Notizie da San Martino Bollettino Parrocchiale mensile, allegato al mensile diocesano Il Segno e sottoposto all approvazione del Parroco.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie da San Martino Bollettino Parrocchiale mensile, allegato al mensile diocesano Il Segno e sottoposto all approvazione del Parroco."

Transcript

1

2 Notizie da San Martino Bollettino Parrocchiale mensile, allegato al mensile diocesano Il Segno e sottoposto all approvazione del Parroco. IN QUESTO NUMERO Grazie, Signore, per Karol Wojtyla, e adesso pag. 3 Testamento del Santo Padre Giovanni Paolo II pag. 4 Il futuro pag. 7 E adesso che abbiamo visto? pag. 8 Pellegrinaggio al Sacro Monte di Varallo pag. 9 Mini Cineforum pag. 10 Addio atleta di Dio campione della fede pag. 11 Calendario religioso e archivio parrocchiale pag. 12 don Giorgio Farè Parroco telefono cellulare Piazza Villapizzone 10 don Lorenzo Negri Vicario telefono cellulare Piazza Villapizzone 10 Orari Sante Messe Festive Prefestive Feriali Oratorio Da martedì a domenica Domenica anche 11, Piazza Villapizzone 12 Centro Parrocchiale San Martino Tutti i giorni Martedì CHIUSO Patronato ACLI Tutti i lunedì dalle Piazza Villapizzone 6 Piazza Villapizzone 6 Centro di Ascolto tel Mercoledì Giovedì Piazza Villapizzone 6 2

3 Grazie, Signore, per Karol Wojtyla, e adesso mandaci un nuovo Pastore! Il Signore Gesù ha pregato per Pietro: «Io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno» (Lc 22, 22). Questa preghiera di Gesù è garanzia per noi che viviamo un momento di trapasso. Come Gesù ha pregato per Pietro, così ha pregato per Giovanni Paolo II ed ha già pregato anche per il suo successore. Prima delle riflessioni dei Cardinali e di tutte le ipotesi dei giornali c è la preghiera di Gesù che ci assicura la continuità del cammino della Chiesa. Fatta questa introduzione vorrei gettare uno sguardo retrospettivo su Giovanni Paolo II. Anzitutto ho visto in lui una grande fiducia nella Provvidenza di Dio. Sentiva di essere solo ed esclusivamente nelle mani di Dio. In ogni momento era cosciente che non erano gli altri a decidere di lui, ma solo l amore appassionato del suo Dio. Per questo andava avanti con coraggio e la grande responsabilità non lo schiacciava. Si sentiva posseduto dal Signore ed a Lui si donava nella disponibilità fin quando avrebbe voluto. Un altra immagine che ci lascia questo papa è la sua passione per l uomo, per l umanità. Ha combattuto fino all ultimo per la vita, nel suo inizio e nel suo termine. Ha combattuto per la vita soprattutto dei poveri e degli oppressi. Ha combattuto per la vita con una testarda e spesso solitaria opposizione a qualsiasi tipo di guerra. Ha respirato la stanchezza dei poveri, ha fatto sue le loro prostrazioni. Ha parlato ai potenti, ai giovani, ai carcerati, agli abbandonati con la stessa chiarezza di linguaggio, senza temere nessuno. Davanti alla laicità agguerrita della società moderna occidentale e industrializzata ha rivendicato il primato di Dio e della sua Parola. Nessun muro l ha potuto fermare perché ha spalancato a tutti le sue porte. Giovanni Paolo II è stato anche il papa del dialogo fra le culture e le religioni, scelta già indicata nei documenti del Concilio Vaticano II e portata avanti da lui nonostante incontrasse molte incertezze e difficoltà, anche nella stessa chiesa. Basta così perché sarebbe inutile continuare dopo tutto quello che ci hanno mostrato i servizi televisivi. Importante, e credo proprio che Giovanni Paolo II sia d accordo, è che noi facciamo tesoro del suo insegnamento. Senza la nostra conversione al suo messaggio svuotiamo di senso anche ogni nostro elogio. Giovanni Paolo II mi ricorda molto quanto dice di Mosè la lettera agli Ebrei: «Rimase saldo come se vedesse l invisibile» (Eb 11,27). Adesso viviamo l attesa nella preghiera perché lo Spirito Santo guidi i Cardinali nella scelta del successore. Se crediamo davvero nella forza dello Spirito preghiamo e restiamo sereni. Evitiamo affermazioni di poca fede che si sentono qua e là fra i cristiani: un papa così non avrà successori all altezza di lui ; e lasciamo allo Spirito Santo di guidare la scelta dei cardinali. don Giorgio 3

4 TESTAMENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II (pubblichiamo il primo testamento del e l ultimo del ) Nel Nome della Santissima Trinità. Amen. Totus Tuus ego sum "Vegliate, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà" (cf. Mt 24, 42) queste parole mi ricordano l ultima chiamata, che avverrà nel momento in cui il Signore vorrà. Desidero seguirlo e desidero che tutto ciò che fa parte della mia vita terrena mi prepari a questo momento. Non so quando esso verrà, ma come tutto, anche questo momento depongo nelle mani della Madre del mio Maestro: Totus Tuus. Nelle stesse mani materne lascio tutto e Tutti coloro con i quali mi ha collegato la mia vita e la mia vocazione. In queste Mani lascio soprattutto la Chiesa, e anche la mia Nazione e tutta l umanità. Ringrazio tutti. A tutti chiedo perdono. Chiedo anche la preghiera, affinché la Misericordia di Dio si mostri più grande della mia debolezza e indegnità. Durante gli esercizi spirituali ho riletto il testamento del Santo Padre Paolo VI. Questa lettura mi ha spinto a scrivere il presente testamento. Non lascio dietro di me alcuna proprietà di cui sia necessario disporre. Quanto alle cose di uso quotidiano che mi servivano, chiedo di distribuirle come apparirà opportuno. Gli appunti personali siano bruciati. Chiedo che su questo vigili don Stanislao, che ringrazio per la collaborazione e l aiuto così prolungato negli anni e così comprensivo. Tutti gli altri ringraziamenti invece, li lascio nel cuore davanti a Dio stesso, perché è difficile esprimerli. Per quanto riguarda il funerale, ripeto le stesse disposizioni, che ha dato il Santo Padre Paolo VI. (qui nota al margine: il sepolcro nella terra, non in un sarcofago, ). Del luogo decida il Collegio Cardinalizio e i Connazionali. "apud Dominum misericordia et copiosa apud Eum redemptio" Roma, 6.III.1979 Giovanni Paolo pp. II Gli esercizi spirituali dell anno giubilare 2000 (12-18.III) [per il testamento] 1. Quando nel giorno 16 ottobre 1978 il conclave dei cardinali scelse Giovanni Paolo II, il Primate della Polonia Card. Stefan Wyszyński mi disse: "Il compito del nuovo papa sarà di introdurre la Chiesa nel Terzo Millennio". Non so se ripeto esattamente la frase, ma almeno tale era il senso di ciò che allora sentii. Lo disse l Uomo che è passato alla storia come Primate del Millennio. Un grande Primate. Sono stato testimone della sua missione, del Suo totale affidamento. Delle Sue lotte: della Sua vittoria. "La vittoria, quando avverrà, sarà una vittoria mediante Maria" queste parole del suo Predecessore, il card. August Hlond, soleva ripetere il Primate del Millennio. 4

5 In questo modo sono stato in qualche maniera preparato al compito che il giorno 16 ottobre 1978 si è presentato davanti a me. Nel momento in cui scrivo queste parole, l Anno giubilare del 2000 è già una realtà in atto. La notte del 24 dicembre 1999 è stata aperta la simbolica Porta del Grande Giubileo nella Basilica di San Pietro, in seguito quella di San Giovanni in Laterano, poi di Santa Maria Maggiore a capodanno, e il giorno 19 gennaio la Porta della Basilica di San Paolo "fuori le mura". Quest ultimo avvenimento, per via del suo carattere ecumenico, è restato impresso nella memoria in modo particolare. 2. A misura che l Anno Giubilare 2000 va avanti, di giorno in giorno si chiude dietro di noi il secolo ventesimo e si apre il secolo ventunesimo. Secondo i disegni della Provvidenza mi è stato dato di vivere nel difficile secolo che se ne sta andando nel passato, e ora nell anno in cui l età della mia vita giunge agli anni ottanta ("octogesima adveniens"), bisogna domandarsi se non sia il tempo di ripetere con il biblico Simeone "Nunc dimittis". Nel giorno del 13 maggio 1981, il giorno dell attentato al Papa durante l udienza generale in Piazza San Pietro, la Divina Provvidenza mi ha salvato in modo miracoloso dalla morte. Colui che è unico Signore della vita e della morte Lui stesso mi ha prolungato questa vita, in un certo modo me l ha donata di nuovo. Da questo momento essa ancora di più appartiene a Lui. Spero che Egli mi aiuterà a riconoscere fino a quando devo continuare questo servizio, al quale mi ha chiamato nel giorno 16 ottobre Gli chiedo di volermi richiamare quando Egli stesso vorrà. "Nella vita e nella morte apparteniamo al Signore siamo del Signore" (cf. Rm 14, 8). Spero anche che fino a quando mi sarà donato di compiere il servizio Petrino nella Chiesa, la Misericordia di Dio voglia prestarmi le forze necessarie per questo servizio. 3. Come ogni anno durante gli esercizi spirituali ho letto il mio testamento del 6.III Continuo a mantenere le disposizioni contenute in esso. Quello che allora, e anche durante i successivi esercizi spirituali è stato aggiunto costituisce un riflesso della difficile e tesa situazione generale, che ha marcato gli anni ottanta. Dall autunno dell anno 1989 questa situazione è cambiata. L ultimo decennio del secolo passato è stato libero dalle precedenti tensioni; ciò non significa che non abbia portato con sé nuovi problemi e difficoltà. In modo particolare sia lode alla Provvidenza Divina per questo, che il periodo della così detta "guerra fredda" è finito senza il violento conflitto nucleare, di cui pesava sul mondo il pericolo nel periodo precedente. 4. Stando sulla soglia del terzo millennio "in medio Ecclesiae", desidero ancora una volta esprimere gratitudine allo Spirito Santo per il grande dono del Concilio Vaticano II, al quale insieme con l intera Chiesa e soprattutto con l intero episcopato mi sento debitore. Sono convinto che ancora a lungo sarà dato alle nuove generazioni di attingere alle ricchezze che questo Concilio del XX secolo ci ha elargito. Come vescovo che ha partecipato all evento conciliare dal primo all ultimo giorno, desidero affidare questo grande patrimonio a tutti coloro che sono e saranno in futuro chiamati a realizzarlo. Per parte mia ringrazio l eterno Pastore che mi ha permesso di servire questa grandissima causa nel corso di tutti gli anni del mio pontificato. "In medio Ecclesiae" dai primi anni del servizio vescovile appunto grazie al Concilio mi è stato dato di sperimentare la fraterna comunione dell Episcopato. Come sacerdote dell Arcidiocesi di Cracovia avevo sperimentato che cosa fosse la fraterna comunione del presbiterio il Concilio ha aperto una nuova dimensione di questa esperienza. 5. Quante persone dovrei qui elencare! Probabilmente il Signore Dio ha chiamato a Sé la maggioranza di esse quanto a coloro che ancora si trovano da questa parte, le parole di questo testamento li ricordino, tutti e dappertutto, dovunque si trovino. 5

6 Nel corso di più di vent anni da cui svolgo il servizio Petrino "in medio Ecclesiae" ho sperimentato la benevola e quanto mai feconda collaborazione di tanti Cardinali, Arcivescovi e Vescovi, tanti sacerdoti, tante persone consacrate Fratelli e Sorelle infine di tantissime persone laiche, nell ambiente curiale, nel Vicariato della Diocesi di Roma, nonché fuori di questi ambienti. Come non abbracciare con grata memoria tutti gli Episcopati nel mondo, con i quali mi sono incontrato nel succedersi delle visite "ad limina Apostolorum"! Come non ricordare anche tanti Fratelli cristiani non cattolici! E il rabbino di Roma e così numerosi rappresentanti delle religioni non cristiane! E quanti rappresentanti del mondo della cultura, della scienza, della politica, dei mezzi di comunicazione sociale! 6. A misura che si avvicina il limite della mia vita terrena ritorno con la memoria all inizio, ai miei Genitori, al Fratello e alla Sorella (che non ho conosciuto, perché morì prima della mia nascita), alla parrocchia di Wadowice, dove sono stato battezzato, a quella città del mio amore, ai coetanei, compagne e compagni della scuola elementare, del ginnasio, dell università, fino ai tempi dell occupazione, quando lavorai come operaio, e in seguito alla parrocchia di Niegowię, a quella cracoviana di S. Floriano, alla pastorale degli accademici, all ambiente a tutti gli ambienti a Cracovia e a Roma alle persone che in modo speciale mi sono state affidate dal Signore. A tutti voglio dire uno sola cosa: "Dio vi ricompensi" "In manus Tuas, Domine, commendo spiritum meum" A.D. 17.III.2000 Domenica 8 maggio 2005 Alla S. Messa delle ore 10,30 FESTEGGIAMO: - gli anniversari di matrimonio - i bambini e le bambine che hanno ricevuto il Battesimo in parrocchia nell anno e anche tutte le mamme Coloro che intendono festeggiare un significativo anniversario di matrimonio, sono pregati di comunicare la propria partecipazione ai sacerdoti della parrocchia, direttamente in sacrestia entro lunedì 2 maggio. 6

7 Ecco, le opere di assedio hanno raggiunto la città per occuparla; la città sarà data in mano ai Caldei che l'assediano con la spada, la fame e la peste. Ciò che tu avevi detto avviene; ecco, tu lo vedi. E tu, Signore Dio, mi dici: Comprati il campo con denaro e chiama i testimoni, mentre la città sarà messa in mano ai Caldei. (Ger 32, 24-25) Chi gioca in Borsa ben lo sa: la bravura (o la fortuna) è quella di indovinare cosa capiterà domani, anche e soprattutto se tutti pensano il contrario! E così Geremia riceve un ordine dal Signore: comprare un campo mentre la città viene messa a ferro e fuoco dai nemici. Segno di speranza, di ricostruzione, di pace, quando nessuno ci spera più! Non voglio occuparmi di Borsa e non siamo assediati dai nemici Ma chi indovina quale campo dobbiamo comprare oggi?! Sono stato in Georgia (ex Urss), in passato sono stato anche in Zambia ed in Brasile ormai mi è chiaro che basta mettere il naso fuori dal nostro orticello per capire che il mondo è da un altra parte! Noi continuiamo a vivere pensando di essere il centro dell universo, ma siamo un piccolo angolino della terra dove - per caso o per fortuna - si vive ancora bene, ma l 80% dell umanità vive in ben altro modo! E certamente la famosa globalizzazione diventerà la globalizzazione della miseria se i ricchi continueranno ad illudersi di poter sfruttare all infinito i poveri! Ci saranno enormi mutamenti economici e paesi interi che fino ad un certo momento vivevano bene, all improvviso si troveranno a terra. Alla Georgia è successo! Se guardiamo, dunque, alla situazione socio-politica-economica mondiale quale sarà il campo da comprare?! Morto un Papa se ne fa un altro dice il proverbio, ma certo è che anche questo lutto crea insicurezza negli animi. Ma - grazie a Dio! - almeno in questo, abbiamo la buona consapevolezza che è lo Spirito santo ad occuparsi del futuro: spesso infatti si è verificato l altro proverbio: chi entra in conclave papa esce cardinale! Non diamo troppo peso, dunque, ai pronostici della stampa e chiediamo al Signore un Papa santo, che guidi la sua Chiesa alla santità! Che se poi fosse diverso da quello che ci ha lasciato vorrà dire che ci aiuterà a capire qualcosa di nuovo!!! Abbiamo celebrato la Pasqua: passaggio per eccellenza! Siamo un popolo chiamato a vivere ogni giorno un passaggio, chiamato a morire e a risorgere, a rinascere ed annunciare speranza Ma io - scusate se lo dico con così grande durezza e tristezza! - questo non lo vedo!!! Non vedo un popolo consapevole di dover morire ogni giorno, di dover abbandonare le sue certezze (e le sue effimere ricchezze!) pur di annunciare la risurrezione del Signore, unica nostra vita, gioia e ricchezza! Vedo più una Chiesa preoccupata di difendere il prestigio e l onore conquisato nel passato, di dimostrare visibilità e popolarità, di essere opinion leader senza rivali sulla faccia della terra! Parlo di San Martino! So di aver detto questa cosa dal primo giorno in cui sono arrivato, so di essere frainteso e non ascoltato fino ad oggi: qual è il futuro di San Martino?! Mese più mese meno, anno più anno meno, qui ci sarà un prete solo, e poi forse neanche quello! Ma ci sarà una comunità di cristiani credenti in Gesù morto e risorto?! Andiamo verso l estate e stiamo già pensando a tutte le attività che anche l anno scorso abbiamo fatto con grande successo: grest, gite e vacanze Ma esse sono espressione di una comunità viva ed attiva che ne è il soggetto, o sono le richieste di una comunità passiva che in qualche modo le esige dal prete (e da quei pochi che si sacrificano per tutti)? Ogni volta che qualcuno mi fa un complimento per quel che ho fatto, in realtà ne provo un profondo dispiacere: vorrei sentirmi dire l esatto contrario! Vorrei che mi si dicesse: grazie perché ora abbiamo imparato a camminare! Siamo contenti che ci sei, ma più ancora perché ora ci siamo noi!!! Siamo nel tempo pasquale: quale passaggio vive la comunità di San Martino?! E poi mi viene in mente che anche Gesù un giorno si è posto questa domanda: Ma il Figlio dell uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra? (Lc 18,8) Forse è questo il campo da comprare!!! don Lorenzo 7

8 E adesso che abbiamo visto? Dopo Pasqua (e dopo la laurea) mi sono presa una settimana di stacco e sono andata in Georgia con don Lorenzo e altri otto amici. Provo a sintetizzare la realtà di questa Repubblica indipendente dell ex Unione Sovietica situata tra i monti del Caucaso, nella quale i cattolici sono in netta minoranza rispetto agli ortodossi, con tre parole: povertà - fede - accoglienza. Povertà: il crollo del comunismo e la rottura politica con la Russia, hanno portato a una crisi economica di dimensioni nazionali per cui la povertà ha colpito la maggior parte della popolazione, creando situazioni quotidiane che ai nostri occhi producono un effetto da vero pugno nello stomaco. Non si tratta di una povertà dalla quale si cerca di uscire perché spinti da un progressivo sviluppo, bensì di una povertà nella quale la gente è piombata e dalla quale sembra non avere le forze, e forse neppure la mentalità, per uscirne a causa di un periodo prolungato di regime che, se ha garantito un certo benessere, non ha certo avviato a un autonomo e produttivo sviluppo. Senso di impotenza e rassegnazione, o utopistica riuscita di inserimento nella Comunità Europea rischiano di prendere il sopravvento. Alla povertà degli abitanti del luogo si aggiunge la miseria di molti profughi costretti a scappare da regioni limitrofe (Abahasia). E in questa situazione, i padri Stimmatini, le suore e la Caritas hanno dato vita a mense per i poveri, centri per giovani, una casa di accoglienza per bambini di strada, un consultorio familiare, una falegnameria, una pasticceriapanificio-pizzeria per dare lavoro in modo stabile, attività di ricamo per le donne, rivolgendosi indifferentemente a cattolici e ortodossi. Fede: ai settant anni di persecuzione esplicita da parte del regime comunista (anche nei confronti della chiesa ortodossa), ora la minoranza cattolica subisce la confisca delle proprie chiese da parte degli ortodossi che temono e l accusano di proselitismo. Nonostante queste prove la fede cattolica è forte e viva nelle comunità lì presenti, rianimate attorno all attività dei padri presenti da undici anni. La celebrazione dell eucaristia è sentita, la partecipazione al Consiglio Pastorale è espressione di una presenza responsabile e concreta alla vita della comunità, la carità diventa impellente forma per manifestare lo stile evangelico, indipendentemente dalle confessioni. Accoglienza: eravamo in dieci e siamo stati accolti dai padri con grande calore, anche per i rapporti di amicizia maturati da alcuni negli anni passati in Italia. Un accoglienza che è diventata ospitalità attenta e gioiosa anche nelle persone del posto; ma pure un accoglienza tutta pastorale, che p. Giuseppe Pasotto (sacerdote Stimmatino e Vescovo della capitale Tbilisi,) ci ha fatto respirare nella semplicità ma anche nella determinazione del suo ministero. Mi viene spontaneo dire Grazie Georgia! Nazione che forse non si sa neppure dove sia collocata geograficamente, popolazione che definiremmo indietro rispetto a un modello di progresso consumistico, chiesa di minoranza che non ha neppure un sacerdote per comunità.eppure in questa sua piccolezza credo ci abbia insegnato tanto su come e cosa voglia dire essere comunità: persone che hanno riscoperto la ragione della speranza che è in loro, che nonostante le contrarietà esterne non si nascondono o si arrestano ma proprio a partire dalla loro umanità sanno accogliere con gioia, condividendo quello che hanno (e spesso lì manca la luce, quindi il riscaldamento e l acqua) senza riserve, attenti a chi vive in situazioni di maggiore disagio, facendosene carico concretamente dando origine a forme nuove di aiuto. Forse si potrebbe, con tanta umiltà, incominciare almeno a ragionare insieme su cosa voglia dire, anche nella nostra realtà di Milano, vivere lo stesso stile di comunità che vive la fede, che accoglie e che condivide. Per questo sei invitato a una serata in cui, vedendo assieme le foto della Georgia, potremo non solo pensare se e come mantenere i contatti con quella realtà ma anche, e soprattutto, come crearne di nuovi nella nostra comunità!!! Ti aspettiamo allora Paola Calò 8

9 Villapizzone Milano ORGANIZZA in pullman UN PELLEGRINAGGIO AL SACRO MONTE DI VARALLO SANTUARIO MARIA ASSUNTA PROGRAMMA ORE 7.00 RITROVO IN P.za Villapizzone ORE 7.15 PARTENZA per VARALLO ORE 9.30 c/a arrivo a VARALLO ORE 9.45 in FUNIVIA per il SANTUARIO Tempo di percorrenza 2 minuti ORE incontro con la GUIDA Per visionare le CAPPELLE ORE SANTA MESSA ORE PRANZO Presso l Albergo del Pellegrino ORE SANTO ROSARIO Alla cripta della MADONNA dormiente ORE Ritrovo alla FUNIVIA per la discesa a Varallo Quindi partenza per Milano QUOTA DI ISCRIZIONE EURO LE ADESIONI SI RICEVONO PRESSO IL CENTRO SAN MARTINO O PRESSO LA BUONA STAMPA prima o dopo la SANTA MESSA CON LA QUOTA D ADESIONE (cinquanta posti disponibili) GUIDERA IL PELLEGRINAGGIO DON GIORGIO L organizzazione si ritiene sollevata da ogni responsabilità per eventuali danni o incidenti che dovessero derivare a cose o persone durante l effettuazione del Pellegrinaggio 9

10 CENTRO PARROCCHIALE SAN MARTINO e ASSOCIAZIONE VILLAPIZZONE VIVA MINI CINEFORUM - I CORTI CINE VIDEO (UNA SERATA DIVERSA, FUORI CASA) Proseguono gli incontri mensili del venerdì nei locali situati nel seminterrato della Canonica, durante i quali vengono proiettati una serie di video amatoriali, della durata complessiva di circa 50 minuti, a cui fanno seguito i commenti dei presenti del tutto liberi e spontanei in conseguenza alle sensazioni personali risvegliate dal messaggio oppure dai ricordi di situazioni vissute. Il prossimo incontro è programmato per venerdì 22 aprile e tratterà episodi e situazioni che hanno come protagonisti persone anziane. Verranno proposti i seguenti corti: - INCONTRO ( 3 minuti) : dopo tanti anni ci stavamo a guardare come in uno specchio, senza dirci quello che volevamo dire.. - VICINE ( 20 minuti ): due anziane vedove, vicine di casa, vivono assieme più che una accanto all altra pur appartenendo a due etnie diverse.. - IL MARE ( 4 minuti): un anziano porta nello stesso giorno di ogni anno il nipotino al mare, forse un modo per ricordare i suoi compagni morti in guerra. - SOLITUDINI (11 minuti): un pensionato legge sul giornale un annuncio che lo incuriosisce, che promette di cambiargli la vita - A PRESTO ( 12 minuti): lo strano incontro fra un padre ed un figlio che non si sono mai visti. Non si tratta probabilmente di opere da valutare in base al valore artistico, essendo più che altro prove tecniche da parte di persone non professioniste che sperimentano l uso dei moderni strumenti di ripresa e di montaggio; sono intesi soprattutto come veicoli in grado di stimolare qualche riflessione e che possono fornire lo spunto per parlare un po fra noi di cose della vita, senza bisogno di specialisti o esperti, aiutati dai messaggi che gli autori tentano di trasmettere con questo tipo di strumento mediatico. I video proiettati il 25 febbraio hanno trattato COSE DI CITTA (La quiete tremante 7 minuti - Un Eremo in vetrina 16 minuti - Milano Caput Mundi 10 minuti- Che fine ha fatto l Orfeo? 6 minuti - El Pissadur 4 minuti - Talpa Meccanica 9 minuti ) e quelli proiettati il 18 marzo hanno trattato il tema della SOLIDARIETA ( Il Dono 3 minuti - Mais 11 minuti - Sono tutti bravi 15 minuti - Siamo tutti clandestini 17 minuti - Una bella giornata 3 minuti). Forse la impostazione relativamente monografica rischia di penalizzare ulteriormente le già modeste concessioni al puro spettacolo, ma altre forme di selezione subirebbero l handicap di inevitabili confronti con i programmi TV fruibili senza bisogno di muoversi di casa. Ma favorire le riunioni e gli incontri fuori casa è uno degli obbiettivi cui teniamo, e per i quali abbiamo disponibili numerose e diversificate proposte nel caso si rilevi interesse e gradimento da parte di un adeguato numero di persone che non disdegnano di passare una serata in buona compagnia senza pretendere lo sballo. Speriamo di vederci. 10

11 ADDIO ATLETA DI DIO CAMPIONE DELLA FEDE A 84 anni, dopo oltre 26 di pontificato e infinite vicissitudini, il Papa polacco ha chiuso gli occhi per sempre accompagnato dalle preghiere del mondo. Ci rimarrà sempre impressa la sua passione per lo sport. E stato il primo Papa sportivo: canoista, calciatore, sciatore, nuotatore e amante della montagna. Un gigante, e non solo della chiesa, artefice di un passaggio epocale protagonista nel dialogo con le altre fedi. La lunga passione del buon Pastore è finita. Se ne va un Papa che ha scritto la storia degli ultimi 26 anni. Nessuno di noi potrà mai dimenticare quel 16 ottobre 1978 quando il giovane cardinale di Cracovia si affaccia in San Pietro con una grande emozione per essere il primo Pontefice non italiano dopo otre 400 anni, e quasi a volersene scusare dell inattesa nomina dice al mondo Se sbaglio mi corrigerete Erano le prime parole di un uomo che ha contribuito a cambiare le sorti del mondo. Rimarrà nella storia come l unico Pontefice con un autentico legame con il mondo dello sport. Da protagonista attivo o da stimolatore e difensore dei valori. Uno che negli stadi, nei velodromi e negli ippodromi si è sentito a casa: li ha trasformati in grandi cattedrali a cielo aperto per portare in ogni angolo del pianeta, e davanti alle telecamere, il messaggio della Chiesa Cattolica. Perché lo sport, quando è interpretato nella maniera giusta, svolge un ruolo fondamentale. Apre le porte più inaccessibili. Supera qualsiasi confine. Consente di stabilire relazioni tra uomini di diversa condizione. Fraternizza, abbatte i muri. Surroga la politica, quando essa non è capace di costruire un ponte tra popoli in conflitto. Quante volte abbiamo visto bambini rincorrersi tra le macerie di una città distrutta dalle bombe e dare calci a fogli di carta trasformati in un pallone. Papa Wojtyla ha colto questo segnale. Sapeva che la contesa sportiva poteva dare equilibrio dove equilibrio non c era. Difendeva questi valori. Sempre. Il ricordo corre al Giubileo degli sportivi celebrato il 29 ottobre 2000, Papa Giovanni Paolo II inizia la sua omelia, ricordando un passo tratto dalla prima lettera di San Pietro ai Corinzi: Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! Il Pontefice poi saluta e ringrazia i responsabili delle istituzioni sportive, gli atleti, tutti raccolti nello stadio olimpico di Roma A tutti voi, carissimi atleti e sportivi di ogni parte del mondo, rivolgo il mio saluto caloroso! mentre vi contemplo raccolti in questo stadio, mi ritornano alla mente molti ricordi della mia vita legati a esperienze sportive. Il mondo dello sport si unisce, per esprimere con la preghiera, il canto, il gioco, il movimento un inno di lode e di ringraziamento al signore, per rendere grazie a Dio per il dono dello sport, in cui l uomo esercita il corpo, l intelligenza, la volontà, altrettanti doni del suo Creatore, per un occasione di incontro e di dialogo, che rivela la grande importanza dello sport, diffuso in ogni angolo del mondo, in grado di superare le diversità culturali e nazionali. Possa questa verifica offrire a tutti dirigenti, tecnici e atleti l occasione per ritrovare un nuovo slancio creativo e propulsivo per rispondere alle esigenze dei nostri tempi: desidero vivamente esortare, con rinnovata speranza, a promuovere uno sport che tuteli e non escluda nessuno, che liberi i giovani dalle insidie dell apatia e dell indifferenza, e susciti in loro un sano agonismo; per l emancipazione dei paesi più poveri e per cancellare l intolleranza, costruendo un mondo più fraterno e solidale, contribuendo a far amare la vita, e che educhi al sacrificio, al rispetto e alla responsabilità, valorizzando ogni persona umana. Per riuscire nella vita bisogna perseverare nella fatica. Chi pratica lo sport questo lo sa bene: è solo a prezzo di faticosi allenamenti che si ottengono risultati significativi; questa è la logica dello sport ed è anche la logica della vita, senza sacrifici non si ottengono risultati importanti, né soddisfazioni. Dio ci insegna che per entrare nella gloria bisogna passare attraverso la passione. Anche chi, come l atleta, è nel pieno delle sue forze, riconosce che senza di Te, o Cristo, è interiormente come cieco, incapace di conoscere la piena verità. Anche il più grande campione, davanti alle domande fondamentali dell esistenza, si scopre indifeso e ha bisogno della tua luce per vincere le sfide. Signore Gesù Cristo, aiuta questi atleti ad essere tuoi amici e testimoni del tuo amore, con lo stesso impegno che mettono nello sport, realizzando una armonica coerente unità di corpo e di anima. Possano essere, per quanti li ammirano, validi modelli da imitare. Aiutali a essere sempre atleti dello spirito per ottenere il tuo inestimabile premio: una corona che non appassisce e che dura in eterno. Amen Ora che tutto è finito, ora che tutte le piazze del mondo si sono svuotate dopo l ultimo saluto e il Papa più grande riposa, come lui voleva, nella terra nuda, e il tempo riprende a scandire le ore della propria normalità: arrivederci... grande Karol. Sei stato il Papa, e sarà difficile ora per noi abituarsi al fatto che fisicamente non ci sei più.... Ma tutte le volte che il tuo ricordo busserà nei nostri cuori, e avremo immensa nostalgia di te, Tu sarai ancora con noi. Non ti dimenticheremo mai. Franco Virivè 11

Ë TESTAMENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II (TRADU- ZIONE ITALIANA)

Ë TESTAMENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II (TRADU- ZIONE ITALIANA) Giovedì, 07.04.2005 N. 0198 Pubblicazione: Immediata Sommario: Ë TESTAMENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II (TRADUZIONE ITALIANA) Ë TESTAMENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II (TRADU- ZIONE ITALIANA)

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE Competenze in uscita per la classe prima U.A. : Io con gli altri U.A. :Il mondo, dono di Dio. O.S.A. Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini (Conoscenza) O.S.A. Scoprire

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

ISCRIZIONE AL CATECHISMO 2014/2015:

ISCRIZIONE AL CATECHISMO 2014/2015: COMUNITÀ PASTORALE MARIA MADRE DELLA SPERANZA, SAMARATE Incontro con i genitori all inizio dell anno oratoriano 2014/2015 Carissimi genitori, all inizio di questo nuovo anno ci lasciamo guidare dalle parole

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO PROPOSTA PER UN ADORAZIONE EUCARISTICA DI UN ORA* 1 SETTEMBRE 2015 * Prepared by Pontifical Council for Justice and Peace, translated by Franca Silvestri

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli