Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon"

Transcript

1 Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO RADON Bologna, 31 ottobre 2007

2 Dati di base utilizzati: 1. Carta geologica tematica della Regione Emilia Romagna, scala 1: (ANPA Raccolta dei dati geologico-ambientali disponibili sul territorio nazionale ai fini della stesura di una carta del Potenziale radonn indoor ; allegati 7A e 7B) 2. Carta geologica dell Appennino emiliano-romagnolo 3. Carta geologica di pianura dell Emilia-Romagna (RER, 1999) 4. Riserve idriche sotterranee della Regione Emilia-Romagna (RER, 1998) 5. Carta geologico-strutturale dell Appennino emilianoromagnolo 1: (RER, 2002) 6. Carta sismotettonica della Regione Emilia-Romagna 1: (RER, 2004) 7. Carte delle manifestazioni superficiali di idrocarburi in Emilia- Romagna (ENI S.p.A.) 8. L attività estrattiva e le risorse minerarie della Regione Emilia-Romagna (Scicli A., 1972)

3 La crosta terrestre del versante padano dell Appennino settentrionale è costituita da 3 orizzonti principali, tra loro scollati e raddoppiati tettonicamente: 1) il basamento cristallino (a 8-12 km); 2) una successione carbonatica triassicamesozoica (spessa da 2000 a 4000 m), non affiorante; 3) una successione terrigena (spessa da poche centinaia di m a oltre 5000 m) da Carta sismotettonica della Regione Emilia-Romagna

4 CARTA GEO-LITOLOGICA DELL APPENNINO EMILIANO-ROMAGNOLO da: Carta geologica dell Appennino emiliano-romagnolo

5 CARTA GEO-LITOLOGICA DELLA PIANURA EMILIANO-ROMAGNOLA da: Carta geologica di pianura dell Emilia-Romagna (RER, 1999)

6 Dall analisi delle caratteristiche geo-litologiche e geo-strutturali dell Emilia-Romagna, tenendo conto della letteratura di settore sul radon ambientale, è emerso quanto segue: i sedimenti della pianura non sono una fonte importante di radon (da dati di letteratura); la varietà composizionale delle rocce affioranti in Appennino è limitata poiché si tratta prevalentemente di argille e arenarie; solo in piccola percentuale sono presenti rocce metamorfiche e magmatiche, generalmente basiche ; si è comunque deciso di quantificare i radionuclidi precursori del radon presenti nelle rocce affioranti più diffuse in Appennino (v. tab. 3.1 e cap. 4); rocce madri di radon in Emilia-Romagna sono presenti in tutte le formazioni rocciose del sottosuolo e perciò occorre individuare le possibili vie di comunicazione tra il sottosuolo e la superficie (faglie, fratture), che permettono la risalita di idrocarburi e acque (cap. 6).

7 Carta geo-litologica dell Appennino emiliano-romagnolo e ubicazione dei punti di campionamento di rocce

8 Tabella 3.1 (2) Scheda campioni n. LOCALITÀ FORMAZIONE LITOLOGIA ETÀ 15 SP59BO, km 3; tra Vado e il bivio per Monterumici e Brento, sez Arenarie di Loiano arenaria poco cementata Eocene medio 16 Strada Castiglione dei Pepoli-lago di Brasimone, in dx Fosso di Brasimone, sez Arenarie di Castiglione dei Pepoli arenaria ben cementata Miocene inf. medio 17 Strada Castiglione dei Pepoli-lago di Brasimone, in dx Fosso di Brasimone, sez Busana, strada per il Passo del Cerreto, sez Arenarie di Castiglione dei Pepoli Gessi e calcari di Sassalbo e della Val Secchia alternanza di: 16A - arenarie ben cementate (prevalenti); 16B marne (subordinate) calcare Miocene inferiore medio Triassico sup. 19 Nismozza, strada per il Passo del Cerreto, sez Gessi e calcari di Sassalbo e della Val Secchia calcare Triassico sup. 20 Vologno, sez Formazione di Monte Venere 21 Canossa, sez mélange della Val Tiepido- Canossa arenaria argilla caotiche e breccia argillosa Campaniano medio Maastrichtiano (Cretacico sup.) Aquitaniano (Miocene inf.) 22 Fondovalle Taro, tra Ostia e Borgo V.T., sez Formazione di Ranzano arenaria Eocene sup.- Oligocene inf. 23 Gorro, sez ofioliti serpentinite Giurassico 24 Ca Bianca, sez Argille Azzurre argilla marnosa Pliocene inf. Pleistocene inf. 25 Monte Cimone, sez Arenarie di Monte Modino 24A - arenaria 24B - arenaria 26 Montecreto, SS 324, sez Arenarie del Monte arenaria con vene di calcite Cervarola 27 Travo, subito dopo il paese, strada per Bobbiano, sez Formazione della Val Luretta arenaria Miocene inf. Miocene inf. Paleocene-Eocene medio 28 Genepreto, sez Flysch di Monte Sporno arenaria Paleocene sup. Eocene medio

9 Carta delle principali faglie dell Appennino emiliano-romagnolo da: Carta geologico-strutturale dell Appennino emiliano-romagnolo, Carta sismotettonica della Regione Emilia-Romagna

10 Manifestazioni superficiali naturali di idrocarburi in Emilia-Romagna da cartografia ENI e Scicli (1972) Km

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA LA RADIOATTIVITÀ NELLE ROCCE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Laura Tositti Prof. Ass. in Chimica dell ambiente e beni culturali laura.tositti@unibo.it Dip. Chimica G. Ciamician Univ. Bologna LA CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica UBICAZIONE E GENERALITA L istanza di permesso di ricerca d..g.r-.np che si richiede è ubicata nel Canale

Dettagli

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Secche della Meloria I pochi elementi di Geologia marina sulla Meloria oggi disponibili La Fig. 6, riportata alla scala di 1:100.000 per il confronto immediato con le

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO

LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO LA CURA DELLA PROPRIETÀ EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO NELLE ZONE FORTEMENTE URBANIZZATE Dott. Geol. Andrea Piccardo IL DISSESTO IDROGEOLOGICO NELLE ZONE FORTEMENTE

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente 1. OBIETTIVI DIDATTICI Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente OBIETTIVI: sviluppare capacità di intepretare e fare 1. Visione 3D degli oggetti geologici 2. Si parte da carta e sezioni geologiche

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI A1.1. I Dati Pluviometrici All'interno della zona in indagine, che comprende i bacini del versante jonico e tirrenico ed alcuni bacini interni del versante

Dettagli

1 si vuole qui specificare che con il termine generico Radon si intende l isotopo 222 Rn, mentre non

1 si vuole qui specificare che con il termine generico Radon si intende l isotopo 222 Rn, mentre non L individuazione delle aree ad alto rischio Radon: l esperienza in corso nella regione Emilia-Romagna Gaidolfi, L., Sogni, R. Arpa Piacenza, Via XXI Aprile 48, 29100 Piacenza, lgaidolfi@arpa.emr.it Riassunto

Dettagli

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Maria Teresa De Nardo, Stefano Segadelli (Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, RER) Luca Marcone (Autorità di Bacino Interregionale Marecchia-Conca)

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul IL TERRITORIO DI BERGAMO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA Museo Civico di Scienze Naturali BERGAMO La cartografia della successione triassico-giurassica F. Jadoul Foglio Lecco Foglio Clusone Foglio Breno

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Per e ch c é un u ana n lisi del e la perico c losità sism s ica a locale? Luca Martelli

Per e ch c é un u ana n lisi del e la perico c losità sism s ica a locale? Luca Martelli Perché un analisi della pericolosità sismica locale? Luca Martelli Gli strumenti di programmazione territoriale e pianificazione urbanistica devono fornire indicazioni per la riduzione del rischio sismico

Dettagli

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e P rogetto AET TiGeo La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e Azienda Elettrica Ticinese Viale Officina 10 6500 Bellinzona Il progetto AET TiGeo intende esaminare

Dettagli

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP)

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP) CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO GEOLOGIA DEL BACINO TERZIARIO PIEMONTESE (BTP) GIUSEPPE BEN geoben2009@gmail.com 1 CARTA STRUTTURALE D ITALIA 2 CARTA STRUTTURALE D ITALIA 3 CRONOLOGIA

Dettagli

Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare,

Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare, 1) - Premessa Con il presente studio si è cercati di inquadrare da un punto di vista geotecnico, al fine di determinare, la fattibilità e le modalità operative di estrazione di materiale lapideo da un

Dettagli

INDICE. 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3. 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4. 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag.

INDICE. 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3. 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4. 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag. INDICE 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag. 5 4 RILIEVI GEOLOGICI, GEOMORFOLOGICI, IDROGEOLOGICI pag. 6 4.1 Carta

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO NEL LAZIO E AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SPROFONDAMENTO

ANALISI DEL DISSESTO NEL LAZIO E AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SPROFONDAMENTO ANALISI DEL DISSESTO NEL LAZIO E AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SPROFONDAMENTO C. Bicocchi; G. Catalano; F. Colasanto; E. Di Loreto; A. Gerardi; L. Liperi; F. Meloni; A. Orazi; A. Pascoli; A. Sericola. REGIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole

puntuale ELEMENTI GENERALI NOTA BENE: Esistono talvolta lievi differenze tra le progressive rilevate direttamente con metodo speditivo dalle tavole PROGETTO NUOVA LINEA FERROVIARIA DEL BRENNERO - PROVINCIA DI TRENTO TRATTA DI COMPLETAMENTO SUD, VARIANTE C - IMPATTI SULLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE I dati delle colonne 1-4 provengono dai documenti

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli

Piano Attuativo A.S.I.3.3-C1a. RELAZIONE DI COMPATIBILITà ACUSTICA

Piano Attuativo A.S.I.3.3-C1a. RELAZIONE DI COMPATIBILITà ACUSTICA Piano Attuativo A.S.I.3.3-C1a Comune di Arezzo Febbraio 2014 RELAZIONE DI COMPATIBILITà ACUSTICA Proponente AERRE Immobiliare e Finanziaria s.p.a. Via Alberto Franchetti 11, 51100 Pistoia Progettisti 5+1AA

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9210142 LAGO PANTANO DI PIGNOLA Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

Le Ofioliti dell Emilia. Emilia-Romagna. Unità contenenti ofioliti Complessi ofiolitici

Le Ofioliti dell Emilia. Emilia-Romagna. Unità contenenti ofioliti Complessi ofiolitici Le Ofioliti dell Emilia Emilia-Romagna Unità contenenti ofioliti Complessi ofiolitici Le ofioliti: breve introduzione alla loro conoscenza Le associazioni ofiolitiche comprendono diverse rocce, a seconda

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia IL MODELLO GEOLOGICO 3D Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia Obiettivi del Progetto GeoMol Modelli geologici 3D trans-nazionali/regionali basati su metodi comuni di costruzione

Dettagli

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso Ritrovo: ore 6.45 al Piazzale della Motorizzazione Civile di Modena (Hotel Lux) Partenza: ore 7.00 in

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

13. Analisi del dissesto da frana in Emilia Romagna

13. Analisi del dissesto da frana in Emilia Romagna 13. Analisi del dissesto da frana in Emilia Romagna G. Gozza, M. Pizziolo 13.1 Premessa Nell ambito del Progetto IFFI (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia), il Servizio Geologico Nazionale (ora in

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO UNIONE DI COMUNI PRIMA COLLINA Provincia di Pavia Regione Lombardia COMUNE DI CANNETO PAVESE COMUNE DI CASTANA COMUNE DI MONTESCANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Atto di indirizzo per la definizione e perimetrazione delle aree a pericolosità geomorfologica in ambito costiero

Atto di indirizzo per la definizione e perimetrazione delle aree a pericolosità geomorfologica in ambito costiero A U T O R I T À D I B A C I N O D E L L A P U G L I A L.R. 9 Dicembre 2002 n. 19 C/o INNOVA PUGLIA S.P.A - (EX TECNOPOLIS CSATA) Str. Prov. per Casamassima Km 3-70010 Valenzano Bari tel. 080 4670209 /

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

PROGETTO. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

PROGETTO. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2-2-1960) NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

1.1 geologia, morfologia ed idrologia

1.1 geologia, morfologia ed idrologia 1.1 geologia, morfologia ed idrologia a cura di Renzo Mazzanti 13 Per Svizzera Pesciatina (gli abitanti del luogo preferiscono chiamarla col tradizionale toponimo Valleriana ) si intende l area montana

Dettagli

Ferrara, 24 settembre 09

Ferrara, 24 settembre 09 Esperienze di realizzazione e certificazione campi sonde: problematiche operative, aspetti geologici e ambientali, garanzia di qualità e resa termica nel tempo. Proposte di redazione di standard di lavoro

Dettagli

Successione Dora Maira

Successione Dora Maira Foglio Susa Si riconoscono i tre settori nei quali la linea TAV attraversa rocce amiantifere, e cioè la tratta di Mompantero (MO), la tratta di Condove (CO) e Monte Musinè (MU). Si intuisce l alto strutturale

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno COMPONENTE GEOLOGICO - TECNICA ED IDROGEOLOGICA

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno COMPONENTE GEOLOGICO - TECNICA ED IDROGEOLOGICA Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno COMPONENTE GEOLOGICO - TECNICA ED IDROGEOLOGICA Marzo 2002 Dr. Paolo Squarci - Geologo 1. INTRODUZIONE... 2 2.INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO GENERALE...

Dettagli

Attività antropiche: attività umane.

Attività antropiche: attività umane. A Acque di strato (o di produzione): sono le acque associate agli idrocarburi nei giacimenti e, quindi, estratti insieme ad essi. Le loro proprietà chimico fisiche variano a seconda della localizzazione

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

STRATIGRAFIA - S1 SCALA 1 : 125 Pagina 1/1 Sondaggio: S1 Località: ZONA INDUSTRIALE-LOC. MONTE DI PRUNO COMUNE DI PALOMONTE (SA) Quota: 220

STRATIGRAFIA - S1 SCALA 1 : 125 Pagina 1/1 Sondaggio: S1 Località: ZONA INDUSTRIALE-LOC. MONTE DI PRUNO COMUNE DI PALOMONTE (SA) Quota: 220 STRATIGRAFIA - S SCALA : Pagina / Riferimento: PALOMONTE PUC S Sondaggio: S Località: ZONA INDUSTRIALE-LOC. MONTE DI PRUNO COMUNE DI PALOMONTE (SA) Quota: 0 Impresa esecutrice: RI.A.S.Srl Via FILZI SALERNO

Dettagli

L orogenesi appenninica

L orogenesi appenninica L orogenesi appenninica Introduzione L area mediterranea occidentale è un mosaico crostale i cui bacini sono nella maggior parte il risultato di una fase distensiva recente (Eocene-attuale), metre le catene

Dettagli

Storia Geologica delle Alpi. - Con fondamenti di geologia generale -

Storia Geologica delle Alpi. - Con fondamenti di geologia generale - Storia Geologica delle Alpi - Con fondamenti di geologia generale - Michele Pregliasco ONC CAI Savona L interno della Terra Foto da: www.digilands.it 50/4 L interno della Terra Perché il pianeta non fonde?

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

1. PREMESSA 2. CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

1. PREMESSA 2. CARATTERISTICHE DEL PROGETTO PROGETTO PRELIMINARE 1. PREMESSA 2. CARATTERISTICHE DEL PROGETTO 2.1. Introduzione 2.2. Idoneità territoriale 2.2.1. Inquadramento geologico-strutturale 2.2.2. Idrodinamica sotterranea 2.2.2.1. Complessi

Dettagli

INDICE. Introduzione pg. 3. Inquadramento generale pg. 4. Caratterizzazione geologica pg. 5. Caratterizzazione idrogeologica pg. 7

INDICE. Introduzione pg. 3. Inquadramento generale pg. 4. Caratterizzazione geologica pg. 5. Caratterizzazione idrogeologica pg. 7 INDICE Introduzione pg. 3 Inquadramento generale pg. 4 Caratterizzazione geologica pg. 5 Caratterizzazione idrogeologica pg. 7 Descrizione del bacino idrografico pg. 9 Calcolo del Deflusso Minimo Vitale

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

Studio Geologico Focardi di Focardi Gianni

Studio Geologico Focardi di Focardi Gianni Studio Geologico Focardi di Focardi Gianni INDICE 1. PREMESSA... 2 2. STATO DI PROGETTO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO... 4 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 5 4 CARATTERISTICHE IDROGRAFICHE... 7 5.

Dettagli

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.

Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2. 0 1 I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA Organo Cartografico dello Stato (legge n 68 del 2.2.1960) NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Come si formano le falde freatiche? Gli acquiferi della Val D Alpone e della Val Tramigna nell ambito dei Lessini. Quando una falda viene intrappolata

Come si formano le falde freatiche? Gli acquiferi della Val D Alpone e della Val Tramigna nell ambito dei Lessini. Quando una falda viene intrappolata Acqua: l oro blu. pagina 20 sottosuolo andando a costituire le cosiddette falde acquifere. Questa continua serie di scambi di acqua tra idrosfera, atmosfera e biosfera costituisce il cosiddetto ciclo dell

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI FLUIDI GEOTERMICI LIQUIDI LA RICCIA

ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI FLUIDI GEOTERMICI LIQUIDI LA RICCIA COMUNI DI BRACCIANO, CERVETERI, ANGUILLARA SABAZIA, FIUMICINO E ROMA PROVINCIA DI ROMA REGIONE LAZIO LAVORO: FASE: COMMITTENTE: TITOLO: R1 PROGETTO DI RICERCA E PROGRAMMA LAVORI ESTENSORE: Geodip - Geologi

Dettagli

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA TOSCANA NORD MEDIO VALDARNO BASSO VALDARNO TOSCANA COSTA ALTO VALDARNO TOSCANA OMBRONE ATO 5 Toscana

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Introduzione alla geologia dell Appennino Ligure-Emiliano Piero Elter

Introduzione alla geologia dell Appennino Ligure-Emiliano Piero Elter Introduzione alla geologia dell Appennino Ligure-Emiliano Piero Elter L'Appennino Settentrionale risulta dalla sovrapposizione tettonica di due grandi insiemi, diversi per litologia, struttura ed origine

Dettagli

CAPITOLO 4. Geologia della Val Gordana

CAPITOLO 4. Geologia della Val Gordana CAPITOLO 4 Geologia della Val Gordana 4.1 INQUADRAMENTO GENERALE L Appennino settentrionale è una catena a falde derivata dalla deformazione terziaria di un settore del paleomargine continentale della

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Bartolomeo Vigna Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture - Politecnico di Torino L utilità

Dettagli

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione (Valentina Volpi, Federica Donda, Edy Forlin, Dario Civile, Barbara Merson e Sergio Persoglia) Co-finanziato dalla EU nel FP6 - the

Dettagli

LE ACQUE SOTTERRANEE DELLA PIANURA DI TORINO CARTA DELLA BASE DELL ACQUIFERO SUPERFICIALE NOTE ILLUSTRATIVE

LE ACQUE SOTTERRANEE DELLA PIANURA DI TORINO CARTA DELLA BASE DELL ACQUIFERO SUPERFICIALE NOTE ILLUSTRATIVE LE ACQUE SOTTERRANEE DELLA PIANURA DI TORINO CARTA DELLA BASE DELL ACQUIFERO SUPERFICIALE NOTE ILLUSTRATIVE LE ACQUE SOTTERRANEE DELLA PIANURA DI TORINO CARTA DELLA BASE DELL ACQUIFERO SUPERFICIALE NOTE

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA. di AGOSTINO IVAN

RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA. di AGOSTINO IVAN RILEVAZIONANDO QUANDO NON SAI COME FARE UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AD UNA CARTA GEOLOGICA di AGOSTINO IVAN 0 APPUNTI SU COME POTREBBE ESSERE IMPOSTATA UNA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA CARTA

Dettagli

MASSICCIO DEL MATESE.

MASSICCIO DEL MATESE. MONTE LA COSTA, cartografato nel Foglio I.G.M.I. 405 Campobasso, ovvero nella Tavoletta I.G.M. 162, III N.O. BOJANO, è una propaggine del MASSICCIO DEL MATESE centro settentrionale che si sviluppa degradando

Dettagli

INDICE. 2.5.1 Caratterizzazione geologica e geomorfologica del sottosuolo...2. 2.5.2 Descrizione della componente suolo...4. 2.5.3 Uso del suolo...

INDICE. 2.5.1 Caratterizzazione geologica e geomorfologica del sottosuolo...2. 2.5.2 Descrizione della componente suolo...4. 2.5.3 Uso del suolo... Pag. 1 di 16 INDICE 2.5 SUOLO E SOTTOSUOLO... 2 2.5.1 Caratterizzazione geologica e geomorfologica del sottosuolo...2 2.5.2 Descrizione della componente suolo...4 2.5.3 Uso del suolo...8 2.5.4 Caratterizzazione

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Corpo idrico sotterraneo: Monte Ramalloro- Monte Inici b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche. Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica Questo

Dettagli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli

La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo. Dott. Luca Tucciarelli La geologia e la geomorfologia del territorio di Alzano Lombardo Dott. Luca Tucciarelli Alzano 13/5/2010 Le placche terrestri La deriva dei continenti Breve storia geologica del territorio alpino 300 MA

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

potenzialità della geotermia a bassa entalpia nella provincia di Ravenna

potenzialità della geotermia a bassa entalpia nella provincia di Ravenna potenzialità della geotermia a bassa entalpia nella provincia di Ravenna dr. Dimitra Rapti-Caputo dr. Dimitra Rapti-Caputo Università di Ferrara, Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra, via Saragat,

Dettagli

Dott. Geol. Sergio Ghilardi iscritto O.R.G. della Lombardia, n. 258. a cura di:

Dott. Geol. Sergio Ghilardi iscritto O.R.G. della Lombardia, n. 258. a cura di: COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO IN ATTUAZIONE DELL ART. 57 DELLA L.R. 11/03/2005

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO. Il radon ambientale. in Emilia-Romagna. contributi

PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO. Il radon ambientale. in Emilia-Romagna. contributi PREVENZIONE NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO Il radon ambientale in Emilia-Romagna contributi 51 Redazione e impaginazione a cura di: Laura Gaidolfi Sezione Provinciale di Piacenza ARPA Emilia-Romagna Paola

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

RILIEVO GEOMECCANICO

RILIEVO GEOMECCANICO RILIEVO GEOMECCANICO LAVORO: STUDIO DI DETTAGLIO LOCALITÀ: San Pietro Sovera, Comune di Corrido (Co) RILIEVO N.: RG 1 DESCRIZIONE GEOLOGICA AFFIORAMENTO: roccia di natura calcarea, grigia e ben stratificata

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

I n d i c e STUDIO MOSCA GEOLOGIA

I n d i c e STUDIO MOSCA GEOLOGIA I n d i c e -1- PREMESSA:... 2-2- METODOLOGIA:... 5-3-... 9 3.1. Generalità... 9 3.2. Stratigrafia:... 9 3.3. Tettonica:... 16 3.4. Il territorio Formazioni geologiche di interesse minerario:... 17 3.5.

Dettagli

Presentazione dello schema di piano

Presentazione dello schema di piano materiali lapidei di pregio Presentazione dello schema di piano Lineamenti generali di settore (volume 1 ) Nel primo volume sono state esposte le tematiche generali che riguardano il territorio siciliano.

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica...

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica... 2 INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3 Cartografia geologica di regolatore generale... 4 Carta geologica... 5 Carta idrogeologica... 5 Carta geomorfologica... 6 Carta del comportamento

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI...

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI... 1 SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 2.1 Ubicazione:... 4 2.2 Geomorfologia:... 4 2.3 Tettonica e litologia:... 5 2.4 Piezometria ed idrografia:... 5 2.5 Verifica cartografia PAI e

Dettagli

FUNGO DI PIETRA A PIANA CRIXIA

FUNGO DI PIETRA A PIANA CRIXIA FUNGO DI PIETRA A PIANA CRIXIA TOPONIMO E LOCALITÀ: Borgo COORDINATE GEOGRAFICHE: long. 1.445.180 ; lat. 4.925.070 ; quota media 278 m s.l.m.m. Si tratta di una particolare emergenza geologica, ubicata

Dettagli

Analisi preliminare delle risorse geotermiche in Emilia-Romagna

Analisi preliminare delle risorse geotermiche in Emilia-Romagna Analisi preliminare delle risorse geotermiche in Emilia-Romagna lmartelli@regione.emilia-romagna.it fmolinari@regione.emilia-romagna.it fsciuto@regione.emilia-romagna.it Esempio di riserve geotermiche

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli