Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone. Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone. Dati aggiornati al 31 dicembre 2006"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

2 PROFILO DELLA SOCIETÀ II

3 Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

4 Informazioni per il pubblico EniPower Stabilimento di Ferrera Erbognone fornisce informazioni sugli aspetti ambientali e tecnici dello Stabilimento ai soggetti interessati e alla popolazione. La Dichiarazione Ambientale viene divulgata all esterno nel corso di incontri con la popolazione e spedita ogni anno alle funzioni pubbliche ed associazioni attuando un progetto annuale di comunicazione; inoltre è sempre disponibile presso lo Stabilimento e sul sito internet della Società Per informazioni rivolgersi a: ing. Dimitri Gazzotti Tel Fax Indirizzo Rappresentante per la Direzione del Sistema di Gestione Ambientale ing. Roberto Taurino Tel Fax Indirizzo

5 Lettera agli stakeholders Presentazione del responsabile di stabilimento Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento Glossario Allegati tecnici La missione di Eni Storia e prospettive della società Organizzazione della società Politiche in ambito di salute, sicurezza ed ambiente Inquadramento territoriale Condizioni meteo-climatiche Cenni storici Il complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi- Ferrera Erbognone Lo stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone Normative e prescrizioni ambientali Formazione Comunicazione Gestione del controllo operativo Controllo e registrazione della documentazione Audit ambientali Riesame del sistema di gestione ambientale Struttura organizzativa L identificazione degli aspetti ambientali Aspetti ambientali diretti Emissioni in atmosfera Qualità dell aria Scarichi idrici Produzione dei rifiuti Qualità del suolo e della falda Risorse idriche Salute e sicurezza dei lavoratori operanti nel sito Aspetti ambientali in condizioni di emergenza Aspetti ambientali indiretti La significatività degli aspetti ambientali Emissioni in atmosfera Scarichi idrici Produzione rifiuti Utilizzo risorse naturali ed energetiche Rumore Impatto visivo Schede di sintesi del piano miglioramento Schede di attuazione del piano di miglioramento

6 Questa dichiarazione è stata prodotta con il contributo delle seguenti persone: STABILIMENTO DI FERRERA ERBOGNONE Roberto Taurino Stefano Bertazzi Giovanni Innocente Renato Ruffilli Roberto Vernazza Rappresentante della Direzione del Sistema di Gestione Ambientale Produzione e Distribuzione Energia Servizi Tecnici RSPP Assistente Analisi Gestionali e Servizi Ausiliari SEDE E ALTRI STABILIMENTI Paolo Tasselli Giorgio Lospennato Nazzareno Fiori Cristina Malingher Roberto Bossi Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità dello Stabilimento di Mantova Organizzazione Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede ed approvata da: Dimitri Gazzotti Stabilimento di Ferrera Erbognone

7 Dichiarazione di approvazione EniPower Centrale di Ferrera Erbognone Strada della Corradina snc Ferrera Erbognone (PV) Codice di attività NACE E Produzione e distribuzione di energia elettrica NACE E Produzione e distribuzione di vapore ed acqua calda Questo stabilimento è dotato di un Sistema di Gestione Ambientale i cui risultati sono comunicati al pubblico conformemente al Regolamento CE 761/2001 e relativo aggiornamento 2006 alla ISO 14001:2004 che definisce il sistema comunitario di ecogestione ed audit. La verifica effettuata dal verificatore ambientale presso lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone ha riscontrato il rispetto dei requisiti posti dal Regolamento CE 761/2001 di ecogestione ed audit ambientale. Ha constatato inoltre che la Dichiarazione Ambientale tratta tutti gli aspetti ambientali legati all attività del sito, fornendo informazioni chiare ed attendibili. Il verificatore accreditato Certiquality S.r.l. IV-0001 Via G. Giardino, Milano ha verificato e convalidato questa Dichiarazione Ambientale in data 22/02/2007. EniPower Stabilimento di Ferrera Erbognone si impegna a far convalidare e a trasmettere all organismo competente sia i necessari aggiornamenti annuali sia la revisione della Dichiarazione Ambientale completa entro tre anni dalla data della presente, mettendoli a disposizione del pubblico secondo quanto previsto dal Regolamento CE 761/2001.

8 LETTERA AGLI STAKEHOLDERS

9 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Lettera agli stakeholders 15 Gennaio 2007 La nostra Società, a seguito della liberalizzazione del mercato elettrico, sta realizzando la sua crescita industriale producendo elettricità e calore dal gas naturale e dal gas di sintesi, con l adozione delle tecnologie più efficienti e a minor impatto ambientale oggi presenti sul mercato. Il nostro piano, di sviluppo e di messa in esercizio dei nuovi impianti, e di dismissione dei vecchi impianti tradizionali, rappresentano l asse portante di quello sviluppo che contribuirà al miglioramento degli impatti ambientali della generazione elettrica, miglioramento che, a livello nazionale è atteso e misurato costantemente anche come previsto dall applicazione del protocollo di Kyoto. In tale ambito, gli strumenti volontari di verifica e controllo ed in particolare la Dichiarazione EMAS, adottati dalla nostra Società, testimoniano la costante attenzione di EniPower verso le esigenze degli stakeholders, concretizzata attraverso un dialogo aperto volto a rendere noto l impegno per la salvaguardia dell ambiente a tutela della salute dei lavoratori e delle popolazioni dei Territori che ci ospitano. Il Presidente Francesco Zofrea L Amministratore Delegato Enrico Grigesi 7

10 PRESENTAZIONE DEL RESPONSABILE DI STABILIMENTO Veduta esterna dello stabilimento. La sala controllo. 8

11 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Presentazione del Nei decreti autorizzativi per la costruzione dei nuovi gruppi, lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone ha avuto come prescrizione la presentazione di una dichiarazione ambientale che risponda ai criteri EMAS. La società ha deciso di ampliare la prescrizione ricevuta ponendosi come obiettivo l ottenimento della registrazione EMAS, aderendo quindi volontariamente al Regolamento CE 761/2001. La registrazione EMAS richiede a tutta l organizzazione dello Stabilimento un ulteriore impegno nel perseguire e comunicare al pubblico i traguardi ambientali che saranno identificati nei prossimi anni, nell ottica del miglioramento continuo. La Dichiarazione Ambientale vuole essere uno strumento per aprire e mantenere, in piena trasparenza, un colloquio con i dipendenti, con la cittadinanza, con le Autorità Locali e Nazionali, con le società operanti nel complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi-Ferrera Erbognone e con tutti i portatori di interesse in generale, approfondendo la conoscenza degli aspetti ambientali connessi all attività di produzione in ciclo combinato di energia elettrica e vapore. Il dello Stabilimento Dimitri Gazzotti 9

12 PROFILO DELLA SOCIETÀ 10

13 Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento 11

14 PROFILO DELLA SOCIETÀ Profilo della Società EniPower è una società controllata al 100% da Eni e come tale è sottoposta alla sua direzione e controllo: in particolare le attività di EniPower sono svolte in collegamento con la Divisione Gas & Power. La missione di Eni Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di Eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all ambiente e all integrità. Eni è un impresa energetica integrata che vanta competenze di eccellenza e forti posizioni di mercato a livello internazionale nei settori del petrolio e del gas naturale, della generazione di energia elettrica, della petrolchimica, dell ingegneria e delle costruzioni. Nel 2005 Eni ha registrato un fatturato di 73,8 miliardi di Euro, con un utile operativo di 16,8 miliardi ed un utile netto di 8,8 miliardi. Eni opera in oltre 70 Paesi, dove impiega dipendenti (al ); la produzione giornaliera di idrocarburi è stata di circa 1,74 milioni di barili di petrolio equivalente (boe), il volume complessivo di gas naturale venduto è stato di oltre 91 miliardi di metri cubi. Le riserve certe di idrocarburi al sono 6,84 miliardi di boe. Eni è quotata nella Borsa di Milano e nel New York Stock Exchange (NYSE); al 31 dicembre 2005 la capitalizzazione di Borsa era pari a 87,3 miliardi di Euro, in crescita del 26% rispetto all anno precedente. Eni rappresenta il 6 gruppo petrolifero al mondo per produzione giornaliera di idrocarburi e per capitalizzazione di borsa dopo Exxon Mobil, BP Amoco, Royal Dutch Shell, Chevron Texaco e Total. EniPower adotta i principi della controllante Eni e ne fa il fondamento delle proprie attività armonizzando il perseguimento degli obiettivi di efficienza industriale, ottenuti grazie all utilizzo di tecnologie applicative innovative e la valorizzazione delle capacità professionali, la promozione della qualità della vita e dello sviluppo socio economico del territorio ospitante. In Figura 1 è riportata la Struttura societaria dell Eni. Fig. 1 Struttura del Gruppo Eni EXPLORATION & PRODUCTION GAS & POWER REFINING & MARKETING SNAM RETE GAS S.P.A. ENI POWER S.P.A. SNAMPROGETTI S.P.A.* SAIPEM S.P.A.* Divisioni Controllate * Le società sono attive rispettivamente nei settori di ingegneria e di servizi per l industria petrolifera 12

15 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Storia e prospettive della società Costituita il 17 novembre 1999, EniPower è operativa dal 1 gennaio 2000, con l inizio dell attività di produzione e vendita di energia elettrica e vapore. EniPower è una società controllata al 100% da Eni e come tale è sottoposta alla sua direzione e controllo: in particolare le attività di EniPower sono svolte in collegamento con la Divisione Gas & Power. In questi sette anni, dopo aver acquisito da Eni vecchi impianti termoelettrici, per una potenza di circa 1000 megawatt (MW), ha realizzato nuove centrali a ciclo combinato alimentate a gas naturale: a fine 2005 sono in esercizio impianti con una potenza installata complessiva di MW in sei siti produttivi (Brindisi, Ferrera Erbognone in provincia di Pavia, Livorno, Mantova, Ravenna e Taranto). A questi va aggiunto il sito di Ferrara, di successiva acquisizione, con una potenza installata di 80 MW, nel quale, la società controllata S.E.F. S.r.l., sta realizzando una nuova centrale da 800 MW. A fine 2007 è prevista una potenza installata complessiva di circa MW che renderà EniPower un primario operatore nel settore elettrico nazionale. L energia elettrica prodotta a regime sarà pari a circa 32 TWh, equivalenti al 10% della produzione nazionale. I volumi di gas destinati alla generazione elettrica raggiungeranno i 6 miliardi di metri cubi/anno. L energia elettrica venduta nel 2005 è stata pari a 22,4 TWh, (13,9 nell anno 2004); le vendite di vapore ammontano a 9,9 milioni di tonnellate. In Figura 2 si riportano le Centrali EniPower presenti sul territorio nazionale. Organizzazione della società In Figura 3 è rappresentata la Struttura Societaria di EniPower e delle Società collegate e controllate. La sede di EniPower e delle sue Società controllate è situata in San Donato Milanese presso il Centro Direzionale Eni; sedi commerciali distaccate si trovano a Roma e Padova. Fig. 3 Struttura Societaria EniPower EniPower Trasmissione S.p.A. 100 % Termica Milazzo S.p.A. 40 % EniPower Mantova S.p.A. 86,50 % Ravenna Servizi Industriali S.c.p.a. 28,10 % EniPower S.p.A. Brindisi Servizi Generali S.c. a r.l. 8,90% Società EniPower Ferrara S.r.l. 51 % IFM S.c. a r.l. 10,70 % Pacific Solar Pty Ltd 22,77 % Fig. 2 Centrali EniPower in Italia Mantova 836 MW Ferrera Erbognone MW Livorno 199 MW Ferrara 841 MW Ravenna 972 MW Brindisi MW Potenza installata al MW Impianti in marcia Cantieri aperti (2006) Taranto 75 MW 13

16 PROFILO DELLA SOCIETÀ L organizzazione della Società è di tipo funzionale: alcune Funzioni rispondono al Presidente, altre all Amministratore Delegato secondo quanto riportato in Figura 4: Fig. 4 Struttura organizzativa EniPower PRESIDENTE INTERNAL AUDIT RAPPORTI CON LE AUTORITÀ RELAZIONI ESTERNE AMMINISTRATORE DELEGATO PIANIFICAZIONE E BUSINESS DEVELOPMENT AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE SICUREZZA, AMBIENTE E ASSICURAZIONE QUALITÀ AFFARI LEGALI INGEGNERIA ATTIVITÀ FOTOVOLTAICHE OPERAZIONI TRADING & RISK MANAGEMENT COMMERCIALE Da Operazioni dipendono gli stabilimenti produttivi di Brindisi, Ferrera Erbognone, Livorno, Mantova, Ravenna e Taranto. Alla medesima funzione è demandato anche il coordinamento dello stabilimento di Ferrara della Controllata S.E.F. In Figura 5 si riporta la Struttura Organizzativa della Funzione EniPower Operazioni: Fig. 5 Struttura Organizzativa Funzione EniPower Operazioni RESPONSABILE OPERAZIONI COORDINAMENTO AREE TECNOLOGICHE GESTIONE INDUSTRIALE SVILUPPO E INNOVAZIONE PROCESSI ACQUISTI MATERIE PRIME E SERVIZI DI SITO STABILIMENTI DI: MANTOVA, FERRARA, RAVENNA, LIVORNO, BRINDISI, TARANTO STABILIMENTO DI FERRERA ERBOGNONE 14

17 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Politiche in ambito di salute, sicurezza ed ambiente Il processo di sviluppo del business di EniPower, fin dalla sua nascita, è stato guidato da una componente strategica, giudicata della massima importanza, relativa al contenimento e alla prevenzione degli impatti ambientali e dei rischi sulla salute umana, oltre che alla tutela della sicurezza degli operatori e dei terzi. A questo scopo, in linea con la strategia di Eni, EniPower ha adottato la Procedura Gestionale "Principi e politiche in materia di salute, sicurezza, ambiente ed incolumità pubblica" di cui si riporta di seguito un estratto significativo. La Politica HSE EniPower I principi attualmente in vigore che presiedono il perseguimento dell obiettivo della Società di garantire la sicurezza e la salute dei dipendenti, delle popolazioni, dei contrattisti e dei clienti, la salvaguardia dell ambiente e la tutela dell incolumità pubblica, sono i seguenti: a) le attività industriali e commerciali sono gestite nel rispetto della normativa vigente e in conformità con le disposizioni (procedure, circolari, ecc.) emanate dall Amministratore Delegato o dal Personale, Organizzazione e Sistemi Informativi; b) la Società adotta i principi, gli standard e le soluzioni che costituiscono le best practices internazionali per la tutela della salute, della sicurezza, dell ambiente e dell incolumità pubblica; a tal fine essa si adegua alle risultanze dei processi sistematici di benchmarking ; c) la gestione operativa fa riferimento a criteri avanzati di salvaguardia ambientale e di efficienza energetica e persegue il miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza secondo contenuti e modalità concordati anche con le organizzazioni sindacali; la gestione è sottoposta a verifica costante mediante audit da parte di Sicurezza, Ambiente e Qualità; d) la ricerca e l innovazione tecnologica sono dedicate al continuo miglioramento dei processi, alla loro sempre maggiore compatibilità con l ambiente e alla sempre maggiore attenzione alla sicurezza e alla salute delle persone; e) la formazione del personale e lo scambio delle esperienze e conoscenze sono considerati uno strumento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di salute, sicurezza e ambiente, in un ottica di miglioramento continuo della prevenzione e della protezione; f) nell ambito delle proprie mansioni, i dipendenti partecipano al processo di salvaguardia della salute, della sicurezza e dell ambiente, nonché di tutela nei confronti di se stessi, dei colleghi e della comunità; g) i dipendenti, le organizzazioni sindacali, le autorità e il pubblico sono periodicamente informati dei risultati conseguiti dalla Società in materia di tutela ambientale, della salute e della sicurezza; h) la promozione di sviluppi scientifici e tecnologici volti alla protezione ambientale e alla salvaguardia delle risorse, costituisce una contribuzione attiva nelle sedi scientifico-tecniche e nelle associazioni di imprese; i) l elaborazione di norme tecniche e di linee guida in materia di salute, sicurezza e ambiente viene effettuata, quando richiesto, in collaborazione con le Autorità competenti; j) i principi sopra riportati sono continuamente revisionati e la loro applicazione è periodicamente controllata. La Società considera la protezione della salute, della sicurezza e dell ambiente obiettivi aziendali prioritari ed è impegnata a contribuire con le proprie capacità tecnologiche e competenze professionali al benessere e al miglioramento della qualità della vita delle Comunità in cui opera. Estratto dalla Procedura Gestionale EniPower "Principi e politiche in materia di salute, sicurezza, ambiente ed incolumità pubblica" a firma del Presidente - Amministratore Delegato. 15

18 PROFILO DELLA SOCIETÀ La Politica HSE dello stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone In accordo alla politica societaria, ciascun stabilimento integra i principi e le politiche HSE della Società con obiettivi di intervento specificatamente rivolti alle particolari realtà locali nelle quali è presente lo stabilimento. Di seguito viene riportata la Politica HSE dello stabilimento di Ferrera Erbognone. 16

19 Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento 17

20 PROFILO DELLA SOCIETÀ 18

21 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Inquadramento territoriale Lo Stabilimento EniPower sorge interamente nel comune di Ferrera Erbognone, in provincia di Pavia, su un area di circa m 2 confinante con la raffineria Eni di Sannazzaro de Burgondi, distante circa 26 km da Pavia e posizionata nell area sud occidentale della pianura padana a pochi km dalla riva sinistra del fiume Po. I due comuni fanno parte della regione agraria della Lomellina, zona di forti tradizioni rurali, nella quali si sono innestate negli ultimi decenni attività industriali, anche di notevole importanza. Oltre ai due comuni sopra citati i principali centri urbani limitrofi sono Lomello, importante centro risicolo, Ottobiano, Scaldasole, Dorno, Pieve Albignola, Semiana. La Lomellina è una piana di origine alluvionale, a cavallo tra le provincie di Pavia, Novara e Alessandria, contornata per tre lati dagli alvei del Po, del Ticino e del Sesia ed per il quarto da una linea frastagliata che collega Palestro a Cassolnovo, corrispondente alla linea delle risorgive. La Provincia di Pavia, ha una superficie di circa 2965 Km 2 con una popolazione di oltre abitanti, con una densità pari a circa 167 abitanti per Km 2. Il Comune di Ferrera Erbognone ha una superficie di circa 19 Km 2 con una popolazione di oltre 1150 abitanti, con una densità pari a circa 60 abitanti per Km 2. Il Comune di Sannazzaro de Burgondi, ha una superficie di circa 23 Km 2 con una popolazione di oltre 5800 abitanti, con una densità pari a circa 252 abitanti per Km 2. In Figura 6 si riporta la corografia della zona. Fig. 6 Corografia della zona RAFFINERIA Eni R&M Centrale EniPower Stabilimento Air Liquide 19

22 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Condizioni meteo-climatiche Direzione e velocità del vento La situazione anemometrica del Sito, ubicato in piena pianura, presenta dominanza di venti deboli (1-2 m/s: 40% del totale) e mediodeboli (2-4 m/s: 30% del totale). I casi di vento forte sono inoltre molto rari: solo lo 0.4% delle rilevazioni di velocità del vento effettuate ha fornito valori superiori a 6 m/s. Per quanto riguarda la direzione del vento, si può osservare una prevalenza di venti provenienti da Sud - Sud Ovest (20%) e Sud (14%). La maggioranza delle rilevazioni di provenienza del vento è distribuita lungo l asse NE-SW, con le direzioni trasversali (E, SSE, W, WNW) sostanzialmente assenti. La situazione stagionale non presenta caratteristiche particolarmente differenziate. Nelle Figure 7-8 sono mostrate la distribuzione di frequenza annuale della velocità del vento e la rosa dei venti annuale; tale rosa indica la direzione di provenienza del vento, aggregata su 16 settori di ampiezza 22.5 centrati sulla direzione che li identifica (il settore Nord rappresenta le misure con direzione compresa tra e 11.25, il successivo quelle comprese tra e e così via). Precipitazioni Le piogge sono prevalentemente invernali, con precipitazioni medie mensili massime da ottobre a gennaio (circa 150 mm mensili); la loro entità complessiva è piuttosto modesta. Si registrano precipitazioni massime nell'arco di 60' pari a mm, con punte assolutamente eccezionali di 60 mm. Il territorio circostante. Fig. 7 Distribuzione di frequenza annuale della velocità del vento Fig. 8 Rosa dei venti annuali 45% Frequenza 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% <0.5 m/s m/s 1-2 m/s 2-4 m/s 4-6 m/s >6 m/s Classe di velocità 20

23 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Cenni storici La scelta dell Eni di insediare nei primi anni 60 un nuovo stabilimento di raffinazione a Sannazzaro de Burgondi segue il processo di industrializzazione in atto nella regione ed è collegata alle strategie nazionali in materia di produzione, lavorazione ed esportazione dei prodotti petroliferi in Europa. La Raffineria di Sannazzaro nata nel 1963 con una capacità di 5 milioni di Tonnellate/Anno, raddoppiata nel 1975, ristrutturata tra il 1988 ed il 1992 e potenziata con interventi di miglioramento tecnologico negli ultimi anni vanta oggi un livello di complessità e capacità di conversione tra i più elevati in Europa. Dal Dicembre 2002 la Raffineria è parte integrante della Divisione Eni Refining & Marketing. Nel 1999 Agip Petroli cede alla Società EniPower, appena costituita, il terreno del Comune di Ferrera Erbognone in cui sorge la Centrale Termoelettrica a Ciclo Combinato. EniPower nell ambito del progetto Eni di ingresso nel mercato elettrico in fase di liberalizzazione, inaugura il cantiere di costruzione della Centrale nel Maggio L avviamento della prima Unità a Ciclo Combinato è del Luglio Ad esso seguono quelli delle Unità 2 e 3 nei primi mesi dell anno Temperature In Figura 9 è mostrata la distribuzione di frequenza annuale della temperatura, suddivisa in classi di ampiezza 5 C. La temperatura media annuale risulta essere pari a circa 13 C. Per la zona in esame i valori estremi di temperatura sono -15 C e +35 C. Umidità relativa Per buona parte dell anno (circa 80% da luglio a dicembre) l umidità relativa media risulta piuttosto alta mentre risulta notevolmente inferiore in primavera (45% di umidità media a febbraio, poco meno di 40% da marzo a maggio). I mesi di gennaio (65%) e giugno (57%) sono identificabili come mesi di transizione. L'umidità relativa media annuale risulta pari al 75%. Temperatura ( C) Fig. 9 Distribuzione di frequenza annuale della temperatura max min media Mese 21

24 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Veduta dello stabilimento. Il complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi Ferrera Erbognone Lo Stabilimento EniPower fa parte di un complesso industriale integrato (vedi Figura 10) che sorge sul territorio dei comuni di Sannazzaro de Burgondi e Ferrera Erbognone. Esso è composto da: Centrale Termoelettrica cogenerativa a ciclo combinato EniPower della potenzialità di circa MWe; Raffineria Eni Refining & Marketing di Sannazzaro de Burgondi; Deposito PRAOIL, che gestisce gli oleodotti in entrata e in uscita dalla Raffineria, ed è situato sul lato Sud, in corrispondenza del varco n 2 del muro di cinta; nel deposito sono presenti serbatoi di stoccaggio del petrolio grezzo; Stabilimento GPL Eni R&M, in cui è stoccato GPL (in un serbatoio sferico, in serbatoi orizzontali e in bombole per l uso domestico); Stabilimento Air Liquide per l approvvigionamento di ossigeno per l impianto di gassificazione del TAR VISBREAKER di Raffineria. Fig. 10 Complesso Industriale Integrato STABILIMENTO GPL COMUNE SANNAZZARO Gas per la rete cittadina Vapore Reflui GPL RAFFINERIA Reflui Vapore Grezzo DEPOSITO PRAOIL Vapore Reflui Energia elettrica ENIPOWER Syngas Acqua Energia elettrica Ossigeno Vapore Acqua Reflui AIR LIQUIDE 22

25 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 La Raffineria Eni Refining & Marketing (ex Agip Petroli) di Sannazzaro, sempre in provincia di Pavia, è situata a cavallo tra i comuni di Sannazzaro de Burgondi e di Ferrera Erbognone. La Raffineria, collocata lungo la direttrice dell oleodotto dell Europa Centrale per il trasporto del greggio da Genova sino alla Svizzera e in ottima posizione strategica per la distribuzione di prodotti finiti nell area più industrializzata d Italia, è uno degli Stabilimenti più importanti di proprietà dell Eni R&M. Le produzioni attive in Raffineria sono Produzione GPL, Produzione Benzine, Produzione Jet FueL, Produzione Gasoli, Produzione Olii Combustibili e Bitume. Contestualmente alla costruzione della Centrale Termoelettrica EniPower la Raffineria ha inoltre avviato due nuovi impianti: Il gassificatore del TAR e relativi impianti di trattamento del gas di sintesi L impianto di desolforazione fumi del cracking (BELCO) In questo modo da Marzo 2006 la Centrale EniPower è in grado di alimentare il terzo ciclo combinato, appositamente progettato, con il gas di sintesi prodotto dal gassificatore di TAR VISBREAKER della Raffineria. L impianto di gassificazione permette un utilizzo innovativo degli idrocarburi pesanti di distillazione del greggio, garantendo, mediante una tecnologia d avanguardia, la segregazione degli inquinanti presenti (zolfo, ceneri e metalli) e la produzione di un gas di raffineria che può essere impiegato come combustibile in turbina a gas. In assenza del gassificatore, i medesimi idrocarburi pesanti, opportunamente miscelati con idrocarburi leggeri, sarebbero generalmente impiegati come combustibili tradizionali in forni e caldaie, rilasciando in atmosfera i contaminanti che invece sono trattenuti dai sistemi di abbattimento associati all impianto di gassificazione. La trasformazione in gas e l utilizzo quale combustibile nelle turbine a gas permette inoltre di evitare l impatto del trasporto dell olio combustibile altrimenti prodotto e stimabile in almeno autobotti l anno. Lo stabilimento AIR LIQUIDE, ultimato anch esso nel corso del 2006, produce ossigeno prevalentemente destinato al gassificatore di TAR VISBREAKER ed altri gas tecnici (Azoto, Argon) mediante compressione dell aria ambiente. In Figura 11 è riportata la corografia del complesso industriale: Fig. 11 Corografia del complesso Industriale Integrato Ferrera Erbognone Sannazzaro de Burgondi Pieve Albignola Centrale EniPower Air Liquide Raffineria Eni R&M 23

26 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Visione notturna dello stabilimento. Il laboratorio chimico. Lo stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone Il cantiere di costruzione della centrale termoelettrica a ciclo combinato di Ferrera Erbognone viene aperto ufficialmente il 14 Maggio 2002 su di un terreno ceduto nel 1999 dalla ex AgipPetroli. L avviamento della prima Unità a Ciclo Combinato è del Luglio Ad esso seguono gli avviamenti a gas naturale delle Unità 2 e 3 nei primi mesi dell anno Nel corso del 2006 si completa infine il commissioning della unità 3 convertendone il funzionamento a gas di sintesi. Lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone costituisce la prima centrale elettrica nazionale realizzata dopo l emanazione del decreto di liberalizzazione del mercato dell energia Elettrica del La moderna concezione dell impianto caratterizzata da un elevatissimo grado di innovazione tecnologica consente la produzione di energia elettrica ad alto rendimento. L elevata efficienza, le tipologie di combustibile e l attenta progettazione dell impianto comportano un bassissimo impatto ambientale che si attesta come minimo raggiungibile tra le varie tipologie del parco di produzione termoelettrico. Lo stabilimento è composto da tre gruppi cogenerativi a ciclo combinato: due gruppi gemelli alimentati a gas naturale (isole di potenza 1 e 2), l altro gruppo (isola di potenza 3) alimentabile sia a combustione mista con gas di sintesi che soltanto a gas naturale. La fornitura di gas naturale per alimentare le isole di potenza è assicurata da Eni Divisione Gas & Power, attraverso metanodotto di Snam Rete Gas mentre il gas di sintesi o syngas è prodotto, come sopra detto, nell impianto di gassificazione presso la raffineria Eni Refining & Marketing di Sannazzaro de Burgondi. La potenza elettrica massima complessiva generabile dall impianto ed esportabile sulla rete di trasmissione nazionale è pari a circa 1000 MWe. Ciascun gruppo è costituito da una turbina a gas di ultima generazione, una caldaia a recupero a tre livelli di pressione e risurriscaldatore, una turbina a vapore a condensazione con estrazione di vapore a media pressione. La centrale utilizza alcuni servizi (acqua demineralizzata, acqua grezza, acqua industriale, trattamento acque reflue) dell adiacente raffineria, alla quale fornisce vapore ad uso tecnologico a media pressione. Una caratteristica distintiva del nuovo impianto di Ferrera Erbognone è relativa all utilizzo di un sistema di raffreddamento mediante condensatori ad aria: il consumo d acqua dell impianto è così limitato al reintegro dell acqua demineralizzata utilizzata per produrre vapore. La centrale è connessa alla Rete di Trasmissione Nazionale da un elettrodotto di 8,5 Km a doppia terna su singola palificata, di proprietà di EniPower Trasmissione. In Figura 12 è riportata la Planimetria generale della Centrale EniPower di Ferrera Erbognone: 24

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE 20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: ROSSA: TOTAL RISPONDE TOTAL IN BREVE LA NOSTRA MISSIONE Agire in maniera responsabile per consentire un accesso sempre maggiore all energia, in un mondo in cui la domanda è

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli