Stand/Etat NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stand/Etat 22.08.2014. NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014"

Transcript

1 Stand/Etat NATIONALRAT / CONSEIL NATIONAL / CONSIGLIO NAZIONALE Herbstsession 2014 / Session d'automne 2014 / Sessione autunnale 2014 Ergänzung zu den Tagesordnungen Complément aux ordres du jour Complemento agli ordini del giorno Behandlung in Kat. IV / Traitement en cat. IV Anträge des Bundesrates / Propositions du Conseil fédéral / Dichiarazione del Consiglio federale + Annahme - Adoption - Adozione - Ablehnung - Rejet - Reiezione Eidgenössisches Justiz- und Polizeidepartement Département fédéral de justice et police Dipartimento federale di giustizia e polizia n Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Transparenz der Zahlungsströme von Rohstoff-Unternehmen Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Transparence des paiements effectués par les entreprises de matières premières Mo. (Fässler Hildegard) Friedl. Trasparenza dei flussi di pagamento delle imprese attive nel settore delle materie prime n Mo. Freysinger. Asylzentren. Rechtliches Gehör für die Gemeinden Mo. Freysinger. Asile. Les communes ont le droit d'être entendues Mo. Freysinger. Asilo. I comuni hanno il diritto di essere sentiti n Mo. Freysinger. Schutz des Urheberrechts Mo. Freysinger. Protection du droit d'auteur Mo. Freysinger. Protezione del diritto d'autore n Mo. (Barthassat) Barazzone. Klärung der Anwendung von Artikel 418u des Obligationenrechts auf Vertriebsverträge Mo. (Barthassat) Barazzone. Clarifier l'application de l'article 418u du Code des obligations aux contrats de distribution Mo. (Barthassat) Barazzone. Chiarire l'applicazione dell'articolo 418u del Codice delle obbligazioni ai contratti di distribuzione n Mo. Lustenberger. Aufenthaltsgebiet für Asylbewerber auf den Zuweisungskanton begrenzen Mo. Lustenberger. Interdire aux demandeurs d'asile de quitter leur canton d'attribution Mo. Lustenberger. Limitare il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione n Mo. Freysinger. Erschlichene Einbürgerung Mo. Freysinger. Naturalisation frauduleuse Mo. Freysinger. Naturalizzazione fraudolenta n Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Für eine effiziente und einheitliche Bekämpfung von Hooliganismus Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Pour une lutte efficace et cohérente contre le hooliganisme Mo. (Ribaux) Favre Laurent. Per una lotta efficace e coerente contro la tifoseria violenta n Mo. Fraktion CE. Flexible Anwendung der Lex Koller Mo. Groupe CE. Assouplir l'application de la lex Koller Mo. Gruppo CE. Applicazione flessibile della lex Koller Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Amherd

2 n Mo. Regazzi. Melde- und Zeugnispflicht bei Kindsmissbrauch Mo. Regazzi. Abus commis sur des enfants. Obligation de dénoncer et de témoigner Mo. Regazzi. Obblighi di denuncia e di testimonianza in caso di abusi sui bambini n Po. Fraktion RL. Besonderes gerichtliches Verfahren zur Bekämpfung der Kleinkriminalität Po. Groupe RL. Introduction d'un processus judiciaire adapté à la lutte contre la petite délinquance Po. Gruppo RL. Introduzione di una procedura giudiziaria adeguata alla lotta contro la piccola criminalità Sprecherin/Porte-parole/Portavoce: Moret n Mo. Lehmann. Keine Wettbewerbsnachteile für Schweizer Casinos Mo. Lehmann. Remédier aux désavantages concurrentiels subis par les casinos suisses Mo. Lehmann. Nessuno svantaggio competitivo per i casinò svizzeri n Po. Lehmann. Gebietsreform in der Schweiz Po. Lehmann. Réforme territoriale en Suisse Po. Lehmann. Riforma territoriale della Svizzera n Po. Rossini. Notarielle Praktiken. Bürokratie abbauen, Kosten verringern Po. Rossini. Pratiques notariales. Réduire la bureaucratie et les coûts Po. Rossini. Pratiche notarili. Ridurre la burocrazia e i costi n Po. Fluri. Volkswirtschaftlicher Schaden durch illegale Angebote im Internet Po. Fluri. Utilisation d'offres illégales sur Internet. Impact sur l'économie Po. Fluri. Contenuti illegali su Internet. Danni per l'economia nazionale n Mo. Romano. Einziehung von Vermögenswerten ausländischer krimineller Organisationen in der Schweiz Mo. Romano. Confiscation des valeurs patrimoniales des organisations criminelles étrangères Mo. Romano. Confisca in Svizzera di beni delle organizzazioni criminali straniere

3 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Trasparenza dei flussi di pagamento delle imprese attive nel settore delle materie prime Depositato da Fässler-Osterwalder Hildegard Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Friedl Claudia Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di aumentare la trasparenza dei flussi di pagamento tra le imprese attive nel settore delle materie prime e i governi, conformemente alle disposizioni esecutive della sezione 1504 del Wall Street Reform and Consumer Protection Act varato negli USA. Occorre considerare segnatamente le aziende quotate e non quotate in borsa con sede o attività principale in Svizzera e le pratiche commerciali legate alle materie prime (incluso il commercio di transito). Motivazione Il 22 agosto 2012 la US Securities and Exchange Commission (SEC) ha varato le disposizioni esecutive concernenti la sezione 1504 del "Dodd Frank Act", che obbliga le imprese del settore delle materie prime quotate in borsa negli Stati Uniti a pubblicare tutti i pagamenti a beneficio dei governi. Nei prossimi mesi, con la revisione delle direttive contabili e della direttiva sulla trasparenza l'unione europea dovrebbe adottare regole simili. In Canada, altra importante piazza borsistica e sede di imprese operanti nel commercio di materie prime, le aziende stanno elaborando insieme alle ONG un apposito programma quadro che sarà pronto entro la metà del Questo strumento mira a favorire l'uguaglianza giuridica tra le imprese attive nel settore delle materie prime. Recentemente, nella risposta all'interpellanza Müller Geri il Consiglio federale ha riconosciuto "l'importanza di una maggiore trasparenza nel settore delle materie prime", non da ultimo come mezzo per "incrementare la mobilizzazione interna di risorse nei Paesi in via di sviluppo". Nella risposta all'interpellanza Ingold , inoltre, sottolinea che la Svizzera si impegna attivamente per l'ampliamento della trasparenza e degli obblighi in materia di rendiconti. Finora le iniziative spontanee come l'eiti hanno prodotto dei risultati ma non sono

4 state sufficienti per elaborare un programma quadro globalmente vincolante a favore della trasparenza. Uno strumento simile è ora in fase di sviluppo e la Svizzera, dato il suo peso nel commercio di materie prime, ha l'opportunità di fornire un contributo essenziale. In caso contrario, si teme che il nostro Paese possa attirare sempre più imprese intenzionate ad aggirare le leggi, esponendosi in misura ancora maggiore alle critiche internazionali. Inoltre, occorre garantire pari diritti a tutte le imprese elvetiche, facendo sì che in futuro siano tenute alla trasparenza tutte le aziende attive nel settore delle materie prime e non solo quelle quotate in borsa negli Stati Uniti o nell'ue, come sottolinea anche il Consiglio federale nella risposta all'interpellanza Fehr Hans-Jürg Parere del Consiglio federale del Secondo la Commissione UE (COM/2011/684/definitivo), le imprese attive nei settori dell'industria mineraria o dello sfruttamento delle foreste primarie, che superano due delle tre soglie corrispondenti al totale di bilancio di 40 milioni di euro, al fatturato netto di 20 milioni di euro e all'effettivo di 250 impiegati, devono dichiarare in un rapporto annuale le somme versate ai governi. Le società quotate in borsa sottostanno al medesimo regime, ma non le imprese operanti unicamente nel commercio di materie prime. Attualmente la proposta della Commissione è in discussione presso il Consiglio e il Parlamento europei; il risultato definitivo è atteso per la primavera del Per attuare la legge Dodd-Frank (sezione 1504), citata nella mozione, la commissione americana "Securities and Exchange Commission (SEC)" ha adottato una serie di disposizioni, comparabili a quelle dell'ue, che applicherà alle imprese quotate in borsa. La legge Dodd-Frank riguarda in primo luogo le attività di estrazione delle materie prime, mentre il loro commercio è solo parzialmente contemplato. Il semplice commercio al di fuori del Paese di estrazione e il marketing sono esclusi, mentre l'esportazione sottostà alla normativa. Le disposizioni di attuazione della SEC sono attualmente molto controverse tanto che un'associazione di categoria le sta contestando in sede giudiziaria, ma la SEC prosegue comunque l'implementazione della Sezione Le imprese con sede in Svizzera, quotate in borsa negli Stati Uniti o nell'ue e attive nel settore dell'estrazione delle materie prime, dovrebbero pertanto dichiarare tutte le somme versate ai governi, come previsto dalle disposizioni proposte dalla Commissione UE e dalla legge Dodd-Frank. Il Consiglio federale intende seguire gli sforzi profusi dalle pertinenti autorità europee e statunitensi e approva l'obiettivo della mozione teso ad aumentare la trasparenza dei flussi di pagamento tra le imprese operanti nell'ambito dell'estrazione di materie prime e i governi. Sostiene inoltre l'iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive (ITIE), promossa da Paesi, imprese e organizzazioni non governative, volta a rendere più trasparenti le somme versate a governi di Paesi in via di sviluppo da parte di tali imprese (cfr. interpellanza Müller Geri ). Il Consiglio federale ritiene che la portata definitiva delle disposizioni europee e americane sulla trasparenza sia ancora troppo poco chiara e che molto probabilmente il semplice commercio di materie prime al di fuori del Paese di estrazione ne sarà escluso. Per questo motivo respinge la mozione. La piattaforma interdipartimentale istituita dal Consiglio federale e diretta dal Dipartimento federale delle finanze, dal Dipartimento federale dell'economia e dal Dipartimento federale degli affari esteri sta attualmente stilando un rapporto di fondo. Se la mozione dovesse essere accolta dalla Camera prioritaria, il Consiglio federale si riserva la possibilità di proporre alla seconda Camera di trasformarla in un mandato d'esame, che riguarderebbe unicamente le imprese rientranti nel campo d'applicazione delle future disposizioni europee o americane.

5 Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dalla Signora Friedl. Camera prioritaria Cofirmatari (29) Aebischer Matthias Allemann Evi Amarelle Cesla Amherd Viola Bertschy Kathrin Fehr Hans-Jürg Fehr Jacqueline Feri Yvonne Gysi Barbara Hadorn Philipp Haller Vannini Ursula Heim Bea Ingold Maja Jans Beat John-Calame Francine Leutenegger Oberholzer Susanne Markwalder Christa Marra Ada Meier-Schatz Lucrezia Moser Tiana Angelina Müller Geri Naef Martin Riklin Kathy Schenker Silvia Sommaruga Carlo Tornare Manuel Tschümperlin Andy Weibel Thomas Wyss Ursula Soggetti (in tedesco): Aiuto Rohstoffmarkt transnationales Unternehmen Zahlungsverkehr Transparenz Regierung Wirtschaftsethik Bergbau Korruption fairer Handel Rechnungsabschluss Ergänzende Erschliessung: 15 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

6 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Asilo. I comuni hanno il diritto di essere sentiti Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Chiediamo che il principio del diritto di essere sentiti, comunemente accettato e sancito dall'articolo 29 capoverso 2 della Costituzione federale, sia concretizzato anche nella legge sull'asilo con l'introduzione di una disposizione che garantisca ai comuni un diritto formale di essere associati e consultati, sin dall'inizio, a qualsiasi processo che preveda la creazione sul loro territorio o in prossimità di esso di un alloggio collettivo per persone sottoposte al diritto in materia di asilo. Motivazione In tutto il Paese l'alloggio dei richiedenti l'asilo è fonte di problemi e i cantoni, costretti ad ospitare i richiedenti attribuiti dalla Confederazione, mettono troppo spesso le autorità comunali dinanzi al fatto compiuto, informandole solo tardivamente delle disposizioni prese. Questa politica antidemocratica, che tratta le autorità elette alla stregua di avversari piuttosto che partner, disdegna in maniera inaccettabile gli oneri che l'istituzione di centri per richiedenti l'asilo impone quasi inevitabilmente ai comuni interessati, e persino a quelli limitrofi, a causa degli effetti collaterali nell'ambito della sicurezza pubblica (traffici di ogni genere, atti di inciviltà, ecc.). Parere del Consiglio federale del Il Consiglio federale non reputa opportuno introdurre nella legge sull'asilo una disposizione supplementare come quella chiesta nella mozione. La Costituzione e le leggi vigenti garantiscono in misura sufficiente ai comuni il diritto di essere sentiti. Il diritto costituzionale di essere sentiti (art. 29 cpv. 2 Cost.) include in particolare il diritto degli interessati a esprimersi prima della pronuncia della decisione, a produrre prove rilevanti, a consultare gli atti, a essere sentiti con istanze probatorie importanti e a collaborare all'acquisizione delle prove o perlomeno a esprimersi sulle risultanze probatorie. I comuni

7 possono far valere il diritto di essere sentiti se sono parte alla procedura e se il contestato atto di sovranità tange i loro diritti tutelati dalla Costituzione. La legge sulla procedura amministrativa (PA) e gli atti normativi cantonali sulla giurisdizione amministrativa illustrano più in dettaglio i diritti di essere sentiti. Questi principi si applicano anche nel diritto in materia di pianificazione del territorio. Gli articoli 33 e 34 della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) concretizzano la tutela giurisdizionale e quindi anche la garanzia del diritto di essere sentiti. In particolare, la legislazione federale conferisce ai comuni diritti di ricorso concreti secondo l'articolo 34 capoverso 2 LPT. L'articolo 4 LPT tiene inoltre conto del principio di democrazia, in quanto sancisce i diritti di informazione e di partecipazione. In particolare, le autorità (cantonali) incaricate di compiti pianificatori devono provvedere a un'adeguata partecipazione della popolazione al processo pianificatorio (art. 4 cpv. 2 LPT), il che include anche le pianificazioni in relazione agli alloggi per richiedenti l'asilo. L'Assemblea federale ha deciso modifiche urgenti della legge sull'asilo, entrate in vigore il 29 settembre 2012 (RU ). In particolare, in virtù dell'articolo 26a LAsi, le infrastrutture e gli edifici della Confederazione possono essere utilizzati senza autorizzazione cantonale o comunale per l'alloggio di richiedenti per al massimo tre anni se il cambiamento di destinazione non richiede provvedimenti edilizi rilevanti e non avviene nessuna modifica essenziale in relazione all'occupazione dell'infrastruttura o dell'edificio. Tale disposizione è stata introdotta per attribuire il giusto peso al problema degli alloggi per i richiedenti. Si intende inoltre soddisfare la giusta richiesta dei cantoni di accelerare sensibilmente le procedure evadendone il maggior numero possibile nei centri federali. La validità dell'articolo 26a LAsi è limitata a tre anni; la destinazione può essere cambiata senza autorizzazione soltanto se sono adempiute le condizioni legali menzionate. Dopo averli consultati, la Confederazione è tenuta ad annunciare il cambiamento di destinazione al cantone e al comune d'ubicazione al più tardi 60 giorni prima della messa in esercizio dell'alloggio (art. 26a cpv. 3 LAsi). I comuni hanno pertanto la possibilità di esprimersi anche secondo l'articolo 26a LAsi. La Confederazione intende realizzare soluzioni consensuali nell'interesse di tutte le parti coinvolte. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (23) Aeschi Thomas Amaudruz Céline Bortoluzzi Toni Brand Heinz Brunner Toni Bugnon André Flückiger-Bäni Sylvia Geissbühler Andrea Martina Grin Jean-Pierre Heer Alfred Joder Rudolf Kaufmann Hans Müller Thomas Müri Felix Nidegger Yves Parmelin Guy Perrin Yvan Pieren Nadja Reimann Maximilian Rime Jean-François Rösti Albert Rusconi Pierre Wandfluh Hansruedi Soggetti (in tedesco): Aiuto Flüchtlingsbetreuung Gemeinde Anhörung Kompetenzregelung Akzeptanz Asylbewerber/in Ergänzende Erschliessung: 2811

8 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Protezione del diritto d'autore Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento, entro sei mesi, un progetto che consenta di proteggere i diritti d'autore ininterrottamente dall'autore fino al consumatore. Motivazione Negli ultimi anni la diffusione globale di Internet ha comportato l'aumento degli abusi in materia di diritto d'autore e dei furti di proprietà intellettuale. La Svizzera è l'unico Paese in Europa in cui non è vietato scaricare contenuti da fonti illegali. Sebbene siano protette dal diritto d'autore, le opere dei musicisti/degli autori sono offerte e consumate gratuitamente senza il loro consenso. Per gli artisti ciò significa, da un lato, che non possono più decidere in che modo la loro proprietà intellettuale è diffusa e utilizzata e, dall'altro, anche una considerevole perdita economica. Tale circostanza mette a repentaglio non soltanto la sopravvivenza economica degli artisti, bensì anche l'esistenza dell'intera economia creativa. Per ovviare alla situazione occorre pertanto provvedere affinché gli autori di contenuti creativi possano nuovamente decidere a quali condizioni e a quale prezzo rendere accessibile ai consumatori il loro lavoro. Deve continuare a essere possibile finanziare il proprio sostentamento con il lavoro creativo. Parere del Consiglio federale del Per il Consiglio federale, il diritto d'autore continua a rappresentare un pilastro importante della politica culturale anche nell'era digitale. Già nel rapporto sull'utilizzo non autorizzato di opere scaricate da Internet in adempimento del postulato Savary ha assicurato che avrebbe rivisto la questione del diritto d'autore e sarebbe intervenuto ove opportuno. Nel frattempo il capo del DFGP ha istituito un gruppo di lavoro composto di rappresentanti degli artisti, dei produttori, degli utenti e dei consumatori (AGUR 12), incaricato di illustrare, entro la fine del 2013, le possibilità di adeguare il diritto d'autore al progresso tecnico.

9 Per trovare soluzioni praticabili, occorre un ampio consenso. Il gruppo di lavoro include pertanto tutto lo spettro di interessi e deve disporre del tempo necessario per individuare soluzioni che permettano di raccogliere un ampio consenso. Il suo rapporto fungerà da base per la necessaria discussione politica. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (32) Amaudruz Céline Barthassat Luc Binder Max Bourgeois Jacques Brand Heinz Bugnon André Chevalley Isabelle Darbellay Christophe de Buman Dominique Français Olivier Geissbühler Andrea Martina Gilli Yvonne Grin Jean-Pierre Haller Vannini Ursula Heer Alfred Hiltpold Hugues Joder Rudolf Lüscher Christian Moret Isabelle Müller Thomas Nidegger Yves Parmelin Guy Perrin Yvan Reimann Maximilian Rime Jean-François Rusconi Pierre Schwander Pirmin Stamm Luzi Steiert Jean-François Wandfluh Hansruedi Wasserfallen Christian Wobmann Walter Soggetti (in tedesco): Aiuto Urheberrecht geistiges Eigentum literarisches und künstlerisches Eigentum künstlerisches Schaffen Ergänzende Erschliessung: 12;2831 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

10 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Chiarire l'applicazione dell'articolo 418u del Codice delle obbligazioni ai contratti di distribuzione Depositato da Barthassat Luc Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Barazzone Guillaume Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di presentare al Parlamento una modifica del Codice delle obbligazioni (CO) che chiarisca l'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO ai contratti di distribuzione in senso lato (rappresentanza esclusiva, franchising e altri contratti di distribuzione). La revisione dovrà conservare il carattere eccezionale di una tale applicazione, tenuto conto dell'enorme importanza della norma nel sistema legale svizzero. L'indennità entrerà dunque in linea di conto soltanto se il distributore si trova di fatto in una situazione di dipendenza economica comparabile a quella di un agente. Infine, occorrerà garantire alle parti interessate la facoltà di escludere mediante convenzione qualsiasi pretesa di pagamento di un'indennità per la clientela. Motivazione Nella DTF 88 II 169, il Tribunale federale (TF) ha sancito il principio secondo cui non è possibile applicare per analogia l'articolo 418u CO per accordare al rappresentante esclusivo un'indennità per la clientela, tranne in casi molto particolari (all'epoca non precisati). Nella DTF 134 III 497, il TF ha precisato i casi in cui una tale analogia era giustificata. Ora, i numerosi criteri rilevati rischiano di fare dell'eccezione la regola, in quanto la maggior parte dei contratti di distribuzione ben redatti contiene numerosi, se non addirittura tutti, i criteri considerati dal Tribunale federale (M.-N. Zen-Ruffinen, Indemnité pour la clientèle: bonne affaire pour les distributeurs?, in: Mélanges Anne Petitpierre-Sauvain, Ginevra, 2009, pag. 424). Insieme a questo autore, va constatato che tali criteri non creano una situazione di dipendenza economica che giustifichi l'applicazione dell'articolo 418u CO; riflettono l'economia usuale del contratto di rappresentanza esclusiva, che impone al concedente di dotarsi di mezzi che gli permettano di assicurarsi che i suoi prodotti saranno distribuiti correttamente.

11 Inoltre, tale nuova giurisprudenza non ha comportato la certezza giuridica auspicata, vitale nel settore degli affari. Nella DTF 134, il TF si è limitato ad affermare che la concessione di un'indennità per la clientela al rappresentante esclusivo dipenderà sempre dall'esame delle circostanze del caso concreto. Nella decisione 4A_86/2010 (consid. 1.3), il TF sembra essere ritornato alla sua giurisprudenza iniziale (DTF 88 II 169), il che non fa altro che aumentare la confusione. A causa di tali imprecisioni, il diritto svizzero, cui in precedenza erano sottoposti numerosi contratti di distribuzione internazionali, è ora evitato dai commercianti internazionali di tutti i settori. La piazza arbitrale svizzera, che deve già fronteggiare una forte concorrenza, ne soffre considerevolmente e inutilmente. Parere del Consiglio federale del Se con la sua attività, l'agente ha considerevolmente aumentato il numero dei clienti del partner contrattuale e se questi ne trae notevole profitto anche dopo lo scioglimento del contratto, l'agente ha diritto, per quanto ciò non sia contrario all'equità, a un'adeguata indennità (art. 418u cpv. 1 CO). Il Tribunale federale ha deciso di applicare per analogia tale disposizione al contratto di distribuzione esclusiva - non disciplinato esplicitamente nella legge - se la situazione economica del rappresentante esclusivo nel caso concreto è comparabile a quella dell'agente, in particolare se il contratto di distribuzione esclusiva presenta la stessa ripartizione economica degli interessi e se la parte interessata sostiene un rischio equiparabile a quello dell'agente (DTF 134 III 497 segg.). Va sempre deciso in base alle circostanze del singolo caso, se la situazione economica del rappresentante esclusivo è comparabile a quella dell'agente e se quindi è possibile un'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO (DTF 134 III 497, consid. 4.3). Il Tribunale federale ha definito una serie di criteri su cui ci si può basare per effettuare una distinzione. È stata così creata la certezza giuridica necessaria per la prassi; attualmente non vi è pertanto alcun bisogno di disciplinare la materia nella legge. Tanto più che una normativa legale si opporrebbe a uno sviluppo della giurisprudenza a seconda dei casi concreti e non renderebbe giustizia alla varietà dei rapporti contrattuali esistenti nella prassi. Va inoltre fatto notare che le parti contrattuali sono libere di strutturare un contratto di distribuzione esclusiva in modo da escludere un'applicazione per analogia dell'articolo 418u CO. La giurisprudenza illustrata è inoltre in sintonia con il quadro normativo in vari altri Paesi, quali ad esempio Germania o Austria. Anche in questi Stati il rappresentante esclusivo la cui situazione è comparabile a quella dell'agente ha diritto a un'indennità per la clientela, che non può essere esclusa per contratto. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dal Signor Barazzone. Camera prioritaria

12 Cofirmatari (10) Amaudruz Céline Buttet Yannick Freysinger Oskar Grin Jean-Pierre Gschwind Jean-Paul Hiltpold Hugues Lüscher Christian Maire Jacques-André Perrin Yvan Regazzi Fabio Soggetti (in tedesco): Aiuto Alleinvertrieb Vertrieb Kommissionshandel Vertragshandel Vertrag des Privatrechts Obligationenrecht Ergänzende Erschliessung: 15 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

13 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Limitare il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione Depositato da Lustenberger Ruedi Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento una modifica della legge federale sugli stranieri (LStr; RS ) che consenta alle persone non titolari di un permesso di soggiorno di breve durata, di un permesso di dimora o di un permesso di domicilio (richiedenti l'asilo) di soggiornare soltanto nel cantone di attribuzione. Motivazione La piazza della stazione di Lucerna è diventata un punto d'incontro sovraregionale per richiedenti l'asilo. Come siamo arrivati a questo punto? In Svizzera i richiedenti l'asilo godono di una libertà di movimento pressoché illimitata. Molto spesso ne abusano e l'aumento dei reati commessi nei centri urbani è ormai indiscusso. È vero che l'articolo 74 LStr consente di limitare, mediante l'assegnazione a un luogo di soggiorno e il divieto di accedere a un dato territorio, la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo che perturbano o mettono in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici. Questa misura non consente tuttavia di emanare un divieto generale, bensì soltanto individuale, e pertanto non è sufficiente per risolvere i problemi cui devono attualmente far fronte i centri urbani. Limitando il soggiorno dei richiedenti l'asilo al cantone di attribuzione è possibile raggiungerli più facilmente e impedire che compiano spostamenti non necessari. La prassi proposta limita in misura accettabile la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo. Non si vieta loro di viaggiare in generale. Uno spostamento oltre i confini del cantone di attribuzione è tuttavia permesso soltanto se autorizzato dalla competente autorità. Parere del Consiglio federale del Il 1 febbraio 1995 sono entrate in vigore le misure coercitive del diritto in materia di stranieri, in seguito integrate a più riprese. Tali misure, che includono la carcerazione preliminare, cautelativa e in vista del rinvio coatto, l'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di

14 accedere a un dato territorio e il fermo di breve durata, si propongono anzitutto di garantire l'esecuzione dell'allontanamento. In tal modo s'intende combattere la delinquenza ad opera degli stranieri in situazione illegale e dei richiedenti l'asilo. Secondo le basi legali vigenti, l'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di accedere a un dato territorio può essere disposto in tre casi: per salvaguardare la sicurezza e l'ordine pubblici, per garantire la partenza o se il rinvio coatto è stato differito (art. 74 cpv. 1 lett. a-c LStr). È pertanto possibile imporre a un richiedente l'asilo che turba o mette in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici di non abbandonare o di non accedere a un dato territorio. Secondo la legge, tale misura intende in particolare combattere il traffico di stupefacenti. Il 23 gennaio 2004 la Commissione della gestione del (CdG-N) ha incaricato il Controllo parlamentare dell'amministrazione di condurre un'inchiesta sull'applicazione e l'effetto delle misure coercitive in materia di diritto degli stranieri. La CdG-N ha successivamente stilato un rapporto, comprendente 12 raccomandazioni (FF ), pubblicato il 24 agosto Nella raccomandazione 10 la CdG-N ha proposto di invitare le Commissioni delle istituzioni politiche del e del Consiglio degli Stati a valutare, nel quadro della corrente revisione del diritto in materia di stranieri e di asilo, la possibilità di assegnare un luogo di dimora e di escludere l'accesso a un dato territorio ai richiedenti l'asilo durante i primi tre a sei mesi della procedura d'asilo. Il 23 gennaio 2009 la CdG-N ha sollecitato il Consiglio federale a presentare alla sua competente sottocommissione DFGP/CaF un rapporto sull'attuazione di tali raccomandazioni. Nel parere del 24 giugno 2009 il Consiglio federale ha affermato di non ritenere opportuno disporre sistematicamente l'assegnazione di un luogo di soggiorno e il divieto di accedere a un dato territorio nei confronti dei richiedenti l'asilo (cfr. in proposito il rapporto annuale 2009 della CdG e della DelCG; FF , 2391 segg.). Pur nutrendo comprensione per la richiesta avanzata nella mozione, il Consiglio federale continua a ritenere che le disposizioni legali sul'assegnazione di un luogo di soggiorno o il divieto di accedere a un dato territorio siano sufficienti. Consentono di limitare in modo mirato la libertà di movimento dei richiedenti l'asilo che devono lasciare la Svizzera oppure turbano o mettono in pericolo la sicurezza e l'ordine pubblici. Disponendo in modo coerente tali provvedimenti, i cantoni possono contrastare tempestivamente ed efficacemente le situazioni menzionate nella mozione. Inoltre la normativa generale proposta riguarderebbe per altro tutti i richiedenti l'asilo, anche quelli che non contribuiscono a creare le situazioni problematiche illustrate dall'autore della mozione. Infine, la delimitazione del luogo di soggiorno varierebbe molto in quanto dipenderebbe dalle dimensioni del cantone di soggiorno. A parere del Consiglio federale sarebbe sproporzionato applicare sistematicamente tale misura a tutti i richiedenti l'asilo. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (6) Estermann Yvette Glanzmann-Hunkeler Ida Müller Leo Müri Felix Schilliger Peter Vitali Albert Soggetti (in tedesco): Aiuto Asylbewerber/in Freiheitsbeschränkung Aufenthalt von Ausländern/-innen Ausländerrecht

15 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Naturalizzazione fraudolenta Depositato da Freysinger Oskar Data del deposito Depositato in Stato attuale Non ancora trattato Testo depositato Nel caso di una persona che ha ottenuto la cittadinanza svizzera in maniera fraudolenta, il calcolo degli anni necessari alla naturalizzazione deve ripartire da zero dalla data di revoca, altrimenti l'articolo 41 della legge sulla cittadinanza (LCit) non ha alcuna utilità in senso stretto. Motivazione In virtù dell'articolo 41 LCit, con il consenso dell'autorità del Cantone d'origine, l'ufficio federale può annullare la naturalizzazione o la reintegrazione conseguita con dichiarazioni false o in seguito all'occultamento di fatti essenziali. Ciò avviene quando uno straniero ha contratto matrimonio per ottenere un permesso di dimora, si fa naturalizzare, divorzia poco tempo dopo e si risposa con una cittadina del suo Paese d'origine. In un caso di questo tipo la naturalizzazione è di principio revocata. Tuttavia, il problema risiede nel fatto che poco tempo dopo la revoca della naturalizzazione l'interessato può presentare una nuova domanda di naturalizzazione ordinaria se adempie le condizioni (in particolare 12 anni di residenza in Svizzera). Un esempio concreto: uno straniero contrae matrimonio nel 2000 e ottiene subito un permesso di dimora. Nel 2006 è naturalizzato. Nel 2009 l'inganno è scoperto e lui viene denunciato. Nel 2010 gli è revocata la naturalizzazione. Dopo vari ricorsi, la decisione passa in giudicato nel Questa persona può tuttavia presentare una nuova domanda di naturalizzazione ordinaria non appena gli è stata revocata la cittadinanza svizzera. Parere del Consiglio federale del Secondo la vigente legge federale su l'acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit; RS 141.0), gli stranieri la cui naturalizzazione agevolata è stata annullata possono presentare immediatamente una richiesta di naturalizzazione ordinaria se adempiono le condizioni degli articoli 12 segg LCit (12 anni complessivi di residenza in

16 Svizzera; integrati secondo l'art. 14 LCit). Attualmente la legge sulla cittadinanza non prevede alcuna disposizione che impedisca di presentare una nuova domanda dopo l'annullamento definitivo della naturalizzazione. Secondo la prassi consolidata, le autorità competenti in materia di naturalizzazione rigettano tuttavia domande presentate poco dopo un annullamento passato in giudicato. In tali casi prendono in considerazione una nuova domanda soltanto dopo un periodo di almeno due anni. Il Consiglio federale ha riconosciuto la necessità di un intervento legislativo. Nel messaggio del 4 marzo 2011 concernente la revisione totale della legge federale sulla cittadinanza svizzera (FF ) prevede un termine di attesa di due anni per la presentazione di una nuova domanda di naturalizzazione se il richiedente ha precedentemente commesso un abuso. Tale termine di attesa decorre solo a partire dall'entrata in vigore della decisione di annullamento, vale a dire dopo la decisione in merito a un eventuale ricorso. In tal modo si intende riprendere nella legge sulla cittadinanza la prassi finora applicata dalle autorità competenti in materia di naturalizzazione. Nell'ambito della revisione totale della legge sulla cittadinanza il Consiglio federale propone inoltre un adeguamento delle disposizioni del diritto in materia di stranieri relative alla revoca di permessi (art. 62 e 63 della legge federale sugli stranieri; RS ): in futuro il (tentato) conseguimento fraudolento della cittadinanza potrà comportare la revoca del permesso per stranieri. Secondo le modifiche proposte dal Consiglio federale, in futuro in caso di annullamento e quindi perdita della cittadinanza non sarà possibile, per un certo tempo, presentare un'altra domanda di naturalizzazione e, a seconda delle circostanze, sarà persino disposto l'allontanamento dalla Svizzera. Queste modifiche mirano a combattere in maniera efficace gli abusi. Il Consiglio federale non ritiene necessari provvedimenti più incisivi. Nell'ambito dell'attuale revisione della legge sulla cittadinanza il Parlamento avrà peraltro l'opportunità di esprimersi anche in merito a questa problematica. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione. Camera prioritaria Cofirmatari (17) Amaudruz Céline Egloff Hans Fehr Hans Grin Jean-Pierre Hausammann Markus Killer Hans Knecht Hansjörg Pantani Roberta Parmelin Guy Perrin Yvan Pieren Nadja Quadri Lorenzo Reimann Lukas Reimann Maximilian Rime Jean-François von Siebenthal Erich Wobmann Walter Soggetti (in tedesco): Aiuto Einbürgerung Betrug Verfahrensrecht Rechtsmissbrauch Ergänzende Erschliessung: 2811 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP)

17 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Per una lotta efficace e coerente contro la tifoseria violenta Depositato da Ribaux Alain Ripreso da Data del deposito Depositato in Stato attuale Favre Laurent Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di presentare un disegno di legge sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive o una modifica della legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI) nonché, se necessario, una modifica della Costituzione federale che conferisca alla Confederazione la competenza di decidere in materia, affinché: 1. le misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive siano uniformi; 2. le disposizioni attualmente previste dal concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive siano riprese; 3. gli acquirenti di biglietti d'entrata debbano identificarsi, in modo da agevolare il perseguimento in caso di disordini; 4. gli autori di disordini debbano rispondere penalmente, ma anche civilmente, dei loro atti, in particolare nei confronti dei club e delle associazioni sportive lese. Motivazione Attualmente alcune misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive sono previste dalla LMSI, ma soprattutto da un concordato del 15 novembre 2007, modificato il 2 febbraio La recente modifica ha, per esempio, introdotto la possibilità di perquisizioni preventive. Tale misura era opportuna, ma vi è il rischio che concretamente alcuni cantoni non vi aderiscano. Inoltre, alcuni cantoni colgono l'occasione per adottare disposizioni che istituiscono provvedimenti integrativi, che non saranno applicati su scala nazionale. Nella maggior parte dei casi le manifestazioni sportive a rischio oppongono squadre provenienti da cantoni diversi. È illogico e persino pericoloso che per il medesimo tipo di incontri con gli stessi rischi e le stesse implicazioni in materia di sicurezza siano applicabili

18 misure di sicurezza diverse a seconda del luogo dell'incontro. Tale circostanza rischia di comportare disordini causati appunto dall'ignoranza da parte dei tifosi delle regole vigenti negli altri cantoni. Per garantire una lotta coerente ed efficace contro la tifoseria violenta, occorre porre fine alle disparità cantonali e adottare una legislazione federale, che dovrà riprendere le norme del concordato modificato e introdurre altre misure utili. Parere del Consiglio federale del In vista di Euro 2008 e del campionato mondiale di hockey su ghiaccio del 2009, il legislatore aveva creato le basi giuridiche federali necessarie per combattere la violenza in occasione di manifestazioni sportive e aveva introdotto il sistema d'informazione Hoogan nonché misure di polizia quali l'interdizione di accedere a un'area, il divieto limitato di lasciare la Svizzera, l'obbligo di presentarsi alla polizia e il fermo preventivo di polizia (FF ). Nel quadro dei dibattiti parlamentari sulla revisione della legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna (LMSI) era stata contestata la costituzionalità delle ultime tre misure, la cui applicazione era stata di conseguenza limitata fino alla fine del In seguito, il 29 agosto 2007 il Consiglio federale aveva adottato il messaggio concernente un disposto costituzionale sulla lotta contro gli atti violenti commessi in occasione di manifestazioni sportive (tifoseria violenta) nonché una modifica della LMSI (FF ). Tuttavia, a seguito dell'approvazione il 15 novembre 2007 del concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive da parte della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia e della successiva ratifica da parte di tutti i cantoni, la soluzione costituzionale è stata abbandonata a favore di un disciplinamento intercantonale. Le misure di lotta contro la tifoseria violenta riguardano in gran parte l'ambito della sicurezza interna. Tuttavia, poiché la salvaguardia dell'ordine e della sicurezza è un campo d'applicazione essenziale della sovranità cantonale in materia di polizia, la Confederazione dispone in tale ambito soltanto di competenze legislative limitate. A livello federale, non vi sono dunque basi costituzionali sufficienti per adottare misure di lotta contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive. Affinché la Confederazione possa legiferare in tale ambito, occorrerebbe conferirle le relative competenze. I cantoni continuano tuttavia a ritenere che una soluzione a livello federale costituirebbe un'ingerenza nella loro sovranità in materia di polizia e pertanto vi si oppongono in maniera decisa. Per tale motivo il Consiglio federale ha più volte rinunciato a intervenire in tale questione (cfr. mozione Glanzmann , "Violenza in occasione di manifestazioni sportive", e mozione della Commissione della politica di sicurezza del , "Lotta contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive"). Si rimanda inoltre al rapporto del Consiglio federale in adempimento del postulato Malama , "Sicurezza interna: chiarire le competenze", del 3 marzo 2010 (FF segg.). Il rapporto stabilisce che i cantoni dovrebbero analizzare il modo in cui attuano la legislazione vigente e procedere, se del caso, ai miglioramenti necessari. Ed è proprio questa la strada intrapresa dai cantoni con la revisione del Concordato del 15 novembre Anche se non tutti i cantoni dovessero aderire al concordato rivisto, il concordato del 15 novembre 2007 continuerebbe a essere applicabile in tutti i cantoni. Inoltre, per quanto concerne la responsabilità penale e civile, nel diritto penale e nel diritto in materia di responsabilità civile esistono basi giuridiche federali, e pertanto uniformi, per perseguire gli autori di disordini. Il Consiglio federale non ritiene dunque necessario intervenire in materia. Infine, occorre menzionare che il Consiglio federale esaminerà in un rapporto separato le questioni sollevate nel postulato Glanzmann , "Manifestazioni sportive e violenza". Il rapporto conterrà in particolare le valutazioni delle esperienze nel frattempo raccolte nel quadro dell'applicazione del concordato rivisto e le pertinenti conclusioni. Proposta del Consiglio federale del Il Consiglio federale propone di respingere la mozione.

19 Cronologia / verbali Data Consiglio CN L'intervento viene ripreso dal Signor Favre Laurent. Camera prioritaria Cofirmatari (7) Amaudruz Céline Favre Laurent Feller Olivier Perrin Yvan Pezzatti Bruno Schneeberger Daniela Vitali Albert Soggetti (in tedesco): Aiuto Gewalt Sportanlass strafbare Handlung Koordination Beziehung Bund-Kanton Ergänzende Erschliessung: 12;28 Competenza Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) Vi trovate qui: Il Parlamento svizzero > Ricerca > Geschaefte

20 L'Assemblea federale - Il Parlamento svizzero Curia Vista - Atti parlamentari Mozione Applicazione flessibile della lex Koller Depositato da Portavoce Data del deposito Depositato in Stato attuale Gruppo PPD-PEV Amherd Viola Non ancora trattato Testo depositato Il Consiglio federale è incaricato di elaborare un disegno sull'applicazione flessibile della lex Koller che consenta, su richiesta motivata di un cantone, di aumentare i contingenti di autorizzazioni per l'acquisto di abitazioni di vacanza e unità di abitazioni, in particolare per apparthotel. Motivazione La lex Koller è stata emanata negli anni Ottanta per evitare l'eccessivo dominio straniero sul suolo indigeno. Attualmente alcuni la considerano uno strumento contro l'edificazione selvaggia, la speculazione immobiliare, l'aumento dei prezzi, il riciclaggio di denaro. La lex Koller non è tuttavia il mezzo adeguato per raggiungere questi obiettivi. Tali derive vanno ovviamente combattute. È tuttavia sbagliato ridurre questa lotta a determinate nazionalità e alla questione del domicilio, come avviene con la lex Koller. Quello di cui necessitano oggi comuni e cantoni è una nuova valutazione oggettiva della situazione dopo la votazione sulle abitazioni secondarie e alla luce della legge sulla pianificazione del territorio. Tutti questi progetti sono correlati reciprocamente. I cantoni e i comuni sono già costretti a ripensare sostanzialmente la loro pianificazione futura. A tal fine necessitano tuttavia di una certa libertà d'azione, affinché possano continuare a reagire in modo mirato alle sfide locali e regionali. Dato che nel nostro Paese le esigenze regionali variano considerevolmente, le regole per l'acquisto di fondi da parte di persone all'estero devono soddisfare condizioni adeguate sul piano cantonale, regionale e comunale. Proprio nelle zone rurali il turismo riveste una particolare importanza economica, che impone che si tenga conto della situazione locale. È pertanto necessario adeguare le disposizioni legali alla situazione attuale risultante, tra le altre cose, dall'approvazione dell'iniziativa sulle abitazioni secondarie. Gli investimenti stranieri diretti nella costruzione di abitazioni possono creare o mantenere posti di lavoro e aumentare l'offerta di abitazioni in affitto, limitata in varie località turistiche. Le esperienze mostrano inoltre

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Incompatibilità con il mandato parlamentare

Incompatibilità con il mandato parlamentare Incompatibilità con il mandato parlamentare Principi interpretativi dell Ufficio del Consiglio nazionale e dell Ufficio del Consiglio degli Stati per l applicazione dell articolo 14 lettere e ed f della

Dettagli

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio

Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio Legge federale sul lavoro nell industria, nell artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro, LL 1 ) 822.11 del 13 marzo 1964 (Stato 1 dicembre 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli