IL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA l interrrogazione posta all ordine del giorno presentata dal Gruppo Consiliare Lista per Santa Lucia in merito alla reale situazione della partecipazione comunale nella Società Asco Holding Spa; DATO ATTO che sull argomento non si rende necessario acquisire il parere dei Responsabili dei Servizi in quanto trattasi di atto a contenuto meramente politico, che non comporta aspetti tecnicogestionali; SENTITO l intervento del Sindaco che, dopo aver introdotto l argomento, constata la presenza in Sala del Presidente del Consiglio di Amministrazione di Asco Holding e Ascopiave, Dott. Salton, e del Direttore Finanziario, Dott. Gumirato, li invita a prendere posto presso i banchi consiliari per poter relazionare dettagliatamente in merito all interrogazione in oggetto; VISTO il T.U. delle leggi sull ordinamento degli enti Locali, approvato con D. Lgs n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; VISTO il vigente Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale; PRENDE ATTO Delle ampie ed approfondite relazioni sull argomento oggetto dell interrogazione e del successivo dibattito che evidenzia le posizioni dei vari Gruppi Consiliari, il cui testo integrale viene riportato in allegato.

2 DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL AD OGGETTO: RISPOSTA AD INTERROGAZIONE DEL GRUPPO CONSILIARE LISTA PER SANTA LUCIA SULLA REALE SITUAZIONE DELLA PARTECIPAZIONE COMUNALE NELLA SOCIETÀ ASCO HOLDING S.P.A. TESTO DELLA RELAZIONE E DELLA DISCUSSIONE RELAZIONE: IL SINDACO: Su questa voce c è la risposta diciamo all interrogazione. La parola va al Capogruppo della Lista per Santa Lucia, dottor Szumski, non prima però anche di avere invitato, mi pare siano presenti, magari chiedo al dottor Pucci se mi può gentilmente chiamare gli ospiti che abbiamo. Abbiamo con noi il dottor Salton Presidente dell Asco e il dottor Gumirato direttore dell Asco Piave, che sono con noi questa sera. Ringraziamo i presenti, appunto il Presidente e il Direttore che sono qua gentilmente questa sera per dare DISCUSSIONE: Il Capogruppo della Lista Progetto Santa Lucia, Arturo BERNARDI: Vorrei fare una mozione d ordine. La mozione d ordine è per conoscere ed avere dei chiarimenti, perché noi abbiamo.., intanto salutiamo il Presidente dell Asco Piave, non pensavamo che ci fosse la presenza del massimo vertice, ma abbiamo un interpellanza che chiede: I sottoscritti Consiglieri Comunali chiedono la convocazione dell apposito Consiglio Comunale con la presenza dei vertici di Asco Piave al fine di illustrare la reale situazione della partecipazione comunale alla compagine, e respingere le insinuazioni di gioco in Borsa da parte dell Amministrazione di Santa Lucia. Quindi parliamo di Asco Piave, questa è l interpellanza che abbiamo noi. Per sola chiarezza noi non abbiamo mai parlato di Asco Piave, ci pare tra l altro che il Comune non sia socio di Asco Piave ma sia socio di Asco Holding. All ordine del giorno, invece, troviamo un interrogazione che parla dell Asco Holding. Siccome la Asco Piave è una compartecipata della Asco Holding, che oltre all Asco Piave ha partecipazioni in Asco Trade, in Global Energy, nelle Cime Servizi, nella Coge Calore, nell Extra Energia, nell Italgas, nell Asco TLC, nella Seven Center, nella Bim Piave Nuove Energie, vogliamo capire di che cosa stiamo parlando. Prima domanda. Seconda: l interpellanza intende seguire il regolamento del Consiglio Comunale per il quale l interpellante fa l interpellanza, l interpellato risponde esso o chi per esso, e l interpellante si dichiara o meno soddisfatto? O è ammesso il dibattito su questa interpellanza? Queste sono le due cose che vorremmo fossero chiarite prima di entrare nel merito dell ordine del giorno perché ci pare che le due cose non siano la stessa roba. Il SINDACO: C è una richiesta da parte del Capogruppo della maggioranza relativamente, immagino, anche a indiscrezioni che sono uscite sui giornali di matrice politica in paese, dove si parla di una possibilità che il Comune giochi in Borsa, e quindi perda in Borsa. E, quindi, il Capogruppo ha inteso promuovere questa iniziativa affinché vi sia un chiarimento anche alla

3 cittadinanza per far luce su come funziona diciamo Asco, l Asco Holding alla quale noi facciamo parte, per dare appunto chiarezza su come avvengono le distribuzioni delle quote, su quale è la storia, appunto, di questo ente, di questo Consorzio. È previsto, per quanto mi riguarda, la possibilità che, una volta che il Capogruppo avrà espresso il suo intervento e che ovviamente il Presidente - o il Direttore - qualora lo ritenga opportuno, avranno chiarito questa richiesta, questa interrogazione a favore di tutto il Consiglio Comunale, ovviamente anche l intervento del Consiglio Comunale attraverso i Consiglieri. Il CONS. BERNARDI: Debbo fare appello al Segretario Comunale per chiedere se è regolare che un interpellanza parli di una società e poi la risposta parli di un altra società, perché sono società diverse. Anche se fanno parte dello stesso gruppo chi fa una interpellanza per conoscere la situazione dell Asco Piave, fa un interpellanza sulla quale il Comune di Santa Lucia non ha nessuna azione. Le azioni del Comune di Santa Lucia sono della Asco Holding, e non dell Asco Piave. Se è così, secondo me, non è possibile fare il dibattito sull Asco Piave se ci riferiamo all Asco Holding. Se ci riferiamo all Asco Holding occorre rifare un interpellanza che parli di Asco Holding. Dato che il Presidente del Consiglio ha poi affermato che nella stampa di partito, cosiddetta, è stampa signor Sindaco, è stampa a tutti gli effetti, stampa corretta politica, onorevole, non è un giornaletto da passeggio. In quel giornale nessuno di noi usa il termine gioco in Borsa. Noi scriviamo a caratteri cubatali che il Comune perde in Borsa. E se è vero, come è vero che il Comune detiene un pacchetto di numero 3 milioni e rotti di azioni, e queste azioni hanno una valutazione che nel tempo si è manifestata ridotta, almeno fino a ieri questo purtroppo è continuato, non si tratta di gioco in Borsa, si tratta di una constatazione. Il pacchetto azionario, che il Comune detiene, è un pacchetto che sta perdendo valore. Quindi, scrivere sul giornale che il Comune perde sulle azioni è dire nient altro che la verità. IL SINDACO: Segretario, se voleva intervenire. IL SEGRETARIO: ad esprimermi in termini puramente tecnici perché questa è un interpellanza, quindi ha natura politica, dunque sta a voi interpretare, soprattutto c è il Capogruppo della maggioranza che l ha formulata, quindi sta a lui a dire il senso del dibattito che intendeva promuovere questa sera in Consiglio. Il SINDACO: Prego, Assessore. L ASSESSORE RICCARDO SZUMSKI: Allora la richiesta deriva ovviamente da interventi fatti in questa sede consiliare, da interventi, articoli apparsi sulla stampa locale che riguardano la situazione, il rapporto dell Amministrazione Comunale di Santa Lucia rispetto alle partecipazioni che detiene in Asco Holding e, di conseguenza, perché Asco Holding non è quotata in Borsa, della quotata in Borsa Asco Piave. Questo per delineare esattamente com è lo stato dell arte delle partecipazioni, dei giochi, delle strategie, delle possibilità, della storia con cui si è arrivati a questa situazione e, ovviamente, per poi determinare che le posizioni che l Amministrazione ha sempre ritenuto, assieme a tutti gli altri Comuni che storicamente compongono l originariamente Bim e successivamente sono confluite in Asco Holding e detengono il controllo di Asco Piave, di avere un accordo di non vendere, se non simultaneamente, eventualmente le proprie azioni. Cioè di seguire una strategia che tutelasse le Amministrazioni Comunali e il territorio in questo campo. Una strategia che è ancora in essere, che è quella di sviluppo e di aggregazione nell ambito del nordest. Quindi, in questo senso va letta la nostra richiesta. Qui vedo i vertici di Asco Piave e i vertici di Asco Holding, che sono le medesime persone; quindi credo che ci siano tutti gli elementi per poter discutere, se si vuole fare una discussione a chiarezza. Il Sindaco ha già detto che, al termine dell intervento, è possibile che ognuno esprima le proprie posizioni, mi pare che se si vuole aprire un confronto a 360 gradi con tutti i protagonisti presenti e ognuno poi esprima le proprie

4 considerazioni e i propri punti di vista credo che questo sia il luogo più adatto. IL SINDACO: Grazie. Allora io direi di chiamare il dottor Salton. Il Cons. BERNARDI: Devo fare una dichiarazione a verbale. IL SINDACO: Sì. Il CONS. BERNARDI: Poiché l interpellanza è rivolta a conoscere l attività dell Asco Piave, ritengo illegittimo intrattenere il Consiglio su una società che non c entra con l interpellanza. Ciononostante siamo ben lieti di poter partecipare al dibattito su tutto questo ensemble, definiamolo così, che abbiamo appena descritto prima, perché non è nostra intenzione sottrarci a nessun dibattito consiliare. Ma denota, questa incongruenza, caso mai un attenzione poco opportuna o adeguata perché c è una incongruenza. Si parla da una parte di una società e si risponde per un altra. Comunque ben venga il dibattito. Il SINDACO: Prego, proceda. Il DOTT. SALTON: Giusto per approfittare dell occasione anche per spiegare un po l attività del gruppo Asco Piave che comprende la Holding detenuta da 93 Comuni, e poi tutte le altre società a cascata per filiera, filiera del gas, quindi l Asco Piave è quotata, l Asco Trade è una società di vendita di Asco Piave, e poi le altre società che citava prima anche il Consigliere, Seven Center, Global Energy, ecc. dopo ve ne parlerò. Comunque il modo, penso cruciale, sia la domanda che ci facciamo tutti, dopo al di là delle questioni interpretative sul contenuto dell interrogazione Asco Holding o Asco Piave, ma però giusto anche per chiarire, è un opportunità, insomma, per chiarire anche qual è il motivo per cui i Comuni possono partecipare a questa società in generale. Noi ci siamo preparati una nota, di modo che rimanga poi anche a beneficio di tutto il Consiglio, ma anche di chi vorrà poi prenderne visione, di come è nata e come ha ragione d essere Asco Holding. Vi ringrazio ovviamente, ringrazio il Sindaco e tutti i Consiglieri per avermi dato l opportunità di intervenire a questa riunione e, appunto, di potere esprimere alcune considerazioni in merito alla proposta di deliberazione relativa alla vendita da parte del Comune delle azioni detenute. Ecco, qui c è la diatriba: il Comune detiene le azioni di Asco Holding e non dell Asco Piave quotata. Ma dopo vi spieghiamo anche perché si è arrivati a questa struttura, Asco Holding e la quotata invece sotto. In particolare comunque intendo portare alla vostra attenzione alcune questioni sia di carattere giuridico, legate alla prospettata applicazione delle norme recentemente introdotte dalla legge Finanziaria 2008, in tema di partecipazione degli enti locali in società di capitali, sia di natura più strettamente economica legate alla natura dell investimento del Comune in Asco Holding. Comincio dalle considerazioni di natura giuridica. Allora, l art. 3, comma 27 della legge Finanziaria 2008, prevede un divieto per i Comuni di costituire società aventi per oggetto attività di produzione di beni e servizi non strettamente necessari per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali, né assumere o mantenere direttamente o indirettamente partecipazioni anche di minoranza in tali società. Proseguendo nella lettura della norma lo stesso legislatore precisa che è sempre ammessa la costituzione di società che producono servizi di interesse generale e l assunzione di partecipazioni in tali società da parte delle Amministrazioni. La stessa relazione ministeriale, disegno della legge Finanziaria, sottolinea come la creazione di società ed enti per lo svolgimento di compiti di rilevanza pubblica è e rimane uno strumento utilissimo per perseguire maggiore efficienza a vantaggio della collettività. Lo scopo della norma introdotta dalla Finanziaria è, dunque, vietare forme di abuso tese a sottrarre, attraverso la costituzione di società di capitali, l azione amministrativa svolta dai Comuni dal rispetto

5 delle regole di trasparenza anche contabile, e i vincoli di spesa applicabili alle pubbliche amministrazioni. Viceversa, la stessa norma riconosce che, vi è un ambito in cui le società dei capitali a partecipazione pubblica rappresentano lo strumento più idoneo per lo svolgimento di attività rilevanti per la collettività, ovvero quello della produzione di servizi di interesse generale. Cosa sono i servizi di interesse generale? Cosa sia un servizio di interesse generale emerge dalla prassi e dalla normativa della Comunità Europea. In particolare i servizi di interesse generale designano attività di servizio commerciali, o non, considerate di interesse generale dalle autorità pubbliche e soggette, quindi, ad obblighi specifici di servizio pubblico. Essi raggruppano le attività di servizio non economico, sistemi scolastici obbligatori, protezione sociale, ecc., nonché le funzioni inerenti alla potestà pubblica (sicurezza, giustizia, ecc.), e i servizi di interesse economico generale (energia e comunicazioni). Tra i servizi di interesse generale rientra quindi il sottoinsieme dei servizi di interesse economico generale previsti dal trattato istitutivo della Comunità Europea che possono intendersi come servizi di interesse generale remunerati dagli utenti. Cosicché non vi è alcuna preclusione di principio, rispetto al fatto che, un servizio di interesse economico generale, sia svolto tramite una società commerciale che persegua, nel rispetto degli obblighi di servizio pubblico inerenti l attività svolta, lo scopo di lucro. Ciò detto pare fuor di dubbio che l attività svolta da Asco Piave rientri nell ambito dei servizi di interesse economico generale, dato il dettagliato regime normativo cui è sottoposta tanto l attività di distribuzione quanto l attività di vendita del gas. Si pensi solo al ruolo svolto dall autorità per l energia elettrica e gas nella determinazione delle tariffe di vendita del gas e nella fissazione del vincolo dei ricavi derivanti dall attività di distribuzione. I vincoli dei ricavi sarebbero i ricavi, in sostanza, proprio per l attività di gestione della rete. Ci sono delle norme particolari, fissate dall autorità, che limitano ovviamente i costi. Quindi, sia l attività di vendita che anche l attività di distribuzione sono normate da precise regole. Non è che uno possa inventarsi le tariffe a seconda del piacere, ecc. Peraltro, lo stesso affidamento da parte dei Comuni a una società per azioni del servizio di distribuzione del gas nasce da precisi obblighi derivanti dal cosiddetto decreto Letta, che è un decreto legislativo del 2000, il n. 164.E la scadenza degli affidamenti con conseguente obbligo di indire una gara per l affidamento del servizio è anch essa stabilita dalla legge. Non vi è dunque alcun obbligo giuridico per il Comune di cedere la partecipazione in Asco Holding e, conseguentemente, anche in Asco Piave. Del resto, se fosse vero il contrario, ciò condurrebbe all assurdo risultato che tutti i Comuni italiani dovrebbero vendere le partecipazioni possedute nelle imprese utilities, cosa priva di benché minimo senso e che il legislatore certo non ha voluto affermare. Infine, giova sottolineare come la circostanza che Asco Holding non svolga attività di direzione e coordinamento della propria controllata Asco Piave, non può avere alcun effetto sull analisi sopradescritta. Il fatto che Asco Holding non svolga attività di direzione e coordinamento infatti significa solo che, Asco Holding, non impartisce al Consiglio di amministrazione di Asco Piave direttive relativamente alla gestione della società. Ma non di meno resta in grado di determinare in assemblea le scelte più importanti quali, ad esempio, la nomina degli amministratori, la distribuzione degli utili, la partecipazione ad operazioni di fusione, e non ultimo il fatto che Asco Piave svolga, e debba continuare a svolgere, un servizio di interesse generale quale la distribuzione e vendita di gas. Vi sono, al contrario, considerazioni anche di carattere economico che, a mio avviso, rendono vantaggioso per il Comune mantenere la propria partecipazione in Asco Holding. Anzitutto Asco Holding è una società interamente partecipata da Comuni che hanno affidato il servizio di distribuzione del gas nel proprio territorio ad Asco Piave, nessuno dei quali da solo è in grado di esercitare una influenza dominante sulla società. Al contrario tutti i Comuni soci partecipano alla gestione di Asco Holding e hanno così voce in capitolo nel determinarne gli indirizzi tenendo conto dell interesse pubblico di cui sono portatori.

6 Ovviamente la forza deriva dall unione delle partecipazioni di ogni singolo Comune che, messe a fattor comune, permettono di avere la partecipazione di maggioranza. Non ha molto senso porre in vendita la quota del Comune di Santa Lucia di Piave da sola in quanto è molto probabile che non venga riconosciuto il giusto valore proprio perché si tratta di una sola quota, di una quota in minoranza. Avrebbe invece molto senso porre in vendita una quota di Asco Holding congiuntamente agli altri Comuni, oppure porre in vendita una parte di azioni di Asco Piave detenute da Asco Holding, in occasione delle prossime aggregazioni, al fine di massimizzarne l introito. Certamente Asco Piave è una società quotata che persegue, oltre agli obblighi di pubblico servizio stabiliti dalla normativa applicabile, il fine di creare valore per i propri azionisti e, quindi, ivi inclusa la controllante Asco Holding, e di remunerare il capitale da questi investito. A questo proposito nel corso dell esercizio 2007 Asco Holding ha pagato al Comune di Santa Lucia di Piave un dividendo ordinario pari a euro e uno straordinario pari a euro, nel 2006 un dividendo ordinario di euro. Nel 2008 sarà deliberato un dividendo di euro. Importi che costituiscono senz altro un entrata significativa per le casse del Comune, e derivano per la gran parte dal positivo risultato della gestione di Asco Piave nel corso di questi anni. Infine, mi si permetta una breve annotazione sull andamento del prezzo di Borsa delle azioni di Asco Piave. Dopo magari lo analizzeremo anche in dettaglio. L andamento del titolo è assolutamente analogo a quello delle altre multiutility quotate, e risente in modo significativo dell andamento del prezzo del dollaro sui mercati internazionali. Non di meno il prezzo attuale di Borsa è vicino al prezzo a cui le azioni sono state collocate in sede di quotazione e i risultati operativi del gruppo in termini di margine operativo e utili, rimangono assolutamente positivi. Analizzando l andamento borsistico delle utilities quotate negli ultimi 12 mesi notiamo come Asco Piave, non è vero che poi mal comune mezzo gaudio, attenzione, però insomma notiamo che Asco Piave abbia avuto la miglior performance e il titolo ha perso meno dopo A2A. Il CONS. BERNARDI: Periodo scusi (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: Dopo analizzeremo sia del periodo di inizio quotazione che anche del periodo dell anno. Allora meno A2A ovviamente perché è stata fatta un operazione importante, la fusione tra Milano e Brescia, quella che noi auspichiamo fare tra Asco Piave e Acegas-APS qui in Veneto. Certamente l investimento del Comune in Asco Holding non ha, né può avere finalità di tipo speculativo o di trading. Ragion per cui è scorretto considerare il calo del prezzo di Borsa delle azioni quale una diminuzione secca del valore del gruppo. Permettetemi anche, dopo chiudo e invece riprendiamo il discorso magari anche più dialettico, così capiamo meglio anche i numeri, un breve excursus storico del gruppo. All epoca dell entrata in vigore del decreto Letta, quindi erano gli inizi dell anno 2000, Asco Piave si poneva nel contesto Veneto alla pari delle altre utilities venete. Aveva più o meno lo stesso numero degli utenti di APS Padova, di Acegas Trieste, di AIM Vicenza e AGSM Verona. In realtà gestendo queste società e anche altri servizi le stesse erano molto più grandi di Asco Piave. In 7 anni Asco Piave, unica utilità veneta e forse italiana, ha più che triplicato il numero degli utenti gestiti direttamente. Attualmente sono quelli vecchi di Asco Piave e ne ha in gestione congiunta altri ai quali si sono aggiunti altri , quasi la settimana scorsa con l acquisizione di una società Eco lombarda. Pietra miliare intermedia di questo processo, unitamente alle acquisizioni portate avanti nel corso degli anni seguiti al 2000, è stata la quotazione in Borsa, passo naturale che ha contribuito a fare di Asco Piave un soggetto riconosciuto a livello nazionale. La quotazione ha, inoltre, permesso di attribuire un valore di mercato certo alle attività del gruppo, attribuzione di valore che faciliterà non poco le trattative relativamente agli accordi di partnership. Asco Piave può ora sedersi al tavolo delle aggregazioni venete a pieno titolo rivendicando il ruolo di catalizzatore nel settore del gas naturale, ruolo assolutamente nemmeno immaginabile agli inizi degli anni 2000.

7 Faccio un esempio. Un ipotetica fusione che si fosse svolta, e ci sono le documentazioni perché poi abbiamo fatto anche delle offerte a suo tempo alle altre municipalizzate, sette anni una ipotetica fusione con Acegas APS, cioè la società municipalizzata dei Comuni di Padova e Trieste, sarebbe risultata così: i 2/5 a Trieste, 2/5 a Padova, 1/5 ad Asco Piave. Tre anni fa, è una proposta concreta, 1/3 a Trieste, 1/3 a Padova, 1/3 ad Asco Piave. Oggi con i valori di Borsa noi capitalizziamo circa dai 50 ai 70 milioni di euro più di Acegas APS, oggi se facciamo una fusione con Acegas APS 1/4 a Trieste, 1/4 a Padova, una metà invece ad Asco Piave. Quindi, noi ci rendiamo perfettamente conto che tutto questo sarà prodromico ovviamente ad un qualche tipo di accordo con un big del gas, là dove la risalita lungo la filiera del gas non si concluda in maniera positiva. Rimarrà comunque l opera di una società veneta che sarà riuscita ad attribuire al Veneto, in questo accordo, un peso specifico ed una certa entità senz altro superiore a quello attualmente detenuto dalle ex grandi banche venete in UniCredit, tanto per citare qualcosa di diverso di noi veneti che ci facciamo perdere le occasioni. Poi parleremo anche delle fiere. Tutti noi sappiamo qual era il peso di Cassamarca, CariVerona nel nostro territorio prima della fusione con UniCredit. Sappiamo anche quale sarebbe stato il peso delle stesse se prima di confluire in UniCredit avessero costituito un soggetto veneto unico. Ecco, qui chiudo e adesso parliamo invece delle quotazioni. Mi permetto anche di chiudere con un altra riflessione, questa è assolutamente mia personale: dobbiamo evitare noi di perdere anche altre occasioni ancora, noi veneti, nel senso che abbiamo perso le banche, l ultima l abbiamo persa qualche mese fa. Ovviamente le banche gestiscono ancora il territorio, gestiamo anche magari il ricavato del territorio, però i cervelli e le decisioni stanno da un altra parte. Abbiamo perso le fiere, la fiera di Padova è stata comprata dai francesi. Avevamo avuto la possibilità di costituire una grande fiera veneta con un polo di attrazione, quale poteva essere la città di Venezia, non è stato fatto. Se perdiamo anche le utilities a noi cittadini veneti non ci rimane altro che pagare le bollette, senza decidere le strategie delle nostre società. Altra questione importante, prima di passare proprio ai numeri, come chiedeva anche il Consigliere, è quella che la forza che ha mantenuto Asco Holding, quindi Asco Piave, dall aggregazione dei Comuni viene poi facilmente traguardata anche sulla qualità del servizio che noi andiamo a fare. Cito sempre un caso: Asco Piave ha portato il gas, Asco Piave quindi ancora prima di diventare Asco Piave e di costituire la Holding, ecc. l Asco Piave in generale ha portato il gas anche a Montaner. Ha fatto 15 chilometri di strada per allacciare, probabilmente saranno dieci famiglie. Quindi, quell investimento avrà un ritorno, un payback forse in qualche era geologica. Però è stato fatto perché? Perché la società è posseduta dai Comuni e questa è una variabile imprescindibile, ed è per quello che noi abbiamo voluto costituire la Asco Holding, per non perdere la maggioranza quindi dei Comuni nella società quotata. L Asco Holding ha il 60% della società quotata e quindi le strategie, le decisioni vengono prese dall Asco Holding, quindi vuol dire dai Comuni. E questo per non perdere la filosofia sociale che ha sempre guidato l attività di Asco Piave. Altro esempio di filosofia sociale: nessun imprenditore privato, a meno che non fosse un pazzo, avrebbe dato avvio, mollato gli ormeggi di Asco TLC. Asco TLC ha un patrimonio oggi di quasi 12 milioni di euro, e quindi Asco TLC ha cablato l intera Provincia di Treviso, o quasi tutta la Provincia di Treviso, a vantaggio delle imprese e anche dei cittadini. Ovviamente questo è stato possibile attraverso il sacrificio che tutti i Comuni hanno fatto insieme rinunciando a dei dividendi, però aiutando il territorio a crescere eliminando il digital divide. Queste operazioni, dico, non sarebbero possibili se Asco Piave, anche la quotata, non fosse detenuta dalla maggioranza dei Comuni. È vero che poi i tempi possono anche cambiare, le situazioni possono cambiare. Potrebbe anche darsi che fra qualche mese diventerebbe opportuno, magari anche necessario, perdere questa maggioranza in favore delle aggregazioni con le altre municipalizzate venete. Però questo tutto sommato farebbe ancora rivalutare la nostra partecipazione mantenendo, come dico, questa componente sociale che diventa per noi irrinunciabile. Noi parlo amministratori di enti locali e, soprattutto, cittadini veneti.

8 Intervento senza microfono Il DOTT. SALTON: E molto simile. Per rispondere anche al Consigliere, che ho visto era documentato, rispetto ai multipli dei mercato delle società municipalizzate italiane, allora Asco Piave è assolutamente in linea per quanto riguarda le V.s.b.a. Ciò vuol dire il valore della società sul margine operativo lordo. Dico la media nazionale varia da un 7 e mezzo, i moltiplicatori di Borsa, a un 7 e 3, noi abbiamo un 9 e 7, Acegas ha un 7 e 8 tanto per dire. Altro indicatore che potrebbe essere interessante è il price earning Quindi vuol dire il rapporto fra la capitalizzazione di Borsa e l utile realizzato. Allora noi abbiamo un rapporto che è in media fra tutte le società utilities quotate, vuol dire Enia, Era, Iride, Acegas e ACSM, la media è data - nel 2008 attenzione questa è prospettica , la punta mediana, noi siamo Cito Acegas APS perché l ho citata prima, è un 32.4, che vuol dire che o ha pochi utili rispetto alla capitalizzazione. Andiamo all andamento del titolo della quotazione ad oggi. Questi sono dati però mi scusi al 22 aprile INTERVENTO: Resta simile a quello di oggi. Intervento senza microfono INTERVENTO: Tra 1 e 55 e 1 e 56 Il DOTT. SALTON: No, ma ha chiuso in rialzo adesso. Ha chiuso stasera in rialzo. Il CONS. BERNARDI: (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: Adesso spieghiamo anche perché. Ha scontato ovviamente la distribuzione del dividendo, come tutti i titoli. Cioè, quando si distribuisce il dividendo si sconta, ma stasera ha chiuso in rialzo. Allora facciamo l andamento del titolo Asco Piave dalla quotazione ad oggi. Allora, dalla quotazione ad oggi - 22 aprile - Asco Piave ha perso il 14.2%. Questo non significa che i cittadini che hanno sottoscritto le azioni hanno perso il 14.2%, primo perché sono stati distribuiti i dividendi e anche un ricco dividendo pari al 5.7% della capitalizzazione. Secondo: perché hanno ricevuto un azione gratuita ogni 15 azioni possedute, che incide questo per un altro 7 e mezzo per cento. E poi avevano uno sconto del 3%, quindi hanno ancora guadagnato. Però, rimanendo asettici per non parlare del cittadino che ha sottoscrizione le azioni, parliamo dell andamento dei titoli in generale Asco Piave ha perso il 14.2% e l indice Standard & Poor s ma anche il Mibtel ha perso il 17.7% dal momento della nostra quotazione ad oggi. Quindi, chi avesse investito anche in qualche altra azione o in diverse altre azioni forse avrebbe perso di più che avere investito in Asco Piave. Acegas APS, l andamento delle ex municipalizzate e la quotazione ad oggi. Allora, A2A ha perso 8.9%, meno di noi sicuramente. ACSM di Como ha perso il 35.8%, Acegas ha perso il 35.5%. Il CONS. BERNARDI: Guardi che l Acea non ha perso niente in un anno e mezzo, Presidente. (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: No, dalla nostra quotazione. Il CONS. BERNARDI: No, lei ha detto che in un anno e mezzo ha perso, io le dico che l Acea (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: No, no, scusi dalla quotazione di Asco Piave sto dicendo. Dopo parliamo anche della Interventi sovrapposti IL SINDACO: Consigliere Bernardi, scusi lasci finire.

9 Il DOTT. SALTON: Acea di Roma ha perso il 15.8%. Il CONS. BERNARDI: Non è che posso annotarmi 1 chilometro IL SINDACO: Deve avere pazienza di ascoltare anche il Presidente, mi scusi. Il CONS. BERNARDI: Sì, sì, per l amor di Dio, ma a sentire tutte cose che a me risultano non vere. IL DOTT. SALTON: Lei ha un dato che è diverso dal mio. Adesso le spiego qual è. IL CONS. BERNARDI: Questo qua, no bugie! (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: Io ho detto dalla data di quotazione di Asco Piave, vuol dire 12 dicembre 2006 ad oggi confrontati sempre dal 12 dicembre tutti gli altri titoli. Allora, noi abbiamo perso il 14.2% come le dicevo prima, A2A ha perso 8.9%, Acea ha perso il 15.8%, quindi l unica è A2A che ha perso meno di noi. Gasplus ha perso il 16.2%, Iride ha perso il 23.7%, Era ha perso il 27.8%, Acegas APS il 35.5%. Questo è dall andamento della nostra quotazione. Andamento del titolo invece Acea dalla sua quotazione ad oggi invece qui ha guadagnato, Acea dalla sua quotazione, quindi dal luglio 1999 Acea ha guadagnato il 40.9%. Il CONS. BERNARDI: Il 300% Presidente (Intervento senza microfono) IL DOTT. SALTON: 40.9 Il CONS. BERNARDI: (Intervento senza microfono) IL DOTT. SALTON: Guardi, questi fonte Medio Banca, le assicuro che IL CONS. BERNARDI: Borsa italiana, questo è il dato (Intervento senza microfono) Il DOTT. SALTON: 40.9%, non so dopo voi come fate il calcolo, però, per l amor di Dio! Il CONS. BERNARDI: La valutazione a tre anni fa era esattamente 3.650, oggi è Il DOTT SALTON: Luglio 9. Da luglio 99, parliamo Acea è stata quotata luglio 99. Confusione Il CONS. BERNARDI: In 5 anni questa ha aumentato di tre volte il valore (Intervento senza microfono). Confusione Il DOTT. SALTON: Sì, però se uno in fase di quotazione ha guadagnato il 40%. Andiamo avanti. Andamento del titolo Acegas dalla quotazione ad oggi, quotazione che è avvenuta nel febbraio 2001, ha perso il 43.7%. Lo Standard & Poor s dalla quotazione di Acegas ad oggi, cioè da febbraio 2001 ha perso il 16%, quindi ha perso molto più del Andamento dell ACSM di Como dalla quotazione ad oggi, ha perso il 19.2%, quotazione che è avvenuta nell ottobre 99. Andamento della A2A dalla quotazione ad oggi che è avvenuta nel luglio 98, questa ha guadagnato il 161%, punto 2%, l indice Standard & Poor s invece ha perso il Enia, che si è quotata poco dopo di noi, quindi nel luglio 2007 Enia ha perso l 8.1%. La quotazione di Era dalla data di quotazione giugno 2003 ad oggi ha guadagnato il 94%.

COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO

COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO COMUNE DI REZZATO CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 AGOSTO 2015 PUNTO NUMERO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO IL SINDACO Invita il Consesso a voler discutere del seguente argomento: RICHIESTA DI APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 25/05/2006 OGGETTO: D.L. n. 444 del 27.10.1995,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire Ha chiesto la parola la consigliera Pirro, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire Ha chiesto la parola la consigliera Pirro, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 25.02.2015 Interventi dei Sigg. consiglieri Costituzione di una società mista per l affidamento in concessione del servizio pubblico locale di gestione integrata dei rifiuti. Costituzione

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 OGGETTO: Mozione presentata dai consiglieri Munafò e Menghi del Comitato Anna Menghi in merito all aumento dei prezzi dopo l entrata in vigore dell Euro. RITIRATA.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 18 In data 23/05/2012 Prot. N. 7819 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO Invece sulla questione dei rigassificatori non c è dubbio che dovremmo averne qualcuno e qui c è una storia che è proprio tutta italica. da A

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera

7 errori che distruggono le tue vendite in fiera 7 errori che distruggono le tue vendite in fiera INTRO: Ciao, mi chiamo Giampaolo Formica e sono uno specialista nella progettazione e realizzazione di stand fieristici per le PMI italiane. Probabilmente

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 13.05.2014 OGGETTO: Mozione del 02/04/2014 ai sensi dell art.58 del vigente Regolamento per il funzionamento

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

Storia. di Veritas Energia S.r.l., da Veritas S.p.A. ad Ascopiave S.p.A., che già deteneva una quota pari al 51% del capitale della società.

Storia. di Veritas Energia S.r.l., da Veritas S.p.A. ad Ascopiave S.p.A., che già deteneva una quota pari al 51% del capitale della società. Sommario Storia Mission e strategia aziendale Valori Ascopiave oggi e azionariato Presenza territoriale Corporate governance La struttura del Gruppo Le società di vendita Vicinanza al territorio Storia

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani*

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ciao Tiziano, disturbo per chiederti cortesemente alcune indicazioni in merito alla Vostra esperienza

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

VII - LE SOCIETÀ QUOTATE IN BORSA

VII - LE SOCIETÀ QUOTATE IN BORSA VII - LE SOCIETÀ QUOTATE IN BORSA A fine 2008 le utilities partecipate dai comuni e quotate presso la Borsa Italiana erano 13, così come nel 2003. Nel periodo, è avvenuta la prima quotazione di 4 società

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE

OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO ENERGIA - ADOZIONE OGGETTO VARIANTE N. 4 AL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO, COMPRENSIVO DELL'ALLEGATO "ENERGIA" - ADOZIONE ESCE IL CONSIGLIERE PANZETTI-PRESENTI N. 16 Anche qui approfittando della presenza dell architetto

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali

Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e digitali RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 33 DEL 12.06.2014 Terzo punto all O.d.G.: Approvazione Regolamento Premio Internazionale d Arte e Cascella. Città di Ortona per le arti figurative, visive e

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI VILLARICCA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 30.04.2013 OGGETTO: Mozione prot. 3448 del 16.04.2013 ai sensi dell art. 58 del vigente Regolamento

Dettagli

perché mai la SIM si dovrebbe gravare del peso di trovare due controparti per stipulare uno

perché mai la SIM si dovrebbe gravare del peso di trovare due controparti per stipulare uno SW3 - Gli Interessi delle Sim e il Libor perché mai la SIM si dovrebbe gravare del peso di trovare due controparti per stipulare uno Swap? Dopo aver investigato sulle opposte posizioni intraprese dai nostri

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI. Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. CONSIGLIO COMUNALE DEL 20.12.2012 INTERVENTI DEI SIGG.RI CONSIGLIERI Modifica cespiti patrimoniali. Cessione e acquisizione. Passiamo al quarto punto all ordine del giorno: Modifica cespiti patrimoniali.

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

VERDI GREEN ITALIA CIRCOLO DELLA VERSILIA www.verdi-versilia.it info@verdi-versilia.it

VERDI GREEN ITALIA CIRCOLO DELLA VERSILIA www.verdi-versilia.it info@verdi-versilia.it LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI VIAREGGIO: LA GESTIONE DELLA RETE DEL GAS Per poter meglio far comprendere la complessa dinamica che vi è dietro una corretta gestione del patrimonio di un Comune,

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015

Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015 Comune di Acquarica del Capo PROVINCIA DI LECCE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/07/2015 OGGETTO: RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI AL 1 GENNAIO 2015. - PRESA D`ATTO.- L'anno

Dettagli

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a.

Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Roma, 25.02.1015 Intervista a Stefano Bonora, Direttore di BUSITALIA S.p.a. e ATAF S.p.a. Ingegnere può tracciarci un quadro generale dell attività di BUSITALIA e della sua evoluzione nel corso degli ultimi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE. Seduta del 27 GENNAIO 2009 PROVINCIA DI PISTOIA ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Atto N. 28 Seduta del 27 GENNAIO 2009 OGGETTO: INTERROGAZIONE ORALE DEL CONSIGLIERE CARDELLI SU SPAZI PUBBLICITARI SULLE

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 1 LUGLIO 2015 APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO PER IL CONSIGLIO COMUNALE - RINVIO. L anno duemilaquindici il giorno uno del mese di luglio, alle

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Here Forex Pagina 1

Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Here Forex Pagina 1 Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Here Forex Pagina 1 IL BUSINESS DEL FOREX TRADING FREE VERSION Autore: Arduino Schenato Tutti i diritti riservati Arduino Schenato Here Forex Pagina 2 DISCLAIMER:

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 Quarto punto all O.d.G. Proposta del Consigliere Cieri di modifiche al Regolamento IUC (regolamento TARI) Illustra il Consigliere Cieri. Grazie

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011. Interventi dei Sigg. consilieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011. Interventi dei Sigg. consilieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 21.06.2011 Interventi dei Sigg. consilieri Prima Variazione di Bilancio per l esercizio in corso, della Relazione Previsionale e Programmatica e del Bilancio Pluriennale per il periodo

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

Oggetto: segnalazione pratica commerciale scorretta Regalone e Movebox

Oggetto: segnalazione pratica commerciale scorretta Regalone e Movebox Inviata tramite PEC Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/a 00198 Roma Milano, 27 febbraio 2015 Oggetto: segnalazione pratica commerciale scorretta Regalone e Movebox

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

COMUNE DI TERMINI IMERESE. Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015

COMUNE DI TERMINI IMERESE. Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015 COMUNE DI TERMINI IMERESE Seduta del Consiglio Comunale del 10 febbraio 2015 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CAMPAGNA: Per favore, sedetevi che iniziamo l adunanza. Ricordo che si tratta di una seduta di prosecuzione;

Dettagli

CERCHI Antonella Consigliere C.G. (Il centrosinistra di Rapallo P.D.)

CERCHI Antonella Consigliere C.G. (Il centrosinistra di Rapallo P.D.) Estratto del verbale del Consiglio Comunale del 20 dicembre 2012 con relativa approvazione all unanimità sulla mozione CREAZIONE DI UN FONDO PER LE BORSE DI STUDIO DEGLI STUDENTI MERITEVOLI E MENO ABBIENTI

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli