BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Martedì 12 agosto 2014 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Martedì 12 agosto 2014 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI"

Transcript

1 Anno XLIV N. 203 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Marco Pilloni Redazione: tel. 02/6765 int ; 33 Serie Ordinaria - Martedì 12 agosto 2014 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO Avviso di rettifica Delibera Giunta regionale 1 agosto n. X/2307 «Trasformazione della Azienda di servizi alla persona Santa Chiara con sede legale in Lodi in Fondazione senza scopo di lucro denominata Fondazione Santa Chiara - centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus ai sensi dell art. 7 della l.r. 1/2003», pubblicata sul BURL Serie Ordinaria n. 32 del 7 agosto C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Delibera Giunta regionale 1 agosto n. X/2275 Disciplina delle agevolazioni regionali di trasporto pubblico ai sensi dell art. 45, comma 1, della l.r. n. 6/2012 e art. 28 del regolamento regionale n. 4/ D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Istruzione, formazione e lavoro Decreto direttore generale 5 agosto n Approvazione dell elenco degli ordini, collegi e associazioni professionali componenti la Consulta regionale di cui alla l.r. 7/ Decreto dirigente unità organizzativa 5 agosto n Modifica dell avviso Dote Unica Lavoro di cui al d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013 e ss.mm.ii. in attuazione delle d.g.r. n. 1983/2014 e n. 2257/ D.G. Salute Decreto dirigente struttura 4 agosto n Aggiornamento del registro della Regione Lombardia dei laboratori che effettuano analisi nell ambito delle procedure di autocontrollo delle industrie alimentari D.G. Culture, identità e autonomie Decreto direttore generale 5 agosto n Assegnazione dei finanziamenti ai progetti presentati sul fondo di rotazione per la ristrutturazione, l adeguamento tecnologico di sale da destinare ad attività di spettacolo e l acquisto e l istallazione di apparecchiature digitali per la proiezione - ex art. 5 l.r. 21/ Anno Decreto dirigente struttura 5 agosto n Approvazione delle risultanze dell istruttoria dei progetti pervenuti in seguito all emanazione dell invito a presentare progetti per la valorizzazione di musei di enti locali o di interesse locale, sistemi museali locali e reti regionali di musei ( l.r. 39/74 e l.r. 1/2000 ) di cui al d.d.g. n. 2796/ allegato A, sez. a3. assunzione dell impegno di spesa di euro sul capitolo , «Trasferimenti alle istituzioni sociali private per il funzionamento e lo sviluppo dei musei di enti locali e di interesse locale» e di euro ,5 sul capitolo «Trasferimenti alle amministrazioni locali per il funzionamento e lo sviluppo dei musei di enti locali e di interesse locale», a favore di destinatari diversi Decreto dirigente struttura 5 agosto n Individuazione dei soggetti per l assegnazione dei contributi per la realizzazione di progetti di promozione della musica, della danza, della cultura cinematografica e audiovisiva. Anno L.r. 21/2008. Assunzione dell impegno di spesa per l importo di ,00 e contestuale liquidazione di ,00 a favore di beneficiari diversi di cui: ,00 a valere sul cap Trasferimenti a istituzioni sociali private; ,00 a valere sul cap Trasferimenti ad amministrazioni locali; ,00 a valere sul cap Trasferimenti a imprese. Bilancio D.G. Agricoltura Decreto dirigente struttura 4 agosto n «Misure forestali» - L.r. 31/2008 artt. 25, 26, 40 comma 5 lettera b), 55 commi 4 e 56: approvazione del piano di riparto delle risorse in attuazione della d.g.r. 18 luglio 2014 n. X/2158 (l.r. 31/2008), approvazione delle procedure per l apertura dei bandi e impegno e liquidazione dei fondi regionali a favore delle Comunità montane e delle Province

2 2 Bollettino Ufficiale Comunicato regionale 7 agosto n. 104 Direzione generale Agricoltura - «Misure forestali» (l.r. 31/2008) - Riparto delle risorse 2014 alle Comunità montane e alle Province (allegato A al d.d.s. 7505/2014) e procedure per l apertura dei bandi (allegato B al d.d.s. 7505/2014) D.G. Sport e politiche per i giovani Decreto dirigente struttura 4 agosto n Approvazione del programma per l anno 2014 per la promozione della montagna e delle sue professioni presentato dal Collegio regionale delle Guide Alpine e contestuale impegno di euro , Decreto dirigente struttura 5 agosto n Bando 2014 riqualificazione palestre scolastiche esistenti (l.r. 8 ottobre 2002 n. 26) (d.d.s. del 13 dicembre 2013 n ) - Presa d atto rinuncia del Comune di Grassobbio (BG), impegno di spesa a favore dei beneficiari di contributo, e liquidazione della prima quota pari al 50% del contributo ai Comuni che hanno iniziato i lavori e presentato relativa richiesta di erogazione D.G. Attività produttive, ricerca e innovazione Decreto dirigente struttura 6 agosto n Determinazioni in ordine al programma Start up e Re Start (all. 2 d.d del 18 ottobre 2013 e 6009 del 30 giugno 2014): presa d atto dell avvenuta iscrizione a registro camerale degli aspiranti imprenditori di cui ai dd. n del 24 marzo 2014 e n del 30 giugno D.G. Ambiente, energia e sviluppo sostenibile Decreto dirigente unità organizzativa 6 agosto n Impegno di spesa di euro ,15 a favore del Comune di Dello (BS) per l integrazione delle attività di messa in sicurezza d emergenza nel sito contaminato Eco-Neproma, in applicazione a quanto previsto dal r.r. n. 2/2012 di cui all art. 21 della l.r. 26/ Decreto dirigente struttura 5 agosto n Approvazione ai sensi dei commi 4 e 7, dell art. 242 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, dei documenti «Area Capannone Via Bagnolo - Progetto di messa in sicurezza permanente dei materiali di riporto supportato da analisi di rischio» e «analisi di rischio sito-specifica, redatta ai sensi del d.lgs. 152/2006», dell area di proprietà della società Elettrochimica Solfuri e Cloroderivati s.p.a. sita nei comuni di Tavazzano con Villavesco e Lodi Vecchio (LO) e autorizzazione alla realizzazione degli interventi in essi previsti

3 Bollettino Ufficiale 3 Avviso di rettifica Delibera Giunta regionale 1 agosto n. X/2307 «Trasformazione della Azienda di servizi alla persona Santa Chiara con sede legale in Lodi in Fondazione senza scopo di lucro denominata Fondazione Santa Chiara - centro multiservizi per la popolazione anziana Onlus ai sensi dell art. 7 della l.r. 1/2003», pubblicata sul BURL Serie Ordinaria n. 32 del 7 agosto 2014 Al punto 2. del dispositivo della d.g.r. di cui all oggetto, al posto delle parole «Azienda di Servizi alla Persona Casa Leandra», si legga «Azienda di Servizi alla Persona Santa Chiara».

4 4 Bollettino Ufficiale C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 1 agosto n. X/2275 Disciplina delle agevolazioni regionali di trasporto pubblico ai sensi dell art. 45, comma 1, della l.r. n. 6/2012 e art. 28 del regolamento regionale n. 4/2014 Visti: LA GIUNTA REGIONALE il d. lgs. 19 novembre 1997 n. 422 avente per oggetto «Conferimento alle Regioni e agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale a norma dell art. 4 della legge 15 marzo 1997, n. 59» e successive modificazioni ed integrazioni; la l.r. 4 aprile 2012 n. 6 «Disciplina del settore dei trasporti», con particolare riguardo all art. 45, c. 1, che prevede in capo alla Giunta regionale, previa consultazione della Conferenza regionale del trasporto pubblico locale, la disciplina delle agevolazioni per l utilizzo dei servizi di trasporto pubblico regionale e locale nel territorio regionale, spettanti alle categorie di soggetti residenti in Lombardia individuate nel regolamento di cui all articolo 44, e all art. 46, comma 2, che disciplina le sanzioni per i soggetti titolari di agevolazione regionale; il regolamento regionale del 10 giugno 2014 n. 4 «Sistema tariffario integrato regionale del trasporto pubblico (art. 44 l.r. 6/2012)», di seguito «Regolamento», con particolare riguardo all art. 28 che prevede le categorie di soggetti residenti in Lombardia aventi diritto ad agevolazioni sui servizi di trasporto pubblico di linea, che la Giunta regionale e gli Enti Regolatori possono istituire agevolazioni e gratuità, anche in forma differenziata in relazione alle categorie ed alle tipologie degli utenti beneficiari, nonché sulla base di indicatori di situazione economica e familiare ed inoltre che la Giunta regionale disciplini tipologia e ambito di validità delle agevolazioni tariffarie, modalità operative per il riconoscimento e il rilascio dell agevolazione e le categorie che hanno diritto all accompagnatore. le d.g.r. attuative del sistema delle agevolazioni tariffarie denominate «Carta Regionale di Trasporto», di seguito «CRT», secondo quanto già disciplinato dalle leggi regionali precedenti (l.r. n. 22/1998, 1/2002 e n. 11/2009): d.g.r. 12 marzo 2004, n , d.g.r. 15 marzo 2004, n , d.g.r. 26 marzo 2004, n , d.g.r. 2 luglio 2004, n , d.g.r. 15 ottobre 2004, n , d.g.r. 4 agosto 2005, n. 538, d.g.r. 18 gennaio 2006, n. 1737, d.g.r. 5 dicembre 2007, n. 6044, la d.g.r. del 28 maggio 2008, n. 7368, la d.g.r. 5 agosto 2010, n. 431, d.g.r. 25 luglio 2012, n.3834 e la d.g.r. 6 settembre 2013, n. 627; la d.g.r. 29 dicembre 2010, n. 1204, che prevede la tessera «Io viaggio» per accompagnare, tra l altro, i titoli di viaggio «Io viaggio ovunque in Lombardia»; la d.g.r. 18 aprile 2012, n. 3297, che istituisce, in sostituzione della CRT intera, i nuovi abbonamenti integrati trimestrali ed annuali «Io viaggio ovunque in Lombardia»; il decreto dirigenziale del 17 gennaio 2013, n. 215, che definisce la modulistica per la richiesta e il rinnovo della Carta Regionale di Trasporto; il contratto rep. n «Contratto d appalto per la gestione delle attività connesse alle agevolazioni di trasporto pubblico regionale (Carta regionale di trasporto)», registrato presso l Agenzia delle Entrate di Milano il 28 aprile 2014 al n. 3 serie 1; la d.g.r. 24 gennaio 2014, n. 1263, che prevede, tra l altro, che la Carta Plus Lombardia annuale sia utilizzabile sui treni ESCity e similari in abbinamento alla Carta Regionale di Trasporto gratuita, agevolata e ridotta (trimestrale o annuale); Dato atto che il procedimento e le modalità di gestione delle agevolazioni tariffarie regionali sono stati oggetto di incontri tecnici con i rappresentanti delle Associazioni delle aziende di TPL, ANAV, ASSTRA, nonché con i rappresentanti delle aziende TRENORD, ATM, cui è stato illustrato nell ultimo incontro del 21 luglio 2014 il processo di gestione, come descritto nell allegato C, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Ritenuto opportuno: confermare il sistema vigente sin dal 2004 che consente la libera circolazione su tutti i mezzi di trasporto pubblico regionale a favore di specifiche categorie di soggetti beneficiari, prevedendo per alcune di esse un requisito di reddito massimo, definito dall attestazione ISEE; stabilire che, in attuazione dell art. 45, c. 1, l.r. n. 6/2012, per servizi di trasporto pubblico regionale e locale nel territorio regionale utilizzabili dalle categorie individuate dal Regolamento si intendono i servizi di trasporto pubblico locale già utilizzabili con la Carta Regionale di Trasporto, ivi compresi i servizi funiviari e funicolari di TPL, i servizi ferroviari di 2 classe, i servizi di TPL di navigazione regionalizzati, e, ai quali, in base a quanto previsto dal Regolamento, si applica il sistema tariffario integrato regionale, confermando quanto già disciplinato dalle delibere assunte precedentemente; stabilire che la disciplina oggetto della presente deliberazione si applica dal 1 gennaio 2015; ridenominare le agevolazioni tariffarie: a) l agevolazione regionale CRT gratuita in «Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata 1^ fascia» (IVOL agevolata 1 fascia); b) l agevolazione CRT agevolata in «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 2^ fascia» (IVOL agevolata 2 fascia); c) l agevolazione CRT ridotta in «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 3^ fascia» (IVOL agevolata 3 fascia)»; definire le tipologie di cittadini beneficiari delle agevolazioni aventi diritto all agevolazione senza alcun requisito di reddito e quelle aventi diritto sulla base di un requisito di reddito, così come individuate nell Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; definire le categorie beneficiarie che hanno diritto all estensione dell agevolazione a favore di un soggetto accompagnatore, così come riportate nell Allegato B, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; confermare il requisito di reddito costituito dal possesso di un attestazione ISEE in corso di validità e nei limiti sotto riportati per le seguenti categorie di beneficiari: ISEE massimo pari a per le persone con età superiore a 65 anni beneficiare dell agevolazione IVOL agevolata 2 fascia; ISEE massimo pari a per le altre categorie di soggetti che possono beneficiare dell agevolazione IVOL agevolata 2 fascia; definire il procedimento amministrativo e le modalità operative per il rilascio e per il rinnovo delle agevolazioni tariffarie, per i casi di furto e smarrimento dei titoli di viaggio, per i casi di mancato recapito della tessera elettronica, per lo svolgimento delle attività di controllo sulle autocertificazioni presentate, in attuazione di quanto disposto dall art. 15 della l. n. 183/2011, al fine di verificare il mantenimento dei requisiti dichiarati e procedere con l eventuale applicazione delle sanzioni previste dalle disposizioni vigenti, nonché per i rimborsi così come già previsto dalla d.g.r. 627/2013 ed infine per la valorizzazione economica alle aziende, così come indicati nell Allegato C, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; definire lo schema di Convenzione, Allegato D, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, tra Regione Lombardia e le aziende di trasporto pubblico regionale e locale della Lombardia per disciplinare gli impegni delle parti derivanti dai procedimenti indicati nell Allegato C; confermare le seguenti tariffe: «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 1 fascia» 10 /anno «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 2 fascia» 80 /anno «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 3 fascia» 699 /anno In tali tariffe è compreso il costo di rilascio e spedizione della tessera elettronica, definito in 8, di cui 3,4 corrispondenti ai costi vivi di produzione e stampa della tessera e, per la parte residua, corrispondente al costo di spedizione con raccomandata con ricevuta di ritorno, stabilito con tariffa ministeriale, valore che potrà essere adeguato con atto della competente struttura della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità, in funzione dell'eventuale variazione delle tariffe ministeriali; il costo di rilascio è ritenuto congruo sulla base di quanto oggi richiesto dalle singole aziende esercenti che rilasciano tessere elettroniche e

5 Bollettino Ufficiale 5 pari a 4 per Trenord, 10 per ATM Servizi, 5 per Brescia Trasporti (costi che non includono le spese di spedizione); Stabilire che il layout delle tessere di riconoscimento riservato ai titolari di agevolazione, è definito nelle versioni con e senza accompagnatore, utilizzando i colori della tessera «Io viaggio», di cui alla d.g.r. 1204/10, nonché i marchi «io viaggio» e «Lombardia in movimento», in conformità al loro manuale d uso; Sostituire la Carta Regionale di Trasporto nell affiancamento alla Carta Plus annuale per l accesso ai treni ESCity e similari con la tessera «Io viaggio ovunque in Lombardia» agevolata, ai fini di quanto previsto dall accordo per l Accesso ai treni ESCity e similari; Preso atto degli esiti della Conferenza Regionale del TPL, svoltasi il 30 luglio 2014, nella quale è stato illustrato il nuovo processo di gestione delle agevolazioni tariffarie regionali; Ritenuto necessario procedere, conseguentemente alla definizione del nuovo processo di rilascio delle agevolazioni tariffarie, entro il 31 dicembre 2014: in attuazione del principio di semplificazione, alla definizione della nuova modulistica necessaria per richiedere l agevolazione e per il rinnovo, con apposito atto della competente struttura della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità; alla definizione della documentazione da inviare al recapito indicato dal cittadino, incluse le istruzioni di viaggio e le modalità di pagamento, con apposito atto della competente struttura della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità; alla sospensione della distribuzione negli uffici postali della modulistica per la richiesta della CRT e all avvio della distribuzione della nuova modulistica; all avvio di una campagna comunicativa per i beneficiari dell agevolazione tariffaria regionale; Dato atto che il Contratto d appalto per la gestione delle attività connesse alle agevolazioni di trasporto pubblico regionale (CRT) scade il 31 dicembre 2014, termine sino al quale Regione continua il processo di rilascio delle agevolazioni tariffarie ai beneficiari secondo le disposizioni previgenti rispetto al presente provvedimento; Ritenuto pertanto necessario garantire a tutte le categorie beneficiarie previste dalle disposizioni previgenti rispetto al presente provvedimento e individuate dall allegato B al regolamento regionale n. 4/2014 un periodo transitorio fino a tutto il mese di febbraio 2016, durante il quale le aziende continueranno a riconoscere validi gli abbonamenti trimestrali e annuali degli utenti della CRT che effettueranno pagamenti utilizzando le modalità fino ad oggi previste; Regione garantisce, comunque, nella valorizzazione economica delle agevolazioni, anche quelle relative ai pagamenti delle CRT durante il periodo transitorio; Ritenuto conseguentemente necessario considerare superate e sostituite tutte le disposizioni contenute nelle deliberazioni assunte precedentemente in materia, se in contrasto con quanto previsto dal presente provvedimento, a far data dal 1 gennaio 2015, fatto salva la validità dei titoli di viaggio in circolazione sino a febbraio 2016, periodo transitorio definito al punto precedente; Dato atto che l impegno finanziario a carico di Regione relativamente alle seguenti spese: di stampa e postalizzazione della documentazione da inviare al recapito indicato dal cittadino, incluse le istruzioni di viaggio e il bollettino postale premarcato, stimabili in un massimo di invii annuali; di stampa della nuova modulistica necessaria per richiedere l agevolazione, per la quale sono in corso verifiche circa i canali di distribuzione aggiuntivi rispetto alle Sedi territoriali regionali e al sito internet lombardia.it, con particolare riguardo alla possibilità di distribuire ai competenti sportelli degli uffici comunali di tutti i comuni lombardi; di rimborso delle agevolazioni secondo quanto disposto nell allegato C, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; di valorizzazione economica dovuta alle aziende di trasporto per l accesso all utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico con titolo di viaggio agevolato, trova copertura nell ambito delle risorse finanziarie stanziate sui capitoli per un totale complessivo stimabile in 17 Meuro annui per gli anni 2015 e 2016 di cui al bilancio pluriennale 2014/2016 approvato con l.r. n. 23 del 24 dicembre 2013; Valutate e fatte proprie le predette considerazioni; All unanimità dei voti espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1. di confermare che le agevolazioni tariffarie regionali previste dall art. 45, c. 1, l.r. n. 6/2012, consentono la libera circolazione sui servizi di trasporto pubblico locale già utilizzabili con la Carta Regionale di Trasporto, ivi compresi i servizi funiviari e funicolari di TPL, i servizi ferroviari di 2 classe, i servizi di TPL di navigazione regionalizzati, e, ai quali, in base a quanto previsto dal Regolamento si applica il sistema tariffario lombardo; 2. di stabilire che la disciplina oggetto della presente deliberazione si applica dal 1 gennaio 2015; 3. di ridenominare le agevolazioni tariffarie: a) l agevolazione regionale CRT gratuita in «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 1^ fascia» (IVOL agevolata 1 fascia); b) l agevolazione CRT agevolata in «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 2^ fascia» (IVOL agevolata 2 fascia); c) l agevolazione CRT ridotta in «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 3^ fascia (IVOL agevolata 3 fascia)»; 4. di definire le tipologie di cittadini beneficiari delle agevolazioni aventi diritto all agevolazione senza alcun requisito di reddito e quelle aventi diritto sulla base di un requisito di reddito, così come individuate nell Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 5. di definire le categorie beneficiarie che hanno diritto all estensione dell agevolazione a favore di un soggetto accompagnatore, così come riportate nell Allegato B, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 6. di confermare il requisito di reddito costituito dal possesso di un attestazione ISEE in corso di validità e nei limiti sotto riportati alle seguenti categorie di beneficiari: ISEE massimo per le persone con età superiore a 65 anni beneficiare dell agevolazione IVOL agevolata 2 fascia; ISEE massimo per le altre categorie di soggetti che possono beneficiare dell agevolazione IVOL agevolata 2 fascia; 7. di definire il procedimento amministrativo e le modalità operative per il rilascio e per il rinnovo delle agevolazioni tariffarie, per i casi di furto e smarrimento dei titoli di viaggio, per i casi di mancato recapito della tessera elettronica, per lo svolgimento delle attività di controllo sulle autocertificazioni presentate, in attuazione di quanto disposto dall art. 15 della l. n. 183/2011, al fine di verificare il mantenimento dei requisiti dichiarati e procedere con l eventuale applicazione delle sanzioni previste dalle disposizioni vigenti, nonché per i rimborsi così come già previsto dalla d.g.r. 627/2013 ed infine per la valorizzazione economica alle aziende, così come indicati nell Allegato C, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 8. di definire lo schema di Convenzione, Allegato D, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, tra Regione Lombardia e le aziende di trasporto pubblico regionale e locale della Lombardia per disciplinare gli impegni delle parti derivanti dai procedimenti indicati nell Allegato C; 9. di confermare le seguenti tariffe: «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 1 fascia» 10 /anno «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 2 fascia» 80 /anno «Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 3 fascia» 699 /anno In tali tariffe è compreso il costo di rilascio e spedizione della tessera elettronica, definito in 8, di cui 3,4 corrispondenti ai costi vivi di produzione e stampa della tessera e, per la parte residua, corrispondente al costo di spedizione con raccomandata con ricevuta di ritorno, stabilito con tariffa ministeriale, valore che potrà essere adeguato con atto della competente struttura della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità, in funzione dell'eventuale variazione delle tariffe ministeriali; 10. di stabilire che il layout delle tessere di riconoscimento riservato ai titolari di agevolazione, è definito nelle versioni con

6 6 Bollettino Ufficiale e senza accompagnatore, utilizzando i colori della tessera «Io viaggio», di cui alla d.g.r. 1204/10, nonché i marchi «io viaggio» e «Lombardia in movimento», in conformità al loro manuale d uso; 11. di sostituire la Carta Regionale di Trasporto nell affiancamento alla Carta Plus annuale per l accesso ai treni ESCity e similari la tessera «Io viaggio ovunque in Lombardia» agevolata, ai fini di quanto previsto dall accordo per l Accesso ai treni ESCity e similari; 12. di dare mandato, in attuazione del principio di semplificazione, alla competente struttura della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità alla definizione: della nuova modulistica necessaria per richiedere l agevolazione e per il rinnovo; della documentazione da inviare al recapito indicato dal cittadino, incluse le istruzioni di viaggio e le modalità di pagamento; della sospensione della distribuzione negli uffici postali della modulistica per la richiesta della CRT e all avvio della distribuzione della nuova della nuova modulistica; della campagna comunicativa per i beneficiari dell agevolazione tariffaria regionale; 13. di stabilire che a tutte le categorie beneficiarie previste dalle disposizioni previgenti rispetto al presente provvedimento e individuate dall allegato B al regolamento regionale n. 4/2014 un periodo transitorio fino a tutto il mese di febbraio 2016 durante il quale le aziende continueranno a riconoscere validi gli abbonamenti trimestrali e annuali degli utenti della CRT che effettueranno pagamenti utilizzando le modalità fino ad oggi previste; Regione garantisce, comunque, nella valorizzazione economica delle agevolazioni, anche quelle relative ai pagamenti delle CRT durante il periodo transitorio; 14. di considerare superate e sostituite tutte le disposizioni contenute nelle deliberazioni assunte precedentemente in materia, se in contrasto con quanto previsto dal presente provvedimento, a far data dal 1 gennaio 2015, fatto salva la validità dei titoli di viaggio in circolazione sino a febbraio 2016, periodo transitorio definito al punto precedente; 15. di stabilire che l impegno finanziario a carico di Regione relativamente alle seguenti spese: di stampa e postalizzazione della documentazione da inviare al recapito indicato dal cittadino, incluse le istruzioni di viaggio e il bollettino postale premarcato, stimabili in un massimo di invii annuali; di stampa della nuova modulistica necessaria per richiedere l agevolazione, per la quale sono in corso verifiche circa i canali di distribuzione aggiuntivi rispetto alle Sedi territoriali regionali e al sito internet it, con particolare riguardo alla possibilità di distribuire ai competenti sportelli degli uffici comunali di tutti i comuni lombardi; di rimborso delle agevolazioni secondo quanto disposto nell allegato C, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; di valorizzazione economica dovuta alle aziende di trasporto per l accesso all utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico con titolo di viaggio agevolato, trova copertura nell ambito delle risorse finanziarie stanziate sui capitoli per un totale complessivo stimabile in 17 Meuro annui per gli anni 2015 e 2016 di cui al bilancio pluriennale 2014/2016 approvato con l.r. n. 23 del 24 dicembre 2013; 16. di disporre la pubblicazione del presente atto sul BURL, sul sito istituzionale della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità e ai sensi degli artt. 26 e 27 del d.lgs. 33/2013. Il segretario: Marco Pilloni

7 Bollettino Ufficiale 7 ALLEGATO A CATEGORIE DI BENEFICIARI DELL AGEVOLAZIONE A.1 Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 1 fascia L agevolazione tariffaria di 1 fascia è riservata ai cittadini residenti in Lombardia e appartenenti alle seguenti categorie indicate dall art. 28, c. 2 del Regolamento n. 4/2014: a) invalidi di guerra e di servizio dalla prima alla quinta categoria; b) deportati nei campi di sterminio nazisti K.Z., con invalidità dalla prima alla quinta categoria, oppure con invalidità civile non inferiore al sessantasette per cento; c) invalidi a causa di atti di terrorismo e vittime della criminalità organizzata dalla prima alla quinta categoria o corrispondente percentuale di menomazione della capacità lavorativa; d) privi di vista per cecità totale o parziale (art. 2 e 3 l. n. 138/2001); e) sordi in possesso del certificato di sordità (art. 1 l. 381/1970); f) invalidi civili al 100%, g) minori con invalidità di cui al punto 7 del certificato delle Commissioni Sanitarie; h) inabili ed invalidi del lavoro con grado di invalidità a partire dall 80%, o equiparato; i) vittime del dovere ai sensi della normativa vigente con invalidità permanente non inferiore all 80%; j) profughi da territori esteri in seguito a situazioni di carattere generale che hanno determinato lo stato di necessità al rimpatrio, che versano in stato di bisogno, ai sensi della normativa vigente (di cui alla l. n. 763/1981 Normativa organica per i profughi limitatamente alla fattispecie di cui all art. 1, n. 4, che prevede che gli interventi previsti nella stessa legge si applicano ai cittadini italiani ed ai loro familiari a carico, in possesso della qualifica di profugo da territori esteri in seguito a situazioni di carattere generale che hanno determinato lo stato di necessità al rimpatrio. Sono considerati profughi, ai sensi del n. 4 dell art.1 i cittadini italiani che siano rimpatriati dai Paesi esteri, o trovandosi in Italia non possano farvi ritorno, a causa di situazioni di carattere eccezionale ivi determinatesi e riconosciute con formale provvedimento dichiarativo dello stato di necessità al rimpatrio. la qualifica di profugo é riconosciuta, a domanda, dal prefetto della provincia di residenza del richiedente.) I soggetti minorenni, già titolari di agevolazione, al compimento del 18 anno di età devono presentare una nuova domanda per ottenere l agevolazione in funzione dello stato di invalidità che viene riconosciuto dalle Commissioni Sanitarie; i soggetti diventati maggiorenni possono (in proprio o attraverso il tutore nominato) inviare fotocopia della ricevuta di presentazione della nuova domanda di riconoscimento dell invalidità presentata all INPS; in tal caso alla scadenza della loro agevolazione riconosciuta in qualità di minorenni sarà consentito un ulteriore rinnovo annuale (principio già stabilito con la d.g.r. n. 7368/2008). A.2 Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 2 fascia L agevolazione tariffaria di 2 fascia è riservata ai cittadini residenti in Lombardia e appartenenti alle seguenti categorie indicate dall art. 28, c. 2 del Regolamento n. 4/2014: a) invalidi di guerra e di servizio dalla sesta alla ottava categoria; b) invalidi a causa di atti di terrorismo e vittime della criminalità organizzata dalla sesta alla ottava categoria o corrispondente percentuale di menomazione della capacità lavorativa; c) invalidi civili dal 67% al 99%, o equiparato; d) inabili ed invalidi del lavoro dal 67% al 79%, o equiparato; e) persone di età superiore ai sessantacinque anni. Tutte le sopra citate categorie di beneficiari possono accedere all agevolazione solo se l attestazione ISEE comprova un limite di reddito pari o inferiore a quello indicato nella d.g.r.. A.3 Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata 3 fascia L agevolazione tariffaria è riservata ai cittadini residenti in Lombardia e appartenenti alla seguente categoria: - persone di età superiore ai sessantacinque anni che possono accedere senza alcun limite di reddito comprovato da attestazione ISEE.

8 8 Bollettino Ufficiale ALLEGATO B CATEGORIE DI BENEFICIARI AVENTI DIRITTO ALL ACCOMPAGNATORE Le seguenti categorie di beneficiari delle agevolazioni tariffarie hanno diritto a viaggiare accompagnati da una persona non pagante: - privi di vista per cecità totale o parziale; - minori con invalidità; - soggetti titolari di Io Viaggio Ovunque in Lombardia (IVOL) agevolata di 1^ e 2^ fascia e aventi diritto all accompagnatore ai sensi: o Della legge n. 104/92 art. 3, comma 3, o Della legge n. 18/80, o Della l. 508/88, o punti 5, 6 e 7 parte III del certificato di invalidità, - persone affette dalla Sindrome di Down titolari di IVOL di 1^ e 2^ fascia aventi diritto all accompagnamento attestato da certificato medico di base. Le categorie dei privi di vista e dei minori di anni 18, appartenenti ad una delle fattispecie di cui all art. 28, c. 2, del r.r. n. 4/14, hanno diritto a viaggiare con accompagnatore, esibendo in caso di controllo a bordo dei mezzi il titolo di viaggio IVOL del titolare dell agevolazione. L accompagnatore è colui che, indipendentemente dalla propria età anagrafica, accompagna il titolare dell agevolazione nel suo spostamento; avvalersi dell accompagnatore è una mera facoltà per l utente titolare dell agevolazione, che ha diritto di viaggiare anche singolarmente senza accompagnatore. ALLEGATO C Procedimento amministrativo per le fattispecie di rilascio, rinnovo, furto e smarrimento, mancato recapito, espletamento dei controlli a campione, rimborso e valorizzazione economica dell agevolazione Io viaggio ovunque in Lombardia - agevolata C.1. Procedimento per il rilascio di nuova agevolazione 1 Regione provvede a rendere disponibile la documentazione per la presentazione dell istanza per l agevolazione tariffaria, denominata Kit Nuove Agevolazioni, almeno presso gli SpazioRegione, le Sedi territoriali Regionali e sul sito internet regionale; 2 Il cittadino ritira il Kit Nuove Agevolazioni presso la rete distributiva o, in alternativa, compila l apposito form presente sul sito internet di Regione Lombardia; 3 Il cittadino compila la domanda, allega la documentazione richiesta per ottenere l agevolazione e la invia a Regione o allo SpazioRegione, in base alle modalità definite nella modulistica fornita all utente; 4 Regione attraverso le Sedi Territoriali regionali, entro 25 giorni dalla data del ricevimento della domanda, provvede ad effettuare l istruttoria della domanda presentata, verificando il possesso dei requisiti e richiedendo eventuali chiarimenti o integrazioni della documentazione presentata, registrando i dati del cittadino nell apposito database; 5 Regione entro il termine massimo di 40 giorni dal ricevimento dell istanza da parte del cittadino, conclude il procedimento con una comunicazione di accettazione o di preavviso di diniego dell agevolazione richiesta ai sensi dell art. 10 bis della l. n. 241/90. Nel caso di esito positivo dell istruttoria il cittadino riceve la comunicazione che include le modalità di pagamento dell agevolazione presso le aziende di trasporto regionali e le istruzioni per l utilizzo della stessa agevolazione; 6 Il cittadino provvede al pagamento dell agevolazione secondo le modalità indicate nella comunicazione; la ricevuta dell avvenuto pagamento costituisce, accompagnata da un documento di riconoscimento valido, titolo di viaggio valido fino alla consegna della tessera elettronica e per un periodo di tempo massimo di 45 giorni dal pagamento. 7 Regione, tramite apposito sistema informatico, trasmette l elenco dei beneficiari dell agevolazione alle aziende di trasporto che hanno ricevuto il pagamento per la stampa della tessera elettronica di riconoscimento; 8 Le aziende di trasporto, a seguito di verifica di cui al precedente punto 7, provvedono, entro 45 giorni dal pagamento, a produrre e inviare al recapito indicato dall utente, a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno, una tessera elettronica di riconoscimento con l indicazione dei dati anagrafici del beneficiario e con l indicazione in chiaro della dicitura relativa al diritto all accompagnatore. La validità della tessera è stabilita in 4 anni, a decorrere dal mese di validità dell abbonamento già caricato sulla tessera elettronica inviata al recapito del cittadino; decorso tale termine l utente potrà continuare ad utilizzare la tessera fino alla scadenza dell ultimo abbonamento caricato; il titolo di viaggio caricato sulla tessera ha validità dal primo giorno del mese successivo alla data di avvenuto pagamento; 9 Il cittadino, decorsi 45 giorni dalla data di avvenuto pagamento, deve obbligatoriamente viaggiare portando con sé la ricevuta di pagamento e la tessera elettronica, oltre ad un documento di riconoscimento valido, documenti da esibire tutti al personale di controllo a bordo dei mezzi di trasporto; 10 I dati relativi ai pagamenti effettuati sono trasmessi dalle aziende di trasporto, entro quindici giorni dal pagamento a Regione Lombardia, mediante i canali informatici predisposti da Regione; le aziende di trasporto trasmettono a Regione anche le informazioni relative alla produzione della tessera elettronica; 11 Regione provvede ad effettuare i successivi controlli a campione delle dichiarazioni dei cittadini non immediatamente verificabili in fase di istruttoria, ai sensi dell art. 15 della legge n. 183/2011 e 71 del d.p.r. n. 445/2000;

9 Bollettino Ufficiale 9 C.2. Procedimento per i casi di rinnovo annuale dell agevolazione a) Trascorsi 10 mesi dall avvenuto pagamento dell agevolazione: - Regione procede ad una preliminare interrogazione delle banche dati contenenti le informazioni dei beneficiari, relative allo stato di invalidità e al limite di reddito ISEE, per il controllo dell effettivo mantenimento dei requisiti; - laddove i controlli abbiano esito positivo, o non sia possibile procedere ad un controllo immediato se non successivamente al rilascio attraverso lo svolgimento di controlli a campione (ai sensi dell art. 71 del d.p.r. n. 445/2000, verificando i requisiti presso l Ente che ha certificato la condizione in base alla quale il cittadino ha auto-certificato il diritto per una certa tipologia di agevolazione tariffaria), Regione invia la comunicazione ai cittadini in merito alle modalità di rinnovo dell agevolazione, denominato Kit di rinnovo ; - Regione provvede all invio del kit di rinnovo nel caso il cittadino risultasse nella banca dati delle invalidità con requisiti che consentono l accesso ad una diversa tipologia di agevolazione tariffaria, con modalità corrispondenti a quanto emerso dai controlli effettuati presso le banche dati disponibili; - nel caso il cittadino risultasse nella banca dati delle invalidità con requisiti che non danno diritto all agevolazione, Regione provvede ad annullare l invio del kit di rinnovo con conseguente cancellazione del beneficiario dalla banca dati regionale delle agevolazioni tariffarie; - la procedura di rinnovo riportata ai punti precedenti risulta immediatamente operativa per quanto attiene al controllo dei limiti ISEE mediante il collegamento già attivo con la banca dati INPS e, per i controlli sull invalidità, non appena terminata la fase di test in corso di svolgimento del collegamento delle banche dati riguardanti i requisiti di invalidità; - ai soli soggetti che, in base ai controlli regionali, non hanno un attestazione ISEE in corso di validità, Regione invia una comunicazione che ricorda l obbligo di verificare annualmente il mantenimento dei requisiti incluso l aggiornamento dell attestazione ISEE, la cui validità è stabilita (l. 449/1997) in 12 mesi dalla data del rilascio; - nel caso in cui il valore dell attestazione ISEE risulti superiore al limite stabilito da Regione o non risultassero più validi gli altri requisiti, Regione provvede alla cancellazione del beneficiario dalla banca dati regionale delle agevolazioni tariffarie, previa comunicazione di decadenza dal beneficio; - nel caso in cui il valore dell attestazione ISEE riferito ad uno specifico beneficiario non risulti presente nella banca dati INPS, Regione provvede ad effettuare, almeno una volta nel corso del mese successivo, un ulteriore controllo e ad inviare il kit di rinnovo solo nel caso in cui sia presente nel database ISEE un attestazione in corso di validità e avente un valore pari o inferiore ai limiti stabiliti da Regione; - ai soggetti già titolari di agevolazione, per i quali non risultano dalle banche dati disponibili informazioni sulla scadenza dello stato di invalidità o che hanno l invalidità in scadenza entro il termine di 12 mesi decorrenti dalla scadenza dell abbonamento oggetto di rinnovo, o per i quali risultano variati i requisiti necessari per il mantenimento dell agevolazione, Regione richiede la compilazione e l invio di un autocertificazione relativa al possesso dei requisiti necessari; il mancato invio dell autocertificazione impedisce ogni successivo rinnovo dell agevolazione con conseguente cancellazione del beneficiario dalla banca dati regionale delle agevolazioni tariffarie; l invio della nuova autocertificazione, qualora riportasse alcune variazioni dei requisiti, comporta la cancellazione dal sistema informativo della precedente istanza e l inserimento della nuova istanza presentata sulla base dell avvenuta variazione dei requisiti; - Regione non invia il modulo di autocertificazione ai soggetti che, a seguito dei controlli con esito positivo o in base a quanto dichiarato in fase di richiesta dell agevolazione, mantengono i requisiti e le condizioni previste dalle disposizioni regionali vigenti; b) Regione provvede alla registrazione delle autocertificazioni ed ai successivi controlli a campione della veridicità delle dichiarazioni dei cittadini. c) A seguito del ricevimento della comunicazione per il rinnovo dell agevolazione, il cittadino beneficiario può effettuare il pagamento mediante i canali indicati da Regione nella comunicazione; d) Il cittadino deve obbligatoriamente viaggiare portando con sé la ricevuta di pagamento e la tessera elettronica, oltre ad un documento di riconoscimento valido, documenti da esibire al personale di controllo a bordo dei mezzi di trasporto e, dalla data del pagamento rinnovato, potrà ricaricare sulla tessera elettronica l abbonamento annuale decorrente dal 1 giorno del mese successivo a quello del pagamento; e) Regione e le aziende di trasporto forniscono indicazioni all utente sui punti in cui è possibile ricaricare l abbonamento sulla tessera elettronica; qualora la rete di ricarica garantita sia adeguatamente capillare, l azienda di trasporto, previa comunicazione a Regione, potrà prevedere che l accesso ai propri servizi, decorsi 15 giorni dal pagamento, sia consentito solo con la tessera elettronica ricaricata; f) I dati relativi ai pagamenti effettuati sono trasmessi dalle aziende di trasporto entro quindici giorni dal pagamento a Regione Lombardia, mediante i canali informatici predisposti da Regione. C.3 Procedimento per i casi di furto o smarrimento 1. In caso di furto o smarrimento della ricevuta di pagamento, il cittadino deve rivolgersi a Regione che rilascerà un nuovo kit per il pagamento della riemissione, con causale identificativa della fattispecie, al costo di 10 ; 2. In caso di furto, smarrimento o smagnetizzazione della sola tessera elettronica, il cittadino può recarsi presso uno dei punti di assistenza all utenza messi a disposizione dalle aziende di trasporto, indicati nelle informative di Regione, esibire la ricevuta di pagamento valida per chiedere la riemissione della tessera, che riporterà l indicazione relativa all abbonamento precedentemente acquistato con la relativa scadenza; il costo di riemissione della tessera elettronica è pari a 3,5 ; 3. In caso di furto, o smarrimento della tessera elettronica e della ricevuta di pagamento, o nel caso in cui il cittadino fosse impossibilitato a recarsi presso uno dei punti di assistenza all utenza messi a disposizione dalle aziende di trasporto, come indicato al precedente punto 2, il cittadino deve contattare Regione per la riemissione di un nuovo kit; in tal caso, la richiesta di riemissione della tessera è trasmessa da Regione alle aziende di trasporto, con una causale di riemissione, così che la nuova tessera elettronica prodotta possa essere caricata con i soli mesi residui dell abbonamento; il costo di riemissione della tessera elettronica è pari a 10. Il costo include le spese di spedizione della tessera elettronica da parte delle aziende di trasporto al recapito indicato dal cittadino.

10 10 Bollettino Ufficiale C.4 Procedimento per i casi di mancato recapito In caso di mancati recapiti, le tessere elettroniche sono consegnate dalle aziende di trasporto a Regione Lombardia entro 30 giorni dal ricevimento del mancato recapito da parte delle stesse aziende. Regione provvederà a contattare l utente per la consegna della tessera o detenerla in caso di impossibilità di contatto per un periodo massimo di 12 mesi dalla data del versamento effettuato dal cittadino. C.5 Procedimento amministrativo per l espletamento dei controlli a campione effettuati in attuazione dell art. 15 della l. 183/2011 e 71 del d.p.r. n. 445/ Regione, qualora gli Enti certificanti non mettano a disposizione dispositivi informatici atti ad eseguire controlli massivi, a seguito dell individuazione del campione da sottoporre a controllo, effettuata con decreto dirigenziale, o in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 del d.p.r. n. 445/2000, chiede all Amministrazione competente al rilascio della certificazione relativa al possesso dei requisiti previsti dalle disposizioni vigenti per l ottenimento dell agevolazione, riscontro scritto - entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta in ordine alla corrispondenza o meno dei requisiti previsti, come autocertificati dall istante, con quanto risultante dai verbali o documenti in possesso della stessa Amministrazione certificante; 2. In caso di riscontro negativo, Regione, entro 60 giorni dal ricevimento dello stesso, procede alla cancellazione del beneficiario dalla banca dati regionale delle agevolazioni tariffarie e richiede al cittadino beneficiario la restituzione dell agevolazione tariffaria, entro il termine di 15 giorni dal ricevimento della comunicazione regionale (costituita dalla ricevuta di versamento del bollettino postale ologrammato ed eventuale tessera elettronica), senza procedere all eventuale rimborso per il periodo di mancato utilizzo dell abbonamento. Regione conserva le agevolazioni tariffarie restituite per almeno 12 mesi dalla data di ricevimento; 3. In caso di mancata restituzione da parte del cittadino entro il termine stabilito al punto precedente, Regione procede all avvio del procedimento sanzionatorio secondo quanto previsto dall art. 46 della l.r. n. 6/2012, applicando le disposizioni di cui alla l. n. 689/1981; 4. In caso di mancata risposta da parte delle Amministrazioni Certificanti nei tempi stabiliti, Regione inoltra la medesima richiesta, di cui al punto 1, al soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo in caso di inerzia del soggetto competente, individuato ai sensi dell art. 2, c. 9 bis della l. n. 241/90; 5. In caso di mancata risposta da parte del soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo, Regione ritiene valida l agevolazione rilasciata sulla base dell autocertificazione del cittadino. C.6 Procedimento relativo al rimborso a favore degli utenti del valore versato per l Agevolazione Termini di validità del rimborso: il rimborso corrisponde al valore economico riferito al periodo di mancato godimento del beneficio, decorrente dalla data di richiesta di rimborso, da parte del cittadino e sino alla scadenza naturale del versamento effettuato, ad eccezione del caso in cui il beneficiario sia deceduto; per i beneficiari deceduti il rimborso è calcolato dalla data del decesso; l atto risulta eseguibile solo a seguito di idonea comunicazione dell avvenuto decesso, corredata della documentazione indicata nel modulo di cui al successivo punto 1., e presentata dagli eredi agli uffici regionali competenti della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità o presso una delle Sedi Territoriali regionali; il rimborso è riconosciuto da Regione e la quota rimborsata all utente è scomputata dal calcolo della valorizzazione economica riconosciuta alle aziende di trasporto; il rimborso non può essere riconosciuto in caso di restituzione dell agevolazione tariffaria per mancanza di uno o più dei requisiti previsti dalle disposizioni vigenti al momento del pagamento, mentre il rimborso è consentito in caso di sussistenza dei requisiti al momento del pagamento e di perdita di uno o più dei requisiti previsti dalle disposizioni vigenti avvenuta in un momento successivo al pagamento; il rimborso si effettua solo per importi di valore superiore a 10 euro; Procedimento di riconoscimento del rimborso: 1. l utente chiede il rimborso attraverso la compilazione del modulo disponibile sul sito internet della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità e presso tutte le Sedi Territoriali regionali, corredato dalla documentazione ivi indicata in relazione al caso di specie; per tutte le tipologie di richiesta di rimborso deve essere allegata la ricevuta di pagamento in originale e la tessera elettronica; 2. l utente invia la richiesta al Protocollo Generale Regionale o alla Sede Territoriale di riferimento, oppure la trasmette on-line all indirizzo di Posta Elettronica Certificata della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità; 3. gli uffici regionali competenti verificano entro il termine massimo di 60 giorni dalla data di protocollazione, la presenza di tutta la documentazione necessaria e indicata al precedente punto 1; 4. il termine di 60 giorni di cui al punto 3., ai sensi della l.r. 1/2012, si interrompe in caso di richiesta all utente di integrazioni per incompletezza o irregolarità della domanda; in tal caso Regione indica un termine per provvedere non inferiore a 10 giorni; i termini iniziano nuovamente a decorrere dall avvenuta regolarizzazione o dal completamento della domanda; 5. al completamento dell istruttoria, ed entro i successivi 30 giorni, sono predisposti gli atti amministrativi e contabili per dar corso al rimborso a favore del cittadino beneficiario con l accredito della somma spettante o con il pre avviso di diniego motivato della richiesta di rimborso.

11 Bollettino Ufficiale 11 C.7 Procedimento per la valorizzazione economica alle aziende di trasporto La valorizzazione economica alle aziende di trasporto avviene con specifico atto della Regione sulla base della metodologia già adottata con la d.g.r. n del 5 dicembre 2013 per la Carta Regionale di Trasporto. Sulla base delle informazioni relative ai pagamenti effettuati dagli utenti e rendicontati dalle aziende di trasporto, Regione individua il numero delle agevolazioni valide per l anno di riferimento e definisce la quota di valorizzazione economica, da versare alle aziende di trasporto esercenti il servizio sul territorio lombardo in quanto titolari di contratti e concessioni. Il calcolo terrà conto: - di quanto direttamente introitato dalle aziende di trasporto da parte dei soggetti beneficiari, - dei costi di stampa e spedizione delle tessere elettroniche, - di quanto rimborsato agli utenti aventi diritto. ALLEGATO D SCHEMA DI CONVENZIONE TRA REGIONE LOMBARDIA E LE AZIENDE DI TRASPORTO PUBBLICO REGIONALE E LOCALE Tra REGIONE LOMBARDIA, con sede in Milano, Piazza Città di Lombardia 1 (C.F ) nella persona di nella sua qualità di Responsabile dell U.O. Servizi per la Mobilità, ivi domiciliato ai fini della presente convenzione ed avente i relativi poteri di firma (di seguito anche Regione) e L Azienda di Trasporto Pubblico Regionale o Locale della Lombardia, società......cf... P.IVA..... con sede in.... rappresentata da in qualità di il quale agisce e stipula in nome e per conto della medesima azienda, di seguito Azienda Premesso che: in attuazione dell art. 45, c. 1, l.r. n. 6/2012, Regione definisce le modalità e le procedure per garantire l utilizzo dei servizi di trasporto pubblico regionale e locale nel territorio regionale da parte delle categorie beneficiarie individuate dal Regolamento regionale n. 4/2014. I servizi di trasporto pubblico locale utilizzabili corrispondono a quelli già utilizzati con la Carta Regionale di Trasporto, ivi compresi i servizi funiviari e funicolari di tpl, i servizi ferroviari di 2 classe, i servizi di tpl di navigazione regionalizzati. Tutto ciò premesso e facente parte integrante e sostanziale della presente Convenzione si conviene e si stipula quanto segue: Art. 1 - Oggetto e finalità 1. La presente Convenzione individua gli impegni a carico di Regione e delle aziende di trasporto pubblico regionale e locale al fine di garantire il rispetto delle procedure, delle modalità e dei tempi relativi alla disciplina delle agevolazioni tariffarie a favore di specifiche categorie di soggetti beneficiari, nel rispetto di quanto disposto dalla d.g.r Regione e l Azienda si impegnano a procedere: Art. 2 - Impegni delle parti - al rilascio delle nuove agevolazioni tariffarie, secondo il procedimento descritto all Allegato C1 alla d.g.r....., parte integrante della presente convenzione. - al rinnovo annuale delle agevolazioni già rilasciate ai soggetti beneficiari, secondo il procedimento descritto all Allegato C2 alla d.g.r..... parte integrante della presente convenzione. - alla riemissione dell agevolazione tariffaria nei casi di furto e smarrimento della stessa agevolazione, secondo il procedimento descritto all Allegato C3 alla d.g.r.. parte integrante della presente convenzione. - alla gestione dei mancati recapiti, secondo il procedimento descritto all Allegato C4 alla d.g.r.. parte integrante della presente convenzione. 2. Regione si impegna altresì a: - All espletamento dei controlli a campione effettuati in attuazione dell art. 15 della l. 183/2011 e 71 del d.p.r. n. 445/2000, secondo il procedimento descritto all Allegato C5 alla d.g.r.... parte integrante della presente convenzione. - Allo svolgimento delle attività per il rimborso a favore degli utenti del valore versato per l agevolazione secondo il procedimento descritto all Allegato C6 alla d.g.r.. parte integrante della presente convenzione. - Allo svolgimento delle attività per la valorizzazione economica alle aziende di trasporto, secondo il procedimento descritto all Allegato C7 alla d.g.r.. parte integrante della presente convenzione.

12 12 Bollettino Ufficiale Art. 3 Durata della convenzione 1. La presente convenzione decorre dall 1 gennaio 2015 ed ha validità sino al 31 dicembre 2016, con possibilità di rinnovo per pari durata, salva la facoltà di Regione di variare le modalità di rilascio delle agevolazioni, le categorie di utenti che possono beneficiare delle agevolazioni, la tipologia di beneficio riconosciuta, senza che l Azienda abbia nulla a che pretendere al riguardo. 2. Regione comunicherà all Azienda tali variazioni con un preavviso di almeno 60 giorni rispetto all entrata in vigore delle stesse variazioni, al fine di consentire le necessarie modifiche. Art. 4 - Importo economico del costo di produzione delle tessere elettroniche 1. Il costo di rilascio e spedizione della tessera elettronica, è definito in 8, di cui 3,4 corrispondenti ai costi vivi di produzione e stampa della tessera e, per la parte residua, corrispondente al costo di spedizione con raccomandata con ricevuta di ritorno, stabilito con tariffa ministeriale, valore che sarà adeguato in funzione delle eventuali variazioni delle tariffe ministeriali. 2. Tale costo è incluso nelle seguenti tariffe: Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata 1 fascia 10 /anno Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata 2 fascia 80 /anno Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata 3 fascia 699 /anno versate dagli utenti beneficiari in un apposito conto dedicato individuato dall Azienda. 3. Sulla base delle informazioni sui pagamenti effettuati (punto 10. dell Allegato C1 alla d.g.r.., e lettera F) dell Allegato C2 alla medesima delibera, Regione procederà alla valorizzazione economica secondo il procedimento descritto all Allegato C7 alla d.g.r.. parte integrante della presente convenzione. Art. 5 - Responsabili Interni 1. Le Parti provvederanno, entro 20 (venti) giorni dalla sottoscrizione della presente convenzione, a nominare una propria figura professionale che assumerà il compito di responsabile interno nei confronti della controparte, dandone reciproca formale comunicazione. Art. 6 - Responsabilità, inadempienze, penali risoluzione (strumenti di verifica prestazioni/forniture) 1. L Azienda è responsabile dell esatto adempimento della presente convenzione. Ogni responsabilità per danni a persone e cose si intenderà a carico dell Azienda limitatamente alle attività costituenti oggetto degli impegni a suo carico previsti nella presente convenzione. L Azienda è sollevato da qualsivoglia responsabilità connessa all esecuzione della presente convenzione qualora dimostri che nell espletamento delle proprie attività abbia agito usando la diligenza di cui al combinato disposto degli artt. 1176, comma 1, e 1218 c.c.. Fermo restando il rispetto di normative inderogabili, l Azienda non è responsabile per ogni evenienza negativa e/o anomalia che possa verificarsi nello svolgimento delle attività per cause di forza maggiore, caso fortuito o per ogni altra causa non direttamente ad essa imputabile. 2. In ogni caso, qualora l Azienda, per cause di forza maggiore, caso fortuito ovvero per ogni altra causa ad essa non direttamente o indirettamente imputabile, sospenda od interrompa l esecuzione delle prestazioni è obbligata a dare comunicazione all altra parte delle relative circostanze entro 48 ore. Le parti, valutate le motivazioni addotte, concordano le modalità ed i tempi dell eventuale differimento delle prestazioni. 3. Regione Lombardia si riserva la facoltà di risolvere la presente convenzione in qualsiasi momento previa diffida ad adempiere entro quindici giorni ai sensi e per gli effetti dell art c.c., fermo restando il diritto della Regione di chiedere il risarcimento del maggior danno, con espressa esclusione di ogni eventuale danno indiretto, nei seguenti casi: abbandono o sospensione ingiustificata dell attività intrapresa; gravi ed ingiustificate irregolarità ovvero reiterate o permanenti irregolarità, che compromettano il regolare adempimento degli obblighi assunti; mancato rispetto degli eventuali richiami formali della Regione al sollecito adempimento, qualora negligenze o inadempienze compromettano gravemente la corretta esecuzione delle prestazioni; qualora l eventuale modifica dell organizzazione dell Azienda risulti inidonea allo svolgimento delle attività oggetto della convenzione. Art. 8 - Disposizioni in materia di trattamento dati ex d.lgs. n. 196/ Nell ambito del trattamento dei dati personali connessi all espletamento delle attività previste, Regione Lombardia, in qualità di Titolare, in persona del legale rappresentante pro tempore, nomina, ai sensi dell art. 29 del d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali, l Azienda, Responsabile esterno del trattamento medesimo. Responsabile del trattamento interno a Regione Lombardia è il Direttore Generale della Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità. 2. L Azienda diviene, per gli effetti del d.lgs. n. 196/03, Responsabile esterno del trattamento dei dati personali e ne acquisisce le derivanti responsabilità secondo le modalità e le istruzioni di cui al decreto n del 23 maggio 2006 della Regione Lombardia. 3. I dati saranno utilizzati per le sole finalità di svolgimento delle predette attività e per il tempo strettamente necessario all espletamento delle stesse. 4. Le persone incaricate del trattamento saranno individuate dal Responsabile ed opereranno sotto la sua diretta autorità, attenendosi alle istruzioni dallo stesso impartite. 5. Per effetto della nomina, il Responsabile si impegna ad adottare tutte le necessarie misure organizzative, fisiche e logiche di cui agli artt del d.lgs. 196/2003, e delle regole previste dal Disciplinare Tecnico sub all. B) al Codice per la Protezione dei Dati Personali al fine di assicurare la riservatezza e la sicurezza dei dati. 6. L Azienda dovrà dichiarare di essere a conoscenza che le informazioni e i dati che le riguardano saranno oggetto di trattamento con modalità cartacee ed elettroniche da parte del personale delle rispettive strutture a ciò preposte, ai fini dell esecuzione degli obblighi scaturenti dalla presente convenzione e dell adempimento dei connessi obblighi normativi. 7. L Azienda, in accordo con la Regione e gli incaricati del trattamento nell ambito della Direzione Infrastrutture e mobilità vigilerà sull operato dei propri incaricati al trattamento dei dati perché sia conforme alle istruzioni rilasciate dalla Regione con decreto n del 23 maggio 2006 nonché alle eventuali ulteriori istruzioni specifiche che saranno emanate dalla Regione, con apposito atto, relativamente a peculiari aspetti della presente convenzione anche con riguardo all applicazione delle misure di sicurezza,

13 Bollettino Ufficiale 13 organizzative, fisiche e logiche in conformità alla disciplina del suddetto d.lgs. ed, in particolare: dichiara di essere consapevole che i dati che tratta sono dati personali il cui trattamento è soggetto all applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali; si obbliga ad ottemperare agli obblighi previsti dal d.lgs. 196/2003 anche con riferimento alla disciplina ivi contenuta rispetto ai dati personali sensibili e giudiziari; si impegna a nominare, ai sensi dell art. 30 del d.lgs. 196/2003, anche per classi omogenee di trattamento i soggetti incaricati del trattamento stesso e ad impartire loro specifiche istruzioni relative allo specifico ambito di trattamento dei dati loro affidato; si impegna a comunicare a Regione Lombardia ogni eventuale affidamento a soggetti terzi di operazioni di trattamento di dati personali di cui è titolare Regione Lombardia, affinché quest ultima ai fini della legittimità del trattamento affidato, possa nominare tali soggetti terzi responsabili del trattamento; si impegna a nominare ed indicare a Regione Lombardia la persona fisica responsabile pro tempore della/e competente/i funzione/i che si occupa/no del trattamento referente/i per la protezione dei dati personali ; si impegna a relazionare Regione Lombardia su richiesta di quest ultima circa lo stato del trattamento dei dati personali e sulle misure di sicurezza adottate che si obbliga altresì ad allertare immediatamente in caso di situazioni anomale o di emergenze; consente l accesso, previo preavviso di almeno cinque giorni lavorativi, da parte di Regione Lombardia al fine di effettuare verifiche periodiche in ordine alla modalità dei trattamenti ed all applicazione delle norme di sicurezza adottate. Art. 9 - Proprietà dei dati 1. Tutti i dati e le informazioni nell ambito dell esecuzione della convenzione sono di esclusiva proprietà della Regione e come tali non possono essere in alcun modo utilizzati o ceduti, parzialmente o integralmente, a soggetti diversi dall Azienda e saranno consegnati, su richiesta, alla Regione e comunque, alla scadenza della convenzione. 2. Le parti si impegnano a mantenere riservate notizie, informazioni, dati e documentazione di cui vengano in qualsiasi modo a conoscenza nell esecuzione della convenzione e a mantenerne la più assoluta riservatezza su tutti i contenuti. Art Controversie 1. Ogni controversia relativa all interpretazione ed esecuzione della convenzione sarà rimessa, in prima istanza, ai rispettivi responsabili interni per discuterne e risolvere gli eventuali contrasti in via bonaria e secondo buona fede. 2. I responsabili interni tenteranno di risolvere le questioni con reciproca soddisfazione. 3. Qualora non si addivenisse ad una risoluzione, le Parti si impegnano a devolvere la controversia ai propri legali rappresentanti, fermo e restando che in caso di ulteriore esito negativo del tentativo di componimento bonario della controversia, sarà competente in via esclusiva il foro di Milano. Milano, lì Per REGIONE LOMBARDIA Per l Azienda Il rappresentante

14 14 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.g. 5 agosto n Approvazione dell elenco degli ordini, collegi e associazioni professionali componenti la Consulta regionale di cui alla l.r. 7/2004 IL DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO Vista la l.r. 7 aprile 2004 n. 7 «Consulta regionale degli ordini, collegi e associazioni professionali», con la quale la Regione riconosce la funzione sociale e il ruolo propositivo svolto dagli ordini, collegi e associazioni professionali nello sviluppo socio economico regionale da realizzarsi attraverso: a) la promozione di iniziative volte a qualificare le libere professioni nell esercizio delle loro competenze e rapporti con i cittadini, predisponendone gli strumenti necessari; b) l attuazione di una politica di informazione adottando le misure necessarie all aggiornamento delle professioni finalizzato anche all inserimento nel contesto europeo; c) la promozione di un adeguata tutela del cliente e degli interessi pubblici connessi al corretto e legale esercizio della professione, alla qualità delle prestazioni ed al rispetto delle regole deontologiche; Richiamato in particolare l art. 3 della l.r. 7/2004 che attribuisce alla Consulta regionale degli ordini, collegi e associazioni professionali i seguenti compiti: «a) studiare i problemi relativi all esercizio delle attività professionali intellettuali e proporre alla Giunta regionale studi e ricerche; b) proporre iniziative tese a qualificare le libere professioni anche nello sviluppo del contesto europeo; c) promuovere studi per la tutela dei professionisti e iniziative volte a salvaguardare la correttezza e la qualità delle prestazioni nel rispetto delle regole deontologiche stabilite dagli statuti dei rispettivi ordini e collegi o dagli atti costitutivi delle associazioni, ferme restando le competenze esclusive degli ordini professionali d) formulare proposte e pareri sugli interventi programmatici e sui progetti di legge attinenti all esercizio delle attività professionali intellettuali ed alla tutela del rapporto tra professionisti ed utenti; e) formulare proposte per il coordinamento degli interventi dei vari organismi regionali con competenza in materia di libere professioni al fine di realizzare un razionale utilizzo delle risorse; f) esprimere pareri su questioni in materia di difesa degli utenti; g) fornire annualmente indicazioni relative alle esigenze della formazione professionale h) redigere una relazione annuale di attività da presentare al Consiglio regionale;» Visto altresì il regolamento regionale 24 febbraio 2006 n. 1 «Consulta regionale degli Ordini, Collegi e Associazioni professionali, di cui alla legge regionale del 14 aprile 2004 n. 7» che ha definito: «a) le modalità di funzionamento, organizzazione ed attivazione della Consulta regionale degli ordini, collegi ed associazioni professionali; b) i requisiti e le modalità di ammissione e partecipazione alla Consulta da parte degli Ordini, Collegi e Associazioni professionali» Dato atto che il citato regolamento regionale n. 1/2006: all art 8 comma 1 stabilisce che la Consulta è costituita con decreto del Presidente della Giunta regionale; all art 8 commi 2 e 3 definisce la seguente composizione della Consulta: «a) l Assessore regionale competente in materia; b) cinque rappresentanti designati dal Consiglio regionale, di cui due in rappresentanza della minoranza; c) un rappresentante regionale effettivo ed uno supplente designato dai rispettivi ordini e collegi, per ciascuna delle professioni ordinistiche, ovvero iscritte al CUP; d) un rappresentante regionale effettivo ed uno supplente designato da ciascuna delle associazioni professionali individuate dal vigente rapporto di monitoraggio del CNEL, ovvero iscritte al COLAP..; «Ai lavori della Consulta partecipano senza diritto di voto, un rappresentante del Comitato regionale tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti e un esperto per ogni disciplina di riferimento designato dalle singole università lombarde»; Rilevato in particolare che il citato regolamento regionale n. 1/2006 prevede, all articolo 2, che siano ammessi alla Consulta gli Ordini e i Collegi delle professioni ordinistiche, istituiti e disciplinati dalla legge che ne facciano richiesta mentre per quanto riguarda le associazioni professionali non ordinistiche enuclea, all articolo 3, specifici criteri di ammissione e di rappresentatività; Tenuto conto che: in data 13 gennaio 2014 è stata pubblicata sul portale della D.G. Istruzione, Formazione e Lavoro la nota informativa con le modalità di ammissione e di presentazione delle domande di candidatura per la costituzione dell elenco degli ordini, collegi e associazioni professionali componenti la Consulta per la X legislatura; in data 17 gennaio 2014 la medesima nota è stata inviata via mail attraverso la casella dedicata ai componenti della Consulta della IX legislatura; Preso atto dell istruttoria della U.O. Accreditamento Controlli e Comunicazione della D.G. Istruzione, Formazione e Lavoro sulle domande pervenute, ivi comprese le richieste di chiarimenti e integrazioni e la documentazione integrativa trasmessa dai vari Organismi, agli atti della medesima U.O.; Considerato che l elenco degli ordini, collegi e associazioni professionali componenti la Consulta ai sensi dell art. 5 comma 1 del regolamento 1/2006, deve essere approvato con decreto del Direttore Generale competente per materia e pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia; Ritenuto di approvare le risultanze dell attività istruttoria e, conseguentemente, gli Allegati da n. 1) a n. 4), parti integranti e sostanziali del presente atto, relativi a: Allegato 1: Elenco degli ordini professionali ammessi Allegato 2: Elenco dei collegi professionali ammessi Allegato 3: Elenco delle associazioni professionali ammesse Allegato 4: Elenco degli organismi non ammessi per mancanza dei requisiti prescritti; Dato atto che in attuazione dell art. 8, comma 4 del regolamento regionale n. 1/2006 la Consulta può essere integrata di ulteriori ordini collegi e associazioni professionali, previa deliberazione di almeno i quattro quinti della Consulta stessa; Visto il decreto del Segretario Generale del 25 luglio 2013, n «Individuazione delle Strutture Organizzative e delle relative competenze ed aree delle attività delle Direzioni della Giunta regionale - X legislatura» e successive modifiche e integrazioni e in particolare la d.g.r. X/2183 del 25 luglio 2014; DECRETA 1. di approvare le risultanze dell attività istruttoria svolta dalla U.O. Accreditamento Controlli e Comunicazione della D.G. Istruzione, Formazione e Lavoro e, conseguentemente, gli elenchi Allegati da n. 1) a n. 4), parti integranti e sostanziali del presente provvedimento, relativi a: Allegato 1: Elenco degli ordini professionali ammessi Allegato 2: Elenco dei collegi professionali ammessi Allegato 3: Elenco delle associazioni professionali ammesse Allegato 4: Elenco degli organismi non ammessi per mancanza dei requisiti prescritti 2. di stabilire che in attuazione dell articolo 8, comma 4 del regolamento regionale n. 1/2006 la Consulta può essere integrata di ulteriori Ordini, Collegi e Associazioni professionali, previa deliberazione di almeno i 4/5 della Consulta stessa. 3. disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e sul sito della Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro. Il direttore generale Giovanni Bocchieri

15 Bollettino Ufficiale 15 ALLEGATO 1 ELENCO DEGLI ORDINI PROFESSIONALI AMMESSI N. DENOMINAZIONE 1 CONSIGLIO NOTARILE DI MILANO 2 ORDINE DOTTORI AGRONOMI DOTTORI FORESTALI DI BRESCIA 3 ORDINE DOTTORI AGRONOMI DOTTORI FORESTALI DI MILANO 4 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MILANO 5 ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI MILANO 6 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO 7 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROV. DI MILANO 8 ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della PROVINCIA DI VARESE 9 ORDINE DEI FARMACISTI PROVINCIA DI CREMONA 10 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI CREMONA 11 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PAVIA 12 ORDINE DEGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA DI MILANO 13 ORDINE DEI CHIMICI DELLA PROV. DI PAVIA 14 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI PAVIA 15 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROV. DI BRESCIA 16 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI MONZA BRIANZA 17 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROV. DI BRESCIA 18 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI MILANO 19 ORDINE DOTTORI AGRONOMI DOTTORI FORESTALI DI VARESE 20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI SONDRIO 21 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROV. DI MONZA E BRIANZA 22 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROV. DI MANTOVA 23 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROV. DI MILANO 24 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROV. DI LECCO 25 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI VOGHERA 26 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI VARESE 27 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI LECCO 28 FEDERAZIONE ORDINE DEI FARMACISTI PROVINCE LOMBARDIA 29 ORDINE DEI GEOLOGI DELLA LOMBARDIA 30 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI COMO 31 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROV. DI BERGAMO 32 ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI COMO 33 ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROV. DI PAVIA 34 ORDINE DEI CHIMICI DI CREMONA 35 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CREMONA 36 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROV. DI CREMONA 37 ORDINE DOTT. AGRONOMI E DOTT. FORESTALI DELLE PROVINCE DI COMO LECCO SONDRIO 38 CONSIGLIO NOTARILE DI CREMONA 39 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA 40 ORDINE DOTT. AGRONOMI E DOTT. FORESTALI DELLA PROVINCIA DI CREMONA 41 ORDINE INTERPROVINCIALE DEI CHIMICI DELLA LOMBARDIA MILANO COMO SONDRIO VARESE LECCO LODI MONZA E BRIANZA 42 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MONZA E BRIANZA 43 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA 44 ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI PAVIA 45 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BERGAMO

16 16 Bollettino Ufficiale N. DENOMINAZIONE 46 ORDINE MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA 47 ORDNE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LODI 48 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ALLEGATO 2 ELENCO DEI COLLEGI PROFESSIONALI AMMESSI N. DENOMINAZIONE 1 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI LECCO 2 COLLEGIO DELLE OSTETRICHE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA 3 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI CREMONA 4 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA 5 COLLEGIO INFERMIERI PROF. ASSISTENTI SANITARIE VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROV. DI COMO (IPASVI) 6 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI COMO 7 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MB 8 COLLEGIO DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI DI MI, LO E MB 9 COLLEGIO INFERMIERI PROF. ASSISTENTI SANITARIE VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROV. DI BG (IPASVI) 10 COLLEGIO INFERMIERI PROF. ASSISTENTI SANITARIE VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROV. DI VARESE (IPASVI) 11 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI LODI 12 COLLEGIO PROFESSIONALE TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA DELLA PROVINCIA DI BRESCIA 13 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLE PROVINCE DI MILANO E LODI 14 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI PROVINCIA DI BERGAMO 15 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI PROVINCIA DI MILANO 16 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI PROVINCIA DI VARESE 17 COLLEGIO INFERMIERI PROF. ASSISTENTI SANITARIE VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROV. DI LECCO (IPASVI) 18 COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI E PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VARESE 19 COLLEGIO DELLE OSTETRICHE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 20 COLLEGIO IPASVI INTEPROVINCIALE MILANO - MONZA BRIANZA - LODI 21 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DI MONZA E DELLA BRIANZA 22 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO 23 COLLEGIO DELLE OSTETRICHE DELLA PROVINCIA DI CREMONA 24 COLLEGIO PROFESSIONALE TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 25 COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI E PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 26 COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI E PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 27 COLLEGIO PROFESSIONALE INTERPROVINCIALE TECNICI SANITARI DI RADIOLOGIA MEDICA MILANO-CO- MO-LECCO-LODI-MB-SO 28 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROV. DI CREMONA 29 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROV. DI SONDRIO 30 COLLEGIO INFERMIERI PROF. ASSISTENTI SANITARIE VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROV. DI BRESCIA (IPA- SVI) 31 COLLEGIO PROVINCIALE DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DI BRESCIA 32 COLLEGIO PERITI AGRARI E PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI CREMONA 33 COLLEGIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROVINCIA DI CREMONA 34 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI PAVIA

17 Bollettino Ufficiale 17 ALLEGATO 3 ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI AMMESSE N. DENOMINAZIONE 1 ACCADEMIA A.MI. UNIVERSITY 2 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA DANZAMOVIMENTOTERAPIA (APID) 3 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE OPERATORI SHIATSU E DISCIPLINE BIO NATURALI (APOS e DBN) 4 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA - AIAS 5 ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA TRADUTTORI E INTERPRETI (A.N.I.T.I.) 6 ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI (I.N.T.) 7 ASSOCIAZIONE ITALIANA DIRETTORI COMMERCIALI VENDITE (ADICO) 8 CONFPROFESSIONI LOMBARDIA (CONFEDERAZIONE ITALIANA LIBERE PROFESSIONI) 9 ASSOCIAZIONE ITALIANA MEDIATORI FAMILIARI (AIMEF) 10 FNA - FEDERAZIONE NAZIONALE AMMINISTRATORI CONDOMINIALI 11 UNIONE NAZIONALE PROFESSIONISTI PRATICHE AMMINISTRATIVE (U.NA.P.P.A.) 12 ASSOCIAZIONE ITALIANA MARKETING (AISM) 13 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI CONSULENTI TRIBUTARI ITALIANI (A.N.C.I.T.) 14 ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MANAGEMENT DEGLI APPROVVIGIONAMENTI (ADACI) 15 ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA QUALITA CN (AICQ) CENTORNORD 16 ACCADEMIA EUROPEA C.R.S. - I.D.E.A. 17 C.I.D.A. (ASSOCIAZIONE ITALIANA DISCIPLINE ASTROLOGICHE) 18 ASSOCIAZIONE VISURISTI ITALIANI (AVI) 19 FEDERAZIONE ITALIANA SHIATSU (F.I.S.) 20 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI BIOTECNOLOGI ITALIANI (ANBI) 21 COLLEGIO DEGLI OPERATORI SHIATSU (C.O.S.) 22 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L INFORMATICA ED IL CALCOLO AUTOMATICO (AICA) 23 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA DEI CONSULENTI DI DIREZIONE E ORGANIZZAZIONE (APCO) 24 TP ASSOCIAZIONE ITALIANA PUBBLICITARI PROFESSIONISTI 25 ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI TRIBUTARI (A.N.CO.T.) 26 ASSOCIAZIONE NAZIONALE UNITARIA PSICOMOTRICISTI ITALIALINI DI AREA SOCIOCOMUNCIATI- VA (ANUPI) 27 ASSOCIAZIONE NAZIONALE PRANOTERAPEUTI SENSITIVI ITALIANI (ANPSI) 28 ASSOCIAZIONE NAZIONALE AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI (ANACI) 29 SOCIETA ITALIANA ARMONIZZATORI FAMILIARI (SIAF) 30 ASSOCIAZIONE NAZIONALE FOTOGRAFI 31 ASSOCIAZIONE CENTRI SPORTIVI ITALIANI (ACSI) 32 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL KARATE E DELLA DIFESA PERSONALE (FEIKAR) 33 ASSOCIAZIONE ITALIANA MASTER DIREZIONE AZIENDALE (AIMBA) 34 ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO NAZIONALE CONSUELOR PROFESSIONISTI (CNCP) 35 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI (APNEC) 36 FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE ED OPERATORI DELLA PSICOMOTRICITA (FISCOP) CONSULTA REGIONALE LOMBARDA DEGLI ORDINI DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONS. UNIONE DEL COMMERCIO DEL TURISMO DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI DELLA PROVINCE DI MI, LODI, MB 39 ASSOCIAZIONE ITALIANA INSEGNANTI METODO FELDENKRAIS (A.I.I.M.F.) 40 CONSULTA REGIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA LOMBARDIA (CROIL)

18 18 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 4 ELENCO DEGLI ORGANISMI NON AMMESSI PER MANCANZA DEI REQUISITI PRESCRITTI DENOMINAZIONE UNIONE ITALIANA PEDAGOGISTI (UNIPED) ASSOCIAZIONE BIOTERAPEUTI EUROPEI (A.I.F.E.P) ASSOINTERPRETI ASSOCIAZIONE KINESIOLOGIA SPECIALIZZATA ITALIANA (AKSI) ASSOCIAZIONE TECNICI PER LA FORMAZIONE ANTINCENDIO NOTE Associazione priva dei requisiti richiesti (art. 3 c. 1 lett. a,b,c,d del regolamento regionale n. 1/2006) Associazione priva dei requisiti richiesti (art. 3 c. 1 lett. a,b,c,d del regolamento regionale n. 1/2006) Associazione priva dei requisiti richiesti (art. 3 c. 1 lett. a,b,c,d del regolamento regionale n. 1/2006) Associazione priva dei requisiti richiesti (art. 3 c. 1 lett. a,b,c,d del regolamento regionale n. 1/2006) Associazione priva dei requisiti richiesti (art. 3 c. 2 lett. c del regolamento regionale n. 1/2006) COLLEGIO DELLE OSTETRICHE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Rinuncia alla candidatura con comunicazione del 14 aprile 2014

19 Bollettino Ufficiale 19 D.d.u.o. 5 agosto n Modifica dell avviso Dote Unica Lavoro di cui al d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013 e ss.mm.ii. in attuazione delle d.g.r. n. 1983/2014 e n. 2257/2014 IL DIRIGENTE DELLA U.O. MERCATO DEL LAVORO Richiamati: la d.g.r. n. X/555 del 2 agosto 2013 che ha approvato le Linee Guida per l Attuazione di Dote Unica Lavoro, come modello che consente di accompagnare ogni persona lungo tutto l arco della vita attiva; la d.g.r. n. X/748 del 4 ottobre 2013 che ha individuato le modalità operative di funzionamento e gli indirizzi per la prima programmazione della Dote Unica per il periodo ; la d.g.r. n. X/1983 del 20 giugno 2014 con la quale sono state definiti i criteri per l attuazione della Garanzia per i giovani e le modifiche alle modalità operative di dote unica lavoro; la d.g.r. n. X/2109 del 11 luglio 2014 «Adozione della proposta di programma operativo regionale a valere sul Fondo Sociale europeo di Regione Lombardia» che autorizza, al punto 3 del deliberato, nelle more della negoziazione con la Commissione Europea, l avvio del POR FSE nei limiti di una percentuale pari al 15% sullo stanziamento dell Asse 1; la d.g.r. n. X/2257 del 1 agosto 2014 con la quale è stato aggiornato il Modello di budget per operatore» di cui alla d.g.r. n. X/748 del 4 ottobre 2013; Richiamati altresì: il d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013 «Avviso Dote Unica lavoro - attuazione delle d.d.g.r. n. 555 del 2 agosto 2013 e n. 748 del 4 ottobre 2013» finalizzato al sostegno dell occupabilità e occupazione delle persone svantaggiate nel mercato del lavoro; il d.d.u.o. n del 24 febbraio 2014 «Determinazioni in merito all Avviso Dote Unica lavoro di cui al d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013»; il d.d.u.o. n del 29 aprile 2014 «Determinazioni in merito all Avviso Dote Unica lavoro di cui al d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013 e successive modifiche ed integrazioni»; il d.d.u.o. n del 17 giugno 2014 «Avviso dote unica lavoro di cui al d.d.u.o. n del 15 ottobre 2013 e successive modifiche ed integrazioni. incremento della dotazione finanziaria destinata al budget di sostituzione.»; il d.d.u.o. n del 13 maggio 2014 «Modifica all Allegato A del d.d.u.o. n del 21 febbraio 2014 «Manuale di Gestione della Dote Unica»; Visti in particolare: il d.d.u.o. n del 14 luglio 2014 che, in attuazione della d.g.r. n. X/1983 del 20 giugno 2014, disciplina la fase transitoria per l accesso in Dote Unica del target di destinatari previsto dal programma Garanzia Giovani; Atteso che la citata d.g.r. n. 1983/2014 prevede: l ampliamento dell accesso ai servizi di riqualificazione della fascia 4 a tutti i destinatari di Dote Unica Lavoro ed in particolare ai lavoratori che fruiscono di ammortizzatori sociali e a quelli rientranti nel Protocollo d intesa tra Regione Lombardia e Comando Militare Esercito Lombardia del 23 dicembre 2012; il rinvio delle modalità operative per l accesso ai servizi della fascia 4 ai provvedimenti del dirigente competente anche in riferimento all attuazione dell Avviso Comune Expo Lavoro; l istituzione di una distinta dotazione di risorse dedicata alla fascia 4 che opera al di fuori delle soglie massime di budget per operatore e che sarà costituita dalle risorse riservate alla stessa fascia e non ancora utilizzate alla data di adozione del presente decreto; la verifica bimestrale dell avanzamento della spesa a partire dal 30 giugno; Ritenuto: di assicurare l accesso alla Fascia 4 agli occupati individuati dalla d.g.r. n. 1983/2014 e ai soggetti che, a prescindere dall esito della profilazione, intendano intraprendere un percorso di riqualificazione professionale che consenta di accrescere le opportunità occupazionali in relazione all evento Expo 2015, fruendo di una specifica offerta formativa; di definire, in raccordo con le parti sociali, la specifica offerta formativa in coerenza con il Quadro Regionale degli Standard Professionali; Ritenuto di approvare le modifiche all Avviso «Dote Unica Lavoro» specificate nell Allegato 1) e la versione integrale aggiornata dell Avviso come da Allegato 2), quali parti integranti e sostanziali del presente provvedimento; Vista la d.g.r. n. X/2257 del 1 agosto 2014 che introduce una modalità di rifinanziamento della misura secondo un sistema di «overbooking controllato» che determina la soglia massima di spesa complessiva e il budget di ciascun operatore, in relazione all utilizzo delle risorse riscontrato in fase di verifica bimestrale, fermo restando il tetto massimo di risorse previsto dalla d.g.r. n. 2019/2014; Atteso che: a. alla data del 30 giugno 2014, le assegnazioni complessive sull Avviso risultavano inferiori alla relativa dotazione complessiva in quanto ammontavano ad ,33; b. in applicazione delle d.g.r. n. 1983/2014 e n. 2257/2014, la Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro ha trasmesso ad Arifl: il report dello stato di avanzamento fisico e finanziario dell Avviso alla data del 30 giugno 2014 con evidenza delle assegnazioni, delle liquidazioni e delle economie maturate sulle Fasce 1,2,3 e 4; l elenco degli operatori accreditati al lavoro aggiornato alla data del 30 giugno 2014; l indicazione di procedere ad ampliare la disponibilità di spesa degli operatori, entro i limiti fissati dalla citata d.g.r. n. 2257/2014, definendo un overbooking del 45% per l attivazione di doti in fascia 1, 2 e 3; Preso atto della verifica di ARIFL trasmessa in data 4 agosto 2014 (decreto n. 129 del 4 agosto 2014) con la quale l Agenzia fornisce le nuove soglie massime per operatore che tengono conto: dell importo delle risorse assegnate in fascia 1,2,3 e 4 per le doti attivate alla data del 30 giugno 2014; della redistribuzione delle risorse risultanti dalla differenza tra la dotazione complessiva e le citate risorse assegnate al 30 giugno 2014, al netto di quelle relative alla fascia 4; dell attribuzione di nuove risorse derivanti dall applicazione del moltiplicatore di spesa in overbooking pari al 45% per l attivazione di doti in fascia 1, 2 e 3; della quota aggiuntiva (premialità di assegnazione) prevista dalla d.g.r. n.748/2013; Considerato che: la dotazione complessiva dell Avviso per la fascia 1,2 e 3, rideterminata con d.d.u.o. n. 3591/2014 è di ,00, a valere al cap dell esercizio finanziario in corso; le risorse aggiuntive da distribuire ammontano ad ,00, in base al moltiplicatore di spesa sopra individuato, che troveranno copertura al cap dell esercizio finanziario in corso; Considerato che le nuove soglie massime per operatore sono state individuate tenendo conto dei criteri previsti dalla d.g.r. n. 748/2013 ed in particolare: dalla capacità di ricollocazione per la quota di redistribuzione delle risorse non utilizzate al 30 giugno 2014; dai criteri previsti per le risorse aggiuntive per la quota di risorse definita secondo la citata modalità dell overbooking controllato; Ritenuto pertanto di approvare la nuova tabella, riportata nell Allegato 3), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, che individua le nuove soglie massime di spesa per i servizi di Dote Unica Lavoro in fascia 1, 2, e 3 per gli operatori accreditati al lavoro alla data del 30 giugno 2014, il cui quadro analitico dei dati necessari a determinare le nuove soglie massime per operatore, è agli atti della Struttura competente; Considerato che le nuove soglie massime di spesa per operatore: saranno attivabili e visibili a ciascun operatore, a partire dal 7 agosto 2014 attraverso il sistema informativo GEFO e rese

20 20 Bollettino Ufficiale note attraverso la Bacheca del profilo operatore della piattaforma informatica «Cruscotto Lavoro» (cruscottolavoro. servizirl.it); rimangono comunque vigenti fino a nuova rideterminazione; non costituiscono assegnazione formale di risorse; Atteso che, con successivo provvedimento dirigenziale, verrà aggiornato il Manuale di Gestione delle Dote Unica Lavoro che recepirà le modifiche ed integrazioni di cui al presente provvedimento; Vista la l.r. n. 34/1978 e successive modifiche e integrazioni, nonché il regolamento di contabilità regionale; Vista la l.r. n. 20 del 7 luglio 2008 «Testo unico in materia di organizzazione e personale» nonché i provvedimenti organizzativi della X legislatura; Dato atto che il presente provvedimento rientra tra le competenze della U.O. Mercato del Lavoro, così come individuate dalla d.g.r. n. 87 del 29 aprile 2013 «II provvedimento organizzativo 2013», con cui sono stati definiti gli assetti organizzativi della Giunta regionale con i relativi incarichi dirigenziali e dal decreto del Segretario Generale n del 25 luglio 2013 «Individuazione delle Strutture Organizzative e delle relative competenze ed aree delle attività delle Direzioni della Giunta regionale - X legislatura; DECRETA 1. di approvare le modifiche ed integrazioni all Avviso Dote Unica Lavoro specificate nell Allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 2. di approvare l Avviso Dote Unica Lavoro modificato Allegato 2), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 3. di stabilire che le soprarichiamate disposizioni integrative saranno operative sul sistema informativo a partire dal 25 settembre 2014 ad eccezione della distinta dotazione di risorse dedicata alla fascia 4 che sarà disponibile dall 11 settembre 2014; 4. di approvare la nuova tabella riportata nell Allegato 3), che individua le nuove soglie massime per gli operatori accreditati, al 30 giugno 2014, per l accesso a Dote Unica Lavoro, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento ; 5. di stabilire che le nuove soglie massime di spesa per operatore: saranno attivabili e visibili a ciascun operatore a partire dal 7 agosto 2014 attraverso il sistema informativo GEFO e rese note attraverso la Bacheca del profilo operatore della piattaforma informatica «Cruscotto Lavoro» (cruscottolavoro. servizirl.it); rimarranno comunque vigenti fino a nuova rideterminazione; non costituiscono assegnazione formale di risorse; 6. di assicurare l accesso alla Fascia 4 agli occupati individuati dalla d.g.r. n. 1983/2014 e ai soggetti che, a prescindere dall esito della profilazione, intendano intraprendere un percorso di riqualificazione professionale che consenta di accrescere le opportunità occupazionali in relazione all evento Expo 2015, fruendo di una specifica offerta formativa; 7. di definire, in raccordo con le parti sociali, la specifica offerta formativa in coerenza con il Quadro Regionale degli Standard Professionali; 8. di prevedere con successivi atti l aggiornamento del Manuale di gestione della dote unica di cui al d.d.u.o. n del 21 febbraio 2014 e successive modifiche ed integrazioni; 9. di attestare che, contestualmente alla data di adozione del presente atto, si provvede alla pubblicazione di cui agli artt. 26 e 27 del d.lgs. 33/2013; 10. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e sul sito internet Il dirigente della u.o. mercato del lavoro Giuseppe Di Raimondo Metallo ALLEGATO 1 MODIFICHE ALL AVVISO DOTE UNICA LAVORO DI CUI AL D.D.U.O. N DEL 15 OTTOBRE 2013 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DERIVANTI DALL APPLICAZIONE DEI PROVVEDIMENTI D.D.UO. N. 6758/2014, D.G.R.. N. 1983/2014 E D.G.R. N. 2257/2014 Par.2. Viene stabilito che: le economie derivanti da eventuali rinunce e revoche o da risorse prenotate e non rendicontate rientrano nelle disponibilità di Regione Lombardia e alimentano la rispettiva dotazione; Regione Lombardia monitora le economie realizzate e valuta, con provvedimento del dirigente competente, una eventuale diversa destinazione delle stesse secondo le modalità di cui all allegato della d.g.r. n. X/748 del 4 ottobre 2013 e ss.mm.ii. Par.3 Viene stabilito che: nel target giovani inoccupati fino a 29 anni di età sono ricompresi coloro che hanno già compiuto il 15 anno di età; nel target disoccupati sono ricompresi coloro che hanno già compiuto il 15 anno di età; nel target occupati rientrano i lavoratori che hanno compiuto il 16 anno di età come specificati nell Avviso; tra i lavoratori occupati sono ricompresi anche i percettori di CIGS e CIGD e i Militari congedandi previsti dal Protocollo d Intesa sottoscritto tra la Regione ed il Comando Militare Esercito Lombardia in data 23 ottobre 2012; Inoltre viene previsto che i giovani inoccupati e/o disoccupati con una fascia di età compresa dai 15 e 29 anni compiuti possono accedere a Dote Unica Lavoro a condizione che: abbiano preventivamente aderito al Programma Garanzia Giovani mediante specifica profilazione nei portali regionali e nazionali; non stiano frequentano percorsi di istruzione e formazione professionale ovvero terziari universitari e non; Par. 4 E previsto che: tra gli operatori accreditati a cui i destinatari possono rivolgersi per l attivazione della dote unica lavoro rientrano anche gli operatori accreditati alla formazione sez. B in relazione al target ed alla fascia d aiuto; per i giovani che accedono alla fascia 1,2 e 3 la Dote Unica Lavoro è attivabile esclusivamente dagli operatori accreditati al lavoro. In relazione ai militari congedandi sopra citati viene specificata la documentazione che gli operatori devono acquisire per la verifica dei requisiti.

Carta Regionale di Trasporto (CRT)

Carta Regionale di Trasporto (CRT) Carta Regionale di Trasporto (CRT) A cura dello Sportello Disabili Regione Lombardia La Tessera Regionale dei Trasporti (CRT) è un titolo di viaggio agevolato che permette ai residenti in Lombardia di

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ. AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZIO POLITICHE DI WELFARE Unità Amministrativa Via Cobelli, 31

COMUNE DI FORLÌ. AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZIO POLITICHE DI WELFARE Unità Amministrativa Via Cobelli, 31 COMUNE DI FORLÌ AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZIO POLITICHE DI WELFARE Unità Amministrativa Via Cobelli, 31 Prot. N. 0008412 AVVISO PUBBLICO CONTRIBUTO RIVOLTO A FAMIGLIE CON 4 O PIU FIGLI MINORI (COMPRESI

Dettagli

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N 930/68 DEL 13/10/2011 1 1.

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense. Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO Antica Tifernum Mataurense Capitale della Massa Trabaria - Comune della Provincia di Pesaro e Urbino BANDO FONDO SOCIALE PER AFFITTO ANNO 2011 IL RESPONSABILE DEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DELLA SPEZIA Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 27/03/2015 1 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma Prot. 6218 del 26.05.2014 AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER ALIMENTARI Approvato con Determinazione Responsabile n. 29 del 22.05.2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO SOCIALE RENDE NOTO Che in

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE BANDO PER LA CONCESSIONE DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI ALTA FORMAZIONE OGGETTO Il Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla provincia di Belluno emana il bando

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 CONCORSI stati pubblicati rispettivamente sul BURT n.15 del 15/04/2015 e N. 29 del 22/07/2015; REGIONE TOSCANA Direzione Organizzazione

Dettagli

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona Prot. nr. 463/12B-10A/A1 lì, 13 febbraio 2006 DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI AL SIG. QUESTORE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Il Responsabile del Settore Politiche Sociali ed Educative del Comune di Urbino (quale ente capofila dell ATS IV)

Il Responsabile del Settore Politiche Sociali ed Educative del Comune di Urbino (quale ente capofila dell ATS IV) AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER PERSONE ANZIANE NON-AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE IN FAMIGLIA (Delibera Giunta Regionale n. 6 del 09.01.2012) ANNO 2015

Dettagli

All.1) ZONA SOCIALE N. 4

All.1) ZONA SOCIALE N. 4 All.1) ZONA SOCIALE N. 4 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELL ARTICOLO 7 DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16 FEBBRAIO 2010 (Disciplina dei servizi e degli interventi a favore della famiglia) CONCERNENTE INTERVENTI

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO Allegato A) alla Determinazione n. 166 del 07/07/2015 Prot. 20150005696 UTC/MC/mc li 09 luglio 2015 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO AI SENSI DELL ART.81

Dettagli

TESTO COORDINATO. Art. 1 (Oggetto)

TESTO COORDINATO. Art. 1 (Oggetto) Il testo pubblicato non ha valore ufficiale. È stato ricavato integrando il vecchio testo del regolamento con le modifiche introdotte dalla DGR n.2621 del 29 dicembre 2015 che deve ancora essere pubblicata

Dettagli

ENTRO IL 15/12/2013 (farà fede il timbro di accettazione dell Ufficio protocollo del Comune).

ENTRO IL 15/12/2013 (farà fede il timbro di accettazione dell Ufficio protocollo del Comune). AVVISO PUBBLICO L Unione dei Comuni Vallata del Tronto RENDE NOTO che è possibile presentare domanda di accesso all ASSEGNO DI CURA per ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI. (Delibera di Giunta Regionale n. 6 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA La Provincia di Lecco riconosce i valori dello sport con particolare riferimento alla sua funzione educativa e

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

C O M U N E D I L O M A G N A

C O M U N E D I L O M A G N A SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE BISOGNOSE BANDO ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Con la presente comunico che l Amministrazione Comunale ha previsto nel Piano per il diritto allo Studio anno scolastico 2010/2011, approvato

Dettagli

Disabilità destinata agli alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta.

Disabilità destinata agli alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta. ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA COMPONENTI BUONO SCUOLA, DISABILITA E CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO E/O DOTAZIONI TECNOLOGICHE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INDICAZIONI GENERALI PREMESSA Il sistema

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille Segreteria Federale Roma, 3 aprile 2015 Circolare n. 46/2015 A tutte le Società affiliate Organi Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 409 Trieste 20/02/2015 Proposta nr. 279 Del 18/02/2015 Oggetto: Rettifica della determinazione n. 1117 dd. 10.4.2014, ad oggetto "Approvazione indirizzi per

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA

BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA Comune di Massarosa BANDO DI CONCORSO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 BENEFICIO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALL ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO. Anno 2009

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO. Anno 2009 REGIONE BASILICATA Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO Anno 2009 CONTRIBUTO REGIONALE PER LA RIDUZIONE DEL COSTO DELL ENERGIA PER LE FAMIGLIE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DEL CANONE DI AFFITTO DELL ALLOGGIO CONDOTTO IN LOCAZIONE

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DEL CANONE DI AFFITTO DELL ALLOGGIO CONDOTTO IN LOCAZIONE CITTA DI CIRIE BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DEL CANONE DI AFFITTO DELL ALLOGGIO CONDOTTO IN LOCAZIONE Ambito territoriale n 36 Elenco Comuni appartenenti all ambito,

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134

Il Rettore. Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134 Il Rettore Decreto n. 927 Anno 2014 Prot. n. 79134 Visto il Decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001; Visto lo Statuto dell'università degli Studi di Firenze e, in particolare, l art. 14, comma 1,

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA PREMESSO CHE Deliberazione della Giunta Regionale n.

Dettagli

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità dei compensi indicati nelle parcelle presentate per la loro approvazione all Ordine degli Avvocati di

Dettagli

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA SERVIZI ESTIVI - CENTRI ESTIVI in CITTA - CENTRI ESTIVI in CAMPAGNA - PER BAMBINI/E E RAGAZZI/E DAI 6 AI 14 ANNI BANDO PER LA RICHIESTA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA Deliberazione della Giunta Regionale n. 6 del 09/01/2012

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA L INPS: a) con la circolare n. 32 del 26 febbraio scorso (allegato 1) ha: - comunicato che, dal corrente anno, assolverà all obbligo

Dettagli

ENTITA DEL CONTRIBUTO

ENTITA DEL CONTRIBUTO COMUNE DI CITERNA Settore Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER L ABBATTIMENTO DEI COSTI DI SERVIZI ANNO 2010 A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON UN NUMERO DI FIGLI

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 257/IFD DEL 14/09/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 257/IFD DEL 14/09/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 257/IFD DEL 14/09/2015 Oggetto: DGR N. 1285/2012 L. 448/98 art. 27 DPCM 226/00 -

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio

Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Vista la legge regionale 7 luglio 2006, n. 11, recante Interventi regionali a

Dettagli

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO COMUNE DI ADELFIA provincia di bari SETTORE TECNICO BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCA- ZIONE RELATIVO DELL ANNO 2012 - DELIB. G.R. N. 2199

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

ASL DELLA PROVINCIA DI LODI AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA

ASL DELLA PROVINCIA DI LODI AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA ASL DELLA PROVINCIA DI LODI AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA In esecuzione della deliberazione n. 265 del 09.09.2015 è indetto ai sensi dell art. 30 comma 2-bis del D.Lgs n. 165/2001 e s.m.i. avviso

Dettagli

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013;

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013; REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Codice DB1810 D.D. 22 aprile 2014, n. 216 L.r. 36/00 "Riconoscimento e valorizzazione delle associazioni turistiche pro loco" art. 6 Approvazione della "scheda di rendicontazione

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO Allegato n. 1 alla delibera di consiglio n. 68 del 28.06.2010 Prop. consiglio n. 225 REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE E DI DIRETTORE TECNICO DI AGENZIA DI VIAGGIO E

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI (Delibera del Consiglio d Istituto n 429 del 07/12/2012 ) (allegato 8 al Regolamento di Istituto) PREMESSA Il presente atto disciplina le modalità di esercizio del

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 54 COPIA in data 24/09/2015 Verbale di deliberazione della Giunta OGGETTO: ADESIONE A DOTE SPORT REGIONE LOMBARDIA CONTRIBUTO FINO A 200 EURO SPESE CORSI ATTIVITÀ SPORTIVE

Dettagli

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

Tra essi figura Roma Capitale, assegnataria del 50% ( 1.000.000,00) delle risorse finanziarie disponibili.

Tra essi figura Roma Capitale, assegnataria del 50% ( 1.000.000,00) delle risorse finanziarie disponibili. AVVISO PUBBLICO rivolto al sostegno economico delle famiglie romane in lista di attesa per l anno educativo 2010-2011 presso servizi comunali o convenzionati di cura della prima infanzia, con figli frequentanti

Dettagli

22 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 12 - Martedì 18 marzo 2014

22 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 12 - Martedì 18 marzo 2014 22 Bollettino Ufficiale D.d.s. 13 marzo 2014 - n. 2139 Approvazione dell avviso per l assegnazione della dote scuola - Anno scolastico 2014/2015, ai sensi della d.g.r. n. X/1320 del 31 gennaio 2014 IL

Dettagli

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è 1 2 L Assessore al Welfare e alle Politiche della Salute, sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi, come confermata dal dirigente del Servizio Accreditamento

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO C O M U N E D I E S C O L C A P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Via Dante n 2 Tel. 0782808303 - Fax 0782808516 e-mail: segreteria.escolca@tiscali.it Prot. n. 2019 del 08.07.13 BANDO DI CONCORSO PER

Dettagli

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino BANDO DI CONCORSO

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino BANDO DI CONCORSO Allegato alla Determinazione Dirigenziale n. 833 del 21/11/2014 C.I.S.A.P. CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI SERVIZIO SICUREZZA SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER L

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO REGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO - LOMBARDIA

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO REGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO - LOMBARDIA GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. LOMBARDIA NOTIZIE 19 Maggio 2005 TESSERE REGIONALI: PROROGATA LA VALIDITA' INFORMAZIONI SULLE TESSERE DI TRASPORTO REGIONALI Con le modifiche introdotte durante il 2004

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE

BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE Iniziative a vantaggio dei consumatori, di cui all'articolo 148, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n.

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012)

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) . rl Roma, 25 marzo 2013 Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) La proroga disposta dall art.23,

Dettagli

Partecipazione alla selezione La domanda dovrà essere corredata da curriculum vitae redatto sottoforma di autocertificazione

Partecipazione alla selezione La domanda dovrà essere corredata da curriculum vitae redatto sottoforma di autocertificazione AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PSICOLOGO PER IL SERVIZIO SOCIALE DI BASE ED IL SERVIZIO TUTELA MINORI E FAMIGLIA (MINORI SOGGETTI A

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER PERSONE ANZIANE NON-AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE IN FAMIGLIA.

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER PERSONE ANZIANE NON-AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE IN FAMIGLIA. , AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER PERSONE ANZIANE NON-AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE IN FAMIGLIA. (Delibera di Giunta Regionale n 6 del 09.01.2012) ANNO

Dettagli

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO Via Pessina, 6-22100 Como In attuazione della deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto CONCORSO PUBBLICO, per titoli ed esami,

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO.

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO. REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO. CAPO 1 ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Art. 1 Istituzione dell albo comunale delle Associazioni 1. E istituito

Dettagli

Fiscal News N. 160. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 160. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 160 05.04.2012 Cinque per mille, l iscrizione negli elenchi dei beneficiari La domanda per l iscrizione può essere presentata già dal 21 marzo

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2016 2017

AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2016 2017 AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2016 2017 Ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n. 328 del 20.04.2015 sono destinatari dell Assegno di Cura gli anziani

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI n. 119 del 29.07.2015 Oggetto: approvazione bando pubblico per l erogazione di contributi agli inquilini morosi incolpevoli, titolari di

Dettagli

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali Regione Lazio Regolamenti Regionali Regolamento 7 agosto 2015, n. 9 Misure a favore delle Organizzazioni di Volontariato di protezione civile. LA GIUNTA REGIONALE ha adottato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

C O M U N E D I U S I N I

C O M U N E D I U S I N I C O M U N E D I U S I N I P R O V I N C I A D I S A S S A R I Via Risorgimento n 70 Tel. 0793817000 - Fax 079380699 e-mail: comunediusini@cert.legalmail.it BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA

Dettagli

Art. 1 Posti da coprire

Art. 1 Posti da coprire Bando di concorso pubblico nazionale, per titoli ed esame-colloquio, profilo professionale di Collaboratore tecnico - VI livello - del CCNL EPR con contratto a tempo determinato Art. 1 Posti da coprire

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

L anno 2015, il giorno del mese di negli Uffici del Comune di.., siti in..., TRA

L anno 2015, il giorno del mese di negli Uffici del Comune di.., siti in..., TRA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI E IL CENTRO AUTORIZZATO DI ASSISTENZA FISCALE PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DEI BENEFICIARI DEL CONTRIBUTO PER L INIZIATIVA STRAORDINARIA INERENTE IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE. Dipartimento III Servizi per la Formazione il Lavoro e la qualità della vita

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE. Dipartimento III Servizi per la Formazione il Lavoro e la qualità della vita CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Dipartimento III Servizi per la Formazione il Lavoro e la qualità della vita Servizio 1 Politiche del lavoro e Servizi per l Impiego Osservatorio sul mercato del lavoro

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 19 MARZO 2004. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 19 MARZO 2004. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 19 MARZO 2004 4º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIV - N. 65 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli