Carta dei servizi offerti dal Laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei servizi offerti dal Laboratorio"

Transcript

1 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Titolo: Carta dei servizi offerti dal Laboratorio Ed. Data 8 20/01/ /03/12 2/9/13 Resp. Sistema Qualità Autorizzato da DIR/TEC Dr. Occhipinti Dr. Occhipinti Digitally signed by OCCHIPINTI DEMETRIO DN: c=it, o=non presente, cn=occhipinti DEMETRIO, serialnumber=it:cchdtr6 5TH163W, givenname=demetrio, sn=occhipinti, dnqualifier= Date: :22:40 +02'00' Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 1 di 9

2 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements INDICE Carta dei servizi offerti dal Laboratorio...1 INDICE Finalità 3 2. Contenuti Orari e periodo di apertura Prove eseguite e tariffario Campionamento e trasporto Tempi di conservazione dei campioni Accesso ai dati e riservatezza Protocolli di prova Significato dell accreditamento Aspetti particolari del servizio offerto 8 3. Tutela della riservatezza 9 4. Il ruolo e le segnalazioni del cliente 9 5. Efficienza, aiornamento tecnologico e professionale 6. Registro delle modifiche Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 2 di 9

3 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements 1. Finalità La carta dei servizi è indirizzata a tutti i clienti del Laboratorio, per informarli su: quanto è offerto, in modo chiaro e completo; quali aspettative del cliente il Laboratorio si impegna a soddisfare; come il cliente può segnalare suerimenti o reclami, con la completa disponibilità ed assistenza dello stesso Laboratorio, per migliorare i servizi resi. Tutto il personale del Laboratorio è impegnato al suo rispetto, in tutte le attività e circostanze. 2. Contenuti Di seguito è riportata una serie di informazioni sui servizi offerti dal Centro Mediterraneo Controlli.. Orari e periodo di apertura Servizio Giorni Dalle ore Alle ore Note Orario di apertura, accettazione campioni e ritiro risultati Lunedì venerdì, feriali Di norma nel periodo estivo (giugno- settembre) il laboratorio effettua orario unico. (ore ) Chiusura estiva Di norma 3 settimane ad agosto. L esatto periodo e le sue eventuali modifiche, sono esposti presso l accettazione del Laboratorio con 1 mese di anticipo. La Segreteria fornisce ogni chiarimento, anche via telefono.. Prove eseguite e tariffario L elenco completo delle prove eseguite dal Laboratorio ed il tariffario vigente è riportato in allegato. Per il campionamento, il Laboratorio si riserva di concordare le condizioni economiche con il cliente. Il campionamento, i pareri o i giudizi del Laboratorio non sono oetto di accreditamento Accredia. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 3 di 9

4 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Il Laboratorio è in grado di eseguire altri esami non riportati in elenco, avvalendosi della collaborazione di altri laboratori esterni. In tal caso, all accettazione dei campioni verranno concordati col cliente i dettagli analitici, i tempi di consegna ed i costi. Il Laboratorio si fa garante della scelta del Laboratorio esecutore a meno che tale scelta non sia fatta dal cliente stesso. Campionamento e trasporto Su richiesta del cliente, il Laboratorio esegue il campionamento in accordo al metodo di campionamento interno previsto per la prova. Il Laboratorio si avvale del proprio personale qualificato per l attuazione di quest attività critica ai fini del risultato finale. È facoltà del cliente eseguire direttamente il campionamento o incaricare un suo delegato. In questo caso il Laboratorio mette a disposizione del cliente i propri metodi interni per assicurare un campionamento rappresentativo. Il trasferimento del campione al Laboratorio dovrebbe essere eseguito nel più breve tempo possibile, al fine di non alterare l eventuale carica batterica iniziale, osservando i seguenti criteri: Campione n ore tra campionamento e consegna al LAB Temperatura di conservazione / trasporto - C Prodotti congelati o surgelati Max 6 h Max - C Prodotti refrigerati Max 6 h 2 8 C Prodotti conservati a temperatura ambiente Prodotti conservati a temperatura ambiente 2 h <= Temp. ambiente 2 24 h 2 8 C Tempi di conservazione dei campioni Su richiesta del cliente, il Laboratorio accetta la costituzione di contro-campioni da utilizzare per eventuali verifiche successive alla consegna dei rapporti di prova. Essi, conservati in condizioni tali da mantenere il più possibile le caratteristiche iniziali, sono disponibili per i tempi sotto indicati: Tipo campione C N di Congelati e surgelati tal quali - Non congelati o surgelati Aliquota congelati / surgelati eccedente quella sottoposta ad esame Alimenti conservati a temp ambiente ( conserve) Max 25 C 7 Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 4 di 9

5 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Nel caso di tempi di conservazione prescritti da una norma cogente, il Laboratorio fa riferimento a quest ultima. Tenuto conto che la natura dei campioni esclude la perfetta stabilità ai fini della replica nel tempo dei risultati, in caso di ripetizione dell esame, il risultato costituisce un nuovo valore indipendente e che non costituisce una correzione rispetto al primo esame. Accesso ai dati e riservatezza Il Laboratorio riconosce al cliente il diritto di verificare i dati tecnici relativi ai propri campioni. Su richiesta, il Laboratorio li rende disponibili e fornisce l assistenza necessaria per la corretta interpretazione. La documentazione e in generale le informazioni relative ai singoli clienti sono classificati come riservati. Pertanto, il Laboratorio: Rende disponibile la documentazione e l informazione esclusivamente al cliente di pertinenza o al suo delegato; Evita qualsiasi trasferimento di informazione, anche verbale, a Terzi (es. cliente non committente) attuando un rigoroso rispetto del segreto professionale. Protocolli di prova Ad integrazione del servizio offerto ai clienti, il Laboratorio elabora e mantiene aiornati i protocolli di prova stabiliti dalla normativa vigente. Essi sono disponibili a richiesta dei clienti. Significato dell accreditamento L accreditamento è il riconoscimento, da parte di un Ente terzo indipendente e riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, della competenza di un Laboratorio ad eseguire specifiche prove. Il processo di accreditamento si articola in diverse fasi. Le principali sono le seguenti: organizzazione di tutte le attività del Laboratorio in accordo alla norma internazionale UNI CEI EN ISO/IEC Se la gestione del Laboratorio di prova è conforme alla ISO significa anche che esso opera secondo un sistema qualità (relativamente alle attività di prova accreditate) che soddisfa anche i requisiti della norma ISO 9001; l Ente di accreditamento (ACCREDIA/ex SINAL) utilizza la norma UNI EN ISO per riconoscere la competenza del Laboratorio ad eseguire determinate prove; il riconoscimento della competenza è attuato tramite una serie di verifiche anche presso lo stesso Laboratorio; la conferma nel tempo della competenza del Laboratorio è attuata tramite verifiche periodiche (con frequenza almeno annuale). Il confronto tra certificazione ed accreditamento può essere così riassunto: La certificazione del sistema di gestione per qualità prende in conserazione la capacità organizzativa e funzionale del Laboratorio nel suo complesso. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 5 di 9

6 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements L accreditamento prende in conserazione la competenza tecnica del Laboratorio di prova. Nell accreditamento, la competenza tecnica è esaminata per determinate prove e non necessariamente per tutte le prove eseguite dal Laboratorio. Il riconoscimento delle competenze per l esecuzione di una determinata prova, cioè l accreditamento della prova, è esplicitato in ogni rapporto di prova che il Laboratorio rilascia al committente. Il Laboratorio documenta tale competenza riportando in ogni rapporto di prova il proprio numero di accreditamento ed il marchio dell Ente autorizzato al rilascio (ACCREDIA). Il cliente-committente è tenuto a non riportare sul proprio prodotto, oppure sulla documentazione concernente il prodotto, il marchio ACCREDIA oppure il riferimento all accreditamento del Laboratorio. Il cliente può riportare copia del rapporto di prova, emesso dal Laboratorio, concernente il proprio prodotto. Per il campionamento il laboratorio si riserva di concordare le condizioni economiche con il cliente. Aspetti particolari del servizio offerto Voce Compresenza Storia del cliente Caratteristiche Su richiesta del cliente, il Laboratorio dà disponibilità a presenziare, al cliente o ad un suo delegato, a tutte le fasi di prova riguardanti il proprio campione, nel rispetto della riservatezza delle informazioni relative ad altri clienti. Archiviazione dei dati per almeno 5 anni e storicizzazione per ogni cliente, per consentire e per seguire l evoluzione nel tempo. Affabilità dei risultati Esecuzione delle analisi subito dopo il prelievo e secondo metodologie riconosciute a livello internazionale; Calibrazione e controllo della strumentazione secondo un piano prestabilito, conforme alle migliori conoscenze tecniche, e specifico per strumento ed analisi (Controllo Qualità Interno); Confronto delle prestazioni analitiche con altri Laboratori (riproducibilità, Verifica Esterna della Qualità); Valutazione/Valazione del risultato prima dell emissione del rapporto di prova; Capacità di ricostruire, con evenze oettive, la storia del risultato (rintracciabilità); Conservazione campioni È attuata sulla parte eccedente dello stesso campione non impiegata per l esecuzione delle prove e per gli stessi tempi indicati per gli eventuali controcampioni. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 6 di 9

7 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Voce Conservazione delle registrazioni Tempi di consegna Prelievi ed esami urgenti Rapporti di prova urgenti o critici Caratteristiche Il laboratorio assicura la conservazione della copia del rapporto di prova per almeno 5 anni e delle registrazioni interne per almeno 2 anni Quando non è possibile il rispetto dei tempi previsti, il Laboratorio informa immediatamente il cliente. Il servizio è assicurato, previa accordo con il cliente Su richiesta motivata del cliente: consegna immediata del rapporto con i risultati disponibili; consegna successiva del rapporto completo. Rapporti smarriti Consegna di una nuova copia Risultati critici per l attività del cliente conferma del risultato analitico mediante ulteriori verifiche interne; comunicazione immediata al cliente. Recapito dei rapporti Su richiesta del cliente il rapporto di prova è spedito all indirizzo scelto dal cliente, sia in formato cartaceo, sia in formato elettronico. Se per una ragione qualsiasi (esempio per errore di trasmissione) dovessero verificarsi difformità tra il documento cartaceo e quello elettronico, fa testo quello cartaceo. Riscontro di accettazione Informazioni e chiarimenti Consegna di apposito tagliando, anche per i prelievi presso il cliente, con le indicazioni complete dell accettazione. Presso il Laboratorio o per via telefonica: su tutti i servizi offerti sulla corretta interpretazione analitica dei risultati. Verifiche esterne Disponibilità, previo appuntamento, a verifiche ispettive in conformità alla norma UNI EN ISO Tutela della riservatezza I dati in possesso del Laboratorio sono protetti da indebiti accessi e usati solo nell ambito professionale per scopi statistici. I dati in possesso del Laboratorio sono quelli forniti dal cliente nella fase di accettazione. Vengono conservati solo quelli indispensabili per lo svolgimento delle ordinarie attività amministrative (es. telefono, fax, posta elettronica), fiscali (Ragione sociale, indirizzo, p. iva,) ed esito delle prove. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 7 di 9

8 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements In nessun caso viene data conoscenza dei dati a Terzi, fatti salvi gli eventuali obblighi previsti da disposizioni di Lee (es. Ispezioni delle autorità fiscali), nel rispetto del segreto professionale. Tutti i dati vengono archiviati in archivi informatici ai quali può accedere solo il personale autorizzato (entificato dal sistema informatico). I dati stampati sono archiviati in archivi cartacei accessibili al solo personale incaricato. 4. Il ruolo e le segnalazioni del cliente Il Laboratorio assegna al cliente un ruolo partecipativo: i suerimenti, le segnalazioni dei disservizi sono conserati strumenti importanti per migliorare il servizio reso. Pertanto, il Laboratorio: promuove e facilita la segnalazione di suerimenti e reclami, mettendo a disposizione appositi moduli presso la Segreteria che fornisce tutta l assistenza necessaria; esamina con oettività ogni rilievo per indivuare e rimuovere le cause; assicura, al cliente, il riscontro scritto sulle conclusioni ed i provvedimenti decisi, entro giorni dal rilievo; attua il rilevamento periodico della soddisfazione dei clienti con l uso di vari strumenti. Gli esiti di queste attività sono esaminati dalla Direzione e costituiscono la base per la politica del Laboratorio. 5. Efficienza, aiornamento tecnologico e professionale Il Laboratorio è dotato di strumentazione scientifica moderna che assicura risultati accurati. Lo stato di efficienza e affabilità è continuamente sorvegliato, mantenuto e documentato. È politica del Laboratorio aiornare o sostituire la strumentazione obsoleta. Il Laboratorio cura con particolare impegno la selezione e l aiornamento professionale del proprio personale. Speciale attenzione è rivolta all aiornamento tecnico su nuovi strumenti e metodi analitici. La formazione e l addestramento del personale sono programmati, attuati, verificati e documentati. 6. Registro delle modifiche Data Punto, paragrafo Sintesi della modifica Prima emissione Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 8 di 9

9 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Aiornamenti sullo stato di accreditamento Aiornamenti sullo stato di accreditamento 01/12/09 2 Esplicitati i tempi di conservazione nei documenti principali Aiornati indirizzo e proprietà del LAB /05/ 2 Aiornato orario di apertura e chiusura Aiornamento prove eseguite e stato di accreditamento Modifica dicitura prova Staphilococcus aureus coagulasi positivo con dicitura Staphilococchi coagulasi positivi e prova Escherichia coli con Escherichia coli beta glucuronasi positivo su matrice alimenti 7// 2 Aiornato orario di apertura e chiusura 05/01/11 intestazione Aiornato l indirizzo del Laboratorio 08/03/12 2 Esplicitata la possibilità di eseguire analisi particolari presso laboratori esterni 02/09/13 2 Tariffario ed elenco delle prove eseguite riportate come allegato. Precisato che i risultati di ripetizione analisi non possono coincere con quelli precedenti. Specificati tempi e temperatura da rispettare per i campioni conservati a temperatura ambiente. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 9 di 9

10 ,2-Dicloroetano APAT CNR IRSA 50 MAN ,4'-DDD APAT CNR IRSA Met M. 29/03 2,4'-DDE APAT CNR IRSA Met M. 29/03 2,4'-DDT APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4,4'-DDD APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4,4'-DDE APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4-4'-DDT APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Acefate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Acenaphthene MA Acenphthylene MA Acità totale D.M , Aco sorbico 004 MPP Res428 Rev , Aldee APAT CNR IRSA Met. 50 M Aldrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Alfa-endosulfan APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Alfa-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Anilazina APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Anthracene MA Antimonio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Antiparassitari totali Apat CNR IRSA Met Antiparassitari totali APAT CNR IRSA Met M. 29/ Arsenico EPA 3005A:1992+EPA 60C: Attività fosfatasica colorimetria 8, Azinfos-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Azinfos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 52 Azoto totale (come N) APAT IRSA - CNR4060 Man Benzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Benzo(a)anthracene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(a)fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(a)pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(b)fluoranthene MA Benzo(g,h,i)perylene APAT CNR IRSA Met M.29/2003 Pagina 1 di 21

11 127 Benzo(k)fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Beta-endosulfan APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Beta-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 49 Bod Respirometrico 20, Cadmio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Calcio ISS.CBB.038.rev Carborati totali MA 9 Ed. 1 Rev ,00 30 Carica batterica aria Interno 4 0, Chlorfenvinfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Chrysene APAT CNR IRSA Met M.29/ Cianuri totali APAT CNR IRSA Met Clordano APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Clorpirifos-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Clorpirifos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Cloruro di vinile APAT CNR IRSA 50 MAN COD APAT IRSA CNR 5130: , COMPOSTI ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI COMPOSTI ALIFATICI CLORURATI NON CANCEROGENI Delta-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Diazinon APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Dibenzo(a,h)anthracene APAT CNR IRSA Met M.29/ Diclorvos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Dieldrin APAT CNR IRSA Met.5090 M Dieltrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Dimetoato APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Endosulfan solfato APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Endrin APAT CNR IRSA Met M. 29/ Epiclorina APAT CNR IRSA 50 MAN Eptacloro APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Eptacloro Eposso APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Esaclorobenzene (HCB) APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Pagina 2 di 21

12 161 Esame microscopico esame microscopico Esame spettrofotometrico Re. Cee n. 2568/91 Ethion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Etoprofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenamifos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenitrotion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenoli APAT CNR IRSA 5070 Man Fention APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fibra alimentare Rapporti ISTISAN 1996/ Fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Fluorene APAT CNR IRSA Met M.29/ Forate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Formotion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fosalone APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fosfamone APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 53 Fosforo totale (come P) APAT IRSA - CNR met. 41 M Fosforo totale (come P) APAT IRSA - CNR met. 41 M Fosmet APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fostiazate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Foxim APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 2 Glutine qualitativo MA 012 ed 1 rev , Glutine quantitativo MA 012 ed 1 rev , Gradi brix Metodo rifrattometrico 2 8,00 56 Grassi e oli animali e vegetali APAT CNR IRSA Met M , Grassi saturi REG. CEE N. 256/ G.U. CEE L , All. V Reg. cee 183/ G.U. CEE L Grassi Totali Rapporti ISTISAN 1996/ Heptenofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Idrocarburi totali EPA 35C EPA80C EPA 5021A: Indeno (1,2,3,-cd)pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Isodrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Pagina 3 di 21

13 Isofenfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Levomicetina 6 Lieviti ISO 227 7, Lindano APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Malation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Materiali grossolani - 7, Mercurio EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 Metamofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Metation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Metossicloro APAT CNR IRSA Met M. 29/ Miceti filamentosi e dermatofiti Miceti lievitiformi Interno Interno 464 Monocrotofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 5 Muffe ISO 227 7, Muffe metodo Howard,00 31 Muffe aria interno 7 0, Naphthalene APAT CNR IRSA Met M.29/ Nichel EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 Ometoato APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Paration-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Paration-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 PESTICIDI CLORURATI PESTICIDI FOSFORATI 135 Phenanthrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Phentoate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirafenthion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirifenox APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirimifos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Proteine Rapporti ISTISAN 1996/ di stabilità (30 C per 14 ) interno 20 50, Pyrazofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/2003 Pagina 4 di 21

14 473 Quinalfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Rame EPA 3005A:1992+EPA 60C: Resuo ottico rifrattometrico interno 20, Ricerca di glutine 70, Selenio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Solfiti MA 3 ed1 rev , Solfuri (come H2S) APAT CNR IRSA Met M Soli sospesi totali APAT IRSA CNR 2090: , SOLVENTI ORGANICI AROMATICI SOLVENTI ORGANICI AZOTATI Sommatoria insettici fosforati APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Sommatoria organoalogenati EPA 5030C2003+EPA8260C Sommatoria pestici organoclorurati APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Sommatoria solventi organici aromatici EPA 5030C +EPA 8260C Streptococchi termofili Microbiologico, Streptomicina 212 Tabella nutrizionale 170, Tasso di tossicità con daphnia magna APAT CNR IRSA 8020 Man 29/03 50,00 55 Tensioattivi totali APAT IRSA - CNR Met M , Tetracloroetilene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: , Trialometani Totali EPA 5030C:2003+EPA 8260C: , Triclorfon APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Tricloroetilene APAT CNR IRSA 50 MAN Valore energetico Kcal calcolo 221 Valore energetico Kj Calcolo 475 Vamitation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Vanadio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Zuccheri MA 9 Ed. 1 Rev Zuccheri ruttori s.s. ISTISAN 96/ ,00 Acqua Pagina 5 di 21

15 Acqua 85 Aco isocianurico IRSA - CNR, Acqua D.Lgs n. 31 allegato 1 parte C - 7,00 Param. Indicatori 197 Alluminio Apat Cnr Irsa 3050 met. C,00 64 Ammonio IRSA - CNR 578 Atrazina APAT CNR IRSA , Bicarbonati apha 2320 B 1998,00 71 Bicarbonato IRSA - CNR 54 Boro ISS BHB.005.REV Carbonati apha 2320 B 1998,00 84 Cloro attivo combinato IRSA - CNR 83 Cloro attivo libero ISS BHD 033 rev Cloro attivo totale IRSA - CNR 80 Cloro resuo libero IRSA - CNR 624 Clorofenoli 40 Clostrium perfringens (spore comprese) D.Legs 2 febbraio 2001 n. 31 3,00 58 Colore ISS.BJA.021.rev00 2 7,00 62 Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 63 Conducibilità elettrica a 20 C ISS.BDA.022.rev00 7, Cromo. 77 Durezza totale IRSA - CNR 14, Fenoli 229 Ferro 5,6-difenil-3,1,2,4-triazina4', aco disolfonico,00 75 Ferro EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 0,00 87 Flocculanti IRSA - CNR 0, Fluoruri ISS.XAA.011.REV00 7,00 57 Fosfati UNI EN ISO 304 7, Legionella pneumophila Immunomagnetic capture and enzyme 35,00 immunoassay 35 Legionella Pneumophila sierogruppo 1 G. U. n. 3 del ,00 36 Legionella Pneumophila sierogruppo 2-14 G. U. n. 3 del ,00 66 Magnesio ISS.CBB.038.rev00 7, Manganese Mn EPA 30A 2007+EPA 6020A2007,00 Pagina 6 di 21

16 Acqua 76 Manganese Mn formaldossima,00 70 Nitrati UNI EN ISO 304,00 69 Nitriti UNI EN ISO 304,00 59 Odore ISS.BAA.026.rev00 74 Ossabilità IRSA - CNR 169 Ph ISS.BCA.023.rev00 8,00 67 Potassio ISS.CBB.038.rev00 29 Pseudomonas aeruginosa ISO 16266:2006 7, Pseudomonas spp. interno 12,00 47 Reazione in acqua IRSA - CNR 0,00 78 Resuo fisso a 180 C APAT IRSA - CNR 2060 Man.29/03 7, Salinità 7,00 32 Salmonella APAT CNR IRSA 7080 MAN ,00 60 Sapore ISS.BKA.028.rev SAR 14, Silicio (SiO2) EPA 60C ,00 68 Sodio ISS.CBB.038.rev00, Solfuri,00 86 Sostanze organiche IRSA - CNR 39 Staphylococcus aureus ISS A 018A rev ,00 81 Temperatura IRSA - CNR 61 Torbità IRSA - CNR Acqua per consumo umano 8 Carica batterica totale 37 C D.Legs 2 febbraio 2001 n ,00 37 Coliformi fecali APAT CNR IRSA 7030 F Man ,00 19 Conta coliformi totali UNI EN ISO :2002 0,07 4,00 3 Conta enterococchi UNI EN ISO :2003 0, ,00 17 Conta escherichia coli UNI EN ISO :2002 0, ,00 38 Conteio carica batterica totale a 36 C UNI EN ISO 6222:2001 0, ,00 9 Conteio carica batterica totale a 22 C UNI EN ISO 6222:2001 0, ,00 Pagina 7 di 21

17 Acqua per consumo umano Acqua pozzo lago 608 1,1 Dicloroetilene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: ,1,1 Tricloroetano EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2 Dicloroetilene (cis) EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2,3 Triclorobenzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2,4 Triclorobenzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Clorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Etilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metil 4,6 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Nitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: sec butil 4,6 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,3 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,3,4,6 Tetranitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Diclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,5 Triclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,6 Tricloroanisolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,6 Triclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,5 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,6 Diclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,6 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 3,4 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Cloro 3 Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Nitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Bromodiclorometano EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Coliformi totali ISS A 006 B rev. 00 3, COMPOSTI CLORURATI Pagina 8 di 21

18 Acqua pozzo lago 671 Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 7, Dibromoclorometano EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Escherichia coli APAT CNR IRSA 7030 F Man , Fenolo EPA 35C:2003+Epa 8270D:2007 Pentacloroanisolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Pentaclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Acqua reflua 669 Alluminio Apat Cnr Irsa 3050 met. C, Alluminio EPA 3005A:1992+EPA 60C: , Azinfos APAT CNR IRSA 50 Man Azoto ammoniacale IRSA - CNR 1 Azoto nitrico APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Azoto nitroso APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Boro EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 0, Bromofos APAT CNR IRSA 50 Man Bromuro APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Chlorfenvinfos E APAT CNR IRSA 50 Man Chlorfenvinfos Z APAT CNR IRSA 50 Man Clorfenvinfos E APAT CNR IRSA 50 Man Cloronitrobenzeni EPA 35C:2003+EPA8270D: Clorpirifos APAT CNR IRSA 50 Man Cloruri APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 0, COMPOSTI AROMATICI Demeton-O APAT CNR IRSA 50 Man Demeton-S-metil sulfone APAT CNR IRSA 50 Man Demeton-S-metile APAT CNR IRSA 50 Man Diclorometano EPA 5030C: EPA 8260C:2006 Escherichia Coli APAT CNR IRSA 7030D Man 29/ Ferro 5,6-difenil-3,1,2,4-triazina4', aco disolfonico, Fluoruro APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 Pagina 9 di 21

19 Acqua reflua 224 Fosfati APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Malaoxon APAT CNR IRSA 50 Man Manganese Mn formaldossima, Materie in sospensione APAT IRSA - CNR 2090A Man.29/ , Methation APAT CNR IRSA 50 Man Paraoxon APAT CNR IRSA 50 Man Paraoxon-metile APAT CNR IRSA 50 Man Paration APAT CNR IRSA 50 Man Pestici Totali (esclusi i fosforati) 118 ph a 20 C Potenziometrico 8, Saio di tossicità acuta APAT CNR IRSA 8020 MAN Solfati APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 82 Soli grossolani IRSA - CNR 7, Solventi clorurati Tetrachlorfenvinphos APAT CNR IESA 50 Man Vamotion APAT CNR IESA 50 Man Acqua uso umano 228 Alluminio EPA 3005A:1992+EPA 60C: , Bromuro UNI EN ISO 304 7,00 72 Cloruri UNI EN ISO 304 7, Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 7,00 73 Solfati UNI EN ISO 304 Alimenti 7 Acqua libera AW AOAC C , Aflatossina B1 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina B1 MA028 Ed,3Rev , Aflatossina B2 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina B2 MA028 Ed. 3 Rev , Aflatossina G1 004 MPP Res 182 Rev ,00 Pagina di 21

20 Alimenti 263 Aflatossina G1 MA028 Ed,3 Rev , Aflatossina G2 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina G2 MA028 Rs.3 Rev ,00 97 Bacillus Cereus Iso 7932:2004 5,00 0 Batteri lattici Iso , Cadmio UNI EN 763: Calcio Cromatografia ionica 28 Clostri solfito ruttori ISO 213: ,00 6 Conta Carica microbica a 30 C UNI EN ISO :2013 0, ,00 4 Conta coliformi totali ISO 4832:2006 0, ,00 22 Conta enterobacteriaceae ISO 228-2:2004 0, ,00 Conta escherichia coli beta glucuronasi positivo ISO :2001 0,061 4,00 1 Conta listeria monocytogenes UNI EN ISO :2005 (escluso 9.7) 0, ,00 5 Conta Staphilococchi coagulasi positivi UNI EN ISO :2004 0, ,00 (Staphilococcus aureus ed altre specie) 561 DON (Deoxynivalenolo) E.L.I.SA 70, E. Coli O7:H7 NF EN ISO 16654, Fumonisina E.L.I.SA 70, Grassi totali D.M GU n SO CAP 259 Lieviti e Muffe AOAC - Met ,00 11 Lieviti e muffe Rose-Bengal Chloramphenicol Agar 7 12, Mercurio UNI EN :2004+EPA , Mercurio UNU EN 763: Multiresuale completa. 180, Ocratossina A MA029 Ed.3 Rev ,00 96 ph a 20 C APAT IRSA - CNR 2060 Man.29/03 8, Proteine Istisan 96/34 pag Pseudomonas aeruginosa metodo interno, Rapporto Calcio/fosforo Calcolo 46 Ricerca Listeria monocytogenes UNI EN ISO :2005 (escluso 9.8) 7 20,00 2 Ricerca Salmonella spp ISO 6579:2002/cor 1: , Sodio Rapporti ISTISAN 1996/34 Pagina 11 di 21

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano Carica Batterica Totale a 22 C e 36 C MU 956:01 Coliformi fecali MU 953/1:01 Coliformi totali MU 952/1:01 Enterobatteri

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 9 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque destinate al consumo umano, acque naturali Clostridium perfringens UNI EN ISO 19458:2006 + Rapporti ISTISAN 2007/5 Pag 48 Met ISS A 005A, Rapporti

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 8 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque Colore APAT CNR IRSA 2020 A Man 29 2003 Conduttività Water and Wastewater, ed 22nd 2012, 2510 B Conta di microorganismi vitali a 36 C e 22 C

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO LAB N 1301 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO LABORATORIO DI SANITA PUBBLICA Via Cadorna, 8-22100 COMO UNI EN ISO 9001:2008 IL DIRETTORE LSP

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE ATTIVITA IN CAMPO 1 Accertamenti strumentali in campo (escluso costo sopralluogo ed accertamenti analitici eseguiti in laboratorio) 200,00 GIUDIZI / PARERI 1 Giudizio

Dettagli

Servizio Qualità Acqua Erogata

Servizio Qualità Acqua Erogata Servizio Qualità Acqua Erogata SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO, ANALISI CHIMICHE, BIOLOGICHE ED ECOTOSSICOLOGICHE DI ACQUE E DI SEDIMENTI DEI SISTEMI IDRICI CAPITOLATO SPECIALE Allegato n.2: elenco delle metodiche

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009

CER 19.08.05. 24/03/2014 24/03/2014 CNR IRSA 2 Q 64 Vol2 1984 10 25/03/2014 26/03/2014 UNI EN 13346:2002 + UNI EN ISO 11885:2009 LAB ANALYSIS Srl Via Europa, 5 27041 CASANOVA LONATI (PV) Tel. 0385-287000 Fax: 0385-57311 e-mail: info@labanalysis.it Internet: www.labanalysis.it Rapporto di prova n : Identificazione: 1405830-001 Fango

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE SICILIA PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA MONITORAGGIO QUALITATIVO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

Dettagli

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali Agenzia Regionale per la Protezione e Prevenzione Ambientale del Veneto 45 10. IPPC pag. 45 10.1 Ispezioni ambientali 10.1.00.01 10.1.00.02 Controllo impianto di allevamento intensivo di pollame o di suini,

Dettagli

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati

Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati Linee guida per la caratterizzazione dei siti contaminati 1 Scopo e campo di applicazione Il presente documento è finalizzato a standardizzare la procedura per l espletamento delle indagini sui siti contaminati

Dettagli

LINEE GUIDA TARIFFARIE

LINEE GUIDA TARIFFARIE LINEE GUIDA TARIFFARIE 2009 1 LINEE GUIDA TARIFFARIE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto del tariffario, ambito e finalità, regime transitorio. Le linee guida tariffarie sono costituite da una prima

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA

CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA CONTAMINAZIONE DEI SUOLI E PROBLEMI DI BONIFICA DEI SUOLI CONTAMINATI. SINTESI NORMATIVA E LINEE GUIDA Andrea Buondonno Dipartimento di Architettura e Disegno industriale Luigi Vanvitelli Seconda Università

Dettagli

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277 N 01 16 sett. 13 N 0 DATA ANALISI SINGOLE ED ANALISI COMPLETE MATRICE METODI PAG. 1 di 8 PREZZO IVA esclusa. Bianconatura, striminzimento, volpatura e stima della resa in semola CEREALI E DERIVATI Cereali

Dettagli

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009)

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) ANALISI DI INQUINANTI AERODISPERSI PRESTAZIONE Matrice Tecnica analitica Euro

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B3

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

Titolo Prescrizioni per l'accreditamento con campo di accreditamento flessibile

Titolo Prescrizioni per l'accreditamento con campo di accreditamento flessibile Titolo Prescrizioni per l'accreditamento con campo di accreditamento flessibile Sigla RT-26 Revisione 02 Data 2012-03-27 Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore I Direttori

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

P5.03-02 INDICE DISINFEZIONE/DECONTAMINAZIONE. Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI

P5.03-02 INDICE DISINFEZIONE/DECONTAMINAZIONE. Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI Rev. 0 del 20.01.14 Pag. 1 di 8 INDICE 1. SCOPO 2. RESPONSABILITA 3. RIFERIMENTI NORMATIVI 4. STRUMENTI UTILIZZATI 5. MODALITA' OPERATIVE 6. VERIFICA DECONTAMINAZIONE MODULI ALLEGATI: M01 P.5.07-01 Accettazione

Dettagli

TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI

TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TARIFFARIO PROFESSIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TABELLA 3 : Tariffe per analisi chimiche, chimico-fisiche e microbiologiche generali INDICE DELLA TABELLA 3 1. ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO... 4 Prove

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FILE EXCEL INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI. Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA INSERISCI DATI PROVINCE E INSERISCI DATI COMUNI Catasto Scarichi RIAL RISORSE IDRICHE ARPA LOMBARDIA Aprile 2006 INTRODUZIONE In questo documento si forniscono alcune note di compilazione che aiutano

Dettagli

Listino prezzi ANALISI

Listino prezzi ANALISI Pagina 1 Associazione Associazione Regionale Regionale Allevatori Allevatori della della Lombardia Lombardia Listino prezzi ANALISI LABORATORI LATTE E AGROALIMENTARE IN VIGORE DAL 01/07/2008 LABORATORI

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE 5 STRUTTURA DEL BILANCIO 7 LIAG 2012 IN SINTESI 9

SOMMARIO PRESENTAZIONE 5 STRUTTURA DEL BILANCIO 7 LIAG 2012 IN SINTESI 9 SOMMARIO PRESENTAZIONE 5 STRUTTURA DEL BILANCIO 7 LIAG 2012 IN SINTESI 9 IDENTITÀ AZIENDALE 12 Laboratori Iren Acqua Gas S.p.A. 12 I cinque laboratori 13 Il Gruppo Iren 14 La struttura societaria 15 Gli

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 13 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua, acqua calda circuiti sanitari, acqua calda torri di raffreddamento Ricerca e conta mediante Real-Time PCR di Legionella spp e Legionella pneumophila

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile Mod.G2501_Elenco metodi accreditati flessibili_rev01_2013_01_04 Pagina 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione

Dettagli

12 settembre 16:00 17:00 Chimico Dott. Livio Buffa Ecologica Buffa S.R.L.

12 settembre 16:00 17:00 Chimico Dott. Livio Buffa Ecologica Buffa S.R.L. Terre e rocce da scavo: prove di laboratorio sul campione tal quale e sul test di cessione ottenuto secondo la norma UNI EN 12457-2:2004; confronto con i limiti di legge 12 settembre 16:00 17:00 Chimico

Dettagli

Elenco metodi accreditati in campo flessibile

Elenco metodi accreditati in campo flessibile 1 di 45 Elenco metodi accreditati in campo flessibile N Materiale / Prodotto / Matrice Misurando / Proprietà misurata / Denominazione della prova Campo di misura e/o di prova Tecnica di prova Metodo di

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12.

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12. COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare Mario Tomasoni Brescia 16.12.2013 IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL GRUPPO A2A Il Gruppo A2A gestisce

Dettagli

SCHEDA CATASTO SCARICHI

SCHEDA CATASTO SCARICHI 1 SCHEDA ANAGRAFICA RAGIONE SOCIALE O COGNOME E NOME PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI Ufficio Tutela delle Acque e Risorse Idriche SCHEDA CATASTO SCARICHI INDIRIZZO FISCALE COMUNE

Dettagli

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato

Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato Linee guida per la rimozione dei rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato 1. Premessa... 2 2. Rimozione di rifiuti abbandonati o depositati in modo incontrollato su strade ed aree pubbliche

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004.

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004. STABILIMENTO DI TARANTO Relazione sulle procedure di bonifica ambientale Febbraio 2007 1. PREMESSA Gran parte delle aree dello stabilimento ILVA S.P.A. di Taranto ricade fra quelle del sito di interesse

Dettagli

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE Consorzio Industriale Provinciale Cagliari Sede Legale e Recapito Postale: Viale Diaz, 86 09125 CAGLIARI tel 070 2481 fax 070 247411 www.cacip.it Sede Legale e Recapito Postale: Viale A. Diaz, 86 09125

Dettagli

Proficiency Testing Catalogo generale 2012/2013

Proficiency Testing Catalogo generale 2012/2013 Proficiency Testing Catalogo generale 2012/2013 Indice Introduzione 3 Schemi PT - Clinici 39 LGC Standards: promuovere l eccellenza attraverso i proficiency testing Scopo dei prociency testing 4 5 Guida

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 Acqua destinata al consumo umano Alcalinità totale UNI EN ISO 9963-1:1998 metodo visivo (escl. campionamento) Ammonio UNI EN ISO 14911:2001 Calcio Cloruri

Dettagli

ELENCO N. 3 PRESTAZIONI RESE DAL LABORATORIO DI SANITA' PUBBLICA (L.S.P.)

ELENCO N. 3 PRESTAZIONI RESE DAL LABORATORIO DI SANITA' PUBBLICA (L.S.P.) Dipartimento di Prevenzione U. O. Laboratorio di Sanità Pubblica Centro Servizi Sanitari Pal. C Viale Verona 38123 Trento tel. 0461 902800 / 01 fax 0461 902815 Dal 1 maggio 2010 il tariffario delle prestazioni

Dettagli

Processo di accreditamento. Paolo Bianco - SINAL

Processo di accreditamento. Paolo Bianco - SINAL Processo di accreditamento Paolo Bianco - SINAL Requisiti per l accreditamento Il laboratorio deve già avere un sistema qualità conforme alla ISO/IEC 17025:2005 applicato (non solo le procedure, ma anche

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

DECRETO n. 90 del 13/02/2014

DECRETO n. 90 del 13/02/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Listino prezzi LABORATORIO DI ANALISI

Listino prezzi LABORATORIO DI ANALISI Pagina 1 ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Via Kennedy 30-26013 CREMA (CR) Listino prezzi LABORATORIO DI ANALISI IN VIGORE DAL 01/01/2012 Revisione gennaio 2013 LABORATORIO ACCREDITATO

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5 Analisi sui rifiuti in ingresso alla discarica Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino 12 di Sassari.

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE)

CAPITOLATO TECNICO PROGETTO PER LA RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN LOCALITÀ FERRARO I E II - COMUNE DI SANTA MARIA LA FOSSA (CE) ACCORDO DI PROGRAMMA STRATEGICO PER LE COMPENSAZIONI AMBIENTALI NELLA REGIONE CAMPANIA DEL 18 LUGLIO 2008 E SUCCESSIVO ATTO MODIFICATIVO DELL'8 APRILE 2009 Convenzione Quadro tra il Ministero dell'ambiente

Dettagli

Progetto I.S.PER.I.A: Identificazione delle Sostanze PERicolose Immesse nell Ambiente idrico. Relazione conclusiva di sintesi

Progetto I.S.PER.I.A: Identificazione delle Sostanze PERicolose Immesse nell Ambiente idrico. Relazione conclusiva di sintesi Progetto I.S.PER.I.A: Identificazione delle Sostanze PERicolose Immesse nell Ambiente idrico Relazione conclusiva di sintesi FEBBRAIO 2008 INDICE Progetto I.S.PER.I.A: Identificazione delle Sostanze PERicolose

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Come specificato a pag.24 del capitolato servizi l impresa deve indicare i metodi in riferimento alla tecnica analitica indicata.

Come specificato a pag.24 del capitolato servizi l impresa deve indicare i metodi in riferimento alla tecnica analitica indicata. A TUTTI I FORNITORI INVITATI Acquisti e Appalti di Beni e Servizi DATA ULTIMO AGGIORNAMENTO: 27/05/2008 QUESITI E RISPOSTE RELATIVE ALLA RICHIESTA DI OFFERTA DATATA 09.05.2008 AD OGGETTO SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO

Dettagli

Fenomeni di inquinamento in suoli e acque, monitoraggio e analisi di rischio

Fenomeni di inquinamento in suoli e acque, monitoraggio e analisi di rischio 10.3 Fenomeni di inquinamento in suoli e acque, monitoraggio e analisi di rischio 10.3.1 Introduzione Il suolo e le acque sotterranee formano un sistema di estrema complessità, soprattutto a causa dell

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

CAPITOLATO D'ONERI RETTIFICATO

CAPITOLATO D'ONERI RETTIFICATO Direzione Ambiente Via Roma, 3 58100 GROSSETO SIN STRILLAIE MONITORAGGIO AMBIENTALE ANNO 2011 CIG 0576016F6C CAPITOLATO D'ONERI RETTIFICATO ( Dec. Lgs. 152/06 smi Parte IV Titolo V), 1 - DESCRIZIONE DEL

Dettagli

ESPERIENZE. 1998-2011 Analista di laboratorio - Settore Chimico Laboratorio di Analisi e Ricerca Istituto Nord Est Qualità (UD).

ESPERIENZE. 1998-2011 Analista di laboratorio - Settore Chimico Laboratorio di Analisi e Ricerca Istituto Nord Est Qualità (UD). ESPERIENZE 1992-1993 Tesista nel Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche presso l' Università degli Studi di Udine -Facoltà di Agraria - con la tesi : I residui di sulfamidici in prodotti di origine

Dettagli

Proposta di Studio Epidemiologico nel territorio del Sito di Importanza Nazionale di Tito Scalo

Proposta di Studio Epidemiologico nel territorio del Sito di Importanza Nazionale di Tito Scalo Proposta di Studio Epidemiologico nel territorio del Sito di Importanza Nazionale di Tito Scalo (A cura della Dr. Maria Vincenza Liguori - Settore Epidemiologia Ambientale - Responsabile Dr. Laura Gori)

Dettagli

LISTINO PREZZI Tel. 0966-503236 Fax. 0966-503159

LISTINO PREZZI Tel. 0966-503236 Fax. 0966-503159 Rizziconi 27/01/2011 Page 1 of 11 Pacchetti 00-012 - Extra Min. - Ac. + Sp. + Px 40,00 00-014 - Ac. + Sp. + Px + Polif. + Tocof. 177,50 00-016-00(*) - MULTIRESIDUALE Completa 00-018 - Extra COMPLETA -

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN (ecanossa@arpa.emr.it) (mmengoni@arpa.emr.it)

Dettagli

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 I.1.1 Analisi dello stato qualitativo e indicatori... 5 I.1.2 Analisi dei dati... 7 I.2 Bacino Idrogeologico di Sibari... 8 I.2.1 Stato qualitativo...

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152. recante Norme in materia ambientale ALLEGATI

DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152. recante Norme in materia ambientale ALLEGATI DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152 recante Norme in materia ambientale ALLEGATI 1 ! " # $ $! % & % & ' # ( % ( # ( ) * #+ #,! #! -!!. "#$%&#&'&(&)**##$+&) &&*,&"&()#(*&"&#*&##*#-$$#--#'&**#,%&#

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Giuseppe Mininni Cnr Istituto di Ricerca Sulle Acque Via Reno, 1 00198 Roma mininni@irsa.cnr.it Impianto di Amburgo Effluente trattato Schema

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it RELAZIONE

Dettagli

VARIANTE PIANO AMBIENTALE

VARIANTE PIANO AMBIENTALE VARIANTE PIANO AMBIENTALE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE REGOLAMENTO ATTIVITA DI PISCICOLTURA Introduzione Arch. Cristiano PARO Arch. Sandro ZAMPESE Ing. Ennio POZZOBON Agr. Giovanni FONTANELLI Chim. Mario

Dettagli

Il rischio chimico per i lavoratori nei siti contaminati MANUALE OPERATIVO

Il rischio chimico per i lavoratori nei siti contaminati MANUALE OPERATIVO Il rischio chimico per i lavoratori nei siti contaminati MANUALE OPERATIVO Ricerca Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E URBANE

AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E URBANE AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E URBANE La Provincia rilascia autorizzazioni allo scarico di acque reflue industriali ed urbane di cui alla Parte Terza del Decreto Legislativo

Dettagli

Servizio Qualità Acqua erogata

Servizio Qualità Acqua erogata Servizio Qualità Acqua erogata SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO, ANALISI CHIMICHE, BIOLOGICHE ED ECOTOSSICOLOGICHE DI ACQUE E DI SEDIMENTI DEI SISTEMI IDRICI CAPITOLATO SPECIALE Allegato n.1: descrizione delle

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI S.p.A. [ultima revisione con Delibera dell Amministratore Unico del 13/03/2015]

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Regolamento n. 209 COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 236 del 29/6/1988 ed esecutivo ai sensi di legge, il

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Modello predisposto dall'agenzia Provinciale per la Protezione dell'ambiente Marca da bollo PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DOMANDA DI RINNOVO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi,

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, Filtri a Quarzo e Carboni Attivi per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, non richiedono l'aggiunta di sostanze chimiche. IL RICIRCOLO dell'acqua di scarico, permette

Dettagli

Camera dei D eputati - 1857 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 1857 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 1857 - Senato della Repubblica Fax: +39 099 470 6591 E-mail: drezione.taranto@gruppoilva.com www.itvaiaranto.com 1 A " ' 1" ' " / /, Nr. Pag. di 1 4 / 6 0 9 5 8 2 2 fèjcimb/ì ACCREDIA

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Decisione 2014/955/CE

Decisione 2014/955/CE Sede operativa: Via Don Bosco, 3 27014 Genzone (PV) Telefono 0382 96 96 96 - Fax 0382 97 25 40 e mail info@envirolabsrl.it www.envirolabsrl.it Decisione 2014/955/CE Modifica della decisione 2000/532/CE

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Osservatorio Acque Interne Dipartimento Provinciale di Padova Pagina 1 di 93 SOMMARIO

Dettagli

ELENCO METODI ANALITICI 06/2015* 1) MATRICE ARIA - EMISSIONI IN ATMOSFERA

ELENCO METODI ANALITICI 06/2015* 1) MATRICE ARIA - EMISSIONI IN ATMOSFERA ELENCO METODI ANALITICI 06/2015* 1) MATRICE ARIA - EMISSIONI IN ATMOSFERA 2) MATRICE ACQUA 3) MATRICE RIFIUTI REVISIONI 2015 04/2015 matrice aria: matrice acque: *06/2015 matrice rifiuti: matrice acque:

Dettagli

814.600. Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni. del

814.600. Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni. del Ordinanza tecnica sui rifiuti (OTR) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 29, 30a lettera c, 30b, 30c capoverso 3, 30d, 30h capoverso 1, 39 capoverso 1, 45 e 46 capoverso 2 della legge

Dettagli

Direttiva 91/689/CEE (rifiuti pericolosi - Testo vigente)

Direttiva 91/689/CEE (rifiuti pericolosi - Testo vigente) Page 1 of 10 Direttiva 91/689/CEE (rifiuti pericolosi - Testo vigente) N.d.R.: il testo è coordinato con le modifiche apportate dalla direttiva 94/31/CE. Tutte le modifiche di carattere aggiuntivo sono

Dettagli

Il Nostro staff... la nostra forza

Il Nostro staff... la nostra forza CHI SIAMO... Il Centro Analisi Biochimiche grazie alla Sua pluriennale esperienza ed alla competenza del Suo Staff è riuscita a guadagnarsi negli anni una sempre crescente autorevolezza nei servizi analitici

Dettagli