La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap."

Transcript

1 Avv. Giampaolo Naronte La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap. Indice 1. Normativa cinese delle attività cross-border p Il RMB trade settlement agreement del 2009 p Le Linee Guida del SAFE e gli accordi swap con l Unione Europea p Considerazioni conclusive p. 11 Abstract Il presente lavoro analizza le novità nel settore bancario per mezzo delle quali la Cina si sta imponendo sulla scena internazionale come mercato finanziario di primario interesse. L ambizioso obiettivo del Governo di Pechino di liberalizzare la valuta cinese rendendola moneta di scambio internazionale sta procedendo con celerità e determinazione: lo dimostrano la circolare di fine luglio 2013 con cui l Autorità Cinese (SAFE) ha iniziato l epocale processo di liberalizzazione dei pagamenti di denaro verso l estero seguita dai recentissimi accordi swap che la Banca Centrale Cinese ha concluso con l Europa.

2 (1) Normativa cinese per le attività cross-border nel settore M&A. Acquisizione di società domestiche da parte di investitori esteri 1. Le operazioni di fusione/acquisizione realizzate in Cina da investitori esteri Negli ultimi due lustri la Repubblica Popolare Cinese ha registrato un aumento significativo nel numero e nel valore delle operazioni di M&A ( 1 ) e di Private Equity ( 2 ) realizzate da investitori stranieri o cinesi (industriali e finanziari) sia in società cinesi a capitale interamente statale o di proprietà privata, sia in società cinesi a capitale parzialmente (o totalmente) estero ( 3 ). Le politiche legislative e economiche cinesi della Porta Aperta, dapprima, e della Crescita Sostenibile, poi, hanno gettato le basi per la creazione del moderno diritto cinese favorendo il florilegio di norme primarie, secondarie e regolamentari il cui trait d'union è rappresentato dalla volontà del Governo cinese di rendere sempre più appetibile il mercato interno per gli investitori stranieri. Negli ultimi anni la Cina ha registrato un incremento quasi esponenziale del valore dei FID (Foreign Direct Investment) realizzati con operazioni di Private Equity o di M&A, a discapito degli investimenti «green fields». Nel 2004 la Cina è divenuto il Paese beneficiario del maggior flusso mondiale di FID e fino al 2005 ha registrato una crescita media annua delle operazioni di M&A pari al 30%. ( 1 ) Il termine M&A (merger and acquisition) comprende il vasto complesso a fasi consequenziali nonché le operazioni in base alle quali due, o più, entità giuridiche possono associare (o unire) economicamente e giuridicamente le proprie strutture e/o attività per raggiungere determinati obiettivi strategici. ( 2 ) Secondo AIFI (Associazione Italiana del PE e del VC) il termine private equity indica «l'attività di investimento nel capitale di rischio di imprese non quotate con l'obiettivo di valorizzare la impresa oggetto di investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio-lungo termine ( 3 ) Alle SOE (State owned enterprise) ed alle POE (Private owned enterprises), società cinesi di proprietà, rispettivamente, statale e privata si contrappongono le EJV (equity joint venture) nonché le WOFE (wholly owned foreign enterprise) società a capitale parzialmente o interamente estero. Le EJV e le WOFE, insieme ad altri veicoli societari tipizzati dal diritto cinese, rientrano nella più ampia categoria delle società di diritto cinese a capitale straniero (FIE acronimo di foreign investment enterprise) a cui si applica la particolare disciplina del «diritto degli investimenti esteri».

3 2. Il quadro normativo delle operazioni di M&A in Cina Il diritto societario cinese impone all'investitore estero di operare in Cina attraverso veicoli societari tipici, tutti ricompresi nelle FIE (Foreign Investment Company, società di diritto cinese il cui capitale è posseduto, del tutto o in parte, da un soggetto estero) che per effetto delle riforme realizzate negli anni Novanta oggi ruotano attorno a tre sole figure: la società per azioni (public limited company), la società a responsabilità limitata (limited liability company) e la società di persone (partnership). Per realizzare un operazione di M&A consistente nell acquisto di una società cinese target, l investitore straniero deve preliminarmente costituire una FIE (in una delle forme sopra indicate), uniformandosi alla relativa disciplina. Il secondo passaggio consiste nel seguire la procedura di acquisizione disciplinata dalle Takeover Regulations del 2006, dalla PRC Anti-Monopoly Law del 2007 e, da ultimo, dalle Working Guidelines del Purtroppo il Legislatore Cinese del 2007 non ha abrogato le Takeover Regulations del 2006 con la conseguenza che le due normative si sovrappongono parzialmente e la procedura di approvazione alla realizzazione dell operazione di M&A si svolge, contestualmente, davanti a due diverse autorità cinesi di controllo (il Ministero per il Commercio Estero, in base alle Takeover Regulations del 2006, e la Anti-Monopoly Authority secondo la Anti-Monopoly Law del 2007). Questa circostanza, come vedremo nei successivi Paragrafi, non solo appesantisce la procedura sotto il profilo burocratico, ma rischia altresì di creare una pericolosa situazione di stallo nell ipotesi (non puramente scolastica) in cui le due autorità controllanti emettano, in relazione alla stessa operazione, due pareri opposti (uno favorevole ed uno sfavorevole). 2.1 Le Takeover Regulations del 2006 Le Regulations regarding the Acquisition on Domestic Enterprises for Foreign Investors (più note come Takeover Regulations) del 8 Agosto 2006 ruotano sui seguenti punti: (i) il pregnante controllo esercitato dal Ministero Cinese per il Commercio Estero (d ora in poi MofCom) che autorizza o rifiuta la realizzazione delle operazioni di ristrutturazione societaria, fusione e acquisizione investitori esteri sul mercato cinese, (ii) possibilità di intervento di un autorità di controllo diversa dal MofCom nel caso in cui sia realizzata una particolare operazione di M&A: ad esempio la China Securities Regulatory Commission (CSRC) monitora e controlla le operazioni su società quotate (listed companies) realizzate mediante scambio azionario mentre lo State Administration of Foreign Exchange (SAFC) interviene se gli azionisti di una società estera acquistino partecipazioni di una società cinese target attraverso uno scambio azionario o un aumento di capitale; (iii) attribuzione anche alle persone fisiche cinesi del diritto ad acquistare una quota societaria di una FIE (partecipazione comunque soggetta a limiti temporali e subordinata alla preventiva autorizzazione governativa cinese).

4 In base alle Takeover Regulations un operatore estero può investire in una società di diritto cinese utilizzando una delle seguenti tecniche operative: (A) acquisto di parte o dell'intero capitale sociale; (B) acquisto dei beni di un ramo di azienda (C) fusione societaria. La scelta tra le forme sopra indicate dipende da vari fattori, tra cui le condizioni finanziarie della società oggetto dell'investimento, i requisiti di approvazione societari e governativi, le conseguenze fiscali. Dallo schema successivo emerge che nel quinquennio il mercato cinese delle operazioni di investimento estero è stato caratterizzato per almeno 2/3 da acquisto di beni aziendali (65%) seguito a distanza (9%) dalle acquisizioni di partecipazioni di maggioranza e dalle operazioni di fusione (9 e10%) mentre le acquisizioni di minoranza rappresentano solo l uno per cento del mercato totale. Tecnica operativa Valore (in milioni dollari) % sul totale Numero di operazioni Acquisto beni aziendali 132, Fusioni Acquisizioni di maggioranza Acquisizioni parziali Acquisizioni di minoranza Le difficoltà insite nel concludere con successo un'operazione di M&A in Cina derivano in gran parte dal fatto che l'investitore estero si deve districare in una rete di controlli e approvazioni spesso lasciate alla discrezionalità del controllante. 2.2 La PRC Anti Monopoly Law del 30 giugno 2007 in vigore dal 1 Agosto 2008 Il 1 agosto 2008 è entrata in vigore la Legge Cinese per la tutela della concorrenza e del mercato. La rubrica della Legge - 本 法 规 定 的 垄 断 行 为 包 括 cioè Anti-Monopoly Law, d ora in poi AML è inesatta dal momento che il monopolio non esaurisce le condotte lesive della concorrenza e del mercato (ad essa infatti si aggiungono l abuso di posizione dominante e la concentrazione di imprese). La disciplina di dettaglio della AML è rimessa alle Implementing Rules che il Consiglio di Stato ha pubblicato con il nome di Working Guidelines il 12 Gennaio La AML si apre con le General Provisions, dedica tre Capi alle condotte anti-concorrenziali (intese, abuso di posizione dominante e concentrazione di imprese) descrive il funzionamento della neo-costituita Autorità Anti-Monopolio (d ora in poi AAM) e si conclude con le Suplementary Provisions.

5 Le Disposizioni Generali definiscono i concetti di operatore commerciale (business operator) e di mercato di riferimento (relevant market) che individuano, rispettivamente dal punto di vista soggettivo e oggettivo, lo spettro applicativo della. In particolare: A) l Art. 12, co. 2 AML definisce operatore commerciale ogni persona fisica o giuridica (legal person) che produca beni o offra servizi ( 第 十 二 条 本 法 所 称 经 营 者 是 指 从 事 商 品 生 产 经 营 或 者 提 供 服 务 的 自 然 人 法 人 和 其 他 组 织 ). In base all Art. 36 della General Principles of Civil Law del 1986 il termine legal person indica qualunque «persona o entità strutturata che può assumersi diritti e obblighi e compiere attività giuridiche, nel rispetto della legge e dei regolamenti cinesi». La legal person è quindi un entità distinta (sotto il profilo giuridico e della responsabilità) dalle persone fisiche che la compongono. B) Il mercato rilevante identifica e delimita lo scenario in cui le imprese devono confrontarsi rispettando le regole della fair competition. La definizione offerta dall'art. 12, comma 3 AML, secondo cui «il mercato rilevante è individuato in relazione al prodotto o al territorio entro cui l'operatore commerciale compete con altri soggetti per un determinato periodo di tempo, durante il quale vende beni o rende servizi a favore di terzi» ( 本 法 所 称 相 关 市 场 是 指 经 营 者 在 一 定 时 期 内 就 特 定 商 品 或 者 服 务 以 下 统 称 商 品 进 行 竞 争 的 商 范 围 和 地 域 范 围 ) riprende quella comunitaria e nazionale italiana. La AML protegge le società a capitale cinese interamente posseduto dallo Stato (le SOE, State owned enterprises) che operano in settori ritenuti strategici per lo sviluppo del Paese: in base all Art. 31 l investitore estero che intenda acquisire quote di una società cinese operante in settori di rilevanza statale soggiace, in aggiunta alle normali attività di verifica (cfr. Artt. 20 ss. AML), ad un «controllo sulla sicurezza nazionale condotto nel rispetto delle principali disposizioni della legge dello Stato cinese». Si segnala inoltre che la Anti Monopoly Law ha creato due nuovi organismi: la Anti Monopoly Commission (cfr. Art. 9, ora AMC) e la Anti Monopoly Authority (cfr. Art. 10, ora AMA) a cui spetta, rispettivamente, il compito di dettare le linee guida delle politiche per la tutela della concorrenza e del mercato e di assicurare l applicazione uniforme della AML sul territorio cinese. 3. Il potenziale contrasto tra TR e AML sul takeover di acquisto di una quota rilevante del mercato cinese Nel caso in cui il takeover concentri nelle mani dell investitore estero una «quota di mercato rilevante», l operazione dev essere preventivamente autorizzata dal MofCom (cfr. Art. 52 TR). La mancata abrogazione del Capo VI delle TR determina, per effetto dell entrata in vigore dell analoga procedura prevista nella AML, il rischio di una pericolosa sovrapposizione di competenze tra differenti autorità cinesi di controllo (il MofCom, in base alle TR e la Anti Monopoly Authority secondo la AML). Si pensi all investitore estero Alfa (che già possiede una quota di mercato cinese del 20%) che voglia acquistare la società cinese target Beta (a cui fa capo il 10% del mercato locale).

6 Dal momento che il takeover comporta l acquisizione, in capo ad Alfa, di una quota complessiva pari al 30%, l operazione è soggetta alle speciali procedure di controllo esaminate nei precedenti paragrafi. La situazione sopra descritta rientra nell ambito applicativo sia dell'art. 51 TR sia dell'art. 20 n. 2 AML per cui: (i) il MofCom (in base al combinato disposto degli Artt TR) chiede all investitore straniero un report in base al quale decidere se autorizzare, o meno, l operazione di acquisizione; (ii) ai sensi dell Art. 21 AML l investitore straniero deve depositare anche la concentration declaration alla AMA, a cui spetta decidere se autorizzare (o meno) l operazione o chiedere ulteriore documentazione per svolgere un ulteriore attività di indagine. Il MofCom e la AMA adoperano parametri diversi per valutare l ammissibilità della stessa operazione: infatti il primo verifica se la concentrazione lede gli interessi dello Stato mentre la seconda si focalizza sulla tutela della concorrenza e del libero mercato. Ne consegue che il MofCom e la AMA potrebbero emettere due decisioni opposte e si verrebbe a creare in tal caso una situazione di stallo, dal momento che la Legge Cinese non prevede uno strumento per risolvere il conflitto apparente di norme. 4. Le Working Guidelines approvate il 12 Gennaio 2009 Il 12 gennaio 2009 il MofCom ha pubblicato le Working Guidelines (ora WG) per approfondire gli aspetti più oscuri della procedura amministrativa che dev essere seguita per ottenere l autorizzazione all'operazione di acquisizione straordinaria di una società cinese target da parte di un investitore straniero. L'art. 5 WG arricchisce l'elenco dei documenti che devono corredare la richiesta di autorizzazione che la società straniera deve presentare al MofCom. La norma in rassegna presta il fianco a due critiche principali: 1) non è condivisibile la scelta di "appensatire" ulteriormente una procedura di controllo di per sé già connotata dal formalismo; infatti l'art. 5 WG prevede che in aggiunta alla documentazione indicata dall'art. 23 LCM, la società straniera debba allegare all'istanza di autorizzazione un due diligence report, le internal analisys (di entrambe le società coinvolte nella operazione), il feasibility study nonché le principali informazioni concernenti le società collegate all'investitore straniero; 2) dal momento che le WG si riferiscono esclusivamente alla procedura di verifica che si svolge davanti al MofCom, si ritiene che esse non si possano applicare per analogia all'iter che si svolge davanti alla AAM, anche se in tal modo si allarga la sfasatura tra le due forme di controllo.

7 (2) Prestazione di servizi ed attività cross-border. Il Cross-Border Settlement Trade del Le banche straniere in Cina Dal 2003 ad oggi il Governo cinese ha favorito la presenza di banche straniere sul mercato cinese; nel Novembre 2006 il Consiglio di Stato cinese ha promulgato la nuova normativa sulle Foreign Invested Banks (le Regulations on the Administrations of Foreign funded Banks del 11 Dicembre 2006) che presenta numerose ed importanti novità rispetto al corpo normativo del In base alla Legge del 2001 le banche straniere operanti sul mercato cinese possono assumere una delle seguenti forme: 1 la WOFE bank: banca a capitale interamente detenuto da stranieri; la Riforma del 2006 prevede che l'investitore straniero possa operare nella qualità di commercial bank; 2 la JV bank: è costituita tra un'istituzione finanziaria straniera ed una società cinese; 3. Le Foreign Bank Branch ed i RO of a foreign bank sono state create nel 2006: prima di allora alle banche era precluso l esercizio di profit activities e potevano unicamente aprire un ufficio di rappresentanza sul territorio cinese. Le principali novità apportate dalla riforma del 2006 si possono compendiare nei seguenti punti: a. il capitale minimo registrato richiesto per le WOFE bank e le JV bank è stato innalzato a 1 miliardo di RMB (contro i 300 milioni richiesti dalla legge del 2001) mentre la soglia minima di capitale per le Foreign Bank Branch è salito a 200 milioni di RMB; b. le banche straniere possono operare senza limiti sulle tipologie di operazioni ed aree geografiche (prima della riforma alle banche straniere era concesso di operare solamente nelle 20 principali metropoli cinesi); c. le WOFE banks e le JV banks possono condurre operazioni di wholesale e retail nella divisa cinese; inoltre è stato abolito il limite per cui ogni deposito in valuta straniera ottenuto da una banca ad investimento estero non deve eccedere il 70% dei suoi assets in valuta straniera complessivamente detenuti in Cina. Il tetto massimo di partecipazione al capitale di banche cinesi da parte di banche straniere è stato innalzato al 20% mentre la partecipazione del singolo investitore è pari al 25%. Negli ultimi anni si è assistito ad una progressiva integrazione tra le banche cinesi e quelle straniere: diciannove investitori esteri hanno acquistato partecipazioni in sedici banche

8 cinesi, determinando investimenti stranieri diretti nelle banche locali per un totale pari al 15% del loro patrimonio. L integrazione non riguarda solo le banche private bensì anche le quattro banche commerciali di Stato da alcuni anni hanno intrapreso un processo verso la privatizzazione e la quotazione sul mercato mobiliare. Per effetto della citata integrazione le banche straniere operanti in Cina possono commercializzare i loro prodotti e servizi con il segmento corporate, beneficiando della sempre più estesa rete di sportelli delle banche locali e, nel contempo, trasferiscono le loro conoscenze e tecnologie alle banche locali, ovviando alle problematiche legate all'arretratezza del sistema cinese di cui si è detto agli inizi del presente contributo. 2. Il RMB cross-border settlement trade del 2009 Una transazione cross-border implica l acquisto e la vendita di strumenti finanziari negoziati in mercati non domestici e/o la partecipazione di controparti residenti in Paesi diversi. Di conseguenza risulta necessario ricevere e consegnare strumenti finanziari situati in Paesi differenti ed effettuare e ricevere i relativi pagamenti. Negli ultimi anni si è assistito ad un aumento sia del numero che del volume delle transazioni cross-border. Tra i diversi fattori che hanno contribuito a questa crescita è possibile citare il progresso tecnologico e l aumento della dimensione dei mercati finanziari dovuto, da un lato, alla liberalizzazione dei movimenti internazionali dei capitali e, dall altro, alla deregolamentazione che ha portato ad un ampliamento della gamma di prodotti e servizi finanziari offerti. La crisi finanziaria che ha colpito molte monete occidentali, in primis il dollaro, ha indotto il Governo cinese ad introdurre alcune misure volte a regolamentare le transazioni crossborder realizzate utilizzando lo yuan (la moneta cinese). Il 03 Luglio 2009 sono entrate in vigore le Measures for the Administration of pilot RMB Settlement in cross-border trade e le Implementing Measures inizialmente applicate (in via sperimentale) solamente alle città di Shanghai, Guangzhou, Shenzhen, Zuhai e Dongguan. In base alle Measures le società pilota costituite nelle città sopra indicate sono autorizzate a concludere accordi commerciali cross-border con Hong Kong, Macao ed i paesi aderenti all ASEAN ( 4 ) utilizzando lo yuan come moneta di scambio. Le società cinesi pilota sono nominate dal governo provinciale della città in cui intendono operare; la nomina deve essere approvata da sei autorità, tra cui la People s Bank of China. ( 4 ) L Association of South East Asian Nations (ASEAN, fondata a Bangkok nel 1967 da Indonesia, Malaysia, Thailandia, Filippine e Singapore a cui si è aggiunto, nel 1984, il Brunei e, successivamente, nel 1995, Vietnam, Laos, Cambogia e Myanmar). Lo stock di capitali cinesi immobilizzati nelle attività produttive negli Stati che appartengono all ASEAN ha raggiunto recentemente la ragguardevole cifra di miliardi di dollari, cifra superiore agli investimenti viceversa complessivamente eseguiti in Cina dai dieci paesi aderenti all ASEAN (pari a circa 34 miliardi di dollari, che pure costituisce una delle principali fonti di finanziamento estero per le attività produttive cinesi). La situazione è destinata a crescere ulteriormente, per effetto della decisione del Governo cinese di creare una zona di libero scambio (Free Trade Area, FTA) tra le Nazioni facenti parte dell ASEAN analogamente a quanto accade nell Unione Europea consolidando, in tal modo, il ruolo dell Asia Orientale come terzo blocco economico mondiale (dopo gli Stati Uniti e l Unione Europea). Nel Sud Est asiatico la Cina sta quindi giocando la sua partita più importante, essendo il primo Paese extra-asean ad essersi interessato del processo di implementazione della Free Trade Area.

9 Le società nominate sono inserite all interno di una white list. I principali requisiti richiesti per poter essere nominati sono l assenza di pendenze con le autorità bancarie e fiscali cinesi, avere integralmente versato il capitale sociale e possedere un interesse ad operare nell area delle città pilota. La società nominata può realizzare l operazione cross border solo per il tramite di una banca cinese presso cui deve aprire un conto oppure può concludere un cross-border RMB clearing, un accordo commerciale in virtù del quale le attività pagate tra una società pilota e una straniera (overseas enterprise) pagate in moneta cinese sono gestite da una clearing bank. La locuzione clearing bank indica un istituto bancario di Hong Kong o Macao che abbia ricevuto l approvazione da parte della People s Bank of China e dell Autorità Monetaria di Hong Kong (o di Macao) e sia membro del Large Value Payment System istituito presso la Bank of China. Tra questi istituti bancari attualmente ci sono la Bank of China Ltd di Hong Kong e la Bank of China Ltd Macau Branch. Le Implementing Measures stabiliscono che l attività di cross-border RMB clearing può anche essere realizzata da una banca cinese (detta domestic agent bank) che operi come agente di una banca straniera sulla base di un accordo scritto che specifichi in modo puntuale i reciproci diritti e doveri delle due banche, le condizioni per l apertura, la gestione e la chiusura del conto corrente in RMB. In ogni caso, la Legge Cinese stabilisce i seguenti requisiti minimi che devono essere contemplati e rispettati nell accordo scritto stipulato con la banca straniera. In particolare la banca cinese che opera come agente può: a. chiedere alla banca straniera un deposito minimo per l apertura del conto corrente che sarà utilizzato per eseguire le operazioni in RMB; b. effettuare acquisti o vendita di contante dalla banca straniera entro un tetto massimo stabilito dalla People s Bank of China. Le Measures stabiliscono precisi adempimenti anche in relazione alla tassazione ed allo scambio di moneta straniera realizzato con un operazione cross-border. In particolare: 1. le operazioni cross-border realizzate con moneta cinese NON sono soggette ad alcuna forma di tassazione; 2. l accordo stipulato da una società pilota per realizzare un operazione cross-border non è neppure soggetto ai dazi che normalmente si applicano agli scambi commerciali dall estero; 3. la responsabilità della banca cinese rispetto a quella straniera è regolata in base alla Legge Cinese che si applica e prevale sulla legislazione straniera. Gli istituti bancari e le organizzazioni cinesi che nominano le società pilota e concedono le autorizzazioni alle banche locali ad operare come agenti della banca straniera, sono gravati da specifici doveri di vigilanza sull operato dei soggetti ai quali hanno rilasciato l autorizzazione a realizzare operazioni cross-border. Le Measures prevedono che la People s Bank of China verifichi che il pagamento con moneta cinese sia riferibile ad un operazione lecita, non contraria alle Leggi e Regolamenti cinesi. La banca cinese che stipula l accordo con la banca straniera è tenuta ad eseguire le ragionevoli verifiche sull operazione realizzata con l intervento dell istituto bancario estero.

10 La banca cinese deve rispettare le disposizioni contro il riciclaggio del denaro sporco ed è pertanto obbligata a chiedere al proprio cliente di fornire precise informazioni sulla natura del denaro e dell operazione cross border che intende realizzare. L istituto bancario cinese deve tenere un libro in cui annota tutte le operazioni cross border che realizza e le generalità delle persone fisiche coinvolte. Infine la People s Bank of China è autorizzata ad utilizzare il Cross Border RMB Payment Information System per eseguire le opportune verifiche e controllare le operazioni crossborder realizzate utilizzando moneta cinese. (3) Le Linee Guida del SAFE e gli accordi swap del 2013 Un ulteriore, decisivo, passo verso il riconoscimento del RMB come valuta di scambio internazionale è stato compiuto nel 2013 quando il SAFE (State Administration for Foreign Exchange) ha pubblicato le Linee Guida (e le Regole di Attuazione) per realizzare la parziale liberalizzazione dei pagamenti dalla Cina all estero per importi non superiori a 50 mila dollari. Pochi mesi dopo il Governo di Pechino, tramite la Banca Centrale Cinese, ha concluso una serie di accordi swap con la Banca Centrale Europea e con singoli Paesi allo scopo di consolidare il ruolo dello yuan come valuta di riserva e ampliare nel contempo i mercati di sbocco con conseguente incremento degli investimenti da/per la Cina. Il 9 luglio 2013 lo State Administration of Taxation ( 务 总 ) insieme allo State Administration of Foreign Exchange ( 汇 ) hanno pubblicato congiuntamente un provvedimento (le Guidelines for Foreign Exchange Administration of Trade in Service, 务 贸 汇, ora le Linee Guida) che semplifica le procedure di pagamento dalla Cina verso l estero. L evoluzione degli scambi transnazionali, sempre più spesso relativi a beni immateriali (es. quote societarie, diritti di proprietà intellettuale), aveva reso improcrastinabile un intervento che snellisse le transazioni finanziarie: le Linee Guida soddisfano questa esigenza stabilendo che per effettuare pagamenti inferiori o pari a 50 mila dollari USA non sarà più necessario, come accadeva in passato, ottenere la preventiva autorizzazione del SAFE e della Banca emittente ma basterà depositare, unitamente alla richiesta, i documenti che giustificano il suddetto pagamento (es. il contratto, la fattura etc...). Sopravvive la preventiva autorizzazione per i pagamenti superiori a 50 mila dollari ma anche in questo caso (in virtù delle Regole di Attuazione alle Linee Guida entrate in vigore il 1 Settembre 2013) la procedura burocratica è estremamente snella, essendo richiesto che l interessato depositi solo il contratto e la fattura (o altro idoneo documento fiscale che giustifichi la richiesta di pagamento verso l estero). Negli ultimi mesi la Cina ha cambiato marcia, concludendo accordi swap con alcuni Paesi europei nonché con la Banca Centrale Europea.

11 Il currency swap è uno strumento finanziario finalizzato a raggiungere diversi obiettivi come la gestione di possibili problemi di liquidità e/o supportare gli scambi finanziari delle parti che lo sottoscrivono. Nello specifico gli accordi che la Banca Popolare Cinese ha concluso con l Ungheria (9 Settembre 2013) e con la Banca Centrale Europea (10 Ottobre 2013) obbligano le parti a scambiarsi, al momento della sottoscrizione, somme di denaro nelle rispettive valute con l impegno, alla scadenza dell accordo, di scambiarsi la stessa somma mantenendo inalterato il tasso di cambio. (4) Considerazioni conclusive Il sistema economico cinese ha raggiunto un livello di maturità tale da non poter più coesistere con le contraddizioni che ne hanno determinato, in parte, la fortuna (come la coesistenza tra un tasso di inflazione simile ad un Paese industrializzato ed un costo del lavoro simile ad un Paese del Terzo Mondo). Il passaggio a un modello economico più strutturato passa sicuramente attraverso la riforma delle Banche (cioè il progressivo affrancamento dal controllo statale) e il riconoscimento al RMB del ruolo di moneta utilizzabile negli scambi internazionali. In relazione al primo punto, bisogna riflettere sul fatto che la crisi del 2009 non ha quasi toccato la Cina proprio perché il sistema bancario era ancora tradizionale e non svolgeva rischiose attività di trading. In riferimento al secondo aspetto i currency swaps recentemente conclusi dalla Banca Centrale Cinese non mirano solo a implementare gli scambi commerciali tra la Cina e l Europa (che in tal modo consolida il ruolo di secondo partner commerciale del gigante asiatico) ma consentono allo yuan di acquisire sempre più peso sui mercati internazionali valutari e proporsi nel contempo come moneta di riserva più stabile rispetto alle fluttuazioni che caratterizzano le valute europee dei Paesi con cui sono stati stipulati tali accordi. Milano, 12 Ottobre 2013 Avv. Giampaolo Naronte

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1 Guy Debelle +612 9551-8400 debelleg@rba.gov.au Jacob Gyntelberg +852 2878-7145 jacob.gyntelberg@bis.org Michael Plumb +612 9551-8450 plumbm@rba.gov.au Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo

La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo Centro Interuniversitario sul Diritto delle Organizzazioni Internazionali Economiche La politica commerciale della Cina e la sua partecipazione all OMC: tra multilateralismo e regionalismo Sito Internet:

Dettagli

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ Domande frequenti (Frequently Asked Questions - FAQ) su argomenti selezionati in materia di antiriciclaggio di denaro nel contesto dell'investment banking e del commercial banking Preambolo Il Gruppo Wolfsberg

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria

Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria Tra Europa e Asia: strutture di governance economica e finanziaria n. 100 - settembre 2014 a cura dell'ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) TRA EUROPA E ASIA: STRUTTURE DI GOVERNANCE

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli