GLI STRUMENTI DERIVATI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI STRUMENTI DERIVATI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI"

Transcript

1 1 Bruno Casciarri (Treviso 17 giugno 2011) GLI STRUMENTI DERIVATI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI I) QUADRO NORMATIVO - disciplina nella legge fallimentare - interventi del legislatore finanziario II) DERIVATO E DICHARAZIONE DI INSOLVENZA II.1- derivati con termine ancora in essere II.2- derivati con termine scaduto i. in tutto o in parte ineseguiti (l insinuazione al passivo e le eccezioni del Curatore; la casistica; la clausola compromissoria) ii. prestazione completamente eseguita: 1. l azione in via ordinaria 2. la revocatoria dei derivati OTC con contraente non intermediario: a. art. 67 I comma nr. 1 LF b. art. 67 II comma LF c. le esenzioni ex art. 67 III comma lett. a) e b) 1

2 2 III) DERIVATO E CONCORDATO PREVENTIVO I) QUADRO NORMATIVO Qual è in rapporto tra la normativa fallimentare e gli strumenti finanziari? La legge fallimentare italiana detta una disciplina scarna e poco appariscente. Il tutto parte dal Legislatore del 1942, che costruisce un mirabile fortilizio a difesa della par conditio creditorum: basti pensare alla posizione di terzietà del Curatore, al divieto di azioni esecutive individuali (art. 51), al concorso dei creditori per crediti anteriori da accertare mediante verifica (52) o a quello strumento di riequilibrio dato dalla revocatoria fallimentare. La legge fallimentare fonda un sistema assai efficace ed è una costruzione teorica affascinante. Risente, naturalmente, della realtà economica dell epoca (paese alle soglie dell industrializzazione e con un economia agricola): l economia finanziaria ha scarso rilievo. Di qui l unica norma in tema: l art. 76 LF, che disciplina il contratto di borsa a termine. Art. 76 LF.- contratto di borsa a termine - : il contratto di borsa a termine, se il termine scade dopo la dichiarazione di fallimento, è risolto [si scioglie] alla data della dichiarazione di fallimento. La differenza tra il prezzo contrattuale e il valore delle cose o dei titoli alla data del fallimento è versata nel fallimento se il fallito risulta in credito o è ammessa al passivo nel caso contrario Il contratto di borsa a termine è il contratto in cui le prestazione di ambedue i contraenti sono differite alla scadenza di un dato termine che assolve a una funzione caratteristica ed essenziale, mettendo in bilico l operazione tra il prezzo pattuito e quello che effettivamente risulterà alla scadenza 2

3 3 Il contratto di borsa a termine rientra in una nozione allargata di derivato, se si considera genericamente che in entrambi contr. di borsa a termine e derivato la regolamentazione economica dell accordo è data da un differenziale. Ma nel contratto di borsa a termine il differenziale è un effetto del contratto, che ad oggetto la compravendita di un titolo a un tempo dato e a un prezzo prefissato. Nel derivato l oggetto del contratto è proprio il differenziale dato dalla comparazione di due prezzi\valori: le parti quindi comprano non un bene ma un differenziale di valore. LIQUIDAZIONE DIFFERENZIALE nella prospettiva dell art. 76 LF [ esempio: Tizio trasferirà a Caio l azione alfa al prezzo di 100 con termine a mesi 6; medio tempore fallisce Caio e a quella data l azione vale 85; il contratto si scioglie, non vi è trasferimento del titolo che rimane a Tizio, la regolamentazione economica voluta dal Legislatore comporta che la Procedura Fall. di Caio deve versare la differenza di 15 (ergo, Tizio ha diritto di insinuarsi al passivo in chirografo per 15); se il titolo vale 113, il Fallimento è in credito di 13, che Tizio è tenuto a versare]. Già in questo è ravvisabile una piccola smagliatura del sistema perché pur risolvendosi sciogliendosi il contratto, un suo elemento importante, il prezzo di riferimento, rimane fermo ed è opponibile al Curatore. Due problemi: I) problema della disciplina dei contratti con termine scaduto, ai quali non poteva applicarsi l art. 76 limitato agli scambi con termine non scaduto. La regola generale dell art. 72 LF relativa ai contratti pendenti comportava che il Curatore potesse scegliere se sciogliersi o meno. Problema del cherry picking. Di qui la testi dell estensione analogica dell art. 76 LF anche ai contratti con termine scaduto; II) estensione ai contratti derivati diversi dal contratto di borsa a termine. Le difficoltà derivavano anche dal fatto che la ratio dell art. 76 è quella di protezione del fallito (della massa dei creditori) con una sorta di liquidazione ex lege della posizione e non dell equilibrio dei mercati e dei contraenti in bonis. 3

4 4 La situazione si complica quando all inizio degli anni 90 fanno capolino i derivati. A quel tempo l ordinamento non recava una disciplina dei derivati. Questo determinava un evidente diffidenza da parte della giurisprudenza, che facendo leva sul carattere aleatorio e speculativo li aveva assimilati al gioco e alla scommessa, ritenendoli assoggettati alla c.d. eccezione di gioco. Il Tribunale di Milano con due decisioni risalenti al 1993 e 1994 (pubblicate su Banca Borsa e tit. di credito del 1995, II, 79 ) aveva ritenuto che il derivato stipulato con finalità meramente speculative non corrispondeva a una causa meritevole di tutela e non poteva giustificare ragioni di credito, dovendo essere assimilato a una scommessa non azionabile. Ambiguità non risolta neppure dalla L. 1/91, che, all art. 23, escludeva dall applicabilità dell art cc, le negoziazioni di contratti uniformi a termine su strumenti finanziari collegati a valori mobiliari quotati nei mercati regolamentati Proprio quest ultimo inciso alimentava il dubbio che il legislatore avesse inteso escludere l eccezione di gioco solo per i contratti ammessi alla negoziazione nel mercato regolamentato. La questione, però, è superata definitivamente dall introduzione del c.d. Decreto Eurosim del 23\7\1996 nr. 415 e dal successivo D.Lvo , n. 58 (TUF), che, con l art. 23, esclude l applicazione dell art cc agli strumenti finanziari derivati resi nell ambito della prestazione dei servizi di investimento, per come definiti dall art. 1, comma 5. Tale norma abbraccia sostanzialmente tutta la gamma degli strumenti più diffusi (standardizzati o OTC, anche quelli che hanno come parametro le variabili climatiche lett. J ) e in più stabilisce che il catalogo può essere ampliato sulla base di un decreto del Ministero dell Economia ( che è 4

5 5 intervenuto nel 2007 inserendo i derivati per il trasferimento del rischio di credito, CDS). In conclusione oggi nessuno dubita che agli strumenti derivati non si applichi l eccezione di gioco e scommessa di cui all art cc. CHE COSA SI E VERIFICATO SUL VERSANTE DELLA DISCIPLINA FALLIMENTARE, dove si scontrano due opposte esigenze: a- quella più propriamente concorsuale e per così dire tradizionale della tutela della par condicio creditorum, con la tendenza a ridistribuire su tutti gli operatori economici il peso derivante dall insolvenza, anche con interventi assai incisivi quali la revocatoria; b- quella degli operatori economici e finanziari, che per favorire la diffusione degli scambi e la logica di sviluppo del mercato chiedono la stabilizzazione degli effetti delle operazioni finanziarie (cfr. Bankruptcy Code) Sono due filosofie che non hanno trovato una composizione, perché in una sorta di sdoppiamento il Legislatore Fallimentare anche con le recenti riforme, ha continuato ad ignorare il problema, procedendo solo a un leggero maquillage dell art. 76 LF - la norma sui contratti di borsa a termine - stabilendo che i contratti in parola a seguito del fallimento non si risolvono (come previsto della formulazione originaria del 1942) ma più correttamente si sciolgono. Più attento e attivo è stato certamente il Legislatore Finanziario, perché fin dal 1998 con il TUF si è preoccupato di stabilire la sorte dei contratti derivati in caso di fallimento dell investitore. L art. 203 TUF stabilisce, infatti, che..l art. 76 LF si applica agli strumenti finanziari derivati e a quelli analoghi individuati (con regolamento adottato dal Ministro dell Economia e delle Finanze..), alle operazioni a termine su valute, nonché alle operazioni di prestito titoli, di pronti contro termine e di riporto. Ai fini del presente articolo sono 5

6 6 ricompresi tutti i contratti conclusi, ancorchè non ancora eseguiti in tutto o in parte, entro la data di dichiarazione del fallimento. Per l applicazione dell art. 76 LF agli strumenti finanziari di cui al comma I, può farsi riferimento anche al costo di sostituzione dei medesimi, calcolato secondo i valori di mercato alla data di dichiarazione di fallimento Portata estensiva dell art. 203 TUF: - applicazione dell art. 76 LF non solo ai contratti di borsa a termine ma a tutti gli strumenti derivati; - estensione non solo agli strumenti finanziari il cui termine scade dopo la dichiarazione di fallimento, ma anche quelli non ancora eseguiti in tutto o in parte (così escludendo l applicazione dell art. 72 LF rapporti pendenti - ); - anche costo di sostituzione (per quegli strumenti in cui non è possibile applicare la liquidazione differenziale, ma è necessario fare riferimento al costo di ricostituzione della posizione (ad es. opzione). Ma gli interventi più incisivi e capaci di sovvertire i pilastri fondamentali della disciplina concorsuale ma stranamente poco conosciuti e applicati sono dati dal: D.Lvo 12\4\2001 nr. 210 attuazione della direttiva 98/26/CE sulla definitività degli ordini immessi in un sistema di pagamento o di regolamento titoli (per gli scambi regolati in un sistema : ergo derivati uniformi) Gli ordini, i pagamenti, la compensazione e i trasferimenti sono sempre opponibili ai terzi e agli organi delle procedure di insolvenza; nessuna azione, neppure quella di nullità, può pregiudicare la definitività degli ordini ( anche quelli successivi alla dichiarazione di fallimento purchè l intermediario dimostri di non esserne stato a conoscenza). L art. 72 TUF disciplina una sorta di procedura speciale di insolvenza, definita insolvenza di mercato e che può identificarsi in una fase di crisi anticipata (che può precedere l insolvenza vera e propria), finalizzata a prevenire il fallimento 6

7 7 dei soggetti partecipanti a un sistema e a tutelare anticipatamente il ceto creditorio (sempre però per gli scambi organizzati in un sistema: ergo derivati uniformi). L insolvenza di mercato, basata su elementi rivelatori di gravi inadempimenti, è dichiarata dalla Consob; per i derivati consegue presuntivamente (juris ed de jure) dal mancato versamento dei margini di garanzia o dei differenziali e comporta l immediata liquidazione dei contratti dell insolvente (sullo schema dell art. 76 LF). Questa speciale procedura di liquidazione è demandata a un Commissario nominato dalla Consob, che rilascia ai creditori dei certificati di credito che hanno valore di titoli esecutivi ex art. 474 CPC. D.Lvo 21\5\2004 nr. 170 Attuazione della direttiva 2002/47/CE in materia di garanzia finanziaria. Tale direttiva ha lo scopo di creare un quadro uniforme per le garanzie in titoli e contanti relative a obbligazioni nascenti da contratti di natura finanziaria, in quanto diano diritto a pagamenti in contanti o alla consegna di strumenti finanziari ( non solo a derivati uniformi ma anche a quelli OTC). Cosa vuol dire: che il Legislatore ha voluto creare regime efficaci e semplici per la costituzione di garanzie in funzione di contratti finanziari, tra i quali quelli in derivati, con una particolare attenzione alle procedure concorsuali, nel senso di escludere espressamente questi contratti dal campo di applicazione delle leggi sull insolvenza. Il contratto di garanzia finanziaria è ex art. 1 lett. d, il contratto di pegno, il contratto di cessione di credito o di trasferimento della proprietà di attività finanziaria in funzione di garanzia, e qualsiasi altro contratto di garanzia reale. Perché è importante: in caso di insolvenza dell investitore, l intermediario può valersi della garanzia con tutta una serie di norme speciali che lo mettono al riparo dall applicazione delle norme generali sul fallimento. 7

8 8 Prima del D.Lvo 170\2004 la tenuta della garanzia (COLLATERAL= copertura dall esposizione in derivati) non era per nulla sicura. Anche l adozione del modello contrattuale standardizzato a livello internazionale c.d. ISDA poneva seri problemi in caso di fallimento (compensazione, patto commissorio, tipicità delle garanzie). L ISDA (International Swaps and Derivatives Association) è l associazione che ha predisposto i due modelli contrattuali generalmente utilizzati dagli operatori: Credit Support Annex nella versione di diritto inglese (contratto UK) e nella versione New York Law (contratto US); il primo è quello adottato in Europa). Tali problemi non venivano superati neppure dalla scelta dei contraenti secondo le norme di diritto internazionale privato (cfr. Convenzione di Roma 19\6\1980) della legge inglese quale regolatrice del contratto, infatti: 1) le norme fallimentari in quanto imperative e non derogabili dovevano trovare applicazione e prevalere comunque sulla disciplina del contratto ISDA (versione 2002); 2) se la garanzia era costituta su depositi di intermediari residenti in Italia, ex art. 51 L. 218\1995 la garanzia viene regolata dalla legge del luogo dove è tenuta, e, quindi, dalla legge italiana. Prima del D.Lvo 170\2004 la preoccupazione degli operatori finanziari - che la posizione netta, ovvero il risultato della liquidazione delle operazioni aperte a seguito del fallimento, non subisse gli effetti propri delle singole legislazioni interne concorsuali (ad es. con esclusione della compensazione) rimaneva irrisolta. Ora lo scenario è radicalmente mutato: in particolare: - art. 1: nozione aperta di contratto reale di garanzia finanziaria: viene introdotto il principio di atipicità delle garanzie, contro l assunto del codice civile del numerus clausus (pegno, ipoteca e privilegio) e contro il dogma dell inderogabilità da parte dell autonomia privata della par condicio creditorum; - art. 3: basta la forma scritta ad probationem (anche in forma elettronica o supporto durevole), sono esclusi ulteriori requisiti per l opponibilità a terzi (cfr. data certa). - art. 4: pegno: 8

9 9 Normalmente, rigido formalismo del pegno a pena di nullità\inefficacia\inopponibilità alla Procedura Fallimentare: atto scritto, data certa, spossessamento, rigida individuazione della cosa data in pegno, iscrizione del vincolo sul libro vincoli tenuto dagli intermediari autorizzati per conto di Banca d Italia o per conto di Montetitoli ed accensione di conti particolari a seguito dell entrata in vigore del decreto sulla dematerializzazione), da ripetersi ogni qualvolta si intendeva liberare alcuni titoli dati in pegno per sostituirli con altri o, più frequentemente, si intenda integrare il pegno con altro Collateral. Ora, in forza dell art. 4 D.Lvo 170\2004: il creditore escute il pegno costituito da attività finanziarie, trattiene il corrispettivo, e deve solo informare gli organi della procedura (deroga evidente alla disciplina degli artt. 53 e 54 LF che prevedono la possibilità di una vendita diretta solo dopo l ammissione al passivo e su autorizzazione del GD, che determina le modalità della vendita); - art. 7: CLAUSOLA CLOSE OUT NETTING = la clausola di interruzione dei rapporti e pagamento del saldo netto. E definita dall art. 1 lett.f come : la clausola di un contratto di garanzia finanziaria (o di un contratto che comprende un contratto garanzia finanziaria oppure, in mancanza di previsione contrattuale, una norma di legge), in base alla quale, in caso di evento che determini l escussione della garanzia: 1) le obbligazioni diventano immediatamente esigibili e vengono convertite nell obbligazione di versare un importo pari al loro valore corrente stimato; 2) viene calcolato il debito di ciascuna parte nei confronti dell altra con riguardo alle singole obbligazioni e determinata la somma netta globale risultante dal saldo La clausola close out netting è valida ed ha effetto in conformità a quanto dalla stessa previsto anche in caso di apertura di procedura di liquidazione (= fallimento) e di risanamento (=concordato prev.). (Anomalia: l art. 203 TUF non appare estensibile al concordato preventivo, mentre la clausola close out netting lo è ) 9

10 10 - art. 9 : effetti del fallimento sulle garanzie finanziarie. La garanzia rimane efficace anche se conclusa il giorno stesso del fallimento (si vuole escludere il c.d. effetto ora zero); la sostituzione della garanzia non comporta costituzione di nuova garanzia ma si considera effettuata dalla data della garanzia originaria e contestualmente al credito garantito. AI CONTRATTI DI GARANZIA FINANZIARIA E ALLE GARANZIE FINANZIARIE NON SI APPLICA L ART. 203 TUF NE L ART. 76 LF., salvi gli effetti degli accordi tra le parti ERGO: il derivato si scioglie ex art. 76 LF mentre la garanzia finanziaria che accede all operazione rimane valida ed efficace. Se è presente la clausola Close-out netting è in ogni caso garantito il meccanismo della compensazione Il saldo a debito per l investitore poi fallito derivante dallo scioglimento del derivato si compensa in ogni caso con il ricavato dell escussione deformalizzata della garanzia (ad es. pegno su titoli). - art. 8 : bilanciamento a favore della Procedura e dell obbligato in genere: criterio della ragionevolezza commerciale nelle condizioni di realizzo e criteri di valutazione. Il comma III ( art. 8) prevede che il Curatore nel termine di mesi 6 dall apertura della procedura possa far valere la violazione della ragionevolezza nelle condizioni di realizzo e criteri di valutazione, qualora la determinazione sia intervenuta entro l anno che precede il Fallimento (cfr. stima del derivato, mark to market e costo di sostituzione). Problema: il Curatore può agire anche se al derivato non accede una garanzia finanziaria? Dato testuale: art. 2 il presente decreto di applica ai contratti di garanzia finanziaria 10

11 11 L art. 8 si preoccupa, però, non solo della garanzia ma anche delle obbligazioni garantite, che hanno una loro autonomia concettuale e giuridica. II) DERIVATO E DICHIARAZIONE DI INSOLVENZA alla dichiarazione di insolvenza che cosa accade: bisogna distinguere tra termine che scade dopo la dichiarazione di fallimento e termine che, invece, è scaduto prima. II.1- contratti in cui il termine è ancora in essere; II.2- contratti il cui termine finale è scaduto Per II.1- TERMINE ANCORA IN ESSERE: art. 203 TUF: l art. 76 LF si applica agli strumenti finanziari derivati e a quelli analoghi. Analisi dell art. 76 LF: - riforma: non più risoluzione (effetto ex tunc) ma scioglimento (effetto ex nunc); - ratio: 1) cristallizzazione della posizione del fallito 2) neutralizzazione del rischio di oscillazione del derivato (cfr. art. 34 LF. Curatore investitore finanziario? su proposta del Curatore il Comitato dei Creditori può autorizzare che le somme riscosse vengano investite con strumenti diversi dal deposito in c\c purchè sia garantita l integrità del capitale. Ex art. 76 non è ammessa in nessun caso la prosecuzione del rapporto: la logica è quella di una liquidazione ex lege, una sorta di scadenza anticipata, che non travolge quanto avvenuto prima (ad es. le precedenti scadenze del derivato non vengono meno). 11

12 12 L anticipata chiusura è un rischio che grava in egual misura su entrambi i contraenti. Risultato finale: alla data del Fall., la Procedura può essere creditrice e, quindi agire per il pagamento; o vi può essere una perdita, nel qual caso il credito della Banca\Intermediario deve essere oggetto di insinuazione al passivo, nell ambito del procedimento di verifica dei crediti ex art. 52 LF. L INSINUAZIONE AL PASSIVO A fronte della domanda di insinuazione al passivo (domanda non eludibile neppure con la riassunzione di causa passiva per il debitore poi insolvente pendente prima del Fall. e interrotta ex art. 43 LF), che cosa può\deve fare il Curatore, quali strumenti ha a disposizione? Per paralizzare la pretesa del creditore che si insinua con una vera e propria domanda giudiziale ex art. 93 LF, il Curatore deve eccepire i fatti estintivi, modificativi o impeditivi del diritto fatto valere o l inefficacia del titolo su cui si fonda il credito o la prelazione. Il GD, infatti, decide sulla domanda del creditore e nei limiti delle conclusioni formulate, avuto riguardo alle eccezioni del Curatore e a quelle rilevabili d ufficio (ergo gli è preclusa l iniziativa ufficiosa a differenza dell originario impianto della LF del 1942). Il primo baluardo è costituito dall eccezione relativa alla mancanza di data certa dei contratti ex art CC., agendo il Curatore nella formazione dello stato passivo nell interesse della massa e quale terzo rispetto ai creditori che si insinuano e terzo rispetto allo stesso fallito; tale principio vale anche in caso di opposizione ex art. 98 LF (se invece il Curatore agisce per il recupero di un credito utendo juribus del fallito non può valersi della data certa in quanto parte e non terzo). Molto dipende dalle modalità utilizzate dagli intermediari per dare certezza ai rapporti (da ultimo anche utilizzo della marca temporale; 12

13 13 diffuso l annullo postale; NB: inserimento in bilancio delle passività del derivato?). E importante evidenziare che i contratti di investimento devono rivestire la forma scritta ad sustantiam a pena di nullità ex art. 23 I e III comma TUF (e art. 117 TUB per i contratti bancari): la forma scritta è necessaria sia per il contratto quadro sia per i singoli contratti di swap non potendo quest ultimi essere assimilati a semplici ordini come in tema di acquisto di titoli od obbligazioni uniformi o trattati sul mercato regolamentato. Ciò comporta che il contratto non solo come fatto storico ma nei suoi contenuti specifici è assoggettato alla disciplina della data certa: ergo non è possibile provare l anteriorità del negozio con ricorso ad elementi esterni (cfr. Cass.9\5\2001 nr in tema di conto corrente; 9\7\2004 nr ; Tribunale Pescara 18\4\2008 est. Filocamo e Tribunale Vigevano 23\3\2010 est. Cordova entrambe su ricorsi ex art. 98 LF ). La Cassazione con sentenza 2151\2010 ha stabilito che l eccezione di mancanza di data certa è rilevabile d ufficio attenendo a un elemento strutturale della fattispecie, ricostruita come opponibilità del credito ANTE FALLIMENTO alla massa dei creditori. Il Curatore può, in ipotesi, anche eccepire che la dichiarazione di operatore qualificato su cui si regge tutto l impianto della negoziazione del derivato è invalida o inefficace (v. art. 31 Reg. Consob 11522; Cass- su SRL \2009) o può utilizzare tutta quella gamma di obiezioni eccezioni che vedono impegnate le parti nelle cause ordinarie. Altre due questioni rilevanti sono la quantificazione e prova della pretesa (con interferenze con il principio di trasparenza che grava sull intermediario): 1- calcolo degli oneri occulti o impliciti; 2- calcolo del mark to market Notizia del 21\4\2011 dal Sole 24 ore: con la sentenza 5118\2011 il Trib. Milano ha condannato UniCredit nella controversia con il 13

14 14 Comune di Ortona (Chieti) in relazione a tre Collar Swap (profili degli oneri occulti, del MTM e dei profili informativi). Entrambi gli aspetti presuppongono la previa analisi della determinatezza o determinabilità delle relative clausole contrattuali: in base all art CC. e all interpretazione della Corte di Cassazione, non è ammissibile rimettere all arbitrio di una delle parti la determinazione-specificazione del concreto contenuto di una clausola. Ne consegue ex art CC, la possibile nullità delle clausole che rimettono di fatto all intermediario o genericamente agli usi del mercato la quantificazione del valore del MTM, senza alcuna oggettivazione (parametri di riferimento) o possibilità di controllo. Per i costi le conseguenze sono apparentemente semplici: eliminazione non opponibilità dei costi (così ad esempio in materia di contratti bancari e di ricostruzione dei saldi di conto corrente). Il problema, però, è molto più complesso per l incorporazione dei costi nel meccanismo (pay off) di funzionamento del derivato e del conseguente squilibrio dell alea.. grado di sbilanciamento ex ante del contratto: contratto che potenzialmente induce delle perdite più probabili rispetto ai guadagni. Questo aspetto è particolarmente sensibile in caso di rinegoziazione e di up front (riverbero sulla causa: nullità dell intera operazione?). Per il Mark to Market l eventuale nullità si risolve in prima battuta nel rigetto della pretesa della Banca di insinuarsi, perché la domanda non è provata (è quello che ha fatto il Trib. Venezia, ma anche Firenze). In caso di opposizione ex art. 98 LF dovrà essere disposta una CTU per accertare il valore corretto del MTM (è quello che ha fatto il Trib. Forlì 11\7\2008, infra). Questi aspetti sono stati considerati anche dal Legislatore: 14

15 15 - l art. 203 TUF parla di valore di mercato, ma il richiamo è una mera tautologia: il valore di mercato si stima in base al valore di mercato. - ancora: l art bis comma 3 nr. 1 lett. a) CC. che per il fair value del derivato prescrive che nella nota integrativa del bilancio, là dove non sia possibile individuare facilmente un mercato attivo, la stima si fondi secondo modelli e tecniche di valutazione generalmente accettati. - l art. 8 D.Lvo 170\2004 (bilanciamento a favore della Procedura e dell obbligato in genere: criterio della ragionevolezza commerciale nelle condizioni di realizzo e criteri di valutazione) Il comma III prevede che il Curatore nel termine di mesi 6 dall apertura della procedura possa far valere la violazione della ragionevolezza nelle condizioni di realizzo e criteri di valutazione, qualora la determinazione sia intervenuta entro l anno che precede il Fallimento. Di fronte a queste eccezioni cosa fa il GD? quali sono i limiti della sua cognizione, quali poteri istruttori? Il GD si trova a mal partito: progetto di stato passivo 15 gg. prima \ eventuali osservazioni del creditore fino a 5 giorni prima \ deduzioni e documenti fino all udienza; atti di istruzione solo compatibilmente con le esigenze di speditezza del procedimento (e rinvio a non oltre 8 giorni). Valvola dell opposizione ex art. 98 LF dove non vi sono i limiti di cui sopra (possibilità di esperire CTU). CASISTICA: ( sentenza Tribunale di Forlì 11\7\2008, che ha deciso l opposizione di una banca che si era vista rigettare l istanza di ammissione al passivo di una procedura di liquidazione coatta amministrativa in relazione a un contratto IRS. L opposizione è stata accolta sulla base di questi enunciati: 1) il contratto IRS non è nullo, pur ipotizzando una componente speculativa non è assimilabile alla scommessa ex art. 1933cc (difetto di azione); finalità meritevole di tutela e compatibilità con lo scopo mutualistico della Cooperativa poi dichiarata fallita; 15

16 16 2) riconosciuta la validità ed efficacia della dichiarazione di operatore qualificato, il Trib. ha escluso la violazione degli obblighi informativi, essendo la banca sollevata dagli obblighi che generalmente gravano sull intermediario; 3) la CTU aveva confermato il valore dello SWAP al momento dello scioglimento del contratto. Quindi, ammissione al passivo in chirografo (condanna della Procedura a rifondere i 4\5 delle spese). Sentenza Trib. Firenze 7\6\2006 (su Atlantic CSM Swap): 1) questione del conto corrente e delle passività da swap; 2) non è fondata l eccezione ex art CC. 3) non è fondata l eccezione di operatore qualificato; 4) rigetto della domanda perché fondata su la risoluzione anticipata del contratto e perché non provata la quantificazione. Sentenza Trib. Bergamo 4\5\2006: 1) rigetto dell opposizione sul presupposto dell estraneità del derivato speculativo e non di copertura- all oggetto sociale (con riferimento all abrogato art.2384 bis CC) della società poi fallita e per la mancanza di poteri in capo al legale rappresentate (ex art CC.) Provvedimento del GD di Venezia (24\12\2009) di non ammissione al passivo attesa la nullità\annullabilità per errore essenziale \dolo e la risolvibilità dei vari negozi per gravi inadempienze della banca., provvedimento oggetto di opposizione. Dati comuni ai casi prima citati: - difficoltà del Curatore di opporsi in maniera articolata; - eccezioni principali: legittimità del derivato; inefficacia della dichiarazione di operatore qualificato; verifica sul calcolo del mark to market; - sommarietà dell accertamento in sede di ammissione al passivo; - partita che si gioca in sede di opposizione. PROBLEMA DELLA CLAUSOLA COMPROMISSORIA: molti contratti ( ad es. Unicredit) hanno la clausola compromissoria: quid? Se il differenziale è a favore dell intermediario, è pacifico che l unico mezzo per far valere il credito è l insinuazione al passivo ex art. 52 LF: non residua alcuno spazio per l applicazione della clausola compromissoria. 16

17 17 Se la liquidazione differenziale è a favore del fallimento, la questione è risolta dall art. 83 bis LF che recita se il contratto in cui è contenuta una clausola compromissoria è sciolto[ nel nostro caso si scioglie ex lege] a norma delle disposizioni della sezione IV quella sui rapporti giuridici pendenti -, il procedimento arbitrale non può essere proseguito e, a rigore, deve ritenersi non può essere iniziato. II.2- CONTRATTO CON TERMINE SCADUTO: II.2.1: IN TUTTO O IN PARTE INESEGUITO: prima dell art. 203 TUF: si applicava la regola generale dell art. 72 II LF: l esecuzione rimaneva sospesa fino a quando il Curatore autorizzato dal GD - non dichiarava di subentrare o di sciogliersi. ORA, dopo l art. 203 TUF e per i contratti con termine scaduto ma non ancora in tutto o in parte eseguiti, non è più in facoltà del Curatore di scegliere, perché il contratto si scioglie automaticamente ed inderogabilmente ex art. 76 LF. II.2.2: PRESTAZIONE COMPLETAMENTE ESEGUITA (ad es. la società poi fallita aveva già pagato il debito derivante dall acquisto di swaps: non può applicarsi l art. 76, ma neppure l art. 72 LF. ): azioni latamente recuperatorie, azione revocatoria ed eventuale azione di responsabilità nei confronti dell amministratore ex art. 146 comma II lett. b LF. QUID SE LE PERDITE DEL DERIVATO SONO GIA STATE ESTINTE MEDIANTE PAGAMENTO? II.2.ii.1. Il Curatore deve agire IN VIA ORDINARIA (non può giocare sulla difensiva utilizzando il catenaccio come nella verifica del passivo); ha il vantaggio peraltro di poter studiare il caso senza i limiti stringenti della verifica. 17

18 18 Utendo juribus del fallito e non come terzo potrà far valere o l invalidità del contratto quadro e\o dei singoli acquisiti di prodotti finanziari e, quindi, chiedere la restituzione delle somme versate sullo schema della ripetizione dell indebito quale conseguenza del venir meno del titolo (risoluzione, annullabilità, nullità etc.). II.2.ii.2 : POTRA AGIRE PER LA REVOCATORIA DEI PAGAMENTI ; DUE PRINCIPI CARDINE: I) L art. 67 LF si applica solo al fallimento del contraente non intermediario; II) La revocatoria è esperibile solo per i derivati OTC (non uniformi) L art. 67 LF si applica solo al fallimento del contraente non intermediario, perché l art. 56 TUF rende applicabili agli intermediari le disposizioni sulla liquidazione coatta amministrativa e alcune disposizioni del testo unico bancario (art. 83 TUB), che non richiamano l art. 67 LF (rimane invece esperibile la revocatoria ordinaria). Per i derivati uniformi (quelli trattati nel mercato regolamentato e con l ausilio della cassa di compensazione che assicura il buon fine dei contratti) non vi è possibilità di revocatoria: l art. 2 del D.Lvo 12\4\2001 nr. 210 attuazione della direttiva 98/26/CE ha sancito il principio della definitività degli ordini immessi in un sistema di pagamento o di regolamento titoli. Gli ordini, i pagamenti, la compensazione e i trasferimenti sono sempre opponibili ai terzi e agli organi delle procedure di insolvenza; nessuna azione, neppure quella di nullità, può pregiudicare la definitività degli ordini. 18

19 19 In conclusione, l azione revocatoria fallimentare può venire in considerazione solo con riferimento ai derivati OVER THE COUNTER E CON RIFERIMENTO AL CONTRAENTE NON INTERMEDIARIO. II.2.ii.2.a REVOCATORIA EX ART. 67 I COMMA NR. 1 LF L orientamento dominante, considerato il carattere aleatorio del derivato, esclude la revocatoria ex art. 67 comma I nr. 1 (quando le prestazioni del fallito sorpassano di oltre un quarto prima della riforma notevolmente - ciò che è stato a lui dato o promesso): si ritiene, infatti, che non siano quantificabili i termini dello scambio in una prospettiva comparativa. Teoria Girino: lo squilibrio contrattuale può emergere in caso di rinegoziazione con up front, quando la Banca si avvantaggia imponendo condizioni particolarmente svantaggiose per il cliente e avendo l up front un valore preciso (problema dell alea unilaterale e della causa del negozio.). Il punto 4.1) secondo capoverso dell'allegato 3, parte B del regolamento intermediari dell'agosto 2002 che stabilisce il contenuto del 'Documento sui rischi generali' (pag. 60 del PDF, pag. 59 del documento, relativa agli swap) e così recita: Alla stipula del contratto, il valore di uno swaps è sempre nullo ma esso può assumere rapidamente un valore negativo (o positivo) a seconda di come si muove il parametro a cui è collegato il contratto. Cosa vuole significare questa disposizione, ha una portata precettiva? Vuol significare che i tassi attualizzati a favore del cliente e quelli attualizzati a favore della banca si devono elidere? ma dove si colloca allora il margine della Banca per la componente rischio e per i costi? Forse queste considerazioni hanno determinato la marcia indietro della Consob che non ha ripetuto il punto 4.1 nel Regolamento Intermediari del 2007 nr Qualche spunto di riflessione si può trarre: anche nella prospettiva iniziale vi può essere uno squilibrio rilevante basato sulla 19

20 20 comparazione dei flussi attesi, in cui il risultato non è zero ma una certa quantità a favore dell intermediario (ad es. scambio fisso contro variabile: i modelli indicano che il flusso atteso per il variabile è a favore del cliente- il flusso atteso per il fisso è 1400 a favore della Banca-). Nell esempio nel momento iniziale per rispettare la posizione di parità la Banca dovrebbe versare al cliente 400; così non avviene e alla prima scadenza probabilmente l intermediario avrà un risultato positivo. Nella prospettiva della revocatoria si potrebbe pesare lo squilibrio iniziale e nell esempio concludere che le prestazioni del fallito sorpassano del 40% quello che è stato dato o promesso. Obiezione: la Banca ha diritto a un margine; si tratta di contratti aleatori, che il CC. esclude espressamente dal campo di applicazione della disciplina dell eccessiva onerosità sopravvenuta (art CC) e della rescissione per lesione (art CC.). Ma a ben vendere l alea di questi contratti è il possibile scostamento dai flussi previsti sulla base di modelli matematici: nella prospettiva ex ante posso valutare, soppesare il rischio sotteso alle due posizioni. Ci si deve, poi, chiedere se il termine di un anno (o di sei mesi per il comma II) debba riferirsi ai pagamenti periodici o alla data del contratto. Riterrei più corretta la prima prospettiva perché ciò che incide sulla par conditio creditorum non è tanto il contratto in sé (che stabilisce solo quali obbligazioni sorgeranno) ma il pagamento che di volta in volta viene effettuato. E quello che si verifica con il contratto di conto corrente in cui oggetto di revocatoria sono le rimesse con funzione solutoria. A supporto dell altra tesi si potrebbe richiamare la giurisprudenza della Suprema Corte che in tema di pactum de compensando ha stabilito che il termine si riferisce al contratto e che le singole operazioni sono irrilevanti, in quanto meri atti esecutivi privi di autonomia. E infatti il factum che ha effetto estintivo e satisfattorio (Sez. 1, Sentenza n del 10/02/2006 (Rv ) 20

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Avv. Lanfranco Biasiucci Dipartimento Bancario Finanziario Contenzioso: presente e futuro Conto Corrente e finanziamenti operativi (fidi, aperture

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio 2009, n. 99, intende formulare alcune osservazioni in

Dettagli

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo IL NUOVO ART. 120 DEL TUB ALL ESAME DELLA GIURISPRUDENZA DI MERITO: RICOSTRUZIONI E POSSIBILI SOLUZIONI OPERATIVE Milano, 27 maggio 2015 Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale

Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale Crisi d impresa e ristrutturazione aziendale La redazione del piano e la sua attestazione Masiani Consulting Consulenze di direzione 1. 2. 3. Perdite economiche costanti e/o rilevanti Insufficienza patrimoniale

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA

ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA SOMMARIO CAPITOLO 1 ASPETTI GENERALI SULLA COMPOSIZIONE PRI- VATISTICA DELL INSOLVENZA 1. Le ragioni della gestione privatistica dell insolvenza... 1 1.1. I rischi della negoziazione privata dell insolvenza

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione)

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) G GARANZIE RICEVUTE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA FOGLIO INFORMATIVO

Dettagli

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009

E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 E. FRASCAROLI SANTI GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI Un nuovo procedimento concorsuale, CEDAM, Padova, 2009 Chiara Nappini Assegnista di ricerca in diritto commerciale nell Università di Siena

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs 385/1993, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI

IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO. Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI IL CONCORDATO PREVENTIVO CON FINALITÀ DI RISANAMENTO Prof. Avv. Lorenzo STANGHELLINI Diretta 16 novembre 2009 IL CONCORDATO PREVENTIVO Strumento duttile, normalmente usato in forma liquidatoria Le statistiche

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1

DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1 DERIVATI FINANZIARI IL PROBLEMA DELLA CAUSA ASTRATTA DEGLI SWAP: UNA NUOVA SOLUZIONE PER LE IMPRESE 1 MARCO ROSSI* ABSTRACT Dopo aver analizzato sommariamente il concetto di causa astratta e causa concreta

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento

Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Modalità di realizzazione del pegno irregolare nel concordato preventivo e nel fallimento Tribunale di Bergamo, 22 ottobre 2015. Presidente Vitiello. Relatore Giovanna Golinelli. Contratti di garanzia

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO 1. Premessa La legge n. 2 del 28 gennaio 2009 ha vietato la commissione di massimo scoperto (CMS)

Dettagli

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO 3 novembre 2015 Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti 1 Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Tassazione delle sopravvenienze attive

Tassazione delle sopravvenienze attive Tassazione delle sopravvenienze attive Sopravvenienze attive Art. 88, comma 4, del TUIR (sostituito) Non si considerano sopravvenienze attive i versamenti in denaro o in natura fatti a fondo perduto o

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento

Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento Inserire testo Inserire testo Concordato Preventivo: risoluzione e annullamento La risoluzione per inadempimento e l annullamento del Concordato dopo l omologa A cura dell Avv. Simona Cardillo LA RISOLUZIONE

Dettagli

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1

Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3. Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Empoli 50053 Via J. Carrucci, 116 Roma 00187 Via Lucullo, 3 Milano 20122 Piazzetta U. Giordano Prato 59100 Via Reggiana, 118/1 Seminario del 14 novembre 2011 LA SENTENZA N. 5032/2011 DEL CONSIGLIO DI STATO

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli