Rassegna Web del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Web del 11.06.2014"

Transcript

1 Rassegna Web del POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DL SU GIOCO PATOLOGICO. TRA GLI ULTIMI EMENDAMENTI PRESENTATI NUOVO CONTINGENTAMENTO E NUOVO SISTEMA AUTORIZZATORIO PER LE SLOT... 3 DDL LUDOPATIE: AI SINDACI MAGGIORI POTERI PER LE AUTORIZZAZIONI SULLE SALE GIOCO... 4 DDL LUDOPATIE: 11 MILIONI DI EURO PER EMERGENZA GAP. COPERTURA CON LA RIDUZIONE DEGLI AGGI DEI CONCESSIONARI... 5 DDL LUDOPATIE: BINETTI (PI), NUOVE MODIFICHE TUTELANO LE COMPETENZE COMUNALI E PREVEDONO DISPOSIZIONI APPLICABILI SUL TERRITORIO NAZIONALE... 5 M5S ACCUSA: BINETTI FAGOCITA LAVORO DI MESI... 5 DL SU GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO. OGGI LA CONCLUSIONE DEI LAVORI IN COMMISSIONE AFFARI SOCIALI... 5 LEGGE EUROPEA 2013: EMENDAMENTO M5S CHIEDE COPERTURA FINANZIARIA CON AUMENTO DEL PREU SUI GIOCHI... 6 MERCATO... 6 NASCE NOVOMATIC ITALIA... 6 AL VIA LA CESSIONE DI COGETECH. MANDATO A MEDIOBANCA... 7 MASSIMO RUTA SARÀ IL NUOVO PRESIDENTE DI G.MATICA... 7 SLOT, IGT DÀ MANDATO ESPLORATIVO A MORGAN STANLEY PER LA PROPRIA CESSIONE, E IL TITOLO VOLA IN BORSA... 8 NEWSLOT E VLT... 8 CONTINGENTAMENTO SLOT: ADM DÀ PRECISAZIONI SU SANZIONI... 8 VLT: TASSA SULLA FORTUNA, ENTRO UN PAIO DI MESI LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE MAXIPENALI NEWSLOT, BPLUS CHIEDE IL DISSEQUESTRO DI 6 MILIONI. DECISIONE DELLA CORTE DEI CONTI ENTRO ALCUNI GIORNI CONSIGLIO DI STATO, INAMMISSIBILE IL RICORSO DI SOGEI CONTRO LE SENTENZE CHE HANNO RIMODULATO LE PENALI PER I CONCESSIONARI DELLE SLOT CRONACA SAMPDORIA: NEL 2013 DIRITTI TV E PLUSVALENZE RIDUCONO LE PERDITE A 13,4 MILIONI SAMPDORIA, È CACCIA AL NUOVO SPONSOR GIOCHI, LEGISLAZIONI A CONFRONTO. OGGI A ROMA IL CONVEGNO DI UNIGIOCO RICERCA CONSULTA NAZIONALE ANTIUSURA: IN 14 ANNI MOLTIPLICATO DI 3,6 VOLTE IL VOLUME DI DENARO DESTINATO AI GIOCHI OPINIONI E COMMENTI MODIFICHE ALLE NORME SU SLOT E VLT. TRA DELEGA FISCALE E DL SUL GIOCO PATOLOGICO, CHI VINCERÀ? SEMPLIFICAZIONE E NORME SUI GIOCHI TRA UN FISCO AD OSTACOLI E LE ASPETTATIVE SULLA DELEGA FISCALE PRIMA TOSATI COME PECORE POI CARNE DA MACELLO E TUTTO TACE, DI E. BERNARDI GIOVANNI CARBONI, LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLA CAMERA MOSTRA DI IGNORARE LE PROBLEMATICHE DEL GIOCO ONLINE A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI DL SU GIOCO PATOLOGICO. TRA GLI ULTIMI EMENDAMENTI PRESENTATI NUOVO CONTINGENTAMENTO E NUOVO SISTEMA AUTORIZZATORIO PER LE SLOT (JAMMA 11/06/2014) Il relatore del dl su Disposizioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico Paola Binetti ha presentato tre emendamenti in Commissione Affari Sociali della Camera. Si tratta di propoteste su cui però non pare ci sia grande accordo. I Cinque Stelle hanno fortemente criticato le misure proposte e altri parlamentari hanno espresso più di una perplessità. NUOVI EMENDAMENTI DEL RELATORE Art. 11. Sostituire il comma 1 con il seguente: 1. L esercizio di sale da gioco, di punti di vendita in cui si esercita come attività principale l offerta di scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, l esercizio del gioco lecito nei locali aperti al pubblico e l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito di cui all articolo 110, comma 6, lettere a) e b), del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, sono soggetti all autorizzazione del sindaco del comune competente per territorio, rilasciata previo parere del questore e in ottemperanza al regolamento comunale in materia di orari, modalità e luoghi di esercizio del gioco d azzardo Il Relatore. Sostituire i commi 2, 3 e 4 con i seguenti: 2. Il regolamento comunale da adottare ai sensi del comma 1 deve comunque prevedere il divieto di rilasciare l autorizzazione di cui al comma precedente, qualora il locale o l esercizio per cui è richiesta non rispetti i seguenti parametri minimi: a) ubicazione: 300 metri da scuole di ogni ordine e grado, strutture ospedaliere e residenziali o semiresidenziali operanti nel settore sanitario o socio-assistenziale, luoghi di culto, caserme, centri di aggregazione giovanile e centri per anziani, nonché a una distanza inferiore a 100 metri da banche e uffici postali; b) orari: non oltre le 8 ore quotidiane; c) specifiche spazi: l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito previsti dall articolo 110, comma 6, lettere a) e b), del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, all interno di locali aperti al pubblico, può essere effettuata esclusivamente in spazi appositi e circoscritti, e comunque separati dal resto del locale, in cui si svolge l ordinaria attività; d) divieto fumo: in deroga all articolo 51, comma 1, lettera b), della legge 16 gennaio 2003, n. 3, nei luoghi in cui si svolgono attività di gioco d azzardo è sempre vietato fumare, anche in presenza di impianti per la ventilazione e il ricambio di aria. Tale divieto è esteso anche alle sigarette elettroniche; e) numero massimo apparecchi da intrattenimento: Il numero massimo di apparecchi di intrattenimento installabili in ciascun comune non può comunque superare: 1) le cinque unità per i comuni fino a abitanti; 2) le dieci unità per i comuni fino a abitanti; 3) le venti unità per i comuni fino a abitanti; 4) le cinquanta unità per i comuni fino a abitanti; 5) le cento unità per i comuni con oltre abitanti; f) norme di tutela: al fine di garantire che lo svolgimento delle attività di gioco d azzardo non determini danni alla salute dei cittadini, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della salute, sentito l Osservatorio di cui all articolo 5, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sono individuate le misure per evitare che nei luoghi in cui si svolgono attività di gioco d azzardo siano introdotti strumenti idonei a indurre la dipendenza dal gioco e a favorire la perdita dell autocontrollo da parte dei giocatori, nonché le misure per prevedere un tempo minimo che intercorra tra una giocata e l altra; Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 3

4 g) divieto di pubblicità relativa ai luoghi in cui si gioca. 3. L autorizzazione comunale è concessa per cinque anni e può essere rinnovata alla scadenza. Per le autorizzazioni esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, il termine di cinque anni decorre dalla medesima data di entrata in vigore. 4. Le regioni e i comuni possono stabilire ulteriori luoghi sensibili rispetto a quelli indicati nel comma 2, in relazione ai quali può essere negata l autorizzazione comunale, tenendo conto dell impatto della stessa sul contesto urbano e sulla sicurezza urbana ovvero di problemi connessi con la viabilità, l inquinamento acustico o il disturbo della quiete pubblica. 5. Sono fatte salve le discipline regolatorie nel frattempo emanate a livello locale che risultino coerenti con i principi espressi nel presente articolo Il Relatore. Art. 12. Sostituire i commi 3 e 4, con i seguenti: 3. Al Fondo di cui al comma 1 sono destinate, al netto degli utilizzi previsti dall articolo 12-bis, commi 1, 2 e 3, le somme di cui all articolo 12-bis, comma Al Fondo di cui al comma 2 sono altresì destinate le maggiori entrate derivanti dall incremento delle sanzioni amministrative pecuniarie, di cui all articolo 24, comma 21, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, previsto dall articolo 8, comma 1, della presente legge, e le nuove entrate derivanti delle sanzioni amministrative pecuniarie previste dagli articoli 8, comma 9, e 10, comma 2 della presente legge. Conseguentemente, dopo l articolo 12, aggiungere i seguenti: Art. 12-bis. (Disposizioni finanziarie) 1. Per l attuazione del piano nazionale a favore delle persone affette da gioco d azzardo patologico di cui all articolo 3-bis, comma 1, è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro per l anno Per l attuazione degli interventi in materia di informazione ed educazione sui fattori di rischio del gioco d azzardo di cui all articolo 6, commi 1, 2 e 3, è autorizzata la spesa annua di 1 milione di euro a decorrere dall anno Per il finanziamento del Fondo per le famiglie dei soggetti affetti da gioco d azzardo patologico di cui all articolo 12, comma 2, è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro annui a decorrere dall anno Agli oneri derivanti dai commi 1, 2 e 3, pari a 11 milioni di euro per il 2015 e a 6 milioni di euro annui a decorrere dal 2016, si provvede utilizzando quota parte delle risorse di cui al comma Le risorse destinate alla remunerazione degli operatori e dei concessionari inseriti nell elenco di cui all articolo 1, comma 533, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, e successive modificazioni, con riferimento al settore dei giochi pubblici disciplinato dal sesto comma dell articolo 110, del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, e dall articolo 24 della legge 7 luglio 2009, n. 88, sono ridotte, nella misura di 1 punto percentuale. Il Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, con propri decreti dirigenziali, in materia di giochi pubblici, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, definisce i termini e le modalità di attuazione delle disposizioni di cui al presente comma. Art. 12-ter. (Entrata in vigore) 1. La presente legge entra in vigore il 1o gennaio Il Relatore. DDL LUDOPATIE: AI SINDACI MAGGIORI POTERI PER LE AUTORIZZAZIONI SULLE SALE GIOCO (AGIMEG - 11/06/2014) L esercizio di sale da gioco, di punti di vendita in cui si esercita come attività principale l offerta di scommesse su eventi Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 4

5 sportivi, anche ippici, e non sportivi, l esercizio del gioco lecito nei locali aperti al pubblico e l installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito sono soggetti all autorizzazione del sindaco del comune competente per territorio, rilasciata previo parere del questore e in ottemperanza al regolamento comunale in materia di orari, modalità e luoghi di esercizio del gioco d azzardo. Lo chiede in un emendamento la relatrice del ddl ludopatie in esame presso la Commissione Affari Sociali della Camera Paola Binetti. Ieri infatti sono stati presentati degli emendamenti aggiuntivi al testo che sarà licenziato presumibilmente oggi che come in questo caso conferiscono poteri ai sindaci nella decisione di autorizzare nuove sale gioco, previo parere del questore e nel rispetto della regolamentazione comunale in vigore; e che comunque fissano nuovi parametri su distanze minime, apparecchi installabili in base al numero di abitanti e nuove campagne di comunicazione, individuando tra le altre risorse, almeno 11 milioni di euro, garantiti anche dalla riduzione dell 1% dell aggio dei concessionari di gioco. im/agimeg DDL LUDOPATIE: 11 MILIONI DI EURO PER EMERGENZA GAP. COPERTURA CON LA RIDUZIONE DEGLI AGGI DEI CONCESSIONARI (AGIMEG - 11/06/2014) Undici milioni di euro per il 2015 per far fronte all emergenza ludopatia. E una delle richieste riportate in un emendamento presentato dalla relatrice del ddl sulle ludopatie alla Camera, Paola Binetti. Nell emendamento si chiarisce anche che la copertura finanziaria delle nuove misure sarà garantita da una diminuzione dell 1% della remunerazione degli operatori e dei concessionari dei giochi. rg/agimeg DDL LUDOPATIE: BINETTI (PI), NUOVE MODIFICHE TUTELANO LE COMPETENZE COMUNALI E PREVEDONO DISPOSIZIONI APPLICABILI SUL TERRITORIO NAZIONALE (AGIMEG - 11/06/2014) Gli emendamenti aggiuntivi presentati tengono conto dei numerosi emendamenti accantonati che si riferiscono, in particolare, alle questioni dell ubicazione delle case da gioco rispetto ai luoghi cosiddetti sensibili, al numero massimo degli apparecchi che è consentito installare, agli orari e alle altre modalità di svolgimento del gioco d azzardo, al fine di garantire che quest ultimo non rechi danni alla salute dei cittadini. Il loro scopo è anche quello di contemperare le due contrapposte esigenze, di salvaguardare le competenze comunali e, al tempo stesso, di prevedere disposizioni applicabili in modo uniforme sull intero territorio nazionale. Lo ha detto ieri in commissione Affari Sociali alla Camera,la relatrice del ddl sulle ludopatie, Paola Binetti (SC-PI), annunciando e motivando la scelta di presentare ulteriori proposte di modifica al testo, che possano includere le richieste degli emendamenti accantonati in corso di esame. im/agimeg M5S ACCUSA: BINETTI FAGOCITA LAVORO DI MESI (JAMMA 11/06/2014) La relatrice del provvedimento sul gioco d azzardo patologico, di cui si doveva discutere l ultimo articolo, il 12, che riguarda la creazione del fondo per la cura e la prevenzione della malattia, ha presentato un emendamento che, se oggi sarà approvato, farà cadere tutti gli altri emendamenti depositati da gennaio 2014 e ancora in attesa di discussione. Lo affermano i deputati M5S in commissione Affari Sociali. La presentazione senza alcun preavviso da parte di Binetti di un emendamento così importante, lasciando un ora e mezza di tempo per la presentazione di eventuali sub-emendamenti, è stato un atto disuperficialità, forse voluto, nei confronti degli italiani e non rispettoso di quelle forze politiche che hanno raccolto richieste e istanze delle associazioni che hanno aderito alla campagna nazionale Mettiamoci in Gioco. Il MoVimento 5 Stelle conferma la volontà di lavorare in maniera precisa e sulla base di fonti certe, prima di imporre una decisione figlia della volontà del Mef e imposta dall alto agli italiani che soffrono di questa malattia. DL SU GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO. OGGI LA CONCLUSIONE DEI LAVORI IN COMMISSIONE AFFARI SOCIALI (JAMMA 11/06/2014) È alle ultime battute, in commissione Affari sociali di Montecitorio, l esame del testo unico per la prevenzione, la cura e la riabilitazione della dipendenza da gioco d azzardo patologico. Manca ormai solo l esame dei sub emendamenti per la presentazione dei quali c è tempo fino a stasera. Oggi sono stati presentati emendamenti che riguardano gli articoli 11 e 12 del provvedimento con cui si sono raccolti suggerimenti e proposte che arrivavano da diversi gruppi fa sapere Paola Binetti, relatrice del Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 5

6 provvedimento. L orientamento complessivo della commissione è la tutela del giocatore e invocare misure restrittive che limitino il fenomeno del gioco d azzardo patologico. Ci si è soffermati sulle caratteristiche dei luoghi in cui si gioca con il duplice obiettivo della prevenzione e della salvaguardia della salute e si è cercato di tenere conto dell orientamento degli enti locali dettando comunque criteri di carattere generale. Tra le proposte presentate l introduzione della distanza minima di 300 metri dai luoghi sensibili e un limite percentuale tra la popolazione dei comuni e il numero di apparecchi di intrattenimento. Tra i punti che la commissione Affari sociali deve ancora discutere anche quello della copertura finanziaria: Sappiamo cosa si deve finanziare, ovvero le terapie e la riabilitazione, le campagne informative, e un sostegno ai gestori che rinunciano alle macchinette. E sappiamo che le risorse devono scaturire direttamente dal mondo dei giochi. In che modo è ancora da chiarire: Le proposte sono o una percentuale di quello che è il volume totale delle giocate oppure risorse dal guadagno proprio dei concessionari. Vediamo domani cosa deciderà la maggioranza e quale delle due opzioni prevarrà. Cercheremo un approvazione condivisa per avere poi la più ampia maggioranza possibile in Aula. LEGGE EUROPEA 2013: EMENDAMENTO M5S CHIEDE COPERTURA FINANZIARIA CON AUMENTO DEL PREU SUI GIOCHI (AGIMEG - 11/06/2014) Il M5S ha presentato un emendamento - primo firmatario Gallinella all articolo 35 della legge Europea 2013 bis, per chiedere lo stop alla riduzione dei consumi medi standardizzati di gasolio in agricoltura da immettere all impiego agevolato. Abbiamo predisposto un emendamento spiega Gallinella che, non toccando i consumi medi di gasolio agricolo, individua una diversa copertura economica alla legge,aumentando il prelievo sul gioco d azzardo. Ci auguriamo di trovare il sostegno anche degli altri gruppi parlamentari, poiché la nostra proposta si muove nella duplice direzione di sostenere il settore agricolo e disincentivare la diffusione del gioco nel nostro Paese, ha poi concluso. lp/agimeg MERCATO NASCE NOVOMATIC ITALIA (JAMMA 11/06/2014) Il mercato italiano del gaming può da oggi vantare una nuovo grande marchio: NOVOMATIC ITALIA. Infatti, il colosso austriaco del gioco, NOVOMATIC, proprietario della Adria Gaming International Spa, la holding italiana divenuta in pochi anni punto di riferimento per aziende ed utenti del mercato del gioco, ha deciso di ribattezzarla con il proprio nome. Questa decisione è stata assunta a simboleggiare sia l importanza della realtà italiana nell ambito della strategia internazionale del Gruppo, sia la continuità con i valori fondanti che da sempre caratterizzano la NOVOMATIC nel mondo, ovvero operatività in quadro legale chiaro, consapevolezza della responsabilità sociale del settore, riconoscimento dei propri dipendenti come il capitale aziendale più importante, e ricerca dell eccellenza tecnologica. Adria Gaming è specializzata nella fornitura di newslot e videolottery, ma è anche presente sul mercato italiano con ben 140 sale da gioco, oltre 60 negozi di scommesse e la piattaforma di gioco a distanza PlayYES, oltre ad essere proprietaria della concessionaria GMatica. Si tratta di un passaggio che da una parte salvaguarda il grande know-how di Adria Gaming, dall altra dà un segnale immediato del legame che c è con la casa madre austriaca spiega Franco Rota, presidente di Adria Gaming. In questi anni Adria Gaming ha puntato alla qualità della propria offerta, sia come apparecchi sia come locali per il gioco. E questa scelta è risultata vincente, visto che ormai tutte le grandi aziende impegnate in Italia nel settore del gioco si avvalgono dei suoi prodotti, al punto da farla divenire leader di mercato nell ambito delle videolottery, ed un totale di più di slot sul territorio. In particolare, dopo il successo conseguito nel mercato delle videolottery, Adria Gaming è ora fortemente impegnata nello sviluppo del mercato delle AWP per il quale si stanno realizzando prodotti e giochi molto innovativi. Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 6

7 Anche le sale da gioco ad essa appartenenti (circuito Admiral Club), molto raffinate e dal design elegante, hanno avuto grandi apprezzamenti da parte degli utenti. NOVOMATIC ha un organico fisso di oltre 1300 addetti in Italia, genera un indotto che impegna almeno altri lavoratori, e produce introiti per l erario di oltre 260 Ml di l anno; tutto questo verrà salvaguardato nel cambio del marchio ed anzi è intendimento di NOVOMATIC trasmettere il rinnovato impegno sul territorio italiano di un gruppo di rilevanza mondiale. Questo impegno si tradurrà anche in alcuni progetti innovativi che NOVOMATIC Italia vuole portare avanti, tra i quali si distinguono le iniziative a contrasto del gioco illegale e quelle per il sostegno al gioco responsabile. Il Gruppo NOVOMATIC, fondato nel 1980, vanta oggi società affiliate in 45 paesi nel mondo, esportazioni di tecnologia ed apparecchi in 80 paesi ed ha fatto registrare un fatturato nel 2013 di 3,5 miliardi di euro. In totale vi lavorano persone che gestiscono oltre apparecchi di gioco. NOVOMATIC ha 14 impianti di produzione, ricerca e sviluppo in Austria, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia ed un centro di produzione anche in Italia. AL VIA LA CESSIONE DI COGETECH. MANDATO A MEDIOBANCA (JAMMA 11/06/2014) I fondi Orlando Italy e Investindustrial hanno dato mandato a Mediobanca per valutare le modalità di disinvestimento della loro partecipazione in Cogemat spa, la holding di Cogetech, uno dei più importanti concessionari italiani nel settore della gestione di rete di apparecchi da intrattenimento (39 mila apparecchi in circa 15 mila esercizi pubblici) e nella gestione di videlotteries con terminali e nota soprattutto per il marchio izplay (scommesse online). Cogemat, che è controllata al 71% tramite OI Games 2 sa e OI Games sa dai due fondi di private equity, ha chiuso il primo trimestre 2014 con un fatturato consolidato di 132,9 milioni (+8,9% dal primo trimestre 2013), un ebitda di 11,3 milioni (+1,2%) e un debito finanziario netto di 101 milioni (dagli 88,1 milioni di fine 2013). La società ha spiegato che la variazione dei debiti verso le banche è principalmente dovuta all emissione nel mese di febbraio di obbligazioni senior (minibond) per un controvalore di Euro migliaia ed alla contestuale estinzione del finanziamento-bridge da euro migliaia erogato da Bnp Paribas e dell importo residuo del finanziamento MPS Capital Services di migliaia. Cogemat aveva chiuso il 2013 con un fatturato consolidato di 481,2 milioni (da 513,5 milioni del 2012) e un margine operativo lordo negativo per 43,6 milioni a causa di 84,2 milioni di euro di costi non ricorrenti principalmente relativi ai costi sostenuti per aderire alla definizione agevolata del giudizio di appello alla sentenza di condanna relativa all avvio della rete telematica (Euro migliaia), ai costi di consulenza sostenuti per l attività di ristrutturazione del debito intrapresa nel corso del secondo semestre dell anno ed alle relative commissioni bancarie. MASSIMO RUTA SARÀ IL NUOVO PRESIDENTE DI G.MATICA (JAMMA 11/06/2014) Massimo Ruta sarà il prossimo presidente di G.matica. L indiscrezione è circolata in questi giorni mentre si annunciano importanti novità anche per Novomatic, il gruppo austriaco a cui fa capo la concessionaria di rete. Massimo Ruta è il Country Manager di Codere Italia dall aprile Nel 1999 Ruta ha assunto l incarico di Country Manager di Gtech fino al 2007, quando Gtech, acquisita da De Agostini, è stata fatta confluire nel Gruppo Lottomatica. In questo periodo è stato tra i fondatori (ed amministratori) della JV Cogetech. L esperienza in Gtech è stata interrotta nel 2002 quando ha gestito il franchising Marriott in Italia, e l anno successivo quando ha guidato a Roma una società di servizi software con oltre 700 dipendenti. Nel 2008 approda alla JV William Hill Codere Italia, per poi guidare per Intralot lo sbarco della società nei Caraibi. Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 7

8 SLOT, IGT DÀ MANDATO ESPLORATIVO A MORGAN STANLEY PER LA PROPRIA CESSIONE, E IL TITOLO VOLA IN BORSA (AGIMEG - 11/06/2014) IGT ha incaricato Morgan Stanley di stimare il proprio valore di mercato in vista di una potenziale cessione, una notizia che ieri ha fatto compiere un balzo del 14,39% (14,31 dollari) alle azioni del produttore di apparecchi da intrattenimento. Al valore attuale degli scambi, International Game Technology ha una capitalizzazione di 3,5 miliardi di dollari circa. La cessione di IGT potrebbe essere una delle operazioni di maggior valore nel mercato dei giochi. Nel luglio 2013 Bally acquistò SHFL Entertainment per 1,3 miliardi di dollari, a gennaio invece Scientific Games ha acquisito WMS Industries per 1,5 miliardi di dollari. lp/agimeg NEWSLOT E VLT CONTINGENTAMENTO SLOT: ADM DÀ PRECISAZIONI SU SANZIONI (GIOCONEWS 11/06/2014) I Monopoli di Stato hanno reso note ulteriori istruzioni in materia di applicazione della sanzione in caso di superamento dei parametri numerico quantitativi delle slot machine. In particolare, il provvedimento dell'agenzia intende superare le criticità ravvisate dagli operatori che erano state oggetto di inchiesta su questo quotidiano online. La presenza di apparecchi da intrattenimento eccedenti i parametri numerico quantitativi stabiliti, può essere rilevata, com è noto, tramite il sistema centrale Aams Sogei Spa o mediante l accesso fisico presso il punto di offerta di gioco. Secondo la prima modalità, l eccedenza è rilevata mediante una comunicazione telematica, il messaggio 480, inviato ad ogni concessionario che ha apparecchi da gioco ubicati presso l esercizio ove è stata accertata l eccedenza. Nello specifico, il messaggio 480, così come definito dal Protocollo di comunicazione, è il messaggio utilizzato dal sistema di controllo AwP per trasmettere al sistema del concessionario Awp, la presenza di apparecchi da gioco che provocano eccedenza dei limiti previsti dalle regole in materia di contingentamento. Il suddetto messaggio 480, quindi, genera un informazione immediata sull eccedenza, idonea ad evidenziare sia tutti i concessionari che hanno apparecchi installati nell esercizio interessato, sia in particolare qual è il concessionario che ha collegato alla propria rete l apparecchio che ha generato l eccedenza in questione, con conseguente obbligo specifico di disporre la rimozione; in proposito, si rammenta che il comma 3, dell articolo 6 del D.D. 27/07/2013, dispone che: La rimozione si considera avvenuta se il concessionario provvede alla modifica dello stato o dell ubicazione degli apparecchi o videoterminali eccedenti entro 72 ore dall avvenuta rilevazione ovvero dall informazione pervenuta dal sistema centrale AAMS-Sogei. IL BLOCCO TELEMATICO - In particolare, è stata posta la questione su quale rilevanza abbia l effettuazione del blocco telematico degli apparecchi di gioco entro le 72 ore stabilite. In proposito si rileva che l apparecchio risulta eccedente fino a quando una successiva informazione non dichiari la sopravvenienza di un nuovo stato e/o una nuova ubicazione. (art. 2 comma 2). Pertanto il blocco non esclude di per sé la violazione del concessionario né l obbligo di procedere alla effettiva rimozione, in quanto non è di per sé assimilabile alla rimozione degli apparecchi: invero il concetto di rimozione richiama la necessità che, in ogni caso, l apparecchio venga effettivamente rimosso dall esercizio in questione mediante comunicazioni idonee al cambiamento di stato o al cambiamento di ubicazione; si rammenta al riguardo che, ai sensi del comma 3 dell art. 1 del D.D. 27/07/2013, ai fini della determinazione degli stati e delle ubicazioni come sopra descritti, si fa riferimento alle informazioni correttamente trasmesse dai concessionari di rete e validamente acquisite in banca dati di Aams. Di conseguenza, l assenza di cambio di stato o di ubicazione, pur in presenza di blocco, non può escludere la contestazione. Tuttavia il concessionario che non svolga anche l attività di gestione degli apparecchi Awp, non dispone di poteri coercitivi di natura esecutiva né di mandato ad eseguire la materiale rimozione degli apparecchi all interno degli esercizi interessati, in assenza della necessaria cooperazione di esercenti e gestori: conseguentemente, è da escludersi l elemento soggettivo della colpevolezza in capo a quel concessionario qualora abbia attivato la procedura di blocco dell apparecchio di gioco, entro le 72 ore dalla Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 8

9 ricezione del messaggio telematico 480; tuttavia l attivazione della procedura di blocco è condizione necessaria ma non sufficiente perché possa escludersi la sussistenza dell elemento soggettivo: è altresì necessario che, entro il decimo giorno dalla ricezione del messaggio telematico 480, vi sia l effettiva rimozione dell apparecchio eccedente o di altro apparecchio collegato alla rete del medesimo concessionario destinatario dell originario messaggio di eccedenza ovvero ancora la rimozione di altro apparecchio presente nell esercizio collegato alla rete di altro concessionario, in base a specifico accordo tra i concessionari interessati. Ulteriore precisazione va fatta in relazione agli apparecchi di gioco in manutenzione straordinaria. Gli apparecchi in manutenzione straordinaria non vengono ordinariamente conteggiati al fine del calcolo dei parametri numerico quantitativi preordinato all invio del messaggio 480. È comunque ovvio che qualora l apparecchio posto in manutenzione straordinaria risulti nuovamente in stato di esercizio presso la medesima ubicazione, ciò potrà generare un nuovo messaggio 480. NUOVE FUNZIONI E SVILUPPI - Una funzionalità della rete telematica da implementare a cura di Sogei sarà quella di rilevare come anomalia, da segnalare a codeste Direzioni Territoriali, l alternarsi degli stati di esercizio e di manutenzione straordinaria, all interno di uno stesso esercizio, per più volte in un ristretto periodo di tempo. 2 Talune Direzioni Territoriali hanno poi segnalato che, nei casi di ingresso di apparecchi eccedenti i parametri numerico-quantitativi in un ubicazione in sostituzione di altrettanti apparecchi per usuale avvicendamento commerciale, ciò è stato comunicato dai concessionari tramite l invio del messaggio telematico 724 e sebbene di tale invio gli stessi abbiano fornito prova tramite la stringa contenente il messaggio 002 di ricezione richiesta apertura intervento da parte del sistema centrale Aams, tale movimentazione non è stata però recepita dal report 480, che non ha registrato l uscita degli apparecchi di cui sopra entro le 72 ore, generando dunque un eccedenza fittizia e non reale. Tale problematica rende necessario - evidentemente un coinvolgimento di Sogei nella valutazione del caso, realizzando eventualmente un implementazione della rete telematica. L'ESCLUSIONE PER FURTO O DISMISSIONE - Allo stesso modo, sarà cura di Sogei dar luogo ad un implementazione della rete telematica al fine di escludere i casi in cui concorrano alla rilevazione dell eccedenza apparecchi di gioco sequestrati ovvero oggetto di furto o dismessi, anche quando tali eventi accadano entro le 72 ore dalla predetta rilevazione. È evidente che è da escludersi la commissione della violazione qualora gli apparecchi apparentemente eccedenti risultino tali perché l Ufficio ha tardato nell acquisizione degli eventi furto/sequestro/ dismissione comunicati dal concessionario. Nei casi, peraltro rari, in cui sia cessato il rapporto contrattuale tra concessionario ed esercente e per un apparecchio collegato alla rete del concessionario non sia possibile comunicare il cambio di ubicazione così generando un messaggio 480, sarà necessario procedere ad una verifica in loco. Sono state, altresì, rappresentate alcune circostanze in cui ai concessionari risulta impossibile l invio dei messaggi telematici previsti per comunicare il cambio di stato o di ubicazione; qualora tale circostanza non sia imputabile al concessionario, questi potrà dare prova esimente della circostanza medesima, ai fini della giustificazione del mancato cambio di stato o di ubicazione. Alla Sogei, che legge per conoscenza, è stato già richiesto di porre in essere le implementazioni sopra evidenziate, per assicurare la piena rispondenza della procedura automatizzata alle finalità sottese al Decreto Direttoriale prot. n. 2011/30011/Giochi/UD del 27 luglio Tali interventi vengono di seguito riepilogati: integrazione delle procedure con rilevazione preventiva delle situazioni di furto e di sequestro degli apparecchi presenti nell esercizio; integrazione delle procedure con rilevazione dell invio del messaggio telematico 724 che intervenga entro le 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza; integrazione delle procedure con rilevazione degli interventi, nelle 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza, che hanno determinato il venir meno della situazione di eccedenza; integrazione delle procedure con evidenziazione, nella predetta applicazione informatica, delle seguenti informazioni: evidenziazione, nei casi di mancata rimozione dell apparecchio eccedente e di mancato intervento di blocco, allo spirare delle 72 ore dalla rilevazione 3 dell eccedenza, di quali siano il concessionario, il gestore e l esercente nei confronti dei quali avviare il procedimento sanzionatorio; evidenziazione - nei casi di mancata rimozione dell apparecchio eccedente per il quale, tuttavia, il concessionario abbia proceduto al blocco allo spirare delle 72 ore dalla rilevazione dell eccedenza - di quali siano il gestore e l esercente nei confronti dei quali avviare il procedimento sanzionatorio; evidenziazione del concessionario che pur avendo tempestivamente (entro le 72 ore) proceduto al blocco dell apparecchio eccedente, non abbia effettuato altrettanto tempestivamente (entro il decimo giorno) la rimozione dell apparecchio medesimo; rilevazione, Rassegna WEB di mercoledì 11 giugno 2014 Pag. 9

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli