REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO"

Transcript

1 ANCONA ANNO XLIV N. 10 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE ZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE Deliberazione n. 55 del 28/01/2013 Approvazione del protocollo di intesa tra Regione Marche e Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza ai fini del coordinamento dei controlli e dello scambio di informazioni in materia di finanziamenti a valere sui Fondi comunitari pag Deliberazione n. 56 del 28/01/2013 D.A. n. 114/2009, piano forestale regionale, azione chiave 4. L.R. n. 6/2005, legge forestale regionale, art. 16 L.R. n. 45/2012, Tabella C. Contributo straordinario alla Comunità montana ambito 4 per il Piano di assestamento forestale della Riserva naturale regionale del Monte San Vicino e Canfaito nel demanio forestale regionale. Modalità di concessione del contributo straordinario previsto dal POA 2013 (DGR n. 1787/2012).....pag Deliberazione n. 57 del 28/01/2013 Reg. CE 1234/2007 e Reg. CE 555/2008 e loro ss.mm.ii. - Decreto MIPAAF n. 1831/2011 e succ. mod. e int. -Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo. Modifiche alla DGR Marche n del 26/11/2012 concernente le disposizioni attuative regionali in ordine alla misura investimenti. Campagna 2012/ pag Deliberazione n. 58 del 28/01/2013 Designazione di rappresentante regionale in seno a commissione di esame per il conseguimento dell'"attestato di operatore sociosanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria" di cui alla DGR n. 424/2005 e s.m.i. - ASUR - Area Vasta n. 3 - Macerata pag Deliberazione n. 59 del 28/01/2013 Designazione rappresentanti regionali in seno alle commissioni di esami per il conseguimento dell'attestato di qualifica di "Operatore Socio-Sanitario" - Province di - Ancona - Ascoli Piceno e Pesaro- Urbino pag Deliberazione n. 60 del 28/01/2013 Programma Specifico: Social Experimentations Progress inerente ad "Attivare e guidare l'interazione della popolazione anziana attraverso i social media" - acronimo: AGES Partner coordinatore: ARS pag Il Bollettino della Regione Marche si pubblica in Ancona e di norma esce una volta alla settimana, il giovedì. La Direzione e la Redazione sono presso la Regione Marche Segreteria della Giunta regionale - Via Gentile da Fabriano - Ancona - Tel. (071) 8061 POSTE ITALIANE S.p.A. SPEDIZIONE IN A.P. 70% DCB POTENZA

2 Deliberazione n. 61 del 28/01/2013 Recepimento intesa n. 226/CSR del 22/11/2012 sulla proposta del Ministro della salute - "Proposta di deliberazione CIPE per l'approvazione del progetto interregionale "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale" a valere sulla quota delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale per l'anno 2011 ai sensi dell'articolo 1, comma 34-bis, della Legge 23 dicembre 1996, n. 662 e successive modificazioni" -Approvazione del piano di monitoraggio regionale.....pag Deliberazione n. 62 del 28/01/2013 Designazione rappresentanti regionali in seno a commissione di esami per il conseguimento dell'attestato di qualifica di "Operatore Socio-Sanitario" - Provincia di Macerata pag Deliberazione n. 63 del 28/01/2013 Piano d'azione nazionale per la conservazione del Lupo. DGR n. 563/2008. Approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Marche, le Province, le Aree naturali protette e il CFS- Comando regionale Marche per l'attuazione del Programma di conservazione del Lupo e la riduzione dei conflitti con le attività socio-economiche nel territorio delle Marche pag Deliberazione n. 76 del 28/01/2013 Autorizzazione missione estera a Tel Aviv dell'assessore Pietro Marcolini dal 5 al 10 febbraio pag Deliberazione n. 77 del 28/01/2013 Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche. Ricorso notificato in data 2/01/ Prot. reg.le n in materia di concessione di derivazione di acqua ad uso idroelettrico. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv.ti Pasquale De Bellis, Sergio e Andrea Del Vecchio pag Deliberazione n. 78 del 28/01/2013 Consiglio di Stato. Ricorso in appello notificato in data 17/01/2013 avverso la sentenza del T.A.R. Marche n. 391/2012 resa sul ricorso R.G. n. 904/2010. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv.ti Lucilla Di Ianni e Michele Romano pag Deliberazione n. 79 del 28/01/2013 Consiglio di Stato. Ricorso notificato in data 21/01/ prot. reg.le n avverso l'ordinanza del T.A.R. Marche n. 573/12 emessa sul ricorso R.G. n. 755/2012. Affidamento incarico Avv.ti Paolo Costanzi e Michele Romano pag Deliberazione n. 80 del 28/01/2013 Tribunale di Ancona - Sez. Lavoro. Ricorso R.G. n. 2042/2012 notificato in data 15/01/ Pagamento somme corrispondenti alla I.I.S. sull'indennizzo previsto dalla legge n. 210/1992. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Laura Simoncini pag Deliberazione n. 81 del 28/01/2013 T.A.R. Marche. Ricorso R.G. n. 871/2012 notificato in data 7/12/ Prot. n Ridefinizione di alcune strutture dirigenziali della Giunta e provvedimenti conseguenti. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Paolo Costanzi pag Deliberazione n. 82 del 28/01/ T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 21/01/ Prot. n in materia di conferimento incarico di responsabilità di Posizioni Organizzative. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Paolo Costanzi pag Deliberazione n. 83 del 28/01/2013 T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 15/01/2013. Inammissibilità parziale della domanda di aiuto ex bando Mis PSR Marche 2007/2013. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Lucilla Di Ianni pag

3 Deliberazione n. 84 del 28/01/2013 Corte di Appello di Ancona. Atto di citazione in appello avverso la sentenza del Tribunale di Urbino n. 354/ rilascio di beni immobili di proprietà della Regione Marche. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Marco Maria Fesce pag Deliberazione n. 85 del 28/01/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. Azienda Ospedaliera "Ospedali Riuniti Marche Nord". Determina del direttore generale n. 875 del , rinnovo della "Convenzione Consip 5 Manutenzione. Centrali Telefoniche" attivata da CON- SIP Spa con la ditta Fastweb S.p.A.. Scadenza 15/03/2015. Approvazione pag Deliberazione n. 86 del 28/01/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. Area Vasta 1. Determina n del 3/12/2012 adottata dal Direttore di Area Vasta 1, concernente: "Convenzione per tirocinio e formazione con "Alma Mater Studiorum", Università di Bologna, per Master Universitario di I livello in Cure Palliative e Terapia del Dolore". Approvazione pag Deliberazione n. 87 del 28/01/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. ASUR. Determina del direttore generale n. 973 del , concernente: Modifica della dotazione organica dell'area Vasta Territoriale n. 2 - ex Zona Territoriale n. 5 di Jesi. Approvazione pag Deliberazione n. 88 del 28/01/2013 Controllo Atti. L. n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. ASUR. Determina del direttore generale n. 943 del , concernente recepimento accordi per l'anno 2012 con le strutture accreditate di riabilitazione per l'erogazione di prestazioni sanitarie, in nome e per conto del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione...pag Deliberazione n. 89 del 28/01/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. Determine del direttore generale dell'asur n. 579 del , concernente "Protocollo d'intesa per la regolamentazione dei rapporti e l'acquisto prestazioni, anno 2011, con la RSA "Abitare I1 Tempo" di Loreto", e n. 944 del "Chiarimenti". Approvazione pag Deliberazione n. 90 del 28/01/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art, comma 8. L.R. n. 26/96, art. 28. Determina del direttore generale ASUR n.932 dell' 11/12/2012, concernente "Determina n. 635/ASURDG del 31/07/2012. Chiarimenti, elementi integrativi di giudizio e rettifica." Approvazione....pag Deliberazione n. 91 del 04/02/2013 Approvazione schema di Protocollo d'intesa tra Regione Marche, Slow Food Marche e ASSAM per l'attuazione di un programma di attività volto a consolidare, sviluppare e valorizzare le politiche agricole di qualità e promuovere la cultura e la sicurezza alimentare nella Regione Marche pag Deliberazione n. 92 del 04/02/2013 Modifica al Manuale di gestione del PAR FAS , approvato con deliberazione della Giunta regionale del 1 agosto 2012, n pag Deliberazione n. 93 del 04/02/2013 Adesione al Programma Comunitario Progress - Bando per proposte sulla sperimentazione di Politiche Sociali -Codice: VP/2012/ pag Deliberazione n. 94 del 04/02/2013 DGR n del 3/09/ Attuazione dei progetti e delle azioni di innovazione didattica negli Istituti scolastici marchigiani pag Deliberazione n. 106 del 04/02/2013 D.G.R del : "Modifica e integrazione D.G.R. 1823

4 1837/2009. Contratto per i servizi ferroviari regionali 2009/2014". Modifica allegato "A" pag Deliberazione n. 108 del 04/02/2013 Tribunale di Camerino. Atto di citazione notificato in data 23/11/2012 prot. reg.le n in materia di eventi sismici Settembre richiesta di restituzione somme. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv.ti Paolo Costanzi e Stefano Paciaroni pag Deliberazione n. 109 del 04/02/2013 Consiglio di Stato. Ricorso in appello notificato in data 21/01/ Prot. reg.le n avverso la sentenza del T.A.R. Marche n. 387/2012 resa sul ricorso R.G. n. 463/2009. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv.ti Lucilla Di Ianni e Michele Romano pag Deliberazione n. 110 del 04/02/2013 Parziale modifica della D.G.R. n. 36 del 21/01/2013 -Ricorso R.G. n. 1519/ Affidamento incarico di rappresentanza e difesa della Regione Marche all'avv. Laura Simoncini pag Deliberazione n. 111 del 04/02/2013 T.A.R. Lazio. Ricorso in riassunzione, notificato in data 4/01/ R.U. reg.le n , del procedimento n. 191/09, già pendente presso il T.A.R. Marche in materia di risarcimento danni in seguito all'evento alluvionale del Settembre Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv.ti Paolo Costanzi e Michele Romano pag Deliberazione n. 112 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 16/01/2013 Prot. n del 22/01/2013. Bando per la procedura aperta di "Acquisizione di beni e servizi relativamente al sistema informativo sanitario e socio-sanitario della Regione Marche". Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Laura Simoncini pag Deliberazione n. 113 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 20/12/2012 R.G. n. 3/2013. Riordino delle Province della Regione Marche. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Paolo Costanzi pag Deliberazione n. 114 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 30/11/2012 R.G. n. 830/2012. Riordino delle Province della Regione Marche. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Paolo Costanzi......pag Deliberazione n. 115 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso notificato in data 24/01/2013 -Prot. reg.le n Autorizzazione alla realizzazione di impianto di produzione di energia elettrica da biogas. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Pasquale De Bellis..pag Deliberazione n. 116 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso R.G. n. 508/2012 notificato in data 5/07/2012 integrato con il ricorso per motivi aggiunti del 25/01/2013. Bando di concorso straordinario, per soli titoli, per l'assegnazione di n. 62 sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Marche. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Laura Simoncini pag Deliberazione n. 117 del 04/02/2013 T.A.R. Marche. Ricorso R.G. n. 466/2012 notificato in data 25/06/2012 integrato con il ricorso per motivi aggiunti del 25/01/2013. Bando di concorso straordinario, per soli titoli, per l'assegnazione di n. 62 sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Marche. Costituzione in giudizio. Affidamento incarico Avv. Laura Simoncini pag Deliberazione n. 118 del 04/02/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art 28. Determine del Direttore Generale dell'asur n. 580 del , 1824

5 concernente "Convenzione tra l'area Vasta n. 2 Sede operativa di Ancona, i Comuni della Sede operativa di Ancona e Coop. Soc. ONLUS "Papa Giovanni XXIII" per la gestione della Co.S.E.R. per disabili "Don Paolo Paolucci" di Ancona. Periodo ", e n. 974 del "Chiarimenti". Approvazione pag Deliberazione n. 119 del 04/02/2013 Controllo Atti. Legge n. 412/91, art. 4, comma 8. L.R. n. 26/96, art 28. Determina del direttore generale dell'asur n. 49 del , concernente "Convenzione con la RSA "Montefeltro" di Urbino per l'erogazione delle prestazioni di assistenza residenziale per il periodo 1 gennaio dicembre 2013". Approvazione pag

6

7 ATTI DELLA REGIONE ZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE Deliberazione n. 55 del 28/01/2013 Approvazione del protocollo di intesa tra Regione Marche e Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza ai fini del coordinamento dei controlli e dello scambio di informazioni in materia di finanziamenti a valere sui Fondi comunitari. - di approvare lo schema di protocollo di intesa tra la Regione Marche e il Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza ai fini del coordinamento dei controlli e dello scambio di informazioni in materia di finanziamenti a valere sui Fondi comunitari che si riporta in allegato come parte integrante e sostanziale del presente atto; - alla sottoscrizione di detto protocollo di intesa, che sostituisce il documento stipulato tra i suindicati organismi in data 01/12/2006, provvede il Presidente della Giunta regionale o persona da lui delegata. ALLEGATO PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE MARCHE E COMANDO REGIONALE MARCHE GUARDIA DI FINANZA AI FINI DEL COORDINAMENTO DEI CON- TROLLI E DELLO SCAMBIO DI INFORMA- ZIONI IN MATERIA DI FINANZIAMENTI DEI FONDI COMUNITARI la Regione Marche, in persona del Presidente Dott. Gian Mario Spacca, il Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza, in persona del Comandante Regionale, Gen. B. Giovanni Mainolfi: PREMESSO CHE - in data 08 ottobre 2002 è stato sottoscritto, tra la Regione Marche e il Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza, un apposito Protocollo d'intesa, successivamente integrato in data 01 dicembre 2006; - è intendimento condiviso proseguire ed intensificare il fattivo rapporto di collaborazione al fine di: migliorare l'efficacia complessiva dei controlli in materia di finanziamenti delle politiche strutturali agricole e di coesione dell'unione Europea; agevolare il recupero delle somme indebitamente corrisposte in seguito ad abusi o negligenze nell'ambito del finanziamento delle politiche strutturali (Regolamento CE n. 1828/2006) e del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEARS) Reg. CE 1698/2005; assolvere l'obbligo, in capo ad ogni Stato membro dell'unione Europea, d'immediata comunicazione alla Commissione delle irregolarità accertate (Reg. CE n. 1828/2006); Vista la legge 23 aprile 1959, n. 189 di ordinamento della Guardia di Finanza, che riconosce al Corpo compiti di vigilanza, nei limiti stabiliti dalle singole leggi, sull'osservanza delle disposizioni di interesse politico-economico; Visto il Decreto Legislativo 19 marzo 2001, n. 68, che attribuisce alla Guardia di Finanza la competenza generale in materia economica e finanziaria a tutela del bilancio pubblico delle regioni, degli enti locali e dell'unione europea, demandando al Corpo compiti di prevenzione, ricerca e repressione delle violazioni, tra l'altro, in materia di uscite del bilancio dell'unione europea, di risorse e mezzi finanziari pubblici impiegati a fronte di uscite del bilancio pubblico nonché di programmi pubblici di spesa e di ogni altro interesse economico-finanziario nazionale o dell'unione Europea; Visto il Regolamento (EURATOM/CE) n. 2988/1995 in data 18 dicembre 1995 relativo alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità; Vista la Legge 21 dicembre 1999, n. 526 e la Legge 3 febbraio 2003 n. 14, recanti disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia alle comunità europee; Visto il Regolamento (EURATOM/CE) n. 2185/1996 in data 11 novembre 1996 relativo ai controlli ed alle verifiche sul posto effettuati dalla Commissione ai fini della tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee contro le frodi e altre irregolarità; Visto il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consi- 1827

8 glio in data 20 settembre 2005, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); Visto il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione in data 15 dicembre 2006 recante disposizioni di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 in data Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); Visto il Regolamento (UE) n. 65/2001 della Commissione in data 27 gennaio 2011 che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio per quanto riguarda l'attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le misure di sostegno dello sviluppo rurale; Visti i Regolamenti (CE) n. 1083/2006 in data 11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (F.E.S.R.), sul Fondo Sociale Europeo (F.S.E.) e sul Fondo di Coesione, e nn. 1080/2006, 1081/2006 e 1084/2006 che ne stabiliscono le rispettive discipline; Visto il Regolamento (CE) n. 1828/2006 in data 8 dicembre 2006, che stabilisce le modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006; Visto il Regolamento (CE) n. 1198/2006 del Consiglio del 27 luglio 2006, relativo al Fondo Europeo per la Pesca (FEP) che definisce il quadro degli interventi di sostegno della Comunità a favore dello sviluppo sostenibile del settore della pesca, delle zone di pesca e della pesca nelle acque interne; nonché il Regolamento (CE) n. 498/2007 della Commissione del 26 marzo 2007 che ne stabilisce le modalità di applicazione; Vista la Circolare Interministeriale di indirizzo in data 12 ottobre 2007, pubblicata in Gazzetta Ufficiale Serie Generale, n. 240 in data 15 ottobre 2007, recante le modalità di comunicazione alla Commissione Europea delle irregolarità e frodi a danno del bilancio comunitario; Vista la Circolare n in data 30 dicembre 2006 del Comando Generale della Guardia di Finanza, che individua quali nuovi referenti locali per l'attuazione dei protocolli d'intesa in materia di fondi strutturali, siglati tra i Comandi Regionali del Corpo e le Regioni, i Comandanti Provinciali; Vista la direttiva 95/46/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio in data 24 ottobre 1995, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati; Vista la direttiva 2002/58/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio in data 12 luglio 2002, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche; Visto il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali; Considerato, in particolare, che: - gli artt. 2, paragrafo 1, e 8, paragrafo 2, del Regolamento (EURATOM/CE) n. 2988/95 in data 18 dicembre 1995, dispongono che i controlli devono avere carattere effettivo, proporzionato e dissuasivo e devono essere adeguati alle specificità di ciascun settore, tenendo conto delle prassi e delle strutture esistenti negli Stati membri; - alla luce delle modifiche legislative e regolamentari intervenute e delle procedure telematiche nel frattempo adottate, è volontà comune procedere all'aggiornamento e all'integrazione del citato Protocollo d'intesa da ultimo rinnovato in data 01 dicembre 2006, adeguandolo nel contenuto ed estendendone la portata a tutte le diverse misure del P.O.R. e del P.S.R. attualmente in essere e a quelli di futura realizzazione, SI CONVIENE QUANTO SEGUE: art. 1 (Oggetto) Il presente protocollo d'intesa regola le attività di collaborazione tra la Guardia di Finanza e la Regione Marche, nel rispetto delle competenze istituzionali assegnate dall'ordinamento vigente, al fine di migliorare l'efficacia complessiva dei controlli in materia di finanziamenti ai fondi comunitari (FESR, FSE, FEASR, FEP) e di coesione dell'unione Europea. art. 2 (Linee programmatiche) 1. La Guardia di Finanza, coerentemente con gli obiettivi indicati in premessa, svilupperà l'attività di collaborazione, principalmente, utilizzando le risultanze del sistema informativo, che, attraverso l'analisi e l'incrocio dei dati in possesso delle due Amministrazioni, rafforza il sistema di monitoraggio, sorveglianza e controllo dei Programmi attualmente in essere e di quelli di futura realizzazione, migliorandone l'efficacia e l'efficienza. 2. La Regione Marche s'impegna a garantire il pieno accesso alle banche-dati dei beneficiari dei finanziamenti comunitari, nella versione più aggiornata, comunicandone, di volta in volta, eventuali ampliamenti e migliorie, fornendo, inoltre, ogni possibile ausilio tecnico in caso di difficoltà nella connessione o nella fruibilità dei dati. 3. La Guardia di Finanza potrà formulare, attraverso il Comando Regionale Marche, eventuali proposte di implementazione del sistema di ricerca 1828

9 ed acquisizione delle informazioni contenute nelle predette banche-dati, anche su proposta dei dipendenti Comandi Provinciali. La Regione Marche si impegna a valutarne la fattibilità, compatibilmente con le proprie risorse tecniche ed esigenze organizzative. 4. La Regione Marche, ai sensi delle norme vigenti, rende disponibili gli atti e le notizie inerenti alla concessione dei finanziamenti ed all'attuazione dei progetti cofinanziati con le risorse tratte dalle diverse Misure dei P.O.R. e del PSR e del P.O. FEP (DGR 906/08 e s.m.i.) attualmente in essere e di quelli di futura realizzazione. 5. La Regione Marche, al fine di evitare la sovrapposizione e/o reiterazione dei controlli sugli stessi soggetti, s'impegna a trasmettere l'elenco dei beneficiari dei cofinanziamenti soggetti ai controlli previsti dalle vigenti disposizioni nazionali e comunitarie, individuati a seguito del campionamento effettuato sui progetti delle programmazioni attualmente in essere e di quelle di futura realizzazione. 6. La Regione Marche provvede a segnalare i fatti che possono configurarsi come violazioni tributarie, rilevati a causa o nell'esercizio delle proprie funzioni di vigilanza e controllo, al Comando Provinciale della Guardia di Finanza territorialmente competente i cui recapiti e referenti saranno comunicati e periodicamente aggiornati a cura del Comando Regionale Marche della Guardia di Finanza fornendo l'eventuale documentazione atta a comprovare tali fatti, ai sensi dell'art. 36, ultimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 e dell'art. 2, ultimo comma, del decreto legislativo 19 marzo 2001 n La Guardia di Finanza, per evitare la sovrapposizione di controlli presso gli stessi soggetti, s'impegna a comunicare tempestivamente l'avvio di accessi, ispezioni e verifiche nei confronti di soggetti beneficiari di cofinanziamenti gestiti dalla Regione Marche, eseguiti ai sensi e per gli effetti dell'art. 30 della Legge 21 dicembre 1999, n. 526 e del Decreto Legislativo 30 giugno 2001, n La Guardia di Finanza, nel caso in cui rilevi fattispecie penalmente rilevanti nel corso dei controlli di cui al precedente punto 7, s'impegna, previo nulla osta dell'autorità Giudiziaria, a comunicare alla Regione Marche le generalità delle persone fisiche e giuridiche coinvolte ai fini dell'avvio delle procedure di recupero dei finanziamenti indebiti e/o di definizione di eventuali provvedimenti sanzionatori di tipo amministrativo. 9. La Guardia di Finanza, qualora accerti violazioni di natura amministrativa, s'impegna a darne comunicazione alla Regione Marche indicando anche le disposizioni violate, la natura e l'entità della spesa, il momento o il periodo in cui è stata commessa l'irregolarità, le modalità di perpetrazione dell'infrazione, la possibilità di recupero, la data in cui è stata accertata la violazione, l'identità delle persone fisiche e giuridiche implicate. 10. La Guardia di Finanza, qualora rilevi violazioni di natura amministrativa o fattispecie penalmente rilevanti che comportino l'applicazione del Regolamento CE n n s'impegna a comunicare alla Regione Marche, previo nulla osta dell'autorità Giudiziaria, limitatamente alle fattispecie penali, l'avvenuta segnalazione agli organismi competenti ed a trasmettere la relativa documentazione, al fine di consentire all'amministrazione regionale di dar corso agli adempimenti successivi nei confronti dell'o- LAF. 11. Le parti s'impegnano, nel rispetto delle reciproche attribuzioni, ad intrattenere un rapporto di puntuale e fattiva collaborazione, tale da evitare duplicazioni ed appesantimenti nell'attività di controllo; in particolare, la Regione Marche può richiedere alla Guardia di Finanza di sviluppare gli accertamenti e le investigazioni tipiche di polizia economica e finanziaria a tutela del bilancio dello Stato e dell'unione Europea, nei casi in cui dai controlli finanziari emergano profili indicativi di possibili collegamenti con fenomeni di rilevanza penale. art. 3 (Criteri di attuazione) 1. Per la Regione Marche, il referente è da individuarsi nel Dirigente responsabile della struttura interessata. Il referente regionale garantisce l'accesso e coordina tutte le attività connesse all'attuazione del presente protocollo. In caso di organismi intermedi il referente è individuato nel dirigente della struttura interessata nell'ambito dello stesso organismo. 2. Per la Guardia di Finanza, i referenti sono da individuarsi: - per l'attuazione, nei Comandanti Provinciali di Ancona, Ascoli Piceno, Macerata e Pesaro, in ragione del domicilio fiscale dei soggetti richiedenti/beneficiari dei finanziamenti; - per eventuali problematiche applicative, anche di natura tecnica, nel Comando Regionale Marche - Ufficio Operazioni. 3. I recapiti ed i nominativi dei referenti saranno comunicati e periodicamente aggiornati a cura delle Parti. 1829

10 art. 4 (Azioni comuni) 1. La Guardia di Finanza e la Regione Marche, attraverso i propri referenti, potranno di concerto definire ed attuare, nell'esercizio e nel rispetto delle diverse competenze, azioni comuni finalizzate al contrasto delle irregolarità in materia di fondi comunitari, nonché forme particolari di collaborazione operativa che, nell'ambito delle rispettive attività istituzionali, consentano di massimizzare l'efficacia di intervento, nel settore, di entrambe le Amministrazioni. 2. Per la definizione delle suddette azioni comuni, per il coordinamento ed il controllo delle stesse, ogniqualvolta si renda necessario, potranno essere organizzati incontri tra i referenti competenti ed interessati, previe intese dirette organizzative e di dettaglio. art. 5 (Tutela della riservatezza) Le parti sono tenute ad osservare il riserbo nei confronti di qualsiasi persona non autorizzata, per quanto riguarda fatti, informazioni, cognizioni, documenti od oggetti di cui fossero venuti a conoscenza o che gli fossero stati comunicati in virtù del presente protocollo d'intesa ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003. Tale impegno cesserà solo nel caso in cui fatti, informazioni, documenti od oggetti siano o divengano di pubblico dominio. Tutti i documenti e le informazioni che le parti metteranno a disposizione nell'ambito dell'attuazione dell'accordo dovranno essere considerati rigorosamente riservati e le parti non potranno in alcun modo cedere a terzi non autorizzati i suddetti documenti e/o informazioni. art. 6 (Profili didattici e formativi) 1. La Guardia di Finanza e la Regione Marche sviluppano, nell'ambito dei rispettivi programmi annuali del fabbisogno formativo, ogni utile iniziativa diretta alla formazione ed alla specializzazione del personale impiegato nell'attività ispettiva di competenza, per favorire lo scambio di esperienze maturate nei vari settori dei fondi strutturali e del PSR. 2. Per la Guardia di Finanza il referente è da individuarsi nel Comandante del Centro di Addestramento di Ancona. art. 7 (Aspetti amministrativi e logistici) La Regione Marche si impegna a valutare favorevolmente, compatibilmente con le risorse disponibili, l'eventuale finanziamento di progetti specifici finalizzati al potenziamento delle strutture operative e delle dotazioni tecnologiche, a supporto dell'attività della Guardia di Finanza nel settore oggetto della presente intesa. art. 8 (Integrazioni e modifiche) Il presente protocollo potrà essere integrato e modificato di comune accordo fra le parti firmatarie, alla luce di nuove disposizioni normative o di ulteriori aspetti che potranno emergere nel corso della collaborazione nonché dell'esigenza di meglio definire o precisare strumenti e modalità della collaborazione stessa. art. 9 (Rapporti con gli organi di informazione) I rapporti con gli organi di informazione, in ordine all'attività di collaborazione disciplinata dal presente protocollo, saranno curati di comune accordo in modo da assicurare la piena valorizzazione delle scelte operate. art. 10 (Periodo di validità) 1. Il presente protocollo di intesa ha la durata di 5 (cinque) anni a decorrere dalla data di sottoscrizione e si rinnova tacitamente, salvo recesso di una delle parti. 2. Le parti possono esercitare le facoltà di recesso unilaterale in ogni momento, previa comunicazione formale alle controparti. Il recesso ha efficacia decorsi 90 giorni dalla notificazione della comunicazione stessa. Ancona, sede della Regione Marche per la Guardia di Finanza per la Regione Marche Il Comandante Regionale Marche (Gen. B. Giovanni Mainolfi) per la Regione Marche Il Presidente (Dott. Gian Mario Spacca) Deliberazione n. 56 del 28/01/2013 D.A. n. 114/2009, piano forestale regionale, azione chiave 4. L.R. n. 6/2005, legge forestale regionale, art. 16 L.R. n. 45/2012, Tabella C. Contributo straordinario alla Comunità montana ambito 4 per il Piano di assestamento forestale della Riserva naturale regionale del Monte San Vicino e Canfaito nel demanio forestale regionale. Modalità di concessione del contributo straordinario previsto dal POA 2013 (DGR n. 1787/2012). 1830

11 1. di concedere il contributo straordinario di importo pari a ,00 euro previsto dalla legge finanziaria regionale e dal POA anno 2013 a favore della Comunità montana Alte Valli del Potenza e dell'esino, ambito 4, avente sede in Viale Mazzini 29/b, S. Severino Marche (MC) - C.F ; 2. di autorizzare il dirigente della P.F. Forestazione a liquidare alla Comunità montana ambito 4, a titolo di anticipazione, l'ottanta per cento del contributo straordinario, ed a stabilire le modalità della rendicontazione per l'erogazione del saldo; 3. che la copertura finanziaria dell'onere derivante dalla presente deliberazione, intesa come disponibilità, fa carico sul seguente capitolo del bilancio di previsione per l'anno 2013: - cap , UPB 31001, ,00, fondi regionali; 4. di comunicare il presente atto al Presidente della Comunità montana ambito 4. Deliberazione n. 57 del 28/01/2013 CE 1234/2007 e Reg. CE 555/2008 e loro ss.mm.ii. - Decreto MIPAAF n. 1831/2 11 e succ. mod. e int. - Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo. Modifiche alla DGR Marche n del 26/11/2012 concernente le disposizioni attuative regionali in ordine alla misura investimenti. Campagna 2012/ di modificare la DGR Marche n del 26/11/2012 concernente le disposizioni attuative regionali della misura investimenti per la campagna 2012/2013, individuando quale nuovo termine di presentazione delle domande di aiuto su portale SIAN il 04 febbraio 2013; - di sostituire il paragrafo 12 dell'allegato A alla DGR Marche n. 1629/2012, relativo alle varianti, con il seguente: "12. Varianti E' ammessa la possibilità di presentare richieste di varianti ai progetti di investimento di durata annuale"; - di modificare il termine di esecuzione dei lavori e di presentazione delle domande di pagamento, fissato al paragrafo 13 dell'allegato A alla DGR Marche n. 1629/2012, individuando quale nuovo termine il 31 luglio 2013; - di confermare le restanti disposizioni approvate con DGR Marche n. 1629/2012; - di trasmettere copia della presente deliberazione al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, ad Agea Area Coordinamento e ad Organismo Pagatore Agea (OP Agea), ciascuno per quanto di propria competenza, in applicazione dell'articolo 2 commi 6-7-8, del decreto MIPAAF n. 1831/2011; - di dare massima diffusione del presente atto mediante pubblicazione sul sito internet del servizio Agricoltura, forestazione e pesca e mediante trasmissione alle Organizzazioni regionali di settore e ai Centri di Assistenza Agricola operanti sul territorio regionale. Deliberazione n. 58 del 28/01/2013 Designazione di rappresentante regionale in seno a commissione di esame per il conseguimento Dell'Attestato di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria" di cui alla DGR n. 424/2005 e s.m.i. - ASUR - Area Vasta n. 3 - Macerata. - di designare la Dott.ssa Ivana Paolini, in qualità di esperta, in seno alla commissione per gli esami finali per il conseguimento dell'attestato di Operatore Socio-Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, che avranno luogo presso le strutture dell'asur Area vasta n. 3 Macerata. - di stabilire altresì che, in caso di motivato impedimento a partecipare ai lavori della suddetta commissione di esami, da parte del rappresentante sopra designato, il Direttore dell'agenzia Regionale Sanitaria è autorizzato a procedere alla sostituzione dello stesso, con proprio decreto. Deliberazione n. 59 del 28/01/2013 Designazione rappresentanti regionali in seno 1831

12 alle commissioni di esami per il conseguimento dell'attestato di qualifica di "Operatore Socio-Sanitario" - Province di - Ancona - Ascoli Piceno e Pesaro-Urbino. - di designare, in qualità di esperti in seno alle commissioni per gli esami finali dei corsi per il conseguimento dell'attestato di qualifica di "Operatore Socio-Sanitario", i rappresentanti regionali di seguito indicati in relazione alle rispettive date e sedi di esami: 1832

13 Deliberazione n. 60 del 28/01/2013 Programma Specifico: Social Experimentations Progress inerente ad "Attivare e guidare l'interazione della popolazione anziana attraverso i social media" - acronimo: AGES Partner coordinatore: ARS. di autorizzare l'agenzia Regionale Sanitaria (ARS) a partecipare al progetto dell'eu "Attivare e Guidare l'interazione della popolazione anziana attraverso i social media -(Activating and Guiding the Engagement of Seniors through social media) acronimo: AGES 2.0", in qualità di Partner Coordinatore; di incaricare la Dirigente della P.F. Ricerca sanitaria, biomedica, Innovazione e Formazione di provvedere con atti successivi all'attuazione della presente delibera; Deliberazione n. 61 del 28/01/2013 Recepimento intesa n. 226/CSR del 22/11/2012 sulla proposta del Ministro della salute - "Proposta di deliberazione CIPE per l'approvazione del progetto interregionale "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale" a valere sulla quota delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale per l'anno 2011 ai sensi dell'articolo 1, comma 34-bis, della Legge 23 dicembre 1996, n. 662 e successive modificazioni" - Approvazione del piano di monitoraggio regionale. 1. di recepire l'intesa n.226/csr del 22/11/2012 sulla proposta del Ministro della salute di deliberazione CIPE per l'approvazione del progetto interregionale "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale" a valere sulla quota delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale per l'anno 2011, ai sensi dell'articolo 1, comma 34bis della legge 23 dicembre 1996, n.662 e successive modificazioni, così come in allegato 1 al presente provvedimento, che ne costituisce parte integrante e sostanziale. 2. di approvare il piano di monitoraggio regionale per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale, così come indicato in allegato 2 al presente provvedimento, che ne costituisce parte integrante e sostanziale. 3. dare mandato al Dirigente della P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare di inviare al Ministero della Salute - Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, il piano di cui al punto 2, ai fini della valutazione del medesimo per l'ammissione al finanziamento. ALLEGATO 1 Presidenza del Consiglo dei Ministri Intesa, ai sensi dell'articolo 115, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, sulla proposta del Ministro della salute di deliberazione del CIPE per l'assegnazione alle Regioni di risorse vincolate, ai sensi dell'articolo 1, comma 34, della legge 23 dicembre 1996, n, 662, per l'anno 2011, alla realizzazione degli obiettivi del Piano sanitario nazionale ed accantonate con deliberazione n. 16 del 20 gennaio 2012 del CIPE per il finanziamento di progetti regionali in materia di controlli sulla contaminazione da diossine. Rep. Atti n. 226/csr del 22/11/2012 LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Nella odierna seduta del 22 novembre 2012: VISTA la delega a presiedere l'odierna seduta conferita al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Prof. Giampaolo Vittorio D'Andrea; VISTA la legge 23 dicembre 1996, n. 662, la quale all'articolo 1, comma 34, prevede che il CIPE, su proposta del Ministro della sanità, d'intesa con questa Conferenza, può vincolare quote del Fondo sanitario nazionale alla realizzazione di specifici obiettivi del Piano sanitario nazionale; VISTO il successivo comma 34bis, aggiunto dall'ar- 1833

14 ticolo 33 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, come modificato dall'articolo 79, comma 1 quater, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (aggiunto dalla relativa legge di conversione 6 agosto 2008, n. 133), che prevede quanto segue: -Per il perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale indicati nel Piano sanitario nazionale le regioni elaborano specifici progetti sulla scorta di linee guida proposte dal Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali ed approvate con Accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano. La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, su proposta del Ministro della sanità, individua i progetti ammessi a finanziamento utilizzando le quote a tal fine vincolate del Fondo sanitario nazionale ai sensi del comma 34. La predetta modalità di ammissione al finanziamento è valida per le linee progettuali attuative del Piano sanitario nazionale fino all'anno A decorrere dall'anno 2009, il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), su proposta del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, provvede a ripartire tra le regioni le medesime quote vincolate all'atto dell'adozione della propria delibera di ripartizione delle somme spettanti alle regioni a titolo di finanziamento della quota indistinta di Fondo sanitario nazionale di parte corrente"; VISTO l'articolo 115, comma 1, lett. a), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 il quale dispone in via generale che il riparto delle risorse alle Regioni per il finanziamento del Servizio sanitario nazionale avvenga previa intesa con questa Conferenza; VISTA la deliberazione del CIPE n. 16 del 20 gennaio 2012, concernente la ripartizione tra le Regioni delle quote vincolate per il perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale nell'ambito del fondo sanitario nazionale 2011, la quale dispone che un importo pari a di euro è accantonato per il finanziamento di progetti regionali ed interregionali in materia di controlli sulla contaminazione da diossine da approvarsi successivamente in questa Conferenza, su proposta del Ministero della salute; CONSIDERATO che la predetta deliberazione del CIPE stabilisce, altresì, che i menzionati progetti saranno successivamente sottoposti all'esame finale del CIPE; VISTA la lettera in data 30 ottobre 2012 con la quale il Ministero della salute, ai fini dell'utilizzazione della predetta somma pari a di euro, ha trasmesso, per il perfezionamento dell'intesa in questa Conferenza, una proposta di deliberazione CIPE per il finanziamento di un progetto interregionale denominato "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale"; VISTA la lettera del 9 novembre 2012 con la quale la proposta di deliberazione CIPE di cui trattasi è stata diramata alle Regioni e Province autonome; VISTA la nota del 15 novembre 2012 con la quale la Regione Veneto, Coordinatrice della Commissione salute, ha comunicato l'avviso tecnico favorevole; ACQUISITO, nel corso dell'odierna seduta, l'assenso del Governo e dei Presidenti delle Regioni e Province autonome sulla proposta del Ministro della salute di deliberazione CIPE in esame, Allegato sub A, parte integrante del presente atto; SANCISCE INTESA sulla proposta di assegnazione delle risorse di cui in premessa, come da Allegato sub A, parte integrante del presente atto. ALLEGATO A IL SEGRETARIO Cons. Ermenegilda Siniscalchi IL PRESIDENTE Prof. Giampaolo Vittorio D Andrea Proposta di deliberazione CIPE per l'approvazione del progetto interregionale "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale" a valere sulla quota delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale per l'anno 2011, ai sensi dell'articolo 1, comma 34-bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 e successive modificazioni. Con l'intesa espressa dalla Conferenza Stato - Regioni nella seduta del 20 aprile 2011 (Rep. Atti n. 83/CSR) sulla proposta del Ministro della salute di deliberazione del CIPE relativa all'assegnazione alle Regioni delle risorse vincolate alla realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale per l'anno 2011, è stata destinata una ulteriore somma di due milioni di euro al finanziamento di progetti regionali in materia di controlli sulla contaminazione da diossine. 1834

15 Ai fini dell'utilizzazione della suddetta somma si propone un unico progetto interregionale, avente ad oggetto: "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale" per l'anno 2011 (di cui all'allegato II), in attuazione del quale le singole Regioni presentano specifici programmi. Con il suddetto progetto si intende realizzare un piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine nei prodotti di origine animale in aree che presentano fattori di rischio antropico che possono determinare una contaminazione chimica della catena alimentare nonché di monitorare la filiera ittica che rappresenta, per la sua posizione nella catena alimentare, un punto di accumulo dei contaminanti ambientali. Ai fini della determinazione del criterio di ripartizione delle somme da assegnare alle singole Regioni, la presente proposta fa riferimento alle aree individuate come Siti di Interesse Nazionale (SIN) da provvedimenti dei Ministro dell'ambiente della tutela del territorio e del mare, d'intesa con la Regione interessata, emanati ai sensi dell'articolo 252, commi 1 e 2 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, concernente norme in materia ambientale. La tabella di cui all'allegato I definisce per ciascuna Regione l'intero importo assegnato, evidenziando le quote del settantacinque e del venticinque per cento da erogarsi sulla base di quanto di seguito specificato. Direzione generale per l' igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione valuta i singoli programmi attuativi entro trenta giorni dal loro ricevimento, dando comunicazione dell'esito alla Direzione generale della programmazione sanitaria per i necessari adempimenti di competenza. L'approvazione dei programmi è demandata al Comitato per la verifica dei livelli essenziali di assistenza, istituito dall'articolo 9 dell'intesa Stato- Regioni del 23 marzo 2005 (Rep. Atti n. 2271/CSR) che vi provvede entro trenta giorni dal ricevimento dei programmi da parte della Direzione generale della programmazione sanitaria. Nel caso una o più Regioni non presenti nei termini stabiliti il programma attuativo o lo stesso non venga approvato, si provvederà a ripartire la relativa quota alle restanti Regioni, secondo i criteri di cui all'allegato I. Ai fini dell'erogazione del saldo residuo pari al venticinque per cento, le Regioni devono trasmettere alla Direzione generale per l' igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione una relazione consuntiva degli esiti del programma nonché provvedere all'inserimento dei dati dei controlli effettuati nel Portale del Sistema Informativo Veterinario (www.vetinfo.sanita.it) del Ministero della salute, utilizzando il sistema applicativo Sistema Informativo Nazionale Veterinario per la Sicurezza Alimentare (SINVSA). Sono individuate le modalità di accesso alle risorse di seguito riportate. Le Regioni sono tenute a presentare, entro sessanta giorni decorrenti dall'espressione dell'intesa della Conferenza Stato-Regioni sulla presente proposta, i programmi attuativi, approvati con delibera regionale, al Ministero della salute, Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione sulla base del suindicato progetto interregionale tenuto conto delle linee progettuali, di cui all'allegato II della presente proposta di delibera. Ciascun programma attuativo dovrà essere corredato di un prospetto che evidenzi: - gli obiettivi che si intendono conseguire; - il termine entro il quale tali obiettivi devono essere raggiunti: 31 dicembre 2013; - i costi connessi; - gli indicatori, preferibilmente numerici, ché consentano di misurare la validità dell'investimento proposto. Ai fini dell'ammissione al finanziamento e della relativa erogazione delle risorse a titolo di acconto per una somma pari al settantacinque per cento, la 1835

16 1836

17 ALLEGATO II PROGETTO INTERREGIONALE "PIANO DI MONITORAGGIO PER LA RICERCA DELLE DIOSSINE NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANI- MALE" Le diossine, i policlorobifenili (PCB) diossina-simili ed i PCB sono contaminanti organici persistenti nell'ambiente. Sono sostanze chimiche tossiche per l'uomo, per gli animali e per l'ambiente stesso. Il composto più tossico è la tetraclorodibenzo-p-diossina o TCDD. Dal 1997 l'agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato tale molecola in classe 1 come cancerogeno certo per l'uomo. Inoltre sono in grado di esercitare effetti negativi sul sistema nervoso, effetti tossici sul sistema immunitario ed endocrino ed alterare la funzione riproduttiva. Ad elevate concentrazioni, le diossine possono ritrovarsi anche nel latte materno. L'assorbimento per ingestione rappresenta la via di ingresso principale per l'uomo. Le diossine, infatti, si depositano e si accumulano nel suolo, passano nei vegetali e da qui negli animali da reddito e nelle produzioni derivate (carni, latte, uova). Anche l'ambiente marino e quello delle acque interne può rappresentare un'importante fonte di esposizione per l'uomo legata al consumo di prodotti ittici. Al pari di molti inquinanti ambientali, le diossine danno luogo a fenomeni di biomagnificazione nelle catene trofiche e di bioaccumulo negli animali e nell'uomo, fenomeno che in organi e tessuti ricchi di lipidi determina il raggiungimento di concentrazioni tossiche per l'organismo. Le diossine, quindi, rappresentano un importante problema di salute pubblica tanto che, nel 2001, è stata adottata una strategia comunitaria al fine di limitare o eliminare la loro emissione nell'ambiente e ridurre la presenza di diossine in alimenti e mangimi. Con il regolamento (CE) n. 1881/2006 della Commissione, del 19 dicembre 2006, sono stati definiti tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari e, nello specifico, delle diossine, PCB diossina simili e PCB, con l'obiettivo di mantenere tale tenori a livelli accettabili sul piano tossicologico ai fini della tutela della salute pubblica. Con la raccomandazione 2011/516/UE del 23 agosto 2011 sono stati introdotti i livelli d'azione (concentrazioni inferiori ai tenori massimi) che rappresentano uno strumento ad uso delle autorità competenti e degli operatori per evidenziare i casi in cui è necessario avviare indagini per individuare le fonti di contaminazione e prendere opportuni provvedimenti per la riduzione o eliminazione della sorgente. Inoltre viene chiesto agli Stati membri di eseguire specifici monitoraggi sulla presenza di diossine, PCB diossina-simili e PCB non diossina-simili nei mangimi e negli alimenti. I dati raccolti sono oggetto di valutazioni scientifiche da parte dell'autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), le cui conclusioni forniscono indispensabili elementi per un riesame dei limiti garantendo, in tal modo, standard di garanzia della sicurezza alimentare sempre più elevati e stringenti. Alcune aree del nostro territorio presentano fattori di rischio per la presenza di poli industriali, discariche ecc. che possono comportare evidenti risvolti sulla sicurezza chimica della catena alimentare. In Italia, ai sensi dell'articolo 252, comma I, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono stati censiti e delimitati, con appositi provvedimenti del Ministero dell'ambiente della tutela del territorio e del mare, di concerto con le Regioni interessate, n.57 Siti di Interesse Nazionale (SIN). Si è reso, pertanto, necessario predisporre un progetto interregionale per il monitoraggio sui contaminanti ambientali nel pescato nonché negli alimenti prodotti in prossimità dei SIN per valutarne la presenza negli alimenti di origine animale. Per l'attuazione di tale progetto ciascuna regione predispone programmi attuativi finalizzati alla ricerca delle diossine in cui siano: individuati gli obiettivi; i costi connessi; definiti gli indicatori, preferibilmente numerici, che consentano di misurare la validità dell'investimento proposto; individuati i SIN all'interno dei quali o nelle cui vicinanze sia programmato il prelievo di almeno 30 campioni sulle matrici individuate dal piano di monitoraggio SIN (latte ovino, uova, mitili o vongole); identificati eventualmente, oltre ai SIN, anche altre zone prospicienti aree potenzialmente inquinate, per presenza di stabilimenti petrolchimici, acciaierie, cartiere, incendi e altro, individuando gli allevamenti e le matrici da controllare; programmato un monitoraggio delle specie che rappresentano la maggior parte del pescato nazionale; previsto l'utilizzo, per ciascuna delle matrici considerate, delle schede di campionamento scaricate dal SINVSA che riportano tutte le informazioni richieste dall'autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA); individuata l'azienda sanitaria locale (ASL) responsabile del prelievo e dell'inserimento delle informazioni presenti nel verbale nel sistema SINVSA; 1837

18 individuato l'istituto Zooprofilattico sperimentale (IZS) che effettuerà le analisi e che inserirà i dati analitici nel sistema SINVSA. ALLEGATO 2 Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale Gli ormai noti episodi legati alla contaminazione ambientale verificatisi in alcune aree del territorio nazionale hanno confermato la necessità di definire interventi a salvaguardia della salute umana, affrontando il tema della sicurezza alimentare derivante dagli alimenti di origine animale prodotti nelle aree con criticità ambientale. Ai sensi del decreto legislativo 14 aprile 2006, n.152 recante norme in materia ambientale, il Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in caso di pericoli, anche solo potenziali, per la salute umana e per l'ambiente ha facoltà di adottare, in applicazione del principio di precauzione di cui all'art.174, paragrafo 2, del Trattato CE, "misure di prevenzione necessarie, anche a carattere inibitorio di opere, lavoro o di attività antropiche". L'articolo 252, comma 1, del D. Lgs. 152/2006 definisce i Siti di Interesse Nazionale (SIN) come quei siti, ai fini della bonifica, individuabili in relazione a: caratteristiche del sito; quantità e pericolosità degli inquinanti presenti; rilievo dell'impatto sull'ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico, nonché di pregiudizio per i beni culturali ed ambientali. In tale contesto, per definire gli interventi di interesse nazionale da adottare il Ministero della Salute ritiene indispensabile rafforzare le misure a tutela dei consumatori partendo dalle informazioni di carattere ambientale con il coinvolgimento delle Regioni per gli aspetti di gestione sanitaria, dell'istituto Superiore di Sanità e degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali. In particolare, le conoscenze sui principali contaminanti presenti nei SIN forniscono, ad oggi, un quadro sufficientemente esaustivo sui pericoli esistenti e le fonti di contaminazione, ma non permettono ancora di quantificare il rischio sanitario legato al consumo di alimenti prodotti in prossimità dei siti stessi. L'interdizione di intere aree circostanti la fonte di inquinamento ad ogni tipo di coltivazione e uso agricolo, al pascolo, alla stabulazione di mitili e/o attività di acquacoltura di specie ittiche e il divieto di commercializzazione delle derrate alimentari prodotte in queste aree rappresenta, in alcuni casi, un intervento di tipo prudenziale e cautelativo, in assenza di un comprovato rischio per la salute pubblica. Pertanto, un approfondimento analitico sulla migrazione delle sostanze inquinanti nella catena alimentare, oltre a fornire uno strumento per la valutazione del rischio sanitario, allo scopo di garantire un elevato livello di protezione della salute, rappresenta un supporto alle Autorità competenti in materia ambientale e può scongiurare l'adozione di interventi non dettati da un reale rischio per la salute pubblica, ma che comportano un indubbio riflesso economico sulle produzioni agro-alimentari. Nella Regione Marche i SIN individuati sono rappresentati dal sito di Falconara Marittima (raffineria) e da quello del basso bacino del fiume Chienti. Nel periodo compreso tra la fine dell'anno 2011 e il 30 settembre 2012 entrambi i siti sono stati già sottoposti a valutazione secondo i piani predisposti ed emanati dalla P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare rispettivamente con le note prot del 18/11/2011 e del 05/07/2012 che hanno previsto l'esecuzione di 30 campioni di vongole per ciascun sito per la ricerca di metalli pesanti, idrocarburi policiclici aromatici, diossine e PCB diossina simili, PCB non diossina simili, pentaclorofenolo e nonilfenolo. Al momento sono disponibili i risultati parziali relativi a sei campioni che evidenziano risultati favorevoli per le diossine, i PCB, sia diossina simili che non diossina simili. Con l'approvazione dell'intesa Stato-Regioni n.226 del 22 novembre 2012 concernente "Intesa sulla proposta del Ministro della salute di deliberazione CIPE per l'assegnazione alle Regioni di risorse vincolate, ai sensi dell'articolo 1, comma 34 della legge 23 dicembre 1996, n.662, per l'anno 2011, alla realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale ed accantonate con deliberazione n.16 del 20 gennaio 2012 del CIPE per il finanziamento di progetti regionali in materia di controlli sulla contaminazione da diossine", è stata destinata una ulteriore somma di due milioni di euro al finanziamento di progetti regionali in materia di controlli sulla contaminazione da diossine. L'Intesa propone un unico progetto interregionale, avente ad oggetto: "Piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine negli alimenti di origine animale", in attuazione del quale ogni Regione presenta uno specifico programma. In particolare con il suddetto provvedimento si intende sia realizzare un piano di monitoraggio per la ricerca delle diossine, PCB, IPA e metalli pesanti nei prodotti di origine animale in aree che presentano fattori di rischio antropico che possono determi- 1838

19 nare una contaminazione chimica della catena alimentare, che monitorare la filiera ittica la quale rappresenta, per la sua posizione nella catena alimentare, un punto di accumulo dei contaminanti ambientali. L'Intesa prevede quindi la possibilità di monitorare, oltre ai SIN, altre zone prospicienti aree potenzialmente inquinate, per presenza di stabilimenti petrolchimici, acciaierie, cartiere, incendi e altro, individuando gli allevamenti e le matrici da controllare, e di monitorare le specie che rappresentano la maggior parte del pescato nazionale. Come detto sopra, la Regione Marche ha già monitorato i due SIN presenti nel territorio e pertanto si ritiene opportuno focalizzare l'attenzione su ulteriori aree potenzialmente inquinate. Tra queste l'impianto di incenerimento rifiuti del COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti) situato nel comune di Tolentino in località Piane di Chienti, può rappresentare una zona che risponde alle o caratteristiche richieste. I campioni di terreno prelevati, presso le aree di massima ricaduta dei fumi del termovalorizzatore, ed analizzati dall'arpam evidenziano valori di policlorobenzodiossine e policlorodobenzofurani ampiamente inferiori, con l'eccezione di un campione, alla concentrazione soglia di contaminazione prevista, così come per quanto riguarda i valori degli IPA e dei PCB. Considerato che a tutt'oggi non esistono dati riguardanti i livelli di contaminazione degli alimenti prodotti negli allevamenti presenti nella zona si ritiene importante eseguire un monitoraggio su tali alimenti. In questo caso le matrici oggetto del campionamento, vista la tipologia di allevamenti animali presenti nella zona saranno il latte ovi-caprino, quello bovino e le uova. Programmazione di un'attività di monitoraggio dell'area del COSMARI e delle specie ittiche secondo le indicazioni fornite dal Ministero della Salute, che preveda la ricerca di PCB, diossine e PCB diossina-simili, idrocarburi policiclici aromatici e metalli pesanti (Cadmio, Piombo e Mercurio). Obiettivi: Il programma regionale si propone di effettuare un'attività di monitoraggio degli alimenti di origine animale prodotti nelle aree a maggior impatto ambientale, già individuati come siti di interesse nazionale e/o aree potenzialmente inquinate nonché di concorrere all'attuazione del programma di monitoraggio delle specie ittiche che rappresentano la maggior parte del pescato nazionale. Scopo del monitoraggio è fornire i dati necessari per la valutazione dei livelli dei principali contaminanti negli alimenti di origine animale. La durata del Piano è dal 1 febbraio 2013 al 30 settembre 2013 (il tempo massimo per la rendicontazione al Ministero della Salute ai fini dell'erogazione del saldo è il 31 dicembre 2013). Costi e indicatori: Il costo dell'attività è di euro comprensivo delle analisi dei campioni previsti. Alla data del 31 maggio 2013 la percentuale dell'attività di campionamento e il relativo trasferimento dei dati dei controlli effettuati nel Portale del sistema Informativo Veterinario del Ministero della Salute dovrà essere pari al 60% dei campioni previsti dal Piano. Monitoraggio nell'area COSMARI (Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti): Per consentire la gestione informatizzata del programma di monitoraggio dell'area in questione, si provvede alla georeferenziazione dell'area stessa al fine dell'inserimento nel sistema SINVSA. 1. Durata del monitoraggio: dal 1 febbraio 2013 al 30 settembre Tipologia di campionamento: monitoraggio 3. Matrice oggetto del campionamento: - latte ovi-caprino - uova provenienti da allevamenti all'aperto-a terra rurali - altro: latte bovino 4. Numero di campioni: 16 di uova e 16 di latte bovino e 16 di latte ovi-caprino 5. Numero di allevamenti oggetto di campionamento ove pertinente: 8 allevamenti ovi-caprini da latte, 8 allevamenti di bovine da latte e 8 allevamenti di avicoli rurali, per ciascuno dei quali andranno eseguiti 2 campioni nell'arco di tempo di validità del piano, privilegiando gli allevamenti più vicini al termovalorizzatore; tutti gli allevamenti oggetto del programma devono essere sottoposti a localizzazione geografica (GPS formato decimale); gli allevamenti andranno individuati in un'area di 15 Km di raggio dalla sede dell'impianto. 6. Verbale di prelievo (un verbale per ciascun campione) - modello presente nel sistema SINVSA 7. Servizio Veterinario responsabile del prelievo e della raccolta dei dati relativi singoli campioni: SIAOA dell'area Vasta n.3 ex ZT n.9 di Macerata 1839

20 8. Laboratorio competente per territorio: IZSUM Sezione di Macerata 9. Laboratori di analisi: IZS del'umbria e delle Marche per la ricerca dei PCB, degli IPA e dei metalli pesanti; IZS del Lazio e della Toscana per la ricerca delle diossine e dei PCB diossina simili. 10. Modalità di campionamento: per ogni campione andranno prelevate n. 2 unità campionarie da un kg/un litro 11. Ricerche: diossine e PCB diossina simili, PCB, IPA e metalli pesanti (Pb, Cd e Hg) Flusso informativo: l'izs territorialmente competente effettuerà il trasferimento dei dati dei controlli effettuati nel Portale del sistema Informativo Veterinario del Ministero della Salute. Monitoraggio pescato: le specie ittiche oggetto del programma di monitoraggio e il numero di campioni ad esse attribuito rispecchia le indicazioni del Ministero della Salute. 1. Durata del monitoraggio: dal 1 febbraio 2013 al 30 settembre Tipologia di campionamento: monitoraggio 3. Matrice oggetto del campionamento: - alice (Engraulidae) - sardina (Clupeide) - merluzzo (Merluccidi) 4. Numero di campioni: - n. 5 alici - n. 9 sardine - n. 7 merluzzi 5. Verbale di prelievo (un verbale per ciascun campione) - modello presente nel sistema SINVSA 6. Servizi Veterinari responsabili del prelievo e della raccolta dei dati relativi singoli campioni: i Servizi di igiene degli alimenti di origine animale delle Aree Vaste costiere sulla base della ripartizione dei campioni indicata nella tabella sottostante 7. Laboratorio competente per territorio: IZS dell'umbria e delle Marche - tutte le sezioni 8. Laboratori di analisi: IZS del'umbria e delle Marche per la ricerca dei PCB, degli IPA e dei metalli pesanti; IZS del Lazio e della Toscana per la ricerca delle diossine e dei PCB diossina simili. 9. Modalità di campionamento: per ogni ricerca sono prelevate n. 2 unità campionarie da un Kg. 10. Ricerche: diossine e PCB diossina simili, PCB, IPA e metalli pesanti (Pb, Cd e Hg) Flusso informativo: l'izs territorialmente competente effettuerà il trasferimento dei dati dei controlli effettuati nel Portale del sistema Informativo Veterinario del Ministero della Salute. 1840

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere Decreto Sblocca Italia Art. 38 (Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) 1. Al fine di valorizzare le risorse energetiche nazionali e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli