Carta dei servizi offerti dal Laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei servizi offerti dal Laboratorio"

Transcript

1 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Titolo: Carta dei servizi offerti dal Laboratorio Ed. Data 8 20/01/ /03/12 2/9/13 Resp. Sistema Qualità Autorizzato da DIR/TEC Dr. Occhipinti Dr. Occhipinti Digitally signed by OCCHIPINTI DEMETRIO DN: c=it, o=non presente, cn=occhipinti DEMETRIO, serialnumber=it:cchdtr6 5TH163W, givenname=demetrio, sn=occhipinti, dnqualifier= Date: :22:40 +02'00' Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 1 di 9

2 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements INDICE Carta dei servizi offerti dal Laboratorio...1 INDICE Finalità 3 2. Contenuti Orari e periodo di apertura Prove eseguite e tariffario Campionamento e trasporto Tempi di conservazione dei campioni Accesso ai dati e riservatezza Protocolli di prova Significato dell accreditamento Aspetti particolari del servizio offerto 8 3. Tutela della riservatezza 9 4. Il ruolo e le segnalazioni del cliente 9 5. Efficienza, aiornamento tecnologico e professionale 6. Registro delle modifiche Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 2 di 9

3 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements 1. Finalità La carta dei servizi è indirizzata a tutti i clienti del Laboratorio, per informarli su: quanto è offerto, in modo chiaro e completo; quali aspettative del cliente il Laboratorio si impegna a soddisfare; come il cliente può segnalare suerimenti o reclami, con la completa disponibilità ed assistenza dello stesso Laboratorio, per migliorare i servizi resi. Tutto il personale del Laboratorio è impegnato al suo rispetto, in tutte le attività e circostanze. 2. Contenuti Di seguito è riportata una serie di informazioni sui servizi offerti dal Centro Mediterraneo Controlli.. Orari e periodo di apertura Servizio Giorni Dalle ore Alle ore Note Orario di apertura, accettazione campioni e ritiro risultati Lunedì venerdì, feriali Di norma nel periodo estivo (giugno- settembre) il laboratorio effettua orario unico. (ore ) Chiusura estiva Di norma 3 settimane ad agosto. L esatto periodo e le sue eventuali modifiche, sono esposti presso l accettazione del Laboratorio con 1 mese di anticipo. La Segreteria fornisce ogni chiarimento, anche via telefono.. Prove eseguite e tariffario L elenco completo delle prove eseguite dal Laboratorio ed il tariffario vigente è riportato in allegato. Per il campionamento, il Laboratorio si riserva di concordare le condizioni economiche con il cliente. Il campionamento, i pareri o i giudizi del Laboratorio non sono oetto di accreditamento Accredia. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 3 di 9

4 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Il Laboratorio è in grado di eseguire altri esami non riportati in elenco, avvalendosi della collaborazione di altri laboratori esterni. In tal caso, all accettazione dei campioni verranno concordati col cliente i dettagli analitici, i tempi di consegna ed i costi. Il Laboratorio si fa garante della scelta del Laboratorio esecutore a meno che tale scelta non sia fatta dal cliente stesso. Campionamento e trasporto Su richiesta del cliente, il Laboratorio esegue il campionamento in accordo al metodo di campionamento interno previsto per la prova. Il Laboratorio si avvale del proprio personale qualificato per l attuazione di quest attività critica ai fini del risultato finale. È facoltà del cliente eseguire direttamente il campionamento o incaricare un suo delegato. In questo caso il Laboratorio mette a disposizione del cliente i propri metodi interni per assicurare un campionamento rappresentativo. Il trasferimento del campione al Laboratorio dovrebbe essere eseguito nel più breve tempo possibile, al fine di non alterare l eventuale carica batterica iniziale, osservando i seguenti criteri: Campione n ore tra campionamento e consegna al LAB Temperatura di conservazione / trasporto - C Prodotti congelati o surgelati Max 6 h Max - C Prodotti refrigerati Max 6 h 2 8 C Prodotti conservati a temperatura ambiente Prodotti conservati a temperatura ambiente 2 h <= Temp. ambiente 2 24 h 2 8 C Tempi di conservazione dei campioni Su richiesta del cliente, il Laboratorio accetta la costituzione di contro-campioni da utilizzare per eventuali verifiche successive alla consegna dei rapporti di prova. Essi, conservati in condizioni tali da mantenere il più possibile le caratteristiche iniziali, sono disponibili per i tempi sotto indicati: Tipo campione C N di Congelati e surgelati tal quali - Non congelati o surgelati Aliquota congelati / surgelati eccedente quella sottoposta ad esame Alimenti conservati a temp ambiente ( conserve) Max 25 C 7 Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 4 di 9

5 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Nel caso di tempi di conservazione prescritti da una norma cogente, il Laboratorio fa riferimento a quest ultima. Tenuto conto che la natura dei campioni esclude la perfetta stabilità ai fini della replica nel tempo dei risultati, in caso di ripetizione dell esame, il risultato costituisce un nuovo valore indipendente e che non costituisce una correzione rispetto al primo esame. Accesso ai dati e riservatezza Il Laboratorio riconosce al cliente il diritto di verificare i dati tecnici relativi ai propri campioni. Su richiesta, il Laboratorio li rende disponibili e fornisce l assistenza necessaria per la corretta interpretazione. La documentazione e in generale le informazioni relative ai singoli clienti sono classificati come riservati. Pertanto, il Laboratorio: Rende disponibile la documentazione e l informazione esclusivamente al cliente di pertinenza o al suo delegato; Evita qualsiasi trasferimento di informazione, anche verbale, a Terzi (es. cliente non committente) attuando un rigoroso rispetto del segreto professionale. Protocolli di prova Ad integrazione del servizio offerto ai clienti, il Laboratorio elabora e mantiene aiornati i protocolli di prova stabiliti dalla normativa vigente. Essi sono disponibili a richiesta dei clienti. Significato dell accreditamento L accreditamento è il riconoscimento, da parte di un Ente terzo indipendente e riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, della competenza di un Laboratorio ad eseguire specifiche prove. Il processo di accreditamento si articola in diverse fasi. Le principali sono le seguenti: organizzazione di tutte le attività del Laboratorio in accordo alla norma internazionale UNI CEI EN ISO/IEC Se la gestione del Laboratorio di prova è conforme alla ISO significa anche che esso opera secondo un sistema qualità (relativamente alle attività di prova accreditate) che soddisfa anche i requisiti della norma ISO 9001; l Ente di accreditamento (ACCREDIA/ex SINAL) utilizza la norma UNI EN ISO per riconoscere la competenza del Laboratorio ad eseguire determinate prove; il riconoscimento della competenza è attuato tramite una serie di verifiche anche presso lo stesso Laboratorio; la conferma nel tempo della competenza del Laboratorio è attuata tramite verifiche periodiche (con frequenza almeno annuale). Il confronto tra certificazione ed accreditamento può essere così riassunto: La certificazione del sistema di gestione per qualità prende in conserazione la capacità organizzativa e funzionale del Laboratorio nel suo complesso. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 5 di 9

6 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements L accreditamento prende in conserazione la competenza tecnica del Laboratorio di prova. Nell accreditamento, la competenza tecnica è esaminata per determinate prove e non necessariamente per tutte le prove eseguite dal Laboratorio. Il riconoscimento delle competenze per l esecuzione di una determinata prova, cioè l accreditamento della prova, è esplicitato in ogni rapporto di prova che il Laboratorio rilascia al committente. Il Laboratorio documenta tale competenza riportando in ogni rapporto di prova il proprio numero di accreditamento ed il marchio dell Ente autorizzato al rilascio (ACCREDIA). Il cliente-committente è tenuto a non riportare sul proprio prodotto, oppure sulla documentazione concernente il prodotto, il marchio ACCREDIA oppure il riferimento all accreditamento del Laboratorio. Il cliente può riportare copia del rapporto di prova, emesso dal Laboratorio, concernente il proprio prodotto. Per il campionamento il laboratorio si riserva di concordare le condizioni economiche con il cliente. Aspetti particolari del servizio offerto Voce Compresenza Storia del cliente Caratteristiche Su richiesta del cliente, il Laboratorio dà disponibilità a presenziare, al cliente o ad un suo delegato, a tutte le fasi di prova riguardanti il proprio campione, nel rispetto della riservatezza delle informazioni relative ad altri clienti. Archiviazione dei dati per almeno 5 anni e storicizzazione per ogni cliente, per consentire e per seguire l evoluzione nel tempo. Affabilità dei risultati Esecuzione delle analisi subito dopo il prelievo e secondo metodologie riconosciute a livello internazionale; Calibrazione e controllo della strumentazione secondo un piano prestabilito, conforme alle migliori conoscenze tecniche, e specifico per strumento ed analisi (Controllo Qualità Interno); Confronto delle prestazioni analitiche con altri Laboratori (riproducibilità, Verifica Esterna della Qualità); Valutazione/Valazione del risultato prima dell emissione del rapporto di prova; Capacità di ricostruire, con evenze oettive, la storia del risultato (rintracciabilità); Conservazione campioni È attuata sulla parte eccedente dello stesso campione non impiegata per l esecuzione delle prove e per gli stessi tempi indicati per gli eventuali controcampioni. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 6 di 9

7 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Voce Conservazione delle registrazioni Tempi di consegna Prelievi ed esami urgenti Rapporti di prova urgenti o critici Caratteristiche Il laboratorio assicura la conservazione della copia del rapporto di prova per almeno 5 anni e delle registrazioni interne per almeno 2 anni Quando non è possibile il rispetto dei tempi previsti, il Laboratorio informa immediatamente il cliente. Il servizio è assicurato, previa accordo con il cliente Su richiesta motivata del cliente: consegna immediata del rapporto con i risultati disponibili; consegna successiva del rapporto completo. Rapporti smarriti Consegna di una nuova copia Risultati critici per l attività del cliente conferma del risultato analitico mediante ulteriori verifiche interne; comunicazione immediata al cliente. Recapito dei rapporti Su richiesta del cliente il rapporto di prova è spedito all indirizzo scelto dal cliente, sia in formato cartaceo, sia in formato elettronico. Se per una ragione qualsiasi (esempio per errore di trasmissione) dovessero verificarsi difformità tra il documento cartaceo e quello elettronico, fa testo quello cartaceo. Riscontro di accettazione Informazioni e chiarimenti Consegna di apposito tagliando, anche per i prelievi presso il cliente, con le indicazioni complete dell accettazione. Presso il Laboratorio o per via telefonica: su tutti i servizi offerti sulla corretta interpretazione analitica dei risultati. Verifiche esterne Disponibilità, previo appuntamento, a verifiche ispettive in conformità alla norma UNI EN ISO Tutela della riservatezza I dati in possesso del Laboratorio sono protetti da indebiti accessi e usati solo nell ambito professionale per scopi statistici. I dati in possesso del Laboratorio sono quelli forniti dal cliente nella fase di accettazione. Vengono conservati solo quelli indispensabili per lo svolgimento delle ordinarie attività amministrative (es. telefono, fax, posta elettronica), fiscali (Ragione sociale, indirizzo, p. iva,) ed esito delle prove. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 7 di 9

8 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements In nessun caso viene data conoscenza dei dati a Terzi, fatti salvi gli eventuali obblighi previsti da disposizioni di Lee (es. Ispezioni delle autorità fiscali), nel rispetto del segreto professionale. Tutti i dati vengono archiviati in archivi informatici ai quali può accedere solo il personale autorizzato (entificato dal sistema informatico). I dati stampati sono archiviati in archivi cartacei accessibili al solo personale incaricato. 4. Il ruolo e le segnalazioni del cliente Il Laboratorio assegna al cliente un ruolo partecipativo: i suerimenti, le segnalazioni dei disservizi sono conserati strumenti importanti per migliorare il servizio reso. Pertanto, il Laboratorio: promuove e facilita la segnalazione di suerimenti e reclami, mettendo a disposizione appositi moduli presso la Segreteria che fornisce tutta l assistenza necessaria; esamina con oettività ogni rilievo per indivuare e rimuovere le cause; assicura, al cliente, il riscontro scritto sulle conclusioni ed i provvedimenti decisi, entro giorni dal rilievo; attua il rilevamento periodico della soddisfazione dei clienti con l uso di vari strumenti. Gli esiti di queste attività sono esaminati dalla Direzione e costituiscono la base per la politica del Laboratorio. 5. Efficienza, aiornamento tecnologico e professionale Il Laboratorio è dotato di strumentazione scientifica moderna che assicura risultati accurati. Lo stato di efficienza e affabilità è continuamente sorvegliato, mantenuto e documentato. È politica del Laboratorio aiornare o sostituire la strumentazione obsoleta. Il Laboratorio cura con particolare impegno la selezione e l aiornamento professionale del proprio personale. Speciale attenzione è rivolta all aiornamento tecnico su nuovi strumenti e metodi analitici. La formazione e l addestramento del personale sono programmati, attuati, verificati e documentati. 6. Registro delle modifiche Data Punto, paragrafo Sintesi della modifica Prima emissione Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 8 di 9

9 Carta dei servizi LAB N 0829 Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Aiornamenti sullo stato di accreditamento Aiornamenti sullo stato di accreditamento 01/12/09 2 Esplicitati i tempi di conservazione nei documenti principali Aiornati indirizzo e proprietà del LAB /05/ 2 Aiornato orario di apertura e chiusura Aiornamento prove eseguite e stato di accreditamento Modifica dicitura prova Staphilococcus aureus coagulasi positivo con dicitura Staphilococchi coagulasi positivi e prova Escherichia coli con Escherichia coli beta glucuronasi positivo su matrice alimenti 7// 2 Aiornato orario di apertura e chiusura 05/01/11 intestazione Aiornato l indirizzo del Laboratorio 08/03/12 2 Esplicitata la possibilità di eseguire analisi particolari presso laboratori esterni 02/09/13 2 Tariffario ed elenco delle prove eseguite riportate come allegato. Precisato che i risultati di ripetizione analisi non possono coincere con quelli precedenti. Specificati tempi e temperatura da rispettare per i campioni conservati a temperatura ambiente. Edizione n. data rif. Proc. GQ05 pag. 9 di 9

10 ,2-Dicloroetano APAT CNR IRSA 50 MAN ,4'-DDD APAT CNR IRSA Met M. 29/03 2,4'-DDE APAT CNR IRSA Met M. 29/03 2,4'-DDT APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4,4'-DDD APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4,4'-DDE APAT CNR IRSA Met M. 29/03 4-4'-DDT APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Acefate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Acenaphthene MA Acenphthylene MA Acità totale D.M , Aco sorbico 004 MPP Res428 Rev , Aldee APAT CNR IRSA Met. 50 M Aldrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Alfa-endosulfan APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Alfa-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Anilazina APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Anthracene MA Antimonio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Antiparassitari totali Apat CNR IRSA Met Antiparassitari totali APAT CNR IRSA Met M. 29/ Arsenico EPA 3005A:1992+EPA 60C: Attività fosfatasica colorimetria 8, Azinfos-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Azinfos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 52 Azoto totale (come N) APAT IRSA - CNR4060 Man Benzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Benzo(a)anthracene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(a)fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(a)pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Benzo(b)fluoranthene MA Benzo(g,h,i)perylene APAT CNR IRSA Met M.29/2003 Pagina 1 di 21

11 127 Benzo(k)fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Beta-endosulfan APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Beta-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 49 Bod Respirometrico 20, Cadmio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Calcio ISS.CBB.038.rev Carborati totali MA 9 Ed. 1 Rev ,00 30 Carica batterica aria Interno 4 0, Chlorfenvinfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Chrysene APAT CNR IRSA Met M.29/ Cianuri totali APAT CNR IRSA Met Clordano APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Clorpirifos-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Clorpirifos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Cloruro di vinile APAT CNR IRSA 50 MAN COD APAT IRSA CNR 5130: , COMPOSTI ALIFATICI CLORURATI CANCEROGENI COMPOSTI ALIFATICI CLORURATI NON CANCEROGENI Delta-HCH APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Diazinon APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Dibenzo(a,h)anthracene APAT CNR IRSA Met M.29/ Diclorvos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Dieldrin APAT CNR IRSA Met.5090 M Dieltrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Dimetoato APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Endosulfan solfato APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Endrin APAT CNR IRSA Met M. 29/ Epiclorina APAT CNR IRSA 50 MAN Eptacloro APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Eptacloro Eposso APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Esaclorobenzene (HCB) APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Pagina 2 di 21

12 161 Esame microscopico esame microscopico Esame spettrofotometrico Re. Cee n. 2568/91 Ethion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Etoprofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenamifos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenitrotion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fenoli APAT CNR IRSA 5070 Man Fention APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fibra alimentare Rapporti ISTISAN 1996/ Fluoranthene APAT CNR IRSA Met M.29/ Fluorene APAT CNR IRSA Met M.29/ Forate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Formotion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fosalone APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fosfamone APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 53 Fosforo totale (come P) APAT IRSA - CNR met. 41 M Fosforo totale (come P) APAT IRSA - CNR met. 41 M Fosmet APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Fostiazate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Foxim APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 2 Glutine qualitativo MA 012 ed 1 rev , Glutine quantitativo MA 012 ed 1 rev , Gradi brix Metodo rifrattometrico 2 8,00 56 Grassi e oli animali e vegetali APAT CNR IRSA Met M , Grassi saturi REG. CEE N. 256/ G.U. CEE L , All. V Reg. cee 183/ G.U. CEE L Grassi Totali Rapporti ISTISAN 1996/ Heptenofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Idrocarburi totali EPA 35C EPA80C EPA 5021A: Indeno (1,2,3,-cd)pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Isodrin APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Pagina 3 di 21

13 Isofenfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Levomicetina 6 Lieviti ISO 227 7, Lindano APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Malation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Materiali grossolani - 7, Mercurio EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 Metamofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Metation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Metossicloro APAT CNR IRSA Met M. 29/ Miceti filamentosi e dermatofiti Miceti lievitiformi Interno Interno 464 Monocrotofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 5 Muffe ISO 227 7, Muffe metodo Howard,00 31 Muffe aria interno 7 0, Naphthalene APAT CNR IRSA Met M.29/ Nichel EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 Ometoato APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Paration-etile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Paration-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 PESTICIDI CLORURATI PESTICIDI FOSFORATI 135 Phenanthrene APAT CNR IRSA Met M.29/ Phentoate APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirafenthion APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirifenox APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/03 Pirimifos-metile APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Proteine Rapporti ISTISAN 1996/ di stabilità (30 C per 14 ) interno 20 50, Pyrazofos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Pyrene APAT CNR IRSA Met M.29/2003 Pagina 4 di 21

14 473 Quinalfos APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Rame EPA 3005A:1992+EPA 60C: Resuo ottico rifrattometrico interno 20, Ricerca di glutine 70, Selenio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Solfiti MA 3 ed1 rev , Solfuri (come H2S) APAT CNR IRSA Met M Soli sospesi totali APAT IRSA CNR 2090: , SOLVENTI ORGANICI AROMATICI SOLVENTI ORGANICI AZOTATI Sommatoria insettici fosforati APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Sommatoria organoalogenati EPA 5030C2003+EPA8260C Sommatoria pestici organoclorurati APAT CNR IRSA Met M. 29/03 Sommatoria solventi organici aromatici EPA 5030C +EPA 8260C Streptococchi termofili Microbiologico, Streptomicina 212 Tabella nutrizionale 170, Tasso di tossicità con daphnia magna APAT CNR IRSA 8020 Man 29/03 50,00 55 Tensioattivi totali APAT IRSA - CNR Met M , Tetracloroetilene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: , Trialometani Totali EPA 5030C:2003+EPA 8260C: , Triclorfon APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Tricloroetilene APAT CNR IRSA 50 MAN Valore energetico Kcal calcolo 221 Valore energetico Kj Calcolo 475 Vamitation APAT CNR IRSA Met. 50 M. 29/ Vanadio EPA 3005A:1992+EPA 60C: Zuccheri MA 9 Ed. 1 Rev Zuccheri ruttori s.s. ISTISAN 96/ ,00 Acqua Pagina 5 di 21

15 Acqua 85 Aco isocianurico IRSA - CNR, Acqua D.Lgs n. 31 allegato 1 parte C - 7,00 Param. Indicatori 197 Alluminio Apat Cnr Irsa 3050 met. C,00 64 Ammonio IRSA - CNR 578 Atrazina APAT CNR IRSA , Bicarbonati apha 2320 B 1998,00 71 Bicarbonato IRSA - CNR 54 Boro ISS BHB.005.REV Carbonati apha 2320 B 1998,00 84 Cloro attivo combinato IRSA - CNR 83 Cloro attivo libero ISS BHD 033 rev Cloro attivo totale IRSA - CNR 80 Cloro resuo libero IRSA - CNR 624 Clorofenoli 40 Clostrium perfringens (spore comprese) D.Legs 2 febbraio 2001 n. 31 3,00 58 Colore ISS.BJA.021.rev00 2 7,00 62 Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 63 Conducibilità elettrica a 20 C ISS.BDA.022.rev00 7, Cromo. 77 Durezza totale IRSA - CNR 14, Fenoli 229 Ferro 5,6-difenil-3,1,2,4-triazina4', aco disolfonico,00 75 Ferro EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 0,00 87 Flocculanti IRSA - CNR 0, Fluoruri ISS.XAA.011.REV00 7,00 57 Fosfati UNI EN ISO 304 7, Legionella pneumophila Immunomagnetic capture and enzyme 35,00 immunoassay 35 Legionella Pneumophila sierogruppo 1 G. U. n. 3 del ,00 36 Legionella Pneumophila sierogruppo 2-14 G. U. n. 3 del ,00 66 Magnesio ISS.CBB.038.rev00 7, Manganese Mn EPA 30A 2007+EPA 6020A2007,00 Pagina 6 di 21

16 Acqua 76 Manganese Mn formaldossima,00 70 Nitrati UNI EN ISO 304,00 69 Nitriti UNI EN ISO 304,00 59 Odore ISS.BAA.026.rev00 74 Ossabilità IRSA - CNR 169 Ph ISS.BCA.023.rev00 8,00 67 Potassio ISS.CBB.038.rev00 29 Pseudomonas aeruginosa ISO 16266:2006 7, Pseudomonas spp. interno 12,00 47 Reazione in acqua IRSA - CNR 0,00 78 Resuo fisso a 180 C APAT IRSA - CNR 2060 Man.29/03 7, Salinità 7,00 32 Salmonella APAT CNR IRSA 7080 MAN ,00 60 Sapore ISS.BKA.028.rev SAR 14, Silicio (SiO2) EPA 60C ,00 68 Sodio ISS.CBB.038.rev00, Solfuri,00 86 Sostanze organiche IRSA - CNR 39 Staphylococcus aureus ISS A 018A rev ,00 81 Temperatura IRSA - CNR 61 Torbità IRSA - CNR Acqua per consumo umano 8 Carica batterica totale 37 C D.Legs 2 febbraio 2001 n ,00 37 Coliformi fecali APAT CNR IRSA 7030 F Man ,00 19 Conta coliformi totali UNI EN ISO :2002 0,07 4,00 3 Conta enterococchi UNI EN ISO :2003 0, ,00 17 Conta escherichia coli UNI EN ISO :2002 0, ,00 38 Conteio carica batterica totale a 36 C UNI EN ISO 6222:2001 0, ,00 9 Conteio carica batterica totale a 22 C UNI EN ISO 6222:2001 0, ,00 Pagina 7 di 21

17 Acqua per consumo umano Acqua pozzo lago 608 1,1 Dicloroetilene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: ,1,1 Tricloroetano EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2 Dicloroetilene (cis) EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2,3 Triclorobenzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C:2006 1,2,4 Triclorobenzene EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Clorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Etilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metil 4,6 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Nitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: sec butil 4,6 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,3 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,3,4,6 Tetranitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Diclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4 Dinitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,5 Triclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,6 Tricloroanisolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,4,6 Triclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,5 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,6 Diclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 2,6 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 3,4 Dimetilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Cloro 3 Metilfenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D: Nitrofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Bromodiclorometano EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Coliformi totali ISS A 006 B rev. 00 3, COMPOSTI CLORURATI Pagina 8 di 21

18 Acqua pozzo lago 671 Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 7, Dibromoclorometano EPA 5030C:2003+EPA 8260C: Escherichia coli APAT CNR IRSA 7030 F Man , Fenolo EPA 35C:2003+Epa 8270D:2007 Pentacloroanisolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Pentaclorofenolo EPA 35C:2003+EPA 8270D:2007 Acqua reflua 669 Alluminio Apat Cnr Irsa 3050 met. C, Alluminio EPA 3005A:1992+EPA 60C: , Azinfos APAT CNR IRSA 50 Man Azoto ammoniacale IRSA - CNR 1 Azoto nitrico APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Azoto nitroso APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Boro EPA 3005A:1992+EPA 60C:2007 0, Bromofos APAT CNR IRSA 50 Man Bromuro APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Chlorfenvinfos E APAT CNR IRSA 50 Man Chlorfenvinfos Z APAT CNR IRSA 50 Man Clorfenvinfos E APAT CNR IRSA 50 Man Cloronitrobenzeni EPA 35C:2003+EPA8270D: Clorpirifos APAT CNR IRSA 50 Man Cloruri APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 0, COMPOSTI AROMATICI Demeton-O APAT CNR IRSA 50 Man Demeton-S-metil sulfone APAT CNR IRSA 50 Man Demeton-S-metile APAT CNR IRSA 50 Man Diclorometano EPA 5030C: EPA 8260C:2006 Escherichia Coli APAT CNR IRSA 7030D Man 29/ Ferro 5,6-difenil-3,1,2,4-triazina4', aco disolfonico, Fluoruro APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 Pagina 9 di 21

19 Acqua reflua 224 Fosfati APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/ Malaoxon APAT CNR IRSA 50 Man Manganese Mn formaldossima, Materie in sospensione APAT IRSA - CNR 2090A Man.29/ , Methation APAT CNR IRSA 50 Man Paraoxon APAT CNR IRSA 50 Man Paraoxon-metile APAT CNR IRSA 50 Man Paration APAT CNR IRSA 50 Man Pestici Totali (esclusi i fosforati) 118 ph a 20 C Potenziometrico 8, Saio di tossicità acuta APAT CNR IRSA 8020 MAN Solfati APAT IRSA - CNR 4020 Man 29/03 82 Soli grossolani IRSA - CNR 7, Solventi clorurati Tetrachlorfenvinphos APAT CNR IESA 50 Man Vamotion APAT CNR IESA 50 Man Acqua uso umano 228 Alluminio EPA 3005A:1992+EPA 60C: , Bromuro UNI EN ISO 304 7,00 72 Cloruri UNI EN ISO 304 7, Concentrazione ioni rogeno ISS.BCA.023.rev00 7,00 73 Solfati UNI EN ISO 304 Alimenti 7 Acqua libera AW AOAC C , Aflatossina B1 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina B1 MA028 Ed,3Rev , Aflatossina B2 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina B2 MA028 Ed. 3 Rev , Aflatossina G1 004 MPP Res 182 Rev ,00 Pagina di 21

20 Alimenti 263 Aflatossina G1 MA028 Ed,3 Rev , Aflatossina G2 004 MPP Res 182 Rev , Aflatossina G2 MA028 Rs.3 Rev ,00 97 Bacillus Cereus Iso 7932:2004 5,00 0 Batteri lattici Iso , Cadmio UNI EN 763: Calcio Cromatografia ionica 28 Clostri solfito ruttori ISO 213: ,00 6 Conta Carica microbica a 30 C UNI EN ISO :2013 0, ,00 4 Conta coliformi totali ISO 4832:2006 0, ,00 22 Conta enterobacteriaceae ISO 228-2:2004 0, ,00 Conta escherichia coli beta glucuronasi positivo ISO :2001 0,061 4,00 1 Conta listeria monocytogenes UNI EN ISO :2005 (escluso 9.7) 0, ,00 5 Conta Staphilococchi coagulasi positivi UNI EN ISO :2004 0, ,00 (Staphilococcus aureus ed altre specie) 561 DON (Deoxynivalenolo) E.L.I.SA 70, E. Coli O7:H7 NF EN ISO 16654, Fumonisina E.L.I.SA 70, Grassi totali D.M GU n SO CAP 259 Lieviti e Muffe AOAC - Met ,00 11 Lieviti e muffe Rose-Bengal Chloramphenicol Agar 7 12, Mercurio UNI EN :2004+EPA , Mercurio UNU EN 763: Multiresuale completa. 180, Ocratossina A MA029 Ed.3 Rev ,00 96 ph a 20 C APAT IRSA - CNR 2060 Man.29/03 8, Proteine Istisan 96/34 pag Pseudomonas aeruginosa metodo interno, Rapporto Calcio/fosforo Calcolo 46 Ricerca Listeria monocytogenes UNI EN ISO :2005 (escluso 9.8) 7 20,00 2 Ricerca Salmonella spp ISO 6579:2002/cor 1: , Sodio Rapporti ISTISAN 1996/34 Pagina 11 di 21

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi,

Filtri a Quarzo e Carboni Attivi. per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, Filtri a Quarzo e Carboni Attivi per la Depurazione ed il Ricircolo dell'acqua di scarico degli autolavaggi, non richiedono l'aggiunta di sostanze chimiche. IL RICIRCOLO dell'acqua di scarico, permette

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica:

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Titolo/Title Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Sigla/Reference RG-09 Revisione/Revision 05 Data/Date 2014-12-04 Redazione Approvazione Autorizzazione

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

pagina 1 di 24 Premessa

pagina 1 di 24 Premessa DIRETTIVA B NORME TECNICHE IN MATERIA DI UTILIZZO IN AGRICOLTURA DI FANGHI DI DEPURAZIONE E DI ALTRI FANGHI E RESIDUI NON TOSSICO E NOCIVI DI CUI SIA COMPROVATA L UTILITÀ AI FINI AGRONOMICI NORME TECNICHE

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Le acque destinate al consumo umano

Le acque destinate al consumo umano Le acque destinate al consumo umano Vincenzo Riganti Università di Pavia, Dipartimento di Chimica generale, Cattedra di Chimica merceologica (riganti@unipv.it) La normativa. La direttiva comunitaria 80/778/CEE

Dettagli

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE δ + δ + L OSSIGENO E IBRIDATO sp 3 CON DISTORSIONE DELL ANGOLO (α =105 ) DENSITA : la massima densità (1 g/ml) è a 3.98 C. PUNTO DI FUSIONE: alla pressione di 760

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15. Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani

Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15. Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani Caratterizzazione chimica degli effluenti odorigeni secondo la metodica EPA TO-15 Dr. Dino Celadon Dr.ssa Anna Pagliani Presentazione del lavoro - Introduzione alla metodica EPA TO-15 - Descrizione dei

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Latte di bufala, sale, caglio, siero innesto. Caratteristiche fisiche-organolettiche. struttura compatta lattiginosa

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Latte di bufala, sale, caglio, siero innesto. Caratteristiche fisiche-organolettiche. struttura compatta lattiginosa SCHEDA TECNICA Mozzarella di Bufala Campana DOP Vaschetta 500g (20X25g-10X50g-4X125g-2X250g-1X500g) CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Caratteristiche generali del prodotto Modalità di produzione (generico)

Dettagli

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Protezione e decorazione delle murature Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici

Armonizzazione della documentazione. Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Armonizzazione della documentazione dei Dipartimenti ACCREDIA Stato transizione dei documenti SIT ACCREDIA Ruolo dei documenti tecnici Adelina Leka - Funzionario

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi ottobre-novembre 2008 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Prof. Ing.. Maria Laura MASTELLONE Docente di Impianti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010 DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 G.U. n. 296 del 20/12/2010 Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita' ambientale nel settore della politica delle acque, recante

Dettagli

ADI Process Analyzers. Analisi chimiche polifunzionali

ADI Process Analyzers. Analisi chimiche polifunzionali ADI Process Analyzers Analisi chimiche polifunzionali Applicazioni Industria> Componente Chimica Industria Metalli Mineraria Metalli Superfici Semi Conduttori Alimenti Carta, Tessile Energia Acqua Alkalinity

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

BIO-EDILIZIA. Materiali della bio-edilizia 15.04.2014

BIO-EDILIZIA. Materiali della bio-edilizia 15.04.2014 BIO-EDILIZIA Materiali della bio-edilizia 15.04.2014 VISIONE GLOBALE CIO CHE NON PERCEPIAMO NON ESISTE? Pensiamo a quelle che erano le forze elettriche nell universo, prima che l uomo scoprisse l elettricità.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori

Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori 10>14 Linee guida per la sorveglianza degli inceneritori inceneritori monitoraggio moniter Quaderni di Moniter Collana di documentazione a cura di Regione Emilia-Romagna Servizio Comunicazione, Educazione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Guida al regolamento REACH Marcia 2011

Guida al regolamento REACH Marcia 2011 Guida al regolamento REACH Marcia 2011 Da utilizzare come riferimento insieme alla guida alle sostanze REACH negli articoli 1 Guida alla conformità al regolamento REACH dell'unione European Il regolamento

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/12 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 00891542 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli