È andato un altra volta in tilt nella gara on-line per il bando Tic, proteste delle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "È andato un altra volta in tilt nella gara on-line per il bando Tic, proteste delle imprese"

Transcript

1 Venerdì 10 aprile 2015 il Giornale dell Umbria CARTELLE, RATE E PAGAMENTI Equitalia, tutto a portata di clic PERUGIA - Verificare in tempo reale cartelle e avvisi di pagamento, pagare, rateizzare e controllare l eventuale attivazione di procedure di riscossione. Grazie alla nuova area riservata sul sito i contribuenti potranno gestire in modo sicuro le pratiche di Equitalia, senza passaggi allo sportello. Per accedere basta collegarsi alla home page del sito, cliccare sull icona area riservata e successivamente su accedi al servizio. A questo punto basterà inserire le credenziali personali, le stesse che si utilizzano per scaricare il modello 730 precompilato. 25 Costo del denaro per le imprese, basta con questi salassi I risultati di un indagine di Cna Umbria, l annuncio di una serie di accordi vantaggiosi con alcune banche di LUANA PIOPPI PERUGIA Una convenzione che mira a ridefinire il rapporto di collaborazione basato su relazioni trasparenti tra banca ed impresa. È quanto stipulato da Cna Umbria con Artigiancassa Spa, Banca popolare di Ancona (gruppo Ubi), Casse dell Umbria Spa (Intesa) e Unicredit Spa. La convenzione, illustrata ieri mattina presso la sede di Cna di Perugia, sarà applicata gratuitamente a tutti gli associati allo scopo di favorire la crescita delle imprese artigiane, che in Umbria rappresentano il 27% (pari a 22mila 300 attività) del tessuto imprenditoriale. «Una corretta gestione delle relazioni bancarie - ha spiegato Roberto Giannangeli, direttore Cna Umbria - basata sulla definizione, sul monitoraggio e sull ottimizzazione dei costi di gestione e degli onore finanziari è un elemento centrale per la ripresa economica. Occorre lavorare per costruire una nuova fase di sviluppo e le condizioni macroeconomiche per farlo ci sono. Tutto questo ricordando, inoltre, che la micro impresa crea l 82% dell occupazione». L idea della convenzione è partita da un analisi che Cna Umbria ha fatto sui costi bancari delle imprese artigiane per valutarne l incidenza e provare a proporre delle soluzioni interagendo direttamente con gli istituti di credito. A questo fine sono state prese in esame 300 attività artigiane associate, dei loro estratti conto trimestrali riferiti agli anni 2013/14 e 21 banche operanti sul territorio. Il campione riguardava per l 82,7% imprese artigiane e per il 17,3% industriali con una maggiore incidenza nei settori delle costruzioni (38%) e del manifatturiero (33,2%). L analisi ha riguardato i costi fissi, i costi variabili, le imposte di bollo e gli interessi debitori, tutte voci strettamente legate sia alla classe di rating assegnata alla singola impresa, sia all ammontare e all utilizzo I PUNTI SALIENTI L indagine 1Messi sotto la lente estratti conto trimestrali di 300 imprese umbre associate a Cna I costi 2Dagli estratti conto emergono costi trimestrali medi di euro, per un totale annuo di euro Gli interessi 3Per i fidi a revoca il tasso medio è stato del 9,1%, per gli sconfinamenti extra fido raggiunto il 14,7% Dall alto, l intervento del direttore di Cna Umbria, Roberto Giannangeli; un momento della presentazione dell accordo con le banche degli affidamenti. In media alle 300 imprese artigiane del campione è stato assegnato un fido a revoca di poco superiore ai 35mila euro, mentre per l autoliquidante (vale a dire gli anticipi sulle fatture non riscosse) l importo medio è stato di 77mila 400 euro. Gli estratti conto presi in esame hanno fatto emergere costi trimestrali medi di euro, per un totale annuo di 4mila 560 euro. Su questi importi gli interessi passivi pesano per il 67%, di cui poco meno del 5% per sconfinamenti extra fido, mentre il resto (33%) è attribuibile ai costi fissi e variabili e alle commissioni sulle operazioni. Dall indagine è emerso che in un anno possono variare dai 220 euro per gli interessi passivi extra fido ai 2mila 820 euro per gli interessi passivi del fido. Passando ad esaminare i tassi, dall analisi è emerso che per i fidi a revoca il tasso medio è stato del 9,1% e quello dell autoliquidante del 7,4%, mentre per gli sconfinamenti extra fido ha raggiunto il 14,7%. Se si tiene conto che i tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della legge sull usura sono attualmente pari al 17,6% circa per le aperture di credito in conto corrente e al 13,3% circa per gli anticipi e sconti commerciali, emerge che in alcuni casi gli interessi passivi che gravano sulle imprese si posizionano solo alcuni decimali sotto il limite previsto dalla legge sull usura. In alcuni casi gli istituti bancari, con diversi stratagemmi, riducono gli interessi applicati per rispettare il cosiddetto tasso soglia. «Le convenzioni bancarie sottoscritte - ha affermato Renato Cesca, presidente di Cna Umbria - prevedono di fissare i tassi di interesse sui conti correnti, sull autoliquidante e anche alcuni costi fissi e variabili inerenti la gestione dei conti correnti, comprensivi delle eventuali commissioni. I tassi di interesse concordati sugli affidamenti per cassa vanno da un minimo del 2,4% a un massimo dell 8%, quelli sugli autoliquidanti vanno dal 2 al 7%. Quello che ci preme sottolineare è che, alla base di tutti gli accordi c è la trasparenza, sia quella che deve riguardare le modalità attraverso cui le banche valutano le imprese e assegnano loro un rating, sia quella che le imprese devono garantire rispetto alla leggibilità della propria attività e dei bilanci. Dopo sei anni di crisi bisogna rafforzare questo rapporto e credo che questa convenzione sia un passo importante per poter ripartire visto che i segnali di ripresa ci sono». Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Luigi Giganti, in rappresentanza di Unicredit; Luciano Proietti delle Casse di risparmio dell Umbria; Giuseppe Belardi Dottorini della Banca popolare di Ancona; Sandro Tufano di Artigiancassa SpA. Quest ultimo istituto di credito da anni già opera in convenzione con Cna e Tufano ha riportato alcuni dati di questo accordo. Da fine 2011 a fine 2014 con Artigiancassa le imprese umbre hanno stipulato 550 operazioni per 17 milioni di euro di finanziamenti. Sono nel 2014 sono state 200 con un importo medio di 28mila euro. In Umbria sono associati a Cna 7mila artigiani ed oltre 300 piccole e medie imprese. Sistema informatico regionale, flop È andato un altra volta in tilt nella gara on-line per il bando Tic, proteste delle imprese PERUGIA - Telefonate tra l arrab - biato e il preoccupato di imprenditori, operatori di associazioni imprenditoriali e delle singole aziende nel panico, proteste. È il frutto di un altro flop del sistema informatico regionale nella gestione dei bandi in cui, per ottenere il contributo della Regione, occorre presentare rapidissimamente una corposa domanda on-line, pena l esaurimento delle risorse. In altre parole, si tratta di bandi in cui il contributo viene assegnato in bando all ordine cronologico delle domande on-line, fino ad esaurimento dei fondi stanziate. Bisogna quindi operare il più rapidamente possibile, nel giro di pochissimo tempo, così da rientrare tra gli assegnatari. È accaduto che, per l ennesima volta, nella gara tenuta mercoledì per l assegnazione delle risorse del bando Tic, che riguarda i contributi della Regione - facenti riferimento ai fondi europei - per gli investimenti tecnologici delle imprese, il sistema informatico della Regione è andato in crash. Per 24 minuti, infatti, è stato impossibile inserire le domande on-line, forse per l eleva - to numero delle stesse. Improvvisamente il sistema, dopo appunto 24 minuti, ha ripreso a funzionare, probabilmente perché un certo numero di imprese, esasperate, ha rinunciato. Nel giro di poco tempo i 500mila euro di finanziamento sono andati esauriti. Sono seguite proteste, telefonate ai giornali (numerose quelle arrivate al Giornale dell Umbria) per denunciare quanto accaduto, minacce di ricorrere alle carte bollate da parte di chi non è riuscito in quei 24 minuti ad accedere al sistema per presentare la domanda. Non è la prima volta che il sistema informatico regionale, in gare di questo tipo, fa flop. L anno scorso una di queste gare fu annullata dopo il caos sulle domande on-line. Un annullamento che potrebbe riguardare anche la gara tenuta (si fa per dire) mercoledì.

2 u14 Venerdì 10 Aprile 2015 di Sonia Brugnoni CORRIERE DELL UMBRIA Economia P ASSOCIAZIONI Accordo tra Cna, Artigiancassa, Popolare di Ancona, Casse di Risparmio dell'umbria, Unicredit BANCHE E IMPRESE VERA SINERGIA PER IL RILANCIO Cna e banche Presentata l analisi sui costi dei conti correnti A PERUGIA - Sinergia fra banche e imprese per ripartire all'insegna della crescita e sviluppo occupazionale. "Dopo anni di crisi la ripresa passa attraverso diversi canali: banche, costo del denaro, basso costo del petrolio, grandi volumi di denaro dalla Bce, Jobs Act. Non può esserci impresa senza banca come non può esserci banca senza impresa. Questo è l'elemento fondamentale". E' quanto affermato dal presidente di Cna Umbria, Renato Cesca - in occasione della conferenza stampa per presentare un'analisi sui costi dei conti correnti delle imprese associate e le convenzioni sottoscritte con quattro grandi gruppi bancari (Artigiancassa, Banca Popolare di Ancona, Casse di Risparmio dell'umbria e Unicredit) al fine di ottenere condizioni vantaggiose per i propri associati. "Oggi è importante riallacciare la collaborazione con gli istituti bancari per aiutare le imprese. Le convenzioni con le banche sono un passo importante per poter ripartire visto che i segnali di crescita ci sono". Partire da un'attenta analisi dei costi bancari delle imprese artigiane e la loro incidenza sulle loro attività per cercare di proporre delle soluzioni interagendo direttamente con gli istituti di credito", questo è l'obiettivo del Cna. "L'elemento fondante del rapporto tra imprese e banche - spiega Roberto Giannangeli, direttore Cna Umbria - è la "trasparenza". È necessario lavorare insieme per costruire una nuova fase di sviluppo". "È importante - sostiene Giuseppe Belardi Dottorini, di Banca Popolare di Ancona - dare alle aziende, chiarezza e trasparenza, offrire condizioni vantaggiose". "La collaborazione con Cna - prosegue Sandro Tufano di Artigiancassa - è iniziata attraverso una convenzione diventata operativa dal Una partnership ormai consolidata basata su un modello di sviluppo degli Artigiancassa Point". Un rapporto collaborativo con il Cna è anche quello con Casse di Risparmio dell'umbria concentrati sui costi dei conti correnti oltre che all'offerta di un canale telematico-informatico, quindi di sistemi efficienti per la gestione del rapporto tra imprese e banche. Al centro dell'attenzione delle Casse di Risparmio dell'umbria - spiega Luciano Proietti - ci sono i tempi di incasso da parte dei loro clienti per le piccole imprese, la necessità di consolidare la loro situazione patrimoniale e i finanziamenti per gli investimenti per restare competitive sul mercato". Sull'e-commerce e l'internalizzazione - si sta formando anche Unicredit - conclude Luigi Giganti - attraverso dei corsi, per prepararsi al mercato internazionale e rispondere alle esigenze delle imprese". B z SVILUPPO FOCUS SU INQUINAMENTO E IMPRONTA AMBIENTALE AL CONGRESSO DEL CIRIAF A PERUGIA Prende il via oggi il congresso nazionale del Centro interuniversitario di Ricerca sull inquinamento e sull ambiente Mauro Felli (Ciriaf), che si concluderà sabato. L incontro, che si terrà nell aula magna del polo di ingegneria di Perugia, sarà dedicato ad Impronta ambientale e sviluppo sostenibile - Strategie per la tutela dell ambiente e la crescita del Paese. Quattro i temi di cui parlare: energie rinnovabili e impianti sostenibili, impronta ambientale, sostenibilità ambientale ed economico-sociale, edilizia sostenibile e bioarchitettura. Per dare avvio al piano di sviluppo strategico quinquennale del Cluster Class, oggi pomeriggio è prevista una tavola rotonda in cui le unità operative del Ciriaf nazionalei potranno discutere le tematiche e i contenuti del piano. Nell ambito del congresso, inoltre, sarà assegnato il premio Mauro Felli, istituito per onorare la memoria del fondatore e primo direttore del Ciriaf. Il riconoscimento è destinato a giovani laureati, dottorandi o ricercatori che abbiano svolto attività di ricerca nel campo dell inquinamento. I vincitori del premio Mauro Felli 2015 sono, ex-aequo, Marco Gunnellini (Università di Perugia) per la ricerca Valore prognostico dei livelli di microrna circolanti nelle neoplasie polmonari non a piccole cellule, e Fernanda Carmen Fuoco (Università di Cassino e del Lazio meridionale) per lo studio La misura dell esposizione alle polveri ultrafini in differenti microambienti. Al Ciriaf, diretto da Franco Cotana, coadiuvato da Francesco Asdrubali, afferiscono oltre 100 docenti di 14 atenei italiani. Il Centro promuove attività di ricerca interdisciplinare. B y WELFARE Sostegno agli anziani e abbattimento barriere architettoniche: firmati due protocolli tra Regione e sindacati IN DIFESA DELLE FASCE PIU DEBOLI A PERUGIA "Programmi condivisi, finalizzati per garantire il diritto alla casa agli anziani ultrasessantacinquenni ed al superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati e pubblici, negli spazi aperti al pubblico, nei percorsi urbani e centri storici, alla messa in sicurezza del patrimonio edilizio privato, attraverso l'utilizzo di risorse pubbliche: per raggiungere questi obiettivi ieri mattina, giovedì 9 aprile, nella sede regionale di Piazza Partigiani, sono stati siglati due protocolli d'intesa tra la Regione dell' Umbria, rappresentata dall' assessore alle politiche abitative Stefano Vinti, le organizzazioni sindacali Cgil-Cisl- Uil e Spi/Cgil, Fnp/Cisl ed Uilp/Uil che rappresentano i pensionati. "L'attuale situazione economica e sociale - ha affermato l'assessore Vinti - è contraddistinta da una crisi che colpisce il lavoro, l'occupazione e le condizioni delle persone più deboli della società, tra cui pensionati, anziani, giovani generazioni, lavoratori precari e disoccupati ed è caratterizzata da una progressiva ma costante erosione delle risorse finanziarie destinate al sistema delle politiche di protezione sociale e di tutela di queste categorie sociali. Da anni anche in Umbria si sta assistendo ad un progressivo mutamento demografico, contrassegnato, tra l'altro, da una trasformazione della struttura per età della popolazione con un progressivo incremento degli ultra 65enni, che ormai rappresentano circa il 25 per cento della popolazione umbra. Tale fenomeno, oltre a modificare le strutture familiari e ad amplificare la complessità delle dinamiche intergenerazionali, rende necessario un cambiamento nelle attitudini nelle politiche e nelle pratiche a tutti i livelli, in tutti i settori, così da valorizzare l'enorme potenziale rappresentato dall'invecchiamento. Per questo occorre riconfermare e potenziare il welfare pubblico e sostenere le politiche per le famiglie anche attraverso la tutela del potere di acquisto delle persone, sostenere la crescita e l'innovazione dei servizi che si coniughino con i bisogni vecchi e nuovi dei cittadini. "La Regione Umbria, - ha sostenuto Vinti - per rispondere in maniera rapida ed efficace alle necessità abitative manifestate, di volta in volta, dalle categorie sociali più disagiate, ha previsto l'erogazione di contributi integrativi del canone di locazione a favore di alcune categorie in condizioni di particolare debolezza sociale, che hanno individuato o sono in procinto di individuare una nuova soluzione alloggiativa in affitto. Tra le categorie si è posta particolare attenzione ai nuclei familiari composti da non più di due persone, delle quali almeno una sia di età superiore ai 65 anni, e/o sia portatore di handicap, con una diminuzione della capacità lavorativa superiore a Secondo l assessore Vinti la situazione economica e sociale è contraddistinta da una crisi che colpisce il lavoro, l'occupazione, le persone in difficoltà Stop alle barriere architettoniche Più accessibili i percorsi urbani e gli edifici pubblici due terzi. Nonostante gli sforzi fatti, per i prossimi anni ci sarà bisogno di ripensare gli interventi per garantire il diritto alla casa degli anziani autosufficienti, attraverso la concertazione con tutti i soggetti coinvolti, con particolare riferimento alla Regione Umbria e alle organizzazione sindacali". Tutto ciò con la prosecuzione degli interventi a sostegno degli affitti dovuti dai conduttori di abitazioni private ultra 65enni attraverso una implementazione delle attuali risorse economiche proprie del bilancio regionale. "La Regione - ha aggiunto Vinti - ha ribadito il suo impegno, per quanto di competenza, affinchè la cedolare secca del 10%, relativa all'irpef da versare da parte dei locatari sui canoni di locazione concordato al momento in vigore fino al 2017, sia estesa a tutto il territorio regionale ed a legiferare in materia di politiche fiscali e bonus destinati a progetti sulla domotica. Abbiamo anche confermato il sostegno economico e/o abitativo alle famiglie con anziani costrette alla morosità incolpevole ed avvieremo, in collaborazione con Ater Umbria,nei Comuni capofila di ambito, iniziative per l'assistenza agli anziani così da poter dare risposte rapide per particolari esigenze abitative come ad esempio rispetto al fenomeno della "nuda proprietà" al fine di evitare speculazioni da parte delle società immobiliari". B

3 -MSGR - 06 UMBRIA /04/15-N: 53 Umbria Regione (C) Il Messaggero S.p.A. ID: IP: Venerdì 10 Aprile L antica lavanderia delle toghe Bevignate ` Sotto la chiesa dedicata al santo a dispetto dei santi a Monteluce di Perugia, una sorpresa d epoca romana ` Uno scavo ha portato alla luce cinque vasche di una fullonica, tintoria per il trattamento degli indumenti ARCHEO TAPPE/ 4 Iperugini son fatti così. Si erano talmente incaponiti da indurre le autorità politiche, quelle religiose non davano soddisfazione, a procedere con la canonizzazione laica dell eremita Bevignate. Fu santo a dispetto dei santi. A lui è intestata la chiesa (a Monteluce di Perugia), nota in tutta Europa, in quanto testimonianza eccelsa dell ordine dei templari. L inconfutabile fascino del complesso architettonico si è tuttavia recentemente accresciuto in virtù dei lavori condotti all interno. E da sotto il pavimento è arrivata la sorpresa. L edificio poggia su strutture di epoca romana. In realtà la zona ha già restituito, nel corso dell Ottocento, numerose testimonianze archeologiche. La presenza di tombe, anche importanti, rivela l esistenza di abitati, magari assimilabili a sobborghi cittadini. In ogni caso una comunità organizzata doveva disporre anche dei necessari servizi. Lo scavo, condotto da Luana Cenciaioli e Francesco Giorgi ha messo in luce quello che sembra un impianto artigianale, sorto sulle rovine di una domus del I sec. a.c. con tracce di mosaico. LE VASCHE Data la presenza di cinque vasche, alcune pavimentate a spina di pesce e di diverse canalette di scarico si è ipotizzata l esistenza di una fullonica ovvero una lavanderia-tintoria. Ci lavoravano i fullones, maestranze impiegate nel trattamento dei tessuti e avevano il loro da fare. Si pensi solo alle toghe, indumenti impegnativi che richiedevano frequenti attenzioni, specie se il proprietario ci teneva al candore. la SODA Il servizio di lavaggio consisteva nell immersione degli indumenti in sostanze sgrassanti e sbiancanti. Successivamente gli stessi subivano un processo di pestaggio da parte dei piedi dei lavandai. E forse quella concavità su una vasca potrebbe essere servita allo scopo. La soda, ma più spesso l urina, con il suo alto contenuto di ammoniaca, erano i detersivi utilizzati. Questo secondo componente godeva inoltre di un indiscutibile vantaggio, era facilmente reperibile e a costo zero, almeno fino a Vespasiano. Lo scaltro imperatore, infatti, avendo intuito il potenziale economico della minzione, stabilì una tassa sulla sua raccolta. E da allora che le latrine furono chiamate vespasiani e inoltre a chi gli rimproverava di fare soldi con i cessi se ne uscì con la famosa pecunia non olet. PECUNIA Se il denaro non aveva odore si può invece supporre quali aromi fluissero dall urina fermentata. Quella che gli addetti maneggiavano ogni giorno. Ma pare che fosse un attività piuttosto redditizia. Inoltre a quel tempo, non deodorato come il nostro, il prodotto della diuresi, per via del potere sbiancante, era usato anche come dentifricio. Il ciclo di lavaggio, come per le lavatrici moderne, prevedeva il risciacquo che era affidato al passaggio su varie vasche, alimentate da condotte di acqua pulita. Un articolato sistema di canalette e un condotto, come in questo caso, scaricavano a valle le acque reflue. PANNELLI Lo scavo, ora perfettamente leggibile, ben illuminato e diffusamente illustrato da pannelli esplicativi, è visitabile sabato e Nelle immagini la lavanderia di epoca romana trovata sotto la chiesa di San Bevignate domenica dalle 10 alle 13 nei mesi da ottobre ad aprile, per estendersi anche al pomeriggio, dalle 15 alle 18 nel periodo maggio settembre. Un sito dalla potente intensità evocativa dove la storia si rivela a strati. Volendola ascoltare si potranno udire le voci di un agiata famiglia romana che nella domus visse e prosperò, fino al declino. Da quelle rovine sorse la fullonica con i canti dei lavandai. E nei secoli successivi risuonarono nel tempio i salmi di monaci con la spada. Marco Saioni RIPRODUZIONE RISERVATA Stimato professore a Perugia, il giudice ucciso in Tribunale a Milano DOPO LA LAUREA A Economia e Commercio segue dalla prima pagina Formatosi nella scuola del professor Tito Ravà, proseguita poi dal professor Vittorio Menesini, Ciampi ha continuato a frequentare Perugia nei convegni organizzati presso la facoltà di giurisprudenza dove ha sempre portato il contributo di uomo acuto e nel contempo intransigente nella interpretazione delle norme. LEGATO ALLA CITTÀ Ciampi era molto legato a Perugia perché oltre ad averci abitato per molto tempo, da universitario e da docente, aveva stretto amicizia nel campo accademico mantenendo quindi rapporti soprattutto di natura scientifica. Solo da circa due anni e alla soglia della pensione era passato a dirigere la sezione fallimentare del Tribunale di Milano, con la quale tra pochi mesi avrebbe concluso la propria carriera andando in pensione. Probabilmente scherzando più di qualche volta aveva evocato la possibilità di tornare a Perugia a vivere. Il suo primo amore per la sezione marchi e brevetti gli ha consentito di guidare i qualità di presidente la sezione di diritto industriale del Tribunale di Milano, con la quale ha emesso sentenze che son divenute Il giudice Fernando Ciampi storiche in questa materia al punto tale che poi sono state riprese nei contenuti e consolidate dalla Cassazione. Era ritenuto da tutti un vero e proprio specialista di questa materia e ovviamente la sua collocazione a Milano, ovvero nella città più industrializzata d Italia, gli aveva consentito di maturare una esperienza sul campo di notevole spessore. Il medesimo acume lo ha poi applicato alla materia del fallimentare nell ambito della quale ha proposto il rigore che aveva già utilizzato nel settore dei marchi e brevetti. CAUSA DELLA MORTE Probabilmente è stata proprio questa la causa della sua morte. L essere un magistrato intellettualmente onesto e puntuale nel rispetto delle norme deve aver provocato la reazione dell omicida, che come raccontano le cronache, ha effettuato un affannosa ricerca nel Tribunale, successiva all uccisione de proprio avvocato e del commercialista andando ricercare il giudice Ciampi nella sua stanza. È triste dirlo, ma proprio l inflessibilità che fa onore a tutta la magistratura del giudice Ciampi è stata, con ogni probabilità, la vera causa della sua morte. In questo senso mi onoro di aver ereditato in questo momento la cattedra di diritto industriale di Economia e Commercio per la quale ha lavorato il giudice Fernando Ciampi. Giuseppe Caforio Cna, piano per ridurre i costi bancari AL VIA 4 CONVENZIONI «Fissato un tetto a tassi e spese» L ANALISI PERUGIA A fronte di un affidamento medio di poco superiore a 35mila euro le piccole e medie imprese della regione pagano euro a trimestre per interessi e spese bancarie. È il conto della crisi pagato per sopravvivere soprattutto ai problemi di liquidità che spesso hanno spinto artigiani e piccoli imprenditori a utilizzare uno strumento efficace ma anche costoso come l anticipazione delle fatture. Sono alcune delle valutazioni contenute nella ricerca di Cna Umbria sui costi dei conti correnti bancari delle micro e piccole imprese umbre. Obiettivo dello studio, analizzare i costi, valutarne l'incidenza e proporre soluzioni condivise con gli istituti di credito. Un obiettivo che l organizzazione delle pmi ha raggiunto siglando una serie di convenzioni bancarie con alcune banche della regione. Partendo da tale proposito, Cna Umbria ha analizzato estratti conto trimestrali di 300 imprese artigiane associate relativi al 2013 e al 2014 emessi da 21 diversi istituti di credito. L'analisi ha riguardato i costi e variabili, le imposte di bollo e gli interessi debitori: voci strettamente legate sia alla classe di rating (capacità di restituire il prestito o lo scoperto affidato) assegnata alla singola impresa, sia all ammontare e all utilizzo degli affidamenti. È emerso che in media le 300 imprese del campione sono state affidate (fino a revoca) per circa 35mila euro, mentre per gli anticipi sulle fatture non riscosse (il cosiddetto autoliquidante) l'importo medio è stato di euro. Gli estratti conto presi in esame hanno fatto emergere costi trimestrali medi di euro, per un totale annuo superiore a euro. Su questi importi gli interessi passivi pesano per il 67%, di cui poco meno del 5% per sconfinamenti, mentre il resto è attribuibile ai costi fissi e variabili e alle commissioni sulle operazioni, comprese quelle applicate come surrogato del balzello sul massimo scoperto, ora fuorilegge. Quanto ai tassi, la ricerca ha evidenziato che per i fidi a revoca il tasso medio è stato del 9,1% e quello sulle anticipazioni del 7,4%, mentre per gli sconfinamenti si è arrivati a una media del 14,7%. Costi al top se si considera che in alcuni casi gli interessi passivi che gravano sulle pmi lambiscono i tassi di interesse effettivi globali medi ai della legge sull usura, attualmente pari al 17,6% circa per le aperture di credito in conto corrente e al 13,3% circa per gli anticipi e sconti commerciali. In alcuni casi gli istituti bancari, con diversi stratagemmi, riducono gli interessi applicati per rispettare il tasso soglia. Per questo, Cna Umbria ha inteso aprire un filo diretto col settore bancario, proponendo di «ridefinire un rapporto di collaborazione basato su relazioni trasparenti». Da qui le convenzioni bancarie che l organizzazione ha sottoscritto con Artigiancassa, Banca popolare di Ancona, Casse di risparmio dell Umbria e Unicredit. Istituti di credito con i quali sono fissati i tassi di interesse sui conti correnti, sull autoliquidante e alcuni costi fissi e variabili inerenti la gestione dei conti correnti, comprensivi delle commissioni. I tassi concordati sugli affidamenti per cassa vanno da un minimo del 2,4% a un massimo dell 8%, quelli sugli autoliquidanti, dal 2 al 7%. «Quello che ci preme sottolineare - spiega il presidente Cna Umbria, Renato Cesca - è che alla base di tali accordi c è la trasparenza, quella che deve riguardare le modalità attraverso cui le banche valutano le imprese e assegnano loro un rating, ma anche quella che le imprese devono garantire rispetto alla leggibilità della propria attività e dei bilanci». Per permettere alle imprese di accedere alle convenzioni Cna sta attivando un sistema di assistenza gratuito per gli associati. «Sebbene permangano molte criticità - aggiunge il direttore Roberto Giannangeli - negli ultimi mesi qualcosa è cambiato in positivo, anche per il verificarsi di condizioni macroeconomiche favorevoli. Non si può prescindere da un più facile accesso al credito per trasmettere fiducia al sistema imprenditoriale e, più in generale, ai cittadini. Solo così si può tornare a crescere». Alla presentazione hanno partecipato Luigi Giganti (Unicredit), Luciano Proietti (Casse di Risparmio dell Umbria), Giuseppe Belardi Dottorini (Banca Popolare di Ancona), Sandro Tufano (Artigiancassa). Fabio Nucci ABCD FONDATO NEL 1878 DIRETTORE RESPONSABILE: Virman Cusenza CAPOREDATTORE EDIZIONE UMBRIA: Marco Brunacci -TRX IL:09/04/15 22:18-NOTE:

4 LE SFIDE UMBRE NUOVI PROGETTI CONTRO LA CRISI AGROALIMENTARE PROGETTO E-COMMERCE ALL UNIVERSITÀ dei Sapori il 14 sarà illustrato un progetto di collaborazione per la vendita di prodotti agroalimentari in piattaforme cinesi di e-commerce. VENERDÌ 10 APRILE 2015 IL GIORNO il Resto del Carlino LA NAZIONE 31 Nozze tra artigiani e banche per la ripresa Il presidente Cesca: «Imprese massacrate dai debiti, ma adesso c è l intesa» PERUGIA ANALIZZARE i costi bancari delle imprese artigiane, valutarne l incidenza e provare a proporre delle soluzioni interagendo con gli istituti di credito. Con questi obiettivi, Cna Umbria (nella foto l incontro) ha messo sotto la lente di ingrandimento estratti conto trimestrali relativi a 300 imprese artigiane associate. L analisi ha riguardato i costi fissi, i costi variabili, le imposte di bollo e gli interessi debitori, tutte I PARTNER Sono quattro gli istituti di credito coinvolti dall associazione di categoria voci strettamente legate sia alla classe di rating assegnata alla singola impresa, sia all ammontare e all utilizzo degli affidamenti. IN MEDIA alle imprese del campione è stato assegnato un fido a revoca di poco superiore ai 35mila euro, mentre per l autoliquidante, l importo medio è stato di euro. Gli estratti conto presi in esame hanno fatto emergere costi trimestrali medi di euro, per un totale annuo superiore ai euro. Su questi importi gli interessi passivi pesano per il 67%, di cui poco meno del 5% per sconfinamenti extra fido, mentre il resto è attribuibile ai costi fissi e variabili e alle commissioni sulle operazioni. Passando ad esaminare i tassi, dall analisi è emerso che per i fidi a revoca il tasso medio è stato del 9,1% e quello dell autoliquidante del 7,4%, mentre per gli sconfinamenti extra fido ha raggiunto il 14,7%. Se si tiene conto che i tassi di interesse globali medi ai fini della legge sull usura sono attualmente pari al 17,6% circa per le aperture di credito in c/c e al 13,3% per gli anticipi e sconti commerciali, emerge che in alcuni casi gli interessi passivi che gravano sulle imprese si posizionano solo alcuni decimali sotto il limite previsto dalla legge sull usura. «Oggi ha dichiarato Renato Cesca, presidente di Cna Umbria presentiamo le convenzioni bancarie sottoscritte con alcuni istituti di credito con i quali vengono fissati i tassi di interesse sui conti correnti, sull autoliquidante e anche alcuni costi fissi e variabili inerenti la gestione dei conti correnti, comprensivi delle eventuali commissioni. I tassi di interesse concordati sugli affidamenti per cassa vanno da un minimo del 2,4% a un massimo dell 8%, quelli sugli autoliquidanti vanno dal 2 al 7%». IL CASO L AZIENDA DI BETTONA A MILANO L.A. Cost vince l Expo BETTONA C È ANCHE un marchio di fabbrica umbro nel cantiere dell Expo internazionale di Milano, che aprirà i battenti il primo maggio. Si tratta del padiglione «Waterstone» di Intesa Sanpaolo, realizzato dall azienda umbra «L.A. Cost» di Bettona. Un opera realizzata a tempi record. «Lo abbiamo fatto noi raccontano i fratelli Alessio (foto in basso) e Luisa Costantini (foto in alto), titolari dell azienda umbra. È stata una bella sfida, che ha richiesto 20 giorni di produzione interna e 100 giorni di cantiere per realizzare «Waterstone» l ambizioso progetto messo a punto dall architetto Michele De Lucchi». UN ALTEZZA di dodici metri per quindici di luce sono le dimensioni dei nove portali in legno lamellare ingegnerizzati e prodotti nello stabilimento di Bettona. Costituiscono l ossatura di questo spazio espositivo di oltre mille metri quadrati. La costruzione ha un evidente attenzione ai temi della sostenibilità e dell impatto ambientale. Gli elementi naturali alla base del progetto seguono la suggestione di tre sassi levigati dall acqua, con quattro cascate che scorrono facendo dell ombreggiamento il tema caratterizzante. Il guscio esterno è costituito da seimila scandole in legno. «Non eravamo alla prima esperienza nella realizzazione di grandi opere sottolineano i fratelli Costantini ma sono esperienze molto formative e importanti, soprattutto perché siamo stati l unica realtà umbra ad aggiudicarsi una gara all interno della fabbrica di Expo creando un indotto che ha dato la possibilità a molte realtà locali di entrare nel cantiere più importante d Italia».

5

6

7

8

9

10

11

12

I COSTI DEI CONTI CORRENTI BANCARI DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE UMBRE

I COSTI DEI CONTI CORRENTI BANCARI DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE UMBRE I COSTI DEI CONTI CORRENTI BANCARI DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE UMBRE Presentazione Indagine CNA UMBRIA Perugia, 9 Aprile 2015 Sommario Obiettivi dell indagine Il campione I risultati dell indagine I

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE Ascolto, attenzione, accompagnamento verso il bisogno primario della casa. Questo è l impegno costante che Regione Lombardia garantisce alle giovani

Dettagli

Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud

Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud Avvertenza generale per i lettori: usando i tasti CTRL + CLIC potranno far funzionare i collegamenti ipertestuali (che si riconoscono dal carattere sottolineato,

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa Osservazioni e Proposte Assemblea 21 luglio 2010 1 21 luglio 2010 Indice Premessa...3 Introduzione...4

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE AGEVOLAZIONI ALLE GIOVANI COPPIE PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA Regione Lombardia e ABI, in collaborazione con Finlombarda S.p.a., supporta le

Dettagli

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa 1. Finalità L'agenzia casa è un servizio pubblico del Comune di Modena volto istituzionalmente ad assicurare l'accesso alla casa ai cittadini

Dettagli

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Equitalia, con il comunicato stampa del 26 agosto 2014, ha reso noto che la notifica

Dettagli

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Misure Salva Mutui Agevolazione alle giovani coppie per l acquisto della prima casa Fondo Sostegno al Disagio Acuto Contributo

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Premesso che Atteso che Considerato quanto sopra espresso Consapevoli inoltre

Premesso che Atteso che Considerato quanto sopra espresso Consapevoli inoltre PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

Conferenza Stampa UNICO WEB. Venerdì 9 maggio 2008 SINTESI PER LA STAMPA UFFICIO STAMPA

Conferenza Stampa UNICO WEB. Venerdì 9 maggio 2008 SINTESI PER LA STAMPA UFFICIO STAMPA Conferenza Stampa UNICO WEB Venerdì 9 maggio 2008 SINTESI PER LA STAMPA UFFICIO STAMPA Settore Comunicazione Istituzionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Dichiarazione dei redditi, al via Unico Web Parte

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

CHIARIMENTI SULLA TASI

CHIARIMENTI SULLA TASI INFORMATIVA IUC CHIARIMENTI SULLA TASI COMUNE DI SONA (VR) ASSESSORATO AI TRIBUTI UFFICIO TRIBUTI - Orari di apertura al pubblico: lun 10.00-12.30 mart - giov 10.00-12.30 e 16.00-18.00 Tel. 045/6091 206-214-251

Dettagli

GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2014

GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2014 GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2014 La Legge di stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e s.m.i.) ha istituito la IUC (Imposta Unica Comunale) di cui la TASI (Tributo per i servizi comunali

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Sarezzo, 13/06/2016 Prot. n. 13987/2016

Sarezzo, 13/06/2016 Prot. n. 13987/2016 Sarezzo, 13/06/2016 Prot. n. 13987/2016 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SAREZZO E I SINDACATI DEI PENSIONATI FNP-CISL, SPI-CGIL, UILP-UIL PER L ANNO 2016 PREMESSA L Amministrazione Comunale e Sindacati

Dettagli

REGOLAMENTO BANDO 2015

REGOLAMENTO BANDO 2015 REGOLAMENTO BANDO 2015 La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2015, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento

Dettagli

AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 2008/2009 - ARTICOLO 1

AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 2008/2009 - ARTICOLO 1 AGENZIA PER Il DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI FIDUCIARI - ANNO ACCADEMICO 008/009 - ARTICOLO OGGETTO DEL BANDO. Il presente bando disciplina il conferimento

Dettagli

Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni?

Sportelli al Comune: non mi avete invitato alla conferenza stampa. Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Il presidente della Camera di Commercio di Taranto, rag. Luigi Sportelli ha inviato ai

Dettagli

OGGI VI SPIEGO PERCHÉ GLI ITALIANI CE L HANNO CON LE BANCHE

OGGI VI SPIEGO PERCHÉ GLI ITALIANI CE L HANNO CON LE BANCHE 45 i dossier www.freefoundation.com OGGI VI SPIEGO PERCHÉ GLI ITALIANI CE L HANNO CON LE BANCHE La commissione di massimo scoperto a cura di Renato Brunetta Indice 2 Gli italiani non amano le banche! Quanto

Dettagli

21 Giugno 2011 Estratto pag. 13 Sezione Salerno Il tema di quest anno è L innovazione tra rischio e opportunità e l evento è promosso dal Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno,

Dettagli

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE L'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE PRIVATA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 11 DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998. N. 431. ANNO

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2015 CHI DEVE PAGARE:

GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2015 CHI DEVE PAGARE: (Aggiornata al 27/05/2015) GUIDA PRATICA AL PAGAMENTO DELLA TASI 2015 La Legge di stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e s.m.i.) ha istituito la IUC (Imposta Unica Comunale) di cui la TASI (Tributo

Dettagli

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM Il Sindaco Gualtiero Pastore comunica, spiegando, il pagamento imposte e tasse per l anno 2014: Il Consiglio Comunale del 24.9.2014 ha approvato le

Dettagli

Presidenza Ing. Adriano Federici

Presidenza Ing. Adriano Federici Una completa ed accurata vetrina dell attività dell Unioncamere Marche, realizzata attraverso il volume Comunicati e Rassegna stampa. Il Centro Studi dell Unione presenta un lavoro profondamente rinnovato,

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni di euro già stanziati

Dettagli

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA 1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE PERCORSI DI ECCELLENZA 3.a) Alta formazione Soggetto competente: Opera Universitaria 1. FINALITA DELL INTERVENTO L intervento ha l obiettivo di incentivare la partecipazione

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA SVOLTA DAL C.D.A. USCENTE DELLA FONDAZIONE RHO LUIGI VITTORIO

RELAZIONE ATTIVITA SVOLTA DAL C.D.A. USCENTE DELLA FONDAZIONE RHO LUIGI VITTORIO RELAZIONE ATTIVITA SVOLTA DAL C.D.A. USCENTE DELLA FONDAZIONE RHO LUIGI VITTORIO Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ente Luigi Rho trasmette una breve sintesi dell operato svolto nel tempo

Dettagli

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO CGIL-CISL-UIL PIEMONTE SUNIA-SICET-UNIAT PIEMONTE RELAZIONE INTRODUTTIVA EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO In Piemonte come in Italia la pesante crisi economica ha generato

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA Area Affari Generali REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA PREMESSA Il presente regolamento si applica a partire dal XXXI ciclo dei corsi di dottorato di ricerca, che

Dettagli

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 COMUNE DI TRIUGGIO Provincia di Monza e Brianza I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 Gentile Contribuente, le aliquote per il calcolo del saldo IMU sono cambiate rispetto alle aliquote che

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE Introduce brevemente il Sindaco che passa la parla all Assessore di

Dettagli

ARTICOLO 1: FINALITA...3 ARTICOLO 2: TIPOLOGIA DI INTERVENTO E DOTAZIONE FINANZIARIA...4 ARTICOLO 3: DESTINATARI...5

ARTICOLO 1: FINALITA...3 ARTICOLO 2: TIPOLOGIA DI INTERVENTO E DOTAZIONE FINANZIARIA...4 ARTICOLO 3: DESTINATARI...5 INDICE Agrigento ARTICOLO 1: FINALITA...3 ARTICOLO 2: TIPOLOGIA DI INTERVENTO E DOTAZIONE FINANZIARIA...4 ARTICOLO 3: DESTINATARI...5 ARTICOLO 4: DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE...5 ARTICOLO 5: SELEZIONE

Dettagli

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Strettamente riservato Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Documento datato 25 novembre 215 Presentazione del lavoro 27 novembre 215 Terni 215 The European

Dettagli

Comune di Terni - Protocollo Generale - ACTRA01 Prot. 0166801 del 27/11/2014 - Interno Firmatari: Virili Danila (IT:VRLDNL52C68L117J) Impronta

Comune di Terni - Protocollo Generale - ACTRA01 Prot. 0166801 del 27/11/2014 - Interno Firmatari: Virili Danila (IT:VRLDNL52C68L117J) Impronta essere percettore di reddito nell anno di riferimento (2013), e aver percepito nel medesimo anno, un reddito imponibile complessivo del nucleo familiare anagrafico, pari e, comunque non superiore, ad 13.035,88

Dettagli

Studio Di Leone D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E CIRCOLARE INFORMATIVA III TRIMESTRE 2015

Studio Di Leone D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E CIRCOLARE INFORMATIVA III TRIMESTRE 2015 CIRCOLARE INFORMATIVA III TRIMESTRE 2015 Indice: Pag. 2 - - I NUOVI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO E I CHIARIMENTI DELL ENEA 1 Pag. 2 - - INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE A CO.CO.CO CO.CO.PRO Pag. 3 - -

Dettagli

Per la documentazione da portare al seguito vedere l allegato vademecum.

Per la documentazione da portare al seguito vedere l allegato vademecum. ASSISTENZA FISCALE MOD. 730/2008 - CONVENZIONE SAPAF Molise/F.A.B.I. Anche quest anno abbiamo rinnovato, a livello regionale, la convenzione con il CAF-F.A.B.I., il CAF del Sindacato Autonomo dei lavoratori

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Opportunità di credito agevolato alle imprese e contributi in conto capitale e conto interessi MACERATA 27 NOVEMBRE 2008

Opportunità di credito agevolato alle imprese e contributi in conto capitale e conto interessi MACERATA 27 NOVEMBRE 2008 Opportunità di credito agevolato alle imprese e contributi in conto capitale e conto interessi MACERATA 27 NOVEMBRE 2008 Termini usati nel linguaggio corrente dalle banche per distinguere i vari tipi di

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 25/01/2012 Indice IL MATTINO 2 Fondi Inail, la città perde 65 milioni di euro (articolo di sabato 21 gennaio 2012) 3 Ecco perché l Università ha rinunciato ai Fondi

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

PRESENTAZIONE IL SINDACO MICHELE MARINI

PRESENTAZIONE IL SINDACO MICHELE MARINI PRESENTAZIONE E con grande piacere che saluto la nascita dello sportello Punto casa, un luogo in cui poter avere qualsiasi delucidazione riguardante la ricerca e l affitto di una casa. Il servizio si rivolge

Dettagli

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 1 AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Normativa - Art. 35, comma 19 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma 20 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE Approvato con Determinazione Dirigenziale n 757 del 24/06/2015 BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE Premesso che : al fine

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 42 del 3 settembre 2014 11 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 agosto 2014, n. 1038. L.R. 28 novembre 2003, n. 23 e succ. mod.

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Informativa Aliquote Tasi e Imu 2015 Acconto Tasi/Imu: l ulteriore proroga del termine per la deliberazione dei bilanci preventivi dei comuni al 30

Informativa Aliquote Tasi e Imu 2015 Acconto Tasi/Imu: l ulteriore proroga del termine per la deliberazione dei bilanci preventivi dei comuni al 30 Informativa Aliquote Tasi e Imu 2015 Acconto Tasi/Imu: l ulteriore proroga del termine per la deliberazione dei bilanci preventivi dei comuni al 30 luglio 2015 ha quale naturale conseguenza che i comuni

Dettagli

CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO.

CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO. CREDITO AL CREDITO 2015 Fare squadra per la ripresa ACCESSO E SOSTENIBILITÀ DEL CREDITO: STRUMENTI PER IL CONSUMO E L INVESTIMENTO Silvio D Amico Roma, 25 novembre 2015 Interventi legislativi e iniziative

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA N 130 15/04/2015 UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI TECNOBORSA COMPRAVENDITE Prezzi delle abitazioni: IV trimestre 2014 Istat Un annualità per acquistare casa Tecnocasa

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2660 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL DEPUTATO BARBIERI Disposizioni in materia di politiche giovanili Presentata il 29 luglio 2009 ONOREVOLI

Dettagli

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015

Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi 2015 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 21 maggio 2015 Oggetto: Circolare dichiarazione dei redditi

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F.

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. 00124360538 Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015 INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 SOGGETTI IMU L imposta è dovuta dai PROPRIETARI e dai TITOLARI DI DIRITTI REALI (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie) per

Dettagli

ACCORDO TRA AURIGA IMMOBILIARE, PIRELLI & C. REAL ESTATE (GIÀ MILANO CENTRALE) E SICET, SUNIA, UNIAT, UNIONE INQUILINI E COORDINAMENTO DEI COMITATI

ACCORDO TRA AURIGA IMMOBILIARE, PIRELLI & C. REAL ESTATE (GIÀ MILANO CENTRALE) E SICET, SUNIA, UNIAT, UNIONE INQUILINI E COORDINAMENTO DEI COMITATI ACCORDO TRA AURIGA IMMOBILIARE, PIRELLI & C. REAL ESTATE (GIÀ MILANO CENTRALE) E SICET, SUNIA, UNIAT, UNIONE INQUILINI E COORDINAMENTO DEI COMITATI Roma 23 febbraio 2001 Premesso Che in relazione al processo

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM BANDO PER GLI STUDENTI DELL ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DEI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO, DELLE SCUOLE

Dettagli

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Conferenza Stampa Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Stefano Cugini - Luigi Squeri - Laura Vlacci

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO

MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO Milano, 19 aprile 2006 Presentato a Palazzo Marino il Primo Rapporto sull urbanistica a Milano MILANO CAPITALE DELLO SVILUPPO URBANO 10.482.337 di mq le aree trasformate e in trasformazione con i grandi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA

UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA UNIONE DEI COMUNI CUORE DELLO STELLA tra i Comuni di Rivignano, Pocenia e Teor BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO,

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING EDILIZIA PRIVATA SOCIALE, LA SFIDA DEI FONDI IMMOBILIARI (AGI) - Palermo, 8 mar. - Si e' svolto oggi presso la Fondazione

Dettagli

L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze

L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze L offerta di Banca CR Firenze per l Ordine degli Avvocati di Firenze Firenze, Dicembre 2011 1 LA RETE DI BANCA CR FIRENZE IN TOSCANA 275 sportelli in Toscana 118 sportelli in provincia di Firenze 1 Filiale

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine BANDO PER LA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PREVISTI PER L ABBATTIMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI ADIBITI AD USO ABITATIVO, AI SENSI DELL ART. 11 DELLA

Dettagli

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale.

I benefici del presente intervento sono concessi nel limite delle risorse assegnate annualmente con deliberazione della Giunta provinciale. 3.b) Alta formazione all estero Soggetto competente: Opera Universitaria 1. FINALITA DELL INTERVENTO L intervento ha l obiettivo di sostenere la formazione universitaria di eccellenza all estero, mettendo

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie.

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. 1. Premesse In attuazione del Piano Nazionale di edilizia abitativa di cui al D.P.C.M. 16

Dettagli

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop ed il SOCIAL HOUSING Buongiorno a tutti, oggi abbiamo ascoltato molte cose interessanti; abbiamo

Dettagli

NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI

NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI NOTA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL SUL BONUS PER LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI Il decreto legge 185 approvato dal Consiglio dei ministri Venerdì 28 Novembre u.s. contiene

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Circolare. Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016

Circolare. Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Como, aprile 2016 Circolare Oggetto: Dichiarazioni dei redditi Mod. UNICO 2016 e 730/2016 Con l approvazione e la pubblicazione dei nuovi modelli di dichiarazione e delle relative

Dettagli

De Vinco confermato Gaetano De Vinco

De Vinco confermato Gaetano De Vinco 52notizie Modena Economica Numero 1 gennaio-febbraio 2012 De Vinco confermato alla guida di Confcooperative Gaetano De Vinco è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative Modena nella 19 a Assemblea

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE capitolo DODICESIMO DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE In questo capitolo si esamina e si approfondisce la detrazione spettante agli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione di un immobile

Dettagli

VENDITE GIUDIZIARIE DI IMMOBILI: A DOMANDA RISPOSTA

VENDITE GIUDIZIARIE DI IMMOBILI: A DOMANDA RISPOSTA VENDITE GIUDIZIARIE DI IMMOBILI: A DOMANDA RISPOSTA COME POSSO ESSERE COSTANTEMENTE INFORMATO SULLE VENDITE GIUDIZIARIE DI IMMOBILI? Ci sono essenzialmente tre canali informativi: 1. la stampa (quotidiani,

Dettagli

Il decreto legge è finalmente arrivato a chiarire chi deve pagare e chi non per l Imu sui terreni montani 2014 e 2015.

Il decreto legge è finalmente arrivato a chiarire chi deve pagare e chi non per l Imu sui terreni montani 2014 e 2015. fonte: : Il sole 24 Ore, sabato 24 gennaio 2015 _ Imu terreni, si paga il 10 febbraio : Il decreto legge è finalmente arrivato a chiarire chi deve pagare e chi non per l Imu sui terreni montani 2014 e

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO

C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO Art. 1 Costituzione, sede, durata L Università Telematica e-campus costituisce il CENTRO EUROPEO STUDI e RICERCHE per l IMPRESA, in seguito

Dettagli

BANDO 2016 REGOLAMENTO

BANDO 2016 REGOLAMENTO BANDO 2016 REGOLAMENTO La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento a favore di progetti

Dettagli