corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it"

Transcript

1 corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica VEICOLI PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli

2 Introduzione Unità di Trasporto Stradale Unità di Trasporto Ferroviario Unità di Trasporto Marittimo Unità di Trasporto Aereo U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 2

3 Unitàdi Trasporto Stradale Per ottenere un alta efficienza del trasporto delle merci e in particolare nel trasporto multimodale nella aliquota relativa al trasporto stradale è necessario disporre di unità di trasporto atte a consentire un veloce carico e scarico delle unità di carico. Esistono una vasta gamma di veicoli stradali diversificati in termini di potenza rodiggio stradale allestimenti sovrapianali U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 3

4 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i I veicoli stradali di supporto definiti dalla legislazione italiana vigente (codice della strada) sono: trattori stradali autotreni autoarticolati rimorchi semirimorchi U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 4

5 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i trattori stradali: veicoli destinati esclusivamente al traino di rimorchi e semirimorchi U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 5

6 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i autotreni: complessi di veicoli costituiti da due unità distinte, agganciate, delle quali una motrice (rimorchio biga in figura) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 6

7 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i autoarticolati: complessi di veicoli costituiti da un trattore e da un semirimorchio U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 7

8 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i rimorchi: veicoli destinati ad essere trainati U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 8

9 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Classificazione i semirimorchi: veicoli costruiti in modo tale che una parte di essi si agganci all unità motrice e che una parte notevole della sua massa o del suo carico sia sopportata da detta motrice. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 9

10 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Caratteristiche ti Gli autotreni rispetto agli autocarri sono caratterizzati da: maggiore economicità, poiché possono trasportare più carico utile con minor costo unitario manovrabilità più difficoltosa scarsa accelerazione da 2.42 a 2.60 da 1.50 a max min max U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 10

11 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Caratteristiche Gli autoarticolati rispetto agli autotreni sono caratterizzati da: maggior facilità di agganciamento migliore manovrabilità possibilità à di effettuare servizi i di presa e consegna riduzione dei perditempo per carico e scarico possibilità di trasporto di container max max max U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 11

12 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Caratteristiche ti Bisogna considerare che la sagoma limite corrente dei veicoli stradali, ammessa dal Codice della Strada, è data da una larghezza di 2,50 m per un altezza di 4,00 m. Èimportante notare che una notevole spinta all intermodalità è stata data dall introduzione nella legislazione stradale della possibilità per un trattore stradale di trainare differenti semirimorchi e viceversa, idi indipendentemented dll dalle proprietà àdid dei due veicoli. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 12

13 UNITÀ DI TRASPORTO STRADALE Caratteristiche ti Come si è visto, spesso è lo stesso semirimorchio a costituire mezzo per il trasporto intermodale, infatti è esso stesso ad essere caricato sui veicoli ferroviari ed essere spostato tra i terminali abilitati. Nel caso della autostrada viaggiante sono addirittura l autotreno e l autoarticolato ad essere spostati tramite veicoli ferroviari. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 13

14 Unitàdi Trasporto Ferroviario i Per ottenere un alta efficienza del trasporto combinato, nella parte relativa ai servizi ferroviari, è necessario che siano disponibili adeguati veicoli ferroviari che consentano un veloce carico e scarico dll delle unità ià di carico utilizzate. Tali veicoli vengono detti Unità di Trasporto Ferroviario. Le differenti compagnie ferroviarie hanno sviluppato differenti tecnologie di carico e scarico e messo a punto differenti carri. Le differenti tipologie di movimentazione ed i relativi carri, sono comunque riassumibili in alcune classi principali sulla base delle modalità dlià di movimentazione i dll Uià dell Unità di Carico rispetto al veicolo ferroviario e della presenza di alloggiamenti fissi o mobili. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 14

15 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Classificazione I carri ferroviari più rappresentativi sono: carro pianale carro Poche carro bimodale carro per autostrada viaggiante carro per casse mobili scarrabili (ACTS) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 15

16 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Caratteristiche serie descrizione assi tara (t) lunghezza fra i respingenti (m) passo (m) tabella di carico (t) regime S regime SS A B C A B C configurazioni di carico possibili per trasporto container 10' 20' 30' 40' trasporto casse mobili pianale di tipo corrente, Kgps attrezzato per trasporto container, senza sponde, km/h 14, no Rgs pianale a carrelli di tipo corrente, attrezzato per trasporto container 100 km/h ,9 14, Sdgkkmss pianale a carrelli di tipo speciale, con piano per trasporto di semirimorchi ,4 16, ,5 (Poche ) adatto al trasporto sì di container inferiori a 60', 120 km/h 1 Sggmrrss Saadkms pianale a carrelli di tipo speciale, per trasporto container oltre 60' totali, multiplo (carro binato), 120 km/h pianale a carrelli di tipo speciale, a 8 assi, per trasporto veicoli (autostrada viaggiante ), a due elementi, 100 km/h 8 35,8 35,7 12,6 92,3 108,3 92,3 100, ,5 19,6 13,7 44 no 2 no sì Modalohr Road-railer pianale a carrelli di tipo speciale, per trasporto veicoli (autostrada d viaggiante ), multiplo (carro binato), con pianale di carico girevole, 120 km/h semirimorchio bloccato su carrello ferroviario regolamentare, 100 km/h ,3 ND no 4 9,5 ND ND 27 no 16

17 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Carro pianale È adatto al trasporto delle unità di traffico (contenitori e casse mobili), oltre che di veicoli e merci in altri contenitori non intermodali. Non è dotato di parti mobili e il carico può avvenire soloverticalmente. l U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 17

18 CARRO PIANALE Classificazione i Esistono diverse versioni di carro pianale: due assi quattro assi con sponde lateraliliribaltabili bili quattro assi senza sponde laterali ribaltabili quattro assi con stanti fissi U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 18

19 CARRO PIANALE Carro pianale a due assi U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 19

20 CARRO PIANALE Carro pianale a quattro assi con sponde laterali U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 20

21 CARRO PIANALE Carro pianale a quattro assi senza sponde laterali U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 21

22 CARRO POCHE Carro Poche Carro ferroviario equipaggiato con una tasca (fr. poche) ) destinata a ricevere gli assi di un semirimorchio; tale tipologia di carro consente il carico alternativo di casse mobili o di container ± ±3 5853±3 1248, ± ±5 U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 22

23 CARRO POCHE Caratteristiche I carri Poche sono rotabili a pianale di tipo speciale (serie S) adibiti ai trasporti intermodali. Il tipo Sdgkkmss Poche è dotato di un particolare equipaggiamento che lo rende flessibile per il trasporto di grandi container, casse mobili e semirimorchi. In particolare la dotazione di una sella di appoggio mobile consente di agganciare il perno di semirimorchi a 1, 2 e 3 assi. sella mobile U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 23

24 CARRO POCHE Schema di carico U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 24

25 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Carri apianali mobili Nel trasporto combinato strada-rotaia, fino agli anni Ottanta, si è utilizzata largamente la movimentazione i orizzontale in luogo di quella verticale. Due tipologie principali di carri (oggi non più in esercizio) a pianali mobili sono stati sviluppati per consentire forme di intermodalità senza l utilizzo di unità di movimentazione. Il primi tipo di carri, presentato negli anni 50, è il carro Kangourou (fr. canguro ); era dotato di una tasca mobile che consentiva il trasporto di semirimorchi ad uno o due assi, spinti da uno speciale trattore di piazzale. L altro tipo era chiamato Wippen (ted. ponte a bilico ). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 25

26 CARRI A PIANALI MOBILI Caratteristiche ti (carro Wippen) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 26

27 CARRI A PIANALI MOBILI Sh Schema di carico (1/2) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 27

28 CARRI A PIANALI MOBILI Sh Schema di carico (2/2) Carro in sosta direzione trattore carico scarico Carro in condizione i di marcia U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 28

29 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Carro bimodale Il carro è atipico rispetto ai carri tradizionali e nasce dall utilizzo dello stesso telaio del semirimorchio sia per i tragitti stradali che per quelli ferroviari. In pratica vengono utilizzati particolari semirimorchi stradali notevolmente rinforzati per resistere agli sforzi longitudinali e trasversali, con l aggiunta degli attacchi per un carrello ferroviario. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 29

30 CARRO BIMODALE Caratteristiche ti Il treno viene formato associando successivamente carrelli ferroviari iesemirimorchi. ii U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 30

31 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Carri per autostrada t viaggiante i Sono carri speciali per trasportare complessi stradali (autotreni e autoarticolati) i) lungo le relazioni i ferroviarie i di media e lunga percorrenza. Attualmente esistono due tipologie di rotabili per autostrada viaggiante: carri ultrabassi; carri ModaLohr. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 31

32 CARRI PER AUTOSTRADA VIAGGIANTE Carro ultrabasso (1/2) La serie più diffusa Saadkms possiede ruote a diametro ridotto (360 mm a nuovo, contro 920 mm di dei carri normali) per ridurre l altezzal fra pianale di carico e piano del ferro U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 32

33 CARRI PER AUTOSTRADA VIAGGIANTE Carro ultrabasso (2/2) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 33

34 CARRO ULTRABASSO Caratteristiche ti Gli aspetti tecnici salienti di tale sistema si possono così riassumere: non esistono ostacoli lifra due carri accoppiati i( (grazie a speciali organi di aggancio e repulsione sotto il pianale); il carico e lo scarico degli automezzi viene sempre condotto mediante una rampa mobile. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 34

35 CARRO ULTRABASSO Sh Schema di carico Le operazioni di carico/scarico avvengono inmanierasequenziale (FIFO) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 35

36 CARRI PER AUTOSTRADA VIAGGIANTE Carro MdLh ModaLohr I carri di ultima generazione ModaLohr permettono il trasporto di soli semirimorchi; sono dotati di piani di carico girevoli (vasche), pur avendo diametri delle ruote normali (920 mm). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 36

37 CARRO MODALOHR Caratteristiche ti Ciascun carro è costituito da due rotabili binati, in grado di trasportare ciascuno un semirimorchio o due trattori stradali: il carico e lo scarico degli automezzi viene sempre condotto lateralmente, mediante rotazione del pianale i semirimorchi vengono assicurati mediante innesto del perno su una sella a incastro. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 37

38 CARRO MODALOHR Sh Schema di carico U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 38

39 UNITÀ DI TRASPORTO FERROVIARIO Carro per casse mobili scarrabili ACTS Questi carri sono appositamente costruiti per il trasporto combinato strada/ferrovia, d/f con l obiettivo i di aumentare la sagoma limitei a scapito però della lunghezza utile del treno per il carico. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 39

40 UNITÀ DI TRASPORTO MARITTIMO Unità di Trasporto Marittimo Per ottenere un alta efficienza del trasporto intermodale via mare è necessario che siano utilizzati dei mezzi specifici che consentano un veloce carico e scarico delle unità di carico utilizzate. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 40

41 UNITÀ DI TRASPORTO MARITTIMO Classificazione i Le Unità di Trasporto Marittimo per quanto riguarda le loro caratteristiche specifiche in relazione al trasporto intermodale, sono: nave traghetto (Roll-on/Roll-off Ro/Ro) nave portacontenitori (Lift-on/Lift-off off Lo/Lo) nave speciale (Float-on/Float-off Flo/Flo) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 41

42 UNITÀ DI TRASPORTO MARITTIMO Navitraghetto tt Ro-RoR Le navi traghetto appartengono alla classe delle navi Ro-Ro (roll on-roll off) in quanto vengono caricate e scaricate con manovre orizzontali del carico. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 42

43 NAVI TRAGHETTO RO-RO Descrizione i Queste navi garantiscono i collegamenti brevi via mare e consentono una forma di intermodalità assicurando continuitàità lungo il mare ai servizi terrestri. Le caratteristiche principali delle navi Ro-Ro sono date dai grandi portelloni, che spesso vengono utilizzati come ponte, consentendo un veloce carico e scarico dei mezzi a bordo. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 43

44 NAVI TRAGHETTO RO-RO Descrizione Esistono notevoli differenze dimensionali e tipologiche in relazione ai veicoli terrestri trasportati ed alle distanze da percorrere. Per quanto riguarda i veicoli stradali, le navi traghetto di solito sono abilitate a trasportare veicoli completi quali autotreni ed autoarticolati. ti ti Si è recentemente affermato l uso lusodei traghetti Ro-Ro anche per i semirimorchi (autostrade del mare), che consente di ottenere economie evitando il trasporto dei trattori stradali via mare. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 44

45 NAVI TRAGHETTO RO-RO Descrizione In alcuni casi le navi Ro-Ro vengono utilizzate direttamente per il trasporto di contenitori e/o casse mobili, procedendo al carico ed allo scarico tramite carrelli frontali. Esistono differenti tipologie di navi traghetto, in funzione: della tratta di mare da coprire (più o meno di 10 chilometri) della domanda passeggeri (pedoni o automobili) dalla domanda merci (camion o carri ferroviari) Le navi traghetto vengono utilizzate sistematicamente per collegare la terraferma alle isole. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 45

46 NAVI TRAGHETTO RO-RO Descrizione Ad esempio, il collegamento con la Sicilia, lungo lo Stretto di Messina, rappresenta un esempio di utilizzo di traghetti capaci di soddisfare tutti i segmenti di domanda nel collegamento a breve raggio e ad alta frequenza. Infatti in questo tipo di collegamento vengono esaltate le caratteristiche di velocità nell esecuzione delle manovre, utilizzando navi traghetto bidirezionali tutto ponte. Esse sono in grado di trasportare da 12 a 24 veicoli pesanti. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 46

47 NAVI TRAGHETTO RO-RO Caratteristiche Per assicurare continuità alla rete ferroviaria sono attualmente in linea navi specializzate capaci di trasportare sino a 400 m di carri ferroviari. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 47

48 NAVI TRAGHETTO RO-RO Caratteristiche U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 48

49 NAVI TRAGHETTO RO-RO High Speed Craft (HSC) Traghetti Ro/Ro ad idrogetto ad alta velocità per servizi ad alta frequenza su lunghe distanze (pax, merci e misto) Queste navi sono progettate per navigare ad una velocità di 35 nodi (ca.65 km/h): untraghetto diesel tradizionale naviga alla media di 22 nodi (ca. 40 km/h). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 49

50 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i Le navi portacontenitori cellulari sono nate per garantire il trasporto intermodale dei container. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 50

51 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 51

52 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 52

53 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 53

54 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 54

55 NAVE PORTACONTENITORI Nave portacontenitori t i U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 55

56 NAVE PORTACONTENITORI Descrizione i Le portacontenitori hanno le stive opportunamente progettate per favorire le operazioni di immagazzinamento, inamento carico e scarico dei contenitori U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 56

57 NAVE PORTACONTENITORI Descrizione i Queste navi sono anche dette lo - lo (lift on - lift off) in quanto il carico e lo scarico avvengono con manovre verticali di innalzamento ed abbassamento tramite gru. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 57

58 NAVE PORTACONTENITORI Descrizione i Tali operazioni possono essere svolte anche con le gru usuali da porto ma con un notevole aggravio temporale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 58

59 NAVE PORTACONTENITORI Descrizione i La drastica riduzione dei tempi di movimentazione ottenuta con l introduzione i delle navi portacontenitori t ie dei terminali portuali specializzati, ha consentito lo sviluppo di un ulteriore livello di intermodalità del tipo nave-nave nave. Infatti i costi di esercizio unitari delle navi, a parità di distanza percorsa, diminuiscono al crescere delle tonnellate di stazza netta trasportate, ed evidentemente aumentano a parità di stazza al diminuire delle quantità trasportate. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 59

60 NAVE PORTACONTENITORI Classificazione i Le navi portacontenitori si sono sempre più specializzate in due classi: navi madri ( > 2000 TEU) navi feeder ( 2000 TEU) Le navi feeder si muovono sulle brevi distanze tra i porti tradizionali raccogliendo una massa critica da concentrare in pochi porti (HUB), fortemente t specializzati ili per la movimentazione, cui fanno capo le grandi navi transoceaniche (navi madri). In tal modo le navi madri vengono utilizzate sempre in condizioni ottimali. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 60

61 NAVE PORTACONTENITORI Classificazione i Le navi madri sono in genere ripartite in: Panamax compatibile con il passaggio del canale di Panama Postpanamax non compatibile con il passaggio del canale di Panama Il canale di Panama può essere attraversato da navi con pescaggio inferiore a 12 m, lunghezza inferiore a 294,1 m, e larghezza inferiore a 32,3 m, per una portata massima di t (dwt deadweight tons) Un ulteriore vincolo viene dato dal Canale di Suez che consente il passaggio di navi con portata massima di t. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 61

62 NAVE PORTACONTENITORI Classificazione i Anche nel transhipment l evoluzione del settore è notevole, ed è connessa con la diffusione dei terminal contenitori specializzati e con la corsa al gigantismo navale. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 62

63 NAVE PORTACONTENITORI Classificazione i In relazione al gigantismo navale, si noti che una nuova classe di navi dfii definite portainer comincia i apresentarsi in esercizio: ii sono già in linea navi da 6000 TEU, sono in corso di realizzazione navi da 8000 TEU ed in corso di progetto da TEU. Ciò comporta che navi da 2000 TEU potranno essere, nel breve-medio periodo, considerate feeder. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 63

64 NAVE PORTACONTENITORI Sh Schema di carico Il costo di costruzione di navi di grandi dimensioni deve essere ripagato da un numero elevato di traversate e da un coefficiente di riempimento prossimo all unità. In queste condizioni, il rispetto delle procedure di carico è essenziale per il mantenimento di un buon livello di servizio della catena logistica. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 64

65 NAVE PORTACONTENITORI Caratteristiche ti Caratteristiche Unità Feeder Panamax Postpanamax Lunghezza uge m > 290 Larghezza m Peschaggio m TEU trasportabili n U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 65

66 UNITÀ DI TRASPORTO MARITTIMO Float-on/Float-off t Sono navi in grado di trasportare contemporaneamente chiatte (per navigazione fluviale o via canali) e container. Mentre i contenitori sono caricati sui ponti esterni con i consueti sistemi di movimentazione, le chiatte vengono fatte entrare attraverso un portellone di carico nella stiva allagata. Prima della partenza, la stiva viene prosciugata e le chiatte assicurate con sistemi di fissaggio. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 66

67 UNITÀ DI TRASPORTO MARITTIMO Riepilogoil caratteristiche ti mezzi navali tipo nome registrato anno di velocità propulsione e potenza l/ lunghezza (m) TEU Veicoli/chiat costruzione (kn) (kw) te Traghetto Ro/Ro SNAV Lazio ND diesel/nd 530 Portacontainer Lo/Lo Maersk Antwerp ,1 diesel/ Portacontainer Lo/Lo Panamax Marie Maersk ,1 23,6 diesel/ Portacontainer Lo/Lo Postpanamax Regina Maersk ,2 24,6 diesel/ HSC Ro/Ro BGV C160 in sviluppo idrogetto/ LASH Flo/Flo München ,4 ND diesel/ BACO liner Flo/Flo Baco Liner diesel/ (ponte) 12 SEABEE carrier Flo/Flo ca ,7 diesel/nd 38 U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 67

68 UNITÀ DI TRASPORTO AEREO Unità itàdit Trasporto Aereo Il trasporto aereo delle merci non è molto diffuso a causa degli elevati costi unitari di trasporto. Esso viene utilizzato per il trasporto su lunghe distanze di merci: ad alto valore grande pregio ed alta deperibilità connessa a produzione in punti singolari del mondo merci per le quali in costo del trasporto è una variabile trascurabile. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 68

69 UNITÀ DI TRASPORTO AEREO Unità di Trasporto Aereo Molti degli aeromobili in commercio possono essere allestiti per il trasportomerci. t U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 69

70 UNITÀ DI TRASPORTO AEREO Unità di Trasporto Aereo L aeromobile commerciale più utilizzato per il trasporto unitizzato delle merci è il Boing 747, allestito nella versione cargo. STIVE 1-2 STIVE 3-4 STIVA 5 MERCE SFUSA U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 70

71 UNITÀ DI TRASPORTO AEREO Unità di Trasporto Aereo In relazione alla bassa domanda di trasporto aereo delle merci, molte compagnie allestiscono i loro aeromobili nella cosiddetta versione combi, ovvero mista passeggeri/merci U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 71

72 UNITÀ DI TRASPORTO AEREO Unità di Trasporto Aereo anno di tipologia modello immissione in servizio apertura alare (m) autonomia carico utile max (t) disposizione del carico passeggeri operativa max (km) freighter Airbus A ST Beluga ,8 47 stiva interna a ponte unico no freighter Antonov An-124 Ruslan ,3 150 stiva interna a ponte unico no freighter Boeing ER Freighter 32 pallet nel ponte principale/ ,4 112,8 container AVC nel ponte no inferiore/15 m³ per le rinfuse combi Boeing Combi 120 pax (2 classi)/14 container ,4 ND AVC/7 pallet nel ponte principale/5 p pallet in stiva/rinfuse freighter Boeing 777 Freighter ,8 104,0 27 pallet nel ponte superiore/10 pallet/ rinfuse nel ponte inferiore no combi MacDonnell- Douglas MD-11 Combi , pallet nel ponte principale/rinfuse nel ponte inferiore 200 ca U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 72

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI CARICO prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni (1/2) (UC) numero di articoli (o materiale sciolto) disposti

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo Trasporto marittimo Veicoli di trasporto marittimo Vie e terminali di trasporto marittimo 1 Trasporto marittimo Natanti (Veicoli) 2 natanti - classificazione per trasporto merci o passeggeri lenti o mezzi

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DICAM Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali. TESI DI LAUREA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Trasporto Navale. I soggetti. Le interazioni. Veicoli di trasporto marittimo Vie di trasporto marittimo Terminali di trasporto marittimo

Trasporto Navale. I soggetti. Le interazioni. Veicoli di trasporto marittimo Vie di trasporto marittimo Terminali di trasporto marittimo Trasporto Navale E da sempre il modo più vantaggioso per gli scambi commerciali; riduce notevolmente i costi, soprattutto per le lunghe distanze permette di raggiungere aree geografiche altrimenti impossibili

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile Guida alla esercitazione del corso di TERMINALI PER I TRASPORTI E LA LOGISTICA DOCENTE prof. ing. UMBERTO CRISALLI BOZZA

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Metodi di valutazione della offerta di trasporto

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

LE TUE MERCI SU UN CAVALLO VINCENTE E NON PUÒ TRATTARSI SOLO DI FORTUNA

LE TUE MERCI SU UN CAVALLO VINCENTE E NON PUÒ TRATTARSI SOLO DI FORTUNA E NON PUÒ TRATTARSI SOLO DI FORTUNA LE TUE MERCI SU UN CAVALLO VINCENTE DEGANO TRASPORTI Via Viola, 67-33043 Cividale del Friuli Tel. 0432 700 569 Fax 0432 732 968 info@trasportidegano.it www.trasportidegano.it

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Intermodalità e Interporti.

Intermodalità e Interporti. Intermodalità e Interporti. INTERMODALITA - TERMINOLOGIA Innanzitutto, occorre fare chiarezza su quella che è la terminologia di riferimento. La conferenza dei ministri dei trasporti dei paesi europei

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

Trasporto Intermodale delle merci PARTE A

Trasporto Intermodale delle merci PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2011/12 TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi Trasporto Intermodale delle merci PARTE A M. Lupi: "Tecnica ed economia dei Trasporti"

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE TRASPORTI FERROVIARI TRASPORTI MARITTIMI

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE TRASPORTI FERROVIARI TRASPORTI MARITTIMI CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE TRASPORTI FERROVIARI TRASPORTI MARITTIMI 1 Nell analisi dei sistemi di trasporto merci (trasporti

Dettagli

SISTEMA AUTOMATICO INTEGRATO DI CARICO-SCARICO PER BANCHINE. Il sistema Rollerkit Moveco, applicabile su motrici e su semirimorchi, consente,

SISTEMA AUTOMATICO INTEGRATO DI CARICO-SCARICO PER BANCHINE. Il sistema Rollerkit Moveco, applicabile su motrici e su semirimorchi, consente, SISTEMA AUTOMATICO INTEGRATO DI CARICO-SCARICO PER BANCHINE. Il sistema Rollerkit Moveco, applicabile su motrici e su semirimorchi, consente, in abbinamento ad una linea di accumulo, di movimentare carichi

Dettagli

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE APPUNTI A CURA DEL PROF.VENERUSO ENRICO I mezzi per il trasporto stradale delle unità di carico intermodali si dividono in : Autocarro lunghezza massima di 12,0 metri

Dettagli

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale XVI Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO Milano, 20-21 giugno 2011 Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale G. Zamboni, S. Malfettani, M.

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 481 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CASTELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 1996 Norme a favore

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Ripartizione fra i vari tipi di treni (espressa in numero di treni) osservata nel 1999

Ripartizione fra i vari tipi di treni (espressa in numero di treni) osservata nel 1999 Tonnellaggio medio dei treni merci sulla Linea Storica Analisi del tonnellaggio medio dei treni merci elaborata da LTF e presentata all Osservatorio nella riunione del 7 marzo 2007 Il presente documento

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

SISTEMA DEI TRASPORTI

SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI INSIEME DELLE MODALITA CON CUI SI REALIZZA IL TRASFERIMENTO DELLE PERSONE E DELLE COSE DA UN LUOGO AD UN ALTRO 1 IL TRASPORTO Lo svolgimento di qualsiasi attività

Dettagli

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo Slide Air 1] [Slide Air 2 & 3] Introduzione Il sistema dei trasporti ha bisogno dei servizi del trasporto aereo quando la merce deve essere trasportata per lunghe distanze e velocemente. La merce è di

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docente: Marino

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV)

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) VI. Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) Autofurgoni con sedili supplementari nel vano di carico Art. 11 cpv. 2 lett. e Autoveicoli di trasporto secondo il diritto svizzero

Dettagli

Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Università di Pisa - Polo Sistemi Logistici di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2013/14 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docente:

Dettagli

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

AUTOGRU TRASPORTI ECCEZIONALI MOVIMENTAZIONI INTERNE POSIZIONAMENTO CON GRU SOCCORSO STRADALE

AUTOGRU TRASPORTI ECCEZIONALI MOVIMENTAZIONI INTERNE POSIZIONAMENTO CON GRU SOCCORSO STRADALE AUTOGRU TRASPORTI ECCEZIONALI MOVIMENTAZIONI INTERNE POSIZIONAMENTO CON GRU SOCCORSO STRADALE GIOLO AUTOTRASPORTI S.n.c. Via Irpinia, 65 (Z.A. Villatora) 35020 Saonara (PD) - Italia tel. 049 64 05 44 fax.

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LTE-001 4 Aprile 2008 Realizzazione di cabine

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 Ministero dei Trasporti Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 IL MINISTRO DEI TRASPORTI VISTO l art. 6, comma 1, del nuovo codice

Dettagli

1. Classificazione generali dei veicoli

1. Classificazione generali dei veicoli Tecnica ed Economia dei Trasporti Prof. Giuseppe Salvo 2 1. Classificazione generali dei veicoli L art. 46 del Nuovo Codice della Strada 1 definisce veicoli tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano

Dettagli

Il sistema dei trasporti: generalità

Il sistema dei trasporti: generalità Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il sistema dei trasporti: generalità Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido (BOZZA) Testo di riferimento Cantarella

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Circolare N.155 del 22 novembre 2011 Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Trasporti eccezionali su gomma: semplificazione della procedura di

Dettagli

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI A3 21 A2 18 A1 16 Motocicli leggeri Tricicli a 3 ruote Quadricicli di (Max 125 cm 3 e 11 kw) simmetriche massa a vuoto con o senza sidecar fino

Dettagli

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 @ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 2 KANVAN DATI TECNICI Questa scheda tecnica indica solo i valori tecnici del carrello standard secondo la Direttiva VDI 2198. Gommature

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

Il motore diesel per la propulsione navale

Il motore diesel per la propulsione navale 1 Schede di Impianti Navali Il motore diesel per la propulsione navale ver 1.1 A cura di Franco Quaranta 2 Il motore diesel per la propulsione navale versione: 1.1 file originale: Il motore diesel per

Dettagli

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 9 I terminal container. S. Sacone, S. Siri - DIST

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 9 I terminal container. S. Sacone, S. Siri - DIST Corso di Gestione dei sistemi di trasporto Cap. 9 I terminal container S. Sacone, S. Siri - DIST Lo sviluppo dei container Vantaggi dell utilizzo dei container: unitizzazione del carico (merci movimentate

Dettagli

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder.

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Massima forza per massime sollecitazioni: Arocs Loader e Arocs Grounder. Per carichi particolarmente elevati e sollecitazioni estreme. Con Arocs Loader

Dettagli

LOGISTICA TERRITORIALE. DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo

LOGISTICA TERRITORIALE. DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci La merce trasportata Rinfuse Liquide Solide Carico Unitizzato t Pallet

Dettagli

Il carico delle bombole: i casi aziendali

Il carico delle bombole: i casi aziendali Il carico delle bombole: i casi aziendali Davide Italia, Responsabile Sicurezza Trasporti e DGSA Settore bombole e liquidi - Air Liquide Italia S.p.A. Il trasporto di merci pericolose in Air Liquide Air

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze, patrimonio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076)

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076) CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076) AL CONTRATTO DI SERVIZIO DI COLLEGAMENTO MARITTIMO PER IL TRASPORTO DI PERSONE E VEICOLI NELLA TRATTA PORTO TORRES ISOLA DELL ASINARA (CALA REALE) E VICEVERSA. La gara

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

Il difficile caso degli Octabins

Il difficile caso degli Octabins Il difficile caso degli Octabins Applicazione della norma UNI EN 12195-1 al trasporto stradale secondo ADR Versalis S.p.A Ing. Enzo De Gioia Responsabile Ottimizzazione di Logistica e Gestione Normative

Dettagli

Sistemi per la movimentazione dei cargo

Sistemi per la movimentazione dei cargo Movimentazione Sistemi per la movimentazione dei cargo Air Containers Air Containers FBA srl Pagina 1 Via dell industria, 10 27020 Torre D Isola Pavia (Italy) Tel. +39.0382.930299 / +39.0382.1855312 -

Dettagli

Movimentazione Air Containers

Movimentazione Air Containers Movimentazione Air Containers Sistemi per la movimentazione dei cargo Air Containers FBA srl Pagina 1 Via dell industria, 10 27020 Torre D Isola Pavia (Italy) Tel. +39.0382.930299 / +39.0382.1855312 -

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna! ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA

IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA Il complesso del porto ligure, uno dei maggiori e più significativi in Europa, rappresenta il cuore dell attività svolta dai cosiddetti provveditori,

Dettagli

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni proporzione di domanda Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari Il declino del traffico ferroviario delle merci attraverso il valico del Frejus,

Dettagli

Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti.

Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti. barbara.revelli@eurocite.eu Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti. Barbara Revelli e Adriano Turso Fondatori EuroMed EuroCité Le Autostrade del Mare Tra i capisaldi

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione Servizio Statistica e affari generali Corso Cavour, 1-34132 Trieste tel. +39 040 377 2228 - fax +39

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI 1 TERMINALI INTERMODALI STRADA-ROTAIA Il terminale intermodale strada-rotaia è composto fondamentalmente da tre sottosistemi: Sistema ferroviario:

Dettagli

Sicurezza del carico e ancoraggio del carico sui veicoli

Sicurezza del carico e ancoraggio del carico sui veicoli Sicurezza del carico e ancoraggio del carico sui veicoli Incidenti e fissaggio del carico Euro Contrôle Route (ECR), associazione di 14 paesi europei per il controllo dei trasporti su strada, osserva

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora

Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora Master in Progettazione Geotecnia Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora Prof. Ing. Paolo De Girolamo Sapienza Università di Roma Paolo.degirolamo@uniroma1.it 1 Indice - Porti: definizioni -

Dettagli

TRENI. -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- Tratte prenotabili

TRENI. -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- Tratte prenotabili TRENI -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- FAI Service ha stipulato per i propri Soci delle convenzioni con i concessionari dell autostrada ferroviaria viaggiante dove oltre ad i vantaggi propri del trasporto

Dettagli

Trasporto Intermodale delle merci

Trasporto Intermodale delle merci Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2010/11 TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi Trasporto Intermodale delle merci M. Lupi: "Tecnica ed economia dei Trasporti"

Dettagli

BRACCI DI FERRO. Veicoli e attrezzature per l edilizia tornano a crescere, come dimostra il Gis di Piacenza. Dove guadagna spazio l intermodale

BRACCI DI FERRO. Veicoli e attrezzature per l edilizia tornano a crescere, come dimostra il Gis di Piacenza. Dove guadagna spazio l intermodale TRUCK&NEWS BRACCI DI FERRO Veicoli e attrezzature per l edilizia tornano a crescere, come dimostra il Gis di Piacenza. Dove guadagna spazio l intermodale di Massimo Lanari U n esposizione in crescita.

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Progettazione terminali

Progettazione terminali Terminale Progettazione terminali Differenti tipologie di terminali: Rinfuse liquide o solide Merci varie Container Traffico Ro-Ro Crociere 1) Definizione layout 2) Profondità fondali 3) Lunghezza banchine

Dettagli

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS ALUMINIUM LOADING SYSTEMS Logistica - IT PEDANE FISSATE ALLA BANCHINA: Tale gamma di pedane permette le regolari e classiche operazioni di carico e scarico su banchine con possibilità di fissaggio mediante

Dettagli

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico INDUSTRIA DI MARCA DISTRIBUZIONE MODERNA Trasporto ferroviario merci Documento tecnico Giugno 2014 2 Indice ECR Italia... 4 Introduzione... 5 RETI FERROVIARIE... 6 Elettrificazione... 6 Gabarit (profilo

Dettagli

Sistemi di Carico e Scarico

Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di carico e scarico I sistemi di carico e scarico costituiscono una completa dotazione dei punti di carico e scarico delle merci nei magazzini e nei centri logistici.

Dettagli

PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO.

PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO. DIPARTIMENTO DI IMPRESA E MANAGEMENT CATTEDRA DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO. RELATORE Prof. Massimo De Falco CANDIDATO

Dettagli

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 Divisione Cargo LISTINO Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 INDICE SEZIONE I CAMPO DI APPLICAZIONE E NORME D IMPIEGO Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO Oggi entrano in servizio nell area potentina 4 nuovi treni Stadler delle Ferrovie Appulo Lucane. Si tratta dell ultima tranche dei sei treni svizzeri acquistati dalle Fal

Dettagli

IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR

IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR A. Premessa I paesi costituenti la macro regione METR rappresentano una realtà di grande importanza a livello mondiale

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA - RAGNO 27 m. Modello Oil&Steel Octopussy

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA - RAGNO 27 m. Modello Oil&Steel Octopussy 1 PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA - RAGNO 27 m Modello Oil&Steel Octopussy Piattaforma aerea Ragno Oil&Steel Octopussy 27.14 Adatta per ambienti esterni e interni su tutti i tipi di terreno Possibilità di

Dettagli

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Monica Grosso Università di Anversa, Facoltà di Economia applicata TransportNet Marie-Curie fellow Società Italiana degli

Dettagli

Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro

Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro CARRELLI ELEVATORI Indice Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro 2.1 Tipologie e caratteristiche 2.2 Rischi da carrelli semoventi 23N 2.3 Nozioni ielementari idi fisica i 2.4 Tecnologia

Dettagli

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Standard, speciali e refrigerati ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Per qualsiasi dettaglio sui nostri magazzini di nuova generazione

Dettagli

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009 E L'ESP2009 Alessandro Bicego Provincia di Bologna ARS2009 ed ESP2009 Attuazione ed aggiornamento Bologna 8 ottobre 2009 Mezzi d Opera I mezzi d Opera I mezzi d opera (art. 54, c.1, lett. n. del CDS) sono:

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 400 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 300 PTH 400 PTH 400

Dettagli

N 1 TITOLO. 34144430-1 (autospazzatrici) -IL CODICE IDENTIFICATIVO DEL LOTTO E : (CIG 29187168A1) Oggetto principale. Oggetti complementari.

N 1 TITOLO. 34144430-1 (autospazzatrici) -IL CODICE IDENTIFICATIVO DEL LOTTO E : (CIG 29187168A1) Oggetto principale. Oggetti complementari. LOTTO N 1 TITOLO BREVE DESCRIZIONE: n. 11 spazzatrici da 4 m 3 + (5 in opzione ). 34144430-1 (autospazzatrici) - LOTTO E : (CIG 29187168A1) Se noto, valore stimato, IVA esclusa (indicare solo in cifre)

Dettagli

Esse vengono definite "mezzi mobili" e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui.

Esse vengono definite mezzi mobili e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui. Mezzi di handling Tra le attrezzature che operano nel magazzino sono particolarmente importanti i mezzi che seguono il materiale (per lo meno con una parte) durante i suoi movimenti. Esse vengono definite

Dettagli

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152 pag. 1/49 Carro SITFA tipo 152 SOMMARIO Nel presente documento sono riportate le istruzioni per l utilizzo e le avvertenze per la sicurezza del carro SITFA tipo 152: 1.0 Informazioni generali pag. 2 2.0

Dettagli

LA VIA DELLE RINFUSE

LA VIA DELLE RINFUSE LA VIA DELLE RINFUSE Il nuovo impianto di movimentazione del carbone della Terminal Rinfuse Genova, operativo dal novembre scorso, insieme con quelli di scarico del carbone e di carico dei clincher realizzati

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Progetto DICIOTTO - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri

Progetto DICIOTTO - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri - Piano per la sperimentazione di complessi veicolari da 18 metri Pagina 1 di 13 INDICE 1. Introduzione 2 1.1. Premessa 2 2. Descrizione della Sperimentazione 4 2.1. Obiettivo 4 2.2. Soggetti Coinvolti

Dettagli