, food blogger volto del programma Cuochi e Fiamme su La7d e The chef su La5, Pietro Pio Pitzalis di repor tergourmet.com, Fernanda Roggero de Il Sole 24ore, Roberta Schira, scrittrice e gourmet e Masakatsu Ikeda di saporitaweb.com e Federico De Cesare Viola di Repubblica. La giuria popolare sarà composta dai visitatori della manifestazione che potranno assaggiare i piatti e poi votarli utilizzando palette numerate. A condurre la gara e gli appuntamenti della rassegna Novella Calligaris, giornalista ed ex campionessa di nuoto ed il presentatore televisivo Massimo Giletti. I Talk tuna saranno invece il palcoscenico per i migliori chef sardi, Luigi Pomata, Roberto Petza, Achille Pinna e Stefano Deidda (domenica 1 giugno in 8 mani per un palco ), durante il quale si presenterà l Associazione Cuochi per l Isola : Fabrizio Barontini, Max Masuelli e Antonio Corrado, chef dell Uir, Unione Italiana Ristoratori (lunedì 2 giugno alle in Navigando con il tonno, incontro ispirato al loro arrivo sull isola in barca a vela) con Roberto Serra e Luca Puddu (lunedì 2 giugno alle ore in Da Palma a Parigi passando per la Sardegna ).

8 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 1 8 Anno XIX N Maggio 2014 Il 21 maggio si è svolta a Nebida la cerimonia di commemorazione del 108esimo anniversario dell eccidio verificatosi nel 1906 I moti di protesta del 1906 nella Sardegna mineraria Il 20 maggio dello stesso anno era stato Gonnesa il centro del malessere, con incendi e distruzione nell ufficio del Dazio e in alcuni negozi. di Salvatorico Serra Salvatorico Serra. A distanza di 108 anni dai fatti del maggio del 1906, per commemorare un tragico evento nel quale persero la vita due minatori, uccisi durante un conflitto a fuoco con le forze dell ordine del tempo. I fatti sono noti. Da una situazione d insopportabile miseria, resa ancor più drammatica dall aumento dei beni di consumo e dai dazi capestro, insorsero, anche in questa zona sudoccidentale dell isola di Sardegna, i lavoratori e le popolazioni minerarie, stanche dei lunghi soprusi e sopraffazioni. A Gonnesa, Monte Onixeddu, Seddas Is Moddizzis, Montescorra e Nebida, gli abitanti, con in testa i minatori e le loro famiglie, andarono incontro alla morte in uno scontro con le forze dell ordine. Siamo a distanza di due anni dai tragici fatti di Buggerru del settembre del 1904, un paese che assieme a Fluminimaggiore contava oltre abitanti e ben operai, nel quale persero la vita, in analoghe circostanze, tre minatori. Le manifestazioni di solidarietà con i lavoratori di Cagliari furono sostanziate da piattaforme rivendicative dettate dal malessere che serpeggiava già da diverso tempo tra le maestranze ed i cittadini delle zone minerarie. Il giorno 15 di maggio, giorno successivo ai disordini di Cagliari, si precipitò a Nebida il segretario della Lega dei minatori di Iglesias, Augusto Dragoni ed assieme al segretario della lega di Nebida, Gino Luigi Galliadi (Galeadi, scriverà Corsi), riuscirono ad introdursi nei cantieri minerari della Società che gestiva quella miniera, informando i lavoratori dei fatti di Cagliari i quali, in segno di solidarietà e di protesta, abbandonarono immediatamente il lavoro. La sera, intorno alle 18.00, alla testa di una folla di circa 500 minatori, con molte delle loro donne e cittadini di quella frazione, Dragoni e Galliadi decidono di recarsi ad Iglesias, dove arriveranno alle 20,30. è una notte piovosa. Un cordone di carabinieri, attirata dal crepitio di mortaretti fatti scoppiare dai minatori all ingresso della città, sbarra loro la strada vietandone l ingresso. Muove loro incontro Alcibiade Battelli, segretario della cooperativa di consumo di Buggerru, il quale invita alla calma i nebidini. Solamente dopo una snervante trattativa, i dimostranti sono lasciati entrare in città. Le 20 donne che accompagnavano i loro mariti nella manifestazione di protesta saranno alloggiate in un albergo mentre gli uomini saranno ricoverati in una chiesa. La mattina del 16, i dimostranti presentarono al sindaco della città un memoriale rivendicativo, al fine di ottenere alcuni miglioramenti per i cittadini di quella frazione, tra cui: 1) una scuola elementare (in quanto inesistente); 2) l illuminazione pubblica; 3) una levatrice; 4) la manutenzione delle strade del paese, ottenendo ampie promesse su parte delle rivendicazioni presentate. Questo bastò per placare gli animi e far rientro a Nebida. Quel centro minerario era sprovvisto delle misure più elementari d igiene. Scriveva sempre Cabrini nell articolo citato che: «A Nebida poche sono le costruzioni decenti. Tutto il resto è formato da luride catapecchie; alcune delle quali inferiori ai tukul abissini. Tutto appartiene alla società che sfrutta la miniera, una società belga [...]». Il giorno 20 del mese di maggio, festivo in quell anno, è Gonnesa l epicentro del malessere. Su questo paese convogliarono i minatori della zona. Il malcontento era generale. Improvvisamente, intorno alle 14,30, quei lavoratori e cittadini, in numero di circa 600, si recano nella casa del sindaco del tempo, Luigi Toro, chiedendo: 1) l abolizione del dazio; 2) l abolizione delle tasse comunali; 3) la diminuzione dei prezzi dei viveri; 4) l aumento dei salari. Quest ultima rivendicazione era presentata al sindaco, giacché rappresentante delle Istituzioni e come tale accreditato ancor più presso le aziende minerarie della zona per le implicanze d ordine sociale che si sarebbero potute verificare. Anche a Gonnesa spettacoli tristi, scrive ancora A. Cabrini. Attorno alle poche case dei ricchi, sorgono gli abituri dei minatori, simili a stalle. Mancano le strade, l acqua, le fognature e le latrine. Le scuole non vanno oltre la terza elementare. I minatori, di qui (circa 2.000), vanno a lavorare nelle vicine miniere di Bacu Abis, Terras Collu, San Govanni, Montescorra e Monte Onixeddu. Il Sindaco promise che si sarebbe adoperato in loro favore ma i lavoratori, invece che sciogliere la manifestazione si recarono nell ufficio del Dazio. Atterrarono la porta d ingresso; buttarono a terra l insegna sovrastante; entrarono nei locali, presero tutto quanto trovarono all interno; lo portarono fuori e diedero fuoco a moduli ed oggetti del daziario Francesco Saiu, poi si recarono nel vicino negozio di Bernardo Crotta e dopo aver ridotto a pezzi il peso bilico ed altri oggetti si apprestarono a bruciare tutto quanto si trovava all interno, quando il titolare del negozio, con molto pragmatismo ed opportunismo, si dichiarò assolutamente d accordo con le proteste e si associò a quei minatori, scongiurando in questo modo la distruzione totale del negozio. Non eguale fortuna ebbe il negozio di Giovanni Muscas che, preso d assalto dalla folla inferocita con lancio di sassi alla porta d ingresso, si scontrò col proprietario che li accolse con dei colpi di rivoltella rifugiandosi, con la propria moglie ed un figlioletto di un anno, in una casa vicina prima che un ondata incontrollabile travolgesse e devastasse tutto ciò trovò sul proprio cammino, bruciando e distruggendo ogni cosa. Il giorno successivo (21 maggio) una folla di circa 400 persone si recò nelle miniere di Monte Onixeddu, San Giovanni e Seddas Moddizzis ed entrò nelle cantine aziendali asportando quanto a loro necessario (pane in particolare). Il pomeriggio dello stesso giorno i dimostranti, dopo essere rientrati a Gonnesa, si divisero in due tronconi. Uno, con a capo lo studente iglesiente Antonio Sanna, si diresse a Nebida, mentre la parte restante si recò verso bottega di Antonio Spanu in Gonnesa, con lo stesso intento della mattinata ma trovarono la strada sbarrata da ingenti forze di carabinieri e soldati che avevano cinto di assedio il paese: un intera Compagnia di soldati (il 17 Fanteria) ed un plotone di 20 carabinieri al comando La deposizione di una corona d alloro sulla lapide che ricorda le vittime. del sottotenente Antonio Bitti) che intimarono ai dimostranti di sciogliere la manifestazione. Al lancio, presunto, di alcuni sassi, e temendo per la propria incolumità, il sottotenente dei carabinieri, il brigadiere Adolfo Lasiolo ed i carabinieri Antonio D Aureli e Giuseppe Giovannini, aprirono il fuoco contro quella folla inerme, uccidendo tre persone e ferendone 17. Morirono così Angelo Puddu, Giovanni Pili e Federica Pilloni. La parte dei minatori che si era diretta verso Nebida raggiunse quella località intorno alle sei del pomeriggio e s incontrò con i minatori di quella zona, capeggiati dal segretario della lega Galliadi. Si ebbero degli scambi di informazioni ed improvvisamente quella folla di lavoratori, che aveva raggiunto il numero di circa un migliaio, si impadronì di mazze di ginepro dette volgarmente guarniture, che si trovavano in un magazzino ed atterrarono la porta del casotto del Dazio (chiusa per consiglio dei RR. - CC) e misero a soqquadro quanto si trovava all interno: carte, mobili, oggetti d uso delle guardie. Il tutto fu portato all esterno e fu bruciato. Subito dopo i dimostranti si rivolsero verso la cantina della Ditta Lotti & Magrini, posta dirimpetto all ufficio daziario, abbatterono le porte e s introdussero all interno mettendo tutto a soqquadro. Nella relazione alla Sentenza del Tribunale penale di Cagliari (p. 7) su fatti di Nebida del 1906, si legge che i dimostranti [...], rovesciarono dagli scaffali merci, spargendo sul tavolato anche il petrolio ed i fiammiferi, con evidente intenzione, come dice il perito (al foglio 52: documenti) di incendiare il fabbricato (!). Ciò sarebbe avvenuto se non fossero accorsi i carabinieri che si trovavano nella palazzina della Direzione della miniera alla distanza di 200 metri, che videro il pericolo, conoscendo che i pavimenti del caseggiato erano formati di tavolato, ed intesero le voci di soccorso dei commessi di negozio, che si trovavano bloccati al piano superiore. Alcuni di loro erano riusciti a fuggire per i tetti, scavalcando le finestre; ma una povera donna, certa Guidi Ersilia, era svenuta, ed il figlio Ciaci Benedetto, d anni 14, era andato ad avvertirli del pericolo dicendo: «Salvatemi mia madre». I carabinieri nell esiguo numero di sette, col brigadiere S. Savino e vice-brigadiere, P. Salvatore, dovettero far fronte a quella turba di malfattori dei quali oltre duecento, armati delle grosse guarniture, tentarono circondarli e disarmarli, colpendoli con le medesime; ma i colpi, diretti alla testa, venivano in parte schivati col moschetto da quei valorosi. Se non ché, essendo caduto per terra il detto brigadiere S. Saverio ed il vice brigadiere P. Salvatore per effetto dei colpi, costui cogli altri militi, dovette far fuoco contro gli assalitori, uccidendo [ ] certo Ariu Efisio e ferendo gravemente certo Lecca Carlo, che morì nella notte. Rimasero feriti altri sei rivoltosi, come pure riportarono delle lesioni cinque carabinieri: lesioni queste che guarirono al decimo giorno. Nessuno prestò aiuto ai feriti. Lo testimonia la relazione del Tribunale Penale di Cagliari quando rileva che il brigadiere S. proibì l avvicinamento ai feriti, nonostante le sollecitazioni del segretario della Lega dei minatori di Nebida, Galliadi, che l apostrofò con l epiteto di vigliacco. I danni furono ingenti. L amministrazione del dazio subì un danno di 780 lire del tempo mentre quello della cantina della ditta Lotti & Magrini, fu di lire. Furono abbattuti diversi pali telegrafici così come il filo telefonico della Società Mineraria Vieille Montagne (Direttore: Alfonso Verzèe) Ai tumulti seguirono le rappresaglie delle direzioni minerarie. Tra il 30 maggio ed il 7 luglio di quell anno, furono licenziati 158 operai dalle miniere di Nebida. Gli arrestati, rinviati a giudizio con ordinanza del 18 settembre 1906, furono in totale 164 (103: 94 uomini e 9 donne, per i fatti di Gonnesa e 61: - tutti maschi - per i fatti di Nebida). Gli arrestati, accusati di danneggiamento continuato e pregiudizio di persone, tentato furto qualificato e residenza e lesioni alla forza pubblica, furono tradotti in catene, ed a piedi, da Gonnesa e Nebida fino ad Iglesias (11-14 chilometri) tra lo scherno di alcuni gruppi di bottegai e proprietari terrieri della città. Le pene variarono da uno a sette mesi di reclusione più una multa variabile da 170 a 400 lire. 41 persone furono assolte dai soli reati di danneggiamento; cinque vennero assolti dal reato di furto e due, di non luogo a procedere, per distruzione di documenti; sei, di non luogo a procedere per sequestro di persona e due per il reato di estorsione (tutti per i fatti di Gonnesa). Il 29 maggio 1907, la Corte d Appello di Cagliari condonò ai condannati la pena afflittiva non eccedente i sei mesi e riduzione di un terzo quelle superiori ai sei mesi, per tutti i condannati, tranne per coloro i quali fossero stati condannati nei cinque anni precedenti di delitti d azione pubblica. Per i fatti di Nebida, 24 minatori vennero condannati a mesi 7 di reclusione e ad una multa di 350 lire più un ammenda di 30 lire per danneggiamenti continuati; uno a mesi 5 per danneggiamento non continuato; il segretario della lega dei minatori di Nebida, Galliadi (Gino Luigi), accusato di correità nei danneggiamenti e di oltraggio, venne condannato a sette mesi e 5 giorni di reclusione, più un multa di 350 lire mente venne assolto dal reato di istigazione a delinquere; il segretario della Lega di Iglesias, Augusto Dragoni, venne condannato a 6 mesi di reclusione per danneggiamento; 27 furono assolti per insufficienza di prove. Le cause, ammetterà il Tribunale di Cagliari, confermano quelle denunciate dai lavoratori: abusi da parte delle Amministrazioni comunali; prezzi elevati dei generi di prima necessità e nei negozi del Comune e nelle cantine; bassi salari giornalieri non adeguati ai lavori faticosi per la maggior parte dei minatori; angherie da parte dei sorveglianti [di miniera] e poca cura delle lamentele, oltre tutti gli altri disagi. Fu una sommossa determinata dal bisogno, scriverà Angelo Corsi, leader del Riformismo sardo e sindaco d Iglesias nel suo libro: L azione socialista tra i minatori della Sardegna (Edizioni di Comunità, p Milano) e riprendendo una frase di Victor Hugo aggiunse: L insurrezione confina con la mente, la sommossa con lo stomaco. La Sardegna è percorsa da un sussulto di protesta. A Bonorva e Villasalto, scoppiano gravissimi tumulti popolari. A Bonorva, durante una dimostrazione popolare che culminò con l assalto di un caseificio, due soldati spararono sulla folla uccidendo un dimostrante mentre a Villasalto, zona mineraria del Sarrabus-Gerrei, nella zona sud-orientale dell isola, i carabinieri spararono uccidendo un dimostrante e ferendone altri due. I gravissimi fatti di sangue ed il malessere profondo che ha caratterizzato i tumulti nelle zone minerarie provocò una forte eco a livello nazionale tanto da suscitare nella Camera dei Deputati un acceso dibattito che culminò con la nomina di una Commissione Parlamentare di Inchiesta per lo studio della condizione degli operai nelle miniere sarde. Istituita con legge 19 luglio 1906 arrivò in Sardegna solamente nel maggio del 1908 e presentò la sua relazione nel Poesia di un vecchio minatore sardo, da me ritrovata e della quale ho curato la traduzione in italiano, che nel ricordo dei sacrifici e delle lotte affrontate dai minatori sardi all inizio del 900 scriveva la sua: Storia di socialisti Ita si estis connottu sa vida de is anzianus, / traballendi annus e annus in galleria dex oras,/ e is chi traballanta in foras / traballanti de solli in solli, / mancai senza de bolli / pagastus su camberoni, / luxi, linna e La breve cerimonia di commemorazione. candella, / arraza de vida bella / paghendi su spirali,/ corchendi a usu de animali / in barraccas de linna, / po lettu una fascina / fatta de folla de frasca, / festa solu po Pasca / cun altras tres ass annu / poi, tottu a unu arringu / traballastus su Domingu / senza compensu alcunu, / non ci fiara infortunu, / e prus pagu altera cosa, / sa genti abbisongiosa / fiera su milla po milla / e in bucciacca mai pilla. / Medas non d anti a crei / camminai sempri a pei/ cun sa bertulleda de saccu / a tracolla su peraccu / e is crapittas a coddu, / solu che in poni in poni / Santu Juanni a Monteponi / Masua e Acquaresi / in su noixentus e sesi / cummenzau eus sa lotta / po aumentai sa paniotta/ e migliori trattamentu / finzas a essi ottentu / sa festa domenicali / s infortuniu e su spirali / ott oras de traballu/ in s internu e in s esternu, / et si seusu penzionaus / mancai mali stappaus / a chini du deppeus?/ Non est a Santus e non est a Deus / est a su Partidu Socialista / ponendi in prima lista / a Giuseppi Cavallera / in su campu e in sa miniera / donendi umanu sviluppu / predichendi in cussu cursu / ci fiat Nazari e Siottu / votendi commenti votu / non eis a votai mali / ca su Partidu Sociali / non fai mali a nisciunu / innoi e in dogna cumunu / est necessariu a du votai. / W il P.S.I. Giuseppe Chia (Domusnovas ) Storia di Socialisti Il lavoro dei minatori nelle miniere sarde tra la fine dell 800 ed i primi del 900 (traduzione in italiano di Salvatorico Serra) Eh, se aveste conosciuto la vita degli anziani!/lavorando anni ed anni [per] dieci ore [al giorno] in galleria!/ E chi lavorava all esterno,/ lavorava dall alba al tramonto;/ contro la nostra volontà /pagavamo il posto per dormire;/ luce, legna e illuminazione./ Bel modo di vivere!/pagando il ricovero in ospedale,/coricando come in uso agli animali/in baracche di legna;/ per letto una fascina/ fatta di foglie di frasche;/festa solo per Pasqua/con altre tre all anno;/poi, tutti [come fossimo stati] in un arèngo /dovevamo lavorare anche la Domenica/ senza alcun compenso;/nessun diritto per l infortunio,/ e men che meno altri diritti;/ la gente che aveva bisogno/ era il mille per mille/ e senza mai una lira in tasca./ Molti non lo crederanno!./ Si camminava sempre a piedi/ con la bisaccia di sacco/ [con] il parapioggia a tracolla,/ e le scarpe a spalla./ Solamente col tempo,/ a San Giovanni ed a Monteponi/ [a] Masua ed Acquaresi,/ nel millenovecento e sei/ abbiamo iniziato la lotta/ per farci aumentare il salario/ ed avere un trattamento migliore,/fino ad ottenere/il riposo domenicale/il riconoscimento dell infortunio e dell ospedale/ ed otto ore di lavoro/- sia all interno che all esterno;/e se siamo potuti andare in pensione,/- anche se malconci,/ a chi lo dobbiamo?/ Non a santi né a Dio / ma al Partito Socialista,/mettendo per primo in lista/ Giuseppe Cavallera./Sia nelle campagne che nella miniera,/contribuendo all umano sviluppo/e predicando su quel solco,/ vi era Nazzari e Siotto./ Votando come voto/non voterete mai male/ perché il Partito sociale/ non fa del male a nessuno;/sia qui che in ogni comune/ e necessario votarlo. W il P.S.I. Giuseppe Chia (Domusnovas ) Angelo Corsi: L Azione Socialista tra i minatori della Sardegna ,. Edizioni di Comunità, Milano, 1959, p. 91 (30-40, secondo Cabrini, giornalista e propagandista socialista di quegli anni, nelle corrispondenze apparse sull Avanti raccolte in seguito in un opuscolo intitolato Sardegna ) Angiolo Cabrini, nel suo articolo per l Avanti sostiene che il memoriale fu presentato al Sottoprefetto mentre nella Relazione del Tribunale è scritto che tali richieste furono presentate al Sindaco della città. Guarniture: mazze di ginepro destinate ai lavori di imboscamento (rivestimento delle volte) delle gallerie della miniera. è la prima volta che vengono rivelati i nomi dei due morti di Nebida. Li ha portati alla luce l autore di questo lavoro dopo un paziente lavoro di ricerca sia negli archivi del comune di Iglesias che in quelli del Tribunale Penale di Cagliari. Ariu Efisio di Bernardino e di Meloni Maria Giuseppa, di anni trentasette, era nato a San Gavino Monreale - CA - ed era residente in Nebida. Coniugato con Murru Eugenia era padre di 6 figli. Fu seppellito alle ore 4.00 del pomeriggio del giorno 24 maggio 1906, nel cimitero di Iglesias, fila 11, cippo n 10. Lecca Carlo fu Adamo e di fu Cappai Luigia, di anni trentacinque, era nato a Nuraminis - CA - ed era residente a San Giovanni Miniera. Era coniugato con Casula Giovanna. Fu seppellito alle ore 3.00 del pomeriggio del giorno 24 maggio 1906; fila 11, cippo n 9.

9 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio Dopo Fluminimaggiore (3 e 4 maggio) e Carbonia (17 e 18 maggio), altri 4 comuni del Sulcis Iglesiente hanno aperto i loro monumenti Monumenti aperti, una formula che funziona Il 24 e 25 maggio sono stati migliaia i visitatori che hanno affollato i siti di Gonnesa, San Giovanni Suergiu, Sant Antioco e Teulada. IRiformatori sardi presenteranno alla Corte Costituzionale l opposizione al ricorso del Governo contro la Finanziaria regionale in materia di accise e taglio del costo della benzina. Il termine per presentare opposizione scade martedì 3 giugno. Venerdì 30 maggio alle 10.00, nella sala delle conferenza stampa di Montecitorio, a Roma, si terrà la conferenza stampa durante la quale i Riformatori illustreranno l atto di opposizione. Parteciperanno diversi costituzionalisti, il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, il deputato dei Riformatori sardi e presidente della commissione Affari sociali della Camera, Pierpaolo Vargiu, il presidente dei consiglieri regionali dei Riformatori, Attilio Dedoni, il consigliere regionale Luigi Crisponi, il presidente del Centro Studi dei Riformatori sardi, Franco Meloni, e Anche quest anno la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata dai comuni in collaborazione con il coordinamento regionale affidato all associazione culturale Imago Mundi, giunta alla sua diciottesima edizione, sta riscuotendo grande successo, a conferma della validità della formula. Il 3 e 4 maggio Fluminimaggiore ha aperto ai visitatori il Tempio di Antas ed il Museo Etnografico Antico mulino ad acqua Licheri. A Carbonia, il 17 e 18 maggio, nonostante le condizioni climatiche avverse, in particolar modo la domenica pomeriggio, il numero dei visitatori è stato molto elevato (11.030), molti dei quali hanno sfidato anche la pioggia, è rimasto sui livelli dello scorso anno, quando il clima è stato sicuramente più favorevole. I siti che hanno registrato una maggiore affluenza di pubblico sono stati la Grande Miniera di Serbariu e il CICC, il Museo paleontologico E. Martel e la scuola media S. Satta. Grande apprezzamento hanno ottenuto gli eventi collaterali, tra questi il trenino che ha consentito il giro turistico della città. Sabato 24 e domenica 25 maggio sono stati quattro i comuni del Sulcis Iglesiente che hano aperto i loro siti ai visitatori: Gonnesa, San Giovanni Suergiu, Sant Antioco e Teulada. A Gonnesa hanno destato grande partecipazione, tra gli altri, il Complesso nuragico di Seruci ed il Museo etnografico di Nuraxi Figus; a San Giovanni Suergiu e Palmas Vecchio; a Sant Antioco il Museo archeologico Barreca, il Museo del Bisso, la Necropoli punica di Sulky e il Tofet; a Teulada, la Torre e la Chiesa di Sant Isidoro, la Casa baronale, le Chiese della Vergine del Carmine e di San Francesco. Il 31 maggio e 1 giugno, ultimo tappa stagionale, tra i comuni protagonisti ci saranno Iglesias, Portoscuso e Buggerru. Iglesias proporrà, tra gli altri siti, gli itinerari minerari di Nebida, la Cattedrale di Santa Chiara e A Carbonia il trenino ha trasportato centinaia di visitatori nei siti. Il nuraghe Seruci è stato uno dei siti più frequentati ed apprezzati dai visitatori. la Chiesa della Purissima, il Museo dell Arte mineraria, l ex Mattatoio, il Museo della Memoria e il museo dell arte mineraria; Portoscuso la Tonnara Su Pranu, la Torre, Su Marchesu, la Chiesa Vergine d Itria e Boi Cerbus; Buggerru, infine, la Galleria Henry, l ex Bà, il Centro direzionale minerario ed il Museo del Minatore. I Riformatori sardi proseguono la battaglia sulle accise La Giunta Pigliaru sia amica dei sardi Il coordinatore Michele Cossa. numerosi dirigenti del partito. «Il Governo - spiegano i Riformatori sardi - ha deciso di ricorrere contro una legge che venne approvata all unanimità dal Consiglio, che non risarcisce certo i sardi dei danni ambientali e alla salute umana derivanti dall inquinamento della lavorazione dei prodotti del petrolio, ma almeno ribadisce il sacrosanto principio che chiunque inquina la Sardegna, quanto meno debba pagare le tasse in Sardegna.» Dal 14 maggio, dicono ancora i Riformatori, «la Giunta regionale sarda aveva venti giorni di tempo per costituirsi davanti alla Corte Costituzionale, per combattere e vincere la battaglia giuridica in difesa dei diritti dei sardi. L accordo Prodi-Soru del 2007 ha caricato sul bilancio della Sardegna il costo della sanità e della continuità territoriale: non è tollerabile la beffa che ci vengano negate le risorse. Sui soldi che ci spettano si vada alla guerra sino in fondo: non ci sono governi amici - concludono i Rifomatori sardi - la Giunta deve essere amica soltanto dei sardi e dei loro legittimi interessi». Tutto esaurito al teatro Electra per la tappa del Festival Vagli a spiegare che è Primavera Quando il Teatro Stabile della Sardegna ha incaricato Cinzia Crobu (giornalista, critico teatrale presso la Accademia Nazionale d Arte drammatica Silvio d Amico di Roma ed antropologa) e Monica Porcedda (attrice, regista, nonché presidente de La Cernita Teatro) di programmare una tappa itinerante del Festival di Filosofia nel Sulcis Iglesiente, le due giovani professioniste sulcitane ne hanno assunto la direzione artistica, ideando una manifestazione unica nel suo genere. Un appuntamento, quello del 1 maggio al Teatro Electra di Iglesias, che ha riscosso grandissimo successo: il teatro gremito, dalle alle 23.00, ha visto alternarsi sul palcoscenico teatro, musica e riflessione. In apertura l intenso monologo teatrale Oliena 1946-Cortoghiana 1952 (di Monica Porcedda, con Monica Porcedda, Mariella Mannai, Luciano Sulas, Lucia Longu e Rosanna Sulas - regia Gloria Uccheddu) a dar voce alla tragica vicenda che nel 1952 vide perire in galleria il minatore Giuseppe Sechi e altri due colleghi. A seguire lezione concerto condotta da Cinzia Crobu ed il docente Roberto Serra, i quali hanno commentato una scaletta di 15 brani, a partire da De Andrè per giungere a Guccini, Bertoli, Jannacci, De Gregori, Silvestri e molti altri: fil rouge, il tema del lavoro nel cantautorato italiano. I brani sono stati eseguiti, con vera bravura, dal gruppo rock Jokers (Francesco Atzori, Giorgio Pinna, Fabio Murtas, Francesco Ledda) riuscendo a coinvolgere l intero teatro. Infine, è stato dedicato ampio spazio, trattenendosi a teatro molto più di quanto si fosse preventivato in cartellone, all incontro tra Gherardo Colombo, ex pubblico ministero, il docente e filosofo Remo Bodei e la docente e filosofa Roberta De Monticelli (ideatrice con Pierluigi Lecis del Festival di Filosofia cagliaritano giunto alla IV edizione al Teatro Massimo) cui si è aggiunto l on. Francesco Sanna, a sorpresa sul palco. Un dibattito di vero spessore che ha toccato i temi del lavoro, della giustizia, dell etica rapendo l intero Auditorium. Promotori dell iniziativa il comune di Iglesias (il sindaco Emilio Gariazzo, soddisfattissimo in prima fila), gli sponsor privati Alice surgelati, l Hotel Ristorante Corte Rubia Iglesias e la Società operaia di Mutuo soccorso di Iglesias. Partner il Teatro Stabile della Sardegna e l Università degli Studi di Cagliari. Una serata unica nel panorama sulcitano, quella proposta dalle due organizzatrici in collaborazione con l intera compagnia de La Cernita Teatro compagnia di teatro sociale, che ha riscosso vero interesse e grande adesione da parte del pubblico. La Cernita, è possibile conoscere meglio questa compagnia? «La Cernita Teatro nasce a Carbonia nel 2004 per favorire la diffusione del Teatro come strumento di inclusione sociale, recupero della memoria e riflessione sul presente attraverso la realizzazione di attività, culturali ed educative plurime (laboratori di formazione teatrale, produzioni, rassegne, seminari formativi e informativi). A tal fine, in linea con gli orientamenti del Teatro Sociale e di Comunità, lavora per costituire una rete di relazioni fra le diverse professionalità dell ambito formativo, socio-assistenziale e culturale (artisti, intellettuali, insegnanti, psicologi, pedagogisti e operatori socio-sanitari).» «In quest ottica, qualche anno fa - ha dichiarato Monica Porcedda - è nata la collaborazione con la dott.ssa Cinzia Crobu, con la quale ho condiviso la direzione artistica di questa manifestazione. La Cernita Teatro, il cui nome nasce in memoria delle donne operaie e dei bambini che hanno lavorato in terribili condizioni nei piazzali delle miniere, a ridosso della laverie, separando a mano i minerali dai materiali di scarto, ha la sede artistica presso il Nuovo Cine Teatro di Bacu Abis.» Come si è giunti all organizzazione di questa manifestazione? «Continua la mia collaborazione con La Cernita Teatro e, insieme ad essi, quella con gli organizzatori del Teatro Stabile della Sardegna - ha dichiarato Cinzia Crobu -; questi ultimi, premiandoci per la professionalità dimostrata fino ad oggi L intervento di saluto del sindaco di Iglesias, Emilio Gariazzo. in ambito teatrale ed organizzativo, ci hanno coinvolti nell allestimento di questa tappa itinerante del Festival di Filosofia e ne sono orgogliosa; creare cultura dal basso, nel Sulcis Iglesiente, non è un impresa facile e siamo stati coraggiosi, ancora una volta. L Amministrazione comunale di Iglesias, nelle persona della prof.ssa Pierina Chessa e dell assessore Simone Franceschi, ha accolto con gioia tale proposta e, nonostante la difficoltà derivata da capitoli di bilancio fortemente limitanti, ci ha accompagnati in questa importante impresa che si concluderà l 11 ottobre - dopo un percorso che coinvolgerà le scuole di Iglesias, e sfocerà nella rappresentazione de Il lavoro mobilita a cura de La Cernita Teatro. Di fondamentale importanza è stato anche il contributo degli sponsor Alice Surgelati e Corte Rubia, a dimostrare l attenzione e la sensibilità dei privati verso manifestazioni di tale natura.» Perché una tappa nel Sulcis? «La situazione socio economica del territorio del Sulcis Iglesiente, è giunta ad un punto di crisi di gravità estrema. Oltre disoccupati, diverse migliaia di lavoratori CIG e/o collocati nelle liste di mobilità, aziende chiuse e altre che annunciano drammatici ridimensionamenti produttivi e occupazionali. Grande è l impegno che stiamo investendo nella produzione e diffusione della cultura (Festival Teatro per la città di Carbonia, Teatro Sociale per Sant Anna Arresi, Spazi di frontiera nel Sulcis, Giornata del risparmio energetico a Fluminimaggiore, oltre a laboratori, seminari ) nella quale riponiamo illimitata fiducia. Tale impegno tende, inoltre, a promuovere il territorio e la sua memoria storica.» Sta riscuotendo un grande successo la rassegna d arte 12x12 organizzata nella saletta del Portico di Piazza Roma, a Carbonia The Magic of Color di Stefano Masili e la Personale di Alfredo Mussetti Un opera di Stefano Masili. Proseguono le personali degli artisti inseriti nella rassegna d arte 12x12, organizzata dall assessorato alla Cultura del comune di Carbonia, in collaborazione con gli artisti, presso la saletta del Portico, in piazza Roma, a Carbonia. L evento nasce come manifestazione artistica, ma la speranza è che la saletta possa diventare un vero e proprio luogo d incontro per artisti. Dal 12 al 18 aprile è stata la volta di Stefano Masili, con la sua esposizione The Magic of Color e dal 10 al 18 maggio di Alfredo Mussetti, in arte De Musset, con la sua Personale. Il pittore Stefano Masili ha allestito in passato diverse personali, ha partecipato a mostre e concorsi d arte sul territorio nazionale ed internazionale, ottenendo ottimi riconoscimenti dal pubblico e dalla critica. Il suo è un percorso artistico molto ricco, maturato attraverso numerosi incontri-confronti che lo stesso pittore ama fare con altri artisti dell isola e non solo, creando in questo modo continui scambi culturali ed artistici. Promotore e fondatore di vari gruppi artistici, attualmente fa parte dell Associazione degli Artisti in Sardegna Arte in città di Cagliari. Tra le opere di Stefano Masili spiccano per fascino Le agavi, sorprendenti per la ricchezza di particolari della linea che le modella, per l espressività dei colori intrecciati nei toni più vari, per quella morbidezza e consistenza allo stesso tempo, che le rende tali da Un opera di De Musset (Alfredo Mussetti). catturare l attenzione, senza che mai l occhio si stanchi di ammirarle alla ricerca di sempre nuove sfumature. Nel mese di maggio, dopo tanti anni, ha riproposto una sua personale il pittore Alfredo Mussetti, in arte De Musset. L artista, bergamasco di nascita ma sardo di adozione, ha studiato presso la scuola d arte Accademia Carrara di Bergamo, dove ha affinato le sue doti innate per il disegno e la pittura. Le sue opere, olii ed acquarelli, si presentano spontanee e naturali nella linea e nel colore, lasciando trasparire una leggerezza ed una delicatezza dove tutto diventa anima, libertà, movimento, immagine, interiorità, felicità e amore per la vita. All interno della personale, presso la saletta del Portico, sono stati esposti, oltre ad un autoritratto dell artista, alcuni ritratti di familiari e di Papi che hanno fatto la nostra recente storia religiosa. Particolare la rappresentazione di un pianoforte che, in armonia con dei violini, si apre quasi a liberare magicamente delle note, colonna sonora della sensibilità di un artista che lascia al visitatore il piacere di cogliere l essenza dell arte vista come espressione d amore, propria di ognuno di noi. Nadia Pische

10 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 1 10 Anno XIX N Maggio 2014 Quando nacque la città, il Sulcis non era una landa completamente deserta, come disse Benito Mussolini dalla Torre Littoria Breve viaggio alle radici della città di Carbonia Perché Carbonia non crea un centro studi per riscoprire e mettere a nudo le sue radici, già proposto da Pietro Cocco nel 1980? Sono cittadino di Carbonia da quasi sessant anni e provengo dal Sulcis (Basso Sulcis): mi sono spostato nel capoluogo. Negli anni mi sono reso conto che questa città, rispetto alla storia, è chiusa dentro mura culturali invalicabili. Al massimo dà uno sguardo al prenuragico o nuragico ma giusto perché gli archeologi hanno evidenziato nel suo territorio siti importanti di quei periodi. Emblematico il primo pannello del percorso del Museo della Grande Miniera di Serbariu. «Dov è oggi Carbonia, nel 1936 si estendeva la macchia brulla e quasi deserta del Sulcis. Il paesaggio della regione era immutato da secoli. La popolazione, poco più di tremila abitanti, viveva dispersa in modesti agglomerati.» Sembra ovvio che qui si intende quella parte del Sulcis che in passato è stata disabitata (non dico spopolata) per circa tre secoli, cioè il Basso Sulcis. Immaginiamo il turista, lo studioso sardo, continentale o straniero che sia, cosa deve pensare leggendo una simile frase. Penserà che nel 1936 si dà inizio alla costruzione di una città in un territorio chiamato Sulcis che era una: «Landa quasi completamente deserta: non un uomo, non una casa, non un sentiero, non una goccia d acqua: solitudine e malaria», come disse Mussolini dalla Torre Littoria nel discorso di inaugurazione della città preparatogli dal Partito Nazionale Fascista (sembra che la Storia non sia mai passata da queste parti!). Se però qualche pignolo, così per curiosità, va a sfogliare un libro di statistica e scopre che il 62,33% della popolazione di tutto il Sulcis risiedeva proprio nel Basso Sulcis (tot. abitanti del Sulcis ; tot. abitanti del Basso Sulcis ; abitanti di Iglesias allora in piena attività mineraria), potrà pensare che ignoriamo la nostra storia o che ce ne vergogniamo. Perché Carbonia non crea un centro studi per riscoprire e «mettere a nudo radici ben più profonde e ricche di cultura e tradizioni che non quelle degli ultimi quarant anni di storia mineraria della città fondata sul carbone»? Si allargherebbe l orizzonte di questa città; la nostra storia non comincia con noi! E non parlo della storia più remota qual è quella prenuragica, nuragica, periodo feniciopunico, romano o giudicale, scarsi di documentazione scritta; ma a partire dal XIII secolo quando il Sulcis nella sua unicità costituiva la terza parte del Giudicato di Cagliari; da quando cioè i documenti evidenziano il Sulcis come una regione particolare per la sua doppia cultura agraria e mineraria. Potremmo scoprire quello che scoprì l Infante Alfonso che il 18 giugno del 1323, sbarcato nel golfo di Palmas, scrive al padre, Giacomo II d Aragona: «Gens autem nostra incedit gaudens et sana, nec judicio illorum qui nobiscum sunt invenimus talem ayerem, qualem praenuntiaverat fama; majusque etiam bonum nobis inde prenuntiant de partibus Villae Ecclesiae, tam in puritate aeris, quam in loci amoenitate, et acquarum copia, et virtualium abundantia in excessu». Come si può vedere la fama del Sulcis quale landa deserta non l ha inventata il Partito Nazionale Fascista. Si è svolta il 24 aprile, nella Caserma Trieste di Iglesias, la cerimonia di giuramento di fedeltà alla Repubblica di 204 allievi carabinieri del 131 corso intitolato alla memoria di Raffaele Porrani, medaglia d oro al Valore militare. Hanno presenziato alla cerimonia il comandante della Legione carabinieri Sardegna, gen. Antonio Bacile, autorità militari, politiche e religiose e la Banda della Brigata Sassari. La fotografia è di Sebastiano Soggiu. L Infante Alfonso però, contrariamente alla brutta fama, ha la sensazione di essere sbarcato in un paradiso terrestre. Non è certo un abbaglio. Era successo che Pisa, dopo le lotte armate con Genova e i Giudici per la conquista del predominio in Sardegna, a metà del 1200, aveva fondato nel Sulcis una città a bocca di miniera per supportare l attività mineraria a carattere industriale. La città divenne popolosa e ricca con benefici riflessi su tutto il territorio. I paesi esistenti nel Sulcis rifiorirono. Solo una minima parte di Sulcitani si inurbarono (in Villa di Chiesa vi era una strada chiamata Ruga de Sardis), gli altri rimasero nei loro paesi a coltivare i campi e ad allevare bestiame per rifornire la città. La coltivazione della terra, delle saline, l attività pastorale, di pesca, artigianale, forestale e tutte le attività conseguenti, avevano creato amoenitate e victualium abundantia. Le due attività, mineraria ed agraria, operanti insieme avevano creato benessere pur considerando che la maggior parte della ricchezza proveniente dalle miniere andava in mano a Pisa. Il sistema Si è svolta il 24 aprile la cerimonia di giuramento alla caserma Trieste Hanno giurato i carabinieri del 131 La cerimonia di giuramento degli allievi carabinieri del 131 corso. Una scritta risalente al gestionale basato sull iniziativa privata, aveva dato modo agli abitanti del territorio di inserirsi nel ciclo economico positivo. Il Rinascimento si era affacciato in Sardegna. Ben presto però, come vedremo, venne sopraffatto dal feudalesimo che nelle altre parti aveva terminato il suo ciclo. La Sardegna fu divisa in una miriade di piccoli regni dati in mano a dei piccoli re (conti, marchesi, duchi e nobilume vario) che anziché amministrarla, con la loro ingordigia, la ridussero (tutta la Sardegna) a landa deserta. Come detto, l esercito catalanoaragonese sbarca nel porto di Palmas e cinge d assedio la città di Iglesias che dopo sette mesi, non ricevendo aiuto da Pisa, è costretta ad arrendersi. Questo è il primo atto di una guerra di conquista che durerà più di cento anni. Mentre si cerca di rimettere in sesto la città per renderla produttiva come prima, viene assalita e conquistata da Mariano IV Giudice d Arborea ribellatosi al re invasore. Quando Pietro IV re d Aragona riconquista Iglesias emana una serie di disposizioni che, come scrive Baudi di Vesme, «se ad essa in quei principii poteva riuscire di qualche utilità, era la rovina totale di tutto il paese circostante, con grave danno poscia della popolazione medesima a favore della quale era stato concesso». Si proibisce qualsiasi attività commerciale in tutto il territorio. è consentito commerciare solo ad Iglesias; tutti quelli che erano fuggiti dalla città per la guerra devono rientrare cum uxoribus, familiis atque rebus amici o nemici che fossero dei Catalani, pena l esproprio ipso facto. Agli amici si concedono aiuti per la riparazione degli edifici danneggiati, ai nemici si concede il perdono perché non semper gladio, set virtute ac venia, vincitur inimicus. Queste ed altre disposizioni rendono invivibili i paesi del Sulcis i cui abitanti sono di fatto costretti a trasferirsi ad Iglesias per lavorare nelle miniere. La vera causa dello spopolamento del Sulcis, iniziato nella seconda parte del 1300, è dovuta proprio a questi provvedimenti amministrativi. Le altre cause, malaria, pirati, pestilenze, sono delle concause. L attività minerari viene gestita male e ben presto non è più in grado di sostenere l economia della città e del territorio. Dai pochi documenti che conosco, si può desumere che gli abitanti di Iglesias riprendono a coltivare la terra. Mentre John Day ci elenca 28 centri del Sulcis abbandonati o disabitati nel Quattrocento, infatti, in un rapporto cinquecentesco di Marco Antonio Camos, capitano di Villa di Chiesa, sulla difesa costiera della Sardegna, si ha la conferma di centri spopolati ma: «en caso de soccorro podran acudir los labradores y pastores de lo lugares despoblados circunvezinos como son Santadi, Pixinas, Villaperuxo y otros que estan a diez quinze y 20 millas y suelen de ordinario ser frequentados de gente, por ser muchos y muy buenos los territorios assi para sembrar como tambien para sustentar qualquier genero de ganaro». I labradores non sono stanziali ma devono avere un punto d appoggio nei campi dove si recano a lavorare en tiempo de sementera y mieses. Hanno sa domu in città, dove rientrano a fine settimana e alla fine del ciclo di semina o raccolto, e su logu abundi furriai dopu su traballu, su furriadroxiu, in su sartu. Una struttura coperta dove poter mangiare e dormire la notte, con affiancato qualche loggiato per custodire gli attrezzi e gli animali da lavoro: buoi, cavalli, asini e muli. I pastores non sono stanziali neppure loro, provengono dal centro Sardegna. Nella frequentazione dei luoghi di transumanza hanno acquisito nei secoli familiarità col Sulcis Fonnesi e Desulesi, specie questi ultimi; frequentazione che poi darà luogo alla sedentarizzazione. Questi transumano le loro greggi nel Sulcis nei sei mesi invernali ed anche essi si creano un punto d appoggio a volte singolo, altre volte in gruppo: la pinnetta con il recito circolare in pietra o con le frasche per riunire il gregge. Complesso chiamato medau, termine derivato dal latino metatus, riscontrato nei condaghi con il significato di recinto per animali. Queste due strutture, il medau e il furriadroxiu, avanti nel tempo, acquistano consistenza in quanto sia il contadino che il pastore, adattandoli, vi trasferiscono le rispettive famiglie e familiari. Ancora oggi il paesaggio del Sulcis è costellato da innumerevoli medaus e furriadroxius (noti con un antroponimo): strutture abitative, aziende agrarie per lo più a carattere familiare, che hanno caratterizzato il ripopolamento ad habitat sparso del Seicento, Settecento, Ottocento, Novecento fino alla prima guerra mondiale che ha bruscamente interrotto il trend positivo. In un documento del 1611 questo complesso viene definito Mas = masseria; un atto del 1641 tratta la vendita di un Furreadorgiu que se compone de tierras cultas y encultas con oliveto, casa, cortile ecc.. Riassumo la situazione di questo periodo con le parole di Giuseppe Todde, sardo di Villacidro, economista docente nell Università di Cagliari che scrive nella seconda metta dell Ottocento: «i Furriadorgius, od Oideus od Oddeus del Sulcis, regione vasta ed ubertosissima della provincia di Cagliari, ridonarono bel bello a quel territorio, spopolato, un po del vigore dei tempi punici, e costituirono gli attuali comuni, ultimi dei quali gli eretti colla legge 11 luglio Chiedere un po ivi all attuale possidente, quale sia il titolo originario delle vaste proprietà da lui possedute; se i suoi antenati, quali provengono talora da diverse parti dell Isola, da due secoli prima d ora avessero l jus domini, ovvero l uso soltanto di quei terreni? La maggior parte può legittimamente rispondervi che lo ignora; ivi la popolazione attuale è meno densa che altrove, anzi vi è sparsa; ma così ha occupato, coltivato e mantenuto una vita agiata più che altrove, ove si è soverchiamente urbanata...» Per rispondere all interrogativo dell economista circa il titolo di possesso delle terre, come le abbiano avute i loro antenati, molti non lo sanno neanche oggi; questo perché una grossa parte furono acquisite con un contratto chiamato Contratto di livello. Contratto bilaterale che prevedeva l uso ventennale rinnovabile con corresponsione di un canone annuale (a s arrigota) che consisteva in una percentuale del raccolto di grano e orzo poi monetizzata. Andò in disuso sin dal 1853 e i così detti Livellari divennero di fatto proprietari, dimenticando le generazioni successive, il contratto. Quelli però che il contratto l avevano stipulato con il comune di Iglesias (e non con privati o ecclesiastici), per terreni avuti a sua volta in concessione dal Re per suam et abitatorum utilitate, si ritrovano in Catasto la dicitura, dopo il loro nome, livellaro al comune di Iglesias, fatta inserire dal Comune nel Ovviamente ciò costituisce un vincolo Le imprese di costruzione che hanno immobili invenduti possono non pagare l IMU ma solo se lo richiedono entro il prossimo 30 giugno. Lo ricorda Confartigianato Imprese Sardegna alle imprese edili che non sono ancora riuscite a piazzare edifici nuovi o acquistati per poi essere ristrutturati. «Non è una novità - precisa l associazione artigiana - ma è bene ricordarlo a tutti i costruttori che si trovano, in questo periodo particolare, con fabbricati, case o immobili strumentali, che non trovano acquirenti.» (le banche non concedono crediti) e dà luogo a contenziosi. La prima delle infinite cause dei livellari contro il comune di Iglesias risale al 1857; una class-action di 96 livellari, che si risolse nel 1877 a loro sfavore. I livellari generalmente vincono nel primo processo e perdono nel processo d appello, così da 160 anni. Forse dovrebbe intervenire la politica, anziché delegare la magistratura, così come ha fatto lo Stato per i contratti di livello di pertinenza sua: aboliti nel 1974 per antieconomicità. Nel Sulcis questo vincolo coinvolge nove comuni: Carbonia, Giba, Iglesias, Masainas, Piscinas, Santadi, Sant Anna Arresi, Teulada, Tratalias. L acquisizione delle terre oltre che col contratto su detto, avvenne anche col contratto di enfiteusi. Abbiamo un esempio a Sirri: il sig. Nicolas Balisai prende in enfiteusi il podere di Sirri dal marchese di Palmas pagando due aratri di grano e di orzo all anno (circa una tonnellata e mezzo) labre ò nò en dichas tierras ; questa è la differenza col contratto di livello. Con l abolizione dei Feudi, nel 1838, i La targa presente sulla casa Pileddu. Balisai continuano per dieci anni a pagare il fitto a titolo di riscatto al Comune, cui furono ceduti perché li distribuisse. Altra forma di acquisizione fu l acquisto. Ne abbiamo un esempio a San Giovanni Suergiu. Due soci di Iglesias nel 1803 acquistano da privati il tenimento di Suergiu. In questo podere vi era compresa la chiesa del Duecento di San Giovanni Battista (ancora esistente) con a fianco casupole non idonee ad ospitare le famiglie dei due soci perché, oltre tutto, la zona era impaludata. Così costruirono un Furreadorgiu nella collinetta dove oggi sorge la nuova chiesa del paese, primo nucleo del futuro paese. Un altra delle tante forme di acquisizione fu l appropriazione tout court. La guerra di conquista catalana e l abbandono, avevano parecchio scombussolato il territorio. Un grande numero di proprietà erano state dimenticate o non avevano più un padrone. Molti coltivavano o pascolavano dei terreni, disponibili a firmare un contratto eventualmente qualcuno si presentasse a pretenderne la proprietà. Questo tipo di acquisizione fu favorita dall istituzione del Catasto ( ): per i funzionari catastali bastava il triennale coltivo per attribuire la proprietà. Nelle mie ricerche sul Sulcis, non mi è mai capitato di riscontrare casi di uso comunitario delle terre, quello per cui fu emanato l Editto delle Chiudende. Giuseppe Todde fa riferimento ai Comuni istituiti nel Abbiamo un documento cartografico del 1794 che ci dà un Sulcis costellato di medaus e furriadroxius, ma vi si vedono anche gli antichi paesi che ricominciano a rivitalizzarsi. In essi vi erano le vecchie chiese che ristrutturate fungevano da centro di aggregazione. Si cominciò a costruire intorno alla piazza e fu questo primo nucleo di paese che prese il nome boddeu, oddeu forse perché proprio la piazza fungeva da agorà. In essa, infatti, si svolgevano le fiere, il mercato e le feste che costituivano momenti significativi per la socializzazione. A questo nucleo centrale si aggiunsero poi i vari vicinati fino a farli diventate abitati di una certa consistenza. Sette di questi nel 1853 furono eretti a comune. Quando nasce Carbonia, il territorio stava cercando di riprendersi dalla grave crisi in cui l aveva spinto la Prima Guerra Mondiale, portandogli via tutti gli uomini. E ci sarebbe riuscito. La sua gente ha dimostrato una volontà indomita quando non ha fatto morire Iglesias al tempo del fallimento delle miniere spagnole e, con le sue lotte, non ha fatto morire Carbonia quando sembrava destinata alla rottamazione perché non più utile alla Nazione. Il novanta per cento degli abitanti di Carbonia mineraria erano sardi; l ottanta per cento di questi erano sulcitani. «Nel momento in cui il disgregamento delle miniere non ha frantumato questa società molto particolare che, al contrario, è riuscita a trovare coesione per combattere, resistere e impedire che assieme alle miniere si disgregasse anche la città.» Sono parole di Pietro Cocco che nel 1980 aveva intuito che non dovevamo delegare ad altri il nostro destino e per questo aveva indetto il primo Convegno Nazionale Sulcis per riscoprire radici ben più profonde e ricche di cultura e tradizioni. «Dobbiamo dare ai giovani un nuovo alimento culturale cercandolo nel passato non delle miniere ma del Sulcis, ristabilendo la continuità fra la vecchia civiltà contadina di Serbariu, ceppo originale di Carbonia, e la nostra cultura». Perché non riprendiamo in mano il progetto di Pietro Cocco? Ci stiamo di nuovo chiudendo dentro le mura: anziché città del carbone ora siamo città di servizi! E il turismo che ben si sposerebbe con l attività agraria, con i medaus e furriadroxius? Pietro Sanna Il decreto IMU prevede un articolo a favore delle imprese Niente IMU per gli immobili invenduti Cagliari. Tale possibilità è prevista dall articolo 2 del decreto legge n. 102/2013 (cosiddetto decreto IMU); per attivare la procedura d esenzione, occorre necessariamente presentare una dichiarazione entro il 30 di giugno, facendosi assistere dai propri consulenti. Non facendolo entro il termine stabilito, il diritto all esenzione decade. «è una misura per cui abbiamo battagliato lo scorso anno - conclude Confartigianato Imprese Sardegna - e quest anno ci aspettiamo ulteriori forti segnali che rilancino l edilizia quale strumento necessario per la ripresa economica.»

11 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 30/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio Il Consorzio Fieristico Sulcitano propone anche quest anno a Carbonia la rassegna fieristica, con una partecipazione record 230 espositori per Sulcis Iglesiente Espone Il programma prevede la partecipazione straordinaria del musicista Tullio De Piscopo, del gruppo Istentales e di Benito Urgu. Il centro di Carbonia domenica 8 giugno ospiterà l ottava edizione della rassegna Il Sulcis Iglesiente Espone - Fiera dell agroalimentare, dell artigianato e del turismo, organizzata dal Consorzio Fieristico Sulcitano, con il patrocinio della Regione Sardegna, della gestione commissariale dell ex provincia di Carbonia Iglesias, del comune di Carbonia, del 1 Reggimento Corazzato di Teulada e della Camera di Commercio di Cagliari. La formula ormai consolidata vede la rassegna crescere anno dopo anno, sia come numero di espositori presenti sia come numero di visitatori. Per l edizione di quest anno è annunciata la presenza di ben 230 espositori, il numero massimo consentito dagli spazi del centro cittadino. I gazebo e le varie esposizioni verranno allestiti in Piazza Roma, Via Manno, Piazza Marmilla, Via Fosse Ardeatine, Piazza Matteotti, Via San Ponziano e Via Gramsci. Il fulcro della rassegna, ovviamente, saranno le esposizioni di prodotti agroalimentari ed artigianali e le proposte del settore turistico, ma questo anno ancora più di quanto già fatto nelle passate edizioni, per catturare l interesse dei visitatori ed allietare la partecipazione nel corso di tutta la giornata, gli organizzatori hanno allestito un programma ricco di iniziative ed eventi. Piazza Roma, a partire dalle 9.00, ospiterà il 12 raduno regionale del Lambretta Club Sardegna, con oltre 100 esemplari che hanno segnato un epoca motoristica sia a livello nazionale sia regionale. Sempre in Piazza Roma, alle 10.00, prenderà il via la sfilata cinofila amatoriale, curata dell associazione Amici del canile di Carbonia, con la partecipazione di decine di esemplari. Nel campo dello spettacolo, a partire dalle e per tutta la giornata, si esibiranno Benito Urgu ed il teatrino dal Vivo in tour Sardegna. Alle è prevista l inaugurazione della Fiera con il saluto delle autorità e del 1 Reggimento Corazzato di Teulada. Alle verrà presentato il libro Su Fueddai nostu, di Sandro Manai, nello stand del Consorzio Fieristico; alle sfilata dei mamuthones di Mamoiada, lungo tutto il percorso fieristico; alle gran finale con il concerto degli Istentales e la partecipazione di Tullio de Piscopo, sul palco dell Anfiteatro di Piazza Marmilla. La casa della carne Macelleria da Raffaele Carni, salumi e formaggi ESCLUSIVAMENTE SARDI La Fiera attira ogni anno a Carbonia migliaia di visitatori da tutta la Sardegna. Quest anno gli espositori saranno 230. Quattordici anni fa si spegneva a Cagliari Padre Filippo Pili Un insigne studioso e umile francescano Il 19 maggio dell anno duemila moriva, in un letto della clinica Villa Elena a Cagliari, Padre Filippo Pili, già Superiore Provinciale dei Cappuccini sardi e professore emerito di Sacra Scrittura e lingua ebraica nella Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna, avendo impegnato gran parte della sua vita nella formazione dei sacerdoti. Profondo conoscitore dell Aramaico, del Fenicio e Latino, pubblicò, traduzioni ed interpretazioni di diverse epigrafi in queste lingue morte. Divenuto Canonico del Capitolo Iglesiente, si dedicò alla ricerca storica sulla diocesi sulcitana, ed in particolare agli aspetti storici relativi alla vita e al culto di Sant Antioco, Martire sulcitano, rintracciando e pubblicando documenti in catalano e castigliano, fino ad allora, sconosciuti. Le sue conoscenze e competenze erano vastissime ed abbracciavano diverse discipline, da quelle teologiche, era infatti erudito esegeta biblico, a quelle storiche e linguistiche, offrendo un fondamentale contributo all approfondimento delle conoscenze storiche riguardanti la diocesi Sulcitan/ecclesiente. è giusto ricordare oggi questo insigne studioso e insieme umile francescano, proprio in questi giorni, nei quali ricorre la festa di Sant Antioco, al cui culto e storia, padre Filippo si dedicò, con grande passione e dedizione, negli ultimi anni della sua vita. Per noi, che avemmo la fortuna di conoscerlo e frequentarlo, fu un maestro prodigo di consigli e sempre disponibile a renderci partecipi, con grande generosità, delle sue conoscenze che erano profonde e multiformi. Con il passare del tempo i nostri rapporti si trasformarono in sincera amicizia che, crediamo, reciproca ed affettuosa. Importante riconoscimento del ministero per i Beni culturali Santa Maria bene di interesse culturale Il ministero per i Beni e le attività culturali ha dichiarato bene di interesse culturale, storico e artistico la Chiesa campestre di Santa Maria di Flumentepido. Attraverso questo provvedimento l opera sarà sottoposta alle dovute azioni di tutela previste dal decreto legislativo 42 del 22 gennaio Edificata nell XI secolo e proprietà dei monaci di Montecassino dal 1066, la chiesa sorge su una piccola altura in prossimità della strada che da Carbonia conduce a Portoscuso. Interessante esempio di edificio è giusto, dunque, ricordare i principali studi storici che pubblicò, relativi al nostro territorio, tralasciando le opere di carattere teologico e di esegesi biblica, che pure furono numerose e fondamentali. I santi Jameus e Jacorius menzionati in una lapide della cattedrale di Iglesias. Breve saggio, nel quale, padre Filippo smontava la tesi secondo la quale i due personaggi citati, i cui resti erano stati rinvenuti nell antica chiesa di San Salvatore ad Iglesias, non erano dei Santi Martiri, ma dei Padre Filippo Pili. notabili cittadini pisani, dato che la sigla B.M. era da interpretare non come Beati Martyri, ma semplicemente come Bonae memoriae. La chiesa di San Pietro di Serrchei. Sant Antioco e il suo culto. Del Process de Miracles del 1593 Le Meraviglie di Sant Antioco, Sant Antioco Martire Sulcitano La visita pastorale di Mons Falletti da un codice inedito del 700 Il santuario della Madonna delle Grazie in Iglesias, scritto in collaborazione con p. Giovanni Zedda Iscrizione neopunica e bollo punico La chiesetta di Santa Maria. inediti, in Speleologia Sarda n 75. Fra Nicola da Gesturi, ultimo suo lavoro pubblicato postumo da p. Giovanni Zedda che fu, prima, un suo affezionato allievo e confratello, poi. Numerose traduzioni di epigrafi in latino e fenicio, la più interessante delle quali rimane la cosiddetta Epigrafe di Barega, scritta in caratteri neopunici, che prende il nome dal luogo del suo ritrovamento. Risulta, inoltre, pressoché impossibile citare qui tutti i numerosi articoli e i brevi saggi, sempre a carattere storico, pubblicati in diversi giornali da padre Filippo, il cui valore venne riconosciuto anche da eminenti studiosi di fama internazionale. è con l ultima immagine che ci è rimasta che vogliamo ricordarlo. Il giovedì 17 aprile andammo, io e mia moglie, a trovarlo nella clinica in cui era degente, allo scopo di vedere lo stato della sua salute, che come sapevamo, da qualche mese andava peggiorando rapidamente, ed anche per metterlo al corrente e ricever qualche indicazione, relativamente all ultimo lavoro che lo aiutavamo a redigere e che, in quei giorni, era in fase di prima battitura. Dopo aver a lungo parlato con lui che mostrava, pur con gli evidenti segni del dolore che lo affliggeva, la consueta amabilità accompagnata sempre da una vena di arguzia, lo salutammo e lui volle abbracciarci stretti e noi conserviamo ancora negli occhi, il suo viso volto verso di noi, quando già sull uscio della camera, nel volgerci indietro con parole di arrivederci lo vedemmo che ci salutava con le due mani levate alte, che si chiudevano e si aprivano nel gesto affettuoso del ciao ed un sorriso sereno sul pallido volto affilato. G.M. e O.D. religioso, mostra un impianto molto semplice, a navata unica senza abside, copertura lignea a capriate e con una facciata con campanile a vela. Nel XVII secolo la piccola chiesa fu arricchita con un portico che ha conservato, fra le sue colonne, ben quattro miliari romani relativi all antica Via Sulcitana, ossia l asse viario che collegava in età romana le due città di Karales (Cagliari) e Sulci (Sant Antioco). Del complesso faceva parte anche un monastero di cui si conservano soltanto alcune piccole tracce ad est dell edificio. Sapori autentici della nostra terra sul lungomare di Carloforte n 47. siamo qui Unitamente a gentilezza e cortesia si effettuano periodicamente offerte vantaggiose e consegne a domicilio. Aperto tutti i giorni, compresa la domenica mattina. Per informazioni e prenotazioni, contattateci al n Vi aspettiamo... La Grande Miniera di Serbariu ha ospitato la 2ª edizione Il fascino delle auto da corsa d epoca Si è svolta il 25 maggio presso La Grande Miniera di Serbariu (Museo Del Carbone), a Carbonia, la seconda edizione dell esposizione di Auto da Corsa ed Epoca Organizzata dalla Sport Motori Carbonia del presidente Carlo Sedda. I partecipanti si sono ritrovati alle 9.30 sul viale che dall ingresso della Grande Miniera conduce ai pozzi dove si sono radunate una trentina di vetture tra auto storiche e da competizione che hanno attirato la curiosità di tantissimi appassionati e turisti in visita al sito minerario che, per l occasione, ha permesso ai presenti la visita della galleria con ingresso a prezzo ridotto. Gli appassionati giunti in miniera hanno potuto ammirare alcune delle vetture che durante le passate stagioni (quest anno, purtroppo, causa problemi organizzativi, non è stato possibile disputare alcune delle principali gare a livello regionale Un auto da cosa d epoca alla Miniera. con grande amarezza dei piloti e non solo) hanno disputato le principali gare automobilistiche in Sardegna, come la classica del territorio, la cronoscalata Iglesias-Sant Angelo e alcune bellissime auto d epoca lucidate per l occasione. La serata si è conclusa con una piccola prova spettacolo con sullo sfondo i bellissimi castelli dei pozzi. Non nasconde la sua soddisfazione, per la riuscita della manifestazione, il presidente Carlo Sedda che rimanda tutti gli appassionati alla prossima edizione e alle nottate del mercoledì a Carbonia, in occasione della manifestazione Nottinsieme quando verranno esposte le vetture dei piloti sulcitani. E conclude ringraziando oltre Museo del Car-bone, il ristorante pizzeria La Grande Miniera che ha offerto un menù a costo competitivo per i partecipanti e, infine, l assessorato dello Sport del comune di Carbonia e gli sponsor. Fabio Murru - Fabiomurru.blogspot.it

12 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 30/05/ Pagina 1 12 Anno XIX N Maggio 2014 Dall 8 al 10 maggio Santadi, Teulada, Sant Anna Arresi e Masainas hanno ospitato le iniziative organizzate dal Gal Sulcis Tre giorni di confronto tra le identità rurali europee Il Gal Sulcis metterà la Dieta Mediterranea, sulla quale nasceranno una fondazione e un centro studi, a disposizione di scuole e Asl. Per tre giorni, dall 8 al 10 maggio, il Sulcis è stato al centro dell attenzione del mondo rurale, con il Simposio delle identità rurali europee, evento organizzato dal Gal Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari, in collaborazione con il Gal Linas Campidano, il Gal Marmilla e il Gal Sarcidano Barbagia di Seulo, nonché il Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna, e realizzato nei comuni di Santadi, Teulada, Sant Anna Arresi e Masainas, nell ambito dei progetti di cooperazione transnazionale medieterranea, Giovani e Sviluppo Rurale e Agrisociale: coltiviamo cittadinanza, finanziati con le risorse della Misura 421 del PSR 2007/2013 della Regione Autonoma della Sardegna. Filo conduttore della manifestazione è stata la cooperazione transnazionale, valorizzata da tre progetti molto partecipati: Progetto Giovani e sviluppo rurale, finalizzato a favorire un approccio positivo al territorio di appartenenza, rafforzando il legame fra i giovani ed il loro territorio ed al superamento del luogo comune secondo il quale, vivere in aree rurali rappresenti una complicazione piuttosto che un valore aggiunto. Il progetto ha coinvolto quattro Gal della Sardegna, un Gal finlandese ed un Gal francese ed ha consentito di presentare ai giovani il mondo rurale e le sue tradizioni attraverso un approccio innovativo, con il cinema ed internet; Progetto MeDIETerranea, finalizzato alla valorizzazione ed alla promozione delle abitudini alimentari dei popoli del Mediterraneo, stile di vita e di alimentazione sano ed equilibrato. Ha coinvolto partner di tre regioni italiane (Sardegna, Basilicata e Veneto) e dell Isola di Malta; Progetto AgriSociale - coltiviamo cittadinanza, con tema centrale l agricoltura sociale: una nuova pratica che incoraggia il reinserimento terapeutico, sociale e lavorativo di soggetti svantaggiati grazie alla produzione di beni agricoli. Nel corso del Simposio si è tenuto il III Evento Internazionale del progetto Giovani e sviluppo rurale, durante il quale sono stati presentati presso il cinema di Sant Anna Arresi, i cortometraggi realizzati a seguito del concorso di idee: La terra: cultura ed identità rurali - Donatori di storie a km 0, a cui hanno preso parte ragazzi sardi, francesi e finlandesi. Momenti fondamentali per la scoperta del territorio alle delegazioni ospitanti sono state le attività ludico creative: l orienteering e la visita al Museo del carbone ed al Museo paleontologico di Carbonia. Il Simposio ha ospitato inoltre l evento inaugurale del progetto medie- Il convegno sulla Dieta Mediterranea svoltosi nella Casa baronale di Teulada. Terranea volto a promuovere gli aspetti legati all alimentazione e ai benefici rappresentati della sua dieta che, attraverso il coinvolgimento attivo di chefs, operatori locali, artigiani, esperti del gusto, verrà rappresentata in una nuova chiave di lettura inedita e moderna. Nella sala riunioni della Casa baronale di Teulada, si sono svolti due convegni di carattere divulgativo-scientifico, nel corso dei quali tutti i presenti hanno potuto degustare il menù Euro-Mediterraneo ed un menù di specialità della Sardegna, dello chef sulcitano Achille Pinna. Gli studenti sono stati i veri protagonisti. A loro è stato dedicato un incontro specifico, durante il quale sono stati presentati i principali risultati ottenuti attraverso l azione 3 del progetto di cooperazione medieterranea: un cartone animato, un libro cartaceo ed ebook realizzati grazie ai racconti delle scuole elementari dei territori ricadenti all interno delle aree Gal partner del progetto. Nell ambito dell incontro didattico-divulgativo, è stato anche proposto un momento ricreativo, durante il quale è stata offerta ai bambini una colazione a km 0. Nella piazza Marconi di Santadi, il 9 e 10 maggio è stato allestito il Villaggio delle identità rurali europee, una vetrina espositivo-informativa che ha ospitato 45 stand dei produttori locali, delle imprese del settore agricolo ed enogastronomico, delle istituzioni, delle scuole e dei soggetti che a vario titolo intervengono nella promozione dello sviluppo rurale. A Santadi, presso il Museo del vino e presso Sa Domu Antiga, si sono alternati in una serie di show cooking quattro affermatissimi chef sardi (Achille Pinna, Roberto Petza, Luigi Pomata e Stefano Deidda) ed i loro colleghi chefs rappresentanti delle regioni partners del progetto MeDIE- Terranea. I Laboratori del gusto, tenuti da esperti del settore agricolo ed enogastronomico sono stati invece dedicati all olio, al vino, al pane ed al formaggio. è stato inoltre presentato il progetto pilota relativo all Agrinido all interno del progetto di cooperazione transnazionale Agrisociale, coltiviamo cittadinanza. «Siamo soddisfatti per i risultati raggiunti - spiega Luciano Cristoforo Piras, presidente del Gal Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari - in particolare per la qualità dei convegni e degli show cooking, molto partecipati, e per il coinvolgimento delle scuole del territorio. Il manuale dei prodotti tipici della Dieta Mediterranea per l uso quotidiano è uno strumento che il nostro Gal metterà a disposizione di scuole ed Asl. Costituisce motivo di orgoglio sapere che per la valorizzazione della Dieta Mediterranea nasceranno una fondazione ed un centro studi.» Luciano Piras non nasconde che non tutto sia andato per il verso giusto. «Probabilmente abbiamo trascucrato qualcosa - ammette Piras - e nel Villaggio non tutto è andato come avremmo voluto. Circa il non elevato numero di presenze, ci tengo a sottolineare che il nostro impegno è stato incentrato più sulla qualità che non sulla quantità dlele presenze. Se Le scuole del Sulcis hanno partecipato con entusiasmo al Simposio. 45 espositori hanno animato il Villaggio nella Piazza Marconi di Santadi. Achille Pinna, Stefano Deidda e Luigi Pomata, protagonisti con Roberto Petza degli show cooking. avessimo voluto fare numeri, avremmo organizzato un grande evento di spettacolo, spendendo magari grandi risorse, ma abbiamo preferito far diventare protagoniste le persone coinvolte e in particolare i giovani. A questo riguardo mi fa piacere sottolineare la grande risposta ricevuta dagli istituti scolastici del territorio.» Giampaolo Cirronis Dallo scorso 12 maggio i due siti sono aperti alle visite Iglesias apre le porte del Municipio e dello splendido Castello Salvaterra AIglesias da lunedì 12 maggio il Castello Salvaterra e il Palazzo Civico Comunale sono aperti ai visitatori con il seguente orario: Castello Salvaterra: lunedì dalle 9.30 alle 12.30, martedì dalle alle 19.30, mercoledì dalle 9.30 alle 12.30, giovedì dalle alle 19.30, venerdì e sabato dalle 9.30 alle e dalle alle Palazzo Civico Comunale: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle e dalle alle 19.00, sabato dalle 9.00 alle Per informazioni sugli orari di fruizione dei siti e sugli eventi cittadini è possibile visitare il sito www. sportelloiatiglesias.it. Nei siti opererà il personale acquisito dal comune di Iglesias tramite la Regione. Il Municipio. 53 anni fa inaugurarono il Liceo Scientifico di Carbonia Gli studenti della 1ª A dell a.s. 1961/62 Si sono ritrovati intorno ai tavoli di un ristorante, il 24 maggio, al centro di Carbonia, 53 anni dopo. Sono gli studenti della 1ª A che nell anno scolastico 1961/62 inaugurarono il Liceo Scientifico di Carbonia. La classe era formata da 19 allievi, tre dei quali, purtroppo, non ci sono più: Gianni Capiali, Angelo Ceccherini e Giancarlo Murtas. Questi gli altri 16 componenti di quella classe: Rita Obino, Franca Marcus, Anna Bazzoni, Giacomo Guadagnini, Rudy Sostera, Gigi Masala, Davide Usai, Giorgio Pani, Oriano Pili, Mario Frau, Marisa Corona, Ines Pinna, Luciana Cossu, Mario Cossu, Bruno Vandelli e Carlo Mammarella. A Carbonia si sono ritrovati in 11, a ricordare momenti belli e meno belli della loro gioventù e della carriera scolastica. Gli studenti della 1ª A 1961/1962 si sono ritrovati a Carbonia, dopo 53 anni. L associazione dei carabinieri ha dedicato la sezione locale Sant Antioco ricorda Marco Pittoni, il giovane sottotenente di Villarios èstata la madre di Marco Pittoni, il tenente dei carabinieri di Villarios medaglia d oro alla memoria, a tagliare il nastro inaugurale della sede di Sant Antioco dell associazione nazionale dei carabinieri in congedo dedicata a suo figlio. è stato l epilogo, tra la commozione dei presenti, della cerimonia organizzata dall associazione cittadina dei carabinieri in congedo e dal Comando provinciale dell Arma, di dedicazione della sede di piazza Italia. La manifestazione, alla presenza di amministratori comunali cittadini e dell hinterland, autorità civili, militari e religiose, è iniziata alle 10,30 con la Santa Messa concelebrata dal vescovo di Iglesias, monsignor Giovanni Paolo Zedda, con i tre sacerdoti delle parrocchie cittadine. Per l occasione, nella chiesa di Santa Maria Goretti è stato esposto l altorilievo, realizzato dallo scultore cittadino l architetto Angelo Marongiu, che raffigura Marco Pittoni. Dopo la messa, tra lo sventolare di bandiere, insegne e labari si è snodato un corteo che ha raggiunto la sala consiliare. Presente il comandante della Sardegna, generale Antonio Bacile, il comandante della Compagnia di Carbonia capitano Giuseppe Licari, il presidente dell associazione sarda dei carabinieri in congedo, colonnello Antonio Casu, comandanti di stazione del territorio, amici e commilitoni, è stata commemorata la figura dell ufficiale dei carabinieri, medaglia d oro al valore militare, ucciso il 6 giugno 2008, all età di 32 anni, nell ufficio postale di Pagani, nel corso di una rapina. Dalla sala consiliare, infine, accompagnato dal suono della banda musicale, il corteo ha raggiunto Piazza Italia, per la cerimonia di inaugurazione della sede e la benedizione della targa da parte del vescovo di Iglesias. «Un momento di incontro bello e importante - ha sottolineato Paolo Locci, presidente dall associazione cittadina - che contribuisce a rinnovare l impegno dell associazione verso la città.» Non meno soddisfatto il comandante della Compagnia dei carabinieri di Carbonia. «Una grande partecipazione di cittadini che si sono voluti stringere intorno all associazione dei carabinieri in congedo - ha sottolineato Un momento della cerimonia officiata dal vescovo, mons. Giovanni Paolo Zedda. La cerimonia svoltasi in sala conisiliare. il capitano Giuseppe Licari - che ha voluto intitolare la propria sezione, impegnata in attività sociali e di volontariato, ad un ragazzo del territorio che ha dato la propria vita in difesa dei cittadini.» Tito Siddi

13 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 29/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio Il 1 aprile il Club Alpino Italiano di Modena ha organizzato la presentazione del libro Avvenimenti accaduti in tempi quasi lontani «Viaggio nella Modena che lasciai 40 anni fa» La città è quasi uguale nel centro storico, ma assai differente nella periferia, molto cresciuta, con una popolazione multietnica. I Sassi di Rocca Malatina. Nelle prime pagine del libro Avvenimenti accaduti in tempi quasi lontani, oltre alla mia fanciullezza, descrivo la passione per la montagna. Il Club Alpino Italiano di Modena ha voluto onorarmi per i miei trascorsi d alpinista su ghiaccio e roccia ed ha ospitato la presentazione. Nella seconda parte dell autobiografia vi è la descrizione dei miei trascorsi di impiantista ceramico, del mio andare su e giù per il mondo facendo il consulente e lo stilista, ma c è pure cosa ho fatto in Sardegna nel settore del turismo e dell insegnamento dei tesori culturali sardi negli Istituti di Stato ad Arbus, Settimo San Pietro, Villamassargia e Pula (nei 58 corsi professionali ho insegnato geografia turistica a 658 allievi). A Modena vi sono molte persone che amano la Sardegna quanto me e la seconda parte della presentazione è stata dedicata all isola. Mentre descrivevo itinerari, apparivano le immagini scattate da Eugenio Carrano nel corso di un raid in auto fuoristrada che ha iniziato ad Olbia ed ha terminato nel Sud Ovest sardo, dopo aver attraversato il Nuorese e l Oristanese. Le bellissime fotografie hanno fatto andare in visibilio il pubblico presente, tra i quali: cicloturisti, appassionati di escursioni con mountain bike, alpinisti, autofuoristradisti e capi area vendita piastrelle in nazioni europee ed asiatiche che ogni anno fanno le loro vacanze in Sardegna. La presentazione è avvenuta il 1 aprile e non è stata un pesce, uno scherzo, anzi è stato qualcosa che mi ha onorato ed appagato. Nei giorni successivi mi sono fatto accompagnare dagli amici in vari luoghi dell Appennino modenese, quindi nel Mantovano, a Sabbioneta ed in Valmarecchia (Cesena - Rimini). La mia Modena, lasciata quarant anni fa, l ho trovata quasi uguale nel centro storico, ma assai differente nella periferia: enormemente estesa con bei rioni eleganti e pieni di verde, intervallati da grandi parchi, ma con traffico automobilistico caotico, nonostante l infinità di rotonde. Ho osservato che i modenesi sono ridotti al 30% della popolazione, sopraffatti da un enormità di cinesi, africani ed iraniani ed ho notato l infinità di serrande chiuse nell immediata periferia del centro storico. Mi è balzata all occhio la nuova moda di molti bar che danno possibilità ai clienti, oltre che dissetarsi, di mangiare a tutte le ore, non solo paste e cornetti ma pure pizze, piatti di pasta, insalate miste e le classiche tipicità modenesi quali le crescentine (chiamate erroneamente tigelle) e gnocco fritto. Preciso che le tigelle erano le piastre di sasso ove si cocevano nel camino le crescentine: focaccine di pane che, ancora calde, tagliate a metà, farcite con lardo, formaggio, coniglio alla cacciatora, prosciutto, etc., costituivano il pane e companatico per Modena - Il monumento ai Caduti della Grande Guerra. molte famiglie dell Appennino modenese. Domenica 30 marzo, giorno di arrivo all aeroporto di Parma, mio figlio Roberto mi ha accompagnato nei luoghi più frequentati di Modena. Parcheggiato al di fuori del centro (interdetto alle auto) e girovagato sui marciapiedi, abbiamo sorseggiato un caffè sotto la svettante e bellissima Ghirlandina (la torre pendente più bella che c è), abbiamo osservato le sculture di Wiligelmo, maestro del romanico italiano (1100) e siamo entrati nel Duomo, gremito di turisti. L enorme costruzione, capolavoro dell architettura romanica in Emilia, fu progettata da Lanfranco che diresse i lavori, a partire dal Mi sono preso la soddisfazione di spiegare a mio figlio l arte eccelsa dei maestri campionesi, particolarmente di Anselmo, principale artefice delle sculture che ornano la balconata, poi ho fatto notare le particolarità del presepio marmoreo del Begarelli (1500). Nella cripta ho visto mio figlio stupirsi al cospetto delle statue in terracotta a grandezza naturale di Guido Mazzoni, eccelso modellatore di potente realismo espressivo. Nell attesa venisse l ora del rendez vous con i tanti amici in una trattoria modenese, siamo andati a vedere la casa dove sono nato, oggi sede di una banca. Il pomeriggio del lunedì, sono stato accompagnato in un luogo paesaggistico che da ragazzo ho amato moltissimo: i Sassi di Rocca Malatina, prospicienti la vallata del Fiume Panaro, in un apoteosi di ciliegi in fiore. Il martedì (primo aprile) c è stata la presentazione per la quale hanno organizzato tutto gli amici. Il mercoledì ho visitato l areale montano, con sentieri per escursionisti in mountain bike, non trascurando la visita alla chiesa romanica di Rocca Santa Maria. Il giovedì ho visitato la Città Ideale : la splendida Sabbioneta ove Vespasiano Gonzaga profuse il suo ingegno cinquecentesco, non ho trascurato Mantova (Palazzo Ducale). Venerdì ho vistitato San Leo in Valmarecchia e la deliziosa Pennabilli (Città amica degli artisti di strada). Caterno Cesare Bettini 400 studenti hanno seguito le lezioni tenute dalla Guardia Costiera Tutti a lezione di sicurezza e legalità La prevenzione nasce anche da una cultura di sicurezza e legalità, messaggio questo che ogni anno la Guardia Costiera porta nelle scuole di tutto il territorio nazionale. I militari dell Ufficio Circondariale Marittimo di Portoscuso, guidati dal Tenente di Vascello Matteo Prantner, hanno aderito all iniziativa svolgendo lezioni a circa 400 alunni di 5 istituti scolastici locali che gentilmente hanno sacrificato preziosi momenti di formazione dedicandoli all iniziativa (Scuola Media Angius Portoscuso, Istituto Minerario Asproni Iglesias, Scuola Media Arborea Iglesias, Scuola Media Villamassargia, Istituto Professionale Industria ed Artigianato Ferraris Iglesias). Il comandante Matteo Prantner. Le lezioni sono state condotte con l ausilio di filmati e di presentazioni multimediali per dare un messaggio facilmente comprensibile e duetto. Sono state molte le domande da parte degli studenti denotando un apprezzabile interesse dei giovani, anche dei giovanissimi, all ambiente mare e alle innumerevoli tematiche che la Guardia Costiera svolge quotidianamente. Soccorsi a mare, sicurezza della navigazione, rispetto dell ambiente e controllo della filiera ittica sono solo alcuni dei temi trattati durante le lezioni. Grazie alla disponibilità dell Associazione Marinai di Italia di Portoscuso e Iglesias, è stato inoltre possibile portare in aula anche le esperienze e le testimonianze di chi il mare lo ha vissuto anche in passato, con la passione di chi ancora oggi è fiero di sentirsi marinaio. Nuovo traguardo del Centro Italiano della Cultura del Carbone La Grande Miniera tra i siti più visitati Il CICC - Centro Italiano della Cultura del Carbone della città di Carbonia ha ottenuto un altro importante risultato. Il sito internet Sardegna Remix ha pubblicato una classifica relativa alle attrattive delle Sardegna dell interno (escludendo quindi spiagge e luoghi di mare), basandosi sui dati di preferenze e recensioni raccolte da Tripadvisor, uno dei principali portali che si occupano di viaggi e turismo. In questa classifica il CICC si posiziona al quinto posto. Il Centro Italiano della Cultura del Carbone, nato nel 2006 come associazione tra il comune di Carbonia ed il Parco Geominerario Storico e Ambientale, nel corso degli anni si sta affermando sempre di più come metà di attrazione turistica e culturale, spesso teatro di Uno dei pozzi della Miniera. mostre e diverse iniziative. Inserito all interno della Grande Miniera di Serbariu, il CICC è dotato di un Museo del Carbone e di una galleria sotterranea. Nello stesso spazio della Grande Miniera di Serbariu al CICC si affiancano: il Museo Paleoantologico E.A. Martel e la Sezione di Storia Locale. Il Museo del Carbone ha ricevuto il Certificato di Eccellenza 2014 da parte di TripAdvisor, il portale web di viaggi che raccoglie le recensioni dai viaggiatori di tutto il mondo. L encomio è riconosciuto solo alle strutture che con costanza ricevono recensioni eccellenti da parte dei viaggiatori di TripAdvisor. Solo il 10% delle migliori strutture presenti su TripAdvisor ha l onore di ricevere questo prestigioso premio. è stata inaugurata ed ha iniziato l attività la struttura comunale Nuovo alloggio per gli anziani di Teulada èstata inaugurata ed ha iniziato l attività, a Teulada, la comunità alloggio per anziani, situata nel centro del paese (foto di Enrico Cambedda). La struttura è stata progettata come casa di riposo e costruita negli anni ottanta. Chiusa per anni e oggetto di saccheggi vandalici, dopo mille vicissitudini che ne hanno ritardato l apertura è stata utilizzata negli ultimi anni dapprima come sede di associazioni di primo soccorso (118) in seguito come sede del centro di aggregazione sociale per varie categorie di cittadini, in particolar modo per anziani. In essa si svolgevano attività ricreative solo diurne. L Amministrazione comunale guidata dal sindaco, Daniele Serra, che ha tagliato il nastro inaugurale (alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il parroco, don Nino Dore, che ha benedetto la struttura, ed il sindaco di Masainas, Ivo Melis), è riuscita a porre in pratica gli adattamenti e le modifiche necessarie per concludere l iter autorizzativo che da ora in poi consente l apertura e la messa in funzione della parte più importante: il centro notturno. Moderne camere da letto (sia singole che doppie) dotate di tutti i comfort sono in grado di ospitare al momento fino a 16 utenti, ma si sta già ragionando sul futuro prossimo per la possibile predisposizione e apertura anche di un altra ala della struttura che con altrettante camere costituirebbe una casa protetta in grado di ospitare anche anziani non autosufficienti. L inaugurazione della comunità alloggio di Teulada. A questo si aggiunge una cucina attrezzata in grado di fornire pasti caldi e spazi comuni arredati e gradevoli. All esterno un giardino ben curato e spazi per attività all aperto. Dal 5 maggio la struttura accoglierà gli ospiti 24h su 24h a cui durante il giorno saranno affiancate anche altre attività ricreative (corsi di cucina, giochi di società, ricamo, etc.) a cui parteciperanno anche anziani esterni alla comunità alloggio, garantendo la massima integrazione e socializzazione e la migliore condizione di qualità della vita. La struttura è comunale ma la gestione è stata affidata ad una coop sociale, la Coop. Sant Anna, che impiega personale di Teulada. L importanza e la strategicità di tale apertura è evidente, specie in una comunità come quella di Teulada, in cui la popolazione anziana rappresenta un importante componente della popolazione totale e che è geograficamente lontana da altri centri urbani dotati di tali servizi. Si è concluso il ciclo di 7 lezioni tenuto da Roberto lezioni Come cresce la passione per la viticoltura Si è concluso domenica 27 aprile con la prova pratica di potatura verde, il ciclo dei sette appuntamenti di viticoltura dal titolo: Tutela, recupero e salvaguardia dell alberello latino a Piede Franco (carignano del Sulcis). I corsi sono stati curati dal docente Roberto Matzeu (Next In Wine 2013), neopremiato dalla Scuola Italiana di Potatura come il miglior talento Vigna Italia 2013, alla serata Bibenda Dopo la vittoria del titolo, Roberto Matzeu promise che avrebbe utilizzato la fama e la notorietà che il titolo gli avrebbe conferito per permettere anche ad altri giovani di apprendere l arte del saper fare in vigna, in modo tale che molti giovani potessero avvicinarsi a questo mestiere. «Ancora una volta - ha commentato Roberto Matzeu - abbiamo sfidato la pioggia dimostrando che l interesse per la vigna e il Carignano sta ritrovando la giusta rilevanza.» L iniziativa è stata molto apprezzata ed ha avuto una grande partecipazione. Appassionati e addetti ai lavori, giovani e meno giovani sono giunti anche dai comuni vicini. Roberto Matzeu si è detto molto soddisfatto ed ha aggiunto che mai avrebbe pensato che gli incontri avrebbero ottenuto un così grande successo. «Sono stati numerosi gli apprezzamenti anche da professionisti e addetti al settore che - La lezione di fine corso di Roberto Matzeu. spiega Roberto Matzeu - mi convincono ancora di più che la strada intrapresa sia quella giusta e mi spingono a fare sempre meglio.» L evento è stato patrocinato dall Amministrazione comunale di Sant Antioco che ha gentilmente messo a disposizione l aula I Sufeti e grande sostegno è arrivato anche dalle Cantine Sardus Pater di Sant Antioco (dove Roberto Matzeu lavora) che sempre di più crede nei giovani e nel futuro viticolo dell Isola. Il corso si è concluso con il rilascio di ben 65 attestati di partecipazione gentilmente concessi della stessa Sardus Pater, al fine di ufficializzare l iniziativa. Roberto Matzeu ha altri progetti per il futuro, tra i quali la pubblicazione di un libro, nel quale raccoglierà tutto il lavoro fin qui svolto.

14 IL NUMERO :IL NUMERO 181 3/10 29/05/ Pagina 1 14 Anno XIX N Maggio 2014 Lunedì 9 giugno, alle 20.30, il concerto andrà in scena grazie al sostegno dei Rotary Club e dell associazione Spina Bifida Il Quartetto Accardo per beneficenza al Lirico La serata è finalizzata a raccogliere fondi per sostenere la campagna regionale di prevenzione delle malformazioni congenite. Il prestigioso Quartetto Accardo, form a z i o n e creata da Salvatore Accardo nel 1992 e composta, oltre che dal celebre violinista to- Cinzia Crobu. rinese, anche da Laura Gorna (violino), Francesco Fiore (viola), Cecilia Radic (violoncello), il 9 giugno, alle 20.30, si esibirà in uno straordinario concerto di beneficenza al Teatro Lirico di Cagliari. Il programma musicale della serata prevede: Quartetto per archi in sol minore op. 10 di Claude Debussy (Saint-Germain-en-Laye, Parigi, 1918) e Primo Quartetto per archi in Re maggiore op. 11 di Petr Il ic Čajkovskij (Kamsko-Votkinsk, governatorato di Vjatka, San Pietroburgo, 1893). La serata, come anticipato nei titoli, è organizzata dal Rotary Club di Cagliari, al fine di raccogliere fondi e consensi a favore della campagna regionale di prevenzione delle malformazioni congenite, sostenuta dai Rotary Clubs della Sardegna, insieme all Associazione Spina Bifida. I suoi primi passi li fai tu è il titolo della campagna promossa per combattere le malformazioni congenite. è necessario chiarire, fin da subito, che la salute del bambino nasce nel ventre materno. Proprio alle madri viene chiesto di attenersi a stili di vita sani, ad un alimentazione corretta che prevenga l obesità e, soprattutto, viene raccomandata loro l assunzione di acido folico per concepire un bimbo sano ed evitare il rischio della spina bifida. Alla conferenza stampa di presentazione del concerto è intervenuto, autorevolmente, il dott. Giuseppe Masnata responsabile della struttura di Urologia ed Urodinamica del Brotzu, il quale ha curato la parte scientifica della campagna del Rotary, insieme all Asbi Sardegna, Associazione Spina bifida e idrocefalo per la Sardegna. è emerso dalle sue considerazioni che l acido folico è «una vera e propria vitamina della vita»: è come se noi avessimo una porta molto più stretta e dovessimo far entrare una quantità maggiore di roba. Per forzarla bisogna caricarla a monte con una sostanza che è una vitamina del gruppo B, l acido folico. «Ne basta una quantità irrisoria», ha dichiarato Masnata alla collega Francesca Cardia, dal cui lavoro riporto alcuni virgolettati tratti da www. sarde gnamedicina.it/content/acido-folico contro-la-spina-bifida. «La base del difetto sta in un problema metabolico: si creano dei danni all embrione per un non arrivo di determinate sostanze. L acido folico non fa altro che forzare questo metabolismo che è congenitamente debole.» Di cosa si tratta, tecnicamente e come si presenta la spina bifida? «La spina bifida è una fuoriuscita del midollo da una scatola che non è altro che un tubo, il tubo neurale. Il tubo neurale nell embrione si forma partendo dal piatto neurale che si piega su se stesso, con le estremità che si uniscono in una forma a tubo. Questa scatola non è altro che la colonna vertebrale che si sta formando, con dentro la parte nobile che è la prosecuzione del sistema nervoso centrale, il midollo spinale. Se c è una carenza di acido folico, in soggetti geneticamente predisposti, fuoriesce il midollo come se fosse un ernia, a seconda del punto in cui rimane aperto si avrà un danno. Nelle spine bifide chiuse non fuoriesce all esterno, ma c è sempre un danno midollare, per cui è un difetto che può essere non riconosciuto alla nascita. è pieno di bambini che all età di tre anni, alla sospensione del panno continuano a farsi addosso, ad essere incontinenti, e allora i genitori li portano da noi. La spina bifida manifesta è una pseudo-urgenza neonatale, nel senso che il bambino dovrebbe essere trattato e operato dal neurochirurgo entro le prime 48 ore di vita per evitare il rischio di infezione. Il canale da cui fuoriesce il liquor, il liquido celebrale, è aperto, ci sono questi due buchini, uno superiore e uno inferiore, che rimangono aperti e c'è molto forte il rischio meningite e infettandosi, tra l altro l intervento può essere aggravato da complicanze. Ma a parte questo aspetto, non ci sono grossi problemi per il bambino con spina bifida aperta. è quasi impossibile non riconoscere una spina bifida aperta, il cosiddetto mielome- Tre componenti del Quartetto Accardo. ningocele, si rileva con l ecografia, poi ci sono il tritest, l alfatest, se i valori sono alterati si vanno a cercare altri segni.» Prevenzione ed informazione, dunque, sono fondamentali ed a questo proposito è importante accorrere numerosissimi al Lirico ed assistere al concerto, contribuendo alla causa e finanziando la ricerca. «In Emilia Romagna da anni non nasce più un bambino con spina bifida. Questo dato è rilevabile perché in quella regione esiste il registro delle malformazioni congenite. Noi sul territorio nazionale abbiamo un rilevamento dei dati a macchia di leopardo, in Sardegna non esiste un registro delle malformazioni congenite. Noi seguiamo pazienti in tutta la Sardegna e continuiamo a seguirli da adulti - continua Masnata -. Non tutti hanno una paralisi completa degli arti inferiori, a seconda del punto in cui c è la fuoriuscita di midollo le lesioni sono differenti, alcuni portano dei tutori e possono deambulare, altri sono completamente bloccati e costretti in carrozzina. Più è bassa la lesione, meglio è, ma questo non elimina mai il problema fondamentale: l incontinenza sfinterica. Avere la vescica malata dalla nascita porta a reflussi e infezioni delle vie urinarie che rovinano i reni. Chi ha dato la speranza di migliore vita sono quelli che hanno inventato il cateterismo intermittente. Tutti i pazienti con spina bifida che hanno la vescica neurogena devono introdurre quotidianamente un catetere, almeno cinque volte al giorno, per svuotare la vescica e poi prendono dei farmaci, che normalmente sono degli anticolinergici, per controllare la vescica ed evitare le infezioni con un danno renale. Tutti i pazienti andavano a finire in dialisi, avevano un insufficienza renale cronica con una speranza di vita, soprattutto in altri tempi, ridotta. Dei nostri pazienti seguiti dalla nascita, non ce n è uno in insufficienza renale.» Come sottolinea la Cardia nel dossier, Masnata segue circa cinquanta pazienti con la spina bifida al Brotzu, di tutte le età. Nonostante ciò, la giunta regionale non ha mai promulgato una legge per riconoscere un centro della spina bifida. Ufficialmente non esiste. E Masnata segue quasi in modo volontaristico i pazienti con la spina bifida insieme al carico di lavoro quotidiano del reparto. «Attualmente per le uropatie malformative ne seguiamo duemila e arrivano da tutta la Sardegna, sono bambini che hanno necessità di assistenza, tanti sono a rischio di dialisi.» Questa complessa malformazione congenita è, inoltre, una delle più costose da trattare, per questo è bene ribadire che la mortalità e la disabilità causata dalle malformazioni congenite possono ridursi dal 30 al 70% con iniziative di prevenzione. Il Rotary Club Cagliari sta portando avanti l iniziativa insieme alle 600 farmacie della Sardegna, ai medici, alle radio ed ai media per prevenire le malformazioni congenite: sul sito campagnarotary.it/ è disponibile il materiale informativo in corso di distribuzione in tutte le farmacie e da tutti i medici di base dell Isola. Plauso al Teatro Lirico cagliaritano ed agli artisti che si presteranno a dar lustro a questa iniziativa, tra tutti il Maestro Accardo, che andiamo a conoscere meglio. Salvatore Accardo, classe 1941, è considerato uno dei maggiori talenti violinistici della scuola italiana del Novecento. Il suo repertorio spazia dalla musica barocca a quella contemporanea e compositori quali A. Piazzolla, W. Piston e I. Xenakis hanno scritto appositamente per lui alcune loro opere. Basta dare uno sguardo alla biografia del Maestro per comprendere la straordinarietà del suo percorso professionale ed umano: come dicevamo, nato a Torino, da una famiglia originaria del napoletano, figlio di un incisore appassionato di musica classica, all età di 3 anni ha imbracciato per la prima volta un violino. Suonando ad orecchio la canzone Lili Marleen, ha iniziato ad esercitarsi in casa per poi iniziare gli studi - ad otto anni con il maestro napoletano Luigi D Ambrosio - e sostenendo, due anni dopo, l esame di compimento inferiore presso il Conservatorio di Majella. Nel 1954 il giovane Accardo ha superato il compimento medio con dieci e lode e pochi mesi dopo si è esibito in pubblico eseguendo l integrale dei Capricci di Niccolò Paganini, divenendo uno «dei pochi solisti in grado di eseguirli tutti ventiquattro in una sola serata». Siamo nel 1956 quando, appena quindicenne, consegue il diploma in violino, per poi essere iscritto ad honorem all Accademia Chigiana di Siena, perfezionandosi sotto la guida di Yvonne Astruc (a sua volta allieva di George Enescu). Nell ottobre 1958, a 17 anni, Accardo vince a Genova il Premio Paganini, divenendo uno dei più giovani vincitori. Da questo momento inizia la collaborazione con le più importanti orchestre del mondo, sempre emergendo con successo, ed esibendosi a volte come direttore di formazioni cameristiche. Ideatore, nel 1971, del Festival Le settimane Musicali Internazionali di Napoli, nel 1979 suona il concerto per violino di Alban Bergnella al Conservatorio Verdi di Milano, per il Teatro alla Scala; nel 1982 suona la Sinfonia concertante per violino, viola e orchestra di Mozart, diretto da Claudio Abbado alla Scala. Ancora a Genova, nel anno del bicentenario della nascita di Niccolò Paganini suona i 24 Capricci di Paganini sul Cannone, con il Guarneri appartenuto al celebre virtuoso genovese. Lo stesso fece in molte altre città italiane ed europee: nel 1985 suona il Concerto per violino di Berg nel Teatro alla Scala. Sono sempre la passione per la musica da camera e l interesse per i giovani a portare Accardo nel 1986 all istituzione di rinomati corsi di perfezionamento per strumenti ad arco della Fondazione W. Stauffer di Cremona e nel 1992 alla creazione del Quartetto Accardo, che vedremo esibirsi a Cagliari il 9 giugno. Innumerevoli i premi ed i riconoscimenti, ottenuti durante la carriera dal Maestro: nel 65 è insignito del titolo di Grande Ufficiale dell ordine al merito della Repubblica Italiana, nell 82 cavaliere di Gran Croce. Nel 1996 il Conservatorio di Pechino lo ha nominato Most Honorable Professor e numerosi altri. Inoltre, sempre nel 1996, Accardo ha ridato vita all Orchestra da Camera Italiana (O.C.I.), formata dai migliori allievi dei corsi di perfezionamento della Walter Stauffer Academy di Cremona. Tra i suoi allievi più famosi citiamo: Francesca Dego, Franco Mezzena, Anna Tifu. Insomma una occasione da non perdere, non manchiamo con il duplice scopo di dare il nostro contributo alla ricerca e per assistere ad una serata unica. La biglietteria, esclusivamente in occasione della campagna abbonamenti per la Stagione lirica e di balletto 2014, è aperta dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle e dalle alle Per informazioni: biglietteria del Teatro Lirico, via Sant Alenixedda, Cagliari, tel Cinzia Crobu Successo per il concerto di Primavera al Teatro Centrale La banda Bellini non delude mai La banda musicale Vincenzo Bellini, dopo mesi di intense prove si è cimentata in una nuova esecuzione al Teatro Centrale di Carbonia. Come da tradizione, il Concerto di Primavera è stato strutturato in due tempi: il primo ha visto l esecuzione di brani classici (con uno sguardo alla modernità, dal momento che si è partiti da stralci della Peer Gynt suite n 2 -Op. 55 di Grieg, proseguendo sempre nell ottica della musica descrittiva, con brani di Borodin e Ketelbey) ed il secondo dedicato ai brani di musica per banda. Alla guida dei circa trenta musicisti la Maestra Caterina Casula che ha, sapientemente diretto il gruppo, garantendo un esibizione strutturata e curata, come è già avvenuto nelle ultime performance della banda Bellini, che hanno visto un grande afflusso di pubblico e ottime recensioni dagli addetti ai lavori. Insomma: non solo marce, ma impegno e studio finalizzati a progredire sempre, migliorando. La manifestazione è stata realizzata con il patrocinio del comune di Carbonia (assessorato alla Cultura) e con il patrocinio dell assessorato regionale Sport, cultura e spettacolo) l 11 maggio, al Teatro Centrale. L ingresso è stato libero e gratuito. Riporto, come da locandina, i brani eseguiti: I parte: Solveig s song - From Peer Gynt Suite n 2 - op. 55/ E. Grieg; Arabian Dance - From Peer Gynt Suite - n 2 - op. 55/ E.Grieg; In the steppes of Central L esibizione della banda Bellini nella Grande Miniera per La Notte dei Musei. L Ufficio Circondariale Marittimo Guardia Costiera di Portoscuso ha pubblicato sul suo sito internet www. guardiacostiera.it/portoscuso, l ordinanza balneare 10/2014 valida nel territorio tra Punta e Trettu e Capo Pecora. L ordinanza emanata abroga la precedente 13/2011 e rappresenta un necessario aggiornamento dovuto ad una normativa di settore sempre in evoluzione. La nuova ordinanza balneare emanata non avrà oneri e non rappresenterà una rivoluzione in termini di prescrizioni e dotazioni di salvamento, risultando così indolore per gli operatori del settore. Le novità rappresentano la disciplina di attività prima non contemplate, tra le quali la disciplina della Asia - A. Borodin; In the Mystic land of Egypt - Ketelbey. II parte: Carthago - A. Loretan; Poseidon - H. Richards; Adventure! - M. Gotz. Sabato 17 maggio, presso la Grande Miniera di Serbariu la banda si è esibita in occasione de La Notte dei musei, riscuotendo grande successo e ripetendo un esperienza molto positiva avvenuta in passato. C.C. Carbonia in festa per il 6 campionato di calcio a 5 Fisdir Lo sport ha un grande valore sociale Si è conclusa nella tarda mattinata di domenica 25 maggio, al Palazzetto dello Sport di Via delle Cernitrici, a Carbonia, la fase finale del campionato italiano di calcio a cinque della Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale (Fisdir). La manifestazione è stata organizzata dalla Polisportiva dilettantistica Girasole di Carbonia, in collaborazione con la Fisdir regionale ed il patrocinio del comune di Carbonia. Hanno partecipato 12 squadre provenienti da 7 regioni italiane. Le categorie coinvolte sono state tre: promozionale, agonistico ed élite. Queste le classifiche finali. Categoria Promozionale. 1ª Unione famiglie handicappati (Lazio); 2ª Parco de Riseis (Abruzzo); 3ª Centro Serapide (Campania); 4ª Briantea 84 (Lombardia). Categoria Agonistico. Classifica Finale. 1ª Obiettivo Uomo (Campania); 2ª Quarto Tempo (Toscana); 3ª Apd Vharese (Lombardia); 4ª Polisportiva Girasole (Sardegna); 5ª Nuova Polisportiva de Rossi (Lazio). Categoria Elite. 1ª Disabili Erei (Sicilia); 2ª Polisportiva Paolini (Sicilia); 3ª Briantea 84 (Lombardia). Al termine dello spareggio tra la Obiettivo Uomo (Campania) e la Quarto Tempo (Toscana), vinto dai campani ai rigori, sono state effettuate le premiazioni, in un clima di festa, alla presenza del sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti, La cerimonia inaugurale. e degli assessori allo Sport, Fabio Desogus, e alle Attività produttive, Giampaolo Puddu. La nuova ordinanza della Guardia Costiera di Portoscuso Norme per garantire la sicurezza in mare Il comandante Matteo Prantner. Al di là dell aspetto sportivo, la manifestazione, per quattro giorni, Il campionato ha mostrato un eccellente livello tecnico di diverse squadre. è stata anche una grande occasione di promozione del Sulcis a fini turistici. attività sportivo-nautica denominata Ray-Board, Snorkeling trainato, Seafly, Sub-wing o sunferboard e locazione e noleggio delle unità da diporto utilizzate anche in attività ricreative e turistiche locali, con l introduzione del previsto noleggio occasionale. Per garantire la sicurezza della navigazione ed un estate piacevole senza rischi, la Guardia Costiera invita a prendere visione dell ordinanza, strumento normativo adesso al passo con i tempi e con le nuove esigenze del settore nautico e balneare. Unitamente ad altre forze di polizia, la Guardia Costiera effettuerà controlli a mare e a terra per reprimere comportamenti pericolosi.

15 IL NUMERO :IL NUMERO 181 2/11 29/05/ Pagina 2 Anno XIX N Maggio CANALE 40 IN ONDA IL FUTURO Tel La squadra rossoblù ha concluso in maniera trionfale il campionato, dominato con un girone di ritorno strepitoso (43 punti su 45) La Monteponi raggiunge Carbonia e Narcao Il Carbonia, dopo la positiva conclusione del campionato, potrebbe cambiare il suo assetto societario e puntare all Eccellenza. La Monteponi di Vittorio Corsini ha coronato il suo sogno di tornare in Promozione dopo quattro anni, al termine di una stagione trionfale, caratterizzata da un girone di ritorno da record, con 14 vittorie ed un solo pareggio. La Monteponi ha festeggiato la promozione nel derby con il Carloforte di Massimo Comparetti, disputato allo stadio Comunale di Sant Antioco davanti ad una grande ed entusiasta cornice di pubblico e vinto meritatamente con due goal realizzati nella ripresa. Al termine, grande festa in campo e sulla tribuna, per i giocatori, il tecnico ed il presidente Sandro Foti, con un auspicio, il ritorno al Monteponi, per disputare un campionato di Promozione da protagonisti, insieme al Carbonia ed all Atletico Narcao. La festa della Monteponi è proguita a suon di goal a Guspini, nel confronto con la grande rivale di una intera stagione che, forse anche perché scarica dopo aver perso ogni speranza di riaggancio, è stata travolta per 5 a 2 (la Monteponi aveva battuto nettamente il Guspini anche nel girone d andata, con identico margine: 3 a 0). L impresa della Monteponi assume un significato ancora più grande se si tiene conto dell handicap costituito dall indisponibilità dello stadio Monteponi e quindi dall aver dovuto giocare praticamente un intero campionato in trasferta. I numeri della promozione sono impressionati: 79 punti (+7 sul Guspini), frutto di 25 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta, subita a Tratalias, 2 a 0, nel corso del girone d andata (il 17 novembre 2013); 85 reti segnate e solo 15 subite. La stagione si è conclusa positivamente anche per il Carbonia e l Atletico Narcao, salvatesi con una relativa tranquillità, in particolare il Carbonia, protagonista di un buon campionato dopo un avvio negativo. Le prospettive del Carbonia per la prossima stagione appaiono confortanti, anche se potrebbe esserci un avvicendamento al vertice della società. La famiglia Giganti è da tempo I giocatori della Monteponi festeggiano la promozione al Comunale di Sant Antioco. tentata dall idea di lasciare e tratta con un gruppo di giovani professionisti ma qualora le trattative in corso non dovessero concretizzarsi, sarebbero pronti ad andare avanti con un progetto ambizioso: potenziare la rosa e puntare alla promozione in Eccellenza. Giampaolo Cirronis A Giba, Narcao e Carbonia la fase regionale della 51ª edizione La Coppa Santa Barbara verso la finale Mineraria-Selargius e Don Bosco-Oristanese sono le due semifinali della fase regionale della 51ª edizione della Coppa Santa Barbara Trofeo Aldo Carboni, organizzata dalla delegazione provinciale FIGC di Carbonia Iglesias, con il patrocinio della gestione commissariale dell ex provincia di Carbonia Iglesias e del comune di Carbonia. Le due partite verranno disputate allo stadio Comunale Carlo Zoboli di Carbonia, rispettivamente sabato 31 maggio e domenica 1 giugno, alle Le partite dei quarti di finale, disputate a Giba, Narcao e Carbonia, hanno fatto registrare i seguenti risultati: Stadio comunale di Giba Mineraria Carbonia - Teleco Cagliari 2 a 1 d.t.s.; Stadio comunale di Narcao Atletico Narcao - Selargius 1 a 5; Stadio comunale di Giba Marco Cullurgioni - Oristanese 1 a 2; Stadio comunale di Carbonia Carbonia - Don Bosco 1 a 2. La sorpresa più grande è maturata nel derby di Carbonia che ha visto la Don Bosco, formazione del campionato locale rinforzata con tre innesti, consentiti dal regolamento. Il Carbonia ha interrotto così un mbattibilità che durava da tre anni, nel corso dei quali s è aggiudicato per tre volte la fase locale e per due volte la fase regionale. La finalissima è in programma sabato 7 giugno, alle 17.30, allo stadio Carlo Zoboli di Carbonia. Anche quest anno è previsto il concorso La squadra del cuore, La formazione del Carbonia che ha vinto la fase locale 2013/2014. organizzato sul social network facebook. La squadra, tra le otto partecipanti, che avrà ottenuto il maggior numero di mi piace sulla pagina della Coppa, verrà premiata con una targa. Grande successo per l inaugurazione svoltasi a Tratalias è nata la Lorenzo Motorbike Racing School Grande successo per la cerimonia di inaugurazione della Lorenzo Motorbike Racing School Sardegna, svoltasi a Tratalias, alla presenza di Chicho Lorenzo e di diversi esponenti del motociclismo nazionale e internazionale. Tra i più noti, Pedro, Nuria (sono fratelli Pedro ha 6 anni, Nuria la sorella ha 12 anni) e sono piloti della scuola Lorenzo Competicion Palma di Mallorca), Bruno Ieraci (13 anni), pilota della scuola Lorenzo Motorbike Racing School Sardegna che corre nelle redbull roockies cup e nel campionato italiano velocità; Miky (8 anni); Gioele (4 anni); Ivan (3 anni); Matteo (5 anni); Luca (12 anni), tutti piloti della Il Palasport di Carbonia ha ospitato il 12 campionato regionale 120 atleti sul tatami per ricordare Antonella Grande festa sul tatami del Palazzetto dello sport di Carbonia, con il 12 campionato regionale di ji jitsu, 1 memorial Antonella Piredda, gli scorsi 10 e 11 maggio. Sport e gioia, allegria e felicità, questo il mix che ha caratterizzato la manifestazione organizzata dalla Asd Gong fu tao school, che ha coinvolto più di 120 bambini e ragazzi. Numerose le società sportive che hanno risposto all invito della Gong fu tao school: Ronin ju jitsu Carbonia, Feed back Portoscuso, Yoshin ryu Olbia, Budo ju jitsu Olbia, Asd iu jitsu Ploaghe, Bushido Carbonia, Asd Renshu Monserrat. «Sono gli atleti - spiega il maestro Alessandro Santacroce - che si sono sfidati a suon di ippon, mandando in visibilio il pubblico, accorso numerosissimo per incitarli.» Dal punto di vista tecnico, i combattimenti hanno fornito degli spunti notevoli sulla grande preparazione maturata dai piccolissimi, in particolar modo nella classe degli esordienti. La domenica è stata una vera e propria festa sportiva, in memoria di una splendida ragazza, Antonella Piredda, scomparsa prematuramente alcuni mesi fa. I maestri insieme ai loro atleti, si sono esibiti dedicandole, insieme al maestro Alessandro Santacroce ed all istruttore Maurizio Santacroce, un grande spettacolo sportivo. I genitori di Antonella hanno potuto rivedere nei filmati preparati da Consuelo e Wanda il percorso sportivo della ragazza, che è stata in passato una delle migliori atlete I giovani atleti protagonisti del 12 campionato regionale di ju jitsu. allenate dal maestro Alessandro Santacroce, protagonista di numerose gare a livello regionale, nelle quali è riuscita ad ottenere ottimi risultati. Gioiele (4 anni). Miky (8 anni). Bruno Ieraci, campione europeo. scuola Lorenzo Motorbike Racing School Sardegna. La Lorenzo Motorbike Racing School Sardegna è la prima scuola di minimoto in Italia del circuito di scuole spagnole fondate da Chicho Lorenzo, padre del pluricampione mondiale di Moto GP Jorge Lorenzo. Chicho Lorenzo ha ideato un metodo di insegnamento innovativo per l apprendimento della guida delle minimoto, sperimentandolo in prima persona col figlio Jorge, per la sua formazione di pilota, con i risultati che tutti noi conosciamo, e da quest anno riconosciuto ufficialmente dalla Dorna. La Lorenzo Motorbike Racing School vanta la creazione di 17 scuole in Spagna, Messico, Argentina e USA, tutte partecipanti alle Liga Interscuela spagnola. L idea dell apertura della prima scuola in Italia nasce dall incontro, avvenuto nel giugno 2012, tra Mario Cuccu e Chicho Lorenzo. L intento è quello di creare anche in Italia una rete di scuole di minimoto Lorenzo Motorbike Racing School, che, inizialmente, parteciperebbero alla Liga Interscuela spagnola, per dare vita, una volta consolidato il sistema, ad una Lega Italiana indipendente, con l obiettivo finale di giungere ad un campionato europeo e mondiale di minimoto. La filosofia della Lorenzo Motorbike Racing School si basa sui seguenti punti: formazione del pilota già in tenerissima età (a partire dai 2-3 anni); educazione al rispetto dell avversario e del lavoro altrui; educazione al rispetto delle regole e disciplina; formazione specifica dei genitori per seguire i figli durante ogni allenamento; formazione prioritaria al concetto di guida in totale sicurezza (non si guida una moto se sprovvisti dell attrezzatura necessaria quale casco, tuta, paraschiena, guanti, stivali); educazione al lavoro costante, orientato al miglioramento continuo (attraverso la registrazione dei risultati conseguiti in base agli obiettivi prefissati); utilizzo di moto di serie ed identiche per ogni pilota (non sono ammesse modifiche o preparazioni meccaniche che possano avvantaggiare un pilota nella guida, in modo che vengano premiati il vero talento e la costanza nell allenamento e non chi investe di più sul mezzo meccanico). formazione specifica dei genitori per seguire i figli durante ogni allenamento. Questi ultimi due punti consentono un notevole abbattimento dei costi per la pratica di questo sport, dato che i costi di acquisto e gestione di una moto di serie (polini 4.2 e 6.2) sono molto bassi e l affiancamento del genitore al pilota durante l allenamento riduce la necessità di personale aggiuntivo. La formazione dei piccoli piloti non è orientata solo alla competizione, ma soprattutto alla creazione di una cultura del corretto utilizzo di un mezzo a motore, cosa fondamentale per prevenire atteggiamenti rischiosi in strada da adulti. Inoltre, la scuola si prefigge l obiettivo di portare avanti dei progetti di integrazione di ragazzi con diagnosi di autismo, col supporto di due psicologhe specializzate. In ultimo, si prefigge l obiettivo di diventare il centro di addestramento dei responsabili di tutte le scuole italiane che nasceranno a breve. Splendida cornice di pubblico per l iniziativa dell ASD Don Bosco Il calcio giovanile ha ricordato Luigi Manca Una splendida cornice di pubblico ha riempito il campo Santa Barbara per il Memorial Luigi Manca di calcio, organizzato per ricordare un appassionato di calcio e sostenitore della sport a livello cittadino, recentemente scomparso. Il Memorial è stato organizzato con la collaborazione e la partecipazione attiva di tutti i dirigenti dell ASD Don Bosco, dei genitori dei ragazzi partecipanti e con il patrocinio del comune di Carbonia e della gestione commissariale dell ex Provincia di Carbonia Iglesias. Luigi Manca. Davanti ad una cornice di pubblico da grandi occasioni, si sono affrontate la squadra allievi del Don Bosco (allenata da Massimo Medda e Paolo Contini), e del Cagliari (allenata dalle vecchie glorie rossoblù Vittorio Pusceddu e Giorgio Melis). Al termine l ASD Don Bosco ha voluto ringraziare l Amministrazione comunale di Carbonia e tutti coloro che hanno partecipato, contribuendo a far apprezzare il 1 Memorial Luigi Manca. Per il prossimo anno, è già in cantiere la seconda edizione.

16 IL NUMERO :IL NUMERO 181 4/9 29/05/ Pagina 1 16 Anno XIX N Maggio 2014 MACELLERIA Rosticceria - Polleria da Fabrizio Esclusivamente carni sarde Carni rosse e bianche - Prodotti pronto cuoci Piatti pronti (arrosti) su prenotazione Consegne a domicilio in tutto il Sulcis Aperto 7 giorni su 7 (la domenica solo al mattino) Via Bellini, 14 - Carbonia - Tel

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

Consiglio Provinciale

Consiglio Provinciale PROVINCIA CARBONIA IGLESIAS Consiglio Provinciale Delibera n 46 Data:08.11.2011 Prot. n del Oggetto : Approvazione Ordine del giorno su nuove norme recupero crediti Equitalia L anno duemilaundici, addì

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Statuto dei Verdi del Trentino

Statuto dei Verdi del Trentino Statuto dei Verdi del Trentino Preambolo I Verdi del Trentino sono una formazione politica costituitasi nel 1983, con la denominazione Lista verde del Trentino, per realizzare uno strumento aperto di autorganizzazione

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 CAMERA DEI DEPUTATI XI COMMISSIONE LAVORO PUBBLICO E PRIVATO AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 DECRETO LEGGE 20 SETTEMBRE 2015, N. 146 «MISURE URGENTI PER LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO DELLA

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 OGGETTO: PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI CITTADINI AI PROCESSI DECISIONALI DELL'ENTE LOCALE. APPROVAZIONE REGOLAMENTO 'BILANCIO PARTECIPATIVO' L anno 2013,

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE DEL FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO - D.M. 8 ottobre 1997. Avviso.

COMITATO DI GESTIONE DEL FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO - D.M. 8 ottobre 1997. Avviso. COMITATO DI GESTIONE DEL FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO - D.M. 8 ottobre 1997. Avviso. Si rende noto che il 24 ottobre 2012 si è insediato il Comitato di Gestione del fondo speciale per il volontariato

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO

COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO *------------------------------------* Prot.n. del *------------------------------------* COMUNE DI POSITANO Provincia di SALERNO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 14/01/2008 ========================================================================

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Assemblea elettiva CNA Cesena Val Savio. 8 Maggio 2013. A cura dell Ufficio Comunicazione

RASSEGNA STAMPA. Assemblea elettiva CNA Cesena Val Savio. 8 Maggio 2013. A cura dell Ufficio Comunicazione RASSEGNA STAMPA Assemblea elettiva CNA Cesena Val Savio 8 Maggio 2013 A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì Cesena CNA Associazione Provinciale di Forlì-Cesena Via Pelacano, 29 / 47122 Forlì Tel.

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 Il Consiglio nazionale ringrazia il Vice Presidente Vicario Alessandro Cattaneo del proficuo lavoro svolto nel periodo di reggenza,

Dettagli

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3.

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3. Statuto Art. 1. - È costituita in Napoli l associazione politico-culturale denominata CAMPO LIBERO PER I DIRITTI E LE LIBERTA, con sede in Napoli. Trattasi di libera associazione senza scopo di lucro,

Dettagli

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE )

Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA COLORIAMO IL NOSTRO FUTURO PROGETTO CCRR (CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE ) ANNO SCOLASTICO 2013/2014 RETE Progetto MINISINDACI DEI PARCHI D ITALIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città.

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città. Desidero innanzitutto ringraziare il Presidente del Tribunale, dottor Luciano Panzani, la dottoressa Giovanna Dominici, Presidente dell Ufficio Centrale Elettorale e tutti i loro collaboratori per lo scrupolo

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME OGGETTO: MODIFICHE AL NUOVO PIANO DELLA SOSTA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 220/2006.

COMUNE DI MONTECATINI TERME OGGETTO: MODIFICHE AL NUOVO PIANO DELLA SOSTA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 220/2006. Registro Pubblicazione n. 393 COMUNE DI MONTECATINI TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 62 C O P I A DEL 26/02/2007. OGGETTO: MODIFICHE AL NUOVO PIANO DELLA SOSTA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

ASSOCIAZIONE ALBERGATORI TERMALI ABANO MONTEGROTTO

ASSOCIAZIONE ALBERGATORI TERMALI ABANO MONTEGROTTO ASSOCIAZIONE ALBERGATORI TERMALI ABANO MONTEGROTTO STATUTO Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione Albergatori Termali Abano Montegrotto con sede nel comprensorio termale Euganeo. Art. 2 Scopo

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario

Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario Assemblea dei soci della Sezione INU Lombardia Milano, 29 gennaio 2014 Relazione del Segretario La Relazione del Segretario dà conto delle condizioni attuali della Sezione INU Lombardia e delle iniziative

Dettagli

STATUTO. E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna. e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio

STATUTO. E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna. e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio denominato SARDEGNA TURISMO SERVIZI più brevemente STS, con

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3

Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3 Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3 Convocato mediante lettera del 18/7/2014 con prot. n.27004, trasmessa tramite posta elettronica e a mezzo fax, si è riunito il C.d.A. alle

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Art. 1 Validità Il presente Regolamento è approvato dalla direzione regionale. Le norme in esso contenute sono in attuazione degli statuti

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 16 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa della senatrice RICCHIUTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 GIUGNO 2014 Istituzione di una Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

Associazione NOI dell'oratorio Borgo Sacco via Zotti, 19 ROVERETO C.F. 94036390220

Associazione NOI dell'oratorio Borgo Sacco via Zotti, 19 ROVERETO C.F. 94036390220 PARROCCHIA S. GIOVANNI BATTISTA BORGO SACCO Associazione NOI dell'oratorio Borgo Sacco via Zotti, 19 ROVERETO C.F. 94036390220 VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI DATA 17 FEBBRAIO 2015 In data 17 febbraio

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO Provincia di Palermo ********** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA N. 07 DEL 26/04/2011 PRESA ATTO SURROGA DEL CONSIGLIERE DIMISSIONARIO VETRANO OGGETTO: VINCENZO,

Dettagli

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI STATUTO ART. 1 La Denominazione E costituita l Associazione apartitica, apolitica e senza scopo di lucro denominata o, più brevemente GSA, di seguito denominata Associazione. L Associazione ha tempo indeterminato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 E costituita L Associazione, senza fini di lucro, denominata:

Dettagli

**************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA ****************

**************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA **************** **************** REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE MUSEO DI STORIA NATURALE BELLONA DEL COMUNE DI MONTEBELLUNA **************** 1 Art. 1 Finalità dell Istituzione Ai sensi dell art. 22, comma 3, lettera d)

Dettagli

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto REGOLAMENTO DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RESTAURATORI D ITALIA Approvato dall assemblea straordinaria dei soci il 16-02-2015. Articolo 1 Il presente Regolamento Interno, redatto dal Consiglio Direttivo ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI VIOLINO PREMIO PAGANINI

REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI VIOLINO PREMIO PAGANINI Pag. 1 a 9 REGOLAMENTO DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI VIOLINO PREMIO PAGANINI Approvato con deliberazione C.C. n. 35/2012 In vigore dal 11/04/2012 Pag. 2 a 9 INDICE Art. 1) Istituzione e denominazione

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

C O M U N E D I C O L L E F E R R O

C O M U N E D I C O L L E F E R R O C o p i a C O M U N E D I C O L L E F E R R O ( P r o v i n c i a d i R o m a ) Deliberazione della Giunta Comunale n. 29 OGGETTO: Adesione al progetto: Bisognerebbe farsi Musica. La Carne degli Angeli

Dettagli

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra COPIA COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 25/06/2015 OGGETTO: ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - APPROVAZIONE REGOLAMENTO

Dettagli

SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015

SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015 SEMINARIO NAZIONALE Programma Annuale 2015 Firenze, 9 gennaio 2015 Auditorium Consiglio Regionale Toscana Conclusioni Anna Maria Santoro, Segretaria Nazionale FLC CGIL Ridare leggerezza e respiro alle

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano)

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) DELIBERAZIONE del Consiglio Comunale n. 62 Del 03/11/2015 Oggetto: Adozione ai sensi dell articolo 20 della L.R. n. 45/1989 e ss.mm.ii., del Piano Particolareggiato

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

C O M U N E D I C A L A S E T T A

C O M U N E D I C A L A S E T T A C O M U N E D I C A L A S E T T A C.A.P. 09011 C.F. 81001650928 - telef. 0781 88780 / Fax 899149 P R O V I N C I A D I C A R B O N I A I G L E S I A S AREA T E C N I C A UFFICIO U R B A N I S T I C A Prot.

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Assemblea dell associazionismo e volontariato Regolamento Assemblee Settoriali

Assemblea dell associazionismo e volontariato Regolamento Assemblee Settoriali Comune di Copparo Via Roma 28, 44034 Copparo (Ferrara) tel. 0532 864511 fax 0532 864660 www.comune.copparo.fe.it Assemblea dell associazionismo e volontariato PREMESSA L Amministrazione Comunale di Copparo

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

SUPPLENZA, VERIFICA DEI POTERI, AREA VASTA: TRE CAVEAT PER MIGLIORARE LA RIFORMA RENZI *

SUPPLENZA, VERIFICA DEI POTERI, AREA VASTA: TRE CAVEAT PER MIGLIORARE LA RIFORMA RENZI * SUPPLENZA, VERIFICA DEI POTERI, AREA VASTA: TRE CAVEAT PER MIGLIORARE LA RIFORMA RENZI * di Federica Fabrizzi (Ricercatore di Istituzioni di diritto pubblico Università Telematica Internazionale - Uninettuno)

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

- Organizza laboratori e seminari di studio sulle tematiche oggetto dell attività per gli studenti e corsi di formazione per i docenti;

- Organizza laboratori e seminari di studio sulle tematiche oggetto dell attività per gli studenti e corsi di formazione per i docenti; h) l uso, nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, della locuzione «organizzazione non lucrativa di utilità sociale» o dell acronimo «ONLUS». ART. 3

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

PRESENTAZIONE UMBERTO LEANZA

PRESENTAZIONE UMBERTO LEANZA UMBERTO LEANZA Come noto, la c.d. legge Pinto, originata dalla necessità di adottare misure per l accelerazione dei giudizi, contiene la previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli