ASSESSORATO ALLO SPORT E POSTOLIMPICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSESSORATO ALLO SPORT E POSTOLIMPICO"

Transcript

1 ASSESSORATO ALLO SPORT E POSTOLIMPICO POLITICHE DI PROMOZIONE SPORTIVA PIANO ANNUALE

2 INDICE PREMESSA PG. 3 IL RUOLO DELLA PROVINCIA PG. 5 OBIETTIVI PG. 8 I PROGETTI PG. 9 MANIFESTAZIONE PASPORT PG. 10 PROMUOVITI CON PASPORT PG. 12 GRAN PREMIO SPORTIVO SCOLASTICO PG. 14 ABCxSPORT PG. 16 PICCOLOGRANDE SPORT PG. 18 ADOTTIAMO UN CAMPIONE PG. 20 ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PG. 23 LE COLLABORAZIONI PG. 25 NEWSLETTER PG. 29 SINTESI CALENDARIO PG. 30 SINTESI RISORSE PG. 31 ALLEGATO A) REGOLAMENTO PREMIACOMUNI - PASPORT 2012 ALLEGATO B) REGOLAMENTO PROMUOVITI CON PASPORT ALLEGATO C) REGOLAMENTO G.P. SPORTIVO SCOLASTICO ALLEGATO D) REGOLAMENTO ABCxSPORT ALLEGATO E) REGOLAMENTO PICCOLOGRANDE SPORT ALLEGATO F) AVVISO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO G) ACCORDO DI COLLABORAZIONE CON A.I.FI. LA SCHIENA VA A SCUOLA 2

3 PREMESSA Lo sviluppo dei temi connessi allo Sport è certamente uno dei processi innovativi degli ultimi anni. Tutto ciò è ben evidente nella comunicazione mediatica, ma lo è ancor di più valutando quanto lo sport si è sviluppato sul territorio, nella dimensione locale e di area vasta. Questa evoluzione riguarda anzitutto gli aspetti culturali, sociali e di socialità dello Sport, ma investe anche gli aspetti economici, occupazionali e finanziari pubblici e privati. La rete di attività, esperienze e soggetti investe istituzioni centrali, regionali e locali, organismi di settore, professionisti, dilettanti, centri di ricerca e, soprattutto, milioni di persone in qualità di praticanti, lavoratori, tifosi, utenti e consumatori. Le crescenti responsabilità sociali e collettive, rispetto alla dinamicità delle trasformazioni del fenomeno sportivo moderno, hanno pertanto sollecitato la Provincia a sistematizzare i propri interventi in una quadro più complessivo. In questi anni la crescita della pratica e della partecipazione della popolazione allo sport, sia come pratica sportiva e attività motoria in senso proprio, sia come attenzione e coinvolgimento diretto nello spettacolo offerto da numerose discipline sportive, pone lo Sport come un catalizzatore di fenomeni sociali. Gli indicatori a livello europeo fanno emergere una pratica che raggiunge circa il 50% medio di tutta la popolazione. In Italia, secondo i dati desunti dalle indagini campionarie disponibili, si è in presenza di una pratica e partecipazione (sportiva e motoria) che coinvolge circa 30 milioni di persone. Le principali motivazioni che favoriscono tale diffusione e l interesse sociale per lo Sport sono da collegarsi: 1. Alla trasformazione degli stili di vita e di consumo delle famiglie, 2. All ingresso nella pratica sportiva di fasce sociali a lungo al di fuori (le donne, gli anziani, gli adulti, i portatori di handicap); 3. All attenzione per la promozione della salute, per la cura del corpo, per le relazioni tra salute, pratica sportiva e ambientenatura; 4. Alla crescente percezione dello Sport, e dei principi di lealtà della pratica sportiva, come pratica educativa, fondamentale per i giovani e per tutta la società; 5. Allo sport che ha assunto un crescente valore universale, per il rispetto dei diritti umani e per la solidarietà; 6. Alle maggiori disponibilità per l insieme della popolazione a praticare delle attività; 7. Alla diffusione dell associazionismo e del volontariato in materia di promozione sportiva; 8. Alle correlazioni tra Sport e mass-media, in particolare la televisione che amplia a dismisura il mercato della comunicazione sportiva. In sostanza si deve convenire sul fatto che lo Sport non è più, come è stato tra gli anni cinquanta e settanta, solo un ambito tipico e limitato - per lo più agli interessati all attività agonistica, professionistica e non - ma ha assunto un carattere sociale molto più vasto e pervasivo, con conseguenze importanti per tutta la vita sociale. 3

4 Di fronte al crescente rilievo del fenomeno sportivo vanno ripensate nuove politiche pubbliche nazionali, anche con riferimento alla dimensione sovranazionale e territoriale, alla luce delle quali occorre prevedere le necessarie risorse finanziarie. Occorre riflettere sulle sfide e le tendenze evolutive del sistema sportivo secondo assi strategici volti ad accompagnare i processi in atto seguendo un modello sportivo nazionale adeguato ai cambiamenti istituzionali e organizzativi avvenuti, alla qualità e diffusione della domanda e alla dinamicità dei mercati. La molteplicità delle problematiche aperte richiede di procedere a partire da tre principali aspetti qui di seguito considerati. In primo luogo appare necessaria una ridefinizione del quadro funzionale e ordinamentale del fenomeno sportivo orientata alla distinzione e riconoscimento dei ruoli e delle funzioni diversi ma collegati dei vari livelli di governo (centrale e territoriali), e di responsabilità (pubblica e non), nonché mirata a valorizzare l apporto di molteplici Attori istituzionali, associativi e operativi (compresi gli utenti-consumatori). In secondo luogo, in un momento di ripensamento delle politiche sociali occorre rivalutare lo Sport, per la componente etica e morale, come fattore capace di influenzare i comportamenti individuali e collettivi, i modelli di vita e le prospettive della società in termini di civiltà. E pertanto compito delle Istituzioni rilanciare i valori olimpici dello Sport e la sua funzione sociale, educativa e formativa attraverso un programma coordinato che veda soprattutto la scuola impegnata nella predisposizione e conduzione di piani didattici che pongano con il giusto rilievo l attività sportiva. E inoltre di fondamentale importanza un ripensamento del sistema di finanziamento volto alla ricerca di un equilibrio sostenibile orientato alla valorizzazione dello Sport olimpico e allo Sport sociale. Un piano di azione che attraverso la diversificazione degli strumenti, possa riavviare e ricollocare nel settore risorse pubbliche e private attraverso interventi: fiscali, sulle tariffe, sull offerta di servizi, di rilancio delle sponsorizzazioni, della capacità progettuale e di gestione. 4

5 IL RUOLO DELLA PROVINCIA Il ruolo strategico che le province italiane potrebbero assumere nel contesto istituzionale sul fronte sportivo è una tappa fondamentale nel percorso di crescita e razionalizzazione delle politiche pubbliche sportive. Come noto, la modifica del Titolo V della Costituzione, in base alle disposizioni introdotte dalla Legge N. 3 del 18 ottobre 2001, ha inserito l Ordinamento sportivo tra le materie di legislazione concorrente, individuando nelle Regioni i Soggetti istituzionali deputati ad esercitare numerose competenze in ambito sportivo. Lo Stato, mantenendo in capo a sé la vigilanza sul sistema dello sport agonistico, attraverso il controllo del CONI e il finanziamento all Istituto per il Credito Sportivo, ha assegnato alle Regioni la possibilità di esercitare la potestà legislativa nell ambito dei principi fondamentali della materia determinati con legge quadro dello Stato ovvero, in caso di assenza di tale legge, nell ambito dei principi desumibili dalle leggi statali in vigore. Nelle regioni che ancora non hanno provveduto a disciplinare il conferimento di competenze alle province, come nel nostro caso, si continua ad operare in base all ormai cristallizzato princìpio di sussidiarietà che consente alle Province di essere un punto di riferimento primario, nel quadro delle competenze istituzionali a livello territoriale, anche nel settore di riferimento. In carenza di legislazione appropriata, la Provincia di Torino ha sviluppato la propria attività in larga parte attingendo a risorse proprie, confrontandosi con quattro grandi tematiche: La promozione dello sport; Il sostegno all impiantistica sportiva; L organizzazione di grandi eventi sportivi; La consulenza specialistica nei confronti degli operatori sportivi a livello locale. Quelle che rilevano in questa sede sono le azioni connesse alla promozione sportiva mentre le altre trovano specifica trattazione negli atti programmatori e pianificatori ad essi dedicati. Le AZIONI PROMOZIONALI si sviluppano da una riflessione di carattere generale: lo sport come fenomeno di massa è oggi radicato nel nostro tessuto economico e sociale, costituisce parte integrante dello stile di vita e dei comportamenti individuali di 5

6 un numero sempre crescente di cittadini e riveste una funzione sociale ed educativa che l Unione Europea ha più volte sottolineato riconoscendo nella pratica fisico-sportiva un diritto individuale che deve essere garantito a tutti e ponendo il sistema di valori che lo sport rappresenta al centro delle proprie politiche di welfare. E assolutamente necessario sostenere il ruolo che lo sport esercita nelle formazione e nell educazione dei cittadini, in particolare dei giovani, incoraggiando il settore educativo e le organizzazioni sportive a cooperare per sfruttare le funzioni di educazione e di integrazione sociale dello sport, sottolineando l importanza delle attività di volontariato nello sport e nell ambito dell istruzione non formale e incoraggiando le scuole ad attribuire una maggiore importanza alle attività sportive nei programmi e negli scambi scolastici. L attenzione provinciale si concentra, quindi, verso il mondo sportivo dilettantistico ed amatoriale, competitivo o meno, ma che si legittima comunque sempre in base ad un sistema di valori che privilegiano l'etica della partecipazione a quella del risultato propria invece dello sport di vertice. In questa prospettiva ha assunto grande rilievo il modello dello Sport di base, che comprende in sé tutte le forme di pratica che non siano lo sport di prestazione d'alto livello e rappresenta un punto di svolta nel processo di evoluzione della pratica sportiva. Partendo da tale ottica ed individuando nel MIUR-Direzione scolastica regionale nonché nell Ufficio Scolastico Provinciale il soggetto istituzionale per eccellenza con il quale attivare i progetti promozionali aventi i contenuti sopra cennati, la Provincia ha sviluppato efficaci iniziative che verranno esaminate nei successivi paragrafi. Tutto quanto verrà segnalato, tralasciando altre iniziative minori, permane inserito in un contesto nel quale le iniziative provinciali si determinano più in base alla singola volontà e sensibilità politica che ad un quadro normativo che imponga determinate azioni sostenendole anche finanziariamente. Mancando il quadro di contesto, si sviluppa il rischio di promuovere iniziative con caratteristiche simili a quelle di altri soggetti pubblici e, soprattutto, il rischio di far perdere efficacia alle azioni progettuali a causa del mancato coordinamento degli interventi tra i molteplici attori, moltiplicando il grado di confusione. Pare del tutto evidente, anche alla luce del nuovo assetto costituzionale, che le Regioni debbano provvedere, laddove non l hanno ancora fatto, a dare un ruolo preciso e normativamente cristallizzato alle province nel settore sport. Da alcuni anni la Provincia di Torino sollecita la Regione Piemonte nell ottica di rivedere il sistema della distribuzione delle competenze in tema di sport e, quindi, di modificare profondamente l attuale normativa incardinata nella L.R. 93/95. Il presente Piano, analogamente a quanto previsto dal Piano annuale 2012 per l impiantistica sportiva, si propone di riproporre il tema seguendo alcune direttrici fondamentali: 6

7 Emerge chiara la necessità di allineare il nostro territorio alle esperienze di altre regioni che da tempo hanno provveduto a conferire competenze agli Enti Locali con successo, soprattutto con riferimento alla necessità di pianificare gli interventi e realizzarli per mezzo delle Pubbliche Amministrazioni più vicine alle esigenze dei cittadini e meglio in grado di farle emergere (Province e Comuni in particolare). Appare vieppiù opportuno sfruttare l occasione per adeguare il tessuto normativo regionale agli adempimenti imposti dalla legge nazionale (ex art. 90, comma 25, della L. 27 dicembre 2002, n 289) che recita Le regioni di sciplinano, con propria legge, le modalità di affidamento, con riguardo al sistema di gestione degli impianti sportivi pubblici. Occorre riconoscere il ruolo strategico e insostituibile degli Enti Locali nella pianificazione e gestione delle risorse necessarie a promuovere e sviluppare l attività sportiva, nei modi e nelle forme previste dalla presente legge. Bisogna sostenere l associazionismo sportivo in tutte le espressioni organizzate riconosciute, con il coinvolgimento degli Enti Locali, integrando quelle turistiche, culturali, educative ed economiche. Si deve incentivare, in collaborazione con le istituzioni scolastiche, la diffusione delle attività sportive anche mediante l utilizzo dei locali e delle attrezzature in orario extrascolastico, tenuto conto delle funzioni attribuite dalle norme di legge agli enti locali, nonché l esercizio di pratiche sportive diversificate negli orari destinati all educazione fisica, mediante appositi stanziamenti annuali di fondi da assegnare agli Enti Locali ed al sistema sportivo. In concorso con il C.O.N.I., le province, provvedono a censire, monitorare ed individuare le tipologie di figure professionali attualmente esistenti ed operanti sul territorio piemontese in base a competenze, caratteristiche e profili. Il risultato di tale analisi e trasmesso al ministero competente affinché quest ultimo abbia idonei strumenti utili alla definizione, per via legislativa, delle professioni sportive sul territorio nazionale. Delegare alle Province la programmazione degli interventi, con la cooperazione tra enti locali, trasferendo i fondi regionali finalizzati al mantenimento, adeguamento e messa in sicurezza degli impianti sportivi esistenti, alla promozione sportiva ed al sostegno dell attività degli sportelli sport. Il presente Piano individua nell U.P.P. il corretto interlocutore per riunire le province piemontesi e produrre un testo di legge condiviso da proporre alla Regione. 7

8 OBIETTIVI Il presente paragrafo del Piano 2012 intende individuare i principali macro-obiettivi che vengono poi analiticamente declinati nei singoli progetti descritti nei successivi paragrafi. 1. PROMOZIONE DELLA PRATICA MOTORIA Alcuni progetti provinciali mirano espressamente al coinvolgimento delle fasce più giovani della popolazione con l intento di invogliarle a praticare discipline sportive in una successiva fase della loro crescita ponendo invece ora le basi per una corretta pratica motoria incentivando la conoscenza del proprio corpo. 2. DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLE DISCIPLINE SPORTIVE Tale obiettivo intende sviluppare il primo approccio verso nuove discipline sportive al fine di diversificare l attività sportiva ed arricchire la platea di attività praticabili dalla popolazione. 3. SOSTEGNO ALL ATTIVITA SPORTIVA SCOLASTICA Tutti i progetti provinciali sono realizzati con il coinvolgimento del sistema scolastico e alcuni mirano a sostenere le attività agonistiche organizzate dalle scuole ma in un ottica non di tipica ed esasperata competizione bensì con la volontà di fare emergere i valori cardine insiti nella pratica sportiva. 4. SOSTEGNO ALL ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO DILETTANTISTICO Le iniziative provinciali sono spesso realizzate con la collaborazione della a.s.d. e la possibilità di sostenerne l attività in ambito scolastico nonché di farsi conoscere rispetto alle attività che propongono sono utili strumenti promozionali per loro e lo sport nel suo insieme. 5. CONTRIBUTO AL SISTEMA AGONISTICO LOCALE La borsa di studio mira a sostenere ed incentivare l attività sportiva agonistica giovanile al fine di conciliare l attività di studio con la pratica sportiva agonistica, sia per i normodotati che per i diversamente abili. 8

9 I PROGETTI Nei successivi paragrafi del Piano verranno analizzati i singoli progetti che qui vengono riassunti rispetto al contesto e connessi agli obiettivi sopra individuati come da tabella: PROGETTO OBIETTIVI TARGET EVENTO O MESE CONCLUSIONE 1 X X X X X X X X X X Manifestazioni Settembre 2 X X X X Premiazione Giugno 3 X X X Premiazione Ottobre 4 X X X X X Premiazione Novembre 5 X X X X X Premiazione Settembre 6 X X X X X Premiazione Giugno/Settem 7 X X X X X X Contributo Settembre 8 X X X X Premiazione Dicembre 9 X X X X X X X X Premiazione Dicembre 10 X X X Manifestazione Aprile 11 X X X X X X X X Manifestazioni Tutto l anno 12 X X X X X Manifestazione Giugno TOTALI Legenda: Progetti o Collaborazioni: 1 MANIFESTAZIONE PASPORT E CONCORSO PREMIACOMUNI; 2 CONCORSO PROMUOVITI CON PASPORT; 3 G.P. SPORTIVO-SCOLASTICO; 4 ABCxSPORT; 5 PICCOLOGRANDE SPORT; 6 ADOTTIAMO UN CAMPIONE; 7 SOSTEGNO ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; 8 GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI; 9 G.P. FIDAL-PROVINCIA DI TORINO; 10. LA SCHIENA VA A SCUOLA; 11 SOSTEGNO EVENTI SPORTIVI LOCALI; 12 SCUOLA BOCCE PETANQUE. Obiettivi: 1 PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA; 2 DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLE DISCIPLINE SPORTIVE; 3 SOSTEGNO ALL ATTIVITA SPORTIVA SCOLASTICA; 4 SOSTEGNO ALLE A.S.D.; 5 CONTRIBUTO AL SISTEMA AGONISTICO LOCALE. Target: 1 SCUOLA INFANZIA; 2 SCUOLA ELEMENTARE; 3 SCUOLA MEDIA; 4 SCUOLA SUPERIORE; 5 UNIVERSITA ; 6 ADULTI. Evento: da intendersi come momento di sintesi del progetto. Mese: indicativamente periodo nel quale si terrà l evento. Dal prospetto di cui sopra conseguono alcune osservazioni di carattere generale: 1. I macro obiettivi più perseguiti sono quello rappresentato dal sostegno all attività sportiva scolastica e quello rappresentato dalla promozione della pratica sportiva subito seguiti dal sostegno alle a.s.d.; tutto ciò in coerenza con le direttrici cardine del mandato politico assessorile, ovvero il target scolastico unito ad una sempre maggiore promozione dello sport aiutando il sistema sportivo dilettantistico. 2. Il macro obiettivo meno perseguito è quello legato al sistema agonistico locale di competenza di altre istituzioni ma qui sostenuto in una logica scolastica e di aiuto economico ai soggetti più deboli. 3. I target di riferimento sono rappresentati dagli studenti della scuola dell obbligo con incursioni anche nelle fasce d età appena precedenti e subito successive. 9

10 MANIFESTAZIONE PASPORT CONTENUTI Porte Aperte allo Sport per Tutti è stato ideato dall'assessorato allo Sport della Provincia di Torino nel 1998 con precise speranze e specifiche volontà: umanizzare lo sport, accantonare per un giorno le teorie di business per immergerlo nella sua dimensione ancestrale di benessere fisico e gioco, non privo di competizione ma distaccato dal concetto di risultato e record. L'obiettivo del progetto è quello di incentivare la pratica sportiva nei confronti di coloro che normalmente non praticano lo sport. In un periodo prestabilito e pubblicizzato dalla Provincia, viene data l'opportunità a chiunque di praticare gratuitamente una disciplina sportiva con l'assistenza di personale qualificato presso gli impianti sportivi dei comuni che fanno parte del territorio della provincia di Torino. Gli impianti sportivi vengono appositamente aperti per l'occasione. Le discipline variano dalle più comuni a quelle meno conosciute, fino agli sport estremi. La partecipazione dei Comuni che aprono gratuitamente le porte dei loro impianti, l'intervento propositivo e volontario delle Associazioni Sportive, la collaborazione del Coni, delle Federazioni e gli degli Enti di Promozione Sportiva, della Scuola, ha permesso in questi anni di avvicinare alla pratica sportiva cittadini di ogni età, di far conoscere le opportunità di pratica che ogni Comune può offrire favorendo la conoscenza della ricca proposta sportiva del nostro territorio provinciale, diffondendo uno stile di vita attivo. Quest anno, per la prima volta, la manifestazione si dipanerà per un mese intero e verrà spostata a settembre. Tale decisione persegue una duplice finalità: 1. offrire la possibilità ai Comuni aderenti di poter organizzare in una data confacente alle loro esigenze la manifestazione senza avere il vincolo di adeguarsi ad una data prestabilita; 2. offrire la possibilità al sistema sportivo locale di promuovere le proprie iniziative proprio nel mese coincidente con l avvio delle attività e dei corsi. La manifestazione sarà preceduta dal concorso per le scuole Promuoviti con Pasport, di cui al prossimo paragrafo, e dallo SPORTDAY, organizzato dal CONI il 3 giugno 2012 e che permetterà di lanciare PASPORT attraverso una promozione mirata nel comune sede dell evento. Inoltre, in sinergia con il progetto provinciale PiccoloGrande sport e con l occasione rappresentata dal fatto che il 2012 è anno olimpico, si promuoveranno iniziative presso i comuni con le scuole, tese ad organizzare mini olimpiadi anche riferibili ai c.d. giochi tradizionali di cui anche l Olimpiade nelle sue prime edizioni è stata felice testimone. A tale proposito elemento di novità, rispetto alle edizioni precedenti della manifestazione, è la possibilità data a tutti i Comuni che aderiranno all iniziativa di partecipare anche ad un concorso a premi denominato PREMIACOMUNI - PASPORT L aspirazione del concorso è quella di conferire un riconoscimento a quelle Amministrazioni Comunali che daranno la loro disponibilità ad organizzare sul proprio territorio un ulteriore momento di partecipazione e coinvolgimento della popolazione, ed in particolare degli alunni delle scuole, arricchendo le classiche attività sportive proposte abitualmente durante PASport con la riscoperta di attività ludico-sportive tradizionali. 10

11 OBIETTIVI PASport si connota per la volontà di perseguire i seguenti obiettivi, in via prioritaria: offrire l'opportunità di conoscere e di praticare le diverse discipline sportive disponibili sul territorio della Provincia di Torino; favorire la conoscenza della ricca proposta sportiva del nostro territorio provinciale; sostenere una pratica di turismo sportivo e ambientale abbinando, dove possibile, la giornata sportiva ad altre attività ricreative, di festa e di promozione della Città; adattare tutte le attività offerte a quanti non sono ancora praticanti e quindi proporle come pratica ricreativa, senza pretese tecnicistiche o agonistiche e diffondere uno stile di vita attivo in tutte le fasce di età; offrire a quanti si avvicineranno a provare gli sport, l'assistenza del personale delle associazioni o federazioni coinvolte, affinché vengano seguiti con attenzione e pazienza e traggano dalla giornata il maggior beneficio. ATTIVITA 1. Presentazione ai comuni della nuova edizione di Pasport; 2. Raccolta adesioni da parte dei Comuni; 3. Predisposizione dei programmi di attività; 4. Fornitura della copertura assicurativa; 5. Acquisto del materiale promozionale; 6. Ideazione e acquisto del materiale utile alla comunicazione dell evento; 7. Definizione dei rapporti con i partners istituzionali; 8. Definizione dei rapporti con i partners commerciali; 9. Organizzazione della distribuzione del materiale; 10. Organizzazione partecipazione istituzionale agli eventi. CALENDARIZZAZIONE EVENTO PERIODO Conferenza stampa MAGGIO SportDAY GIUGNO PASPORT SETTEMBRE BUDGET PREVISIONALE ATTIVITA RISORSE DISPONIBILI EVENTUALE IMPLEMENTAZIONE Materiale pubblicitario ,00 Gadget ,00 Assicurazione 5.000, ,00 Premi ai comuni , ,00 TOTALE , ,00 Le risorse disponibili sono quelle derivanti dall esercizio provvisorio 2012 al mese di febbraio. IL REGOLAMENTO DEL CONCORSO E ALLEGATO SOTTO A) AL PRESENTE PIANO. 11

12 PROMUOVITI CON PASPORT CONTENUTI Giunto quest anno alla sua XII edizione, PASport h a deciso di cambiare look prima di riproporsi al territorio, con l ambizione di attirare un numero sempre crescente di partecipanti e trasmettere così più capillarmente i valori e le buone pratiche dello sport. Per rinnovarsi ha pensato di andare a scuola e chiedere aiuto ai giovani studenti delle Scuole Secondarie di Primo e Secondo grado di Torino e provincia, rivolgendosi alla loro capacità di sognare e di idealizzare gli eventi e contando sull infinita fonte di fantasia ed immaginazione che le giovani menti riescono ancora creare. PASport stà cercando idee per promuoversi graficamente, e in particolare ha bisogno di: - una mascotte "portafortuna rappresentativa della manifestazione e legata al concetto di gruppo, di team e di collaborazione; - un nuovo slogan per la sua locandina, infatti ogni edizione di PASport è pubblicizzata con manifesti e volantini affissi e distribuiti sul territorio; - uno spot pubblicitario/promozionale che riassuma in poche scene il messaggio dell iniziativa. OBIETTIVI coinvolgere tutti gli studenti in un percorso creativo che si traduca in originali proposte artistiche al fine di valorizzare il lavoro delle scuole in un ottica di educazione ai valori positivi dello sport condivisi con una identità provinciale di appartenenza. promuovere e rendere visibile la manifestazione provinciale PASport nel proprio comune; favorire l avvicinamento e la conoscenza delle diverse discipline sportive dando una immagine dello sport quale momento ludico e non solo agonistico; utilizzare lo sport come occasione di aggregazione ed inclusione sociale; diffondere il messaggio di un approccio salutistico all attività motoria ; sensibilizzare i bambini ed i ragazzi sugli aspetti educativi e sociali dello sport, quale importante fattore di crescita e di arricchimento della personalità dell individuo e di tutela della salute, ma anche guardare allo sport come simbolo e veicolo di quegli stessi valori e principi che hanno ispirato l Unità d Italia: libertà, partecipazione, collaborazione, solidarietà, integrazione, lealtà, rispetto, legalità. 12

13 ATTIVITA 1. Ideazione regolamento e sua approvazione (allegato sotto A) al presente Piano); 2. Promozione nelle scuole; 3. Raccolta istanze; 4. Costituzione Commissione e relativi lavori; 5. Approvazione verbali commissione; 6. Approvazione assegnazione premi alle scuole; 7. Comunicazione esito istanza ai partecipanti; 8. Organizzazione cerimonia di premiazione; 9. Liquidazione premi. CALENDARIZZAZIONE EVENTO PERIODO Avvio concorso MARZO Lavori Commissione MAGGIO Comunicazione esito MAGGIO Cerimonia premiazione GIUGNO BUDGET PREVISIONALE ATTIVITA RISORSE DISPONIBILI Costo auditorium 400,00 Premi alle scuole 5.000,00 TOTALE 5.400,00 Le risorse disponibili sono quelle derivanti dall esercizio provvisorio 2012 al mese di febbraio. IL REGOLAMENTO E ALLEGATO SOTTO B) AL PRESENTE PIANO. 13

14 GRAN PREMIO SPORTIVO SCOLASTICO CONTENUTI La partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi, che rappresentano un percorso di avviamento alla pratica sportiva in diverse discipline, è di norma riservata agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado statali e non statali, regolarmente iscritti e frequentanti, che hanno costituito il Centro Sportivo Scolastico ed all'interno dello stesso promuovono le attività sportive individuali o a squadre dallo medesimo previste, attraverso lezioni in orario extracurricolare che abbiano carattere di continuità nell'anno scolastico e non siano legate esclusivamente a periodiche manifestazioni organizzate dagli organi competenti. Partecipano ai GSS tutti gli studenti senza esclusione alcuna, a condizione che abbiano frequentato regolarmente le ore di avviamento alla pratica sportiva scolastica; la partecipazione delle Istituzioni scolastiche è per rappresentative d'istituto. La Provincia di Torino è particolarmente sensibile all'esigenza di rafforzare il già stretto rapporto di collaborazione tra il mondo della scuola e le istituzioni pubbliche in materia di promozione della pratica sportiva ed in particolare promuove numerosi eventi finalizzati a favorire il contatto e la cooperazione tra il mondo della scuola e dei giovani con quello dello sport di base e dell'associazionismo sportivo. In tale ottica ha ritenuto opportuno, in riferimento alla predetta manifestazione, recuperare una lodevole iniziativa del CONI dedicata agli istituti scolastici (ex "Super Prestige") con lo scopo di offrire un riconoscimento particolare alle scuole secondarie di primo e secondo grado i cui allievi si sono particolarmente distinti nell'attività agonistica nell'ambito delle fasi Provinciali dei Giochi Sportivi Studenteschi. Quella di quest anno è la terza edizione del Gran Premio che, nelle edizioni precedenti, ha riscosso un grande successo in termini di partecipazione e di gradimento delle scuole. OBIETTIVI Stimolare la partecipazione ai GSS attraverso premi mirati alle istituzioni scolastiche; Riconoscere il ruolo fondamentale esercitato dagli insegnanti di educazione fisica nell ambito dei GSS; Valorizzare i risultati sportivi ottenuti dai singoli studenti in una logica di squadra scolastica; Alimentare i valori che lo sport offre in una logica competitiva ma senza le tipiche esasperazioni agonistiche. 14

15 ATTIVITA 1. Ideazione regolamento e sua approvazione (allegato sotto B) al presente Piano); 2. Promozione nelle scuole; 3. Raccolta risultati; 4. Collaborazione con l USR per la redazione delle graduatorie; 5. Acquisto materiale per la premiazione; 6. Approvazione graduatorie; 7. Comunicazione esito istanza ai partecipanti; 8. Organizzazione cerimonia di premiazione. CALENDARIZZAZIONE EVENTO PERIODO Avvio concorso MARZO Graduatorie GIUGNO Comunicazione esito GIUGNO Cerimonia premiazione OTTOBRE BUDGET PREVISIONALE ATTIVITA RISORSE DISPONIBILI EVENTUALE IMPLEMENTAZIONE Costo auditorium 400,00 400,00 Premi alle scuole 1.000, ,00 TOTALE 1.400, ,00 Le risorse disponibili sono quelle derivanti dall esercizio provvisorio 2012 al mese di febbraio. IL REGOLAMENTO E ALLEGATO SOTTO C) AL PRESENTE PIANO. 15

16 ABCxSPORT CONTENUTI Lo sviluppo delle capacità motorie dei bambini è un aspetto fondamentale del processo educativo, che va a collegarsi con l esigenza degli stessi bambini di divertirsi attraverso il gioco sviluppando, nel contempo, il rapporto tra conoscenza e libertà. Sempre più in questi ultimi anni, gli esperti hanno individuato la necessità di utilizzare metodologie ludico-polisportive, affinché si integri il bisogno del divertimento con lo sviluppo della motricità, alfine di assicurare uno sviluppo integrale della personalità. Si è inoltre evidenziato che un processo di educazione motoria e sportiva graduale, con caratteristiche di polisportività, accresce nei giovani il gusto della ricerca e del miglioramento, personale e di squadra, attraverso l accettazione di sé e degli altri dando impulso ad una forte socializzazione e solidarietà. E ormai ampiamente accertato che lo sport, oltre ad essere uno strumento educativo è un mezzo efficace per la prevenzione di patologie e per il mantenimento ed il potenziamento dello stato di salute degli individui. Congiuntamente con l Ufficio Provinciale di Educazione Fisica del M.I.U.R., la Regione Piemonte ed il C.O.N.I., valutata l attuale offerta di interventi nelle scuole elementari della provincia, si è rilevata l importanza di offrire opportunità più vaste di conoscenza e pratica dello sport attraverso l implementazione del progetto nazionale di alfabetizzazione motoria con la stipula di appositi protocolli d intesa per l a.s. 2009/2010 e 2010/2011. Si è dovuto prendere atto, peraltro, che il progetto citato non è in grado di soddisfare tutte le esigenze del nostro territorio per carenza di risorse finanziarie e che quindi risulta opportuno stimolare le scuole affinché promuovano autonomamente percorsi didattico-motori analoghi a quelli proposti a livello nazionale. Oltretutto per l anno scolastico 2011/2012 i plessi coinvolti dal progetto nazionale sul nostro territorio saranno soltanto 14 rispetto ai 47 dell anno passato stante la carenza di fondi a livello nazionale. Abbiamo quindi ritenuto necessario proporre alle scuole elementari della provincia, escluse dal progetto nazionale di alfabetizzazione motoria, un bando di concorso che consenta di premiare le iniziative più meritevoli e coerenti con il progetto predetto e che quest anno arriva alla sua seconda edizione dopo l enorme successo di partecipazione dello scorso anno. OBIETTIVI Stimolare progettualità analoghe a quella nazionale relativa all alfabetizzazione motoria; Promuovere l attività motoria nelle scuole; Premiare la continuità progettuale nel corso degli anni; Valorizzare gli istituti che hanno offerto i progetti gratuitamente ai loro allievi; Stimolare la presentazione di progetti organizzati con professionisti del settore sportivi (laureati SUISM); Premiare gli Istituti che hanno sviluppato progetti con monte ore significativo e coinvolgimento di un numero significativo di allievi. 16

17 ATTIVITA 1. Ideazione regolamento e sua approvazione (allegato sotto C) al presente Piano); 2. Promozione nelle scuole; 3. Raccolta istanze; 4. Eventuale acquisto materiale sportivo; 5. Costituzione Commissione e relativi lavori; 6. Approvazione verbali commissione; 7. Approvazione assegnazione premi alle scuole; 8. Comunicazione esito istanza ai partecipanti; 9. Organizzazione cerimonia di premiazione; 10. Liquidazione premi. CALENDARIZZAZIONE EVENTO PERIODO Avvio concorso MARZO Graduatorie LUGLIO Comunicazione esito SETTEMBRE Cerimonia premiazione NOVEMBRE BUDGET PREVISIONALE ATTIVITA RISORSE DISPONIBILI EVENTUALE IMPLEMENTAZIONE Costo auditorium 400,00 400,00 Eventuale Materiale sportivo ,00 Premi alle scuole , ,00 TOTALE , ,00 Le risorse disponibili sono quelle derivanti dall esercizio provvisorio 2012 al mese di febbraio. IL REGOLAMENTO E ALLEGATO SOTTO D) AL PRESENTE PIANO. 17

18 PICCOLOGRANDE SPORT CONTENUTI Un tempo i bambini erano molto creativi nei loro divertimenti: si costruivano da soli il loro materiale da gioco ed alcune volte inventavano i giochi prendendo spunto dalla realtà che li circondava. Per loro il gioco, non si basava sulla competizione, ma sul desiderio di stare insieme, un motivo che favoriva la socializzazione. Oggi i giochi sono già costruiti, basta solo comprarli, ed inoltre televisione e passatempi elettronici contribuiscono a limitare i rapporti con gli altri provocando maggior isolamento da parte dei bambini che, abilissimi coi videogiochi, non sanno più come si fa a giocare in gruppo e all aperto (la loro ludicità si esprime a spintoni, a strattoni, non sanno organizzarsi da soli, hanno sempre bisogno di un adulto che li diriga ). Per riscoprire che giocare è un modo per stare insieme e divertirsi l Assessorato allo Sport e Post Olimpico della Provincia di Torino propone un concorso a premi destinato alle scuole d Infanzia ed alle scuole Primarie di Torino e Provincia, pubbliche e parificate, denominato PiccoloGrande Sport. Come già ricordato nel paragrafo dedicato a PASPORT del presente Piano, questo progetto sarà inserito, se accolto dai Comuni, nell ambito delle iniziative dedicate a PASPORT stesso. In alternativa potrebbe essere anticipata la premiazione in occasione di analoga iniziativa del MIUR e del Comune di Torino che si terrà a maggio o in altra apposita manifestazione provinciale. OBIETTIVI Acquisire le competenze motorie contenute nelle pratiche dei giochi e sport tradizionali del nostro territorio e fare esperienza pratica delle attività di gioco in ambienti diversi e dell utilizzo degli attrezzi specifici; Avvicinarsi ai veri valori dello sport - l amicizia, la lealtà, la solidarietà, l impegno, il coraggio, il miglioramento di sé, la pace - concetti che riassunti in un'unica espressione significano Spirito Olimpico ; Riscoprire i giochi di gruppo, o un insieme di giochi di abilità con i quali costruire un percorso ludico in cui tutti possono provare ; Consolidare la consapevolezza del ruolo educativo, culturale, espressivo del giocare e dei giochi nel promuovere il benessere nei confronti dello sviluppo generale dell essere umano come individuo e della sua comunità; Incidere sul modello di vita dei bambini e dei ragazzi sensibilizzando anche le loro famiglie a ridurre l uso della televisione-giochi elettronici avvicinandosi ad un modo diverso di fare sport ; Sviluppare e approfondire metodologie per l'apprendimento di tecniche e regole condivise. 18

19 ATTIVITA 1. Ideazione regolamento e sua approvazione (allegato sotto D) al presente Piano); 2. Promozione nelle scuole; 3. Raccolta istanze; 4. Eventuale acquisto materiale sportivo; 5. Costituzione Commissione e relativi lavori; 6. Approvazione verbali commissione; 7. Approvazione assegnazione premi alle scuole; 8. Comunicazione esito istanza ai partecipanti; 9. Organizzazione cerimonia di premiazione; 10. Liquidazione premi. CALENDARIZZAZIONE EVENTO PERIODO Avvio concorso MARZO Graduatorie LUGLIO Comunicazione esito SETTEMBRE Cerimonia premiazione SETTEMBRE BUDGET PREVISIONALE ATTIVITA RISORSE DISPONIBILI EVENTUALE IMPLEMENTAZIONE Eventuale Materiale sportivo ,00 Premi alle scuole 7.200, ,00 TOTALE 7.200, ,00 Le risorse disponibili sono quelle derivanti dall esercizio provvisorio 2012 al mese di febbraio. IL REGOLAMENTO E ALLEGATO SOTTO E) AL PRESENTE PIANO. 19

20 ADOTTIAMO UN CAMPIONE CONTENUTI La borsa di studio Adottiamo un campione è un idea assolutamente originale della Provincia di Torino ideata nel 2005 e che quest anno giunge alla sua Vª edizione. Con le precedenti edizioni sono stati premiati oltre 100 atleti/studenti e l iniziativa ha riscosso un grande successo essenso l unica nel suo genere (le altre sono essenzialmente premi sportivi). Il beneficio economico concesso ai concorrenti, sotto forma di borsa di studio sportiva, è una provvidenza finalizzata a sostenere i costi derivanti dall attività scolastica, a cagione di una accertata esiguità di risorse possedute dal nucleo familiare del potenziale beneficiario, correlata ad una dimostrata eccellenza di risultati sportivi abbinati ad un rendimento scolastico adeguato. Trattandosi di una borsa di studio sportiva, l indicatore prevalente per l assegnazione della provvidenza è rappresentato dal rendimento sportivo. Il Bando di concorso pubblico, approvato con d.g.p. n del 20/12/2011, intende assegnare n. 28 borse di studio sportive, ciascuna del valore di 1.500,00 euro, sotto elencate, per un importo complessivo pari ad =42.000,00, al lordo di eventuali trattenute I.R.P.E.F.: BORSE DI STUDIO SPORTIVE RISERVATE A DIVERSAMENTE ABILI N SPORT SPECIALITA CLASSE CATEGORIA N BORSE IMPORTO PER BORSA 1 TUTTI TUTTE FEMMINILE ENTRO LIMITI DI ETA PREVISTI DAL BANDO ,00 2 TUTTI TUTTE MASCHILE ENTRO LIMITI DI ETA PREVISTI DAL BANDO ,00 BORSE DI STUDIO SPORTIVE RISERVATE A NORMODOTATI SPORT SPECIALITA CLASSE CATEGORIA N BORSE IMPORTO PER BORSA SCI ALPINO SLALOM SPECIALE O SLALOM MASCHILE RAGAZZI ,00 GIGANTE O SUPERGIGANTE SCI ALPINO SLALOM SPECIALE O SLALOM FEMMINILE RAGAZZI ,00 GIGANTE O SUPERGIGANTE PATTINAGGIO SU GHIACCIO VELOCITA INDIVIDUALE MASCHILE JUNIOR D ,00 JUNIOR E PATTINAGGIO SU GHIACCIO FIGURA INDIVIDUALE FEMMINILE JUNIOR ,00 VOLLEY - MASCHILE UNDER 14, 16, ,00 VOLLEY - FEMMINILE UNDER 14, 16, ,00 NUOTO SETTORE NUOTO INDIVIDUALE MASCHILE JUNIOR ,00 NUOTO SETTORE NUOTO INDIVIDUALE FEMMINILE CADETTI ,00 GINNASTICA ARTISTICA O RITMICA O TRAMPOLINO MASCHILE E ALLIEVI, JUNIOR E SENIOR ,00 ELASTICO O AEROBICA INDIVIDUALI FEMMINILE ARCO ARCO OLIMPICO MASCHILE ALLIEVI ,00 ARCO ARCO OLIMPICO FEMMINILE ALLIEVI ,00 20

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli