Transaction Reporting Service: EMIR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Transaction Reporting Service: EMIR"

Transcript

1 Transaction Reporting Service: EMIR Manuale del Servizio Gennaio 2014 Versione 1.0

2 Contents Indice 1.0 Storia delle revisioni Introduzione Scopo Riferimenti Trade Reporting nella direttiva EMIR e nella disciplina europea Descrizione del servizio Specifiche funzionali Modalità di segnalazione Formato dei campi Processo di validazione dati Appendix Appendix 2 18

3 1.0 Storia delle revisioni Date Version Description Author 8 Gennaio Manuale del servizio TRS per reportistica verso EMIR (Versione iniziale) Borsa Italiana 2.0 Introduzione Con l entrata in vigore del nuovo regolamento EMIR 1 (UE n. 648/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio 4 luglio 2012 su derivati OTC, central counterparties e trade repositories), tutte le transazioni finanziarie eseguite su prodotti derivati sia OTC che ETD (Exchange Trade Derivatives), devono essere segnalate ai Trade Repositories certificati dall ESMA 2. Tale normativa mira a raggiungere un maggior livello di trasparenza e di conseguire una riduzione del rischio sistemico sul mercato dei derivati negoziati. Il servizio descritto in questo documento, è offerto da Borsa Italiana ai propri clienti per permettere loro di adempiere agli obblighi di transaction reporting introdotti dalla normativa EMIR. 1 European Market Infrastructures Regulation Regulation (EU) 648/2012 of the European Parliament and Council on OTC derivatives, central counterparties and trade repositories also referred to as the Regulation 2 L ESMA è un Autorità indipendente che contribuisce a salvaguardare la stabilità del sistema finanziario europeo assicurando l integrità, la trasparenza, l efficienza e l ordinato svolgimento delle attività nei mercati finanziari, così come fornire dei presidi a tutela degli investitori. 4

4 Le informazioni contenute nel presente documento potrebbero subire variazioni sulla base di quanto potrebbe essere approvato in via definitiva dalle autorità competenti. 2.1 Scopo Il presente documento ha l obiettivo di descrivere le caratteristiche tecnico funzionali del servizio. 2.2 Riferimenti - ESMA doc.pdf - EMIR Reporting Field List release xlsx - UnaVista EMIR Reporting Technical Specifications.pdf - UnaVistaTradeRepository_QuickGuide.pdf 3.0 Trade Reporting nella direttiva EMIR e nella disciplina europea Alla direttiva MiFID attualmente in vigore, si aggiunge il regolamento EMIR della Commissione Europea nel quale si dettagliano nuovi obblighi di natura regolamentare applicabili alla negoziazione di strumenti derivati sia ETD (Exchange Traded Derivatives) che OTC. 5

5 Il regolamento EMIR delinea un quadro normativo di riferimento per i contratti derivati ETD e OTC e per tutti i soggetti che a vario titolo sono coinvolti nell esecuzione di operazioni aventi ad oggetto tali strumenti, ossia le controparti centrali, le controparti finanziarie e non, e i clearing members. Il Regolamento EMIR istituisce, peraltro, i Trade Repositories depositi di dati sulle negoziazioni, ossia quegli organismi deputati a raccogliere ed immagazzinare su base centralizzata tutte le informazioni relative agli strumenti derivati ETD e OTC ed alle modifiche più significative intervenute nel corso della vita dei singoli contratti e posizioni (life cycle). Il servizio offerto da Borsa Italiana utilizzerà UnaVista EMIR Trade Reporistory, che avrà il compito di raccogliere, validare e riconciliare tutta l operatività ETD e OTC su strumenti finanziari di tutte le asset classes. Il servizio TRS di Borsa Italiana garantisce l invio delle transazioni ETD e OTC al trade repository, la gestione degli errori, attraverso l esecuzione automatica di controlli sintattici e l invio dei dati così prodotti a UnaVista, con le modalità conformi a quanto stabilito dalle normative. 4.0 Descrizione del servizio Nell ambito delle direttive ESMA, il servizio TRS si colloca come soggetto terzo (Third Party) tra il cliente e il Trade Repository. La proprietà dei dati e la responsabilità delle segnalazioni rimangono in capo al cliente che utilizza il suddetto servizio. Le segnalazioni delle transazioni al Trade Repository devono essere fatte tramite invio di un file secondo uno dei formati descritti in seguito e secondo un tracciato definito da UNAVISTA che al momento della stesura del presente documento è descritto dallo spreadsheet EMIR Reporting Field 6

6 List release xlsx contenuto nel package disponibile alla url: Il servizio permetterà ai clienti di effettuare le seguenti operazioni: - Inserimento di transazioni manualmente via interfaccia GUI - Invio di transazioni tramite caricamento massivo da file via interfaccia GUI - Gestione dell eccezioni e ri-sottomissione delle transazioni corrette - Invio dei files contenenti le transazioni via sftp - Consultazione dell esito delle transazioni fino ad uno storico di 5 giorni della data dell invio - Consultazione dei dati storici - Export dei propri invii in formato.csv I formati supportati sono i seguenti: - csv - ascii - xml L invio della transazione deve essere effettuata entro la fine della giornata lavorativa successiva al giorno in cui è stato concluso il contratto (ovvero entro le di T+1). Tutte le segnalazioni inviate saranno validate sintatticamente e inviate al Trade Repository centrale di UnaVista, che provvederà a sua volta a operazioni di validazione e successivamente (entro T + 2) a operazioni di riconciliazione. Per ogni fase, il Trade Repository provvederà all invio dei file di risposta al TRS. Tali 7

7 file saranno disponibili per i clienti del servizio per consultazione, gestione errori e reportistica (vedi capitolo 4.2). Oltre ai contratti derivati ETD e OTC conclusi all interno della giornata, il cliente ha l obbligo di riportare le posizioni e il relativo life-cycle fino allo scadere dello strumento finanziario o la chiusura totale della posizione. TRS offre ai propri clienti un servizio di arricchimento dati a partire dell anagrafica fornita dall utente al momento della sottoscrizione del servizio (descritti in Appendix 1). Inoltre, per i contratti derivati ETD su strumenti attualmente compensati da CC&G 3, questi dati verranno utilizzati dal Transaction Reporting per reperire dalla base dati di Borsa Italiana tutta l informazione relativa ai contratti, posizioni e life-cycle e compilare i file da inviare a UNAVISTA secondo il tracciato definito e senza che il cliente si faccia carico di compilare i dati relativi alla transazione. Tutte le validazioni, gestione di errori e rinvii segnalazioni saranno in carico al Transaction Reporting. Si prevede la configurabilità di questo servizio di generazione automatica delle transazioni ETD compensate da CC&G, pertanto in fase di adesione al servizio TRS il Cliente specificherà se intende avvalersi di questa opzione o se invece preferisce inviare direttamente le transazioni ETD su mercati garantiti da CC&G. Indipendentemente dalla scelta di cui sopra, si evidenzia che eventuali transazioni mandate dal Cliente, se superano i controlli di validazione sintattica, saranno comunque inviate al Trade Repository di UnaVista. Per i contratti derivati OTC e ETD non compensati da CC&G invece, il processo di arricchimento delle segnalazioni si limita ai dati anagrafici statici forniti dal cliente al momento della stipula del contratto tramite apposito form (vedi Appendix 1). Questo servizio inoltre fornisce ai propri clienti la possibilità di delegare alla controparte di uno dei lati del contratto la segnalazione dei Common Data (dati relativi alla transazione oggetto di reporting), a 3 CC&G (Cassa di compensazione e garanzia) fa parte del gruppo LSE e agisce come Controparte Centrale 8

8 partire dell identificativo univoco della transazione (chiamato UTI 4 ) e dai dati anagrafici (counterparty data) relativi alla transazione. 4.1 Specifiche funzionali Il Transaction Reporting di Borsa Italiana riceve le transazioni eseguite dai clienti che aderiscono al servizio inviate sia singolarmente, sia aggregate in file in modalità manuale o interconnessa, provvede ad applicare controlli di consistenza e completezza sui dati e successivamente li invia a UnaVista. Tutte le operazioni segnalate anche in momenti diversi della giornata vengono prese in carico dal servizio che provvederà ad eseguire i controlli riportati nel capitolo 4.3, memorizzarle su database e inviarle ad UnaVista. Per ciascun intermediario, l invio a UnaVista di tutte le segnalazioni prese in carico avrà luogo in tempo reale. Eventuali errori riscontrati dal sistema a seguito dei controlli descritti sono notificati al cliente tramite l invio del record errato secondo la modalità prevista (file, messaggio di errore sulla GUI, etc). Per ciascun intermediario, uno o più file saranno inviati a UnaVista via protocollo sftp e gli esiti saranno gestiti dal servizio e notificati alle postazioni TRS eventualmente connesse o ai canali attivi per le modalità interconnesse. Come descritto dalla normativa, i contratti, posizioni e life-cycle devono essere segnalati entro la fine della giornata lavorativa successiva al giorno in cui e stato concluso il contratto, ovverosia entro le (T+1). Vedi fig.1. Tuttavia, il servizio di Transaction Reporting accetterà segnalazioni relative a qualsiasi giorno (T + n). 4 Unique Trade Identifier 9

9 Fig. 1 Tempistica del processo di invio e ricezione delle informazioni Modalità di segnalazione Ogni utente può inserire le proprie segnalazioni nel corso della giornata di negoziazione nei seguenti modi: 10

10 Tramite interfaccia GUI accessibile sia via web server sia da installazione locale del client. Questa modalità prevede sia il caricamento da file che l inserimento manuale da una finestra dedicata; Tramite caricamento file via sftp. Inserimento via GUI Front End a. Input manuale di singoli contratti. Alcuni campi della finestra di inserimento manuale saranno auto popolati con i dati di anagrafica statica fornita al momento della stipula del contratto (vedi Appendix 1). b. Caricamento di file nei formati predefiniti. Ciascun file può contenere operazioni relative a diverse giornate di negoziazione. Le segnalazioni inviate, sia esse manuali che da caricamento file, saranno mostrate in tempo reale nel pannello dedicato alle transazioni del client. 11

11 Inserimento tramite invio file a sito sftp Il servizio TRS gestirà l invio da parte dell utente di uno o più files per ogni giornata di negoziazione. Il nome del file deve contenere l identificativo della company tramite il cosiddetto LEI (Legal Entity Identifier) 5, la data di invio del file e un progressivo. Es: <ReportingFirm>_<ReportingDate>_<Prog>.<Ext> <ReportingFirm>: codice LEI della reporting firm <ReportingDate>: giorno in cui viene inviata la segnalazione. La data dovrà avere formato YYYYMMDD <Prog>: Contatore progressivo di tre cifre a partire da 001. Files inviati con un numero progressivo uguale o minore all ultimo file ricevuto dal TRS per la medesima company verranno ignorati Il servizio di secure file transfer è disponibile H24 da lunedì a domenica. Tutte le segnalazioni inviate da lunedì a venerdì saranno gestite e inviate ad UnaVista in tempo reale, mentre le segnalazioni inserite o caricate durante il sabato e la domenica saranno accettate dal servizio e inviate ad UnaVista il lunedì successivo. Gli utenti dovranno autenticarsi al servizio tramite utenza e password che gli verranno forniti al momento dell attivazione del servizio o da SSH mediante lo scambio di chiavi pubbliche RSA. Tutte i files caricati saranno visualizzati in tempo reale nel pannello Files del client e identificati come FileSFTP nella colonna Source. 5 Tutti i soggetti che hanno obblighi di reporting dovranno richiedere il LEI entro la data di entrata in vigore di tali obblighi previsto al momento della stesura del presente documento per il 12 Febbraio

12 4.1.2 Formato dei campi Questa sezione descrive il formato dei campi richiesti da UnaVista. Una lista completa dei campi con i relativi formati è disponibile al seguente link: (file EMIR Reporting Field List release xlsx ) Caratteri Il file dovrà contenere soltanto caratteri in formato 8-bit ASCII (ISO ). Dati alfanumerici I campi alfanumerici segnati come Alpha possono contenere solo caratteri alfanumerici. Dati numerici I campi numerici sono indicati come Decimal. La lunghezza di tale campi indica la lunghezza massima compressiva di numeri decimali. Per esempio, lunghezza 30 (25,5) accetta fino a 25 interi e 5 decimali. Il separatore per indicare i decimali è il punto (.). Data e orario Tutte le date inserite nel file devono avere il seguente formato YYYYMMDD L orario avrà il seguente formato HH:MM:SS (24-hour-clock) e timezone UTC. I files dovranno contenere un header con il nome dei campi come da specifiche UnaVista: (file EMIR Reporting Field List release xlsx ) Nota: E possibile consultare un file di esempio sul sito di Borsa Italiana. 13

13 4.2 Processo di validazione dati Questo capitolo descrive il processo di validazione dei dati dalla pre-accettazione da parte del servizio Transaction Reporting (formato campi, presenza del header, lunghezza records, ecc) alla validazione e riconciliazione da parte di UnaVista nella veste di Trade Repository. I controlli eseguiti dal servizio Transaction reporting sono: 1. Verifica della valorizzazione dei codici identificativi degli strumenti e la loro congruenza con i valori forniti per indicare la tassonomia dello strumento e/o l asset class. L utente può specificare sia un codice ISIN, sia un codice nativo di mercato/simbolo alfanumerico. Nel caso in cui questo campo non contenga dei dati validi sintatticamente o non sia valorizzato, il sistema restituirà un messaggio di errore e la segnalazione non sarà inviata a UnaVista 2. Controlli sintattici e di lunghezza file previsti da EMIR. I seguenti files di risposta verranno restituiti all utente in formato.txt contenenti l esito delle segnalazioni: File di validazione iniziale delle transazioni con le segnalazioni di eventuali incongruenze di formato, correttezza dei campi e formato file. Questa validazione viene effettuata dal servizio Transaction Reporting in tempo reale prima dell invio a UnaVista EMIR TR e sarà identificato da un suffiso TRSRes; Es: <nome del file originale>_trsres.txt 14

14 File di risposta da UnaVista EMIR TR a seguito della ricezione e validazione iniziale. Questo file sarà restituito entro 20 minuti dell invio da parte del TRS ed è identificato da un suffisso _UVRes ; Es: <nome del file originale>_uvres.txt File di risposta dal Trade Repository a seguito della registrazione della transazione. Questo file verrà restituito entro 2 ore dell invio della segnalazione e avrà come identificativo il suffisso _UVTR. Es: <nome del file originale>_uvtr.txt Tutti i files di risposta conterranno le seguenti informazioni: - Timestamp in cui il file è stato processato (le risposte da UnaVista avranno timestamp espresso in UK timezone) - Numero di transazioni inviate - Numero di transazioni non valide - Posizione all interno del file inviato dall utente della transazione che ha generato l eccezione - Nome del campo che ha generato l eccezione - Codice di errore - Descrizione del codice di errore - Valore della transazione che ha generato l eccezione - Identificativo del Reporting Firm - Identificativo della transazione (UTI) 15

15 - Message Type del report (Trade, Position o Life Cycle) I valori riportati nel file di risposta saranno congruenti con quelli inviati nella segnalazione iniziale. Es: laddove l utente non popoli un campo del report, per esempio il Reporting Field, il campo verrà restituito vuoto allo stesso modo. L esito degli invii intraday e in stato pending verranno mostrati nel pannello Files e Transactions del client. Ulteriori files di validazioni saranno restituiti all utente a fronte della riconciliazione dati (match) in carico al Trade Repository entro 2 giorni dell invio della segnazione (T+2): <fileoriginale>_differences_yyyymmdd.txt <fileoriginale>_resolved_yyyymmdd.txt <fileoriginale>_summary by Lastupdated_yyyyMMdd.txt <fileoriginale>_summary by Trade Date_yyyyMMdd.txt <fileoriginale>_unmatched_yyyymmdd.txt 16

16 4.3 Appendix 1 Con l obiettivo di facilitare ai clienti del TRS le attività di segnalazioni degli OTC e ETD su strumenti derivati non compensati da CC&G e ridurre la quantità di informazione richiesta per ogni operazione, il servizio di Transaction Reporting implementa un servizio di arricchimento dati a partire di anagrafica statica richiesta all utente una tantum alla partenza del servizio. I dati saranno forniti compilando un apposito form: Reporting Counterparty ID [CP2]: Codice LEI. Identificativo univoco della company Reporting Firm Corporate Name [CP4] Denominazione sociale 17

17 Reporting Firm Registered Office [CP5] Sede della company Reporting Firm Country Code of Branch [CP5A]: codice ISO del paese dove risiede l ufficio della company Reporting Firm Corporate Sector [CP6]: Settore dove opera la company (es. Istituto Bancario, Assicurazione, Istituto di Credito, ecc) Reporting Firm Financial Status [CP7]: Indica se la controparte che segnala è finanziaria, non finanziaria o altro (es. Cassa di compensazione) Inoltre, agli utenti che aderiscono al servizio per adempiere agli obblighi di segnalazioni di contratti ETD su strumenti derivati compensati da CC&G, verrà richiesto di fornire gli stessi dati sopra elencati. Sarà inoltre richiesto di specificare se l utente intende segnalare direttamente o avvalersi della funzionalità di generazione automatica delle transazioni. 4.4 Appendix 2 Il seguente paragrafo descrive la modalità con cui il sistema di clearing produce i codici UTI e PUTI per identificare univocamente trades e posizioni e validi solo per le segnalazioni ETD. Maggiori dettagli sono forniti nel documento documento Trade Repository Reporting pubblicato sul sito di Cassa Di compensazione e Garanzia (www.ccg.it) alla sezione EMIR>Trade Repository. UTI per trades ETD Field Name Length Description API field MIC-Code 10 Fixed value 000CGIT000 18

18 Participant Code 5 NotifyContract/Abicode Trade Date 8 Format YYYYMMDD NotifyContract/ContractDate Product ID 12 Isin Code NotifyContract/ISINCode Trade Number 12 NotifyContract/ContractNumber (*) Trade Indicator 1 B=Buy S=Sell (from the Participant perspective) Chain Indicator 1 C=Between CM and CCP T=Between Trading Member and Clearing Member NotifyContract/Side (*) tramite BCS è possibile ricavare il trade number (riportato in tabella) per ciascun contratto eseguito ETD (contract number). Sempre tramite BCS si ricava il corrispondente numero di contratto assegnato dal sistema di trading (SOLA) UTI per posizioni di contratti ETD Field Name Length Description API field MIC-Code 10 Fixed value 000CGIT000 Position indicator 1 L=Long S=Short Depending on NotifyPositions/CurrentLong and NotifyPositions/CurrentShort Participant Code 5 NotifyPositions/Abicode Account 1 NotifyPositions /Accounttype SubAccount 4 NotifyPositions /SubAccount Product ID 12 Isin Code NotifyPositions /ISINCode 19

19 Disclaimer Questo documento contiene testi, dati, grafici, fotografie, illustrazioni, elaborazioni, nomi, loghi, marchi registrati e marchi di servizio e informazioni (collettivamente le Informazioni ) che si riferiscono a Borsa Italiana S.p.A. ( Borsa Italiana ). Borsa Italiana cerca di assicurare l accuratezza delle Informazioni, tuttavia le Informazioni sono fornite nello stato in cui si trovano ( AS IS ) e secondo disponibilità ( AS AVAILABLE ) e possono, pertanto, essere non accurate o non aggiornate. A seconda delle circostanze, le Informazioni contenute in questo documento possono o non possono essere state preparate da Borsa Italiana. Nessuna responsabilità è riconosciuta in tale ultimo caso da parte di Borsa Italiana per ogni errore, omissione o inaccuratezza delle Informazioni contenute nel documento. La pubblicazione del documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana e non costituisce alcun giudizio o raccomandazione, da parte della stessa, sull opportunità dell eventuale investimento descritto. Contatti Borsa Italiana Clients Technology Service team Technical Account Management Italy /606/647 Service Desk Italy Toll Free: From mobile:

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading La normativa EMIR e l obbligodireporting Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading Roma, 23 gennaio 2014 L impianto normativo di EMIR Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID #$ % &

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID #$ % & Servizi BIt SYSTEMS per MiFID!" #$ % & &'$$ ( 14 giugno 2007 1. INTRODUZIONE Dal 1 novembre 2007, tutti gli intermediari finanziari dovranno applicare e rispettare la nuova direttiva 2004/39/CE sui mercati

Dettagli

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID

Servizi BIt SYSTEMS per MiFID Descrizione dei Servizi di compliance alla nuova direttiva 2004/39/CE sui mercati degli strumenti finanziari denominata MiFID (Market in Financial Instruments Directive) di Transaction Reporting e Post

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS) MANUALE D USO. Versione 2.3

INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS) MANUALE D USO. Versione 2.3 INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS) MANUALE D USO Versione 2.3 Novembre 2002 Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Tutti i diritti riservati. I diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Martina Mosco Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una sintesi

Dettagli

Introduzione... 4 Funzionalità... 5 Requisiti tecnologici... 17 Orari di disponibilità del servizio... 18

Introduzione... 4 Funzionalità... 5 Requisiti tecnologici... 17 Orari di disponibilità del servizio... 18 MIFID PTTS Post-Trade Transparency Service Manuale utente V 1.4 Luglio 2012 Indice 1 Introduzione... 4 2 Funzionalità... 5 2.1 Login e cambio della lingua... 6 2.2 Inserimento dei report OTC... 6 2.2.1

Dettagli

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro.

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. Milano, 6 febbraio 2009 SEPA Credit Transfer: BIC, IBAN e Allineamento Elettronico Archivi IBAN Servizi di Amministrazione

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E. Guida al Post Trade Transparency Service

M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E. Guida al Post Trade Transparency Service M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E Guida al Post Trade Transparency Service Issue 1.1 December 2012 Contents Guida al Post Trade Transparency Service... 1 1. Introduzione... 3 1.1. Scopo...

Dettagli

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII)

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Allegato 1 MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Gli strumenti finanziari possono essere

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

MIFID PTTS Post-Trade Transparency Service Manuale utente

MIFID PTTS Post-Trade Transparency Service Manuale utente MIFID PTTS Post-Trade Transparency Service Manuale utente V 1.5 Ottobre 2012 Indice 1 Introduzione... 4 2 Funzionalità... 5 2.1 Login e cambio della lingua... 6 2.2 Inserimento dei report OTC... 6 2.2.1

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010)

COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) COMUNICATO (30 DICEMBRE 2010) AI PARTECIPANTI: AL SISTEMA DI GARANZIA A CONTROPARTE CENTRALE AI SISTEMI DI LIQUIDAZIONE E ATTIVITA ACCESSORIE Oggetto: Introduzione del sistema di compensazione e garanzia

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Pag. 1 di 9 MOBS Flussi informativi sanitari regionali Restituzione in formato CSV per i FLUSSI Versione 03 Torino, Febbraio 2016 Pag. 2 di 9 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 GESTIONE FILE CSV CON EXCEL...

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari Denuncia variazione retribuzione - Polizza Pescatori Elenchi annuali- Polizza Pescatori Elenchi variazioni mensili Polizza Pescatori Manuale

Dettagli

FTP NAV - Guida tecnica FTP NAV - Technical Guide

FTP NAV - Guida tecnica FTP NAV - Technical Guide 12 MAR 2009 FTP NAV - Guida tecnica FTP NAV - Technical Guide 1 FTP NAV Borsa Italiana Lodon Stock Exchange Group Sommario - Contents Introduzione - Introduction... 3 Specifiche Tecniche Technical Specifications...

Dettagli

Price list per il servizio di Non-Executing Broker. Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento

Price list per il servizio di Non-Executing Broker. Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento Price list per il servizio di Non-Executing Broker Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento In vigore dal 1 marzo 2015 Indice 1.0 2.0 3.0 Corrispettivo annuale di accesso al servizio

Dettagli

Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service

Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service Manuale del servizio Aprile 2014 Versione 2.1.0 Contents Indice 1 Storia delle modifiche 3 2 Introduzione 4 2.1 Scopo 5 2.2 Validità 5 2.3 Riferimenti

Dettagli

Sistema Crediti Sanitari

Sistema Crediti Sanitari Sistema Crediti Sanitari Manuale Utente Fornitori Versione del 28 settembre 2011 Indice Indice... 2 Indice delle Figure... 3 1 Premessa... 4 1.1 Fasi dell operazione... 4 1.2 Organizzazione del documento...

Dettagli

MANUALE UTENTE COMMERCE CENTRE

MANUALE UTENTE COMMERCE CENTRE MANUALE UTENTE COMMERCE CENTRE DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE Versione Data Descrizione delle modifiche applicazione 01 Non applicabile: prima versione 02 19-08-2002 Aggiornato al profilo di impiegato 03

Dettagli

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Aggiornamento della Comunicazione n. DME/8005271 del 21 gennaio 2008 contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Consob n. 16191/2007

Dettagli

Avvisi di addebito/cartelle di pagamento: domanda di emissione provvedimenti

Avvisi di addebito/cartelle di pagamento: domanda di emissione provvedimenti Avvisi di addebito/cartelle di pagamento: domanda di emissione provvedimenti MANUALE UTENTE Versione procedura 2.0 Avvisi di addebito/cartelle di Pagamento: domanda di emissione provvedimenti: versione

Dettagli

DOMANDE PROVENIENTI DA ENTI SEGNALANTI E RISPOSTE UCAMP

DOMANDE PROVENIENTI DA ENTI SEGNALANTI E RISPOSTE UCAMP DOMANDE PROVENIENTI DA ENTI SEGNALANTI E RISPOSTE UCAMP 1. SEGNALAZIONE DI CANCELLAZIONE a. Tabella di sintesi relativa alle operazioni di cancellazione a pag.9 del Manuale Operativo - Standard: i. le

Dettagli

SMS Gateway interfaccia HTTP

SMS Gateway interfaccia HTTP SMS Gateway interfaccia HTTP Versione 2.3.0 2001, 2002, 2003, 2004 GlobalSms.it www.globalsms.it 1 1 Introduzione 1.1 Sommario Solo gli utenti autorizzati hanno accesso al nostro SMS Gateway e possono

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 24/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di trasmissione delle informazioni

Dettagli

INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS)

INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS) INTERNET CLE@RING WORK STATION (ICWS) MANUALE D USO Versione 3.4 Sommario 1.0 INTRODUZIONE... 4 2.0 AMBIENTE DI LAVORO... 4 3.0 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 4.0 REPORT... 5 4.1 DEFAULT FUND... 5 4.2 DATA

Dettagli

Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.2.2 Avvertenza Principali novità introdotte

Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.2.2 Avvertenza Principali novità introdotte Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.2.2 Avvertenza In questo documento sono contenute informazioni tecniche riservate ai distributori ZUCCHETTI. Tali informazioni sono ad uso esclusivo del destinatario della

Dettagli

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment)

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) 1 Obiettivo Gli Schemi SEPA Direct Debit (SDD) Core e B2B definiti dall EPC consentono di addebitare in modo automatico il conto del Debitore sulla

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

CC&G T2S Deposito e restituzione delle garanzie in titoli

CC&G T2S Deposito e restituzione delle garanzie in titoli CC&G T2S Deposito e restituzione delle garanzie in titoli delle garanzie in titoli 1.0 Introduzione 3 2.0 Movimentazione in T2S 3 3.0 Criteri di riscontro in T2S 5 3.1 Campi Obbligatori 5 3.2 Campi Addizionali

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Comunicazione Medico Competente

Comunicazione Medico Competente Comunicazione Medico Competente Manuale utente Versione documento v.2.1 In vigore dal 22/12/2014 Numero totale di pagine 52 Indice Manuale Utente 1 Introduzione... 4 2 Registrazione utente al portale...

Dettagli

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE GESTIONE INTRA CEE In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE OPERAZIONI PRELIMINARI Per attivare la gestione dell Intrastat,

Dettagli

Oggetto; Anagrafe alunni scuole paritarie - Aggiornamento frequenze 2009/10

Oggetto; Anagrafe alunni scuole paritarie - Aggiornamento frequenze 2009/10 Oggetto; Anagrafe alunni scuole paritarie - Aggiornamento frequenze 2009/10 Con la nota prot. 2859 del 21 ottobre u.s la Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi ha invitato

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

MANUALE UTENTE. SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV. stato documento draft approvato consegnato. Riferimento Versione 1.

MANUALE UTENTE. SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV. stato documento draft approvato consegnato. Riferimento Versione 1. MANUALE UTENTE SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV stato documento draft approvato consegnato Riferimento Versione 1.0 Creato 14/07/06 REVISIONI VERSIONE DATA AUTORE MODIFICHE 1.0 14/07/2006 Prima

Dettagli

IL SERVIZIO M.U.T. e-mail: mut@cassaedilerc.it Sito Internet : www.cassaedilerc.it

IL SERVIZIO M.U.T. e-mail: mut@cassaedilerc.it Sito Internet : www.cassaedilerc.it IL SERVIZIO M.U.T. Lo scopo del servizio M.U.T., Modulo Unico Telematico, è quello di consentire alle aziende o ai consulenti, la trasmissione delle denunce mensili alla Cassa Edile tramite la rete Internet.

Dettagli

Convenzione CDP-ABI 31.07.2009 e successive modifiche Finanziamenti Ricostruzione Abruzzo

Convenzione CDP-ABI 31.07.2009 e successive modifiche Finanziamenti Ricostruzione Abruzzo Convenzione CDP-ABI 31.07.2009 e successive modifiche Finanziamenti Ricostruzione Abruzzo Protocollo di comunicazione dei flussi di rendicontazione 1. Introduzione 1.1. Obiettivo Il presente documento,

Dettagli

SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP

SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP SMS-Bulk Gateway interfaccia HTTP Versione 2.3.1 2001-2014 SmsItaly.Com 1 1 Introduzione 1.1 Sommario Solo gli utenti autorizzati hanno accesso al nostro SMS Gateway e possono trasmettere messaggi SMS

Dettagli

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI SEGREGAZIONE (DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 39, COMMA 7, DEL REGOLAMENTO UE N. 648/2012) EQUITA - SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE

Dettagli

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Indice del documento 1. Sepa End Date: key points 2. Le risposte CREVAL 3. I

Dettagli

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE Indice 1. DESCRIZIONE... 3 2. METODI... 4 3. IL FILE XML... 6 3.1 Descrizione contenuti del file... 7 4. COME IMMETTERE I DATI SE NON CI SONO STATE VALUTAZIONI... 12 5.

Dettagli

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA SERVIZIO RILEVAZIONI STATISTICHE (839) Direzione Classificazione IX 5 1 INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA 2 Pag. 1/8 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale utente (front office) Aggiornato al 25 luglio 2011 Acronimi e abbreviazioni usati nel Documento: D.F.P.: P.A.: Pubblica Amministrazione R.P.: Responsabile del Procedimento R.P.C.: Responsabile

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 14-02-2006 Messaggio n. 4711 Allegati OGGETTO: Nuova applicazione ICRATE web per liquidazione delle

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI

PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI PROGETTO TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO ISTRUZIONI OPERATIVE - MEDICI Pag. 2 di 8 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 ACCREDITAMENTO E ABILITAZIONE AL SISTEMA TS 3 1.2 PRIMO ACCESSO AL SISTEMA TS 4 2. INVIO DEI

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2)

MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) MANUALE DI INTEGRAZIONE API SMSSmart (v 2.2) Questo documento contiene le informazioni necessarie per l interfacciamento con il gateway SMS di SMSSmart. Il suo utilizzo è riservato ai clienti che abbiano

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

Cassa Edile Provincia Firenze

Cassa Edile Provincia Firenze IL SERVIZIO M.U.T. Lo scopo del servizio M.U.T., Modulo Unico Telematico, è quello di consentire alle aziende o ai consulenti, la trasmissione delle denunce mensili alla Cassa Edile tramite la rete Internet.

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Impatti generali del passaggio alla SEPA Il passaggio alla SEPA comporta impatti sui processi o sui sistemi della mia azienda? Dal punto di vista dei processi, gli impatti

Dettagli

ACQUISIZIONE CLIENTI

ACQUISIZIONE CLIENTI 1 ACQUISIZIONE CLIENTI Verifica copertura: www.linkem.com Rivenditori e inserire credenziali Verifica Copertura 2 Verifica copertura: Digitare l indirizzo da verificare e selezionarlo dalla lista che compare

Dettagli

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015)

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015) MANUALE UTENTE contenente le specifiche tecniche necessarie per la trasmissione delle negoziazioni dei cambiavalute art. 5, comma 1, della circolare n. 24/15 (Aggiornamento 08 ottobre 2015) OAM Organismo

Dettagli

Parte A. Allegato 2 Parte A

Parte A. Allegato 2 Parte A Parte A Specifiche tecniche per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. AVVERTENZE GENERALI... 3 3. CONTENUTO

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

1 Introduzione...1 2 Installazione...1 3 Configurazione di Outlook 2010...6 4 Impostazioni manuali del server... 10

1 Introduzione...1 2 Installazione...1 3 Configurazione di Outlook 2010...6 4 Impostazioni manuali del server... 10 Guida per l installazione e la configurazione di Hosted Exchange Professionale con Outlook 2010 per Windows XP Service Pack 3, Windows Vista e Windows 7 Edizione del 20 febbraio 2012 Indice 1 Introduzione...1

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Roma, 15/06/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 85

Roma, 15/06/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 85 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 15/06/2011 Circolare n. 85 Ai Dirigenti

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Sistema Accordo Pagamenti

Sistema Accordo Pagamenti REGIONE LAZIO Dipartimento Economico ed Occupazionale Direzione Economia e Finanza Sistema Accordo Pagamenti - Aziende di Service - Procedura di Test e Validazione flussi xml Versione 1.0 Data : 04 Maggio

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico

M.U.T. Modulo Unico Telematico Via Alessandria, 215 Roma tel: 06/852614 fax: 06/85261500 e-mail: info@cnce.it M.U.T. Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Novità client versione 1.6.1 Data redazione: 21.06.2007 Indice dei contenuti

Dettagli

La Piattaforma Dati Esterna (PDE) Adempimenti degli articoli 8.4-8.6 della delibera 115/08

La Piattaforma Dati Esterna (PDE) Adempimenti degli articoli 8.4-8.6 della delibera 115/08 La Piattaforma Dati Esterna (PDE) Adempimenti degli articoli 8.4-8.6 della delibera 115/08 dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Monitoraggio del mercato Milano, 30 Giugno 2009 2 Indice Gli adempimenti regolatori

Dettagli

Caratteristiche e offerta commerciale

Caratteristiche e offerta commerciale Caratteristiche e offerta commerciale INDICE 1. Caratteristiche di sicurezza Pag. 2 2. Ambiente di Back-Office Merchant Pag. 4 3. Caratteristiche comuni Pag. 8 4. Servizi al consumatore Pag. 8 5. Condizioni

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative.

Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative. Trasmissione dell AIFMD reporting. Istruzioni operative. 1. Soggetti sottoposti all obbligo di segnalazione Sono tenuti alla trasmissione della segnalazione dell AIFMD reporting le SGR per i FIA dalle

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

REGOLAMENTO aprile 2014 1

REGOLAMENTO aprile 2014 1 REGOLAMENTO 1 Sommario 1. Strumenti negoziabili... 3 2. Struttura del Sistema... 3 3. Unità Operative e personale addetto... 3 4. Criteri di formazione dei prezzi... 4 5. Regime di trasparenza pre-negoziazione...

Dettagli

GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FILE PER LA PUBBLICAZIONE DEI DATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 32, L. 190/2012

GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FILE PER LA PUBBLICAZIONE DEI DATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 32, L. 190/2012 GUIDA RAPIDA PER LA COMPILAZIONE DEL FILE PER LA PUBBLICAZIONE DEI DATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 32, L. 190/2012 Revisione del Documento: 01 Data revisione: 16/01/2014 Limiti di utilizzo del documento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AG Direzione Regionale della Puglia ENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale della Puglia ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE, Direzione Regionale della Puglia con sede

Dettagli

Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service

Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service Borsa Italiana - MiFID Transaction Reporting Service Manuale del servizio Gennaio 2016 Versione 2.2.0 Contents Indice 1 Storia delle modifiche 3 2 Introduzione 4 2.1 Scopo 5 2.2 Validità 5 2.3 Riferimenti

Dettagli

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE... Manuale Operatore Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...6 4.1. Saldi...6 4.1.1. Riepilogo saldi...6

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE v. 1.0-31/01/2014 INDICE 1 INTRODUZIONE...3 2 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...3 3 CONSULTAZIONE E AGGIORNAMENTO CATALOGO...4

Dettagli

Manuale Operativo. Il presente Manuale Operativo è a disposizione del Cliente sul sito all indirizzo https://www.greentradesanpaolo.com Pag.

Manuale Operativo. Il presente Manuale Operativo è a disposizione del Cliente sul sito all indirizzo https://www.greentradesanpaolo.com Pag. Manuale Operativo Sanpaolo Sanpaolo Banco di Napoli Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo Carisbo Cassa di Risparmio di Venezia Banca Popolare dell Adriatico Friulcassa Pag. 1 INDICE INTRODUZIONE A GREENTRADE

Dettagli

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli intermediari

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli intermediari Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli intermediari Polizze facchini- Servizio Regolazione trimestre Manuale 30 gennaio 2012 Pagina 1 di 14 SOMMARIO Introduzione... pag. 3 Descrizione del servizio

Dettagli

MODALITA PER ESEGUIRE L AGGIORNAMENTO. 1. Download del file agg393.exe. 2. Decompressione dei files dell aggiornamento. 3. Aggiornamento del DASM

MODALITA PER ESEGUIRE L AGGIORNAMENTO. 1. Download del file agg393.exe. 2. Decompressione dei files dell aggiornamento. 3. Aggiornamento del DASM Servizio: Sistemi Informativi e Processi Roma, 31 marzo 2009 Allegato al programma di aggiornamento della procedura DASM (versione 3.9.3) MODALITA PER ESEGUIRE L AGGIORNAMENTO L aggiornamento si articola

Dettagli

ANAGRAFE ALUNNI ISTRUZIONI PER LE SCUOLE PARITARIE Linee guida per la trasmissione delle nuove iscrizioni a.s. 2010/11

ANAGRAFE ALUNNI ISTRUZIONI PER LE SCUOLE PARITARIE Linee guida per la trasmissione delle nuove iscrizioni a.s. 2010/11 ANAGRAFE ALUNNI ISTRUZIONI PER LE SCUOLE PARITARIE Linee guida per la trasmissione delle nuove iscrizioni a.s. 2010/11 Al fine di poter trasmettere i dati delle Iscrizioni per l a.s. 2010/11 le scuole

Dettagli

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI Le soluzioni informative La direttiva MiFID ha segnato una svolta in tutti i mercati finanziari. Come rispettare gli adempimenti di legge previsti e

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

SISM Sistema Informativo Salute Mentale

SISM Sistema Informativo Salute Mentale SISM Sistema Informativo Salute Mentale Manuale per la registrazione al sistema Versione 1.0 12/01/2012 NSIS_SSW.MSW_PREVSAN_SISM_MTR_Registrazione.doc Pagina 1 di 25 Scheda informativa del documento Versione

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Servizio Codifica Cantieri

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Servizio Codifica Cantieri M.U.T. Modulo Unico Telematico Servizio Codifica Cantieri Data Redazione 22/09/2014 Data Pubblicazione Versione 1.0.1 Responsabile CNCE Giuseppe Aquilani Responsabile Nuova Enrico Biscuola Informatica

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 23.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 148/2013 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Guida al sistema. Dott. Enea Belloni Ing. Andrea Montagnani

Guida al sistema. Dott. Enea Belloni Ing. Andrea Montagnani Sistema Gestionale Internazionalizzazione Guida al sistema Dott. Enea Belloni Ing. Andrea Montagnani Firenze, 16 gennaio 2012 Sommario della presentazione Il sistema informatico per la gestione Internazionalizzazione

Dettagli

MANUALE UTENTE Domanda web Programma Itaca Versione 1.0 Pagina 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA WEB PROGRAMMA ITACA VERSIONE 1.

MANUALE UTENTE Domanda web Programma Itaca Versione 1.0 Pagina 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA WEB PROGRAMMA ITACA VERSIONE 1. Pagina 1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA WEB PROGRAMMA ITACA VERSIONE 1.0 Pagina 2 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 ABBREVIAZIONI... 3 2. PREMESSA... 4 2.1 TIPOLOGIE

Dettagli

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2

Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Integrazione del progetto CART regione Toscana nel software di CCE K2 Data Creazione 04/12/2012 Versione 1.0 Autore Alberto Bruno Stato documento Revisioni 1 Sommario 1 - Introduzione... 3 2 - Attivazione

Dettagli