JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 Albo ~azion~le Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LO!\IBARDIAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltur:l di f\1iljno Via rvleravigli. l)b Iscrizione N: lvii002796/0 Proto N 1\1103] 752/ 2006 dell J/09/2006 JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Visto ]'articol0 2] 2 de] decreto legislativo 3 aprile 2006, n. ] 52; Visto ij decreto 28 aprile ] 998, n. 406 del Ministero dell'ambiente di concerto con i MinistJ-i del],industria, de] commercio e dell'artigianato, dei trasporti e delia navigazione, e del tesoro, del bi]ancio e delia programmazione economica recante ]a disciplina dell'albo naziona]e delle imprese che effettuano ]a gestione dei rifiuti, ed in particolare l'articol0 6, comma 2, lettere a) e b); Visto ij decreto 8 ottobre 1996 (pubblicato suha G.U. 2 gennaio 1997, n.]), modificato con decreto 23 aprile J999 (pubbjicato sulla G.U. 26 giugno ] 999, n.] 48) recante ]e modajita di prestazione dehe garanzie finanziarie a favore dello Stato da parte delle imprese che effettuano J'attivita di trasporto dei rifiuti; Vista la richiesta di revisione presentata in data 21/04/2006 registrata a] numero di protocoho MI03553/2006 Vista la de]iberazione del]a Sezione Regiona]e Lombardia in data 05/09/2006 con ]a qua]e e stata acco]ta ]a domanda d'iscrizione all'a]bo nelle categorie e classi: Categoria: 5 Classe: F delia ditta 1STARM IMPIANTI ST AZIONARI ACCUMULA TORI RADDRIZZA TORI SRL MANUTENZI0N I Vista la deliberazione delia Sezione Regionale Lombardia con la quale sono state accettate Ie garanzie finanziarie presentate con polizza fideiussioria assicurativalbancaria n. 069/02/ del 07/09/2006 prestate da Carige R.D: Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.a. a favore del Ministero dell'ambiente per I'importo di Euro 51645,69 per la categoria 5 classe F DISPONE CHE L'IMPRESA Art. 1 Denominazione: ISTARM IMPIANTI STAZIONAR] ACCUMULATORI RADDRIZZATORI MANUTENZIONI SRL Con Sede a: TRUCAZZANO (MI) Indirizzo: VIA MARMOLADA CAP: C. F.: E' ISCRITTA ALL'ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI COME SEGUE: Art. 2 LEGALI RAPPRESENT ANTI: ZANOBBIO DARIO - C.F. ZNBDRA54T22D600A Carica: AMMINISTRA TORE UNICO Nato a: FINALE LlGURE (SV) il: 22/]2/]954 MI002796/0 C.F.: ] 0] 58 \.\,,,.. \1'\,-,-- \" Pagina ] di ] 3

2 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDJAistituita pres so la Camera di Commercio Industri,l Artigianato e Agricoltura di ]\lilan:, Via Tv1era\lgk 9/8 RESPONSABlLJ TECNICI: ZANOBBIO DARIO - C.F. ZNBDRA54T22D600A Nato a: FINALE LIeURE (SY) il: 22/12/1954 Abilitato per: Categoria: 5 Classe: F TitoJo di studio: DIPLOMA In possesso di esperienza qualificante Anni Espedenza: 5 Art. 3 Iscrizione Ordinaria Categoria: 5 Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi Classe Richiesta: F quantita annua complessivamente trattata inferiore a T. Inizio Validita: 11/09/2006 Fine Validita: ] 1109/20] ] Elenco mezzi: Targa: CR] 21YZ Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESSUNA Targa: CL795VN Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESS UNA Targa: DA646JC Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESSUNA Rifiuti per i mezzi sopraindicati sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale so]foroso. 0] altri sterili contenenti sostanze pericolose altri rifiuti contenenti sostanze pericolose prodotti da trattamenti chimici c fisici di minera]i metalliferi rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di mineraji non metaijiferi fanghi e rifiuti di perforazione contenenti oli fanghi di perforazione ed altri rifiuti di perforazione contenenti sostanze pericolose rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci contenenti sostanze pericol9se prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti composti organici non alogenati. ~/ prodotti per i trattamenti conservativi dellegno contenenti composti organici clorurati prodotti per i trattamenti conservativi de] legno contenenti composti organometallici prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti composti inorganici altri prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti sostanze pericojose bagni di sgrassatura esauriti contenenti sojventi senza fase liquida.. \'. M /0 CJ.: 05g ~ Pagina 2 di 13 t<\i,\=

3 AJbo NazionaJe Gestori AmbientaH -SEZIONE REG]ONALE LOMBARDIAistltuita pres so ]a Camera clicommercio Industria ArtigJ<lnatoe Agricoltura di T\1ilano Via Meravigli, Q!8 DIgs J rifiuti pro\elljenti cia operazioni di!'initura, contenenti so]venti organici ] 6 tinture e pigmenti. contenenti sostanze pericolose ] 9 fanghi prodotti clal trattamento in loco degli eftluenti. contenenti sostanze pericolose. 05.0].02 fanghi cia processi cli clissa]azione. 05.0].03 morchie depositate sui fondo dei scrbatoi. 05.0].04 fanghi acidi prodotti cia processi di ajchilazione. 05.0].05 perdite di olio. 05.0].06 fanghi oleosi proclotti dalla manutenzione cli impianti e apparecchiature. 05.0].07 catrami acicli. 05.0].08 a]tri catrami. 05.0].09 fanghi prodotti dal trattamento in loco cleg]i effluenti, contenenti sostanze perico]ose. 05.0].] ] rifiuti proclotti dalla purificazione di carburanti tramite basi. 05.0].] 2 acidi contenenti oli ] 5 filtri di argilla esauriti catrami acidi a]tri catrami ] ri fiuti contenenti mercurio ] acido so]forico ed acido so]foroso. 06,01.02 acido cloridrico acido fluoridrico acido fosforico e fosforoso acido nitrico e acido nitroso altri acidi idrossido di calcio idrossido di ammonio idrossido di sodio e di potassio a]tre basi ] sali e ]oro soluzioni, contenenti cianuri sali e ]oro so]uzioni, contenenti metalli pesanti ossidi metallici contenenti metalli pesanti rifiuti contenenti arsenico rifiuti contenenti mercurio rifiuti contenenti a]tri metalli pesanti fanghi prodotti clal trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze perico]ose rifiuti contenenti so]furi pericolosi rifiuti dei processi e]ettrolitici, contenenti amianto carbone attivato dalla produzione di c]oro fanghi di so]fati di bario, contenenti mercurio so]uzioni ed acidi, ad es. acido di contatto rifiuti contenenti c]orosi]ano perico]oso rifiuti prodotti da reazioni a base di calcio contenenti 0 contaminati cia sostanze pericolose rifiuti contenenti sostanze pericolose. MIOO2796/0 C.F.: 05S Pagina 3 di 13 \Av

4 Albo Nazionale Gestori Al11bientali -SEZIONE REGJONALE LOMBARDlAistituita presso la Camera di Comlllereio Industria /\.rtigianato e Agrieoltura c1llvlilmo Via fv1eravigli. 9/ prodotti fitosanitari, agenti conservativi dellegno ed ajtri biocidi inorganicj carbone attivato esaurito (tranne 06(702) rifiuti delia Javorazione dell'amianto fujiggine soluzioni acquose di lavaggio ed acgue Illadri. 07.0].03 solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acgue Illadri fondi e residui di reazione, alogenati altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti, alogenati altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti fanghi pradotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di Javaggio ed acgue madri sol venti organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri solventi organici, sojuzioni di lavaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione, alogenati altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauri ti, ajogenati a]tri residui di fi]trazioneeassorbenti esauriti fanghi pradotti da] trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericolose rifiuti prodotti da additivi, contenenti sostanze perico]ose rifiuti contenenti silicone pericojoso soluzioni acquose di Javaggio ed acgue madri solventi organici a]ogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri so]venti organici, so]uzioni di ]avaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione a]ogenati a]tri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti a]ogenati altri residui di fi]trazione e assorbenti esauriti ] fanghi pradotti da] trattamento in Joco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di ]avaggio ed acque madri solventi organici a]ogenati, sojuzioni di lavaggio ed acque madri altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione ajogenati..' J- l~t;i::ci;"\ ' altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti alogenati I0 altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti fanghi prodotti dal trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericojose. ~~~~~? rifiuti solidi contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di lavaggio ed acgue madri solventi organici a]ogenati, sojuzioni di Javaggio ed acgue madri altri sol venti organici, sojuzioni di lavaggio ed acgue madri. \.~f '. MIOO2796/0 C.F.: ]58 Pagina 4 di 13

5 Albo Nazionale Gestori AmbientaH -SEZIONE REGIONALE LOI\1BARDIA- Istituita pre;;so!a Camera di Commercio Industria Artigianato e A~ncoltura di ]\lilano Via MerinigJi. 9B DIgs! 52/ ] ]] ] ] ] ] ] ] ] ] ] ] 09.0] fondi e residui di reazione, alogenat i. altri fondi e residui di reazione. residui c\i filtrazione e assorbenti esauri ti, a]ogenati. altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti. fanghi proc\otti dal trattamento in loco degli efnuenti, contenenti sostanze peri co lose. rifiuti solidi contenenti sostanze pericojose ] soluzioni acquose eli lavaggio ed acque madri solventi organici alogenati, so]uzioni di lavaggio ed acque madri. altri solventi organici, soluzioni eli lavaggio ed acque madri. fondi e residui di reazione, alogenati. altri fondi e residui elireazione. residui di fijtrazione e assorbenti esauriti, alogenati. i 51;5; a1tri resielui eli filtrazione e assorbenti esauriti. \~ ~ \ -':6.. fanghi proelotti dal trattamento in loco degli efnuenti, contenenti sostanzy. pericolo~~ soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri..~; solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri. ajtri solventi organici, soluzioni di ]avaggio ed acque madri. fondi e residui di reazione, alogenati. altri fondi e residui di reazione. residui di filtrazione e assorbenti esauri ti, alogenati. altri residui di fi]trazione e assorbenti esauriti. fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pencolose. pitture e vemici di scarto, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi prodotti da pitture e vemici, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi acquosi contenenti pitture e vemici, contenenti sol venti organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi prodotti dalla rimozione di pitture e vemici, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. sospensioni acquose contenenti pitture e vemici, contenenti sol venti organici 0 altre sostanze pericolose. residui di vemici 0 di svemiciatori. scarti di inchiostro, contenenti sostanze pericolose. fanghi di inchiostro, contenenti sostanze pericojose. residui di sojuzioni chimiche per inci sione. toner per stamp a esauriti, contenenti sostanze pericolose. oli dispersi. adesivi e sigillanti di scarto, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi di adesivi e sigillanti, contenenti so]venti organici 0 a1tre sostanze pericolose. fanghi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. rifiuti liquidi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti sol venti organici 0 a1tre sostanze pericolose. olio di resina. isocianati di scarto. soluzioni di svijuppo e attivanti a base acquosa. soluzioni di sviluppo per Jastre offset a base acquosa. soluzioni di svi]uppo a base di solventi. ~~ \.;~ \-=- '.j." M /0 C.F.: ] 0] 58 Pagina 5 di 13

6 Albo Nazionale Gestori AmbientaJi -SEZIONE REGJONALE LOMBARDIAistitl.lita presso Ja Camer;) di CommerclO Industria Artigianato e /\gricoltura di f\/li]ailo Via!\1eravig1i. Q/B D1gs ] 5:U soluzioni fissative so]uzioni di lavaggio e soluzioni di arresto-fissaggio ] ] ] ] ] ] rifiuti contenenti argento prodotti claj trattamento in loco di ritluti fotografici. macchine fotografiche monouso contenenti batterie incluse nelle voci ]6060], ] rifiuti liquidi acquosi prodotti dal recupero in loco dell'argento, diversi cia guelli di cui alla voce 09 0 I 06. ceneri leggere di olio combustibi1e e polveri cli calclaia. aciclo solforico. ceneri leggere prodotte cia iclrocarburi emulsionati usati come carburante. ceneri pesanti, scorie e polveri di calclaia proclotte dal coincenerimento, contenenti sostanze pericolose. ceneri leggere prodotte clal coincenerimento, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dajja clepurazione clei fumi, contenenti sostanze pericojose. fanghi proclotti dal trattamento in loco clegli effluenti, contenenti sostanze pericolose. fanghi acquosi cia operazioni di pulizia caldaie, contenenti sostanze pericolose. rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento, contenti oli. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. scorie delia produzione primaria. scorie saline dejja produzione scorie nere dejja produzione secondaria. secondaria. schiumature infiammabili 0 che rilasciano, al contatto con l'acqua, gas infiammabili in quantita pericolose. rifiuti contenenti catrame dejja produzione degli anodi. po1veri dei gas di combustione, contenenti sostanze pericolose. altre polveri e particolati (comprese quejje prodotte da mulini a pajje), contenenti sostanze pericolose. rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze pericolose. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei furni, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dal trattamento dejje acque di raffreddarnento, contenenti olio rifiuti prodotti da1 trattarnento di scorie saline e scorie nere, contenenti sostanze pericolose. scorie dejja produzione prirnaria e secondaria. irnpurita e schiurnature delia produzione primaria e secondaria. arsenato di calcio. pol veri dei gas di combustione. altre polveri e particolato. rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi.. rifiuti prodotti da] trattamento delle acque di raffreddamento, contenenti olio polveri dei gas di combustione. rifiuti solidi prodotti da] trattamento dei furni. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi. rifiuti prodotti dal trattarnento del1e acque di raffreddamento, contenenti oli ] 0 scorie e schiumature infiamrnabili 0 che rilasciano, al contatto con l'acgua, gas infiammabili in quantita pericolose. MlO02796/0 C.F.: 05862}] 0158 P~gina 6 dij3 "J\c--."..

7 Albo Naziona]e Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDIAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e /\fticoltura di I'vli1ano Via T'v1eravigli.9,'8 ] polven dei gas di combustione. ] ritiuti solidi prodotti da! trattamento dei rumi. ] fanghi e residui di tiltrazione prodotti dal trattamento clei fumi ritiuti proclotti dal ttattamento delle acque di raffreddamento, contenenti oji rifiuti prodotti da! trattamento delle acque di raffreddamento, contenenti oli scorie sa!ate delia proclllzione primaria e seconclaria impuri1<1 e schillmature intiammabi]i 0 che rilasciano, al contatto con I'acqua, gas inliaml1labili in quantita pericolose. ] rifiuti contenenti catrame derivante dalla procluzione degli anodi. I0.08.] 5 po]veri dei gas di combustione, contenenti sostanze pericolose ] 7 fanghi e resiclui di fi]trazione prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose ] 9 rifiuti prodotti da! trattamento delle acgue di raffreddamento, contenenti oli. IO forme e anime da fonderia non utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] forme e anime da fonderia utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] polveri dei gas di combustione contenenti sostanze pericolose. ] 0.09.] ] altri particolati contenenti sostanze pericojose. ] 0.09.] 3 leganti per rifiuti contenenti sostanze pericolose. ] 0.09.] 5 scarti di prodotti rilevatori di crepe, contenenti sostanze pericolose. ] 0.] 0.05 forme e anime da fonderia non utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] forme e anime da fonderia utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] polveri dei gas di cornbustione, contenenti sostanze pericolose. ] 0.] 0.] 1 altri particolati contenenti sostanze pericolose. ] 0.] O.13 leganti per rifiuti contenenti sostanze pericolose scarti di prodotti rilevatori di crepe, contenenti sostanze pericolose. lo scarti di mescole non sottoposte a trattamento terrnico, contenenti sostanze pericolose. 10.] ].11 rifiuti di vetro in forma di particolato e polveri di vetro contenenti rnetaiji pesanti (provenienti ad es. da tubi a raggi catodici). ] 0.1 ].] 3 lucidature di vetro e fanghi di rnacinazione, contenenti sostanze pericolose. IO.1].] 5 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze perico]ose. ]0.] ].17 fanghi e residui di filtrazione prodotti da! trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. I0.11. ] 9 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento in loco deg!i effluenti, contenenti sostanze perico]ose. ] 0.] 2.09 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze pericolose. 10.] 2.] ] rifiuti delle operazioni di srnaltatura, contenenti metalli pesanti. ] 0.] 3.09 rifiuti delia fabbricazione di arnianto cernento, contenenti arnianto. ] 0.] 3.] 2 rifiuti solidi prodotti da] trattamento dei furni, contenenti sostanze pericojose. ] ] rifiuti prodotti daija depurazione dei furni, contenenti mercurio. I].0].05 acidi di decappaggio. 1 ].0].06 acidi non speci ficati altrimenti. I 1.0].07 basi di decappaggio. ] 1.0].08 fanghi di fosfatazione. ] ].0].09 fanghi e residui di filtrazione, contenenti sostanze pericolose. I I.0]. I ] soluzioni acquose di!avaggio, contenenti sostanze perico!ose., A r \./\~ MJ002796/0 C.F.: ] 0] 58 Pagina 7 di 13

8 Albo Nazionale Gest9ri Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDlAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianaw e Agrico!tura dl I'vli1ano Via 1'vleravig1i,9/8 DIgs] 52/06 ] ] I I I I I rifiuti di sgrassaggjo contenenti sostanze pericolose. eluati e fanghi di sistemi a membrana e sistemi a scambio ionieo. contencnti sostanze pericolose. resine a sea mbio ionieo saturate 0 esaurite. a11ri rifiuti eontenenti sostanze pericolose. rifiuti della ]avo1'azione id1'ometallurgica dello zinea (comp1'esi jarosite, goethite). 1'ifiuti della ]avorazione idrometa]]urgica de] rame, contenenti sostanze perico]ose. a]t1'i 1'ifiuti contenenti sostanze pe1'ico]ose. 1].03.0] 1'ifiuti contenenti cianuro. ] I alt1'i 1'ifiuti. ] rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi. I fondente esaurito I I ] oli minerali per macchinari, contenenti alogeni (eccetto emulsioni e so]uzioni). oli minerali per macchinari, non contenenti alogeni (eccetto emulsioni e soluzioni). emu]sioni e soluzioni per macehinari, eontenenti a]ogeni. emulsioni e soluzioni per macchinari, non eontenenti alogeni. oli sintetici per macchinari. cere e grassi esa uri t i. fanghi di lavorazione, contenenti sostanze pericolose. materiale abrasivo di scarto, contenente sostanze pericolose. fanghi metallici (fanghi di rettifica, affilatura e lappatura) contenenti olio. oli per macchinari, facilmente biodegradabili. corpi d'utensile e materiali di rettifica esauriti, contenenti sostanze pericolose. soluzioni acquose di lavaggio. rifiuti prodotti da processi di sgrassatura a vapore. oli per circuiti idraulici contenenti PCB (1). emulsioni emulsioni clorurate. non clorurate. oli minerali per eircuiti idraulici, dorurati. oli minerali per circuiti idraulici, non clomrati. oli sintetici per circuiti idraulici. oli per circuiti idraulici, facilmente biodegradabili. altri o]i per circuiti idraulici. scarti di olio minera]e per motori, ingranaggi e lubrificazione, clorurati. searti di olio minera]e per motori, ingranaggi e lubrificazione, non elorurati. searti di olio sintetico per motori, ingranaggi e ]ubrificazione. olio per motori, ingranaggi e lubrificazione, facilmente biodegradabi1e. a]tri oli per motori, ingranaggi e lubrificazione. oli isolanti e termoconduttori, contenenti PCB. oli minerali iso]anti e termoconduttori clomrati, diversi da quejlj di cui ajla voce oli minerali isolanti e termoconduttori non elorurati. oli sintetici iso]anti e termoconduttori. oli isolanti e termoconduttori, facijmente biodeg1'adabili..y\~ MIOO2796/0 C.F.: ] 0158 Pagina 8 di 13

9 AIbo NazjonaJe Gestod Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDlA- Istihlita presso!a Camera di Commercia Industria Anigianato e Agricoltura di 1\liJano Via Meravigli, 9;B!3.lJ3.1 0 altri oli isolanti e lermocondutton oli di sentina delia navigazione intema oli di sentin3 delle fognature dei moli, I3.04, 3 13,05,0] 13,05,02 ] 3, ,05.06 ] 3,05,07 13,05,08 altri oli di sentina delia navigazione. rifiuti solidi delle camere a sabbia e di prodotti di separazione olio/acgua. fanghi di prodotti di separazione oljo/acqua, fanghi da collettori, oli prodotti dalla separazione olio/acgua, acglle oleose prodotte dalla separazione olio/acgua, miscllgli di rifillti delle camere a sabbia e dei prodotti di separazione olio/acgua, 13,07,0] olio combllstibije e carburante diesel. ] 3,07,02 petrolio, ]3,07,03 a]tri carburanti (comprese Ie miscele), ] 3,08,0] fanghi ed emulsioni prodotti dai processi di dissalazione, 13,08,02 altre emulsioni, 14,06,01 clorofluorocarburi, HCFC, HFC. 14,06,02 altri solventi e miscele di so]venti, alogenati. 14,06.03 a]tri so]venti e miscele di solventi fanghi 0 rifiuti solidi, contenenti so]venti a]ogenati. 14,06.05 fanghi 0 rifiuti solidi, contenenti a]tri so]venti. ] 5.01.] 0 imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose 0 contaminati da tali sostanze. 15.0].] ] imbajlaggi metajlici contenenti matrici solide porose pericolose (ad esempio amianto), compresi i contenitori a pressione vuoti assorbenti, materiali fi]tranti (inclusi filtri dell'olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose. 16.0].04 veicoli fuori uso. ] fi]tri dell'olio. ] componenti contenenti mercurio. 16.0].09 componenti contenenti PCB. ] 6.0].10 componenti esplosivi (ad esempio "air bag"). ] ] pastiglie per freni, contenenti amianto. ] 6, liguidi per freni. ] 6.0].14 liquidi antigelo contenenti sostanze pericojose. ] componenti perico]osi diversi da quejli di cui aile voci da ]6 0] 07 a ] 1, e ] trasformatori e condensatori contenenti PCB, ] 6.02.] 0 apparecchiature fuori uso contenenti PCB 0 da essi contaminate, diverse da quelle di cui alia voce] ]] apparecchiature fuori uso, contenenti cjorofluorocarburi, HCFC, HFC. ] 6.02.] 2 apparecchiature fuori uso, contenenti amianto in fibre libere. ] 6.02,] 3 apparecchiature fuori uso, contenenti componenti perico]osi (2) diversi da quelli di cui aile voci ] e ]602 ]2. ] componenti perico]osi rimossi da apparecchiature fuori uso rifiuti inorganici, contenenti sostanze pericojose. ] rifiuti organici, contenenti sostanze pericolose, MI002796/0 C.F.: ]0158,. r "\i t" Pagina 9 di ] 3

10 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZJONE RECJONALE LOMBAROJAistituita presso ]a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano Via MeravigJi. 98 ] ! munizioni di scarto fuochi artificiaji di scarto. J altri esplosiyi di scinto gas in contenitori a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose sostanze chimiche di laboratorio contenenti 0 costituite da sostanze pericolose, sostanze chimiche di laboratorio sostanze chimiche inorganiche di scarto contenenti 0 costituite da sostanze pericolose sostanze chimiche organiche di scarto contenenti 0 costituite da sostanze pericolose batterie al piombo batterie al nichel-cadmio batterie contenenti mercurio. ] elettroliti di batterie ed accumulatori, oggetto di I'acco]ta differenziata. ] rifiuti contenenti olio rifiuti contenenti altre sostanze pericolose. comprese Ie miscele di catalizzatori esauriti contenenti metalli di transizione (3) peri colosi 0 composti di metalli di transizione peri colosi. ] catalizzatori esauri ti contenenti acido fosforico liquidi esauriti usati come catalizzatori catalizzatori esauriti contaminati da sostanze pericolose permanganati, ad esempio permanganato di potassio cromati, ad esempio cromato di potassio, dicromato di potassio 0 di sodio perossidi, ad esempio perossido d'idrogeno sostanze ossidanti non specificate altrimenti soluzioni acquose di scarto, contenenti sostanze pericolose concentrati acquosi, contenenti sostanze pericolose. ] rivestimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, contenenti sostanze perico]ose. ] altri rivestimenti e materiali refrattari provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, contenenti sostanze perico]ose ].05 rivestimenti e materiali refrattari provenienti da lavorazioni non metallurgiche, contenenti sostanze pericolose ] ] ] ] 7.04.] 0 ] ] miscugli 0 scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, contenenti sost<.!-nzepericolose. vetro, plastica e legno contenenti sostanze pericolose 0 da esse contaminati. miscele bituminose contenenti catrame di carbone. catrame di carbone e prodotti contenenti catrame. rifiuti metallici contaminati da sostanze pericolose. cavi, impregnati di olio, di catrame di carbone 0 di ajtre sostanze pericolose. terra e rocce, contenenti sostanze pericolose. fanghi di dragaggio, contenente sostanze pericolose pietrisco per massicciate ferroviarie, contenente sostanze pericolose',l,,' ] materia]i isolanti contenenti ami an to." a1tri materiali isolanti contenenti 0 costituiti da sostanze pericolose. materia]i da costruzione contenenti amianto. ~t- MI002796/0 C.F~: Pagi~ 10di J3

11 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDIAistituita presso ]a Camera di Commercio Jndl~stria Artigianato e Agricoltura di J\lilano Via I'v1er:l\igli.C)/B materiali da costruzione a base di gesso contaminati da sostanze pericolose rifiuti dell'attivit,\ di costruzione e demojizione. contenenti mercurio rifiuti dejl'attivit<\ di costruzione e demolizione. contenenti PCB (ad esempio sigijlanti contenenti PCB, pavimentazioni a base di resina contenenti PCB, elementi stagni in vetro contenenti PCB, condensatori contenenti PCB) altri rifiuti dejl'attivita di costruzione e demolizione (compresi rifiuti misti) contenenti sostanze pericolose. rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. sostanze chimiche pericolose 0 contenenti sostanze pericojose. medicinali citotossici e citostatici. rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici. rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. sostanze chimiche pericolose 0 contenenti sostanze perico!ose. medicinali citotosslci e citostatici. residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi. rifiuti liquidi acquosi prodotti dal trattamento dei fumi e di altri rifiuti liquidi acquosi. rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi. carbone attivo esaurito, impiegato per il trattamento dei fumi. ceneri pesanti e scone, contenenti sostanze pericolose. ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose. ceneri di caldaia, contenenti sostanze pericolose. rifiuti dell a pirolisi, contenenti sostanze pericolose. miscugli di rifiuti contenenti almeno un rifiuto pericoloso. fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, contenenti sostanze pericolose. oli e concentrati prodotti da processi di separazione. rifiuti combustibili liquidi, contenenti sostanze pericolose. rifiuti combustibili solidi, contenenti sostanze pericolose. altri rifiuti contenenti sostanze pericolose. rifiuti contrassegnati come perico!osi, parzialmente (5) stabilizzati. rifiuti contrassegnati come pericolosi, solidificati. ceneri leggere ed altri rifiuti dal trattamento dei fumi. fase solida non vetrificata. percolato di discarica, contenente sostanze pericolose. resine a scambio ionico saturate 0 esaurite. soluzioni e fanghi di rigenerazione delle resine a scambio ionico. rifiuti prodotti da sistemi a membrana, contenenti sostanze pericolose. miscele di oli e grassi prodotte dalja separazione olio/acqua, diverse da quelle dicui ajla voce fanghi prodotti dal trattamento biologico delle acque reflue industriali, contenenti sostanze pericolose. fanghi contenenti sostanze pericolose prodotti da altri trattamenti del1e acque reflue industriali. fluff - frazione leggera e polveri, contenenti sostanze pericolose. altre frazioni, contenenti sostanze pericolose. filtri di argijia esauriti. catrami acidi. MlOO2796/0 C.F.: Pagina 11 di ]3 \> ) r-- --:\ \

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI Piano di Gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi della Provincia di LIVORNO Provincia di Livorno Settore 7- Tutela ambiente U.O. Rifiuti e bonifiche siti inquinati Con la collaborazione di Agenzia

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE e IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE e IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Decreto 5 aprile 2006, n. 186. Regolamento recante modifiche al decreto ministeriale 5 febbraio 1998 «Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero, ai sensi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli