Rassegna Web del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Web del 11.06.2014"

Transcript

1 Rassegna Web del POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DL SU GIOCO PATOLOGICO. TRA GLI ULTIMI EMENDAMENTI PRESENTATI NUOVO CONTINGENTAMENTO E NUOVO SISTEMA AUTORIZZATORIO PER LE SLOT... 3 DDL LUDOPATIE: AI SINDACI MAGGIORI POTERI PER LE AUTORIZZAZIONI SULLE SALE GIOCO... 4 DDL LUDOPATIE: 11 MILIONI DI EURO PER EMERGENZA GAP. COPERTURA CON LA RIDUZIONE DEGLI AGGI DEI CONCESSIONARI... 5 DDL LUDOPATIE: BINETTI (PI), NUOVE MODIFICHE TUTELANO LE COMPETENZE COMUNALI E PREVEDONO DISPOSIZIONI APPLICABILI SUL TERRITORIO NAZIONALE... 5 M5S ACCUSA: BINETTI FAGOCITA LAVORO DI MESI... 5 DL SU GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO. OGGI LA CONCLUSIONE DEI LAVORI IN COMMISSIONE AFFARI SOCIALI... 5 LEGGE EUROPEA 2013: EMENDAMENTO M5S CHIEDE COPERTURA FINANZIARIA CON AUMENTO DEL PREU SUI GIOCHI... 6 MERCATO... 6 NASCE NOVOMATIC ITALIA... 6 AL VIA LA CESSIONE DI COGETECH. MANDATO A MEDIOBANCA... 7 MASSIMO RUTA SARÀ IL NUOVO PRESIDENTE DI G.MATICA... 7 SLOT, IGT DÀ MANDATO ESPLORATIVO A MORGAN STANLEY PER LA PROPRIA CESSIONE, E IL TITOLO VOLA IN BORSA... 8 NEWSLOT E VLT... 8 CONTINGENTAMENTO SLOT: ADM DÀ PRECISAZIONI SU SANZIONI... 8 VLT: TASSA SULLA FORTUNA, ENTRO UN PAIO DI MESI LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE MAXIPENALI NEWSLOT, BPLUS CHIEDE IL DISSEQUESTRO DI 6 MILIONI. DECISIONE DELLA CORTE DEI CONTI ENTRO ALCUNI GIORNI CONSIGLIO DI STATO, INAMMISSIBILE IL RICORSO DI SOGEI CONTRO LE SENTENZE CHE HANNO RIMODULATO LE PENALI PER I CONCESSIONARI DELLE SLOT CRONACA SAMPDORIA: NEL 2013 DIRITTI TV E PLUSVALENZE RIDUCONO LE PERDITE A 13,4 MILIONI SAMPDORIA, È CACCIA AL NUOVO SPONSOR GIOCHI, LEGISLAZIONI A CONFRONTO. OGGI A ROMA IL CONVEGNO DI UNIGIOCO RICERCA CONSULTA NAZIONALE ANTIUSURA: IN 14 ANNI MOLTIPLICATO DI 3,6 VOLTE IL VOLUME DI DENARO DESTINATO AI GIOCHI OPINIONI E COMMENTI MODIFICHE ALLE NORME SU SLOT E VLT. TRA DELEGA FISCALE E DL SUL GIOCO PATOLOGICO, CHI VINCERÀ? SEMPLIFICAZIONE E NORME SUI GIOCHI TRA UN FISCO AD OSTACOLI E LE ASPETTATIVE SULLA DELEGA FISCALE PRIMA TOSATI COME PECORE POI CARNE DA MACELLO E TUTTO TACE, DI E. BERNARDI GIOVANNI CARBONI, LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLA CAMERA MOSTRA DI IGNORARE LE PROBLEMATICHE DEL GIOCO ONLINE A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI DL SU GIOCO PATOLOGICO. TRA GLI ULTIMI EMENDAMENTI PRESENTATI NUOVO CONTINGENTAMENTO E NUOVO SISTEMA AUTORIZZATORIO PER LE SLOT (JAMMA 11/06/2014) Il relatore del dl su Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico Paola Binetti ha presentato tre emendamenti in Commissione Affari Sociali della Camera. Si tratta di propoteste su cui però non pare ci sia grande accordo. I Cinque Stelle hanno fortemente criticato le misure proposte e altri parlamentari hanno espresso più di una perplessità. NUOVI EMENDAMENTI DEL RELATORE Art. 11. Sostituire il comma 1 con il seguente: 1. L esercizio di sale da gioco, di punti di vendita in cui si esercita come attività principale l offerta di scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, l esercizio del gioco lecito nei locali aperti al pubblico e l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito di cui all articolo 110, comma 6, lettere a) e b), del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, sono soggetti all autorizzazione del sindaco del comune competente per territorio, rilasciata previo parere del questore e in ottemperanza al regolamento comunale in materia di orari, modalità e luoghi di esercizio del gioco d azzardo Il Relatore. Sostituire i commi 2, 3 e 4 con i seguenti: 2. Il regolamento comunale da adottare ai sensi del comma 1 deve comunque prevedere il divieto di rilasciare l autorizzazione di cui al comma precedente, qualora il locale o l esercizio per cui è richiesta non rispetti i seguenti parametri minimi: a) ubicazione: 300 metri da scuole di ogni ordine e grado, strutture ospedaliere e residenziali o semiresidenziali operanti nel settore sanitario o socio-assistenziale, luoghi di culto, caserme, centri di aggregazione giovanile e centri per anziani, nonché a una distanza inferiore a 100 metri da banche e uffici postali; b) orari: non oltre le 8 ore quotidiane; c) specifiche spazi: l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito previsti dall articolo 110, comma 6, lettere a) e b), del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, all interno di locali aperti al pubblico, può essere effettuata esclusivamente in spazi appositi e circoscritti, e comunque separati dal resto del locale, in cui si svolge l ordinaria attività; d) divieto fumo: in deroga all articolo 51, comma 1, lettera b), della legge 16 gennaio 2003, n. 3, nei luoghi in cui si svolgono attività di gioco d azzardo è sempre vietato fumare, anche in presenza di impianti per la ventilazione e il ricambio di aria. Tale divieto è esteso anche alle sigarette elettroniche; e) numero massimo apparecchi da intrattenimento: Il numero massimo di apparecchi di intrattenimento installabili in ciascun comune non può comunque superare: 1) le cinque unità per i comuni fino a abitanti; 2) le dieci unità per i comuni fino a abitanti; 3) le venti unità per i comuni fino a abitanti; 4) le cinquanta unità per i comuni fino a abitanti; 5) le cento unità per i comuni con oltre abitanti; f) norme di tutela: al fine di garantire che lo svolgimento delle attività di gioco d azzardo non determini danni alla salute dei cittadini, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della salute, sentito l Osservatorio di cui all articolo 5, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sono individuate le misure per evitare che nei luoghi in cui si svolgono attività di gioco d azzardo siano introdotti strumenti idonei a indurre la dipendenza dal gioco e a favorire la perdita dell autocontrollo da parte dei giocatori, nonché le misure per prevedere un tempo minimo che intercorra tra una giocata e l altra; Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 3

4 g) divieto di pubblicità relativa ai luoghi in cui si gioca. 3. L autorizzazione comunale è concessa per cinque anni e può essere rinnovata alla scadenza. Per le autorizzazioni esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, il termine di cinque anni decorre dalla medesima data di entrata in vigore. 4. Le regioni e i comuni possono stabilire ulteriori luoghi sensibili rispetto a quelli indicati nel comma 2, in relazione ai quali può essere negata l autorizzazione comunale, tenendo conto dell impatto della stessa sul contesto urbano e sulla sicurezza urbana ovvero di problemi connessi con la viabilità, l inquinamento acustico o il disturbo della quiete pubblica. 5. Sono fatte salve le discipline regolatorie nel frattempo emanate a livello locale che risultino coerenti con i principi espressi nel presente articolo Il Relatore. Art. 12. Sostituire i commi 3 e 4, con i seguenti: 3. Al Fondo di cui al comma 1 sono destinate, al netto degli utilizzi previsti dall articolo 12-bis, commi 1, 2 e 3, le somme di cui all articolo 12-bis, comma Al Fondo di cui al comma 2 sono altresì destinate le maggiori entrate derivanti dall incremento delle sanzioni amministrative pecuniarie, di cui all articolo 24, comma 21, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, previsto dall articolo 8, comma 1, della presente legge, e le nuove entrate derivanti delle sanzioni amministrative pecuniarie previste dagli articoli 8, comma 9, e 10, comma 2 della presente legge. Conseguentemente, dopo l articolo 12, aggiungere i seguenti: Art. 12-bis. (Disposizioni finanziarie) 1. Per l attuazione del piano nazionale a favore delle persone affette da gioco d azzardo patologico di cui all articolo 3-bis, comma 1, è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro per l anno Per l attuazione degli interventi in materia di informazione ed educazione sui fattori di rischio del gioco d azzardo di cui all articolo 6, commi 1, 2 e 3, è autorizzata la spesa annua di 1 milione di euro a decorrere dall anno Per il finanziamento del Fondo per le famiglie dei soggetti affetti da gioco d azzardo patologico di cui all articolo 12, comma 2, è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro annui a decorrere dall anno Agli oneri derivanti dai commi 1, 2 e 3, pari a 11 milioni di euro per il 2015 e a 6 milioni di euro annui a decorrere dal 2016, si provvede utilizzando quota parte delle risorse di cui al comma Le risorse destinate alla remunerazione degli operatori e dei concessionari inseriti nell elenco di cui all articolo 1, comma 533, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, e successive modificazioni, con riferimento al settore dei giochi pubblici disciplinato dal sesto comma dell articolo 110, del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, e dall articolo 24 della legge 7 luglio 2009, n. 88, sono ridotte, nella misura di 1 punto percentuale. Il Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, con propri decreti dirigenziali, in materia di giochi pubblici, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, definisce i termini e le modalità di attuazione delle disposizioni di cui al presente comma. Art. 12-ter. (Entrata in vigore) 1. La presente legge entra in vigore il 1o gennaio Il Relatore. DDL LUDOPATIE: AI SINDACI MAGGIORI POTERI PER LE AUTORIZZAZIONI SULLE SALE GIOCO (AGIMEG - 11/06/2014) L esercizio di sale da gioco, di punti di vendita in cui si esercita come attività principale l offerta di scommesse su eventi Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 4

5 sportivi, anche ippici, e non sportivi, l esercizio del gioco lecito nei locali aperti al pubblico e l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito sono soggetti all autorizzazione del sindaco del comune competente per territorio, rilasciata previo parere del questore e in ottemperanza al regolamento comunale in materia di orari, modalità e luoghi di esercizio del gioco d azzardo. Lo chiede in un emendamento la relatrice del ddl ludopatie in esame presso la Commissione Affari Sociali della Camera Paola Binetti. Ieri infatti sono stati presentati degli emendamenti aggiuntivi al testo che sarà licenziato presumibilmente oggi che come in questo caso conferiscono poteri ai sindaci nella decisione di autorizzare nuove sale gioco, previo parere del questore e nel rispetto della regolamentazione comunale in vigore; e che comunque fissano nuovi parametri su distanze minime, apparecchi installabili in base al numero di abitanti e nuove campagne di comunicazione, individuando tra le altre risorse, almeno 11 milioni di euro, garantiti anche dalla riduzione dell 1% dell aggio dei concessionari di gioco. im/agimeg DDL LUDOPATIE: 11 MILIONI DI EURO PER EMERGENZA GAP. COPERTURA CON LA RIDUZIONE DEGLI AGGI DEI CONCESSIONARI (AGIMEG - 11/06/2014) Undici milioni di euro per il 2015 per far fronte all emergenza ludopatia. E una delle richieste riportate in un emendamento presentato dalla relatrice del ddl sulle ludopatie alla Camera, Paola Binetti. Nell emendamento si chiarisce anche che la copertura finanziaria delle nuove misure sarà garantita da una diminuzione dell 1% della remunerazione degli operatori e dei concessionari dei giochi. rg/agimeg DDL LUDOPATIE: BINETTI (PI), NUOVE MODIFICHE TUTELANO LE COMPETENZE COMUNALI E PREVEDONO DISPOSIZIONI APPLICABILI SUL TERRITORIO NAZIONALE (AGIMEG - 11/06/2014) Gli emendamenti aggiuntivi presentati tengono conto dei numerosi emendamenti accantonati che si riferiscono, in particolare, alle questioni dell ubicazione delle case da gioco rispetto ai luoghi cosiddetti sensibili, al numero massimo degli apparecchi che è consentito installare, agli orari e alle altre modalità di svolgimento del gioco d azzardo, al fine di garantire che quest ultimo non rechi danni alla salute dei cittadini. Il loro scopo è anche quello di contemperare le due contrapposte esigenze, di salvaguardare le competenze comunali e, al tempo stesso, di prevedere disposizioni applicabili in modo uniforme sull intero territorio nazionale. Lo ha detto ieri in commissione Affari Sociali alla Camera,la relatrice del ddl sulle ludopatie, Paola Binetti (SC-PI), annunciando e motivando la scelta di presentare ulteriori proposte di modifica al testo, che possano includere le richieste degli emendamenti accantonati in corso di esame. im/agimeg M5S ACCUSA: BINETTI FAGOCITA LAVORO DI MESI (JAMMA 11/06/2014) La relatrice del provvedimento sul gioco d azzardo patologico, di cui si doveva discutere l ultimo articolo, il 12, che riguarda la creazione del fondo per la cura e la prevenzione della malattia, ha presentato un emendamento che, se oggi sarà approvato, farà cadere tutti gli altri emendamenti depositati da gennaio 2014 e ancora in attesa di discussione. Lo affermano i deputati M5S in commissione Affari Sociali. La presentazione senza alcun preavviso da parte di Binetti di un emendamento così importante, lasciando un ora e mezza di tempo per la presentazione di eventuali sub-emendamenti, è stato un atto disuperficialità, forse voluto, nei confronti degli italiani e non rispettoso di quelle forze politiche che hanno raccolto richieste e istanze delle associazioni che hanno aderito alla campagna nazionale Mettiamoci in Gioco. Il MoVimento 5 Stelle conferma la volontà di lavorare in maniera precisa e sulla base di fonti certe, prima di imporre una decisione figlia della volontà del Mef e imposta dall alto agli italiani che soffrono di questa malattia. DL SU GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO. OGGI LA CONCLUSIONE DEI LAVORI IN COMMISSIONE AFFARI SOCIALI (JAMMA 11/06/2014) È alle ultime battute, in commissione Affari sociali di Montecitorio, l esame del testo unico per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico. Manca ormai solo l esame dei sub emendamenti per la presentazione dei quali c è tempo fino a stasera. Oggi sono stati presentati emendamenti che riguardano gli articoli 11 e 12 del provvedimento con cui si sono raccolti suggerimenti e proposte che arrivavano da diversi gruppi fa sapere Paola Binetti, relatrice del Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 5

6 provvedimento. L orientamento complessivo della commissione è la tutela del giocatore e invocare misure restrittive che limitino il fenomeno del gioco d azzardo patologico. Ci si è soffermati sulle caratteristiche dei luoghi in cui si gioca con il duplice obiettivo della prevenzione e della salvaguardia della salute e si è cercato di tenere conto dell orientamento degli enti locali dettando comunque criteri di carattere generale. Tra le proposte presentate l introduzione della distanza minima di 300 metri dai luoghi sensibili e un limite percentuale tra la popolazione dei comuni e il numero di apparecchi di intrattenimento. Tra i punti che la commissione Affari sociali deve ancora discutere anche quello della copertura finanziaria: Sappiamo cosa si deve finanziare, ovvero le terapie e la riabilitazione, le campagne informative, e un sostegno ai gestori che rinunciano alle macchinette. E sappiamo che le risorse devono scaturire direttamente dal mondo dei giochi. In che modo è ancora da chiarire: Le proposte sono o una percentuale di quello che è il volume totale delle giocate oppure risorse dal guadagno proprio dei concessionari. Vediamo domani cosa deciderà la maggioranza e quale delle due opzioni prevarrà. Cercheremo un approvazione condivisa per avere poi la più ampia maggioranza possibile in Aula. LEGGE EUROPEA 2013: EMENDAMENTO M5S CHIEDE COPERTURA FINANZIARIA CON AUMENTO DEL PREU SUI GIOCHI (AGIMEG - 11/06/2014) Il M5S ha presentato un emendamento - primo firmatario Gallinella all articolo 35 della legge Europea 2013 bis, per chiedere lo stop alla riduzione dei consumi medi standardizzati di gasolio in agricoltura da immettere all impiego agevolato. Abbiamo predisposto un emendamento spiega Gallinella che, non toccando i consumi medi di gasolio agricolo, individua una diversa copertura economica alla legge,aumentando il prelievo sul gioco d azzardo. Ci auguriamo di trovare il sostegno anche degli altri gruppi parlamentari, poiché la nostra proposta si muove nella duplice direzione di sostenere il settore agricolo e disincentivare la diffusione del gioco nel nostro Paese, ha poi concluso. lp/agimeg MERCATO NASCE NOVOMATIC ITALIA (JAMMA 11/06/2014) Il mercato italiano del gaming può da oggi vantare una nuovo grande marchio: NOVOMATIC ITALIA. Infatti, il colosso austriaco del gioco, NOVOMATIC, proprietario della Adria Gaming International Spa, la holding italiana divenuta in pochi anni punto di riferimento per aziende ed utenti del mercato del gioco, ha deciso di ribattezzarla con il proprio nome. Questa decisione è stata assunta a simboleggiare sia l importanza della realtà italiana nell ambito della strategia internazionale del Gruppo, sia la continuità con i valori fondanti che da sempre caratterizzano la NOVOMATIC nel mondo, ovvero operatività in quadro legale chiaro, consapevolezza della responsabilità sociale del settore, riconoscimento dei propri dipendenti come il capitale aziendale più importante, e ricerca dell eccellenza tecnologica. Adria Gaming è specializzata nella fornitura di newslot e videolottery, ma è anche presente sul mercato italiano con ben 140 sale da gioco, oltre 60 negozi di scommesse e la piattaforma di gioco a distanza PlayYES, oltre ad essere proprietaria della concessionaria GMatica. Si tratta di un passaggio che da una parte salvaguarda il grande know-how di Adria Gaming, dall altra dà un segnale immediato del legame che c è con la casa madre austriaca spiega Franco Rota, presidente di Adria Gaming. In questi anni Adria Gaming ha puntato alla qualità della propria offerta, sia come apparecchi sia come locali per il gioco. E questa scelta è risultata vincente, visto che ormai tutte le grandi aziende impegnate in Italia nel settore del gioco si avvalgono dei suoi prodotti, al punto da farla divenire leader di mercato nell ambito delle videolottery, ed un totale di più di slot sul territorio. In particolare, dopo il successo conseguito nel mercato delle videolottery, Adria Gaming è ora fortemente impegnata nello sviluppo del mercato delle AWP per il quale si stanno realizzando prodotti e giochi molto innovativi. Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 6

7 Anche le sale da gioco ad essa appartenenti (circuito Admiral Club), molto raffinate e dal design elegante, hanno avuto grandi apprezzamenti da parte degli utenti. NOVOMATIC ha un organico fisso di oltre 1300 addetti in Italia, genera un indotto che impegna almeno altri lavoratori, e produce introiti per l erario di oltre 260 Ml di l anno; tutto questo verrà salvaguardato nel cambio del marchio ed anzi è intendimento di NOVOMATIC trasmettere il rinnovato impegno sul territorio italiano di un gruppo di rilevanza mondiale. Questo impegno si tradurrà anche in alcuni progetti innovativi che NOVOMATIC Italia vuole portare avanti, tra i quali si distinguono le iniziative a contrasto del gioco illegale e quelle per il sostegno al gioco responsabile. Il Gruppo NOVOMATIC, fondato nel 1980, vanta oggi società affiliate in 45 paesi nel mondo, esportazioni di tecnologia ed apparecchi in 80 paesi ed ha fatto registrare un fatturato nel 2013 di 3,5 miliardi di euro. In totale vi lavorano persone che gestiscono oltre apparecchi di gioco. NOVOMATIC ha 14 impianti di produzione, ricerca e sviluppo in Austria, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia ed un centro di produzione anche in Italia. AL VIA LA CESSIONE DI COGETECH. MANDATO A MEDIOBANCA (JAMMA 11/06/2014) I fondi Orlando Italy e Investindustrial hanno dato mandato a Mediobanca per valutare le modalità di disinvestimento della loro partecipazione in Cogemat spa, la holding di Cogetech, uno dei più importanti concessionari italiani nel settore della gestione di rete di apparecchi da intrattenimento (39 mila apparecchi in circa 15 mila esercizi pubblici) e nella gestione di videlotteries con terminali e nota soprattutto per il marchio izplay (scommesse online). Cogemat, che è controllata al 71% tramite OI Games 2 sa e OI Games sa dai due fondi di private equity, ha chiuso il primo trimestre 2014 con un fatturato consolidato di 132,9 milioni (+8,9% dal primo trimestre 2013), un ebitda di 11,3 milioni (+1,2%) e un debito finanziario netto di 101 milioni (dagli 88,1 milioni di fine 2013). La società ha spiegato che la variazione dei debiti verso le banche è principalmente dovuta all emissione nel mese di febbraio di obbligazioni senior (minibond) per un controvalore di Euro migliaia ed alla contestuale estinzione del finanziamento-bridge da euro migliaia erogato da Bnp Paribas e dell importo residuo del finanziamento MPS Capital Services di migliaia. Cogemat aveva chiuso il 2013 con un fatturato consolidato di 481,2 milioni (da 513,5 milioni del 2012) e un margine operativo lordo negativo per 43,6 milioni a causa di 84,2 milioni di euro di costi non ricorrenti principalmente relativi ai costi sostenuti per aderire alla definizione agevolata del giudizio di appello alla sentenza di condanna relativa all avvio della rete telematica (Euro migliaia), ai costi di consulenza sostenuti per l attività di ristrutturazione del debito intrapresa nel corso del secondo semestre dell anno ed alle relative commissioni bancarie. MASSIMO RUTA SARÀ IL NUOVO PRESIDENTE DI G.MATICA (JAMMA 11/06/2014) Massimo Ruta sarà il prossimo presidente di G.matica. L indiscrezione è circolata in questi giorni mentre si annunciano importanti novità anche per Novomatic, il gruppo austriaco a cui fa capo la concessionaria di rete. Massimo Ruta è il Country Manager di Codere Italia dall aprile Nel 1999 Ruta ha assunto l incarico di Country Manager di Gtech fino al 2007, quando Gtech, acquisita da De Agostini, è stata fatta confluire nel Gruppo Lottomatica. In questo periodo è stato tra i fondatori (ed amministratori) della JV Cogetech. L esperienza in Gtech è stata interrotta nel 2002 quando ha gestito il franchising Marriott in Italia, e l anno successivo quando ha guidato a Roma una società di servizi software con oltre 700 dipendenti. Nel 2008 approda alla JV William Hill Codere Italia, per poi guidare per Intralot lo sbarco della società nei Caraibi. Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 7

8 SLOT, IGT DÀ MANDATO ESPLORATIVO A MORGAN STANLEY PER LA PROPRIA CESSIONE, E IL TITOLO VOLA IN BORSA (AGIMEG - 11/06/2014) IGT ha incaricato Morgan Stanley di stimare il proprio valore di mercato in vista di una potenziale cessione, una notizia che ieri ha fatto compiere un balzo del 14,39% (14,31 dollari) alle azioni del produttore di apparecchi da intrattenimento. Al valore attuale degli scambi, International Game Technology ha una capitalizzazione di 3,5 miliardi di dollari circa. La cessione di IGT potrebbe essere una delle operazioni di maggior valore nel mercato dei giochi. Nel luglio 2013 Bally acquistò SHFL Entertainment per 1,3 miliardi di dollari, a gennaio invece Scientific Games ha acquisito WMS Industries per 1,5 miliardi di dollari. lp/agimeg NEWSLOT E VLT CONTINGENTAMENTO SLOT: ADM DÀ PRECISAZIONI SU SANZIONI (GIOCONEWS 11/06/2014) I Monopoli di Stato hanno reso note ulteriori istruzioni in materia di applicazione della sanzione in caso di superamento dei parametri numerico quantitativi delle slot machine. In particolare, il provvedimento dell'agenzia intende superare le criticità ravvisate dagli operatori che erano state oggetto di inchiesta su questo quotidiano online. La presenza di apparecchi da intrattenimento eccedenti i parametri numerico quantitativi stabiliti, può essere rilevata, com è noto, tramite il sistema centrale Aams Sogei Spa o mediante l accesso fisico presso il punto di offerta di gioco. Secondo la prima modalità, l eccedenza è rilevata mediante una comunicazione telematica, il messaggio 480, inviato ad ogni concessionario che ha apparecchi da gioco ubicati presso l esercizio ove è stata accertata l eccedenza. Nello specifico, il messaggio 480, così come definito dal Protocollo di comunicazione, è il messaggio utilizzato dal sistema di controllo AwP per trasmettere al sistema del concessionario Awp, la presenza di apparecchi da gioco che provocano eccedenza dei limiti previsti dalle regole in materia di contingentamento. Il suddetto messaggio 480, quindi, genera un informazione immediata sull eccedenza, idonea ad evidenziare sia tutti i concessionari che hanno apparecchi installati nell esercizio interessato, sia in particolare qual è il concessionario che ha collegato alla propria rete l apparecchio che ha generato l eccedenza in questione, con conseguente obbligo specifico di disporre la rimozione; in proposito, si rammenta che il comma 3, dell articolo 6 del D.D. 27/07/2013, dispone che: La rimozione si considera avvenuta se il concessionario provvede alla modifica dello stato o dell ubicazione degli apparecchi o videoterminali eccedenti entro 72 ore dall avvenuta rilevazione ovvero dall informazione pervenuta dal sistema centrale AAMS-Sogei. IL BLOCCO TELEMATICO - In particolare, è stata posta la questione su quale rilevanza abbia l effettuazione del blocco telematico degli apparecchi di gioco entro le 72 ore stabilite. In proposito si rileva che l apparecchio risulta eccedente fino a quando una successiva informazione non dichiari la sopravvenienza di un nuovo stato e/o una nuova ubicazione. (art. 2 comma 2). Pertanto il blocco non esclude di per sé la violazione del concessionario né l obbligo di procedere alla effettiva rimozione, in quanto non è di per sé assimilabile alla rimozione degli apparecchi: invero il concetto di rimozione richiama la necessità che, in ogni caso, l apparecchio venga effettivamente rimosso dall esercizio in questione mediante comunicazioni idonee al cambiamento di stato o al cambiamento di ubicazione; si rammenta al riguardo che, ai sensi del comma 3 dell art. 1 del D.D. 27/07/2013, ai fini della determinazione degli stati e delle ubicazioni come sopra descritti, si fa riferimento alle informazioni correttamente trasmesse dai concessionari di rete e validamente acquisite in banca dati di Aams. Di conseguenza, l assenza di cambio di stato o di ubicazione, pur in presenza di blocco, non può escludere la contestazione. Tuttavia il concessionario che non svolga anche l attività di gestione degli apparecchi Awp, non dispone di poteri coercitivi di natura esecutiva né di mandato ad eseguire la materiale rimozione degli apparecchi all interno degli esercizi interessati, in assenza della necessaria cooperazione di esercenti e gestori: conseguentemente, è da escludersi l elemento soggettivo della colpevolezza in capo a quel concessionario qualora abbia attivato la procedura di blocco dell apparecchio di gioco, entro le 72 ore dalla Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 8

9 ricezione del messaggio telematico 480; tuttavia l attivazione della procedura di blocco è condizione necessaria ma non sufficiente perché possa escludersi la sussistenza dell elemento soggettivo: è altresì necessario che, entro il decimo giorno dalla ricezione del messaggio telematico 480, vi sia l effettiva rimozione dell apparecchio eccedente o di altro apparecchio collegato alla rete del medesimo concessionario destinatario dell originario messaggio di eccedenza ovvero ancora la rimozione di altro apparecchio presente nell esercizio collegato alla rete di altro concessionario, in base a specifico accordo tra i concessionari interessati. Ulteriore precisazione va fatta in relazione agli apparecchi di gioco in manutenzione straordinaria. Gli apparecchi in manutenzione straordinaria non vengono ordinariamente conteggiati al fine del calcolo dei parametri numerico quantitativi preordinato all invio del messaggio 480. È comunque ovvio che qualora l apparecchio posto in manutenzione straordinaria risulti nuovamente in stato di esercizio presso la medesima ubicazione, ciò potrà generare un nuovo messaggio 480. NUOVE FUNZIONI E SVILUPPI - Una funzionalità della rete telematica da implementare a cura di Sogei sarà quella di rilevare come anomalia, da segnalare a codeste Direzioni Territoriali, l alternarsi degli stati di esercizio e di manutenzione straordinaria, all interno di uno stesso esercizio, per più volte in un ristretto periodo di tempo. 2 Talune Direzioni Territoriali hanno poi segnalato che, nei casi di ingresso di apparecchi eccedenti i parametri numerico-quantitativi in un ubicazione in sostituzione di altrettanti apparecchi per usuale avvicendamento commerciale, ciò è stato comunicato dai concessionari tramite l invio del messaggio telematico 724 e sebbene di tale invio gli stessi abbiano fornito prova tramite la stringa contenente il messaggio 002 di ricezione richiesta apertura intervento da parte del sistema centrale Aams, tale movimentazione non è stata però recepita dal report 480, che non ha registrato l uscita degli apparecchi di cui sopra entro le 72 ore, generando dunque un eccedenza fittizia e non reale. Tale problematica rende necessario - evidentemente un coinvolgimento di Sogei nella valutazione del caso, realizzando eventualmente un implementazione della rete telematica. L'ESCLUSIONE PER FURTO O DISMISSIONE - Allo stesso modo, sarà cura di Sogei dar luogo ad un implementazione della rete telematica al fine di escludere i casi in cui concorrano alla rilevazione dell eccedenza apparecchi di gioco sequestrati ovvero oggetto di furto o dismessi, anche quando tali eventi accadano entro le 72 ore dalla predetta rilevazione. È evidente che è da escludersi la commissione della violazione qualora gli apparecchi apparentemente eccedenti risultino tali perché l Ufficio ha tardato nell acquisizione degli eventi furto/sequestro/ dismissione comunicati dal concessionario. Nei casi, peraltro rari, in cui sia cessato il rapporto contrattuale tra concessionario ed esercente e per un apparecchio collegato alla rete del concessionario non sia possibile comunicare il cambio di ubicazione così generando un messaggio 480, sarà necessario procedere ad una verifica in loco. Sono state, altresì, rappresentate alcune circostanze in cui ai concessionari risulta impossibile l invio dei messaggi telematici previsti per comunicare il cambio di stato o di ubicazione; qualora tale circostanza non sia imputabile al concessionario, questi potrà dare prova esimente della circostanza medesima, ai fini della giustificazione del mancato cambio di stato o di ubicazione. Alla Sogei, che legge per conoscenza, è stato già richiesto di porre in essere le implementazioni sopra evidenziate, per assicurare la piena rispondenza della procedura automatizzata alle finalità sottese al Decreto Direttoriale prot. n. 2011/30011/Giochi/UD del 27 luglio Tali interventi vengono di seguito riepilogati: integrazione delle procedure con rilevazione preventiva delle situazioni di furto e di sequestro degli apparecchi presenti nell esercizio; integrazione delle procedure con rilevazione dell invio del messaggio telematico 724 che intervenga entro le 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza; integrazione delle procedure con rilevazione degli interventi, nelle 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza, che hanno determinato il venir meno della situazione di eccedenza; integrazione delle procedure con evidenziazione, nella predetta applicazione informatica, delle seguenti informazioni: evidenziazione, nei casi di mancata rimozione dell apparecchio eccedente e di mancato intervento di blocco, allo spirare delle 72 ore dalla rilevazione 3 dell eccedenza, di quali siano il concessionario, il gestore e l esercente nei confronti dei quali avviare il procedimento sanzionatorio; evidenziazione - nei casi di mancata rimozione dell apparecchio eccedente per il quale, tuttavia, il concessionario abbia proceduto al blocco allo spirare delle 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza - di quali siano il gestore e l esercente nei confronti dei quali avviare il procedimento sanzionatorio; evidenziazione del concessionario che pur avendo tempestivamente (entro le 72 ore) proceduto al blocco dell apparecchio eccedente, non abbia effettuato altrettanto tempestivamente (entro il decimo giorno) la rimozione dell apparecchio medesimo; rilevazione, Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 9

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni Dl fiscale. Versamento Preu con F24, tassa sulla vincite e requisiti antimafia. Tutte le modifiche per il settore giochi In: Politica, Primopiano 4 aprile 2012-16:47 Le peculiarietà del sistema concessorio.

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Protocollo n 2011/30011/giochi/UD Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Dettagli

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 )

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Ente cui è attribuita la riserva Governance Esercizio Scelte politiche Art. 1 D.Lvo. 496 del 14/4/48 L'organizzazione e l'esercizio di giuochi di abilità e

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2006/7902/GIOCHI/UD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse del bingo e

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con:

2. La Regione, in relazione alle finalità della presente legge, valorizza e promuove la partecipazione e realizza iniziative in collaborazione con: Legge Regionale 21 novembre 2014 n. 21 Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. (Umbria, BUR 26 novembre 2014, n. 54) L'ASSEMBLEA

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

AGENZIA IPPICA WINNER-4094.,

AGENZIA IPPICA WINNER-4094., SENT. 46/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti giudici: dott. Ivan DE MUSSO Presidente dott. Enrico

Dettagli

A Equitalia S.p.A. Alla Sogei S.p.A.

A Equitalia S.p.A. Alla Sogei S.p.A. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni RISOLUZIONE N.23/E Roma, 24 febbraio 2011 Al Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO Gian Luca VIGNALE (primo firmatario) Relazione Con la presente proposta di legge,

Dettagli

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato l autorizzazione alla raccolta

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO Legge Regionale Toscana L.R. 18 ottobre 2013, n. 57 Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (30)

LEGGE REGIONALE N. (30) approvata dal Consiglio regionale nella seduta dell 1 febbraio 2014 -----

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18 Note Esplicative Di seguito vengono riportate brevi note esplicative sulle attività connesse all esercizio e all utilizzo degli apparecchi di cui al comma 6 lettera a), art. 110 T.U.L.P.S. Ai soli fini

Dettagli

[Digitare qui] [Digitare qui] [Digitare qui] 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge

[Digitare qui] [Digitare qui] [Digitare qui] 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge 11 marzo 2014, n. 23, per assicurare la tutela dell ordine pubblico e della sicurezza, nonche delle

Dettagli

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 93 Operativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza.. Pubblica sicurezza e ordine pubblico

Dettagli

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale CONFINDUSTRIA SISTEMA GIOCO ITALIA FIEPeT Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici di Genova, aderente a Confesercenti Federazione Italiana Tabaccai della provincia di Genova CONFERENZA STAMPA

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

Fine del modello italiano dei giochi?

Fine del modello italiano dei giochi? Fine del modello italiano dei giochi? C O N V E G N O 1 8 N O V E M B R E 2 0 1 4 S A L A O R L A N D O, C O N F C O M M E R C I O P I A Z Z A G I U S E P P E G I O A C C H I N O B E L L I, 2, 0 0 1 5

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00578/2013 REG.PROV.COLL. N. 01216/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico. C. 101 Binetti, C. 102 Binetti, C. 267 Fucci, C. 433 Mongiello, C. 1596 Baroni, C. 1718 Iori,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le principali novità fiscali: Finanziaria 2011 e Decreto Milleproroghe 2011

Le principali novità fiscali: Finanziaria 2011 e Decreto Milleproroghe 2011 Ufficio Tributario Roma, lì 12/01/2011 Le principali novità fiscali: Finanziaria 2011 e Decreto Milleproroghe 2011 In data 21/12/2010 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la l. n. 220/10 (Finanziaria

Dettagli

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale.

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. Difensore: nato a il e residente in,, codice fiscale. Controparti:

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

m) punto di commercializzazione, locale presso il quale è esercitata l attività di commercializzazione;

m) punto di commercializzazione, locale presso il quale è esercitata l attività di commercializzazione; Decreto del Direttore Generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato 21 marzo 2006 modificato ed integrato dal Decreto direttoriale 25 giugno 2007 Misure per la regolamentazione della raccolta

Dettagli

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia

New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia COMUNE DI BRESCIA Settore Statistica, audit, programmazione e controllo di gestione Servizio Statistica New Slot e sistemi di gioco VLT a Brescia Documentazione per la Commissione Consiliare Commercio,

Dettagli

Roma. Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014

Roma. Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014 Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014 PREMESSO CHE con provvedimento n. 158302 del 24/09/2012 è stata adottata una informativa antimafia interdittiva ai sensi dell art. 10, comma 7, lett. c)

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

L Austria segue la via italiana

L Austria segue la via italiana L Austria segue la via italiana U n paio d anni di lavoro a ritmi serrati sono serviti al governo austriaco per rinnovare, in maniera sostanziale, la legge del 1989. e il risultato finale è in linea con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELFINO, NARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5262 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELFINO, NARO Istituzione della Lega ippica italiana e disposizioni per la promozione del

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Circolare N.93 del 22 Giugno 2011 Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito

Dettagli

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE FINANZIARIA 2005 Sommario: 1. - Premessa. - 2. Rideterminazione delle misure destinate al finanziamento dello sport. - 3. Modifiche alla disciplina

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Delibera n. 19302 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti del sig. Simone Di Sabato per violazioni dell art. 101, comma 2 e 4, del d.lgs. n. 58/98 LA COMMISSIONE NAZIONALE PER

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015 CIRCOLARE N. 36/E Roma, 1 dicembre 2015 Direzione Centrale Accertamento e Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Primi chiarimenti in tema di Patent Box - Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2011/11181/Giochi/ADI Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931,

Dettagli

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali

08/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 5 agosto 2013, n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 114/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP).

Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). Legge Regionale 5 agosto 2013 n. 5 Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico (GAP). (Lazio, BUR 8 agosto 2013, n. 64) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1).

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). Determinazione dei criteri e parametri numerico quantitativi per l'installabilità di apparecchi di cui all'articolo 110, comma 6 del T.U.L.P.S. (2) (1) Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX. COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.N 051-6622418 Legge n. 98 del 09 agosto 2013 di conversione del decreto legge

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 21/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio 2012 composta dai Magistrati:

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Prot n. 2009/37249/giochi/GST Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014. e, p.c. Alle Direzioni centrali

Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014. e, p.c. Alle Direzioni centrali Direzione Centrale Accertamento e Riscossione Area Monopoli Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014 Alle Direzioni Territoriali e Sezioni distaccate Area Monopoli e, p.c. Alle Direzioni centrali - Coordinamento

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico

Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d'azzardo patologico C. 101 Binetti, C. 102 Binetti, C. 267 Fucci, C. 433 Mongiello, C. 1596 Baroni, C. 1718 Iori,

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Agenzia delle Dogane e dei Monopoli IL VICEDIRETTORE Visto il regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, ed in particolare l articolo 88 che disciplina

Dettagli

VI COMMISSIONE PERMANENTE

VI COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 13 novembre 2014 73 Commissione VI VI COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze) S O M M A R I O INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA: 5-04016 Causi: Questioni relative all ipotesi di collegamento telematico

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Emana il seguente regolamento: TITOLO I PRINCIPI GENERALI. CAPO I Destinatari. Art.1 Definizioni DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 febbraio 2010, n. 54 (in Gazz. Uff., 13 aprile, n. 85). - Regolamento recante norme in materia di autonomia gestionale e finanziaria delle rappresentanze diplomatiche

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I

C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I C O M U N E D I M O N T E C A S T R I L L I PROVINCIA DI TERNI RAGIONERIA Oggetto: Decreto Legge 8 Aprile 2013, n.55. Individuazione misure urgenti per il pagamento dei debiti maturati al 31 Dicembre 2912

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO - a cura Federico Gavioli - Il Collegato alla legge Finanziaria per il 2007 ha introdotto importanti novità in materia di controlli fiscali

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Prot. n. 2011/666/Giochi/GAD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione.

l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione. l) devoluzione all erario dell intero saldo del conto di gioco decorsi tre anni dalla data della sua ultima movimentazione. 3. Fino alla data di entrata in vigore di una nuova disciplina delle scommesse

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Prot. N. 12983/Giochi/GAD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Modalità di calcolo e di versamento dell imposta unica sui giochi

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO T.A.R. Lazio, Roma, sez. I, 01.04.09, n. 3482 Rifiuti Novità - Rapporti obbligatori derivanti da negozi- Giurisdizione esclusiva A.G.A. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE CIRCOLARE N. 8 - SETTEMBRE 2012: LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE COMUNICAZIONE DEI DATI DEI CONTI CORRENTI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE La Manovra Monti ha previsto l obbligo, da parte degli

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 16 del 30/11/2013 ARGOMENTO: ACCONTO IVA 2013 E fissato al 27 dicembre 2013, la scadenza dell ormai consueto obbligo di pagare l acconto Iva per il periodo d imposta in corso.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa

La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa La ritenuta del 2,50% sul TFS/TFR dei pubblici dipendenti: una questione complessa di Stefano Stefani [*] Sommario La recente giurisprudenza si è espressa, in modo anche diversificato ma certamente negativo,

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N.18 del 10.05.2012 Il Caso della settimana A cura di Alessandro Borghese Reclamo su una ipotesi di ricostruzione indiretta di ricavi L art. 39, comma 9, del D.L. luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli