Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone. Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone. Dati aggiornati al 31 dicembre 2006"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

2 PROFILO DELLA SOCIETÀ II

3 Dichiarazione Ambientale 2006 Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati aggiornati al 31 dicembre 2006

4 Informazioni per il pubblico EniPower Stabilimento di Ferrera Erbognone fornisce informazioni sugli aspetti ambientali e tecnici dello Stabilimento ai soggetti interessati e alla popolazione. La Dichiarazione Ambientale viene divulgata all esterno nel corso di incontri con la popolazione e spedita ogni anno alle funzioni pubbliche ed associazioni attuando un progetto annuale di comunicazione; inoltre è sempre disponibile presso lo Stabilimento e sul sito internet della Società Per informazioni rivolgersi a: ing. Dimitri Gazzotti Tel Fax Indirizzo Rappresentante per la Direzione del Sistema di Gestione Ambientale ing. Roberto Taurino Tel Fax Indirizzo

5 Lettera agli stakeholders Presentazione del responsabile di stabilimento Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento Glossario Allegati tecnici La missione di Eni Storia e prospettive della società Organizzazione della società Politiche in ambito di salute, sicurezza ed ambiente Inquadramento territoriale Condizioni meteo-climatiche Cenni storici Il complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi- Ferrera Erbognone Lo stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone Normative e prescrizioni ambientali Formazione Comunicazione Gestione del controllo operativo Controllo e registrazione della documentazione Audit ambientali Riesame del sistema di gestione ambientale Struttura organizzativa L identificazione degli aspetti ambientali Aspetti ambientali diretti Emissioni in atmosfera Qualità dell aria Scarichi idrici Produzione dei rifiuti Qualità del suolo e della falda Risorse idriche Salute e sicurezza dei lavoratori operanti nel sito Aspetti ambientali in condizioni di emergenza Aspetti ambientali indiretti La significatività degli aspetti ambientali Emissioni in atmosfera Scarichi idrici Produzione rifiuti Utilizzo risorse naturali ed energetiche Rumore Impatto visivo Schede di sintesi del piano miglioramento Schede di attuazione del piano di miglioramento

6 Questa dichiarazione è stata prodotta con il contributo delle seguenti persone: STABILIMENTO DI FERRERA ERBOGNONE Roberto Taurino Stefano Bertazzi Giovanni Innocente Renato Ruffilli Roberto Vernazza Rappresentante della Direzione del Sistema di Gestione Ambientale Produzione e Distribuzione Energia Servizi Tecnici RSPP Assistente Analisi Gestionali e Servizi Ausiliari SEDE E ALTRI STABILIMENTI Paolo Tasselli Giorgio Lospennato Nazzareno Fiori Cristina Malingher Roberto Bossi Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità dello Stabilimento di Mantova Organizzazione Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede Sicurezza, Ambiente e Assicurazione Qualità Sede ed approvata da: Dimitri Gazzotti Stabilimento di Ferrera Erbognone

7 Dichiarazione di approvazione EniPower Centrale di Ferrera Erbognone Strada della Corradina snc Ferrera Erbognone (PV) Codice di attività NACE E Produzione e distribuzione di energia elettrica NACE E Produzione e distribuzione di vapore ed acqua calda Questo stabilimento è dotato di un Sistema di Gestione Ambientale i cui risultati sono comunicati al pubblico conformemente al Regolamento CE 761/2001 e relativo aggiornamento 2006 alla ISO 14001:2004 che definisce il sistema comunitario di ecogestione ed audit. La verifica effettuata dal verificatore ambientale presso lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone ha riscontrato il rispetto dei requisiti posti dal Regolamento CE 761/2001 di ecogestione ed audit ambientale. Ha constatato inoltre che la Dichiarazione Ambientale tratta tutti gli aspetti ambientali legati all attività del sito, fornendo informazioni chiare ed attendibili. Il verificatore accreditato Certiquality S.r.l. IV-0001 Via G. Giardino, Milano ha verificato e convalidato questa Dichiarazione Ambientale in data 22/02/2007. EniPower Stabilimento di Ferrera Erbognone si impegna a far convalidare e a trasmettere all organismo competente sia i necessari aggiornamenti annuali sia la revisione della Dichiarazione Ambientale completa entro tre anni dalla data della presente, mettendoli a disposizione del pubblico secondo quanto previsto dal Regolamento CE 761/2001.

8 LETTERA AGLI STAKEHOLDERS

9 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Lettera agli stakeholders 15 Gennaio 2007 La nostra Società, a seguito della liberalizzazione del mercato elettrico, sta realizzando la sua crescita industriale producendo elettricità e calore dal gas naturale e dal gas di sintesi, con l adozione delle tecnologie più efficienti e a minor impatto ambientale oggi presenti sul mercato. Il nostro piano, di sviluppo e di messa in esercizio dei nuovi impianti, e di dismissione dei vecchi impianti tradizionali, rappresentano l asse portante di quello sviluppo che contribuirà al miglioramento degli impatti ambientali della generazione elettrica, miglioramento che, a livello nazionale è atteso e misurato costantemente anche come previsto dall applicazione del protocollo di Kyoto. In tale ambito, gli strumenti volontari di verifica e controllo ed in particolare la Dichiarazione EMAS, adottati dalla nostra Società, testimoniano la costante attenzione di EniPower verso le esigenze degli stakeholders, concretizzata attraverso un dialogo aperto volto a rendere noto l impegno per la salvaguardia dell ambiente a tutela della salute dei lavoratori e delle popolazioni dei Territori che ci ospitano. Il Presidente Francesco Zofrea L Amministratore Delegato Enrico Grigesi 7

10 PRESENTAZIONE DEL RESPONSABILE DI STABILIMENTO Veduta esterna dello stabilimento. La sala controllo. 8

11 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Presentazione del Nei decreti autorizzativi per la costruzione dei nuovi gruppi, lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone ha avuto come prescrizione la presentazione di una dichiarazione ambientale che risponda ai criteri EMAS. La società ha deciso di ampliare la prescrizione ricevuta ponendosi come obiettivo l ottenimento della registrazione EMAS, aderendo quindi volontariamente al Regolamento CE 761/2001. La registrazione EMAS richiede a tutta l organizzazione dello Stabilimento un ulteriore impegno nel perseguire e comunicare al pubblico i traguardi ambientali che saranno identificati nei prossimi anni, nell ottica del miglioramento continuo. La Dichiarazione Ambientale vuole essere uno strumento per aprire e mantenere, in piena trasparenza, un colloquio con i dipendenti, con la cittadinanza, con le Autorità Locali e Nazionali, con le società operanti nel complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi-Ferrera Erbognone e con tutti i portatori di interesse in generale, approfondendo la conoscenza degli aspetti ambientali connessi all attività di produzione in ciclo combinato di energia elettrica e vapore. Il dello Stabilimento Dimitri Gazzotti 9

12 PROFILO DELLA SOCIETÀ 10

13 Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento 11

14 PROFILO DELLA SOCIETÀ Profilo della Società EniPower è una società controllata al 100% da Eni e come tale è sottoposta alla sua direzione e controllo: in particolare le attività di EniPower sono svolte in collegamento con la Divisione Gas & Power. La missione di Eni Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di Eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all ambiente e all integrità. Eni è un impresa energetica integrata che vanta competenze di eccellenza e forti posizioni di mercato a livello internazionale nei settori del petrolio e del gas naturale, della generazione di energia elettrica, della petrolchimica, dell ingegneria e delle costruzioni. Nel 2005 Eni ha registrato un fatturato di 73,8 miliardi di Euro, con un utile operativo di 16,8 miliardi ed un utile netto di 8,8 miliardi. Eni opera in oltre 70 Paesi, dove impiega dipendenti (al ); la produzione giornaliera di idrocarburi è stata di circa 1,74 milioni di barili di petrolio equivalente (boe), il volume complessivo di gas naturale venduto è stato di oltre 91 miliardi di metri cubi. Le riserve certe di idrocarburi al sono 6,84 miliardi di boe. Eni è quotata nella Borsa di Milano e nel New York Stock Exchange (NYSE); al 31 dicembre 2005 la capitalizzazione di Borsa era pari a 87,3 miliardi di Euro, in crescita del 26% rispetto all anno precedente. Eni rappresenta il 6 gruppo petrolifero al mondo per produzione giornaliera di idrocarburi e per capitalizzazione di borsa dopo Exxon Mobil, BP Amoco, Royal Dutch Shell, Chevron Texaco e Total. EniPower adotta i principi della controllante Eni e ne fa il fondamento delle proprie attività armonizzando il perseguimento degli obiettivi di efficienza industriale, ottenuti grazie all utilizzo di tecnologie applicative innovative e la valorizzazione delle capacità professionali, la promozione della qualità della vita e dello sviluppo socio economico del territorio ospitante. In Figura 1 è riportata la Struttura societaria dell Eni. Fig. 1 Struttura del Gruppo Eni EXPLORATION & PRODUCTION GAS & POWER REFINING & MARKETING SNAM RETE GAS S.P.A. ENI POWER S.P.A. SNAMPROGETTI S.P.A.* SAIPEM S.P.A.* Divisioni Controllate * Le società sono attive rispettivamente nei settori di ingegneria e di servizi per l industria petrolifera 12

15 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Storia e prospettive della società Costituita il 17 novembre 1999, EniPower è operativa dal 1 gennaio 2000, con l inizio dell attività di produzione e vendita di energia elettrica e vapore. EniPower è una società controllata al 100% da Eni e come tale è sottoposta alla sua direzione e controllo: in particolare le attività di EniPower sono svolte in collegamento con la Divisione Gas & Power. In questi sette anni, dopo aver acquisito da Eni vecchi impianti termoelettrici, per una potenza di circa 1000 megawatt (MW), ha realizzato nuove centrali a ciclo combinato alimentate a gas naturale: a fine 2005 sono in esercizio impianti con una potenza installata complessiva di MW in sei siti produttivi (Brindisi, Ferrera Erbognone in provincia di Pavia, Livorno, Mantova, Ravenna e Taranto). A questi va aggiunto il sito di Ferrara, di successiva acquisizione, con una potenza installata di 80 MW, nel quale, la società controllata S.E.F. S.r.l., sta realizzando una nuova centrale da 800 MW. A fine 2007 è prevista una potenza installata complessiva di circa MW che renderà EniPower un primario operatore nel settore elettrico nazionale. L energia elettrica prodotta a regime sarà pari a circa 32 TWh, equivalenti al 10% della produzione nazionale. I volumi di gas destinati alla generazione elettrica raggiungeranno i 6 miliardi di metri cubi/anno. L energia elettrica venduta nel 2005 è stata pari a 22,4 TWh, (13,9 nell anno 2004); le vendite di vapore ammontano a 9,9 milioni di tonnellate. In Figura 2 si riportano le Centrali EniPower presenti sul territorio nazionale. Organizzazione della società In Figura 3 è rappresentata la Struttura Societaria di EniPower e delle Società collegate e controllate. La sede di EniPower e delle sue Società controllate è situata in San Donato Milanese presso il Centro Direzionale Eni; sedi commerciali distaccate si trovano a Roma e Padova. Fig. 3 Struttura Societaria EniPower EniPower Trasmissione S.p.A. 100 % Termica Milazzo S.p.A. 40 % EniPower Mantova S.p.A. 86,50 % Ravenna Servizi Industriali S.c.p.a. 28,10 % EniPower S.p.A. Brindisi Servizi Generali S.c. a r.l. 8,90% Società EniPower Ferrara S.r.l. 51 % IFM S.c. a r.l. 10,70 % Pacific Solar Pty Ltd 22,77 % Fig. 2 Centrali EniPower in Italia Mantova 836 MW Ferrera Erbognone MW Livorno 199 MW Ferrara 841 MW Ravenna 972 MW Brindisi MW Potenza installata al MW Impianti in marcia Cantieri aperti (2006) Taranto 75 MW 13

16 PROFILO DELLA SOCIETÀ L organizzazione della Società è di tipo funzionale: alcune Funzioni rispondono al Presidente, altre all Amministratore Delegato secondo quanto riportato in Figura 4: Fig. 4 Struttura organizzativa EniPower PRESIDENTE INTERNAL AUDIT RAPPORTI CON LE AUTORITÀ RELAZIONI ESTERNE AMMINISTRATORE DELEGATO PIANIFICAZIONE E BUSINESS DEVELOPMENT AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE SICUREZZA, AMBIENTE E ASSICURAZIONE QUALITÀ AFFARI LEGALI INGEGNERIA ATTIVITÀ FOTOVOLTAICHE OPERAZIONI TRADING & RISK MANAGEMENT COMMERCIALE Da Operazioni dipendono gli stabilimenti produttivi di Brindisi, Ferrera Erbognone, Livorno, Mantova, Ravenna e Taranto. Alla medesima funzione è demandato anche il coordinamento dello stabilimento di Ferrara della Controllata S.E.F. In Figura 5 si riporta la Struttura Organizzativa della Funzione EniPower Operazioni: Fig. 5 Struttura Organizzativa Funzione EniPower Operazioni RESPONSABILE OPERAZIONI COORDINAMENTO AREE TECNOLOGICHE GESTIONE INDUSTRIALE SVILUPPO E INNOVAZIONE PROCESSI ACQUISTI MATERIE PRIME E SERVIZI DI SITO STABILIMENTI DI: MANTOVA, FERRARA, RAVENNA, LIVORNO, BRINDISI, TARANTO STABILIMENTO DI FERRERA ERBOGNONE 14

17 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Politiche in ambito di salute, sicurezza ed ambiente Il processo di sviluppo del business di EniPower, fin dalla sua nascita, è stato guidato da una componente strategica, giudicata della massima importanza, relativa al contenimento e alla prevenzione degli impatti ambientali e dei rischi sulla salute umana, oltre che alla tutela della sicurezza degli operatori e dei terzi. A questo scopo, in linea con la strategia di Eni, EniPower ha adottato la Procedura Gestionale "Principi e politiche in materia di salute, sicurezza, ambiente ed incolumità pubblica" di cui si riporta di seguito un estratto significativo. La Politica HSE EniPower I principi attualmente in vigore che presiedono il perseguimento dell obiettivo della Società di garantire la sicurezza e la salute dei dipendenti, delle popolazioni, dei contrattisti e dei clienti, la salvaguardia dell ambiente e la tutela dell incolumità pubblica, sono i seguenti: a) le attività industriali e commerciali sono gestite nel rispetto della normativa vigente e in conformità con le disposizioni (procedure, circolari, ecc.) emanate dall Amministratore Delegato o dal Personale, Organizzazione e Sistemi Informativi; b) la Società adotta i principi, gli standard e le soluzioni che costituiscono le best practices internazionali per la tutela della salute, della sicurezza, dell ambiente e dell incolumità pubblica; a tal fine essa si adegua alle risultanze dei processi sistematici di benchmarking ; c) la gestione operativa fa riferimento a criteri avanzati di salvaguardia ambientale e di efficienza energetica e persegue il miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza secondo contenuti e modalità concordati anche con le organizzazioni sindacali; la gestione è sottoposta a verifica costante mediante audit da parte di Sicurezza, Ambiente e Qualità; d) la ricerca e l innovazione tecnologica sono dedicate al continuo miglioramento dei processi, alla loro sempre maggiore compatibilità con l ambiente e alla sempre maggiore attenzione alla sicurezza e alla salute delle persone; e) la formazione del personale e lo scambio delle esperienze e conoscenze sono considerati uno strumento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di salute, sicurezza e ambiente, in un ottica di miglioramento continuo della prevenzione e della protezione; f) nell ambito delle proprie mansioni, i dipendenti partecipano al processo di salvaguardia della salute, della sicurezza e dell ambiente, nonché di tutela nei confronti di se stessi, dei colleghi e della comunità; g) i dipendenti, le organizzazioni sindacali, le autorità e il pubblico sono periodicamente informati dei risultati conseguiti dalla Società in materia di tutela ambientale, della salute e della sicurezza; h) la promozione di sviluppi scientifici e tecnologici volti alla protezione ambientale e alla salvaguardia delle risorse, costituisce una contribuzione attiva nelle sedi scientifico-tecniche e nelle associazioni di imprese; i) l elaborazione di norme tecniche e di linee guida in materia di salute, sicurezza e ambiente viene effettuata, quando richiesto, in collaborazione con le Autorità competenti; j) i principi sopra riportati sono continuamente revisionati e la loro applicazione è periodicamente controllata. La Società considera la protezione della salute, della sicurezza e dell ambiente obiettivi aziendali prioritari ed è impegnata a contribuire con le proprie capacità tecnologiche e competenze professionali al benessere e al miglioramento della qualità della vita delle Comunità in cui opera. Estratto dalla Procedura Gestionale EniPower "Principi e politiche in materia di salute, sicurezza, ambiente ed incolumità pubblica" a firma del Presidente - Amministratore Delegato. 15

18 PROFILO DELLA SOCIETÀ La Politica HSE dello stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone In accordo alla politica societaria, ciascun stabilimento integra i principi e le politiche HSE della Società con obiettivi di intervento specificatamente rivolti alle particolari realtà locali nelle quali è presente lo stabilimento. Di seguito viene riportata la Politica HSE dello stabilimento di Ferrera Erbognone. 16

19 Profilo della Società Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Il Sistema di Gestione Ambientale Gli Aspetti Ambientali Piano di Miglioramento Protocolli ambientali, norme e leggi di riferimento 17

20 PROFILO DELLA SOCIETÀ 18

21 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Lo stabilimento e l ambiente che lo circonda Inquadramento territoriale Lo Stabilimento EniPower sorge interamente nel comune di Ferrera Erbognone, in provincia di Pavia, su un area di circa m 2 confinante con la raffineria Eni di Sannazzaro de Burgondi, distante circa 26 km da Pavia e posizionata nell area sud occidentale della pianura padana a pochi km dalla riva sinistra del fiume Po. I due comuni fanno parte della regione agraria della Lomellina, zona di forti tradizioni rurali, nella quali si sono innestate negli ultimi decenni attività industriali, anche di notevole importanza. Oltre ai due comuni sopra citati i principali centri urbani limitrofi sono Lomello, importante centro risicolo, Ottobiano, Scaldasole, Dorno, Pieve Albignola, Semiana. La Lomellina è una piana di origine alluvionale, a cavallo tra le provincie di Pavia, Novara e Alessandria, contornata per tre lati dagli alvei del Po, del Ticino e del Sesia ed per il quarto da una linea frastagliata che collega Palestro a Cassolnovo, corrispondente alla linea delle risorgive. La Provincia di Pavia, ha una superficie di circa 2965 Km 2 con una popolazione di oltre abitanti, con una densità pari a circa 167 abitanti per Km 2. Il Comune di Ferrera Erbognone ha una superficie di circa 19 Km 2 con una popolazione di oltre 1150 abitanti, con una densità pari a circa 60 abitanti per Km 2. Il Comune di Sannazzaro de Burgondi, ha una superficie di circa 23 Km 2 con una popolazione di oltre 5800 abitanti, con una densità pari a circa 252 abitanti per Km 2. In Figura 6 si riporta la corografia della zona. Fig. 6 Corografia della zona RAFFINERIA Eni R&M Centrale EniPower Stabilimento Air Liquide 19

22 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Condizioni meteo-climatiche Direzione e velocità del vento La situazione anemometrica del Sito, ubicato in piena pianura, presenta dominanza di venti deboli (1-2 m/s: 40% del totale) e mediodeboli (2-4 m/s: 30% del totale). I casi di vento forte sono inoltre molto rari: solo lo 0.4% delle rilevazioni di velocità del vento effettuate ha fornito valori superiori a 6 m/s. Per quanto riguarda la direzione del vento, si può osservare una prevalenza di venti provenienti da Sud - Sud Ovest (20%) e Sud (14%). La maggioranza delle rilevazioni di provenienza del vento è distribuita lungo l asse NE-SW, con le direzioni trasversali (E, SSE, W, WNW) sostanzialmente assenti. La situazione stagionale non presenta caratteristiche particolarmente differenziate. Nelle Figure 7-8 sono mostrate la distribuzione di frequenza annuale della velocità del vento e la rosa dei venti annuale; tale rosa indica la direzione di provenienza del vento, aggregata su 16 settori di ampiezza 22.5 centrati sulla direzione che li identifica (il settore Nord rappresenta le misure con direzione compresa tra e 11.25, il successivo quelle comprese tra e e così via). Precipitazioni Le piogge sono prevalentemente invernali, con precipitazioni medie mensili massime da ottobre a gennaio (circa 150 mm mensili); la loro entità complessiva è piuttosto modesta. Si registrano precipitazioni massime nell'arco di 60' pari a mm, con punte assolutamente eccezionali di 60 mm. Il territorio circostante. Fig. 7 Distribuzione di frequenza annuale della velocità del vento Fig. 8 Rosa dei venti annuali 45% Frequenza 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% <0.5 m/s m/s 1-2 m/s 2-4 m/s 4-6 m/s >6 m/s Classe di velocità 20

23 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 Cenni storici La scelta dell Eni di insediare nei primi anni 60 un nuovo stabilimento di raffinazione a Sannazzaro de Burgondi segue il processo di industrializzazione in atto nella regione ed è collegata alle strategie nazionali in materia di produzione, lavorazione ed esportazione dei prodotti petroliferi in Europa. La Raffineria di Sannazzaro nata nel 1963 con una capacità di 5 milioni di Tonnellate/Anno, raddoppiata nel 1975, ristrutturata tra il 1988 ed il 1992 e potenziata con interventi di miglioramento tecnologico negli ultimi anni vanta oggi un livello di complessità e capacità di conversione tra i più elevati in Europa. Dal Dicembre 2002 la Raffineria è parte integrante della Divisione Eni Refining & Marketing. Nel 1999 Agip Petroli cede alla Società EniPower, appena costituita, il terreno del Comune di Ferrera Erbognone in cui sorge la Centrale Termoelettrica a Ciclo Combinato. EniPower nell ambito del progetto Eni di ingresso nel mercato elettrico in fase di liberalizzazione, inaugura il cantiere di costruzione della Centrale nel Maggio L avviamento della prima Unità a Ciclo Combinato è del Luglio Ad esso seguono quelli delle Unità 2 e 3 nei primi mesi dell anno Temperature In Figura 9 è mostrata la distribuzione di frequenza annuale della temperatura, suddivisa in classi di ampiezza 5 C. La temperatura media annuale risulta essere pari a circa 13 C. Per la zona in esame i valori estremi di temperatura sono -15 C e +35 C. Umidità relativa Per buona parte dell anno (circa 80% da luglio a dicembre) l umidità relativa media risulta piuttosto alta mentre risulta notevolmente inferiore in primavera (45% di umidità media a febbraio, poco meno di 40% da marzo a maggio). I mesi di gennaio (65%) e giugno (57%) sono identificabili come mesi di transizione. L'umidità relativa media annuale risulta pari al 75%. Temperatura ( C) Fig. 9 Distribuzione di frequenza annuale della temperatura max min media Mese 21

24 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Veduta dello stabilimento. Il complesso industriale di Sannazzaro de Burgondi Ferrera Erbognone Lo Stabilimento EniPower fa parte di un complesso industriale integrato (vedi Figura 10) che sorge sul territorio dei comuni di Sannazzaro de Burgondi e Ferrera Erbognone. Esso è composto da: Centrale Termoelettrica cogenerativa a ciclo combinato EniPower della potenzialità di circa MWe; Raffineria Eni Refining & Marketing di Sannazzaro de Burgondi; Deposito PRAOIL, che gestisce gli oleodotti in entrata e in uscita dalla Raffineria, ed è situato sul lato Sud, in corrispondenza del varco n 2 del muro di cinta; nel deposito sono presenti serbatoi di stoccaggio del petrolio grezzo; Stabilimento GPL Eni R&M, in cui è stoccato GPL (in un serbatoio sferico, in serbatoi orizzontali e in bombole per l uso domestico); Stabilimento Air Liquide per l approvvigionamento di ossigeno per l impianto di gassificazione del TAR VISBREAKER di Raffineria. Fig. 10 Complesso Industriale Integrato STABILIMENTO GPL COMUNE SANNAZZARO Gas per la rete cittadina Vapore Reflui GPL RAFFINERIA Reflui Vapore Grezzo DEPOSITO PRAOIL Vapore Reflui Energia elettrica ENIPOWER Syngas Acqua Energia elettrica Ossigeno Vapore Acqua Reflui AIR LIQUIDE 22

25 EniPower Ferrera Erbognone / DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2006 La Raffineria Eni Refining & Marketing (ex Agip Petroli) di Sannazzaro, sempre in provincia di Pavia, è situata a cavallo tra i comuni di Sannazzaro de Burgondi e di Ferrera Erbognone. La Raffineria, collocata lungo la direttrice dell oleodotto dell Europa Centrale per il trasporto del greggio da Genova sino alla Svizzera e in ottima posizione strategica per la distribuzione di prodotti finiti nell area più industrializzata d Italia, è uno degli Stabilimenti più importanti di proprietà dell Eni R&M. Le produzioni attive in Raffineria sono Produzione GPL, Produzione Benzine, Produzione Jet FueL, Produzione Gasoli, Produzione Olii Combustibili e Bitume. Contestualmente alla costruzione della Centrale Termoelettrica EniPower la Raffineria ha inoltre avviato due nuovi impianti: Il gassificatore del TAR e relativi impianti di trattamento del gas di sintesi L impianto di desolforazione fumi del cracking (BELCO) In questo modo da Marzo 2006 la Centrale EniPower è in grado di alimentare il terzo ciclo combinato, appositamente progettato, con il gas di sintesi prodotto dal gassificatore di TAR VISBREAKER della Raffineria. L impianto di gassificazione permette un utilizzo innovativo degli idrocarburi pesanti di distillazione del greggio, garantendo, mediante una tecnologia d avanguardia, la segregazione degli inquinanti presenti (zolfo, ceneri e metalli) e la produzione di un gas di raffineria che può essere impiegato come combustibile in turbina a gas. In assenza del gassificatore, i medesimi idrocarburi pesanti, opportunamente miscelati con idrocarburi leggeri, sarebbero generalmente impiegati come combustibili tradizionali in forni e caldaie, rilasciando in atmosfera i contaminanti che invece sono trattenuti dai sistemi di abbattimento associati all impianto di gassificazione. La trasformazione in gas e l utilizzo quale combustibile nelle turbine a gas permette inoltre di evitare l impatto del trasporto dell olio combustibile altrimenti prodotto e stimabile in almeno autobotti l anno. Lo stabilimento AIR LIQUIDE, ultimato anch esso nel corso del 2006, produce ossigeno prevalentemente destinato al gassificatore di TAR VISBREAKER ed altri gas tecnici (Azoto, Argon) mediante compressione dell aria ambiente. In Figura 11 è riportata la corografia del complesso industriale: Fig. 11 Corografia del complesso Industriale Integrato Ferrera Erbognone Sannazzaro de Burgondi Pieve Albignola Centrale EniPower Air Liquide Raffineria Eni R&M 23

26 LO STABILIMENTO E L AMBIENTE CHE LO CIRCONDA Visione notturna dello stabilimento. Il laboratorio chimico. Lo stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone Il cantiere di costruzione della centrale termoelettrica a ciclo combinato di Ferrera Erbognone viene aperto ufficialmente il 14 Maggio 2002 su di un terreno ceduto nel 1999 dalla ex AgipPetroli. L avviamento della prima Unità a Ciclo Combinato è del Luglio Ad esso seguono gli avviamenti a gas naturale delle Unità 2 e 3 nei primi mesi dell anno Nel corso del 2006 si completa infine il commissioning della unità 3 convertendone il funzionamento a gas di sintesi. Lo Stabilimento EniPower di Ferrera Erbognone costituisce la prima centrale elettrica nazionale realizzata dopo l emanazione del decreto di liberalizzazione del mercato dell energia Elettrica del La moderna concezione dell impianto caratterizzata da un elevatissimo grado di innovazione tecnologica consente la produzione di energia elettrica ad alto rendimento. L elevata efficienza, le tipologie di combustibile e l attenta progettazione dell impianto comportano un bassissimo impatto ambientale che si attesta come minimo raggiungibile tra le varie tipologie del parco di produzione termoelettrico. Lo stabilimento è composto da tre gruppi cogenerativi a ciclo combinato: due gruppi gemelli alimentati a gas naturale (isole di potenza 1 e 2), l altro gruppo (isola di potenza 3) alimentabile sia a combustione mista con gas di sintesi che soltanto a gas naturale. La fornitura di gas naturale per alimentare le isole di potenza è assicurata da Eni Divisione Gas & Power, attraverso metanodotto di Snam Rete Gas mentre il gas di sintesi o syngas è prodotto, come sopra detto, nell impianto di gassificazione presso la raffineria Eni Refining & Marketing di Sannazzaro de Burgondi. La potenza elettrica massima complessiva generabile dall impianto ed esportabile sulla rete di trasmissione nazionale è pari a circa 1000 MWe. Ciascun gruppo è costituito da una turbina a gas di ultima generazione, una caldaia a recupero a tre livelli di pressione e risurriscaldatore, una turbina a vapore a condensazione con estrazione di vapore a media pressione. La centrale utilizza alcuni servizi (acqua demineralizzata, acqua grezza, acqua industriale, trattamento acque reflue) dell adiacente raffineria, alla quale fornisce vapore ad uso tecnologico a media pressione. Una caratteristica distintiva del nuovo impianto di Ferrera Erbognone è relativa all utilizzo di un sistema di raffreddamento mediante condensatori ad aria: il consumo d acqua dell impianto è così limitato al reintegro dell acqua demineralizzata utilizzata per produrre vapore. La centrale è connessa alla Rete di Trasmissione Nazionale da un elettrodotto di 8,5 Km a doppia terna su singola palificata, di proprietà di EniPower Trasmissione. In Figura 12 è riportata la Planimetria generale della Centrale EniPower di Ferrera Erbognone: 24

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Ravenna

Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Ravenna Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Ravenna Dati aggiornati al 31 dicembre 2007 Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Ravenna Dati aggiornati al 31 dicembre 2007 In questa Dichiarazione

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA CENTRALE DI IN SOSTITUZIONE DELL ESISTENTE B 400 SEZIONE A PREMESSA REV.0 SETTEMBRE 2013 Pagina 1 di 13 REV.0 INDICE A.1 PREMESSA... 3 1 Stato di fatto... 3 1.1 Generalità... 3 2 Motivazioni dell intervento...

Dettagli

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-2014 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ferrera Erbognone Dati tecnici aggiornati al 31-12-214 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA n. Registrazione IT-77 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Ravenna Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012. enipower Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ravenna

Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Ravenna Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012. enipower Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ravenna enipower Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Ravenna Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Ravenna Dati tecnici aggiornati al 31-12-212 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT-483 Dichiarazione

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Introduzione. Raffineria di Taranto

Introduzione. Raffineria di Taranto Introduzione La Raffineria di Taranto è entrata in esercizio alla fine degli anni 60 ed è stata sottoposta negli anni ad un continuo processo d adeguamento delle sue strutture alle esigenze del mercato

Dettagli

La centrale di cogenerazione di Imola

La centrale di cogenerazione di Imola La centrale di cogenerazione di Imola Perché a Imola Che cos è la cogenerazione Comparazione tra un impianto convenzionale e uno di cogenerazione A Imola, la tradizione dell innovazione è di casa. Dal

Dettagli

La centrale di cogenerazione di Imola

La centrale di cogenerazione di Imola La centrale di cogenerazione di Imola Perché a Imola Che cos è la cogenerazione A Imola, la tradizione dell innovazione è di casa. Dal dopoguerra in poi c è stato un grande sviluppo industriale, che ruota

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE Iren Energia è la società del ruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012

Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012 Dichiarazione Ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT-000674 Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Mantova Dati tecnici

Dettagli

Viene altresì fatto un consuntivo del triennio relativo al periodo di validità della Registrazione EMAS conseguita.

Viene altresì fatto un consuntivo del triennio relativo al periodo di validità della Registrazione EMAS conseguita. In questa Dichiarazione Ambientale vengono fornite informazioni sull impatto e sulle prestazioni ambientali dello Stabilimento di Ferrara. In particolare i dati consuntivati al 31 dicembre 2013 riguardano:

Dettagli

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 30-06-2011

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 30-06-2011 Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 30-06-2011 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT-001459 In questa Dichiarazione Ambientale vengono fornite informazioni

Dettagli

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione

L importanza del risparmio energetico nella raffinazione L importanza del risparmio energetico nella raffinazione Conferenza Nazionale per l'efficienza Energetica Roma, 21-22 novembre 2012 www.eni.it I consumi energetici: Il pianeta di notte Domanda di energia

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2004 Stabilimento di Ravenna

Dichiarazione Ambientale 2004 Stabilimento di Ravenna Dichiarazione Ambientale 2004 Stabilimento di Ravenna Dati aggiornati al 30 giugno 2005 Dichiarazione Ambientale 2004 Stabilimento di Ravenna Dati aggiornati al 30 giugno 2005 Informazioni per il pubblico

Dettagli

Contenimento delle emissioni di NOx e CO, flessibilità ed efficienza in centrali cogenerative. L esperienza di enipower

Contenimento delle emissioni di NOx e CO, flessibilità ed efficienza in centrali cogenerative. L esperienza di enipower Convegno Ati Impianti Termotecnici per un energia pulita. Tecnologie flessibili a basso impatto ambientale e ad alto rendimento Contenimento delle emissioni di NOx e CO, flessibilità ed efficienza in centrali

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA

CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO DELLA CAPITANATA CENTRALE TURBOGAS A CICLO COMBINATO DI SAN SEVERO UN IMPIANTO ECO-EFFICIENTE PER LO SVILUPPO

Dettagli

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti

N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti N. 15: Produzioni energetiche di massa: centrali TE, TG e trasporti Nella scelta delle energie collegate al grandioso sviluppo mondiale (industriale, dei trasporti, dell utilizzo domestico, ) in primis

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

Impegni e Azioni per lo Sviluppo Sostenibile. Rapporto di Sostenibilità EniPower 2005

Impegni e Azioni per lo Sviluppo Sostenibile. Rapporto di Sostenibilità EniPower 2005 Impegni e Azioni per lo Sviluppo Sostenibile Rapporto di Sostenibilità EniPower 2005 Impegni e Azioni per lo Sviluppo Sostenibile Rapporto di Sostenibilità EniPower 2005 La MISSIONE di Eni Siamo un impresa

Dettagli

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2010

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2010 Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Mantova Dati tecnici aggiornati al 31-12-2010 GESTIONE AMBIENTALE E VERIFICATA N. Registro IT-000483 Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Mantova

Dettagli

M.Pedatella Case Study: FireFighting Management System (FFMS) - Raffineria di Taranto

M.Pedatella Case Study: FireFighting Management System (FFMS) - Raffineria di Taranto M.Pedatella Case Study: FireFighting Management System (FFMS) - Raffineria di Taranto Convegno «Il recepimento della Direttiva Seveso 2012/18/UE» - 11 maggio 2015, Roma Introduzione La Raffineria di Taranto,

Dettagli

enipower Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Brindisi Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012

enipower Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Brindisi Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012 Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Brindisi Dati tecnici aggiornati al 31-12-212 enipower Dichiarazione Ambientale Stabilimento di Brindisi Dati tecnici aggiornati al 31-12-212 In questa Dichiarazione

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio Il valore del GNL Che cosa è il GNL. Il gas naturale è una miscela costituita prevalentemente da metano e da idrocarburi superiori, azoto e anidride carbonica in percentuali variabili a seconda della provenienza.

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012

Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012 Dichiarazione ambientale EMAS Stabilimento di Ferrara Dati tecnici aggiornati al 31-12-2012 GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg.n.IT-001459 In questo aggiornamento della Dichiarazione Ambientale sono

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l.

LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l. LEONARDO ENERGIA Società Consortile a r.l. CENTRALE TERMICA OVEST AEROPORTO DI FIUMICINO (ROMA) A.I.A. n.3640/2009 Rapporto sui dati di autocontrollo Anno 2012 Redatto ai sensi del D.Lgs. 152/2006, art.

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Mantova

Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Mantova Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Mantova Dati aggiornati al 30 giugno 2007 Dichiarazione Ambientale 2007 Stabilimento di Mantova Dati aggiornati al 30 giugno 2007 Informazioni per il pubblico

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS

Scheda informativa PRECISAZIONI SUL TEMA DELLE POLVERI EMESSE DA TURBOGAS Scheda informativa Il Turbogas (ciclo combinato a gas) è la miglior tecnologia disponibile per produrre energia elettrica da combustibili fossili, ha alta efficienza e basso impatto ambientale. PRECISAZIONI

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 3. Sistemi di Conversione. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 3. Sistemi di Conversione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Sistemi di Conversione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Sistemi di Conversione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi

Dettagli

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il geotermico Dati Statistici al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche INDICE Introduzione... 2 Glossario... 3 Impianti geotermoelettrici... 4 Gli impianti geotermoelettrici in Italia dal 1997

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche N....18-43641 / 2006 (numero-protocollo/anno) Oggetto: autorizzazione ai sensi dell'art. 12 del D. Lgs. 29/12/2003 n. 387,

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA Documento di livello: A Teleriscaldamento: calore e benessere per la città PREMESSA:

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi Roberto Lensi 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Pag. 1 di 30 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Roberto Lensi DIPARTIMENTO

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI DI UNO STABILIMENTO IN TERMINI DI SERVIZI (ENERGIA, FLUIDI, ECC.)

ANALISI DEI FABBISOGNI DI UNO STABILIMENTO IN TERMINI DI SERVIZI (ENERGIA, FLUIDI, ECC.) CAPITOLO 8 ANALISI DEI FABBISOGNI DI UNO STABILIMENTO IN TERMINI DI SERVIZI (ENERGIA, FLUIDI, ECC.) AUDIT ENERGETICO Cap. 8 1 ANALISI ENERGETICA DI UNO STABILIMENTO AUDIT ENERGETICO CONSISTE NELL'ANALISI

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare

Caldaia a condensazione IT 01. Termoidraulica. Idee da installare Caldaia a condensazione IT 01 Termoidraulica Idee da installare Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto dell ambiente

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per:

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per: ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via...n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da operazioni di tempra di metalli con consumo di olio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Milano, 30-12-05 Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144 Matteo Bartolomeo, bartolomeo@avanzi.org Tel. 02-36518110

Dettagli

Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica. Le ali ai vostri impianti

Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica. Le ali ai vostri impianti Prestazioni comprovate per impianti di produzione di energia elettrica Le ali ai vostri impianti Contribuisce ad aumentare l affidabilità delle attrezzature. Contribuisce a ridurre i costi di produzione.

Dettagli

78 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Mercoledì 25 luglio 2012

78 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Mercoledì 25 luglio 2012 78 Bollettino Ufficiale D.G. Ambiente, energia e reti D.d.s. 23 luglio 2012 - n. 6576 Approvazione degli allegati tecnici relativi all autorizzazione in via generale ex art. 272 comma 2 del d.lgs. 152/06

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012

PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012 PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata al 28.06.2012 Missione Produzione di energia attraverso il recupero di scarti vegetali ed altre fonti rinnovabili derivanti da processi industriali ed agricoli eco-sostenibili.

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

R&D Project and Portfolio Management

R&D Project and Portfolio Management R&D Project and Portfolio Management Il progetto ENI Refining and Marketing Marco Bistolfi, Resp. Pianificazione Tecnologica, Programmazione e Attività Operative Eni - La società Eni, impresa integrata

Dettagli

COLD IRONING. Le soluzioni fino ad oggi adottate

COLD IRONING. Le soluzioni fino ad oggi adottate COLD IRONING Una nuova soluzione eco-compatibile per l alimentazione delle navi in porto COLD IRONING è un modo di dire anglosassone per indicare una nave attraccata in porto con motori spenti. L espressione

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri

Centrale termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri termoelettrica di cogenerazione di Moncalieri Dichiarazione Ambientale Secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 Anno 2013 1 Aggiornamento annuale Dichiarazione Ambientale 1 aggiornamento anno

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

INDICATORI DI SOSTENIBILITÀ - BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2009

INDICATORI DI SOSTENIBILITÀ - BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2009 INDICATORI DI SOSTENIBILITÀ - BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2009 Indicatori di Sostenibilità Bilancio di Sostenibilità 2009 2 principali l energia indicatori di sostenibilità 6 settore termoelettrico 8 stabilimento

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality.

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality. I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 18 settembre, Latina Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl a.ficarazzo@certiquality.it 02 80 69 17 91 QUALITY ENVIRONMENT

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO PREMESSA Con la realizzazione dell impianto solare termico si intende conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura servita, mediante il ricorso alla fonte energetica rinnovabile rappresentata

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

La centrale di Tamarete Energia

La centrale di Tamarete Energia . La centrale di Tamarete Energia Cos è e come produce energia elettrica La centrale Tamarete Energia di Ortona nasce dall ampliamento della centrale termoelettrica pre-esistente, basata su un motore dual

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi Workshop AEEG Sviluppo della generazione diffusa in Italia Analisi tecnico-economica delle modalità di gestione dell'energia nei contesti urbani ed industriali Milano 30-04-2009 Indice 2 2 Obiettivi dello

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

Sede Legale Sito Internet Centralino Casella e-mail Progetto grafico Copertina Impaginazione e supervisione Stampa Stampato su carta

Sede Legale Sito Internet Centralino Casella e-mail Progetto grafico Copertina Impaginazione e supervisione Stampa Stampato su carta Rapporto di Sostenibilità 2008 Missione EniPower è la Società di Eni per le attività di generazione di energia elettrica, di vapore e per la produzione e commercializzazione di impianti fotovoltaici. La

Dettagli

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Per una migliore qualità della vita ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Alessandro Ficarazzo Certiquality QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 27 maggio 2015 Assolombarda

Dettagli

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola IL TELERISCALDAMENTO Il teleriscaldamento è una soluzione del servizio di riscaldamento per edifici residenziali ed industriali basata su un fluido

Dettagli