Agorà. Periodico informativo della Missione dei PP. Barnabiti in Albania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agorà. Periodico informativo della Missione dei PP. Barnabiti in Albania"

Transcript

1 Agorà Periodico informativo della Missione dei PP. Barnabiti in Albania Nel nome della solidarietà La calura dell estate già domina le nostre città e rende piu faticose le nostre attività e pesanti le nostre giornate. Ma è sempre la stessa calura che si ripete ogni anno e che provoca gli stessi disagi. Per vivere in un modo nuovo questa nostra estate noi proponiamo di darle un nome nuovo: solidarietà. Sì, è proprio all insegna della solidarietà che ci apprestiamo a vivere questo momento dell anno, in genere dedicato al riposo e alla spensieratezza. La programmazione delle attività estive presso la missione dei PP. Barnabiti di Milot in Albania, diventa una vera occasione per dare un significato nuovo a questa estate. L avvicendarsi di volontari, giovani e meno giovani, di sacerdoti, di gruppi giovanili e di gruppi scout, permettono alla nostra missione di diventare un luogo dove poter esprimere il proprio servizio nel segno della solidarietà. A beneficiare di questo servizio sono i bambini che affollano la missione nei suoi diversi villaggi. L esperienza di comunione che si vive per quasi un mese tra i diversi gruppi e nelle diverse realtà, rappresenta una carica umana e spirituale che segna l esistenza di ognuno. All insegna della solidarietà e del servizio ci prepariamo ad accogliere i vari gruppi che animeranno la vita dei ragazzi di questa estate 2010, come: il gruppo Scout di Cernusco che presterà il suo servizio a favore dei bambini di Gallatë; il gruppo dei giovani dell Istituto Zaccaria di Milano; parte del gruppo del Movimento Giovanile Zaccariano di San Felice a Cancello (CE); la nostra fedele famiglia della Parrocchia di Eupilio (CO); altri volontari di Bergamo e Napoli. Tutti animeranno le giornate dei bambini dei villaggi di Milot, Fushë-Milot e Ferrë Shkopet. E allora buona estate a tutti all insegna della SOLIDARIETA. Luglio 2010 Anno I numero 2

2 Pagina 2 Anno I numero 2 L istruzione alla base dello sviluppo socio-economico Un momento di lezione presso il Centro Agorà Emanuel Per comprendere i bisogni socio-educativi di un territorio e operare interventi mirati è necessario partire da un analisi corale di tutti i settori che condizionano lo sviluppo socio-economico di un paese. Tali settori, strettamente correlati tra loro, possono essere suddivisi in macro categorie quali: area socio-educativa, area socio-sanitaria, area ambiente-sviluppo rurale, area migrazione. Se manca un adeguata istruzione-formazione, vengono meno anche le basi allo sviluppo degli altri settori, e viceversa. Attraverso un indagine effettuata nel 2007 dalle principali ONG e organizzazioni non profit presenti nell Albania del Nord, è possibile ricostruire brevemente la situazione socio-educativa in cui versano le comunità rurali per le quali operano anche i padri Barnabiti presenti a Milot. Secondo il documento al quale ci riferiamo (Il Nord Albania Contesto socio-economico e proposte di intervento, scaricabile dal sito la situazione socioeducativa (nonostante il tentativo da parte dello Stato di modernizzare la scuola e renderla capace di garantire una formazione in linea con gli standard europei, per favorire l inserimento lavorativo) è particolarmente critica: l istruzione rimane caratterizzata da una bassa qualità, per carenze infrastrutturali (edifici scolastici non a norma, dove mancano luce, riscaldamento ed adeguate condizioni igieniche), per la mancanza di attrezzature e libri di testo, per la scarsa qualificazione degli insegnanti e l utilizzo di programmi poveri ed inadeguati alle mutate esigenze del mercato del lavoro e di una società in continua evoluzione. Il problema principale risiede nell abbandono scolastico, provocato da diverse cause. Oltre a quelle già citate, un altro problema risiede nel ruolo che hanno i giovani all interno delle famiglie. In molti casi, infatti, sono proprio loro a dover abbandonare la scuola per aiutare le famiglie a sostenersi economicamente. Altissimo è quindi il tasso di lavoro minorile, soprattutto nei campi. Tale fenomeno riguarda anche le esclusioni di genere (le donne spesso vengono relegate ai ruoli tradizionali e quindi escluse dall istruzione) e di razza (intere popolazioni di Rom e Magyup non hanno accesso alla scuola). Inoltre nelle zone rurali la mancanza di strade asfaltate durante i rigidi inverni, non permette ai giovani di raggiungere gli edifici scolastici, dislocati generalmente nei centri più grandi. Sebbene la nuova riforma scolastica preveda due cicli di formazione: scuola novenale e il ginnasio (quest ultimo della durata di 3 anni), è molto frequente il caso dell unificazione delle classi, per cui non vi è una formazione graduale, ma spesso un livellamento dell istruzione che non considera la differenza d età degli alunni. Persistono ancora le scuole per corrispondenza, che però non garantiscono un adeguata formazione. Infine, è stato riscontrato il fenomeno dell abbandono scolastico nascosto che, come si legge nel documento sopra citato, è dovuto alla presenza di bambini che, pur avendo concluso la scuola dell obbligo, non sanno né leggere né scrivere (nell anno , sono stati inoltre rilevati casi di bambini con forti difficoltà di apprendimento oppure con problematiche come la dislessia, il 94,3% dei quali proviene da zone rurali). Sono questi e molti altri i disagi che i padri e le

3 Agorà 2010 Pagina 3 suore missionarie cercano di affrontare ogni giorno. E proprio per aiutare questo popolo, e i giovani in modo particolare, hanno proposto il progetto delle borse di studio. Sono piccoli passi, che grazie alla collaborazione di ciascuno di noi, possono davvero fare la differenza. p. Giovanni Giovenzana Ti istruisco io Adotta una Borsa di Studio Il sostegno a distanza è una forma di solidarietà, un modo per essere accanto a chi ha bisogno, attraverso specifici progetti, sostenendolo nelle necessità individuate dagli esperti che lavorano quotidianamente in queste realtà in difficoltà. A Milot e nelle cittadine dove da anni lavorano i padri Barnabiti, gli esperti sono gli stessi sacerdoti e suore che quotidianamente si adoperano per la popolazione balcanica. Così nasce il nuovo progetto che vede come obiettivo principale l istituzione di borse di studio destinate ai giovani volenterosi appartenenti alla parrocchia di San Nicola in Milot. Ma di cosa si tratta? Le borse di studio sono una forma di sostegno a distanza, ovvero di intervento mirato per permettere ai giovani di proseguire nei loro studi scolastici. Nello specifico si tratta di destinare risorse economiche a favore di Una fase dei giochi a squadre durante il Kampi Veror studenti, individuati dagli stessi missionari, per aiutarli ad affrontare economi-camente la formazione scolastica ed universitaria. Nelle zone più povere dell Albania, infatti, uno dei principali problemi è proprio l istruzione, che diventa inaccessibile ai più, essendo in molti casi a pagamento. Inoltre, le scuole secondarie e l università si trovano nei centri più grandi - come Tirana e Scutari - e la maggior parte dei giovani, sono impossibilitati a frequentare questi corsi, non disponendo di risorse economiche tali da garantirsi vitto, alloggio e soprattutto l acquisto di libri e materiale scolastico. Allo stesso tempo, risulta prioritario l intervento da parte delle realtà missionarie e organizzazioni non profit presenti sul territorio, a favore dell educazione alla cultura e all istruzione, essendo queste le basi su cui si fonda il progresso e lo sviluppo economico e sociale di ogni popolo.

4 Pagina 4 Anno I numero 2 Sono di fatto i giovani il futuro di ogni paese, ma sono gli stessi ad essere maggiormente colpiti dalle situazioni di bisogno economico in cui ancora versano, soprattutto nelle zone rurali, prive in molti casi, oltre che di strutture scolastiche adeguate, anche di energia elettrica, di un sistema di condutture idriche atte a soddisfare il fabbisogno delle persone e di servizi igienico-sanitari idonei. Per una missione, scegliere di soccorrere la popolazione in difficoltà, è una vera e propria sfida, in quanto spesso si può contare esclusivamente sull aiuto di chi conosce almeno un po questo piccolo spaccato albanese. Ma senza indugio, i missionari hanno abbracciato questa nuova sfida, consapevoli soprattutto della generosità di chi si sente comunque solidale con il fratello più bisognoso, dovunque esso si trovi: avevo fame e mi avete dato da mangiare. Garantire un adeguata istruzione significa, infatti, alimentare una speranza, ovvero poter rendere i giovani, una volta di più, artefici del proprio destino. Per questo si è deciso di istituire delle borse di studio e di rendere concreto un intervento a sostegno dei giovani studenti, dando voce a chi da sempre lotta al loro fianco. Due bambine in chiesa, di cui una in costume tradizionale Gaia Terzani COME SOSTENERE UNA BORSA DI STUDIO Finanziare una borsa di studio è un modo facile e concreto per aiutare la missione dei Padri Barnabiti e in modo particolare i giovani beneficiari. L obiettivo è di sostenere i giovani più bisognosi, garantendogli un adeguata formazione scolastica. Ogni borsa di studio ha un valore di annuali e comprende: vitto, alloggio e istruzione in strutture religiose collegiali e/o università statali, acquisto dei libri e del materiale scolastico necessario. Le borse di studio vengono gestite dai Padri missionari, che provvedono ad individuare i giovani beneficiari e a seguire il loro percorso di formazione durante l anno. I beneficiari sono scelti in base alla situazione economica e alla volontà di fare un percorso di formazione scolastico e/o universitario. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il padre referente all indirizzo di posta elettronica

5 Agorà 2010 Pagina 5 Il gruppo adolescenti CRESCE La fede è certamente un dono e un bene personale, che però va vissuto in modo comunitario, nell incontro e nel confronto con gli altri: nella partecipazione, nella comunione e nella condivisione. E nell esperienza di gruppo che la nostra fede si confronta e si arricchisce. La fede, quindi, diventa sempre più autentica nel rapporto con l altro: l Altro che è l oggetto e il fondamento della fede e l altro con il quale io la condivido nella quotidianità della vita. Per un cristiano la partecipazione e l appartenenza ad un gruppo ecclesiale non solo è una scelta naturale o di convenienza, bensì una scelta essenziale in quanto uomo-credente, inserito mediante il battesimo in Cristo e perciò membro della Chiesa. Certi di questi principi e analizzando la realtà in cui svolgiamo la nostra azione pastorale, abbiamo formato un gruppo parrocchiale dove i ragazzi potessero fare una sana esperienza di amicizia, di fede, di acquisizione di valori in vista della loro crescita umana e spirituale. Così è nato il GRUPPO EMANUELE (nome scelto da loro) nella nostra parrocchia di Milot. Abbiamo incominciato senza molte pretese e, ad essere sinceri, anche dubitando della loro perseveranza. Però oggi, passati più di 2 anni, il gruppo è addirittura cresciuto. All inizio era costituito di soli ragazzi (non per scelta, ma per una certa mentalità locale), ma ultimamente si sono aggiunte alcune ragazze e il gruppo è stato diviso in due: dai 12 ai 15 e dai 16 in su. Si incontrano una volta alla settimana, indipendentemente dalla catechesi ordinaria a cui anche partecipano. In questi incontri, partendo dalla Parola di Dio, si parla della vita, dei problemi, delle sfide e degli ideali; naturalmente anche si gioca, si scherza e si fa amicizia. Il logo del Centro Agorà I frutti? Guardando con occhi umani forse ci si potrebbe deludere, ma guardando con gli occhi della fede c è pure motivo di rallegrarsi. Il semplice fatto che perseverano è già un motivo. Forse non è ancora arrivato l autunno Possiamo piuttosto intravedere qualche segno di primavera e basta questo per incoraggiarci. Dobbiamo essere consapevoli del nostro ruolo di seminatori del Regno, dove la logica non è quella umana. A ciascuno di noi tocca seminare in abbondanza, poi c è chi fa crescer e chi raccoglie nel tempo dovuto e questo tempo è quello di Dio. Nel campo del Signore l importante è lavorare con umiltà, pazienza e perseveranza. Facendo del nostro meglio come se tutto dipendesse da noi, sapendo però che tutto dipende da Lui. Parlando, però, di frutti, non bisogna dimenticare che il Signore ha già raccolto nel granaio del cielo la primizia del Gruppo: il nostro compagno, amico e fratello Emanuel, che certamente intercede per noi. p. Luiz Padre Luis con alcuni ragazzi in uno degli incontri programmati

6 Pagina 6 Anno I numero 2 Avvento missionario dei giovani di San Felice a Cancello Nei giorni 28 e 29 novembre 2009, in occasione dell inizio dell Avvento, i giovani della Parrocchia San Giovanni Evangelista dei PP. Barnabiti in San Felice a Cancello, sono stati i protagonisti dell Avvento missionario, organizzando una raccolta fondi per la Parrocchia di San Nicola sita in Milot, fondata dai padri della medesima congregazione. La due-giorni, è stata articolata in questo modo: una vendita di oggetti natalizi e una presentazione animata della storia della Missione. Gli oggetti tipicamente natalizi, quali palline decorative e piattini creati mediante la tecnica del decoupage, sono stati realizzati dai ragazzi della parrocchia, i quali si sono occupati anche della vendita dei prodotti e dell allestimento dello stand. Altri piccoli doni, inoltre, sono stati offerti dalle persone della nostra comunità. Alla S. Messa di domenica sera è seguita una presentazione di foto animata dal parroco P. Giovanni M. Nitti e da alcuni giovani e meno giovani. P. Giovanni ha presentato, ai fedeli presenti, la missione dalla sua nascita ai giorni d oggi e la sua esperienza come sacerdote missionario dalla fine del regime dittatoriale comunista fin quando, per motivi di salute, ha dovuto lasciare la Parrocchia di S. In queste due foto i padri con i chierichetti più fedeli Nicola per ritornare a svolgere il suo ministero in Italia. In seguito sono intervenuti anche due giovani e due signore che hanno testimoniato tutta la gioia che hanno provato nel recarsi a Milot,in occasione del campo estivo parrocchiale con i bambini. Una gioia scaturita da tutto ciò che ricevono dal punto di vista umano, cristiano e affettivo pur restando lì pochi giorni. Questo momento di festa è stato per tutti noi una grandissima occasione per far conoscere in modo approfondito una realtà diversa dalla nostra. Una comunità che è un po l espressione dell Albania che sta crescendo. Inoltre è stato anche il momento di accrescere quello spirito di comunione che unisce già le due parrocchie da vari anni. I giovani della Parrocchia di San Giovanni Evangelista San Felice a Cancello

7 Agorà 2010 Pagina 7 Una Route a Gallatë l esperienza estiva degli Scout Ragazze scout chiamate Scolte con due bambini di Gallatë Se all'inizio dello scorso anno scout m'avessero detto che il nostro Clan avrebbe fatto ciò che in effetti ha fatto, non ci avrei creduto più di tanto: questo prova quanto a volte la realtà è di gran lunga più sorprendente dell'immaginazione e, in generale, dei preconcetti vari.. Il 3 agosto 2009, il Clan/Fuoco La Rocchetta s'è accinto a partire da Milano verso una nuova e appassionante destinazione: Orio al Serio. Ma da lì abbiamo preso l'aereo di una tanto superlativa quanto ultra low cost compagnia aerea albanese e in capo a un paio d'ore siamo atterrati nell'aeroporto Madre Teresa di Tirana. Lì ad attenderci c'era Padre Giovanni, ossia il nostro contatto laggiù, ma soprattutto l'ideatore di questa sorta di progetto che andava avanti da qualche anno. Egli ci ha accompagnato all'oratorio dei PP. Barnabiti di Milot, il comune in cui si trovava il paese dove saremmo andati a rendere il nostro servizio, Gallatë (pronuncia: Galàt). Lì abbiamo passato la notte, e il giorno dopo ci siamo avventurati con un pulmino originario di Lugano lungo le strade battute e polverose che da Milot portano a Gallatë, tra le montagne. Arrivati, ci si è presentata dinanzi una scena che non potrei definire in altro modo se non urca. Fondamentalmente, Gallatë consiste in una stradina terrosa lungo la quale sorgono o vecchie casettine totalmente diroccate o nuove case costruite personalmente dagli abitanti. Lungo la strada (dove passeggiano tranquillamente asini, mucche, pecore, polli e anche un paio di cavalli) c'è un fiumiciattolo che divide in due l'abitato e che funge sia da luogo per fare il bagno sia da luogo dove mettere a bagno i rifiuti. Tutt'intorno alle case, ma anche più in là, un numero infinito di campi. Il luogo dove avremmo dovuto stare noi era all'inizio del paese, dove sorgeva una chiesetta dedicata a, manco a dirlo, Madre Teresa. Avevamo fatto in tempo a scendere e a togliere gli zaini e il cibo dal pulmino che già un piccolo gruppetto di bambini/ragazzi con un'età oscillante tra i due e i diciotto anni era lì che aspettava che noi facessimo qualcosa. Dopo una qualche timida esitazione, causata anche dal non trascurabile fatto che noi non sapevamo nessuna parola di Albanese e loro ne conoscevano pochissime di italiano, l'atmosfera s'è presto trasformata in una molto più cordiale. E mano a mano che il tempo passava, accorrevano da noi sempre più bambini e ragazzi, curiosi di vedere come eravamo e cosa avremmo fatto. A partire da quel giorno tutte le nostre energie le abbiamo spese per loro e per la buona riuscita del nostro servizio. In quei sette Se all'inizio dello scorso anno scout m'avessero detto che il nostro Clan avrebbe fatto ciò che in effetti ha fatto, non ci avrei creduto più di tanto: questo prova quanto a volte la realtà è di gran lunga più sorprendente dell'immaginazione...

8 Pagina 8 Anno I numero 2 giorni a Gallatë il nostro tempo è stato scandito dalle ore passate con loro, dalla Liturgia delle Ore e dai pasti (che facevamo per conto nostro). Con loro abbiamo fatto qualsiasi gioco da campo Attività durante il campo a Gallatë concepibile: da palla prigioniera a calcio, dai disegni a ogni sorta di staffetta, dalla violentissima versione albanese di Schiacciasette (nella quale chi sbaglia i passaggi si siede in mezzo al cerchio e si becca le pallonate da tutti gli altri) al gioco di carte di Uno (che ha spopolato), da Bandiera al gioco in cui si deve prendere una mela che galleggia in una tinozza d'acqua. Né sono mancate visite a una chiesetta in cima a una collina (dove sorgono le rovine della più antica scuola albanese), alla scuola, al bar e anche alle case di alcuni gentilissimi abitanti che ci hanno invitato a prendere un caffè da loro. Ecco, si può dire molto degli Albanesi, ma non che siano scortesi: tutte le persone del villaggio ci hanno accolto e trattato con una gentilezza, una cortesia e una disponibilità commovente, considerando le terribili condizioni di vita in cui versano. E ciò vale sia per i bambini e i ragazzi (forse l'unica pecca è che non hanno molto chiaro il concetto di non si bara quando si gioca, ma ciò li accomuna a grandi calciatori italiani) sia per gli adulti, che a mezzogiorno e la sera venivano da noi e si mettevano a discorrere con noi (o in italiano o grazie al fondamentale apporto dei nostri tre interpreti ufficiali, Leo, Rrei e Alban e a quello ufficioso, Dionis), oppure prendevano e partecipavano alle appassionanti partite di pallavolo che immancabilmente concludevano le giornate. Pallavolo in versione albanese, s'intende. E tutti inoltre ci hanno prestato aiuto e sostegno anche qualora ci siano capitate delle situazioni un poco sgradevoli, e di ciò li ringrazio infinitamente, e ancora, e ancora.. Insomma, benché pieni e densi (o forse proprio per questo), i sette giorni sono volati via. L'ultima sera che siamo stati lì a Gallatë (lunedì 10 agosto), un po' per salutare e un po' anche per ringraziare della straordinaria ospitalità, abbiamo organizzato una fantasmagorica festa d'addio, in cui abbiamo mangiato e ballato come dei matti. Il giorno dopo, mentre col cuore pieno di tristezza ci preparavamo a lasciare il villaggio, ancora diversi ragazzi sono venuti a salutarci (soprattutto a salutare le scolte, bisogna dire). Quel giorno siamo scesi di nuovo a Milot dai Barnabiti, mentre l'indomani abbiamo fatto una capatina nella città storica di Kruja e a Tirana, salvo poi prendere l'aereo e tornare a Orio, e di lì a Milano. Ora, non so bene se questa esperienza sia paragonabile a tutte le grandi routes che il Clan ha compiuto negli anni scorsi e di cui sento ancora parlare, né se le nostre motivazioni per farla siano tanto valide: so però che ci siamo prefissati un obiettivo e che, seppur non in modo lineare e costante, lo abbiamo raggiunto e forse superato; so che la gente che abbiamo incontrato e conosciuto rappresenta per me e per gli altri del Clan qualcosa di importante; so che tutto quello che ho fatto e visto là vorrei ripeterlo molte altre volte ancora; so che all'inizio dell'anno non mi sarei mai aspettato che l'anno trovasse una conclusione così incredibile. Spero di essere riuscito a dire e raccontare in modo esauriente quello che quest'esperienza ha rappresentato per me, anche se ovviamente per capirla appieno bisognerebbe viverla. Finita lì? Speriamo di no! Attività con i più piccoli Clan/Fuoco La Rocchetta

9 Agorà 2010 Pagina 9 Assemblea generale dell UCESM P. Giovanni a Cestokova Dal 8 al 14 febbraio, P. Giovanni Peragine, in qualità di Presidente della Conferenza dei Superiori e delle superiore Maggiori dell Albania ha partecipato alla 12^ Assemblea dell UCESM (Unione delle conferenze dei superiori maggiori d Europa). Nel contesto di questa assemblea, il cui tema è stato: I Religiosi in Europa: storie di speranze e speranza per la storia, significativa è stata la visita al campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz. Al termine della toccante visita è stata celebrata la Santa Messa, animata in quella occasione proprio dalla Conferenza dei religiosi albanese. Obiettivi del UCESM Animare la vita religiosa in un Europa in divenire Sostenere la riflessione e proporre un azione Favorire le relazioni, la conoscenza reciproca, la comunione, la solidarietà, la riflessione, l azione tra le Conferenze Nazionali Tessere delle relazioni internazionali: con le Conferenze degli Istituti religiosi di altri continenti, le Conferenze dei e delle Superiori/e Generali

10 Pagina 10 Anno I numero 2 La besa albanese nella giornata della memoria ebraica L Albania fu l unico paese europeo durante gli anni che diede ospitalità e protezione ai profughi ebraici fuggiti dalla persecuzione nazi-fascista, mentre nel resto dell Europa si diffondevano e si applicavano le leggi razziali e le pulizie etniche. Il fatto è poco noto perchè il regime stalinista comunista di Enver Hoxha, nei quasi 50 anni di dittatura successivi alla II Guerra Mondiale, ha tenuto nascosti questi e molti altri documenti, riapparsi poi nel 1990: a una delegazione americana recatasi in Albania sono stati mostrati gli archivi degli anni di dittatura di Hoxha. Ora anche l'albania è stata aggiunta all'elenco dei 'Giusti tra le Nazioni', cioè quelle persone o enti che hanno salvato ebrei dall'olocausto. Anzi l'albania ha un primato eccezionale: è l'unico paese che può vantare di aver salvato tutti gli ebrei presenti nel suo territorio. Prima della II Guerra Mondiale gli albanesi in Albania erano circa 200; alla fine della guerra erano oltre Presenze ebree nel territorio albanese sono testimoniate fin dai tempi dei romani. Ma perchè poterono salvarsi tutti gli ebrei in Albania? Per l'isolamento di cui godeva questo paese in un contesto europeo invece fortemente influenzato dall'ideologia fascista e nazista; ma soprattutto grazie alla cultura albanese - basata su un codice morale detto Kanun e in particolare su una sua parte detta Besa - che ritiene un dovere inderogabile difendere la vita umana di chiunque, anche a costo della propria incolumità. Il Kanun, che per vari aspetti determina ancora la cultura albanese, prescrive una serie di regole di comportamento che, durante le successive invasioni straniere in Albania, hanno rappresentato l'identità stessa del popolo albanese. Essere albanese significava, prima ancora che abitare nel territorio albanese o obbedire al potere politico di quel territorio, rispettare il codice Kanun. Nel corso della storia questo codice si è a volte contrapposto al potere che comandava in Albania. E nei casi di conflitto tra potere politico ufficiale e regole proposte dal Kanun, quest'ultimo veniva prima del rispetto di altre forme di potere. Il codice Kanun ha anche aspetti ormai inaccettabili, come il delitto per onore o il dovere di vendicare anche con l'omicidio i t o r t i s u b i t i. Ma un aspetto positivo e straordinario di questo codice è quello che ha portato alla salvezza di tutti gli ebrei che si sono rifugiati in Albania per salvarsi dall'olocausto: il codice prevede l'obbligo di difendere la vita umana minacciata, chiunque sia in pericolo, albanese o straniero. Anzi il codice Kanun non riconosce la parola 'straniero': Esistono gli 'ospiti' ma non gli 'stranieri'. Durante la II Guerra Mondiale gli albanesi hanno nascosto gli ebrei nel loro territorio, sia per iniziativa privata, sia per scelta

11 Agorà 2010 Pagina 11 delle autorità che si sono rifiutate di consegnare agli italiani fascisti arrivati in Albania nel 1939, e ai tedeschi nazisti arrivati poi nel 1943, le liste con i nomi degli ebrei presenti nel territorio. Il pericolo di ritorsioni, specie durante l'occupazione nazista, era molto alto, ovviamente, ma i cittadini e le autorità albanesi difesero gli ebrei totalmente, nascondendoli nelle case, procurando loro documenti falsi, travestendoli da contadini albanesi, spostandoli da un luogo all'altro per sfuggire alla morte. Se si pensa che al di fuori dell'albania, su circa ebrei in pericolo solo il 10% hanno potuto sopravvivere all'olocausto, la straordinaria importanza dell'albania negli anni dell'olocausto risulta ancora più evidente. Anche gli albanesi del Kosovo, del Montenegro e della Macedonia hanno contribuito alla salvezza di molti ebrei aiutandoli a rifugiarsi in Albania che era, appunto, durante la II Guerra Mondiale, il luogo più sicuro in Europa. p. Giovanni Peragine Diventa anche tu amico della nostra missione! Attraverso la tua preghiera, la tua collaborazione la tua partecipazione: adotta un bambino sostieni una borsa di studio per uno studente adotta un progetto della missione C/C POSTALE N PROV. NAPOLETANA CHIERICI REG. BARNABITI MISSIONE ALBANIA PER INFORMAZIONI:

12 Campo Estivo 2010 Parti con me

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Progetto di Zona 2012-2014

Progetto di Zona 2012-2014 Agesci Zona Udine Progetto di Zona 2012-2014 tempo (kronos o il tempo che scorre) Entusiasmo e leggerezza Responsabilità limite (kairos o il tempo giusto per) L insostenibile leggerezza dell essere Capi

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli