Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale"

Transcript

1 EUR MED PHYS 2008;44(Suppl. 1 to No. 3) Inserimento socio-lavorativo nell esperienza di Forlì: sintesi di una collaborazione quinquennale AM. BENINI, D. ACHILLI, M. VITI, RM ROSSI, C. NERI, D. ASSIRELLI, G. PESTELLI L esperienza di malattia quale quella di una grave cerebrolesione acquisita, è un percorso spesso doloroso e faticoso, dove albergano con tempi e modalità diverse per ognuno, disperazione e sconforto, ma anche speranza e voglia di lottare; quasi sempre, al termine dell iter di cura, il paziente e la sua famiglia sono costretti a confrontarsi con menomazioni non completamente emendabili, con disabilità permanenti, con alterazioni importanti della sfera cognitiva e relazionale. Spesso questo determina un impoverimento delle relazioni preesistenti e a volte un sovvertimento dello stesso nucleo familiare, con la difficoltà/impossibilità per il paziente a ricoprire i ruoli che gli erano propri prima della lesione. La consapevolezza di questi cambiamenti diventa inevitabile con il rientro al domicilio, momento tanto atteso e desiderato ma che spesso si rivela difficile e doloroso, soprattutto se non è possibile la ripresa del lavoro svolto in precedenza. Già da anni la Medicina Riabilitativa, a differenza o prima di altre discipline, riconosce i limiti di una lettura esclusivamente bio-medica della malattia e sottolinea la necessità di una presa in carico olistica che sappia leggere e farsi carico delle ripercussioni che le stesse menomazioni hanno sulla sfera affettiva, relazionale e sociale. Molto spesso però, per noi operatori, a questa capacità di lettura segue la frustrazione derivante dalla nostra difficoltà o totale impotenza nel fornire una risposta ai bisogni dei pazienti. Partendo da queste riflessioni, alcuni operatori della Degenza Riabilitativa di Forlimpopoli (AUSL Forlì), hanno iniziato a cercare quali altri Servizi e competenze fossero presenti nel nostro territorio per poter avviare un progetto che aiutasse alcuni pazienti a reinserirsi nell attività socio/lavorativa locale. Dopo vari contatti è stato individuato il Centro di Formazione Tèchne come partner dell area professionale e, nel 2001, è stato formulato un progetto per l inserimento socio lavorativo di 10 pazienti. Questo progetto è stato approvato dalla provincia di Forlì (Assessorato alla Formazione della Provincia di Forlì- Cesena) e ha ottenuto la copertura del Fondo Sociale Europeo per il quinquennio 2002\2007 per un massimo di n.10 inserimenti annuali. In base a quanto definito dal progetto, le persone selezionate dovevano presentare esiti di grave cerebrolesione acquisita con punteggio di invalidità civile uguale o > 46%. Poiché negli anni il numero di utenti individuati con questa patologia è stato inferiore al massimale dei percorsi consentiti annualmente, la Regione ha approvato anche l inserimento di utenti con patologie diverse ma tali da residuare elevata disabilità; tutte le persone selezionate avevano manifestato interesse a recuperare un ruolo lavorativo. L utente poteva essere segnalato agli operatori Tèchne non solo dalla nostra U.O. ma anche dai Servizi Sociali territoriali o dalle famiglie stesse. Centro di Formazione Tèchne, AUSL, Forlì Gli utenti da noi segnalati, venivano presentati agli operatori della Tèchne e dei Sevizi Sociali sia verbalmente, sia attraverso la trasmissione di schede di valutazione che misuravano le menomazioni e le disabilità presenti, che indagavano la consapevolezza di sé e la vita quotidiana; a questo punto gli operatori della Tèchne incontravano il paziente e i suoi familiari per approfondire gli interessi, le aspettative, per meglio valutare le abilità residue, per conoscere le dinamiche relazionali. Seguiva la ricerca nel territorio della Ditta più idonea, la presentazione a questa della persona e il successivo inserimento in Azienda. Ogni inserimento lavorativo prevedeva contatti frequenti tra la ditta, il lavoratore e il tutor dell area formativa/professionale Tèchne, con periodici ritorni a tutti gli operatori del team per valutarne l andamento e affrontare le criticità incontrate. La presenza agli incontri degli operatori dell Area sociale è stata incostante per carenza di operatori e, all oggi, è momentaneamente sospesa pur restando coinvolti nella gestione del paziente. Ogni percorso formativo usufruiva di complessive h 500, di cui 20 h dedicate ai colloqui con il paziente e i suoi familiari, sia per la conoscenza iniziale, sia per le verifiche dell andamento del percorso; le rimanenti ore venivano svolte direttamente in azienda. All interno di questa era prevista una prima fase orientativa durante la quale il paziente veniva seguito assiduamente da un tutor aziendale, a cui seguiva una seconda fase professionalizzante di maggiore autonomia. L utente riceveva un corrispettivo economico che non era prefissato e identico per ogni percorso, ma che veniva deciso e personalizzato per ogni progetto a livello regionale. L obiettivo auspicabile era di cercare fin dall inizio di favorire inserimenti lavorativi in ditte idonee per quel tipo di utenti e disponibili ad una eventuale futura assunzione, per ridurre il più possibile le difficoltà insite in ogni cambiamento e nuovo inserimento. Questo non è stato quasi mai possibile, sia per le difficoltà di accoglienza del mondo del lavoro, sia per le difficoltà che l utente incontrava nelle varie sedi con la conseguente necessità di sperimentare in altri ambiti lavorativi le proprie abilità, interessi, capacità relazionali e quanto altro. A fine percorso, se l utente non era stato assunto, era possibile essere inserito in un nuovo programma fino a un massimo di n 3. percorsi. Eccezionalmente, in un caso, la Regione Emilia Romagna ha autorizzato un quarto inserimento. Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 1

2 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE In questo lavoro abbiamo analizzato i dati relativi al periodo 2002\2007, sia in ogni singolo anno di collaborazione sia in una sintesi globale, e questo è quanto è emerso dall analisi: Anno 2002\2003: Totale utenti segnalati 14: 11 da UOMR, 3 da altri Totale utenti inseriti: 11: (8 da UOMR, 3 da altri) Percorsi completati: 9: (6 da UOMR, 3) Percorsi abbandonati: 2: (UOMR) 1 Anno 2003\2004: Totale utenti segnalati: 6 (da UOMR e inseriti) Totale utenti inseriti: 11 6 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 1 4 (1- licenziato dopo 6 mesi e 1- si licenzia dopo 2 mesi) Anno 2004\2005: Totale utenti segnalati : 10 7 da UOMR (2 inseriti) 3 da altri (inseriti) Totale utenti inseriti Percorsi completati: 10 Percorsi sospesi: 0 10: 5 nuovi percorsi 5 prosecuzioni Borse lavoro Comunali + 1 Rientro in Studio come socio con cambio di mansioni Anno 2005\2006: Totale utenti segnalati: 4 1 da UOMR (1 inserito), 3 da altri (3 inseriti) Totale utenti inseriti: 8 4 nuovi inserimenti 4 prosecuzioni Percorsi completati: 7 Percorsi sospesi: 1 Totale Assunzioni: Borsa Lavoro comunale Anno 2006/2007: Totale utenti segnalati: nessuno Totali inserimenti: 2 prosecuzioni Percorsi completati: 2 Percorsi sospesi: 0 1 (per 3 mesi- sostituzione di maternitàforse futura assunzione se ditta aprirà a Cesena) Dall analisi dei singoli anni abbiamo ricavato alcuni dati di sintesi del periodo Sintesi 5 anni: 2002/ / / / /2007 Totale utenti segnalati: 34: 25 da UOMR (17 inseriti) 9 da AS e famiglie (9 inseriti) Totale utenti che hanno iniziato almeno un percorso: 26 Tipologia di diagnosi: 2 Politrauma 2 PCI (proposte da altri) 2 G.C.A 14 T.C. 3 Mieloles traum 1 TC a 6 aa 1 TC in Enc Postnatale 1 A.R. Totale utenti che hanno ripetuto almeno un percorso: 11 (42,3%) Utenti che hanno 15: 3 pz abbandonano effettuato solo n.1 percorso: 4 pz sono assunti 8 completano il percorso ma non proseguono Utenti che pur non essendo assunti hanno : 11 (42.3%) effettuato un solo percorso Totale percorsi effettuati: 42 ( ) Totale percorsi completati: 38 (90.4%) ( ) Totale percorsi sospesi: 4 (9.5%) ( ) 8 (30.7%) +3 Borse Lavoro (11.5%) +1(frequenza socio Volontario) Su n 8 Assunzioni: Su n.8 Assunzioni: 4 al primo percorso 4 ai percorsi successivi 1 viene licenziato dopo 6 mesi 1 si licenzia dopo 2 mesi 1 viene assunta per soli 3 mesi (sostituzione maternità) 5 tutt ora assunti (19.2%) Su n. 3 Borse Lavoro: 1 non rinnovata per volere del paziente 2 tutt ora in essere (7.6%) Su n. 4 Percorsi sospesi: 1 ha trovato lavoro 1 pensa di poter riprendere l attività lavorativa precedente (riprenderà percorso Tèchne) 1 non corrisponde alle sue esigenze 1 difficoltà relazionali\scarsa motivazione al lavoro Riflessioni La prima riflessione che nasce dall osservazione di questi dati è che, probabilmente, il gradiente di soddisfazione dell utente era complessivamente buono; infatti, per 26 utenti che hanno partecipato a questa progettazione, 42 sono stati i percorsi iniziati di cui 38 (90.4%) quelli completati. Su 42 percorsi iniziati solamente n 2 percorsi vengono sospesi per insoddisfazione (4.7%) (ricordiamo che un utente sospende perché trova lavoro autonomamente e un secondo utente sospende in quanto, ancora incapace di un analisi critica di realtà, ritiene di poter riprendere l attività lavorativa precedente il trauma). Se analizziamo quanti percorsi hanno portato ad una assunzione definitiva troviamo n. 8 assunzioni totali + 3 BLC (pari al 30.7% e 11.5%); questo dato, a nostro avviso soddisfacente, si modifica sensibilmente se analizziamo quante assunzioni o BLC sono ancora in essere al momento dell analisi dei dati. Da 8 scendiamo a n. 5 assunzioni tutt ora in atto con n. 2 BLC (pari rispettivamente al 19,2% e al 7,6%), valore indubbiamente di minor soddisfazione. In assoluto, la percentuale di inserimenti lavorativi non risulta certamente elevata; le difficoltà del mercato del lavoro odierno e la difficoltà a svolgere un ruolo lavorativo in maniera autonoma là dove residuano deficit cognitivi e turbe comportamentali rende a nostro avviso ragione di questi numeri. Ricordiamo che 20 su 26 degli utenti inseriti hanno diagnosi di cerebrolesione. Notiamo però che, nonostante la evidente difficoltà di una collocazione lavorativa definita, molti di loro hanno comunque scelto di proseguire il percorso, riscontrando pertanto in questa esperienza una positività che trascendeva il reale inserimento lavorativo. Credo sia esperienza comune di molti operatori che lavorano nell ambito delle disabilità da cerebrolesione, constatare la difficoltà di un inserimento sociale soddisfacente là dove l inserimento lavorativo competitivo risulta impossibile; probabilmente, la possibilità di effettuare questi percorsi ha temporaneamente coperto il vuoto di un inserimento sociale difficoltoso e carente. Per meglio indagare e comprendere questi aspetti abbiamo formulato una intervista da somministrare agli utenti che ci permettesse di monitorare il gradiente di gradimento e di raccogliere alcune riflessioni. 2 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

3 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Abbiamo deciso di intervistare solamente gli utenti da noi presentati agli operatori Tèchne, non avendo con gli altri un rapporto diretto di conoscenza e, data la cronica mancanza di tempo degli operatori di tutti i Servizi, abbiamo pensato di somministrarla telefonicamente. Su un totale di n 17 pazienti inseriti nel percorso, 1 abbiamo deciso di non contattarlo per sopraggiunte problematiche psichiatriche ; dei rimanenti 16, un paziente non ha accettato di sottoporsi all intervista. Pertanto, la seguente intervista è stata somministrata a 15 utenti. Intervista pazienti percorso Tèchne Cognome e nome.... Diagnosi.... Età al momento dell evento traumatico.... Condizione lavorativa precedente la malattia.. Per quanti anni ha seguito il percorso Tèchne? 1 anno 2anni 3anni 4 anni frequentazione in corso Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso? Completato sospeso Se il percorso è stato sospeso perché?: non mi interessava più avevo trovato un altro lavoro per motivi sanitari altro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso? Sì no Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso? Sì no Se sì quale. a tempo determinato a tempo indeterminato Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta? Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne? Complessivamente, come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne? molto positiva abbastanza positiva negativa Se positiva (abbastanza o molto) perché?: il percorso Tèchne si è concluso con l assunzione il percorso Tèchne è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo il percorso Tèchne è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale il percorso Tèchne mi ha reso più consapevole delle mie potenzialità e dei miei limiti altro. Se negativa perché?: non mi ha aiutato a trovare lavoro il corrispettivo economico era inadeguato le esperienze fatte non sono state per me utili altro Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne, è soddisfatto del suo inserimento lavorativo? Se no perché?: poco remunerativo di scarsa soddisfazione altro Desidera fare altre osservazioni?: Dati di sintesi delle interviste proposte: periodo Diagnosi dei pazienti intervistati: Mielolesione traumatica: 2 GCA: 11 (9 traumatici 2 non traumatici) TC in encefalopatia PN: 1 AR: 1 N. anni di percorso frequentati: 1 anno: 8 pazienti 2 anni: 4 pazienti 3 anni: 2 pazienti 4 anni: 1 paziente Nell ultimo anno il percorso Tèchne è stato completato o sospeso?: completato: 13 sospeso: 2: - Non mi potevano assumere Avevo trovato un altro lavoro A fine percorso è stato assunto dalla Azienda nella quale ha effettuato parte o tutto il percorso?: su n. 13 percorsi completati: n. 5 Assunzioni: 3 tempo indeterminato 1 (tempo determinato 2 mesi Sost. Gravidanza) * 1 con cambio di mansione (si è licenziato dopo 2 mesi) n. 8 Non Assunzioni Se non è stato assunto, a fine percorso ha comunque trovato una collocazione lavorativa favorita dal percorso?: (8 completati e conclusi senza assunzione) No: 4 Sì : 4 Borsa Lavoro Comunale c\o Tipografia x 6 mesi non rinnovata su volere del paziente Borsa lavoro Comunale rinnovabile ogni 6 o 12 mesi all oggi in corso per 36 h settimanali...borsa Lavoro Comunale rinnovabile c\0 Centro Privato di Riabilitazione. All oggi lavora 3 gg1settimana per 4 ore (perché c è poco lavoro) come centralinista tramite Bando Regionale fino ad Agosto c.a. * il pz assunto per 2 mesi poi licenziatosi ha successivamente trovato un lavoro c\o Coop. Invalidi di Meldola CSIPM (30\h settimanali) che definisce favorito dal percorso Tèchne. Quando le è stato proposto il percorso Tèchne, gli operatori sono stati chiari ed esaurienti nella proposta?: Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 3

4 BENINI INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE sì: 13 (86,6%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 0 (0%) Si è sentito adeguatamente seguito dagli operatori durante il percorso Tèchne?: sì: 12 (80%) abbastanza: 2 (13,3%) no: 1 (6,6%) Complessivamente come giudica l esperienza fatta con il percorso Tèchne?: molto positiva: 8 (53,3%) abbastanza positiva: 4 (26,6%) negativa: 3 (20,0%) Se positiva (abbastanza o molto) perché: (12 utenti) 4 risposte: il percorso si è concluso con l assunzione: 4 risposte: il percorso è stato comunque utile per favorire il mio inserimento lavorativo 11 risposte: il percorso è stato comunque utile perché mi ha permesso di fare esperienza nell ambito lavorativo e relazionale 10 risposte: il percorso mi ha reso più consapevole dei miei limiti e delle mie potenzialità: 4 risposte: altro: molto utile per recuperare autostima È stato importante avere un referente a cui fare riferimento durante l esperienza lavorativa è importante essere aiutati da un operatore a relazionarsi con l azienda utile perché mi ha permesso di esprimere le mie potenzialità Se negativa perché: (3 utenti) 2: non mi ha aiutato a trovare lavoro 1: il corrispettivo economico era inadeguato 2: le esperienze fatte non sono state per me utili 2: altro: la Tutor era antipatica _ Le mie esigenze non sono state comprese. Non avevamo gli stessi obiettivi La mamma di questo utente riferisce che la tutor era molto gentile e disponibile ma a M. non andava mai bene niente. La Borsa Lavoro Comunale non è stata rinnovata per volere del paziente. Oggi lui non lavora e non sta cercando lavoro. Non è motivato; lui vorrebbe fare solo il muratore ma gli altri dicono che non è più un lavoro adatto a lui. Se all oggi lavora grazie al percorso Tèchne è soddisfatto del suo inserimento lavorativo?: 3: sì 4: abbastanza 0: no 3 sì: 2 sono pazienti assunti a tempo indeterminato 1 pz licenziatosi dopo 2 mesi che ha successivamente trovato lavoro Desidera fare altre osservazioni?: fino ad ora non ho incontrato proposte lavorative adatte a me (M. A) l addestramento è stato troppo breve, mi hanno lasciata sola troppo presto. Il monte ore lavorativo è troppo per me e non è certo il proseguo del lavoro(e.b) è necessaria una maggiore assistenza da parte del tutor (W.B) l esperienza Tèchne mi è stata comunque molto utile perché ha arricchito il mio curriculum. Non ho proseguito oltre perché ero interessata solo ad un lavoro di educatrice e non vi erano possibilità in questo ambito (S. S) lavoro poche ore settimanali perché c è poco lavoro; mi piacerebbe lavorare di più. Il guadagno è adeguato alle ore che svolgo. (P. Z) Riflessioni sulla sintesi dei dati e sui risultati dell intervista: Le riflessioni sui percorsi che hanno prodotto una assunzione o una BLC sono già state fatte. Quello che maggiormente ci conforta è constatare che per molti utenti, il gradiente di soddisfazione di questa esperienza è comunque buono e non necessariamente vincolato alla definitiva assunzione. La possibilità di rimettersi in gioco in una realtà lavorativa che coniuga normalità e disabilità, la tranquillità di essere supportati da un operatore, la possibilità di sperimentare le proprie possibilità e i propri limiti in ambiti diversi dalla quotidianità familiare, giustificano spesso la scelta di un nuovo percorso o danno un connotato comunque positivo all esperienza effettuata. Per noi operatori rimane comunque l amara constatazione della reale difficoltà di accesso al mondo lavorativo per moltissime persone con esiti di TC o GCA e, la osservazione di un difficile inserimento sociale là dove quello lavorativo non è fattivo. La parte che segue pensiamo di toglierla perché appesantisce troppo il lavoro e crediamo sia di poco interesse ; (potrebbero essere fatte delle slide da presentare solo in caso di domande specifiche): Dai dati di insieme riferiti all analisi dei 5 anni, abbiamo voluto anche differenziare gli utenti segnalati dalla nostra U.O. dagli utenti segnalati da altri operatori per poter fare alcune riflessioni. Abbiamo visto che: Totale utenti segnalati da UOMR: 25 (34 totali) (73,5%) Totale utenti inseriti da UOMR 17 (26 totali) (65,3%) Totale percorsi iniziati: 32 (42 totali) (76,1%) Totale percorsi completati: 29 (38 totali) (76,3%) Totale percorsi abbandonati: 3 (4 totali) (75,0%) Tipologia di diagnosi: TC: 11 TC in Enc Post: 1 GCA: 2 Mieloles Tr.: 2 A.R. 1 Poiché il progetto è nato grazie alla collaborazione tra la nostra U.O e il centro di formazione Tèchne, è ovvio che la maggior parte degli utenti segnalati e inseriti provenga dalla nostra U.O, sopratutto nei primi anni di esperienza,. con una percentuale pari al 65,3% del totale. Notiamo però che il numero delle segnalazioni/inserimenti si riduce progressivamente durante i 5 anni di collaborazione. Questo dato è a nostro avviso facilmente interpretabile. Nei primi anni di collaborazione, l UOMR poteva segnalare anche utenti dimessi da un periodo relativamente lungo, mentre negli anni successivi, lo scarto temporale tra la fase acuta e la segnalazione obbligatoriamente si riduceva. Inoltre, negli anni, si è forse affinata anche la nostra capacità di selezionare i pazienti che potevano al meglio usufruire di questi percorsi, indipendentemente dalla disponibilità o meno dei percorsi stessi. Continuando l analisi del nostro sottogruppo, possiamo notare che i pazienti da noi segnalati realizzano un numero maggiore di percorsi iniziati ma soprattutto completati (76.1% e 76.3%). Anche la percentuale dei percorsi abbandonati sembra elevata,(75.0%), però sappiamo che di questi 3 abbandoni solo 1 è stato motivato dall insoddisfazione (ricordiamo che): 1 è stato perché ha trovato lavoro, 1 pensava di poter rientrare nella precedente attività lavorativa (successivamente riprenderà il percorso Tèchne e sarà assunto); 1 solo è un abbandono per insoddisfazione. 4 EUROPA MEDICOPHYSICA October 2008

5 INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO NELL ESPERIENZA DI FORLÌ: SINTESI DI UNA COLLABORAZIONE QUINQUENNALE BENINI Questi dati ci confortano dimostrandoci pertanto una sufficiente adeguatezza nella segnalazione degli utenti, sopratutto se osserviamo che tra gli utenti da noi segnalati un numero elevato di loro presentava esiti permanenti di TC o di GCA (82,3%). Parliamo di sufficiente adeguatezza in quanto molti utenti, pur apprezzando il percorso e spesso ripetendolo, nella realtà non hanno poi dimostrato le potenzialità per poter essere realmente inseriti all interno di attività lavorative competitive. Se osserviamo però le percentuali di collocamento, anche queste risultano più elevate nel sottogruppo formato dagli utenti da noi segnalati, ma solo nel dato iniziale della totalità delle assunzioni e nel sottogruppo delle BLC. Analizzando invece i collocamenti ancora in essere la percentuale scende a 17.6%, contro il valore 19.2% dei dati di insieme Assunzioni: 6 (35,2%) (1 poi licenz.- 1 si licenzia- 1 assunt x 3 mesi) + 3 BL (17,6%) (2 in corso) + Frequenza ditta come socio Storia delle 3 (17.6%) (2 TC + 1 mielol) tutt ora in essere Assunzioni: 1 poi viene licenziato = TC 1 si licenzia= GCA 1 assunt x 3 mesi sost maternità= AR 3 BLC: 2 TC 1 TC in Enc Post 2 BLC in corso (11,7%) Totale utenti segnalati da altri: 9 (34 totali) Totale utenti inseriti da altri 9 (26 totali) Totali percorsi iniziati: 11 (42 totali) Totali percorsi sospesi: 1 (4 totali) Assunzioni: 2 (TC + PCI) B. L o Assunzioni favorite: 0 Vol Suppl. 1 to No. 3 EUROPA MEDICOPHYSICA 5

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia 1.1 Introduzione: obiettivi della ricerca e metodologia... 5 1.1.1 Obiettivi... 5 1.1.2 Il contesto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Patto per Ferrara Un progetto di cittadinanza sociale delle imprese

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli