La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap."

Transcript

1 Avv. Giampaolo Naronte La Cina irrompe sullo scenario finanziario internazionale. Transfer-pricing, operazioni cross-border, accordi swap. Indice 1. Normativa cinese delle attività cross-border p Il RMB trade settlement agreement del 2009 p Le Linee Guida del SAFE e gli accordi swap con l Unione Europea p Considerazioni conclusive p. 11 Abstract Il presente lavoro analizza le novità nel settore bancario per mezzo delle quali la Cina si sta imponendo sulla scena internazionale come mercato finanziario di primario interesse. L ambizioso obiettivo del Governo di Pechino di liberalizzare la valuta cinese rendendola moneta di scambio internazionale sta procedendo con celerità e determinazione: lo dimostrano la circolare di fine luglio 2013 con cui l Autorità Cinese (SAFE) ha iniziato l epocale processo di liberalizzazione dei pagamenti di denaro verso l estero seguita dai recentissimi accordi swap che la Banca Centrale Cinese ha concluso con l Europa.

2 (1) Normativa cinese per le attività cross-border nel settore M&A. Acquisizione di società domestiche da parte di investitori esteri 1. Le operazioni di fusione/acquisizione realizzate in Cina da investitori esteri Negli ultimi due lustri la Repubblica Popolare Cinese ha registrato un aumento significativo nel numero e nel valore delle operazioni di M&A ( 1 ) e di Private Equity ( 2 ) realizzate da investitori stranieri o cinesi (industriali e finanziari) sia in società cinesi a capitale interamente statale o di proprietà privata, sia in società cinesi a capitale parzialmente (o totalmente) estero ( 3 ). Le politiche legislative e economiche cinesi della Porta Aperta, dapprima, e della Crescita Sostenibile, poi, hanno gettato le basi per la creazione del moderno diritto cinese favorendo il florilegio di norme primarie, secondarie e regolamentari il cui trait d'union è rappresentato dalla volontà del Governo cinese di rendere sempre più appetibile il mercato interno per gli investitori stranieri. Negli ultimi anni la Cina ha registrato un incremento quasi esponenziale del valore dei FID (Foreign Direct Investment) realizzati con operazioni di Private Equity o di M&A, a discapito degli investimenti «green fields». Nel 2004 la Cina è divenuto il Paese beneficiario del maggior flusso mondiale di FID e fino al 2005 ha registrato una crescita media annua delle operazioni di M&A pari al 30%. ( 1 ) Il termine M&A (merger and acquisition) comprende il vasto complesso a fasi consequenziali nonché le operazioni in base alle quali due, o più, entità giuridiche possono associare (o unire) economicamente e giuridicamente le proprie strutture e/o attività per raggiungere determinati obiettivi strategici. ( 2 ) Secondo AIFI (Associazione Italiana del PE e del VC) il termine private equity indica «l'attività di investimento nel capitale di rischio di imprese non quotate con l'obiettivo di valorizzare la impresa oggetto di investimento ai fini della sua dismissione entro un periodo di medio-lungo termine ( 3 ) Alle SOE (State owned enterprise) ed alle POE (Private owned enterprises), società cinesi di proprietà, rispettivamente, statale e privata si contrappongono le EJV (equity joint venture) nonché le WOFE (wholly owned foreign enterprise) società a capitale parzialmente o interamente estero. Le EJV e le WOFE, insieme ad altri veicoli societari tipizzati dal diritto cinese, rientrano nella più ampia categoria delle società di diritto cinese a capitale straniero (FIE acronimo di foreign investment enterprise) a cui si applica la particolare disciplina del «diritto degli investimenti esteri».

3 2. Il quadro normativo delle operazioni di M&A in Cina Il diritto societario cinese impone all'investitore estero di operare in Cina attraverso veicoli societari tipici, tutti ricompresi nelle FIE (Foreign Investment Company, società di diritto cinese il cui capitale è posseduto, del tutto o in parte, da un soggetto estero) che per effetto delle riforme realizzate negli anni Novanta oggi ruotano attorno a tre sole figure: la società per azioni (public limited company), la società a responsabilità limitata (limited liability company) e la società di persone (partnership). Per realizzare un operazione di M&A consistente nell acquisto di una società cinese target, l investitore straniero deve preliminarmente costituire una FIE (in una delle forme sopra indicate), uniformandosi alla relativa disciplina. Il secondo passaggio consiste nel seguire la procedura di acquisizione disciplinata dalle Takeover Regulations del 2006, dalla PRC Anti-Monopoly Law del 2007 e, da ultimo, dalle Working Guidelines del Purtroppo il Legislatore Cinese del 2007 non ha abrogato le Takeover Regulations del 2006 con la conseguenza che le due normative si sovrappongono parzialmente e la procedura di approvazione alla realizzazione dell operazione di M&A si svolge, contestualmente, davanti a due diverse autorità cinesi di controllo (il Ministero per il Commercio Estero, in base alle Takeover Regulations del 2006, e la Anti-Monopoly Authority secondo la Anti-Monopoly Law del 2007). Questa circostanza, come vedremo nei successivi Paragrafi, non solo appesantisce la procedura sotto il profilo burocratico, ma rischia altresì di creare una pericolosa situazione di stallo nell ipotesi (non puramente scolastica) in cui le due autorità controllanti emettano, in relazione alla stessa operazione, due pareri opposti (uno favorevole ed uno sfavorevole). 2.1 Le Takeover Regulations del 2006 Le Regulations regarding the Acquisition on Domestic Enterprises for Foreign Investors (più note come Takeover Regulations) del 8 Agosto 2006 ruotano sui seguenti punti: (i) il pregnante controllo esercitato dal Ministero Cinese per il Commercio Estero (d ora in poi MofCom) che autorizza o rifiuta la realizzazione delle operazioni di ristrutturazione societaria, fusione e acquisizione investitori esteri sul mercato cinese, (ii) possibilità di intervento di un autorità di controllo diversa dal MofCom nel caso in cui sia realizzata una particolare operazione di M&A: ad esempio la China Securities Regulatory Commission (CSRC) monitora e controlla le operazioni su società quotate (listed companies) realizzate mediante scambio azionario mentre lo State Administration of Foreign Exchange (SAFC) interviene se gli azionisti di una società estera acquistino partecipazioni di una società cinese target attraverso uno scambio azionario o un aumento di capitale; (iii) attribuzione anche alle persone fisiche cinesi del diritto ad acquistare una quota societaria di una FIE (partecipazione comunque soggetta a limiti temporali e subordinata alla preventiva autorizzazione governativa cinese).

4 In base alle Takeover Regulations un operatore estero può investire in una società di diritto cinese utilizzando una delle seguenti tecniche operative: (A) acquisto di parte o dell'intero capitale sociale; (B) acquisto dei beni di un ramo di azienda (C) fusione societaria. La scelta tra le forme sopra indicate dipende da vari fattori, tra cui le condizioni finanziarie della società oggetto dell'investimento, i requisiti di approvazione societari e governativi, le conseguenze fiscali. Dallo schema successivo emerge che nel quinquennio il mercato cinese delle operazioni di investimento estero è stato caratterizzato per almeno 2/3 da acquisto di beni aziendali (65%) seguito a distanza (9%) dalle acquisizioni di partecipazioni di maggioranza e dalle operazioni di fusione (9 e10%) mentre le acquisizioni di minoranza rappresentano solo l uno per cento del mercato totale. Tecnica operativa Valore (in milioni dollari) % sul totale Numero di operazioni Acquisto beni aziendali 132, Fusioni Acquisizioni di maggioranza Acquisizioni parziali Acquisizioni di minoranza Le difficoltà insite nel concludere con successo un'operazione di M&A in Cina derivano in gran parte dal fatto che l'investitore estero si deve districare in una rete di controlli e approvazioni spesso lasciate alla discrezionalità del controllante. 2.2 La PRC Anti Monopoly Law del 30 giugno 2007 in vigore dal 1 Agosto 2008 Il 1 agosto 2008 è entrata in vigore la Legge Cinese per la tutela della concorrenza e del mercato. La rubrica della Legge - 本 法 规 定 的 垄 断 行 为 包 括 cioè Anti-Monopoly Law, d ora in poi AML è inesatta dal momento che il monopolio non esaurisce le condotte lesive della concorrenza e del mercato (ad essa infatti si aggiungono l abuso di posizione dominante e la concentrazione di imprese). La disciplina di dettaglio della AML è rimessa alle Implementing Rules che il Consiglio di Stato ha pubblicato con il nome di Working Guidelines il 12 Gennaio La AML si apre con le General Provisions, dedica tre Capi alle condotte anti-concorrenziali (intese, abuso di posizione dominante e concentrazione di imprese) descrive il funzionamento della neo-costituita Autorità Anti-Monopolio (d ora in poi AAM) e si conclude con le Suplementary Provisions.

5 Le Disposizioni Generali definiscono i concetti di operatore commerciale (business operator) e di mercato di riferimento (relevant market) che individuano, rispettivamente dal punto di vista soggettivo e oggettivo, lo spettro applicativo della. In particolare: A) l Art. 12, co. 2 AML definisce operatore commerciale ogni persona fisica o giuridica (legal person) che produca beni o offra servizi ( 第 十 二 条 本 法 所 称 经 营 者 是 指 从 事 商 品 生 产 经 营 或 者 提 供 服 务 的 自 然 人 法 人 和 其 他 组 织 ). In base all Art. 36 della General Principles of Civil Law del 1986 il termine legal person indica qualunque «persona o entità strutturata che può assumersi diritti e obblighi e compiere attività giuridiche, nel rispetto della legge e dei regolamenti cinesi». La legal person è quindi un entità distinta (sotto il profilo giuridico e della responsabilità) dalle persone fisiche che la compongono. B) Il mercato rilevante identifica e delimita lo scenario in cui le imprese devono confrontarsi rispettando le regole della fair competition. La definizione offerta dall'art. 12, comma 3 AML, secondo cui «il mercato rilevante è individuato in relazione al prodotto o al territorio entro cui l'operatore commerciale compete con altri soggetti per un determinato periodo di tempo, durante il quale vende beni o rende servizi a favore di terzi» ( 本 法 所 称 相 关 市 场 是 指 经 营 者 在 一 定 时 期 内 就 特 定 商 品 或 者 服 务 以 下 统 称 商 品 进 行 竞 争 的 商 范 围 和 地 域 范 围 ) riprende quella comunitaria e nazionale italiana. La AML protegge le società a capitale cinese interamente posseduto dallo Stato (le SOE, State owned enterprises) che operano in settori ritenuti strategici per lo sviluppo del Paese: in base all Art. 31 l investitore estero che intenda acquisire quote di una società cinese operante in settori di rilevanza statale soggiace, in aggiunta alle normali attività di verifica (cfr. Artt. 20 ss. AML), ad un «controllo sulla sicurezza nazionale condotto nel rispetto delle principali disposizioni della legge dello Stato cinese». Si segnala inoltre che la Anti Monopoly Law ha creato due nuovi organismi: la Anti Monopoly Commission (cfr. Art. 9, ora AMC) e la Anti Monopoly Authority (cfr. Art. 10, ora AMA) a cui spetta, rispettivamente, il compito di dettare le linee guida delle politiche per la tutela della concorrenza e del mercato e di assicurare l applicazione uniforme della AML sul territorio cinese. 3. Il potenziale contrasto tra TR e AML sul takeover di acquisto di una quota rilevante del mercato cinese Nel caso in cui il takeover concentri nelle mani dell investitore estero una «quota di mercato rilevante», l operazione dev essere preventivamente autorizzata dal MofCom (cfr. Art. 52 TR). La mancata abrogazione del Capo VI delle TR determina, per effetto dell entrata in vigore dell analoga procedura prevista nella AML, il rischio di una pericolosa sovrapposizione di competenze tra differenti autorità cinesi di controllo (il MofCom, in base alle TR e la Anti Monopoly Authority secondo la AML). Si pensi all investitore estero Alfa (che già possiede una quota di mercato cinese del 20%) che voglia acquistare la società cinese target Beta (a cui fa capo il 10% del mercato locale).

6 Dal momento che il takeover comporta l acquisizione, in capo ad Alfa, di una quota complessiva pari al 30%, l operazione è soggetta alle speciali procedure di controllo esaminate nei precedenti paragrafi. La situazione sopra descritta rientra nell ambito applicativo sia dell'art. 51 TR sia dell'art. 20 n. 2 AML per cui: (i) il MofCom (in base al combinato disposto degli Artt TR) chiede all investitore straniero un report in base al quale decidere se autorizzare, o meno, l operazione di acquisizione; (ii) ai sensi dell Art. 21 AML l investitore straniero deve depositare anche la concentration declaration alla AMA, a cui spetta decidere se autorizzare (o meno) l operazione o chiedere ulteriore documentazione per svolgere un ulteriore attività di indagine. Il MofCom e la AMA adoperano parametri diversi per valutare l ammissibilità della stessa operazione: infatti il primo verifica se la concentrazione lede gli interessi dello Stato mentre la seconda si focalizza sulla tutela della concorrenza e del libero mercato. Ne consegue che il MofCom e la AMA potrebbero emettere due decisioni opposte e si verrebbe a creare in tal caso una situazione di stallo, dal momento che la Legge Cinese non prevede uno strumento per risolvere il conflitto apparente di norme. 4. Le Working Guidelines approvate il 12 Gennaio 2009 Il 12 gennaio 2009 il MofCom ha pubblicato le Working Guidelines (ora WG) per approfondire gli aspetti più oscuri della procedura amministrativa che dev essere seguita per ottenere l autorizzazione all'operazione di acquisizione straordinaria di una società cinese target da parte di un investitore straniero. L'art. 5 WG arricchisce l'elenco dei documenti che devono corredare la richiesta di autorizzazione che la società straniera deve presentare al MofCom. La norma in rassegna presta il fianco a due critiche principali: 1) non è condivisibile la scelta di "appensatire" ulteriormente una procedura di controllo di per sé già connotata dal formalismo; infatti l'art. 5 WG prevede che in aggiunta alla documentazione indicata dall'art. 23 LCM, la società straniera debba allegare all'istanza di autorizzazione un due diligence report, le internal analisys (di entrambe le società coinvolte nella operazione), il feasibility study nonché le principali informazioni concernenti le società collegate all'investitore straniero; 2) dal momento che le WG si riferiscono esclusivamente alla procedura di verifica che si svolge davanti al MofCom, si ritiene che esse non si possano applicare per analogia all'iter che si svolge davanti alla AAM, anche se in tal modo si allarga la sfasatura tra le due forme di controllo.

7 (2) Prestazione di servizi ed attività cross-border. Il Cross-Border Settlement Trade del Le banche straniere in Cina Dal 2003 ad oggi il Governo cinese ha favorito la presenza di banche straniere sul mercato cinese; nel Novembre 2006 il Consiglio di Stato cinese ha promulgato la nuova normativa sulle Foreign Invested Banks (le Regulations on the Administrations of Foreign funded Banks del 11 Dicembre 2006) che presenta numerose ed importanti novità rispetto al corpo normativo del In base alla Legge del 2001 le banche straniere operanti sul mercato cinese possono assumere una delle seguenti forme: 1 la WOFE bank: banca a capitale interamente detenuto da stranieri; la Riforma del 2006 prevede che l'investitore straniero possa operare nella qualità di commercial bank; 2 la JV bank: è costituita tra un'istituzione finanziaria straniera ed una società cinese; 3. Le Foreign Bank Branch ed i RO of a foreign bank sono state create nel 2006: prima di allora alle banche era precluso l esercizio di profit activities e potevano unicamente aprire un ufficio di rappresentanza sul territorio cinese. Le principali novità apportate dalla riforma del 2006 si possono compendiare nei seguenti punti: a. il capitale minimo registrato richiesto per le WOFE bank e le JV bank è stato innalzato a 1 miliardo di RMB (contro i 300 milioni richiesti dalla legge del 2001) mentre la soglia minima di capitale per le Foreign Bank Branch è salito a 200 milioni di RMB; b. le banche straniere possono operare senza limiti sulle tipologie di operazioni ed aree geografiche (prima della riforma alle banche straniere era concesso di operare solamente nelle 20 principali metropoli cinesi); c. le WOFE banks e le JV banks possono condurre operazioni di wholesale e retail nella divisa cinese; inoltre è stato abolito il limite per cui ogni deposito in valuta straniera ottenuto da una banca ad investimento estero non deve eccedere il 70% dei suoi assets in valuta straniera complessivamente detenuti in Cina. Il tetto massimo di partecipazione al capitale di banche cinesi da parte di banche straniere è stato innalzato al 20% mentre la partecipazione del singolo investitore è pari al 25%. Negli ultimi anni si è assistito ad una progressiva integrazione tra le banche cinesi e quelle straniere: diciannove investitori esteri hanno acquistato partecipazioni in sedici banche

8 cinesi, determinando investimenti stranieri diretti nelle banche locali per un totale pari al 15% del loro patrimonio. L integrazione non riguarda solo le banche private bensì anche le quattro banche commerciali di Stato da alcuni anni hanno intrapreso un processo verso la privatizzazione e la quotazione sul mercato mobiliare. Per effetto della citata integrazione le banche straniere operanti in Cina possono commercializzare i loro prodotti e servizi con il segmento corporate, beneficiando della sempre più estesa rete di sportelli delle banche locali e, nel contempo, trasferiscono le loro conoscenze e tecnologie alle banche locali, ovviando alle problematiche legate all'arretratezza del sistema cinese di cui si è detto agli inizi del presente contributo. 2. Il RMB cross-border settlement trade del 2009 Una transazione cross-border implica l acquisto e la vendita di strumenti finanziari negoziati in mercati non domestici e/o la partecipazione di controparti residenti in Paesi diversi. Di conseguenza risulta necessario ricevere e consegnare strumenti finanziari situati in Paesi differenti ed effettuare e ricevere i relativi pagamenti. Negli ultimi anni si è assistito ad un aumento sia del numero che del volume delle transazioni cross-border. Tra i diversi fattori che hanno contribuito a questa crescita è possibile citare il progresso tecnologico e l aumento della dimensione dei mercati finanziari dovuto, da un lato, alla liberalizzazione dei movimenti internazionali dei capitali e, dall altro, alla deregolamentazione che ha portato ad un ampliamento della gamma di prodotti e servizi finanziari offerti. La crisi finanziaria che ha colpito molte monete occidentali, in primis il dollaro, ha indotto il Governo cinese ad introdurre alcune misure volte a regolamentare le transazioni crossborder realizzate utilizzando lo yuan (la moneta cinese). Il 03 Luglio 2009 sono entrate in vigore le Measures for the Administration of pilot RMB Settlement in cross-border trade e le Implementing Measures inizialmente applicate (in via sperimentale) solamente alle città di Shanghai, Guangzhou, Shenzhen, Zuhai e Dongguan. In base alle Measures le società pilota costituite nelle città sopra indicate sono autorizzate a concludere accordi commerciali cross-border con Hong Kong, Macao ed i paesi aderenti all ASEAN ( 4 ) utilizzando lo yuan come moneta di scambio. Le società cinesi pilota sono nominate dal governo provinciale della città in cui intendono operare; la nomina deve essere approvata da sei autorità, tra cui la People s Bank of China. ( 4 ) L Association of South East Asian Nations (ASEAN, fondata a Bangkok nel 1967 da Indonesia, Malaysia, Thailandia, Filippine e Singapore a cui si è aggiunto, nel 1984, il Brunei e, successivamente, nel 1995, Vietnam, Laos, Cambogia e Myanmar). Lo stock di capitali cinesi immobilizzati nelle attività produttive negli Stati che appartengono all ASEAN ha raggiunto recentemente la ragguardevole cifra di miliardi di dollari, cifra superiore agli investimenti viceversa complessivamente eseguiti in Cina dai dieci paesi aderenti all ASEAN (pari a circa 34 miliardi di dollari, che pure costituisce una delle principali fonti di finanziamento estero per le attività produttive cinesi). La situazione è destinata a crescere ulteriormente, per effetto della decisione del Governo cinese di creare una zona di libero scambio (Free Trade Area, FTA) tra le Nazioni facenti parte dell ASEAN analogamente a quanto accade nell Unione Europea consolidando, in tal modo, il ruolo dell Asia Orientale come terzo blocco economico mondiale (dopo gli Stati Uniti e l Unione Europea). Nel Sud Est asiatico la Cina sta quindi giocando la sua partita più importante, essendo il primo Paese extra-asean ad essersi interessato del processo di implementazione della Free Trade Area.

9 Le società nominate sono inserite all interno di una white list. I principali requisiti richiesti per poter essere nominati sono l assenza di pendenze con le autorità bancarie e fiscali cinesi, avere integralmente versato il capitale sociale e possedere un interesse ad operare nell area delle città pilota. La società nominata può realizzare l operazione cross border solo per il tramite di una banca cinese presso cui deve aprire un conto oppure può concludere un cross-border RMB clearing, un accordo commerciale in virtù del quale le attività pagate tra una società pilota e una straniera (overseas enterprise) pagate in moneta cinese sono gestite da una clearing bank. La locuzione clearing bank indica un istituto bancario di Hong Kong o Macao che abbia ricevuto l approvazione da parte della People s Bank of China e dell Autorità Monetaria di Hong Kong (o di Macao) e sia membro del Large Value Payment System istituito presso la Bank of China. Tra questi istituti bancari attualmente ci sono la Bank of China Ltd di Hong Kong e la Bank of China Ltd Macau Branch. Le Implementing Measures stabiliscono che l attività di cross-border RMB clearing può anche essere realizzata da una banca cinese (detta domestic agent bank) che operi come agente di una banca straniera sulla base di un accordo scritto che specifichi in modo puntuale i reciproci diritti e doveri delle due banche, le condizioni per l apertura, la gestione e la chiusura del conto corrente in RMB. In ogni caso, la Legge Cinese stabilisce i seguenti requisiti minimi che devono essere contemplati e rispettati nell accordo scritto stipulato con la banca straniera. In particolare la banca cinese che opera come agente può: a. chiedere alla banca straniera un deposito minimo per l apertura del conto corrente che sarà utilizzato per eseguire le operazioni in RMB; b. effettuare acquisti o vendita di contante dalla banca straniera entro un tetto massimo stabilito dalla People s Bank of China. Le Measures stabiliscono precisi adempimenti anche in relazione alla tassazione ed allo scambio di moneta straniera realizzato con un operazione cross-border. In particolare: 1. le operazioni cross-border realizzate con moneta cinese NON sono soggette ad alcuna forma di tassazione; 2. l accordo stipulato da una società pilota per realizzare un operazione cross-border non è neppure soggetto ai dazi che normalmente si applicano agli scambi commerciali dall estero; 3. la responsabilità della banca cinese rispetto a quella straniera è regolata in base alla Legge Cinese che si applica e prevale sulla legislazione straniera. Gli istituti bancari e le organizzazioni cinesi che nominano le società pilota e concedono le autorizzazioni alle banche locali ad operare come agenti della banca straniera, sono gravati da specifici doveri di vigilanza sull operato dei soggetti ai quali hanno rilasciato l autorizzazione a realizzare operazioni cross-border. Le Measures prevedono che la People s Bank of China verifichi che il pagamento con moneta cinese sia riferibile ad un operazione lecita, non contraria alle Leggi e Regolamenti cinesi. La banca cinese che stipula l accordo con la banca straniera è tenuta ad eseguire le ragionevoli verifiche sull operazione realizzata con l intervento dell istituto bancario estero.

10 La banca cinese deve rispettare le disposizioni contro il riciclaggio del denaro sporco ed è pertanto obbligata a chiedere al proprio cliente di fornire precise informazioni sulla natura del denaro e dell operazione cross border che intende realizzare. L istituto bancario cinese deve tenere un libro in cui annota tutte le operazioni cross border che realizza e le generalità delle persone fisiche coinvolte. Infine la People s Bank of China è autorizzata ad utilizzare il Cross Border RMB Payment Information System per eseguire le opportune verifiche e controllare le operazioni crossborder realizzate utilizzando moneta cinese. (3) Le Linee Guida del SAFE e gli accordi swap del 2013 Un ulteriore, decisivo, passo verso il riconoscimento del RMB come valuta di scambio internazionale è stato compiuto nel 2013 quando il SAFE (State Administration for Foreign Exchange) ha pubblicato le Linee Guida (e le Regole di Attuazione) per realizzare la parziale liberalizzazione dei pagamenti dalla Cina all estero per importi non superiori a 50 mila dollari. Pochi mesi dopo il Governo di Pechino, tramite la Banca Centrale Cinese, ha concluso una serie di accordi swap con la Banca Centrale Europea e con singoli Paesi allo scopo di consolidare il ruolo dello yuan come valuta di riserva e ampliare nel contempo i mercati di sbocco con conseguente incremento degli investimenti da/per la Cina. Il 9 luglio 2013 lo State Administration of Taxation ( 务 总 ) insieme allo State Administration of Foreign Exchange ( 汇 ) hanno pubblicato congiuntamente un provvedimento (le Guidelines for Foreign Exchange Administration of Trade in Service, 务 贸 汇, ora le Linee Guida) che semplifica le procedure di pagamento dalla Cina verso l estero. L evoluzione degli scambi transnazionali, sempre più spesso relativi a beni immateriali (es. quote societarie, diritti di proprietà intellettuale), aveva reso improcrastinabile un intervento che snellisse le transazioni finanziarie: le Linee Guida soddisfano questa esigenza stabilendo che per effettuare pagamenti inferiori o pari a 50 mila dollari USA non sarà più necessario, come accadeva in passato, ottenere la preventiva autorizzazione del SAFE e della Banca emittente ma basterà depositare, unitamente alla richiesta, i documenti che giustificano il suddetto pagamento (es. il contratto, la fattura etc...). Sopravvive la preventiva autorizzazione per i pagamenti superiori a 50 mila dollari ma anche in questo caso (in virtù delle Regole di Attuazione alle Linee Guida entrate in vigore il 1 Settembre 2013) la procedura burocratica è estremamente snella, essendo richiesto che l interessato depositi solo il contratto e la fattura (o altro idoneo documento fiscale che giustifichi la richiesta di pagamento verso l estero). Negli ultimi mesi la Cina ha cambiato marcia, concludendo accordi swap con alcuni Paesi europei nonché con la Banca Centrale Europea.

11 Il currency swap è uno strumento finanziario finalizzato a raggiungere diversi obiettivi come la gestione di possibili problemi di liquidità e/o supportare gli scambi finanziari delle parti che lo sottoscrivono. Nello specifico gli accordi che la Banca Popolare Cinese ha concluso con l Ungheria (9 Settembre 2013) e con la Banca Centrale Europea (10 Ottobre 2013) obbligano le parti a scambiarsi, al momento della sottoscrizione, somme di denaro nelle rispettive valute con l impegno, alla scadenza dell accordo, di scambiarsi la stessa somma mantenendo inalterato il tasso di cambio. (4) Considerazioni conclusive Il sistema economico cinese ha raggiunto un livello di maturità tale da non poter più coesistere con le contraddizioni che ne hanno determinato, in parte, la fortuna (come la coesistenza tra un tasso di inflazione simile ad un Paese industrializzato ed un costo del lavoro simile ad un Paese del Terzo Mondo). Il passaggio a un modello economico più strutturato passa sicuramente attraverso la riforma delle Banche (cioè il progressivo affrancamento dal controllo statale) e il riconoscimento al RMB del ruolo di moneta utilizzabile negli scambi internazionali. In relazione al primo punto, bisogna riflettere sul fatto che la crisi del 2009 non ha quasi toccato la Cina proprio perché il sistema bancario era ancora tradizionale e non svolgeva rischiose attività di trading. In riferimento al secondo aspetto i currency swaps recentemente conclusi dalla Banca Centrale Cinese non mirano solo a implementare gli scambi commerciali tra la Cina e l Europa (che in tal modo consolida il ruolo di secondo partner commerciale del gigante asiatico) ma consentono allo yuan di acquisire sempre più peso sui mercati internazionali valutari e proporsi nel contempo come moneta di riserva più stabile rispetto alle fluttuazioni che caratterizzano le valute europee dei Paesi con cui sono stati stipulati tali accordi. Milano, 12 Ottobre 2013 Avv. Giampaolo Naronte

LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO

LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO LA SCELTA DELLA FORMA DELL INVESTIMENTO Le forme di investimento in Cina La normativa cinese sugli investimenti stranieri consente agli investitori stranieri di realizzare diversi tipi di societa. Una

Dettagli

LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE)

LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE) LA SOCIETA A TOTALE CAPITALE STRANIERO (WFOE) Informazioni generali sulla WFOE Gli investimenti diretti esteri in Cina dal punto di vista della proprieta del capitale possono essere effettuati in collaborazione

Dettagli

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina

Agenda. > Tutela dei diritti di proprietà individuale. > Joint Venture/WOFE. > Comprare e vendere in Cina 1 Agenda > Tutela dei diritti di proprietà individuale > Joint Venture/WOFE > Comprare e vendere in Cina > Servizi offerti dall Ufficio di Rappresentanza 2 3 Tutela dei diritti di proprietà individuale

Dettagli

Nonostante l'attuale mancanza di sostenuta Deposit Insurance-government, MAS prevede di istituire un tale sistema nel prossimo futuro.

Nonostante l'attuale mancanza di sostenuta Deposit Insurance-government, MAS prevede di istituire un tale sistema nel prossimo futuro. Singapore è uno dei centri finanziari a livello mondiale ed hub distributivo importante di finanziamento nel sudest asiatico. Non sorprendentemente, il paese ha uno dei sistemi bancari più avanzati al

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare

Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare Cina: nuove misure di legge in materia di investimenti esteri nel settore immobiliare with the support of a company participated by Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti

Dettagli

IL TURISMO NELLA CINA DI

IL TURISMO NELLA CINA DI IL TURISMO NELLA CINA DI OGGI Panoramica generale e chiavi di lettura a cura di Augusto Bordini CAMBIAMENTO EPOCALE In 5 anni la Cina ha prodotto cambiamenti economici e sociali pari a quelli avuti in

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y CINA TASSAZIONE DEI LAVORATORI STRANIERI PRESENTI IN CINA di Avv. Francesco Misuraca Criteri di tassazione dei lavoratori stranieri presenti in Cina La normativa generale cinese, che va comparata con le

Dettagli

Il Credito in Cina. Marco Gasparroni Tesoriere CCIC

Il Credito in Cina. Marco Gasparroni Tesoriere CCIC Il Credito in Cina Marco Gasparroni Tesoriere CCIC 1 Indice Le Banche Italiane in Cina - La presenza - La Mission - I Volumi Le Banche Cinesi - Il sistema Bancario Cinese - Il Mercato 2 La Presenza L apertura

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese italiane in Cina IL SUPPORTO DEL GRUPPO UNICREDIT

Internazionalizzazione delle imprese italiane in Cina IL SUPPORTO DEL GRUPPO UNICREDIT Internazionalizzazione delle imprese italiane in Cina IL SUPPORTO DEL GRUPPO UNICREDIT Alessandra D'Autilia - China Business Development GTB - Cross Border Business Management Padova, 19 luglio 2013 UNICREDIT

Dettagli

LA JOINT VENTURE. Informazioni generali sulla Joint Venture

LA JOINT VENTURE. Informazioni generali sulla Joint Venture LA JOINT VENTURE Informazioni generali sulla Joint Venture La Joint Venture (JV) e una società giuridica cinese frutto di un investimento congiunto da parte di società, imprese e altri enti economici stranieri

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza

Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Vicenza Strumenti di pagamento e finanza nei Paesi Asean Donatella Oliboni Responsabile Ufficio di Rappresentanza BPVI di Hong Kong Presidente di The Hong Kong Foreign Financial Institutions

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

CON AZIMUT LA CINA È PIÙ VICINA.

CON AZIMUT LA CINA È PIÙ VICINA. MKTBRRMB-09/11 Competenza Azimut ESTIMENTO I INV D I SERVIZI DE ION DICA UZ L TI A LL SO IM PR ES A CIN-CINA.. CIN-CIN Professionisti locali Accordi esclusivi Società in loco L Europa e gli USA sono in

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Frequently Asked Questions PREMESSA...2 1. IMPRESE INTERESSATE DAL DIVIETO...2 1.1. INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Importanti modifiche a Fidelity Funds. Oggetto: Modifiche agli obiettivi di investimento per alcuni comparti di Fidelity Funds

Importanti modifiche a Fidelity Funds. Oggetto: Modifiche agli obiettivi di investimento per alcuni comparti di Fidelity Funds FIDELITY FUNDS Société d Investissement à Capital Variable 2a, Rue Albert Borschette BP 2174 L - 1021 Lussemburgo RCS B34036 Tel.: +352 250 404 (1) Fax : +352 26 38 39 38 Gentile Azionista, Importanti

Dettagli

Aspetti fiscali e commerciali in Cina

Aspetti fiscali e commerciali in Cina Aspetti fiscali e commerciali in Cina Lorenzo Riccardi Dottore Commercialista Studio di Consulenza RSA Seminario di Orientamento per le aziende italiane Pechino, 19 Marzo 2015 Lorenzo Riccardi LR@RSA-TAX.COM

Dettagli

Forme di presenza in India

Forme di presenza in India Forme di presenza in India Camera di Commercio di Cuneo 25 giugno 2007 Modello inglese Il COMPANIES ACT (1956) prevede sostanzialmente due categorie di società: PRIVATE (piccole e medie imprese) PUBBLICHE

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in

info@unionfidi.com - www.unionfidi.com - PEC: unionfidi@unionfidi.legalmail.it Allegato 1 Imprese ASSOCIATE all impresa con sede in UNIONFIDI PIEMONTE - Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi, confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia del 23 giugno 2011 e cod. identificativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA Natura giuridica e attivita dell Ufficio di Rappresentanza L ufficio di rappresentanza (Representative Office, RO) e la forma piu semplice di presenza in Cina per le imprese

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005

Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI. Articolo 7(3) data: 28/01/2005 Caso n. COMP/M.3682 Intek/ Gim Il testo in lingua italiana è il solo disponibile e facente fede. REGOLAMENTO (CE) n. 139/2004 SULLE CONCENTRAZIONI Articolo 7(3) data: 28/01/2005 COMMISSION OF THE EUROPEAN

Dettagli

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015 La SICAF mobiliare principali profili fiscali Avv. Enrico Pauletti Milano, 25 marzo 2015 1 Premessa - Introduzione della SICAF Introduzione con il D. Lgs. n. 44/2014 di recepimento della Direttiva AIFM

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

CRESCERE IN CINA Il Gruppo Intesa Sanpaolo per le imprese di Milano Unica a Shanghai. Ottobre 2012

CRESCERE IN CINA Il Gruppo Intesa Sanpaolo per le imprese di Milano Unica a Shanghai. Ottobre 2012 CRESCERE IN CINA Il Gruppo Intesa Sanpaolo per le imprese di Milano Unica a Shanghai Ottobre 2012 Intesa Sanpaolo: un network integrato per crescere all estero Vicino al cliente in Italia Gestore per garantire

Dettagli

Registrazione di una Joint Venture

Registrazione di una Joint Venture Registrazione di una Joint Venture Novità! RMB 100.000 ~ 500.000 RMB è il capitale di investimento minimo per la registrazione, Consulenza, Servizi, Hi-TechJoint Venture. Se avete intenzione di creare

Dettagli

Indice. quattro. Lo studio. otto. Aree di Specializzazione. I nostri valori. sedici. diciannove. Contatti. due

Indice. quattro. Lo studio. otto. Aree di Specializzazione. I nostri valori. sedici. diciannove. Contatti. due Indice Lo studio Aree di Specializzazione I nostri valori Contatti quattro otto sedici diciannove due tre Lo Studio Civale Associati è uno studio legale che presta consulenza in materia di diritto bancario

Dettagli

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Contratti di sviluppo nel settore turistico anche con affitto dell attività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo, con

Dettagli

Investire in Cina: il supporto di UniCredit alle Imprese. Andrea Focacci Vice Area Manager Marche

Investire in Cina: il supporto di UniCredit alle Imprese. Andrea Focacci Vice Area Manager Marche Investire in Cina: il supporto di UniCredit alle Imprese Andrea Focacci Vice Area Manager Marche Agenda Opportunità e Modalità Investimenti Opportunità: : Focus sul Turismo Cinese Il sistema bancario e

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO

MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO MILANO NOTAI PER UN APPROCCIO INTERNAZIONALE AL BUSINESS VIA MANZONI, 14 - MILANO MILANO NOTAI Dal cuore della finanza italiana, Milano Notai propone un approccio internazionale al business. Giovannella

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti )

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti ) Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 I. SCOPO La presente Politica sull Insider Trading ( Politica ) fornisce le linee guida per quanto riguarda le operazioni in titoli di Modine Manufacturing Company (la Società

Dettagli

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari La Banca d Italia, la CONSOB e l ISVAP VISTA la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

BANK OF CHINA LTD MILAN BRANCH. Confindustria - Genova 18 Aprile 2013

BANK OF CHINA LTD MILAN BRANCH. Confindustria - Genova 18 Aprile 2013 BANK OF CHINA LTD MILAN BRANCH Confindustria - Genova 18 Aprile 2013 Indice Parte Prima Parte Seconda Parte Terza Sistema Bancario Cinese Struttura Organizzativa BOC Dettaglio Servizi BOC Parte Prima Sistema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità Klako Group Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale Ottimizzazione e Controllo di Qualità Beijing Hong Kong Shanghai Shenzhen Visitate il nostro sito http://www.klakogroup.com La nostra Società

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong di Cristiano Donnet La Convenzione è stata firmata in data 14 gennaio 2013 Il Segretario ai Servizi Finanziari del Tesoro, Professor KC Chan,

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y HONG KONG DIRITTO SOCIETARIO AD HONG KONG di Avv. Francesco Misuraca Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad Hong Kong Forme societarie, Impresa Individuale, Partnership, Trust ad

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE Generali Italia S.p.A. - Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Sono le banche il punto debole della Cina

Sono le banche il punto debole della Cina Il sistema bancario cinese è molto fragile per l elevato peso dei Non Performing Loans, dovuti soprattutto alle pressioni politiche in favore delle imprese statali in difficoltà e alla scarsa attitudine

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada

Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada Pagamenti e transazioni finanziarie con il Canada Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Direzione Estero Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro ABI sull Internazionalizzazione

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Gli investimenti esteri in Cina CHIETI, 7 OTTOBRE 2013 FROSINONE, 10 OTTOBRE 2013 A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Contenuti - CINA 1. Gli Uffici di Rappresentanza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 236/E

RISOLUZIONE N. 236/E RISOLUZIONE N. 236/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 agosto 2009 Oggetto: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Mancato rinnovo dell opzione per il consolidato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DIRITTO SOCIETARIO IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Diritto societario in Qatar La disciplina del diritto societario è contenuta nella nuova Legge n. 5/2002 definita New Commercial Companies Law

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli