JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 Albo ~azion~le Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LO!\IBARDIAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltur:l di f\1iljno Via rvleravigli. l)b Iscrizione N: lvii002796/0 Proto N 1\1103] 752/ 2006 dell J/09/2006 JL PRESIDENTE DELLA SEZJONE REGIONALE LOMBARDIA DELL'ALBO NAZI ON ALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Visto ]'articol0 2] 2 de] decreto legislativo 3 aprile 2006, n. ] 52; Visto ij decreto 28 aprile ] 998, n. 406 del Ministero dell'ambiente di concerto con i MinistJ-i del],industria, de] commercio e dell'artigianato, dei trasporti e delia navigazione, e del tesoro, del bi]ancio e delia programmazione economica recante ]a disciplina dell'albo naziona]e delle imprese che effettuano ]a gestione dei rifiuti, ed in particolare l'articol0 6, comma 2, lettere a) e b); Visto ij decreto 8 ottobre 1996 (pubblicato suha G.U. 2 gennaio 1997, n.]), modificato con decreto 23 aprile J999 (pubbjicato sulla G.U. 26 giugno ] 999, n.] 48) recante ]e modajita di prestazione dehe garanzie finanziarie a favore dello Stato da parte delle imprese che effettuano J'attivita di trasporto dei rifiuti; Vista la richiesta di revisione presentata in data 21/04/2006 registrata a] numero di protocoho MI03553/2006 Vista la de]iberazione del]a Sezione Regiona]e Lombardia in data 05/09/2006 con ]a qua]e e stata acco]ta ]a domanda d'iscrizione all'a]bo nelle categorie e classi: Categoria: 5 Classe: F delia ditta 1STARM IMPIANTI ST AZIONARI ACCUMULA TORI RADDRIZZA TORI SRL MANUTENZI0N I Vista la deliberazione delia Sezione Regionale Lombardia con la quale sono state accettate Ie garanzie finanziarie presentate con polizza fideiussioria assicurativalbancaria n. 069/02/ del 07/09/2006 prestate da Carige R.D: Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.a. a favore del Ministero dell'ambiente per I'importo di Euro 51645,69 per la categoria 5 classe F DISPONE CHE L'IMPRESA Art. 1 Denominazione: ISTARM IMPIANTI STAZIONAR] ACCUMULATORI RADDRIZZATORI MANUTENZIONI SRL Con Sede a: TRUCAZZANO (MI) Indirizzo: VIA MARMOLADA CAP: C. F.: E' ISCRITTA ALL'ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI COME SEGUE: Art. 2 LEGALI RAPPRESENT ANTI: ZANOBBIO DARIO - C.F. ZNBDRA54T22D600A Carica: AMMINISTRA TORE UNICO Nato a: FINALE LlGURE (SV) il: 22/]2/]954 MI002796/0 C.F.: ] 0] 58 \.\,,,.. \1'\,-,-- \" Pagina ] di ] 3

2 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDJAistituita pres so la Camera di Commercio Industri,l Artigianato e Agricoltura di ]\lilan:, Via Tv1era\lgk 9/8 RESPONSABlLJ TECNICI: ZANOBBIO DARIO - C.F. ZNBDRA54T22D600A Nato a: FINALE LIeURE (SY) il: 22/12/1954 Abilitato per: Categoria: 5 Classe: F TitoJo di studio: DIPLOMA In possesso di esperienza qualificante Anni Espedenza: 5 Art. 3 Iscrizione Ordinaria Categoria: 5 Raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi Classe Richiesta: F quantita annua complessivamente trattata inferiore a T. Inizio Validita: 11/09/2006 Fine Validita: ] 1109/20] ] Elenco mezzi: Targa: CR] 21YZ Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESSUNA Targa: CL795VN Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESS UNA Targa: DA646JC Tipo: AUTOCARRO Limitazioni: NESSUNA Rifiuti per i mezzi sopraindicati sterili che possono generare acido prodotti dalla lavorazione di minerale so]foroso. 0] altri sterili contenenti sostanze pericolose altri rifiuti contenenti sostanze pericolose prodotti da trattamenti chimici c fisici di minera]i metalliferi rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di mineraji non metaijiferi fanghi e rifiuti di perforazione contenenti oli fanghi di perforazione ed altri rifiuti di perforazione contenenti sostanze pericolose rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci contenenti sostanze pericol9se prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti composti organici non alogenati. ~/ prodotti per i trattamenti conservativi dellegno contenenti composti organici clorurati prodotti per i trattamenti conservativi de] legno contenenti composti organometallici prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti composti inorganici altri prodotti per i trattamenti conservativi del legno contenenti sostanze pericojose bagni di sgrassatura esauriti contenenti sojventi senza fase liquida.. \'. M /0 CJ.: 05g ~ Pagina 2 di 13 t<\i,\=

3 AJbo NazionaJe Gestori AmbientaH -SEZIONE REG]ONALE LOMBARDIAistltuita pres so ]a Camera clicommercio Industria ArtigJ<lnatoe Agricoltura di T\1ilano Via Meravigli, Q!8 DIgs J rifiuti pro\elljenti cia operazioni di!'initura, contenenti so]venti organici ] 6 tinture e pigmenti. contenenti sostanze pericolose ] 9 fanghi prodotti clal trattamento in loco degli eftluenti. contenenti sostanze pericolose. 05.0].02 fanghi cia processi cli clissa]azione. 05.0].03 morchie depositate sui fondo dei scrbatoi. 05.0].04 fanghi acidi prodotti cia processi di ajchilazione. 05.0].05 perdite di olio. 05.0].06 fanghi oleosi proclotti dalla manutenzione cli impianti e apparecchiature. 05.0].07 catrami acicli. 05.0].08 a]tri catrami. 05.0].09 fanghi prodotti dal trattamento in loco cleg]i effluenti, contenenti sostanze perico]ose. 05.0].] ] rifiuti proclotti dalla purificazione di carburanti tramite basi. 05.0].] 2 acidi contenenti oli ] 5 filtri di argilla esauriti catrami acidi a]tri catrami ] ri fiuti contenenti mercurio ] acido so]forico ed acido so]foroso. 06,01.02 acido cloridrico acido fluoridrico acido fosforico e fosforoso acido nitrico e acido nitroso altri acidi idrossido di calcio idrossido di ammonio idrossido di sodio e di potassio a]tre basi ] sali e ]oro soluzioni, contenenti cianuri sali e ]oro so]uzioni, contenenti metalli pesanti ossidi metallici contenenti metalli pesanti rifiuti contenenti arsenico rifiuti contenenti mercurio rifiuti contenenti a]tri metalli pesanti fanghi prodotti clal trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze perico]ose rifiuti contenenti so]furi pericolosi rifiuti dei processi e]ettrolitici, contenenti amianto carbone attivato dalla produzione di c]oro fanghi di so]fati di bario, contenenti mercurio so]uzioni ed acidi, ad es. acido di contatto rifiuti contenenti c]orosi]ano perico]oso rifiuti prodotti da reazioni a base di calcio contenenti 0 contaminati cia sostanze pericolose rifiuti contenenti sostanze pericolose. MIOO2796/0 C.F.: 05S Pagina 3 di 13 \Av

4 Albo Nazionale Gestori Al11bientali -SEZIONE REGJONALE LOMBARDlAistituita presso la Camera di Comlllereio Industria /\.rtigianato e Agrieoltura c1llvlilmo Via fv1eravigli. 9/ prodotti fitosanitari, agenti conservativi dellegno ed ajtri biocidi inorganicj carbone attivato esaurito (tranne 06(702) rifiuti delia Javorazione dell'amianto fujiggine soluzioni acquose di lavaggio ed acgue Illadri. 07.0].03 solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acgue Illadri fondi e residui di reazione, alogenati altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti, alogenati altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti fanghi pradotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di Javaggio ed acgue madri sol venti organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri solventi organici, sojuzioni di lavaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione, alogenati altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauri ti, ajogenati a]tri residui di fi]trazioneeassorbenti esauriti fanghi pradotti da] trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericolose rifiuti prodotti da additivi, contenenti sostanze perico]ose rifiuti contenenti silicone pericojoso soluzioni acquose di Javaggio ed acgue madri solventi organici a]ogenati, soluzioni di lavaggio ed acgue madri altri so]venti organici, so]uzioni di ]avaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione a]ogenati a]tri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti a]ogenati altri residui di fi]trazione e assorbenti esauriti ] fanghi pradotti da] trattamento in Joco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di ]avaggio ed acque madri solventi organici a]ogenati, sojuzioni di lavaggio ed acque madri altri solventi organici, soluzioni di lavaggio ed acgue madri fondi e residui di reazione ajogenati..' J- l~t;i::ci;"\ ' altri fondi e residui di reazione residui di filtrazione e assorbenti esauriti alogenati I0 altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti fanghi prodotti dal trattamento in loco deg]i effluenti, contenenti sostanze pericojose. ~~~~~? rifiuti solidi contenenti sostanze pericolose soluzioni acquose di lavaggio ed acgue madri solventi organici a]ogenati, sojuzioni di Javaggio ed acgue madri altri sol venti organici, sojuzioni di lavaggio ed acgue madri. \.~f '. MIOO2796/0 C.F.: ]58 Pagina 4 di 13

5 Albo Nazionale Gestori AmbientaH -SEZIONE REGIONALE LOI\1BARDIA- Istituita pre;;so!a Camera di Commercio Industria Artigianato e A~ncoltura di ]\lilano Via MerinigJi. 9B DIgs! 52/ ] ]] ] ] ] ] ] ] ] ] ] ] 09.0] fondi e residui di reazione, alogenat i. altri fondi e residui di reazione. residui c\i filtrazione e assorbenti esauri ti, a]ogenati. altri residui di filtrazione e assorbenti esauriti. fanghi proc\otti dal trattamento in loco degli efnuenti, contenenti sostanze peri co lose. rifiuti solidi contenenti sostanze pericojose ] soluzioni acquose eli lavaggio ed acque madri solventi organici alogenati, so]uzioni di lavaggio ed acque madri. altri solventi organici, soluzioni eli lavaggio ed acque madri. fondi e residui di reazione, alogenati. altri fondi e residui elireazione. residui di fijtrazione e assorbenti esauriti, alogenati. i 51;5; a1tri resielui eli filtrazione e assorbenti esauriti. \~ ~ \ -':6.. fanghi proelotti dal trattamento in loco degli efnuenti, contenenti sostanzy. pericolo~~ soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri..~; solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed acque madri. ajtri solventi organici, soluzioni di ]avaggio ed acque madri. fondi e residui di reazione, alogenati. altri fondi e residui di reazione. residui di filtrazione e assorbenti esauri ti, alogenati. altri residui di fi]trazione e assorbenti esauriti. fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pencolose. pitture e vemici di scarto, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi prodotti da pitture e vemici, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi acquosi contenenti pitture e vemici, contenenti sol venti organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi prodotti dalla rimozione di pitture e vemici, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. sospensioni acquose contenenti pitture e vemici, contenenti sol venti organici 0 altre sostanze pericolose. residui di vemici 0 di svemiciatori. scarti di inchiostro, contenenti sostanze pericolose. fanghi di inchiostro, contenenti sostanze pericojose. residui di sojuzioni chimiche per inci sione. toner per stamp a esauriti, contenenti sostanze pericolose. oli dispersi. adesivi e sigillanti di scarto, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. fanghi di adesivi e sigillanti, contenenti so]venti organici 0 a1tre sostanze pericolose. fanghi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti solventi organici 0 altre sostanze pericolose. rifiuti liquidi acquosi contenenti adesivi e sigillanti, contenenti sol venti organici 0 a1tre sostanze pericolose. olio di resina. isocianati di scarto. soluzioni di svijuppo e attivanti a base acquosa. soluzioni di sviluppo per Jastre offset a base acquosa. soluzioni di svi]uppo a base di solventi. ~~ \.;~ \-=- '.j." M /0 C.F.: ] 0] 58 Pagina 5 di 13

6 Albo Nazionale Gestori AmbientaJi -SEZIONE REGJONALE LOMBARDIAistitl.lita presso Ja Camer;) di CommerclO Industria Artigianato e /\gricoltura di f\/li]ailo Via!\1eravig1i. Q/B D1gs ] 5:U soluzioni fissative so]uzioni di lavaggio e soluzioni di arresto-fissaggio ] ] ] ] ] ] rifiuti contenenti argento prodotti claj trattamento in loco di ritluti fotografici. macchine fotografiche monouso contenenti batterie incluse nelle voci ]6060], ] rifiuti liquidi acquosi prodotti dal recupero in loco dell'argento, diversi cia guelli di cui alla voce 09 0 I 06. ceneri leggere di olio combustibi1e e polveri cli calclaia. aciclo solforico. ceneri leggere prodotte cia iclrocarburi emulsionati usati come carburante. ceneri pesanti, scorie e polveri di calclaia proclotte dal coincenerimento, contenenti sostanze pericolose. ceneri leggere prodotte clal coincenerimento, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dajja clepurazione clei fumi, contenenti sostanze pericojose. fanghi proclotti dal trattamento in loco clegli effluenti, contenenti sostanze pericolose. fanghi acquosi cia operazioni di pulizia caldaie, contenenti sostanze pericolose. rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dal trattamento delle acque di raffreddamento, contenti oli. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. scorie delia produzione primaria. scorie saline dejja produzione scorie nere dejja produzione secondaria. secondaria. schiumature infiammabili 0 che rilasciano, al contatto con l'acqua, gas infiammabili in quantita pericolose. rifiuti contenenti catrame dejja produzione degli anodi. po1veri dei gas di combustione, contenenti sostanze pericolose. altre polveri e particolati (comprese quejje prodotte da mulini a pajje), contenenti sostanze pericolose. rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze pericolose. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei furni, contenenti sostanze pericolose. rifiuti prodotti dal trattamento dejje acque di raffreddarnento, contenenti olio rifiuti prodotti da1 trattarnento di scorie saline e scorie nere, contenenti sostanze pericolose. scorie dejja produzione prirnaria e secondaria. irnpurita e schiurnature delia produzione primaria e secondaria. arsenato di calcio. pol veri dei gas di combustione. altre polveri e particolato. rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi.. rifiuti prodotti da] trattamento delle acque di raffreddamento, contenenti olio polveri dei gas di combustione. rifiuti solidi prodotti da] trattamento dei furni. fanghi e residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi. rifiuti prodotti dal trattarnento del1e acque di raffreddamento, contenenti oli ] 0 scorie e schiumature infiamrnabili 0 che rilasciano, al contatto con l'acgua, gas infiammabili in quantita pericolose. MlO02796/0 C.F.: 05862}] 0158 P~gina 6 dij3 "J\c--."..

7 Albo Naziona]e Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDIAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e /\fticoltura di I'vli1ano Via T'v1eravigli.9,'8 ] polven dei gas di combustione. ] ritiuti solidi prodotti da! trattamento dei rumi. ] fanghi e residui di tiltrazione prodotti dal trattamento clei fumi ritiuti proclotti dal ttattamento delle acque di raffreddamento, contenenti oji rifiuti prodotti da! trattamento delle acque di raffreddamento, contenenti oli scorie sa!ate delia proclllzione primaria e seconclaria impuri1<1 e schillmature intiammabi]i 0 che rilasciano, al contatto con I'acqua, gas inliaml1labili in quantita pericolose. ] rifiuti contenenti catrame derivante dalla procluzione degli anodi. I0.08.] 5 po]veri dei gas di combustione, contenenti sostanze pericolose ] 7 fanghi e resiclui di fi]trazione prodotti dal trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose ] 9 rifiuti prodotti da! trattamento delle acgue di raffreddamento, contenenti oli. IO forme e anime da fonderia non utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] forme e anime da fonderia utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] polveri dei gas di combustione contenenti sostanze pericolose. ] 0.09.] ] altri particolati contenenti sostanze pericojose. ] 0.09.] 3 leganti per rifiuti contenenti sostanze pericolose. ] 0.09.] 5 scarti di prodotti rilevatori di crepe, contenenti sostanze pericolose. ] 0.] 0.05 forme e anime da fonderia non utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] forme e anime da fonderia utilizzate, contenenti sostanze pericolose. ] polveri dei gas di cornbustione, contenenti sostanze pericolose. ] 0.] 0.] 1 altri particolati contenenti sostanze pericolose. ] 0.] O.13 leganti per rifiuti contenenti sostanze pericolose scarti di prodotti rilevatori di crepe, contenenti sostanze pericolose. lo scarti di mescole non sottoposte a trattamento terrnico, contenenti sostanze pericolose. 10.] ].11 rifiuti di vetro in forma di particolato e polveri di vetro contenenti rnetaiji pesanti (provenienti ad es. da tubi a raggi catodici). ] 0.1 ].] 3 lucidature di vetro e fanghi di rnacinazione, contenenti sostanze pericolose. IO.1].] 5 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze perico]ose. ]0.] ].17 fanghi e residui di filtrazione prodotti da! trattamento dei fumi, contenenti sostanze pericolose. I0.11. ] 9 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento in loco deg!i effluenti, contenenti sostanze perico]ose. ] 0.] 2.09 rifiuti solidi prodotti dal trattarnento dei furni, contenenti sostanze pericolose. 10.] 2.] ] rifiuti delle operazioni di srnaltatura, contenenti metalli pesanti. ] 0.] 3.09 rifiuti delia fabbricazione di arnianto cernento, contenenti arnianto. ] 0.] 3.] 2 rifiuti solidi prodotti da] trattamento dei furni, contenenti sostanze pericojose. ] ] rifiuti prodotti daija depurazione dei furni, contenenti mercurio. I].0].05 acidi di decappaggio. 1 ].0].06 acidi non speci ficati altrimenti. I 1.0].07 basi di decappaggio. ] 1.0].08 fanghi di fosfatazione. ] ].0].09 fanghi e residui di filtrazione, contenenti sostanze pericolose. I I.0]. I ] soluzioni acquose di!avaggio, contenenti sostanze perico!ose., A r \./\~ MJ002796/0 C.F.: ] 0] 58 Pagina 7 di 13

8 Albo Nazionale Gest9ri Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDlAistituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianaw e Agrico!tura dl I'vli1ano Via 1'vleravig1i,9/8 DIgs] 52/06 ] ] I I I I I rifiuti di sgrassaggjo contenenti sostanze pericolose. eluati e fanghi di sistemi a membrana e sistemi a scambio ionieo. contencnti sostanze pericolose. resine a sea mbio ionieo saturate 0 esaurite. a11ri rifiuti eontenenti sostanze pericolose. rifiuti della ]avo1'azione id1'ometallurgica dello zinea (comp1'esi jarosite, goethite). 1'ifiuti della ]avorazione idrometa]]urgica de] rame, contenenti sostanze perico]ose. a]t1'i 1'ifiuti contenenti sostanze pe1'ico]ose. 1].03.0] 1'ifiuti contenenti cianuro. ] I alt1'i 1'ifiuti. ] rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi. I fondente esaurito I I ] oli minerali per macchinari, contenenti alogeni (eccetto emulsioni e so]uzioni). oli minerali per macchinari, non contenenti alogeni (eccetto emulsioni e soluzioni). emu]sioni e soluzioni per macehinari, eontenenti a]ogeni. emulsioni e soluzioni per macchinari, non eontenenti alogeni. oli sintetici per macchinari. cere e grassi esa uri t i. fanghi di lavorazione, contenenti sostanze pericolose. materiale abrasivo di scarto, contenente sostanze pericolose. fanghi metallici (fanghi di rettifica, affilatura e lappatura) contenenti olio. oli per macchinari, facilmente biodegradabili. corpi d'utensile e materiali di rettifica esauriti, contenenti sostanze pericolose. soluzioni acquose di lavaggio. rifiuti prodotti da processi di sgrassatura a vapore. oli per circuiti idraulici contenenti PCB (1). emulsioni emulsioni clorurate. non clorurate. oli minerali per eircuiti idraulici, dorurati. oli minerali per circuiti idraulici, non clomrati. oli sintetici per circuiti idraulici. oli per circuiti idraulici, facilmente biodegradabili. altri o]i per circuiti idraulici. scarti di olio minera]e per motori, ingranaggi e lubrificazione, clorurati. searti di olio minera]e per motori, ingranaggi e lubrificazione, non elorurati. searti di olio sintetico per motori, ingranaggi e ]ubrificazione. olio per motori, ingranaggi e lubrificazione, facilmente biodegradabi1e. a]tri oli per motori, ingranaggi e lubrificazione. oli isolanti e termoconduttori, contenenti PCB. oli minerali iso]anti e termoconduttori clomrati, diversi da quejlj di cui ajla voce oli minerali isolanti e termoconduttori non elorurati. oli sintetici iso]anti e termoconduttori. oli isolanti e termoconduttori, facijmente biodeg1'adabili..y\~ MIOO2796/0 C.F.: ] 0158 Pagina 8 di 13

9 AIbo NazjonaJe Gestod Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDlA- Istihlita presso!a Camera di Commercia Industria Anigianato e Agricoltura di 1\liJano Via Meravigli, 9;B!3.lJ3.1 0 altri oli isolanti e lermocondutton oli di sentina delia navigazione intema oli di sentin3 delle fognature dei moli, I3.04, 3 13,05,0] 13,05,02 ] 3, ,05.06 ] 3,05,07 13,05,08 altri oli di sentina delia navigazione. rifiuti solidi delle camere a sabbia e di prodotti di separazione olio/acgua. fanghi di prodotti di separazione oljo/acqua, fanghi da collettori, oli prodotti dalla separazione olio/acgua, acglle oleose prodotte dalla separazione olio/acgua, miscllgli di rifillti delle camere a sabbia e dei prodotti di separazione olio/acgua, 13,07,0] olio combllstibije e carburante diesel. ] 3,07,02 petrolio, ]3,07,03 a]tri carburanti (comprese Ie miscele), ] 3,08,0] fanghi ed emulsioni prodotti dai processi di dissalazione, 13,08,02 altre emulsioni, 14,06,01 clorofluorocarburi, HCFC, HFC. 14,06,02 altri solventi e miscele di so]venti, alogenati. 14,06.03 a]tri so]venti e miscele di solventi fanghi 0 rifiuti solidi, contenenti so]venti a]ogenati. 14,06.05 fanghi 0 rifiuti solidi, contenenti a]tri so]venti. ] 5.01.] 0 imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose 0 contaminati da tali sostanze. 15.0].] ] imbajlaggi metajlici contenenti matrici solide porose pericolose (ad esempio amianto), compresi i contenitori a pressione vuoti assorbenti, materiali fi]tranti (inclusi filtri dell'olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose. 16.0].04 veicoli fuori uso. ] fi]tri dell'olio. ] componenti contenenti mercurio. 16.0].09 componenti contenenti PCB. ] 6.0].10 componenti esplosivi (ad esempio "air bag"). ] ] pastiglie per freni, contenenti amianto. ] 6, liguidi per freni. ] 6.0].14 liquidi antigelo contenenti sostanze pericojose. ] componenti perico]osi diversi da quejli di cui aile voci da ]6 0] 07 a ] 1, e ] trasformatori e condensatori contenenti PCB, ] 6.02.] 0 apparecchiature fuori uso contenenti PCB 0 da essi contaminate, diverse da quelle di cui alia voce] ]] apparecchiature fuori uso, contenenti cjorofluorocarburi, HCFC, HFC. ] 6.02.] 2 apparecchiature fuori uso, contenenti amianto in fibre libere. ] 6.02,] 3 apparecchiature fuori uso, contenenti componenti perico]osi (2) diversi da quelli di cui aile voci ] e ]602 ]2. ] componenti perico]osi rimossi da apparecchiature fuori uso rifiuti inorganici, contenenti sostanze pericojose. ] rifiuti organici, contenenti sostanze pericolose, MI002796/0 C.F.: ]0158,. r "\i t" Pagina 9 di ] 3

10 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZJONE RECJONALE LOMBAROJAistituita presso ]a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano Via MeravigJi. 98 ] ! munizioni di scarto fuochi artificiaji di scarto. J altri esplosiyi di scinto gas in contenitori a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose sostanze chimiche di laboratorio contenenti 0 costituite da sostanze pericolose, sostanze chimiche di laboratorio sostanze chimiche inorganiche di scarto contenenti 0 costituite da sostanze pericolose sostanze chimiche organiche di scarto contenenti 0 costituite da sostanze pericolose batterie al piombo batterie al nichel-cadmio batterie contenenti mercurio. ] elettroliti di batterie ed accumulatori, oggetto di I'acco]ta differenziata. ] rifiuti contenenti olio rifiuti contenenti altre sostanze pericolose. comprese Ie miscele di catalizzatori esauriti contenenti metalli di transizione (3) peri colosi 0 composti di metalli di transizione peri colosi. ] catalizzatori esauri ti contenenti acido fosforico liquidi esauriti usati come catalizzatori catalizzatori esauriti contaminati da sostanze pericolose permanganati, ad esempio permanganato di potassio cromati, ad esempio cromato di potassio, dicromato di potassio 0 di sodio perossidi, ad esempio perossido d'idrogeno sostanze ossidanti non specificate altrimenti soluzioni acquose di scarto, contenenti sostanze pericolose concentrati acquosi, contenenti sostanze pericolose. ] rivestimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, contenenti sostanze perico]ose. ] altri rivestimenti e materiali refrattari provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, contenenti sostanze perico]ose ].05 rivestimenti e materiali refrattari provenienti da lavorazioni non metallurgiche, contenenti sostanze pericolose ] ] ] ] 7.04.] 0 ] ] miscugli 0 scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, contenenti sost<.!-nzepericolose. vetro, plastica e legno contenenti sostanze pericolose 0 da esse contaminati. miscele bituminose contenenti catrame di carbone. catrame di carbone e prodotti contenenti catrame. rifiuti metallici contaminati da sostanze pericolose. cavi, impregnati di olio, di catrame di carbone 0 di ajtre sostanze pericolose. terra e rocce, contenenti sostanze pericolose. fanghi di dragaggio, contenente sostanze pericolose pietrisco per massicciate ferroviarie, contenente sostanze pericolose',l,,' ] materia]i isolanti contenenti ami an to." a1tri materiali isolanti contenenti 0 costituiti da sostanze pericolose. materia]i da costruzione contenenti amianto. ~t- MI002796/0 C.F~: Pagi~ 10di J3

11 Albo Nazionale Gestori Ambientali -SEZIONE REGIONALE LOMBARDIAistituita presso ]a Camera di Commercio Jndl~stria Artigianato e Agricoltura di J\lilano Via I'v1er:l\igli.C)/B materiali da costruzione a base di gesso contaminati da sostanze pericolose rifiuti dell'attivit,\ di costruzione e demojizione. contenenti mercurio rifiuti dejl'attivit<\ di costruzione e demolizione. contenenti PCB (ad esempio sigijlanti contenenti PCB, pavimentazioni a base di resina contenenti PCB, elementi stagni in vetro contenenti PCB, condensatori contenenti PCB) altri rifiuti dejl'attivita di costruzione e demolizione (compresi rifiuti misti) contenenti sostanze pericolose. rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. sostanze chimiche pericolose 0 contenenti sostanze pericojose. medicinali citotossici e citostatici. rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici. rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni. sostanze chimiche pericolose 0 contenenti sostanze perico!ose. medicinali citotosslci e citostatici. residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi. rifiuti liquidi acquosi prodotti dal trattamento dei fumi e di altri rifiuti liquidi acquosi. rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi. carbone attivo esaurito, impiegato per il trattamento dei fumi. ceneri pesanti e scone, contenenti sostanze pericolose. ceneri leggere, contenenti sostanze pericolose. ceneri di caldaia, contenenti sostanze pericolose. rifiuti dell a pirolisi, contenenti sostanze pericolose. miscugli di rifiuti contenenti almeno un rifiuto pericoloso. fanghi prodotti da trattamenti chimico-fisici, contenenti sostanze pericolose. oli e concentrati prodotti da processi di separazione. rifiuti combustibili liquidi, contenenti sostanze pericolose. rifiuti combustibili solidi, contenenti sostanze pericolose. altri rifiuti contenenti sostanze pericolose. rifiuti contrassegnati come perico!osi, parzialmente (5) stabilizzati. rifiuti contrassegnati come pericolosi, solidificati. ceneri leggere ed altri rifiuti dal trattamento dei fumi. fase solida non vetrificata. percolato di discarica, contenente sostanze pericolose. resine a scambio ionico saturate 0 esaurite. soluzioni e fanghi di rigenerazione delle resine a scambio ionico. rifiuti prodotti da sistemi a membrana, contenenti sostanze pericolose. miscele di oli e grassi prodotte dalja separazione olio/acqua, diverse da quelle dicui ajla voce fanghi prodotti dal trattamento biologico delle acque reflue industriali, contenenti sostanze pericolose. fanghi contenenti sostanze pericolose prodotti da altri trattamenti del1e acque reflue industriali. fluff - frazione leggera e polveri, contenenti sostanze pericolose. altre frazioni, contenenti sostanze pericolose. filtri di argijia esauriti. catrami acidi. MlOO2796/0 C.F.: Pagina 11 di ]3 \> ) r-- --:\ \

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002)

ELENCO CER 2002 accettati dal sistema CARIREAB ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) ELENCO EUROPEO DEI CODICI RIFIUTI (CER 2002) Codice Classe Descrizione 010101 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi 010102 rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi 010304 P sterili che

Dettagli

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.

AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12. AGGIORNAMENTO: AUTORIZZAZIONE TECNOAMBIENTE INTEGRAZIONE AIA N. 3066 DEL 02.09.2015 190204* 191211* CER AUTORIZZAZIONE TYCHE AIA N. 5250 DEL 18.12.2014 Per discarica di rifiuti pericolosi no classi di

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

CODICI CER PERICOLOSI

CODICI CER PERICOLOSI CODICI CER PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 03 rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice.

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA MAGGIO 2012. Committente: Oggetto: Società esecutrice. REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO COMUNICAZIONE DI MODIFICHE NON SOSTANZIALI AI SENSI DELL ART.29nonies del D.Lgs. 152/2006 Committente: Oggetto: Codici CER per D13

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali

Dettagli

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI

CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI ALLEGATO 1 CODICI CATALOGO EUROPEO RIFIUTI CODICE DESCRIZIONE RIFIUTO 010000 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 010100 rifiuti

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti)

Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Allegato D del D. Lgs. n. 152/2006 (C.E.R. Catologo Europeo dei Rifiuti) Note ad Allegato D Allegato G Allegato H Allegato I 01 00 00 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché

Dettagli

Prontuario Rifiuti WEB

Prontuario Rifiuti WEB Servizi per l ambiente SERVIZI Una molteplicità di servizi riguardanti il settore dei rifiuti, tutti svolti nel rispetto assoluto della normativa ambientale e della sicurezza del lavoro, valendosi di una

Dettagli

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali

Capitoli dell'elenco Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali Capitoli dell'elenco 01 Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali 02 Rifiuti prodotti da agricoltura, orticoltura, acquacoltura,

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010

PROVINCIA DI FOGGIA. N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 N 3 /Reg. Ambiente PROVINCIA DI FOGGIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMBIENTE N. 39 /6.15/Reg. Deter. Data, 12/01/2010 OGGETTO: Integrazione e rinnovo autorizzazione alla soc. Nicola Veronico

Dettagli

Albo Nazionale Gestori Ambientali.SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA. di Commercio Industria Artigianato Via Meravigli,9/B Dlss 152/06

Albo Nazionale Gestori Ambientali.SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA. di Commercio Industria Artigianato Via Meravigli,9/B Dlss 152/06 istituita presso la Camera Albo Nazionale Gestori Ambientali.SEZIONE REGIONALE LOMBARDIA. di Commercio Industria Artigianato Dlss 152/06 e Agricoltura di Milano Iscrizione N: MI000701/OS Prot. No l{10340221

Dettagli

Art.2 (legale/i rappresentante /i)

Art.2 (legale/i rappresentante /i) istituita presso la Camera di Commercio ndustria Artigianale e Agricoltura di MLANO Numero d'iscrizione M02917 Presidente della Sezione regionale della Lombardia dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Dettagli

S.I.L.C. S.r.l. Via Cascina Secchi, 211-24040 ISSO (BG) TRASPORTO RIFIUTI PERICOLOSI ELENCO AUTORIZZAZIONI (ISCRIZIONI ALBO GESTORI AMBIENTALI)

S.I.L.C. S.r.l. Via Cascina Secchi, 211-24040 ISSO (BG) TRASPORTO RIFIUTI PERICOLOSI ELENCO AUTORIZZAZIONI (ISCRIZIONI ALBO GESTORI AMBIENTALI) S.I.L.C. S.r.l. Via Cascina Secchi, 211-24040 ISSO (BG) TRASPORTO RIFIUTI PERICOLOSI ELENCO AUTORIZZAZIONI (ISCRIZIONI ALBO GESTORI AMBIENTALI) PROVVEDIMENTO DESCRIZIONE RILASCIATO DA SCADENZA Iscrizione

Dettagli

Albo Nazionale Gestori Ambientali. Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Albo Nazionale Gestori Ambientali. Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

Iscrizione N: FI02041 II Presidente ' della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: FI02041 II Presidente ' della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Iscrizione N: FI02041 II Presidente ' della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto l'articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, e successive modifiche

Dettagli

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione.

1. E adottato l elenco contenuto nell allegato della presente decisione. Decisione CE 3 maggio 2000, n. 532. Sostituzione della decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CE del Consiglio relativa ai

Dettagli

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti

P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti P R O V I N C I A D I G E N O V A Direzione ambiente, ambiti naturali e trasporti UFFICIO SUOLO Settore rifiuti OGGETTO : D. lgs. n. 152/2006, parte II P. D. n. 4278/2010 (A.I.A.) Società MANECO S.r.l.

Dettagli

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1

Allegato D Parte IV D.lgs 152/2006 Aggiornato al 01/06/2015 1 ALLEGATO D Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

Art. 2 (legale/i rappresentante /i)

Art. 2 (legale/i rappresentante /i) Numero d iscrizione FI00150 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

c. r.. 0043367017\ è iscritta all' Albo Nazionale Gestori Ambientali come segue:

c. r.. 0043367017\ è iscritta all' Albo Nazionale Gestori Ambientali come segue: Albo Nazionale Cestori AmbientaJi SEZIONE REGIONALE DELLA LOMBARDIA Numcro d'iscrizione MJOI052 Il Presidente della Sezione regionale della Lombardia dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

IiltffiffiffiffiffiH,ÉH{tffiffiffi]t. Art,2 (le g ale/i r ap p r es entante /i) 4-C

IiltffiffiffiffiffiH,ÉH{tffiffiffi]t. Art,2 (le g ale/i r ap p r es entante /i) 4-C Dlgs 152/06 Numero d'iscrizione ve00783 Il Presidente della Sezione regionale del Veneto dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006,n. 152, e successive modificazioni

Dettagli

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293)

Allegati alla Parte IV (All.ti A-L e 1-5) ALLEGATO A (1293) ALLEGATO A (1293) 1 - Categorie di rifiuti Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati; Q2 Prodotti fuori norma; Q3 Prodotti scaduti; Q4 Sostanze accidentalmente riversate, perdute

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Certe cose vanno. trattate con cu

Certe cose vanno. trattate con cu Certe cose vanno trattate con cu R a Eco Eridania SpA Eco Eridania Spa è oggi l azienda leader in Italia nei servizi di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti sanitari, industriali,

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

LINEE GUIDA. per il conferimento dei rifiuti non pericolosi presso la discarica per inerti e. per la gestione delle terre e rocce da scavo

LINEE GUIDA. per il conferimento dei rifiuti non pericolosi presso la discarica per inerti e. per la gestione delle terre e rocce da scavo LINEE GUIDA per il corretto conferimento dei rifiuti non pericolosi presso l impianto di recupero di rifiuti da costruzione e demolizione Boccher per la successiva produzione di materiali riciclati da

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

!"## " $ %& ' # $ & ' ( & &,-""-./ * ) " )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 :

!##  $ %& ' # $ & ' ( & &,--./ * )  )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 : GAB/DEC/104/06 del 2/05/2006!"## " $ %& ' # $ & ' ( & & )&)##*##+,-""-./ * ) " 0-!0-./ &1.##--./ #.21/344 (./3 & )$$ 00, & )& & 415 1--./&# )6.21/344( $ # )6 ## &)##&( & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&#

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento

ALLEGATO B Operazioni di smaltimento A LLEGATI ALLEGATO B Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (ad esempio discarica). D2 Trattamento in ambiente terrestre (ad esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli).

Dettagli

Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011

Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011 Atto Dirigenziale N. 1835 del 17/05/2011 Classifica: 008.11.02 Anno 2011 (3813079) Oggetto Ufficio Redattore Riferimento PEG Centro di Costo Resp. del Proc. Dirigente/Titolare P.O. AUTORIZZAZIONE AI SENSI

Dettagli

Lettera di presentazione

Lettera di presentazione NEW ENERGY POWER SRL Strada Vecchia per Chieri 100 14019 VILLANOVA D ASTI (AT) Italia Tel. +39 0141947622 Fax +39 0141947623 P.IVA e Cod.Fisc. 09652590010 Lettera di presentazione L azienda New Energy

Dettagli

3. Autorizzazioni di gestione dei rifiuti ex articoli 28 e 30 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22.

3. Autorizzazioni di gestione dei rifiuti ex articoli 28 e 30 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. DIRETTIVA MINISTERIALE 9 aprile 2002 Indicazioni per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n. 2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco dei rifiuti. (Suppl.

Dettagli

DECISIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/955/UE)

DECISIONI. (Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/955/UE) L 370/44 DECISIONI DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2014 che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all'elenco dei rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del

Dettagli

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto.

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto. ALLEGATO Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI

LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI LA GESTIONE DEI RIFUTI NELLE COSTRUZIONI EDILI INDICAZIONI PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ALCUNE DEFINIZIONI TRATTE DAL D. LGS. 152/06

Dettagli

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145

Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n. 145 SOMMARIO Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. ALLEGATI ALLEGATO A. ALLEGATO B. ALLEGATO C. ALLEGATO D. ALLEGATO E. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE di concerto con

Dettagli

Data Codice CER del rifiuto Produttore Destinatario Movimento /Detentore

Data Codice CER del rifiuto Produttore Destinatario Movimento /Detentore ALLEGATO A A-1 FRONTESPIZIO DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO 1. DITTA... Residenza o domicilio... comune via n. Codice fiscale... Ubicazione dell'esercizio... comune via n. 2.ATTIVITA' SVOLTA PRODUZIONE

Dettagli

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione.

Art. 1 È adottato l'elenco contenuto nell'allegato della presente decisione. DECISIONE DELLA COMMISSIONE 3 maggio 2000, 2000/532/CE Decisione della Commissione che sostituisce la decisione 94/3/CE che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1, lettera a), della

Dettagli

Iscrizione N: FI17305 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: FI17305 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Iscrizione N: FI17305 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152; Visto, in particolare, l articolo 212,

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI

PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI INDICE 1. GENERALITÁ E OBIETIVI...3 1.1. Premessa e quadro normativo di riferimento... 3 1.2. CRITERI GENERALI... Fehler! Textmarke nicht definiert.

Dettagli

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI LIMITI E PRESCRIZIONI ALLEGATO 3 L autorizzazione integrata ambientale ai sensi del D.lgs 152/2006, è rilasciata alla Società ECO-WORKS S.r.l. per l esercizio dell impianto di raccolta, stoccaggio e trattamento

Dettagli

Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141

Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141 Decreto Ministeriale dell'11 marzo 1998, n 141 IL MINISTRO DELL'AMBIENTE di concerto con IL MINISTRO DELLA SANITÀ e IL MINISTRO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO Visto il decreto legislativo

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

DECRETO 1 aprile 1998, n. 148

DECRETO 1 aprile 1998, n. 148 DECRETO 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

Art.2 ( e g ale/í r ap p r e s e nt ant e/í)

Art.2 ( e g ale/í r ap p r e s e nt ant e/í) Albo Nazionale GestorÍ Ambientali - Albo Gestori Ambientali - Sezíone Campania Corso Meridionale, 58 - c/o Borsa Merci - Dlgs 152106 a Iscrizione N: NA00366 Il Presidente della Sezione regionale della

Dettagli

Decreto 11 marzo 1998, n. 141

Decreto 11 marzo 1998, n. 141 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie generale n. 108 del 12 maggio 1998 Decreto 11 marzo 1998, n. 141 Regolamento recante norme per lo smaltimento in discarica dei rifiuti

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 Provvedimento n. 2398 Proponente: Valutazioni e Autorizzazioni ambientali Classificazione: 09-12 2012/30 del 31/07/2015 Oggetto: D.LGS N. 152/2006

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL'AMBIENTE Direzione generale della difesa dell'ambiente Servizio atmosferico e del suolo, gestione rifiuti e bonifiche DETERMINAZIONE N. 4938/Det/104

Dettagli

Art. 2 (lega/eli rappresentante

Art. 2 (lega/eli rappresentante ~ Genova ~ IMPOSTADI BOLLO ASSOL- TA IN MOOO VIRTUALE - AUTORIZZAZIONE DELL'IN- TENDENZA DI FINANZA 01 C.F. 00796640100 \ istituita presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale n. 19

Bollettino Giuridico Ambientale n. 19 DECRETO MINISTERIALE 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18, comma 4,

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale n. 19

Bollettino Giuridico Ambientale n. 19 Bollettino Giuridico Ambientale n. 19 DECRETO MINISTERIALE 1 aprile 1998, n. 145 Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli

Dettagli

Impianti Stoccaggio Amianto

Impianti Stoccaggio Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei Rifiuti Contenenti Amianto: situazione italiana. Roma 12 Dicembre 2013. Impianti Stoccaggio Amianto Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Dott.ssa Federica Paglietti

Dettagli

i ilîúiliftflfifiiîírrfiîîtittt

i ilîúiliftflfifiiîírrfiîîtittt i ilîúiliftflfifiiîírrfiîîtittt Albo Nazione Gestori Ambienti la Camera di Commercio Industria Arlrgianato e Agricoltura di TORINO Via S. Francesco dapaola,24 Iscrizione N: TO02258 Il Presidente della

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale Sommario 1. PREMESSE... 2 2. RIFIUTI ATTUALMENTE AMMESSI AL SISTEMA INTEGRATO... 4 3. CODICI OGGETTO DELL ISTANZA IN ESAME... 9 3.1 Rifiuti già ammessi al Sistema Integrato, ma con limitazioni nell A.I.A....

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

L{p* 0À. lffir. I *là* PROVINCIA DI PISA

L{p* 0À. lffir. I *là* PROVINCIA DI PISA @l \ à ' l L{p* 0À lffir I *là* PROVINCIA DI PISA i Area:Area Governo Territorio U.O:UOO Smaltimento Rifiuti 56125 Pisa PzzaV. Emanuele ll, 14 Tel. 05092911 Fax 050502328 Tipolosia Alto Pronosta nr. 881

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A.

NUOVO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVOR NUOVO IMPIANTO DI DEPOTO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. --->Elaborato di progetto P13: ELENCO CODICI CER DEI

Dettagli

Isel"izione N: AN/15. Il Presidente della Sezione regionale delle Mllrehe dell' Albo Nllzionale Gestori Ambientali

Iselizione N: AN/15. Il Presidente della Sezione regionale delle Mllrehe dell' Albo Nllzionale Gestori Ambientali SO.GE.NU.S. S.p.A. Isel"izione N: AN/15 Il Presidente della Sezione regionale delle Mllrehe dell' Albo Nllzionale Gestori Ambientali Prot.N' 29 MAR, 2313 E3A!A Col._a._fosc._ Visto il decreto legislativo

Dettagli

Determinazione n. 1717 del 10/07/2012

Determinazione n. 1717 del 10/07/2012 ORIGINALE Prot. N. 48218/ 2012 Determinazione n. 1717 del 10/07/2012 OGGETTO: DITTA SAMECO S.R.L. VIA PANTANELLI, MONTELABBATE (PU) - DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 ARTICOLI 29-TER E 213 - AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti;

Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche, ed in particolare la parte quarta relativa alla gestione dei rifiuti; DM 08 Aprile 2008 modifiche: Dm 13 maggio 2009 (18-07-2009) Versione coordinata con modifiche. Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 8 aprile 2008 (Gazzetta ufficiale

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

consorzio ordinario di imprese costituito dalle seguenti società:

consorzio ordinario di imprese costituito dalle seguenti società: All Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna Via Duca degli Abruzzi n. 8 07100 Sassari Marca da bollo 16,00 Oggetto: gara a procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta, trasporto

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD)

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Tel. +39 049 0990055 - Fax +39 049 0993680 www.ecorex.it - info@ecorex.it INDICE I RIFIUTI DELL AUTOMOTIVE Istruzioni per una gestione corretta

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Allegato 10. Al chilogrammo uro 0,200 (zero virgola duecento millesimi);

Allegato 10. Al chilogrammo uro 0,200 (zero virgola duecento millesimi); Allegato 10 CODICE RIFIUTO DESCRIZIONE PREZZO 1) CER 08 01.composto da:08.01.12;08.01.14;08.01.16;08.01.18;08.01.20;08.0 1.99 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso e della rimozione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

Piattaforma di Tortona

Piattaforma di Tortona Pagina 1 di 5 Piattaforma di Tortona Funzionamento della Piattaforma di Tortona Gestione dei rifiuti provenienti dai Comuni soci e/o dalle Utenze Private Autorizzate ACCETTAZIONE I mezzi in ingresso in

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 8 aprile 2008 (testo coordinato con le modifiche introdotte dal DM 13 maggio 2009) Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti

Dettagli

PO.GR.02. Procedura Operativa per la Gestione dei Rifiuti Speciali Pericolosi (RSP)

PO.GR.02. Procedura Operativa per la Gestione dei Rifiuti Speciali Pericolosi (RSP) Codice Procedura: PO-GR-02 Titolo: PO.GR.02 dei Rifiuti Speciali Pericolosi (RSP) Sommario SOMMARIO...2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 DEFINIZIONI...3 NORME DI RIFERIMENTO...4 DOCUMENTI COLLEGATI...5

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE CONSORZIO INDUSTRIALE PROVINCIALE Sassari PROGETTO DEFINITIVO DI AMPLIAMENTO E SISTEMAZIONE DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI BARRABO, NELL AREA INDUSTRIALE DI PORTO TORRES STUDIO DI IMPATTO

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 18.12.2014 L 363/67 REGOLAMENTO (UE) N. 1342/2014 DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2014 recante modifica del regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo agli inquinanti

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli