Dichiarazione Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2014-2017"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale Dati aggiornati al 30 settembre 2014 Regolamento CE n.1221/2009 EMAS III

2

3 1. Presentazione dell Azienda Storia della Società Inquadramento territoriale Autorizzazioni Rispetto Normativa e leggi applicabili Politica Aziendale Sistema di Gestione Ambientale Cert ificazioni in capo a SEA S.p.a Struttura Aziendale Aspetti Ambientali Criteri di valutazione della sgnificatività degli asepetti ambientali 5.2 Gestione rifiuti Utilizzo risorse Emissioni in atmosfera Sostanze pericolose e gas tossici del laboratorio SEA Emissioni elettromagnetiche e radiazioni Cantieri attualmente seguiti da SEA S.r.l Comportamento ambientale del Clienti Comportamento ambientale del Fornitore 7. Programma Ambientale Aspetti Ambientali 56 Indice 3

4 SEA, L UOMO E L AMBIENTE Per SEA è importante aver cura dell ambiente sotto ogni aspetto e normativa in modo da garantire alle aziende di operare nel rispetto dell ambiente. 4 SEA, acronimo di Sicurezza Ecologia Ambiente, nacque dalla felice intuizione di alcuni amici che, già nel lontano 1989 avevano capito quali opportunità offrisse l ambiente. Era un tema nuovo che cominciava ad imporsi all attenzione generale anche per effetto di alcuni disastri ambientali che si erano allora verificati e che, nella loro tragicità, imponevano un diverso atteggiamento ed una diversa attenzione nei confronti dell ambiente e dei suoi delicati equilibri. Ma era inoltre un inesplorato settore di mercato che si apriva seppure per stretti spiragli. I Soci, dando prova di lungimiranza e di spirito di iniziativa, riuscirono a cogliere in anticipo questi ampi margini di sviluppo e decisero di sfruttarli. Fu una scelta del tutto istintiva, dal momento che la loro esperienza lavorativa era stata del tutto diversa. Luca Maurina proveniva infatti dall incarico di Responsabile del personale di un importante azienda del gruppo Cremonini di Modena. Negli anni SEA ha consolidato la sua posizione di leader nel settore della consulenza ambientale. Per il futuro l impegno è quello di un ulteriore consolidamento dei 4 filoni di attività: ambiente, laboratorio, sicurezza e qualità. Le scelte di mercato che si intendono sviluppare sono sia di carattere territoriale, con il tentativo di espandere i propri prodotti in tutta l Italia, sia di carattere qualitativo, con l orientamento della domanda verso aziende grandi o medie che potenzialmente possono usufruire della totalità dei servizi offerti da SEA. L esperienza maturata nel campo delle certificazioni ambientali ci ha nel tempo dato la conferma che l adozione di un rigoroso sistema di gestione consente una visione consapevole e puntuale delle interazioni delle nostre attività con l ambiente e la conseguente individuazione delle vie di miglioramento delle nostre prestazioni ambientali. Per tale motivo SEA ha dapprima introdotto in azienda un sistema di gestione secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004 e successivamente ha aderito al Regolamento (CE) N. 1221/2009 EMAS III. Il presente documento costituisce la Dichiarazione ambientale di SEA spa, con la quale vogliamo descrivere le attività, gli aspetti ambientali, il sistema di gestione, gli obiettivi ed i programmi di miglioramento ambientale relativi alle attività svolte e fornire tali informazioni a tutti i soggetti interessati, quali enti pubblici, imprese, associazioni e popolazione. L ottenimento ed il mantenimento della Registrazione EMAS rappresenta per noi un importante riconoscimento dell impegno profuso da tutta l organizzazione ed un punto di partenza ed uno stimolo per i futuri obiettivi. LUCA MAURINA

5 technical 1. services Presentazione dell Azienda SEA spa è un azienda leader in Trentino nell offerta di servizi e soluzioni di tutte le problematiche inerenti biogas la plants gestione delle tematiche ambientali, la sicurezza sui luoghi di lavoro, per le maggiori aziende e società technical services private, come pure per tutte le Pubbliche Amministrazioni. SEA offre in tutta Italia servizi di alto livello basati sulla disponibilità di risorse umane e professionali diverse, che coprono differenti settori di intervento: dalla sicurezza alla medicina del lavoro, dai controlli sull igiene industriale e l inquinamento alla BIO.POL certificazione di sistemi di qualità. La società è impegnata, con circa 110 persone dipendenti ed alcuni ambiente ed collaboratori energie innovative esterni, ad offrire assistenza tecnica e consulenza normativa direttamente presso il Cliente biogas plants con attività in campo oppure a tempo pieno nei propri uffici di Trento. SEA è capogruppo di: technical services BIO.POL Water treatment ambiente ed energie innovative technical services ACROSFERR è un Consorzio nato, nel 2006, dalla joint venture tra 4 società: SEA, ACCON, RSA e ORION con lo scopo di realizzare servizi legati al monitoraggio ambientale, ed in particolare alle componenti acqua, suolo, atmosfera, vibrazioni. biogas plants Waste to energy Water treatment BIO.POL biogas plants ambiente ed energie innovative technical services recycling BIO.POL and Waste Disposal Waste to energy La società DOC - Depurazione Trentino Occidentale è stata costituita, nel 2000, da quattro Aziende: la capogruppo SEA spa, Eccopera società cooperativa, Degremont spa, Consorzio Artigiano Servizi Ambientali, per la gestione degli impianti di depurazione del Trentino occidentale ed opere connesse. Veneta Recuperi Ambiente in sigla VRA - ha iniziato nel mese di luglio la sua attività di ritiro e smaltimento nello stabilimento di Sona (VR) e con i primi giorni di ottobre ha raggiunto la piena operatività per il trasporto di rifiuti pericolosi, rifiuti non pericolosi e rifiuti urbani. Ciò permette a VRA di fornire una gamma di servizi sempre più vasta ed attenta alle esigenze dei clienti. VRA può effettuare un servizio completo dalla raccolta, al trasporto nonché allo smaltimento/recupero di rifiuti. ambiente ed energie innovative Water treatment technical services biogas plants BASD nata ad agosto del 2014, soci DECO (TORINO) e il Signor Denis Deuschl, con sede a Lenberg (D).Si occupa della progettazione e realizzazione di impianti di biogas utilizzando la tecnica Dry. Offre dei servizi di consulenza sull efficienza energetica, revamping impianti di compostaggio a cui viene aggiunta la sezione energia, studi di fattibilità tecnica economica all interno della filiera Waste To Enrgy recycling and Waste Disposal Water treatment BIO.POL Waste to energy TAE nata a Settembre del 2014, soci al 79% BIOPOL Spa e al 21% fiduciaria del Trentino S.r.l.. Si occupa della realizzazione e gestione impianti, trattamento rifiuti, compostaggio, produzione biogas e produzione energia elettrica. ambiente biogas plants ed energie innovative Waste to energy BIO.POL recycling and Waste Disposal ambiente ed Water energie treatment innovative Bio Pol nasce nel 2013, con sede a Padova, per combinare le esperienze di SEA spa, con sede a Trento, ed ENRIVE spa, con sede a Venezia. La vocazione di Bio.Pol spa è quella di: -identificare e promuovere nuovi progetti con un forte profilo di sostenibilità economica, tecnica ed ambientale nell ambito della produzione di energia da fonti rinnovabili; -fornire un supporto di conoscenze ed esperienze alle Istituzioni ed Enti Locali al fine di promuovere gli indirizzi di sviluppo della politica energetica mirati ad incentivare, su scala locale, la produzione di energia elettrica da fonti alternative rinnovabili, l efficienza energetica e il risparmio energetico; - sostenere e attivare le filiere di produzione locale, promuovere l occupazione, valorizzare ed incentivare la ricerca scientifica e tecnologica a supporto delle energie rinnovabili, dell efficienza energetica e del risparmio energetico. 5 recycling and Waste Disposal

6 6 SEA ha, inoltre, sviluppato consolidati rapporti di collaborazione e di partnership con importanti soggetti allo scopo di meglio supportare e qualificare la propria attività su tutto il territorio nazionale: Depurazione Trentino Occidentale Depurazione Orientale Società Consortile Consorzio Estrattivo Trentino Formazione S.p.A. Accon Italia. SEA ha deciso di dividere le sue attività in due Settori primari al fine di ottenere una maggiore efficienza e un miglior coordinamento nella gestione del lavoro. I Settori operativi che costituiscono la società sono i seguenti: Il Settore Consulenza e Servizi ha come scopo quello di fornire ai propri Clienti prodotti e servizi di consulenza sui temi della qualità, sicurezza, ambiente e medicina del lavoro. In tale ambito i principali servizi offerti sono: Sistemi di gestione per la qualità (UNI EN ISO 9001) Sistemi di gestione ambientale (UNI EN ISO 14001, Regolamento EMAS) Sistemi di gestione della sicurezza (OHSAS 18001) Sistemi di rintracciabilità e sicurezza alimentare Consulenza e incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Certificato prevenzione incendi Check-up antincendio Check-up sicurezza Consulente per la sicurezza dei trasporti delle merci pericolose Coordinatore per l esecuzione lavori Coordinatore per la progettazione lavori Procedure di sicurezza Documenti di valutazione dei rischi Medicina del lavoro Piani di emergenza Verifiche di messa a terra Consulenza sulla privacy ai sensi del D.lgs. 196/03. Il Settore Laboratorio Impianti e Bonifiche avvalendosi di tecnici altamente specializzati e forti di pluriennale esperienza in ambito specifico, è in grado di proporre soluzioni tecniche ed impiantistiche utilizzando la tecnologia più avanzata, valutando il rapporto costo/ beneficio, realizzando impianti nel pieno rispetto dei requisiti imposti dalle normative di riferimento. Progettazione e realizzazione di bonifiche Gestione e manutenzione di impianti di depurazione Gestione e manutenzione di impianti di smaltimento rifiuti liquidi acquosi Consulenza per discariche rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. All interno di questo Settore è stato ricompreso anche il Laboratorio che, avvalendosi di tecnici laureati ed iscritti agli albi professionali, offre il servizio di analisi chimiche e microbiologiche per una serie di matrici tra cui: Materiali inerti, rifiuti e terreni Acque potabili Acque di processo e di scarico Acque di falda e superficiali Alimenti autocontrollo alimentare HACCP.

7 1.1 Storia della Società 1989 Nascita di SEA S.r.l. Le prime esperienze professionali si esprimono nella consulenza legale amministrativa alle aziende; successivamente essa viene integrata con l erogazione di veri e propri servizi tecnici, primi fra tutti quelli riguardanti il trattamento degli scarichi di origine industriale L attività di SEA si amplia con l apertura di un proprio laboratorio di analisi chimiche per supportare le iniziative di assistenza agli impianti di depurazione delle acque reflue. Attraverso l attività del suo laboratorio, l azienda si attrezza anche ad eseguire i controlli sulle emissioni in atmosfera e, dal 1993, quelli sul rumore Per tale quadriennio SEA acquisisce la gestione dell impianto di depurazione reflui civili di Rovereto ( abitanti equivalenti) SEA ottiene l accreditamento del proprio laboratorio di analisi da parte del SINAL (Sistema Nazionale Accreditamento Laboratori) con il certificato di accreditamento n SEA ottiene l aggiudicazione, assieme ad altri operatori associati in A.T.I., della gestione analitica degli impianti di depurazione della provincia di Trento, ampliando notevolmente l attività di prova del Laboratorio (relativamente agli impianti posti nel bacino occidentale SEA ha funzione di capogruppo) SEA implementa un sistema di gestione per la qualità certificato da BVQI in base alla norma UNI EN ISO 9001 (numero certificato ) SEA integra il proprio sistema di gestione per la qualità con un sistema di gestione ambientale implementato in base alla norma UNI EN ISO 14001:2004 (numero certificato IT10/0472) e nell anno successivo ottiene la registrazione EMAS IT Con un intervento di riqualificazione energetica SEA rinnova la propria sede e fa passare l edificio dalla classe energetica C alla classe energetica B+. 7

8 AD OGGI In data 01/07/2013 è stata fondata l azienda Veneta Recuperi Ambiente Srl, società che si occupa di raccolta, trasporto e recupero/smaltimento dei rifiuti, nella quale SEA è socio di maggioranza. In data 03/07/2013 SEA ottiene l attestazione OS22 impianti di potabilizzazione e depurazione per la classifica VIII, la quale consente di partecipare alle gare italiane e comunitarie per importo illimitato. In data 16/10/2013 viene acquistato il ramo d azienda della società ITECO, azienda leader nella costruzione di impianti per il trattamento di acqua, aria, suolo e rifiuti. Nel 2013 nasce Bio.Pol. con sede a Padova, per combinare le esperienze di SEA spa, con sede a Trento, ed ENRIVE spa, con sede a Venezia. Nel 2014 nasce : - BASD, soci DECO (TORINO) e il Signor Denis Deuschl, con sede a Lenberg (D); - TAE, soci al 79% BIO.POL Spa e al 21 % Fiduciaria del Trentino S.r.l. 8

9 1.2 Inquadramento territoriale L insediamento aziendale è ubicato nella periferia nord dell abitato di Trento a circa km 4 dal centro di Trento, ad un altitudine di 202 m s.l.m. ed è raggiungibile percorrendo la Strada Statale n 12 del Brennero. Trento Nord appartiene alla Valle dell Adige, in particolare all area denominata Conca di Trento delimitata a est e ad ovest da sistemi montuosi: a ovest troviamo il Monte Bondone, il Monte Soprasasso e la Paganella, a est la Marzola, la Vigolana e il Monte Calisio. L area in cui l organizzazione è inserita è caratterizzata da un elevata intensità industriale e infrastrutturale ed è adiacente alla linea ferroviaria del Brennero. Ragione Sociale: SEA Spa Sede legale: Via G. Unterveger Trento (TN) Telefono: 0461/ Fax: 0461/ PEC: Anno di costituzione: 1989 Iscrizione alla C.C.I.A.A. n (R.E.A.) Capitale Sociale: ,00.- i.v. Codice Fiscale e Partita IVA: Codici NACE: * *71.1 *72.0 Categorie SOA: OG1-III, OG3-III, OG12-VI, OS1-III, OS22-VIII * In attesa di approvazione 9

10 1.3 Autorizzazioni Nelle tabelle di seguito si riporta un elenco esaustivo di tutte le autorizzazioni in capo all azienda, sia quelle in capo alla sede sia quelle in capo ai cantieri. Gli scarichi presenti presso la sede di Trento e le acque di processo del laboratorio sono convogliate alla pubblica fognatura e regolarmente autorizzate dal Comune di Trento. Gli scarichi degli edifici all interno del quale è situato l ufficio SEA di Bolzano ha regolare autorizzazione intestata direttamente al locatario. Per il tramite del suo settore ambiente SEA gestisce degli impianti di depurazione che sono soggetti alle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni rilasciate al Titolare dell impianto. Tutte le autorizzazioni dei cantieri a titolarità SEA sono tenute sotto controllo dai Responsabili di cantiere. Di seguitio si riporta l elenco delle autorizzazione di cui SEA risulta titolare e l elenco delle autorizzazioni dei cantieri gestiti da SEA. Autorizzazioni SEA S.p.a. Autorizzazioni per la gestione dei rifiuti Iscrizioni all Albo Autorizzazioni allo scarico Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera SEA è iscritta all Albo Nazionale Gestori Ambientali per l esercizio delle attività di raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare e di trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedente i trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno (TN00442 del 31/05/2006, data di scadenza 16/12/2021); 9 (attività di bonifica dei siti) classe C (importo dei lavori di bonifica cantierabili fino ad ,70) iscrizione n. TN00442 del 23/06/2011, data di scadenza 23/06/ (attività di intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi) classe D (quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a tonnellate e inferiore a tonnellate) iscrizione n. TN00442 del 17/06/2011, data di scadenza 17/06/2016 Autorizzazione n 9498/IEC del 04 Maggio 2006 rinnovata il 18 Marzo 2014 dal Comune di Trento con protocollo n Rinnovo dell autorizzazione allo scarico delle acque reflue assimilate a civile nella fognatura nera comunale fabbricato sito in via G. Unterveger, 52 a Trento. Scadenza il 17 Marzo Secondo un parere dell APPA di Trento protocollo n. 7004/2008-S-U223 le emissioni delle cappe del laboratorio non devono essere autorizzate. 10

11 Comune di Rosolini Alto Trevigiano Servizi Impianto di depurazione Comune di Rosolini (SR) sito in contrada Tagliati. In attesa di rinnovo. In data 03/09/2013 è stato presentato al Comune di Rosolini un progetto di adeguamento dell impianto, n. prot. 2110/13. Impianto di depurazione di Alano di Piave, scadenza 29/08/2017. Fossa IMHOFF di Cavaso del Tomba, scadenza 06/06/2016. Impianto di depurazione di Cornuda loc. La Valle, scadenza 16/05/2017 Impianto di depurazione di Cornuda Via del lavoro, scadenza 12/06/2017 Impianto di depurazione di Crocetta del Montello, scadenza 17/02/2015. Impianto di depurazione di Crocetta del Montello, scadenza 28/06/2016. Fossa IMHOFF di Possagno, scadenza 30/03/2015. Impianto di depurazione di Quero, scadenza 23/09/2018. Fossa IMHOFF di Quero - Carpen, scadenza 04/02/2015. Fossa IMHOFF di Quero - S.Maria, scadenza 11/12/2017. Fossa IMHOFF di Quero - Fagher, scadenza 30/07/2016. Fossa IMHOFF di Quero - Piave, scadenza 30/07/2016. Impianto di depurazione di Segusino, scadenza 01/04/2016. Fossa IMHOFF di Segusino, scadenza 11/04/2015. Impianto di depurazione di Valdobbiadene, scadenza 08/02/2016. Impianto di depurazione Capoluogo Via busi, scadenza nel 22/12/2012 Fossa IMHOFF Via Molino Loc. Tovemna Sud, scadenza nel 07/09/2015 Impianto di depurazione Via Boschet-Macello, scadenza nel 21/02/2017 Impianto di depurazione Viale europo PIP Soligo, scadenza nel 28/03/2017 Fossa IMHOFF Via gava Sud, scadenza nel 23/01/2017 Fossa IMHOFF Loc. Col Via Castagnè, scadenza nel 07/11/2015 Impianto di depurazione Via Cava, scadenza nel 21/05/2017 Impianto di depurazione Via Canal, scadenza nel 03/02/20017 Impianto di depurazione Via Marconi, scadenza nel 19/10/2015 Impianto di depurazione Falzè, scadenza nel 29/09/2015 Fossa IMHOFF Loc Introvigne-Sottoriva, scadenza nel 20/03/2016 Fossa IMHOFF Loc Nogarole-Via Alpini, scadenza nel 23/03/2016 Fossa IMHOFF Loc Resera, scadenza nel 01/03/2015 Impianto di depurazione Vidor Via Riva alta frazione Bosco, scadenza nel 30/10/2016 Autorizzazione dei siti a titolarità dei Clienti di SEA Spa 11

12 Autorizzazione dei siti a titolarità dei Clienti di SEA Spa Comunità montana del Piambello Comune di Ragusa Consorzio ASI di Ragusa Trentinalatte Comune di Villa Agnedo Impianto di depurazione sito in località Bolletta, scadenza 27/10/2009. In attesa di rinnovo Impianto di depurazione sito in località Molino, sadenza 23/06/2014, e atto n 762 del 27/02/2012. In attesa di rinnovo. Depuratore sito in località Palazzo - Marina di Ragusa. In attesa di rinnovo. Depuratore a servizio della parte bassa del Comune di Ragusa, sito in contrada Lusia, scadenza 11/04/2014. In fase di rinnovo. Depuratore consortile di contrada Lusia, scadenza 25/03/2015. Autorizzazione allo scarico n 384 del 12/06/2013, scadenza autorizzazione 11/06/2017. Autorizzazione allo scarico n 1, per depuratore rilasciata il 14/06/2012 con scadenza autorizzazione 13/06/2016; autorizzazione allo scarico in emissione n 483, rilasciata il 17/09/2013 con scadenza 16/09/2028; autorizzazione al recupero rifiuti n 502, rilasciata 01/10/2013 con scadenza 11/04/2022. Aquater S.p.a. Impianto di depurazione (TN), scadenza 07/05/2018. PVB Impianto di depurazione sito in località Gardolo (TN), scadenza Menz&Gasser Impianto di depurazione (TN), scadenza 03/10/2013. Acegas Impianto di depurazione sito Codovico (PD), scadenza 30/05/2018. Impianto di depurazione sito Cona (PD), scadenza 17/06/2016. Impianto di depurazione sito Parte Longo (PD), scadenza 01/03/2015. Aquater S.p.a. Impianto di depurazione (TN), scadenza 07/05/

13 1.4 Rispetto Normativa e leggi applicabili L azienda SEA nello svolgimento della propria attività rispetta la normativa ambientale nazionale e provinciale e in particolare: TULP: Testo Unico Leggi Provinciali (TRENTO) in materia di tutela dell ambiente e degli inquinanti D.lgs 152/2006: Norme in materia ambientale DPR 74/2013: Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell acqua calda per usi igienici sanitari DPR 43 /2012:Regolamento recante attuazione del regolamento (CE) su taluni gas fluorurati ad effetto serra. Legge 447/1995: Legge quadro sull inquinamento acustico. DPR 151/2011:Regolamento di prevenzioni incendi. Regolamento (CE) N. 1272/2008 (CLP): Regolamento relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele. LEGGE 11 agosto 2014, n. 116 : Recante disposizioni urgenti per la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea. Decreto ministeriale 21/01/2013, recepimento direttiva 2012/45/UE (ADR 2013) e s.m. Decreto 3 giugno 2014, n. 120: Regolamento per la definizione delle attribuzioni e delle modalita di organizzazione dell Albo nazionale dei gestori ambientali, dei requisiti tecnici e finanziari delle imprese e dei responsabili tecnici, dei termini e delle modalita di iscrizione e dei relativi diritti annuali. Decreto Legislativo 17 marzo 1995 n.230: attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 2006/117/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti, 2009/71/Euratom in materia di sicurezza nucleare degli impianti nucleari e 2011/70/Euratom in materia di gestione sicura del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi derivanti da attività civili. SEA rispetta tutte le norme ambientali vigenti e non presenta situazioni anomale e di non conformità nella gestione delle proprie attività. 13

14 2. Politica Aziendale 14 PREMESSE COSTITUTIVE Un tempo gli operai non erano servi. Lavoravano. Coltivavano un onore, assoluto, come si addice a un onore. La gamba di una sedia doveva essere ben fatta. Era naturale, era inteso. Era un primato. Non occorreva che fosse ben fatta per il salario o in modo proporzionale al salario. Non doveva essere ben fatta per il padrone né per gli intenditori né per i clienti del padrone. Doveva essere ben fatta per sé, in sé, nella sua stessa natura. Una tradizione venuta, risalita dal profondo della razza, una storia, un assoluto, un onore esigevano che quella gamba fosse ben fatta. E ogni parte della sedia che non si vedeva era lavorata con la medesima perfezione delle parti che si vedevano. Secondo lo stesso principio delle Cattedrali. E non sono solo io ormai così imbastardito a farla adesso tanto lunga. Per loro, in loro non c era allora neppure l ombra di una riflessione. Il lavoro stava là. Si lavorava bene. Non si trattava di essere visti o di non essere visti. Era il lavoro in sé che doveva essere ben fatto. (Charles Peguy) Scopo del lavoro, di qualunque lavoro eseguito dall uomo - fosse pure il lavoro più di servizio, il più monotono nella scala del comune modo di valutazione, addirittura il più emarginante rimane sempre l uomo. (Giovanni Paolo II) Da un lavorare per ad un lavorare con : è con questo spirito e con questa coscienza, a volte appannata dagli eventi ma sempre lì vigile e pronta ad emergere nei momenti più critici, che abbiamo fatto questa azienda. Nella speranza che sia chi lavora con noi sia chi si affida a noi percepisca che lo scopo ultimo è la crescita dell umanità di ogni uomo, in tutto quello che fa. Lavoro compreso. (Luca Maurina)

15 Dichiarazione da parte della Direzione di SEA La qualità dei nostri progetti e dei servizi erogati Il successo della nostra Azienda dipende soprattutto dalla motivazione dei nostri collaboratori nonché dalla qualità dei nostri progetti offerti e dei servizi erogati. Per questo motivo dobbiamo migliorare continuamente la gestione di tutte le operazioni. Il nostro obiettivo primario è quello di ottenere ed accrescere la fiducia del Cliente nei nostri confronti. Ogni lavoro deve essere effettuato con lo scopo di: soddisfare tutte le esigenze dei Clienti; supportare efficacemente gli stessi nelle scelte che debbono effettuare; stimolare ed accrescere in loro la sensibilità nei confronti delle problematiche da noi trattate; identificare nella nostra Azienda il loro partner di fiducia; facendo così evolvere le esigenze dei Clienti in ulteriori attività di sempre maggiore rilievo, con un conseguente nuovo impegno e qualificazione professionale per la nostra Azienda ed i suoi Collaboratori. Desideriamo pertanto innescare un circolo virtuoso a vantaggio nostro e del nostro Cliente. Collaboratori I servizi proposti dalla nostra Azienda sono progettati e sviluppati con l ausilio di tecnologie e di attrezzature appropriate ma soprattutto attraverso la necessaria conoscenza professionale. Per questo motivo sono di fondamentale importanza Collaboratori motivati e competenti. Mediante una costante formazione la Direzione garantisce la crescita professionale dei Collaboratori. Migliorare è un imperativo per l Azienda ed un dovere per tutti i Collaboratori. In questo contesto la Direzione è e sarà di buon esempio. Attraverso il dialogo aiuta i Collaboratori a tradurre nel lavoro di tutti i giorni la filosofia della Qualità e di attenzione verso le tematiche ambientali e della Sicurezza. La dirigenza dell Azienda è praticata in maniera collaborativa in modo che i Collaboratori siano soddisfatti e motivati. La Direzione desidera che il Collaboratore si senta attivamente e positivamente coinvolto con l Azienda per fornire progetti e servizi di elevato livello qualitativo, in un contesto di rapporto duraturo e professionalmente motivante. È di fondamentale importanza la definizione delle esigenze del Cliente in quanto queste sono molteplici e complesse nonché identificarsi in esse: non possiamo diventare capaci di una buona consulenza se non partecipando attivamente a quello che sta accadendo presso il nostro Cliente. Il lavoro in team è inoltre strettamente legato alla complessità di queste esigenze e consente meglio il raggiungimento della soddisfazione del Cliente finale. Fra le esigenze operative interne sono qui di seguito ricordate conformità a normative ed a specifiche tecniche, la sicurezza, la tutela della salute, la funzionalità nell esecuzione, la rispondenza ai requisiti, i lavori realizzati correttamente, l esecuzione rappresentativa, duratura e nel rispetto delle tempistiche concordate, le elaborazioni corrette, l assistenza ed il servizio adeguato. 15

16 Prevenzione degli errori La responsabilità di far applicare la Politica Aziendale ed il raggiungimento degli obiettivi fissati appartiene alla Direzione. I Collaboratori ai quali è stata affidata l esecuzione di un attività o di un servizio sono responsabili del livello qualitativo raggiunto. Tutti i Collaboratori sono tenuti ad informare personalmente il proprio Responsabile in caso di carenze qualitative che riguardino il loro settore, ma che non sono in grado di rimuovere. Valgono fondamentalmente i seguenti principi: Prevenire è meglio che rincorrere ; Il proprio compito è finito quando il problema è stato risolto. L obiettivo è ridurre le carenze ed il lavoro necessario per ripristinare le non conformità/difetti. Per le non conformità/difetti/incidenti e mancati incidenti che comunque dovessero manifestarsi, occorre individuarne le cause ed eliminarle prontamente in modo che non si ripresentino secondo quanto definito dalle procedure del Sistema Qualità Sicurezza ed Ambiente. Impegno finanziario La Direzione effettuerà investimenti nella formazione dei Collaboratori ed in tecnologia. La produttività dovrà crescere in tutti i reparti dell Azienda. L ambiente e la protezione delle risorse Operare nell ottica del miglioramento del ciclo produttivo con una particolare attenzione alle tematiche ambientali e della sicurezza e salute dei lavoratori, non solo quando ciò sia imposto dagli organi di vigilanza o dall obsolescenza dei propri processi produttivi, rappresenta oggi una sfida per molte aziende e al contempo si pone quale scelta di largo respiro in un ottica di lungo periodo. Per rispondere a queste esigenze SEA si presenta come una realtà in grado di intervenire in tempi brevi, con professionalità multidisciplinari e con la propria esperienza pluriennale su tali tematiche. L azione di SEA si traduce pertanto da una parte nell erogazione di servizi in un ottica di approccio proattivo nel risolvere le problematiche ambientali e dall altra in un utilizzo razionale delle risorse naturali. SEA ed i propri Collaboratori dovranno operare nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e tutela della Salute dei lavoratori, a beneficio proprio ed altrui. Parimenti si dovrà sempre operare nel pieno rispetto dell ambiente. Il consumo di energia (soprattutto per illuminazione, condizionamento, etc.), di gas metano (soprattutto per il riscaldamento, etc.), di acqua e di materiale ausiliario (ad esempio: carta, etc.) deve essere contenuto e ricondotto ad effettiva esigenza. I materiali di scarto devono essere, se tecnicamente possibile, recuperati (ad esempio: materiali per la stampa, etc.) ed avviati al recupero/smaltimento in maniera differenziata pur nella salvaguardia della qualità del servizio reso al Cliente. 16

17 Politica Qualità Sicurezza ed Ambiente La Politica Qualità Ambiente attuata dall Azienda ha come fine la progettazione ed erogazione di progetti e servizi attraverso un sistema organizzativo che soddisfi le richieste delle normative UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001, UNI EN ISO/IEC 17025, Regolamento EMAS CE 1221 e BS OHSAS Il Sistema integrato Qualità Sicurezza ed Ambiente rappresenta uno strumento fondamentale per definire e conseguire gli obiettivi della Società, obiettivi coerenti con quella che è la filosofia aziendale e che può essere riassunta nell operare allo scopo di risolvere in continuazione problemi e ricercare soluzioni che rendano l ambiente migliore e più vivibile per l uomo. L applicazione di tale politica e la sua efficacia è verificata attraverso attività volte a tenere sotto controllo i processi, per eliminare le cause di prestazioni insoddisfacenti e conseguire una maggiore efficienza attraverso le verifiche ispettive interne della conformità di prodotto/processo. In particolare la Politica Qualità Sicurezza ed Ambiente della Società prevede: 1. un impegno diretto della Direzione, supportata dal Responsabile Gestione Qualità Sicurezza ed Ambiente, per assicurare il mantenimento ed il miglioramento continuo delle capacità dell Azienda nel realizzare un processo o servizio secondo requisiti di Qualità; 2. uno sforzo costante dell Azienda teso al coinvolgimento di tutti i Collaboratori nelle attività e nelle attenzioni necessarie a realizzare un continuo incremento dell efficienza e dell eccellenza aziendale; 3. un attività diffusa di aggiornamento dei processi e dei servizi del sistema organizzativo, al fine di consolidare e rafforzare la qualità delle operazioni e dei controlli; 4. una struttura organizzativa che assicuri un livello di trasparenza, documentabilità e controllo dei processi e servizi, indispensabili per raggiungere e soddisfare l obiettivo prioritario (la soddisfazione del Cliente finale) anche attraverso l implementazione ed il costante sviluppo di adatti sistemi gestionali; 5. un azione di promozione e sviluppo della cultura aziendale, al fine di radicare profondamente il senso della Politica Qualità Ambiente nello stile dell agire di tutte le persone dell Azienda; ciò attraverso un azione di formazione e sviluppo dei Collaboratori mirata alla comprensione e diffusione della Politica Qualità Ambiente; 6. un costante impegno di tutti i Collaboratori nel raggiungimento degli obiettivi prestabiliti (targets) dalla Direzione Aziendale, che sono obiettivi di customer satisfaction, di contenimento e riduzione dei reclami, di conquista di nuovi Clienti, di riduzione dei costi gestionali dovuti alla non qualità di processo o derivanti da disservizi, di salvaguardia del giusto profitto aziendale e di remunerazione del capitale investito, di corretta gestione degli aspetti ambientali; 17

18 7. l adozione delle misure necessarie per operare in un ottica di prevenzione dell inquinamento e di miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali; 8. l adozione di tutte le misure necessarie per prevenire gli incidenti, le lesioni e le malattie professionali dei propri collaboratori e parti interessate; 9. l impegno per assicurare costantemente e riesaminare periodicamente la conformità alla legislazione, ai regolamenti vigenti in materia ambientale e di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Tale politica viene comunicata a tutti i dipendenti e collaboratori ed è resa disponibile a tutti i soggetti interessati. La politica adottata da SEA è appropriata alla natura e alla dimensione dell organizzazione e agli scopi che essa si prefigge. In particolare essa rappresenta il quadro di riferimento entro cui la Direzione stabilisce e riesamina periodicamente obiettivi e traguardi relativi alla qualità, alla sicurezza ed all ambiente. 18 Obiettivi Gli obiettivi della nostra politica per i servizi sono: soddisfazione del Cliente grazie a progetti e servizi forniti nel rispetto degli accordi, entro i termini previsti ed a prezzi adeguati; collaboratori motivati e con formazione completa; lavoro in team e comportamento comunicativo da parte di tutti i Collaboratori; eliminazione dei difetti ed analisi degli stessi per una prevenzione efficace; atteggiamento positivo e partecipativo verso i Clienti e verso le loro specifiche richieste; aumento della competitività nei confronti della concorrenza; economicità, efficienza e risultato economico; Gli obiettivi della nostra politica per l ambiente e la sicurezza sono: pieno rispetto dei collaboratori delle norme di sicurezza a beneficio proprio e altrui; sensibilizzazione dei propri Clienti al rispetto della normativa sulla sicurezza ed ambientale; sensibilizzazione dei fornitori che lavorano per l azienda relativamente alla corretta gestione degli aspetti ambientali correlati con la loro attività; utilizzo efficiente delle risorse naturali; coinvolgimento di tutto il personale nella responsabilità verso la sicurezza e l ambiente attraverso attività di formazione e sensibilizzazione; adozione di processi e tecnologie che permettano di minimizzare le interazioni con l ambiente;

19 contenimento della produzione di rifiuti dando priorità a materiali riutilizzabili o riciclabili, anche nei nostri acquisti. Principi del Sistema di gestione Qualità Sicurezza ed Ambiente Il Sistema di gestione aziendale è portato a conoscenza di tutto il personale allo scopo di assicurare il suo efficiente funzionamento. L azienda ha definito il proprio Responsabile Gestione Qualità Sicurezza ed Ambiente affidandogli precisi compiti nel mantenimento e nello sviluppo del Sistema di Gestione Aziendale, con l esercizio di un autorità ed una libertà adeguate al controllo della Politica Aziendale. Il Manuale e le relative procedure, redatte secondo le norme UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001, UNI EN ISO/ IEC 17025, Regolamento EMAS CE 1221 e BS OHSAS nel loro stato di revisione corrente, documenteranno il nostro Sistema di Gestione aziendale. Le procedure e le modalità operative ivi indicate serviranno a tradurre in realtà la Politica della Direzione. La verifica dell efficacia del Sistema Qualità Sicurezza ed Ambiente sarà effettuata mediante Verifiche Ispettive Interne, interfunzionali e di Area. Siamo convinti che la politica adottata serva a garantire un futuro sicuro alla nostra Azienda. Aperti al confronto con i nostri lavoratori, i nostri Clienti e le Istituzioni, dobbiamo essere adeguati ed innovativi nel mercato e sempre un passo avanti rispetto ai nostri concorrenti. LUCA MAURINA 19

20 3. Sistema di Gestione Ambientale SEA spa ha deciso di dotarsi di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) secondo le prescrizioni del Regolamento (CE) N. 1221/2009. Il SGA consiste in una serie di azioni e di strumenti coordinati ed interdipendenti, in grado di garantire il raggiungimento ed il mantenimento di una condotta costantemente rispettosa dell ambiente. Le differenti fasi di realizzazione di detto sistema possono riassumersi secondo il seguente schema: Analisi Ambientale Iniziale: dettagliata valutazione degli aspetti ed impatti ambientali connessi all attività di SEA o legati alle attività di terzi su cui SEA può esercitare un influenza. Pianificazione del Sistema di Gestione Ambientale: costruzione di un Sistema di Gestione Ambientale funzionale sulla base dell analisi della prestazioni ambientali della società (con la definizioni dei ruoli e l attribuzione delle responsabilità). Politica Ambientale: redazione della politica ambientale, con la quale si è pubblicamente impegnata al perseguimento del rispetto dell ambiente ed al miglioramento delle proprie prestazioni ambientali. Obiettivi e Programmi: definizione degli obiettivi e programmi di miglioramento rispondenti alle reali esigenze di SEA, sulla base delle risultanza dell analisi ambientale iniziale. Formazione e sensibilizzazione del personale Applicazione del Sistema: introduzione di una serie di attività e procedure finalizzate alla formazione e sensibilizzazione del personale la cui attività possa provocare impatti significativi sull ambiente, al mantenimento della conformità con la legislazione ambientale, all autocontrollo periodico dell efficacia e della corretta applicazione del Sistema. Controllo interno del sistema e audit: effettuazione di verifiche ispettive interne, da cui scaturiscono input per il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, al fine di monitorare il rispetto delle leggi vigenti in campo ambientale e dei requisiti indicati dal Regolamento EMAS e al fine di mantenere un costante controllo sui propri impatti ambientali. Verifica indipendente: convalida della Dichiarazione Ambientale e di tutte le informazioni in essa riportate da parte di un verificatore ambientale indipendente ed accreditato, il quale ha provveduto inoltre a verificare la conformità di tutto il SGA al regolamento EMAS. Controllo da parte del Ministero dell Ambiente: invio della Dichiarazione Ambientale convalidata dal verificatore all Organismo Nazionale Competente, per l Italia il Comitato Ecolabel Ecoaudit sezione EMAS Ottenuta la registrazione, SEA spa è stata iscritta nel registro europeo EMAS. 20

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli