Stand/Etat NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stand/Etat 22.08.2014. NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014"

Transcript

1 Stand/Etat NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014 Ergänzung zu den Tagesordnungen Complément aux ordres du jour Complemento agli ordini del giorno Behandlung in Kat. IV / Traitement en cat. IV Anträge des Bundesrates / Propositions du Conseil fédéral / Dichiarazione del Consiglio federale + Annahme - Adoption - Adozione - Ablehnung - Rejet - Reiezione Eidgenössisches Justiz- und Polizeidepartement Département fédéral de justice et police Dipartimento federale di giustizia e polizia n Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Transparenz der Zahlungsströme von Rohstoff-Unternehmen Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Transparence des paiements effectués par les entreprises de matières premières Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Trasparenza dei flussi di pagamento delle imprese attive nel settore delle materie prime n Mo. Freysinger. Asylzentren. Rechtliches Gehör für die Gemeinden Mo. Freysinger. Asile. Les communes ont le droit d'être entendues Mo. Freysinger. Asilo. I comuni hanno il diritto di essere sentiti n Mo. Freysinger. Schutz des Urheberrechts Mo. Freysinger. Protection du droit d'auteur Mo. Freysinger. Protezione del diritto d'autore n Mo. (Barthassat) Barazzone. Klärung der Anwendung von Artikel 418u des Obligationenrechts auf Vertriebsverträge Mo. (Barthassat) Barazzone. Clarifier l'application de l'article 418u du Code des obligations aux contrats de distribution Mo. (Barthassat) Barazzone. Chiarire l'applicazione dell'articolo 418u del Codice delle obbligazioni ai contratti di distribuzione n Mo. Lustenberger. Aufenthaltsgebiet für Asylbewerber auf den Zuweisungskanton begrenzen Mo. Lustenberger. Interdire aux demandeurs d'asile de quitter leur canton d'attribution Mo. Lustenberger. Limitare il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione n Mo. Freysinger. Erschlichene Einbürgerung Mo. Freysinger. Naturalisation frauduleuse Mo. Freysinger. Naturalizzazione fraudolenta n Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Für eine effiziente und einheitliche Bekämpfung von Hooliganismus Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Pour une lutte efficace et cohérente contre le hooliganisme Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Per una lotta efficace e coerente contro la tifoseria violenta n Mo. Fraktion CE. Flexible Anwendung der Lex Koller Mo. Groupe CE. Assouplir l'application de la lex Koller Mo. Gruppo CE. Applicazione flessibile della lex Koller Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Amherd

2 n Mo. Regazzi. Melde- und Zeugnispflicht bei Kindsmissbrauch Mo. Regazzi. Abus commis sur des enfants. Obligation de dénoncer et de témoigner Mo. Regazzi. Obblighi di denuncia e di testimonianza in caso di abusi sui bambini n Po. Fraktion RL. Besonderes gerichtliches Verfahren zur Bekämpfung der Kleinkriminalität Po. Groupe RL. Introduction d'un processus judiciaire adapté à la lutte contre la petite délinquance Po. Gruppo RL. Introduzione di una procedura giudiziaria adeguata alla lotta contro la piccola criminalità Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Moret n Mo. Lehmann. Keine Wettbewerbsnachteile für Schweizer Casinos Mo. Lehmann. Remédier aux désavantages concurrentiels subis par les casinos suisses Mo. Lehmann. Nessuno svantaggio competitivo per i casinò svizzeri n Po. Lehmann. Gebietsreform in der Schweiz Po. Lehmann. Réforme territoriale en Suisse Po. Lehmann. Riforma territoriale della Svizzera n Po. Rossini. Notarielle Praktiken. Bürokratie abbauen, Kosten verringern Po. Rossini. Pratiques notariales. Réduire la bureaucratie et les coûts Po. Rossini. Pratiche notarili. Ridurre la burocrazia e i costi n Po. Fluri. Volkswirtschaftlicher Schaden durch illegale Angebote im Internet Po. Fluri. Utilisation d'offres illégales sur Internet. Impact sur l'économie Po. Fluri. Contenuti illegali su Internet. Danni per l'economia nazionale n Mo. Romano. Einziehung von Vermögenswerten ausländischer krimineller Organisationen in der Schweiz Mo. Romano. Confiscation des valeurs patrimoniales des organisations criminelles étrangères Mo. Romano. Confisca in Svizzera di beni delle organizzazioni criminali straniere

3 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Trasparenza dei flussi di pagamento delle imprese attive nel settore delle materie prime Depositato da Fässler-Osterwalder Hildegard Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Friedl Claudia Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di aumentare la trasparenza dei flussi di pagamento tra le imprese attive nel settore delle materie prime e i governi, conformemente alle disposizioni esecutive della sezione 1504 del Wall Street Reform and Consumer Protection Act varato negli USA. Occorre considerare segnatamente le aziende quotate e non quotate in borsa con sede o attività principale in Svizzera e le pratiche commerciali legate alle materie prime (incluso il commercio di transito). Motivazione Il 22 agosto 2012 la US Securities and Exchange Commission (SEC) ha varato le disposizioni esecutive concernenti la sezione 1504 del "Dodd Frank Act", che obbliga le imprese del settore delle materie prime quotate in borsa negli Stati Uniti a pubblicare tutti i pagamenti a beneficio dei governi. Nei prossimi mesi, con la revisione delle direttive contabili e della direttiva sulla trasparenza l'unione europea dovrebbe adottare regole simili. In Canada, altra importante piazza borsistica e sede di imprese operanti nel commercio di materie prime, le aziende stanno elaborando insieme alle ONG un apposito programma quadro che sarà pronto entro la metà del Questo strumento mira a favorire l'uguaglianza giuridica tra le imprese attive nel settore delle materie prime. Recentemente, nella risposta all'interpellanza Müller Geri il Consiglio federale ha riconosciuto "l'importanza di una maggiore trasparenza nel settore delle materie prime", non da ultimo come mezzo per "incrementare la mobilizzazione interna di risorse nei Paesi in via di sviluppo". Nella risposta all'interpellanza Ingold , inoltre, sottolinea che la Svizzera si impegna attivamente per l'ampliamento della trasparenza e degli obblighi in materia di rendiconti. Finora le iniziative spontanee come l'eiti hanno prodotto dei risultati ma non sono

4 state sufficienti per elaborare un programma quadro globalmente vincolante a favore della trasparenza. Uno strumento simile è ora in fase di sviluppo e la Svizzera, dato il suo peso nel commercio di materie prime, ha l'opportunità di fornire un contributo essenziale. In caso contrario, si teme che il nostro Paese possa attirare sempre più imprese intenzionate ad aggirare le leggi, esponendosi in misura ancora maggiore alle critiche internazionali. Inoltre, occorre garantire pari diritti a tutte le imprese elvetiche, facendo sì che in futuro siano tenute alla trasparenza tutte le aziende attive nel settore delle materie prime e non solo quelle quotate in borsa negli Stati Uniti o nell'ue, come sottolinea anche il Consiglio federale nella risposta all'interpellanza Fehr Hans-Jürg Parere del Consiglio federale del Secondo la Commissione UE (COM/2011/684/definitivo), le imprese attive nei settori dell'industria mineraria o dello sfruttamento delle foreste primarie, che superano due delle tre soglie corrispondenti al totale di bilancio di 40 milioni di euro, al fatturato netto di 20 milioni di euro e all'effettivo di 250 impiegati, devono dichiarare in un rapporto annuale le somme versate ai governi. Le società quotate in borsa sottostanno al medesimo regime, ma non le imprese operanti unicamente nel commercio di materie prime. Attualmente la proposta della Commissione è in discussione presso il Consiglio e il Parlamento europei; il risultato definitivo è atteso per la primavera del Per attuare la legge Dodd-Frank (sezione 1504), citata nella mozione, la commissione americana "Securities and Exchange Commission (SEC)" ha adottato una serie di disposizioni, comparabili a quelle dell'ue, che applicherà alle imprese quotate in borsa. La legge Dodd-Frank riguarda in primo luogo le attività di estrazione delle materie prime, mentre il loro commercio è solo parzialmente contemplato. Il semplice commercio al di fuori del Paese di estrazione e il marketing sono esclusi, mentre l'esportazione sottostà alla normativa. Le disposizioni di attuazione della SEC sono attualmente molto controverse tanto che un'associazione di categoria le sta contestando in sede giudiziaria, ma la SEC prosegue comunque l'implementazione della Sezione Le imprese con sede in Svizzera, quotate in borsa negli Stati Uniti o nell'ue e attive nel settore dell'estrazione delle materie prime, dovrebbero pertanto dichiarare tutte le somme versate ai governi, come previsto dalle disposizioni proposte dalla Commissione UE e dalla legge Dodd-Frank. Il Consiglio federale intende seguire gli sforzi profusi dalle pertinenti autorità europee e statunitensi e approva l'obiettivo della mozione teso ad aumentare la trasparenza dei flussi di pagamento tra le imprese operanti nell'ambito dell'estrazione di materie prime e i governi. Sostiene inoltre l'iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive (ITIE), promossa da Paesi, imprese e organizzazioni non governative, volta a rendere più trasparenti le somme versate a governi di Paesi in via di sviluppo da parte di tali imprese (cfr. interpellanza Müller Geri ). Il Consiglio federale ritiene che la portata definitiva delle disposizioni europee e americane sulla trasparenza sia ancora troppo poco chiara e che molto probabilmente il semplice commercio di materie prime al di fuori del Paese di estrazione ne sarà escluso. Per questo motivo respinge la mozione. La piattaforma interdipartimentale istituita dal Consiglio federale e diretta dal Dipartimento federale delle finanze, dal Dipartimento federale dell'economia e dal Dipartimento federale degli affari esteri sta attualmente stilando un rapporto di fondo. Se la mozione dovesse essere accolta dalla Camera prioritaria, il Consiglio federale si riserva la possibilità di proporre alla seconda Camera di trasformarla in un mandato d'esame, che riguarderebbe unicamente le imprese rientranti nel campo d'applicazione delle future disposizioni europee o americane.

5 Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dalla Signora Friedl. Camera prioritaria Cofirmatari (29) Aebischer Matthias Allemann Evi Amarelle Cesla Amherd Viola Bertschy Kathrin Fehr Hans-Jürg Fehr Jacqueline Feri Yvonne Gysi Barbara Hadorn Philipp Haller Vannini Ursula Heim Bea Ingold Maja Jans Beat John-Calame Francine Leutenegger Oberholzer Susanne Markwalder Christa Marra Ada Meier-Schatz Lucrezia Moser Tiana Angelina Müller Geri Naef Martin Riklin Kathy Schenker Silvia Sommaruga Carlo Tornare Manuel Tschümperlin Andy Weibel Thomas Wyss Ursula Soggetti (in tedesco): Aiuto Rohstoffmarkt transnationales Unternehmen Zahlungsverkehr Transparenz Regierung Wirtschaftsethik Bergbau Korruption fairer Handel Rechnungsabschluss Ergänzende Erschliessung: 15 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

6 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Asilo. I comuni hanno il diritto di essere sentiti Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Chiediamo che il principio del diritto di essere sentiti, comunemente accettato e sancito dall'articolo 29 capoverso 2 della Costituzione federale, sia concretizzato anche nella legge sull'asilo con l'introduzione di una disposizione che garantisca ai comuni un diritto formale di essere associati e consultati, sin dall'inizio, a qualsiasi processo che preveda la creazione sul loro territorio o in prossimità di esso di un alloggio collettivo per persone sottoposte al diritto in materia di asilo. Motivazione In tutto il Paese l'alloggio dei richiedenti l'asilo è fonte di problemi e i cantoni, costretti ad ospitare i richiedenti attribuiti dalla Confederazione, mettono troppo spesso le autorità comunali dinanzi al fatto compiuto, informandole solo tardivamente delle disposizioni prese. Questa politica antidemocratica, che tratta le autorità elette alla stregua di avversari piuttosto che partner, disdegna in maniera inaccettabile gli oneri che l'istituzione di centri per richiedenti l'asilo impone quasi inevitabilmente ai comuni interessati, e persino a quelli limitrofi, a causa degli effetti collaterali nell'ambito della sicurezza pubblica (traffici di ogni genere, atti di inciviltà, ecc.). Parere del Consiglio federale del Il Consiglio federale non reputa opportuno introdurre nella legge sull'asilo una disposizione supplementare come quella chiesta nella mozione. La Costituzione e le leggi vigenti garantiscono in misura sufficiente ai comuni il diritto di essere sentiti. Il diritto costituzionale di essere sentiti (art. 29 cpv. 2 Cost.) include in particolare il diritto degli interessati a esprimersi prima della pronuncia della decisione, a produrre prove rilevanti, a consultare gli atti, a essere sentiti con istanze probatorie importanti e a collaborare all'acquisizione delle prove o perlomeno a esprimersi sulle risultanze probatorie. I comuni

7 possono far valere il diritto di essere sentiti se sono parte alla procedura e se il contestato atto di sovranità tange i loro diritti tutelati dalla Costituzione. La legge sulla procedura amministrativa (PA) e gli atti normativi cantonali sulla giurisdizione amministrativa illustrano più in dettaglio i diritti di essere sentiti. Questi principi si applicano anche nel diritto in materia di pianificazione del territorio. Gli articoli 33 e 34 della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) concretizzano la tutela giurisdizionale e quindi anche la garanzia del diritto di essere sentiti. In particolare, la legislazione federale conferisce ai comuni diritti di ricorso concreti secondo l'articolo 34 capoverso 2 LPT. L'articolo 4 LPT tiene inoltre conto del principio di democrazia, in quanto sancisce i diritti di informazione e di partecipazione. In particolare, le autorità (cantonali) incaricate di compiti pianificatori devono provvedere a un'adeguata partecipazione della popolazione al processo pianificatorio (art. 4 cpv. 2 LPT), il che include anche le pianificazioni in relazione agli alloggi per richiedenti l'asilo. L'Assemblea federale ha deciso modifiche urgenti della legge sull'asilo, entrate in vigore il 29 settembre 2012 (RU ). In particolare, in virtù dell'articolo 26a LAsi, le infrastrutture e gli edifici della Confederazione possono essere utilizzati senza autorizzazione cantonale o comunale per l'alloggio di richiedenti per al massimo tre anni se il cambiamento di destinazione non richiede provvedimenti edilizi rilevanti e non avviene nessuna modifica essenziale in relazione all'occupazione dell'infrastruttura o dell'edificio. Tale disposizione è stata introdotta per attribuire il giusto peso al problema degli alloggi per i richiedenti. Si intende inoltre soddisfare la giusta richiesta dei cantoni di accelerare sensibilmente le procedure evadendone il maggior numero possibile nei centri federali. La validità dell'articolo 26a LAsi è limitata a tre anni; la destinazione può essere cambiata senza autorizzazione soltanto se sono adempiute le condizioni legali menzionate. Dopo averli consultati, la Confederazione è tenuta ad annunciare il cambiamento di destinazione al cantone e al comune d'ubicazione al più tardi 60 giorni prima della messa in esercizio dell'alloggio (art. 26a cpv. 3 LAsi). I comuni hanno pertanto la possibilità di esprimersi anche secondo l'articolo 26a LAsi. La Confederazione intende realizzare soluzioni consensuali nell'interesse di tutte le parti coinvolte. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (23) Aeschi Thomas Amaudruz Céline Bortoluzzi Toni Brand Heinz Brunner Toni Bugnon André Flückiger-Bäni Sylvia Geissbühler Andrea Martina Grin Jean-Pierre Heer Alfred Joder Rudolf Kaufmann Hans Müller Thomas Müri Felix Nidegger Yves Parmelin Guy Perrin Yvan Pieren Nadja Reimann Maximilian Rime Jean-François Rösti Albert Rusconi Pierre Wandfluh Hansruedi Soggetti (in tedesco): Aiuto Flüchtlingsbetreuung Gemeinde Anhörung Kompetenzregelung Akzeptanz Asylbewerber/in Ergänzende Erschliessung: 2811

8 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Protezione del diritto d'autore Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento, entro sei mesi, un progetto che consenta di proteggere i diritti d'autore ininterrottamente dall'autore fino al consumatore. Motivazione Negli ultimi anni la diffusione globale di Internet ha comportato l'aumento degli abusi in materia di diritto d'autore e dei furti di proprietà intellettuale. La Svizzera è l'unico Paese in Europa in cui non è vietato scaricare contenuti da fonti illegali. Sebbene siano protette dal diritto d'autore, le opere dei musicisti/degli autori sono offerte e consumate gratuitamente senza il loro consenso. Per gli artisti ciò significa, da un lato, che non possono più decidere in che modo la loro proprietà intellettuale è diffusa e utilizzata e, dall'altro, anche una considerevole perdita economica. Tale circostanza mette a repentaglio non soltanto la sopravvivenza economica degli artisti, bensì anche l'esistenza dell'intera economia creativa. Per ovviare alla situazione occorre pertanto provvedere affinché gli autori di contenuti creativi possano nuovamente decidere a quali condizioni e a quale prezzo rendere accessibile ai consumatori il loro lavoro. Deve continuare a essere possibile finanziare il proprio sostentamento con il lavoro creativo. Parere del Consiglio federale del Per il Consiglio federale, il diritto d'autore continua a rappresentare un pilastro importante della politica culturale anche nell'era digitale. Già nel rapporto sull'utilizzo non autorizzato di opere scaricate da Internet in adempimento del postulato Savary ha assicurato che avrebbe rivisto la questione del diritto d'autore e sarebbe intervenuto ove opportuno. Nel frattempo il capo del DFGP ha istituito un gruppo di lavoro composto di rappresentanti degli artisti, dei produttori, degli utenti e dei consumatori (AGUR 12), incaricato di illustrare, entro la fine del 2013, le possibilità di adeguare il diritto d'autore al progresso tecnico.

9 Per trovare soluzioni praticabili, occorre un ampio consenso. Il gruppo di lavoro include pertanto tutto lo spettro di interessi e deve disporre del tempo necessario per individuare soluzioni che permettano di raccogliere un ampio consenso. Il suo rapporto fungerà da base per la necessaria discussione politica. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (32) Amaudruz Céline Barthassat Luc Binder Max Bourgeois Jacques Brand Heinz Bugnon André Chevalley Isabelle Darbellay Christophe de Buman Dominique Français Olivier Geissbühler Andrea Martina Gilli Yvonne Grin Jean-Pierre Haller Vannini Ursula Heer Alfred Hiltpold Hugues Joder Rudolf Lüscher Christian Moret Isabelle Müller Thomas Nidegger Yves Parmelin Guy Perrin Yvan Reimann Maximilian Rime Jean-François Rusconi Pierre Schwander Pirmin Stamm Luzi Steiert Jean-François Wandfluh Hansruedi Wasserfallen Christian Wobmann Walter Soggetti (in tedesco): Aiuto Urheberrecht geistiges Eigentum literarisches und künstlerisches Eigentum künstlerisches Schaffen Ergänzende Erschliessung: 12;2831 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

10 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Chiarire l'applicazione dell'articolo 418u del Codice delle obbligazioni ai contratti di distribuzione Depositato da Barthassat Luc Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Barazzone Guillaume Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di presentare al Parlamento una modifica del Codice delle obbligazioni (CO) che chiarisca l'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO ai contratti di distribuzione in senso lato (rappresentanza esclusiva, franchising e altri contratti di distribuzione). La revisione dovrà conservare il carattere eccezionale di una tale applicazione, tenuto conto dell'enorme importanza della norma nel sistema legale svizzero. L'indennità entrerà dunque in linea di conto soltanto se il distributore si trova di fatto in una situazione di dipendenza economica comparabile a quella di un agente. Infine, occorrerà garantire alle parti interessate la facoltà di escludere mediante convenzione qualsiasi pretesa di pagamento di un'indennità per la clientela. Motivazione Nella DTF 88 II 169, il Tribunale federale (TF) ha sancito il principio secondo cui non è possibile applicare per analogia l'articolo 418u CO per accordare al rappresentante esclusivo un'indennità per la clientela, tranne in casi molto particolari (all'epoca non precisati). Nella DTF 134 III 497, il TF ha precisato i casi in cui una tale analogia era giustificata. Ora, i numerosi criteri rilevati rischiano di fare dell'eccezione la regola, in quanto la maggior parte dei contratti di distribuzione ben redatti contiene numerosi, se non addirittura tutti, i criteri considerati dal Tribunale federale (M.-N. Zen-Ruffinen, Indemnité pour la clientèle: bonne affaire pour les distributeurs?, in: Mélanges Anne Petitpierre-Sauvain, Ginevra, 2009, pag. 424). Insieme a questo autore, va constatato che tali criteri non creano una situazione di dipendenza economica che giustifichi l'applicazione dell'articolo 418u CO; riflettono l'economia usuale del contratto di rappresentanza esclusiva, che impone al concedente di dotarsi di mezzi che gli permettano di assicurarsi che i suoi prodotti saranno distribuiti correttamente.

11 Inoltre, tale nuova giurisprudenza non ha comportato la certezza giuridica auspicata, vitale nel settore degli affari. Nella DTF 134, il TF si è limitato ad affermare che la concessione di un'indennità per la clientela al rappresentante esclusivo dipenderà sempre dall'esame delle circostanze del caso concreto. Nella decisione 4A_86/2010 (consid. 1.3), il TF sembra essere ritornato alla sua giurisprudenza iniziale (DTF 88 II 169), il che non fa altro che aumentare la confusione. A causa di tali imprecisioni, il diritto svizzero, cui in precedenza erano sottoposti numerosi contratti di distribuzione internazionali, è ora evitato dai commercianti internazionali di tutti i settori. La piazza arbitrale svizzera, che deve già fronteggiare una forte concorrenza, ne soffre considerevolmente e inutilmente. Parere del Consiglio federale del Se con la sua attività, l'agente ha considerevolmente aumentato il numero dei clienti del partner contrattuale e se questi ne trae notevole profitto anche dopo lo scioglimento del contratto, l'agente ha diritto, per quanto ciò non sia contrario all'equità, a un'adeguata indennità (art. 418u cpv. 1 CO). Il Tribunale federale ha deciso di applicare per analogia tale disposizione al contratto di distribuzione esclusiva - non disciplinato esplicitamente nella legge - se la situazione economica del rappresentante esclusivo nel caso concreto è comparabile a quella dell'agente, in particolare se il contratto di distribuzione esclusiva presenta la stessa ripartizione economica degli interessi e se la parte interessata sostiene un rischio equiparabile a quello dell'agente (DTF 134 III 497 segg.). Va sempre deciso in base alle circostanze del singolo caso, se la situazione economica del rappresentante esclusivo è comparabile a quella dell'agente e se quindi è possibile un'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO (DTF 134 III 497, consid. 4.3). Il Tribunale federale ha definito una serie di criteri su cui ci si può basare per effettuare una distinzione. È stata così creata la certezza giuridica necessaria per la prassi; attualmente non vi è pertanto alcun bisogno di disciplinare la materia nella legge. Tanto più che una normativa legale si opporrebbe a uno sviluppo della giurisprudenza a seconda dei casi concreti e non renderebbe giustizia alla varietà dei rapporti contrattuali esistenti nella prassi. Va inoltre fatto notare che le parti contrattuali sono libere di strutturare un contratto di distribuzione esclusiva in modo da escludere un'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO. La giurisprudenza illustrata è inoltre in sintonia con il quadro normativo in vari altri Paesi, quali ad esempio Germania o Austria. Anche in questi Stati il rappresentante esclusivo la cui situazione è comparabile a quella dell'agente ha diritto a un'indennità per la clientela, che non può essere esclusa per contratto. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dal Signor Barazzone. Camera prioritaria

12 Cofirmatari (10) Amaudruz Céline Buttet Yannick Freysinger Oskar Grin Jean-Pierre Gschwind Jean-Paul Hiltpold Hugues Lüscher Christian Maire Jacques-André Perrin Yvan Regazzi Fabio Soggetti (in tedesco): Aiuto Alleinvertrieb Vertrieb Kommissionshandel Vertragshandel Vertrag des Privatrechts Obligationenrecht Ergänzende Erschliessung: 15 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

13 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Limitare il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione Depositato da Lustenberger Ruedi Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento una modifica della legge federale sugli stranieri (LStr; RS ) che consenta alle persone non titolari di un permesso di soggiorno di breve durata, di un permesso di dimora o di un permesso di domicilio (richiedenti l'asilo) di soggiornare soltanto nel cantone di attribuzione. Motivazione La piazza della stazione di Lucerna è diventata un punto d'incontro sovraregionale per richiedenti l'asilo. Come siamo arrivati a questo punto? In Svizzera i richiedenti l'asilo godono di una libertà di movimento pressoché illimitata. Molto spesso ne abusano e l'aumento dei reati commessi nei centri urbani è ormai indiscusso. È vero che l'articolo 74 LStr consente di limitare, mediante l'assegnazione a un luogo di soggiorno e il divieto di accedere a un dato territorio, la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo che perturbano o mettono in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici. Questa misura non consente tuttavia di emanare un divieto generale, bensì soltanto individuale, e pertanto non è sufficiente per risolvere i problemi cui devono attualmente far fronte i centri urbani. Limitando il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione è possibile raggiungerli più facilmente e impedire che compiano spostamenti non necessari. La prassi proposta limita in misura accettabile la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo. Non si vieta loro di viaggiare in generale. Uno spostamento oltre i confini del cantone di attribuzione è tuttavia permesso soltanto se autorizzato dalla competente autorità. Parere del Consiglio federale del Il 1 febbraio 1995 sono entrate in vigore le misure coercitive del diritto in materia di stranieri, in seguito integrate a più riprese. Tali misure, che includono la carcerazione preliminare, cautelativa e in vista del rinvio coatto, l'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di

14 accedere a un dato territorio e il fermo di breve durata, si propongono anzitutto di garantire l'esecuzione dell'allontanamento. In tal modo s'intende combattere la delinquenza ad opera degli stranieri in situazione illegale e dei richiedenti l'asilo. Secondo le basi legali vigenti, l'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di accedere a un dato territorio può essere disposto in tre casi: per salvaguardare la sicurezza e l'ordine pubblici, per garantire la partenza o se il rinvio coatto è stato differito (art. 74 cpv. 1 lett. a-c LStr). È pertanto possibile imporre a un richiedente l'asilo che turba o mette in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici di non abbandonare o di non accedere a un dato territorio. Secondo la legge, tale misura intende in particolare combattere il traffico di stupefacenti. Il 23 gennaio 2004 la Commissione della gestione del (CdG-N) ha incaricato il Controllo parlamentare dell'amministrazione di condurre un'inchiesta sull'applicazione e l'effetto delle misure coercitive in materia di diritto degli stranieri. La CdG-N ha successivamente stilato un rapporto, comprendente 12 raccomandazioni (FF ), pubblicato il 24 agosto Nella raccomandazione 10 la CdG-N ha proposto di invitare le Commissioni delle istituzioni politiche del e del Consiglio degli Stati a valutare, nel quadro della corrente revisione del diritto in materia di stranieri e di asilo, la possibilità di assegnare un luogo di dimora e di escludere l'accesso a un dato territorio ai richiedenti l'asilo durante i primi tre a sei mesi della procedura d'asilo. Il 23 gennaio 2009 la CdG-N ha sollecitato il Consiglio federale a presentare alla sua competente sottocommissione DFGP/CaF un rapporto sull'attuazione di tali raccomandazioni. Nel parere del 24 giugno 2009 il Consiglio federale ha affermato di non ritenere opportuno disporre sistematicamente l'assegnazione di un luogo di soggiorno e il divieto di accedere a un dato territorio nei confronti dei richiedenti l'asilo (cfr. in proposito il rapporto annuale 2009 della CdG e della DelCG; FF , 2391 segg.). Pur nutrendo comprensione per la richiesta avanzata nella mozione, il Consiglio federale continua a ritenere che le disposizioni legali sul'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di accedere a un dato territorio siano sufficienti. Consentono di limitare in modo mirato la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo che devono lasciare la Svizzera oppure turbano o mettono in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici. Disponendo in modo coerente tali provvedimenti, i cantoni possono contrastare tempestivamente ed efficacemente le situazioni menzionate nella mozione. Inoltre la normativa generale proposta riguarderebbe per altro tutti i richiedenti l'asilo, anche quelli che non contribuiscono a creare le situazioni problematiche illustrate dall'autore della mozione. Infine, la delimitazione del luogo di soggiorno varierebbe molto in quanto dipenderebbe dalle dimensioni del cantone di soggiorno. A parere del Consiglio federale sarebbe sproporzionato applicare sistematicamente tale misura a tutti i richiedenti l'asilo. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (6) Estermann Yvette Glanzmann-Hunkeler Ida Müller Leo Müri Felix Schilliger Peter Vitali Albert Soggetti (in tedesco): Aiuto Asylbewerber/in Freiheitsbeschränkung Aufenthalt von Ausländern/-innen Ausländerrecht

15 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Naturalizzazione fraudolenta Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Nel caso di una persona che ha ottenuto la cittadinanza svizzera in maniera fraudolenta, il calcolo degli anni necessari alla naturalizzazione deve ripartire da zero dalla data di revoca, altrimenti l'articolo 41 della legge sulla cittadinanza (LCit) non ha alcuna utilità in senso stretto. Motivazione In virtù dell'articolo 41 LCit, con il consenso dell'autorità del Cantone d'origine, l'ufficio federale può annullare la naturalizzazione o la reintegrazione conseguita con dichiarazioni false o in seguito all'occultamento di fatti essenziali. Ciò avviene quando uno straniero ha contratto matrimonio per ottenere un permesso di dimora, si fa naturalizzare, divorzia poco tempo dopo e si risposa con una cittadina del suo Paese d'origine. In un caso di questo tipo la naturalizzazione è di principio revocata. Tuttavia, il problema risiede nel fatto che poco tempo dopo la revoca della naturalizzazione l'interessato può presentare una nuova domanda di naturalizzazione ordinaria se adempie le condizioni (in particolare 12 anni di residenza in Svizzera). Un esempio concreto: uno straniero contrae matrimonio nel 2000 e ottiene subito un permesso di dimora. Nel 2006 è naturalizzato. Nel 2009 l'inganno è scoperto e lui viene denunciato. Nel 2010 gli è revocata la naturalizzazione. Dopo vari ricorsi, la decisione passa in giudicato nel Questa persona può tuttavia presentare una nuova domanda di naturalizzazione ordinaria non appena gli è stata revocata la cittadinanza svizzera. Parere del Consiglio federale del Secondo la vigente legge federale su l'acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit; RS 141.0), gli stranieri la cui naturalizzazione agevolata è stata annullata possono presentare immediatamente una richiesta di naturalizzazione ordinaria se adempiono le condizioni degli articoli 12 segg LCit (12 anni complessivi di residenza in

16 Svizzera; integrati secondo l'art. 14 LCit). Attualmente la legge sulla cittadinanza non prevede alcuna disposizione che impedisca di presentare una nuova domanda dopo l'annullamento definitivo della naturalizzazione. Secondo la prassi consolidata, le autorità competenti in materia di naturalizzazione rigettano tuttavia domande presentate poco dopo un annullamento passato in giudicato. In tali casi prendono in considerazione una nuova domanda soltanto dopo un periodo di almeno due anni. Il Consiglio federale ha riconosciuto la necessità di un intervento legislativo. Nel messaggio del 4 marzo 2011 concernente la revisione totale della legge federale sulla cittadinanza svizzera (FF ) prevede un termine di attesa di due anni per la presentazione di una nuova domanda di naturalizzazione se il richiedente ha precedentemente commesso un abuso. Tale termine di attesa decorre solo a partire dall'entrata in vigore della decisione di annullamento, vale a dire dopo la decisione in merito a un eventuale ricorso. In tal modo si intende riprendere nella legge sulla cittadinanza la prassi finora applicata dalle autorità competenti in materia di naturalizzazione. Nell'ambito della revisione totale della legge sulla cittadinanza il Consiglio federale propone inoltre un adeguamento delle disposizioni del diritto in materia di stranieri relative alla revoca di permessi (art. 62 e 63 della legge federale sugli stranieri; RS ): in futuro il (tentato) conseguimento fraudolento della cittadinanza potrà comportare la revoca del permesso per stranieri. Secondo le modifiche proposte dal Consiglio federale, in futuro in caso di annullamento e quindi perdita della cittadinanza non sarà possibile, per un certo tempo, presentare un'altra domanda di naturalizzazione e, a seconda delle circostanze, sarà persino disposto l'allontanamento dalla Svizzera. Queste modifiche mirano a combattere in maniera efficace gli abusi. Il Consiglio federale non ritiene necessari provvedimenti più incisivi. Nell'ambito dell'attuale revisione della legge sulla cittadinanza il Parlamento avrà peraltro l'opportunità di esprimersi anche in merito a questa problematica. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (17) Amaudruz Céline Egloff Hans Fehr Hans Grin Jean-Pierre Hausammann Markus Killer Hans Knecht Hansjörg Pantani Roberta Parmelin Guy Perrin Yvan Pieren Nadja Quadri Lorenzo Reimann Lukas Reimann Maximilian Rime Jean-François von Siebenthal Erich Wobmann Walter Soggetti (in tedesco): Aiuto Einbürgerung Betrug Verfahrensrecht Rechtsmissbrauch Ergänzende Erschliessung: 2811 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP)

17 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Per una lotta efficace e coerente contro la tifoseria violenta Depositato da Ribaux Alain Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Favre Laurent Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di presentare un disegno di legge sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive o una modifica della legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI) nonché, se necessario, una modifica della Costituzione federale che conferisca alla Confederazione la competenza di decidere in materia, affinché: 1. le misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive siano uniformi; 2. le disposizioni attualmente previste dal concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive siano riprese; 3. gli acquirenti di biglietti d'entrata debbano identificarsi, in modo da agevolare il perseguimento in caso di disordini; 4. gli autori di disordini debbano rispondere penalmente, ma anche civilmente, dei loro atti, in particolare nei confronti dei club e delle associazioni sportive lese. Motivazione Attualmente alcune misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive sono previste dalla LMSI, ma soprattutto da un concordato del 15 novembre 2007, modificato il 2 febbraio La recente modifica ha, per esempio, introdotto la possibilità di perquisizioni preventive. Tale misura era opportuna, ma vi è il rischio che concretamente alcuni cantoni non vi aderiscano. Inoltre, alcuni cantoni colgono l'occasione per adottare disposizioni che istituiscono provvedimenti integrativi, che non saranno applicati su scala nazionale. Nella maggior parte dei casi le manifestazioni sportive a rischio oppongono squadre provenienti da cantoni diversi. È illogico e persino pericoloso che per il medesimo tipo di incontri con gli stessi rischi e le stesse implicazioni in materia di sicurezza siano applicabili

18 misure di sicurezza diverse a seconda del luogo dell'incontro. Tale circostanza rischia di comportare disordini causati appunto dall'ignoranza da parte dei tifosi delle regole vigenti negli altri cantoni. Per garantire una lotta coerente ed efficace contro la tifoseria violenta, occorre porre fine alle disparità cantonali e adottare una legislazione federale, che dovrà riprendere le norme del concordato modificato e introdurre altre misure utili. Parere del Consiglio federale del In vista di Euro 2008 e del campionato mondiale di hockey su ghiaccio del 2009, il legislatore aveva creato le basi giuridiche federali necessarie per combattere la violenza in occasione di manifestazioni sportive e aveva introdotto il sistema d'informazione Hoogan nonché misure di polizia quali l'interdizione di accedere a un'area, il divieto limitato di lasciare la Svizzera, l'obbligo di presentarsi alla polizia e il fermo preventivo di polizia (FF ). Nel quadro dei dibattiti parlamentari sulla revisione della legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI) era stata contestata la costituzionalità delle ultime tre misure, la cui applicazione era stata di conseguenza limitata fino alla fine del In seguito, il 29 agosto 2007 il Consiglio federale aveva adottato il messaggio concernente un disposto costituzionale sulla lotta contro gli atti violenti commessi in occasione di manifestazioni sportive (tifoseria violenta) nonché una modifica della LMSI (FF ). Tuttavia, a seguito dell'approvazione il 15 novembre 2007 del concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive da parte della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia e della successiva ratifica da parte di tutti i cantoni, la soluzione costituzionale è stata abbandonata a favore di un disciplinamento intercantonale. Le misure di lotta contro la tifoseria violenta riguardano in gran parte l'ambito della sicurezza interna. Tuttavia, poiché la salvaguardia dell'ordine e della sicurezza è un campo d'applicazione essenziale della sovranità cantonale in materia di polizia, la Confederazione dispone in tale ambito soltanto di competenze legislative limitate. A livello federale, non vi sono dunque basi costituzionali sufficienti per adottare misure di lotta contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive. Affinché la Confederazione possa legiferare in tale ambito, occorrerebbe conferirle le relative competenze. I cantoni continuano tuttavia a ritenere che una soluzione a livello federale costituirebbe un'ingerenza nella loro sovranità in materia di polizia e pertanto vi si oppongono in maniera decisa. Per tale motivo il Consiglio federale ha più volte rinunciato a intervenire in tale questione (cfr. mozione Glanzmann , "Violenza in occasione di manifestazioni sportive", e mozione della Commissione della politica di sicurezza del , "Lotta contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive"). Si rimanda inoltre al rapporto del Consiglio federale in adempimento del postulato Malama , "Sicurezza interna: chiarire le competenze", del 3 marzo 2010 (FF segg.). Il rapporto stabilisce che i cantoni dovrebbero analizzare il modo in cui attuano la legislazione vigente e procedere, se del caso, ai miglioramenti necessari. Ed è proprio questa la strada intrapresa dai cantoni con la revisione del Concordato del 15 novembre Anche se non tutti i cantoni dovessero aderire al concordato rivisto, il concordato del 15 novembre 2007 continuerebbe a essere applicabile in tutti i cantoni. Inoltre, per quanto concerne la responsabilità penale e civile, nel diritto penale e nel diritto in materia di responsabilità civile esistono basi giuridiche federali, e pertanto uniformi, per perseguire gli autori di disordini. Il Consiglio federale non ritiene dunque necessario intervenire in materia. Infine, occorre menzionare che il Consiglio federale esaminerà in un rapporto separato le questioni sollevate nel postulato Glanzmann , "Manifestazioni sportive e violenza". Il rapporto conterrà in particolare le valutazioni delle esperienze nel frattempo raccolte nel quadro dell'applicazione del concordato rivisto e le pertinenti conclusioni. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.

19 Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dal Signor Favre Laurent. Camera prioritaria Cofirmatari (7) Amaudruz Céline Favre Laurent Feller Olivier Perrin Yvan Pezzatti Bruno Schneeberger Daniela Vitali Albert Soggetti (in tedesco): Aiuto Gewalt Sportanlass strafbare Handlung Koordination Beziehung Bund-Kanton Ergänzende Erschliessung: 12;28 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

20 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Applicazione flessibile della lex Koller Depositato da Portavoce Data del deposito Depositato in Stato attuale Gruppo PPD-PEV Amherd Viola Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di elaborare un disegno sull'applicazione flessibile della lex Koller che consenta, su richiesta motivata di un cantone, di aumentare i contingenti di autorizzazioni per l'acquisto di abitazioni di vacanza e unità di abitazioni, in particolare per apparthotel. Motivazione La lex Koller è stata emanata negli anni Ottanta per evitare l'eccessivo dominio straniero sul suolo indigeno. Attualmente alcuni la considerano uno strumento contro l'edificazione selvaggia, la speculazione immobiliare, l'aumento dei prezzi, il riciclaggio di denaro. La lex Koller non è tuttavia il mezzo adeguato per raggiungere questi obiettivi. Tali derive vanno ovviamente combattute. È tuttavia sbagliato ridurre questa lotta a determinate nazionalità e alla questione del domicilio, come avviene con la lex Koller. Quello di cui necessitano oggi comuni e cantoni è una nuova valutazione oggettiva della situazione dopo la votazione sulle abitazioni secondarie e alla luce della legge sulla pianificazione del territorio. Tutti questi progetti sono correlati reciprocamente. I cantoni e i comuni sono già costretti a ripensare sostanzialmente la loro pianificazione futura. A tal fine necessitano tuttavia di una certa libertà d'azione, affinché possano continuare a reagire in modo mirato alle sfide locali e regionali. Dato che nel nostro Paese le esigenze regionali variano considerevolmente, le regole per l'acquisto di fondi da parte di persone all'estero devono soddisfare condizioni adeguate sul piano cantonale, regionale e comunale. Proprio nelle zone rurali il turismo riveste una particolare importanza economica, che impone che si tenga conto della situazione locale. È pertanto necessario adeguare le disposizioni legali alla situazione attuale risultante, tra le altre cose, dall'approvazione dell'iniziativa sulle abitazioni secondarie. Gli investimenti stranieri diretti nella costruzione di abitazioni possono creare o mantenere posti di lavoro e aumentare l'offerta di abitazioni in affitto, limitata in varie località turistiche. Le esperienze mostrano inoltre

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

Iniziativa parlamentare Adeguamento della LSA per le società cooperative di assicurazione

Iniziativa parlamentare Adeguamento della LSA per le società cooperative di assicurazione 12.503 Iniziativa parlamentare Adeguamento della LSA per le società cooperative di assicurazione Rapporto della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale del 23 giugno 2014 Onorevoli

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) 954.1 del 24 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

935.470 I. DISPOSIZIONI GENERALI. Oggetto e scopo

935.470 I. DISPOSIZIONI GENERALI. Oggetto e scopo 935.470 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l'autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della Confederazione

Dettagli

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei)

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) 97.417 Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale dell 8 maggio

Dettagli

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione Ordinanza sul collocamento in vista d adozione (OCAdo) del 29 novembre 2002 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 269c capoverso 3 del Codice civile 1 (CC); visto l articolo 26 della legge federale

Dettagli

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali (Legge sugli embarghi, LEmb) 946.231 del 22 marzo 2002 (Stato 27 luglio 2004) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (LAPE) 1 del 21 marzo 1973 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Legge federale sulle finanze della Confederazione

Legge federale sulle finanze della Confederazione Decisioni del Consiglio degli Stati del 10.09.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 18.09.2014 e-parl 23.09.2014 08:45 Legge federale sulle finanze della Confederazione (LFC) (Nuovo

Dettagli

Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero

Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero 852.1 del 21 marzo 1973 (Stato 13 giugno 2006) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 45 bis della Costituzione

Dettagli

00.435 s Iniziativa parlamentare Riduzione del valore nominale minimo delle azioni (CET CS)

00.435 s Iniziativa parlamentare Riduzione del valore nominale minimo delle azioni (CET CS) Ständerat Conseil des Etats Consiglio degli Stati Cussegl dals stadis 00.435 s Iniziativa parlamentare Riduzione del valore nominale minimo delle azioni (CET CS) Rapporto e proposta della Commissione dell

Dettagli

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1 11.1.3.2 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della

Dettagli

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness»

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness» Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Istituto Federale della Proprietà Intellettuale IPI Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR Ufficio federale dell agricoltura

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Iniziativa parlamentare Aumento temporaneo del numero di posti di giudice in seno al Tribunale amministrativo federale

Iniziativa parlamentare Aumento temporaneo del numero di posti di giudice in seno al Tribunale amministrativo federale 09.475 Iniziativa parlamentare Aumento temporaneo del numero di posti di giudice in seno al Tribunale amministrativo federale Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale del

Dettagli

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (OAPE) del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 della legge federale del

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi:

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi: Riassunto della perizia del Prof. dott. iur. Ueli Kieser sull avamprogetto relativo all ordinanza concernente la vigilanza sull assicurazione malattie (OVAMal) L Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli

Legge federale sulle finanze della Confederazione

Legge federale sulle finanze della Confederazione Termine di referendum: 8 ottobre 2015 Legge federale sulle finanze della Confederazione (LFC) (Ottimizzazione del Nuovo modello contabile) Modifica del 19 giugno 2015 L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria del 3 ottobre 2008 L Assemblea federale

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Collaborazione tra l Amministrazione federale e le organizzazioni non governative

Collaborazione tra l Amministrazione federale e le organizzazioni non governative Collaborazione tra l Amministrazione federale e le organizzazioni non governative Rapporto della Commissione della gestione del Consiglio degli Stati del 21 agosto 2009 Onorevoli presidente e consiglieri,

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

Guida pratica. Rete Giudiziaria Europea in materia civile e commerciale

Guida pratica. Rete Giudiziaria Europea in materia civile e commerciale Uso della videoconferenza ai fini dell'assunzione delle prove in materia civile e commerciale ai sensi del regolamento (CE) n. 1206/2001 del Consiglio del 28 maggio 2001 Guida pratica Rete Giudiziaria

Dettagli

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (Ordinanza sull istruzione degli Svizzeri all estero, OISE) 418.01 del 29 giugno 1988 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio

Dettagli

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali (Legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera) dell 8 ottobre 1999

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali

Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali ad 05.404 Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale del 30 aprile 2010 Parere del Consiglio federale del

Dettagli

Legge federale sull assicurazione malattie

Legge federale sull assicurazione malattie Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) (Finanziamento ospedaliero) Modifica del 21 dicembre 2007 L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 (LStr) (Integrazione) e-parl 08.01.2014 15:39 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Iniziativa parlamentare Copertura assicurativa. Lacuna in caso di decesso del proprietario

Iniziativa parlamentare Copertura assicurativa. Lacuna in caso di decesso del proprietario 06.468 Iniziativa parlamentare Copertura assicurativa. Lacuna in caso di decesso del proprietario Rapporto della Commissione dell economia e dei tributi del Consiglio nazionale del 23 giugno 2008 Onorevoli

Dettagli

08.441 n Iv.pa. Donzé. Diritto del lavoro. Equo indennizzo per servizi di protezione civile

08.441 n Iv.pa. Donzé. Diritto del lavoro. Equo indennizzo per servizi di protezione civile Nationalrat Conseil national Consiglio nazionale Cussegl naziunal 08.441 n Iv.pa. Donzé. Diritto del lavoro. Equo indennizzo per servizi di protezione civile Rapporto della Commissione della politica di

Dettagli

Ordinanza sulla protezione dei marchi

Ordinanza sulla protezione dei marchi Ordinanza sulla protezione dei marchi (OPM) Modifica del xx Il Consiglio federale svizzero, ordina: I L'ordinanza del 3 dicembre 199 sulla protezione dei marchi 1 è modificata come segue: Titolo Ordinanza

Dettagli

Commissione federale delle case da gioco

Commissione federale delle case da gioco Commissione federale delle case da gioco Segretariato 4 novembre 2014/Ama/Mun Riferimento: N452-0038 Revisione parziale dell'ordinanza della Commissione federale delle case da gioco sugli obblighi di diligenza

Dettagli

Iniziativa parlamentare Punire severamente la vendita di dati bancari

Iniziativa parlamentare Punire severamente la vendita di dati bancari ad 10.450 Iniziativa parlamentare Punire severamente la vendita di dati bancari Rapporto della Commissione dell economia e dei tributi del Consiglio nazionale del 19 maggio 2014 Parere del Consiglio federale

Dettagli

M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza

M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza Locarno, 31 luglio 2014 Al Consiglio Comunale L o c a r n o Egregi Signori Presidente e Consiglieri, 1. Premessa. Purtroppo da tempo

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF)

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF) Cancelleria federale CaF Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sull organizzazione del Consiglio federale (OOrg-CF) Sezione 1: Collegio governativo Art. 1 Ordine di precedenza dei membri del Consiglio

Dettagli

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Decreto federale che approva e traspone nel diritto svizzero lo scambio di note tra la Svizzera e l Unione europea concernente il recepimento

Dettagli

Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv)

Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv) Legge federale sull Ufficio del difensore civico federale (Legge sul difensore civico, LDCiv) Progetto preliminare del 4 luglio 2003 del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

Legge federale sui consulenti in brevetti

Legge federale sui consulenti in brevetti Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sui consulenti in brevetti (, LCB) del 20 marzo 2009 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 95 della

Dettagli

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione

Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione Legge federale sull organizzazione dell azienda delle telecomunicazioni della Confederazione (Legge sull azienda delle telecomunicazioni, LATC) 784.11 del 30 aprile 1997 (Stato 3 ottobre 2000) L Assemblea

Dettagli

Legge federale sulla protezione dell ambiente

Legge federale sulla protezione dell ambiente Legge federale sulla protezione dell ambiente (Legge sulla protezione dell ambiente, LPAmb) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

Convenzione n. 172 concernente le condizioni di lavoro negli alberghi, ristoranti e esercizi pubblici affini

Convenzione n. 172 concernente le condizioni di lavoro negli alberghi, ristoranti e esercizi pubblici affini Traduzione 1 Convenzione n. 172 concernente le condizioni di lavoro negli alberghi, ristoranti e esercizi pubblici affini 0.822.727.2 Conclusa a Ginevra il 25 giugno 1991 Approvata dall Assemblea federale

Dettagli

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni

Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni Regolamento del Tribunale federale delle assicurazioni (Corte delle assicurazioni sociali del Tribunale federale) del 16 novembre 1999 Il Tribunale federale delle assicurazioni, visti gli articoli 122

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

Processo UFSC. no. 33.7 del 15 ottobre 2009. Revoca della presunzione di paternità o del riconoscimento in Svizzera o all estero

Processo UFSC. no. 33.7 del 15 ottobre 2009. Revoca della presunzione di paternità o del riconoscimento in Svizzera o all estero Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto privato Ufficio federale dello stato civile UFSC Processo UFSC Revoca della presunzione di

Dettagli

AMTLICHE PUBLIKATIONEN. Referendum facoltativo. Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr)

AMTLICHE PUBLIKATIONEN. Referendum facoltativo. Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr) Referendum facoltativo Scadenza del termine di referendum: 7 settembre 008 Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr) dell' giugno 008 Il Gran Consiglio del Cantone

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

dossier politica Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue

dossier politica Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue Bilaterali II: lotta contro la frode Significativo miglioramento della collaborazione con l'ue 29 ottobre 2003 Numero 20/2 dossier politica economiesuisse Federazione delle imprese svizzere Verband der

Dettagli

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari 3 luglio 2013 Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A18124 Indice Obiettivi della regolamentazione

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

Statuto per il consiglio dei cittadini stranieri/migranti della città di Heidelberg (Statuto AMR AMRS)

Statuto per il consiglio dei cittadini stranieri/migranti della città di Heidelberg (Statuto AMR AMRS) Statuto per il consiglio dei cittadini stranieri/migranti della città di Heidelberg (Statuto AMR AMRS) Premessa La città di Heidelberg intende, attraverso la costituzione del consiglio per i cittadini

Dettagli

Accordo di coproduzione cinematografica tra il Governo della Confederazione Svizzera e il Governo del Granducato di Lussemburgo

Accordo di coproduzione cinematografica tra il Governo della Confederazione Svizzera e il Governo del Granducato di Lussemburgo Traduzione 1 Accordo di coproduzione cinematografica tra il Governo della Confederazione Svizzera e il Governo del Granducato di Lussemburgo (Accordo di coproduzione tra la Svizzera e il Lussemburgo) 0.443.951.8

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970 Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori L'Aja, 28 maggio 1970 Gli Stati membri del Consiglio d'europa, firmatari della presente Convenzione: Considerando che la loro stretta unione si manifesta,

Dettagli

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito Nationalrat Conseil national Consiglio nazionale Cussegl naziunal 12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull

Dettagli

Legge federale sul servizio civile sostitutivo

Legge federale sul servizio civile sostitutivo Decisioni del Consiglio nazionale del 5.5.2015 Legge federale sul servizio civile sostitutivo (, LSC) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Conferenza stampa venerdì 17 ottobre 2014, ore 15.00 Bellinzona Repubblica e Cantone Ticino Consiglio di Stato Il contesto normativo Il margine

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Scioglimento matrimonio in Svizzera o all'estero

Scioglimento matrimonio in Svizzera o all'estero Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto privato Ufficio federale dello stato civile UFSC Processo UFSC Scioglimento del matrimonio

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Ordinanza concernente l entrata e il rilascio del visto

Ordinanza concernente l entrata e il rilascio del visto Ordinanza concernente l entrata e il rilascio del visto (OEV) Modifica del 12 marzo 2010 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 22 ottobre 2008 1 concernente l entrata e il rilascio del

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero. Minoranza: Codice civile svizzero. (Autorità parentale)

Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero. Minoranza: Codice civile svizzero. (Autorità parentale) Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 28.6.2012 Codice civile svizzero (Autorità parentale) Codice civile svizzero (Responsabilità parentale) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione

Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione ad 01.408 Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale del 29 aprile 2003 Parere del Consiglio

Dettagli

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324

Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015. Rapporto in adempimento del postulato Romano 14.3324 Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di polizia fedpol 22 aprile 2015 Criminalità transfrontaliera. Piano sicurezza transfrontaliera per Expo 2015 Rapporto in adempimento

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015 BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.215 Il concordato sulle della CDPE Considerato che per la concessione delle sono competenti i Cantoni, con il Concordato sulle s'intende raggiungere

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli

Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero

Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero (Ordinanza sull'istruzione degli Svizzeri all'estero, OISE) del 29 giugno 1988 (Stato il 1 ottobre 1996) Il

Dettagli

Legge federale sull assicurazione malattie

Legge federale sull assicurazione malattie Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 18 settembre 2000 1, decreta: I

Dettagli

MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55

MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55 MUNICIPIO DI SEMENTINA Tel. 091 850 19 50 Fax 091 850 19 55 Sementina, 9 novembre 2015 MM/NO. 474 CONCERNENTE LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO ORGANICO DEI DIPENDENTI COMUNALI DEL 1. GENNAIO 1989 (Attribuito

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base 1 Guida per la formazione professionale di base 2 Note editoriali Editore: Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT), Berna Version: 1 Langues: d / f / i Data di pubblicazione:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam)

Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Istituto federale di metrologia METAS Indagine conoscitiva relativa all ordinanza del DFGP sui tassametri (OTam) Rapporto esplicativo 28 marzo 2013 Indice 1 Situazione iniziale... 3 2 Obiettivo ed elementi

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno 2002. Dec. 2002/465/GAI del 13 giugno 2002 (1). Decisione quadro del Consiglio relativa alle squadre investigative comuni. (1) Pubblicata nella G.U.C.E. 20 giugno 2002, n. L 162. Entrata in vigore il 20 giugno

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

Legge federale sulle abitazioni secondarie

Legge federale sulle abitazioni secondarie Legge federale sulle abitazioni secondarie (Legge sulle abitazioni secondarie, LASec) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 75 e 75b della Costituzione federale

Dettagli

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale)

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) di minoranza 4802 R2 17 novembre 1999 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) Il Consiglio

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 Foglio ufficiale 1 Atti legislativi e dell Amministrazione Legge sui cani Scopi Identificazione e registrazione a) procedura b) controllo Tassa IL GRAN CONSIGLIO DELLA

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera Adozione: 20 giugno 2014 Pubblico Pubblicazione: 4 luglio 2014 Greco RC-III (2014) 14 Terzo ciclo di valutazione Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera «Incriminazioni (STE n. 173 e 191, PDC

Dettagli