BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 A) CONSIGLIO REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 A) CONSIGLIO REGIONALE"

Transcript

1 Anno XLV N. 013 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Fabrizio De Vecchi Redazione: tel. 02/6765 int ; 3 Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO A) CONSIGLIO REGIONALE Deliberazione Consiglio regionale 22 dicembre n. X/564 Bilancio consolidato Delibera commissione consiliare regionale 22 dicembre n. X/565/4001 Commissione consiliare IV Attività produttive e occupazione (in sede deliberante ai sensi dell art. 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale) - Proposta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» nei comuni di Carugate (MI) e Cernusco sul Naviglio (MI). 51 Deliberazione Consiglio regionale 22 dicembre n. X/566 Ordine del giorno concernente il collegato 2015: regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzione e di servizi comunali. 52 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/568 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : promozione della cultura della legalità. 52 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/569 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : utilizzo dei beni confiscati alla mafia. 53 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/570 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali. 53 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/571 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ristrutturazione del liceo artistico Nanni Valentini, edificio ex borsa, della Villa Reale di Monza. 54 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/572 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : fondi per la ricostruzione dei territori colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 in Lombardia. 55 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/573 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno alle Comunità Montane. 55 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/574 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : prevenzione primaria, prevenzione secondaria, campagne informative per la prevenzione. 56 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/575 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : linea ferroviaria Bergamo-Treviglio-Milano. 57 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/576 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : personale degli enti provinciali. 57 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/577 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : realizzazione di un incubatoio ittico sul lago d Iseo. 58 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/578 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : rivalutazione e ampliamento del bando per la promozione dell attrattività del territorio lombardo in occasione dell evento EXPO Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/579 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : operatività della carta sconto gasolio. 59 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/580 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : incentivi a interventi di ristrutturazione edilizia ed efficientamento energetico degli edifici Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/581 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi per il sostegno abitativo. 61 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/582 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ricollocazione del personale delle Province e delle Città Metropolitane. 62

2 2 Bollettino Ufficiale Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/583 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno e ricerca malattie rare. 62 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/584 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi socio-sanitari per le persone fragili e per le loro famiglie. 63 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/585 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : comunicazione del residuo fiscale generato da Regione Lombardia. 64 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/586 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : crediti relativi ai tributi erariali e regionali non superiore all importo di euro Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/587 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : finanziamento all azienda ospedaliera di Voghera per la terapia d urgenza antitrombotica (Stroke unit). 65 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/588 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : monitoraggio degli appalti. 65 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/589 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : Orchestra Verdi. 66 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/590 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno all inserimento lavorativo delle persone portatrici di disabilità. 67 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/591 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : dissesto idrogeologico - Interventi per la messa in sicurezza del territorio, la valorizzazione e lo sviluppo delle infrastrutture idriche. 67 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/592 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : assistenti familiari. 68 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/593 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi per il contrasto alla violenza di genere. 68 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/594 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : realizzazione di opere pubbliche attraverso lo strumento del partenariato pubblico privato. 69 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/595 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : risorse per la banda ultra larga (BUL). 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/596 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : dose unitaria del farmaco (DUF). 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/597 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : attivazione del «Percorso Rosa» nelle strutture sanitarie pubbliche. 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/598 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : stanziamenti a favore di ARPA per l attuazione dell osservatorio sulle emissioni di PCB sul territorio regionale. 71 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/599 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : società partecipate di Regione Lombardia. 71 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/600 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ponte sullo Staffora in località Salice Terme e altri interventi in materia di viabilità. 72 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/601 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : riordino delle funzioni delle Province e salvaguardia dei livelli occupazionali. 73 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale Presidenza Decreto dirigente unità organizzativa 13 gennaio n. 62 Sede territoriale di Cremona - T.u. 11 dicembre 1933 Regolamento regionale n. 2/ Concessione al consorzio della Roggia Castelleona della grande derivazione d acqua pubblica da n. 3 fontanili in comune di Offanengo (CR) ad uso irriguo, chiesta con istanza in data 27 luglio 2000 e successive integrazioni in data 1 aprile 2011 e 27 settembre 2012 pratica: cr d/2/ D.G. Sport e politiche per i giovani Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 66 Bando per l assegnazione di agevolazioni finanziarie finalizzate alla miglioria, all adeguamento e alla sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci Ammissione ad agevolazione finanziaria della domanda presentata dalla S.I.R.P.A. s.p.a. - Società impianti di risalita Polzone Albani. 84

3 Bollettino Ufficiale 3 Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 70 Bando 2014 riqualificazione impianti sportivi di proprietà pubblica (l.r. 8 ottobre 2002 n. 26) Determinazioni in merito alle domande di contributo pervenute. 86 Comunicato regionale 14 gennaio n. 11 Prove selettive per l esercizio della professione di Maestro di sci Alpino e per la professione di Maestro di sci di Fondo previste nell anno Nuove modalità di acquisizione del servizio di organizzazione delle prove mediante procedura di pubblica evidenza. 104 D.G. Attività produttive, ricerca e innovazione Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 61 «Bando ricerca e innovazione edizione 2014» di cui al decreto 7469/2014 e s.m.i.: approvazione del secondo elenco delle domande ammesse e non ammesse sulle misure A, B, D, E oltre a parziale rettifica dell allegato 2 del decreto 11412/

4 4 Bollettino Ufficiale A) CONSIGLIO REGIONALE D.c.r. 22 dicembre n. X/564 Bilancio consolidato 2013 Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) come integrato e corretto dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126 (Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42); Richiamato il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 28 dicembre 2011 (Sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro enti ed organismi, di cui all articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) e in particolare l articolo 9; Visto l articolo 57, comma 4, dello Statuto; Vista la legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della regione); Visto l allegato 4/4 al d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014, recante il principio contabile applicato concernente il bilancio consolidato e che definisce il perimetro dei soggetti da ricomprendere nel bilancio consolidato, comprendendovi gli enti, le aziende e gli organismi strumentali e le società controllate e partecipate da un amministrazione pubblica; Vista la deliberazione della Giunta regionale 2 febbraio 2012, n (Individuazione degli Enti regionali che partecipano alla sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio di cui all art. 36 del d.lgs. 118/2011) con la quale sono stati individuati l Agenzia Regionale per l Istruzione, la Formazione e il Lavoro (ARIFL) e l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente (ARPA), quali enti regionali che partecipano alla sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio, ai sensi dell articolo 36 del summenzionato d.lgs. 118/2011; Considerato che Regione Lombardia ha provveduto a individuare i propri enti, aziende e organismi strumentali e le società controllate e partecipate da ricomprendere nel Gruppo Amministrazione Pubblica; Vista la legge regionale 5 agosto 2014, n. 23 (Rendiconto generale per l esercizio finanziario 2013), che in allegato comprende il primo bilancio consolidato Giunta regionale e Consiglio regionale relativo all esercizio 2013; Visto il primo bilancio consolidato che Regione Lombardia ha inteso redigere, ricomprendendovi, oltre al Consiglio regionale, i due sopracitati enti in sperimentazione (ARIFL e ARPA) e le tre società di capitali delle quali Regione Lombardia detiene il 100 per cento del capitale societario (Lombardia Informatica s.p.a., Finlombarda s.p.a. e Infrastrutture Lombarde s.p.a.); Considerato che al bilancio consolidato di Regione Lombardia, che si compone di stato patrimoniale e conto economico, è allegata la Relazione e Nota integrativa ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014; Vista la legge regionale 17 dicembre 2012, n. 18 (Legge finanziaria 2013) che istituisce il Collegio dei revisori dei conti della Regione Lombardia; Vista la deliberazione del Consiglio regionale 27 maggio 2014, n. 383 (Nomina del Collegio dei revisori dei conti della Regione Lombardia), che in attuazione della norma sopra richiamata nomina il Collegio dei revisori di Regione Lombardia per il triennio ; Richiamato l articolo 68 del d.lgs. 126/2014, che prevede che il Collegio dei revisori dell ente predisponga apposita relazione sul bilancio consolidato; Sentita la relazione della I Commissione «Programmazione e Bilancio»; Con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti: n. 57 Non partecipano alla votazione: n. 1 Consiglieri votanti: n. 56 Voti favorevoli: n. 34 Voti contrari: n. 22 Astenuti: n. 0 DELIBERA di approvare il primo bilancio consolidato di Regione Lombardia, redatto ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini

5 Bollettino Ufficiale 5 ALLEGATO

6 6 Bollettino Ufficiale

7 Bollettino Ufficiale 7

8 8 Bollettino Ufficiale

9 Bollettino Ufficiale 9

10 10 Bollettino Ufficiale

11 Bollettino Ufficiale 11

12 12 Bollettino Ufficiale

13 Bollettino Ufficiale 13

14 14 Bollettino Ufficiale

15 Bollettino Ufficiale 15

16 16 Bollettino Ufficiale

17 Bollettino Ufficiale 17

18 18 Bollettino Ufficiale

19 Bollettino Ufficiale 19

20 20 Bollettino Ufficiale

21 Bollettino Ufficiale 21

22 22 Bollettino Ufficiale

23 Bollettino Ufficiale 23

24 24 Bollettino Ufficiale

25 Bollettino Ufficiale 25

26 26 Bollettino Ufficiale

27 Bollettino Ufficiale 27

28 28 Bollettino Ufficiale

29 Bollettino Ufficiale 29

30 30 Bollettino Ufficiale

31 Bollettino Ufficiale 31

32 32 Bollettino Ufficiale

33 Bollettino Ufficiale 33

34 34 Bollettino Ufficiale

35 Bollettino Ufficiale 35

36 36 Bollettino Ufficiale

37 Bollettino Ufficiale 37

38 38 Bollettino Ufficiale

39 Bollettino Ufficiale 39

40 40 Bollettino Ufficiale

41 Bollettino Ufficiale 41

42 42 Bollettino Ufficiale

43 Bollettino Ufficiale 43

44 44 Bollettino Ufficiale

45 Bollettino Ufficiale 45

46 46 Bollettino Ufficiale

47 Bollettino Ufficiale 47

48 48 Bollettino Ufficiale

49 Bollettino Ufficiale 49

50 50 Bollettino Ufficiale

51 Bollettino Ufficiale 51 D.c.c.r. 22 dicembre n. X/565/4001 Commissione consiliare IV Attività produttive e occupazione (in sede deliberante ai sensi dell art. 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale) - Proposta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» nei comuni di Carugate (MI) e Cernusco sul Naviglio (MI) Presidenza del Presidente Ciocca Angelo LA COMMISSIONE IV «Attività Produttive e Occupazione» PREMESSO CHE i Sindaci dei Comuni di Carugate e Cernusco sul Naviglio hanno richiesto alla Regione Lombardia, in data 5 agosto 2014, di avviare l iter per la promozione di un accordo di programma finalizzato all ampliamento del Centro Commerciale «Carosello» di Carugate; il centro commerciale «Carosello» è parte di un area commerciale tra le più grandi della Lombardia, in una zona densamente edificata, con assi stradali congestionati e un area cave notevole e in espansione; la proprietà del centro commerciale «Carosello» è di Eurocommercial Properties Italia s.r.l., appartenente ad un gruppo olandese; i dati concernenti la richiesta di ampliamento del centro commerciale «Carosello», rilevati dagli atti di indirizzo votati nei due Consigli Comunali a sola maggioranza in data 28 luglio 2014, prevedono un aumento di edificazione commerciale pari a mq equivalente a circa il 50% dell attuale superficie; sul territorio, nonostante le poche informazioni circolate, si è creato un partecipato movimento civico contrario all ampliamento e si è preso atto della posizione nettamente contraria di diverse associazioni riconosciute a livello nazionale tra cui Confcommercio, Legambiente e WWF; da quello che si evince dagli atti di indirizzo dei Consigli Comunali una parte dell ampliamento andrebbe a compromettere il «Parco blu degli aironi», sul territorio di Cernusco sul Naviglio, che è un parco comunale con laghetto ricavato da una cava rinaturalizzata, soggetto a numerosi vincoli ambientali; i nuovi svincoli stradali, in particolare il progetto per una nuova uscita dalla tangenziale est, annunciati dai Sindaci come concordati con la Società Milano Serravalle Milano Tangenziali s.p.a., ma di cui non esiste nessuna evidenza agli atti, distruggerebbero un area agricola, in territorio di Cernusco sul Naviglio attualmente vincolata dal PTCP della Provincia di Milano; nel PTCP vigente l area è classificata come «ambito di rilevanza paesistica» e risulta anche area cuscinetto tra le aree agricole e le costruzioni commerciali; CONSIDERATO CHE i documenti programmatori, tra i quali i PGT, non prevedono ampliamenti dei centri commerciali ma prevedono invece tutela delle aree agricole, salvaguardia della salute dei cittadini e dell ambiente; in particolare, il PGT di Carugate certifica lo stato di saturazione delle aree oggi occupate dai grandi centri commerciali; VALUTATO CHE questo ennesimo ampliamento avrebbe ricadute negative in termini di peggioramento del traffico e dei livelli di inquinamento di un area molto vasta nella cintura tra Milano e Monza e metterebbe a rischio le comunità locali a causa del processo di desertificazione del commercio di vicinato e dei centri storici; il traffico, già ampiamente congestionato, è destinato ad aumentare vista l imminente apertura del centro commerciale all ingrosso cinese più grande d Europa, sito sul territorio di Agrate Brianza, il cui nuovo traffico generato utilizzerà la stessa viabilità dei clienti del polo commerciale di Carugate; gli impatti causati dall aumento del traffico, dell inquinamento ambientale ed acustico, non sono stati adeguatamente valutati dai Sindaci e dai Consigli Comunali; VISTO CHE la d.c.r. n. X/187 del 12 novembre 2013 ha approvato le «nuove linee per lo sviluppo delle imprese del settore commerciale» e prevede il disincentivo per ogni nuova opera o ampliamento da autorizzarsi su aree agricole o aree attualmente non edificate; la d.g.r. n. X/1193 del 20 dicembre 2013 dispone che «Regione Lombardia non promuove e non aderisce a nuovi accordi di programma in variante agli strumenti urbanistici che riguardino aree agricole da destinare a grandi strutture di vendita»; NON RILEVANDO nella attuale richiesta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» alcun interesse strategico di portata regionale; Vista la mozione n. 333 presentata in data 26 novembre 2014; Visto l articolo 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale; con votazione palese per appello nominale: voti rappresentati 67; voti favorevoli 37; voti contrari 27; astenuti 3; DELIBERA DI IMPEGNARE LA GIUNTA REGIONALE a non dare seguito alle richieste dei Sindaci dei Comuni di Carugate e Cernusco sul Naviglio e quindi a ogni richiesta di attivazione di accordi di programma concernenti l ampliamento delle strutture commerciali citate in premessa. Il presidente: Angelo Ciocca Il consigliere segretario: Onorio Rosati La responsabile della posizione organizzativa: Nella Moscon

52 52 Bollettino Ufficiale D.c.r. 22 dicembre n. X/566 Ordine del giorno concernente il collegato 2015: regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzione e di servizi comunali Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 498 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 207 «Disposizioni per l attuazione della programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell articolo 9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della Regione) - Collegato 2015»; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 498 concernente il regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzioni e di servizi comunali, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che il progetto di legge n. 207 modifica l articolo 20, comma 3, della legge regionale 27 giugno 2008, n. 19 (Riordino delle Comunità montane della Lombardia, disciplina delle unioni di comuni lombarde e sostegno all esercizio associato di funzioni e servizi comunali), rideterminando i principi sulla base dei quali Regione Lombardia elabora il regolamento con cui determina i criteri per la concessione di contributi alle forme stabili di condivisione di funzioni e servizi comunali; osservato che tra gli anzidetti principi sono individuati «l esercizio di ulteriori servizi e funzioni rispetto a quelli ricompresi nelle funzioni fondamentali di cui all articolo 14, comma 27, del d.1. 78/2010» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub a), il «numero delle funzioni e tipologia dei servizi associati» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub b), nonché le «differenze di capacità tributaria calcolata sulla base imponibile ai fini dell IRPEF e dell IMU» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub i); considerato che fermo restando il rapporto gerarchico tra funzioni e servizi, nonché la preferenza che si deve accordare verso forme sempre più ampie di condivisione delle stesse da parte dei comuni, appare opportuno che anche il Consiglio regionale, attraverso la Commissione speciale «Riordino delle autonomie», venga coinvolto nell esatta individuazione dei criteri di cui al richiamato regolamento regionale per la concessione dei contributi qui considerati, al fine di garantire che tali risorse vengano riconosciute prioritariamente a quelle gestioni condivise che si rivelino più penetranti ed efficienti; con particolare riferimento ai principio relativo alle differenze di capacità tributaria tra i contesti considerati (condivisibilmente volto a favorire le gestioni condivise di funzioni e servizi che operino in contesti economicamente più disagiati) appare del pari opportuno che la Giunta regionale sottoponga alla Commissione speciale «Riordino delle autonomie» un regolamento che sia effettivamente in grado di cogliere tale aspetto concettualmente legittimo in modo veritiero e senza eccessivi adempimenti burocratici da parte dei comuni coinvolti; invita la Giunta regionale a sottoporre il regolamento di cui all articolo 20 della l.r. 19/2008 al preventivo parere obligatorio della Commissione speciale «Riordino delle autonomie», predisponendo un documento che tenga peraltro conto dei considerata espressi nel presente ordine del giorno.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini D.c.r. 23 dicembre n. X/568 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : promozione della cultura della legalità Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 501 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 501 concernente la promozione della cultura della legalità, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che l art. 4, comma 1, della legge regionale 14 febbraio 2011, n. 2 (Azioni orientate verso l educazione alla legalità) dispone che «la Regione promuove, anche attraverso l istituto per la ricerca, la formazione e la statistica, di cui alla legge regionale 6 agosto 2010, n. 14 (Interventi di razionalizzazione sul sistema regionale), iniziative formative con particolare riguardo alla formazione congiunta di operatori degli enti locali, della polizia locale, delle organizzazioni del volontariato e delle associazioni che svolgono attività di carattere sociale»; l associazione Avviso Pubblico ha censito per il 2013 circa 351 atti di intimidazione e di minaccia nei confronti di amministratori locali e funzionari pubblici; i soggetti colpiti da intimidazioni e minacce sono prevalentemente gli amministratori locali: sindaci, consiglieri comunali e presidenti di consigli comunali, seguiti dai funzionari pubblici (responsabili degli uffici tecnici, comandanti e agenti di Polizia municipale, dirigenti del settore rifiuti e sanità); la Lombardia non è immune da questo tipo di abusi da parte della criminalità organizzata come si può notare da vari episodi di cronaca, tra cui l agguato ai danni del sindaco e del vicesindaco di Cardano al Campo del 2 luglio 2013; Regione Lombardia ha aderito ad Avviso Pubblico, associazione nata con l intento di collegare e organizzare gli amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalità democratica nella politica, nella pubblica amministrazione e sui territori da essi governati; considerato che Avviso Pubblico dal marzo 2014 ha attivato un Dipartimento formazione che organizza percorsi formativi destinati prevalentemente ad amministratori e funzionari, che abbiano per oggetto temi specifici, quali la legislazione anticorruzione e antimafia, appalti, beni e aziende confiscate, ecomafie, gioco d azzardo, urbanistica, educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva e responsabile; preso atto che l adeguata formazione di amministratori e funzionari, oltre a favorire un ottimale amministrazione ordinaria, può aiutare a prevenire fenomeni intimidatori della criminalità organizzata; invita il Presidente e la Giunta regionale a predisporre programmi formativi per amministratori pubblici e funzionari sui temi connessi alla prevenzione del crimine organizzato e della corruzione e alla promozione della cultura della legalità democratica e della cittadinanza responsabile, prevedendo un adeguato appostamento di bilancio.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini

53 Bollettino Ufficiale 53 D.c.r. 23 dicembre n. X/569 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : utilizzo dei beni confiscati alla mafia Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 502 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 502 concernente l utilizzo dei beni confiscati alla mafia, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla Regione Lombardia, alla Federazione delle associazioni antiracket, alle province e ai comuni sono stati riconosciuti i risarcimenti a seguito della costituzione di parte civile nel processo «Infinito»; considerate la consistenza della criminalità organizzata nella nostra regione, la costante scoperta di infiltrazioni mafiose, l importanza dei sequestri e delle confische di beni alla ndrangheta e alla mafia; ipotizzata, quindi, la necessità di contrastare con sempre maggior forza il progetto criminale di infiltrazione nella società e nell economia lombarda attraverso il costante ricorso alla costituzione di parte civile per sottolineare la volontà dello Stato e delle sue istituzioni di debellare il fenomeno; preso atto della necessità di sostenere con sempre maggior forza i soggetti vittime della prevaricazione mafiosa, anche attraverso la promozione di iniziative e il sostegno effettivo; valutata la legge regionale 3 maggio 2011, n. 9 (Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto della criminalità), che prevede un investimento diretto di Regione Lombardia nella prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità comune e organizzata e nell incentivazione di percorsi di legalità; impegna il Presidente e la Giunta regionale a prevedere che le risorse provenienti da processi inerenti attività proprie di criminalità organizzata e/o di stampo mafioso e in cui Regione Lombardia si è costituita e si costituirà in futuro parte civile vengano utilizzate anche per il finanziamento di misure utili a migliorare l utilizzo dei beni e la riattivazione delle aziende confiscati e sequestrati alla mafia e che a tale esito si pervenga con l istituzione di un apposito capitolo di bilancio a risorse vincolate.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini D.c.r. 23 dicembre n. X/570 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 466 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 67 Consiglieri votanti n. 66 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 66 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 466 concernente la salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che boschi e foreste svolgono un ruolo esclusivo nelle strategie di lotta all effetto serra e ai cambiamenti climatici che deriva dalla capacità delle piante arboree, arbustive ed erbacee di assorbire e immagazzinare un enorme quantitativo di anidride carbonica, compensando le emissioni dovute all uso di combustibili fossili prodotte principalmente nelle zone industrializzate di pianura; ricordato che nel corso del mese di aprile 2014 il Pianeta ha superato il livello medio di anidride carbonica in atmosfera di 400 parti per milione (ppm) «in modo costante», record storico già registrato dal National Oceanic and Atmosferic Administration (NOAA) nel mese di maggio 2013, mai raggiunto negli ultimi 5 milioni di anni, che rappresenta l ennesimo campanello di allarme rispetto ai cambiamenti climatici in corso vista la comunicazione annuale italiana relativa all inventario nazionale delle emissioni in atmosfera dei gas serra, prevista dalla Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (Unfcc) per monitorare il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Protocollo di Kyoto, dalla quale si evidenzia che le emissioni nazionali totali dei gas serra, espresse in C02 equivalente, sono diminuite dell 11,4 per cento nel 2012 rispetto all anno base (1990), ma questo risultato è notevolmente migliore (-14,3) se si considera il contributo legato agli assorbimenti di carbonio da parte dei boschi e delle foreste; considerato che le aree boschive rappresentano per il nostro Paese un importante risorsa sia per superficie boscata ( kmq pari a più di un terzo del territorio nazionale) sia per volume di massa e che solo l accrescimento differenziale in massa tra il 1990 e il 2010, ricavato per differenza tra le due situazioni risulta pari a un volume legnoso di di mc con una biomassa secca di tonnellate equivalenti a circa di tonnellate di carbonio stoccato e a circa tonnellate di C02 stoccata nel periodo ( tonnellate di C02 fissate in media in più ogni anno); la proprietà forestale è costituita per il 63,5 per cento da privati, per il 32,4 per cento da pubblico (di cui 65,5 per cento comuni e province, 23,7 per cento Demanio statale e regionale e 8,3 per cento altri enti pubblici); attualmente, agli effetti del Protocollo di Kyoto, lo sfruttamento dei crediti forestali non é riconosciuto ai proprietari dei terreni. siano essi privati o pubblici, in termini di corrispondenti valorizzazioni economiche; rilevato che per il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, considerando la media delle emissioni del periodo , la riduzione rispetto all anno base è di 4,6 per cento a fronte dell impegno nazionale di riduzione del 6,5 per cento fissato dal protocollo per lo stesso periodo; ricordato che Stato e regioni assolvono a una duplice competenza in tema di boschi e foreste: da un lato una competenza esclusiva apprestata dallo Stato, nell esercizio delle sue funzioni in materia di tutela dell ambiente (le Regioni, nell esercizio delle specifiche competenze possono però garantire forme di tutela ambientale più elevate) dall altra una competenza regionale sulla funzione economico-produttiva nel rispetto della «sostenibilità degli eco-

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 Approvazione disposizioni

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 2013/4047 Modalità di fruizione del credito d imposta, in caso di accesso al finanziamento agevolato, per gli interventi di riparazione, ripristino o ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 30 giugno 2014. Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Esiti della ricognizione di cui alla

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L Unione delle Province d Italia (di seguito UPI) con sede in Piazza Cardelli n. 4, Roma, nella persona del Presidente Antonio Saitta; E L Associazione Nazionale dei Dirigenti e

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a L.R. 30 Dicembre 2014, n. 17 Legge di Stabilità regionale 2015 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a la seguente legge: SOMMARIO Art. 1 Leggi regionali di spesa

Dettagli

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Roma, 17 luglio 2015 AC 3262 Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali Ordini del giorno Sommario Fondo integrativo IMU-Tasi

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+ INNOVAZIONE E RICERCA CIRCOLARE N. 174 31.07.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Recepimento della nuova normativa nazionale in merito all efficienza energetica degli edifici e relativo Attestato

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA.

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 05-05-2004 REGIONE LOMBARDIA MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA N. 19 del 7 maggio 2004 SUPPLEMENTO

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE E REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA Polo tecnologico pubblico per lo stoccaggio

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 144 del 14/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 17-06-2009 REGIONE VALLE D'AOSTA Assestamento del bilancio di previsione per l anno finanziario 2009, modifiche a disposizioni legislative, variazioni al bilancio di previsione

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 10 maggio 2005, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Ferme restando le vigenti norme statutarie, regolamentari ed organizzative, il presente

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Decreta: Roma, 27 novembre 2014. D ordine del Ministro il capo di Gabinetto C OZZOLI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO l adozione del provvedimento di sottoposizione della cooperativa in oggetto alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Visto l art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Tenuto conto,

Dettagli

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 Riparazione con

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONIDALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 Assegnazione delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 22/10/2013 Numero 87 Supplemento

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA. Responsabile del procedimento CESARE PIERDOMINICI

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA. Responsabile del procedimento CESARE PIERDOMINICI REGIONE LAZIO Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: DETERMINAZIONE N. G05531 del 20/12/2013 Proposta n. 20573 del 10/12/2013 Oggetto: Presenza annotazioni contabili

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Corazzari FONDO REGIONALE PER GIOVANI PROFESSIONISTI Presentato alla Presidenza del Consiglio

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 ASSEGNAZIONE AL COMUNE

Dettagli

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL. 1 AL DECRETO N..DEL INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria N. 24 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Convenzione tra il Ministero Delle Infrastrutture e dei Trasporti E L ANCI, Associazione Nazionale

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005

LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005 LE INIZIATIVE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DEL RUOLO DELL ENERGY MANAGER E DELL EFFICIENZA ENERGETICA NAPOLI Mostra d Oltremare 15 aprile 2005 Le attività svolte dalla Regione Campania Vincenzo Guerriero

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014

ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 63 DEL 12 AGOSTO 2014 AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti

C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti C O M U N E D I F I A M I G N A N O Provincia di Rieti Deliberazione Originale del Consiglio Comunale N. 14 Del Registro OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE UNICA ( I.M.U.) - ANNO 2015 - CONFERMA ALIQUOTE. Data

Dettagli

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE SISTEMI NATURALI DETERMINAZIONE N. G09628 del 03/08/2015 Proposta n. 11798 del 27/07/2015 Oggetto: Regolamento (CE)

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Corazzari, Bassi, Cenci, Finozzi, Possamai FONDO REGIONALE PER GIOVANI PROFESSIONISTI

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI.

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Deliberazione del Consiglio comunale n. 03 del 18.03.2014. OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Premesso che: - l

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO Deliberazione C.S. n. 319 del 20.11.2013 Riproduzione dell originale firmato digitalmente PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO L anno duemilatredici il giorno venti del mese di novembre, alle ore

Dettagli

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014

Tassi di Assenza e Presenza rilevati nel mese di Settembre 2014 REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 2562 7,29 % 15,95 % 76,76 % 10001000 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE, PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE E STATISTICA 13 7,69 % 13,29 % 79,02 % 10002000 SERVIZIO AUDIT

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità)

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità) CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 NOVEMBRE 2008 LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA Articolo 1 (Finalità) 1. In attuazione dell'articolo 9 della Costituzione, la Repubblica promuove e tutela la qualità dell

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici.

Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici. Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici. Dopo le modifiche al titolo V della Costituzione, la normativa concernente l arte negli

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI VIII ROBERTO FORMIGONI GIOVANNI ROSSONI Vice Presidente DAVIDE BONI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI LUCA DANIEL FERRAZZI ROMANO LA RUSSA STEFANO MAULLU

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli