COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA"

Transcript

1 COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI PERFEZIONAMENTO PER LE L FORZE DI POLIZIA INTERVENTO DEL COMANDANTE GENERALE GENERALE DI CORPO D AD ARMATA NINO DI PAOLO LA DIMENSIONE ECONOMICO CO-FINANZIARIA DELLA CRISI GLOBALE: NUOVE ESIGENZE DI SICUR CUREZZA E MODERNI STILI DI LEADERSL EADERSHIP

2 Roma, 22 marzo

3 LA DIMENSIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLA CRISI GLOBALE: NUOVE ESIGENZE DI SICUREZZA E MODERNI STILI DI LEADERSHIP Desidero innanzitutto porgere a tutti i presenti il mio più cordiale saluto e ringraziare, in modo particolare, il Direttore della Scuola, Generale Vincenzo Suppa. Quando mi è stato rivolto questo invito mi sono subito chiesto quale potesse essere il mio contributo di pensiero per una platea così qualificata ed autorevole. Pensando al mio ruolo non avrei potuto suggerire alcun tema senza considerare ciò che sta accadendo nel mondo sul versante economico-finanziario. Mi è sembrato utile, pertanto, stimolare qualche riflessione che possa offrire qualche approccio costruttivo su ciò che la Guardia di Finanza fa e sulle nuove responsabilità dei moderni operatori di polizia. 1

4 LE ASIMMETRIE NEGLI EQUILIBRI ECONOMICI MONDIALI Per entrare nello spirito del tempo diciamo subito che la fluidificazione dei confini economici e politici degli Stati, se da un lato ha offerto nuove opportunità di sviluppo, dall altro ha posto nuove esigenze di regolamentazione e di sicurezza. In una parola, l economia è diventata globale ma il diritto è rimasto locale. L effetto è di aver favorito arbitraggi legislativi, anche di natura illecita, se pensiamo ai paradisi fiscali. Enormi masse di denaro viaggiano lungo le c.d. autostrade informatiche da un punto all altro del mondo, mentre sul piano giuridico ci sono ancora forti difficoltà nel concepire griglie di controllo su scala planetaria. Ma la crisi, la discontinuità non ha assunto solo un volto economico. Basti pensare al ruolo di Internet nelle recenti rivoluzioni in senso democratico degli Stati dell Africa del Nord! Si tratta dunque di fenomeni tra loro ontologicamente distinti, ma tutti intimamente connessi, che, nella crisi dei mercati, 2

5 hanno forse per la prima volta mostrato il loro volto problematico. Vi faccio alcuni esempi. Questa crisi ha posto all attenzione, non solo dei tecnici, le rilevanti distorsioni negli equilibri economici mondiali. Il mondo non è e non sarà più come prima. Solo dieci anni fa gli Stati uniti ed il Giappone detenevano oltre il 40% della produzione industriale, quota che oggi e scesa sotto il 24%. Nello stesso periodo, la Cina e passata a controllare più del 20% della produzione mondiale raddoppiando la sua quota, proprio come i Bric (Brasile, Russia, India, Cina) che da soli detengono quasi il 30%. Illustri economisti hanno descritto questo squilibrio evidenziando una netta contrapposizione tra Paesi produttori e Paesi consumatori, tra i c.d. Paesi formica (Cina) e Paesi cicala (Stati Uniti), con un forte deficit. Si tratta di asimmetrie, quelle che ho appena evidenziato, che hanno anche profonde cause etiche. Muovono da una visione della vita che, soprattutto nel mondo occidentale, ha valorizzato l aspetto consumistico, rispetto alla dimensione del lavoro e del risparmio. 3

6 Per rendere i consumi accessibili ad una platea più ampia di soggetti, si e reso necessario andare alla ricerca di prodotti di buona qualità e a basso costo. Non solo. In alcuni casi sono stati erogati prestiti in assenza di idonee garanzie (si pensi al problema dei mutui sub-prime negli Stati Uniti, da molti ritenuta la causa di tutti i mali ). Volendo semplificare, il debito del Mr. Jones americano è stato venduto dalle banche sotto forma di strumento finanziario, che è stato acquistato dall ignaro Sig. Rossi italiano (è quello che viene definito procedimento di trasferimento del rischio). Parlo, quindi, di disequilibri dalle conseguenze esplosive, che hanno trovato nei mercati finanziari un pericolosissimo alleato: - mutui, come vi dicevo, di scarsa qualità impacchettati per essere poi rivenduti tra gli stessi operatori finanziari o ad ignari risparmiatori; - derivati negoziati fuori dai mercati regolamentati pari a circa 12 volte il Pil mondiale. La Commissione Europea, nell avanzare recentemente alcune proposte per combattere la speculazione, ha reso noto che negli ultimi anni il numero dei prodotti finanziari si è 4

7 moltiplicato per 3 e quello delle transazioni addirittura per 14. Questo per dirvi che nell ultimo decennio vi e stato un sopravvento dell economia di carta ( finanza ) su quella reale ( economia ) con l aiuto di strumenti poco trasparenti. Quale è stata la conseguenza? Che gli Stati nazionali si sono dovuti far carico del salvataggio dei sistemi finanziari e del sostegno all economia, con un forte aumento dei livelli di indebitamento complessivi. Nei Paesi economicamente avanzati il debito pubblico e salito tra i 20 ed i 40 punti percentuali, portandosi su valori prossimi al 100%, mentre i Paesi emergenti accumulavano cospicue riserve valutarie con le quali influenzare gli equilibri mondiali. GLI EFFETTI DELLA CRISI NEL NOSTRO PAESE Anche l Italia, già segnata da alcune croniche debolezze strutturali (debito pubblico elevato in primis ), ha risentito pesantemente di questi scenari. A fronte di una caduta del P.I.L. nel 2009 superiore al 5%, nel 2010 vi è stata una crescita di poco più dell 1%. 5

8 Il debito delle Amministrazioni pubbliche è risultato di circa miliardi di Euro ed è passato dal 103,5% del PIL nel 2007 al 119% circa del L indebitamento netto (c.d. deficit ) è passato, nello stesso periodo, dall 1,5% al 5,4% del 2009, per poi calare nel 2010 al 4,6% (- Rapporto Istat marzo ). Un quadro delicato ulteriormente amplificato da alcuni mali endemici del nostro Paese. Mi riferisco, in particolare, all evasione fiscale, stimata in più di 100 miliardi di euro, il cui contrasto richiede strategie operative sempre più mirate. Questa è la complessa cornice nazionale e internazionale che appare sullo sfondo della nostra quotidiana operatività. Come non percepire, allora, di essere ad un tornante importante della storia, nel quale la stabilità finanziaria ed economica degli Stati è condizione di sopravvivenza non solo dell euro ma degli stessi assetti geopolitici dell Europa e del mondo? 6

9 Ancora, come non interrogarsi sul senso profondo delle nostre missioni e sulle strategie investigative non solo della Guardia di Finanza ma di tutti i moderni operatori di polizia? Quali riflessioni trarre per attualizzare il dibattito su temi così importanti? LE CONSEGUENZE SULL ECONOMIA REALE E SULLE FORME DI ILLEGALITÀ La prima riflessione da fare è sulle conseguenze che derivano da questo binomio (globalizzazione-crisi) per l illegalità di tipo economico-finanziario. Perché è ormai storia che le criticità dei mercati finanziari si sono trasmesse all economia reale, accentuando le difficoltà di imprese e famiglie. Perché è ormai una realtà che le stesse organizzazioni criminali hanno visto aprirsi nuove strade per diversificare i propri investimenti: si pensi alle dimensioni assunte dalle frodi finanziarie e dall usura. 7

10 Questo per dirvi che la criminalità economico-finanziaria ha assunto dimensioni complesse, mutevoli che impongono risposte trasversali e categorie mentali al passo con i tempi. In altri termini, la divisione netta tra criminalità classica e finanziaria, ancorata all evasione, inizia a mostrare tutti i suoi limiti. Alcuni esempi aiutano a capire, più di qualsiasi lezione teorica, cosa intendo per trasversalità dei fenomeni. Le false fatturazioni possono servire a: - dedurre costi illeciti, fiscalmente appetibili; - gonfiare i volumi d affari di una società quotata in borsa per ingannare il mercato; - nascondere fenomeni estorsivi (alcune famiglie mafiose emettevano regolari fatture, attraverso società controllate, per prestazioni e servizi mai erogati, che venivano regolarmente pagate dalle vittime - il pizzo si poteva anche fiscalmente scaricare!!! -). Ancora. Una recente nostra indagine contro la criminalità cinese in Toscana ha dimostrato l utilizzo per il riciclaggio di oltre 2,7 8

11 miliardi di euro (frutto contraffazione, evasione, immigrazione clandestina, ) del circuito dei money transfer. Pensate, le agenzie sono passate in Italia da 687 del 2002 a del 2010, numero superiore a quello delle filiali del Gruppo Banca Intesa-San Paolo (circa filiali) ed all intera rete delle Poste Italiane. Numeri che devono farci riflettere! Ma torniamo per un attimo ai dati di consuntivo per l anno 2010 contenuti nell ultimo Rapporto ISTAT. La situazione nel nostro Paese è la seguente: Totale spesa = 793 miliardi di Euro circa (spesa corrente e in conto capitale) Totale entrate = 722 miliardi di Euro circa Deficit ( indebitamento ) = 71 miliardi di Euro circa = 4,6% del PIL (pari a 1550 miliardi di Euro circa). È intuibile ciò che questo quadro di Finanza Pubblica può suggerire operativamente per migliorare i saldi: un incremento della lotta all evasione fiscale (il deficit, potrebbe in astratto essere finanziato da una emersione di tutto il sommerso ); 9

12 un taglio della spesa pubblica illecitamente percepita. Senza dimenticare ovviamente il rilevante contributo alla crescita economica del Paese che può provenire dalla lotta alla criminalità organizzata (il Fondo Monetario Internazionale stima in 118 miliardi di euro il riciclaggio complessivo riferibile alle mafie ). Recenti studi della Banca d Italia hanno dimostrato, inoltre, che la criminalità erode diversi punti percentuali di P.I.L nelle regioni del Sud (16% in meno in Puglia e Basilicata). Cosa fare allora dinanzi ad un quadro così complesso? 10

13 IL RUOLO DELLA GUARDIA DI FINANZA A PRESIDIO DELLA SICUREZZA ECONOMICO-FINANZIARIA La Guardia di Finanza dispone degli strumenti necessari per sostenere queste nuove responsabilità: un sistema di attribuzioni e di potestà tributarie che si integra con le funzioni di polizia giudiziaria; una presenza diffusa e diversificata sul territorio in grado di cogliere i segnali di illegalità economica; risorse professionali che permettono di analizzare queste evidenze in modo trasversale. L approccio tecnico, sia che si parli di una verifica tributaria, di un controllo sulla spesa pubblica, dell approfondimento di segnalazioni per operazioni sospette (S.O.S.) o di accertamenti patrimoniali ai fini antimafia, è spesso analogo. Comun denominatore e pilastro fondamentale sono le indagini finanziarie che permettono non solo di individuare la vera ricchezza dei contribuenti comuni, ma anche di risalire ai soggetti sensibili ( dal flusso finanziario al grande latitante ). 11

14 Le indagini finanziarie offrono, inoltre, una fondamentale chiave di lettura dei risultati operativi di quest ultimi anni. Mi è stato chiesto di recente, durante l audizione presso la Commissione Finanze della Camera, perchè il numero dei controlli sia rimasto sostanzialmente stabile (più di verifiche e 1 milione di controlli su singoli atti di gestione), pur a fronte di un livello di evasione ancora molto alto. Ho cercato di dimostrare che è fondamentale agire non solo sui numeri, ma sulla qualità. Nessuna strategia può risultare veramente vincente, se non è calibrata sui fenomeni più gravi e complessi o su quelli a più elevato rischio di evasione. E necessario insistere: sull intelligence e le analisi di rischio per indirizzare l attività di controllo; sull aggressione dei patrimoni degli evasori. I sequestri per i reati tributari, per i quali è ora possibile effettuare una apprensione anche per equivalente, ammontano ad oltre 500 milioni di euro; sulle analisi operative congiunte con le agenzie fiscali nel quadro di cabine di regia ; 12

15 su modalità di cooperazione strutturate con gli enti locali, che possono rappresentare, in chiave federalista, dei formidabili sensori sul territorio; sulla cooperazione internazionale, alla quale dedicherò a breve una riflessione specifica. Questi approcci contengono ingredienti, utilmente esportabili in altri contesti operativi. Penso al contrasto alle frodi a carico dei bilanci dello Stato, degli enti locali e dell Unione Europea, altro pilastro a garanzia della stabilità. Un esempio chiarirà la portata degli interessi economici in gioco in questo settore. Recentemente i nostri reparti, in coordinamento con la Corte dei Conti, hanno effettuato numerosi controlli su acquisti di medicinali che avrebbero potuto beneficiare di uno sconto del 50% se acquistati direttamente dalle case produttrici. Sarebbe bastata la semplice applicazione di una norma già esistente per evitare un maggiore esborso di denaro pubblico, pari a 675 milioni di euro circa. 13

16 Ma al di là di ogni analisi settoriale, ritengo prioritaria l adozione sistematica di misure ablatorie, in quanto rendono anti-economiche le condotte illecite. Nel campo delle frodi sui finanziamenti pubblici nazionali e comunitari, i sequestri di beni, operati dalla Guardia di finanza nel triennio , ammontano a 514 milioni di euro con un trend in crescita. E in questa prospettiva che devono essere letti anche i dell attività di contrasto alla criminalità organizzata: nel 2010 la G. di F. ha sequestrato patrimoni per oltre 3 miliardi di euro, di cui circa un quarto è riconducibile a beni ed aziende ubicati nel Centro Nord. Questi dati confermano i rischi evidenziati in più occasioni dalla Procura Nazionale Antimafia e, più di recente, dallo stesso Governatore della Banca d Italia. In questi casi, può risultare utilissimo indirizzare gli accertamenti patrimoniali su contesti territoriali distanti rispetto a quelli dell investigazione originaria. Vorrei, inoltre, richiamare la vostra attenzione sull importanza delle segnalazioni di operazioni sospette, il cui tempestivo sviluppo permette di intercettare preventivamente i flussi illeciti. 14

17 Quale allora il significato di questo breve excursus operativo? L esperienza maturata in settori così delicati mi porta a sottolineare la necessità di una lettura unitaria dei fenomeni criminali, valorizzandone le risultanze anche in ottica fiscale. Vi porto l esempio della contraffazione. Chi vive di questi illeciti si muove per lo più nell economia sommersa e nell abusivismo commerciale. Il CENSIS ha stimato in circa 5,2 mld di euro il mancato introito tributario (più dell 1% dell intero gettito fiscale del Paese). Vorrei richiamare la vostra attenzione su un fatto: ciò che emerge dalle indagini penali o da generiche attività amministrative spesso consente di trarre utili risultati anche di natura fiscale. In questa prospettiva, la Guardia di Finanza (art. 36 del d.p.r. 600/1973) rappresenta il naturale polo gravitazionale degli elementi informativi fiscali, provenienti da altri attori Istituzionali. 15

18 Il dato sperimentale conferma che questa può essere la strada giusta. Alla base di molti tra i più ingenti recuperi vi sono i dati acquisti nel corso delle indagini su reati societari, finanziari e su fatti di riciclaggio. E notizia recente che Danilo Coppola ha chiuso definitivamente la sua posizione con l Amministrazione Finanziaria, pagando quasi 200 milioni di Euro. PROSPETTIVE SUL PIANO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AGLI SCENARI INTERNAZIONALI I risultati ottenuti consentono di esprimere un giudizio sulla validità degli strumenti investigativi pensati dal legislatore negli ultimi anni, che sono, in molti casi, frutto di esperienze operative pregresse ( legislatore ed operatore di polizia, ai rispettivi livelli, devono dialogare ). Nel piano straordinario contro le mafie, recentemente varato, sono presenti misure che, sono convinto, conferiranno ulteriore slancio all attività delle forze di polizia. 16

19 Penso, in particolare, alla tracciabilità dei flussi finanziari relativi a tutti gli appalti e finanziamenti pubblici (pensiamo ad EXPO 2015, ai finanziamenti che saranno erogati in relazione al quadro di sostegno comunitario , ). Altrettanto significativi strumenti di indagine sono stati introdotti nel settore tributario: - il tracciamento dei flussi finanziari e delle fatture; - la presunzione di imponibilità degli investimenti e delle attività finanziarie detenute illegalmente nei Paesi a regime fiscale privilegiato ( spetterà al contribuente dimostrare che le somme non sono il frutto di evasione fiscale ). Resto convinto, tuttavia, della necessità di non limitare il raggio d analisi a livello nazionale : l economia, la finanza e la criminalità si muovono e ragionano su scala globale! Come è possibile affrontare il problema evasione se, appena fuori dal confine, i proventi illeciti possono essere allocati al sicuro in un paradiso fiscale, come in una caverna di Alì Babà, mutuando una espressione cara al Ministro Tremonti? 17

20 La realtà è molto più complessa che in passato: parliamo di interposizioni fittizie di trust, di prestanome o società di comodo ubicate in Paesi non collaborativi. Vi faccio un esempio. L isola di Sark è una piccola isola che si trova nel canale della Manica; conta poco più di 600 abitanti, ma vi hanno sede quasi società commerciali, 700 banche, 1400 società di assicurazione. Ovviamente non è consentita collaborazione né di polizia né giudiziaria. Fondamentale, inoltre, è rendere il contrasto patrimoniale effettivo e globale ( a che serve avere un euro-mandato di arresto se poi non mi è possibile aggredire celermente i beni? ). Come ha in più occasioni ribadito il Procuratore Grasso, i mafiosi preferiscono rimanere in carcere con i soldi, piuttosto che essere liberi senza beni. Per tutti questi motivi e necessario continuare a seguire con grande attenzione il cammino della comunità internazionale verso il riavvicinamento e l armonizzazione delle legislazioni. 18

21 Penso ad alcune decisioni quadro comunitarie in materia di sequestro dei beni e riconoscimento dei provvedimenti di confisca, in attesa di definitivo recepimento nel nostro Paese. Militano certamente in questa direzione anche le iniziative adottate nell ambito Ocse, del G20 e di altri organismi internazionali (Financial Stability Board presieduto dal Governatore Draghi). E fondamentale, in sintesi, stabilire un quadro mondiale omogeneo di disposizioni, nella lotta contro il riciclaggio di capitali, la frode fiscale, nella vigilanza dei mercati finanziari. Per queste ragioni, anche la Guardia di Finanza valorizzerà sempre più il suo impegno e la sua competenza specialistica a livello internazionale (è prossima l istituzione di 5 nuove sedi dei nostri esperti all estero). QUALE OPERATORE DI POLIZIA PER PROSEGUIRE IL CAMMINO CONTRO L ILLEGALITÀ Mi avvio alla conclusione. Le tecniche operative, pur con alcuni limiti dettati da disomogenei approcci sul piano internazionale, sono di ottimo livello. 19

22 Gli strumenti giuridici a disposizione certamente non mancano: la dimensione dei problemi sul tappeto impone all operatore di polizia di farne un uso intelligente. Come? Riempendoli di contenuti nuovi, attraverso strategie investigative che valorizzino la specificità degli attori in campo. Strategie allargate, come è accaduto nel modello Caserta, si sono rivelate molto utili. Ma vi porto anche il modello Padova, nel contrasto alla contraffazione, che ha visto la Guardia di Finanza dialogare, in modo costruttivo, con una molteplicità di soggetti. Nonostante questi lodevoli sforzi è indubbio tuttavia che, rispetto al passato, le difficoltà operative sono esponenzialmente aumentate. Dinanzi a tale complessità, il rischio di sentirsi inadeguati è molto forte, così come è naturale che si possano aprire squarci di scetticismo. Ma sarebbe un grave errore cedere ai pessimismi. 20

23 In questa lotta fra il bene e il male, sono le Leaderships a doversi assumere grandi responsabilità. Abbiamo il dovere di raccoglierle, con la consapevolezza che le crisi sono anche una opportunità, perchè senza di esse non ci sono sfide, non nascono nuovi talenti, ne grandi strategie. E compito, quindi, degli uomini alimentare nuovi habitus mentali che rendano capaci di districarsi nella complessità contemporanea. Su queste finestre si affacciano le nostre responsabilità, quelle di tutti coloro cui è dato il compito di garantire Sicurezza. Non è più sufficiente solo una eccellente preparazione tecnico-professionale. Sono necessarie forti motivazioni e dinamismi strategici che sappiano gestire ed orientare i processi di cambiamento giorno dopo giorno. Occorre un duro lavoro! Dirigenti, Leader moderni che abbiamo l umiltà di raccogliere queste scommesse con autorevolezza e passione, Comandanti attenti a valorizzare e far conoscere i talenti migliori. 21

24 Servitori dello Stato che sappiano costruire uno spirito di servizio dove non ci sia spazio per gelosie o mediocri rivalità. Il merito di questa Scuola non è solo quello di esaltare le professionalità dei frequentatori facendo incontrare esperienze e culture diverse. La sua vera ragion d essere, come quella di altri eccellenti Istituti che perseguono analoghe finalità, è quella di arricchire coloro nei quali sono riposte tutte queste speranze. E con questo spirito che faccio gli auguri migliori ai frequentatori: siate portatori fertili di una visione moderna, ambiziosa e lungimirante, degni interpreti di un mondo che cambia. Rinnovo il mio ringraziamento al Generale Suppa e a tutti gli intervenuti per l attenzione riservatami. Grazie ancora. 22

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA INDICE

XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA INDICE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo

ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 Gentili signore e signori, Sono onorato di accogliervi al Parlamento Europeo per il Secondo Academics and stakeholders day. Saluto tutti i partecipanti,

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli