Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale"

Transcript

1 EUR MED PHYS 2008;44(Suppl. 1 to No. 3) Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale AM. BENINI, D. ACHILLI, M. VITI, RM ROSSI, C. NERI, D. ASSIRELLI, G. PESTELLI L esperienza di malattia quale quella di una grave cerebrolesione acquisita, è un percorso spesso doloroso e faticoso, dove albergano con tempi e modalità diverse per ognuno, disperazione e sconforto, ma anche speranza e voglia di lottare; quasi sempre, al termine dell iter di cura, il paziente e la sua famiglia sono costretti a confrontarsi con menomazioni non completamente emendabili, con disabilità permanenti, con alterazioni importanti della sfera cognitiva e relazionale. Spesso questo determina un impoverimento delle relazioni preesistenti e a volte un sovvertimento dello stesso nucleo familiare, con la difficoltà/impossibilità per il paziente a ricoprire i ruoli che gli erano propri prima della lesione. La consapevolezza di questi cambiamenti diventa inevitabile con il rientro al domicilio, momento tanto atteso e desiderato ma che spesso si rivela difficile e doloroso, soprattutto se non è possibile la ripresa del lavoro svolto in precedenza. Già da anni la Medicina Riabilitativa, a differenza o prima di altre discipline, riconosce i limiti di una lettura esclusivamente bio-medica della malattia e sottolinea la necessità di una presa in carico olistica che sappia leggere e farsi carico delle ripercussioni che le stesse menomazioni hanno sulla sfera affettiva, relazionale e sociale. Molto spesso però, per noi operatori, a questa capacità di lettura segue la frustrazione derivante dalla nostra difficoltà o totale impotenza nel fornire una risposta ai bisogni dei pazienti. Partendo da queste riflessioni, alcuni operatori della Degenza Riabilitativa di Forlimpopoli (AUSL Forlì), hanno iniziato a cercare quali altri Servizi e competenze fossero presenti nel nostro territorio per poter avviare un progetto che aiutasse alcuni pazienti a reinserirsi nell attività socio/lavorativa locale. Dopo vari contatti è stato individuato il Centro di Formazione Tèchne come partner dell area professionale e, nel 2001, è stato formulato un progetto per l inserimento socio lavorativo di 10 pazienti. Questo progetto è stato approvato dalla provincia di Forlì (Assessorato alla Formazione della Provincia di Forlì- Cesena) e ha ottenuto la copertura del Fondo Sociale Europeo per il quinquennio 2002\2007 per un massimo di n.10 inserimenti annuali. In base a quanto definito dal progetto, le persone selezionate dovevano presentare esiti di grave cerebrolesione acquisita con punteggio di invalidità civile uguale o > 46%. Poiché negli anni il numero di utenti individuati con questa patologia è stato inferiore al massimale dei percorsi consentiti annualmente, la Regione ha approvato anche l inserimento di utenti con patologie diverse ma tali da residuare elevata disabilità; tutte le persone selezionate avevano manifestato interesse a recuperare un ruolo lavorativo. L utente poteva essere segnalato agli operatori Tèchne non solo dalla nostra U.O. ma anche dai Servizi Sociali territoriali o dalle famiglie stesse. Centro di Formazione Tèchne, AUSL, Forlì Gli utenti da noi segnalati, venivano presentati agli operatori della Tèchne e dei Sevizi Sociali sia verbalmente, sia attraverso la trasmissione di schede di valutazione che misuravano le menomazioni e le disabilità presenti, che indagavano la consapevolezza di sé e la vita quotidiana; a questo punto gli operatori della Tèchne incontravano il paziente e i suoi familiari per approfondire gli interessi, le aspettative, per meglio valutare le abilità residue, per conoscere le dinamiche relazionali. Seguiva la ricerca nel territorio della Ditta più idonea, la presentazione a questa della persona e il successivo inserimento in Azienda. Ogni inserimento lavorativo prevedeva contatti frequenti tra la ditta, il lavoratore e il tutor dell area formativa/professionale Tèchne, con periodici ritorni a tutti gli operatori del team per valutarne l andamento e affrontare le criticità incontrate. La presenza agli incontri degli operatori dell Area sociale è stata incostante per carenza di operatori e, all oggi, è momentaneamente sospesa pur restando coinvolti nella gestione del paziente. Ogni percorso formativo usufruiva di complessive h 500, di cui 20 h dedicate ai colloqui con il paziente e i suoi familiari, sia per la conoscenza iniziale, sia per le verifiche dell andamento del percorso; le rimanenti ore venivano svolte direttamente in azienda. All interno di questa era prevista una prima fase orientativa durante la quale il paziente veniva seguito assiduamente da un tutor aziendale, a cui seguiva una seconda fase professionalizzante di maggiore autonomia. L utente riceveva un corrispettivo economico che non era prefissato e identico per ogni percorso, ma che veniva deciso e personalizzato per ogni progetto a livello regionale. L obiettivo auspicabile era di cercare fin dall inizio di favorire inserimenti lavorativi in ditte idonee per quel tipo di utenti e disponibili ad una eventuale futura assunzione, per ridurre il più possibile le difficoltà insite in ogni cambiamento e nuovo inserimento. Questo non è stato quasi mai possibile, sia per le difficoltà di accoglienza del mondo del lavoro, sia per le difficoltà che l utente incontrava nelle varie sedi con la conseguente necessità di sperimentare in altri ambiti lavorativi le proprie abilità, interessi, capacità relazionali e quanto altro. A fine percorso, se l utente non era stato assunto, era possibile essere inserito in un nuovo programma fino a un massimo di n 3. percorsi. Eccezionalmente, in un caso, la Regione Emilia Romagna ha autorizzato un quarto inserimento. Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 1

2 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE In questo lavoro abbiamo analizzato i dati relativi al periodo 2002\2007, sia in ogni singolo anno di collaborazione sia in una sintesi globale, e questo è quanto è emerso dall analisi: Anno 2002\2003: Totale utenti segnalati 14: 11 da UOMR, 3 da altri Totale utenti inseriti: 11: (8 da UOMR, 3 da altri) Percorsi completati: 9: (6 da UOMR, 3) Percorsi abbandonati: 2: (UOMR) 1 Anno 2003\2004: Totale utenti segnalati: 6 (da UOMR e inseriti) Totale utenti inseriti: 11 6 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 1 4 (1- licenziato dopo 6 mesi e 1- si licenzia dopo 2 mesi) Anno 2004\2005: Totale utenti segnalati : 10 7 da UOMR (2 inseriti) 3 da altri (inseriti) Totale utenti inseriti Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 0 10: 5 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Borse lavoro Comunali + 1 Rientro in Studio come socio con cambio di mansioni Anno 2005\2006: Totale utenti segnalati: 4 1 da UOMR (1 inserito), 3 da altri (3 inseriti) Totale utenti inseriti: 8 4 nuovi inserimenti 4 prosecuzioni Percorsi completati: 7 Percorsi sospesi: 1 Totale Assunzioni: Borsa Lavoro comunale Anno 2006/2007: Totale utenti segnalati: nessuno Totali inserimenti: 2 prosecuzioni Percorsi completati: 2 Percorsi sospesi: 0 1 (per 3 mesi- sostituzione di maternitàforse futura assunzione se ditta aprirà a Cesena) Dall analisi dei singoli anni abbiamo ricavato alcuni dati di sintesi del periodo Sintesi 5 anni: 2002/ / / / /2007 Totale utenti segnalati: 34: 25 da UOMR (17 inseriti) 9 da AS e famiglie (9 inseriti) Totale utenti che hanno iniziato almeno un percorso: 26 Tipologia di diagnosi: 2 Politrauma 2 PCI (proposte da altri) 2 G.C.A 14 T.C. 3 Mieloles traum 1 TC a 6 aa 1 TC in Enc Postnatale 1 A.R. Totale utenti che hanno ripetuto almeno un percorso: 11 (42,3%) Utenti che hanno 15: 3 pz abbandonano effettuato solo n.1 percorso: 4 pz sono assunti 8 completano il percorso ma non proseguono Utenti che pur non essendo assunti hanno : 11 (42.3%) effettuato un solo percorso Totale percorsi effettuati: 42 ( ) Totale percorsi completati: 38 (90.4%) ( ) Totale percorsi sospesi: 4 (9.5%) ( ) 8 (30.7%) +3 Borse Lavoro (11.5%) +1(frequenza socio Volontario) Su n 8 Assunzioni: Su n.8 Assunzioni: 4 al primo percorso 4 ai percorsi successivi 1 viene licenziato dopo 6 mesi 1 si licenzia dopo 2 mesi 1 viene assunta per soli 3 mesi (sostituzione maternità) 5 tutt ora assunti (19.2%) Su n. 3 Borse Lavoro: 1 non rinnovata per volere del paziente 2 tutt ora in essere (7.6%) Su n. 4 Percorsi sospesi: 1 ha trovato lavoro 1 pensa di poter riprendere l attività lavorativa precedente (riprenderà percorso Tèchne) 1 non corrisponde alle sue esigenze 1 difficoltà relazionali\scarsa motivazione al lavoro Riflessioni La prima riflessione che nasce dall osservazione di questi dati è che, probabilmente, il gradiente di soddisfazione dell utente era complessivamente buono; infatti, per 26 utenti che hanno partecipato a questa progettazione, 42 sono stati i percorsi iniziati di cui 38 (90.4%) quelli completati. Su 42 percorsi iniziati solamente n 2 percorsi vengono sospesi per insoddisfazione (4.7%) (ricordiamo che un utente sospende perché trova lavoro autonomamente e un secondo utente sospende in quanto, ancora incapace di un analisi critica di realtà, ritiene di poter riprendere l attività lavorativa precedente il trauma). Se analizziamo quanti percorsi hanno portato ad una assunzione definitiva troviamo n. 8 assunzioni totali + 3 BLC (pari al 30.7% e 11.5%); questo dato, a nostro avviso soddisfacente, si modifica sensibilmente se analizziamo quante assunzioni o BLC sono ancora in essere al momento dell analisi dei dati. Da 8 scendiamo a n. 5 assunzioni tutt ora in atto con n. 2 BLC (pari rispettivamente al 19,2% e al 7,6%), valore indubbiamente di minor soddisfazione. In assoluto, la percentuale di inserimenti lavorativi non risulta certamente elevata; le difficoltà del mercato del lavoro odierno e la difficoltà a svolgere un ruolo lavorativo in maniera autonoma là dove residuano deficit cognitivi e turbe comportamentali rende a nostro avviso ragione di questi numeri. Ricordiamo che 20 su 26 degli utenti inseriti hanno diagnosi di cerebrolesione. Notiamo però che, nonostante la evidente difficoltà di una collocazione lavorativa definita, molti di loro hanno comunque scelto di proseguire il percorso, riscontrando pertanto in questa esperienza una positività che trascendeva il reale inserimento lavorativo. Credo sia esperienza comune di molti operatori che lavorano nell ambito delle disabilità da cerebrolesione, constatare la difficoltà di un inserimento sociale soddisfacente là dove l inserimento lavorativo competitivo risulta impossibile; probabilmente, la possibilità di effettuare questi percorsi ha temporaneamente coperto il vuoto di un inserimento sociale difficoltoso e carente. Per meglio indagare e comprendere questi aspetti abbiamo formulato una intervista da somministrare agli utenti che ci permettesse di monitorare il gradiente di gradimento e di raccogliere alcune riflessioni. 2 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

3 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Abbiamo deciso di intervistare solamente gli utenti da noi presentati agli operatori Tèchne, non avendo con gli altri un rapporto diretto di conoscenza e, data la cronica mancanza di tempo degli operatori di tutti i Servizi, abbiamo pensato di somministrarla telefonicamente. Su un totale di n 17 pazienti inseriti nel percorso, 1 abbiamo deciso di non contattarlo per sopraggiunte problematiche psichiatriche ; dei rimanenti 16, un paziente non ha accettato di sottoporsi all intervista. Pertanto, la seguente intervista è stata somministrata a 15 utenti. Intervista pazienti percorso Tèchne Cognome e nome.... Diagnosi.... Età al momento dell evento traumatico.... Condizione lavorativa precedente la malattia.. Per quanti anni ha seguito il percorso Tèchne? 1 anno 2anni 3anni 4 anni frequentazione in corso Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso? Completato sospeso Se il percorso è stato sospeso perché?: non mi interessava più avevo trovato un altro lavoro per motivi sanitari altro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso? Sì no Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso? Sì no Se sì quale. a tempo determinato a tempo indeterminato Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta? Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne? Complessivamente, come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne? molto positiva abbastanza positiva negativa Se positiva (abbastanza o molto) perché?: il percorso Tèchne si è concluso con l assunzione il percorso Tèchne è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo il percorso Tèchne è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale il percorso Tèchne mi ha reso più consapevole delle mie potenzialità e dei miei limiti altro. Se negativa perché?: non mi ha aiutato a trovare lavoro il corrispettivo economico era inadeguato le esperienze fatte non sono state per me utili altro Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne, è soddisfatto del suo inserimento lavorativo? Se no perché?: poco remunerativo di scarsa soddisfazione altro Desidera fare altre osservazioni?: Dati di sintesi delle interviste proposte: periodo Diagnosi dei pazienti intervistati: Mielolesione traumatica: 2 GCA: 11 (9 traumatici 2 non traumatici) TC in encefalopatia PN: 1 AR: 1 N. anni di percorso frequentati: 1 anno: 8 pazienti 2 anni: 4 pazienti 3 anni: 2 pazienti 4 anni: 1 paziente Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso?: completato: 13 sospeso: 2: - Non mi potevano assumere Avevo trovato un altro lavoro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso?: su n. 13 percorsi completati: n. 5 Assunzioni: 3 tempo indeterminato 1 (tempo determinato 2 mesi Sost. Gravidanza) * 1 con cambio di mansione (si è licenziato dopo 2 mesi) n. 8 Non Assunzioni Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso?: (8 completati e conclusi senza assunzione) No: 4 Sì : 4 Borsa Lavoro Comunale c\o Tipografia x 6 mesi non rinnovata su volere del paziente Borsa lavoro Comunale rinnovabile ogni 6 o 12 mesi all oggi in corso per 36 h settimanali...borsa Lavoro Comunale rinnovabile c\0 Centro Privato di Riabilitazione. All oggi lavora 3 gg1settimana per 4 ore (perché c è poco lavoro) come centralinista tramite Bando Regionale fino ad Agosto c.a. * il pz assunto per 2 mesi poi licenziatosi ha successivamente trovato un lavoro c\o Coop. Invalidi di Meldola CSIPM (30\h settimanali) che definisce favorito dal percorso Tèchne. Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta?: Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 3

4 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE sì: 13 (86,6%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 0 (0%) Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne?: sì: 12 (80%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 1 (6,6%) Complessivamente come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne?: molto positiva: 8 (53,3%) abbastanza positiva: 4 (26,6%) negativa: 3 (20,0%) Se positiva (abbastanza o molto) perché: (12 utenti) 4 risposte: il percorso si è concluso con l assunzione: 4 risposte: il percorso è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo 11 risposte: il percorso è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale 10 risposte: il percorso mi ha reso più consapevole dei miei limiti e delle mie potenzialità: 4 risposte: altro: molto utile per recuperare autostima È stato importante avere un referente a cui fare riferimento durante l esperienza lavorativa è importante essere aiutati da un operatore a relazionarsi con l azienda utile perché mi ha permesso di esprimere le mie potenzialità Se negativa perché: (3 utenti) 2: non mi ha aiutato a trovare lavoro 1: il corrispettivo economico era inadeguato 2: le esperienze fatte non sono state per me utili 2: altro: la Tutor era antipatica _ Le mie esigenze non sono state comprese. Non avevamo gli stessi obiettivi La mamma di questo utente riferisce che la tutor era molto gentile e disponibile ma a M. non andava mai bene niente. La Borsa Lavoro Comunale non è stata rinnovata per volere del paziente. Oggi lui non lavora e non sta cercando lavoro. Non è motivato; lui vorrebbe fare solo il muratore ma gli altri dicono che non è più un lavoro adatto a lui. Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne è soddisfatto del suo inserimento lavorativo?: 3: sì 4: abbastanza 0: no 3 sì: 2 sono pazienti assunti a tempo indeterminato 1 pz licenziatosi dopo 2 mesi che ha successivamente trovato lavoro Desidera fare altre osservazioni?: fino ad ora non ho incontrato proposte lavorative adatte a me (M. A) l addestramento è stato troppo breve, mi hanno lasciata sola troppo presto. Il monte ore lavorativo è troppo per me e non è certo il proseguo del lavoro(e.b) è necessaria una maggiore assistenza da parte del tutor (W.B) l esperienza Tèchne mi è stata comunque molto utile perché ha arricchito il mio curriculum. Non ho proseguito oltre perché ero interessata solo ad un lavoro di educatrice e non vi erano possibilità in questo ambito (S. S) lavoro poche ore settimanali perché c è poco lavoro; mi piacerebbe lavorare di più. Il guadagno è adeguato alle ore che svolgo. (P. Z) Riflessioni sulla sintesi dei dati e sui risultati dell intervista: Le riflessioni sui percorsi che hanno prodotto una assunzione o una BLC sono già state fatte. Quello che maggiormente ci conforta è constatare che per molti utenti, il gradiente di soddisfazione di questa esperienza è comunque buono e non necessariamente vincolato alla definitiva assunzione. La possibilità di rimettersi in gioco in una realtà lavorativa che coniuga normalità e disabilità, la tranquillità di essere supportati da un operatore, la possibilità di sperimentare le proprie possibilità e i propri limiti in ambiti diversi dalla quotidianità familiare, giustificano spesso la scelta di un nuovo percorso o danno un connotato comunque positivo all esperienza effettuata. Per noi operatori rimane comunque l amara constatazione della reale difficoltà di accesso al mondo lavorativo per moltissime persone con esiti di TC o GCA e, la osservazione di un difficile inserimento sociale là dove quello lavorativo non è fattivo. La parte che segue pensiamo di toglierla perché appesantisce troppo il lavoro e crediamo sia di poco interesse ; (potrebbero essere fatte delle slide da presentare solo in caso di domande specifiche): Dai dati di insieme riferiti all analisi dei 5 anni, abbiamo voluto anche differenziare gli utenti segnalati dalla nostra U.O. dagli utenti segnalati da altri operatori per poter fare alcune riflessioni. Abbiamo visto che: Totale utenti segnalati da UOMR: 25 (34 totali) (73,5%) Totale utenti inseriti da UOMR 17 (26 totali) (65,3%) Totale percorsi iniziati: 32 (42 totali) (76,1%) Totale percorsi completati: 29 (38 totali) (76,3%) Totale percorsi abbandonati: 3 (4 totali) (75,0%) Tipologia di diagnosi: TC: 11 TC in Enc Post: 1 GCA: 2 Mieloles Tr.: 2 A.R. 1 Poiché il progetto è nato grazie alla collaborazione tra la nostra U.O e il centro di formazione Tèchne, è ovvio che la maggior parte degli utenti segnalati e inseriti provenga dalla nostra U.O, sopratutto nei primi anni di esperienza,. con una percentuale pari al 65,3% del totale. Notiamo però che il numero delle segnalazioni/inserimenti si riduce progressivamente durante i 5 anni di collaborazione. Questo dato è a nostro avviso facilmente interpretabile. Nei primi anni di collaborazione, l UOMR poteva segnalare anche utenti dimessi da un periodo relativamente lungo, mentre negli anni successivi, lo scarto temporale tra la fase acuta e la segnalazione obbligatoriamente si riduceva. Inoltre, negli anni, si è forse affinata anche la nostra capacità di selezionare i pazienti che potevano al meglio usufruire di questi percorsi, indipendentemente dalla disponibilità o meno dei percorsi stessi. Continuando l analisi del nostro sottogruppo, possiamo notare che i pazienti da noi segnalati realizzano un numero maggiore di percorsi iniziati ma soprattutto completati (76.1% e 76.3%). Anche la percentuale dei percorsi abbandonati sembra elevata,(75.0%), però sappiamo che di questi 3 abbandoni solo 1 è stato motivato dall insoddisfazione (ricordiamo che): 1 è stato perché ha trovato lavoro, 1 pensava di poter rientrare nella precedente attività lavorativa (successivamente riprenderà il percorso Tèchne e sarà assunto); 1 solo è un abbandono per insoddisfazione. 4 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

5 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Questi dati ci confortano dimostrandoci pertanto una sufficiente adeguatezza nella segnalazione degli utenti, sopratutto se osserviamo che tra gli utenti da noi segnalati un numero elevato di loro presentava esiti permanenti di TC o di GCA (82,3%). Parliamo di sufficiente adeguatezza in quanto molti utenti, pur apprezzando il percorso e spesso ripetendolo, nella realtà non hanno poi dimostrato le potenzialità per poter essere realmente inseriti all interno di attività lavorative competitive. Se osserviamo però le percentuali di collocamento, anche queste risultano più elevate nel sottogruppo formato dagli utenti da noi segnalati, ma solo nel dato iniziale della totalità delle assunzioni e nel sottogruppo delle BLC. Analizzando invece i collocamenti ancora in essere la percentuale scende a 17.6%, contro il valore 19.2% dei dati di insieme Assunzioni: 6 (35,2%) (1 poi licenz.- 1 si licenzia- 1 assunt x 3 mesi) + 3 BL (17,6%) (2 in corso) + Frequenza ditta come socio Storia delle 3 (17.6%) (2 TC + 1 mielol) tutt ora in essere Assunzioni: 1 poi viene licenziato = TC 1 si licenzia= GCA 1 assunt x 3 mesi sost maternità= AR 3 BLC: 2 TC 1 TC in Enc Post 2 BLC in corso (11,7%) Totale utenti segnalati da altri: 9 (34 totali) Totale utenti inseriti da altri 9 (26 totali) Totali percorsi iniziati: 11 (42 totali) Totali percorsi sospesi: 1 (4 totali) Assunzioni: 2 (TC + PCI) B. L o Assunzioni favorite: 0 Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 5

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 CENTRO DIURNO DISABILI di Reinserimento e Riabilitazione Sociale per persone con GRAVI CEREBROPATIE ACQUISITE CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Via Moroni, 6-24 066 Pedrengo

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

IL GRUPPO PER IL REINSERIMENTO FAMILIARE DOPO UN ICTUS

IL GRUPPO PER IL REINSERIMENTO FAMILIARE DOPO UN ICTUS IL GRUPPO PER IL REINSERIMENTO FAMILIARE DOPO UN ICTUS I gruppi di formazione per il reinserimento al domicilio dei pazienti colpiti da ictus e i loro parenti hanno avuto una evoluzione nel tempo che è

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte 01 A cura di Àncora Servizi Premessa metodologica Àncora Servizi, in collaborazione

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Uff. III Firenze, 21 settembre 2015 Ai Ai Dirigenti Scolastici della Toscana Coordinatori didattici delle scuole paritarie della Toscana e. p.c. Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali della Toscana Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita Servizio Famiglia Infanzia Età Evolutiva Ufficio Promozione Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita anno 2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it Provincia di Pavia SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it CONVENZIONE EX ART. 11, COMMA 5, LEGGE 68/99 PREMESSO CHE:

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA SECONDARIA Anno Scolastico 2015-16 1. DATI GENERALI Nome e cognome Data di nascita Classe Insegnante coordinatore della classe Diagnosi medico-specialistica redatta

Dettagli

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006 Strategie di ricerca attiva Pagina 1 di 11 Come Presentarsi : la lettera di accompagnamento e il Curriculum Vitae Questa sezione è molto importante perché il curriculum vitae e lettera di accompagnamento

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Studenti partecipanti per Rete

Studenti partecipanti per Rete Monitoraggio e valutazione degli interventi di orientamento all interno dei progetti Antidispersione del POF a.s. 2011-2012 Risultati della sperimentazione Nell ambito del progetto FSE Mantenimento e sviluppo

Dettagli

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità PROTOCOLLO OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO DOMICILIARE PER MINORI E GIOVANI IN CONDIZIONE DI DISAGIO SOCIALE, FAMILIARE E/O DISABILITA 1 1. INTERVENTO DI SOSTEGNO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO...

Dettagli

Curriculum vitae di Manuela Rijillo

Curriculum vitae di Manuela Rijillo Curriculum vitae di Manuela Rijillo Informazioni personali Istruzione Nazionalità: Italiana Data di nascita: 23 Settembre 1977 Luogo di nascita: Catanzaro Residenza: Modena 1996 Liceo Scientifico Wiligelmo

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

La composizione dell offerta socio-sanitaria per le persone con lesione midollare

La composizione dell offerta socio-sanitaria per le persone con lesione midollare La composizione dell offerta socio-sanitaria per le persone con lesione midollare Censimento delle strutture, dei professionisti e delle tipologie assistenziali esistenti in Italia La composizione dell

Dettagli

Il progetto regionale sostanze legali

Il progetto regionale sostanze legali Lavori preparatori alla II Conferenza regionale sulla salute mentale Il Sistema Dipendenze patologiche si presenta Il progetto regionale sostanze legali Maurizio Laezza Bologna,27 febbraio 2007 Fumo di

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE. SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO

RELAZIONE ANNUALE. SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA' 2012 dell' Associazione IL LABORATORIO Nell'arco dell'anno 2012 hanno frequentato il nostro servizio 29 persone, di cui 13 donne e 16 uomini. La frequenza giornaliera

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Carta dei servizi aggiornata 28/04/2014

Carta dei servizi aggiornata 28/04/2014 1 Sede legale via Statale per Lecco n. 4 22100 Como tel. 031-296411 fax 031-296416 e-mail info@arcadicomo.org sito internet www.arcadicomo.org Sede delle comunità: Comunità terapeutica riabilitativa maschile

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo L'uso del giudizio clinico nell'erogazione della cura, per consentire alle persone di migliorare, mantenere o recuperare

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Assicurazione delle spese d ospedalizzazione

Assicurazione delle spese d ospedalizzazione Assicurazione delle spese d ospedalizzazione Condizioni complementari d assicurazione (CCA) Edizione 0. 00 Se le condizioni generali d assicurazione (CGA) concernenti le assicurazioni complementari giusta

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare

Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare ASP CENTRO SERVIZI ALLA PERSONA & SERENA SOC. COOP. ONLUS Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare Rielaborazione e analisi dei dati raccolti A cura di MICOL NERI Ferrara 12 settembre

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA ALLEGATO A) ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI ETA INFERIORE A 65 ANNI. La Regione Piemonte

Dettagli

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5

Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 Allegato 1) Legge regionale 23/99 - art. 4, commi 4 e 5 INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 allegato alla deliberazione n. 211 del 21.3.2012 1 INDICE PREMESSA...4 1. ASSEGNO DI CURA...5 1.1 DESTINATARI...5

Dettagli

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti - 1^ Semestre

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

(SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO DISABILI)

(SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO DISABILI) C P F TICINO - MALPENSA SIL (SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO DISABILI) Carta dei Servizi Luglio 2009 1 AVORO UTONOMIA OLONTA RGANIZZAZIONE ESPONSABILITA PERATIVITA Distretto di Sesto Calende 2 CARTA

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE AGRARIA E ALBERGHIERA G.RAINERI G.MARCORA Strada Agazzana, 35 P I A C E N Z A 0523 458929 0523 458938 @ pcis00200v@istruzione.it codice fiscale 80004680338 PIANO

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO RIABILITAZIONE è un processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si porta una persona disabile a raggiungere il miglior livello

Dettagli

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente.

Questo grafico conferma le tendenze evidenziate con il precedente. Istituto Paolo Boselli Questionario rivolto alle classi quinte Agenzia Banca Dati a.s. 2011/12 Commento ai risultati del questionario Il tradizionale questionario sottoposto agli allievi delle classi quinte

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli