SCHEDE DIDATTICHE. A caccia di segni globali nella nostra vita quotidiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDE DIDATTICHE. A caccia di segni globali nella nostra vita quotidiana"

Transcript

1 Scheda A Laboratorio SCHEDE DIDATTICHE A caccia di segni globali nella nostra vita quotidiana Obiettivo. Mostrare come la realtà della globalizzazione sia un fenomeno che riguardi tutti noi. Svolgimento I partecipanti vengono divisi in gruppi di 5-6 persone. Ad ogni gruppo viene fornita una scheda dove possano essere raccolte le osservazioni dei partecipanti riguardanti oggetti (vestiti, scarpe, zaini, borse ). Ogni gruppo dovrà indicare nella prima colonna della scheda il nome dell oggetto osservato e nella seconda la sua provenienza per ciascun componente del gruppo. Da ciò verrà fuori una varietà di provenienze e il conduttore potrà chiedere ai partecipanti cosa questo lasci intendere, ad esempio il fatto che sempre più le vite delle persone nel mondo sono legate. 1

2 Oggetto Provenienza (Made in ) 2

3 Scheda B Gioco: La torta mondiale Permette di avviare in maniera divertente una riflessione sulle differenze fra i livelli di consumo dei paesi ricchi e quelli dei paesi poveri. Il conduttore porta nella stanza dove si lavora una bella torta e promette ai partecipanti al gioco che ciascuno ne avrà una fetta, prima però i giocatori dovranno cambiare identità: ciascuno dovrà assumere il ruolo di rappresentante di uno Stato aderente all ONU. Lo Stato da rappresentare non si sceglie a piacere, ma si pesca a sorte da un mazzetto di bigliettini preparato in anticipo dal conduttore. Naturalmente i bigliettini sono dello stesso numero dei giocatori e su ciascuno di essi c è scritto il nome di uno Stato diverso. Quando finalmente si siedono a tavola, i giocatori scoprono che la fetta di torta a cui hanno diritto non è uguale per tutti, ma è proporzionale al reddito medio pro-capite dei cittadini dello Stato che ciascuno rappresenta. Le reazioni e le considerazioni dei giocatori di fronte a questo fatto consentono di aprire un dibattito sulla iniqua distribuzione della ricchezza. TEMPI: in questo gioco la durata non è importante; ciò che conta è che non vi siano tempi morti e per evitare questo rischio il conduttore deve avere un assistente. Infatti mentre intrattiene i giocatori e li guida nell assunzione della nuova identità, l assistente prepara i piatti e taglia le fette di torta corrispondenti al reddito di ciascun paese senza farsi notare. Naturalmente quest ultimo dispone di una seconda serie di bigliettini, che userà come segnaposto, su cui oltre al nome del Paese figura il reddito medio pro-capite dei suoi cittadini. 3

4 Scheda C (tratto da NERO E NON SOLO progetto ARCI) Gioco: Storie di vita dei produttori del sud. Al mercato di San Cristobal Analizzare i meccanismi del commercio: l'intermediazione TEMPO: 45 minuti Vengono distribuite le carte dei ruoli : Il commerciante - compri le merci che portano gli indigeni dei dintorni, le vendi ad altri indigeni, cercando di guadagnare più denaro possibile, anche al momento di fare i conti e dare il resto. Il tuo obiettivo è però anche quello di aver venduto tutto alla fine del mercato. Ti consideri superiore agli indigeni, per cui ti rivolgi a loro usando "tu" oppure "Oh". 8 indigeni - tutti gli scambi avvengono attraverso il commerciante, cui dai del Lei : il primo è l indiano di Chamula: vuoi procurarti ceramica: per disporre di denaro a questo scopo, vendi legna da ardere; devi pensare che hai un grosso bisogno di questi prodotti di ceramica; il secondo è l indiano di Amatenango: vendi ceramica per comprare legna da ardere; il terzo è l indiano di Zinacantan: vendi sale e hai bisogno di fibre e corda; il quarto, l indiano di Oxchuc, viceversa: porti fibre e corda e hai bisogno di sale; il quinto è l indiano della Selva Lacandona: vendi miele e compri maglioni; il sesto è l indiano di Tuxtla: compri miele e vendi maglie; il settimo è l indiano di Huixtla: vendi caffè e compri ricami; l ottavo è l indiano di Ixtepec: vendi ricami e compri caffè. 2 turisti europei - volete comprare ricordi di viaggio in Messico, fate foto, vi rivolgete in inglese a tutti; sapete dire in spagnolo solo "gracias, bien, quanto?". 4

5 In un gioco di ruolo è consigliabile una fase preparatoria in cui i partecipanti vengono guidati a calarsi meglio nella parte da interpretare. Perciò, dopo la distribuzione delle carte, il conduttore fa delle brevi interviste agli attori : Chi sei? Cosa vuoi comprare? E cosa vendi? Da chi puoi vendere o comprare la merce? Come ti rivolgi al commerciante?. Segue il role-play. Segue la discussione (parole chiave : multinazionali, sfruttamento, ingiustizia sociale, intermediazione). (liberamente tratto da "Il viaggio. Percorsi didattici interdisciplinari di educazione alla pace e al dialogo interculturale" a cura dell IRRSAE VENETO EMI 1995, pag. 123) 5

6 Scheda D Gioco: Ricomponiamo il mondo E' il titolo di un gioco cooperativo, tratto da un manuale inglese e ripreso dall'mce (Movimento della Cooperazione Educativa), che mette insieme la carta di Peters e la comunicazione non verbale. E' adatto per la scuola media. Puoi trovare questo gioco, assieme a molti altri percorsi didattici interdisciplinari di educazione alla pace e al dialogo interculturale nel libro "IL VIAGGIO", curato dall'irrsae Veneto per la EMI edizioni. Obiettivi Stimolare la riflessione sulle forme di CNV (comunicazione non verbale) Incoraggiare la cooperazione e l'empatia Stimolare in maniera concreta l'osservazione delle forme. Preparazione Questa è un'attività da fare in gruppi di 5 ragazzi. Occorrono sufficienti copie delle 5 cartine di Peters (guarda in fondo alla pagina) in modo che ogni gruppo ne abbia una serie completa. Le cartine dovrebbero essere ritagliate dall'insegnante lungo le linee indicate ed i pezzi così ottenuti vanno raggruppati per lettera e quindi inseriti in 5 buste etichettate con le stesse lettere (da A a E). 6

7 Ogni gruppo riceverà una serie completa di buste, con 5 pezzi di cartina in ogni busta (è anche possibile fornire una carta muta come esempio). Procedura Ogni gruppo di 5 siede intorno ad un tavolo ed ogni membro del gruppo riceve una busta diversa. Le buste non devono essere ancora aperte. Vengono date le seguenti istruzioni: - ognuno di voi ha una busta contenente alcuni pezzi di una cartina del mondo; - il vostro gruppo farà 5 cartine uguali; -non avrete finito finché ciascuno di voi non avrà una cartina che sembri uguale a quella degli altri; - ci sono due regole semplici: la prima è che durante il gioco non bisogna parlare né usare alcuna forma di comunicazione (segni, gesti della testa, occhiatine...); la seconda è che non potete prendere pezzi da qualcun altro. Vi è solo concesso di dare i vostri pezzi ad altri membri del gruppo ai quali pensate possano servire. Discussione Forse i ragazzi all'inizio vorranno parlare di ciò che è accaduto. Poi possono proseguire parlando dei loro sentimenti: frustrazione, irritazione, ansia per essere incapaci di realizzare una cartina completa, invidia per quelli che ci riescono, disappunto per dover smantellare la propria mappa per il bene del gruppo. o soddisfazione per come si è svolto il lavoro nel proprio gruppo. Alla classe può essere chiesto quanto sia stato facile o difficile mettersi nei panni di altri membri del gruppo, quando probabilmente questi erano in ansia per la propria cartina. Si può anche discutere sulla difficoltà di immedesimarsi con il gruppo come un tutto, di vedere l'esercizio come un lavoro di tutti i membri, quindi da risolvere insieme piuttosto che come una gara da disputare da soli. 7

8 Come si sono sentiti quando altri vedevano di quali pezzi avevano bisogno e glieli fornivano? Sarà quindi interessante verificare quanto i partecipanti sì siano attenuti alle regole e eventualmente di che elementi di comunicazione abbiano fatto uso. Dal lavoro svolto potranno inoltre scaturire ulteriori riflessioni sulla posizione e la forma dei continenti presentate dalla proiezione Peters. Una variante: Il gioco aumenta di difficoltà e permette una interessante discussione per il concetto di etnocentrismo se le cartine originali da ritagliare presentano al centro, per esempio, il continente asiatico, o quello americano, o l'australia. E un lavoro di ricomposizione della carta che Peters stesso suggerisce e per il quale ben si prestano le cartine mute. Qui sotto puoi vedere le 5 Carte di Peters che si possono trovare sul sito internet 8

9 Scheda E Gioco: Arraffa e riarraffa da L economia giocata. Giochi di simulazione per percorsi educativi verso una società sostenibile di M. Morozzi-A.Valer EMI 2001, pp E un approfondimento sulle problematiche ambientali (concetti di risorsa e di limite delle risorse); Obiettivi: riflettere sull'importanza del "limite" specie delle risorse naturali; compiere scelte sulla base di criteri di sostenibilità (o insostenibilità); agire autonomamente e razionalmente senza essere influenzati dal comportamento del gruppo; imparare ad accordarsi con gli altri; partecipare, esprimere opinioni e confrontare i reciproci punti di vista. Arraffa (20 minuti min. per il debriefing) Per giocatori dai 10/12 anni in su. Servono: un animatore ogni 10 giocatori (o ogni 15/20 se si utilizza parte dei giocatori come osservatori), molte graffette (o semi di legumi, stuzzicadenti...), un tavolo intorno a cui i giocatori stiano seduti comodamente. Si dispongono 8/10 giocatori intorno a un tavolo e i rimanenti alle loro spalle come osservatori. 9

10 Sul tavolo si mettono a disposizione dei giocatori 2n+2 fermagli, la posta in gioco (se i giocatori, indicati con n, sono 10, i fermagli saranno 22). Si leggono insieme le regole del gioco (meglio se sono scritte su un cartellone): vince chi raggiunge 2n+4 fermagli (es.: 24 fermagli) scegliendo la strategia più opportuna. Al "Via" del conduttore ciascun giocatore cercherà di prendere i fermagli. Allo "Stop" verrà raddoppiato il numero di fermagli rimasti sul tavolo senza superare la prima posta. Il conduttore non può rispondere alle domande dei giocatori. Si verificherà che i giocatori al via si impadroniranno subito di tutti i fermagli: in questo caso il conduttore dichiarerà finito il gioco e ritirerà i fermagli senza dare spiegazioni, e poi inviterà i giocatori a riprovare. Rilette le regole, tra i giocatori può sorgere la necessità di una riflessione per arrivare ad accordi per favorire il raddoppio dei fermagli e continuare a giocare. II conduttore può disturbare i tentativi di accordo ridando improvvisamente il via: può accadere che qualcuno, incurante della discussione in atto o degli accordi realizzati, cercherà di "arraffare" il tutto, magari senza raggiungere il numero richiesto di fermagli per vincere. II conduttore potrà fare vari tentativi in modo che si manifestino diverse dinamiche. Su decisione del conduttore (per aver fatto un numero determinato di tentativi o per scadere del tempo), il gioco viene interrotto. Debriefing: I fase: Alla fine del gioco, qualunque essa sia, si inviteranno i giocatori, individualmente, a far emergere le impressioni e a 10

11 motivare il proprio comportamento durante l'attività. Una "lettura" di quanto accaduto potrà anche essere richiesta agli osservatori. II fase: Quale è stato il risultato del gioco? Come hanno interagito i giocatori? Come si sarebbe potuto concludere il gioco in alternativa? Che cosa ha facilitato e che cosa ha ostacolato il raggiungimento dell'obiettivo per ciascun giocatore? E per tutti i giocatori insieme? III fase: Si invitano quindi i giocatori a riflettere sulle possibili analogie con la realtà (ad esempio: fermagli = risorse; dinamiche tra i giocatori = modalità di approccio con le risorse). Lo sfruttamento egoistico e illimitato (che corrisponde all "arraffare" i fermagli) delle risorse impedisce il loro rinnovo e porta all'esaurimento delle stesse, mentre solo l'utilizzo limitato e rispettoso delle capacità rigenerative della natura garantisce beneficio per tutti per lungo tempo: è indispensabile un'autolimitazione e un'autoregolamentazione per evitare di giungere al punto di non ritorno (quando cioè finisce il gioco senza vincitori). È inoltre possibile inserire all'interno del debriefing (o prima, come variante dell'altro gioco) un'attività che affronta l'altra faccia della medaglia: i rifiuti. Riarraffa La posta è composta da 5n di fermagli, distribuiti dal conduttore in modo casuale e assolutamente sproporzionato tra i giocatori (chi ne avrà 2, chi 20, chi 15...); scopo del gioco è liberarsi dei fermagli; vinceranno i tre giocatori seduti uno di fianco all'altro, che per primi si troveranno senza più fermagli. Al via il conduttore indicherà uno dei partecipanti come colui che farà la prima mossa. Dopo la sua prima mossa si proseguirà in cerchio in senso antiorario, fino a completare il giro e poi ripartire. 11

12 A ogni giro ogni giocatore non potrà distribuire ad altri più di 3 fermagli alla volta (potrà distribuirli indifferentemente a un solo giocatore, a due o a tre). Ogni 2 minuti ci sarà uno stop e verranno distribuiti in modo casuale altri fermagli (4n). Debriefing: I e II fase: come sopra. III fase: i fermagli potrebbero rappresentare questa volta i rifiuti, e le dinamiche tra i giocatori rappresentano le modalità di approccio con i sottoprodotti dei nostri modelli di consumo, cioè i rifiuti. Un approccio egoistico e irrazionale al problema dei rifiuti porta a considerarli come una patata bollente dalla quale liberarsi il più in fretta possibile, evitando una relazione tra la loro produzione e la responsabilità della loro gestione da parte di chi li ha prodotti. Si può far emergere il rapporto di causalità tra l eccesso di consumo e il problema dei rifiuti e quindi mettere in discussione il comportamento che scarica ( esternalizza ) sulla collettività mondiale il problema dell eccesso di produzione/consumo/spreco di risorse. Il limite non dovrebbe apparire come un ostacolo alla propria libertà e realizzazione personale, ma è invece un fattore indispensabile per trovare l'equilibrio tra uomo e ambiente, tra risorse e consumi, tra nord e sud del mondo, nella misura in cui sollecita la cooperazione, la solidarietà, il sentirsi parte di un sistema sociale e ambientale più vasto. 12

13 Scheda F Laboratorio sull omologazione culturale Obiettivo: Osservare come la globalizzazione comporti spesso la rinuncia ad alcune specificità culturali. Materiali: Cartelloni, Forbici, Pennarelli, Svolgimento: I partecipanti devono essere suddivisi in gruppi di 5-6 persone. Ad ogni gruppo verranno fornite una serie di fotografie riguardanti l omologazione culturale (cucina, stile dei negozi ) sulle quali discutere. Ogni gruppo dovrà sintetizzare le proprie riflessioni su un cartellone e presentarle agli altri. McDonald s Cina Esempi foto McDonald s Egitto McDonald s Giappone 13

14 CAMBIA...MENTI: Progetto sulla cittadinanza attiva 14

15 Scheda G Laboratorio: Analisi di un discorso sull interdipendenza Obiettivo: Riflettere sugli elementi che possono permettere di indirizzare la globalizzazione in senso solidaristico. Svolgimento: Il conduttore divide i partecipanti in due gruppi e a ciascuno fornisce una copia dei discorsi e della scheda in allegato. Ogni gruppo dovrà leggere i discorso e riflettere insieme per compilare la scheda. Alla fine tutti i gruppi riferiranno agli altri i risultati del loro lavoro. Scheda da compilare dopo la lettura dei documenti Domande Risposte Su quale principi questi autori ritengono che l interdipendenza possa essere solidale e fraterna? Quali sono a loro parere le difficoltà finora esistite? Quali fatti invece fanno pensare che sia possibile creare una comunità umana più unita? 15

16 Documento 1 Messaggio di Chiara Lubich Alla 1 Giornata Mondiale dell Interdipendenza, Filadelfia (USA), 11 settembre 2003 Signor Governatore della Pennsylvania, Signor Edward Rendell, Professor Benjamin Barber, Signore e Signori, è un grande onore poter rivolgermi con questo messaggio ad un pubblico così qualificato che si raduna oggi a Filadelfia per dichiarare l impegno a costruire un mondo più unito, più giusto, più fraterno. Il desiderio sarebbe stato quello di essere presente di persona. Non essendo stato possibile, permettetemi di offrirvi con questo messaggio una breve e personale riflessione. Quando lo scorso giugno a Roma ho avuto un incontro lungo e caloroso con il professor Benjamin Barber, è stato spontaneo per me aderire con gioia a questa prima Giornata Mondiale dell Interdipendenza. La realtà dell interdipendenza, infatti, richiama un ideale a me molto caro, per il quale assieme a molte persone di buona volontà impegnate nella politica, nell economia e nei vari campi dell agire e del sapere ho deciso di spendere la mia vita: l unità della famiglia umana. All indomani dell 11 settembre, molti di noi hanno avvertito l esigenza di riflettere a fondo sulle cause, ma soprattutto di impegnarsi per un alternativa vera, responsabile, decisa, al terrore ed alla guerra. È stato, per me, un po come rivivere l esperienza della distruzione e la sensazione dell umana impotenza, nella città italiana di Trento, bombardata durante la seconda guerra mondiale. Ma è proprio sotto le bombe che io e le mie prime compagne abbiamo scoperto nel Vangelo la luce dell amore reciproco, che ci ha rese pronte a dare la vita l una per l altra. È tra le macerie di quella distruzione, nella convinzione che tutto vince l Amore, che è nato il desiderio forte di 16

17 rendere partecipi di questo amore tutti i prossimi, senza distinzione di persone, gruppi, popoli, e senza considerazione di condizioni sociali, cultura, convinzioni religiose. Analogamente in molti ci chiediamo oggi, a New York come a Bogotà, a Roma come a Nairobi, a Londra come a Baghdad, se sia possibile vivere in un mondo di popoli liberi, uguali, uniti, non solo rispettosi l uno dell identità dell altro, ma anche solleciti alle rispettive necessità. La risposta è una sola: non solo è possibile, ma è l essenza del progetto politico dell umanità. E l unità dei popoli, nel rispetto delle mille identità, il fine stesso della politica, che la violenza terroristica, la guerra, l ingiusta ripartizione delle risorse nel mondo e le disuguaglianze sociali e culturali sembrano oggi mettere in discussione. Da più punti della terra, oggi, sale il grido di abbandono di milioni di rifugiati, di milioni di affamati, di milioni di sfruttati, di milioni di disoccupati che sono esclusi e come recisi dal corpo politico. E questa separazione, e non solo gli stenti e le difficoltà economiche, che li rende ancora più poveri, che aumenta, se possibile, la loro disperazione. La politica non avrà raggiunto il suo scopo, non avrà mantenuto fede alla sua vocazione fin a quando non avrà ricostituito questa unità e guarito queste ferite aperte nel corpo politico dell umanità. Ma come raggiungere questa mèta così impegnativa, che sembrerebbe al di sopra delle nostre forze? Libertà ed uguaglianza, dinanzi alle sfide del presente e del futuro dell umanità, non sono da sole sufficienti. La nostra esperienza ci insegna che c è bisogno, crediamo, di un terzo elemento, lungamente dimenticato nel pensiero e nella prassi politica: la fraternità. Senza la fraternità, nessun uomo e nessun popolo sono veramente e fino in fondo liberi ed eguali. Uguaglianza e libertà saranno sempre incomplete e precarie, finché la fraternità non sarà parte integrante dei programmi e dei processi politici in ogni regione del mondo. Cari amici, il nome della città in cui vi trovate - Filadelfia - non evoca, esso stesso, un programma di amore fraterno? E la fraternità che può dare oggi contenuti nuovi alla realtà dell interdipendenza. E la fraternità che può far fiorire progetti ed azioni nel complesso tessuto politico, economico, culturale e sociale del nostro mondo. E la fraternità che fa uscire dall isolamento e apre la porta dello sviluppo ai popoli che ne sono ancora esclusi. E la fraternità che indica come risolvere pacificamente i dissidi e che relega la guerra ai libri di storia. 17

18 E per la fraternità vissuta che si può sognare e persino sperare in una qualche comunione dei beni fra Paesi ricchi e poveri, dato che lo scandaloso squilibrio, oggi esistente nel mondo, è una delle cause principali del terrorismo. Il profondo bisogno di pace che l umanità oggi esprime, dice che la fraternità non è solo un valore, non è solo un metodo, ma un paradigma globale di sviluppo politico. Ecco perché un mondo sempre più interdipendente ha bisogno di politici, di imprenditori, di intellettuali e di artisti che pongano la fraternità strumento di unità al centro del loro agire e del loro pensare. Era il sogno di Martin Luther King che la fraternità diventi l ordine del giorno di un uomo d affari e la parola d ordine dell uomo di governo. Cari amici, come cambierebbero, i rapporti tra i singoli, i gruppi ed i popoli, se solo fossimo coscienti che siamo tutti figli di un solo Padre, Dio, che è Amore e che ama ciascuno personalmente ed immensamente e si prende cura di tutti! Questo amore, coniugato nelle sue infinite forme, anche politiche ed economiche, porterebbe a superare angusti nazionalismi e visioni parziali, aprendo menti e cuori dei popoli e dei loro governanti, spingendo tutti - come ho affermato in un mio intervento alle Nazioni Unite a New York nel ad amare la patria altrui come la propria. Questa è l esperienza ormai pluridecennale del Movimento dei Focolari, presente in 182 Paesi del mondo, ed al quale aderiscono milioni e milioni di persone di ogni latitudine. Auguro così a questa prima Giornata Mondiale dell Interdipendenza di essere l occasione, per quanti vi hanno aderito, di un nuovo impegno a vivere ed a lavorare assieme, con dedizione e con fiducia, e sostenendosi sempre l un l altro, per l unità della famiglia umana universale. Documento 2 L' ERA DELL' INTERDIPENDENZA di BENJAMIN R. BARBER MENO di un anno fa il mondo celebrava il decennale della caduta del Muro di Berlino. Quando, in quel 1989, le due parti «indipendenti» della 18

19 Germania postbellica si fusero in un tutto unico, si coltivava la speranza di vedere il mondo finalmente avviato verso un' interdipendenza vera. Un' interdipendenza basata sulla cooperazione e sulla reciprocità, per dare infine un risposta democratica globale ai problemi non più risolvibili a livello nazionale: le sfide planetarie della guerra, della proliferazione nucleare, della droga, della rapacità dei mercati, dei cambiamenti climatici e della disuguaglianza tra Nord e Sud. Da allora, nuovi muri sono stati eretti - tra gli Stati Uniti e il Messico, tra Israele e la Palestina, tra un' Europa allargata ma sempre più paranoica e i vicini islamici, oggi temuti; ma anche tra India e Cina, entrambe potenze nucleari, o tra Corea del Nord e del Sud. Negli Stati Uniti, già leader mondiali nella promozione di istituzioni globali e di politiche multilaterali e multiculturali, gli attacchi terroristici dell' 11 settembre hanno suscitato un nuovo unilateralismo, pericolosamente provinciale, e una logorante paura dell' «altro», dell' immigrato, dell' «outsider». Oggi la nazione più multiculturale del pianeta teme profondamente quella stessa apertura e tolleranza che sono all' origine del suo primato in questo campo. Dovunque negli Usa, il movimento «Tea party», antimusulmano, anti-internazionalista e xenofobo, è divenuto uno strumento potente, quasi un talismano per tutti i populisti reazionari, e vede tutto il male nel mondo oltre i confini nazionali. In breve, in questo decimo anno del nuovo millennio la paura predomina nella realtà politica di nazioni un tempo coraggiose e democratiche, ivi compreso il grande Paese egemone, l' America. Ma oltre ad alimentare meschini campanilismi e risentimenti, la paura rende deboli. Paradossalmente - e irreversibilmente - le crude realtà del mondo che ispirano queste paure, questa nostalgia dell' indipendenza di un tempo, sono a loro volta interdipendenti. E non sembrano neppure scalfite dall' orgoglio sovranista dei governi o dalle varie forme di nazionalismo di cittadini arrabbiati scaturite dalla nuova politica della paura. Stiamo così affrontando la realtà del XXI secolo, che è quella dell' interdipendenza, con istituzioni «sovrane» indipendenti di tipo settecentesco. Ma per fermare il riscaldamento globale non bastano le risposte isolate di poche nazioni virtuose: in un campo in cui ogni risposta è essenziale, tutti dovranno assumersi le proprie responsabilità. Allo stesso modo, il terrorismo non può essere imputato a qualche stato - canaglia o nazione ostile, ma nasce da Ong patologiche come Al Qaeda: formazioni che non appartengono a nessuno Stato, e stanno già mettendo in pratica l' interdipendenza nella sua forma più nefasta. 19

20 Una logica consimile si ravvisa nella crisi finanziaria globale: come si è visto, i mercati finanziari globali si sottraggono alla vigilanza e alle regole dei singoli Stati, o delle loro banche nazionali e tesorerie. Non è più possibile scindere i problemi ambientali da quelli della disuguaglianza economica, e allo stesso modo i problemi della disuguaglianza non si possono disgiungere da quelli del terrorismo. Il quadro è planetario, l' intreccio globale. Come potevamo sperare di battere questi nuovi nemici con le antiquate strategie e istituzioni di tipo unilaterale? Le invasioni dell' Afganistan e quindi dell' Iraq, per quanto valorose, altro non erano che risposte futili della vecchia scuola (inchiodare lo Stato aggressore!) alle nuove realtà. L' America ha perso l' occasione di trarre un insegnamento proficuo dalle nuove forme interdipendenti dell' antagonismo globale. E tuttavia alcuni, che chiameremo cittadini globali - americani, europei, africani- hanno deciso di approfondire questi insegnamenti. In risposta alla logica nuova e non ancora familiare dell' interdipendenza, nel primo anno dopo l' 11 settembre un gruppo di studiosi, artisti, intellettuali, ma anche di leader politici, religiosi e civili hanno concepito un progetto nuovo: quello di convocare ogni anno una riunione in una «città globale», mostrando come i rappresentanti dei cittadini del mondo possono incontrarsi al di là delle frontiere e delle generazioni per immaginare e costruire un mondo di interdipendenza e cooperazione, non meno flessibile e dinamico di quello antagonista, di interdipendenza distruttiva, cui gli stati - nazione non possono più far fronte. Abbiamo esordito con una «Dichiarazione di interdipendenza» (consultabile on line). Il nostro primo incontro si è svolto nel 2003 a Philadelphia, capitale dell' indipendenza americana. Quelli successivi hanno avuto luogo annualmente - sempre il 12 settembre, «Giorno dell' Interdipendenza» - a Roma, Parigi, Casablanca, Città del Messico, Bruxelles e infine, lo scorso anno, a Istanbul, per discutere sui temi specifici che costituiscono le sfide dell' interdipendenza: come riconciliare le religioni che spesso, anziché unirci, hanno aperto spaccature laceranti; come trasformare problemi come quelli delle migrazioni di forza lavoro e dei capitali in risorse al servizio di un' economia globale giusta; come far leva sui quanto accomuna e collega tra loro le città globali per controbilanciare ciò che divide le nazioni sovrane alle quali appartengono. Il 12 settembre 2010, questo convegno si terrà per l' ottava volta consecutiva, con la partecipazione di oltre 150 delegati di decine di Paesi e la presenza contemporanea di una quarantina di giovani, nell' ambito di un colloquio parallelo. Stavolta la sede sarà Berlino, la città 20

21 che due decenni fa ha abbattuto il suo muro. Tema di quest' anno: il cambiamento climatico e l' interdipendenza. Più che porre in rilievo le responsabilità dell' uomo in questo processo, i convegnisti si interrogheranno sulle possibili risposte dei cittadini ai rischi che esso comporta, al di là degli ostacoli frapposti dal sovranismo degli Stati. Parleremo dei muri psicologici eretti nelle nostre teste, nel momento stesso in cui svanivano anche le tracce del muro fisico di Berlino. Ispirati come sono dalla paura, questi nuovi muri servono solo a isolare, non certo a dare sicurezza. Imprigionano il bene senza riuscire ad escludere il male, segnando la demarcazione tra un «dentro» e un «fuori» che ormai non esistono più. Gli avvenimenti del 1989 a Berlino e quelli dell' 11 settembre 2001 a New York fanno presagire una nuova realtà: quella dell' interdipendenza come condizione della sopravvivenza umana. A Berlino, il 12 settembre, inaugureremo un movimento proteso verso ogni singolo cittadino, oltre i confini evanescenti del nostro mondo, volto a conseguire ciò che è ormai fuori dalla portata delle nazioni, comprese le più potenti: la possibilità di un' esistenza giusta e pacifica. La quale, di necessità, non potrà che essere comune e fondata sulla cooperazione. Bibliografia Aa.Vv., Geografia dello sviluppo, UTET, Torino 2002 Da La Repubblica del 12 settembre 2010 Bauman Z., Dentro la globalizzazione, Laterza, Roma 1999 Beck U., Cos'è la globalizzazione, Carocci, Roma 1999 Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Nord-Sud. Predatori, predati e opportunisti, Emi, Bologna 2005 Chossudovsky M., La globalizzazione della povertà, EGA, Torino 1998 Gallino L., Globalizzazione e disuguaglianze, Laterza, Roma

22 Giddens A., Il mondo che cambia, Il Mulino, Bologna 2000 Morozzi M., Valer A., L'economia giocata, Emi, Bologna 2001 Pochettino S., Berutti A.., Dizionario del cittadino del mondo, Emi, Bologna 2003 Sassen S., Fuori controllo, Il Saggiatore, Milano 1998 Stiglitz J., La globalizzazione e i suoi oppositori, Einaudi, Torino 2002 Sitografia

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCHEDE DIDATTICHE. Gioco delle sedie

SCHEDE DIDATTICHE. Gioco delle sedie Scheda A SCHEDE DIDATTICHE Gioco delle sedie Questo gioco è una rappresentazione delle disparità che esistono a livello mondiale e può essere utilizzato per condurre una discussione su diversi argomenti:

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

I COLORI DELLE EMOZIONI

I COLORI DELLE EMOZIONI I COLORI DELLE EMOZIONI LABORATORI CREATIVI DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA Oggi è universalmente riconosciuta l importanza che la scuola riveste nel favorire la crescita dei bambini, il suo ruolo attivo,

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

L evoluzione verso una concreta gestione nonviolenta dei conflitti : Il potere di ognuno di noi di Pat Patfoort

L evoluzione verso una concreta gestione nonviolenta dei conflitti : Il potere di ognuno di noi di Pat Patfoort L evoluzione verso una concreta gestione nonviolenta dei conflitti : Il potere di ognuno di noi di Pat Patfoort Molti conflitti violenti e guerre, nel mondo, accadono in situazioni dove due o più gruppi

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

A - Titolo dell unità formativa di apprendimento

A - Titolo dell unità formativa di apprendimento PROGETTO: LEZIONE/MEDIAZIONE DIDATTICA A - Titolo dell unità formativa di apprendimento DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL'UOMO E COSTITUZIONE ITALIANA Competenze chiave di cittadinanza: Imparare ad imparare:

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

.L argomento che affronteremo questa sera non è dei più semplici. Sia per la modalità di approccio che può essere varia, sia per i contenuti.

.L argomento che affronteremo questa sera non è dei più semplici. Sia per la modalità di approccio che può essere varia, sia per i contenuti. Claudia Franceschini: I SOLDI. GESTIONE ECONOMICA E FAMILIARE IN UN PROGETTO DI VITA ALL INSEGNA DELL EQUITA..L argomento che affronteremo questa sera non è dei più semplici. Sia per la modalità di approccio

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

LE PRATICHE FILOSOFICHE DALL UNIVERSITÀ ALLE SCUOLE LAZIALI Liceo Classico e Linguistico Immanuel Kant (RM) 2014

LE PRATICHE FILOSOFICHE DALL UNIVERSITÀ ALLE SCUOLE LAZIALI Liceo Classico e Linguistico Immanuel Kant (RM) 2014 LE PRATICHE FILOSOFICHE DALL UNIVERSITÀ ALLE SCUOLE LAZIALI Liceo Classico e Linguistico Immanuel Kant (RM) 2014 Le pratiche filosofiche dall Università alle scuole laziali Alla ricerca di sé di Myriam

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile 7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile PRIMA PARTE: STRUTTURA DEL MODELLO DI AFFITTO CASA IN RENDITA 1. Devi sfruttare l evoluzione del mercato turistico, perché è più ricco e meno problematico

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

I NOSTRI DIRITTI DIRITTO ALLA VITA, AD UN NOME, AD UNA NAZIONALITA. DIRITTO ALL AMORE, ALL ATTENZIONE, ALLE CURE E AD UNA FAMIGLIA.

I NOSTRI DIRITTI DIRITTO ALLA VITA, AD UN NOME, AD UNA NAZIONALITA. DIRITTO ALL AMORE, ALL ATTENZIONE, ALLE CURE E AD UNA FAMIGLIA. I NOSTRI diritti I NOSTRI DIRITTI DIRITTO ALLA VITA, AD UN NOME, AD UNA NAZIONALITA. DIRITTO ALL AMORE, ALL ATTENZIONE, ALLE CURE E AD UNA FAMIGLIA. DIRITTO AD UNA CASA, AL CIBO E ALL IGIENE. DIRITTO ALLA

Dettagli

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI

GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI GIOCO DI RUOLO PASSO IN AVANTI S7 TARGET Attività adatta per un gruppo di 25-30 persone frequentanti la Scuola Secondaria di Primo o Secondo grado o gruppi di persone con età comunque superiore ai 13 anni.

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo Che sia urgente 1 evangelizzazione ad ogni uomo che è sulla terra,

Dettagli

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO 1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO Tempo di realizzazione delle attività Incontro di un ora Obiettivi Far scoprire ai ragazzi la diversità e l unicità di ogni essere umano Favorire la conoscenza e la maggior

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Abbiamo il piacere di rivolgere alcune Il progetto, chiamato Calciastorie, ci atteggiamento nell ambiente

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento Tivoli, 2011 Mario Gentili mario.gentili@mariogentili.it Aspetti

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

COOPERATIVA UNICOMONDO, una proposta didattica per le scuole

COOPERATIVA UNICOMONDO, una proposta didattica per le scuole COOPERATIVA UNICOMONDO, una proposta didattica per le scuole tanti giochi e tante storie per scoprire il commercio equo e solidale, per esplorare le possibilità e le alternative per uno sviluppo più equo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

In cammino verso la Pasqua. Giornata splendida oggi ad Aleppo.

In cammino verso la Pasqua. Giornata splendida oggi ad Aleppo. Lettera da Aleppo, 23 marzo 2014 In cammino verso la Pasqua Giornata splendida oggi ad Aleppo. Mi sono svegliato presto. Devo verificare a che punto si trovano i serbatoi di acqua della comunità. La situazione

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà 60 anni di Costituzione La Costituzione e il principio di solidarietà Costituzione della Repubblica Italiana E la legge fondamentale e fondativa dello Stato italiano. All art. 2 stabilisce che La Repubblica

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli