BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 A) CONSIGLIO REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 A) CONSIGLIO REGIONALE"

Transcript

1 Anno XLV N. 013 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Fabrizio De Vecchi Redazione: tel. 02/6765 int ; 3 Serie Ordinaria - Venerdì 16 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO A) CONSIGLIO REGIONALE Deliberazione Consiglio regionale 22 dicembre n. X/564 Bilancio consolidato Delibera commissione consiliare regionale 22 dicembre n. X/565/4001 Commissione consiliare IV Attività produttive e occupazione (in sede deliberante ai sensi dell art. 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale) - Proposta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» nei comuni di Carugate (MI) e Cernusco sul Naviglio (MI). 51 Deliberazione Consiglio regionale 22 dicembre n. X/566 Ordine del giorno concernente il collegato 2015: regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzione e di servizi comunali. 52 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/568 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : promozione della cultura della legalità. 52 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/569 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : utilizzo dei beni confiscati alla mafia. 53 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/570 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali. 53 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/571 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ristrutturazione del liceo artistico Nanni Valentini, edificio ex borsa, della Villa Reale di Monza. 54 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/572 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : fondi per la ricostruzione dei territori colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 in Lombardia. 55 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/573 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno alle Comunità Montane. 55 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/574 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : prevenzione primaria, prevenzione secondaria, campagne informative per la prevenzione. 56 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/575 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : linea ferroviaria Bergamo-Treviglio-Milano. 57 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/576 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : personale degli enti provinciali. 57 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/577 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : realizzazione di un incubatoio ittico sul lago d Iseo. 58 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/578 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : rivalutazione e ampliamento del bando per la promozione dell attrattività del territorio lombardo in occasione dell evento EXPO Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/579 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : operatività della carta sconto gasolio. 59 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/580 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : incentivi a interventi di ristrutturazione edilizia ed efficientamento energetico degli edifici Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/581 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi per il sostegno abitativo. 61 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/582 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ricollocazione del personale delle Province e delle Città Metropolitane. 62

2 2 Bollettino Ufficiale Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/583 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno e ricerca malattie rare. 62 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/584 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi socio-sanitari per le persone fragili e per le loro famiglie. 63 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/585 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : comunicazione del residuo fiscale generato da Regione Lombardia. 64 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/586 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : crediti relativi ai tributi erariali e regionali non superiore all importo di euro Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/587 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : finanziamento all azienda ospedaliera di Voghera per la terapia d urgenza antitrombotica (Stroke unit). 65 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/588 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : monitoraggio degli appalti. 65 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/589 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : Orchestra Verdi. 66 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/590 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : sostegno all inserimento lavorativo delle persone portatrici di disabilità. 67 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/591 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : dissesto idrogeologico - Interventi per la messa in sicurezza del territorio, la valorizzazione e lo sviluppo delle infrastrutture idriche. 67 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/592 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : assistenti familiari. 68 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/593 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : interventi per il contrasto alla violenza di genere. 68 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/594 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : realizzazione di opere pubbliche attraverso lo strumento del partenariato pubblico privato. 69 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/595 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : risorse per la banda ultra larga (BUL). 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/596 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : dose unitaria del farmaco (DUF). 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/597 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : attivazione del «Percorso Rosa» nelle strutture sanitarie pubbliche. 70 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/598 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : stanziamenti a favore di ARPA per l attuazione dell osservatorio sulle emissioni di PCB sul territorio regionale. 71 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/599 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : società partecipate di Regione Lombardia. 71 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/600 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : ponte sullo Staffora in località Salice Terme e altri interventi in materia di viabilità. 72 Deliberazione Consiglio regionale 23 dicembre n. X/601 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : riordino delle funzioni delle Province e salvaguardia dei livelli occupazionali. 73 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale Presidenza Decreto dirigente unità organizzativa 13 gennaio n. 62 Sede territoriale di Cremona - T.u. 11 dicembre 1933 Regolamento regionale n. 2/ Concessione al consorzio della Roggia Castelleona della grande derivazione d acqua pubblica da n. 3 fontanili in comune di Offanengo (CR) ad uso irriguo, chiesta con istanza in data 27 luglio 2000 e successive integrazioni in data 1 aprile 2011 e 27 settembre 2012 pratica: cr d/2/ D.G. Sport e politiche per i giovani Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 66 Bando per l assegnazione di agevolazioni finanziarie finalizzate alla miglioria, all adeguamento e alla sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci Ammissione ad agevolazione finanziaria della domanda presentata dalla S.I.R.P.A. s.p.a. - Società impianti di risalita Polzone Albani. 84

3 Bollettino Ufficiale 3 Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 70 Bando 2014 riqualificazione impianti sportivi di proprietà pubblica (l.r. 8 ottobre 2002 n. 26) Determinazioni in merito alle domande di contributo pervenute. 86 Comunicato regionale 14 gennaio n. 11 Prove selettive per l esercizio della professione di Maestro di sci Alpino e per la professione di Maestro di sci di Fondo previste nell anno Nuove modalità di acquisizione del servizio di organizzazione delle prove mediante procedura di pubblica evidenza. 104 D.G. Attività produttive, ricerca e innovazione Decreto dirigente struttura 13 gennaio n. 61 «Bando ricerca e innovazione edizione 2014» di cui al decreto 7469/2014 e s.m.i.: approvazione del secondo elenco delle domande ammesse e non ammesse sulle misure A, B, D, E oltre a parziale rettifica dell allegato 2 del decreto 11412/

4 4 Bollettino Ufficiale A) CONSIGLIO REGIONALE D.c.r. 22 dicembre n. X/564 Bilancio consolidato 2013 Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42) come integrato e corretto dal decreto legislativo 10 agosto 2014, n. 126 (Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42); Richiamato il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 28 dicembre 2011 (Sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro enti ed organismi, di cui all articolo 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) e in particolare l articolo 9; Visto l articolo 57, comma 4, dello Statuto; Vista la legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della regione); Visto l allegato 4/4 al d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014, recante il principio contabile applicato concernente il bilancio consolidato e che definisce il perimetro dei soggetti da ricomprendere nel bilancio consolidato, comprendendovi gli enti, le aziende e gli organismi strumentali e le società controllate e partecipate da un amministrazione pubblica; Vista la deliberazione della Giunta regionale 2 febbraio 2012, n (Individuazione degli Enti regionali che partecipano alla sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio di cui all art. 36 del d.lgs. 118/2011) con la quale sono stati individuati l Agenzia Regionale per l Istruzione, la Formazione e il Lavoro (ARIFL) e l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente (ARPA), quali enti regionali che partecipano alla sperimentazione della disciplina concernente i sistemi contabili e gli schemi di bilancio, ai sensi dell articolo 36 del summenzionato d.lgs. 118/2011; Considerato che Regione Lombardia ha provveduto a individuare i propri enti, aziende e organismi strumentali e le società controllate e partecipate da ricomprendere nel Gruppo Amministrazione Pubblica; Vista la legge regionale 5 agosto 2014, n. 23 (Rendiconto generale per l esercizio finanziario 2013), che in allegato comprende il primo bilancio consolidato Giunta regionale e Consiglio regionale relativo all esercizio 2013; Visto il primo bilancio consolidato che Regione Lombardia ha inteso redigere, ricomprendendovi, oltre al Consiglio regionale, i due sopracitati enti in sperimentazione (ARIFL e ARPA) e le tre società di capitali delle quali Regione Lombardia detiene il 100 per cento del capitale societario (Lombardia Informatica s.p.a., Finlombarda s.p.a. e Infrastrutture Lombarde s.p.a.); Considerato che al bilancio consolidato di Regione Lombardia, che si compone di stato patrimoniale e conto economico, è allegata la Relazione e Nota integrativa ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014; Vista la legge regionale 17 dicembre 2012, n. 18 (Legge finanziaria 2013) che istituisce il Collegio dei revisori dei conti della Regione Lombardia; Vista la deliberazione del Consiglio regionale 27 maggio 2014, n. 383 (Nomina del Collegio dei revisori dei conti della Regione Lombardia), che in attuazione della norma sopra richiamata nomina il Collegio dei revisori di Regione Lombardia per il triennio ; Richiamato l articolo 68 del d.lgs. 126/2014, che prevede che il Collegio dei revisori dell ente predisponga apposita relazione sul bilancio consolidato; Sentita la relazione della I Commissione «Programmazione e Bilancio»; Con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti: n. 57 Non partecipano alla votazione: n. 1 Consiglieri votanti: n. 56 Voti favorevoli: n. 34 Voti contrari: n. 22 Astenuti: n. 0 DELIBERA di approvare il primo bilancio consolidato di Regione Lombardia, redatto ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. 118/2011, come integrato e corretto dal d.lgs. 126/2014. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini

5 Bollettino Ufficiale 5 ALLEGATO

6 6 Bollettino Ufficiale

7 Bollettino Ufficiale 7

8 8 Bollettino Ufficiale

9 Bollettino Ufficiale 9

10 10 Bollettino Ufficiale

11 Bollettino Ufficiale 11

12 12 Bollettino Ufficiale

13 Bollettino Ufficiale 13

14 14 Bollettino Ufficiale

15 Bollettino Ufficiale 15

16 16 Bollettino Ufficiale

17 Bollettino Ufficiale 17

18 18 Bollettino Ufficiale

19 Bollettino Ufficiale 19

20 20 Bollettino Ufficiale

21 Bollettino Ufficiale 21

22 22 Bollettino Ufficiale

23 Bollettino Ufficiale 23

24 24 Bollettino Ufficiale

25 Bollettino Ufficiale 25

26 26 Bollettino Ufficiale

27 Bollettino Ufficiale 27

28 28 Bollettino Ufficiale

29 Bollettino Ufficiale 29

30 30 Bollettino Ufficiale

31 Bollettino Ufficiale 31

32 32 Bollettino Ufficiale

33 Bollettino Ufficiale 33

34 34 Bollettino Ufficiale

35 Bollettino Ufficiale 35

36 36 Bollettino Ufficiale

37 Bollettino Ufficiale 37

38 38 Bollettino Ufficiale

39 Bollettino Ufficiale 39

40 40 Bollettino Ufficiale

41 Bollettino Ufficiale 41

42 42 Bollettino Ufficiale

43 Bollettino Ufficiale 43

44 44 Bollettino Ufficiale

45 Bollettino Ufficiale 45

46 46 Bollettino Ufficiale

47 Bollettino Ufficiale 47

48 48 Bollettino Ufficiale

49 Bollettino Ufficiale 49

50 50 Bollettino Ufficiale

51 Bollettino Ufficiale 51 D.c.c.r. 22 dicembre n. X/565/4001 Commissione consiliare IV Attività produttive e occupazione (in sede deliberante ai sensi dell art. 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale) - Proposta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» nei comuni di Carugate (MI) e Cernusco sul Naviglio (MI) Presidenza del Presidente Ciocca Angelo LA COMMISSIONE IV «Attività Produttive e Occupazione» PREMESSO CHE i Sindaci dei Comuni di Carugate e Cernusco sul Naviglio hanno richiesto alla Regione Lombardia, in data 5 agosto 2014, di avviare l iter per la promozione di un accordo di programma finalizzato all ampliamento del Centro Commerciale «Carosello» di Carugate; il centro commerciale «Carosello» è parte di un area commerciale tra le più grandi della Lombardia, in una zona densamente edificata, con assi stradali congestionati e un area cave notevole e in espansione; la proprietà del centro commerciale «Carosello» è di Eurocommercial Properties Italia s.r.l., appartenente ad un gruppo olandese; i dati concernenti la richiesta di ampliamento del centro commerciale «Carosello», rilevati dagli atti di indirizzo votati nei due Consigli Comunali a sola maggioranza in data 28 luglio 2014, prevedono un aumento di edificazione commerciale pari a mq equivalente a circa il 50% dell attuale superficie; sul territorio, nonostante le poche informazioni circolate, si è creato un partecipato movimento civico contrario all ampliamento e si è preso atto della posizione nettamente contraria di diverse associazioni riconosciute a livello nazionale tra cui Confcommercio, Legambiente e WWF; da quello che si evince dagli atti di indirizzo dei Consigli Comunali una parte dell ampliamento andrebbe a compromettere il «Parco blu degli aironi», sul territorio di Cernusco sul Naviglio, che è un parco comunale con laghetto ricavato da una cava rinaturalizzata, soggetto a numerosi vincoli ambientali; i nuovi svincoli stradali, in particolare il progetto per una nuova uscita dalla tangenziale est, annunciati dai Sindaci come concordati con la Società Milano Serravalle Milano Tangenziali s.p.a., ma di cui non esiste nessuna evidenza agli atti, distruggerebbero un area agricola, in territorio di Cernusco sul Naviglio attualmente vincolata dal PTCP della Provincia di Milano; nel PTCP vigente l area è classificata come «ambito di rilevanza paesistica» e risulta anche area cuscinetto tra le aree agricole e le costruzioni commerciali; CONSIDERATO CHE i documenti programmatori, tra i quali i PGT, non prevedono ampliamenti dei centri commerciali ma prevedono invece tutela delle aree agricole, salvaguardia della salute dei cittadini e dell ambiente; in particolare, il PGT di Carugate certifica lo stato di saturazione delle aree oggi occupate dai grandi centri commerciali; VALUTATO CHE questo ennesimo ampliamento avrebbe ricadute negative in termini di peggioramento del traffico e dei livelli di inquinamento di un area molto vasta nella cintura tra Milano e Monza e metterebbe a rischio le comunità locali a causa del processo di desertificazione del commercio di vicinato e dei centri storici; il traffico, già ampiamente congestionato, è destinato ad aumentare vista l imminente apertura del centro commerciale all ingrosso cinese più grande d Europa, sito sul territorio di Agrate Brianza, il cui nuovo traffico generato utilizzerà la stessa viabilità dei clienti del polo commerciale di Carugate; gli impatti causati dall aumento del traffico, dell inquinamento ambientale ed acustico, non sono stati adeguatamente valutati dai Sindaci e dai Consigli Comunali; VISTO CHE la d.c.r. n. X/187 del 12 novembre 2013 ha approvato le «nuove linee per lo sviluppo delle imprese del settore commerciale» e prevede il disincentivo per ogni nuova opera o ampliamento da autorizzarsi su aree agricole o aree attualmente non edificate; la d.g.r. n. X/1193 del 20 dicembre 2013 dispone che «Regione Lombardia non promuove e non aderisce a nuovi accordi di programma in variante agli strumenti urbanistici che riguardino aree agricole da destinare a grandi strutture di vendita»; NON RILEVANDO nella attuale richiesta di ampliamento del centro commerciale «Carosello» alcun interesse strategico di portata regionale; Vista la mozione n. 333 presentata in data 26 novembre 2014; Visto l articolo 122, comma 6, del Regolamento generale del Consiglio regionale; con votazione palese per appello nominale: voti rappresentati 67; voti favorevoli 37; voti contrari 27; astenuti 3; DELIBERA DI IMPEGNARE LA GIUNTA REGIONALE a non dare seguito alle richieste dei Sindaci dei Comuni di Carugate e Cernusco sul Naviglio e quindi a ogni richiesta di attivazione di accordi di programma concernenti l ampliamento delle strutture commerciali citate in premessa. Il presidente: Angelo Ciocca Il consigliere segretario: Onorio Rosati La responsabile della posizione organizzativa: Nella Moscon

52 52 Bollettino Ufficiale D.c.r. 22 dicembre n. X/566 Ordine del giorno concernente il collegato 2015: regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzione e di servizi comunali Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 498 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 207 «Disposizioni per l attuazione della programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell articolo 9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della Regione) - Collegato 2015»; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 498 concernente il regolamento per la concessione di contributi per la gestione condivisa di funzioni e di servizi comunali, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che il progetto di legge n. 207 modifica l articolo 20, comma 3, della legge regionale 27 giugno 2008, n. 19 (Riordino delle Comunità montane della Lombardia, disciplina delle unioni di comuni lombarde e sostegno all esercizio associato di funzioni e servizi comunali), rideterminando i principi sulla base dei quali Regione Lombardia elabora il regolamento con cui determina i criteri per la concessione di contributi alle forme stabili di condivisione di funzioni e servizi comunali; osservato che tra gli anzidetti principi sono individuati «l esercizio di ulteriori servizi e funzioni rispetto a quelli ricompresi nelle funzioni fondamentali di cui all articolo 14, comma 27, del d.1. 78/2010» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub a), il «numero delle funzioni e tipologia dei servizi associati» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub b), nonché le «differenze di capacità tributaria calcolata sulla base imponibile ai fini dell IRPEF e dell IMU» (vedi progetto di legge n. 207, articolo 1, lettera e), sub i); considerato che fermo restando il rapporto gerarchico tra funzioni e servizi, nonché la preferenza che si deve accordare verso forme sempre più ampie di condivisione delle stesse da parte dei comuni, appare opportuno che anche il Consiglio regionale, attraverso la Commissione speciale «Riordino delle autonomie», venga coinvolto nell esatta individuazione dei criteri di cui al richiamato regolamento regionale per la concessione dei contributi qui considerati, al fine di garantire che tali risorse vengano riconosciute prioritariamente a quelle gestioni condivise che si rivelino più penetranti ed efficienti; con particolare riferimento ai principio relativo alle differenze di capacità tributaria tra i contesti considerati (condivisibilmente volto a favorire le gestioni condivise di funzioni e servizi che operino in contesti economicamente più disagiati) appare del pari opportuno che la Giunta regionale sottoponga alla Commissione speciale «Riordino delle autonomie» un regolamento che sia effettivamente in grado di cogliere tale aspetto concettualmente legittimo in modo veritiero e senza eccessivi adempimenti burocratici da parte dei comuni coinvolti; invita la Giunta regionale a sottoporre il regolamento di cui all articolo 20 della l.r. 19/2008 al preventivo parere obligatorio della Commissione speciale «Riordino delle autonomie», predisponendo un documento che tenga peraltro conto dei considerata espressi nel presente ordine del giorno.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini D.c.r. 23 dicembre n. X/568 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : promozione della cultura della legalità Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 501 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 501 concernente la promozione della cultura della legalità, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che l art. 4, comma 1, della legge regionale 14 febbraio 2011, n. 2 (Azioni orientate verso l educazione alla legalità) dispone che «la Regione promuove, anche attraverso l istituto per la ricerca, la formazione e la statistica, di cui alla legge regionale 6 agosto 2010, n. 14 (Interventi di razionalizzazione sul sistema regionale), iniziative formative con particolare riguardo alla formazione congiunta di operatori degli enti locali, della polizia locale, delle organizzazioni del volontariato e delle associazioni che svolgono attività di carattere sociale»; l associazione Avviso Pubblico ha censito per il 2013 circa 351 atti di intimidazione e di minaccia nei confronti di amministratori locali e funzionari pubblici; i soggetti colpiti da intimidazioni e minacce sono prevalentemente gli amministratori locali: sindaci, consiglieri comunali e presidenti di consigli comunali, seguiti dai funzionari pubblici (responsabili degli uffici tecnici, comandanti e agenti di Polizia municipale, dirigenti del settore rifiuti e sanità); la Lombardia non è immune da questo tipo di abusi da parte della criminalità organizzata come si può notare da vari episodi di cronaca, tra cui l agguato ai danni del sindaco e del vicesindaco di Cardano al Campo del 2 luglio 2013; Regione Lombardia ha aderito ad Avviso Pubblico, associazione nata con l intento di collegare e organizzare gli amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalità democratica nella politica, nella pubblica amministrazione e sui territori da essi governati; considerato che Avviso Pubblico dal marzo 2014 ha attivato un Dipartimento formazione che organizza percorsi formativi destinati prevalentemente ad amministratori e funzionari, che abbiano per oggetto temi specifici, quali la legislazione anticorruzione e antimafia, appalti, beni e aziende confiscate, ecomafie, gioco d azzardo, urbanistica, educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva e responsabile; preso atto che l adeguata formazione di amministratori e funzionari, oltre a favorire un ottimale amministrazione ordinaria, può aiutare a prevenire fenomeni intimidatori della criminalità organizzata; invita il Presidente e la Giunta regionale a predisporre programmi formativi per amministratori pubblici e funzionari sui temi connessi alla prevenzione del crimine organizzato e della corruzione e alla promozione della cultura della legalità democratica e della cittadinanza responsabile, prevedendo un adeguato appostamento di bilancio.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini

53 Bollettino Ufficiale 53 D.c.r. 23 dicembre n. X/569 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : utilizzo dei beni confiscati alla mafia Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 502 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 65 Consiglieri votanti n. 64 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 64 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 502 concernente l utilizzo dei beni confiscati alla mafia, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla Regione Lombardia, alla Federazione delle associazioni antiracket, alle province e ai comuni sono stati riconosciuti i risarcimenti a seguito della costituzione di parte civile nel processo «Infinito»; considerate la consistenza della criminalità organizzata nella nostra regione, la costante scoperta di infiltrazioni mafiose, l importanza dei sequestri e delle confische di beni alla ndrangheta e alla mafia; ipotizzata, quindi, la necessità di contrastare con sempre maggior forza il progetto criminale di infiltrazione nella società e nell economia lombarda attraverso il costante ricorso alla costituzione di parte civile per sottolineare la volontà dello Stato e delle sue istituzioni di debellare il fenomeno; preso atto della necessità di sostenere con sempre maggior forza i soggetti vittime della prevaricazione mafiosa, anche attraverso la promozione di iniziative e il sostegno effettivo; valutata la legge regionale 3 maggio 2011, n. 9 (Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto della criminalità), che prevede un investimento diretto di Regione Lombardia nella prevenzione e il contrasto dei fenomeni di criminalità comune e organizzata e nell incentivazione di percorsi di legalità; impegna il Presidente e la Giunta regionale a prevedere che le risorse provenienti da processi inerenti attività proprie di criminalità organizzata e/o di stampo mafioso e in cui Regione Lombardia si è costituita e si costituirà in futuro parte civile vengano utilizzate anche per il finanziamento di misure utili a migliorare l utilizzo dei beni e la riattivazione delle aziende confiscati e sequestrati alla mafia e che a tale esito si pervenga con l istituzione di un apposito capitolo di bilancio a risorse vincolate.. Il presidente: Raffaele Cattaneo I consiglieri segretari: Maria Daniela Maroni - Eugenio Casalino Il segretario dell assemblea consiliare: Mario Quaglini D.c.r. 23 dicembre n. X/570 Ordine del giorno concernente il bilancio di previsione : salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali Presidenza del Presidente Cattaneo IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA Visto l Ordine del giorno n. 466 presentato in data 22 dicembre 2014, collegato al progetto di legge n. 211 «Bilancio di previsione »; a norma dell art. 85 del Regolamento generale, con votazione per appello nominale, che dà il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 67 Consiglieri votanti n. 66 Non partecipano alla votazione n. 1 Voti favorevoli n. 66 Voti contrari n. 0 Astenuti n. 0 DELIBERA di approvare l Ordine del giorno n. 466 concernente la salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e riconoscimento dei crediti forestali, nel testo che così recita: Il Consiglio regionale della Lombardia premesso che boschi e foreste svolgono un ruolo esclusivo nelle strategie di lotta all effetto serra e ai cambiamenti climatici che deriva dalla capacità delle piante arboree, arbustive ed erbacee di assorbire e immagazzinare un enorme quantitativo di anidride carbonica, compensando le emissioni dovute all uso di combustibili fossili prodotte principalmente nelle zone industrializzate di pianura; ricordato che nel corso del mese di aprile 2014 il Pianeta ha superato il livello medio di anidride carbonica in atmosfera di 400 parti per milione (ppm) «in modo costante», record storico già registrato dal National Oceanic and Atmosferic Administration (NOAA) nel mese di maggio 2013, mai raggiunto negli ultimi 5 milioni di anni, che rappresenta l ennesimo campanello di allarme rispetto ai cambiamenti climatici in corso vista la comunicazione annuale italiana relativa all inventario nazionale delle emissioni in atmosfera dei gas serra, prevista dalla Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (Unfcc) per monitorare il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Protocollo di Kyoto, dalla quale si evidenzia che le emissioni nazionali totali dei gas serra, espresse in C02 equivalente, sono diminuite dell 11,4 per cento nel 2012 rispetto all anno base (1990), ma questo risultato è notevolmente migliore (-14,3) se si considera il contributo legato agli assorbimenti di carbonio da parte dei boschi e delle foreste; considerato che le aree boschive rappresentano per il nostro Paese un importante risorsa sia per superficie boscata ( kmq pari a più di un terzo del territorio nazionale) sia per volume di massa e che solo l accrescimento differenziale in massa tra il 1990 e il 2010, ricavato per differenza tra le due situazioni risulta pari a un volume legnoso di di mc con una biomassa secca di tonnellate equivalenti a circa di tonnellate di carbonio stoccato e a circa tonnellate di C02 stoccata nel periodo ( tonnellate di C02 fissate in media in più ogni anno); la proprietà forestale è costituita per il 63,5 per cento da privati, per il 32,4 per cento da pubblico (di cui 65,5 per cento comuni e province, 23,7 per cento Demanio statale e regionale e 8,3 per cento altri enti pubblici); attualmente, agli effetti del Protocollo di Kyoto, lo sfruttamento dei crediti forestali non é riconosciuto ai proprietari dei terreni. siano essi privati o pubblici, in termini di corrispondenti valorizzazioni economiche; rilevato che per il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, considerando la media delle emissioni del periodo , la riduzione rispetto all anno base è di 4,6 per cento a fronte dell impegno nazionale di riduzione del 6,5 per cento fissato dal protocollo per lo stesso periodo; ricordato che Stato e regioni assolvono a una duplice competenza in tema di boschi e foreste: da un lato una competenza esclusiva apprestata dallo Stato, nell esercizio delle sue funzioni in materia di tutela dell ambiente (le Regioni, nell esercizio delle specifiche competenze possono però garantire forme di tutela ambientale più elevate) dall altra una competenza regionale sulla funzione economico-produttiva nel rispetto della «sostenibilità degli eco-

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA Via Capoluogo, 21-27050 Menconico (PV) Tel. 0383574001 - Fax 0383574156 P. IVA/C.F. 01240140184 Prot. n. 797 Menconico, 15 luglio 2010 Spett.le - COMUNE DI VARZI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015

Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.20 dell 8 Maggio 2015 Approvazione delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli