Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale"

Transcript

1 EUR MED PHYS 2008;44(Suppl. 1 to No. 3) Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale AM. BENINI, D. ACHILLI, M. VITI, RM ROSSI, C. NERI, D. ASSIRELLI, G. PESTELLI L esperienza di malattia quale quella di una grave cerebrolesione acquisita, è un percorso spesso doloroso e faticoso, dove albergano con tempi e modalità diverse per ognuno, disperazione e sconforto, ma anche speranza e voglia di lottare; quasi sempre, al termine dell iter di cura, il paziente e la sua famiglia sono costretti a confrontarsi con menomazioni non completamente emendabili, con disabilità permanenti, con alterazioni importanti della sfera cognitiva e relazionale. Spesso questo determina un impoverimento delle relazioni preesistenti e a volte un sovvertimento dello stesso nucleo familiare, con la difficoltà/impossibilità per il paziente a ricoprire i ruoli che gli erano propri prima della lesione. La consapevolezza di questi cambiamenti diventa inevitabile con il rientro al domicilio, momento tanto atteso e desiderato ma che spesso si rivela difficile e doloroso, soprattutto se non è possibile la ripresa del lavoro svolto in precedenza. Già da anni la Medicina Riabilitativa, a differenza o prima di altre discipline, riconosce i limiti di una lettura esclusivamente bio-medica della malattia e sottolinea la necessità di una presa in carico olistica che sappia leggere e farsi carico delle ripercussioni che le stesse menomazioni hanno sulla sfera affettiva, relazionale e sociale. Molto spesso però, per noi operatori, a questa capacità di lettura segue la frustrazione derivante dalla nostra difficoltà o totale impotenza nel fornire una risposta ai bisogni dei pazienti. Partendo da queste riflessioni, alcuni operatori della Degenza Riabilitativa di Forlimpopoli (AUSL Forlì), hanno iniziato a cercare quali altri Servizi e competenze fossero presenti nel nostro territorio per poter avviare un progetto che aiutasse alcuni pazienti a reinserirsi nell attività socio/lavorativa locale. Dopo vari contatti è stato individuato il Centro di Formazione Tèchne come partner dell area professionale e, nel 2001, è stato formulato un progetto per l inserimento socio lavorativo di 10 pazienti. Questo progetto è stato approvato dalla provincia di Forlì (Assessorato alla Formazione della Provincia di Forlì- Cesena) e ha ottenuto la copertura del Fondo Sociale Europeo per il quinquennio 2002\2007 per un massimo di n.10 inserimenti annuali. In base a quanto definito dal progetto, le persone selezionate dovevano presentare esiti di grave cerebrolesione acquisita con punteggio di invalidità civile uguale o > 46%. Poiché negli anni il numero di utenti individuati con questa patologia è stato inferiore al massimale dei percorsi consentiti annualmente, la Regione ha approvato anche l inserimento di utenti con patologie diverse ma tali da residuare elevata disabilità; tutte le persone selezionate avevano manifestato interesse a recuperare un ruolo lavorativo. L utente poteva essere segnalato agli operatori Tèchne non solo dalla nostra U.O. ma anche dai Servizi Sociali territoriali o dalle famiglie stesse. Centro di Formazione Tèchne, AUSL, Forlì Gli utenti da noi segnalati, venivano presentati agli operatori della Tèchne e dei Sevizi Sociali sia verbalmente, sia attraverso la trasmissione di schede di valutazione che misuravano le menomazioni e le disabilità presenti, che indagavano la consapevolezza di sé e la vita quotidiana; a questo punto gli operatori della Tèchne incontravano il paziente e i suoi familiari per approfondire gli interessi, le aspettative, per meglio valutare le abilità residue, per conoscere le dinamiche relazionali. Seguiva la ricerca nel territorio della Ditta più idonea, la presentazione a questa della persona e il successivo inserimento in Azienda. Ogni inserimento lavorativo prevedeva contatti frequenti tra la ditta, il lavoratore e il tutor dell area formativa/professionale Tèchne, con periodici ritorni a tutti gli operatori del team per valutarne l andamento e affrontare le criticità incontrate. La presenza agli incontri degli operatori dell Area sociale è stata incostante per carenza di operatori e, all oggi, è momentaneamente sospesa pur restando coinvolti nella gestione del paziente. Ogni percorso formativo usufruiva di complessive h 500, di cui 20 h dedicate ai colloqui con il paziente e i suoi familiari, sia per la conoscenza iniziale, sia per le verifiche dell andamento del percorso; le rimanenti ore venivano svolte direttamente in azienda. All interno di questa era prevista una prima fase orientativa durante la quale il paziente veniva seguito assiduamente da un tutor aziendale, a cui seguiva una seconda fase professionalizzante di maggiore autonomia. L utente riceveva un corrispettivo economico che non era prefissato e identico per ogni percorso, ma che veniva deciso e personalizzato per ogni progetto a livello regionale. L obiettivo auspicabile era di cercare fin dall inizio di favorire inserimenti lavorativi in ditte idonee per quel tipo di utenti e disponibili ad una eventuale futura assunzione, per ridurre il più possibile le difficoltà insite in ogni cambiamento e nuovo inserimento. Questo non è stato quasi mai possibile, sia per le difficoltà di accoglienza del mondo del lavoro, sia per le difficoltà che l utente incontrava nelle varie sedi con la conseguente necessità di sperimentare in altri ambiti lavorativi le proprie abilità, interessi, capacità relazionali e quanto altro. A fine percorso, se l utente non era stato assunto, era possibile essere inserito in un nuovo programma fino a un massimo di n 3. percorsi. Eccezionalmente, in un caso, la Regione Emilia Romagna ha autorizzato un quarto inserimento. Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 1

2 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE In questo lavoro abbiamo analizzato i dati relativi al periodo 2002\2007, sia in ogni singolo anno di collaborazione sia in una sintesi globale, e questo è quanto è emerso dall analisi: Anno 2002\2003: Totale utenti segnalati 14: 11 da UOMR, 3 da altri Totale utenti inseriti: 11: (8 da UOMR, 3 da altri) Percorsi completati: 9: (6 da UOMR, 3) Percorsi abbandonati: 2: (UOMR) 1 Anno 2003\2004: Totale utenti segnalati: 6 (da UOMR e inseriti) Totale utenti inseriti: 11 6 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 1 4 (1- licenziato dopo 6 mesi e 1- si licenzia dopo 2 mesi) Anno 2004\2005: Totale utenti segnalati : 10 7 da UOMR (2 inseriti) 3 da altri (inseriti) Totale utenti inseriti Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 0 10: 5 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Borse lavoro Comunali + 1 Rientro in Studio come socio con cambio di mansioni Anno 2005\2006: Totale utenti segnalati: 4 1 da UOMR (1 inserito), 3 da altri (3 inseriti) Totale utenti inseriti: 8 4 nuovi inserimenti 4 prosecuzioni Percorsi completati: 7 Percorsi sospesi: 1 Totale Assunzioni: Borsa Lavoro comunale Anno 2006/2007: Totale utenti segnalati: nessuno Totali inserimenti: 2 prosecuzioni Percorsi completati: 2 Percorsi sospesi: 0 1 (per 3 mesi- sostituzione di maternitàforse futura assunzione se ditta aprirà a Cesena) Dall analisi dei singoli anni abbiamo ricavato alcuni dati di sintesi del periodo Sintesi 5 anni: 2002/ / / / /2007 Totale utenti segnalati: 34: 25 da UOMR (17 inseriti) 9 da AS e famiglie (9 inseriti) Totale utenti che hanno iniziato almeno un percorso: 26 Tipologia di diagnosi: 2 Politrauma 2 PCI (proposte da altri) 2 G.C.A 14 T.C. 3 Mieloles traum 1 TC a 6 aa 1 TC in Enc Postnatale 1 A.R. Totale utenti che hanno ripetuto almeno un percorso: 11 (42,3%) Utenti che hanno 15: 3 pz abbandonano effettuato solo n.1 percorso: 4 pz sono assunti 8 completano il percorso ma non proseguono Utenti che pur non essendo assunti hanno : 11 (42.3%) effettuato un solo percorso Totale percorsi effettuati: 42 ( ) Totale percorsi completati: 38 (90.4%) ( ) Totale percorsi sospesi: 4 (9.5%) ( ) 8 (30.7%) +3 Borse Lavoro (11.5%) +1(frequenza socio Volontario) Su n 8 Assunzioni: Su n.8 Assunzioni: 4 al primo percorso 4 ai percorsi successivi 1 viene licenziato dopo 6 mesi 1 si licenzia dopo 2 mesi 1 viene assunta per soli 3 mesi (sostituzione maternità) 5 tutt ora assunti (19.2%) Su n. 3 Borse Lavoro: 1 non rinnovata per volere del paziente 2 tutt ora in essere (7.6%) Su n. 4 Percorsi sospesi: 1 ha trovato lavoro 1 pensa di poter riprendere l attività lavorativa precedente (riprenderà percorso Tèchne) 1 non corrisponde alle sue esigenze 1 difficoltà relazionali\scarsa motivazione al lavoro Riflessioni La prima riflessione che nasce dall osservazione di questi dati è che, probabilmente, il gradiente di soddisfazione dell utente era complessivamente buono; infatti, per 26 utenti che hanno partecipato a questa progettazione, 42 sono stati i percorsi iniziati di cui 38 (90.4%) quelli completati. Su 42 percorsi iniziati solamente n 2 percorsi vengono sospesi per insoddisfazione (4.7%) (ricordiamo che un utente sospende perché trova lavoro autonomamente e un secondo utente sospende in quanto, ancora incapace di un analisi critica di realtà, ritiene di poter riprendere l attività lavorativa precedente il trauma). Se analizziamo quanti percorsi hanno portato ad una assunzione definitiva troviamo n. 8 assunzioni totali + 3 BLC (pari al 30.7% e 11.5%); questo dato, a nostro avviso soddisfacente, si modifica sensibilmente se analizziamo quante assunzioni o BLC sono ancora in essere al momento dell analisi dei dati. Da 8 scendiamo a n. 5 assunzioni tutt ora in atto con n. 2 BLC (pari rispettivamente al 19,2% e al 7,6%), valore indubbiamente di minor soddisfazione. In assoluto, la percentuale di inserimenti lavorativi non risulta certamente elevata; le difficoltà del mercato del lavoro odierno e la difficoltà a svolgere un ruolo lavorativo in maniera autonoma là dove residuano deficit cognitivi e turbe comportamentali rende a nostro avviso ragione di questi numeri. Ricordiamo che 20 su 26 degli utenti inseriti hanno diagnosi di cerebrolesione. Notiamo però che, nonostante la evidente difficoltà di una collocazione lavorativa definita, molti di loro hanno comunque scelto di proseguire il percorso, riscontrando pertanto in questa esperienza una positività che trascendeva il reale inserimento lavorativo. Credo sia esperienza comune di molti operatori che lavorano nell ambito delle disabilità da cerebrolesione, constatare la difficoltà di un inserimento sociale soddisfacente là dove l inserimento lavorativo competitivo risulta impossibile; probabilmente, la possibilità di effettuare questi percorsi ha temporaneamente coperto il vuoto di un inserimento sociale difficoltoso e carente. Per meglio indagare e comprendere questi aspetti abbiamo formulato una intervista da somministrare agli utenti che ci permettesse di monitorare il gradiente di gradimento e di raccogliere alcune riflessioni. 2 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

3 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Abbiamo deciso di intervistare solamente gli utenti da noi presentati agli operatori Tèchne, non avendo con gli altri un rapporto diretto di conoscenza e, data la cronica mancanza di tempo degli operatori di tutti i Servizi, abbiamo pensato di somministrarla telefonicamente. Su un totale di n 17 pazienti inseriti nel percorso, 1 abbiamo deciso di non contattarlo per sopraggiunte problematiche psichiatriche ; dei rimanenti 16, un paziente non ha accettato di sottoporsi all intervista. Pertanto, la seguente intervista è stata somministrata a 15 utenti. Intervista pazienti percorso Tèchne Cognome e nome.... Diagnosi.... Età al momento dell evento traumatico.... Condizione lavorativa precedente la malattia.. Per quanti anni ha seguito il percorso Tèchne? 1 anno 2anni 3anni 4 anni frequentazione in corso Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso? Completato sospeso Se il percorso è stato sospeso perché?: non mi interessava più avevo trovato un altro lavoro per motivi sanitari altro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso? Sì no Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso? Sì no Se sì quale. a tempo determinato a tempo indeterminato Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta? Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne? Complessivamente, come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne? molto positiva abbastanza positiva negativa Se positiva (abbastanza o molto) perché?: il percorso Tèchne si è concluso con l assunzione il percorso Tèchne è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo il percorso Tèchne è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale il percorso Tèchne mi ha reso più consapevole delle mie potenzialità e dei miei limiti altro. Se negativa perché?: non mi ha aiutato a trovare lavoro il corrispettivo economico era inadeguato le esperienze fatte non sono state per me utili altro Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne, è soddisfatto del suo inserimento lavorativo? Se no perché?: poco remunerativo di scarsa soddisfazione altro Desidera fare altre osservazioni?: Dati di sintesi delle interviste proposte: periodo Diagnosi dei pazienti intervistati: Mielolesione traumatica: 2 GCA: 11 (9 traumatici 2 non traumatici) TC in encefalopatia PN: 1 AR: 1 N. anni di percorso frequentati: 1 anno: 8 pazienti 2 anni: 4 pazienti 3 anni: 2 pazienti 4 anni: 1 paziente Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso?: completato: 13 sospeso: 2: - Non mi potevano assumere Avevo trovato un altro lavoro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso?: su n. 13 percorsi completati: n. 5 Assunzioni: 3 tempo indeterminato 1 (tempo determinato 2 mesi Sost. Gravidanza) * 1 con cambio di mansione (si è licenziato dopo 2 mesi) n. 8 Non Assunzioni Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso?: (8 completati e conclusi senza assunzione) No: 4 Sì : 4 Borsa Lavoro Comunale c\o Tipografia x 6 mesi non rinnovata su volere del paziente Borsa lavoro Comunale rinnovabile ogni 6 o 12 mesi all oggi in corso per 36 h settimanali...borsa Lavoro Comunale rinnovabile c\0 Centro Privato di Riabilitazione. All oggi lavora 3 gg1settimana per 4 ore (perché c è poco lavoro) come centralinista tramite Bando Regionale fino ad Agosto c.a. * il pz assunto per 2 mesi poi licenziatosi ha successivamente trovato un lavoro c\o Coop. Invalidi di Meldola CSIPM (30\h settimanali) che definisce favorito dal percorso Tèchne. Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta?: Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 3

4 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE sì: 13 (86,6%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 0 (0%) Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne?: sì: 12 (80%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 1 (6,6%) Complessivamente come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne?: molto positiva: 8 (53,3%) abbastanza positiva: 4 (26,6%) negativa: 3 (20,0%) Se positiva (abbastanza o molto) perché: (12 utenti) 4 risposte: il percorso si è concluso con l assunzione: 4 risposte: il percorso è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo 11 risposte: il percorso è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale 10 risposte: il percorso mi ha reso più consapevole dei miei limiti e delle mie potenzialità: 4 risposte: altro: molto utile per recuperare autostima È stato importante avere un referente a cui fare riferimento durante l esperienza lavorativa è importante essere aiutati da un operatore a relazionarsi con l azienda utile perché mi ha permesso di esprimere le mie potenzialità Se negativa perché: (3 utenti) 2: non mi ha aiutato a trovare lavoro 1: il corrispettivo economico era inadeguato 2: le esperienze fatte non sono state per me utili 2: altro: la Tutor era antipatica _ Le mie esigenze non sono state comprese. Non avevamo gli stessi obiettivi La mamma di questo utente riferisce che la tutor era molto gentile e disponibile ma a M. non andava mai bene niente. La Borsa Lavoro Comunale non è stata rinnovata per volere del paziente. Oggi lui non lavora e non sta cercando lavoro. Non è motivato; lui vorrebbe fare solo il muratore ma gli altri dicono che non è più un lavoro adatto a lui. Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne è soddisfatto del suo inserimento lavorativo?: 3: sì 4: abbastanza 0: no 3 sì: 2 sono pazienti assunti a tempo indeterminato 1 pz licenziatosi dopo 2 mesi che ha successivamente trovato lavoro Desidera fare altre osservazioni?: fino ad ora non ho incontrato proposte lavorative adatte a me (M. A) l addestramento è stato troppo breve, mi hanno lasciata sola troppo presto. Il monte ore lavorativo è troppo per me e non è certo il proseguo del lavoro(e.b) è necessaria una maggiore assistenza da parte del tutor (W.B) l esperienza Tèchne mi è stata comunque molto utile perché ha arricchito il mio curriculum. Non ho proseguito oltre perché ero interessata solo ad un lavoro di educatrice e non vi erano possibilità in questo ambito (S. S) lavoro poche ore settimanali perché c è poco lavoro; mi piacerebbe lavorare di più. Il guadagno è adeguato alle ore che svolgo. (P. Z) Riflessioni sulla sintesi dei dati e sui risultati dell intervista: Le riflessioni sui percorsi che hanno prodotto una assunzione o una BLC sono già state fatte. Quello che maggiormente ci conforta è constatare che per molti utenti, il gradiente di soddisfazione di questa esperienza è comunque buono e non necessariamente vincolato alla definitiva assunzione. La possibilità di rimettersi in gioco in una realtà lavorativa che coniuga normalità e disabilità, la tranquillità di essere supportati da un operatore, la possibilità di sperimentare le proprie possibilità e i propri limiti in ambiti diversi dalla quotidianità familiare, giustificano spesso la scelta di un nuovo percorso o danno un connotato comunque positivo all esperienza effettuata. Per noi operatori rimane comunque l amara constatazione della reale difficoltà di accesso al mondo lavorativo per moltissime persone con esiti di TC o GCA e, la osservazione di un difficile inserimento sociale là dove quello lavorativo non è fattivo. La parte che segue pensiamo di toglierla perché appesantisce troppo il lavoro e crediamo sia di poco interesse ; (potrebbero essere fatte delle slide da presentare solo in caso di domande specifiche): Dai dati di insieme riferiti all analisi dei 5 anni, abbiamo voluto anche differenziare gli utenti segnalati dalla nostra U.O. dagli utenti segnalati da altri operatori per poter fare alcune riflessioni. Abbiamo visto che: Totale utenti segnalati da UOMR: 25 (34 totali) (73,5%) Totale utenti inseriti da UOMR 17 (26 totali) (65,3%) Totale percorsi iniziati: 32 (42 totali) (76,1%) Totale percorsi completati: 29 (38 totali) (76,3%) Totale percorsi abbandonati: 3 (4 totali) (75,0%) Tipologia di diagnosi: TC: 11 TC in Enc Post: 1 GCA: 2 Mieloles Tr.: 2 A.R. 1 Poiché il progetto è nato grazie alla collaborazione tra la nostra U.O e il centro di formazione Tèchne, è ovvio che la maggior parte degli utenti segnalati e inseriti provenga dalla nostra U.O, sopratutto nei primi anni di esperienza,. con una percentuale pari al 65,3% del totale. Notiamo però che il numero delle segnalazioni/inserimenti si riduce progressivamente durante i 5 anni di collaborazione. Questo dato è a nostro avviso facilmente interpretabile. Nei primi anni di collaborazione, l UOMR poteva segnalare anche utenti dimessi da un periodo relativamente lungo, mentre negli anni successivi, lo scarto temporale tra la fase acuta e la segnalazione obbligatoriamente si riduceva. Inoltre, negli anni, si è forse affinata anche la nostra capacità di selezionare i pazienti che potevano al meglio usufruire di questi percorsi, indipendentemente dalla disponibilità o meno dei percorsi stessi. Continuando l analisi del nostro sottogruppo, possiamo notare che i pazienti da noi segnalati realizzano un numero maggiore di percorsi iniziati ma soprattutto completati (76.1% e 76.3%). Anche la percentuale dei percorsi abbandonati sembra elevata,(75.0%), però sappiamo che di questi 3 abbandoni solo 1 è stato motivato dall insoddisfazione (ricordiamo che): 1 è stato perché ha trovato lavoro, 1 pensava di poter rientrare nella precedente attività lavorativa (successivamente riprenderà il percorso Tèchne e sarà assunto); 1 solo è un abbandono per insoddisfazione. 4 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

5 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Questi dati ci confortano dimostrandoci pertanto una sufficiente adeguatezza nella segnalazione degli utenti, sopratutto se osserviamo che tra gli utenti da noi segnalati un numero elevato di loro presentava esiti permanenti di TC o di GCA (82,3%). Parliamo di sufficiente adeguatezza in quanto molti utenti, pur apprezzando il percorso e spesso ripetendolo, nella realtà non hanno poi dimostrato le potenzialità per poter essere realmente inseriti all interno di attività lavorative competitive. Se osserviamo però le percentuali di collocamento, anche queste risultano più elevate nel sottogruppo formato dagli utenti da noi segnalati, ma solo nel dato iniziale della totalità delle assunzioni e nel sottogruppo delle BLC. Analizzando invece i collocamenti ancora in essere la percentuale scende a 17.6%, contro il valore 19.2% dei dati di insieme Assunzioni: 6 (35,2%) (1 poi licenz.- 1 si licenzia- 1 assunt x 3 mesi) + 3 BL (17,6%) (2 in corso) + Frequenza ditta come socio Storia delle 3 (17.6%) (2 TC + 1 mielol) tutt ora in essere Assunzioni: 1 poi viene licenziato = TC 1 si licenzia= GCA 1 assunt x 3 mesi sost maternità= AR 3 BLC: 2 TC 1 TC in Enc Post 2 BLC in corso (11,7%) Totale utenti segnalati da altri: 9 (34 totali) Totale utenti inseriti da altri 9 (26 totali) Totali percorsi iniziati: 11 (42 totali) Totali percorsi sospesi: 1 (4 totali) Assunzioni: 2 (TC + PCI) B. L o Assunzioni favorite: 0 Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 5

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni di volontariato. 3 Novembre 2011

Il ruolo delle Associazioni di volontariato. 3 Novembre 2011 Il ruolo delle Associazioni di volontariato 3 Novembre 2011 Ass.C.A. ASSOCIAZIONE DI FAMILIARI NATA NEL 2005 I nostri obbiettivi principali: Portavoce dei bisogni e delle criticità. Garantire alle persone

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER TECNICO INFORMATICO WEB MASTER Corso di Formazione Professionale Por Puglia 2000-2006 Complemento Di Programmazione Asse III Mis. 3.4 - Az. a) Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte 01 A cura di Àncora Servizi Premessa metodologica Àncora Servizi, in collaborazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

C.I.M. MAPPANO. Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014

C.I.M. MAPPANO. Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014 Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014 C.I.M. MAPPANO La rilevazione è stata effettuata nel mese di aprile 2014, a circa un anno dalla precedente. L obiettivo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola)

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CONTA SU DI ME Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CASINA DEI BIMBI Dal 2001 l Associazione Casina dei Bimbi Onlus opera nel territorio delle province di Reggio Emilia, Modena e Parma

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati

Lexis Ricerche per Faschim. FASCHIM Indagine Associati Lexis Ricerche per Faschim FASCHIM Indagine Associati 1 Metodo e campione Ricerca quantitativa sul target iscritti Faschim. Disegno campionario: 1000 interviste telefoniche a iscritti al fondo Faschim;

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO

SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO SCHEDA FEDERAVO n 5 (data ultimo aggiornamento gennaio 2010) IL VOLONTARIO CHE LASCIA L AVO Obiettivo della scheda: approfondire i motivi per i quali il volontario sta lasciando l AVO e verificare se qualche

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

Progetto. Convenzione

Progetto. Convenzione Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato alla Solidarietà Sociale S.I.L. (Servizio Inserimento Lavorativo) Progetto SERVIZIO PER LA FORMAZIONE IN SITUAZIONE E PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare

Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare Istituto d Istruzione Superiore Lo Stage Estivo Vincenzo Capirola Leno/Ghedi Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare Marzia Vacchelli Nell attuale riforma scolastica si è attribuita grande importanza

Dettagli

Questionario Professione Giovani Psicologi

Questionario Professione Giovani Psicologi Questionario Professione Giovani Psicologi DATI SOCIO-ANAGRAFICI Genere M F Età Provincia residenza Stato civile: celibe/nubile coniugato/a separato/a divorziato/a vedovo Anno di iscrizione all Ordine

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

L informazione ai pazienti

L informazione ai pazienti PREVENZIONE DELLE MALATTIE RARE: LO STATO DELL ARTE L informazione ai pazienti La Consulenza Genetica come strumento d informazione sulle malattie rare Dott. Danilo Deiana Servizio di Screening e Consulenza

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

L adozione di un bambino già grande e l arrivo dell adolescenza Marco Chistolini Adolescenza adottiva L adozione è una condizione esistenziale che ha tratti comuni e profonde differenze. Questo assunto

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO RIABILITAZIONE è un processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si porta una persona disabile a raggiungere il miglior livello

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVISTE LETTURA E RIFLESSIONI

PRESENTAZIONE INTERVISTE LETTURA E RIFLESSIONI PRESENTAZIONE INTERVISTE LETTURA E RIFLESSIONI Responsabile di area produttiva per i servizi territoriali TESTON LEOPOLDINA Come a casa Solo a casa Aumento dell eta delle persone Aumento del carico assistenziale

Dettagli

Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi"

Stage 6. Esplorare nuovi Spazi Stage 6. "Esplorare nuovi Spazi" Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio riguardo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea

Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Analisi del Questionario di gradimento del Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito territoriale del Comune di Spinea Indagine 2013 A cura di Àncora Servizi Società Coop. Sociale 1 Premessa

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo Terapia Occupazionale La cultura della professione Milano, 23 maggio 2009 Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo T.O. Antonella Sartore A.O.U. Maggiore

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

Questionario per il rilevamento dati

Questionario per il rilevamento dati Questionario sull integrazione lavorativa delle persone sorde Obiettivi e Istruzioni L Area Lavoro e l Ufficio Studi, Progetti e Formazione della Sede Centrale ENS hanno predisposto il presente questionario

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO L ASP, sulla base della programmazione territoriale collegata al percorso di accreditamento, dei conseguenti Contratti di Servizio e collegati

Dettagli

LE FAMIGLIE DI NASCITA

LE FAMIGLIE DI NASCITA Torino 20.03.2014 LE FAMIGLIE DI NASCITA Carla Montangero educatrice professionale Servizio educativo del Progetto Neonati Comune di Torino COSA DICE LA LEGGE, CORNICE NORMATIVA LEGGE 184/83 modificata

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. Sede in Milano Capitale Sociale 17.609 BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 ASPETTI GENERALI In relazione all art. 3 dello statuto si conferma che i criteri che hanno guidato

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Questionario per intervista

Questionario per intervista MOD. ISTAT/IMF-10/B2.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE 1... Comune... Sezione di Censimento... (a cura del Comune)

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Stage 7. "Esorcizzare le Paure"

Stage 7. Esorcizzare le Paure Stage 7. "Esorcizzare le Paure" Gli obiettivi Nella prima sezione del questionario si è chiesto ai partecipanti di esprimere un giudizio riguardo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO

Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO Progetto Laboratorio VERSO IL FUTURO PREMESSA L Associazione Gli Amici di Zaccheo da alcuni anni opera all interno ed all esterno delle carceri genovesi attraverso contatti con detenuti e loro parenti,

Dettagli

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti Provincia di Milano Direzione Centrale Cultura e Affari Sociali Settore Sostegno e Prevenzione delle Emergenze Sociali Ufficio Teleassistenza Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Servizio Stage e Mondo del lavoro SEZIONE Z: Dati generali

Servizio Stage e Mondo del lavoro SEZIONE Z: Dati generali Servizio Stage e Mondo del lavoro SEZIONE Z: Dati generali Z.1 Ragione sociale: Z.2 Indirizzo: Z.3 Numeri di telefono: / / Z.4 Si tratta di: 1. Albergo 2. Ristorante/bar/pizzeria 3. Agenzia viaggi Registrare

Dettagli

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV)

COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) COMUNE DI STRADELLA Via Marconi,35 27049 Stradella (PV) Servizio di Formazione All Autonomia per Persone Disabili P.zza L. Meriggi 27049 Stradella (PV) Tel. 0385/44313 Fax 0385/246460 E-mail: sfacomunedistradella@libero.it

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli