ABI ASSONIME ASSOSIM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABI ASSONIME ASSOSIM"

Transcript

1 ABI ASSONIME ASSOSIM Linee guida per l invio delle comunicazioni ex artt. 23 e 24, per l emissione delle certificazioni ex art. 25 e per l invio delle segnalazioni ex artt. 26, 26-bis e 27 del Provvedimento congiunto Banca d Italia/Consob del 22 febbraio 2008 recante la Disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione, modificato con atti Banca d Italia/Consob del 24 dicembre 2010 e del 22 ottobre 2013 MARZO Definizioni a) Provvedimento Post Trading: Provvedimento congiunto Banca d Italia/Consob del 22 febbraio 2008 recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione, modificato con atti Banca d Italia/Consob del 24 dicembre 2010 e del 22 ottobre 2013; b) Comunicazione/i ex 23: le comunicazioni dagli Intermediari agli Emittenti ai sensi dell art. 23 (Comunicazioni per l esercizio di alcuni diritti) del Provvedimento Post Trading; c) Comunicazione/i ex 24: le comunicazioni dagli Intermediari agli Emittenti ai sensi dell art. 24 (Comunicazioni rettificative e di revoca) del Provvedimento Post Trading; d) Certificazione/i: la certificazione che l Intermediario rilascia ai sensi dell art. 25 del Provvedimento Post Trading a richiesta del soggetto legittimato per l esercizio dei diritti diversi da quelli previsti dagli articoli 22 e 23 del Provvedimento stesso; e) Segnalazione/i: la segnalazione che l Intermediario invia all Emittente ai sensi dell art. 26 e 26-bis, comma 1, del Provvedimento Post Trading; f) Intermediario/i: soggetti abilitati alla tenuta dei conti sui quali sono registrati gli strumenti finanziari e i relativi trasferimenti, così come definiti all art. 1, lett. m) del Provvedimento Post Trading; g) Intermediario/i partecipante/i: intermediario partecipante ad un sistema di gestione accentrata; h) Ultimo/i Intermediario/i: l intermediario che tiene i conti sui quali sono registrati gli strumenti finanziari di pertinenza di soggetti che non operano in qualità di intermediari (investitori finali) o di soggetti non residenti, così come definiti all art. 1, lett. jj) del Provvedimento Post Trading; i) Emittente/i: le società o gli enti che emettono strumenti finanziari ammessi al sistema di gestione accentrata, così come definiti all art. 1, lett. i) del Provvedimento Post Trading;

2 j) Reti telematiche o collegamenti informatici: sistemi di comunicazione informatica tra Intermediari ed Emittenti per la messa a disposizione delle Comunicazioni e delle Segnalazioni; k) Posta elettronica certificata (PEC): il sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente [e/o al ricevente] documentazione elettronica attestante l invio e la consegna di documenti informatici, il cui utilizzo è disciplinato dal D.P.R. n. 68 dell 11 febbraio 2005 e successive modificazioni; l) MT-X: piattaforma di comunicazione, web based, gestita dalla Monte Titoli S.p.A. per l invio/ricezione di istruzioni e flussi documentali tra la Monte Titoli stessa e i partecipanti al sistema di gestione accentrata; m) TUF: il D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e s.m.; n) Record date: giornata contabile al termine della quale sono individuati i titolari dei conti nei quali sono registrati gli strumenti finanziari. 2. Premessa Obiettivo del presente documento è definire linee guida uniformi utilizzabili dagli Intermediari partecipanti/ultimi Intermediari per attestare - a richiesta dei soggetti titolari dei diritti relativi agli strumenti finanziari depositati presso di essi - la legittimazione all esercizio dei citati diritti e per effettuare le conseguenti Comunicazioni, Certificazioni e Segnalazioni agli Emittenti. 3. Legittimazione all esercizio di alcuni diritti (Art. 23 Provvedimento Post Trading) Il titolare dei diritti relativi agli strumenti finanziari registrati in conto presso un Intermediario è legittimato a esercitare, nei confronti dell Emittente, mediante una Comunicazione trasmessa all Emittente medesimo da parte dell Intermediario, ai sensi dell art. 23 del Provvedimento Post Trading, i seguenti diritti: 1. ispezione dei libri sociali (art c.c.) 2. recesso (art c.c.) 3. identificazione degli azionisti e degli obbligazionisti (artt. 83-duodecies, comma 3, TUF e 26-bis, comma 2, Provvedimento Post Trading) 4. integrazione dell ordine del giorno dell assemblea e presentazione di nuove proposte di delibera (art. 126-bis TUF) 5. porre domande prima dell assemblea (art. 127-ter TUF) 6. deposito di liste per la nomina dei componenti del consiglio di amministrazione e/o del collegio sindacale e/o del consiglio di sorveglianza (artt. 147-ter e 148 TUF) 4. Comunicazioni ex 23 - Comunicazioni per l esercizio di alcuni diritti Le Comunicazioni ex 23 devono essere effettuate attraverso reti telematiche o collegamenti informatici ai sensi dell art. 27, comma 5, del Provvedimento Post Trading. Trattandosi di comunicazioni per lo più a carattere individuale, possono essere utilizzati dagli Intermediari, salvo particolari accordi con l Emittente, messaggi di Posta elettronica certificata (PEC) con allegati documenti informatici di legittimazione. 2

3 Il documento di legittimazione allegato al messaggio PEC contiene, oltre le informazioni stabilite dall art. 21, comma 2, del Provvedimento Post Trading, ove disponibile, il riferimento dell Ultimo Intermediario presso il quale è acceso il conto a nome del titolare del diritto che egli intende esercitare e l eventuale ulteriore riferimento dell Intermediario partecipante, se diverso dal precedente. Il processo di legittimazione per l esercizio di un diritto ex art. 23 del Provvedimento Post Trading si svolge con le seguenti modalità e tempistiche: a) l Ultimo Intermediario raccoglie la richiesta di legittimazione da parte di un proprio cliente titolare del diritto e, dopo averne accertato la validità, provvede a inviare le pertinenti informazioni, laddove non sia anche partecipante diretto al sistema di gestione accentrata, al proprio Intermediario partecipante di riferimento; b) l Intermediario partecipante, cui ai sensi dell art. 27, comma 1, del Provvedimento Post Trading compete la responsabilità per l invio agli Emittenti delle Comunicazioni ex 23 (salvo la possibilità di delegare un intermediario diverso, come descritto al successivo punto c), predispone tale Comunicazione e provvede a trasmettere da un proprio indirizzo PEC all indirizzo PEC dell Emittente un messaggio contenente le indicazioni riportate nell Allegato A, allegandovi un documento in formato PDF che riporti le informazioni di cui all Allegato B, secondo il modello Allegato B1 e le relative Avvertenze per la compilazione, per ogni Comunicazione ex 23 o un unico file in formato XLS o CSV contenente le stesse informazioni analogamente strutturate; c) ferma restando la responsabilità dell Intermediario partecipante verso l Emittente per la corrispondenza del numero di strumenti finanziari comunicati con quanto depositato sui propri conti presso la società di gestione accentrata, lo stesso Intermediario partecipante potrà decidere, per l invio all Emittente delle Comunicazioni ex 23 con le stesse modalità di cui sopra, di delegare direttamente l intermediario con conti aperti presso di sé in qualità di subdepositario e sui quali sono depositati i titoli oggetto di Comunicazione. In tale ultimo caso, l Intermediario partecipante dovrà, in via preventiva, comunicare all Emittente l intermediario delegato; d) ciascun Emittente comunica a Monte Titoli il proprio indirizzo PEC al quale gli Intermediari possono validamente indirizzare le Comunicazioni ex 23. L indirizzo PEC e gli altri contatti dell Emittente sono riportati nella piattaforma telematica MT-X (ELENCHI- ANAGRAFICA CONTATTI EMITTENTE) a disposizione degli Intermediari partecipanti aderenti alla piattaforma. Sarà cura dell Emittente provvedere all inoltro a Monte Titoli delle proprie informazioni da riportare nella suddetta piattaforma; e) l Emittente non è responsabile per la mancata ricezione di Comunicazioni ex 23 effettuate con modalità e all indirizzo diversi da quelli sopra definiti. 5. Conferma di ricezione o Copia della Comunicazione A richiesta del legittimato, l Ultimo Intermediario rilascia, ove possibile con lo stesso mezzo di comunicazione (art. 21, comma 3, del Provvedimento Post Trading), conferma di avvenuta richiesta di Comunicazione ex 23 (Conferma di ricezione) o Copia della Comunicazione stessa, eventualmente avvalendosi del supporto dell Intermediario partecipante di riferimento qualora la Comunicazione ex 23 debba essere effettuata da quest ultimo. 6. Comunicazioni ex 24 - Comunicazioni di rettifica e di revoca Ai sensi dell art. 24, comma 1, del Provvedimento Post Trading, cioè qualora la comunicazione prevista dall art. 23 sia stata trasmessa in data antecedente a quella in cui deve sussistere, secondo la disciplina applicabile, la legittimazione all esercizio dei relativi 3

4 diritti (e quindi qualora il termine di efficacia della comunicazione sia posteriore alla data di riferimento o di emissione), in caso di cessione di tutti o di parte degli strumenti finanziari oggetto di precedente Comunicazione ex 23 (regolata entro il termine di efficacia indicato nella predetta Comunicazione), l Intermediario partecipante, o l Ultimo intermediario eventualmente delegato (cfr. punto c, paragrafo 4), effettua una Comunicazione ex 24 all Emittente assegnando un diverso numero progressivo. Nella Comunicazione ex 24, che deve essere inviata non appena la cessione si regola o nel diverso termine previsto dall art. 147-ter, comma1-bis, TUF e 148 TUF per l individuazione della titolarità della quota minima di partecipazione al fine del deposito della lista per l elezione del consiglio di amministrazione, del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza, è indicato il numero progressivo annuo di emissione della Comunicazione ex 23 precedentemente effettuata e da rettificare, nonché la causale della rettifica. Nel caso la partecipazione già comunicata ai fini del deposito di liste risulti incrementata prima del deposito stesso, qualora l azionista legittimato lo richieda espressamente, l intermediario deve annullare la Comunicazione ex 23 e riproporne una nuova per la quantità azioni incrementata. Limitatamente alle Comunicazioni ex 23 effettuate per l esercizio dei seguenti diritti: ispezione dei libri sociali (art c.c.) porre domande prima dell assemblea (art. 127-ter TUF) le comunicazioni di rettifica devono essere effettuate esclusivamente qualora la cessione degli strumenti finanziari oggetto di Comunicazione ex 23 sia stata totale. Con riferimento alle Comunicazioni ex 23 così come eventualmente rettificate con Comunicazione ex 24, l Intermediario è tenuto ad effettuare all Emittente (con le modalità sopraindicate) una comunicazione di revoca sulla totalità o su parte degli strumenti finanziari, a richiesta del soggetto legittimato (per il tramite dell ultimo intermediario in caso di catena di intermediazione) che non intenda più esercitare il relativo diritto entro il termine di efficacia della originaria Comunicazione ex 23. Le Comunicazioni ex 23 per l esercizio del diritto di recesso non possono essere rettificate o revocate poiché le azioni oggetto delle predette comunicazioni sono rese indisponibili, così come previsto dall art. 23, comma 2, del Provvedimento Post Trading, fino alla loro liquidazione o all eventuale revoca della delibera che legittima il recesso. E tuttavia consentito all Intermediario l annullamento per errore materiale dell Intermediario medesimo, previa segnalazione all Emittente entro il termine per l esercizio del diritto di recesso. 7. Certificazioni per l esercizio di altri diritti e Segnalazioni agli Emittenti (Artt. 25, 26, 26-bis e 27 Provvedimento Post Trading) Ai sensi degli articoli 21 e 25 del Provvedimento Post Trading, l Intermediario rilascia a richiesta del soggetto legittimato la certificazione per l esercizio dei diritti diversi da quelli indicati agli articoli 22 e 23 del citato Provvedimento in conformità al modello riportato nell Allegato C. L Intermediario partecipante, cui ai sensi dell art. 27, comma 1, del Provvedimento Post Trading compete, salvo la possibilità di delegare un intermediario diverso, come descritto al precedente par. 4. punto c, la responsabilità per l invio agli Emittenti anche delle Segnalazioni previste dagli artt. 26 e 26-bis, comma 1, del Provvedimento citato (i.e. Segnalazioni ex art. 83-novies, ex art. 83-duodecies del TUF e relative all esercizio dei diritti ex art. 127-quater del TUF), provvede ad effettuare le Segnalazioni relative all emissione delle Certificazioni di cui all art. 25 del Provvedimento Post Trading, 4

5 trasmettendo all indirizzo PEC dell Emittente copia informatica in formato PDF o altro simile della Certificazione rilasciata (modello Allegato C). Si precisa che le Segnalazioni da effettuare ai sensi dell art. 83-novies, c. 1 lett. e) del TUF per la rilevazione a Libro Soci, a richiesta dell interessato (titolare di una partecipazione o di un vincolo), devono essere effettuate con le modalità di cui sopra senza il rilascio di una specifica certificazione. L Emittente può richiedere la produzione da parte dello stesso interessato di idonea documentazione inerente la particolare richiesta, attestante la propria legittimazione (decreto di nomina del custode, del tutore o del curatore, amministratore di sostegno, contratto di pegno per iscrizione creditori pignoratizi, ecc). 8. Precisazioni in materia di vincoli (art. 29, comma 6, Provvedimento Post Trading) Ai sensi dell articolo 83-novies, c. 1 lett. g), del TUF e dell art. 29 del Provvedimento Post Trading, gli Intermediari comunicano agli Emittenti i vincoli iscritti ai sensi dell art. 83- octies del TUF sugli strumenti finanziari accentrati in regime di dematerializzazione, quando procedono alle comunicazioni e alle segnalazioni elencate nell art. 83-novies, comma 1, lettere c), d), e), f). Le informazioni sui vincoli, quindi, non costituiscono oggetto di comunicazione a sé stante all Emittente, ma rappresentano un elemento accessorio delle citate comunicazioni/segnalazioni. E fatta salva la discrezionalità del soggetto legittimato (titolare o beneficiario del vincolo) a richiedere tramite l Intermediario la rilevazione del vincolo a Libro Soci, ai sensi dell art. 83- novies, c. 1 lett. e), del TUF con le modalità indicate al par. 7. ********* Si segnala che le modifiche apportate al Provvedimento Post Trading con atto Banca d Italia/Consob del 22 ottobre 2013 entrano in vigore il 15 aprile Ciò al fine di consentire ai destinatari delle disposizioni modificate di adeguare le rispettive procedure interne e, in particolare, di provvedere all eventuale adeguamento dei propri regolamenti. ABI, ASSONIME e ASSOSIM si riservano infine la facoltà di riesaminare il contenuto delle presenti linee guida alla luce delle esperienze di applicazione delle stesse da parte degli Emittenti e degli Intermediari, in particolare per l attivazione di Comunicazioni ex 23/24 formattate per la gestione STP delle relative informazioni. 5

6 Allegato A Messaggio di posta elettronica dell Intermediario A: indirizzo PEC dell Emittente riportato nel MT 21 CC: eventuale indirizzo di posta elettronica dell Intermediario partecipante se la comunicazione è effettuata per delega da altro intermediario Oggetto: Comunicazione ex 23/24 Testo: Si allegano n. XX Comunicazioni ex 23/24 per l esercizio dei diritti in ciascuna di esse specificato. 6

7 Allegato B Comunicazione ex 23/24 1. Intermediario che effettua la comunicazione 1.1. Cod. ABI e CAB 1.2. denominazione 2. Intermediario partecipante se diverso dal precedente 2.1. Cod. ABI (n.ro conto MT) 2.2. denominazione 3. data della richiesta 4. data di invio della comunicazione 5. n.ro progressivo annuo 6. eventuale n.ro progressivo della comunicazione che si intende rettificare/revocare 7. causale della rettifica 8. eventuale nominativo del richiedente, se diverso dal titolare degli strumenti finanziari 9. titolare degli strumenti finanziari: 9.1. cognome o denominazione 9.2. nome (se persona fisica) 9.3. codice fiscale (se attribuito) 9.4. comune di nascita (se persona fisica) 9.5. provincia di nascita (se persona fisica) 9.6. data di nascita (se persona fisica) 9.7. nazionalità (se persona fisica) 9.8. indirizzo di residenza o della sede legale 9.9. città di residenza o della sede legale stato di residenza o della sede legale 10. strumenti finanziari oggetto di comunicazione ISIN denominazione 11. quantità degli strumenti finanziari oggetto di comunicazione eventuali vincoli o annotazioni sugli strumenti finanziari oggetto di comunicazione natura del vincolo beneficiario del vincolo 13. data di riferimento della comunicazione 14. termine di efficacia della comunicazione 15. diritto esercitabile a fronte della comunicazione 16. note. 1 Indicare 0 in caso di azzeramento della quantità (causali AZZ e ANN) e la nuova quantità in caso di riduzione (RID). 7

8 Allegato B1 Comunicazione ex artt. 23/24 del Provvedimento Post Trading 1. Intermediario che effettua la comunicazione ABI denominazione CAB 2. Intermediario partecipante se diverso dal precedente ABI (n.ro conto MT) denominazione 3. data della richiesta 4. data di invio della comunicazione 5. n.ro progressivo 6. n.ro progressivo della comunicazione 7. causale della annuo che si intende rettificare/revocare 2 rettifica/revoca 2 8. nominativo del richiedente, se diverso dal titolare degli strumenti finanziari 9. titolare degli strumenti finanziari: cognome o denominazione nome codice fiscale comune di nascita provincia di nascita data di nascita indirizzo città nazionalità Stato 10. strumenti finanziari oggetto di comunicazione: ISIN denominazione 11. quantità strumenti finanziari oggetto di comunicazione: 12. vincoli o annotazioni sugli strumenti finanziari oggetto di comunicazione natura Beneficiario vincolo 13. data di riferimento 14. termine di efficacia 15. diritto esercitabile 16. note Firma Intermediario 2 Campi da valorizzare in caso di Comunicazioni ex art. 24 del Provvedimento. 8

9 Avvertenze per la compilazione Allegati B e B1 Punto 7. La causale deve essere individuata attraverso l indicazione di uno dei seguenti codici: AZZ Azzeramento della quantità per cessione o revoca totale RID Riduzione della quantità per cessione o revoca parziale ANN Annullamento Punto 9.4 Per in nati all estero indicare soltanto lo Stato estero Punto 9.5 Per gli Stati esteri indicare EE Punto 12.1 Per la natura del vincolo utilizzare i codici vincolo della seguente tabella: Codice Descrizione 00 senza vincolo 09 legale rappresentante 10 detentore del vincolo di pegno 11 Usufruttuario 14 vincolato a patrimonio familiare 16 esercente la tutela sul minore 17 esercente la curatela sul minore emancipato 18 esercente la tutela sull interdetto 19 esercente la tutela sull alienato 20 esercente la curatela sull inabilitato 22 con vincolo a cauzione amministrativa per la carica di consigliere di amm.ne 23 vincolo per cauzione a fronte agente di assicurazione 24 vincolo per cauzione a fronte gestione affitti 25 vincolo di pegno a favore di non residenti 26 vincolo a cauzione assegni 27 vincolo a cauzione altri servizi 28 esercente la potestà sul minore 29 curatore fallimentare 30 il procuratore 31 protutore del minore 32 protutore dell interdetto 33 tutore provvisorio dell interdicendo 34 curatore provvisorio dell inabilitando 35 curatore dell eredità giacente 36 curatore dello scomparso 37 immesso nel possesso provvisorio dell assente 38 custode del sequestro giudiziario 39 sequestro convenzionale 40 sequestro conservativo civile 41 sequestro conservativo penale 42 Pignoramento 99 vincolo non codificato 9

10 Punto 12.3 Per il beneficiario del vincolo: nel caso di garanzia a favore di una banca indicare il cod. ABI o il cod. attribuito dalla Banca d Italia rilevabile dal Mod. MT 21. in ogni altro caso indicare: cognome o denominazione, nome (se persona fisica), comune e data di nascita (se persona fisica), indirizzo e città di residenza o della sede legale, codice fiscale. Punti 13, 14 e 15 La data di riferimento della Comunicazione ex 23 è la data alla quale la titolarità degli strumenti finanziari legittima all esercizio del diritto, indipendentemente dalla successiva data alla quale il diritto viene esercitato. La Comunicazione ex 23 attesta che, alla chiusura della giornata contabile indicata quale data di riferimento, salvo quanto precisato in nota 3 per il recesso, gli strumenti finanziari oggetto di comunicazione erano iscritti nel conto del titolare indicato al punto 9. Tale data deve essere antecedente alla data di rilascio o quantomeno coincidere, ma non può essere successiva. Il termine di efficacia, se non coincide con la data di riferimento, è la successiva data entro la quale il titolare richiede di essere legittimato a esercitare il diritto. In tal caso la data deve essere coerente con il termine eventualmente indicato dall emittente. La cessione degli strumenti finanziari prima di tale data comporta l effettuazione di una comunicazione di rettifica ma il legittimato può sempre richiedere prima di tale data la revoca parziale o totale della comunicazione. Il diritto esercitabile a fronte della Comunicazione ex 23 deve essere individuato attraverso il codice diritto riportato nella successiva tabella che individua le possibili opzioni per indicare correttamente la data di riferimento e il termine di efficacia. 10

11 Tabella dei codici diritto Diritto esercitabile Cod. Diritto Data di riferimento Termine di efficacia Ispezione del libro soci e del libro verbali assemblee (art c.c.) ISP Data di rilascio salvo precedente data se indicata dal legittimato Coincide con la data di riferimento salvo diverse indicazioni del legittimato Diritto di recesso (art c.c.) REC Data indicata dall emittente 3 Non esiste Richiesta di identificazione degli azionisti e degli obbligazionisti (artt. 83- duodecies, comma 3, TUF e 26-bis, comma 2, Provvedimento Post Trading) SHI Data di rilascio salvo precedente data se indicata dal legittimato Coincide con la data di riferimento salvo diverse indicazioni del legittimato Integrazione dell ordine del giorno dell assemblea (art. 126-bis TUF) ODG Data di rilascio salvo precedente data se indicata dal legittimato Coincide con la data di riferimento, o, con il termine finale riportato nell avviso di convocazione Presentazione di domande prima dell assemblea (art. 127-ter TUF) DOM Record date assemblea o anteriore data di rilascio Record date assemblea Deposito di liste per la nomina di amministratori (artt. 147-ter TUF), di sindaci e di consiglieri di sorveglianza (art. 148 TUF) DEP Data di rilascio o data di deposito indicata dal legittimato Data di deposito o termine finale 4 riportato nell avviso di convocazione 3 Per poter essere legittimato a esercitare il recesso, le azioni per le quali l azionista richiede la Comunicazione ex 23 devono essere iscritte in conto prima dell apertura dei lavori assembleari come indicato dall Emittente (art. 127 bis, comma 2, TUF). La data di riferimento indicata nella comunicazione, secondo la definizione riportata sopra, non può che fare riferimento alla chiusura di una giornata contabile che però risulta incompatibile con l orario di apertura dei lavori assembleari. In questo caso l Intermediario potrà anticipare di default la data di riferimento alla chiusura della giornata contabile precedente la riunione assembleare che deve essere comunicata dall emittente in occasione dell incarico generale dato a Monte Titoli. Nell eventualità di un accredito dei titoli nel giorno stesso dell assemblea effettuato dall intermediario al conto del legittimato prima dell ora indicata dall emittente come ora di apertura dell assemblea, l intermediario, indicherà in nota della comunicazione che la titolarità è stata acquisita nel giorno dell assemblea ma prima dell inizio della stessa. Ciò ove tale accertamento sia operativamente possibile. Inoltre le azioni devono essere mantenute ininterrottamente in conto fino alla data di emissione della citata comunicazione. Vedere paragrafo 6 (ultimo periodo) in merito all indisponibilità delle azioni e al divieto di rettifica o di revoca. 4 Se il legittimato non conosce la data entro la quale sarà in grado di effettuare il deposito può richiedere che il termine di efficacia sia l ultimo giorno valido per il deposito. 11

12 Allegato C Certificazione ex art. 25 del Provvedimento Post Trading Intermediario che rilascia la certificazione ABI denominazione CAB Intermediario partecipante se diverso dal precedente ABI (n.ro conto MT) denominazione data della richiesta data rilascio certificazione n.ro progressivo annuo Nominativo del richiedente, se diverso dal titolare degli strumenti finanziari Titolare degli strumenti finanziari: cognome o denominazione nome codice fiscale comune di nascita provincia di nascita data di nascita indirizzo città nazionalità Stato Strumenti finanziari oggetto di certificazione: ISIN denominazione Quantità degli strumenti finanziari oggetto di certificazione: Vincoli o annotazioni sugli strumenti finanziari oggetto di certificazione Natura vincolo Beneficiario vincolo (cognome/denominazione, nome, codice fiscale, comune e data di nascita, indirizzo, città di residenza o sede) data di riferimento certificazione termine di efficacia oppure fino a revoca Diritto esercitabile Note Firma Intermediario 12

Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013

Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013 Provvedimento congiunto Banca d Italia - Consob del 22 ottobre 2013 Modifiche al provvedimento 22 febbraio 2008, recante «Disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Modifiche al Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Consob e dalla Banca d Italia

Dettagli

Succursale di Milano Comunicazione ex artt. 23 del Provvedimento Post Trading Intermediario che effettua la comunicazione ABI 03479 CAB 1600 denominazione BNP Paribas Securities Services Intermediario

Dettagli

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE PARTE I

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE PARTE I DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE PARTE I VIGILANZA REGOLAMENTARE TITOLO I DISPOSIZIONI COMUNI Art. 1 Definizioni

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.p.A.

UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.p.A. UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.p.A. Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo, Iscritta all Albo delle Banche al n. 5678 - ABI n. 3111.2 Capogruppo del Gruppo UBI Banca

Dettagli

ABI ASSONIME ASSOSIM

ABI ASSONIME ASSOSIM ABI ASSONIME ASSOSIM Istruzioni operative per i flussi informativi tra intermediari ed emittenti relativi alle azioni a voto maggiorato ai sensi dell art. 23-bis del Provvedimento Post-Trading NOVEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE PROVVEDIMENTO DEL 22 FEBBRAIO 2008 ATTUAZIONE DEL D.

Dettagli

Toscana Aeroporti S.p.A.

Toscana Aeroporti S.p.A. Spett.le Toscana Aeroporti S.p.A. Via del Termine, 11 50127 - Firenze PEC: segreteria@pec.toscana-aeroporti.com PEC: toscanaaeroporti@pecserviziotitoli.it Alla cortese attenzione dell avv. Paolo Angius

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA. I signori azionisti di Edison SpA sono convocati in assemblea ordinaria in Milano, Foro Buonaparte n. 31: ordine del giorno

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA. I signori azionisti di Edison SpA sono convocati in assemblea ordinaria in Milano, Foro Buonaparte n. 31: ordine del giorno Edison Spa Sede Legale 20121 Milano Tel. +39 02 6222.1 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA I signori azionisti di Edison SpA sono convocati in assemblea ordinaria in Milano, Foro Buonaparte n. 31:. giovedì 26 marzo

Dettagli

MONTE TITOLI. 3.4 Assemblee e Identificazione dei titolari di strumenti finanziari

MONTE TITOLI. 3.4 Assemblee e Identificazione dei titolari di strumenti finanziari MONTE TITOLI ISTRUZIONI AL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA PER INTERMEDIARI ED EMITTENTI STRUMENTI FINANZIARI GESTITI DA MONTE TITOLI DIRETTAMENTE OPERAZIONI DEL SERVIZIO Omissis 3.4 Assemblee e Identificazione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI FINMECCANICA SPA

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI FINMECCANICA SPA ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI FINMECCANICA SPA CONVOCATA IN ROMA, PRESSO "ROMA EVENTI PIAZZA DI SPAGNA", VIA ALIBERT N. 5A Lunedì 14 maggio 2012, ore 10.30: Assemblea Ordinaria e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTO

Dettagli

Aurora Assicurazioni S.p.A. Compagnia Assicuratrice Unipol S.p.A.

Aurora Assicurazioni S.p.A. Compagnia Assicuratrice Unipol S.p.A. SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA TOTALITARIA AI SENSI DEGLI ARTICOLI 102 E SEGUENTI DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N. 58 avente ad oggetto azioni ordinarie

Dettagli

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti.

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. "PARMALAT S.p.A." Sede Legale: Collecchio (PR) - Via delle Nazioni Unite n. 4 Capitale Sociale deliberato 1.940.000.000 sottoscritto e versato 1.824.401.241 Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma,

Dettagli

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTO

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE UniCredit S.p.A. - Sede sociale: Via Alessandro Specchi n. 16-00186 Roma - Direzione Generale: Piazza Gae Aulenti n. 3 - Tower A - 20154 Milano - Capitale sociale 20.298.341.840,70, interamente versato

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A.

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A. Bergamo, 6 marzo 2015 Gli aventi diritto al voto nell Assemblea degli azionisti di Italcementi S.p.A. sono convocati in Assemblea, in Bergamo, via Madonna della

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

Modifiche di adeguamento necessario

Modifiche di adeguamento necessario DIRITTO SOCIETARIO Approvazione del Decreto Legislativo n. 27 del 27 gennaio 2010 di attuazione della direttiva n. 2007/36/CE sull esercizio dei diritti degli azionisti di società quotate Contenuti 1.

Dettagli

Assemblea. 17 aprile 2015. Nomina del Collegio Sindacale. Lista n.2

Assemblea. 17 aprile 2015. Nomina del Collegio Sindacale. Lista n.2 Assemblea 17 aprile 2015 Nomina del Collegio Sindacale Lista n.2 Comunicazione ex art 23 Allegato B1 del Provvedimento Banca d' Italia / Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010 Intermediario

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. Sommario NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sommario Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modificazioni... 2 Art. 127-quinquies (Maggiorazione del voto)... 2 Regolamento di attuazione del decreto legislativo

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a: BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI E PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Oggetto : Trasferimento al Segmento Professionale del mercato MIV - Modifica denominazione sociale - Disposizioni di Borsa Italiana

Oggetto : Trasferimento al Segmento Professionale del mercato MIV - Modifica denominazione sociale - Disposizioni di Borsa Italiana AVVISO n.21926 29 Dicembre 2015 MIV - Azioni Mittente del comunicato : PRIVATE EQUITY Societa' oggetto dell'avviso : PRIVATE EQUITY Oggetto : Trasferimento al Segmento Professionale del mercato MIV - Modifica

Dettagli

AV V I S O CONVOCAZIONE

AV V I S O CONVOCAZIONE AVVISO CONVOCAZIONE AVVISO DI CONVOCAZIONE L Assemblea Ordinaria e Straordinaria di FinecoBank S.p.A. è convocata in Milano, presso il Centro Congressi Stelline, corso Magenta, 61, in unica convocazione,

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

I termini in maiuscolo non definiti nella presente scheda di adesione hanno il significato loro attribuito nel Prospetto Informativo.

I termini in maiuscolo non definiti nella presente scheda di adesione hanno il significato loro attribuito nel Prospetto Informativo. Sede Legale: via N. Tommaseo, 7-35131 Padova tel. 0498771111 (generale) Ufficio soci: tel. 0498771188, fax 0498771199 e-mail: ufficio.soci@bancaetica.com - http:// www.bancaetica.it P. IVA 01029710280

Dettagli

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Assemblea Ordinaria e Straordinaria del 17 giugno 2015 Modulo di Delega e Istruzioni di voto a Computershare S.p.A.

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Assemblea Ordinaria e Straordinaria del 17 giugno 2015 Modulo di Delega e Istruzioni di voto a Computershare S.p.A. Computershare S.p.A., in persona di un proprio dipendente o collaboratore munito di specifico incarico, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell articolo 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE

DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE DISCIPLINA DEI SERVIZI DI GESTIONE ACCENTRATA, DI LIQUIDAZIONE, DEI SISTEMI DI GARANZIA E DELLE RELATIVE SOCIETÀ DI GESTIONE LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA VISTO

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA S.P.A. BANCA POPOLARE DI LANCIANO E SULMONA S.P.A. E BANCA POPOLARE DI APRILIA S.P.A, IN BANCA POPOLARE DELL EMILIA

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA ANSALDO STS S.P.A. SEDE LEGALE IN GENOVA, VIA PAOLO MANTOVANI 3 5 CAPITALE SOCIALE EURO 100.000.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI GENOVA E CF

Dettagli

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità per eventuali errori e/o omissioni e/o inesattezze nonché modificazioni intervenute, non

Dettagli

REGOLAMENTO. del programma di emissione di prestiti obbligazionari denominato. BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.r.l. OBBLIGAZIONI VALORE FRUTTIFERO

REGOLAMENTO. del programma di emissione di prestiti obbligazionari denominato. BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.r.l. OBBLIGAZIONI VALORE FRUTTIFERO Banca Popolare di Milano Società Cooperativa a Responsabilità Limitata Sede legale e direzione generale in Milano, Piazza F. Meda, n. 4 Società capogruppo del Gruppo BIPIEMME Iscritta all albo delle banche

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0265-19-2015

Informazione Regolamentata n. 0265-19-2015 Informazione Regolamentata n. 0265-19-2015 Data/Ora Ricezione 02 Aprile 2015 17:27:17 MTA Societa' : UNIPOL Identificativo Informazione Regolamentata : 55797 Nome utilizzatore : UNIPOLN05 - Giay Tipologia

Dettagli

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa

Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Piaggio & C. S.p.A. Relazione Illustrativa Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile, nonché dell art.

Dettagli

Per agevolare l operatività, si prevede che, per ogni azione che ammette il voto maggiorato, vi siano 4 codici identificativi:

Per agevolare l operatività, si prevede che, per ogni azione che ammette il voto maggiorato, vi siano 4 codici identificativi: PROCEDURA VOTO MAGGIORATO La procedura ha come scopo quello di fornire le modalità operative nei confronti delle società emittenti e degli intermediari, per poter consentire alle società quotate l esercizio

Dettagli

Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI. Introduzione. La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. di F.G. Panté

Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI. Introduzione. La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. di F.G. Panté Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI di F.G. Panté SOMMARIO: 5.1 Introduzione. - 5.2 La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. - 5.3 Circolazione delle azioni rappresentate da certificati

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Assemblea Ordinaria e Straordinaria del 26 gennaio 2015 Modulo di Delega e Istruzioni di voto a Computershare S.p.A.

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Assemblea Ordinaria e Straordinaria del 26 gennaio 2015 Modulo di Delega e Istruzioni di voto a Computershare S.p.A. Computershare S.p.A., in persona di un proprio dipendente o collaboratore munito di specifico incarico, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell articolo 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF)

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 ENEL - S.p.A. Sede in Roma - Viale Regina Margherita, n. 137 Capitale sociale 10.166.679.946 (al 1 aprile 2016) interamente versato Codice Fiscale

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie 3. Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni ordinarie proprie ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile e dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00 Parte ordinaria 4 Punto Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) Data decorrenza 10/06/2009 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E

Dettagli

CIVIS e Altri servizi telematici nuove opportunità per gli intermediari.

CIVIS e Altri servizi telematici nuove opportunità per gli intermediari. CIVIS e Altri servizi telematici nuove opportunità per gli intermediari. Dott. Giuseppe Scolaro ODCEC di Torino Torino 22 novembre 2011 1 I Servizi telematici di front office e la PEC CIVIS IRIS SIRIA

Dettagli

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE LIBRO V DEL LAVORO TITOLO V DELLE SOCIETA' CAPO V SOCIETÀ PER AZIONI (modificato dall'art. 1, del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, recante

Dettagli

Oltre alla Conversione Obbligatoria, la suddetta operazione prevede, infatti:

Oltre alla Conversione Obbligatoria, la suddetta operazione prevede, infatti: Proposta di conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in azioni ordinarie della Società; esame delle conseguenti modifiche statutarie che saranno sottoposte all assemblea straordinaria degli Azionisti

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 4 Aggiornato con le modifiche apportate dalla delibera n. 17919 del 9 settembre 2011 A cura della Divisione Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL "REGOLAMENTO") Obbligazioni PSM 7% 2014 2017 Codice ISIN IT0005022303

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL REGOLAMENTO) Obbligazioni PSM 7% 2014 2017 Codice ISIN IT0005022303 PRIMI SUI MOTORI S.p.A. Sede Legale: Viale Marcello Finzi n. 587, 41122, Modena (MO), Italia Iscritta presso il Registro delle Imprese di Modena Numero REA: MO-364187 Capitale Sociale Deliberato: Euro

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E DELLE ATTIVITÀ CONNESSE E STRUMENTALI INDICE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E DELLE ATTIVITÀ CONNESSE E STRUMENTALI INDICE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA E DELLE ATTIVITÀ CONNESSE E STRUMENTALI I n v i g o r e d a l 1 2 D i c e m b r e 2011 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

In vigore dal 12 dicembre 2011. Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali

In vigore dal 12 dicembre 2011. Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali In vigore dal 12 dicembre 2011 Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 TITOLO II - SERVIZIO DI GESTIONE ACCENTRATA...

Dettagli

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers.

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. ASTALDI Società per Azioni Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65 Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma al numero di Codice Fiscale

Dettagli

Sezione A voto per deliberazione proposta dall organo amministrativo (9) F C A. B voto per circostanze ignote Conf Rev F C A

Sezione A voto per deliberazione proposta dall organo amministrativo (9) F C A. B voto per circostanze ignote Conf Rev F C A Computershare S.p.A., in persona di un proprio dipendente o collaboratore munito di specifico incarico, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell articolo 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF)

Dettagli

Comunicazione ex art 23 Allegato B1 del Provvedimento Banca d' Italia / Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010 Intermediario che effettua la comunicazione ABI 03069 CAB 012706 denominazione

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 1) della Parte Straordinaria dell Ordine del Giorno. Proposta di modificazione dell articolo 3 (Oggetto) dello Statuto Sociale:

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Registri delle Imprese della LIGURIA

Registri delle Imprese della LIGURIA Registri delle Imprese della LIGURIA ISTRUZIONI per l iscrizione nel Registro delle Imprese degli atti di: trasferimento di partecipazioni di S.R.L. recesso di socio di S.R.L. trasferimento sede sociale

Dettagli

Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico

Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico Eurotech S.p.A. Assemblea ordinaria convocata per il giorno 24 aprile 2013

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Relazioni e proposte all ordine del giorno

Assemblea degli Azionisti. Relazioni e proposte all ordine del giorno Assemblea degli Azionisti Relazioni e proposte all ordine del giorno 17 aprile 2009 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA I Signori Azionisti sono convocati in Assemblea ordinaria in Castelvetro di Modena,

Dettagli

Articolo 1 Warrant azioni ordinarie Gabetti Property Solutions 2009 / 2013

Articolo 1 Warrant azioni ordinarie Gabetti Property Solutions 2009 / 2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE GABETTI PROPERTY SOLUTIONS 2009/2013 Articolo 1 Warrant azioni ordinarie Gabetti Property Solutions 2009 / 2013 1.1 In data 12 maggio 2009 l Assemblea Straordinaria

Dettagli

RECORDATI S.p.A. Modulo di conferimento della delega al rappresentante designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. lgs.

RECORDATI S.p.A. Modulo di conferimento della delega al rappresentante designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. lgs. RECORDATI S.p.A. Assemblea Ordinaria dei Soci convocata per il giorno 15 aprile 2015 alle ore 10.00 presso la sede legale in Milano, Via M. Civitali n.1, in unica convocazione Modulo di conferimento della

Dettagli

Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali. I n v i g o r e d a l 8 l u g l i o 2 0 1 3 INDICE

Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali. I n v i g o r e d a l 8 l u g l i o 2 0 1 3 INDICE Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali I n v i g o r e d a l 8 l u g l i o 2 0 1 3 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3 Art.

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

DEUTSCHE BANK S.P.A.

DEUTSCHE BANK S.P.A. DEUTSCHE BANK S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 3 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3104 Capogruppo del Gruppo Deutsche Bank iscritta all Albo dei Gruppi Bancari codice 3104 Capitale

Dettagli

La disciplina della gestione accentrata

La disciplina della gestione accentrata Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015/2016 La disciplina

Dettagli

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile 1 Circolare n. 2/2015 Milano, 12 gennaio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Il c.d. Decreto Semplificazioni (D.L. n.175/14) ha mutato le regole di

Dettagli

DOCUMENTO INTEGRATIVO

DOCUMENTO INTEGRATIVO Procedura relativa all obbligo di acquisto di cui all articolo 108, comma 2, del D.Lgs. 58/1998 DOCUMENTO INTEGRATIVO DEL DOCUMENTO DI OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA TOTALITARIA avente ad oggetto

Dettagli

E U R O T E C H S.P. A.

E U R O T E C H S.P. A. E U R O T E C H S.P. A. SED E IN AMARO (UD) VIA FRAT ELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGIST RO IMPRESE DI UDIN E AL N. 01791330309 CAPITALE SO CIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. R

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 16 aprile 2012, n. 45 Attuazione della direttiva 2009/110/CE, concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale dell attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica

Dettagli

MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI

MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI MODELLO IVA 26 DICHIARAZIONE DI ADESIONE AL REGIME PREVISTO PER LE SOCIETÁ CONTROLLANTI E CONTROLLATE E COMUNICAZIONE DELLE VARIAZIONI ISTRUZIONI Gli articoli di legge richiamati nel modello e nelle istruzioni

Dettagli

Monte Titoli. Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali. In 8 l u g l i o 2013 1 0 m a r z o 2 0 1 4

Monte Titoli. Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali. In 8 l u g l i o 2013 1 0 m a r z o 2 0 1 4 Monte Titoli Regolamento del servizio di gestione accentrata e delle attività connesse e strumentali In 8 l u g l i o 2013 1 0 m a r z o 2 0 1 4 Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 TITOLO II -

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XLV TOMO PRIMO 321 IL CURATORE DELLO SCOMPARSO V.321.1 Ricorso per la nomina di un curatore dello scomparso in mancanza di rappresentante legale o volontario (schema

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Convocazione di Assemblea Gli aventi diritto al voto nell Assemblea degli azionisti ordinari di Italmobiliare S.p.A. sono convocati in Assemblea ordinaria

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto:

b) comunica i seguenti dati necessari per l operatività del conto: Spett.le BANCA D ITALIA Filiale di Oggetto: Contratto di deposito titoli in custodia ed amministrazione delle quote di partecipazione al capitale della Banca d Italia Lettera-contratto. Il/La (di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL "REGOLAMENTO") Primi sui Motori 9% 2013 2016 Codice ISIN IT0004954381

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO (IL REGOLAMENTO) Primi sui Motori 9% 2013 2016 Codice ISIN IT0004954381 PRIMI SUI MOTORI S.p.A. Sede Legale: Viale Marcello Finzi n. 587, 41122, Modena (MO), Italia Iscritta presso il Registro delle Imprese di Modena Numero REA: MO-364187 Capitale Sociale Deliberato: Euro

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA I Soci della Banca Popolare di Milano Scrl sono convocati in Assemblea ordinaria e straordinaria in prima adunanza il giorno 11 aprile 2014,

Dettagli

Operazioni sulle azioni

Operazioni sulle azioni Protocollo 231/ 1 di 11 Protocollo per la prevenzione del reato di cui all art. 2628 c.c. Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante Situazione Revisione Vers. emissione

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO Spettabile Consiglio di Amministrazione del CREDITO VALTELLINESE s.c. Piazza Quadrivio, 8 23100 SONDRIO DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO Il/La sottoscritto/a (1) nato/a il a provincia nazionalità residente/con

Dettagli

Comunicazione ex art 23 Allegato B1 del Provvedimento Banca d' Italia / Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010 Intermediario che effettua la comunicazione ABI 03069 CAB 012706 denominazione

Dettagli

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA Lo STUDIO SEGRE S.r.l. con sede in via Valeggio, 41, Torino, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF) dalla società GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.p.A.

Dettagli

SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it)

SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it) SAVE S.p.A. (www.veniceairport.it) RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SAVE S.p.A. ( SAVE ) SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA AI SENSI DELL ARTICOLO 125-TER DEL D.LGS. 58 DEL

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20144 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Certificati di Deposito a Tasso Fisso One Coupon ed a Tasso Fisso con Cedola Semestrale

Certificati di Deposito a Tasso Fisso One Coupon ed a Tasso Fisso con Cedola Semestrale Pag. 1/5 Certificati di Deposito a Tasso Fisso One Coupon ed a Tasso Fisso con Semestrale INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito

Dettagli

La tabella che segue mostra le informazioni storiche sui volumi di negoziazione e il prezzo medio di ogni categoria di azioni:

La tabella che segue mostra le informazioni storiche sui volumi di negoziazione e il prezzo medio di ogni categoria di azioni: Conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in azioni ordinarie; esame delle conseguenti modifiche statutarie sottoposte all Assemblea straordinaria degli Azionisti ordinari. Approvazione, ai sensi

Dettagli

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A.

Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti di World Duty Free S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno Convocazione unica: 14 maggio 2015 CONVOCAZIONE

Dettagli